Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 321

Posts Tagged ‘trascrizione’

Un comune siciliano trascrive la sentenza straniera di adozione di due minori da parte di due padri

Posted by fidest press agency su giovedì, 8 marzo 2018

L’ufficiale dello Stato civile di un comune della Sicilia ha accolto l’istanza di trascrizione di due sentenze straniere di adozione emesse dal Tribunale dello Stato di New York a favore di due padri, di fatto trascrivendo ed annotando i certificati di nascita dei minori nei registri dello stato civile del comune siciliano con l’indicazione di entrambi i genitori.La coppia, un italiano naturalizzato statunitense e un americano, si erano sposati all’estero nel 2008. Nello stesso anno il tribunale di New York accoglieva la loro istanza di adozione di una bambina di pochi mesi, e due anni dopo l’istanza di adozione di un maschietto. Veniva annotata in entrambi i casi, nel certificato di nascita, la genitura dei due padri.Dopo l’entrata in vigore della legge sulle Unioni Civili, la coppia nel 2017 trascriveva in Italia il proprio matrimonio, dove produce gli effetti dell’unione civile in base alla L. n. 76/2016.La coppia si è quindi rivolta ad Avvocatura per i diritti LGBTI-Rete Lenford, che con l’Avv.ta Loredana Mazza e l’Avv.ta Susanna Lollini, ha chiesto la trascrizione delle sentenze di adozione dei minori e la conseguente trascrizione ed annotazione nei registri dello stato civile del comune dei certificati di nascita con l’indicazione dei due padri.
Spiega l’avv. Loredana Mazza “la complessa vicenda è stata affrontata cercando di esaminare quali fossero le alternative più rapide ed efficaci. Ci siamo interpellate se intraprendere la via amministrativa o giurisdizionale (ed in tal caso se investire sulla questione il Tribunale per i Minorenni o la Corte di Appello). Con l’Avvocata Lollini abbiamo intravisto uno spiraglio nel dettato della norma dell’art 41 comma 1 della legge 218 /1995 e così abbiamo scelto la via amministrativa. Chiarendo e illustrando con fermezza la nostra tesi all’USC, abbiamo conseguito il risultato utile”.Esprime la sua soddisfazione Marilena Grassadonia – Presidente Famiglie Arcobaleno: “la trascrizione delle due sentenze darà ai bambini serenità e diritti anche qui in Italia, a dimostrazione del fatto che la responsabilità genitoriale e la tutela delle famiglie arcobaleno deve essere garantita al di là di ogni confine”.Uno dei due papà esprime cosi la sua gioia: “Venerdi ho ritirato i passaporti italiani dei bambini al Consolato Italiano. Non vi nascondo che l’evento mi ha provocato commozione — sapevo già dal momento della trascrizione che i bambini fossero cittadini italiani, ma avere il documento in mano e’ stata una prova tangibile di una cosa che fino all’anno scorso credevo fosse impossibile. Vorrei ringraziare entrambe ancora una volta per il lavoro che hanno fatto in maniera così celere e professionale. Mi fa particolarmente piacere che siano state due donne ad aiutarci in tutta la vicenda”.

Posted in Diritti/Human rights | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Immobili e nuovi contratti

Posted by fidest press agency su lunedì, 29 settembre 2014

casaleIl decreto cosiddetto “sblocca Italia” ha introdotto nell’ordinamento giuridico italiano una nuova forma contrattuale che consente ai proprietari di immobili di concederli in godimento con previsione di futura vendita, computando al prezzo convenuto un certo numero di canoni. Nonostante il nome con cui sono stati subito battezzati, RENT TO BUY, non si tratta di contratti di affitto, già disciplinati con norme dedicate (leggi 392/1978 e 431/1998), ma di contratti del tutto nuovi, per i quali la legge prevede specifiche tutele.
Vediamo, brevemente, i vantaggi.Fino alla data di entrata in vigore del decreto, il 13/9/2014, per poter stipulare un contratto simile si doveva ricorrere ai classici contratti di affitto inserendo patti di futura vendita, senza una disciplina di legge specifica a cui fare riferimento.
Oggi, con questa nuova forma contrattuale che prevede la trascrizione nelle conservatorie immobiliari, le parti possono proteggersi fin da subito nei confronti di terzi con la “prenotazione” dell’immobile oggetto della reciproca promessa di vendita/acquisto, come se avessero sottoscritto un preliminare di compravendita. Le protezioni sono infatti quelle previste dal codice civile per i preliminari di compravendita, con la particolarità che gli effetti della trascrizione si mantengono, anziché solo per tre anni, per tutta la durata del contratto (massimo dieci anni), in attesa di quelli, eventuali, del rogito.
Per il proprietario/venditore, diventa possibile mettere “a reddito” l’immobile subito, in prospettiva di una vendita futura. La promessa di vendita decade per legge -e il contratto si risolve- nel caso l’utilizzatore diventi moroso di un certo numero di canoni (decisi contrattualmente), anche non consecutivi.
Per l’utilizzatore/acquirente diventa possibile poter subito godere l’immobile diluendo nel tempo l’impegno finanziario in vista di un futuro acquisto. L’acquisto inoltre può esser previsto nel contratto come “automatico” (quindi già promesso alla firma) oppure opzionale, come avviene nei contratti di leasing.
A parte alcuni aspetti disciplinati dalla legge, questi contratti sono liberi, affidati alla contrattazione delle parti. Ciò in special modo riguardo al prezzo di vendita dell’immobile, la durata di godimento anteriore alla vendita, l’importo mensile dei canoni e quanti di essi costituiranno l’”acconto” da scalare dal prezzo di vendita.
Rimangono incerti alcuni punti sui quali il decreto legge non si esprime: quali siano le procedure da seguire nel caso il proprietario voglia forzare il rilascio dell’immobile a seguito di risoluzione del contratto (probabilmente l’azione esecutiva di rilascio) e gli aspetti fiscali che riguardano essenzialmente l’Iva (quando prevista) e l’imposta di registro. Ci auguriamo che intervengano presto chiarimenti dell’Agenzia delle entrate o che le mancanze siano sanate in sede di conversione in legge. (fonte Rita Sabelli, responsabile Aduc per l’aggiornamento normativo)

Posted in Diritti/Human rights | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »