Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 33 n° 348

Posts Tagged ‘tributario’

Al via il Codice Unico Tributario

Posted by fidest press agency su martedì, 7 luglio 2020

Un Codice Unico Tributario, elaborato con metodologia scientifica nella composizione e sistematizzazione coordinata e neutrale delle norme attuali vigenti, che individui e raccolga l’intera disciplina legislativa in materia tributaria e che si ponga, soprattutto, come base sulla quale innestare i successivi testi che saranno prodotti per le già necessarie riforme in materia fiscale. È quanto sarà realizzato da ISLE (Istituto per la Documentazione e gli Studi Legislativi) e ASSOHOLDING (Associazione Holding di Partecipazione), attraverso il “Comitato di indirizzo scientifico per la predisposizione del Codice Unico Tributario”, guidato nella sua proattiva azione dalla consapevolezza che senza una effettiva certezza delle norme attuali vigenti nessun intento riformatore potrà essere davvero realmente efficace.L’iniziativa annunciata oggi sarà oggetto di presentazione ufficiale dopo la pausa estiva, presso la Camera dei Deputati, ai rappresentanti delle Istituzioni e del mondo professionale e imprenditoriale, alla presenza del Presidente del Comitato di indirizzo scientifico, Prof. Giovanni Tria, e del Presidente dell’ISLE, Dott. Gianni Letta da parte del Presidente di ASSOHOLDING, Prof. Gaetano De Vito.
Quella di ISLE e ASSOHOLDING è una risposta concreta e fattiva ad un’esigenza forte, da tempo largamente avvertita dai contribuenti, a partire dalle imprese, e dalle stesse Istituzioni. Le norme tributarie si presentano infatti ad oggi disperse e frazionate in una molteplicità di atti che si sono sovrapposti nel corso del tempo, a discapito della chiarezza perché non inquadrati in un sistema organico. E se pure il ricorso ai professionisti può di volta in volta essere di aiuto nel dipanare la matassa, sono gli stessi professionisti che potranno avvalersi per primi di uno strumento di semplificazione nelle attività di comprensione e applicazione di queste disposizioni, con beneficio anche sui conseguenti numerosissimi procedimenti di contenzioso a carico della Magistratura. Il protocollo d’intesa tra ISLE e ASSOHOLDING che ha condotto alla creazione del “Comitato di indirizzo scientifico per la predisposizione del Codice Unico Tributario” nasce dalla volontà di far convergere i loro complementari know how verso l’obiettivo comune del Codice, da entrambi ritenuto essenziale per la successiva riflessione sulle riforme e il loro avvio. L’ISLE vanta infatti un’esperienza pluridecennale nel campo della tecnica legislativa e su input di Assoholding già dallo scorso anno ha svolto un’analisi complessiva sui Testi Unici coordinata dal Prof. Giulio M. Salerno e ha pubblicato originali proposte legislative che costituiranno il punto di partenza per il lavoro di raccolta e sistematizzazione delle norme tributarie vigenti (vedile in “Rassegna Parlamentare” n. 3/2019). ASSOHOLDING, dal canto suo, porta in dote elevate e comprovate competenze e professionalità specialistiche, e contribuirà con propri esperti all’elaborazione e stesura del Codice Unico Tributario.Una prima manifestazione di interesse sul Codice Unico Tributario è pervenuta da parte dell’ANTI, l’Associazione Nazionale Tributaristi Italiani, attraverso il supporto all’iniziativa del Prof. Pietro Selicato che è responsabile del Comitato scientifico, e autore di un recente studio comparato sulla codificazione in materia tributaria come edito nel n. 2/2019 del periodico ufficiale dell’Associazione, “Neotera”.

Posted in Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Valore probatorio degli atti notori nel processo tributario

Posted by fidest press agency su domenica, 19 Maggio 2019

Con un’importante ordinanza, n. 13174 del 16 maggio 2019, la Corte di Cassazione ha accolto il ricorso proposto da un contribuente, rappresentato e difeso dall’Avv. Maurizio Villani, avente ad oggetto due avvisi di accertamento emessi dall’Agenzia delle Entrate a seguito di indagini bancarie.In particolare, mediante la produzione in giudizio di dichiarazioni sostitutive dei familiari che avevano affermato che le ingenti somme contestate erano pervenute al contribuente per donazione paterna, veniva dimostrata l’illegittimità ed infondatezza delle contestazioni mosse dall’Agenzia delle Entrate.Tuttavia, mentre i giudici di primo grado accoglievano in toto le doglianze del contribuente, i giudici di seconde cure ritenevano che le dichiarazioni sostitutive non potevano assurgere a prova idonea a giustificare le ingenti somme di moneta contante transitate dal padre defunto al figlio.Avverso la sfavorevole sentenza dei giudici di secondo grado, il contribuente ha proposto ricorso per Cassazione, in particolare eccependo l’insufficiente e contradditoria motivazione della sentenza della CTR che si era limitata a ritenere le dichiarazioni sostitutive non idonee ad assurgere a fonte di prova, senza tenere in considerazione alcuna l’ulteriore produzione documentale esibita in giudizio, costituita da assegni, estratti conto, atti di vendita e ricevute di pagamento.Il contribuente rilevava, altresì, come gli atti notori costituiscono valida giustificazione delle operazioni segnalate in sede di verifica, rivestendo valore di elementi indiziari, considerato che il divieto di cui all’art. 7 del D. Lgs. n. 546/1992 si riferisce alla sola prova testimoniale nella sua accezione tipica, ma non preclude al giudice tributario di porre a fondamento della decisione dichiarazioni di soggetti terzi acquisite dalle parti processuali.Ebbene, rileva Giovanni D’Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”, i giudici di legittimità nell’accogliere le tesi difensive dell’Avv. Maurizio Villani, hanno avuto finalmente la possibilità di chiarire che:
– il divieto di cui all’art. 7 del D.Lgs. n. 546 del 1992 fa riferimento alla sola prova testimoniale, ma non preclude al giudice tributario di porre a fondamento della decisione dichiarazioni di soggetti terzi acquisite dalle parti processuali;
– gli atti notori hanno il valore probatorio proprio degli elementi indiziari e, qualora rivestano i caratteri di gravità, precisione e concordanza di cui all’art. 2729 c.c., danno luogo a presunzioni;
– anche al contribuente, al pari dell’Amministrazione finanziaria, è consentito introdurre in giudizio innanzi alle Commissioni tributarie dichiarazioni rese da terzi in sede extraprocessuale per far valere le proprie ragioni e tali dichiarazioni devono assurgere a rango di indizi, che necessitano di essere valutati congiuntamente ad altri elementi.

Posted in Diritti/Human rights | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Seminario “Lo sport nel diritto costituzionale, civile e tributario italiano ed europeo”

Posted by fidest press agency su giovedì, 3 novembre 2011

Parma 4 novembre, a partire dalle ore 15, presso l’Aula Lauree della Facoltà di Economia ’Università di (via J.F. Kennedy 6), organizzato dalCentro di Ricerche sullo Sport (Ce.R.S.) dell’Ateneo con la collaborazione del Comune di Parma, dell’AIGA – Sezione di Parma, e delle Edizioni Scientifiche Italiane spa.L’evento tratterà alcuni aspetti del diritto dello sport, a partire dalla sentenza della Corte Costituzionale n. 49 del 2011 che ha dichiarato la legittimità della legge sulla giustizia sportiva, dando un inquadramento del fenomeno sportivo nel contesto costituzionale.Il seminario sarà presieduto da S.E. Dott. Alberto De Roberto, Presidente del Tribunale Nazionale di Arbitrato per lo Sport del C.O.N.I. Relatori saranno il Prof. Avv. Tommaso Edoardo Frosini, dell’Università “Suor Orsola Benincasa” di Napoli, che si occuperà dei profili costituzionali italiani e comparati dello sport, il Prof. Avv. Luca Di Nella e il Prof. Adriano Benazzi, entrambi dell’Università di Parma, che affronteranno rispettivamente le questioni civilistiche e quelle tributarie nell’ordinamento italiano ed europeo.Durante il convegno saranno inoltre presentati il volume «Il Tribunale Nazionale di Arbitrato per lo Sport: aspetti processuali e sostanziali», contenente gli Atti dell’omonimo Convegno di Parma del 12 febbraio 2010, e il Centro di Ricerche sullo Sport (Ce.R.S.), istituito da poco presso l’Ateneo di Parma, il cui Direttore è il Prof. Avv. Luca Di Nella. Il seminario vuole dunque essere l’occasione sia per discutere dei più recenti temi del diritto dello sport, sia per diffondere i risultati delle prime attività scientifiche realizzate dal Centro e per far conoscere lo stesso. Le relazioni pubblicate nel volume «Il Tribunale Nazionale di Arbitrato per lo Sport: aspetti processuali e sostanziali», edito dalle Edizioni Scientifiche Italiane di Napoli, portano la firma di autorevoli studiosi ed esperti di diritto dello sport e di arbitrato – alcuni dei quali anche arbitri del predetto Tribunale – e hanno ad oggetto l’inquadramento complessivo della giustizia sportiva, i profili relativi alla procedura e alla natura dei lodi arbitrali, i principali orientamenti formatisi, la tecnica ermeneutica e il diritto applicato nei lodi nonché la comparazione con il Tribunale Arbitrale dello Sport di Losanna. Le relazioni sono precedute da una introduzione del Presidente del Tribunale, S.E. Dott. Alberto De Roberto, e i rilievi conclusivi sono affidati al Prof. Pietro Perlingieri.
Il Ce.R.S. è stato costituito congiuntamente dai Dipartimenti di Economia, di Beni Culturali e dello Spettacolo e di Anatomia Umana, Farmacologia e Scienze Medico-Forensi dell’Ateneo parmigiano, con sede presso il Dipartimento di Economia.
Il Centro è finalizzato alla ricerca interdisciplinare sul fenomeno sportivo in ogni suo aspetto. I suoi scopi istituzionali sono pertanto l’effettuazione di ricerche sullo sport a livello nazionale e internazionale, l’attività di ricerca e consulenza ad alto livello, anche per conto di soggetti terzi, sui temi dell’organizzazione, dell’economia, della legislazione, della medicina, della comunicazione dello sport e dello spettacolo sportivo; l’istituzione di rapporti qualificati con soggetti pubblici e privati attivi a vario titolo nel settore, anche con la stipula di convenzioni o contratti; l’attività di divulgazione e di pubblicazione delle ricerche attraverso seminari, convegni, mostre, prodotti editoriali tramite qualsiasi supporto.
Al Centro possono aderire altre Università italiane e straniere, enti pubblici o privati, società e persone fisiche; attualmente sono in itinere accordi di cooperazione con enti del mondo dello sport italiano e con Atenei stranieri, tra cui uno brasiliano di San Paolo.
Il Ce.R.S. è affiancato da un Board scientifico di cui, al momento, fanno parte S.E. Presidente Dott. Alberto De Roberto, Presidente emerito del Consiglio di Stato e Presidente del Tribunale Nazionale di Arbitrato per lo Sport, il Dott. Marco Brunelli, Direttore generale della Lega Calcio Serie A,Demetrio Albertini, Vicepresidente F.I.G.C., il Dott. Roberto Ghiretti, il Dott. Carlo Manca, Direttore del Servizio Advisory e Studi dell’Istituto per il Credito Sportivo, l’Avv. Matteo De Sensi, il Prof. Tommaso Edoardo Frosini e il Prof. Luigi Fumagalli.
La partecipazione al seminario consente agli avvocati e praticanti di maturare 3 crediti formativi ai fini dell’aggiornamento professionale.(giornata della cultura)

Posted in Cronaca/News, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Riforma del processo civile e tributario

Posted by fidest press agency su giovedì, 15 aprile 2010

Mediazione civile, testimonianza scritta, semplificazione del procedimento nel processo civile e tributario: la riforma – in vigore dal 4 luglio 2009 – che mira a garantire una ragionevole durata al processo civile è entrata nel pieno della sua attuazione. Con il decreto ministeriale del 17 febbraio 2010, con cui è stato approvato il modello da utilizzare nella testimonianza scritta, il testimone ha la possibilità di scrivere le risposte ai quesiti sui quali deve essere interrogato, su un modulo apposito, conforme al modello approvato. Il testimone apporrà la propria firma al termine di ogni risposta e su ciascun foglio del modulo. La sottoscrizione dovrà essere autenticata da un segretario comunale o da un cancelliere di un ufficio giudiziario ed il modulo sarà infine spedito o depositato in cancelleria. Con il decreto legislativo 4 marzo 2010, invece, viene regolato il procedimento di composizione stragiudiziale delle controversie vertenti su diritti disponibili ad opera delle parti. Il procedimento di mediazione ha una durata non superiore a quattro mesi, trascorsi i quali il processo può iniziare o proseguire. Con la circolare n.17 del 7 aprile 2010, infine, l’agenzia delle Entrate ha illustrato le novità in materia di processo tributario in quanto alcune disposizioni riguardanti lo snellimento delle procedure in materia di processo civile si applicano anche al processo tributario.

Posted in Diritti/Human rights | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »