Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 33 n° 244

Posts Tagged ‘tendenze’

La nuova estetica del Lato B tra tendenze e nuovi canoni

Posted by fidest press agency su martedì, 20 luglio 2021

By Annalisi Calisti.La perfezione non esiste, nemmeno quando si tratta di Medicina Estetica. Quello che possiamo dire è che certamente ci sono stati e ci sono dei modelli di riferimento. Dagli anni ’80-’90 in cui il ‘tipo’ dominante era fianco stretto e gluteo piccolo di dominazione nord-europea, si è passati al modello sud-americano e alla rivalutazione – finalmente – del modello di donna mediterranea con vita sottile, fianchi e glutei importanti ma sodi con pelle curata. Tra i principali inestetismi del gluteo dobbiamo annoverare: la culotte de cheval che è molto diffuso tra le donne di tutte le età e consiste in adiposità localizzate su fianchi, glutei e cosce che alterano l’armonia del corpo; la cellulite e il rilassamento muscolare e cutaneo. Quando trattiamo le pazienti, per lo più donne, presupponiamo che ognuno di loro abbia una partecipazione attiva al processo di miglioramento del proprio corpo. Diventa fondamentale l’attenzione alla circolazione, all’alimentazione e all’attività fisica con allenamenti di ipertrofia. Oltre ai vari tipi di trattamento, in Medicina Estetica è possibile anche mascherare le disarmonie con punture di acido ialuronico ad alto uso molecolare di idrossiapatite di calcio ad esempio in caso di cellulite, oppure può essere ottenuto un gluteo più grande con filler per il corpo a base di sostanze bio-stimolanti come l’acido polilatico. Tra le varie tecniche anche i fili che, però, non hanno soddisfatto né medici né pazienti. L’ultima frontiera che ha invertito questa tendenza sono i nuovi fili riassorbili che hanno, invece, dato dei buoni risultati. Se parliamo di chirurgia plastica, invece, dobbiamo considerare trattamenti come liposcultura dei glutei o lipofilling, quindi riempimento del gluteo con il grasso oppure la protesi. Tra le novità che annunciamo in questo congresso, il reshaping chirurgico con un luminare della chirurgia, il dottor Foued Hamza, che coniugherà il modello tipo di donna mediterranea all’eleganza della silhouette della paziente che ricostruisce perfettamente. Nuove tecniche chirurgiche e nuove frontiere della Medicina Estetica effettuati con macchinari di elettrostimolazione avanzata accostata alla radiofrequenza per incidere sia sul muscolo che sulla cute, anche in maniera abbastanza duratura. Ciò significa, ad esempio, che nella tecnica di lipofilling il prodotto iniettato contiene anche cellule staminali che – grazie ad un intervento ben fatto – consentono la riproduzione del grasso in maniera automatica con risultati a lungo termine perfetti.Alla base dobbiamo sempre ricordare che c’è l’attività fisica: aumentare il volume dei muscoli glutei già da solo migliorerà l’aspetto di questa importante parte anatomica. Non dimentichiamo poi tecniche fisiche come l’endermologie o la radiofrequenza per il ricompattamento cutaneo, magari associate ad una bioristrutturazione con acido polilattico.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , | 1 Comment »

Social media, DeRev: ecco le tendenze del 2021

Posted by fidest press agency su sabato, 2 gennaio 2021

Se i comportamenti degli utenti sono cambiati, le piattaforme social non sono rimaste a guardare: rispondono ai cambiamenti dettati dalla pandemia e anticipano le tendenze del 2021 introducendo nuove funzionalità e strumenti. Facebook e Instagram rafforzano le aree legate all’e-commerce e spingono l’acceleratore sulla creazione di funzionalità utili ad attirare i creator, mentre LinkedIn guida i suoi utenti verso percorsi di carriere ideali. È quanto emerge da un’analisi condotta da DeRev, l’azienda italiana di servizi e strategie digitali, crowdfunding e comunicazione sui social media, fondata e guidata da Roberto Esposito, insignito dal Parlamento Europeo in collaborazione con Microsoft della qualifica di Digital Democracy Leaders.Nel corso del 2020 è mutata la modalità di fruizione dei contenuti sul web: stando a casa è diminuita la quota di utilizzo dei device mobili ed è aumentata la navigazione da desktop. Si usano ancora molto gli smartphone, ma connessi al wifi casalingo e, comunque, vengono preferiti gli schermi più grandi. Di questo stato di “iper-connessione” possono beneficiare tutti i servizi online, a patto di insistere su driver che rispondano a specifiche esigenze all’interno di un’esperienza sempre più omnicanale centrata su valore, in termini di servizio proposto, e convenienza, in termini di accessibilità.L’impossibilità di muoversi liberamente, infatti, ha enfatizzato il bisogno di sfruttare la Rete per sopperire alle attività che richiedevano la presenza fisica, creando nuove abitudini di comportamento. Sono stati sperimentati ad esempio nuovi livelli di interazione tra aziende e consumatori, che hanno delineato il profilo dei novelli internauti italiani.Secondo un recente rapporto di McKinsey, dall’inizio dell’emergenza il 66% degli utenti in Italia è ricorso a nuovi comportamenti di acquisto, affidandosi ad un Brand diverso (rispetto ad uno abituale), servendosi di un sito anche in questo caso meno “consueto” e, dato ancora più importante, circa il 70% ha intenzione di continuare con un approccio innovativo e digitalizzato. In questa ottica, il contesto digitale è diventato non solo un canale di vendita ma una “declinazione di strumenti”; strumenti che interagiscono a vario livello lungo tutto il processo d’acquisto (customer journey del cliente-tipo) e che creano delle opzioni di relazione diverse tra il consumatore e il Brand, che una normale situazione offline escluderebbe.Allo stesso tempo gli italiano hanno anche sviluppato un desiderio di intrattenimento e comunicazione, dettato probabilmente dalla voglia di evadere dalla clausura domestica e, al contempo, ad usare alcuni strumenti di apprendimento e di home working/smart working. Il 73% del campione, sempre secondo McKinsey, ha dichiarato che continuerà a servirsi dello streaming online e il 43% delle videoconferenze per uso professionale. Un buon numero di utenti continuerà, inoltre, a seguire lezioni online per tenere in forma il corpo e la mente (rispettivamente 47% e 49%).Secondo DeRev, proprio questo cambio di paradigma ha permesso a molte piattaforme social di prepararsi e “attrezzarsi”, in vista del futuro. Facebook, ad esempio, che nei mesi scorsi ha lanciato in Italia (e nel mondo) un programma di sostegno per le PMI da 2 milioni di euro ha deciso di puntare sull’area e-commerce, con lo Shops e la feature Gestore delle vendite: le aziende avranno così la possibilità di creare e personalizzare la propria vetrina digitale, caratterizzata da opzioni utili e pagamenti sempre più rapidi e “semplici”. Anche per Instagram lo sviluppo dello spazio e-commerce è il vero obiettivo principale del prossimo anno, e verranno aggiunti ancora più strumenti d’acquisto integrati con il Business Manager di Facebook. Transazioni in pochi clic, strumenti AR e tag dei prodotti nei video promettono di ampliare il ciclo di affari imputabile alla piattaforma. Per quanto riguarda LinkedIn, invece, il “social per i professionisti” numero uno al mondo, dopo l’introduzione del formato stories (che, per adesso, non sembra aver sortito l’effetto desiderato) pare sempre più intenzionato a sfruttare i dati dei suoi utenti per fornire loro maggiori informazioni e guidarli verso un ideale percorso di carriera. A tal proposito, Career Explorer evidenzia possibili percorsi di “avanzamento” in base alle competenze ed esperienze possedute. Gli esperti di DeRev mettono infine in rilievo come sia Facebook sia Instagram siano fortemente orientate alla creazione di funzionalità utili ad attirare “creator”, utenti che realizzano e condividono contenuti originali come video, dirette streaming e contenuti multimediali.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

La “Nuova Normalità”: minacce e tendenze previste per il 2021

Posted by fidest press agency su venerdì, 6 novembre 2020

Il report Business Threat Landscape di Bitdefender, rivela che la “nuova normalità” che ha portato le aziende a utilizzare in modo esteso il telelavoro, le ha rese anche vulnerabili a nuovi vettori di attacco costringendole ad affrontare importanti cambiamenti nel panorama minacce. Dalle configurazioni errate delle infrastrutture alle vulnerabilità non corrette passando per gli hacker APT a pagamento, le aziende hanno vissuto un anno difficile. Imparare ad adattarsi comprendendo le minacce emerse nel 2020 consentirà alle aziende di pianificare una strategia di sicurezza informatica di lungo periodo. La telemetria di Bitdefender mostra che il 63,63% di tutte le vulnerabilità segnalate e non ancora identificate coinvolge vulnerabilità e falle di sicurezza note (CVE – Common Vulnerabilities and Exposures) più vecchie del 2018, segnalando che le aziende hanno, potenzialmente, un’ampia superficie di attacco che gli hacker potrebbero sfruttare. Se il punto culminante delle minacce opportunistiche nel 2020 si è concentrato attorno alle email di spear-phishing che sfruttavano la pandemia del Coronavirus, è probabile che le vulnerabilità non ancora identificate finiranno sotto i riflettori nel 2021. Se le aziende non iniziano ad adottare soluzioni di patch management che valutano lo stato dei dispositivi in dotazione ai dipendenti per le vulnerabilità senza patch, le aziende potrebbero correre dei seri rischi.Durante la fase di esecuzione degli attacchi, l’uso di comandi e script PowerShell rimane la sotto-tecnica preferita dai criminali informatici: rappresenta infatti ben il 42,52% di tutte le sotto-tecniche segnalate. Gli hacker prediligono quelle tattiche che si muovono al di sotto delle soglie di rilevazione delle soluzioni di sicurezza tradizionali, perciò è probabile che le aziende dovranno rivalutare il loro stack di sicurezza per il 2021 e includere soluzioni efficaci che non si limitino a fornire funzionalità antimalware.Uno dei più grandi cambiamenti nel panorama internazionale delle minacce riguarda la comparsa di hacker APT “in affitto”, che ha costretto le aziende di tutte le dimensioni e settori a rivalutare le minacce che si trovano ad affrontare. Mentre gli attacchi APT tradizionali erano rivolti contro enti governativi e settori industriali specifici, oggi gli attacchi in stile APT da parte di hacker “mercenary”, cambiano completamente il paradigma della sicurezza per le aziende di qualsiasi tipo. Ma cosa implica questo per le PMI che costituiscono il principale tessuto industriale italiano? Innanzitutto che le piccole e medie imprese devono cambiare il modo in cui costruiscono i loro modelli di minaccia. Se in passato la maggior parte delle violazioni delle PMI a livello di APT faceva parte di attacchi alla supply chain, questo nuova dinamica potrebbe significare attacchi continui e diretti contro le piccole e medie imprese.Tradizionalmente queste imprese si affidavano solo a modelli di minaccia relativi al panorama attuale o ai rischi associati ai dipendenti. I mercenari delle APT cambiano completamente le premesse di sicurezza per queste imprese costringendole a concentrarsi sull’aumento del loro livello di sicurezza con strumenti di visibilità sia a livello di endpoint che di rete. Ad esempio, gli strumenti di rilevamento automatico degli endpoint e di risposta che mettono in evidenza gli avvisi di sicurezza pertinenti, indicativi di una tattica o di una tecnica comunemente utilizzata dai gruppi APT, potrebbero facilmente segnalare potenziali intrusi.Inoltre, la mancanza di personale di sicurezza qualificato potrebbe essere affrontata rivolgendosi a team di rilevamento e risposta gestiti in grado di valutare l’infrastruttura dell’azienda e proporre strumenti di sicurezza, agendo come team specializzato per la ricerca di minacce su eventi sospetti. Sia le soluzioni EDR che MDR sono diventate accessibili alle piccole e medie imprese, offrendo una sicurezza di tipo SOC che solo le grandi aziende possono normalmente permettersi, ma a una frazione del costo.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

“La pandemia è destinata ad accelerare le tendenze sottostanti”

Posted by fidest press agency su giovedì, 15 ottobre 2020

A cura di Francis Ellison, Gestore di portafoglio clienti di Columbia Threadneedle Investments. Durante gli incontri con i clienti mi si chiede spesso di formulare una prognosi sulle economie europee: una richiesta logica, poiché questi stessi clienti sono spesso responsabili dell’asset allocation incaricati di prendere decisioni sulla base dei meriti relativi delle classi di attivi, per cui l’analisi macroeconomica gioca un ruolo importante. Tali discussioni sono parte integrante della collaborazione che offriamo ai clienti: il nostro rapporto non si limita alla vendita dei prodotti.Per me, tuttavia, domande come questa costituiscono una sfida. In primo luogo, vi sono numerose ricerche utili e intelligenti condotte da terzi in ambito macroeconomico, molto più che nella microeconomia e nell’analisi dei modelli di business; ma torneremo su questo più avanti. Pertanto, i miei consigli e le mie conoscenze competono con una miriade di altre fonti. In secondo luogo, in un contesto “normale” i miei giudizi potrebbero non discostarsi molto dal consensus: potremmo essere un filo più ottimisti o pessimisti, ma la differenza non sarà molto pronunciata, né lo sarà per molti altri che si trovano sulla stessa barca. Le previsioni di solito convergono. Quest’anno l’economia nel suo insieme subirà una grave battuta d’arresto, e la ripresa non sarà simmetrica. Ovvero, come ha affermato Silvana Tenreyro, membro del Monetary Policy Committee della Bank of England, avremo una ripresa a V “interrotta” o “incompleta”. Le parti dell’economia che si muovono a una velocità diversa – molto più rapidamente – sono settori come la tecnologia e la sanità, e ciò si riflette inevitabilmente sull’andamento delle borse. Dato che questi settori hanno un peso importante negli indici, si parla molto dello scollamento tra mercato azionario ed economia. In effetti, a dire il vero, i problemi della via principale del mio quartiere, per quanto drammatici dal punto vista sociale, hanno un impatto trascurabile su gran parte dei listini. Un ristoratore locale che chiude e il suo personale di un tempo non sono in alcun modo operatori del mercato azionario. I loro problemi sono un esempio della crescente tendenza dei poveri a diventare sempre più poveri, delle fasce svantaggiate ad essere nuovamente penalizzate. Possiamo angosciarci per loro, possiamo – o dovremmo – sentirci a disagio per le inadeguatezze sociali e politiche. Ma non per questo dovremmo inveire contro i successi delle aziende più forti e più solide su cui si concentrano i nostri portafogli – non solo quest’anno, ma da decenni – poiché i loro successi sono giustificabili e non hanno causato o aggravato i problemi degli altri.Vi sono naturalmente altre imprese che sono state trasformate, ma che non sono particolarmente penalizzate né avvantaggiate dagli effetti del virus. Le aziende di servizi, come la nostra, e quelle di molti investitori wholesale nostri clienti hanno spostato la propria attività online. Per noi si è trattato di una sfida inaspettata, ma non del tutto sgradita. La mia conclusione, forse inaspettata, è che si prospetta uno scenario sostanzialmente immutato, non perché il Covid-19 e i suoi effetti non cambieranno drasticamente le economie e l’occupazione per molti anni a venire, ma perché le tendenze sottostanti nel mercato azionario sono in atto da diversi anni e nel 2020 hanno semplicemente subito un’accelerazione. I brillanti risultati dell’ingegno umano in ambito scientifico e tecnologico, efficacemente commercializzati in diversi settori, in particolare nella sanità e nella tecnologia, hanno dato vita ad aziende solide e investibili caratterizzate da una crescita realmente sostenibile a lungo termine, spesso con effetti positivi anche sull’ambiente. La nostra ricerca e selezione dei titoli hanno avuto grande successo nell’individuare queste imprese, permettendoci di porre le domande giuste e di generare rendimenti per i nostri clienti. E questo non è destinato a cambiare. http://www.columbiathreadneedle.com

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

La diffusione delle paure e lo sviluppo delle tendenze totalitarie

Posted by fidest press agency su lunedì, 19 agosto 2019

Un mio illustre maestro mi faceva notare che tutti i fattori che alimentano la diffusione delle paure e lo sviluppo delle tendenze totalitarie finiscono con il provocare il declino dei sistemi democratici. E soggiungeva: “Dobbiamo renderci conto che l’individuo nel mondo occidentale subisce l’indebolirsi di quei “sistemi di protezione” costituiti dalla cultura e dalla politica e in particolare subisce lo svilirsi della funzione dello Stato.”
Se poi ci caliamo nella realtà italiana le tendenze mi appaiono illuminanti. Una paura, ovviamente, che si fonda sulla mancanza di certezze. Se avessimo, ad esempio, un sistema capace di dirimere le varie controversie sia in sede civile, penale e amministrativa in tempi brevi e comminando sanzioni e pene certe e definitive potremmo tranquillizzare i cittadini sulla possibilità che siano ben protetti. Non solo. Quante volte mi sento dire dei furti in casa, degli scippi, dei borseggi dei raggiri truffaldini e che, una volta denunciati, non succede nulla. La pratica nel giro di qualche giorno viene archiviata. In questo frangente chiunque ha la netta sensazione di essere ignorato come per dire è poca cosa e che non abbiamo tempo per indagare. Proprio per questo motivo facemmo una proposta che meritò quanto la esponemmo, agli addetti ai lavori, solo una un’alzata di ciglio ma nulla di più. Noi avevamo messo a punto un progetto nel quale avevamo pensato di coinvolgere le associazioni d’arma: carabinieri, finanzieri, poliziotti. Il loro compito, svolto su base volontaria, sarebbe stato quello di raccogliere le denunce per i piccoli reati, catalogarli, analizzarli, cercare impronte e quanto altro e inserirli in un database per compararli con gli altri casi a livello locale e nazionale. In ogni caso si sarebbe trattato di un lavoro a “tavolino” e di supporto agli inquirenti ma sotto il profilo psicologico di grande importanza in quanto la vittima non si sarebbe sentita trascurata dallo Stato. A questo punto mi sorge un dubbio: Non è che la paura fa comodo a chi pensa di farne l’uso indicato dal mio mentore? (Riccardo Alfonso)

Posted in Confronti/Your and my opinions | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Adyen, le 5 tendenze che domineranno il retail nel 2019

Posted by fidest press agency su giovedì, 31 gennaio 2019

Da Philippe De Passorio, Country Manager di Adyen Italia.Ogni nuovo anno porta con sé nuovi cambiamenti nel mondo del commercio al dettaglio. La tecnologia sta spingendo i confini delle modalità d’acquisto. Da internet al mobile commerce per passare al commercio conversazionale, fino alla tecnologia wearable: qualsiasi dispositivo connesso o social network rappresenta infatti un potenziale canale di vendita. D’altra parte, anche i luoghi di vendita tradizionale si stanno evolvendo, diventando delle vere e proprie experience.
Quindi, in un mondo in cui tutto può essere un negozio e un negozio può trasformarsi in qualsiasi cosa, come si dovranno comportare i retailer nell’accogliere i clienti che sempre di più mettono il fattore “esperienza” al di sopra di tutto? Philippe De Passorio, Country Manager di Adyen Italia, introduce le cinque tendenze tecnologiche che interesseranno il settore del retail e che vedremo protagoniste nel 2019.
1. Nel corso del 2019, i marchi non vedranno più le vendite all’interno del negozio in competizione con l’ecommerce, ma le due diverse modalità verranno considerate come un unico canale unificato. “I vantaggi dell’unified commerce arrivano dal comprendere l’importanza che i dati sui pagamenti assumono nel generare nuove entrate. Il consolidamento dei dati sui pagamenti provenienti dai diversi canali consente infatti ai retailer di creare un quadro completo della loro clientela e di comprendere a fondo le preferenze dei clienti più fidelizzati, il valore medio delle transazioni e la frequenza degli acquisti, in modo da personalizzare in maniera sempre più pertinente offerte o programmi di acquisto”, racconta Philippe De Passorio.
2. Migliorare l’esperienza d’acquisto rappresenterà un nodo fondamentale per far sì che i rivenditori possano differenziarsi dalla concorrenza. Ecco tre aree di sviluppo legate alla tecnologia che inizieranno ad emergere nel corso di quest’anno:
Smart device Si è parlato molto del potenziale di trasformazione della vendita al dettaglio di assistenti domestici come Amazon Echo o Apple’s HomePod. Nel 2019, entreranno in gioco anche nuove opportunità create da altri dispositivi come televisori e game console. Ad esempio, un cliente potrebbe guardare la TV, vedere un annuncio di un prodotto e acquistarlo immediatamente con un click del telecomando. Meno code in negozio Le code rappresentano per molti utenti uno dei principali ostacoli per completare l’acquisto. Grazie alla tecnologia, i negozianti potranno però creare un legame continuo tra negozi online e negozi fisici, permettendo di avviare transazioni su una piattaforma e finirle su un’altra, effettuare resi in negozio, prenotare online e pagare in-store o utilizzare direttamente il cellulare per completare l’acquisto nel negozio fisico, con il conseguente vantaggio di ridurre l’attesa di pagamento alla cassa.
La tecnologia wearable I prodotti wearable continueranno sempre più a semplificare il processo di vendita e a creare nuove esperienze per i clienti, in particolare nei settori dell’ospitalità e dell’intrattenimento “Potremo vedere clienti di un bar o di un resort pagare con un semplice dispositivo al polso, senza bisogno di un telefono o di una carta di credito”, spiega De Passorio.
3. L’importanza dei metodi di pagamento locali In un mercato sempre più globale, i commercianti dovranno guardare oltre il mercato interno e aggiungere metodi di pagamento locali se vorranno espandere il proprio business. I retailer dovranno garantire che i metodi di pagamento offerti sia online che offline siano ottimizzati per i loro clienti in qualsiasi luogo, riconoscendo il valore di offrire un’esperienza di pagamento familiare ai turisti di tutto il mondo. “I metodi di pagamento tipici dei turisti cinesi e i portafogli elettronici basati sul codice QR, saranno in cima alla lista delle priorità”, afferma de Passorio.
4. La seconda fase della direttiva Europea PSD2 offrirà nuove opportunità di innovazione Il 2018 è stato l’anno del GDPR. Nel 2019 entrerà in vigore la seconda fase della PSD2, una nuova direttiva a cui i fornitori di servizi di pagamento e gli esercenti dovranno adeguarsi. Il settore del commercio al dettaglio dovrebbe considerare questa come un’opportunità, in quanto le nuove API potranno aiutare i commercianti a comprendere meglio i loro clienti e ad offrire loro nuove customer journeys.
5. Le frodi saranno più facili da evitare I dati di Adyen indicano che le frodi continuano a crescere: 6 rivenditori su 10 hanno dichiarato lo scorso anno di aver rilevato un aumento delle attività fraudolente. Poiché le prime versioni del 3DS (3D-secure) non si sono rivelate di facile utilizzo o implementazione, molti commercianti hanno rinunciato a questa tecnologia di sicurezza. “Con la nuova versione di 3DS che Adyen integra nella sua piattaforma di pagamento, i commercianti saranno in grado di migliorare la sicurezza e prevenire le frodi”, spiega de Passorio. “Grazie alle nuove API create a seguito dell’entrata in vigore del PSD2, i fornitori di servizi di pagamento potranno eseguire controlli antifrode durante il completamento del processo d’acquisto, creando un’esperienza di pagamento semplificata e senza interruzioni.” conclude Philippe De Passorio http://www.adyen.com

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

“L’Esoterismo dal contesto iniziatico a quello profano”

Posted by fidest press agency su lunedì, 17 ottobre 2016

san marinoSan Marino. Come sempre sotto l’egida del Governo del Titano e in particolare delle Segreterie di Stato al Turismo e al Territorio, si è aperta a San Marino sul tema “L’Esoterismo dal contesto iniziatico a quello profano” l’annuale Simposio Mondiale su Scienza, Tradizione e Dimensioni del Sacro giunto alla 16ma edizione con il coordinamento dello scrittore e giornalista aerospaziale Roberto Pinotti.
Comunemente l’esoterismo viene dai più erroneamente associato all’occultismo, mentre si tratta invece di una chiave di lettura squisitamente spirituale, seppur elitaria e riservata, tendente ad unificare concettualmente religioni e filosofie diverse in nome di un comune approccio interiore al sacro nel nome della Tradizione. Una visione interiore (non a caso il termine deriva da una parola greca che sta per “interno”) la cui necessità è sempre più sentita dall’uomo della strada, deluso dalle ideologie, non più appagato dalle religioni tradizionali e alla ricerca di risposte agli interrogativi dell’esistenza.
In passato l’approccio esoterico, tipico degli ambienti alchimistici, rosacrociani e poi massonici, è stato sovente esteso anche a conoscenze e saperi ritenuti appannaggio esclusivo di pochi iniziati. E così il Simposio odierno vede ad esempio l’interessaante contributo della architetta Sandra Marraghini di Firenze dibattere la questione delle insospettate conoscenze relative al “Nuovo Mondo” al di là dell’Atlantico note e comuni a pochi dotti a Firenze mezzo secolo prima della scoperta dell’America, inizialmente definita “Terra Francesca”: fra questi, appunto, il pittore Piero della Francesca. Uno di coloro che sapeva.
Lo scrittore Giovanni Francesco Carpeoro, il saggista Alfredo Benni esperto di profezie, il biologo Patrizio Caini, la teologa Ilaria Cardelli, il massonologo Prof. Luigi Pruneti rettore dell’Ateneo Tradizionale Mediterraneo e già Gran Maestro della Gran Loggia d’Italia e il candidato alla Gran Maestranza della Gran Loggia d’Italia Ing. Marco Galeazzi concordano tutti sulla necessità di rivolgersi in termini sempre più aperti ad un’opinione pubblica in crisi di valori e aperta all’approccio esoterico più seriamente inteso.
Importante e significativa la presenza della recentemente costituita “Libera Università Italiana degli Studi Esoterici Achille D’Angelo – Giacomo Catinella di Lecce collegata all’Università di Mosca, rappresentata dal Preside Valentino Zanzarella e dal Vicepreside Stefano Donno.

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Sicurezza idrica

Posted by fidest press agency su lunedì, 29 settembre 2014

21 bleu acqua altaLe macro tendenze come l’aumento dell’importanza di salute e benessere evidenziano le questioni sulla sicurezza dell’acqua, e sostengono la forte crescita del mercato globale delle apparecchiature per il trattamento dell’acqua in ambito residenziale e nelle aree commerciali. Anche la rigida applicazione degli standard per il trattamento delle acque e il sostegno normativo alle nuove procedure innovative danno slancio al mercato. Attualmente, le Americhe detengono la maggiore quota di mercato. Sebbene l’Europa rappresenti il mercato più attento all’ambiente e meno attento ai costi per le soluzioni di trattamento dell’acqua, la regione Asia-Pacifico offre possibilità più ampie grazie alla domanda crescente da parte della popolazione della regione, in continuo aumento, e alle preoccupazioni sulla salute pubblica. Una nuova analisi di Frost & Sullivan, intitolata “Global Residential and Light Commercial Water Treatment Equipment Market”, rileva che il mercato ha prodotto entrate per 11,03 miliardi di dollari nel 2013 e stima che questa cifra raggiungerà quota 18,80 miliardi di dollari nel 2020. Si prevede che il settore residenziale rappresenterà il 67,4% del mercato totale, alimentato dalle stringenti normative per il trattamento dell’acqua domestica in alcuni paesi attenti all’ambiente come Stati Uniti, Singapore, Regno Unito, Germania, India e Cina. Tuttavia, anche le apparecchiature per il trattamento dell’acqua nell’ambito delle aree commerciali stanno guadagnando terreno, e si prevede che assisteranno ad un tasso di crescita annuale composto dell’8,9%.
“I prodotti premium avranno una migliore diffusione nei mercati dei paesi sviluppati, – afferma Vandhana Ravi, analista di Frost & Sullivan. – La preferenza per i sistemi da tavolo (counter-top) aumenterà nella regione Asia-Pacifico, mentre i sistemi sotto-lavello (under-the-sink) e per trattare l’acqua di tutta la casa (point-of-entry) guadagneranno popolarità nelle Americhe e in Europa”. Tuttavia, le questioni relative al prezzo e la struttura frammentata del mercato, che si trova ad affrontare la dura competizione dell’acqua in bottiglia, creeranno un ambiente molto difficile per gli affari nel breve termine. L’acqua in bottiglia offre maggiori possibilità di personalizzazione, rispondendo all’esigenza del settore di fitness e benessere fisico, ed è commercializzata con l’aggiunta di minerali e ionizzata. Ciononostante, questo segmento perderà gradualmente terreno a causa delle preoccupazioni ambientali relative alle materie plastiche. Con l’aumento della consapevolezza, la preferenza degli utenti finali andrà verso i fornitori che offrono soluzioni olistiche per il trattamento dell’acqua. La riduzione degli intermediari porterà i fornitori più vicino ai clienti, accorciando di conseguenza la catena di valore e permettendo loro di proporsi come fornitori di soluzioni complete, riducendo i costi. “Pertanto, i canali di vendita diretta resteranno il metodo di distribuzione più redditizio, considerando che i progressi tecnologici nelle vendite online stanno prendendo piede nei paesi sviluppati dell’Europa e delle Americhe, e in alcuni paesi della regione Asia-Pacifico, – afferma Ravi. – A questo fine, il mercato sta attraversando una fase di consolidamento, con l’acquisizione dei distributori da parte delle aziende, specialmente nell’ambito dei servizi per spazi commerciali”. Nel frattempo, il business del noleggio continuerà ad alimentare le entrate del mercato, grazie al vantaggio di un servizio di post-vendita affidabile per i clienti e ad entrate mensili ricorrenti per i fornitori delle apparecchiature. Lo studio “Global Residential and Light Commercial Water Treatment Equipment Market” fa parte del programma Environmental Growth Partnership Service. Altri studi di Frost & Sullivan collegati a questo argomento sono: “Global Municipal Solid Waste Management Services Market”, “European Construction and Demolition Recycling Services Market” e “North American Sludge Treatment Equipment Market”. Tutti i servizi di ricerca compresi nel servizio in abbonamento forniscono dettagliate opportunità di mercato e tendenze del settore, valutate in seguito ad esaurienti colloqui con gli operatori del mercato.
Frost & Sullivan, la Growth Partnership Company, collabora con i propri clienti per potenziare una visione innovativa che risponda alle sfide globali e alle opportunità di crescita correlate che faranno la differenza per gli operatori del mercato di oggi. Per oltre 50 anni abbiamo sviluppato strategie di crescita per le 1000 aziende più importanti a livello globale, le realtà emergenti, il settore pubblico e la comunità degli investitori. La vostra azienda è pronta per la prossima ondata di convergenza industriale, tecnologie dirompenti, crescente competizione, macro tendenze, best practice innovative, clienti in continua evoluzione e mercati emergenti?

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

“Frammenti dell’anima”

Posted by fidest press agency su venerdì, 8 luglio 2011

Genova, 9 Luglio 2011, alle ore 18, presso la Galleria Artrè Gallery di Piazza delle Vigne viene inaugurata la mostra “Frammenti dell’anima”, personale di Vincenzo Lo Sasso. L’artista milanese, dopo il successo della recente mostra allestita presso la 532 Galleria Thomas Jaeckel di New York, ritorna a Genova, a distanza di quattro anni dal suo debutto ligure, portando alla Artrè Gallery una selezione di nuovi lavori. Bruna Solinas, titolare dello spazio, testimonia ancora una volta la sua attenzione per le ultime tendenze dell’arte contemporanea. Con l’opera “Frammenti dell’Anima” Vincenzo Lo Sasso, su invito di Vittorio Sgarbi, è presente alla 54esima edizione del prestigiosa Esposizione Internazionale d’Arte della Biennale di Venezia. “Frammenti dell’Anima”, nella mostra genovese, è un percorso scandito da trenta opere di piccole e medie dimensioni e una di grandissimo formato, lavori per lo più inediti che l’autore ha realizzato proseguendo il suo filone di ricerca legato all’arte informale. In tutte le opere esposte Vincenzo Lo Sasso ripropone la personale e segretissima tecnica che prevede la solidificazione di colori metallici sul supporto di alluminio. “I frammenti dell’anima – rileva il critico Luciano Caprile – costituiscono un distillato di impulsi informali che dilagano sul supporto di alluminio e sembrano corromperlo in allusioni rugginose o dorate su cui prevale e fiorisce un magma azzurrognolo ora in via di disgregazione radiale ora rivolto a una più decisa compattezza centripeta”. E’ questo dei “frammenti” un ciclo pittorico (27 i lavori in mostra) dove la materia si carica di forza ed energia, suggestioni e vitalità nonostante sia utilizzato un supporto dall’anima fredda come suggerisce la lastra di metallo. (frammenti, sibilla)

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Volontariato nell’Unione Europea

Posted by fidest press agency su sabato, 11 giugno 2011

(Centro Maderna) In occasione dell’Anno Europeo del Volontariato 2011, è stato pubblicato sul sito della Commissione Europea il nuovo il nuovo “Studio sul Volontariato nell’Unione Europea”. Lo scopo di questo studio è stato quello di aiutare la Commissione a valutare in che modo il volontariato potrebbe essere ulteriormente promosso a livello europeo e raggiungere una migliore comprensione delle condizioni dello stato del volontariato nei 27 Stati membri a livello nazionale, regionale e locale per identificare le tendenze, le somiglianze e le differenze, le opportunità e le sfide. La relazione finale di questo studio prevede anche uno studio di settore sul volontariato nello sport con 27 schede nazionali. Lo studio ha anche il fine di assistere la Commissione nel determinare la direzione delle future iniziative a livello europeo volte a promuovere il volontariato. Fonte: auser.it, europa.eu

Posted in Estero/world news, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Vacanze pasquali

Posted by fidest press agency su venerdì, 1 aprile 2011

La Pasqua è alle porte e la primavera è già cominciata: ecco il primo vero esodo dell’anno con giornate lunghe e clima favorevole. Volagratis.it, sito leader per la ricerca dei voli, ha analizzato i dati relativi alle prenotazioni, scoprendo le tendenze e le mete preferite degli italiani per le vacanze di Pasqua.  Dalle prime analisi per le prossime vacanze di Pasqua emerge tanta voglia di Italia con Catania, Milano e Palermo tra le destinazioni più prenotate. Mentre per chi sceglie di volare all’estero, le grandi capitali europee sono le preferite con Barcellona, Londra, Parigi e, novità di quest’anno, Bucarest. Le destinazioni sono vicine perché i giorni sono pochi ma se i voli sono low cost si viaggia con più piacere: oltre il 55% dei viaggiatori ha infatti scelto di viaggiare  low cost mentre il 30% ha scelto una compagnia tradizionale. Il rimanente 15% ha invece approfittato dei voli combinati, la soluzione esclusiva di Volagratis che permette di fare viaggi andata e ritorno combinando voli low cost e voli di linea.  Molti italiani hanno approfittato delle tariffe più convenienti effettuando prenotazioni con largo anticipo sulla data di partenza. Si calcola che gli italiani abbiano speso in media meno di 100€ a tratta per volare a Pasqua.  Dall’Osservatorio Volagratis sono state rilevate tutte le prenotazioni effettuate con data di partenza compresa tra il 20 e il 24 aprile 2011.La Sicilia è la preferita quest’anno per chi parte da Roma e Milano con Catania come aeroporto preferito con costo medio a tratta di rispettivamente 79€ e 103€. C’è voglia di caldo e anticipo d’estate.   Le capitali europee rimangono comunque tra le top destinazioni con Londra e Parigi in quarta e in quinta posizione. Londra è raggiungibile dall’Italia per un costo medio per tratta di 86€, mentre Parigi per poco più di 100€.

Posted in Viaggia/travel | Contrassegnato da tag: , , , | 1 Comment »

E pensare che eravamo comunisti

Posted by fidest press agency su venerdì, 3 settembre 2010

Roma 7 – 19 settembre 2010 (Martedì, Mercoledì, Giovedì, Venerdì ore 21:00 II Mercoledì ore 17:00  Sabato ore 17:00 e 21:00  Domenica ore 17:30 Lunedì riposo) teatro Margherita Via della Mercede, 50. di Roberto D’Alessandro con Pia Engleberth Maria Lauria Claudia Campagnola  Romano Fortuna Simon Tagliaferri quadri di scena  Stefania Foresi Una Produzione CTM –   I PICARI Una piacevole, agrodolce commedia che narra le vicende di una famiglia storicamente comunista alle prese con la crisi degli ideali politici e sociali della sinistra che perdono terreno nei confronti delle nuove tendenze consumistico-liberiste delle nuove generazioni. Giulia e Rinaldo si sono conosciuti negli anni settanta, nel periodo delle lotte studentesche e delle manifestazioni di protesta contro il sistema. Giulia, dopo vent’anni è ancora politicamente impegnata e divide la sua esistenza tra la famiglia, i figli e la sezione di Rifondazione; Rinaldo invece è passato da Democrazia Proletaria via via fino al Partito Democratico, lavora nel suo studio professionale e vede, con rammarico, raffreddarsi il suo rapporto con la moglie sempre più lontana e distaccata. Nilde, la figlia ancora indecisa sul suo futuro, ha la passione per la pittura e riempie le pareti di casa di quadri multicolori che non riesce a vendere; Enrico, suo fratello, è fidanzato con la figlia di un avvocato di grido e guida macchine di grossa cilindrata. In famiglia c’egrave; anche Oba, il domestico di colore, ma laureato in filosofia, paziente e un po’ burlone e, infine a completare il quadretto familiare arriva anche la zia calabrese Maria con le sue piccanti specialità gastronomiche e le sue crisi matrimoniali. La notizia che Enrico, per compiacere il suocero ha deciso di candidarsi nelle liste del centro-destra manda su tutte le furie Giulia che caccia di casa il ragazzo. Solo un grave malore di Rinaldo ridimensionerà gli attriti riportando la pace e la comprensione in famiglia.  Uno spettacolo di amara attualità che fa riflettere e divertire come nella tradizione dei Picari. (roberto, e pensare)

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Italiani vacanze e tendenze

Posted by fidest press agency su giovedì, 24 giugno 2010

E’ giunto alla decima edizione il Barometro Ipsos – Europ Assistance su attitudini e preoccupazioni degli europei in vacanza. L’indagine, condotta su un campione rappresentativo della popolazione nei mesi di marzo e aprile 2010, ha l’obiettivo di indagare le propensioni, i comportamenti e le preferenze di viaggio dei cittadini di 7 Paesi: Italia, Francia, Germania, Gran Bretagna, Spagna, Austria e Belgio.
In Italia si registra una significativa contrazione delle intenzioni di partenza (71%; -5 punti percentuali rispetto al 2009). Nonostante ciò il Bel Paese occupa ancora una volta il primo posto nella classifica europea, con il più alto numero di intenzioni a partire a livello internazionale Aumenta leggermente il budget destinato dagli europei alle vacanze: la spesa media per nucleo famigliare sarà quest’anno di 2.083 euro, in crescita di 17 euro rispetto al 2009 (ma pur sempre inferiore ai 2.235 di 4 anni fa). Gli italiani, con un budget di 2.132 euro (in calo di 72 euro, pari al – 5% rispetto al 2009) si posizionano al 4° posto della classifica europea dopo Gran Bretagna, Belgio e Austria. Gli italiani (65%, + 5 punti percentuali rispetto al 2009) si dimostrano i più sensibili a livello europeo agli effetti che la crisi avrà sul budget destinato alle vacanze. L’impatto della crisi avrà un’influenza crescente anche sulla durata del viaggio (54%, + 4 punti percentuali rispetto al 2009) e sulla scelta della destinazione (51%, + 4 punti percentuali rispetto al 2009). L’Italia, che rispetto alla media europea dà meno importanza al riposo, predilige sempre di più i viaggi itineranti all’insegna della scoperta (43%, +4 punti percentuali rispetto al 2009). L’Italia, dove il numero degli internauti cresce di anno in anno ( 46%, + 3 punti percentuali rispetto al 2009; + 6 rispetto al 2008), perde finalmente la posizione di fanalino di coda nella classifica europea, superando gli spagnoli. Gli italiani  – che sono i più ritardatari nell’organizzazione delle vacanze – sono quelli che a livello europeo apprezzano di più le prenotazioni “last minute” (36%). I risultati completi della ricerca sono disponibili sul sito http://www.europ-assistance.com

Posted in Spazio aperto/open space, Viaggia/travel | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Quarto rapporto Aidwatch 2010

Posted by fidest press agency su giovedì, 3 giugno 2010

Roma 10 giugno 2010, presso l’Hotel Nazionale dalle  ore 11:00 alle ore 13:00, in contemporanea con il lancio in tutta Europa, verrà presentato in Italia il quarto rapporto Aidwatch 2010, elaborato dalla Confederazione europea di Ong Concord.  La ricerca, nell’anno della verifica dei progressi per il raggiungimento degli Obiettivi del Millennio fissata per il 2015, traccia un quadro sulle tendenze degli Aiuti Pubblici allo Sviluppo (APS) per tutti i paesi membri dell’Unione Europea. Se alcuni paesi virtuosi hanno già raggiunto la quota dello 0,7% dell’Aiuto Pubblico allo Sviluppo, nella maggioranza dei casi gli Stati membri non hanno rispettato l’impegno dell’APS per il 2010. Nonostante il rilancio dell’azione esterna dell’Europa di Lisbona, l’Unione Europea farà mancare 15 miliardi di euro di risorse per la lotta allo povertà. Di questa mancanza una grave responsabilità ricade sull’Italia che quest’anno evidenzia una performance particolarmente negativa che, oltre ad allontanarci ulteriormente dalla media dei nostri partner europei, rende sempre più improbabile il raggiungimento degli Obiettivi del Millennio da parte del nostro paese.
Nel rapporto Aidwatch, CONCORD stila per i 27 paesi dell’Unione europea la valutazione delle politiche di lotta alla povertà, con le raccomandazioni da seguire per ogni Paese membro.  Per l’Italia hanno partecipato alla stesura del rapporto ActionAid in collaborazione con le reti Italiane: Associazione Ong italiane, CINI Coordinamento Italiano Network Internazionali e LINK 2007-Cooperazione in rete, che presenteranno la scheda italiana e le raccomandazioni

Posted in Cronaca/News, Economia/Economy/finance/business/technology, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Meno massaggi e più rughe

Posted by fidest press agency su sabato, 24 aprile 2010

Unipro, l’Associazione Italiana delle Imprese Cosmetiche ha presentato al Cosmoprof Worldwide di Bologna, la ricerca sul mondo dell’estetica commissionata alla Key-Stone.  Ecco una sintesi della ricerca, illustrata da Roberto Rosso, presidente di Key-Stone, svolta su un campione rappresentativo di aziende, grazie alla quale si è potuto, per la prima volta misurare il comparto della cosmesi professionale e le tendenze alla luce della situazione congiunturale in atto. Almeno un milione in meno gli italiani nei centri estetici, si è ridotto del 7% il numero di persone in Italia che si rivolgono ai Centri Estetici italiani nel 2009, un dato molto significativo considerando il forte aumento degli ultimi anni e il grande orientamento alla salute e bellezza che caratterizza le italiane e gli italiani. Anche i trattamenti complessivi hanno avuto un calo ma in misura ridotta, intorno al 2% per quelli specifici come i massaggi, e i trattamenti anti-age. Solo i trattamenti di base, come pulizia del viso e depilazione hanno avuto una riduzione maggiore, segno di un calo degli accessi soprattutto per le fasce meno abbienti, che si rivolgono all’estetista solo per servizi di base. Il mercato pare aver frenato la riduzione nel 2010, infatti il 50% degli estetisti dichiara che il primo trimestre è stabile rispetto all’anno passato, un quarto lamenta una lieve riduzione e altrettanti un aumento. Nonostante la crisi del mercato, gli estetisti sono fiduciosi per il futuro. Ben il 37% degli estetisti ritiene che ci sarà una ripresa, il 42% che rimarrà stabile e poco più del 10% non sa e solo l’11% ritiene che si ridurrà ancora. 200 Milioni di Euro è il valore del mercato dei prodotti professionali, che ha subito un calo del 2,3% coerentemente con la riduzione dei trattamenti specifici (viso e corpo) che maggiormente prevedono consumo di cosmetici. Contrariamente a quanto avviene nel mercato domestico, il settore delle esportazioni ha riscontrato un andamento positivo, con ottime performance nell’export che aumenta del 5%. Il calo avuto in Italia è stato quindi parzialmente o completamente compensato dalle imprese con maggior vocazione all’internazionalizzazione.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Business aziendale

Posted by fidest press agency su venerdì, 13 novembre 2009

Napoli 2 dicembre al Tiberio Palace Hotel, via Galileo Ferraris, 159 a partire dalle ore 9.00 seminario gratuito sui nuovi scenari per la realizzazione di soluzioni evolute a supporto del business d’impresa, migliorando l’efficienza dei processi aziendali e dei servizi ai clienti.  Il seminario, che fotografa lo stato dell’arte sul tema della convergenza coniugando aspetti tecnici e applicativi con le tendenze del mercato, si articola in un intervento di apertura che delinea gli scenari di mercato e i passi salienti della convergenza delle reti e dell’integrazione dei servizi in atto; segue un’ampia relazione sugli aspetti tecnologici e applicativi del VoIP e una DEMO LIVE allestita in sala con un mini sistema VoIP per toccare con mano le grandi potenzialità della comunicazione voce su IP.  Inoltre, è prevista una tavola rotonda con alcuni protagonisti dell’offerta, che sottolineano concretamente le opportunità proposte dalle soluzioni VoIP nei più diversi contesti aziendali.

Posted in Cronaca/News, Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

E pensare che eravamo comunisti

Posted by fidest press agency su mercoledì, 28 ottobre 2009

E PENSARE 1Roma dal 3 al 22 novembre 2009  Via del Mortaro, 22 (Via del Tritone) Teatro De’ Servi Scritto e diretto da Roberto D’alessandro con Roberto D’alessandro Pia EngleberthMaria Lauria Claudia Campagnola Romano Fortuna Simon Tagliaferri  I quadri di scena sono di Stefania Foresi Una piacevole, agrodolce commedia che narra le vicende di una famiglia storicamente comunista alle prese con la crisi degli ideali politici e sociali della sinistra che perdono terreno nei confronti delle nuove tendenze consumistico-liberiste delle nuove generazioni. Giulia e Rinaldo si sono conosciuti negli anni settanta nel periodo delle lotte studentesche e delle manifestazioni di protesta contro il sistema. Giulia, dopo vent’anni è ancora politicamente impegnata e divide la sua esistenza tra la famiglia, i figli e la sezione di Rifondazione, Rinaldo invece è passato da Democrazia Proletaria via via fino al Partito Democratico, lavora nel suo studio professionale e vede, con rammarico, raffreddarsi il suo rapporto con la moglie sempre più lontana e distaccata. Nilde, la figlia ancora indecisa sul suo futuro, ha la passione per la pittura e riempie le pareti di casa di quadri multicolori che non riesce a vendere; Enrico, suo fratello, è fidanzato con la figlia di un avvocato di grido e guida macchine di grossa cilindrata. In famiglia c’è anche Oba, il domestico di colore, ma laureato in filosofia, paziente e un po’ burlone e, infine a completare il quadretto familiare arriva anche la zia calabrese Maria con le sue piccanti specialità gastronomiche e le sue crisi matrimoniali. La notizia che Enrico, per compiacere il suocero ha deciso di candidarsi nelle liste del centro-destra manda su tutte le furie Giulia che caccia di casa il ragazzo. Solo un grave malore di Rinaldo ridimensionerà gli attriti riportando la pace e la comprensione in famiglia. Uno spettacolo di amara attualità che fa riflettere e divertire come nella tradizione dei Picari. I quadri che nella commedia sono dipinti dalla giovane Nilde e che fanno parte della scenografia sono della pittrice Stefania Foresi. 16 € platea – 14 € galleria

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Portraits

Posted by fidest press agency su martedì, 15 settembre 2009

amini_la_fugalazzini_saraPalombara Sabina (RM) 19 settembre – 4 ottobre 2009 vernice ore 12 sabato 19 RossoCinabro Piazza Giuseppe Mazzini, 6 La storia della ritrattistica è  influenzata dai principi teorici ed estetici dell’arte figurativa in generale e rivela una continua alternanza tra esigenze idealizzanti e celebrative, e tendenze realistiche e oggettive.  La dialettica tra realismo e celebrazione allegorica, tra mera imitazione e ideale rappresentazione o la commistione tra le due tendenze continua ancora oggi. Appare inoltre evidente come le tendenze innovatrici dell’arte  superino il principio dell’imitazione: l’istanza di approfondimento psicologico e di una radicale individualizzazione del soggetto giunge ad operare un’estrema semplificazione dei tratti o addirittura una loro trasfigurazione astratta.  In esposizione opere di: Sevil Amini,  Eleonora Maria Barbaro, Alice Burato, Gianfranco Castelli,  Luca Fiorani, Claude Forthomme, Maria Rita Ghezzi, Giuseppe Lettere, Lisbeth Dal Pozzo Annone,  Paul De Haan, Enrico Lazzini, Donato Lotito  La Galleria aderisce alla V Giornata del Contemporaneo promossa da Amaci. A cura di Cristina Madini

Posted in Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Le dimissioni di Dino Boffi

Posted by fidest press agency su giovedì, 3 settembre 2009

Il direttore del quotidiano cattolico “L’Avvenire” si è dimesso. Questa decisione era nell’aria dopo le reiterate “rivelazioni” pubblicate fin dal 28 agosto scorso su “Il Giornale” di Feltri. Il fatto è noto e lo abbiamo già ampiamente trattato nei nostri precedenti servizi. In sintesi possiamo dire che è stata riesumata una sentenza del 2004 nella quale Boffi è stato condannato a una pena pecuniaria per “molestie”. Ma la goccia che ha fatto traboccare il vaso è stata l’allusione alle sue “tendenze sessuali” di cui, però, non si fa riferimento nel dispositivo della sentenza. Data la posizione dell’Avvenire, e della sua proprietà che è la Conferenza Episcopale Italiana, la questione ha subito mostrato la sua gravità con il coinvolgimento della stessa Santa sede. Taluni politici hanno subito associato le accuse a Boffi de “Il Giornale” come una indiretta risposta all’iniziativa del quotidiano cattolico nel rilanciare le notizie che hanno riguardato le presunte prestazioni extraconiugali del Presidente del Consiglio. Come dire “tu parli di me e io sparlo di te”.

Posted in Cronaca/News, Diritti/Human rights | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Caro-scuola

Posted by fidest press agency su giovedì, 3 settembre 2009

La campanella d’inizio anno sta per suonare nei corridoi delle scuole italiane e le famiglie sono già in piena corsa per rifornirsi dei materiali scolastici. Ma sul campo di battaglia nell’acquisto di zaini, diari e astucci si svolge la lotta tra le esigenze degli studenti, che amano seguire le tendenze anche a scuola, e i genitori, inevitabilmente più attenti al risparmio e alla funzionalità. Come risolvere quindi il conflitto? Ci pensa la rete a mettere tutti d’accordo. Su eBay.it, primo sito di compravendita online in Italia, alla vigilia dell’inizio dell’anno scolastico 2009-2010 sono oltre 8.200 inserzioni legate alla scuola.  Per quanto riguarda le tendenze di quest’anno, tra gli studenti più grandi vanno di moda i diari personalizzati dalle firme della moda italiana (Blumarine, Fiorucci, Onyx, Phard, Moschino, Naj Oleari, Guru, Sweet Years) o quelli della squadra di calcio del cuore, mentre per gli zaini, sono gli storici “Invicta” (con il mitico modello Jolly anni ’80) a non tramontare mai. Per i più piccoli, i personaggi dei cartoni animati, Winx e Gormiti in testa, spopolano in ogni materiale didattico, dalle cartelle ai diari. E’ soprattutto Hello Kitty il personaggio più gettonato nella scelta degli astucci griffati. E per chi non vuole rischiare di indebolire la schiena portando “il peso della cultura”, si può ricorrere agli zaini-trolley da trascinare, che accontentano le mamme, ma anche i bambini, poiché disponibili griffati e di tendenza.   Sarà per il periodo difficile che stiamo vivendo, sarà per gli allarmi sul caro-scuola diffusi in questi giorni, se da un lato i ragazzi scelgono in base alle tendenze di quest’anno, le famiglie sono invece sempre più attente al risparmio. Secondo Federconsumatori e Adusbef, infatti, sono in modo particolare i prezzi dei prodotti di marca (zaini, astucci, diari) che cresceranno maggiormente quest’anno (con punte tra il 10% e il 16% rispetto al 2008), mentre i dati del Codacons segnalano un rincaro nel settore scuole del 5%. Su http://www.ebay.it è possibile però risparmiare un po’. Un esempio? Kit di zaino, 3 maxi quaderni e un astuccio a meno di 8 euro complessivi.  La spesa in assoluto più onerosa da sostenere sarà però quella per i libri di testo, che, in accordo con i dati della Federconsumatori, quest’anno ammonterà a circa 440/450 euro all’anno (con un aumento del 3-5% rispetto allo scorso anno). Qui poter risparmiare diventa davvero importante. Oltre allo scambio dei libri e l’acquisto dell’usato nei negozi tradizionali specializzati, un grande aiuto arriva anche dalla rete. Su eBay.it è sempre più diffusa l’abitudine di rivendere i propri testi scolastici per poterne acquistare altri. Tra le offerte, il libro “Leggere la storia” a 50 centesimi, oppure il dizionario di Latino “IL- Castiglioni e Mariotti” in asta a partire da 99 centesimi.

Posted in Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »