Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 32 n° 312

Posts Tagged ‘tubercolosi’

Tubercolosi latente, autosomministrazione del trattamento funziona anche senza promemoria

Posted by fidest press agency su venerdì, 10 novembre 2017

university of coloradoI pazienti negli Stati Uniti che si sono autosomministrati una volta alla settimana isoniazide e rifapentina per trattare un’infezione da tubercolosi latente hanno avuto un alto tasso di completamento del trattamento, dimostrando la non inferiorità rispetto alla somministrazione con osservazione diretta da parte di un operatore, afferma uno studio pubblicato su Annals of Internal Medicine, guidato da Robert Belknap, del Denver Health and Hospital Authority e dello University of Colorado Health Sciences Center. Nello studio, 1.002 adulti di età uguale o superiore a 18 anni con infezione latente da tubercolosi provenienti da ambulatori negli Stati Uniti, in Spagna, a Hong Kong e in Sudafrica sono stati randomizzati a ricevere isoniazide e rifapentina, in 11 o più dosi su 16 settimane, una volta alla settimana con osservazione diretta, in regime di autosomministrazione con monitoraggio mensile o in regime di autosomministrazione con promemoria settimanali e monitoraggio mensile. L’analisi ha dimostrato che il trattamento autosomministrato senza promemoria non è stato inferiore rispetto all’osservazione diretta negli Stati Uniti; tuttavia, altri confronti non hanno soddisfatto i criteri di non inferiorità. Il tasso di completamento del trattamento è stato dell’87,2% per i pazienti nel gruppo di osservazione diretta, del 74% per i pazienti con terapia autosomministrata e del 76,4% per i pazienti trattati con autosomministrazione e promemoria. Per i pazienti statunitensi, in particolare, le percentuali di completamento nei tre gruppi erano rispettivamente dell’85,4%, del 77,9% e del 76,7%. I promemoria effettuati tramite messaggi di testo non hanno aiutato il completamento del trattamento negli Stati Uniti negli Stati Uniti, mentre la loro utilità è stata maggiore in Spagna, Hong Kong e Sudafrica. «Questi risultati mostrano che la promozione del trattamento autosomministrato dell’infezione latente della tubercolosi può essere utile in alcune regioni. Tuttavia, per assicurare l’adesione è necessario affrontare i fattori correlati al paziente, insieme al sistema sanitario e alle ampie barriere socio-economiche» scrivono in un editoriale correlato Haileyesus Getahun, dal WHO Global TB Program e Alberto Matteelli, dell’Università di Brescia. (fonte doctor news)

Posted in Estero/world news, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Contrastare l’aumento delle epidemie di HIV, tubercolosi ed epatite C

Posted by fidest press agency su venerdì, 7 luglio 2017

strasburgo-parlamento-europeoStrasburgo Parlamento europeo. Mercoledì, i deputati hanno chiesto alla Commissione di sviluppare un programma a livello UE e a lungo termine per affrontare l’aumento delle epidemie di HIV/AIDS, tubercolosi ed epatite C.Sono necessari programmi armonizzati di sorveglianza delle infezioni per individuare in modo tempestivo focolai di queste malattie contagiose, valutare l’andamento dell’incidenza della malattia, fornire stime sul carico della malattia e monitorare efficacemente e in tempo reale la sequenza di diagnosi, trattamento e cura, dicono i deputati. Poiché l’HIV rimane la malattia trasmissibile con la più elevata stigmatizzazione sociale, la Commissione e gli Stati membri dovrebbero facilitare l’accesso a trattamenti innovativi, anche per i gruppi più vulnerabili, e adoperarsi per combattere l’impatto sociale. Inoltre, i deputati chiedono agli Stati membri di rendere i test HIV disponibili gratuitamente al fine di garantire una diagnosi precoce.La tubercolosi (TB) costituisce la principale causa di decesso delle persone affette da HIV ed è diventata una seria minaccia per la salute a carattere transfrontaliero, in un mondo in cui la mobilità della popolazione è in aumento. Il numero di persone che hanno contratto la tubercolosi nel mondo è aumentato nel 2014 per il terzo anno consecutivo. Nel caso dell’epatite C, oltre il 90% dei pazienti non presenta sintomi al momento della contrazione della malattia. Non esiste attualmente negli Stati membri un protocollo standardizzato per lo screening e i dati sulle persone affette dalla malattia potrebbero essere sottostimati. La Commissione dovrebbero pertanto istituire un piano multidisciplinare finalizzato a standardizzare i protocolli di screening, di controllo e di cura per eradicare l’epatite C nell’UE entro il 2030.I deputati hanno infine sottolineato l’importanza di affrontare l’emergente crisi della resistenza antimicrobica esortando i leader UE a istituire misure transfrontaliere di prevenzione e avviare azioni congiunte.
· nel 2015, circa 30 mila nuovi casi di infezione da HIV sono stati segnalati da 31 Paesi EU/EEA.
· circa 120 mila persone in Europa hanno sviluppato una forma di tubercolosi multi farmacoresistente (MDR-TB)
· l’epatite virale (HCV) è considerata una delle principali minacce alla salute pubblica globale
· secondo il Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie (ECDC), 1 persona su 7 affetta da HIV non sa di essere sieropositiva
· il periodo stimato che intercorre tra l’infezione da HIV e la diagnosi è di quattro anni
· per il 2050, dei 10 milioni di decessi stimati nell’UE ogni anno e attribuiti alla resistenza ai farmaci, circa un quarto sarà dovuto a ceppi di TBC resistenti ai farmaci.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Tubercolosi in Italia: casi in aumento

Posted by fidest press agency su giovedì, 16 febbraio 2017

In Italia 126 bambini sotto i 15 anni si sono ammalati di tubercolosi nel 2013, erano 184 nel 2009. Una riduzione che si è osservata inizialmente anche nella popolazione generale: i nuovi casi in un quinquennio (2009-2013) sono passati da 4.300 a 3.153, ma nel 2014 i casi registrati sono stati 3.680 e nel 2015 circa 3.769, con un crescente aumento di circa il 20% (dati Organizzazione Mondiale della Sanità). Il 60% delle notifiche riguarda cittadini stranieri. “In Europa, rispetto al resto del mondo, si registra una bassa mortalità pediatrica per questa malattia, pari al 2%, che arriva all’8% nei bambini con coinfezione tubercolosi/immuno-deficienza umana (HIV). Questo dato confortante è in relazione all’elevata percentuale dei pazienti pediatrici che ricevono un adeguato trattamento per la malattia e dei bambini sotto i 5 anni sottoposti a terapia preventiva quando entrano in contatto con persone infette – spiega la dott.ssa Laura Lancella dell’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù di Roma, centro di riferimento per la cura di questa malattia -. I più piccoli presentano un’aumentata suscettibilità verso questa infezione in quanto il loro sistema immunitario non ha ancora completato il percorso maturativo. Il rischio di contrarre la tubercolosi per contatto con persone infette è del 43% nei bambini sotto i 12 mesi, del 24% nei bambini tra 1 e 5 anni e del 15% negli adolescenti”. Nel mondo, i nuovi casi di tubercolosi sono stati 9,6 milioni nel 2014 e 10,4 milioni nel 2015, di questi ultimi 1,2 milioni erano bambini. Il 60% dei malati è rappresentato dalla popolazione di sei Paesi (India, Indonesia, Cina, Nigeria, Pakistan e Sud Africa). Uno studio recentemente pubblicato su Lancet Infectious Diseases ha analizzato la mortalità per tubercolosi in 82.436 bambini da 0 a 14 anni in 3 diverse epoche: prima dell’introduzione di terapie specifiche (fino al 1946), tra il 1946 e il 1980 quando ancora non si trattavano tutti i bambini, e dopo questa data che ha visto l’introduzione dei farmaci antivirali contro l’HIV. Nel primo periodo, quello in cui non esistevano farmaci antitubercolari, la mortalità pediatrica era pari a circa il 22%: sotto i 5 anni raggiungeva il 44% rispetto al 15% nei bambini in età compresa tra 5 e 14 anni. L’analisi ha evidenziato una mortalità particolarmente elevata in caso di mancata diagnosi o di inadeguato trattamento dei piccoli, specialmente se residenti in aree endemiche per tubercolosi e HIV. “In presenza di altre infezioni come l’HIV, la mortalità è più elevata. È importante ricordare che il paziente pediatrico con tubercolosi è il cosiddetto ‘evento sentinella’ – conclude la dottoressa Lancella – che induce i medici a ricercare l’infezione tra coloro che si prendono cura del bambino. Quest’ultimo, infatti, non è quasi mai contagioso, è l’adulto che diffonde la malattia”.

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

1° dicembre Convegno AIDS – Milano

Posted by fidest press agency su venerdì, 25 novembre 2016

Piazzale Carlo Magno milanoMilano Il 1 dicembre 2016, in occasione della Giornata Mondiale contro l’AIDS, COOPI organizza il convegno “L’impegno dell’Italia nella lotta globale contro l’AIDS”, alle ore 10.30 presso la Sala Verdi del Palazzo delle Stelline, a Milano, con la collaborazione dell’Osservatorio Italiano per la Lotta contro l’AIDS e del Fondo Globale per la Lotta contro AIDS, Tubercolosi e Malaria, e con il patrocinio del Comune di Milano.
Dal 1981 l’AIDS ha ucciso oltre 25 milioni di persone, diventando una delle epidemie più distruttive che la storia ricordi. In questi anni grazie ai progressi della medicina le persone sieropositive o affette da AIDS hanno avuto nuove speranze per la loro prospettiva di vita. Purtroppo, invece, nelle zone più povere del nostro pianeta, AIDS, tubercolosi e malaria continuano a essere malattie ancora letali. In queste regioni interviene il Fondo Globale, di cui anche l’Italia è membro. Il Fondo è uno dei principali partenariati internazionali ed è riuscito a unire diverse realtà quali governi, istituzioni e società civile. Riflettere sul ruolo che i governi, in modo particolare quello italiano, possono giocare in questa lotta globale è lo scopo del convegno. L’occasione è giusta per presentare anche a Milano il Policy Paper “Il Fondo Globale: un’opportunità per l’Italia, una risorsa per le future generazioni”. L’evento, moderato da Luca Mattiucci, giornalista del Corriere della Sera e responsabile Corriere Sociale, si apre con i saluti di Pierfrancesco Majorino, Assessore Politiche Sociali del Comune di Milano, e del Presidente di COOPI, Claudio Ceravolo. Una presentazione del rapporto è fornita da Stefania Burbo, Focal Point dell’Osservatorio Italiano sull’Azione Globale contro l’AIDS, Massimo Galli, Prof. Ordinario Malattie Infettive Università di Milano e Vicepresidente ANLAIDS Lombardia e Sara Faroni, Associate Specialist, Global Fund External Relations.Le vite salvate nei paesi in cui il Fondo Globale opera dal 2002 al 2014 sono state più di 17 milioni e fanno ben sperare sulle possibilità di debellare AIDS, tubercolosi e malaria. Tale speranza è viva anche attraverso le buone pratiche portate avanti dalle Ong che hanno realizzato i loro progetti contro l’AIDS e le altre pandemie nelle zone del mondo più povere. Nel corso del convegno, i rappresentanti di COOPI – Cooperazione Internazionale, CUAMM Medici con l’Africa e Comitato Collaborazione Medica (CCM), raccontano le esperienze sul campo in Somalia, Tanzania e Angola . “La lotta contro la tubercolosi è stata una delle prime attività svolte da COOPI nel territorio somalo.” – precisa Claudio Ceravolo, Presidente di COOPI – “La nostra presenza è costante dal 1981 e dal 2003, grazie alla collaborazione con il Fondo Globale, siamo intervenuti in diverse strutture sanitarie.” Chiudono il convegno gli interventi di Lia Quartapelle, Deputata e Membro della Commissione Esteri alla Camera e del Senatore Roberto Cociancich*, sull’impegno che l’Italia sta assumendo nella lotta contro l’AIDS. Il nostro Paese è tornato negli ultimi anni ad investire nel Fondo Globale e nel corso della Quinta Conferenza di Rifinanziamento del Fondo, tenutasi il 16 settembre, a Montréal-Québec in Canada, ha annunciato un impegno di 140 milioni di euro per il triennio 2017-2019. “È una promessa molto importante perché l’Italia ha un ruolo fondamentale da giocare per la sua esperienza e le sue capacità”, conclude Stefania Burbo, focal point dell’Osservatorio Italiano per la lotta all’AIDS. L’ingresso al convegno è gratuito.

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Giornata Mondiale per la Lotta alla Tubercolosi

Posted by fidest press agency su sabato, 23 marzo 2013

Si celebra tutti gli anni, il 24 marzo, la Giornata Mondiale per la Lotta alla Tubercolosi, per non dimenticare che, sebbene sia una malattia curabile, ogni giorno nel mondo muoiono 4.700 persone. E ogni anno si registrano circa 9 milioni di nuovi casi e circa 2 milioni di decessi di cui l’80% concentrati in 22 Paesi. In Italia, la tubercolosi, nonostante venga ritenuta una malattia lontana, quasi dimenticata, ha registrato, negli ultimi anni, un incremento tra i più giovani e soprattutto tra i bambini (0-14 anni).“Ogni anno vengono segnalati circa 4000 casi di tubercolosi di cui circa il 4-5% in bambini e ragazzi di età inferiore ai 14 anni” spiega la Prof.ssa Luisa Galli dell’Ospedale Meyer di Firenze. Prosegue la Dott.ssa Laura Lancella, dell’Ospedale Bambino Gesù di Roma: “E’, infatti, in aumento l’incidenza nella classe di età più giovane (0-14 anni) che si aggira su 2,8 casi su 100.000 ma, in particolare, è in incremento l’incidenza di tubercolosi nei bambini di età compresa tra 0-4 anni, stimata di 3-4 casi ogni 100.000 bambini.”
Questi dati sono stati raccolti grazie ad uno studio epidemiologico, promosso dalla Società Italiana di Infettivologia Pediatrica (SITIP), che ha portato alla costituzione di un Registro Nazionale sulla tubercolosi pediatrica. La Prof.ssa Susanna Esposito, Presidente SITIP, infatti, ha implementato nel corso del 2012, una serie di attività volte a migliorare la gestione della tubercolosi in età pediatrica, tra cui questa iniziativa che è stata coordinata dal Prof. Maurizio de Martino e dalla Prof.ssa Luisa Galli dell’Ospedale Meyer di Firenze e dal Dott. Alberto Villani e dalla Dott.ssa Laura Lancella dell’Ospedale Bambino Gesù di Roma. A tale Registro hanno già aderito 29 Centri pediatrici sparsi su tutto il territorio nazionale, segnalando, nel totale rispetto dell’anonimato, oltre 250 casi di malattia tubercolare, prevalentemente polmonare.
Nella Giornata Mondiale per la lotta alla tubercolosi, la Prof.ssa Susanna Esposito, che lavora come Direttore della UOC Pediatria 1 Clinica della Fondazione IRCCS Ca’ Granda Ospedale Maggiore Policlinico di Milano, presenta i prossimi progetti della Società italiana di Infettivologia Pediatrica (SITIP) su questa patologia.
“In Italia – sostiene Susanna Esposito – la malattia si sta diffondendo sottoforma di piccoli focolai epidemici che si accendono prevalentemente in ambiente scolastico o familiare, dove adulti contagiosi diffondo il bacillo di Koch ai piccoli. Da qui la necessità di intensificare la sorveglianza su adulti la cui sintomatologia possa far porre il sospetto di malattia tubercolare specie quando vivano a stretto contatto con i bambini.”
Tra le iniziative messe a punto dalla SITIP, la prima è quella relativa alla stesura di una linea guida sulla gestione del bambino esposto al contatto con un caso di tubercolosi. Tale documento, che è molto importante anche per il contenimento di epidemie che si possono verificare a livello familiare o anche nelle scuole, sarà steso da parte di un panel di esperti SITIP e di altri esperti riconosciuti e sottolineerà quali esami effettuare in queste situazioni e quando e come iniziare la profilassi specifica, spiegando anche come gestire i piccoli che hanno avuto contatti prolungati con pazienti affetti da tubercolosi multiresistente. La seconda iniziativa è quella che prevede la realizzazione di incontri di formazione sul tema. Dopo il primo incontro svoltosi a Milano il 6 novembre 2012 e che ha corrisposto alla presentazione del Registro SITIP sulla tubercolosi in età pediatrica, la prossima giornata dedicata si terrà in autunno a Napoli e vedrà il coinvolgimento del Prof. Alfredo Guarino e del Dott. Andrea Lo Vecchio dell’Università Federico II. Tutti questi progetti sottolineano come per la SITIP e più in generale per gli infettivologi pediatri la tubercolosi sia un problema sempre più frequente, che deve vedere la collaborazione tra Ospedali di riferimento pediatrici per la gestione dei casi più complessi, Ospedali di secondo livello e pediatri di libera scelta con protocolli condivisi che seguano le raccomandazioni scientifiche più aggiornate.

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Lotta alla tubercolosi, uno spettro riemergente

Posted by fidest press agency su martedì, 10 maggio 2011

Pavia 12 maggio 2011 – ore 17.00 – aula Volta La prof. Giovanna Riccardi, del Dipartimento di Genetica e Microbiologia presenterà l’esito della ricerca che ha portato a identificareil “bersaglio magico” di un nuovo farmaco antitubercolare. La lotta alla tubercolosi e il contributo che la ricerca pavese sta dando per la diagnosi della TBC sono al centro del nuovo incontro del ciclo “Ricerca a Pavia: successi recenti”. La tubercolosi (TBC), malattia infettiva provocata da Mycobacterium tuberculosis, uccide ogni anno 3 milioni di persone in tutto il mondo. Non solo. L’insorgenza di ceppi multi-resistenti ai farmaci antitubercolari di prima e seconda generazione, costituisce una severa minaccia per il controllo dell’infezione. Ora la lotta alla tubercolosi avrà un’arma in più. Si tratta dei benzotiazinoni la cui azione impedisce la formazione della parete cellulare del patogeno. Alla scoperta, portata avanti da un gruppo di ricerca internazionale, ha dato un fondamentale contributo il laboratorio di Microbiologia Molecolare dell’Università di Pavia, costituito da un team tutto al femminile. I risultati hanno portato allo sviluppo di un brevetto che è stato acquisito da Sentinel Diagnostic per la messa a punto di un nuovo kit per la diagnosi della TBC.

Posted in Cronaca/News, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

“Giornata Mondiale Lotta Tubercolosi”

Posted by fidest press agency su domenica, 20 marzo 2011

Portrait of Robert Koch (1843—1910).

Image via Wikipedia

Il 24 marzo prossimo venturo si celebrerà, come ogni anno, la Giornata Mondiale per la Lotta alla Tubercolosi (World TB Day) per commemorare il giorno nel 1882, in cui il Dr Robert Koch comunicò di aver trovato la causa della TBC. In occasione di tale evento, Giovanni D’Agata, componente del Dipartimento Tematico Nazionale “Tutela del Consumatore” di Italia dei Valori e fondatore dello “Sportello dei Diritti” porta all’attenzione della cittadinanza quanto già segnalato dall’European Centre for Disease Prevention and Control (ECDC) e la Regione Europea dell’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) le quali hanno ribadito, in questi giorni, l’importanza di eliminare la TBC nei bambini ed il grave problema della tubercolosi multi-resistente (MDR TB). Secondo il nuovo rapporto “Tuberculosis surveillance in Europe 2009” dell’ECDC e Regione europea dell’OMS, sono molto più preoccupanti di quanto si pensi, i nuovi dati relativi a questi due fenomeni che hanno spinto le due organizzazioni a sviluppare un Piano regionale per la MDR-TB e per affrontare i problemi di prevenzione e controllo della TBC nei bambini. Sorprendono, infatti, le rilevazioni sulla tubercolosi multi-resistente, le cui incidenze più elevate a livello mondiale sono state registrate all’interno della regione Europea, nonché i casi di diffusione della TBC tra i bambini. Il report che si rifà agli ultimi dieci anni parla di quasi 40.000 casi nei Paesi EU/EEA e più di 3.300 casi nel solo 2009. Per quanto riguarda il Nostro Paese l’incidenza della tubercolosi (TBC) è notevolmente diminuita a partire dagli anni cinquanta seguendo la tendenza di quasi tutti i Paesi dell’Europa Occidentale. Proprio in conseguenza del drastico calo di contagi si è abbassato notevolmente il livello di attenzione al problema, così come il grado di sospetto diagnostico e le competenze specialistiche, nonostante in Italia vengano acclarati ogni anno più di 4 mila nuovi casi di TBC e vi sia comunque una modesta incidenza della TBC nei bambini che riguarderebbe il 5% dei casi verificati nel 2008 tra bambini di età compresa tra 0 e 14 anni e il 2,4% sotto i 5 anni. Peraltro, in letteratura medica sono da segnalarsi anche vari focolai nelle scuole del nostro Paese. Questo dato che dimostra che la malattia non è affatto scomparsa dal Nostro territorio deve necessariamente causare un nuovo innalzamento dei livelli di guardia tra gli operatori così come una loro continua formazione ed efficaci strategie di prevenzione e attività di controllo. Per queste ragioni lo “Sportello dei Diritti” da sempre impegnato nell’opera di prevenzione e nella Tutela della Salute pubblica e dei singoli cittadini, condivide e rilancia la necessità di aumentare la consapevolezza del pubblico rispetto a questa malattia che ancora oggi causa il decesso di milioni di persone all’anno e che la “Giornata Mondiale per la Lotta alla Tubercolosi” si è prefissata quale obiettivo principale.

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

La tubercolosi nel mondo

Posted by fidest press agency su mercoledì, 16 marzo 2011

Roma durante la giornata del 23 marzo ci saranno gli “Stati generali sulla TB”, seguiti da una conferenza stampa in Senato; a Milano, con il patrocinio dell’Assessorato alla Salute del Comune, sarà organizzato un concerto di 12 ore, dalle 11 alle 23 in Loggia dei Mercanti, con gruppi musicali che hanno dato il loro supporto alla causa. La tubercolosi (TB) uccide circa due milioni di persone ogni anno – 5000 persone al giorno. Quasi un terzo della popolazione mondiale è colpita dalla tubercolosi: questo significa che molte persone vivono con un’infezione latente, che potrebbe svilupparsi diventando una malattia attiva nei prossimi anni. Circa nove milioni di nuovi casi sono stimati ogni anno. Nonostante ciò che si pensa comunemente, anche in Italia la tubercolosi è ancora un problema. Nella maggior parte dei paesi poveri, rappresenta ancora uno dei maggiori problemi per la salute della popolazione e, pertanto, ha un impatto molto forte sullo sviluppo economico e sociale della popolazione. Stop TB Italia nas ce nel 2004 come ONLUS, organizzazione senza fini di lucro, come membro della Stop TB Partnership, movimento mondiale che ha sede a Ginevra presso l’Organizzazione Mondiale della Sanità. Scopo dell’Associazione è quello di promuovere progetti di ricerca da parte di centri e istituzioni accreditate, dare sostegno economico e sociale ai soggetti colpiti da questa malattia in Italia e all’estero, sensibilizzare autorità, istituzioni e opinione pubblica nei confronti di questa emergenza sanitaria, mai rimossa, che potrebbe portare nuove minacce nell’immediato  futuro. In Sud Africa Stop TB Italia in collaborazione con la Lilly MDR-TB Partnership supporta la comunità affetta da TBC di Gugulethu (baraccopoli a 15 km da Città del Capo) e la clinica locale al fine di interrompere la trasmissione dell’infezione nella comunità. Quest’anno in occasione della Giornata Mondiale per la lotta alla Tubercolosi, il 24 marzo, Stop TB Italia continua la campagna di informazione “Le Suoniamo alla Tubercolosi”, iniziata lo scorso anno e che ha avuto un grande successo. L’iniziativa comprende una serie di eventi in tutta Italia con il duplice scopo di sensibilizzare la popolazione su questa malattia in ogni suo aspetto, dalla prevenzione alla cura, passando per la non discriminazione del malato, e di raccogliere fondi per il Progetto Gugulethu.

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Lotta contro AIDS, Tubercolosi e Malaria

Posted by fidest press agency su venerdì, 16 ottobre 2009

“In occasione del G8 tenutosi all’Aquila nel luglio 2009 il governo si era impegnato a versare 130 milioni di euro per il Fondo Globale per la lotta contro AIDS, Tubercolosi e Malaria entro il mese di agosto 2009. Dopo tre mesi siamo ancora in attesa di una risposta che tarda ad arrivare”, dichiara Vincenzo Spadafora, Presidente dell’UNICEF Italia  “Non si può restare silenti di fronte al fatto che ogni minuto un bambino muore per cause legate all’AIDS e 4 nuovi contagi avvengono fra adolescenti di età inferiore ai 15 anni. Rivolgo un appello direttamente al Presidente del Consiglio affinché  autorizzi il versamento dei fondi senza i quali verranno inevitabilmente interrotte le cure a migliaia di ammalati nel mondo. Sono almeno 5 milioni i sieropositivi che non ricevono cure e trattamento e l’AIDS continua ad essere una delle principali cause di mortalità tra le donne in età fertile a livello globale” afferma Vincenzo Spadafora, Presidente dell’UNICEF Italia. L’UNICEF Italia anche in vista della prossima Giornata Mondiale per la lotta all’AIDS, che si celebrerà come ogni anno il 1° dicembre, intende rilanciare il problema all’attenzione della società e delle istituzioni, avviando una nuova Campagna dal titolo “Non toccate il Fondo!” che si inserisce nell’ambito della campagna globale “Uniti per i bambini, uniti contro l’AIDS” di cui l’UNICEF è promotore.  “Attraverso la campagna ‘Non toccate il Fondo!’ – conclude Spadafora – su tutti i social network e siti-web UNICEF mobiliteremo i nostri volontari a favore di tante persone che beneficiano di programmi senza i quali la strada verso il raggiungimento degli Obiettivi di Sviluppo del Millennio appare ogni giorno piena di ostacoli”.

Posted in Spazio aperto/open space, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , , | Leave a Comment »

Tubercolosi: una sfida sempre attuale

Posted by fidest press agency su lunedì, 21 settembre 2009

Lecco 25 Settembre 2009, 8:30-13:30 Corso Carlo Alberto, 120 Sala Conferenze Azienda Sanitaria Locale Lecco In Italia l’opinione pubblica ritiene che la tubercolosi sia ormai debellata, scomparsa dal territorio nazionale. Al più, la tendenza generale è pensare che essa sia stata relegata alle fasce deboli della popolazione.  In realtà, la repentina evoluzione della popolazione italiana, ormai entrata nel vivo della globalizzazione, ha aumentato il rischio di contagio per molti categorie di cittadini, tra cui soprattutto operatori sanitari, detenuti, persone economicamente disagiate, immigrati e tutti coloro che vivono a stretto contatto con questi soggetti.  Il corso “Tubercolosi: una sfida sempre attuale” si inserisce nel Progetto “Stop alla tubercolosi”, promosso  dall’Università degli Studi di Roma “Tor Vergata” in collaborazione con BAICR Sistema Cultura.  Il Progetto, che rappresenta la declinazione a livello nazionale di iniziative ideate e realizzate  dall’Organizzazione Mondiale della Sanità in collaborazione con Stop TB Partnership a livello globale,  nasce dalla necessità di sensibilizzare in maniera appropriata sullo stato attuale della malattia e sulle misure necessarie per fronteggiarla. Lo scopo ultimo è accendere ancora una volta i riflettori su un importante problema sociale, quello della tubercolosi, che abbisogna di efficaci messaggi di educazione e promozione alla salute; un problema che occorre portare nuovamente e costantemente all’attenzione del personale sanitario, sia quale target tra i principali a rischio contagio, sia quale intermediario per la diffusione al grande  pubblico del messaggio comunicativo di prevenzione, diagnosi precoce e corretto trattamento terapeutico.  Il corso, in questo senso, ospitando relatori di alto livello professionale e profusa esperienza nel settore, offre  il giusto spazio per un dibattito sui temi dell’epidemiologia, diagnosi, trattamento e implicazioni sociali della  tubercolosi.
La tubercolosi è una pandemia causata da germi (Mycobacterium tubercolosis) che colpisce i polmoni e nel 15-20% dei casi contagia altri organi. È trasmissibile per via aerea, tramite nebulizzazione di particelle prodotte da soggetti malati. Se non trattata, uccide nel 65% dei casi in 5 anni, nonostante sia curabile in soli sei mesi al costo di 20 €.  Nel mondo ci sono più di 9 milioni di nuovi casi di tubercolosi l’anno, con quasi 1,8 milioni di decessi ogni anno. È una malattia che colpisce principalmente i giovani adulti nei loro anni più produttivi e, allo stesso  tempo, è uno dei principali killer tra le persone affette dal virus HIV, che hanno un sistema immunitario  indebolito.  Nei paesi endemici, spesso, non si è a conoscenza della curabilità della tubercolosi e dell’attuale disponibilità  di trattamento. D’altro canto, nei Paesi ad alto reddito si pensa che la malattia sia stata definitivamente debellata. Il sostegno dei Paesi ad alto reddito è invece essenziale per la lotta alla Tubercolosi in termini di finanziamenti, ricerca, ed esercizio di influenza nei confronti dei paesi endemici, sovente notevolmente deboli e vulnerabili.

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Tubercolosi, omissione di soccorso

Posted by fidest press agency su lunedì, 6 luglio 2009

soccorsoRoma 9 luglio 2009, ore 17.00  Cortile di Sant’Ivo alla Sapienza  Corso del Rinascimento 40, Inaugurazione della mostra fotografica in occasione dell’audizione di MSF al Senato  La Commissione per i Diritti Umani del Senato e  Medici Senza Frontiere (MSF) inaugurano giovedì 9 luglio alle ore 17.00 la mostra fotografica “Tubercolosi, omissione di soccorso”, presso il Cortile di Sant’Ivo alla Sapienza in Corso del Rinascimento 40, a Roma. La mostra, che è stata realizzata da MSF in collaborazione con l’Istituto Europeo di Design di Milano, rimarrà esposta fino al 31 luglio 2009.  Sempre il 9 luglio, alle 8.30, MSF presenterà nel corso di un’audizione congiunta della Commissione per i Diritti Umani e della Commissione Igiene e Sanità del Senato il rapporto “Tubercolosi, omissione di soccorso – L’impegno per gli investimenti italiani nella ricerca e lo sviluppo di nuove terapie contro una malattia globale”. Il rapporto era stato presentato il 16 giugno nel corso di un dibattito organizzato dalla Commissione per i Diritti Umani del Senato e da MSF presso la Sala Capitolare del Senato della Repubblica.(soccorso)

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Il corpo non dimentica

Posted by fidest press agency su venerdì, 5 giugno 2009

Milano 12 Giugno, 18:00 – 22.00  La Posteria – Via Giuseppe Sacchi 5/7  Apertura mostra: 12 16 giugno 2009 A Milano tre mostre fotografiche realizzate da MSF e IED Milano. Medici Senza Frontiere (MSF) in collaborazione con l’Istituto Europeo di Design di Milano presenta “Il corpo non dimentica”, 60 scatti in tre mostre fotografiche rispettivamente dal titolo “Tubercolosi: i nuovi volti di una vecchia malattia”, “Volti di donne dalle crisi umanitarie” e “Galleria di ritratti” per illustrare alcune delle crisi dimenticate del pianeta e conoscere più da vicino gli operatori umanitari di MSF. Per la stampa è prevista un’anteprima della mostra alle ore 17.30.  Somalia, Zimbabwe, Myanmar, Congo orientale, Etiopia, Pakistan, Sudan e Iraq, ma anche malnutrizione infantile e tubercolosi: sono queste le dieci grandi crisi umanitarie dimenticate del 2008. Dopo la presentazione del quinto “Rapporto sulle crisi dimenticate”, realizzato in collaborazione con l’osservatorio di Pavia, che denuncia la tendenza dei mezzi di informazione italiani a trascurare alcune gravi crisi umanitarie diffuse a livello mondiale, nel marzo di quest’anno MSF ha lanciato la campagna di sensibilizzazione “Adotta una crisi dimenticata”, invitando i media a impegnarsi in una maggiore divulgazione delle notizie sulle crisi.  In quest’iniziativa, MSF ha scelto di coinvolgere IED Milano, invitando gli studenti della Scuole IED Arti Visive e IED Comunicazione a sviluppare dei progetti di fotografia, foto editing e una campagna di comunicazione a supporto del progetto. Risultato della collaborazione sono le tre mostre fotografiche che saranno presentate per la prima volta al pubblico durante la mostra-evento “Il Corpo Non Dimentica”.  Inoltre, alcuni studenti di IED Comunicazione Milano presenteranno i video da loro realizzati per raccontare le dieci crisi umanitarie più trascurate dai media italiani.
Medici Senza Frontiere (MSF) è la più grande organizzazione umanitaria indipendente di soccorso medico al mondo nata per offrire soccorso sanitario alle popolazioni in pericolo e testimoniare delle violazioni dei diritti dell’uomo cui assiste durante le sue missioni in oltre sessanta paesi. Nel 1999 è stata insignita del premio Nobel per la Pace.
Da quarant’anni l’Istituto Europeo di Design opera nel campo della Formazione e della Ricerca, nelle discipline del Design, della Moda, delle Arti Visive e della Comunicazione. Oggi è un Network Internazionale in continua espansione, con Sedi a Milano, Roma, Torino, Venezia, Madrid, Barcellona e San Paolo del Brasile, che organizza Corsi Triennali post-diploma, Corsi di Aggiornamento e Formazione Permanente, Corsi di Formazione Avanzata e Master post-laurea.

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Malattie polmonari fanno 300 morti al giorno

Posted by fidest press agency su giovedì, 30 aprile 2009

Più di 300 morti al giorno, 10 milioni di persone malate di cui 8 milioni in forma cronica. Non solo. Ogni giorno 90 casi di tumore ai polmoni, il 90% dei quali tra i fumatori, ma con una preoccupante impennata fra le donne anche non fumatrici. Sono i dati italiani sulle malattie dell’apparato respiratorio, diffusi ieri a Roma alla presentazione dell’iniziativa battezzata ‘2009 anno del respiro’ la cui istituzione è stata approvata il 27 marzo dal Consiglio dei ministri. Il provvedimento è in attesa di pubblicazione in Gazzetta Ufficiale. A chiedere di dedicare l’anno in corso al respiro, e quindi a tutte le patologie che interessano i polmoni, le società scientifiche Aipo (Associazione italiana pneumologi ospedalieri), Simer (Società italiana malattie respiratorie) e Fimpst (Federazione italiana per la lotta alle malattie polmonari e sociali e la tubercolosi), che promuovono la celebrazione di quest’anno insieme all’Unione italiana per la pneumologia (Uip). L’obiettivo è sensibilizzare la popolazione, e soprattutto le istituzioni, su queste malattie in crescita in tutto il mondo e che, secondo l’Organizzazione mondiale della sanità, passeranno entro il 2010 dall’attuale terzo posto come causa di morte al primo. Con problemi anche di ordine economico, non trascurabili in tempi di crisi, come hanno ricordato gli esperti riuniti ieri a Roma. L’impatto economico, hanno spiegato gli esperti, va analizzato non solo rispetto ai costi diretti (per oltre il 70% dovuti all’ospedalizzazione), che variano da malattia a malattia e possono andare dagli 80 mila euro di costo medio annuo per un paziente con tumore al polmone ai 5-6 mila dei pazienti con broncopneumopatia cronica ostruttiva (Bpco), ai 4-5 mila euro degli asmatici. Vanno infatti considerati anche i costi sociali come le assenze sul lavoro, o quelli legati alla gestione non appropriata della malattia.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

La TBC cambia faccia

Posted by fidest press agency su martedì, 31 marzo 2009

Nove milioni di nuovi casi l’anno, 1,7 milioni di morti e 2 miliardi di persone contagiate dal Mycobacterium tuberculosis, questo è il quadro epidemiologico della tubercolosi (TBC) nel mondo fornito dall’Organizzazione mondiale della sanità nel 2007. Ma ciò che preoccupa maggiormente gli esperti, non è l’incidenza in generale, tutto sommato invariata rispetto al 2004, con un leggero calo, ma la prevalenza della forma resistente ai farmaci: sono mezzo milione i casi di malattia che non rispondono alle terapie correnti. Con un progetto a lunga scadenza, Global Plan to Stop Tb 2006-2015, l’associazione Medici Senza Frontiere (MSF) non smette di richiamare l’attenzione sul tema, e in occasione della Giornata Mondiale della TBC, rinnova il suo impegno in tal senso.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »