Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 30 n° 340

Posts Tagged ‘torino’

Leo Ortolani: Cinzia (Bao)

Posted by fidest press agency su martedì, 11 dicembre 2018

Torino Giovedì 13 dicembre, ore 21 Circolo dei lettori, via Bogino 9, presentazione del volume di Leo Ortolani su uno dei personaggi più amati e memorabili: Cinzia (Bao).Di tutti i personaggi di Leo Ortolani, geniale fumettista inventore di Rat-Man, uno dei più amati e memorabili è senz’altro Cinzia, la transessuale platinata la cui storia è raccontata in un inedito romanzo grafico, da leggere per scoprire il suo carattere, i suoi amori, la consapevolezza che ha di sé, lo spregio che serba all’ipocrisia dei perbenisti, tra pathos, comicità e musical.Un volume slegato dal mondo di Rat-Man, come spiega la scrittrice Licia Troisi nell’introduzione: «Cinzia, uno dei personaggi più epici, più forti, più amati di Rat-Man, la saga ventennale sul supereroe ratto (…), innamorata perdutamente di quel ratto, destinata a non essere mai ricambiata, Cinzia la Lucciola della Quinta strada, come ci venne presentata in quelle indimenticabili prime vignette. Era nata così, da una boutade, per avere nient’altro che lo spazio di una battuta. Era il postino che consegnava all’Eroe una copia di Topolino, e a cui Deboroh La Roccia saltava al collo baciandolo. La visione di quelle inconfondibili orecchie da topo aveva indicato all’eroe la sua strada: avrebbe indossato il costume e sarebbe diventato Rat-Man, il supereroe molto sui generis della Città senza Nome». Sì, perché Cinzia è fondamentale nella storia eroica di Rat-Man, anche lei eroina, avvolta in una pelliccia sintetica e fasciata da pantaloni leopardati, il suo è uno sguardo fiero e sprezzante. E la sua è una bellissima, esilarante e commovente storia.

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Bebbe Severgnini al Circolo dei lettori

Posted by fidest press agency su mercoledì, 5 dicembre 2018

Torino Venerdì 7 dicembre, ore 18 Circolo dei lettori, via Bogino 9. A distanza di vent’anni da Italiani si diventa, Beppe Severgnini torna in libreria con un’altra analisi guizzante, è Italiani si rimane (Solferino), viaggio dentro il cambiamento, personale, professionale, nazionale dell’Italia, libro che prova una cosa: qualunque lavoro si faccia, e qualsiasi cosa succeda, dall’italianità non si sfugge. L’incontro con il giornalista, direttore di 7 – Il settimanale del Corriere della Sera, è venerdì 7 dicembre, ore 18, occasione per esplorare il nostro paese in modo ironico, sentimentale e soprattutto istruttivo, leggendo la biografia di una generazione intera.
Dalla scuola di Montanelli al Corriere della Sera, dal primo articolo per La Provincia di Cremona al New York Times, dai libri alla radio, da Twitter al teatro (entrambi utili, il secondo più moderno). In Italia e in Europa, in America e in Australia, in televisione e sui treni del mondo. In ogni esperienza si nasconde una lezione. Beppe Severgnini prova a capire qual è, e condivide con noi le sue scoperte. Una narrazione intima e sorprendente, una scrittura nuova e appassionata. Italiani si rimane non spiega solo le trasformazioni nei media a cavallo tra due secoli: parla del tempo che passa, del legame con la terra e la famiglia, del piacere di insegnare e veder crescere nuovi talenti. Questo libro arriva vent’anni dopo Italiani si diventa, dove l’autore ripercorreva l’infanzia, l’adolescenza e la prima gioventù. La sua collaudata ironia ora diventa autoironia, l’autobiografia diventa biografia di una generazione. Serenità, intuizione, occhio prensile: a Beppe Severgnini i dettagli non sfuggono.
Beppe Severgnini è nato a Crema il 26 dicembre 1956 e vive fra Crema e Milano. Ha studiato all’Università di Pavia e poi ha lavorato come corrispondente a Londra, Mosca, Washington D.C. ed è stato inviato in Europa orientale, Cina, Medio Oriente. È direttore di 7, il settimanale del Corriere della Sera, di cui è editorialista dal 1995 (e vicedirettore dal 2017). Dal 2013 è un opinion writer per The New York Times. Ha lavorato per The Economist, il Giornale di Indro Montanelli e per la Voce. È autore di sedici libri, tra cui Inglesi (1990), Un italiano in America (1995), La testa degli italiani (2005), Signori, si cambia (2015). Per la TV, ha lavorato in Italians, cioè italiani, L’erba dei vicini, Luoghi comuni, un viaggio in Italia della Rai, poi per Sky Italia e per La7. In radio, ha lavorato per BBC Radio 4, Radio2 Rai, Radio Montecar-lo e Virgin Radio.

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Francesco Piccolo: L’animale che mi porto dentro

Posted by fidest press agency su martedì, 4 dicembre 2018

Torino mercoledì 5 dicembre, ore 18 Circolo dei lettori, via Bogino 9. La sua coraggiosa indagine nella profondità del maschio – sempre che esista – è racchiusa nel nuovo L’animale che mi porto dentro (Einaudi), che l’autore racconta al Circolo dei lettori in dialogo con Martino Gozzi. Non è detto che ci piaccia tutto quello che vedremo, leggeremo, ascolteremo. In questo romanzo serio, divertente, spietato, lo scrittore narra, come solo lui sa fare, la vita di molti attraverso una sola.«Se c’è qualcosa che mi dispiace molto, se ho un dolore fisico, se ho una scadenza, se devo risolvere un tarlo interiore, se ho dei dubbi, se ingrasso, se mi colpisce un lutto molto doloroso, se faccio un incidente per strada – ignoro; ignoro tutto. Vado avanti, non voglio intoppi. Continuo». Così scrive Francesco Piccolo, nel raccontare la formazione di un maschio contemporaneo, specifico e qualsiasi. Il tentativo fallimentare, comico e drammatico, di sfuggire alla legge del branco – e nello stesso tempo, la resa alla sua forza. La lotta indecidibile e vitale tra l’uomo che si vorrebbe essere e l’animale che ci si porta dentro.Perché esiste un codice dei maschi; quasi tutte le sue voci sono difficili da ripetere in pubblico, eppure non c’è verso di metterle a tacere. Tanti anni passati a cercare di spegnere quel ronzio collettivo per poi ritrovarsi ad ascoltarlo, nel proprio intimo, nei momenti più impensati. «Dentro di me continuerò sempre a chiedermi: siete contenti di me? sono come mi volevate?»In un mondo da sempre governato dai maschi, capirli è la chiave per guardare più in là. Per questo il racconto si nutre di tutto ciò che incontra – Sandokan e Malizia, i brufoli e il sesso, l’amore e il matrimonio, l’egoismo e la tenerezza – in un andamento vivissimo ma riflessivo, a tratti persino saggistico, che ci interroga e ci risponde, fino a ridisegnare il nostro sguardo.

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Libro: Michele Bravi Nella vita degli altri

Posted by fidest press agency su lunedì, 12 novembre 2018

Torino Martedì 13 novembre, ore 21 Circolo dei lettori, via Bogino 9, presentazione del libro di Michele Bravi Nella vita degli altri (Mondadori).
Michele Bravi, musicista di grande talento, divide la sua espressione artistica tra musica, web e adesso scrittura. Il vincitore della settima edizione di X Factor, infatti, è in libreria con il romanzo d’esordio, Nella vita degli altri (Mondadori) che presenta al Circolo dei lettori martedì 20 novembre, ore 21.Attraverso cinque storie memorabili che si intrecciano, il musicista descrive il caos di un uomo smarrito nelle sue profondità. Più simile a una canzone da leggere a voce alta, scritto con una prosa ariosa, empatica, immaginifica e ritmica, racconta il viaggio di un uomo dentro la “vita degli altri” e all’interno della sua, attorcigliando narrazioni che si infrangono come uno specchio rotto e che infine si ricompongono in una progressione di azioni potenti.Quanto c’è degli altri nella nostra vita? Qual è la distanza che intercorre tra il modo in cui noi ci vediamo e quello con cui gli altri ci guardano? Domande che riguardano il gioco degli specchi e che prendono forma in questo romanzo, che racconta, con una consapevolezza e una poesia inedite, i temi dell’identità e dell’immedesimazione. Al piano terra di una palazzina di cemento squadrata c’è la panetteria del signor Bisacco. L’odore del suo pane si infiltra tra le fessure strette dell’intonaco crettato e gli spiragli degli infissi da sostituire, profumando e amalgamando la vita delle persone che abitano il condominio. L’edificio ha cinque piani e accoglie e racconta molte storie. Quella di Angelo, un uomo spaventato che vive la sua passione per la fotografia con gravità e sofferenza. Quella della signora Vera, che viene da Padova ma sogna Parigi e lussi impossibili. Di Achille, un uomo complesso che cerca nel cibo la sua vendetta contro il mondo. Quella della signorina Eco, la cui bellezza nasconde una sottile punta di coraggio verso la vita.

Posted in Cronaca/News, Fidest - interviste/by Fidest, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Mostra fotografica di Massimiliano Camellini

Posted by fidest press agency su giovedì, 25 ottobre 2018

Torino Opening giovedì 17 gennaio, ore 19, (18 gennaio – 17 febbraio 2019) Bookshop Fondazione Sandretto Re Rebaudengo via Modane, 16 mostra fotografica di Massimiliano Camellini Ore 18.00, l’orario è finito. E’ un progetto fotografico realizzato da Camellini all’interno degli spazi dell’ex Cotonificio Leumann di Collegno (Torino) dal 2010 al 2012, e curato da Lorand Hegyi; il lavoro è stato esposto, a partire dalla sua prima presentazione al MIA (Milan Image Art Fair) del 2013, nell’ambito del Festival Fotografico Europeo 2013 presso il Museo del Tessile di Busto Arsizio, all’interno della rassegna Italian Nostalgia presso il Museo della Fotografia di Seoul nel 2014 ed è stato oggetto della mostra “La suite du temps” organizzata dal MAMC – Museo d’Arte Moderna e Contemporanea di Saint Etienne nel 2015; il progetto ora finalmente approda a Torino, territorio di partenza di questa ricerca, da un punto di vista iconografico ma anche emotivo e storico. Il luogo all’interno del quale si è sviluppato il lavoro di Massimiliano Camellini è l’antico Cotonificio Leumann di Collegno, in provincia di Torino, al centro dell’innovativo villaggio operaio che l’industriale Napoleone Leumann fece costruire attorno all’opificio tra fine Ottocento e inizio Novecento: un esperimento imprenditoriale illuminato che si faceva carico della riproduzione delle stesse risorse sociali sulle quali la fabbrica incideva.Il progetto fotografico racconta la fine dell’era industriale in Europa, l’epilogo di un sogno basato sull’espansione manifatturiera e il suo welfare e che a suo tempo non aveva fatto i conti con la globalizzazione.Le immagini sono state realizzate dal 2010 al 2012, e raccontano la presenza dei lavoratori che hanno vissuto la fabbrica e che l’hanno lasciata varcando per l’ultima volta quei cancelli nell’aprile del 2007, quanto fu chiusa per sempre. Ogni cosa era stata lasciata al suo posto, quasi a significare che la cessazione dell’attività fosse stata improvvisa. Le immagini ricostruiscono l’ultimo giorno di lavoro, quel momento dove la fine dell’orario lavorativo (18.00) ha coinciso con la fine di un’epoca. http://www.massimilianocamellini.org

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Il libro che descrive la Torino di 100 anni fa

Posted by fidest press agency su domenica, 21 ottobre 2018

Torino lunedì 29 ottobre alle 16 nella Sala Consiglieri di Palazzo Dal Pozzo della Cisterna, in via Maria Vittoria 12 sarà presentato il libro “La Grande Guerra e il Consiglio provinciale di Torino”, curato da Maria Valeria Galliano, che fa parte del direttivo della Consulta permanente dei Consiglieri e amministratori della Provincia e della Città metropolitana di Torino. Il volume, uscito per i tipi delle Edizioni SGI Torino, ripercorre i dibattiti e i provvedimenti del Consiglio Provinciale durante lʹamministrazione di guerra, che iniziò prima dell’entrata dell’Italia nel conflitto, nel 1914, protraendosi sino al 1920. Il confronto nell’assemblea è inserito nello scenario delle vicende belliche e delle loro conseguenze sulla vita socio-economica italiana e di Torino in particolare, fino alle soglie dell’avvento del regime fascista. Nei sei anni dell’amministrazione di guerra in Consiglio si discussero temi amministrativi, ma anche sociali ed economici: l’aumento dei prezzi, l’adeguamento degli stipendi dei dipendenti dell’Ente, la carenza di cibo, l’insufficiente distribuzione della farina e del pane, la scarsa qualità delle derrate alimentari, la mortalità infantile, l’arrivo di bambini profughi dal Friuli, le prospettive educative e formative della scuola.In Consiglio riecheggiava lo scontro tra nazionalisti e interventisti da una parte e socialisti e neutralisti dall’altra. L’assemblea era presieduta da Paolo Boselli, Presidente del Consiglio tra il giugno del 1916 e l’ottobre del ’17. A sinistra sedevano il leader sindacale socialista riformista Bruno Buozzi e il massimalista Francesco Barberis. Si discuteva delle visite a Torino del presidente statunitense Thomas Woodrow Wilson e di una delegazione dei bolscevichi che avevano da poco rovesciato il Governo di Aleksandr Fëdorovič Kerenskij, il quale, dopo la caduta delregime zarista, aveva guidato la Russia per alcuni mesi. Si discuteva anche dei tumulti della Settimana Rossa, della militarizzazione della produzione industriale, del nuovo ruolo delle donne nel mondo del lavoro, degli scioperi per il pane, dell’influenza “Spagnola” e del suo mortifero dilagare. Il libro è il ritratto di un’assemblea di carattere amministrativo, ma di grande peso e valenza politica.

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Fiera Libro Arte Torino

Posted by fidest press agency su sabato, 13 ottobre 2018

Torino dal 2 al 4 novembre 2018 nello spazio La Centrale del nuovo complesso Nuvola Lavazza – presenta il suo programma di incontri, una serie di conversazioni, talk, performance, workshop, presentazioni di libri d’arte e d’artista.Prendono parte agli incontri 30 artisti, designer, curatori, professionisti ed esperti del mondo dell’arte e dell’editoria internazionale selezionati da Francesca Valentini, ricercatrice e curatrice esperta di pubblicazioni d’arte e d’artista basata a Bruxelles: il programma di incontri di FLAT vuole fare il punto sulla rilevanza del libro come oggetto, mezzo e strumento per l’arte, la sua distribuzione e diffusione. FLAT ha invitato esperti e professionisti del settore di diverse generazioni e provenienze geografiche che con il loro lavoro, la loro esperienza e la loro testimonianza contribuiscono a indirizzare, plasmare, diffondere pratiche innovative e di valore legate alla creazione, alla diffusione, alla circolazione delle pubblicazioni d’arte e d’artista.
I partecipanti sono Alfonso Artiaco, Lindsay Aveilhé, Alessandra Bonomo, Valentina Bonomo, Antonio Brizioli, Bernhard Cella, Nicola De Maria, Liliana Dematteis, Dirk Dobke, Achille Filipponi, Richard Flood, David Grosz, Hammann von Mier (Stefanie Hammann and Maria von Mier), Jurczok 1001, Luca Lo Pinto, Hansjörg Mayer, Danilo Montanari, Silvia Ponzoni, Björn Roth, León Muñoz Santini, David Senior, Femke Snelting, Ken Soehner, Bruno Tonini, Chris Vacchio, Elena Volpato, Martha Wilson, Adachiara Zevi, Matthew Zucker.

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Il Circolo dei lettori ospita Andrea Pomella

Posted by fidest press agency su domenica, 7 ottobre 2018

Torino Mercoledì 10 ottobre, ore 18 Circolo dei lettori, via Bogino 9 il Circolo dei lettori ospita Andrea Pomella. L’autore di L’uomo che trema (Einaudi) dialoga con Fabio Geda, scrittore. Autore delle monografie su Caravaggio e su Van Gogh, per Editrice Musei Vaticani 2007, dei romanzi Il soldato bianco (Aracne 2008) e Anni luce (Add 2018), Andrea Pomella torna in libreria con un memoir di una potenza rara. L’uomo che trema (Einaudi), storia della depressione di un giovane uomo, o meglio è la storia di un giovane uomo che guarda il suo male in faccia per cercare di capire più che può.
Per capire la malattia, Pomella utilizza tutte le armi che ha in possesso: l’intelligenza, la forza delle parole, la letteratura, l’arte, la musica, l’ironia, la memoria. L’uomo che trema racconta, s’inoltra nel dirupo della vita di tutti i giorni, non si ferma davanti a niente. Se la sua storia è simile a quella di undici milioni di persone nel nostro Paese, il suo modo di rivelarla non ha molti paragoni.L’uomo che trema racconta, guarda la sua malattia come se fosse un corpo estraneo, lo viviseziona, cerca di capire qualcosa d’importante, e di farcelo capire. È in gioco il senso di tutto, per lui, che sa che più si è depressi «più le cose si fissano nell’attesa di farsi ghiaccio», come scriveva Cioran. E, in un certo senso, la sua cronaca è di ghiaccio. Proprio per questo emoziona nel profondo.Le reazioni del corpo e della psiche alle aggressioni chimiche dei farmaci, la paura, i vari incontri con gli psichiatri, il rapporto con la compagna e con il figlio costretti a convivere con i tumulti della malattia. Le corse per le vie di Roma, le passeggiate nei luoghi di Giuseppe Berto, autore de Il male oscuro.E, al culmine della sofferenza, l’appuntamento che riporta in vita un antico fantasma di famiglia, il padre ripudiato. Uno spiraglio di luce, la possibilità di pronunciare, forse, la parola «guarigione».Leggere questo libro significa immergersi nel mondo di un altro fino a sentirlo completamente tuo. Significa seguire passo dopo passo, con i sensi in allerta, il percorso da una condizione di dolore assoluto a una condizione nuova e possibile. Significa, letteralmente, essere rapiti. Perché a conquistarvi sarà la temperatura di ogni riga, la pasta della scrittura, l’intelligenza febbricitante, la qualità dello sguardo. In una parola: la voce dell’uomo che trema.

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Torino Japan Week

Posted by fidest press agency su sabato, 6 ottobre 2018

japan week.jpgTorino 19 ottobre in piazza Castello alle ore 16 con una cerimonia che vedrà la presenza delle autorità torinesi e giapponesi, seguita da uno spettacolo di calligrafia, percussioni, con esibizioni di danzatori e da un’esibizione di samurai.La settimana proporrà un’ampia prospettiva sui diversi aspetti della cultura giapponese; gli eventi e i numerosi gruppi in scena includono danza, musica, artigianato, ikebana, origami, esibizioni di samurai, tamburi taiko, vestizione del kimono e musica koto. Il MAO – Museo di Arte Orientale – ospiterà i workshop e le dimostrazioni, mentre al Piccolo Regio si svolgeranno gli spettacoli e i concerti.I visitatori avranno la possibilità di prendere parte alla tradizionale cerimonia del tè nella splendida cornice della Sala delle Guardie di Palazzo Madama in piazza Castello, con prenotazione sul sito. Torino Japan Week si concluderà nella serata di giovedì 25 ottobre al Piccolo Regio Puccini dove, tra gli altri spettacoli, si terrà un concerto che vedrà sul palcoscenico musicisti giapponesi e torinesi esibirsi insieme.Gli eventi, gratuiti e aperti al pubblico, si svolgeranno in alcune fra le location auliche più rappresentative di Torino come: piazza Castello; Piccolo Regio Puccini (prenotazione obbligatoria); Palazzo Madama – Sala delle Guardie (prenotazione obbligatoria); MAO/Museo di Arte Orientale, via San Domenico 11; Palazzo Barolo, via delle Orfane 7. Inoltre, si terranno alcuni scambi culturali, parte integrante del programma della Japan Week; i gruppi giapponesi si esibiranno, con accesso riservato agli ospiti e agli studenti, nelle seguenti sedi: Residenza Socio Assistenziale/RSA Carlo Alberto; Convitto Nazionale Umberto I; Istituto Europeo del Design/IED; Centro Disabili Diurno/C.A.D.D; Scuola Internazionale COMICS. Il Campus Luigi Einaudi dell’Università degli Studi di Torino ospiterà tre sessioni di scambi culturali in lingua giapponese che vedranno coinvolti gli studenti. Torino Japan Week, patrocinata dal Consolato Generale del Giappone a Milano e da ENIT, è un evento internazionale che si svolge ogni anno in una diversa città con lo scopo di promuovere attraverso la cultura giapponese le relazioni amichevoli, la comprensione reciproca e la pace. L’anno scorso la manifestazione si era svolta a Praga e nelle ultime edizioni è stata ospitata a Lione, Salamanca, Porto, Francoforte.La settimana torinese dedicata al Sol Levante è stata realizzata da IFF, dalle Relazioni Internazionali della Città di Torino con il contributo della Camera di Commercio di Torino, con il supporto di Fondazione Torino Musei, Teatro Regio, Fondazione Contrada Onlus. Sponsor dell’iniziativa sono Suzuki e Torino Outlet Village.Grazie al supporto e alla collaborazione dell’Università degli Studi di Torino, Dipartimento di Lingue e Letterature Straniere e Culture Moderne sarà possibile avvalersi anche della presenza di 56 studenti universitari che affiancheranno gli artisti e gli ospiti orientali. http://www.japanweektorino.it (foto: copyright Torino Japan Week 2018)

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Torino: Il Regio per i giovani

Posted by fidest press agency su venerdì, 5 ottobre 2018

Torino. “L’ampliamento delle iniziative rivolte ai giovani da parte della Sovrintendenza del Teatro Regio, che permetterà loro di avvicinarsi alla Stagione lirica, è una notizia confortante per chi, come me, è chiamata a ricoprire responsabilità pubbliche in campo culturale, in un’epoca complessa che ci richiede il massimo rigore.– afferma l’assessora alla cultura, Francesca Leon –. Ritengo che allargare la platea agli adolescenti, alle ragazze, ai ragazzi e in generale a tutti gli under 25, sia un ottimo investimento. Sono loro gli spettatori che coinvolgeremo oggi perché diventino quelli di domani. Offrire l’opportunità di acquistare un biglietto a 2 euro per assistere all’opera e alle rappresentazioni in cartellone permetterà di avvicinare ulteriormente i giovani alla musica con un’azione concreta già più volte sollecitata dai consiglieri comunali e sostenuta dal Ministro dei Beni e della Attività Culturali Alberto Bonisoli. Sono sicura che per la nostra città sarà un successo”.

Posted in Cronaca/News | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Convocazione consiglio metropolitano

Posted by fidest press agency su domenica, 30 settembre 2018

Torino venerdì 5 ottobre alle 10,30 nella sala del Consiglio Provinciale “Elio Marchiaro”, in piazza Castello 205. Tra i punti all’ordine del giorno:
– un’interpellanza sul tema “Quale futuro per l’area Ponte Mosca?”
– la proposta di Deliberazione sulla seconda Variazione al Documento Unico di Programmazione
– la proposta di Deliberazione sulla Quinta Variazione al Bilancio di previsione 2018-2020
– la proposta di Deliberazione sulla cessione gratuita al Comune di Perrero di parcheggi e di terreni interessati dai lavori di realizzazione della“Bealera dei Mulini”
– una proposta di ordine del giorno sul tema “Fermate del treno SFM1 a Madonna della Scala e dei treni SFM4-SFM7 a Santena Tetti Giro”
– una proposta di ordine del giorno sul tema “L’impegno della Città Metropolitana di Torino per soluzioni legali e accoglienti nella crisi dei migranti dell’Alta Val di Susa”
– una proposta di mozione sul tema “Finanziamento Bando periferie. Iniziativa urgente nei confronti del Governo”
– una proposta di mozione sul tema “Olimpiadi Invernali 2026. Iniziative a tutela del territorio e dell’economia della Città Metropolitana”
– una proposta di mozione sul tema “Fondi europei ad accesso diretto: giornata gratuita di informazione per gli amministratori del territorio”

Posted in Cronaca/News, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Torino: Tutte le novità sui blocchi del traffico in vigore dal 1° ottobre

Posted by fidest press agency su sabato, 29 settembre 2018

Lunedì 1° ottobre entrano in vigore i nuovi blocchi del traffico: quelli strutturali e quelli che scatteranno in situazioni di emergenza, incrementando le disposizioni del Protocollo padano. Lo schema è stato definito con decreto del vicesindaco metropolitano e dopo ampia condivisione dei componenti del Tavolo della qualità dell’aria. Non solo limitazioni, però: in Piemonte, grazie a un contributo del ministero dell’Ambiente integrato in parte dalla Regione, saranno disponibili incentivi per cambiare i vecchi furgoni più inquinanti.
I 33 Comuni che fanno parte dell’accordo fermeranno auto e veicoli commerciali Euro 0 (diesel, benzina, metano e Gpl) 7 giorni su 7 e h 24, mezzi in precedenza bloccati da lunedì a venerdì con orario diurno.
Le auto e i veicoli commerciali diesel Euro1, 2 e 3 saranno interdetti dal lunedì al venerdì dalle 8 alle 19: gli Euro1 e gli Euro 2 si fermeranno per tutto l’anno, gli Euro3 rimarranno bloccati dal 1° ottobre al 31 marzo dalle 8 alle 19, e questa è un’altra novità rispetto a quanto avvenuto finora, quando gli Euro3 erano bloccati solo allo scattare del semaforo arancione.
Anche i ciclomotori e i motocicli Euro 0 saranno fermi h 24, ma solo nei 6 mesi del periodo invernale. L’introduzione del blocco stabile dei diesel Euro 3 avviene in attuazione delle disposizioni previste nell’accordo padano.
Alle limitazioni stabili si aggiungono, nel solo periodo invernale, le ulteriori misure emergenziali adottate già lo scorso inverno in funzione del colore del semaforo. All’accensione del semaforo arancione, che potrà avvenire anche nelle giornate di sabato e domenica, si fermeranno in aggiunta tutti i veicoli diesel Euro 4 (ma i commerciali Euro 4 solo dalle 8.30 alle 14 e dalle 16 alle 19).
Con il colore rosso si bloccheranno con le stesse modalità anche tutti i veicoli diesel Euro5 immatricolati prima del 1° gennaio 2013 (gli Euro 5 più recenti saranno liberi di circolare) e i veicoli Euro1 benzina.
Con il semaforo viola l’orario di blocco sarà esteso per tutti dalle 7 alle 20, senza alcuna finestra.

Posted in Cronaca/News | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Job Meeting di Torino

Posted by fidest press agency su martedì, 25 settembre 2018

Torino Giovedì 27 settembre dalle 9.00 alle 17.00 Etjca parteciperà al Job Meeting di Torino, presso il Palazzetto dello Sport – Parco Ruffini in Vial Bistolfi, 10. Il Job Meeting di Torino, giunto alla sua XV edizione, è un momento importante di informazione e orientamento al lavoro che permetterà a laureati e laureandi del Piemonte e delle regioni limitrofe di entrare in contatto diretto con aziende nazionali ed internazionali e di conoscere i programmi disciplinari proposti dalle più prestigiose Business School. Un’opportunità unica per coloro che sono alla ricerca di uno stage curriculare o di un impiego a lungo termine. Durante il Job Meeting, i partecipanti potranno usufruire gratuitamente dei servizi di orientamento e consulenza professionale. Inoltre, per la prima volta, attraverso la Job Meeting eXperience, sarà possibile individuare le proprie soft skill, ovvero le competenze trasversali ritenute fondamentali da parte delle grandi aziende ai fini dell’assunzione.I partecipanti potranno mettersi in contatto con le realtà del territorio, sostenere colloqui, mettere in luce le proprie qualità e consegnare il proprio CV direttamente allo stand di ETJCA. Numerose le opportunità di lavoro offerte dall’agenzia che, in questo caso per il Piemonte, ricerca figure come junior developer, impiegati amministrativi per il controllo di gestione, montatori meccanici e conducenti di autobus (tutte le posizioni aperte sono disponibili sul sito http://www.etjca.it).

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Valeria Fioretta Se tu lo vuoi (Piemme)

Posted by fidest press agency su domenica, 16 settembre 2018

Torino Mercoledì 19 settembre, ore 18 Circolo dei lettori, via Bogino 9 Valeria Fioretta Torinese, classe 1982, marketing manager, fidanzata, mamma. Dal 2013 Valeria Fioretta gestisce con successo e soddisfazione il blog gynepraio.it dove scrive soprattutto di relazioni, shopping e, in tempi più recenti, di maternità. L’amicizia è il tema centrale del suo romanzo Se tu lo vuoi (Piemme), storia di una donna con molte domande e di una bambina con tutte le risposte e di un rapporto di sorellanza in grado di curare anche il cuore più ammaccato. La presentazione al Circolo dei lettori mercoledì 19 settembre, ore 18, con l’autrice dialoga Enrica Tesio, anche lei blogger e scrittrice torinese. Se tu lo vuoracconta infatti di Margherita, ragazza con un ottimo lavoro, una folta schiera di amiche e un fidanzato con tutte le carte in regola per diventare Quello Giusto. Almeno fino al giorno in cui Quello Apparentemente Giusto la lascia senza una spiegazione, dopo sei mesi di amore folle (almeno da parte di lei), dopo averla costretta a sorbire centrifughe e tisane di ogni tipo, a rinunciare al cioccolato e ad annullare la parte più divertente di se stessa per cercare di conquistarlo ogni giorno. Sola e disperata, Margherita decide di trascorrere agosto a Torino per la prima volta da sempre. Ed è assolutamente per caso che si imbatte nella pubblicità di una onlus che aiuta i genitori costretti a lavorare d’estate a trovare compagnia gratuita per i propri figli.
Così conosce Elisabetta, nove anni, intelligente, timidissima e un po’ troppo abituata alla solitudine, che con le sue battute sagaci e l’innocenza che hanno solo i bambini le mostra il suo dolore sotto una luce totalmente nuova. In un’estate torinese che non avrebbe mai pensato di vivere e di potersi godere, tra picnic sul lungo Po, lezioni di frisbee, gelati al limone e libri che possono curare le ferite, Margherita ed Elisabetta costruiranno un legame molto più speciale di quanto potessero sospettare e, forse, riusciranno anche a scovare Quello Giusto Davvero per Margherita. Ingresso libero fino a esaurimento posti disponibili.

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Nuova stagione cinematografica dell’Associazione Piemonte Movie

Posted by fidest press agency su mercoledì, 12 settembre 2018

Torino venerdì 14 settembre 2018 alle 20.30 al Cinema Massimo è in programmazione il documentario del regista torinese Max Chicco, Dancing Paradiso. Il documentario del regista torinese è prodotto dalla casa torinese Meibi. Racconta del Dancing Paradiso, sala da ballo aperta negli anni Settanta a Basta di Mondovì (Cn). Una storia di provincia – quella italiana che negli anni Settanta conosceva un improvviso benessere e i suoi abitanti volevano sperimentare la modernità – in cui Paola è la protagonista assoluta, matrona di un mondo notturno al quale il Dancing Paradiso e la sua proprietaria offrivano improvvisamente accesso.
Un pubblico che toccare la leggerezza e l’entusiasmo di chi volendo “Rendere felici le persone” ha fatto del Dancing Paradiso il suo regno, di cui era regina e prigioniera al tempo stesso. “Le espressioni che Paola utilizza per definirsi donna finalmente libera” riflette il regista Max Chicco “alle nostre orecchie descrivono la realtà di soggiogazione femminile e bieco maschilismo che le campagne italiane faticavano a lasciarsi alle spalle, nei primi anni di “modernità”. Ma lasciano spazio a un dubbio: sarà forse che, spinta dal politically correct e dalle isterie collettive, la nostra società ha irrimediabilmente perso la sua leggerezza?”

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Mostra dedicata ad Antoon van Dyck

Posted by fidest press agency su giovedì, 6 settembre 2018

Torino Il 16 novembre 2018 presso i Musei Reali di Torino, nelle Sale Palatine della Galleria Sabauda apre al pubblico la straordinaria mostra dedicata ad Antoon van Dyck (Anversa, 1599 – Londra, 1641), il miglior allievo di Rubens, che rivoluzionò l’arte del ritratto del XVII secolo.Personaggio di fama internazionale e amabile conversatore dallo stile ricercato, Van Dyck fu pittore ufficiale delle più grandi corti d’Europa ritraendo principi, regine, sir e nobildonne delle più prestigiose famiglie dell’epoca.
Per la prima volta, la mostra Van Dyck. Pittore di corte – attraverso un percorso espositivo che si dispiega in quattro sezioni e oltre 50 opere – intende far emergere l’esclusivo rapporto che Van Dyck ebbe con le corti più autorevoli – italiane ed europee – per le quali dipinse innumerevoli ritratti, capolavori unici per elaborazione formale, qualità cromatica, eleganza e dovizia nella riproduzione dei particolari, soddisfacendo le esigenze di rappresentanza e di status symbol delle classi regnanti: dagli aristocratici genovesi ai reali di Torino, dall’arciduchessa Isabella alla corte di Giacomo I e poi quella di Carlo I d’Inghilterra.
La mostra è organizzata dal Ministero dei Beni e delle Attività Culturali, Musei Reali di Torino e Gruppo Arthemisia, con il patrocinio della Regione Piemonte e della Città di Torino.
La cura dell’esposizione è affidata ad Annamaria Bava e Maria Grazia Bernardini e a un prestigioso comitato scientifico, composto da alcuni tra i più noti studiosi di Van Dyck quali Susan J. Barnes, Piero Boccardo e Christopher Brown.

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Torino Spiritualità XIV edizione

Posted by fidest press agency su sabato, 1 settembre 2018

Torino martedì 4 settembre alle ore 11.30 al Circolo dei lettori conferenza stampa di Torino Spiritualità. «Preferisco di no». E’ il tema della XIV edizione, in programma dal 26 al 30 settembre, dedicata al no che punge le coscienze, che apre invece di chiudere, che non si nasconde nel gregge e non ringhia con il branco. Intervengono Massimo Bray, Presidente Fondazione Circolo dei lettori, Maurizia Rebola, Direttore Fondazione Circolo dei lettori, Armando Buonaiuto, Curatore Torino Spiritualità. Saluti istituzionali di Antonella Parigi, Assessora Cultura e Turismo Regione Piemonte, Francesca Leon, Assessora Cultura Città di Torino, Walter Barberis, Componente del Consiglio Generale Compagnia di San Paolo e Teresio Barioglio, Responsabile Attività Istituzionale Fondazione CRT.

Posted in Cronaca/News | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Quanto non si dice: “Un serpente per amico”

Posted by fidest press agency su mercoledì, 22 agosto 2018

Giorni fa abbiamo ricevuto in redazione un comunicato emesso dall’Ufficio stampa della città Metropolitana di Torino circa il ritrovamento e in seguito la cattura di un serpente in via Ugo Foscolo a Torino. Per la circostanza abbiamo deciso di non farne una notizia da rilanciare in tempo reale ma di trarne un motivo di riflessione. D’altra parte la capitale piemontese già in passato è stata interessata dalla presenza di serpenti e quindi sotto questo profilo non è stata per noi una grossa novità. Nella fattispecie il serpente di medie dimensioni è stato individuato da una signora, verso sera, mentre stava per infilarsi in un tombino presente nel marciapiede. Passato il primo momento di sorpresa si è fatto premura d’avvisare subito la polizia municipale che a sua volta ha chiesto l’intervento degli esperti del servizio di tutela della fauna. Costoro prontamente intervenuti hanno, per prima cosa, sigillato il tombino per evitare che l’animale potesse sfuggire. Il giorno successivo, di buon’ora, hanno catturato il serpente.
E’ quasi sicuramente un Colubro di Esculapio (Elaphe longissima), animale autoctono non pericoloso comune anche in città, che presenta le caratteristiche morfologiche tipiche della specie ma ha una livrea inusuale; per questa ragione verrà studiato da esperti erpetologi. A corredo della notizia il cronista ci ha informati che “I serpenti sono animali carnivori che, a eccezione della vipera che non si trova in città, sono innocui e molto utili perché contribuiscono a tenere sotto controllo la popolazione dei topi tanto che s’invita la cittadinanza di non tentare di ucciderli ma semmai di rivolgersi agli agenti faunistico-ambientali e/o ai sanitari del Centro animali non convenzionali dell’Università di Torino.
Questo è il fatto. La nostra riflessione è che la natura ha saputo ben calibrare la presenza di animali sulla terra con la sua catena alimentare ma anche che l’uomo in mille modi si è ingegnato di spezzare in più punti questo equilibrio faunistico terrestre, degenerandolo. Nel nostro caso il serpente mangia i topi e sappiamo bene quanti ve ne siano in specie nelle periferie delle metropoli. Abbiamo usato, in alternativa, veleni e trappole ma il risultato è stato sino ad ora molto deludente. Ci verrebbe solo da ridere se volessimo suggerire, ad esempio, ai sindaci di Roma, Napoli, Palermo e Milano ecc. d’introdurre nelle loro città una folta colonia di serpenti e d’adottare una nuova segnaletica stradale per avvisare gli automobilisti di un possibile passaggio di serpenti come si fa per le mucche in montagna. Ma è proprio il caso per una risata? (Servizio Fidest)

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

“300mila euro nel bilancio della Città metropolitana per la diagnostica e il monitoraggio di tutte le strutture del territorio”

Posted by fidest press agency su giovedì, 16 agosto 2018

Torino “In questo momento di grande sgomento e dolore per la tragedia di Genova è importante rassicurare la popolazione e ribadire da parte nostra che è necessaria una nuova stagione di investimenti in merito alla diagnostica innovativa sui manufatti esistenti, in modo da programmare risorse certe per la loro manutenzione”. Il consigliere metropolitano con delega alle infrastrutture e ai lavori pubblici Antonino Iaria interviene per evitare che si creino falsi allarmi su strutture di proprietà della Città metropolitana, come ad esempio il viadotto noto come ponte Preti di Strambinello sulla strada provinciale 565. “Il ponte Preti è una struttura ben diversa dal ponte dell’autostrada A10 crollato oggi a Genova, perché è un ponte ad arco in cemento armato normale e non precompresso, ed è una struttura monitorata in continuo dal nostro servizio Viabilità”.
“La Città metropolitana di Torino” aggiunge Iaria “ha messo in bilancio nel 2018 circa 300mila euro a questo scopo e sta avviando la gara pubblica per l’affidamento dei servizi di diagnostica e monitoraggio non solo del ponte Preti, ma anche di tutte le altre strutture edilizie e viarie di sua competenza nel territorio metropolitano. Stiamo anche lavorando” conclude il consigliere “con la Commissione Bilancio e Lavori pubblici del Consiglio metropolitano per chiedere maggiori risorse per questi settori”.

Posted in Politica/Politics, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Torino capitale mondiale di Climathon 2018

Posted by fidest press agency su giovedì, 2 agosto 2018

Sarà la città di Torino il main stage 2018 di Climathon, la maratona mondiale di 24 ore organizzata da Climate-KIC, che si terrà il 26 ottobre prossimo con l’obiettivo di attivare i cittadini per raccogliere proposte per contrastare i cambiamenti climatici e rendere le nostre città sempre più sostenibili.L’appuntamento promosso da Climate-KIC, la più importante partnership europea pubblico-privata di imprese, Università e Centri di ricerca che raccoglie idee per contrastare i cambiamenti climatici attraverso l’innovazione, ha già raccolto l’adesione di molti centri urbani. L’edizione del 2018 è di particolare rilievo per il nostro Paese, che avrà per la prima volta l’onore di ospitare la sede principale dell’evento a livello mondiale, a Torino.
Per tutte le città che vogliano realizzare un Climathon c’è tempo fino al 15 agosto per formalizzare l’iscrizione. Possono candidarsi amministrazioni locali, università, centri di ricerca, enti privati, associazioni, fondazioni: è sufficiente accedere al sito ufficiale e compilare la scheda d’iscrizione.Climathon è il più grande hackathon dedicato alla creazione di soluzioni innovative per arginare gli effetti del clima che cambia. Le città, grandi o piccole, distribuite in tutti i continenti, lanciano la sfida che sta loro particolarmente a cuore, come per esempio ridurre il traffico, aumentare gli spazi verdi, migliorare l’efficienza energetica e ridurre lo spreco di risorse. Sta ai cittadini, agli innovatori, agli studenti, agli imprenditori, ai ricercatori, agli sviluppatori, ai policy maker, ai professionisti e ai semplici appassionati raccoglierla e proporre una soluzione, nelle 24 ore di durata della manifestazione.Un team di esperti aiuterà le diverse squadre a rendere fattibile l’idea iniziale che, allo scoccare della 24esima ora, dovrà essere presentata alla giuria, che selezionerà la vincitrice.
Ad oggi le città già iscritte sono 75, e rappresentano tutti e cinque i continenti. Ci sono le maggiori metropoli europee: Londra, Parigi, Amsterdam, Atene, Monaco, Stoccolma, Lisbona, Dublino, Riga, ma si segnalano anche Montreal, San Francisco, Indianapolis, Huancayo (Perù), Puebla (Messico). In crescita le adesioni dall’Africa e dall’Asia con Abuja (Nigeria), Khartoum (Sudan), Rabat (Marocco), Nuova Delhi (India), Suzhou (Cina), Karachi (Pakistan); folta anche la rappresentanza di Australia e Nuova Zelanda, con Sidney, Melbourne, Perth, Adelaide, Wellington.
In Italia hanno già aderito a Climathon, tra le altre, le città di Torino, Ferrara, Genova, Lecce, Matera, Pesaro, Salerno e Carpi (Modena).

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »