Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 301

Posts Tagged ‘urne’

Referendum: affluenza alle urne

Posted by fidest press agency su lunedì, 13 giugno 2011

“La curva torna a salire alle ore 22 si è superato la soglia del 40% che è quella che proietta per domani alla chiusura delle urne un dato tra il 53% e il 56% confermando la prima proiezione delle 12. Naturalmente la proiezione non tiene conto dei dati relativi agli italiani all’estero che saranno resi noti domani alle chiusura delle urne. Non pare che ci siano particolari differenze tra i quattro quesiti che appaiono veramente ad un passo dal clamoroso risultato che non si registrava in Italia dal 1995. È evidente che il clima nel nostro Paese è cambiato con grandissima rapidità, stiamo assistendo ad una rivoluzione nell’opinione pubblica che cambierà le chiavi di lettura con le quale si legge la nostra società”. L’ha detto il direttore di Crespi Ricerche, Luigi Crespi, al giornale online Clandestinoweb.com. ulteriori notizie qui

Posted in Politica/Politics, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | 1 Comment »

Appello al referendum 12-13 giugno

Posted by fidest press agency su giovedì, 9 giugno 2011

La CdD in vista del voto sui referendum del 12 e 13 giugno vuole sensibilizzare tutti cittadini a non mancare a questo importantissimo appuntamento. Riteniamo che questo voto per i referendum abrogativi sul nucleare, legittimo impedimento e privatizzazione dell’acqua è troppo importante per il nostro futuro per pensare di non recarsi al voto. E’ dovere di tutti spendersi per sensibilizzare l’opinione pubblica a recarsi alle urne. La CdD con molta chiarezza, considerato che Crotone è sempre al centro delle attenzioni nazionali per scorie nucleari e quant’altro, deve rappresentare un vero avamposto su queste vicende. Non si può pensare a Crotone per le scorie nucleari oppure consentire la privatizzazione dell’acqua sol perché tanti, con molta leggerezza, non intendono votare. Sarebbe un gravissimo errore ed un lusso che i Crotonesi non possono concedersi, significherebbe affossare ulteriormente un territorio che pur con molta fatica sta cercando di uscire da questa gravissima situazione. L’impegno di tutti sarà quello di raggiungere il quorum pur se siamo in presenza di giornate vacanziere. Personalmente e congiuntamente alla mia parte politica sosterremo con molta determinazione i Comitati Referendari per IL SI. Dopo quello che è successo in Giappone speriamo non passi nell’opinione pubblica l’idea che il Governo abbia abbandonato il progetto nucleare sol perché ha introdotto la cosiddetta “moratoria”. Ma se il quorum non verrà raggiunto, il governo avrà poi mano libera per rilanciare il piano nucleare senza più ostacoli. Ecco perché bisogna mantenere viva l`attenzione sul tema ed essere convinti dell’utilità del voto referendario. Un no al nucleare, inoltre, può significare per la Calabria sviluppo anche in termini occupazionali in tutte quelle attività destinate a produrre energia in modo alternativo ( fotovoltaico, solare etc), avendone, a differenza forse di altri territori, tutti i requisiti necessari. Per l’acqua chi pensa a privatizzarla evidentemente considera questo bene non di tutti ma ad appannaggio dei soliti noti. Vogliamo mantenere l’acqua in mano pubblica per garantirne l’accesso a tutti, per tutelare un bene non rinnovabile da conservare per le future generazioni, per garantire una gestione trasparente e partecipata. Per questo diciamo che si scrive acqua, ma si legge democrazia e libertà. (Salvatore Lucà)

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Editoriale: Alle urne, alle urne

Posted by fidest press agency su mercoledì, 11 agosto 2010

Editoriale Fidest. Ci giungono in questi giorni numerose e-mail, per lo più di esponenti politici dell’area di centro-destra che chiedono a gran voce elezioni anticipate. Per gli altri la richiesta è più sfumata tra l’assicurare il cronista che non temono le elezioni ravvicinate ma al tempo stesso insistono ora su un governo di transizione ora di larghe intese ora tecnico. La verità, come abbiamo più volte sottolineato, è che convenga solo al Pdl e al suo capo Berlusconi andare a votare il più presto possibile e la stessa cosa la pensa Bossi che è forse quello che preme di più poiché dovrebbe essere il partito, con l’Idv e la sinistra radicale, ad essere esclusi da una futura coalizione Fini-Casini-Rutelli-Lombardo-Pd. Noi che pensiamo ai problemi del paese restiamo costernati da tanta frenesia che alla fine ci metterebbe nella condizione di rinviare le emergenze e le stesse riforme oggi all’esame del Parlamento. D’altra parte pensavamo d’essere usciti dal lungo tunnel della cosiddetta Prima repubblica nella quale impazzavano i governi balneari e bastava una manciata di parlamentari per far saltare una coalizione e portarci alla ingovernabilità o, peggio ancora, alla governabilità degli altri: poteri forti, lobby, ecc. Ora il rischio di una riedizione di questo scenario è possibile. Se riflettiamo, infatti, sulla possibilità che uno schieramento politico che vada da Fini al Pd per presentarsi agli elettori come maggioranza in luogo dell’attuale potrebbe anche avere un modesto successo elettorale ma, alla prova dei fatti, sul piano dei programmi da realizzare, si scioglierebbe come neve al sole. E allora? Credo che Fini abbia fatto male i conti e ora si trova ad un bivio e, purtroppo per lui, qualsiasi strada scelga non avrà che da leccarsi le ferite. Infatti dopo il duro attacco sull’appartamento di Montecarlo donato al suo partito e da questi venduto, pare ad una società di comodo ad un prezzo irrisorio, e oggi stranamente affittato al fratello della sua compagna, la conseguenza dovrebbe essere quella delle sue dimissioni da presidente della Camera. Se non lo fa entro novembre si andrà al voto e diventerà, di fatto, la palla di piombo ai piedi della coalizione portandola ad una possibile sconfitta. Ma se si dimette da Presidente il gruppo finiano si sfalderà e molti rientreranno nel Pdl con la coda tra le gambe e le elezioni anticipate saranno scongiurate. E la morale quale potrebbe essere? Che Berlusconi è un uomo chiacchierato ma gli elettori lo hanno scelto come male minore per evitare una opposizione solo litigiosa e incoerente, ma non sono disposti ad un’altra avventura senza essere certi che questa volta il male non c’è. Perseverare sarebbe diabolico (Riccardo Alfonso http://www.fidest.it)

Posted in Editoriali/Editorials | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Nel Lazio crolla l’affluenza alle urne

Posted by fidest press agency su lunedì, 29 marzo 2010

“È stata una delle peggiori campagne elettorali di sempre, da bocciare sotto ogni punto di vista e ulteriormente avvelenata dalle dichiarazioni di odio post esclusione delle liste del Pdl. Gli annunci di Sgarbi e del cardinal Bagnasco non hanno fatto altro che demoralizzare gli animi. La gente si è ormai resa conto che viene manipolata, il voto che esprime ha poca importanza, poiché le decisioni che contano vengono decise ad hoc altrove”. Così Anna Nieddu, viceresponsabile per il Lazio dell’Italia dei Diritti, commenta i bassi dati di affluenza dei cittadini laziali alle urne. Il Lazio risulta essere la regione italiana con il più alto tasso di astensionismo. Rispetto alle elezioni regionali del 2005 si segna un 9,56% in meno. “Ovvio che questo clima di sfiducia ha portato i cittadini a scegliere di trascorrere una giornata al mare, anziché recarsi alle urne a votare. Ciò è un vero peccato – prosegue l’esponente del movimento guidato da Antonello De Pierro – ho seguito personalmente alcuni candidati del centrosinistra non provenienti dal mondo politico e posso affermare che si tratta di persone valide e concrete. Invito chi di dovere a riflettere sulla questione”.

Posted in Politica/Politics, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Affluenza alle urne

Posted by fidest press agency su lunedì, 29 marzo 2010

Si sono chiuse da poco le urne nella prima giornata elettorale e possiamo, quindi, segnalare un calo della partecipazione al voto rispetto alla tornata precedente delle regionali che è stata del 40,81% rispetto all’attuale 35,75%. Lo stesso andamento si segnala per le comunali e le provinciali. Si fa notare, tuttavia, che questo calo è, se non in tutto, senza dubbio in parte, dovuto alla bella giornata che ha favorito i vacanzieri della domenica. Prova ne è che verso sera è stato notato un aumento dell’affluenza alle urne e si pensa che questa tendenza continuerà l’indomani lunedì.

Posted in Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Elettori e candidati alle urne

Posted by fidest press agency su domenica, 28 marzo 2010

Roma 28 marzo. La giornata di domenica si sta concludendo in maniera tranquilla. Al cronista non resta da fare che inseguire i politici per una dichiarazione al foto-finish. Non mancano, ovviamente, le battute ad effetto. Sul taccuino annota che Berlusconi si è presentato al seggio alle 11,40 e si è trattenuto giusto il tempo di votare e di scambiare qualche battuta con i giornalisti. Di Pietro, da Curno, non trascura qualche sua “frecciatina” con la punta al vetriolo nei confronti del capo del governo reo, a suo avviso, di violare le leggi e la democrazia”. Bersani ci regala un quadretto familiare mentre si reca al seggio a Piacenza con la moglie Daniela e la figlia Elisa. Poi vengono Formigoni, la Polverini e la Bonino. Il primo a Milano e si preoccupa di far sapere che auspica una forte partecipazione degli elettori, e le altre a Roma rispettivamente nel quartiere San Saba e alla scuola “Virgilio”. Sono serene e ci dicono, nonostante l’ora legale che ha fatto spostare le lancette in avanti, d’aver dormito bene e a lungo. In modo più discreto si muove la candidata alla presidenza della Regione Piemonte Mercedes Bresso recandosi nel seggio della Scuola Olivetti a Torino. Vendola, il governatore uscente della Puglia, si fa sorprendere dai fotografi mentre mette la scheda nell’urna dispensando, al tempo stesso, un largo sorriso. Domani mattina avremo un’altra tornata elettorale e nel pomeriggio incomincerà lo spoglio delle urne e la ricorsa degli exit pool nel tentativo d’anticipare le linee di tendenza dell’elettorato e di indicarci la vittoria degli uni e la sconfitta degli altri o un possibile pareggio.

Posted in Cronaca/News, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

I crumiri del voto

Posted by fidest press agency su martedì, 9 giugno 2009

Lettera al direttore. Caro direttore, molta gente non si è recata alle urne. I motivi che spingono tante persone ad astenersi dal voto, sono diversi. Alcuni non vanno a votare semplicemente perché persuasi che niente potrà cambiare; che non c’è distinzione tra destra o sinistra o centro: “Sono tutti uguali”, pensano. Altri non vanno perché non riescono a prendere una decisione; oppure non capiscono nulla di politica.  Altri per altri motivi ancora, ma l’effetto che ottengono li accomuna tutti: fanno sì che la democrazia perda il suo significato, sia un po’ meno democrazia. (Attilio Doni)

Posted in Lettere al direttore/Letters to the publisher | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »