Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 275

Posts Tagged ‘treni’

Siglato protocollo per la sicurezza nelle stazioni e sui treni

Posted by fidest press agency su venerdì, 9 agosto 2019

Torino Un protocollo per la sicurezza a bordo dei treni e nelle stazioni è stato sottoscritto oggi a Torino da ANCI Piemonte, Regione, Ferrovie dello Stato e Direzione centrale per la polizia stradale, ferroviaria, delle comunicazioni e per i Reparti speciali della Polizia di Stato. L’iniziativa giunge dopo gli atti vandalici e le aggressioni fisiche e verbali subite nei mesi scorsi da viaggiatori e personale ferroviario. “L’obiettivo – spiega il presidente di ANCI Piemonte, Alberto Avetta – è quello di riqualificare e rendere più sicure le stazioni piemontesi. Il compito dell’ANCI sarà quello di coordinare le azioni dei sindaci sul territorio regionale”. Il protocollo siglato in Prefettura prevede l’installazione di telecamere e tornelli nelle principali stazioni e l’intensificazione delle attività di vigilanza e di controllo svolta all’esterno delle strutture dalle polizie locali. Tra i progetti anche la realizzazione di un’applicazione che consentirà al personale dei treni di comunicare in modo veloce e diretto con le Forze dell’ordine. Infine, verranno organizzati eventi formativi e iniziative didattiche per i più giovani. “Il documento sottoscritto oggi – ha spiegato Claudio Palomba, prefetto di Torino – valorizzerà l’attività educativa rivolta ai ragazzi”. “A questo proposito – ha ricordato il presidente dell’ANCI Piemonte, Alberto Avetta – la nostra associazione si è già attivata da tempo per l’introduzione dell’ora di educazione alla cittadinanza nelle scuole. Il progetto va dunque nella direzione da noi auspicata, ma i Sindaci avranno bisogno di risorse e lo abbiamo ribadito in modo chiaro al presidente della Regione Piemonte, Alberto Cirio”Proprio il presidente Cirio ha parlato di: “Un’opportunità concreta per i cittadini e per i Comuni. Se si vuole incentivare l’utilizzo del mezzo pubblico – ha detto, garantendo da parte sua la massima collaborazione da parte della Giunta regionale – bisogna renderlo sicuro”. Alla firma hanno partecipato anche la vicensindaca di Torino Sonia Schellino, il questore Giuseppe De Matteis e il comandante provinciale dell’Arma dei Carabinieri, colonnello Francesco Rizzo.

Posted in Diritti/Human rights, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Cronaca Lombardia a Nazionale: Treni o carri bestiame?

Posted by fidest press agency su mercoledì, 24 luglio 2019

Il Regionale veloce di Trenitalia 1692 da Imperia Centrale a Milano Centrale, già a Genova si presentava pieno oltre ogni limite e capacità.Caldo, assenza di aria condizionata, passeggeri stipati come bestiame per terra e tra le carrozze, nessuna assistenza ai viaggiatori.Codacons: “Vergognoso trattamento dei passeggeri da parte di Trenitalia, neanche nel terzo mondo sarebbe considerato ammissibile. Presenteremo una diffida contra Trenitalia chiedendo i rimborsi dei biglietti e presenteremo un esposto alla Procura della Repubblica. Con il treno in quelle condizioni il pericolo di cadute e sinistri potenziali è enorme, messa in pericolo la salute pubblica.” (n.r. Possibile che non ci rendiamo conto del disastro che stiamo provocando con la nostra idea di diventare famosi con le nostre opere faraoniche mentre permettiamo a migliaia di persone di ritornare agli anni postbellici. Non dimentichiamo i pendolari che devono raggiungere, per lavoro, le metropoli o gli avventurosi viaggi in treno per raggiungere la Sicilia e via di questo passo.)

Posted in Diritti/Human rights, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Lombardia: anticipare la consegna di nuovi treni

Posted by fidest press agency su sabato, 2 febbraio 2019

“La linea di governo a favore del trasporto pubblico è in continuità con gli investimenti già fatti da Trenitalia che con la gara per 500 nuovi treni effettivamente sta cambiando la situazione in molte Regioni.Secondo il rapporto Pendolaria di Legambiente, Il numero dei passeggeri aumenta, toccando quota 5,59 milioni, con un nuovo record rispetto al 2012 (+8% in 4 anni). Sono 2 milioni e 874 mila coloro che ogni giorno usufruiscono del servizio ferroviario regionale e 2 milioni e 716 mila quelli che prendono ogni giorno le metropolitane, presenti in 7 città italiane. Cresce il numero di persone che prende il treno in Lombardia (750mila), Analoghi i successi della metropolitana a Milano (con più passeggeri delle altre 6 città italiane dotate di metro).Il Ministro Toninelli sta cercando di colmare qualche vuoto lasciato dove la Politica negli anni scorsi ha fallito, pensando che non fosse necessario procedere con le assunzioni, con gli investimenti e con la programmazione d’acquisto di nuovi convogli, oggi ad esempio è stato consegnato un nuovo Vivalto a Trenord, che servirà a trasportare i cittadini Lombardi e che fa parte di una flotta di quattordici treni che il Ministro ha deciso di consegnare ai cittadini Lombardi. Finalmente un Governo che da una linea chiara a Gruppo Fs: il nostro paese deve muoversi sul ferro. Ovviamente questo intervento va ampliato e c’è bisogno di un maggior impegno di Regione Lombardia che stiamo sollecitando perché anticipi le consegne di nuovi treni”, così Gregorio Mammì, consigliere regionale del M5S Lombardia, commenta la consegna di un treno Vivalto di Trenitalia a Trenord.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Lombardia: Treni cancellati: il nulla assoluto su Trenord

Posted by fidest press agency su domenica, 24 giugno 2018

“Trenord è gestita con i piedi, dieci treni cancellati in un giorno solo a Bergamo sono una vergogna infinita. Prima si viaggiava su carri bestiame, ora non si viaggia nemmeno. E i pendolari pagano. Che Fontana e l’Assessore Terzi ci vengano a dire che Trenord è inadeguata fa ridere per non piangere: gestiscono loro la società e ammettono di non essere in grado di far andare i treni. Si assumano le loro responsabilità una buona volta, nel rilancio di Trenord sono il nulla assoluto e dovrebbero togliersi di mezzo. La pazienza dei pendolari, e la nostra, è finita da tempo: sono mesi che ci dicono che la governance va cambiata, che propongono un accordo con FS un giorno, per smentito il giorno dopo e che l’AD Farisè va mandata a casa, ma non combinano nulla. Al massimo si lamentano che treni sono fermi. Mi risulta che sono al governo della Lombardia, si diano una mossa”, così Dario Violi, consigliere regionale del M5S Lombardia.

Posted in Cronaca/News | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Sicurezza treni Lombardia

Posted by fidest press agency su giovedì, 24 maggio 2018

Milano. L’Assessore regionale alla Sicurezza Riccardo De Corato ha risposto all’interrogazione a firma del portavoce del M5S Lombardia Simone Verni sul tema della sicurezza sui treni e nelle stazioni di viaggiatori e personale. L’atto chiedeva, oltre al coinvolgimento dei Prefetti per elaborare un piano sicurezza, di spiegare che cosa ha fatto fin qui la Giunta regionale anche sulla base di impegni assunti nella scorsa Legislatura per prevenire il problema. De Corato ha elencato una serie di iniziative di Regione Lombardia per incrementare la sicurezza sui convogli. Tra queste l’incontro con il Prefetto di Lecco del 15 maggio scorso, la dotazione di una app per il personale per la segnalazione di aggressioni o gli impianti di videosorveglianza sui nuovi treni.Parzialmente soddisfatto della risposta il consigliere Verni: “Prendiamo atto che sono stati fatti dei piccoli interventi, ma sono del tutto insufficienti. La situazione è fuori controllo, il trasporto pubblico lombardo è un far west.Va bene incontrare i Prefetti, dotarsi di app e installare telecamere, ma, considerati i risultati, l’impressione è che Regione Lombardia si limiti solo ad inseguire la cronaca delle aggressioni.Occorre un intervento coordinato, capillare e strutturato, con la sicurezza sui treni non possiamo permetterci di vivere alla giornata. Ci auguriamo che questa Giunta adotti un piano sicurezza in tempi rapidi”.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

M5S Lombardia – Verni e Di Marco: situazione violenza sui treni fuori controllo

Posted by fidest press agency su martedì, 15 maggio 2018

Si susseguono episodi dolosi sui treni e nelle stazioni della Lombardia. Gli ultimi due di cui siamo venuti a conoscenza trattano ancora di aggressioni al personale ferroviario. Ieri il capotreno del convoglio 1670 di ferrovie Nord, linea Milano-Canzo Asso, è stato preso a pugni per essere intervenuto mentre un gruppo di ragazzi stranieri teneva aperta e bloccata una porta del treno, forse per poter fumare. Per fortuna le sue condizioni non sono gravi.
Stamattina ci sono arrivate delle foto in cui si documentano numerosi atti vandalici sul treno 25033, linea Como SG – Milano, tra cui numerosi vetri rotti, e ci è stata data la notizia di un’aggressione ai danni di una capotreno.“E’ chiaro ormai che la situazione è fuori controllo e che pendolari e lavoratori delle ferrovie non sono tutelati in nessun modo dalle istituzioni. Mentre i viaggiatori che scendono dal treno vengono sanzionati, gli episodi di violenza a danni di persone e carrozze si moltiplicano.
Abbiamo chiesto l’intervento del Prefetto, perché è compito dello stato intervenire. Abbiamo chiesto un incontro urgente all’assessore ai trasporti Claudia Terzi, che ora non è più rimandabile.” Così Simone Verni, consigliere M5S Lombardia. “Fontana aveva dichiarato che qualcosa bisognava fare, ma non ci è dato sapere cosa. Intanto la situazione peggiora di giorno in giorno. Si sbrighi a decidere cosa intende fare oppure ammetta la propria incompetenza e si rivolga alla Prefettura.” è il commento del consigliere Nicola Di Marco, M5S Lombardia.

Posted in Cronaca/News | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

I livelli di sicurezza sui treni si potenziano migliorando la comunicazione

Posted by fidest press agency su venerdì, 11 maggio 2018

Porta la firma dell’azienda goriziana Ermetris la nuova cornetta smart all in one sviluppata per assicurare una connessione costante sui convogli ferroviari; una soluzione che apre una nuova frontiera nella gestione della comunicazione sui treni. Un dispositivo che, per resilienza e facilità di utilizzo, promette di essere applicabile anche sui tram e persino sugli autobus.
«Il problema maggiore della comunicazione sui treni è dovuto al guasto del server del computer di bordo in cui solitamente risiede il SIP server», premette Claudio Borrello amministratore e fondatore di Ermetris, società specializzata nelle soluzioni innovative di comunicazione per il settore ferroviario. «È un imprevisto che può capitare ma che, se in un ufficio può essere sopportabile, su un treno per i livelli di sicurezza che richiede rappresenta un vero problema. La comunicazione su un convoglio è infatti importantissima: in caso di guasti, emergenze o imprevisti i macchinisti devono poter comunicare prontamente sia tra loro sia con la centrale operativa e, nel caso, dover comunicare anche con i passeggeri». I passaggi di informazioni sono oggi affidati a delle particolari cornette (normalmente una ogni vagone) collegate al computer di bordo. Ermetris ha superato il nodo centrale rendendo autonome le singole cornette. «Le abbiamo fatte diventare smart», semplifica Borrello. «Ogni apparecchio è stato dotato di un SIP client e server automatico ed autoapprendente che lo rende così autonomo e indipendente. È come se ogni cornetta sia un server a sé stante: collegato in rete con gli altri dispositivi, ma pronto a intervenire in caso di guasto di una delle altre cornette. Il segreto è flessibilità della tecnologia applicata: un software che permette di autoconfigurasi e adattarsi alla situazione e di garantire la connessione e la comunicazione sempre». Non solo. «Le cornette smart sono collegate con il sistema di alert del treno. Ogni treno è infatti dotato di un pedale che il macchinista può schiacciare quanto registra un’emergenza. E attraverso quel pedale avvia una comunicazione diretta con la centrale. La cornetta smart, a sua volta collegata a questo strumento, in caso di problemi attiva automaticamente un microfono che consente alla centrale di sentire direttamente cosa sta avvenendo in cabina di comando».Il vantaggi non sono solamente in termine di efficacia ed efficienza, ma anche di costi. «Con l’eliminazione del computer di bordo, sostituito dalle singole cornette smart, si dimezza la spesa. Questo anche grazie al fatto che abbiamo superato l’annosa questione legata alla customizzaizone delle tastiere introducendo uno schermo da 2,4 pollici che funge da tastiera touch», osserva Borrello. «La tecnologia touch, che ormai è entrata nella nostra vita di tutti i giorni attraverso gli smartphone, è anche una tecnologia più intuitiva e semplice da utilizzare». L’interesse che si sta sviluppando attorno a questi dispositivo è notevole. Infatti la sua flessibilità e facilità utilizzo permettono un impiego non solamente sui treni a breve e lunga percorrenza, ma anche sui tram. «Una novità di applicazione potrebbe essere rappresentata dagli autobus – aggiunge Borrello – . Qui la comunicazione tra centrale operativa e l’autista solitamente viene affidata ad un cellulare. Per ovviare dimenticanze o guasti, avere su ogni autobus un dispositivo rappresenta di sicuro un collegamento continuo tra la centrale e l’autobus e garantisce la possibili di raggiungere l’autista in ogni momento».

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Sicurezza treni: Stato deve garantire sicurezza

Posted by fidest press agency su martedì, 8 maggio 2018

“E’ lo Stato che ha il compito di garantire la sicurezza, anche sui treni e nelle stazioni ferroviarie; non è più accettabile assistere attoniti a quotidiani atti di violenza perpetrati ai danni di viaggiatori e del personale, nel disinteresse generale. Un silenzio assordante. Esercito o vigilantes messi in campo per azioni spot sono palliativi e hanno dimostrato, in anni di sperimentazioni inutili, che non risolvono un problema ormai strutturale. Il Prefetto convochi immediatamente un tavolo, con forze dell’Ordine, aziende di trasporto e Istituzioni interessate e si ragioni su un piano serio di sicurezza sui treni e nelle stazioni. Le dichiarazioni di De Corato, Santanchè, Grimoldi sono la solita “propaganda vuota”, parole a cui non seguono i fatti: se si vuole veramente risolvere questo problema e garantire sicurezza, occorre strutturare un piano debitamente programmato. Fino ad oggi abbiamo assistito ad attività isolate dal sapore propagandistico che invece di affrontare seriamente la questione l’hanno solo spostato, o posticipato. Così Simone Verni, consigliere regionale del M5S Lombardia.

Posted in Politica/Politics, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Treni: i macchinisti USA parleranno italiano

Posted by fidest press agency su venerdì, 2 febbraio 2018

claudio_borrelloLa tecnologia friulana conquista gli Stati Uniti. Ermetris, azienda di Gorizia specializzata nelle soluzioni innovative per il settore ferroviario, ha ricevuto da Amtrak, leader del trasporto ferroviario oltreoceano, una commessa per la fornitura di speciali “cornette intelligenti” con pulsantiera esterna per 150 treni. Gli strumenti, appositamente sviluppati per rispondere a specifiche richieste di manutenzione, garantiranno la comunicazione tra il macchinista e i passeggeri e tra il macchinista e il personale ferroviario.«Parliamo di un particolare telefono ferroviario che viene connesso all’architettura di bordo e che funziona senza l’ausilio di altri dispositivi», spiega Claudio Borrello amministratore e fondatore di Ermetris. «È uno strumento che viene integrato nel banco del macchinista per fare le comunicazioni con i passeggeri – comunicazioni di servizio, ma anche di sicurezza – e che permette anche di comunicare con i capitreno e con l’altro macchinista che si trova sul fronte opposto del convoglio. Una dotazione che abbiamo sviluppato custom, sia per quanto riguarda la pulsantiera sia per la cornetta, e che sarà montata su 30 treni della linea ad alta velocità Boston – New York e su 120 treni in sevizio in California. Il valore complessivo è di oltre 500mila euro».
Non è la prima volta che Ermetris arriva al mercato americano. «Abbiamo in passato fatto delle forniture per un general contractor destinate agli Stati Uniti», ricorda l’ingegnere. «È la prima volta però che arriviamo al mercato statunitense in modo diretto. E lo abbiamo fatto con un prodotto definito come “standard” che, in quanto destinato ai macchinisti, viene sottoposto anche alla valutazione e approvazione da parte dei sindacati». Alla prima pre-serie di apparecchi che sono già stati consegnati, nei prossimi due anni seguirà la completa fornitura al colosso ferroviario americano. Amtrak opera infatti su 33.800 km di ferrovie connettendo 500 località di 46 Stati. Conclude Borrello: «Per un’azienda che è partita come start-up solamente cinque anni fa questo è un grande risultato che conferma il trend di crescita di Ermetris e la bontà delle soluzioni a forte tasso di innovazione proposte».
Ermetris – Fondata nel 2011, Ermetris è una giovane e dinamica azienda che opera nel settore ferroviario per la fornitura di prodotti ad elevata tecnologia al fine di migliorare il confort di bordo, la sicurezza e la comunicazione. Avviata da Claudio Borrello come start up nel settore del “passenger information system”, ha iniziato come distributore di prodotti di terzi, per arrivare a progettare, assemblare e commercializzare prodotti innovativi per il settore ferroviario. Questo permette ad Ermetris di essere “main contracting”. La sede di Ermetris è a Gorizia. http://www.ermetris.com (foto: claudio borrello)

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Campidoglio, destinati oltre 425 milioni di euro per Metro A e B

Posted by fidest press agency su mercoledì, 3 gennaio 2018

metro-romaRoma. Oltre 425 milioni destinati all’ammodernamento delle linee Metro A e B, la creazione di una nuova flotta con l’acquisto di 14 nuovi treni e la manutenzione del parco rotabile. Roma Capitale ha ottenuto dal Ministero delle Infrastrutture dei Trasporti 425,52 milioni per interventi diretti sulle linee metropolitane A e B.“Un vero e proprio restyling delle metropolitane di Roma. Con queste risorse avremo nuovi treni a servizio dei cittadini, diminuendo quindi i tempi di attesa alle banchine e dando nuova linfa al trasporto pubblico locale. Un’iniezione di liquidità destinata a rendere Roma al pari delle altre capitali europee, un risultato ottenuto da questa Amministrazione dopo mesi di incontri e tavoli di lavoro. Grazie alla programmazione e al piano che abbiamo messo in atto rinnoviamo le linee metropolitane della Capitale che scontano un gap manutentivo decennale, migliorando la circolazione dei treni”. Lo dichiara in una nota la Sindaca di Roma, Virginia Raggi.“Da mesi questo Assessorato ha intrapreso un serio lavoro basato su un’attenta programmazione, una stretta collaborazione con il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, pensata unicamente a favore della città. Un’attività che ha messo assieme una squadra di tecnici che ha lavorato e stilato una lista dei progetti più urgenti. Negli ultimi 20 anni le metro hanno accumulato un enorme debito manutentivo, con questo pacchetto abbiamo messo nero su bianco una vera operazione di rinnovamento. Nel piano sono previste anche le manutenzioni straordinarie rotabili, il rinnovo dell’armamento nella tratta Anagnina-Ottaviano e per il rinnovo del sistema di controllo traffico, comprensivo di un nuovo impianto per informazioni al pubblico”, spiega l’Assessora alla Città in Movimento, Linda Meleo.

Posted in Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

La Francia è sempre più nel segno dell’alta velocità

Posted by fidest press agency su venerdì, 7 luglio 2017

alta velocitàL’azienda SNCF – Società nazionale delle ferrovie francesi – punta fortemente ad avvicinare le regioni della Costa Atlantica. E lo fa con un forte progetto che prevede investimenti pari a 12,4 miliardi di euro, così suddivisi:
· 2,8 mld € per la nuova linea ad alta velocità Le Mans-Rennes (stazione appaltante: Eiffage Rail Express), finanziati dallo Stato (AFITF), dagli enti locali della regione, da SNCF Réseau e dall’Europa.
· 0,6 mld € per le opere complementari (opere presso le stazioni, segnalamento, binari, risoluzione del congestionamento ferroviario di Bordeaux, ecc.) finanziate da SNCF Réseau.
· 7,8 mld € per la nuova linea ad alta velocità Bordeaux-Tours (stazione appaltante: Lisea), finanziati da LISEA, dallo Stato, dagli enti locali della regione, dall’Europa e da SNCF Réseau.
· 1,2 mld € per le opere complementari (opere presso le stazioni, segnalamento, binari, risoluzione del congestionamento ferroviario di Bordeaux, ecc.) finanziati da SNCF Réseau.
A partire dallo scorso 2 luglio, SNCF per raggiungere il suo obiettivo ha inaugurato contemporaneamente due nuovi collegamenti TGV: L’Océane e Bretagne Pays-de-la-Loire, dalle cui introduzioni ci si attende 4 milioni di viaggiatori in più all’anno entro il 2019.
Per l’occasione, le animazioni organizzate a bordo di circa 50 treni TGV hanno avuto il compito di intrattenere più di 20.000 clienti, che hanno partecipato a una “prima” assoluta in Europa. SNCF infatti ha lanciato due nuove linee ad alta velocità che permetteranno di raggiungere Bordeaux e Rennes da Parigi, rispettivamente in 2 ore e 4 minuti e 1 ora e 25 minuti. Con l’entrata in servizio di TGV L’Océane e TGV Bretagne-Pays-de-la-Loire, i viaggiatori italiani potranno acquistare come sempre i propri biglietti con un semplice clic, sul sito Voyages-sncf.com.
Con il prolungamento della linea ad alta velocità tra Le Mans e Rennes (182 km), l’accesso più rapido e più facile alla Bretagna e ai Paesi della Loira è ormai una realtà.
alta velocità1Tra Parigi e Rennes, ogni anno sono attesi 1,6 milioni di viaggiatori in più a bordo del TGV Bretagne-Pays-de-la-Loire. Per trasformare il tempo trascorso a bordo in una vera occasione di relax o di lavoro, sarà disponibile il wi-fi – attraverso il portale TGV Connect- su alcuni treni diretti in Bretagna, a fine 2017.
A partire dal 2 luglio 2017, SNCF propone 30.000 posti al giorno tra Parigi e Rennes in TGV 1a o 2a classe, PREM’S o OUIgo. Per quanto riguarda i tempi di percorrenza e le tariffe, il prezzo di riferimento è di 35€*, ma sono disponibili biglietti a partire da 20€. (foto: alta velocità)
PARIGI – RENNES 1 ora 25 minuti
PARIGI – BREST 3 ore 25 minuti
10 CORSE/GIORNO
PARIGI – QUIMPER – 3 ore 31 minuti
PARIGI – SAINT-MALO 2 ore 14 minuti
PARIGI – SAINT-BRIEUC 2 ore 13 minuti
PARIGI – LORIENT – 2 ore 56 minuti
PARIGI-BORDEAUX in 2 ore e 04 minuti

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Inferno sui treni lombardi. M5S interroga Maroni: “TRENORD non rispetta il contratto di servizio!”

Posted by fidest press agency su martedì, 4 luglio 2017

regione lombardia“Il mese di giugno 2017 è stato un inferno per migliaia di pendolari tra soppressioni, ritardi infiniti e carrozze senza aria condizionata. E’ stata una disfatta epocale dove si è toccato il fondo con i passeggeri costretti a scendere dai treni sulla massicciata in piena campagna e a camminare a piedi sui binari fino alla stazione, proteste per l’assenza di refrigerazione nelle carrozze e tratte senza convogli per ore e ore. Non c’è una sola linea ferroviaria che si salvi!” Per il trasporto pubblico in Lombardia è allarme rosso e le responsabilità hanno nomi e cognomi, dato che in questa legislatura, ogni estate, si ripetono gli stessi errori da parte di TRENORD e la Giunta Maroni resta impassibile. E’ evidente che non c’è programmazione e non si provvede alle pre-manutenzioni estive”, così la consigliera regionale Iolanda Nanni, che ha depositato un’interrogazione (in allegato) alla Commissione regionale trasporti e chiesto un’audizione urgente dell’amministratore delegato di TRENORD e del Responsabile RFI e FerrovieNord per la rete infrastrutturale lombarda e dell’Assessore Sorte.
Le due azioni del M5S danno voce anche alle proteste delle decine di Comitati Pendolari che fioccano da settimane in Regione senza che nessuno si decida seriamente a dare risposte e intervenire con soluzioni rapide.
“E’ di oggi – prosegue Nanni – la dura lettera dei Rappresentanti dei Viaggiatori lombardi della Conferenza del TPL che protestano per i pesanti disagi e disservizi subiti. Ho tradotto le loro richieste in un’interrogazione in cui chiediamo l’applicazione delle penali del Contratto di Servizio a TRENORD che evidentemente non lo ha rispettato e interventi radicali per il miglioramento delle condizioni di viaggio degli utenti lombardi. L’Assessore Sorte, di Forza Italia, meriterebbe un monumento all’incapacità e all’inerzia. Del suo piano di investimenti straordinari annunciato a febbraio 2017 non c’è nemmeno l’ombra”, conclude Nanni.

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Sui treni locali la sicurezza è in un colpo d’occhio. Su 64 convogli i Driver Console Panel di Ermetris

Posted by fidest press agency su domenica, 25 giugno 2017

claudio borrelloTutto il treno sotto controllo con un colpo d’occhio con i Driver Console Panel di Ermetris. È finalizzato ad incrementare la sicurezza dei treni ad alta frequentazione – i cosiddetti Taf a due piani – l’intervento che l’azienda di Gorizia sta facendo per i treni di Trenitalia. In totale 64 treni a due piani in servizio sulle tratte locali verranno dotati di 256 innovative console che permettono di monitorare tutto il funzionamento del treno. «Più che un computer di bordo, possiamo dire che si tratta del “cuore” del treno. Da questi pannelli da 10.4 pollici passano tutte le informazioni relative al convoglio: lo stato dell’impianto frenante, l’efficacia del condizionamento, l’apertura e la chiusura delle porte e persino le informazioni relative al funzionamento dei servizi igienici», spiega Claudio Borrello, ingegnere che nel 2011 ha fondato Ermetris come start-up basata sulle soluzioni innovative per il settore ferroviario. In pochi anni, l’azienda goriziana ha saputo ritagliarsi un ruolo di primo piano in un settore ad elevata innovazione conquistando clienti in Italia, Canada, Danimarca, Francia, Germania, Norvegia e Usa.
Con la tecnologia sviluppata e applicata da Ermetris, il passo in avanti è stato notevole. Innanzitutto plancia«parliamo di sistemi che utilizzano un’elettronica di nuova generazione basata sul principio del “low power”, quindi con un minore consumo di energia, e con una vita superiore – quasi doppia – alle precedenti tecnologie», spiega Borrello. Anche sotto il profilo dell’utilizzo, la nuova interfaccia garantisce diverse innovazioni. «Lo schermo è “sun readable”, ovvero facilmente leggibile anche con il sole o in presenta di molta luce. Questo assicura sempre la possibilità di avere sotto controllo tutti gli strumenti. Inoltre, è antivandalico: risulta particolarmente difficile romperlo. Non certo ultimo, ha fatto propria la tecnologia touch screen, tecnologia che non solamente è ormai entrata a far parte in modo diffuso della nostra vita quotidiana, ma soprattutto garantisce un più agevole utilizzo. Sono tutti accorgimenti fondamentali per un sistema di controllo della sicurezza. E qualora il monitor non dovesse funzionare, il treno non può entrare in servizio».Nel complesso, l’intervento di Ermetris vale circa un milione di euro. «È un ulteriore tassello che mettiamo sul cammino della crescita», conclude Borrello. L’azienda in pochi anni è infatti cresciuta in modo esponenziale vincendo gare per diciassette carrozze bistrot-ristorante delle ferrovie norvegesi, per una ventina di treni della nuova tramvia di Firenze, per 40 treni della circumvesuviana di Napoli, per manutenzioni e fornitura di componentistica per i vecchi “Etr 500” ed “Etr 480” di Trenitalia e per la manutenzione dei sistemi di bordo dei treni di TreNord. (foto: claudio borrello, plancia)

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Scontro tra treni nel Salento

Posted by fidest press agency su mercoledì, 14 giugno 2017

scontro ferroviarioBari. La tragedia sfiorata nel Salento, riporta ai tristi giorni dello scontro ferroviario di Corato. Sembra una tragica replica di una questione d’affrontare in modo ampio, serio e approfondito. Per questo non posso condividere la caccia alle streghe che i soliti populisti della mobilità ferroviaria hanno scatenato dopo l’incidente tra i due treni delle Ferrovie Sud Est sulla tratta Lecce-Otranto. Siamo alle solite. Da qualche parte della Puglia si piange o si soffre e qualcuno specula per ritagliarsi un consenso adulterato dall’emergenza. L’assessore Giannini non è il colpevole, ma è il ritardo accumulato negli anni, nell’ammodernamento della rete ferroviaria, il vero imputato.
I processi, tuttavia, non si fanno sui giornali o con i lanci di agenzia, ma programmando una seria politica della mobilità ferroviaria regionale, non più da considerarsi figlia di un dio minore, ma parte integrante del sistema viario pugliese. Il lavoro avviato dalla giunta regionale e dall’assessore Giannini sul rilancio della rete ferroviaria pugliese non può finire sotto esame di qualche processo mediatico, frettolosamente istruito dalle opposizioni, ma dev’essere valutata nell’obiettivo di creare un sistema integrato gomma-ferro che, come è ovvio, non avviene in tempi rapidi, ma ha bisogno di concertazione, collaborazione, progettazione, per questo non servono indici puntati, ma lavoro puntuale e pianificazione degli interventi per rendere la rete ferroviaria sicura ed evitare tragedie come quella registrata in Salento. (n.r. Ciò che ci sorprende in questo comunicato è che si continua a parlare di “rilancio della rete ferroviaria pugliese” come se si trattasse di un problema dei giorni nostri dimenticando, e speriamo in buona fede, che queste stesse parole sono state usate in più riprese negli anni passati. Per chi ha buona memoria si tratta di una colossale beffa sulla pelle dei morti di ieri e dei feriti di oggi. Su tutto ciò i media fanno bene a parlarne).

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Addio al TGV, l’alta velocità francese cambia nome: arriva inOUI

Posted by fidest press agency su domenica, 4 giugno 2017

in ouiSNCF mira ad attrarre 15 milioni di nuovi clienti entro il 2020. E lo fa puntando sulla differenziazione dell’offerta. I viaggiatori potranno scegliere tra due offerte di alta velocità ben differenziate e complementari, grazie a Voyages-sncf.com. Entrambe fanno una promessa chiara: da un lato, OUIgo, l’essenza dell’alta velocità a basso prezzo, con l’obiettivo di raggiungere il 25% del traffico francese dell’alta velocità nel 2020.
Dall’altro, TGV – presto ribattezzato in inOUI – il viaggio per eccellenza, che unisce confort, servizio e connettività e che, per il 2020, si prefigge di raggiungere una percentuale di soddisfazione dei clienti del 95%.
Rachel Picard ha dichiarato: «inOUI è sia un elemento rivelatore della trasformazione in atto nella nostra azienda, sia un acceleratore di tutti i progetti futuri, oltre ad essere, ovviamente, un progetto manageriale per i nostri 20.000 collaboratori che lavorano quotidianamente per fare evolvere questo servizio per i nostri clienti».
inOUI: 3 progetti distintivi che verranno realizzati sulle varie destinazioni entro il 2020 con:
Il digitale: Internet a bordo, per restare connessi per tutto il viaggio e beneficiare di nuovi servizi e contenuti digitali
Il servizio a bordo: grazie al controllo del biglietto al binario e ai nuovi strumenti di interfaccia con il cliente, il capotreno può dedicare più tempo ai clienti e gestire il rapporto con loro in modo più personalizzato.
Il parco rotabile: la livrea bianca, moderna ed elegante, rende palpabile il miglioramento del confort all’interno delle vetture nuove e di quelle rinnovate, permettendo di armonizzare il parco veicoli TGV.
La promessa fatta ai clienti verrà attuata progressivamente nell’arco di 30 mesi, linea dopo linea, a cominciare dal 2 luglio sulla tratta Parigi-Bordeaux, che realizzerà per la prima volta questo nuovo contratto esperienziale. In successione, dal 2017, questi cambiamenti diverranno realtà sulle linee Parigi-Lione e Parigi-Lilla. Nel 2017, già un terzo dei viaggiatori potranno vivere questa nuova esperienza di viaggio. (foto: inoui)

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Sicurezza treni in Lombardia: Approvata mozione urgente del M5S

Posted by fidest press agency su giovedì, 16 febbraio 2017

TRENO“Dopo i drammatici fatti di cronaca, abbiamo ritenuto doveroso portare in Aula del Consiglio Regionale una mozione urgente per chiedere la revisione del Piano sulla Sicurezza dei treni regionali. Sinora quello approntato dalla Giunta Maroni non ha funzionato ed il motivo è che è stato improntato agendo sulla “percezione” della sicurezza e non sulla sicurezza reale. Basti pensare che la Giunta Maroni ha sprecato 2,2 milioni di euro per assumere 150 “assistenti alla clientela” impropriamente denominati “vigilantes”, facendo solo propaganda. Solo grazie alle azioni del M5S che, dal 2015 ad oggi, ha depositato una serie di interrogazioni e mozioni, la Giunta ha iniziato ad assumere guardie giurate armate ma non le ha disposte equamente su tutte le tratte ferroviarie, in assenza di una ricognizione mirata delle linee a rischio. Con l’impegno assunto oggi con la nostra mozione, speriamo che stavolta sia la volta buona per dare concretezza alle nostre proposte e ad un vero Piano di Sicurezza che non sia basato sulla militarizzazione dei treni e delle stazioni, ma su un rafforzamento della Polfer. La Giunta si è impegnata infatti a portare la questione sicurezza sui treni alla Conferenza Stato-Regioni per chiedere uno stanziamento straordinario che garantisca maggiori risorse e strumentazioni alla POLFER che ha subito poderosi e vergognosi tagli dal Governo Centrale. In Lombardia, le 590 unità, che includono funzionari e dirigenti, non sono certamente sufficienti a presidiare treni e stazioni.”, così Iolanda Nanni, capogruppo del M5S Lombardia e prima firmataria della mozione. “La mozione del M5S chiede di lavorare su obiettivi concreti: impegna la Giunta a fare una ricognizione puntuale delle linee a rischio e ad intensificare i controlli su tutte le tratte pendolari con la presenza di guardie giurate sui treni notturni e delle fasce orarie a scarsa frequentazione. Inoltre, impegnamo la Giunta a sollecitare TRENORD a stanziare ulteriore risorse per il rinnovo dei treni e delle stazioni con installazione di telecamere e l’introduzione di dispositivi di allarme. Ma non basta: di notte e nelle ore di scarsa presenza di utenti va attivata la chiusura delle carrozze, concentrando l’utenza in poche carrozze di testa. Occorre un’inversione di marcia anche sulle stazioni lombarde, oggi sempre più abbandonate, lasciate senza presidi, diventano luogo di spaccio e di atti vandalici e degrado”, conclude Nanni.

Posted in Cronaca/News, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Scontro treni: Investimenti sbilanciati

Posted by fidest press agency su venerdì, 15 luglio 2016

ferrovie“Troppi sono i treni che viaggiano su tratte monobinario la cui sicurezza è affidata a collegamenti telefonici. Il governo avrebbe dovuto assegnare le competenze sulla sicurezza dei viaggiatori nelle linee regionali all’Agenzia nazionale per la sicurezza ferroviaria, compresa la tratta pugliese interessata alla tragedia, la Conferenza Stato Regioni si era espressa positivamente chiedendo ovviamente la copertura dei costi previsti. Ma il governo ha fatto spallucce e non ha dato corso all’iter prendendosi una gigantesca responsabilità. Da troppi anni sono troppi gli investimenti sulla linea business: due ore per raggiungere Milano da Roma, due giorni per raggiungere la Puglia, la Basilicata, la Calabria, la Sicilia. Questo divario Nord-Sud dev’essere eliminato, così come deve essere cancellato il divario sociale tra viaggiatori facoltosi e pendolari. Che ci sia anche più confort per gli utenti business, ma l’efficienza e la sicurezza devono essere identiche per i ricchi come per i poveri, per i settentrionali come per i meridionali. Lo Stato deve finanziare l’ammodernamento delle infrastrutture del trasporto locale su ferro perché le Regioni non sono in grado di provvedervi e deve immediatamente trasferire i doveri di sicurezza all’agenzia nazionale. E questo è l’unico antidoto possibile alle tragedie”. È quanto ha dichiarato il capogruppo di Fratelli d’Italia-Alleanza nazionale Fabio Rampelli intervenendo in aula sull’informativa del ministro dei Trasporti Graziano Delrio.

Posted in Cronaca/News, Economia/Economy/finance/business/technology, Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Viaggi in treno: nuovo bonus Trenitalia per ritardi oltre 30 minuti

Posted by fidest press agency su giovedì, 2 aprile 2015

TRENODal 1 Marzo 2015 ai viaggiatori di treni Frecciarossa, Frecciargento e Frecciabianca che subiscono ritardi all’arrivo superiori a 30 minuti (tra 30 e 59 minuti, per l’esattezza) è riconosciuto un bonus pari al 25% del prezzo del biglietto spendibile per viaggi successivi.
Il bonus può essere chiesto trascorsi 3 giorni dalla data del viaggio e fino a 12 mesi dopo, presso qualsiasi biglietteria, presso l’agenzia di viaggio di acquisto o tramite il sito in caso di acquisti online.
Sul sito Trenitalia si può accedere a tutte le informazioni con un nuovo link diretto presente in home page (voce “indennità per ritardo”). Sono queste le principali novità che Trenitalia ha introdotto nel rispetto degli impegni presi a seguito di un procedimento istruttorio messo in atto dall’Autorità garante per la concorrenza ed il mercato (Antitrust), che ha rilevato carenze nelle procedure di indennizzo a fronte di ritardi. L’altra promessa mantenuta è l’introduzione della possibilità di fruire delle indennità di ritardo (vedi sotto) anche in caso di acquisti contestuali di più biglietti per un unico viaggio, in combinazione tra loro o con uno o più servizi di trasporto regionale (es.biglietto Frecciarossa+biglietto per prosecuzione viaggio con altro Frecciarossa o con un regionale). In questi casi, dove si parla di “biglietto globale” e “biglietto globale misto, l’indennità scatta sul prezzo complessivo, ma è fruibile solo se l’acquisto è avvenuto online.Si ricorda infatti che per ritardi all’arrivo superiori ai 60 minuti il passeggero può scegliere di effettuare il viaggio o proseguirlo chiedendo il rimborso parziale del biglietto (indennità di ritardo), in queste misure:
– se il ritardo è compreso tra i 60 e i 119 minuti: rimborso del 25%;
– se il ritardo è pari o superiore ai 120 minuti: rimborso del 50%.
sia con rilascio di un bonus per l’acquisto entro 12 mesi di un nuovo biglietto sia per contanti o riaccredito sulla carta utilizzata per l’acquisto.(Rita Sabelli, responsabile Aduc aggiornamento normativo)

Posted in Diritti/Human rights, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Nuovi treni alla metropolitana di Roma

Posted by fidest press agency su giovedì, 24 maggio 2012

Roma «Saranno diciassette, due più del previsto, i nuovi treni in servizio sulle linee B e B1 della Metropolitana. La gara per la fornitura dei convogli indetta dal Dipartimento Mobilità e Trasporti si è infatti conclusa con un risparmio di circa diciassette milioni di euro rispetto all’investimento preventivato, cifra che l’Amministrazione capitolina ha deciso di utilizzare immediatamente per l’acquisto di ulteriori due convogli rispetto ai quindici iniziali. La fornitura comprende anche cinque anni di manutenzione programmata e circa sette milioni di euro di materiali di ricambio. L’acquisto dei nuovi convogli, nonostante un momento assai delicato per quanto riguarda il reperimento di risorse, conferma il grande lavoro che l’Amministrazione sta facendo per rinnovare le infrastrutture del trasporto pubblico e offrire ai cittadini un servizio che abbia standard qualitativi sempre più alti». Lo dichiara Antonello Aurigemma, assessore alla Mobilità di Roma Capitale.

Posted in Cronaca/News, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Nuovi treni per il servizio regionale del Lazio

Posted by fidest press agency su sabato, 7 aprile 2012

Italiano: Locomotiva gruppo 691 delle Ferrovie...

Italiano: Locomotiva gruppo 691 delle Ferrovie dello Stato, conservata al Museo della Scienza e della Tecnologia di Milano (Photo credit: Wikipedia)

«L’annuncio fatto dall’Amministratore delegato di Ferrovie dello Stato, Mauro Moretti, sui nuovi treni in arrivo per il servizio regionale del Lazio è apprezzabile e deve essere registrato come un fatto assai positivo. L’auspicio è che, dopo avere provveduto al materiale rotabile, si faccia altrettanto sul fronte delle infrastrutture. Roma, città nella quale transita il 70% del trasporto pubblico locale della regione, necessita del completamento dell’anello ferroviario. Per finire l’opera manca un solo chilometro e l’Amministrazione capitolina ha già provveduto a sgomberare le aree che insistono in quella zona, in modo che i lavori possano partire immediatamente. La chiusura dell’anello doterebbe Roma di quella metropolitana di superficie che fungerebbe da raccordo tra tutti i quadranti della città e renderebbe ancora più efficace l’intermodalità del trasporto pubblico». Lo dichiara Antonello Aurigemma, assessore alla Mobilità di Roma Capitale

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »