Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 32 n° 250

Posts Tagged ‘test’

Regione Lombardia: Test Sierologici i risultati della gara

Posted by fidest press agency su sabato, 6 giugno 2020

“Apprendiamo, dopo ben due mesi d’attesa, che la gara regionale per l’individuazione di un test sierologico potrebbe avere un vincitore. Si tratterebbe dei test Roche, che l’azienda metterebbe a disposizione di Regione al costo di 1,42 euro a test, contro i 4 euro pagati a metà aprile da Regione Lombardia a Diasorin, per 500mila esemplari del medesimo prodotto. Qualora i risultati delle gara venissero confermati nelle prossime ore Regione Lombardia dovrebbe spiegare ai cittadini per quale motivo ha speso due milioni di euro di soldi pubblici, per acquistare una tipologia di test che avrebbe potuto comprare ad un prezzo tre volte inferiore, se solo avesse seguito le regole e fatto a suo tempo una gara d’appalto” così il consigliere regionale del M5S Lombardia Massimo De Rosa.
“Più si scava a fondo di questa storia, nel merito della quale ricordiamo è già stato aperto un fascicolo in procura, più la posizione di Regione si aggrava e più emergono particolari inquietanti. C’è la responsabilità politica di aver atteso Diasorin, quando invece c’erano altri test disponibili sul mercato. Non solo, dai punteggi stabiliti dalla gara indetta dalla stessa Regione Lombardia questi altri test sarebbero migliori di quelli Diasorin, acquistati inizialmente da Regione. Evidentemente quei test non sono l’eccellenza che ci avevano raccontato il presidente Fontana e l’assessore Gallera” commenta De Rosa.
“Rilevante anche la questione costo” spiega il consigliere: “Fosse confermata infatti per Regione Lombardia si configurerebbe l’ipotesi di danno erariale. Due milioni di euro spesi alle spalle di tutti i cittadini lombardi, che si ammalavano in attesa di sapere se si sarebbero mai potuti sottoporre a un test”.
Il portavoce del Movimento Cinque Stelle insiste: “Per questo motivo presenteremo tutti gli atti necessari e chiederemo ad ARIA di venire a riferire sulla vicenda in Commissione Bilancio, al fine di accedere alla relativa documentazione, di modo di poter integrare gli esposti già presentati un mese fa ad ANAC e AGCM. Analizzando i numeri riportarti dall’articolo pubblicato da “Il Fatto Quotidiano” salta all’occhio come Diasorin si sarebbe classificata al quarto posto, con un offerta fissata a 3,3 euro a test. In pratica, Diasorin ha venduto lo stesso test ad un prezzo di 4 euro l’uno, quando Regione ha acquistato tramite una procedure di acquisto diretto, offrendolo poi a 3,3 euro in sede di gara d’appalto. È evidente come i conti non tornino. Nel frattempo restiamo in attesa di conoscere il modo in cui il TAR, che avrebbe dovuto esprimersi già diverse settimane fa, darà il suo parere sulla vicenda” conclude il portavoce pentastellato.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Coronavirus, al via i test sierologici

Posted by fidest press agency su mercoledì, 27 maggio 2020

E’ partita la vasta indagine epidemiologica su scala nazionale attraverso test sierologici su un campione di 150mila persone distribuite in duemila comuni italiani. L’indagine è firmata ministero della Salute e Istat, in collaborazione con la Croce Rossa Italiana che con i suoi volontari arriverà alle persone scelte per la campionatura. L’obiettivo è capire quante persone in Italia hanno sviluppato gli anticorpi al Coronavirus, anche in assenza di sintomi, stimare dimensioni e estensione dell’infezione nella popolazione e descriverne la frequenza in relazione ad alcuni fattori quali sesso, età, regione di appartenenza, attività economica. Questo al fine di indirizzare politiche a livello nazionale o regionale e per modulare le misure di contenimento del contagio.
L’adesione è volontaria e i test sono gratuiti, come chiarito a più riprese dal Governo, anche attraverso il premier Giuseppe Conte, durante l’informativa alla Camera lo scorso 21 maggio, e dalla stessa Istat. Nessun obbligo da parte dei cittadini di rispondere alla chiamata. Ma per sensibilizzare la partecipazione su tutte le reti Rai andrà in onda uno spot dedicato all’indagine e locandine saranno affisse nelle farmacie e nelle parafarmacie, grazie alla collaborazione offerta da Federfarma e dalla Federazione dell’Ordine dei Farmacisti Italiani (Fofi).
Sarà la Lombardia la regione con il campione maggiore pari a 20mila individui. La scelta tiene conto, infatti, oltre che della demografia, anche delle stime sulla pervasività del virus a livello territoriale. Altre grandi Regioni si collocheranno poco sotto i 10mila selezionati, meno di 4mila in quelle più piccole o meno toccate dall’epidemia. I test verranno effettuati “con esclusiva finalità di ricerca scientifica”, aveva chiarito il premier Conte nell’informativa alla in Aula alla Camera. “Occorrerà – aveva aggiunto – uno sforzo che si basa sul lavoro di volontari sul territorio” e ci sarà “una struttura nazionale di coordinamento”. In una nota diffusa alla vigilia del via ai test da ministero della Salute, Istat e Cri, si sottolinea che “la riservatezza dei partecipanti sarà mantenuta per tutta la durata dell’indagine”. A tutti i soggetti che partecipano sarà assegnato un numero d’identificazione anonimo per l’acquisizione dell’esito del test. Il legame di questo numero d’identificazione con i singoli individui sarà gestito dal gruppo di lavoro dell’ indagine e sarà divulgato solo agli enti autorizzati, viene spiegato. “Gli esiti dell’indagine, diffusi in forma anonima e aggregata – spiega ancora la nota – potranno essere utilizzati anche per altri studi scientifici e per l’analisi comparata con altri Paesi europei”. Le persone selezionate saranno contattate al telefono dai centri regionali della Croce Rossa Italiana per fissare, in uno dei laboratori selezionati, un appuntamento per il prelievo del sangue. Potrà essere eseguito anche a domicilio se il soggetto è fragile o vulnerabile. Al momento del contatto verrà anche chiesto di rispondere a uno specifico questionario predisposto da Istat, in accordo con il Comitato tecnico scientifico. La Regione comunicherà l’esito dell’esame a ciascun partecipante residente nel territorio. In caso di diagnosi positiva, l’interessato verrà messo in temporaneo isolamento domiciliare e contattato dal proprio Servizio sanitario regionale o Asl per fare un tampone naso-faringeo che verifichi l’eventuale stato di contagiosità. (fonte doctor33)

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Al lavoro per i test di medicina

Posted by fidest press agency su giovedì, 21 maggio 2020

Quest’anno saranno 13.500 i posti disponibili per le Facoltà di Medicina e Chirurgia delle università pubbliche italiane (+ 17% rispetto allo scorso anno), ma si stima che il 1°settembre, data fissata dal MIUR, si presenteranno al test ben 70mila future matricole. Il numero di esclusi è altissimo e per questo molti aspiranti medici guardano all’estero, dove le università offrono percorsi didattici basati in gran parte sulla pratica, lo studio in lingua inglese, il confronto con modalità didattiche innovative e maggiori opportunità di carriera. L’esperienza internazionale fa anche spiccare il volo alle carriere: in media la retribuzione lievita del 40%, le prospettive di occupazione sono maggiori e il mercato di riferimento è più stimolante.Questo è ciò che sostiene Medicor Tutor a fronte di 6 anni di attività in Italia a fianco di più di 1.000 studenti che hanno scelto di studiare Medicina, Odontoiatria e Fisioterapia presso università di prim’ordine in Europa.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science, Università/University | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Coronavirus: la mappa differenziata dei test sierologici

Posted by fidest press agency su domenica, 17 maggio 2020

Pazienti, costi e strutture variano da regione a regione. La circolare del Ministero chiarisce che non vi è alcuna patente d’immunità.
In queste ore è forte il confronto su come affrontare la ripartenza grazie al supporto dei test sierologici e che da una analisi attenta presente dubbi, criticità, ma soprattutto disparità in relazione a tali esami.Emerge, da una circolare del Ministero della Salute, che: «I test sierologici […] non possono, allo stato attuale, sostituire i tamponi nasofaringei», dal momento che: «L’assenza di rilevamento di anticorpi […] non esclude la possibilità di un’infezione in atto in fase precoce o asintomatica e il relativo rischio di contagiosità».Nessuna patente di immunità, quindi: i test consisterebbero secondo tale interpretazione solo in un aiuto in più per tracciare il contagio, ma non fornirebbero alcuna certezza in termini di sicurezza. I test saranno utili e fondamentali per stimare la diffusione dell’infezione e definire il tasso di letalità della stessa.Le regioni, intanto, stanno predisponendo l’avvio dei test, tanto che il Governo valuta, secondo noi molto opportunamente, l’ipotesi di indicare dei massimali dei costi per evitare fenomeni speculativi già noti e diffusi in questo periodo.Ogni regione si sta muovendo in maniera differente, con tempi, procedure e costi estremamente diversi tra loro.C’è chi affianca lo screening pubblico a quello privato, c’è chi si concentra su determinate professioni, a partire da operatori sanitari, forze dell’ordine e volontari del 118, c’è chi apre la possibilità di effettuare il test privatamente anche ai singoli cittadini, previa autorizzazione del medico curante.Rimane l’obbligo, in ogni caso, qualora l’esito risulti positivo, di effettuare il tampone (anche qui, ogni regione ha disposto diversamente, in alcuni casi si attiva il servizio pubblico, in altri il tampone rimane a carico del privato).Una parentesi a parte meritano i costi: in Emilia Romagna il costo di riferimento sia per il test rapido sia per l’esame del sangue è di 25,00 Euro, nel Lazio è di 45,00 Euro, i costi variano complessivamente tra i 25,00 e i 50,00 Euro.
Per l’ennesima volta anche la diagnosi sierologica, si trasforma nell’intollerabile storia di disparità e disuguaglianza all’interno del Paese, con un’unica certezza: tutte queste disposizioni non faranno altro che confondere ulteriormente i cittadini e creano differenze nelle modalità per affrontare un’emergenza che, a nostro avviso, richiede procedure, mezzi, risorse e strumentazioni uguali e adeguate per tutti e in tutte le parti del Paese.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Covid-19: Al via a Brescia ai test sierologici per privati e aziende

Posted by fidest press agency su giovedì, 14 maggio 2020

Brescia. La delibera della Regione Lombardia, che autorizza i laboratori privati a eseguire i test sierologici, è stata approvata solo martedì e Fondazione Poliambulanza è già in pista. Il provvedimento dà infatti la possibilità sia ai cittadini privati che agli impiegati delle aziende convenzionate di sottoporsi al test e, quando necessario, a tampone. I cittadini si potranno recare – in fascia pomeridiana – nella sede di via Bissolati e – in fascia mattutina – sempre a Brescia in altri due punti prelievo, Casa di Dio e S. Angela, e a Castiglione delle Stiviere. Ai dipendenti delle aziende il test sierologico sarà eseguito presso la sede in cui prestano servizio. Il sistema è quello di Abbott e consiste in un semplice prelievo del sangue, volto ad analizzare la presenza delle immunoglobuline G (IgG), gli anticorpi che si attivano in risposta al virus. Se il test rileva le IgG specifiche nel sangue, dà esito positivo il paziente è tenuto – a suo carico – all’esecuzione del tampone per la ricerca del genoma virale. Il Sistema Abbott garantisce un’affidabilità del 96% e non è necessario rispettare il digiuno prima della sua effettuazione. Il test va prenotato, obbligatoriamente, tramite l’app “Prenoting” o telefonicamente e il costo ammonta a 35 euro mentre il costo del tampone a 70 euro. Prenoting https://mypoli.poliambulanza.it/prenoting/

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

“Rischio Coronavirus, eliminare i Test d’Ingresso Universitari”

Posted by fidest press agency su giovedì, 14 maggio 2020

Il Coordinatore Politico dell’Udc Sicilia, Responsabile Nazionale Enti Locali dell’Udc Italia, On. Decio Terrana, ha trasmesso una nota al Ministro dell’Università e della Ricerca Prof. Gaetano Manfredi per richiedere la sospensione dei Test d’Ingresso Universitari per il prossimo anno accademico.“Abbiamo richiesto di sospendere la selezione nazionale per i Test di Medicina e di estendere la stessa sospensione a tutti i test per l’accesso alle Università Italiane – comunica l’On. Decio Terrana – L’emergenza Covid-19 non permette la dovuta sicurezza nello svolgimento delle prove di selezione. Abbiamo altresì proposto di inserire comunque un filtro di selezione al termine del primo anno accademico, considerando un numero minimo di CFU obbligatori da conseguire per potere accedere al secondo anno. Se, come sembra, si è orientati a svolgere telematicamente le lezioni del prossimo anno accademico, decade uno dei principi dell’imposizione del numero chiuso”.Alla richiesta dell’Udc Italia ha dato la propria adesione la Docente di Ingegneria dell’Università degli Studi di Palermo, Professoressa Patrizia Livreri.“La nostra facoltà di Ingegneria a Palermo ha già abolito da tempo il numero chiuso, con grande beneficio per la qualità degli allievi iscritti – trasmette la Professoressa di Ingegneria Elettronica – Ho accolto e sottoscritto la proposta dell’Udc Italia per l’abolizione dei test d’ingresso all’Università. Esistono diverse soluzioni alternative e più produttive; iniziare da questo momento di emergenza diventa quasi un obbligo, per evitare un eccessivo stress degli studenti già fortemente provati da mesi di insegnamento con formazione a distanza e dall’incertezza di un esame di maturità dal carattere straordinario”.L’ abolizione del numero chiuso è anche una delle battaglie portate avanti dall’Udc Italia.
“Abbiamo inserito la Libera Università tra i punti fondamentali del nostro programma politico – continua il Coordinatore Politico dell’Udc in Sicilia – Abbiamo anche iniziato una raccolta firme per l’Abolizione del Numero Chiuso, al momento sospesa per la situazione contingente. Per il momento, è possibile firmare la nostra petizione online per la Libera Università. Questo momento di emergenza può divenire occasione per dimostrare l’errore concettuale del Numero Chiuso Universitario e valutare alternative che permettano il libero accesso dei nostri ragazzi al percorso di studi più gradito, senza restrizioni né vincoli di alcuna natura”.

Posted in Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

L’applicazione gratuita di Scandit semplifica la raccolta dei test COVID-19

Posted by fidest press agency su domenica, 3 maggio 2020

Scandit ha utilizzato la propria tecnologia di computer vision e di scansione mobile dei codici a barre per creare un’applicazione gratuita, Patient Data Capture, per iOS e Android, che i laboratori di analisi possono iniziare a utilizzare immediatamente (App Store, Google Play, video, sito web).
L’applicazione è facile da usare: gli operatori sanitari scansionano il codice presente sul documento della persona da sottoporre al test, scansionano il codice a barre sul campione prelevato per associarlo alla persona, e poi stampano o esportano i dati così acquisiti. Questo approccio senza contatto evita la necessità di dover maneggiare documenti di identità o di acquisire i dati manualmente ed elimina gli errori di inserimento dei dati.L’applicazione unisce il riconoscimento del testo e la scansione dei codici a barre per acquisire i dati delle carte d’identità e dei passaporti con zone a lettura ottica (Machine Readable Zone, MRZ), e delle patenti di guida statunitensi e canadesi – utilizzando il codice a barre PDF417 presente sul retro.“L’applicazione Patient Data Capture non richiede alcuna integrazione e può essere utilizzata su dispositivi mobile di proprietà dell’ospedale o del personale”, ha dichiarato Samuel Mueller, CEO di Scandit. “È una soluzione gratuita pensata per rendere il processo di raccolta dei campioni per i test più rapido e sicuro per gli operatori sanitari impegnati in prima linea.”

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Campidoglio, al via il 6 maggio percorso per test sierologici

Posted by fidest press agency su domenica, 3 maggio 2020

Prenderà il via il 6 maggio il percorso, coordinato dall’Istituto di previdenza e assistenza per i dipendenti di Roma Capitale (Ipa), finalizzato a somministrare i test sierologici ad alcune fasce di dipendenti capitolini. I test, in modalità da sangue capillare, verranno effettuati progressivamente agli agenti della Polizia Locale e agli operatori presso gli sportelli aperti al pubblico, come per esempio gli ufficiali di Anagrafe e di Stato civile.Il percorso potrà eventualmente venire integrato tramite un intervento della Regione Lazio.Lo riferisce, in una nota, il Campidoglio.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Coronavirus: Test molecolare scopre l’infezione in 90 minuti

Posted by fidest press agency su mercoledì, 22 aprile 2020

Solo novanta minuti per sapere se una persona è positiva al coronavirus. È il tempo richiesto dal test “pronto all’uso” per la diagnosi dell’infezione da Covid-19 (STAT-NAT© COVID-19, certificato CE-IVD a fine marzo), disponibile in Italia e in Europa. È stato sviluppato da un’azienda milanese, Sentinel Diagnostics, in collaborazione con alcuni dei più importanti laboratori ospedalieri del nostro Paese impegnati nell’individuazione e trattamento di infezioni da Covid-19. “È un test di diagnostica molecolare, da eseguire in laboratorio – afferma Maurizio Gramegna, Chief Technology Officer di Sentinel Diagnostics -. Il tecnico estrae dal tampone rinofaringeo l’acido nucleico RNA, che poi viene inserito nella provetta di reazione. Il tempo per il risultato finale è di circa un’ora e mezza. È molto rapido, proprio perché è ‘pronto all’uso’, e la provetta contiene già tutti i reattivi necessari. In questo modo, i tempi sono dimezzati rispetto agli altri dispositivi utilizzati finora, che, invece, richiedono fino a 5 ore e prevedono diverse componenti liquide, che devono essere miscelate e ricostituite all’interno della provetta, sottraendo così tempo prezioso al lavoro del tecnico”. Sono disponibili due versioni del kit, a elevatissima sensibilità e specificità: STAT-NAT© COVID 19 HK (che segue il protocollo di Hong Kong) e STAT-NAT© COVID 19 B (basato sul protocollo di Berlino). “Entrambi sono in linea con i protocolli internazionali e permettono di analizzare tutte le sequenze di geni di Covid-19 definite a livello globale – spiega Maurizio Gramegna -. Infatti possiamo scoprire, attraverso il test di biologia molecolare PCR, tutte le sequenze specifiche del coronavirus. I due kit si basano sulla tecnologia brevettata STAT-NAT©, che garantisce il trasporto e la conservazione dei test a temperatura ambiente, assieme ad un’elevata sensibilità del test diagnostico, anche in presenza di campioni poco concentrati”.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Sicilia: Coronavirus e test sierologici

Posted by fidest press agency su mercoledì, 22 aprile 2020

«La Regione Siciliana, con la disposizione del 16 aprile, ha indicato le categorie di lavoratori che si sceglie di sottoporre ad una campagna straordinaria di screening epidemiologico. Scorrendo l’elenco ci si accorge che sono state escluse categorie di lavoratori importantissime, come quelle dei bancari, dei postali, degli operatori ecologici e dei lavoratori delle aree industriali. Questi non sono figli di un dio minore e meritano di avere tutelata la sicurezza e la salute al pari di tante altre fasce».A dirlo è il segretario regionale di Articolo Uno in Sicilia Pippo Zappulla.«Categorie di lavoratori – continua Zappulla – a cui è stato chiesto di tenere in piedi attività e servizi di essenziale e fondamentale importanza per l’interesse collettivo. Lavoratori che stanno operando in condizioni di estremo disagio e sempre esposti al rischio di contagio e di tensioni sociali».«Chiedo pertanto alla Regione Siciliana – conclude Zappulla – all’assessore alla Sanità Ruggero Razza in particolare, di rivedere queste gravissime esclusioni, offensive e mortificanti per lavoratori impegnati quotidianamente al servizio del Paese a cui, al pari di altri, si sta chiedendo il sacrificio di continuare a lavorare per servizi e attività di interesse strategico».(Vassily Sortino),

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Coronavirus, in attesa delle linee guida al via i test d’immunità in molte Regioni

Posted by fidest press agency su martedì, 21 aprile 2020

In attesa del vaccino, si parte con i test sierologici di immunità per definire la percentuale di cittadini che ha sviluppato anticorpi al SarsCov2. Mentre Toscana, Sicilia, Lombardia e Lazio hanno iniziato a procedere per conto proprio, cresce il pressing delle Regioni sul ministero della Salute perché fornisca linee guida chiare. In risposta il Comitato tecnico scientifico, sembrerebbe aver definito e validato i criteri e le caratteristiche dei test sierologici che dovranno essere utilizzati per la campagna nazionale.
Tra due o tre settimane dovrebbe prendere avvio in tutta Italia la campagna nazionale sui test sierologici che, come già illustrato dal presidente del Consiglio superiore di Sanità Franco Locatelli, sarà effettuata a campione sulla popolazione italiana per avere un quadro epidemiologico più chiaro della propagazione del virus. Il campione comprenderà circa 150mila cittadini, divisi per sei fasce di età, genere e profili professionali. Si potrà così “avere il polso” della pervasività del virus a livello territoriale ma anche in relazione ai diversi settori, definendo un profilo di rischio dei lavoratori in vista della fase 2 di riapertura del Paese a maggio. A stretto giro arriverà quindi la validazione da parte del Comitato tecnico scientifico dei test sierologici che verranno prescelti e che dovranno garantire elevata «sensibilità, specificità e applicabilità» a livello nazionale. Eppure c’è chi non pensa che i test sierologici siano così affidabili. Pierino Di Silverio, responsabile Anaao Assomed Settore giovani, su Radio Cusano Campus, ha detto: «I test sierologici rapidi pensati per verificare l’immunità al Covid-19 sono ad oggi poco precisi, non sono stati approvati dal ministero come test per fare diagnosi. Mi spiego, questi test hanno, se utilizzati troppo precocemente, una affidabilità veramente troppo bassa per essere sostituiti ai tamponi. A noi occorre un altro tipo di test per verificare la presenza nel sangue di immunoglobuline capaci di dirci se un soggetto ha sviluppato una immunità al virus». Secondo Di Silverio, dunque, «se sottoponiamo cittadini o medici sperando di fare diagnosi di coronavirus sbagliamo, perché rischiamo di avere falsi negativi, ossia persone che presenteranno i sintomi dopo qualche giorno dal test».
La Toscana, intanto, ha annunciato già un accordo con 61 laboratori privati che permetterà di effettuare test sierologici per 400.000 persone, includendo anche i lavoratori dei servizi essenziali. Ed anche il caso del Lazio dove, nei prossimi giorni, partirà una campagna con 300 mila test per tutto il personale sanitario, le Rsa e le forze dell’ordine. In Lombardia, invece, saranno effettuati 20.000 test sierologici al giorno, dal 21 aprile, cominciando dagli operatori sanitari e dai cittadini che devono tornare al lavoro con particolare riferimento alle province di Bergamo, Brescia, Cremona e Lodi. La Campania ha invece deciso lo stop ai test sierologici nei laboratori privati accreditati, perché non potrebbero essere garantite le misure di contenimento. Si attende comunque un parere del Ministero. L’obiettivo del governo Musumeci, governatore della Sicilia, è quello di monitorare l’andamento del contagio come avvenuto per altre epidemie con un screening epidemiologico attraverso i test sierologici per contrastare il contagio da Coronavirus. ( da Anna Capasso Doctor33)

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Nuovo materiale di controllo realizzato dagli scienziati del JRC per contribuire a prevenire errori nei test del coronavirus

Posted by fidest press agency su lunedì, 6 aprile 2020

La malattia COVID-19 è causata da un virus chiamato SARS-CoV-2. Esami di laboratorio tempestivi e accurati sono un elemento essenziale della gestione della pandemia di COVID-19.Un recente sondaggio dell’UE ha identificato nella mancanza di materiali di controllo positivi una delle tre principali sfide per i laboratori per realizzare test affidabili del coronavirus.Per rispondere a questa necessità, gli scienziati del JRC hanno sviluppato un materiale di controllo positivo per facilitare il controllo di qualità della rilevazione del SARS-CoV-2 nei laboratori di analisi.Mariya Gabriel, Commissaria per la Ricerca e l’innovazione, responsabile per il Centro comune di ricerca, ha dichiarato: “Ecco la scienza dell’UE in azione quando e dove è necessaria per sostenere la risposta dell’UE alla crisi in corso. Il JRC ha rapidamente individuato una possibile falla nella gestione della pandemia di coronavirus e si è immediatamente messo al lavoro per sanarla. Il nuovo materiale di controllo ha il potenziale di migliorare la capacità dell’UE di rispondere alla diffusione del virus, evitando di sprecare risorse preziose con test non efficienti.”Stella Kyriakides, Commissaria per la Salute e la sicurezza alimentare, ha aggiunto: “Test di laboratorio rapidi e affidabili sono fondamentali nella nostra strategia contro il COVID-19. Il lavoro degli scienziati dell’UE per lo sviluppo del materiale di controllo dei test consentirà di verificare fino a 60 milioni di test di laboratorio in tutta l’UE. Questo grande successo dei nostri ricercatori sarà fondamentale nella strategia d’uscita, quando sarà il momento di iniziare ad abolire le misure di distanziamento sociale.”
Un materiale di controllo positivo garantisce che i test di laboratorio funzionino correttamente e siano armonizzati. In particolare, viene usato per evitare che un test possa dare un risultato negativo anche quando la persona è positiva. In pratica, il materiale di controllo definito dal JRC è una parte sintetica e non infettiva del virus.Esso permette alle imprese che producono test e ai laboratori di analisi di verificare i loro kit diagnostici: se i loro test non rilevano il materiale di controllo, non rileveranno neppure il virus reale. Il materiale di controllo favorirà l’armonizzazione dei test del coronavirus in Europa, assicurando un’alta qualità per evitare i falsi negativi. Il virus SARS-CoV-2 muta rapidamente. Ciò significa che ad oggi esiste una famiglia di virus SARS-CoV-2.
Il materiale di controllo sviluppato dagli scienziati del JRC si basa sulla parte del virus che è rimasta stabile dopo la mutazione. Questo significa che il materiale di controllo è pienamente compatibile con i metodi ufficiali dell’Organizzazione mondiale della sanità applicati nell’Unione Europea, in Asia e negli Stati Uniti per la rilevazione della presenza del SARS-CoV-2. Il materiale può anche essere usato per raffrontare e validare i numerosi kit diagnostici attualmente realizzati nel mondo.
Il materiale di controllo è stato realizzato da un’impresa di biotecnologie tedesca, sulla base di un modello del JRC, e poi validato dagli esperti di laboratorio del JRC. 3 000 campioni sono pronti per essere spediti ai laboratori d’analisi in tutta Europa, inclusi i maggiori centri di riferimento per la virologia, e agli ospedali. I campioni sono altamente concentrati per cui è necessaria una quantità molto piccola di materiale per verificare un test. Questo significa che un tubetto campione basta a un laboratorio per controllare fino a 20 000 test. Quindi i 3 000 campioni attualmente disponibili consentono di controllare fino a 60 milioni di test in tutta Europa. I campioni saranno resi disponibili anche ad una platea di utenti più ampia, ma la priorità verrà data ai laboratori designati dai governi nazionali e alla comunità dei ricercatori. https://crm.jrc.ec.europa.eu/p/EURM-019

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Covid-19. Vendibilità test in farmacia: le indicazioni da Iss e Comitato tecnico del Ministero

Posted by fidest press agency su venerdì, 3 aprile 2020

Come parte della strategia per superare l’emergenza coronavirus c’è anche quella di avere un quadro epidemiologico di chi, pur come asintomatico o paucisintomatico, ha contratto l’infezione e tra gli strumenti su cui si sta ragionando ci sono i test sierologici, che misurano la presenza di eventuali anticorpi nella popolazione. Alcune Regioni, come il Veneto, hanno definito un piano per cercare di sottoporre dapprima gli operatori sanitari e poi la popolazione generale a screening (Progetto per la diagnostica sierologica di Covid-19). Intanto, per quanto riguarda i test rapidi si stanno sviluppando pratiche commerciali dubbie rivolte ai cittadini, tanto che settimana scorsa è stato registrato un intervento dell’Antitrust che ha stabilito la chiusura di un sito web di vendita che creava false aspettative attorno all’autodiagnosi.
Da parte delle farmacie ci si sta interrogando sulla possibilità di trattare alcuni di questi test ed eventualmente su quali abbiano una base scientifica e al momento da parte di Federfarma – che in una circolare di oggi ha registrato un primo parere dell’Iss – viene rimarcato come «l’OMS stia attualmente valutando circa 200 nuovi test rapidi basati su differenti approcci» per i cui risultati occorrerà aspettare.Sono diverse le richieste di chiarimento sulla vendibilità in farmacia dei test rapidi e da parte di Federfarma c’è stato un interessamento delle «Autorità competenti con due note, del 13 e del 18 marzo, per acquisire le indispensabili e preventive indicazioni sulla vendibilità». In particolare, i quesiti hanno riguardato due prodotti: «Coronavirus Quick Test dell’azienda Superbio e Vivadiag».
Sul primo prodotto, oggi è arrivata la risposta dell’Iss, che ha sottolineato come «non sia disponibile alcun dato che comprovi l’attendibilità scientifica del dispositivo» e «non è possibile dispensarlo (a utilizzatori profani) tramite le farmacie».Per «essere destinato all’uso dei profani» è necessario «il coinvolgimento di un Organismo Notificato per il processo di valutazione della conformità (deve essere certificato in base all’Allegato III.6 della Direttiva 98/79/CE). Tale processo prevede che sul dispositivo e nelle Istruzioni per l’uso venga apposto il marchio CE seguito dal numero dell’Organismo Notificato che ha rilasciato la certificazione». Non essendo presenti tali indicazioni «in nessuno dei documenti esaminati, e anche per le informazioni a corredo fornite con le istruzioni per l’uso, il prodotto non risulta conforme alla Direttiva sia per l’uso professionale che per l’utilizzo da parte dei profani».In generale, informa il comitato, «l’Organizzazione Mondiale della SanitaÌ (OMS) sta attualmente valutando circa 200 nuovi test rapidi basati su differenti approcci e che sono stati portati all’attenzione dell’Agenzia; i risultati relativi a quest’attività di screening saranno disponibili nelle prossime settimane. In attesa di questi risultati, il CTS ribadisce che l’approccio diagnostico standard e internazionalmente accettato rimane quello basato sulla ricerca dell’RNA virale nel tampone rino-faringeo. Il CTS ritiene indispensabile la conduzione di valutazioni comparative tra i risultati ottenibili attraverso l’impiego dei tamponi e i test rapidi nell’ambito di studi rigorosamente condotti e condivide con le Regioni la disponibilità a fornire suggerimenti nel merito». In sostanza, l’invito è, alla «cautela» in particolare «nell’impiego di test non validati. Il CTS è disponibile a fornire opinioni e suggerimenti alle Regioni che lo dovessero richiedere». (by Francesca Giani fonte: Doctor33)

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Università: fissate le date dei test dei corsi di laurea a numero programmato nazionale

Posted by fidest press agency su lunedì, 16 marzo 2020

Il MUR (Ministero dell’Università e della Ricerca) ha reso note le date delle prove di ammissione ai corsi di laurea e di laurea magistrale a ciclo unico ad accesso programmato a livello nazionale per l’anno accademico 2020-21.Di seguito le date che riguardano i corsi attivati per l’a.a. 2020-21 all’Università di Parma:
Medicina e Chirurgia e Odontoiatria e protesi dentaria – martedì 1 settembre 2020
Medicina Veterinaria – mercoledì 2 settembre 2020
Architettura Rigenerazione Sostenibilità – giovedì 3 settembre 2020
Professioni sanitarie (Fisioterapia, Infermieristica, Logopedia, Ortottica e assistenza oftalmologica, Ostetricia Tecniche audioprotesiche, Tecniche di laboratorio biomedico, Tecniche di radiologia medica, per immagini e radioterapia, Tecniche della prevenzione nell’ambiente e nei luoghi di lavoro) – mercoledì 9 settembre 2020
Scienze infermieristiche ed ostetriche (laurea magistrale delle Professioni sanitarie) – venerdì 30 ottobre 2020.
Con successivi decreti saranno definiti dal MUR il numero dei posti disponibili, le modalità e i contenuti delle prove di ammissione; queste informazioni saranno pubblicate sul sito web di Ateneo http://www.unipr.it

Posted in Cronaca/News, Università/University | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Gara di intelligenza del Brain organizzata dal Mensa Italia

Posted by fidest press agency su martedì, 26 novembre 2019

Terracina (Latina), mercoledì 27 novembre alle ore 16,00 presso l’Old Wild West in Piazza Gregorio Antonelli 1, si terrà la prova del Brain e anche il test del Mensa. Il Brain è il torneo annuale costituito da quiz logico matematici, che si tiene nel corso dell’intero mese di novembre in tutte le sedi locali del Mensa Italia. Sono previsti dei premi: in particolare i primi dieci non soci e i primi tre soci riceveranno un attestato e un anno di quota Mensa. Inoltre i primi tre non soci si aggiudicheranno un buono Amazon.L’età minima per partecipare è di 16 anni compiuti. I minorenni devono essere accompagnati da un genitore. È necessario solo presentarsi con un documento d’identità ed è richiesto un contributo di euro 10 per le spese di amministrazione, valutazione e comunicazione del risultato.
Il Mensa è un’associazione internazionale senza scopo di lucro della quale possono essere membri le persone che abbiano raggiunto o superato il 98º percentile del QI (quoziente di intelligenza). Per diventare un “Mensano” (così si definisce un membro del Mensa), bisogna quindi rientrare nel 2% della popolazione mondiale con il più alto Quoziente Intellettivo. “Mensa” deriva dal vocabolo latino mensa (“tavola”) e si riferisce al concetto di tavola rotonda, per il quale tutti i membri sono uguali tra loro. Gli scopi del Mensa sono: scoprire e incoraggiare l’intelligenza umana a beneficio dell’umanità; incoraggiare la ricerca su la natura, le caratteristiche e gli usi dell’intelligenza; incoraggiare i contatti sociali fra i Soci per mezzo di conferenze, discussioni, pubblicazioni, gruppi di studio, convegni o altri mezzi utili a tali fini.

Posted in Cronaca/News, scuola/school | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Development of a New Blood Test That May Predict Responders to Checkpoint Inhibitor Therapies

Posted by fidest press agency su domenica, 27 ottobre 2019

Calviri, Inc., a start-up focused on ending deaths from cancer through unconventional approaches to diagnostics and vaccines, was recently awarded a $300,000 Phase I grant through the Small Business Innovation Research Program (SBIR) at the National Cancer Institute (NCI). This one-year grant will support the development of a new test for establishing whether a cancer patient’s tumor has high microsatellite instability (MSI-H). This is important because MSI-H status is associated with very favorable responses to checkpoint inhibitor immunotherapies.
Calviri’s research is centered on the discovery of a new source of neoantigens produced by tumor cells. Instead of point mutations in DNA, Calviri focuses on frameshift (FS) variants produced through errors in RNA processing, such as mis-splicing. Calviri has demonstrated that these frameshifted peptides are a rich source of highly immunogenic neoantigens. Since there are a limited number of possible FS peptides, they can be predicted and produced in-situ on arrays manufactured by the company’s proprietary process. Studies indicate that MSI-H patients produce many more immune responses specific to the FS peptides than microsatellite stable (MSS) patients. The product in development will identify and quantify those FS neopeptides that are made by a patient’s tumor and recognized by their blood-antibodies. Currently MSI status is determined by sequencing defined genes of tumor cells. This depends on obtaining sufficient tumor tissue for DNA sequencing protocols. Under this SBIR grant, Calviri will determine whether the FS peptide arrays can readout microsatellite instability status from a drop of blood. The study will be conducted with blood samples from colon and endometrial cancer patients to assess if the same FS array can determine MSI status for more than one cancer. Calviri expects to report study results in early 2020.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Autonomous-driving Technologies Incorporated in New xAUTO Test Vehicle

Posted by fidest press agency su giovedì, 24 ottobre 2019

Mitsubishi Electric Corporation (TOKYO: 6503) announced today that it would exhibit the latest version of the xAUTO, a vehicle capable of autonomous driving on surface roads without high-definition maps and autonomous parking both indoors and outdoors, during the 46th Tokyo Motor Show 2019 at the Tokyo Big Sight exhibition complex from October 24 to November 4. The xAUTO is a demonstration car that incorporates Mitsubishi Electric’s cutting-edge technologies for autonomous driving.Mitsubishi Electric’s autonomous driving system is realized with sensor-fusion technologies implemented with peripheral sensors, millimeter-wave radar and cameras, etc. as well as infrastructure-assisted technologies incorporating Centimeter Level Augmentation Service (CLAS) signals from the Quasi Zenith Satellite System and high-definition three-dimensional maps. The system, which is now capable of driving on surface roads without high-definition maps and autonomous parking both indoors and outdoors, has been tested on actual surface roads near Tokyo’s waterfront and in the city of Tsukuba, located north of Tokyo. Going forward, Mitsubishi Electric expects to realize fully autonomous driving in designated areas (Autonomous Driving Level 4) by implementing proprietary traffic-control technologies, which are currently deployed for both railways and aircrafts, and artificial-intelligence (AI) technology, namely Maisart®.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Come funziona il test del DNA per lo sport

Posted by fidest press agency su venerdì, 11 ottobre 2019

Siamo più adatti ad attività sportive di potenza o di resistenza? A quale tipo di piccoli infortuni siamo più predisposti? Qual è il nostro tempo di recupero ideale dopo l’esercizio fisico? Sono domande a cui oggi può rispondere in modo molto preciso la genetica, analizzando il DNA estratto da un semplice campione di saliva.Per la prima volta in Italia questo tipo di test sarà disponibile in un network di ambulatori, quelli appartenenti al gruppo Cerba HealthCare, che affiancheranno all’analisi anche una consulenza specialistica. «Nelle nostre strutture – spiega infatti il CEO di Cerba HC Italia Stefano Massaro – gli atleti, amatoriali o professionisti, sono sempre seguiti da specialisti in medicina dello sport, che interpretano i dati e danno indicazioni sui programmi di allenamento personalizzato, nell’ambito di una valutazione globale del soggetto. Perché, anche quando si tratta di wellness, le competenze di tipo sanitario fanno la differenza».Oggi sono infatti diffusi test genetici in vendita online che si basano sul fai da te: ricevono i campioni per corrispondenza, analizzano un numero limitato di geni e si limitano a comunicare i risultati al cliente, che spesso non ha gli strumenti per interpretarli correttamente. Cerba HealthCare propone invece MyFitnessGenes, un test preciso al 99% che analizza 43 varianti genetiche da 34 geni, specificamente associati alle performance atletiche.Come funziona – Il test fornisce indicazioni su otto aree chiave che determinano la risposta del fisico ai diversi tipi di allenamento. Molte caratteristiche di un atleta dipendono infatti in modo significativo da fattori genetici: per esempio determinano se si è più portati per gli sport di potenza, con sforzi brevi e intensi, per quelli di resistenza, con maggiore sopportazione della fatica, o per le attività miste.
Altre varianti genetiche sono poi associate all’assunzione massima di ossigeno (VO2), che dà indicazioni sulla capacità aerobica del soggetto; al recupero e alla rigenerazione muscolare dopo l’esercizio fisico; alla necessità di ricarica di energia, con conseguente fabbisogno nutrizionale; all’incremento della massa muscolare.Non solo, la genetica ha un ruolo nella predisposizione agli infortuni a tendini, cartilagini e legamenti. «Questa è un’area alla quale i nostri specialisti di medicina sportiva riservano da sempre una grande attenzione – spiega sempre Stefano Massaro –. Il test genetico ci consente di personalizzare le raccomandazioni sugli esercizi, adottando le corrette strategie di prevenzione e migliorando le capacità di recupero delle lesioni». Per chi è utile – Conoscere la valutazione genetica del proprio potenziale atletico è utile a qualsiasi età e a qualsiasi livello di pratica sportiva. Il test si fa una volta sola nella vita e i risultati sono sempre validi, spiega Paola Frangi, responsabile diagnostica specialistica di Cerba HC: «Può ricavarne indicazioni sia un atleta di alto livello, che vuole migliorare gli allenamenti specifici e proteggersi dagli infortuni, sia chi si dedica semplicemente al fitness e desidera indicazioni utili per scegliere lo sport o la dieta più efficaci per raggiungere i propri obiettivi». Inoltre, il test può essere utile anche per bambini e ragazzi: «Non certo per predire la nascita di un futuro campione – spiega Frangi – ma per evitare di spingere il bambino, demoralizzandolo, verso uno sport che non è nelle sue corde, e proponendogli invece attività da cui potrebbe trarre più soddisfazione». Il tutto sempre facendosi affiancare dagli specialisti per una valutazione completa di caratteristiche, esigenze e obiettivi di ciascuno.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Test sui farmaci: «Attenti ai giudizi dettati da ignoranza o malafede»

Posted by fidest press agency su mercoledì, 2 ottobre 2019

«Il comparto italiano delle aziende produttrici di farmaci equivalenti guarda con grande attenzione e rispetto all’attività di controllo sui medicinali svolta dalle Agenzie Regolatorie Internazionali per garantire la massima sicurezza dei medicinali utilizzati dai cittadini. La richiesta dell’Agenzia Europea Ema di sottoporre a test precauzionali tutti i farmaci in commercio in Europa risponde esattamente a questa esigenza e dimostra che il sistema dei controlli è efficace».Enrique Hausermann, presidente Assogenerici, commenta così il dibattito scatenato in questi giorni dalla richiesta rivolta dall’Ema indistintamente a tutte le aziende produttrici di medicinali per uso umano commercializzati in Europa.
Come ben spiegato in questi giorni dall’Ema, dall’AIFA e da qualificati e indiscussi esponenti del mondo scientifico le nitrosamine sono sostanze naturalmente presenti in natura – anche nell’acqua e negli alimenti come carne e vegetali – e sono ritenute potenzialmente cancerogene se assunte in quantità elevatissime per un lungo periodo di tempo, cosa che non accade con l’assunzione delle terapie farmacologiche, anche per il trattamento continuativo nei pazienti cronici – ricorda Hausermann. – Su questa certezza – condivisa a livello internazionale – si è basata ad esempio la decisione dell’ente regolatorio statunitense, la FDA, di non invitare i pazienti a sospendere l’uso dei farmaci contenenti ranitidina.
«La scelta precauzionale dell’EMA di sospendere l’utilizzo di questo specifico principio attivo e di chiedere alle aziende di testare tutti i medicinali in commercio – prosegue il presidente Assogenerici – risponde al principio di massima precauzione e testimonia la qualità e il rigore del meccanismo dei controlli applicati a tutto il settore farmaceutico e condivisi a livello comunitario. Farmacovigilanza e attività di ispezione, verifica e analisi nel comparto farmaceutico sono in continua evoluzione: vengono ispezionati i siti produttivi, vengono seguiti test prima, durante e dopo la produzione. È proprio grazie al miglioramento continuo degli standard dei controlli che è stato possibile accendere i riflettori sul problema dei residui di nitrosamine, individuati durante una verifica di routine in stabilimenti in precedenza regolarmente autorizzati alla produzione dei principi attivi coinvolti».«Riteniamo che l’Agenzia europea dei medicinali (Ema) sia alleata delle aziende farmaceutiche nel garantire i massimi standard di qualità e sicurezza della produzione e metteremo in campo ogni sforzo attenendoci alle disposizioni dettate dall’Agenzia regolatoria», argomenta ancora Hauserman, che avverte: «Per questo ci auguriamo che l’argomento non venga sfruttato ad arte per gettare ombre sul settore o per scatenare falsi allarmi. Non possiamo accettare i commenti di chi allude ad un mercato italiano su cui si aggirano prodotti non sottoposti ad adeguati controlli o dotati di standard di qualità inferiori a quelli previsti dalla legge, tanto più che questi stessi farmaci subiscono tutti i controlli di legge per ottenere l’autorizzazione all’immissione in commercio».«Allusioni o velate insinuazioni sulla correttezza delle procedure utilizzate dai produttori – prosegue – gettano un’ombra offensiva anche sull’attività svolta dalle Agenzie regolatorie, a partire dall’Agenzia italiana del farmaco AIFA, che è invece perfettamente allineata all’EMA nell’attività di vigilanza controllo su efficacia, qualità e sicurezza dei prodotti in commercio che – vale la pena di ricordarlo – sono gli stessi in tutta Europa»
«Alla luce di quanto detto – conclude – le aziende degli equivalenti voglioni ribadire che le fake news circolate anche in questi giorni fanno più danni alla salute di qualsiasi potenziale impurezza, specie se portano alla sospensione delle terapie e invitano tutti i cittadini a documentarsi esclusivamente sui siti istituzionali competenti»

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

The first test in Cepheid’s FleXible Cartridge programme

Posted by fidest press agency su domenica, 28 aprile 2019

Planned for launch early 2019, is ResistancePlus® MG, detecting the sexually transmitted infection (STI) Mycoplasma genitalium (Mgen) and markers associated with azithromycin resistance.“The availability of ResistancePlus MG in a FleXible cartridge that runs on the GeneXpert System is a compelling and exciting extension for us,” said Colin Denver, CEO of SpeeDx. “Patients are already benefiting from Resistance Guided Therapy with our central lab tests. Now clinicians can receive resistance information even faster, to support antimicrobial stewardship and more effective antibiotic treatment decisions.”“Our new FleXible Cartridge program allows Trusted Reagent Manufacturers to develop targeted molecular tests using Cepheid’s easy-to use-cartridge.” said David H. Persing, M.D., Ph.D., Cepheid’s Chief Medical and Technology Officer. “With a global installed base of nearly 22,000 GeneXpert Systems, this technology could potentially be applied in multiple settings in which actionable treatment information is needed quickly.” Management guidelines for Mgen infection include resistance testing1-3 in response to rising rates of macrolide resistance observed with Mgen detection-only or empiric Mgen treatment.4-6 ResistancePlus® MG supports Mgen management guidelines and allows for Resistance Guided Therapy, which is clinically proven to improve cure rates by providing clinicians with much needed information to guide antibiotic treatment.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »