Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 33 n° 244

Posts Tagged ‘tosca’

Teatro: Tosca e altre due

Posted by fidest press agency su domenica, 29 dicembre 2019

Roma Da martedì 7 fino a domenica 12 gennaio 2020, al Teatro Belli di Piazza di Sant’Apollonia, 11 in Trastevere, Dal martedì al sabato h. 21,00 – Domenica h, 17.30 Int. € 18,00 – Rid € 13,00 andrà in scena “Tosca e altre due”, con Cinzia Massironi e Elisabetta Spinelli, dirette da Raffaella Morelli. La storia, portata in scena per la prima volta al teatro Valle nel 1986, è ispirata dall’opera lirica “Tosca” di Giacomo Puccini. Franca Valeri, ha immaginato un’opera dentro l’opera, un ironico racconto, che si svolge nella portineria di Palazzo Farnese, fra la guardiana e la moglie del boia, mentre al piano nobile si consuma la tragedia della cantante Tosca e del suo amante, il pittore Cavaradossi. La regia di Raffaella Morelli, che decide di riportare in scena il testo, anche in occasione del prossimo centenario della Valeri, accompagna lo svolgimento dell’azione, sposando le istanze dei due personaggi e cercando di restituire alla storia tutta la sua umanità. Nei due ruoli di Emilia, la portinaia e di Iride, ex-attricetta di dubbi costumi, Cinzia Massironi e Elisabetta Spinelli, danno vita a una memorabile coppia di personaggi femminili, che in una scoppiettante alternanza di battute, richiama lo spirito della commedia dell’Arte. Lo spettacolo che si avvale dell’elegante e preziosa collaborazione della scenografa e costumista Lilia Rossi e delle raffinate luci di Alessio Pascale, sarà arricchito dal contributo delle video proiezioni di Tancredi Capucci, Emma Corazzi e Enrico Zaccheo, con l’amichevole partecipazione di Enzo Curcurù. Come molti sanno, la Tosca è l’opera lirica più famosa di Giacomo Puccini. Una storia d’amore e di morte che si consuma a Roma nel giugno del 1800, all’indomani del fallimento della Repubblica Romana di Napoleone, quando lo Stato Pontificio sostenuto dall’esercito borbonico, rastrella la città catturando i partigiani della Repubblica. In questo contesto, il pittore bonapartista Mario Cavaradossi e la sua amante Floria Tosca, incrociano Cesare Angelotti, patriota fuggito dalle carceri del Papa. Sulle
tracce del fuggiasco c’è però anche il capo della Polizia Pontificia, il barone Scarpia, anch’egli innamorato della bella Tosca che approfittando della situazione, non perde l’occasione per cercare di sedurla. L’opera drammatica finisce in tragedia, come ogni tragedia che si rispetti: muore il fuggiasco, muore il cattivo per mano della bella, muore il pittore e, dulcis in fundo, muore anche Tosca suicida. Una storia che conosciamo tutti, rappresentata centinaia di volte in tutto il mondo. Ma quella che molti non conoscono è la storia di “Tosca e altre due”. Il testo nasce dalla colta e raffinata comicità di Franca Valeri, che per un momento ha immaginato ciò che accadeva nella portineria di Palazzo Farnese, dove, nel corso di una lunga notte, facevano amicizia la custode Emilia e la Iride, moglie del boia. Una coppia sui generis che spia e origlia i piani alti dell’aristocrazia, dove la vicenda di Tosca andava assumendo sempre più toni tragici. In questo scenario le due donne parteggiano accanitamente, l’una per il cattivo barone Scarpia e l’altra per la sventurata Tosca.

Posted in Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Teatro: TOSCA 托斯卡

Posted by fidest press agency su venerdì, 19 ottobre 2018

Shanghai 2018.10.20-21 19:30 地点|Luogo: 上海大宁剧院(上海市静安区平型关路1222号)Daning Theatre, N.1222 Pingxingguan Road, Jing’an District, Shanghai.
La produzione dello spettacolo è a cura dell’agenzia di promozione musicale WEOPERA che ha coordinato l’allestimento con la Fondazione Teatro “Carlo Felice” di Genova. Esecuzione musicale della Nuova Orchestra Scarlatti con la partecipazione del Coro Lirico Siciliano.
Quest’opera fa parte del programma della 20° edizione del China Shanghai International Art Festival con il supporto dell’Istituto Italiano di Cultura di Shanghai.Tosca trova forse il suo apice il genere del melodramma romantico, ricco di complicazioni passionali e colpi di scena. La sanguigna gelosia della cantante Tosca, la perfida prepotenza del poliziotto Scarpia, la generosa passione amorosa e politica dell’artista Cavaradossi, sullo sfondo grandioso e già decadente della Roma di inizio Ottocento, tra rivoluzione francese, reazione controrivoluzionaria e era napoleonica.Questi gli elementi a tinte forti su cui si innesta la musica fine Ottocento di Giacomo Puccini, che da una dramma del francese Victor Sardou ricava quest’opera ricca di pathos e di tensione, culmine e pietra tombale del melodramma italiano, impreziosita da arie celebri come E lucevan le stelle, Vissi d’arte, Recondita armonia, rimaste fino a oggi tra le musiche più popolari per il pubblico di tutto il mondo.
10月20-21日,由意大利剧作家路易吉·伊利卡和朱塞佩·契亚克萨编剧,普契尼作曲的经典歌剧《托斯卡》将在上海大宁剧院上演。本次演出由我们歌剧制作控股有限公司引进,由热那亚卡洛·费利切歌剧院制作舞台布景,邀请新斯卡拉蒂交响乐团 、西西里合唱团联袂呈现。本场演出也被列为第二十届上海国际电影节演出剧目,得到了意大利驻沪总领事馆文化处的大力支持。
《托斯卡》或许是浪漫爱情歌剧类型里的巅峰之作,各种情感纠葛,矛盾冲突,高潮迭起。本剧以十九世纪初的意大利罗马为背景,此时的罗马看似壮丽辉煌,实则虚弱腐朽,在法国大革命、抗争运动与拿破仑统治等多方力量的相互角力之下动荡不安,正是此时各色主人公登场:女歌手托斯卡的深情刚烈;警察斯卡皮亚的恶毒阴险、恃强凌弱;画家卡瓦拉多西的温柔多情、一腔热血……无一不给人留下了深刻的印象。
除了这些浓墨重彩的戏剧元素外,还有意大利作曲家普契尼于十九世纪末创作的音乐、法国剧作家维克多·萨尔杜的同名戏剧为基础,共同构成了《托斯卡》这部充满人性感动与戏剧张力的经典之作,它被认为是意大利歌剧的巅峰也是谢幕,贯穿其中的多首著名咏叹调唱段:《今夜星光灿烂》、《为艺术为爱情》、《奇妙的和谐》等,时至今日在全球最受欢迎的音乐中仍有一席之地。

Posted in Estero/world news, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Capodanno a Roma: anche Tosca al Circo Massimo

Posted by fidest press agency su giovedì, 28 dicembre 2017

Circo MassimoRoma 31 dicembre al Circo Massimo, dal titolo 201∞ ROMA ILLUMINA L’INFINITO, anche la cantante Tosca, che si esibirà in un inedito omaggio alla canzone popolare e d’autore romana, insieme alle performance de La Fura dels Baus.
Un grande evento pubblico che accompagnerà per 24 ore, dalle ore 21.00 del 31 dicembre 2017 fino alle ore 21 dell’1 gennaio 2018, il Capodanno di cittadini e turisti di ogni età, con il coinvolgimento di 1.000 artisti provenienti da tutto il mondo e un programma di oltre 100 performance, eventi e spettacoli su un’area pedonale che va da Piazza dell’Emporio a Ponte Garibaldi, coinvolgendo il Giardino degli Aranci e il Circo Massimo fino alla Bocca della Verità.
Si inizia alle 21.00 con La Sveglia dei Gladiatori Live con Geppo e Ignazio Failla, versione live del celebre programma di Dimensione Suono Roma, che darà il via alla serata intrattenendo il pubblico con musica, gag e allegria fino all’arrivo in scena degli ospiti internazionali: La Fura dels Baus. Per la prima volta La Fura dels Baus ospiterà all’interno del suo racconto una artista italiana, Tosca, e per la prima volta omaggerà la Capitale con uno spettacolo sensazionale, dedicato e realizzato in stretta collaborazione con la città anche grazie all’intervento dei 90 performers romani (volontari, selezionati dalla stessa compagnia come accade in ogni manifestazione della compagnia catalana). Per un totale di oltre 120 protagonisti coinvolti, fra attori, danzatori e figuranti che offriranno la loro energia allo spettacolo.
A mezzanotte si assisterà al countdown sul palco, e il brindisi al nuovo anno sarà accompagnato dall’accensione dopo molti anni delle nuove luci del Palatino e dell’area archeologica che si affaccia sul Circo Massimo – a cura di Acea, in collaborazione con il Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo, la Soprintendenza di Stato e la Sovrintendenza Capitolina – seguita immediatamente da uno spettacolo di fuochi d’artificio curati da Telesforo Morsani lunghi 12 minuti.
bocca della veritàI festeggiamenti proseguiranno con Dimensione Suono Roma Special Party, musica dance fino alle 02.00 con Ignazio Failla e DJ Mauro Zavadava Mandolesi e con la Vj Giulia Pallotta.
La Festa di Roma proseguirà poi ininterrottamente dalle prime ore della mattina fino alla sera dell’1 gennaio 2018 con performance, tra teatro, musica, cinema, danza, arte circense, installazioni luminose, opere scenografiche, che si estenderanno sull’area pedonale che va da Piazza dell’Emporio a Ponte Garibaldi, coinvolgendo anche la zona tra Circo Massimo e piazza della Bocca della Verità, il Giardino degli Aranci, il Teatro India, il Ponte della Scienza, il Cinema Reale e la Biblioteca Centrale dei ragazzi.
La compagnia catalana, ci stupirà con uno spettacolo lungo un’ora attraverso un viaggio virtuale tra set aerei, luci fuochi, cavalli meccanici sospesi in cielo, colori e fantasia con sorprese che riguarderanno anche il simbolo dell’evento, l’infinito, in un racconto sulla mitologia del mondo classico con una dedica inedita e speciale alla città di Roma: all’interno della colossale macchina scenica, in una situazione completamente nuova e imprevedibile, sarà protagonista la voce della raffinata interprete Tosca che interagirà (da postazioni sorprendenti) con la Fura dels Baus in un mini set di famose canzoni romane popolari e d’autore, omaggio al patrimonio musicale capitolino e alla città di Roma nella notte più lunga dell’anno. La cantante si esibirà rigorosamente dal vivo accompagnata dalla Bubbez Orchestra (Giovanna Famulari pianoforte, violoncello e voce, Massimo De Lorenzi chitarra, Ermanno Dodaro contrabbasso e chitarra).
La Festa di Roma è realizzata con il contributo di, in ordine alfabetico, l’Accademia Nazionale di Santa Cecilia, l’Associazione Teatro di Roma, l’Azienda Speciale Palaexpo, la Casa del Cinema, la Casa del Jazz, la Fondazione Cinema per Roma, la Fondazione Musica per Roma, la Fondazione Romaeuropa, la Fondazione Teatro dell’Opera, l’Istituzione Biblioteche di Roma, con il coordinamento organizzativo di Zètema Progetto Cultura, e in collaborazione con Siae. La regia e il coordinamento della programmazione per il Teatro di Roma sono a cura di Fabrizio Arcuri.

Posted in Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Chiara Taigi è la Tosca che conquista la Russia

Posted by fidest press agency su venerdì, 27 gennaio 2017

chiara taigi.jpgIl soprano di fama internazionale Chiara Taigi torna a far parlare di sé, dopo essersi misurata con una delle più grandi opere di Puccini: Tosca. Dopo lo straordinario successo riscosso al Teatro Colòn di Buenos Aires, nel ruolo di Lady Macbeth, e il trionfo di Fosca, l’opera di Antônio Carlos Gomes andata in scena al Theatro Municipal de São Paulo, Chiara Taigi arriva in Russia nei panni di Tosca, conquistando il plauso di pubblico e critica. L’opera è andata in scena il 18 e il 20 gennaio 2017. L’intensità del dramma, lo stupore della passione, la semplicità e la potenza emozionale sono la chiave di volta della Tosca di Chiara Taigi che cambiando continuamente colori, dinamiche e tempi, nel corso dei tre atti, offre una visione travolgente e accattivante di una delle più grandi eroine della storia dell’opera. Tosca è l’opera più drammatica di Puccini, ricca di colpi di scena, in grado di mantenere lo spettatore in costante tensione. La trama si svolge a Roma nell’atmosfera tesa che segue l’eco degli avvenimenti rivoluzionari in Francia e la caduta della prima Repubblica Romana, attraversando profondamente gli animi dei suoi personaggi. Incisi tematici brevi e taglienti. La vena melodica di Puccini emerge nei duetti tra Tosca e Mario, nonché nelle famose romanze. I momenti più intensi del melodramma pucciniano sono contenuti nelle arie più celebri: “Vissi d’arte” e “E lucevan le stelle”. In “Vissi d’arte” si coglie la poetica disperazione e lo smarrimento di Tosca che, sotto l’atroce ricatto di Scarpia, si scopre chiara taigi1.jpgincapace di comprendere tanta cattiveria e si rivolge a Dio con toni di supplica e risentimento: “Vissi d’arte, vissi d’amore, non feci mai male ad anima viva… Nell’ora del dolore, perché, perché Signore, perché me ne rimuneri così?”. Una donna coraggiosa e anticonformista che necessita d’arte e d’amore per vivere. Chiara Taigi ha offerto un’interpretazione magistrale dell’eroina pucciniana, affiancata da grandi interpreti della scena lirica internazionale.
Con grande soddisfazione, Chiara Taigi ha dichiarato: “Tosca vive in un mondo di passione ed armonia musicale. La voce si veste di quelle melodie e ti travolge dalla prima all’ultima nota. Mi affascina la romanità della donna che appartiene a tutte le interpreti che si son avvicendate nella storia della musica. Mi affascina essere tra tutte le mie esimie colleghe. Io amo la Russia, il popolo russo e la loro cultura Non poteva non nascere il mio amore per tutto questo. Una coesione d’intenti: dalla gastronomia alla musica. Questo popolo cresce nel freddo e ti regala un calore senza pari. Sono ben dodici gli anni di collaborazione con l’Udmurtia e la Città di San Pietroburgo, Novgorod etc. E’ tempo di trasferirsi in Russia.” (fonte: http://www.chiarataigi.com/wordpress/) (foto: chiara taigi)

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Canzoni e parole dal mondo con Tosca

Posted by fidest press agency su martedì, 3 gennaio 2017

tosca.jpgRoma 6 gennaio 2017 Auditorium Parco della musica di Roma Sala Petrassi h 21 con Tosca. Torna sul palco dell’Auditorium Parco della musica di Roma per raccontarsi in un concerto-evento con tanti ospiti che, nel suo stesso nome, racchiude il senso dell’unicità della serata. Appunti Musicali dal Mondo: confini e sconfini del suono della voce è un progetto che mette il punto e ripercorre le tappe più significative del suo cammino artistico tra sperimentazioni, ricerca e nuovi arrangiamenti e che per la prima volta riunisce alcuni grandi artisti, nonché suoi eccezionali compagni nelle tappe fondamentali del suo viaggio musicale.Tra intrecci sonori, abbracci linguistici, lontananze e assonanze, si alterneranno sul palco: il regista della musica Nicola Piovani che l’ha iniziata alla riscoperta delle radici musicali romane; il grande musicista e cultore musicale Gegè Telesforo, che ha conosciuto ai tempi del suo esordio televisivo a Doc condividendo insieme le tappe più importanti della sua gavetta nella banda di Renzo Arbore; Gabriele Mirabassi, con il quale ha in comune l’amore per la musica brasiliana; Joe Barbieri, da Tosca definito il suo corrispettivo al maschile, autore di alcune delle sue canzoni più significative; Danilo Rea fuoriclasse che con le sue note al pianoforte dipinge ogni canzone; ed infine, l’amico e collaboratore di sempre, Germano Mazzocchetti, sua anima della musica teatrale.Uno spettacolo di suoni e parole, poetico e vibrante, quasi un “racconto in musica” anche grazie al sapiente utilizzo di lingue molto lontane fra loro, che passa da un fado portoghese a la morna, da una canzone libanese a un tradizionale dei matrimoni Yiddish, da una ballata zingara fino ad approdare alle sponde italiane della musica d’autore e popolare, con uno straordinario omaggio alla canzone romana che da tempo Tosca valorizza oltre i confini laziali. Mi considero una discepola di Gabriella Ferri – racconta – e se faccio questo mestiere lo devo a lei.Pezzi rari e melodie introvabili, contaminazioni con altre culture intrecciate alle nostre radici, in una serata che per l’occasione abbraccerà anche canti del Natale dal mondo insieme a grandi classici della tradizione italiana e canzoni dal suo repertorio come Il suono della voce, brano scritto da Ivano Fossati che dà il titolo al suo ultimo album.Il tutto legato da un percorso drammaturgico attraverso le parole di grandi poeti del mondo, creato per l’occasione dal regista Massimo Venturiello.Parafrasando Pessoa – afferma Tosca – ‘in un momento di sbandamento politico e sociale la musica del popolo ti protegge perché ti fa appartenere, se vuoi’. La mia non è una ricerca filologica, ma una ricerca per affinità artistica dove potevo affondare anche le mie radici. È un’avventura nelle molte anime della canzone. Ho scelto brani tra i viaggi che abitualmente faccio due o tre volte all’anno e quelli virtuali che ho compiuto in quasi venti anni di teatro e canzone. Mi sono fatta guidare dall’istinto, dalla bellezza delle canzoni che trovavo e che portavo via con me.Attenta, appassionata e rigorosa, capace di trovare il giusto equilibrio tra audacia e misura, intensità interpretativa e genuina teatralità, nel tempo Tosca ha dimostrato di essere sempre meno prevedibile e in costante evoluzione. La nobile arte della canzone colta va curata, trattata e custodita, come fossero gioielli di famiglia – dice. E nella sua carriera vissuta tra concerti, teatro e collaborazioni illustri tra cui Ron, Dalla, Buarque, Zero, Morricone, l’artista è rimasta sempre fedele a se stessa; ha forgiato canzoni, lavorando sulla ricerca e sulle emozioni, cercando di trasmettere quel qualcosa in più che solo la musica sa dare.
Un corredo di esperienze disparate, da cui Tosca è riuscita a trarre stimoli sempre nuovi, e che l’hanno resa indiscutibilmente una delle personalità più prismatiche della canzone d’autore italiana, capace di dare vita a differenti “vite artistiche”. Ultima in ordine di tempo, quella di Officina delle arti Pier Paolo Pasolini, innovativo Laboratorio di Alta Formazione del teatro, della canzone e del multimediale, culla di giovani artisti, un luogo di appartenenza che – conclude – forse può salvare i ragazzi da tante trappole mediatiche. Sono nipote di contadini emigranti, per me la musica e il teatro sono come una terra dove mettere un seme. E aspettare il raccolto… senza passare per OGM di alcun genere…solo tempo, talento e onesta! Biglietti 20 euro + diritti di prevendita (foto: tosca)

Posted in Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Palermo: Tosca

Posted by fidest press agency su sabato, 10 settembre 2011

Teatro Massimo, Palermo

Image via Wikipedia

Palermo, Teatro Massimo 18-25 settembre 2011 ritorna a Palermo un’opera amatissima, “Tosca” di Giacomo Puccini. Nel ruolo di protagonista Norma Fantini, interprete cara al pubblico soprattutto per essere stata Aida in occasione della riapertura del Teatro Massimo nel 1998. Al suo fianco, come Cavaradossi, ci sarà l’emergente tenore spagnolo Jorge De León. Il ruolo di Scarpia invece è affidato a Giorgio Surian. Di assoluto interesse è la presenza sul podio del trentenne direttore d’orchestra israeliano Omer Meir Wellber (fotografia in allegato), straordinario musicista, stella del panorama internazionale, già conteso e richiesto dai più importanti teatri di tutto il mondo: successore di Lorin Maazel alla guida della Orquesta de la Comunitat Valenciana del Palau de les Arts, è stato anche assistente di Daniel Barenboim. L’allestimento – proveniente dal Regio di Parma – è uno dei più celebri della tradizione teatrale italiana originariamente firmato per la regia da un maestro della scuola italiana come Alberto Fassini, con le scene e i costumi di William Orlandi, è ripreso oggi da Joseph Franconi Lee.
Le melodie immortali e la sapienza drammaturgica fanno di questo titolo uno dei più rappresentati e amati dell’intero repertorio. Tutta l’opera è un inno alla libertà, libertà da Napoleone, dal potere pontificio, dai soprusi di Scarpia, dall’Amore disperato che porta infelicità e rovina. Tra l’evasione, la tortura, l’assassinio, la fucilazione e il suicidio non c’è molto margine per una riflessione psicologica; accade tutto molto in fretta. La musica ed il canto fanno da padroni, risultando più importanti dei dialoghi all’interno della storia; un linguaggio più diretto e accattivante che dà all’opera il perfetto aggettivo di «dramma». La vena melodica di Puccini ha modo di emergere nei duetti tra Tosca e Mario, nonché nelle tre celebri romanze, una per atto («Recondita armonia», «Vissi d’arte», «E lucean le stelle»), che rallentano in direzione lirica la concitazione della vicenda.
Il 22, 23 e 24, settembre, al mattino, “Tosca” invece sarà proposta agli studenti per la rassegna “La scuola va al Massimo” in un adattamento realizzato dall’attore Bruno Stori, che coinvolge l’intera produzione, con interpreti vocali, orchestra e coro.
Costo dei biglietti: da euro 10 a euro 125, in vendita presso il botteghino del Teatro (aperto da martedì a domenica ore 10 – 15, tel. 0916053580 fax 091322949 sul sito http://www.teatromassimo.it o nelle prevendite autorizzate in tutta Italia del circuito Amit-Vivaticket. Informazioni e prevendita 800 907080 (tutti i giorni)

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

La Tosca di Luigi Magni

Posted by fidest press agency su domenica, 30 gennaio 2011

Roma dal 14 febbraio al 1°maggio 2011 Teatro Greco Via Ruggero Leoncavallo, 16 Commedia musicale di Renato Greco tratta e adattata dal film “La Tosca”  scritto e diretto da Luigi Magni con  Francesca Nunzi   Michele Carfora   Carlo Ragone    Sebastiano Vinci Stefano Ambrogi. Regia di Luigi Magni L’adattamento teatrale del film cult “La Tosca” di Luigi Magni è l’evento di  rilevante impegno artistico e produttivo con cui il Teatro Greco apre il 2011. E’ la prima volta che la storica versione cinematografica del dramma di Victorien Sardou viene portata sulle scene: il Teatro Greco – Stabile del Teatro Musicale e della Danza, propone questa produzione nel  quadro delle celebrazioni per il centocinquantenario dell’Unità d’Italia.
“Intorcinati dentro a ‘na bandiera, foco de libertà che abbrucia er core” è il titolo che Renato Greco ha tratto dai primi versi di una delle canzoni che  animano la colonna sonora dell’opera. Le composizioni originali di Davide Pistoni, che nell’adattamento teatrale interpreta il ruolo del sacrestano che fu di suo padre nel film, propongono un’inedita fusione fra la tradizione musicale di Puccini e le contaminazioni percorse da sonorità jazz e rock.
“Ogni donna romana può essere Tosca”, spiega Renato Greco nell’illustrare la scelta dei giovani artisti del suo cast. Il ruolo di Floria Tosca è affidato a Francesca Nunzi, poliedrica attrice formatasi artisticamente nel laboratorio teatrale di Gigi Proietti, che nel film interpretò il ruolo del pittore Mario Cavaradossi, oggi interpretato da Michele Carfora, protagonista delle maggiori produzioni italiane di commedia musicale (Poveri ma belli, Cats, Grease, West Side Story, Chorus Line, Rent, Sette spose per sette fratelli).
La supervisione dello stesso Magni alla messa in scena di Renato Greco, coadiuvato al testo e alla regia da Massimo Castellani,  garantisce la fedele trasposizione del capolavoro cinematografico che descrive la nascita di quel pathos e di quel sentimento di comune appartenenza nazionale che hanno portato all’idea di res publica e di unità in Italia.  Il geniale autore romano, strenuo combattente per il libero pensiero contro l’arbitrio del potere temporale della Chiesa, si è reso interprete di una verità rivoluzionaria di ispirazione giacobina (“liberté, égalité, fraternité”) che ha accompagnato i giovani nella memoria della storia patria. Le passioni amorose e l’anelito di libertà che si consumano nella vicenda sono sintetizzati nel nuovo titolo teatrale: “Intorcinati dentro a ‘na bandiera, foco de libertà che abbrucia er core”.
Le coreografie che animano i momenti corali e i movimenti scenici degli attori recano la prestigiosa firma di Maria Teresa Dal Medico. I costumi degli interpreti, già indossati nel film da Monica Vitti, Gigi Proietti e Vittorio Gassman, sono firmati da Lucia Mirisola.  La scenografia di Massimo Roth, nelle linee estetiche e storiche, riproduce quelle originali del film, con movimenti scenici ideati dallo stesso Greco. Sono 30 gli artisti sulla scena fra gli interpreti principali, il corpo di ballo e i cantanti.
Orario spettacoli: Prima settimana: dal lunedì al sabato ore 21,00 – domenica ore 17,30 Settimane successive: dal giovedì al sabato ore 21,00 – domenica ore 17,30 Biglietti: interi € 32,00 – ridotti da € 22,00 a € 16,50 ridotto abbonamento “Teatri di Roma Capitale. Lo spettacolo per tutti” € 8,00 (francesca, michele, carlo, anteprima tosca, stefano)

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | 1 Comment »

Tosca di Giacomo Puccini

Posted by fidest press agency su mercoledì, 1 dicembre 2010

Napoli 5 dicembre  2010, ore 17.00 martedì 7 dicembre, ore 20.30, lunedì 13 dicembre, ore 20.30 mercoledì 15 dicembre, ore 19.00, venerdì 17 dicembre, ore 19.00 (libretto di Luigi Illica e Giuseppe Giacosa)  La Tosca targata Luca De Fusco arriva al San Carlo, dopo il fortunato debutto della scorsa estate al Teatro Grande di Pompei, reinterpretando il dramma pucciniano di sangue e cospirazione carbonara ambientato in una Roma papalina e assetata di potere. Debutto il 5  dicembre (ore 17, repliche fino al 17) per  il capolavoro “romano” di Puccini (la vicenda si snoda tra la Chiesa di Sant’Andrea della Valle, Palazzo Farnese e  Castel Sant’Angelo), “denso di un’armonia dissonante  che diventa il segno di un’umanità violata, di un amore imprigionato, di una società colpita da un male dilagante in cui il bene è una sublime e incorruttibile diversità”. Protagonisti Orchestra, Coro e Coro di Voci Bianche del Massimo, diretti dalla guida musicale stabile Maurizio Benini. Le scene sono firmate da Nicola Rubertelli, i costumi da Maurizio Millenotti. Il Maestro del Coro è Salvatore Caputo, mentre il Coro di Voci Bianche è preparato come di consueto da Stefania Rinaldi. La ripresa dell’ allestimento sfoggia tra gli interpreti principali il soprano armeno Hasmik Papian, lunga esperienza nel ruolo del titolo, il venezuelano Aquiles Machado nei panni di Mario Cavaradossi e  una baritono di lusso come Renato Bruson ad interpretare Scarpia. Completano il cast Alessandro Spina (Cesare Angelotti), Filippo Morace (Il sagrestano) e Stefano Pisani (Spoletta). “L’orchestrazione: è geniale, moderna, accattivante. Nulla si perde della scrittura”, spiega Benini, appena tornato da una  tournée di successo  in Cile con il San Carlo. “Il gusto che Puccini profonde nella scelta e nell’utilizzo degli strumenti fa pensare ai grandi autori francesi, a Debussy o a Ravel, non a caso considerato un fuoriclasse in fatto di orchestrazione. In questo senso, possiamo ben dire di trovarci al cospetto di un compositore autenticamente europeo, capace di accogliere le istanze del proprio tempo con intelligenza consapevole”. Rappresentata per la prima volta il 14 gennaio 1900 al Costanzi di Roma, Tosca -libretto di Illica e Giacosa, tratto dall’omonimo dramma  di Sardou- è forse l’opera in cui Puccini aderisce maggiormente allo spirito del verismo, facendolo rientrare nella sua personalissima poetica: è così che Tosca  risulta anche la più rappresentativa e la più “pucciniana” delle sue opere, sviluppando techiche e stile già utilizzati in opere precedenti. Notevoli il rigore estremo della costruzione musicale e l’uso costante e  per la prima volta regolare della tecnica wagneriana del leirmotiv.Che  De Fusco sintetizza in uno spazio scenico inclinato e sconnesso,  tra zone d’ombra ed elementi di fortissimo impatto ed immediata riconoscibilità.
Venerdì 3 dicembre, ore 18, alla Libreria Feltrinelli di Piazza dei Martiri  il Teatro San Carlo presenta al pubblico “TOSCA”. Intervengono Luca De Fusco (regista), Alessandra Panzavolta (aiuto regista). Introduce Laura Valente, musicologa e responsabile Comunicazione del lirico.  Biglietti da 40 a 160 euro. le foto sono di Francesco Squeglia (tosca)

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Tosca protagonista di “Prima della prima”

Posted by fidest press agency su lunedì, 27 aprile 2009

“Prima della prima” Raitre martedì 28 aprile 2009 alle ore 1.40 sarà interamente dedicata a Tosca, che ha trionfalmente concluso la Stagione Lirica 2009 del Teatro Regio di Parma. La trasmissione di Raitre di Rosaria Bronzetti che conduce i telespettatori nei luoghi sacri della musica colta italiana, ripercorrerà l’opera pucciniana di cui le telecamere di Rai Tre hanno seguito le prove di assieme e la prova generale e la racconterà come di consueto direttamente con la voce dei protagonisti: il soprano Micaela Carosi che interpreta il personaggio di Floria Tosca, il tenore Marcelo Alvarez che veste i panni del pittore Mario Cavaradossi, il direttore Massimo Zanetti, sul podio di Coro e Orchestra del Teatro Regio di Parma. In scena il baritono Marco Vratogna nelle vesti del sadico Barone Scarpia, Alessandro Spina (Cesare Angelotti), Matteo Peirone (Il Sagrestano), Mauro Buffoli (Spoletta) e Gabriele Bolletta (Sciarrone e Un carceriere). Il Coro di Voci Bianche è diretto da Sebastiano Rolli, il Coro del Teatro Regio da Martino Faggiani, nello spettacolo originariamente ideato da Alberto Fassini per il Teatro Comunale di Bologna e ora ripreso da Joseph Franconi Lee.  La regia televisiva della puntata è di Daniele de Plano. La Stagione Lirica 2009 del Teatro Regio di Parma è realizzata anche grazie a Fondazione Cariparma, al Ministero per i Beni e le Attività Culturali, con il sostegno di Banca Monte Parma, Barilla, Enìa, Agricar Mercedes Benz, Melegari Home, Consorzio del prosciutto di Parma.

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Tosca, in scena al Regio di Parma

Posted by fidest press agency su giovedì, 16 aprile 2009

Tosca, in scena in questi giorni al Teatro Regio di Parma sino a venerdì 17 aprile 2009, sarà protagonista della puntata di “Loggione” in onda sabato 18 aprile 2009 alle ore 8.50 su Canale 5. La trasmissione dedicata alla musica lirica e sinfonica a cura di Vittorio Testa proporrà ampi brani musicali dell’opera e interviste ai suoi protagonisti: il soprano Micaela Carosi che interpreta il personaggio di Floria Tosca, il tenore Marcelo Alvarez che veste i panni del pittore Mario Cavaradossi. Con loro in scena il baritono Marco Vratogna nelle vesti del sadico Barone Scarpia, Alessandro Spina (Cesare Angelotti), Matteo Peirone (Il Sagrestano), Mauro Buffoli (Spoletta) e Gabriele Bolletta (Sciarrone e Un carceriere). Il Coro di Voci Bianche diretto da Sebastiano Rolli, il Coro del Teatro Regio diretto da Martino Faggiani e l’Orchestra del Teatro Regio sono guidati da Massimo Zanetti, che recentemente ha dato eccezionale prova della sua sensibilità direttoriale al Festival Verdi 2008, nello spettacolo originariamente ideato da Alberto Fassini per il Teatro Comunale di Bologna e ora ripreso da Joseph Franconi Lee.  La Stagione Lirica 2009 del Teatro Regio di Parma è realizzata anche grazie a Fondazione Cariparma, al Ministero per i Beni e le Attività Culturali, con il sostegno di Banca Monte Parma, Barilla, Enìa, Agricar Mercedes Benz, Melegari Home, Consorzio del prosciutto di Parma.

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »