Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 275

Posts Tagged ‘trasferimento’

Aeronautica: Trasferimento ufficiali ma a spese proprie

Posted by fidest press agency su mercoledì, 31 luglio 2019

L’Aeronautica militare, a differenza delle altre forze armate, è l’unica a non corrispondere l’indennità di trasferimento (legge 86 / 2001) agli Ufficiali del ruolo speciale provenienti da altri ruoli. Tale indennità – sottolinea il Sindacato Aeronautica Militare – serve per sopperire ai disagi cui va incontro il personale trasferito. Un atto molto grave – denuncia il SIAM – perpetRato da alcuni reparti divenuti ormai interpreti delle leggi che però si applicano diametralmente nel modo opposto nelle altre forze armate. Sul fatto è intervento anche il Parlamento con una interrogazione al Ministro della Difesa Trenta per chiarire e risolvere la questione che va a limitare un diritto soggettivo importante che si ripercuote direttamente sul nucleo familiare poiché il militare deve pagare di tasca propria il trasloco, cercare casa e quindi, in taluni casi, alcuni rinunciano a ricongiungere il nucleo familiare a causa degli elevati costi a proprio carico che dobrebbero essere mitigati dell’indennità di trasferimento ma che non percepisce. A tutto ciò – conclude il SIAM – si aggiunge il silenzio della Direzione Generale del Personale Militare a guida dell’Ammiraglio Ricca che non risponde ai tanti quesiti a discapito delle più elementari regole sulla trasparenza ed in controtendenza con l’indirizzo del Ministro Trenta in tema di ricongiungimenti e tutela della famiglia del militare.

Posted in Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Manovra: Il Governo vuole bloccare i trasferimenti di 800 mila docenti

Posted by fidest press agency su mercoledì, 3 ottobre 2018

In arrivo l’obbligo di residenza professionale nella regione per partecipare ai concorsi e di fermo per un triennio per coloro che sono stati soddisfatti, anche parzialmente, in occasione dell’ultima domanda presentata. La doppia penalizzazione potrebbe essere contenuta già nella nota di aggiornamento al DEF, dopo che il CCNL 2016/18 ha rinviato alla contrattazione con i sindacati le nuove regole per la mobilità del personale docente. Contrario il presidente Anief Marcello Pacifico: è discriminante escludere a priori un candidato da una selezione pubblica di carattere nazionale solo perché residente in un’altra regione. Anche il blocco dei trasferimenti del personale docente di ruolo non ha senso, perché non si può negare il diritto al ricongiungimento ai figli: contrasteremo la norma ai tavoli di contrattazione.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Proposta per pensionati UE che si trasferiscono al sud

Posted by fidest press agency su lunedì, 17 settembre 2018

“Ci fa piacere che il Governo abbia accolto positivamente la proposta di Fratelli d’Italia riguardante i pensionati Ue. Ieri sera durante la trasmissione “Porta a porta”, il Ministro Matteo Salvini si è detto propenso ad appoggiare la nostra idea e anche il ministro Barbara Lezzi è del suo stesso avviso.L’iniziativa di Fratelli d’Italia segue il modello adottato già in Portogallo dal 2012 e mira ad attirare nel Sud Italia (Sicilia, Campania, Calabria e Puglia) i pensionati ricchi di tutta Europa proponendo loro una tassazione forfettaria.
Attualmente la proposta di legge presentata al Senato, di cui sono cofirmatario insieme ai senatori Adolfo Urso e Antonio Iannone, è stata assegnata in Commissione Finanze e, vista la disponibilità del Governo, spero venga calendarizzata il prima possibile. Questa normativa si può realizzare in pochi mesi e gioverebbe allo sviluppo del Mezzogiorno” è quanto dichiarato dal senatore di Fratelli d’Italia Raffaele Stancanelli.

Posted in Politica/Politics, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Innovazione, formazione, trasferimento tecnologico

Posted by fidest press agency su martedì, 10 gennaio 2017

Università di Napoli “Federico II”JPGNapoli giovedì 12 gennaio 2017, alle 15, nell’Aula Magna del Complesso San Giovanni a Teduccio, in Corso Nicolangelo Protopisani, 70. Apriranno i lavori i saluti di Gaetano Manfredi, Rettore della Federico II, e di Francesco Guido, Direttore Generale Banco di Napoli. Interverranno Valeria Fascione, Assessore Internazionalizzazione, Innovazione e Startup Regione Campania, Renato Abate, Presidente Confindustria Piccola Industria Campania, Maurizio Montagnese, Chief Innovation Officer Intesa Sanpaolo, e Giorgio Ventre, Direttore Scientifico iOS Developer Academy Università Federico II.Concluderà Stefano Barrese, Responsabile Divisione Banca dei Territori Intesa Sanpaolo Verrà sottoscritta una lettera di intenti tra il Banco di Napoli e l’Università degli Studi di Napoli Federico II nel corso dell’incontro su ‘Innovazione, Formazione, Trasferimento tecnologico. Un nuovo hub per l’open innovation’

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Trasferimento coatto lavoratori dell’INAPP

Posted by fidest press agency su sabato, 31 dicembre 2016

Si è dato il via, nonostante l’esito del referendum, al decreto per il trasferimento coatto di poco meno di 100 lavoratori dell’INAPP (ex ISFOL) – tra ricercatori tecnici e amministrativi – verso l’ANPAL che, al momento, non ha una sede (forse se ne riparlerà a giugno), non ha dirigenti amministrativi (quindi neanche il capo del personale) né responsabili delle strutture tecnico-scientifiche con il risultato che dal 1° gennaio i trasferiti rimarranno seduti nei loro uffici all’INAPP senza sapere cosa fare, senza sapere ad esempio, a chi chiedere permessi, ferie, autorizzazioni. Per i primi tempi, anche gli stipendi continueranno ad essere contabilizzati dall’Amministrazione dell’INAPP. “L’ANPAL (Agenzia Nazionale per le Politiche Attive del Lavoro) è un altro frutto avvelenato del renzismo. Infatti, malgrado l’esito del voto referendario sia stato chiarissimo, tanto da costringere alle dimissioni lo stesso capo del governo, il Ministro Poletti continua imperterrito a portare avanti la costruzione della classica cattedrale nel deserto della quale non si sa bene cosa farne e quale ruolo realmente potrebbe avere nell’ambito della complessa materia delle politiche attive del lavoro.” E’ quanto afferma Enrico Mari dell’USB P.I. dell’INAPP che continua: “l’ANPAL era nata in funzione della riforma del titolo V° della Costituzione che prevedeva il ri-accentramento in capo allo stato centrale delle competenze in materia di politiche attive del lavoro. Invece la bocciatura della riforma Boschi da parte del popolo italiano, ha lasciato tali competenze alle Regioni e conseguentemente ristretto di molto lo spazio d’azione dell’ANPAL che, dal voto referendario ne esce molto ridimensionata e depotenziata in termini di risorse e competenze. Tuttavia Poletti ha ordinato di andare avanti e il Commissario dell’INAPP Sacchi, che ha un modo veramente singolare di difendere l’Istituto, ha prontamente obbedito, dando attuazione al decreto costituivo dell’Agenzia (D.L.vo 150/2015) che, dopo il 4 dicembre, potrebbe anche avere profili di incostituzionalità. Insomma – conclude Mari – aldilà dell’inopportunità nell’andare avanti con questa riforma senza un’adeguata, profonda e doverosa riflessione politica, visto l’esito del referendum, quello che salta agli occhi è l’arroganza di questi sedicenti riformatori che ormai sempre più autoreferenziali, sono incapaci di accettare la volontà popolare che invece dovrebbero servire, e con la complicità interessata di CGILCISLUIL che sono parte integrante degli organi direttivi dell’ANPAL stanno indebolendo l’INAPP, unico Ente Pubblico di Ricerca che lavora sui temi delle politiche del lavoro dell’inclusione sociale e del welfare attravero la sottrazione di risorse umane e finanziarie”.
Per tutto questo USB, primo sindacato dell’INAPP ed unico sindacato membro dei comitati del NO, e porterà in tribunale chi è stato sconfitto dal popolo e lo faranno in nome della specificità della ricerca, usando il D.L.vo 218 (la delega Madia), a meno che non venga ritirato immediatamente il decreto per il trasferimento obbligatorio dei lavoratori dell’INAPP.

Posted in Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Detenuto affetto da Tbc trasferito in aereo senza comunicazioni in merito

Posted by fidest press agency su mercoledì, 23 novembre 2016

maccari-cie-kr5“E’ sconcertante l’assordante silenzio che si registra in merito alla vergognosa vicenda venuta alla luce nella casa di reclusione di Is Arenas, in Sardegna, dove ad un detenuto appena arrivato da un’altra Casa circondariale italiana sono stati riscontrati focolai attivi di tubercolosi senza che nessuno sapesse del pericolo durante il trasferimento. A due giorni da una denuncia clamorosa che avrebbe dovuto scuotere vertici di Uffici e Dipartimenti nemmeno il ronzio di una mosca che vola… La salute di chi lavora onestamente servendo lo Stato non vale davvero poi molto in Italia, e questa ennesima conferma tradisce una volta di più il menefreghismo assoluto per tutti gli operatori del Comparto”.
Franco Maccari, Segretario Generale del Coisp, Sindacato Indipendente di Polizia,interviene così a seguito della grave situazione verificatasi in Sardegna dove, stando a quanto segnalato anche da tutti i media, a un detenuto di origini romene proveniente da un carcere del Nord Italia, e trasferito sull’isola in aereo, è stata riscontrata la Tbc. Il detenuto, a quanto emerso, è giunto a Is Arenas senza che dalla struttura penitenziaria di provenienza fosse stata comunicata l’infezione tubercolare, tanto che è stato trasportato su un volo di linea senza particolari precauzioni, in modo che i passeggeri dell’aereo, la scorta che lo ha trasferito, nonché gli altri detenuti con cui è venuto in seguito in contatto sono rimasti esposti a possibile contagio. Il caso sanitario, è stato spiegato dai media, è stato poi scoperto dal medico della casa di reclusione di Is Arenas al momento dell’arrivo del recluso, e poi confermato presso l’ospedale di San Gavino dove il detenuto è stato accompagnato per approfonditi accertamenti.
“Ma tutto questo disastro – si infuria Maccari – deve essere inavvertitamente sfuggito agli Organi competenti. Competenti a far tutto fuorché ad occuparsi delle donne e degli uomini che da loro dovrebbero essere rappresentati e tutelati. E’ fin troppo evidente che qualcuno da qualche parte ha commesso un errore di assoluta gravità, e che per questo le conseguenze rischiano di pagarle, tanto per cambiare, i soliti ‘cretini’ in divisa. Situazioni del genere sono molto meno rare di quel che si possa immaginare, ma il personale della Sicurezza non può continuare così, nell’indifferenza e nell’arroganza più assoluta di chi continua sistematicamente a trattarci come fantocci tranquillamente sacrificabili”.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Trasferimento dati UE-USA: necessari miglioramenti al “Privacy Shield”

Posted by fidest press agency su venerdì, 27 maggio 2016

europa-261011-cIn una risoluzione non legislativa approvata giovedì, il Parlamento ha chiesto alla Commissione di proseguire le negoziazioni con gli Stati Uniti per porre rimedio alle carenze del “Privacy Shield”, la proposta di protezione dei dati personali dei cittadini dell’UE trasferiti negli Stati Uniti per scopi commerciali.Nella risoluzione, approvata con 501 voti favorevoli, 119 contrari e 31 astensioni, i deputati accolgono con favore gli sforzi profusi dalla Commissione e dall’amministrazione degli Stati Uniti per conseguire miglioramenti sostanziali nel Privacy Shield rispetto al precedente Safe Harbour. Tuttavia, si esprime preoccupazione per alcune carenze nel nuovo accordo proposto negoziato dalla Commissione, in particolare:
l’accesso da parte delle autorità pubbliche ai dati trasferiti,
la possibilità di raccogliere una quantità di dati che, in alcuni casi, non risulta conforme ai criteri di necessità e proporzionalità sanciti dalla Carta dei diritti fondamentali dell’UE,
riguardo il ruolo del Mediatore nel Dipartimento di Stato americano, che i deputati accolgono con favore, si ritiene tuttavia che questa nuova figura non sia sufficientemente indipendente né dotata di poteri adeguati per esercitare efficacemente le proprie funzioni, e la complessità del meccanismo di ricorso, invitando la Commissione e l’amministrazione degli Stati Uniti a rendere tale procedura efficace e di semplice utilizzo.Il Parlamento sottolinea che il Privacy Shield fornisce alle agenzie di protezione dei dati personali negli Stati membri dell’UE un ruolo di primo piano nell’esame delle richieste di protezione dei dati e la facoltà di sospendere i trasferimenti di dati. Si rileva inoltre l’obbligo imposto dal Dipartimento del Commercio statunitense di risolvere tali reclami.Infine, i deputati chiedono alla Commissione di effettuare periodicamente valutazioni adeguate sul Privacy Shield, in particolare in vista delle nuove norme sulla protezione dei dati UE che entreranno in vigore tra due anni.

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Manovra, allarme Regioni: «Servizi a rischio»

Posted by fidest press agency su sabato, 2 luglio 2011

La Sanità italiana darà «sempre meno tutto a tutti gratis» e recita una parte di prima grandezza nella manovra di taglio della spesa pubblica approvata ieri dal Consiglio dei Ministri e che arriverà alla Camera tra il 25 e il 30 luglio. Lo sottolinea il Sole 24 Ore che preannuncia il probabile altolà dei governatori in vista dei tagli che, per le Regioni, non riguardano solo il fronte della spesa sanitaria dove è prevista una riduzione dei trasferimenti per la sanità che tra il 2013-2014 sarà almeno di 4 miliardi l’anno. Sempre sul fronte delle Regioni non mancano misure in ordine sparso come il riconoscimento alle Regioni di 70 milioni fin dal 2011 per gli accertamenti medico-legali per le assenze di malattia dei lavoratori dipendenti. Ma anche le maggiori tutele, nelle realtà sotto piano di rientro dal deficit, dalle sospensioni dei pignoramenti da parte dei creditori di asl e ospedali. O ancora come l’invito perentorio ai governatori di intervenire (per risparmiare) sui livelli di spesa per gli acquisti di prestazioni sanitarie dai privati accreditati. E poi la conferma delle regole stringenti della Finanziaria 2010 sui costi del personale: spese non superiori all’1,4% sul 2004, organici (anche a tempo) necessari, parametri standard per le strutture e il personale di vertice. Magari con eccezioni, se accolte: come quella, anticipata dal ministro Fazio, sulla possibile esenzione dal turn over per i primari nelle Regioni sotto piano di rientro dal debito. Della manovra si parlerà la settimana prossima in un incontro Governo-Regioni. Intanto, però, così si è espresso ieri Vasco Errani, presidente della Conferenza delle Regioni: «La manovra di bilancio è per noi molto preoccupante perché mette in discussione la sostenibilità dei servizi essenziali quali quelli sanitari. Quanto ai ticket, abbiamo già avuto modo di dimostrare che avrebbero un esito negativo sui servizi sanitari stessi, oltre che sui cittadini».(fonte farmacista33)

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Ministeri: operazione anti-Pontida

Posted by fidest press agency su venerdì, 10 giugno 2011

“E’ una mozione ‘anti Pontida’ che si è resa necessaria dopo le ultime esternazioni di Bossi, di Berlusconi e di Calderoli”. Così il senatore del Pd Raffaele Ranucci annuncia di aver depositato in Senato una mozione contro il trasferimento dei Ministeri dalla città di Roma. La mozione è stata firmata dall’ex sindaco di Roma e presidente dell’Api Francesco Rutelli, da Riccardo Milana (Api) e dai senatori del Pd Luigi Zanda, Ignazio Marino, Marco Perduca, Stefano Ceccanti, Lionello Cosentino, Lucio D’Ubaldo, Mauro Del Vecchio, Roberto Della Seta, Roberto Di Giovan Paolo, Francesco Ferrante, Mario Gasbarri, Francesca Marinaro, Silvio Sircana, Giorgio Tonini e Vincenzo Vita. “Questo atto formale è un’iniziativa dovuta, non solo a seguito della decisione di Calderoli di depositare in Cassazione una proposta di legge di iniziativa popolare sulla territorializzazione dei ministeri, ma anche perché – continua Ranucci – le parole di oggi di Berlusconi non sono sufficienti a scongiurare il trasferimento dei ministeri. L’opposizione chiede che il Senato approvi al più presto la mozione. E’ necessario un atto formale che impegni il governo a togliere immediatamente dalla sua agenda la futura localizzazione dei ministeri al Nord”. “L’augurio- conclude Ranucci – è che i senatori della maggioranza, almeno gli eletti nel Lazio, votino a favore della mozione, del resto le motivazioni a sostegno del mantenimento dei ministeri a Roma sono valide e numerose. Innanzitutto nessun ordinamento statale moderno prevede la dispersione dei Ministeri. Poi, il trasferimento dei ministeri, se attuato, comporterebbe un aumento abnorme dei costi di funzionamento delle Amministrazioni, per le retribuzioni dei lavoratori che si dovranno trasferire al Nord, determinando un folle aumento della spesa pubblica e rischiando di mettere a dura prova le già esigue casse dello Stato”.

Posted in Politica/Politics, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | 1 Comment »

Ministeri al Nord: Alemanno tra il dire e il fare

Posted by fidest press agency su mercoledì, 8 giugno 2011

“Non c’è che dire, Gianni Alemanno è un uomo politicamente affidabile e coerente, di incrollabili principi politici”. Lo afferma il vicepresidente dei senatori del Pd Luigi Zanda in merito alla disponibilità dichiarata dal sindaco di Roma di spostare alcuni uffici dei ministeri al Nord.
“Solo pochi giorni fa Alemanno aveva definito ‘tutte balle’ le esternazioni della Lega in merito al trasferimento dei ministeri. Il 22 maggio aveva rassicurato i romani pregandoli di non ‘fare drammi’ e, nello stesso giorno, aveva ammonito Bossi che la sua insistenza avrebbe fatto ‘saltare ogni equilibrio e ogni intesa’ di coalizione. Il 24 maggio Alemanno aveva addirittura annunciato di essere pronto a ‘scendere in piazza’ pur di difendere i ministeri a Roma. Di ieri è il cambiamento, sorprendente e plateale, probabilmente per la necessità di ricollocarsi politicamente sulla scena nazionale, lasciando così Roma in quella trascuratezza e in quell’abbandono che già hanno contraddistinto la sua giunta”. “Alemanno, dichiarando la sua disponibilità a spostare degli uffici ministeriali al Nord, ha di fatto dimostrato quanto poco abbia a cuore gli interessi della città che amministra e le sue ambizioni di crescita. Succube dell’agonizzante governo nazionale – conclude Zanda -, Gianni Alemanno ha smesso di difendere gli interessi di Roma e dei romani”.

Posted in Roma/about Rome, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Il Pdl non esiste

Posted by fidest press agency su domenica, 29 maggio 2011

Milano-piazza castello

Image via Wikipedia

Quando sta succedendo a Milano dimostra una sola cosa: il Pdl non esiste. Esistono solo interessi personali e il voto non rappresenta una scelta politica ma un interesse di parte. Il modo scomposto con il quale si cerca di confondere i milanesi, tra minacce e paure di vario genere e tentativi di violare la legalità con un condono delle multe e nel proporre il trasferimento dei ministeri, dimostra la incapacità di una coalizione di governare il paese. Il Pdl potremmo definirlo al massimo una lobby organizzata per ottenere dalle istituzioni corsie preferenziali per l’interesse di ristretti comitati d’affari. Si aggredisce qualsiasi cosa per conseguire i propri obiettivi. E’ tale e tanta la confusione e il sospetto che persino i provvedimenti opportuni ed adeguati vengono appannati e confusi per falsità e inganno. A questo punto tali circostanze meritano una riflessione più ponderata. Non possiamo negare, ad esempio, che gli stessi partiti sono portatori di un “interesse” nel ritrarre una parte della società e lo hanno fatto nel sostenere sia le classi privilegiate sia le proletarie. Ora se il gioco si è fatto più pesante è perché il capitalismo si è radicato maggiormente nel tessuto sociale e ha fatto emergere il lato oscuro della natura umana con le sue logiche consumistiche per le quali il potere è dato solo dal dio denaro. Da qui dobbiamo convenire che i partiti, cosiddetti “padronali”, e il Pdl lo è, anche se non è il solo, hanno una loro ragione d’essere proprio in virtù del fatto che si muovono come una società di capitali dove vi è l’azionista di riferimento e quello che detiene il pacchetto di maggioranza. Ma vi è anche l’Opa e gli “scalatori ostili”. Il parlamento, a questo punto, si trasforma in un’assemblea societaria dove gli azionisti non hanno nulla da rimproverare all’esecutivo se la ripartizione degli utili è alta. E ora se ci limitiamo a considerare solo il caso di un partito, il Pdl, i suoi azionisti hanno tutto l’interesse a tenere in piedi la struttura perché ne va del loro capitale investito. Ma a complicare il tutto è che hanno un presidente-amministratore delegato che ha in mano la maggioranza delle azioni e la posta in gioco è una sola: o c’è lui o la società fallisce. E ora il presidente non sembra godere buona salute, in senso politico, s’intende, e il nervosismo si diffonde. Ciò che ancora salva il Pdl è che dall’altra parte della sponda l’Opa non è del tutto ostile. E alla fine ci ritroviamo con gli italiani che hanno votato un’idea e ora si ritrovano senza idee. (Riccardo Alfonso http://www.fidest.it)

Posted in Confronti/Your opinions | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Ministeri decentrati

Posted by fidest press agency su giovedì, 26 maggio 2011

“Calderoli afferma che Berlusconi ha congelato e non superato il tentativo di trasferimento dei tre ministeri. Al di là della proposta in questione, c’è molta preoccupazione per il modo in cui vengono affrontati i problemi dall’attuale governo”. Questo il commento di Oscar Tortosa, responsabile per la Politica Interna dell’Italia dei Diritti, in merito alla proposta di qualche giorno fa avanzata dal presidente del Consiglio e accolta con soddisfazione dalla Lega Nord, che prevedeva di decentrare alcuni ministeri senza portafoglio, quali il dipartimento per le Riforme, per la Semplificazione e per le Pari Opportunità, i primi due trasferiti a Milano, il terzo a Salerno. Il particolare progetto d’allocazione dei tre dipartimenti di Palazzo Chigi ha suscitato molte critiche.
Tortosa ha tenuto a precisare che quanto sta succedendo a Milano e Napoli, sia segno di cambiamento, verso un’alternanza di governo che rispecchi realmente le esigenze del Paese: “Milano e Napoli ci fanno capire che le cose stanno cambiando. Come in qualsiasi democrazia bipolare è bene che ci sia l’alternanza, soprattutto a fronte di un Governo incapace di contrastare i reali problemi del paese. Un’amministrazione insensibile e non curante davanti alla disperazione delineata nelle coscienze degli italiani, piegati dalla crisi. Ringraziamo l’Onorevole Antonio Di Pietro per aver sottolineato, in una recente dichiarazione televisiva, l’importanza di protesta ma anche di proposta. L’ideologia berlusconiana e leghista dell’inventare sempre nuovi problemi, che poco riguardano il popolo italiano, deve essere abbandonata. Quanto sta succedendo nel mondo arabo – conclude il rappresentante del movimento extraparlamentare -, ma anche in Europa, con la recente rivolta di piazza spagnola, potrebbe verificarsi anche in Italia. Sono aspetti che ci riguardano molto da vicino e prima che avvengano episodi simili, sarebbe bene cominciare ad agire negli interessi del popolo”.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Ministro difesa e sede rappresentanza

Posted by fidest press agency su martedì, 24 maggio 2011

“Il Ministro della Difesa ieri ha dichiarato che «pochi sanno che da due anni il mio ministero ha già una sede a Milano, presso la caserma di piazza Novelli. Io ho un mio ufficio, ma non ho fatto di questo un annuncio particolare» ma la caserma alla quale si riferisce La Russa è la sede del Comando 1° Regione Aerea dell’Aeronautica militare ed è normale che il ministro possa utilizzare le strutture del suo dicastero per svolgere i suoi compiti quando è in visita presso gli enti e reparti delle Forze armate, perché diversamente si dovrebbe indagare sulle ragioni della costituzione di quello che potrebbe essere considerato un secondo “Gabinetto ministeriale” le cui spese potrebbero non trovare alcuna giustificazione nei bilanci della Difesa, visto che l’ufficio del ministro per legge ha sede a Roma in via XX settembre.”. Lo dichiara Luca Marco Comellini – Segretario del Partito per la tutela dei Diritti di Militari e Forze di polizia (Pdm).

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Lega: trasferimento ministeri

Posted by fidest press agency su domenica, 15 maggio 2011

«Le proposte della Lega in merito agli spostamenti da Roma di Ministeri o Agenzie nazionali già esistenti sono assolutamente irricevibili. La nostra Costituzione dice con chiarezza che Roma è Capitale e qualsiasi smembramento alle funzioni di una Capitale è un’operazione politicamente ed economicamente impraticabile. È evidente che siamo di fronte soltanto a provocazioni di natura elettorale che non porteranno a nessun risultato. Ed è altrettanto ovvio che il PdL ha già garantito e garantirà in futuro nel Governo e in Parlamento la bocciatura di ogni proposta di questo genere». È quanto afferma il sindaco di Roma, Gianni Alemanno.

Posted in Roma/about Rome, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Trasferimento profughi

Posted by fidest press agency su mercoledì, 23 marzo 2011

“Sono cominciati i trasferimenti coatti di numerosi profughi dai Centri di Accoglienza per Richiedenti Asilo (e alcuni dai Centri di identificazione ed espulsione dove si trovavano del tutto abusivamente) verso il Cie di Mineo (Catania). Sia chiaro: siamo in presenza di trasferimenti illegali, dal momento che si tratta di persone non destinate all’espulsione (bensì già perfettamente identificate e regolarmente presenti in Italia) in quanto richiedenti asilo perché provenienti da paesi dove sono in corso conflitti bellici o guerre civili. Per giunta si tratta di persone che hanno qualche collegamento con reti socio-assistenziali, spesso assistite da legali e, ancora, in attesa del ricorso in appello. Tutte queste persone vengono trattate nel clima di isteria governativa per “l’esodo biblico” e per l’”invasione”, come altrettanti clandestini, cosa che non sono in alcun modo. E così, quotidianamente, un Governo che aveva totalmente affidato la politica dell’immigrazione a Muammar Gheddafi, viola quotidianamente i diritti universali della persona”.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | 1 Comment »

Consob: trasferimento non scongiurato

Posted by fidest press agency su sabato, 12 febbraio 2011

“Grazie alla pressione dell’opposizione, la Consob non verrà trasferita a Milano. Almeno per il momento. Dall’emendamento al Dl Milleproroghe approvato è stato infatti tolto il riferimento esplicito a Milano ma si parla di una ‘riorganizzazione’ senza definire termini, modalità e luoghi. Questa vaghezza non può placare le preoccupazioni di quanti temono il trasferimento e le conseguenze occupazionali ed economiche che esso avrebbe sulla città”. Lo afferma il senatore del Pd Raffaele Ranucci che così continua: “Le misure sulle quote latte e quelle sulla Consob testimoniano la totale sudditanza di questo governo agli umori della Lega Nord. A farne le spese sono, come è evidente, i cittadini onesti e il centro e sud d’Italia”.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Trasferimento Consob da Roma?

Posted by fidest press agency su venerdì, 4 febbraio 2011

«Non se ne parla. Un trasferimento o un depotenziamento della sede romana della Consob è inimmaginabile. Questa ipotesi è assolutamente disfunzionale da un punto di vista economico e del lavoro, ma soprattutto non ha ragione di essere, quindi ci batteremo affinché non passi . È ridicolo pensare di togliere alla Capitale una sua prerogativa, visto che, tra l’altro, uno dei record di Roma è quello di avere il maggior numero di imprese iscritte alla Camera di Commercio (circa 316.000), mentre Milano ne ha 221.000 ed è la città che maggiormente incide sulla formazione del Pil nazionale. Senza considerare che ospita sul suo territorio ben  29 organizzazioni internazionali, è la terza città per numero di rappresentanze Onu, è sede di quattro rappresentanze diplomatiche diverse. Ed è giusto che anche la Consob resti dov’è».  Lo dichiara il vicesindaco di Roma, sen. Mauro Cutrufo.

Posted in Roma/about Rome, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Sud Sudan, Save the Children

Posted by fidest press agency su giovedì, 6 gennaio 2011

Circa 500.000 bambini vanno incontro a fame, malattie, rischio di sfruttamento. A seguito del trasferimento di molte famiglie dal nord al sud per il referendum, fino a 50 persone si trovano a vivere negli stessi spazi. Save the Children pronta con un piano di aiuti d’emergenza in 9 delle 10 regioni del sud Sudan Circa 500.000 bambini in sud Sudan vanno incontro a un periodo di avversità: fame, malattie, rischio di sfruttamento in seguito al trasferimento e rientro in Sud Sudan delle loro famiglie per il referendum del 9 gennaio. Si stimano in 800.000  le persone che dal nord torneranno al sud, afflusso peraltro già iniziato con quasi 80.000 persone arrivate in queste ultime settimane. Più della metà – pari a circa 500.000 – sono bambini. Molti si ritroveranno a vivere sulla strada, o in rifugi arrangiati e temporanei, senza abbastanza cibo e acqua potabile, esposti così al pericolo di contrarre malattie e nell’impossibilità di accedere facilmente a cure, anche di base.
Altri bambini – soprattutto quelli che già vivevano nel sud – si troveranno (alcuni già si trovano) a condividere la propria casa con decine di componenti delle famiglie allargate in arrivo dal nord del paese, e a dividere con questi il poco cibo a disposizione. In alcune abitazioni già si contano decine di persone tutte insieme: così sta vivendo Chot, insieme alla mamma Deu e ai sei fratelli. Nel loro compound adesso sono in 58 da quando li hanno raggiunti dal nord altre 4 famiglie di parenti. Una grande concentrazione anche di necessità, in un’ area che già soffre di carenza di centri medici, ospedali, scuole e dove è enormemente difficile raggiungere le strutture esistenti.
I bambini del sud Sudan sono tra i più poveri e svantaggiati del mondo: 1 ogni 7 muore prima di aver compiuto 5 anni. In questo contesto, con il referendum del 9 gennaio alle porte, la grande sfida è e sarà dare rifugio, sostegno, cibo, assistenza sanitaria, scuola  a centinaia di migliaia di  persone e bambini, continuando ad aiutare coloro che al sud già vivevano e i nuovi abitanti.

Posted in Estero/world news, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Zingaretti contro trasferimento Consob

Posted by fidest press agency su domenica, 28 novembre 2010

“La lettera di Nicola Zingaretti ai parlamentari di Roma e del Lazio è un’iniziativa che sottoscrivo e alla quale naturalmente aderisco”. Lo dichiara il senatore del PD Raffaele Ranucci a proposito della missiva inviata a senatori e deputati laziali dal presidente della Provincia di Roma in cui si chiede di non votare la proposta di legge presentata dalla Lega Nord con la quale si vuole spostare da Roma a Milano la sede della Consob e dell’Antitrust.  “Su questo tema – spiega Ranucci – ho già depositato ad ottobre un’interrogazione al governo con la quale ho chiesto al presidente Berlusconi cosa intendesse fare per evitare il trasferimento della Consob e dell’Antitrust da Roma a Milano come chiesto dalla Lega, un’eventualità che in primo luogo avrebbe tremendi riflessi negativi sui dipendenti dei due enti e sulle loro famiglie”. “Lo spostamento chiesto dalla Lega – prosegue il senatore PD – non ha niente a che vedere con la funzionalità della Cosob e dell’Antitrust ma è solo finalizzato a espropriare la Capitale delle Istituzioni funzionali alla vita democratica del Paese e di reimpiantarle nei territori governati dal Carroccio per poterle gestire attraverso un controllo autoritario e discriminatorio”. “È comunque singolare – conclude Ranucci – che quelli che si propongono di tagliare sprechi, che inveiscono contro ‘Roma ladrona’ madre di tutti gli sperperi, oggi fanno di tutto per ingolfare la Consob e l’Antitrust con spese inutili che ammonterebbero a circa 100 milioni di euro”.

Posted in Politica/Politics, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Presentazione Energethica Torino 2011

Posted by fidest press agency su venerdì, 19 novembre 2010

Torino 26 Novembre 2011, ore 11:00 Lingotto Fiere, Via Nizza, 294 Sala Arancio La conferenza stampa si terrà in contemporanea con la fiera Restructura. Interverranno tra gli altri: • Edgar Mäder, Presidente di Emtrad Srl, organizzatore di Energethica• Alessandro Schena, Resp. del Servizio per il Trasferimento Tecnologico allʼIstituto di Fisica Applicata “Nello Carrara” Consiglio Nazionale delle Ricerche • Furio Cascetta, tutor tecnico area Telegestione, presidente associazione Wincomers • Luca Marigo, tutor tecnico area Biomasse, docente Università Genova • Roberto Vinchi, responsabile settore impianti Unione Industriale di Torino moderatore: Giuseppe Gamba, presidente AzzeroCo2

Posted in Cronaca/News, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »