Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n°159

Posts Tagged ‘umani’

70° anniversario della Dichiarazione Universale dei Diritti Umani

Posted by fidest press agency su mercoledì, 28 novembre 2018

Il 10 dicembre 2018 in tutto il mondo si celebrerà il 70° anniversario della Dichiarazione Universale dei Diritti Umani: la Carta scritta, dopo due guerre mondiali e cento milioni di morti, per dire basta a tutti gli atti di barbarie e spingere l’’umanità sulla via della pace. Un documento importante che è alla base di molte grandi conquiste dell’’umanità oggi minacciate da crisi e politiche pericolose.In Italia, da più di un anno, sono in corso programmi educativi. Il 7 ottobre oltre centomila persone hanno partecipato alla Marcia PerugiAssisi della pace e della fraternità e il 10 dicembre centinaia di eventi si svolgeranno nelle scuole, università, Enti Locali, strade e piazze di tutt’’Italia. Ma nessuna iniziativa è ancora stata assunta dal Governo e dal Parlamento Italiano. Eppure l’’Italia occupa un posto importante nella comunità internazionale. Ha la Presidenza dell’’Organizzazione per la Sicurezza e la Cooperazione in Europa (OSCE) ed è appena stata eletta nel Consiglio Diritti Umani delle Nazioni Unite, il più importante organismo internazionale per i diritti umani. Perché tanto silenzio? I diritti umani sono sotto attacco in tante parti del mondo, Italia ed Europa incluse. Sotto attacco sono principi e valori umani universali, diritti, libertà fondamentali e istituzioni costruite per difenderli. Mentre, tutti i giorni, veniamo a sapere di crimini orribili compiuti nell’inerzia e nell’’impunità generale. Per questo, chiediamo al Parlamento e al Governo di riaffermare il valore insopprimibile della Dichiarazione Universale dei Diritti Umani e l’impegno dell’Italia per dare attuazione all’’agenda politica dei diritti umani. I diritti umani non si celebrano. Si difendono, si promuovono e si attuano. Con questo spirito, chiediamo che il 10 dicembre il Parlamento si riunisca in seduta comune per discutere dello stato dei diritti umani in Italia, in Europa e nel mondo e attuare le raccomandazioni che i pertinenti organismi internazionali hanno rivolto al nostro paese.

Posted in Diritti/Human rights | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Umani e umanoidi: il tempo della robotica

Posted by fidest press agency su sabato, 15 aprile 2017

evoluzione-umanaParma mercoledì 19 aprile alle ore 15.30 nell’Aula dei Filosofi del Palazzo Centrale dell’Università. S’intitola Umani e umanoidi: il tempo della robotica il terzo incontro del ciclo “Bioetica/Scenari”, la serie di Letture Magistrali curate e organizzate dal Centro Universitario di Bioetica dell’Università di Parma, diretto dal prof. Antonio D’Aloia. Protagonista della lecture sarà Roberto Cingolani, direttore scientifico dell’Istituto Italiano di Tecnologia (IIT)
Roberto Cingolani, fisico, autore o co-autore di oltre 750 articoli pubblicati in riviste internazionali, titolare di oltre quaranta brevetti, è stato professore aggiunto alla Facoltà di Ingegneria elettronica dell’Università di Richmond, visiting professor all’Università di Tokyo e membro dello staff del Max Planck Institute di Stoccarda; dall’8 dicembre 2005 è responsabile dell’attuazione delle strategie, oltre che della gestione operativa, dell’IIT. Il suo intervento sarà incentrato sul tempo della robotica. Un “tempo” in fase di tumultuosa e sempre più rapida evoluzione, che pone interrogativi di assoluta rilevanza e che sfida le nostre conoscenze su piani differenti e profili diversi. Un “tempo” dalle prospettive solo in parte immaginabili, che ha già raggiunto risultati che solo “ieri” apparivano impensabili, e che ci obbliga a riflettere sulle sue molteplici prospettive, a far capo dal concetto di robot, passando per la comprensione delle sue applicazioni (e delle relative implicazioni filosofiche, antropologiche, sociologiche, economiche, giuridiche), fino a considerare le questioni relative alla relazione tra l’essere umano e la macchina: solo per soffermarsi su alcune delle problematiche al centro del tema “robotica”.L’incontro, come tutti gli altri del ciclo di cui fa parte, è aperto alla cittadinanza, e costituisce uno dei contributi che l’Ateneo di Parma intende offrire in termini di riflessione e alta divulgazione intorno ai temi della bioetica, con l’obiettivo anche di promuovere la discussione pubblica sulle ricadute sociali, economiche e culturali dello sviluppo scientifico e tecnologico e sulle sfide del mondo contemporaneo. Il ciclo di letture magistrali “Bioetica/ Scenari” (5 incontri dal 7 marzo al 14 giugno) è dedicato ad alcune tematiche di frontiera nell’ambito dell’attuale riflessione bioetica. In alcuni casi si tratta di scenari ancora incompiuti, ma per i quali, tuttavia, non è nemmeno più corretto parlare solo di futuro. Gli ospiti sono alcuni tra i massimi esperti a livello scientifico nelle rispettive materie o ricoprono ruoli di elevata responsabilità sul piano sociale ed economico, svolgendo attività che hanno un forte impatto sui temi dello sviluppo scientifico e tecnologico e dei suoi effetti sulle comunità e sullo sviluppo sociale.
Il prossimo appuntamento del ciclo “Bioetica/Scenari” è fissato per il 4 maggio, sempre alle ore 15.30, con Carlos Maria Romeo Casabona (Inter-University Chair Director in Law and the Human Genome, University of Deusto and University of the Basque Country) con la lecture “Synthetic biology”.

Posted in Cronaca/News, Università/University | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Rapporto di Amnesty International

Posted by fidest press agency su giovedì, 23 febbraio 2017

Roma. Presso l’Istituto della Enciclopedia Italiana Palazzo Mattei di Paganica, Sala Igea Piazza della Enciclopedia Italiana, 4 è stato presentato il Rapporto 2016-2017 (pubblicato in Italia da Infinito edizioni) fornisce la più completa analisi della situazione globale dei diritti umani in 159 capitoli-paesi, panoramiche regionali e analisi. “Un mondo in cui i leader politici screditano e sacrificano sempre di più i diritti umani è un mondo più pericoloso” dichiarerà il segretario generale Salil Shetty.
Presentando il Rapporto, Amnesty International ammonirà circa le conseguenze per i diritti umani di “un’agenda deleteria che perseguita, incolpa e demonizza interi gruppi di persone allo scopo di ottenere consenso”. L’organizzazione per i diritti umani tratterà della paura e della divisione seminate sempre più dai leader politici nel 2016, del fallimento mondiale nella risposta alle atrocità di massa e dell’indifferenza internazionale radicatasi nella normalità che ha abbandonato l’umanità in caduta libera dalla Siria, allo Yemen al Sud Sudan. Interverranno per Amnesty International Italia:
– Antonio Marchesi, presidente
– Gianni Rufini, direttore generale
– Riccardo Noury, portavoce

Posted in Diritti/Human rights, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

A Brescia una ricerca su una nuova molecola segna una svolta per il trattamento dei tumori umani

Posted by fidest press agency su martedì, 18 agosto 2015

ospedale bresciaI ricercatori del Dipartimento di Medicina Molecolare e Traslazionale dell’Università degli Studi di Brescia hanno identificato una molecola in grado di inibire la crescita di diversi tipi di cancro quando somministrata per via orale in animali di laboratorio portatori di tumori umani. Lo studio, coordinato dal prof. Marco Presta e condotto sotto l’egida dell’Associazione italiana per la ricerca contro il cancro (AIRC), è stato pubblicato sulla prestigiosa rivista scientifica internazionale Cancer Cell che ha dedicato a tale articolo la copertina del numero di Agosto. Lo sviluppo e la progressione di diverse tipologie di tumore umano, quali ad esempio il tumore alla prostata ed il tumore polmonare, possono dipendere ed essere regolati da una famiglia di fattori di crescita denominati FGF. In queste neoplasie la presenza di FGF stimola infatti la proliferazione delle cellule tumorali e favorisce lo sviluppo di vasi sanguigni, accelerando la crescita tumorale e la diffusione di metastasi. La nuova scoperta deriva da uno studio iniziato diversi anni fa presso il laboratorio del prof. Presta nell’ambito di progetti di ricerca finanziati dall’AIRC. Tale studio aveva individuato come una proteina denominata PTX3, coinvolta nei meccanismi naturali di difesa contro i microorganismi, fosse in grado di inibire l’attività biologica di diversi FGF.“Lo studio – spiega il prof. Presta – dimostra per la prima volta come la crescita e disseminazione metastatica di tumori umani FGF-dipendenti sia fortemente inibita quando tali tumori sono inoculati in animali di laboratorio geneticamente modificati in modo da produrre livelli elevati della proteina PTX3. Sulla base di tale osservazione è stato possibile identificare, mediante modelli informatici, una piccola molecola derivata dalla struttura di PTX3 capace di legare tutti i membri della famiglia degli FGF. Tale molecola, denominata NSC12, si è dimostrata in grado di inibire la crescita di cellule tumorali umane e la loro capacità di dare metastasi al polmone ed al fegato anche quando somministrata per via orale”.Questa scoperta apre la strada allo sviluppo di nuovi farmaci in grado di bloccare la progressione neoplastica e la disseminazione metastatica di quei tumori umani la cui crescita è mediata dagli FGF.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Diritti civili e umani nel mondo

Posted by fidest press agency su venerdì, 26 novembre 2010

Roma 26 novembre, alle ore 12, presso la Sala Stampa della Camera dei deputati (via della Missione, 4 – Roma) Conferenza Stampa sui Diritti Civili e Umani in Uganda, Russia e Italia. Presentazione del IV Congresso dell’Associazione Radicale Certi Diritti. Con: – Marco Pannella, Partito Radicale Nonviolento Transnazionale e Transpartito; – Kato David Kisule, rappresentante gay per i diritti civili in Uganda; – Nikolaj Alexiev, organizzatore del Pride di Mosca; – Matteo Mecacci, deputato radicale – Pd, Rapporteur Assemblea Parlamentare   dell’OSCE per Democrazia, Diritti Umani e Questioni Umanitarie – Didier Eribon, docente universitario – Estensore Manifesto Uguaglianza per     i diritti in Francia – Sergio Rovasio, Segretario dell’Associazione Radicale Certi Diritti; Kato David Kisule è una delle quattro persone che ha denunciato alle autorità ugandesi la rivista locale ‘Rolling Stones’ che aveva pubblicato le foto di 100 persone omosessuali (tra cui la sua) con la scritta ‘Wanted’. Didier Eribon è l’estensore del “Manifesto per l’uguaglianza dei diritti” (Francia, 2004) Nikolaj Alexiev è stato aggredito, denunciato e arrestato nel corso degli ultimi 4 anni per aver tentato di organizzare l’annuale Gay Pride di Mosca. Durante la Conferenza Stampa verrà illustrato il programma dei lavori del IV Congresso dell’Associazione Radicale Certi Diritti che si svolgerà a Roma nei giorni sabato 27 e domenica 28 novembre 2010.

Posted in Cronaca/News, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Violazioni diritti umani in Congo

Posted by fidest press agency su lunedì, 4 ottobre 2010

In occasione della pubblicazione del rapporto delle Nazioni Unite sulle violazioni dei diritti umani in Congo, l’Associazione per i Popoli Minacciati (APM) ha esortato la comunità internazionale ad impegnarsi maggiormente per porre fine all’impunità vigente nel paese centrafricano. In particolare l’APM chiede al governo congolese e alla comunità internazionale di implementare il sostegno per l’istituzione di un sistema giudiziario. Secondo l’APM finora risulta evidente solo la mancanza di volontà politica del governo congolese nel portare a giudizio i responsabili dei terribili crimini commessi. Il rapporto delle Nazioni Unite purtroppo si legge come un inventario dell’orrore: in 555 pagine vengono elencati e documentati 614 gravi violazioni dei diritti umani commesse nel paese tra marzo 1993 e giugno 2003. Tra luglio 2008 e giugno 2009 le Nazioni Unite hanno fatto intervistare 1280 testimoni i cui racconti sono poi stati documentati nel rapporto. Le responsabilità per i crimini commessi ricadono anche sui paesi vicini, tant’è che ancora prima della sua pubblicazione il rapporto ha causato massicce proteste da parte dei governi del Ruanda, dell’Angola e dell’Uganda. Il paese centrafricano, in cui avvengono massicce violazioni dei diritti umani, ha speso nel 2009 solo lo 0,22% del suo bilancio per la giustizia. La giustizia congolese è caratterizzata dalla corruzione, dall’abuso di potere, dalla pratica delle raccomandazioni e da una cronica mancanza di personale e di mezzi finanziari. Ma senza una giustizia credibile sia civile sia militare non sarà possibile fermare i crimini commessi sia dalle milizie sia dai soldati dell’esercito regolare. 220 associazioni congolesi per i diritti umani hanno chiesto la pubblicazione del rapporto delle Nazioni Unite da cui sperano di ottenere nuovi impulsi per riuscire finalmente a porre fine all’impunità vigente.

Posted in Estero/world news, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Carceri: trattamenti più umani

Posted by fidest press agency su mercoledì, 8 settembre 2010

Con la sentenza n. 30511/2010 la I sezione della Cassazione penale interviene su un tema doloroso e quantomai attuale: il problema dei trattamenti carcerari. In particolare, con la decisione in epigrafe la Suprema Corte facendo proprio un principio di diritto oltreché umanitario stabilisce che non sono ammessi trattamenti contrari al senso di umanità nei confronti dei detenuti persuadendo le corti di merito ed in particolare il Tribunale di sorveglianza a non infliggere pene che superano l’umana tollerabilità, soprattutto a coloro che si trovano “in condizioni di salute non perfette”. La statuizione fa presente come una sofferenza aggiuntiva sia inevitabile ogni qualvolta la pena debba essere eseguita nei confronti di soggetto in non perfette condizioni di salute. Ma tale sofferenza può assumere rilievo se si dimostra presumibilmente “di entità tale da superare i limiti della umana tollerabilità”.  Sulla scia del principio enunciato la Corte ha accolto il ricorso di un detenuto che doveva scontare una pena di 5 anni di reclusione. L’uomo si era visto negare il differimento della pena che aveva chiesto in vista di un delicato intervento chirurgico per l’asportazione di un cancro al cervello. Il Tribunale di sorveglianza aveva negato ai domiciliari sostenendo che “il regime di detenzione non era incompatibile con la patologia” e che “il reato in espiazione impediva l’uscita dal carcere del detenuto”. La questione è approdata in Cassazione la quale ha dato ragione al detenuto che aveva rivendicato il “diritto alla salute costituzionalmente garantito” chiedendo un trattamento detentivo “più umano”. Alla luce della sentenza in commento e della tragica questione dell’affollamento delle carceri, secondo Giovanni D’Agata, componente del Dipartimento Tematico Nazionale “Tutela del Consumatore” di Italia dei Valori e fondatore dello “Sportello dei Diritti” è giunto il momento di creare in ogni regione ove hanno sede gli istituti di detenzione la figura istituzionale del “Garante per i diritti dei detenuti” affinché siano costantemente tutelati i diritti umani delle persone soggette a pene detentive troppo spesso calpestati in conseguenza di istituti stracolmi ed inadeguati. Ciò anche al fine di tutelare le migliaia di agenti di polizia penitenziaria costretti a tour de force inimmaginabili in altri Paesi europei. In ogni caso lo “Sportello dei Diritti” continuerà a ricevere le denunce e si adopererà per la difesa dei diritti umani dei detenuti in ogni sede.

Posted in Diritti/Human rights | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Nomadi: violati i diritti umani

Posted by fidest press agency su martedì, 7 settembre 2010

Roma. “Come al solito trovo aberranti  le dichiarazioni rilasciate anche oggi dal Sindaco Alemanno sugli sgomberi dei campi rom, soprattutto in risposta alle critiche avanzate da più parti, fra cui anche  da Amnesty International, in merito al mancato  rispetto dei diritti umani. Ricordiamo al Sindaco Alemanno che il  Patto Internazionale sui Diritti Economici, Sociali e Culturali, ratificato dall’Italia con la Legge 881 del 25/10/1977,  sancisce espressamente il divieto di sgomberi senza alternative di alloggio. Quello che sta avvenendo a Roma, con buona pace di chi continua a nascondere la testa sotto la sabbia, rappresenta una clamorosa violazione dei diritti umani nei confronti di una minoranza etnica”. E’ quanto dichiara Giovanni Barbera, presidente del Consiglio del XVII Municipio ed esponente del Prc-Federazione della Sinistra. “Ma quello che sconvolge di più – continua Barbera – è il silenzio dell’opinione pubblica, soprattutto di quella progressista che, a parte rare eccezioni, continua a ignorare e sottovalutare tale problema. D’altronde, fa impressione pensare che, dopo settant’anni, un governo italiano ha potuto portare avanti un censimento  delle persone facendo riferimento alla loro razza, come avvenne nel 1938 per gli ebrei, senza che ciò destasse allarme nell’opinione pubblica. La verità è che la sicurezza non si difende con i muri, con il filo spinato e con le deportazioni; così come il principio di legalità deve valere per tutti, cittadini, immigrati ed amministrazioni pubbliche”

Posted in Roma/about Rome, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Estradizione e tutela diritti umani

Posted by fidest press agency su lunedì, 6 settembre 2010

Il componente del Dipartimento Tematico Nazionale “Tutela del consumatore” di Italia dei Valori Giovanni D’AGATA, ritiene opportuno riportare l’attenzione sulla sentenza n° 32685 di ieri della Cassazione sulll’utilizzo dei rapporti delle ong umanitarie per decidere se accogliere o meno la domanda di estradizione del cittadino straniero. Via libera della cassazione all’utilizzo dei rapporti delle ong umanitarie per decidere sull’estradizione. E’ quanto ha stabilito la Suprema Corte, respingendo il ricorso del pm di Roma contro la sentenza con cui la Corte d’appello della capitale aveva negato l’estradizione di un cittadino turco.. I rapporti delle organizzazioni umanitarie non governative come Amnesty International possono infatti essere utilizzati dal giudice italiano per decidere se accogliere o meno la domanda di estradizione del cittadino straniero. La Corte d’assise di Istanbul aveva emesso nei suoi confronti un mandato d’arresto per reati legati al terrorismo. L’uomo era un membro attivo del PKK, partito autonomista curdo accusato di aver compiuto numerosi attentati e considerato dalle autorità turche alla stregua di un’organizzazione terroristica. I giudici capitolini avevano respinto la richiesta, ravvisando il concreto pericolo che l’imputato potesse subire tortura e atti persecutori una volta rientrato nel suo paese. La decisione si basava anche su una serie di rapporti e documenti prodotti da Amnesty International negli ultimi anni, che denunciavano, in modo affidabile, l’uso “di tortura e altri maltrattamenti e di eccessivo impiego della forza da parte delle forze dell’ordine”. Non solo. Risultava che l’uomo in passato era stato vittima di tortura da parte dei funzionari turchi. I giudici della sesta sezione penale hanno confermato la sentenza d’appello e, sui rapporti delle ong, hanno richiamato una sentenza della Corte europea dei diritti dell’uomo del 2008 che ne ribadiva l’utilizzabilità. Si tratta insomma di una ragione “per ritenere che l’imputato verrà sottoposto ad atti persecutori o discriminatori per motivi di razza, di religione, di sesso, di nazionalità, di lingua, di opinioni politiche o di condizioni personali o sociali ovvero a pene o trattamenti crudeli, disumani o degradanti o comunque atti a configurare violazione di uno dei diritti fondamentali della persona”.

Posted in Diritti/Human rights | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Appello per la tutela dei diritti umani

Posted by fidest press agency su sabato, 10 ottobre 2009

La liberazione degli ostaggi di Ashraf, prelevati con la forza dal governo Iracheno lo scorso luglio, è una vittoria per la tutela dei diritti umani.  Non bisogna tuttavia dimenticare quanto è accaduto, ovvero che i rifugiati di Ashraf, benché, protetti dalla Quarta Convenzione di Ginevra – che prevede la protezione per i civili in tempo di guerra  e che impedisce al Governo iracheno un loro spostamento forzato o una loro espulsione – sono stati brutalmente assaliti dalle forze armate irachene.  Per questo motivo l’augurio è si prosegua con l’adesione parlamentare dell’appello, già condiviso anche dal vice presidente della Commissione europea, Alejo Vidal Quadras e ai deputati di molti altri paesi europei, affinché il campo torni sotto il controllo delle Nazioni Unite o delle forze americane per tutelarne la sicurezza  e affinché il Governo degli Stati Uniti, l’Unione Europea, i Parlamenti Europeo ed Italiano e le Nazioni Unite avviino un’indagine sull’accaduto e un costante monitoraggio del rispetto dei diritti umani all’interno del campo.  La violazione dei diritti umani è infatti un reato gravissimo che l’Italia, insieme a tutti paesi europei, , hanno il dovere di garantire e tutelare.  (Sen Andrea Fluttero (PDL)

Posted in Diritti/Human rights, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »