Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 33 n° 348

Posts Tagged ‘utenza’

La compagnia telefonica deve risarcire i disservizi sull’utenza

Posted by fidest press agency su sabato, 22 febbraio 2020

Se la linea telefonica è malfunzionante non sempre la vincono le compagnie telefoniche, spesso restie a risarcire i danni subiti agli utenti conseguenti a causa delle loro condotte. Per la Cassazione con l’ordinanza 3996/20 depositata dalla terza sezione civile in data odierna, infatti, è possibile ottenere il ristoro dei pregiudizi subiti se ricorrono determinate condizioni in ossequio ad alcuni basilari principi di diritto civile. Nella fattispecie, la Suprema Corte ha rigettato il ricorso presentato da un colosso delle telecomunicazioni contro un’azienda che l’aveva citata per i danni patiti a causa dell’inadempimento del contratto di utenza stipulato, in quanto le linee telefoniche non funzionanti avevano creato non pochi disservizi e compromesso l’esercizio dell’attività aziendale. La compagnia telefonica era stata condannata dalla Corte d’Appello di Roma in parziale riforma della sentenza del Tribunale di Velletri, a risarcire l’azienda. I giudici di legittimità nel rigettare le doglianze del ricorso in questione hanno ricordato che «in tema di prova dell’inadempimento di una obbligazione, il creditore che agisca per la risoluzione contrattuale, per il risarcimento del danno o per l’adempimento deve provare la fonte (negoziale o legale) del suo diritto e il relativo termine di scadenza, limitandosi poi ad allegare la circostanza dell’inadempimento della controparte, mentre al debitore convenuto spetta la prova del fatto estintivo dell’altrui pretesa, costituito dall’avvenuto adempimento, ed eguale criterio di riparto dell’onere della prova è applicabile quando è sollevata eccezione di inadempimento ai sensi dell’articolo 1460 Cc». Peraltro, rilevano gli ermellini che quando viene dedotto «l’inesatto adempimento dell’obbligazione, al creditore spetta la mera allegazione dell’inesattezza dell’adempimento, gravando ancora una volta sul debitore la prova dell’esatto adempimento, quale fatto estintivo della propria obbligazione». All’azienda telefonica non resta che risarcire il danno e pagare anche le spese legali. Un’ordinanza che in ossequio ai richiamati fondamentali principi civilistici, per Giovanni D’Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”, costituisce un altro importante precedente che riequilibra il rapporto tra utenti e società di telefonia, troppo spesso sbilanciato a favore di quest’ultime. Quindi, non bisogna temere di agire contro questi colossi quando sono inadempienti e causano danni risarcibili perché è possibile dimostrare in giudizio i loro comportamenti e quantificare i pregiudizi subiti in conseguenza di tali condotte. (Giovanni D’AGATA)

Posted in Diritti/Human rights | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Roma. Taxi e l’informazione che non c’è

Posted by fidest press agency su domenica, 27 febbraio 2011

Roma. A che serve Internet? Ad avere informazioni, per esempio. Se ci riferiamo a quelle dei taxi nel comune di Roma sembra che il buio sia assoluto. L’Agenzia per il controllo e la qualità dei servizi pubblici locali di Roma ha preso in esame l’informazione all’utenza relativa alle aree per lo stazionamento dei taxi. Sul sito del Comune – Dipartimento Mobilità e Trasporti i due link presenti nell’elenco Parcheggi e Taxi non sono funzionanti; il sito di turismo Roma non fornisce alcuna informazione sugli stazionamenti dei taxi; quelli dell’Atac (l’Agenzia dei trasporti romana coinvolta nel caso Parentopoli) non indica tutti i parcheggi taxi della capitale; quello dello 060608 riporta numeri telefonici sbagliati, ecc. Insomma un fulgido esempio di come funziona Roma Capitale, un tripudio di chiacchiere e pinzillacchere. Ci sorge un dubbio: per caso la disinformazione e’ voluta, cosi che non si possono chiamare i taxi fermi negli appositi stazionamenti ma  i deve ricorrere ai centralini delle cooperative che faranno arrivare i taxi con l’incognita del prezzo? Tutto questo mentre il sindaco Alemanno convoca gli Stati Generali della Capitale d’Italia dove vaneggia di progetti per una citta’ sostenibile e la candita alle Olimpiadi del 2020. Alemanno, forse, pensa che i cittadini romani hanno l’anello al naso. (Primo Mastrantoni, segretario Aduc)

Posted in Roma/about Rome, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Tempi duri per la Casa di Cura “Valle Fiorita”

Posted by fidest press agency su martedì, 8 febbraio 2011

Roma  – è quanto dichiarano in una nota congiunta il Segretario Regionale Ugl Sanità Lazio Antonio Cuozzo ed il dirigente aziendale Andrea Gheri. Solo oggi – dichiara il Segretario Regionale Ugl Sanità Lazio Antonio Cuozzo –  si è appreso che il Direttore Generale dell’Ospedale S. Filippo Neri ha formalmente deciso di modificare la convenzione tra l’Ospedale e la Clinica, la quale serve un bacino di utenza molto grande (circa il 70% dei residenti nel municipio in cui la clinica risiede), e pertanto, tale decisione di riportare alcune specialità all’interno dell’Ospedale, potrebbe comportare seri disagi all’utenza innanzitutto, e a caduta anche ai lavoratori che si troverebbero nuovamente ad affrontare un futuro pieno di incertezze. Detto ciò i sindacalisti auspicano un intervento tempestivo degli Organi Regionali affinché venga fatta chiarezza su una situazione che va avanti da molti anni e che già ha prodotto nel 2009 il licenziamento di n. 33 dipendenti, altresì hanno già provveduto ad inoltrare formale richiesta di incontro presso l’Assessorato alla Salute della Regione Lazio.

Posted in Roma/about Rome, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Il “nuovo” Dazebaonews

Posted by fidest press agency su lunedì, 18 ottobre 2010

Dazebao cambia pelle e cambia testata ma non le proprie idee. Abbiamo completamente riformulato la parte grafica, costruito una nuova piattaforma, più adatta alle innovazioni tecnologiche e ai nuovi strumenti “mobile”. Un giornale on line, infatti, deve mutare pelle, adattandola alle nuove esigenze. Quattro anni fa, quando siamo nati, non immaginavamo, ad esempio, che ci potessero leggere su una tavoletta e che la maggior parte dei nostri articoli espandessero in diretta la propria utenza attraverso i social network. Un portale di news oramai deve tenere conto anche di questo. Ed è così che nasce il “nuovo” dazebao: un sito più moderno, più giovane, più attento ai fatti nascosti della cronaca, che non si limita soltanto a ribattere le notizie pubblicate dai grandi media e che d’altronde non ha l’ambizione di coprire tutto lo scibile. Perché la Rete ha questo di caratteristico: offrire una libertà espandibile a chi vuole comunicare, a condizione che si sappia capire che lo stesso giornalismo non può rimanere ancorato all’inchiostro e alla linotype e che le stesse redazioni devono essere ripensate in funzione di un mondo dell’informazione che sta vivendo la più grande rivoluzione dopo l’irruzione della televisione nel dopoguerra. Un cambiamento talmente profondo che soltanto una visione superficiale può considerare il giornalismo oggi alla stregua di quello che si sviluppò, grosso modo, dalle prime Gazzette del periodo illuminista fino al secolo scorso. Da questo punto di vista, la lettura dell’oramai celebre “Cluetrain Manifesto”, fatto di 95 tesi (evidentemente ispirate a quelle con cui Martin Lutero scardinò, nel 1517, la religione cattolica romana), è illuminante. Tesi 6: “Internet permette delle conversazioni tra esseri umani che erano semplicemente impossibili nell’era dei mass media”. Tesi 95: “Ci stiamo svegliando e ci stiamo linkando. Stiamo a guardare, ma non ad aspettare”. Appunto: il “nuovo” dazebao vuole anche svegliare, con un trillo forte in questo silenzio assordante.

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Assistenza domiciliare agli anziani del Sud

Posted by fidest press agency su giovedì, 26 agosto 2010

(Centro Maderna) AdiSud.net è un progetto promosso dal Dipartimento delle Politiche per la Famiglia con i Ministeri del Lavoro e della Salute. Si tratta di un portale dedicato all’assistenza domiciliare integrata (ADI), con l’obiettivo di supportare le regioni del Sud nella pianificazione e attuazione dei servizi di Assistenza Domiciliare programmati in modo integrato sul territorio (coinvolgendo tutti i servizi sociali, sanitari e assistenziali) e monitorati secondo criteri omogenei. La logica adottata è sostenere la crescita e lo sviluppo dei servizi rivolti agli anziani per offrire una risposta globale all’utenza, investendo risorse sul territorio per contribuire a creare percorsi di assistenza e di cura integrati in alternativa ai ricoveri ospedalieri e per migliorare la qualità della vita delle persone nel loro ambiente abituale. Le regioni coinvolte sono otto: Abruzzo , Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sardegna, Sicilia.

Posted in Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Sciopero autoferrotranvieri

Posted by fidest press agency su sabato, 12 giugno 2010

Sono rilevanti i primi dati nazionali sull’adesione allo sciopero degli Autoferrotranvieri proclamato per l’intera giornata di oggi da USB, COBAS lavoro privato e SLAI Cobas: 85% a Venezia, 46% a Trieste; 80% ad Alessandria, 50% a Torino, 80%  a Bologna, 70% a Reggio Emilia, 46% a Firenze, 70% a Roma, 35% a Cagliari; adesione pressoché totale alla Sepsa di Napoli, dove alla Anm si è registrato il 60%. Si tratta inoltre di percentuali destinate sicuramente a salire nel pomeriggio e nel corso della serata, al termine della seconda fascia oraria di garanzia per l’utenza articolata in modo diverso da città in città. Secondo le organizzazioni promotrici dello sciopero, sono risultati che confermano la decisa volontà dei lavoratori a non subire il costo della crisi, che il governo, tagliando 3,5 miliardi di risorse al trasporto pubblico locale, intende scaricare anche sugli autoferrotranvieri. L’alta partecipazione dei lavoratori invia inoltre un chiaro segnale alle aziende, che dovrebbero riconsiderare il pregiudiziale ostracismo adottato nei confronti delle giuste rivendicazioni poste dal sindacalismo di base. Per USB, COBAS lavoro privato e SLAI Cobas i lavoratori non devono assolutamente subire un ulteriore arretramento delle già gravi condizioni economiche e normative, come invece si ostinano a pretendere le aziende sul tavolo di trattativa nazionale. E’ infatti inaccettabile che si possa immaginare di prescindere dal rispetto delle normative di legge e contrattuali, dall’osservanza delle condizioni di sicurezza e della tutela della salute, sostenendo che le esigenze aziendali debbano prevalere su quelle dei lavoratori, o che si tenti di introdurre delle quote di straordinario obbligatorio al solo fine di evitare le assunzioni di nuovo personale nelle aziende. Confortati dal consenso dei lavoratori alle mobilitazioni, USB, COBAS e SLAI Cobas attiveranno ulteriori iniziative nei confronti dei rappresentanti del governo affinché al tavolo della trattativa ci sia anche il sindacalismo di base

Posted in Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Incidente Roma-Viterbo

Posted by fidest press agency su mercoledì, 21 aprile 2010

«In merito all’incidente occorso nelle prime ore della mattinata odierna e che ha visto coinvolti due treni delle ferrovie regionali concesse sulla linea Roma-Viterbo, all’altezza della stazione La Celsa, l’Amministrazione comunale ha chiesto all’Atac, azienda che gestisce il servizio del trasporto pubblico romano, di aprire una commissione interna perché vengano accertate cause e modalità dell’incidente». È quanto dichiara l’assessore alle Politiche della  Mobilità del Comune di Roma, Sergio Marchi. «Immediato l’intervento della Protezione civile e dei Vigili del Fuoco – prosegue l’Assessore – che hanno portato soccorso ai passeggeri contusi. Fortunatamente i feriti coinvolti, circa una cinquantina,  non risultano essere gravi. Per garantire all’utenza il servizio, attualmente sospeso nella sola tratta tra Grottarossa e Montebello  – conclude Marchi –  è stato istituito un servizio di 12 bus navette, che sarà implementato nelle ore di punta, fino al regolare ripristino dell’esercizio su rotaia». Si conferma che sono circa centoventi le persone ferite non in modo grave che sono state assistite e condotte presso il Policlinico Gemelli, l’Ospedale S. Andrea, l’Ospedale Sandro Pertini, Villa San Pietro, l’Ospedale di Monte Rotondo e l’Aurelia Hospital. Inoltre, le squadre della Protezione civile e il personale del volontariato, hanno distribuito coperte e bottiglie d’acqua ai passeggeri, collaborato con i Vigili del fuoco, con il personale sanitario del 118, coadiuvato la Polizia municipale per la fluidificazione del traffico locale, garantito l’immediata e puntuale organizzazione delle strutture di intervento del Campidoglio.

Posted in Cronaca/News | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Servizio 118” della Regione Puglia

Posted by fidest press agency su sabato, 26 settembre 2009

Il programma relativo al “riordino del servizio 118” della Regione Puglia è in stand-by. Un ritardo inspiegabile, sottolineano gli esponenti del Sindacato dei Medici Italiani (Smi-Puglia), nonostante lo scorso mese di giugno sia stata regolarmente approvata la succitata riorganizzazione sanitaria attraverso la firma dell’Accordo integrativo regionale (Air) inerente alla medicina generale tra Regione e organizzazioni sindacali, con annesso stanziamento di circa 5 milioni di euro per l’operazione complessiva di restyling. Obiettivo primario del programma di ‘riordino del servizio 118’, quello di garantire ed assicurare all’utenza un’assistenza sanitaria ben pianificata, senza alcun depotenziamento della dotazione organica. “Vorremmo sapere per quale motivo non ci sia ancora stata l’attuazione legislativa dell’Air e, conseguentemente, la riorganizzazione territoriale del servizio del 118 – afferma Roberta Ladisa, medico ‘Seus’ ed esponente dello Smi-Puglia – Perché, dunque, dopo la segnalazione delle zone carenti e la formulazione della graduatoria, non è stata assicurata l’assegnazione effettiva della titolarità, costringendo i colleghi a lavorare in drastiche condizioni di sotto-organico anche nel periodo estivo. Riteniamo davvero paradossale che un servizio, indispensabile per i cittadini, debba essere cristallizzato da un sistema burocratico farraginoso. Non dimentichiamo che il ‘servizio di riordino del 118’ garantisce la formazione e l’aggiornamento degli operatori sanitari, aumenta il periodo annuale di astensione obbligatoria, riconosce una indennità per servizio di attività, aumenta le indennità di straordinario e festivo, introduce nuove tutele assicurative non previste nell’accordo collettivo nazionale e, per la prima volta, vede protagonisti i colleghi del 118 nell’organizzazione del proprio lavoro. Alla luce di tutto questo – conclude Roberta Ladisa – chiediamo alla Regione Puglia di concedere al servizio del 118 e ai medici che vi operano, la giusta attenzione e i mezzi adeguati per affrontare sia l’assistenza sanitaria ordinaria che quella straordinaria, anche in vista delle problematiche legate alla eventuale diffusione dell’influenza ‘A’ per la quale siamo, ad oggi, sprovvisti di linee guida”.

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Ater invia errati conguagli agli inquilini

Posted by fidest press agency su martedì, 4 agosto 2009

Roma. “Le proteste inviate da numerosissimi inquilini dei palazzi a gestione ATER di Corviale ci hanno spinto a verificare l’erroneità dei conguagli sui riscaldamenti inviati alla cittadinanza in questi giorni e tale errore è stato infine ammesso dalla stessa azienda attraverso i suoi tecnici”, così dichiarano in una nota Ida D’Orazi e Augusto Santori, consiglieri del PDL del Municipio XV. “Gli importi dei conguagli per riscaldamento inviati annualmente agli inquilini – prosegue la  nota dei consiglieri – si sono effettivamente sempre contraddistinti per la loro rilevanza e per criteri di definizione alla cittadinanza spesso poco chiari, crediamo però che le spese per utenza pervenute in questo mese abbiano raggiunto limiti non tollerabili. L’aspetto grave è che molti inquilini hanno già provveduto al pagamento del conguaglio richiesto, comportando quindi danni di natura finanziaria a numerose famiglie, che probabilmente saranno soggette ad angosce e ulteriori privazioni”. “Vogliamo quindi rassicurare, anche con la presente nota, gli inquilini di Corviale informando che buona parte delle rilevazioni dell’ultimo conguaglio sono state riconosciute come formalmente errato”, conclude la nota di D’Orazi e Santori.

Posted in Cronaca/News, Diritti/Human rights | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Agonia del servizio sanitario siciliano

Posted by fidest press agency su venerdì, 10 luglio 2009

“Accogliamo con favore ogni nuovo sostanziale progresso offerto, rimanendo però con i piedi per terra e perciò sostanzialmente scettici sulla politica messa in campo dalla giunta Lombardo, che ha progressivamente mortificato le prioritarie esigenze di tutela della stragrande maggioranza dell’utenza siciliana”. Così l’On. Domenico Scilipoti dell’Italia dei Valori in merito allo stato generale del servizio sanitario nella Regione Sicilia. “Siamo lieti di sapere che adesso sarà possibile a Palermo effettuare nuovi esami specialistici di assoluta importanza, come nel caso dell’ospedale “Cervello”. Tuttavia – prosegue il deputato IDV – prima di appuntarsi fiori all’occhiello il governatore Lombardo, insieme all’assessore competente, dott. Russo, dovrebbero riflettere sullo stato in cui versa la sanità siciliana. Uno stato, ribadiamo complessivamente disastroso, a cui non hanno certo giovato accorpamenti di strutture forzate, come nel caso di Enna, Caltagirone e comprensorio, o tagli insensati ad attività di pronto intervento  periferiche ma nondimeno essenziali, come nel caso del servizio 118, soppresso irrazionalmente in diversi comuni disagiati per economizzare su qualche spicciolo. Va garantita la copertura di tutti i servizi essenziali in ogni parte del territorio – conclude Scilipoti – senza abbandonare le periferie e le località disagiate e senza costringere migliaia di utenti siciliani a costose trasferte fuori provincia, se non addirittura fuori regione”.

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Sanità verso lo sciopero nazionale

Posted by fidest press agency su martedì, 30 giugno 2009

3 luglio 2009.  In preparazione dello sciopero nazionale del Pubblico Impiego del prossimo 3 luglio, mercoledì 1 luglio 2009 la RdB/CUB Sanità di Roma e Lazio darà vita ad una iniziativa itinerante con un bus d’epoca che, attraversando la città, farà tappa davanti alcuni tra i maggiori Ospedali della metropoli, per accogliere lavoratori e delegati e condurli presso l’Ospedale S. Pertini dove è indetta una assemblea cittadina per le ore 12,00. Già dalle ore 8,00 davanti agli Ospedali verrà effettuato un volantinaggio ai lavoratori e all’utenza.   “I lavoratori della sanità del Lazio hanno più di un valido motivo per scioperare – dichiara Teresa Pascucci della RdB/CUB. L’attacco ai diritti e al salario dei dipendenti pubblici previsto nel decreto Brunetta è aggravato dal recente contratto a perdere del comparto sanità che per i lavoratori del Lazio sarà ancora più magro a causa del piano di rientro dal deficit”.  “La politica degli appalti e delle esternalizzazioni – continua Pascucci – come dimostrano i dati, i recenti casi di cronaca e le nostre numerose denunce, è tra le maggiori responsabili del deficit, ma su questo nessun intervento della Regione che invece carica il risparmio sulle spalle dei cittadini e dei lavoratori che già hanno, oltre al taglio dei posti letto, la chiusura di servizi e ospedali, il ticket anche l’aumento oltre il massimo livello previsto delle tasse regionali e comunali. “ Per questo – conclude Pascucci – i lavoratori della sanità sciopereranno per l’intera giornata invece delle tre ore previste per il resto del Pubblico Impiego”

Posted in Cronaca/News, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Smi-Lazio: Fiuggi, dal 1 luglio rischio di chiusura

Posted by fidest press agency su lunedì, 22 giugno 2009

Il 1 luglio 2009 la sede del servizio di Continuità Assistenziale(CA) – ex Guardia Medica – di Fiuggi potrebbe essere chiusa e trasferita dagli stessi operatori sanitari in altra locazione a causa della mancata messa in sicurezza dell’attuale postazione. A renderlo noto è Meri Nannucci, responsabile regionale e aziendale per la Continuità Assistenziale dello Smi-Lazio (Sindacato Medici Italiani). Una situazione ormai degenerata e al limite della sopportazione, sottolinea la sindacalista, che induce i medici addetti al succitato servizio a lavorare in condizioni di forte disagio e costante pericolo in balia di un’utenza sempre più aggressiva e scorretta. Il susseguirsi di aggressioni, furti e minacce ai danni dei sanitari hanno inevitabilmente indotto un responsabile della Continuità Assistenziale di Fiuggi a renderlo noto – ad oggi senza successo – ai dirigenti della Asl di Frosinone. Inoltre, a seguito del recente trasferimento del personale del 118, che operava in locali attigui non ritenuti più idonei, i medici dell’ex Guardia Medica sono costretti a lavorare in uno sconfortante stato di ulteriore isolamento, con tutte le conseguenze del caso. Nei primi cinque mesi dell’anno in corso, gli accessi alla postazione della Continuità Assistenziale di Fiuggi sono stati circa 1.800, in media 12 accessi per turno; di cui circa il 20% per visite domiciliari. I dati dimostrano concretamente l’egregio lavoro sinora svolto dai camici bianchi che si sono prodigati con grande abnegazione, professionalità e competenza senza mai lamentarsi dell’enorme mole di lavoro, consci di rappresentare il punto sanitario che serve un vasto bacino di utenza (Serrone, Piglio, Acuto, Fiuggi, Altipiani di Arcinazzo, Trevi, Filettino). Località con notevole flusso di turisti sia in inverno che in estate. “La postazione è continuamente frequentata da tossico-dipendenti che pretendono siringhe e farmaci – dichiara Meri Nannucci – E, di sovente, da ubriachi che si recano presso la struttura sanitaria a seguito di risse pretendendo, a torto, di trovare un Pronto Soccorso ad hoc per farsi suturare ferite da taglio e lesioni di ogni tipo. Dopo il trasferimento dell’equipe del 118 non è venuto nessuno a verificare l’effettiva situazione in cui versa la Continuità Assistenziale. Per quale motivo, dunque, non viene assegnata anche ai responsabili della CA di Fiuggi una nuova sede? Sono forse medici di serie “B”? In sintesi gli addetti ai lavori chiedono, per l’ennesima volta, di poter svolgere il proprio mestiere in sicurezza e senza il pericolo, ormai annunciato, di aggressioni e soprusi. Proprio per questo è stata chiesta dai diretti interessati la reperibilità domiciliare, con l’intento di trasferire, a partire dal 1 luglio, l’attuale struttura in altra ubicazione, per poter eseguire serenamente le numerose visite ambulatoriali. Urge un’adeguata tutela fisica e quindi lavorativa. In definitiva sarà possibile continuare a sostenere il servizio territoriale solo se trasferito in una sede idonea secondo quanto stabilito dalla legge. Oppure rendendo, di fatto, accettabile l’attuale postazione attraverso dispositivi che garantiscano l’incolumità degli operatori. Confidiamo nell’attenzione e nel celere riscontro del Prof. Giancarlo Zotti, direttore generale della Asl di Frosinone – conclude Meri Nannucci – con il quale gradiremmo avere un civile e costruttivo confronto per la risoluzione dell’annosa questione”.

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Gli psicologi e l’Antitrust

Posted by fidest press agency su mercoledì, 25 marzo 2009

“Gli Psicologi respingono le accuse di corporativismo che arrivano dall’Antitrust. Trattare le professioni e gli Ordini in questo modo non fa bene a nessuno: non tutela l’utenza, non stimola il cambiamento ma costringe alla difesa”. Questa è la prima reazione di Giuseppe Luigi Palma, presidente del Consiglio Nazionale dell’Ordine degli Psicologi, all’indagine conoscitiva realizzata dall’Antitrust.  “La Legge Bersani per gli psicologi? Liberalizzava la pubblicità e gli psicologi hanno riposto va bene ed hanno approvato l’atto di indirizzo sulla pubblicità nel pieno rispetto della normativa vigente. Abolizione tariffe minime? Niente di più facile: gli psicologi non hanno un tariffario approvato con decreto, quindi nulla da abrogare. Ma forse è pure il caso di entrare nel merito: vogliamo dire che la tariffa minima ‘consigliata’ per un colloquio di 45 minuti (altre professioni hanno possibilità di fare interventi anche in 5 minuti, uno psicologo NO) è di 30/35 euro? E forse è appena il caso di aggiungere che si tratta di un intervento professionale che anche nella tariffa deve rispondere a criteri di dignità”, prosegue Palma. “Per quanto riguarda l’Accesso alla professione ed il presunto ruolo ostativo degli Ordini, abbiamo già dimostrato, dati alla mano – afferma il presidente Palma – che nel caso degli psicologi la percentuale di superamento dell’esame di stato – già al primo tentativo – è di circa l’80%”, quindi in Italia chi decide di diventare psicologo ha 80 possibilità su 100 di farcela. Dal confronto con l’Europa risulta che uno psicologo europeo su tre è italiano. Riteniamo,  inoltre – conclude Palma – che da parte nostra sono stati fatti tutti gli sforzi necessari per adeguare norme e comportamenti alle esigenze dell’utenza. Con questo obiettivo negli anni sono state realizzate iniziative importanti, come la ‘Carta dei Diritti del Consumatore-Utente delle prestazioni psicologiche’, realizzata in collaborazione con le Associazioni dei Consumatori, al fine di stabilire le regole, i diritti e le tutele del cittadino”.

Posted in Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »