Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 33 n° 244

Posts Tagged ‘vaccinazione’

L’11% dei pazienti oncologici rifiuta la vaccinazione anti-Covid. I motivi?

Posted by fidest press agency su martedì, 18 maggio 2021

Per il 48% il timore degli effetti collaterali della profilassi, per il 26,7% la preoccupazione di possibili interazioni con la concomitante terapia antitumorale, per il 10,7% la paura di reazioni allergiche. Non solo. La decisione di sospendere uno dei vaccini disponibili, quello prodotto da AstraZeneca, nel periodo fra il 15 e il 19 marzo, ha determinato una netta flessione nella propensione di questi pazienti fragili all’immunizzazione anche con un vaccino diverso, cioè quello prodotto da Pfizer. I cittadini colpiti da cancro che hanno detto no al siero sono più che raddoppiati dopo il 15 marzo, passando dall’8,6% al 19,7%. Lo studio è in pubblicazione sulla prestigiosa rivista scientifica “European Journal of Cancer”. Si tratta del primo report al mondo sull’aderenza dei pazienti oncologici alla vaccinazione anti-Covid ed è stato condotto fra l’1 e il 20 marzo 2021, coinvolgendo 914 persone in cura presso l’Istituto Regina Elena di Roma. “Un’indagine era stata condotta in Francia, prima dell’inizio della campagna di immunizzazione, e aveva evidenziato la mancata propensione a vaccinarsi da parte del 16,6% dei pazienti oncologici – continua il Prof. Cognetti -. Il nostro studio invece si riferisce al rifiuto effettivo di ricevere il siero. E per la prima volta al mondo viene scattata una fotografia di questo tipo, riferita alla campagna in corso. Inoltre nello studio francese più della metà dei pazienti era sotto sorveglianza o assumeva terapia ormonale rispetto alla popolazione arruolata nel nostro lavoro, che era in maggioranza in trattamento attivo”. “È interessante notare – sottolinea il Prof. Cognetti – come il tasso di rifiuto sia più che raddoppiato dopo il bando del vaccino prodotto da AstraZeneca. È la dimostrazione che le decisioni delle autorità regolatorie e le informazioni diffuse dai media possono influenzare la volontà dei pazienti nell’accesso all’immunizzazione. Il tasso di rifiuto, che ha raggiunto il 19,7%, risulta decisamente maggiore (+5%) rispetto a quanto riportato in un’indagine nella popolazione generale italiana nello stesso periodo”. “Si può, quindi, presumere che i pazienti con cancro, pur avendo un consistente rischio di letalità da Covid, subiscano maggiore influenza negativa da informazioni sulla sicurezza del vaccino, proprio per la loro grande fragilità – conclude il Prof. Cognetti -. Infatti il tasso di rifiuto era più alto fra i malati in condizioni cliniche più gravi.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Attivare la vaccinazione anche per gli iscritti Aire

Posted by fidest press agency su domenica, 18 aprile 2021

“Continua il mio impegno per ottenere una risposta concreta ed operativa in favore degli italiani all’estero, iscritti all’Aire, che si trovano temporaneamente sul territorio nazionale, circa le modalità di accesso alla vaccinazione. In particolare, sottolineando il loro diritto di essere informati sul tema (come, dove e quando), nei giorni scorsi ho chiesto al generale Figliuolo se ci sarà effettivamente la possibilità di accedere alla campagna di vaccinazione e con quali modalità, considerato che gli iscritti AIRE non possiedono la tessera sanitaria, e quando e dove sarà possibile fare la vaccinazione.Nel frattempo, ho ricevuto un aggiornamento relativo alle mie precedenti richieste, da parte del Sottosegretario Sileri, che mi ha fatto sapere che: “per quanto riguarda l’accesso alla vaccinazione degli iscritti Aire, temporaneamente presenti sul territorio nazionale, il Ministero della Salute sta parimenti operando in raccordo con la Struttura del Commissario Straordinario per l’emergenza COVID-19 e il MEF, in quanto titolare della gestione del Sistema Tessera Sanitaria, per definire le modalità operative più rapide.L’Ufficio del Sottosegretario di Stato Sen. Prof. Pierpaolo Sileri sta lavorando per facilitare la definizione delle soluzioni più utili a garantire un rapido accesso dei cittadini italiani iscritti AIRE alla campagna di vaccinazione”.Inoltre, oggi, ho sollecitato anche il Ministro per gli Affari regionali, on. Mariastella Gelmini, molto sensibile a queste istanze che ha preso a cuore la questione e potrà certamente contribuire a raggiungere il risultato.Sono anche intervenuta, con una telefonata, presso la struttura del generale Figliuolo ed un suo stretto collaboratore, il maggiore Martella, mi ha assicurato l’impegno del Commissariato per l’emergenza Covid-19 a trovare il prima possibile una soluzione per permettere anche agli iscritti Aire presenti sul territorio nazionale di accedere alla campagna di vaccinazione.Auspico che le strutture competenti si coordinino al meglio per arrivare presto ad una soluzione che permetta anche a questi nostri connazionali di vaccinarsi. Leggo, al contempo e con piacere, che quasi tutti gli eletti all’estero si stanno prodigando per raggiungere lo stesso risultato. Che bella cosa! In questo momento così difficile serve spirito unitario e coesione sugli obiettivi!”. Lo ha dichiarato l’on. Fucsia Nissoli Fitzgerald, deputata di Forza Italia eletta in Nord e Centro America. fucsiausa1@gmail.com, americoggi@aol.com, svaccara@gmail.com,

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Vaccinazione in farmacia

Posted by fidest press agency su mercoledì, 17 marzo 2021

Più vaccini, più personale, più vaccinatori, più centri vaccinali. È questa la ricetta per raggiungere l’obiettivo, entro settembre, dell’80% di persone vaccinate e a presentarla è il nuovo Commissario straordinario per l’emergenza. Con una pianificazione che si sviluppa lungo due direttrici: quella dei «grandi centri vaccinali», in cui «si può fare economia di scala», adatti a territori popolosi e meno complessi geograficamente, e quella invece della «capillarità» e della prossimità. Un asset in cui può entrare in gioco anche la farmacia: la vaccinazione in farmacia «non la vedo solo come possibilità teorica, ma pratica, e alcune Regioni stanno già cominciando».

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Sapienza: al via lo studio sulla vaccinazione anti COVID-19

Posted by fidest press agency su sabato, 13 febbraio 2021

Che succede dopo il vaccino? Lo studio, promosso e incentivato direttamente dalla Magnifica Rettrice della Sapienza Università di Roma, Antonella Polimeni, e dal Direttore Generale dell’Azienda Ospedaliera Universitaria Policlinico Umberto I, Fabrizio d’Alba, comprenderà circa 10.000 soggetti e avrà lo scopo di valutare la risposta anticorpale nei soggetti vaccinati e di analizzare le associazioni del tipo di riposta con variabili importanti come l’età, il sesso, la presenza di comorbidità e le condizioni socioeconomiche.
Tutte le unità assistenziali e i docenti universitari verranno coinvolti con lo scopo di sviluppare una rete di ricerca che includa tutte le strutture del più grande Policlinico d’Europa. In tutti i soggetti verranno anche registrati gli eventi avversi dopo la vaccinazione. Ci si propone di valutare in tutti i soggetti la quantità e qualità della risposta immunitaria anti-Spike indotta dalla vaccinazione e di seguire contemporaneamente la dinamica dell’eventuale infezione e l’efficacia protettiva del vaccino, tramite la misurazione del titolo di anticorpi contro la nucleoproteina (N), specifici dell’infezione naturale. Tutti i 10.000 soggetti verranno valutati anche a distanza di 6 e 12 mesi dall’inizio della vaccinazione. L’Istituto Superiore di Sanità, che collaborerà allo studio, si occuperà, nel caso di infezione dopo vaccinazione, della ricerca delle possibili varianti virali.Attualmente, sono stati vaccinati 5.000 operatori, da ausiliari a specializzandi, che rappresenteranno la popolazione immediatamente oggetto dello studio. A breve inizierà il secondo ciclo di vaccinazioni che prevedrà anche una analisi pre vaccinazione.Per la Sapienza e per il Policlinico Umberto I questo studio rappresenta un modello virtuoso di come le eccellenze della sanità e della ricerca si possano fondere in un progetto comune che ha come scopo quello di essere garante di una azione volta non solo a contrastare la pandemia, come dimostrato in questo lungo periodo, ma anche a sviluppare strategie comuni di ricerca.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science, Università/University | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Vaccinazione COVID-19: i deputati chiedono la solidarietà dell’UE e del mondo

Posted by fidest press agency su sabato, 13 febbraio 2021

Bruxelles. Mercoledì, nel corso del dibattito in Plenaria con la Presidenza portoghese e la Presidente della Commissione Ursula von der Leyen, i deputati hanno commentato lo stato di avanzamento della strategia UE di vaccinazione COVID-19. Molti deputati hanno sottolineato che l’UE ha preso le giuste decisioni chiave, in particolare sull’approccio collettivo europeo alla vaccinazione e sulla difesa dei diritti dei suoi cittadini, mettendo al primo posto la sicurezza e facendo rispettare le norme europee sulla responsabilità.La Presidente von der Leyen ha difeso la scelta dell’UE di ordinare i vaccini collettivamente, la necessità di solidarietà globale e la decisione di non prendere scorciatoie sulla sicurezza e l’efficienza dei vaccini.Ha poi riconosciuto che bisogna trarre lezioni dagli errori del passato, poiché “non siamo ancora dove vogliamo essere nella lotta contro il virus”.Secondo i deputati, “nessuno è al sicuro finché tutti non sono al sicuro” e le soluzioni per uscire dalla crisi devono essere trovate nello spirito di solidarietà, sia tra i Paesi UE che a livello globale. L’UE ha una responsabilità verso il resto del mondo e deve garantire che i vaccini siano distribuiti equamente a livello globale.I deputati hanno riconosciuto che l’UE ha sottovalutato le sfide relative alla produzione di massa dei vaccini e che è necessario prendere con la massima priorità delle misure concrete per aumentare la produzione. Molti deputati hanno esortato la Commissione a far rispettare i contratti esistenti e, allo stesso tempo, a sostenere gli Stati membri nelle loro strategie di vaccinazione.Secondo alcuni deputati, per costruire la fiducia dei cittadini negli sforzi di vaccinazione ed evitare la disinformazione, l’UE deve “dire la verità”. A tale proposito, molti deputati hanno ricordato la necessità di trasparenza sui contratti, oltre a dati completi e chiari sulla distribuzione a livello nazionale dei vaccini.Tenendo conto delle grandi quantità di denaro pubblico investito, diversi deputati hanno chiesto un maggiore controllo parlamentare sull’attuazione della strategia dei vaccini.

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Vaccinazione Covid in farmacia

Posted by fidest press agency su lunedì, 25 gennaio 2021

La legge Bilancio 2021 ha introdotto diverse novità relativamente al ruolo di farmacia e farmacista e uno dei punti riguarda la somministrazione dei vaccini in farmacia. «È il primo accordo» del genere, «a seguito della norma approvata nella Legge Bilancio, siglato in Italia» è stato il commento di Marco Cossolo, presidente di Federfarma ai microfoni di Radio Rai, e in questo il «Piemonte ha fatto un po’ da apripista. Ci sono altri tentativi di accordi simi, in Lazio», fatti anche in precedenza, o «in Lombardia». «La vaccinazione sarà, a ogni modo, gratuita per i cittadini». Ora, «ragionevolmente, in breve tempo, potrebbe venire esteso alle altre Regioni». Per l’attuazione «occorre, comunque, definire le modalità operative, ma ritengo che intorno marzo si potrà partire».L’intesa prevede, in particolare, due aspetti principali: «da un lato viene richiamato il modello già messo in atto in Piemonte per la vaccinazione anti-influenzale, in particolare per quanto riguarda gli aspetti dello stoccaggio, della distribuzione e della consegna su prenotazione dei vaccini ai medici di medicina generale». Come aveva scritto ieri la Regione in una nota, «per questa operazione è stato stanziato un milione di euro».Il secondo aspetto riguarda, invece, la «somministrazione del vaccino che potrà avvenire direttamente in farmacia». In questo caso, «le inoculazioni verranno retribuite dalla Sanità pubblica come quelle effettuate dai medici di medicina generale (circa 6,50 euro ciascuna)». Sul punto, in particolare, continua Corrado «è stata richiamata la previsione della legge Bilancio 2021 (art. 1, comma 471 178/20), che è stata ripresa nella sua formulazione integrale, proprio per evitare interpretazioni o polemiche». Nel dettaglio, come si ricorderà, “è consentita, in via sperimentale, per l’anno 2021, la somministrazione di vaccini nelle farmacie aperte al pubblico sotto la supervisione di medici assistiti, se necessario, da infermieri o da personale sanitario opportunamente formato, eventualmente anche a seguito della fornitura da parte delle aziende sanitarie locali, secondo specifici accordi stipulati con le organizzazioni sindacali rappresentative delle farmacie, sentito il competente ordine professionale”. «È un aspetto che è stato chiarito da tempo» ha detto Cossolo in occasione di una intervista su Federfarma Channel di settimana scorsa, «e il riconoscimento in professione sanitaria è stato previsto ai sensi del Decreto legislativo 8 agosto 1991, n. 258. Oltre tutto compariamo nell’elenco delle professioni sanitarie sul sito del Ministero della Salute».Per quanto riguarda la tempistica, «da qui a quando l’intesa potrà essere operativa» aggiunge Corrado «c’è il tempo necessario per chiarire tutti gli aspetti». L’accordo, infatti, come specificato dalla Regione, si basa sul vaccino Astrazeneca, o analoghi. «Tra l’approvazione, prevista a fine mese, la consegna al nostro Paese e i vari passaggi, ottimisticamente, credo che si partirà non prima di fine febbraio-marzo. L’adesione sarà, comunque, volontaria per le farmacie». Un ulteriore step, per altro, come prevede la legge stessa, «è un confronto con le rappresentanze sindacali, Federfarma e Assofarm, in merito alla definizione delle modalità operative, requisiti della farmacia, e quant’altro». A ogni modo, «la legge Bilancio ha creato una sorta di cornice» ha concluso Schito «all’interno della quale anche le altre regioni potranno andare in questa direzione. L’Assessore alla salute del Piemonte, Icardi, in quanto coordinatore della commissione salute delle Regioni, si è impegnato a portare la tematica in Conferenza». (abstract by Francesca Giani fonte: Farmacista33)

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Covid-19: il Lazio sospende la vaccinazione

Posted by fidest press agency su domenica, 24 gennaio 2021

Era ormai nell’aria viste le ultime decisioni di Pfizer sul taglio lineare delle forniture vaccinali ai singoli stati. Come si legge nella nota inviata dalla Regione Lazio a tutte le strutture sanitarie e ospedaliere, per mancanza di approvvigionamenti vengono sospese su tutto il territorio regionale le vaccinazioni. Viene garantita esclusivamente la somministrazione della seconda dose a chi ha già avuto la prima.Non va meglio nel resto d’Italia, pur se in assenza di decisioni ufficiali sul modello Regione Lazio: in Lombardia la Assl di Como garantisce solo i richiami; a Pavia non sono garantiti nemmeno questi e sono sospese le consegne anche alle RSA; a Firenze l’ospedale Careggi assicura solo i richiami. In Lombardia la campagna vaccinale per gli over 80 – che nelle parole di Arcuri doveva partire a fine gennaio – slitta a metà marzo. Rinvii anche in Emilia Romagna e Puglia.Era prevedibile che le multinazionali del farmaco, in questo caso Pfizer praticamente esclusivista in Occidente, mettessero sotto scacco gli stati. È possibile che giganti di questo genere non sapessero che la produzione massiccia li avrebbe messi in difficoltà? O forse il trattamento per i paesi del Sud Europa è lo stesso proposto dalla Moratti? Come abbiamo ripetuto più volte salute e profitto non possono essere messi sullo stesso piano. Gli accordi, economici e non, su un vaccino che come molti hanno ripetuto più volte è l’unica via per uscire dalla crisi pandemica non garantiscono l’incolumità e la salvaguardia della popolazione. Il vaccino non può essere vincolato alle logiche di potere economico di pochi. Il vaccino deve essere un bene di tutti senza che nessuno dall’alto del suo potere ne detti le regole.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

La corsa verso la vaccinazione di massa deve subire un deciso cambio di passo

Posted by fidest press agency su giovedì, 21 gennaio 2021

«Con 30,66 milioni di persone contagiate dal Coronavirus (+55.299 nelle ultime ventiquattro ore), 665.924 morti, con una media di 3.873 morti al giorno (Fonte: OMS e European Centre for Disease Prevention and Control), l’Europa non può permettersi di attendere un solo giorno in più per l’autorizzazione di un nuovo vaccino che potrà fare la differenza. La corsa verso la vaccinazione di massa deve subire un deciso cambio di passo e l’EMA deve rompere gli indugi e velocizzare l’autorizzazione dell’immissione in commercio del vaccino AstraZeneca, perché altrimenti i cittadini europei e soprattutto gli anziani non capiranno perché si rinvii ancora una decisione così importante e risolutiva, di fronte a un’ecatombe come quella a cui stiamo assistendo giorno dopo giorno – lo dichiara Roberto Messina, nel suo doppio ruolo di Presidente di SIHA, Senior International Health Association, la piattaforma europea impegnata nella tutela dei cittadini anziani in tutta Europa, e di Senior Italia FederAnziani. – La situazione è gravissima, eppure di fronte a questi numeri terrificanti, al rallentamento nella distribuzione dei vaccini della Pfizer, alla diffusione ormai in 60 paesi della variante inglese, l’EMA appare incomprensibilmente lenta nell’autorizzazione del nuovo vaccino che potrebbe rappresentare in questo momento la chiave di volta, velocizzando significativamente la campagna di vaccinazione in tutta Europa. Tanto più che tale vaccino può essere agevolmente somministrato dai medici di famiglia, che hanno una capacità di vaccinazione capillare e immediata. Siamo molto preoccupati – prosegue Messina – per la lentezza nella tempistica decisionale che deve portare all’autorizzazione, considerato che i dati presentati sulla qualità, la sicurezza e l’efficacia del vaccino risultano solidi e completi e non è pertanto chiaro quali ulteriori elementi manchino per prendere una decisione. Il vaccino, infatti, è già stato autorizzato in Brasile, nel Regno Unito, in India, in Argentina, El Salvador, Messico, Bangladesh, Repubblica Dominicana, Pakistan, Nepal, e allo stato attuale non si segnalano significative reazioni avverse. Chiediamo perciò all’EMA di correre, perché ogni giorno di ritardo costa oltre 3.873 vite.»

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

La partecipazione dei farmacisti alla vaccinazione contro la COVID-19

Posted by fidest press agency su domenica, 17 gennaio 2021

“In questo momento in cui si richiede il massimo sforzo da parte del Servizio sanitario nazionale, e la piena collaborazione di tutti i professionisti della salute, sono un passaggio importantissimo le dichiarazioni del Commissario Straordinario, Domenico Arcuri, sull’intervento dei farmacisti nella campagna vaccinale contro la COVID-19. Se ci si propone di vaccinare entro l’estate la popolazione italiana, o almeno una quota largamente maggioritaria, occorre reperire le dosi necessarie e ampliare al massimo la rete dei vaccinatori, e già nello scorso luglio avevamo dato la nostra totale disponibilità a contribuire al raggiungimento di questo obiettivo. Come avviene in Gran Bretagna, per esempio, dove già da ieri i farmacisti inglesi stanno vaccinando i cittadini” dice il presidente della Federazione degli Ordini dei Farmacisti, Andrea Mandelli. “Concordiamo che il coinvolgimento della nostra professione è subordinato all’arrivo dei vaccini, come quello di Astra Zeneca, che non richiedono la conservazione a-70° o le operazioni di diluizione. Ma è oggi che si deve programmare nel dettaglio l’intervento dei farmacisti, individuare il percorso di formazione a questa prestazione, che potrebbe essere lo stesso già previsto per i medici, e fissare gli obiettivi. Ed è fondamentale che tutti farmacisti di comunità vengano vaccinati a loro volta per poter operare nella massima sicurezza possibile” prosegue il presidente della FOFI. “Il rischio, gravissimo, è non essere già pronti a impiegare subito i vaccini nel momento in cui arriveranno. Per questo chiediamo che si metta mano al più presto a un piano per il coinvolgimento dei farmacisti e delle farmacie nella campagna vaccinale”.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Vaccinazione Covid-19: all’Italia serve una buona sanità pubblica

Posted by fidest press agency su giovedì, 7 gennaio 2021

L’avvio della prima fase delle operazioni di vaccinazione contro il Covid-19 mette ancora una volta a nudo i reali problemi della sanità italiana e relega finalmente nella cerchia degli odiatori seriali dei dipendenti pubblici e del servizio pubblico, la campagna mediatica (a base di licenziamenti, provvedimenti disciplinari e penalizzazioni economiche) avviata contro il personale che eventualmente si rifiutasse di sottoporsi al vaccino. Oltretutto l’alta adesione nelle strutture sanitarie nazionali, rende inutile e velleitario il dibattito sull’obbligo di vaccinazione per gli operatori sanitari.Il continuo scontro e il rimpallo di responsabilità fra Stato e Regioni, questa volta sulla fornitura di vaccini e sulla loro effettiva somministrazione, evidenzia una volta di più la necessità e l’urgenza di rivedere la riforma del Titolo V della Costituzione, riportando le competenze in materia di sanità, nell’ambito di un unico Servizio Sanitario Nazionale. Nei fatti, a fronte dell’evidenza di non poter sostenere con il personale a disposizione nemmeno le vaccinazioni per gli Operatori sanitari e i pazienti delle RSA, la realtà racconta di ritardi nell’emanazione del bando per il reclutamento di medici e infermieri, rigorosamente precari e in affitto, da destinare alla campagna vaccinale; di carenza di guanti e siringhe: di mancanza di sicurezza e formazione; di mancato rafforzamento dei servizi territoriali e della prevenzione.Inoltre la difficoltà di conservazione dell’unico vaccino attualmente a disposizione esclude dalla possibilità di effettuare le vaccinazioni i medici di medicina generale e riporta in primo piano l’esigenza di un riordino della medicina territoriale con la realizzazione di Case della Salute realmente rispondenti ai bisogni della comunità e la diretta dipendenza dal SSN dei medici di base. Solo così sarà possibile, insieme al reclutamento di massa di personale attraverso assunzioni stabili, un deciso potenziamento del servizio territoriale, vera arma di prevenzione nonché strumento di utile, corretta e capillare informazione per i cittadini/utenti.Ritardi, contraddizioni, mancato incremento sostanziale del fondo sanitario nazionale e mancanza di un piano nazionale di vaccinazione trasparente ed efficace sono gli argomenti ai quali porre rimedio e per far questo la ricetta è sempre e solamente una e cioè invertire la tendenza dell’ultimo decennio, immettendo finanziamenti nel Servizio Sanitario pubblico, dopo i numerosissimi e scriteriati tagli, investendo massicciamente in salute e assunzioni stabili.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

La vaccinazione COVID-19 è considerata compatibile con l’allattamento materno

Posted by fidest press agency su giovedì, 24 dicembre 2020

È ciò che affermano le società scientifiche dell’area perinatale, SIN, Società Italiana di Neonatologia, SIP, Società Italiana di Pediatria, SIMP, Società Italiana di Medicina Perinatale, SIGO, Società Italiana di Ginecologia ed Ostetricia, AOGOI, Associazione Ostetrici e Ginecologi Ospedalieri Italiani e SIMIT, Società Italiana di Malattie Infettive e Tropicali, nel documento “COVID-19: consenso inter-societario su allattamento e vaccinazione”, in seguito al dibattito scaturito negli ultimi giorni in diversi Paesi europei e alle comunicazioni dell’EMA e dell’AIFA, sulla vaccinazione COVID-19 per donne in gravidanza ed allattamento.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Si alla vaccinazione antinfluenzale

Posted by fidest press agency su mercoledì, 27 maggio 2020

Simpef – Sindacato medici pediatri di famiglia accoglie con estremo favore la notizia che il Ministero della salute stia pensando di proporre per la prossima stagione, rendendola gratuita, la vaccinazione antinfluenzale anche per i bambini tra i 6 mesi ed i 6 anni di vita. “È una nostra posizione storica – spiega il Segretario nazionale, Rinaldo Missaglia – e siamo particolarmente lieti che in molti ora convergano su questa ipotesi. Esortiamo il ministro, Roberto Speranza, e il neo Capo dipartimento della prevenzione, Giovanni Rezza, a perseverare in questa impresa che sarà di grande beneficio per la salute dei piccoli assistiti nonché, per le note modalità di trasmissione della malattia influenzale, di giovamento per l’intera platea dei cittadini che non vogliano o non possano accedere alla vaccinazione.”
Simpef considera ben poste le recenti proposizioni a favore della vaccinazione antinfluenzale in pediatria espresse, a nome della Società italiana di pediatria, dal presidente Alberto Villani e ne sposa in toto le considerazioni scientificamente ineccepibili a sostegno. Siamo pronti a collaborare in fase operativa nell’applicazione dei futuri protocolli attuativi e invitiamo pertanto le Istituzioni sanitarie regionali ad attivarsi per tempo nella predisposizione di percorsi vaccinali ai quali, nei modi e nelle specificità proprie della pediatria di libera scelta, Simpef è disponibile per una fattiva collaborazione fin dalla fase ideativa che sostanzierà la campagna antinfluenzale del prossimo autunno/inverno. “Confidiamo che la volontà del Ministero possa trovare adeguata accoglienza tra gli Assessori alla sanità delle varie regioni – dichiara Missaglia – e che questi possano cogliere lo spirito della raccomandazione, traducendolo fattivamente attraverso la predisposizione di un piano attuativo che consideri operativamente la raccomandazione a proporre gratuitamente ai bambini in età prescolare il vaccino antinfluenzale in occasione della campagna vaccinale 2020/21.”
Importante in questa fase di predisposizione del piano vaccinale, secondo il sindacato Simpef, è l’assoluta trasparenza per quanto riguarda gli aspetti di approvvigionamento e distribuzione delle dosi di vaccino oltre che delle modalità di individuazione di chi sarà deputato a somministrale. “Tutto ciò sarà fondamentale per annullare sul nascere le obiezioni extra-scientifiche che il mondo no-vax già sta mobilitandosi a diffondere. Questa è un’operazione di immunizzazione estesa indispensabile per affrontare la prossima stagione autunnale con un’arma in più, in uno scenario in cui la pandemia Covid-19 potrebbe ancora assumere caratteristiche emergenziali”, conclude Missaglia.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Obbligatoria la vaccinazione antinfluenzale e anti pneumococcica

Posted by fidest press agency su lunedì, 20 aprile 2020

“Condividiamo l’Ordinanza della Regione Lazio che rende obbligatoria la vaccinazione antinfluenzale e anti pneumococcica degli over 65 a partire dal 15 settembre. Sarebbe un’ottima cosa se tutte le regioni che non hanno preso provvedimenti analoghi seguissero questo esempio. La probabilità che il prossimo autunno possano circolare sia il Covid-19 che l’influenza e lo pneumococco è alta: oltre ad obbligare, che va benissimo, dobbiamo anche essere certi di avere scorte sufficienti di vaccini nei prossimi mesi”. Così Michele Conversano, presidente di HappyAgeing e direttore del Dipartimento di Prevenzione della ASL di Taranto, commenta l’ordinanza della Regione Lazio annunciata oggi.“Le istituzioni sanitarie, nazionali e regionali dovrebbero quindi lavorare a una programmazione che preveda adeguati approvvigionamenti di vaccini ed una estensione dell’offerta attiva” spiega Michele Conversano. Il Covid-19 colpisce in particolare l’apparato respiratorio. Proprio come l’influenza e la polmonite da pneumococco. “Evitare di essere soggetti a queste malattie, grazie al vaccino, fa sì che il nostro organismo sia in grado di reagire meglio alla circolazione del SARS-CoV-2”, aggiunge Conversano.A ribadire l’importanza delle campagne vaccinali, anche l’Organizzazione Mondiale della Sanità che in una recente Guida all’Immunizzazione per la Regione europea raccomanda di dare priorità per il 2020 alla vaccinazione antinfluenzale.Molti Paesi europei, quindi, si sono già mossi per la prossima stagione e hanno chiesto alle aziende produttrici più dosi di vaccino prevedendo anche un incremento di soggetti, compresi gli operatori sanitari, per la somministrazione. In Italia quest’anno, “oltre ad anticipare i tempi, sarà necessario non solo superare il 75% della copertura vaccinale contro l’influenza che è sempre l’obiettivo minimo da raggiungere – conclude il presidente di HappyAgeing – ma ci dovremmo porre auspicabilmente il traguardo ottimale del 95% previsto dal Piano Nazionale Prevenzione Vaccinale, come raccomandato dall’OMS”.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

“TuxNoi – Il valore solidale della vaccinazione”

Posted by fidest press agency su lunedì, 2 dicembre 2019

Roma 4 Dicembre 2019 – Palazzo Wedekind Piazza Colonna, 366 si svolgerà l’evento TuxNoi – Il valore solidale della vaccinazione, nato dalla partnership di 4 Associazioni di Pazienti – AIP Onlus – Associazione Immunodeficienze Primitive, Liberi dalla Meningite, FAND – Associazione Italiana Diabetici e Associazione Pazienti BPCO. L’evento ha come obiettivo quello di sensibilizzare, promuovere e divulgare informazioni e conoscenze in materia di vaccini, di immunità̀ solidale e protezione individuale a difesa delle persone più deboli ma anche collettiva. Le patologie rappresentate dalle Associazioni proponenti rappresentano infatti problematicità di inserimento sociali (come ad esempio nella scuola, nel lavoro e più in generale nella società) qualora non vi siano forme di tutela garantite anche dalle vaccinazioni delle altre persone. La vaccinazione rappresenta una delle più importanti scoperte scientifiche nella storia della medicina e ha contribuito in modo fondamentale ad incrementare la speranza di vita delle popolazioni umane.Alla Tavola Rotonda del Comitato Scientifico “La scienza per il nostro bene” parteciperà anche il Presidente HappyAgeing Michele Conversano.L’evento è un importante momento di confronto e di riflessione.Il valore sociale delle vaccinazioni si riflette infatti sia sul singolo individuo sia sulla collettività.Una corretta informazione unita alla fiducia verso le istituzioni sanitarie, sono la chiave principale per dissipare paure, affrontare preoccupazioni e promuovere l’adesione alle vaccinazioni. Di qui l’importanza che vi sia una cultura della prevenzione e della vaccinazione.Istituzioni, Associazioni e cittadini uniti insieme per affrontare tematiche comuni con un obiettivo comune, il benessere delle persone.Hanno aderito all’iniziativa anche altre associazioni quali HappyAgeing, Diabete Italia e l’Associazione Italiana delle Associazioni di Volontariato in Oncologia.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Appropriatezza della vaccinazione influenzale 2.0

Posted by fidest press agency su venerdì, 12 aprile 2019

Per appropriatezza, in sanità si intende la misura di quanto una scelta o un intervento siano adeguati rispetto alle esigenze del paziente e al contesto sanitario. Si parla di uguaglianza quando un intervento viene fornito nello stesso modo a tutti – a tutti lo stesso – e di equità quando l’intervento viene modulato in funzione delle diverse esigenze – a ciascuno il suo.
L’appropriatezza della vaccinazione influenzale nasce da dati epidemiologici, immunologici, clinici e socioeconomici che, combinati insieme, portano a concludere che, per ogni fascia di età c’è il vaccino giusto che, a oggi, si identifica nel quadrivalente per i bambini, gli adolescenti e gli adulti in età lavorativa, mentre per gli anziani il vaccino più appropriato risulta essere quello adiuvato, in quanto hanno bisogno di una protezione maggiore.
L’appropriatezza vaccinale trova conferma sia nella circolare annuale sull’influenza, emanata dal Ministero della Salute, che raccomanda il vaccino adiuvato a partire dai 75 anni di età, sia nelle politiche sanitarie della maggior parte delle Regioni italiane [ad esempio Lazio, Sicilia, Campania, Puglia6, Emilia-Romagna7], che hanno deciso di esplicitare con maggior precisione il criterio di appropriatezza, indicando l’utilizzo del Vaccino Adiuvato con MF59 per tutti gli over 75 e per gli anziani 65-74 anni con patologie croniche o fattori di rischio e del QIV (quadrivalente) per tutti i soggetti da 6 mesi a 64 anni e per la fascia 65-74 in buona salute.
Anche in altri Paesi, come per esempio l’Inghilterra, sono state adottate le stesse iniziazioni vaccinando (stagione influenzale 2018/2019) tutti gli ultrasessantacinquenni con il vaccino adiuvato, mentre il vaccino quadrivalente è stato destinato alla popolazione adulta a rischio8.Ma l’appropriatezza vaccinale non si ferma qui. Un nuovo metodo di produzione su cellule, al posto del tradizionale sistema di crescita su uova, promette di rivoluzionare la vaccinazione influenzale.
Secondo il CDC, Center for Disease Control and Prevention statunitense, i virus influenzali coltivati su uova subiscono dei cambiamenti che inducono l’organismo a produrre degli anticorpi meno efficienti nel prevenire la malattia causata dallo specifico virus influenzale in circolazione8. Mantenendo invece il virus nelle cellule sin dall’isolamento iniziale, il vaccino influenzale così prodotto aiuta a evitare i cambiamenti del virus causati dall’adattamento alla crescita su uova e può consentire la produzione di un vaccino con componenti virali più simili a quelle del virus circolante. Una conferma viene anche dalla ricerca presentata recentemente dalle Università di Milano e di Genova: queste hanno analizzato un campione rappresentativo dei ceppi influenzali di tipo H3N2 identificati nella stagione 2016/17, valutandone le differenze con i ceppi vaccinali H3N2 di riferimento propagati nelle uova o su coltura cellulare.(fonte: Havas PR Milan da uno studio di Seqirus, leader mondiale nel business dei vaccini influenzali. E’ una società del gruppo CSL, azienda globale specializzata in bioterapie, con oltre sedicimila dipendenti e operazioni in oltre 30 Paesi a livello globale.Seqirus, con base a Maidenhead in Gran Bretagna, occupa circa duemila dipendenti e opera in oltre 20 Paesi in tre continenti: Nord America, Europa e Australia.)

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), la vaccinazione rappresenta uno degli interventi di sanità pubblica maggiormente efficaci e sicuri

Posted by fidest press agency su lunedì, 27 giugno 2016

IMG_0286I vaccini non solo proteggono l’individuo, ma attraverso la cosiddetta immunità di gregge (herd immunity) anche i non vaccinati beneficiano degli effetti positivi della vaccinazione, sempre che la copertura sia superiore a una certa soglia al di sotto della quale l’agente patogeno continuerebbe a circolare.
Eppure, i vaccini sono vittima del loro stesso successo: in questi ultimi anni stiamo assistendo a una vera e propria crociata anti-vaccinale portata avanti attraverso vari canali, ma principalmente attraverso il web, da personaggi diversi, tra i quali purtroppo anche “celebrities” con grande influenza sulle masse. Tra le tesi portate avanti, sulla base di esperienze personali e dati non scientificamente validi, la correlazione tra vaccini e autismo o altre patologie e l’esistenza di complotti orchestrati dai “poteri forti” in nome di presunti interessi economici. In Italia, queste tesi purtroppo in alcuni casi sono state anche avallate dalle autorità giudiziarie.
L’evidenza non può però essere negata: l’esitazione vaccinale può causare gravi problemi, non solo a livello di salute dell’individuo, ma anche per tutta la comunità.
• Uno studio di coorte retrospettivo su dati di sorveglianza nazionale raccolti dal 1985 al 1992 ha evidenziato che il numero di casi di morbillo era 35 volte (95% CI: 34–37) superiore nei bambini i cui genitori avevano chiesto una esenzione non-medica rispetto ai bambini vaccinati.
• Uno studio retrospettivo basato su dati raccolti in Colorado, USA (1987-1998) ha evidenziato che gli esentati vaccinali corrono un rischio 22.2 volte (95% CI: 15.9–31.1) più alto di contrarre il morbillo e di 5.9 volte (95% CI: 4.2–8.2) più alto di contrarre la pertosse.
• Uno studio caso-controllo nei bambini (1996-2007) ha evidenziato che gli esentati vaccinali avevano un rischio 22.8 volte (95% CI: 6.7–7.5) più alto di contrarre la pertosse; l’11% (95% CI: 5.8%–16%) dei casi di pertosse furono attribuiti al rifiuto di vaccinarsi. Gli esentati dalla vaccinazione con vaccino coniugato anti-Varicella ed anti-pneumococco avevano un rischio rispettivamente di 8.6 volte (95% CI: 2.2–33.3) e 6.5 volte (95% CI: 1.7–24.5) superiore di contrarre una polmonite lombare/pneumococcica.
• In Colorado, la frequenza di esenzione dalle leggi sulla vaccinazione in una contea aveva un’associa-zione significativa con il livello d’incidenza dei casi di morbillo (RR 1.6, 95% CI: 1.0–2.4) e pertosse (RR 1.9, 95% CI: 1.7–2.1) nei bambini. Le scuole che segnalavano outbreak di morbillo e pertosse avevano numeri più alti di esentati vaccinali. Gli esentati vaccinali hanno trasmesso l’infezione anche ai bambini vaccinati: l’11% dei bambini vaccinati ha contratto l’infezione da quelli esentati.
• Secondo il modello di Salmon et al, se il numero di esentati nella popolazione raddoppiasse e si presumesse un grado di mixing tra gli individui esenti e quelli vaccinati del 20%, 40%, e 60%, l’incidenza delle infezioni da morbillo negli individui vaccinati aumenterebbe rispettivamente del 5.5%, 18.6%, e 30.8%.
Questi dati danno un’idea di quanto sia importante che non s’instauri un trend negativo anti-vaccinale; le Istituzioni, da parte loro, devono portare avanti il loro impegno con interventi mirati, tra le altre cose, ad aumentare la conoscenza e la consapevolezza sulle vaccinazioni e migliorare la convenienza e l’accesso alla vaccinazione, mirando direttamente alle popolazioni non-vaccinate o sottovaccinate. (Walter Ricciardi Presidente Istituto Superiore di Sanità)

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Influenza: Vaccinarsi o no?

Posted by fidest press agency su mercoledì, 14 ottobre 2015

vaccinazioniIn prossimita’ della stagione fredda si ripropone il solito quesito: vaccinarsi o no? Il vaccino protegge completamente dall’influenza? Puo’ verificarsi che ci si vaccini e si prenda egualmente l’influenza. E’ possibile. Infatti, il vaccino viene prodotto prima dell’inizio della stagione influenzale, il che significa che il virus dell’influenza puo’ non coincidere con quelli testati per produrre il vaccino. Si calcola che un 30-40% delle persone vaccinate contrae comunque l’influenza. In Italia, come negli altri Paesi europei, la vaccinazione antinfluenzale e’ raccomandata per le persone di eta’ pari o superiore ai 65 anni, per le persone di tutte le eta’ con patologie croniche, e per determinate categorie professionali. Infatti, l’obiettivo della strategia vaccinale non e’ prevenire l’influenza nella popolazione generale, bensi’ di ridurre il rischio di complicanze e decessi, circa 8.000 l’anno, piu’ frequenti in determinate categorie, in particolare negli anziani. Che fare, dunque? Rivolgersi al proprio medico per valutare i pro e i contro, e’ consigliabile.(Primo Mastrantoni, segretario Aduc)

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Valore economico della vaccinazione

Posted by fidest press agency su venerdì, 18 settembre 2015

lioneLione. “La prevenzione è una delle risposte più appropriate alle sfide per la salute e la crescita in Europa”, ha dichiarato Andrea Rappagliosi, Vice President Market Access, Health Policy e Medical Affairs di Sanofi Pasteur MSD. “I vaccini offrono grandi benefici agli individui, ai sistemi sanitari, alla società e all’economia e contribuiscono ad affrontare malattie infettive emergenti e riemergenti nonché a migliorare la salute di una popolazione che invecchia. Questa pubblicazione fornisce un’ulteriore prova della leadership di Sanofi Pasteur MSD in Europa come partner di scelta della Sanità Pubblica”, ha concluso.
Oggi, la vaccinazione rappresenta solo lo 0,3% della spesa sanitaria in Paesi dell’UE come la Francia e l’Italia[1]. Benché solo una piccola frazione del budget sanitario venga assegnata ai programmi di vaccinazione in Europa, essi giocano un ruolo centrale nelle politiche di prevenzione e sono riconosciuti come uno degli interventi di Sanità Pubblica più virtuosi a favore dell’efficienza del sistema sanitario. Al di là dell’impatto riconosciuto sulla salute pubblica, il supplemento al Journal of Market Access and Health Policy illustra i benefici della vaccinazione sulla crescita economica, la sostenibilità e l’efficienza dei sistemi di assistenza sanitaria. Il supplemento evidenzia, inoltre, alcuni benefici invisibili forniti dalla vaccinazione e che sono ignorati dalle analisi economiche tradizionali.”Questa serie di articoli costituisce una fonte completa di informazioni sui benefici della vaccinazione e affronta la questione da diverse angolazioni e prospettive. Essi contribuiscono a ben comprendere l’ampio spettro di benefici e guadagni che le vaccinazioni apportano a vantaggio della salute, dell’economia e della società”, hanno dichiarato il Prof. Mondher Toumi e il Prof. Walter Ricciardi. “Trasferire questo messaggio ai pazienti e alle Autorità e aumentare la consapevolezza del valore reale della vaccinazione è di grande importanza al giorno d’oggi. Promuovere e rafforzare il ruolo dei vaccini è, infatti, in linea con il documento pubblicato di recente dal Consiglio dell’Unione Europea”, hanno aggiunto.”Sono numerosi e significativi i benefici generati dalle vaccinazioni in termini di salute ed economici. Eppure il loro valore reale è spesso sottostimato poiché si tratta di benefici non sempre tangibili o non immediatamente visibili e, per questo, difficili da quantificare e valorizzare adeguatamente”, ha affermato il Prof. Paolo Bonanni, Ordinario di Igiene dell’Università di Firenze.”Uno degli articoli dello studio che mi vede tra gli autori ha per l’appunto l’obiettivo di evidenziare alcuni benefici intangibili della vaccinazione che sono spesso trascurati nelle valutazioni economiche tradizionali e che potrebbero contribuire a una valutazione più accurata del pieno valore della vaccinazione”, ha concluso.”Lo stato di salute di una popolazione è importante anche per i riflessi sociali ed economici ed è, quindi, determinante per la crescita di un Paese. Molte vaccinazioni hanno le potenzialità per contribuire in modo sostanziale al miglioramento della salute della popolazione – in tutte le fasi della vita – e, dunque, allo sviluppo economico di uno Stato”, ha affermato il Prof. Carlo Signorelli, Ordinario di Igiene dell’Università di Parma. “Bambini e adolescenti più sani saranno gli adulti produttivi del domani; adulti e anziani in buona salute invecchieranno attivamente, offrendo il loro contributo nell’ambito della propria comunità e allontanando il declino funzionale e il relativo impatto sulla spesa sociale”. E ha concluso: “L’articolo dello studio al quale ho offerto il mio contributo scientifico tratta di come efficaci programmi di vaccinazione per tutte le età in Europa possano contribuire al raggiungimento di fondamentali obiettivi sanitari ed economici da parte dell’Unione europea entro il 2020. In questa direzione si sono espressi diversi Organismi internazionali come OMS, EU e OCSE”.”La vaccinazione rappresenta uno degli interventi sanitari dal miglior profilo costo-beneficio”, ha aggiunto Marina Panfilo, Market Access & Institutional Affairs Director di Sanofi Pasteur MSD, tra gli autori dello studio. “Le vaccinazioni, infatti, grazie ai casi di malattia prevenuti e alle relative complicanze evitate, possono generare importanti risparmi per il Sistema Sanitario Nazionale oltreché per la società stessa. In Italia, abbiamo esempi di politiche vaccinali che hanno prodotto risultati eccellenti in termini di outcome, come quella relativa alla vaccinazione universale contro l’epatite B o contro la varicella nelle otto Regioni in cui è stata introdotta, in termini di riduzione della morbilità e dei costi correlati[5]. Inoltre – ha aggiunto – è sempre più urgente e necessario migliorare ed estendere l’offerta vaccinale a favore degli adulti e anziani, in quanto l’Italia, insieme a Germania e Giappone, rappresenta uno dei Paesi più longevi al mondo e gli anziani vanno considerati come una risorsa – e non soltanto un costo – per la società. Pertanto, alla luce dei numerosi benefici che la vaccinazione genera sulla popolazione e sul SSN, è auspicabile che gli sforzi da parte delle Autorità su questo tipo di intervento sanitario siano congiunti e sempre crescenti”, ha concluso.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Influenza: raccomandazioni Oms

Posted by fidest press agency su venerdì, 1 ottobre 2010

L’Ufficio regionale per l’Europa dell’Organizzazione mondiale della sanità (Oms) ha rilasciato le raccomandazioni per la vaccinazione antinfluenzale per la stagione invernale 1010/2011. Il documento informa i 53 stati membri sui gruppi a rischio che devono essere inclusi nella campagna vaccinale, sui virus influenzali da includere nella vaccinazione e sulla sicurezza del vaccino. La definizione dei gruppi a rischio dipende da quale ceppo virale sarà dominante nella stagione che sta per iniziare. Dal momento che, i dati sulla stagione invernale dell’emisfero Sud (Australia, Nuove Zelanda, Sud America e Sud Africa) indicano che i virus dell’influenza stagionale A(H3N2) e l’influenza B sono attualmente in circolazione con il virus pandemico H1N1, i gruppi a rischio per la stagione influenzale 2010/2011 nell’emisfero Nord, devono includere persone a rischio di esiti gravi causati sia dall’influenza stagionale sia dalla pandemica. Stando quindi a questi dati, suscettibili di aggiornamento, l’Oms include tra i gruppi da considerare prioritari nella campagna vaccinale, soggetti di sei mesi di età o più con patologie croniche cardiache o polmonari, patologie metaboliche o renali, epatopatie croniche, malattie neurologiche croniche, immunodeficienze; persone anziane, indipendentemente da altri fattori di rischio; donne in gravidanza; operatori sanitari inclusi quelli che lavorano nelle istituzioni per persone anziane o con altre disabilità; residenti in istituti per anziani o per persone disabili; altri gruppi definiti in base a dati nazionali. Per quanto riguarda la strategia vaccinale, il vaccino trivalente che include i tre virus raccomandati dall’Oms rappresenta la soluzione logistica per evitare iniezioni multiple e per affrontare l’impatto dell’influenza nella popolazione anziana. (S.Z.)

Posted in Estero/world news, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Raccomandazioni anti-influenza dal ministero

Posted by fidest press agency su mercoledì, 1 settembre 2010

La vaccinazione antinfluenzale rappresenta un mezzo efficace e sicuro per prevenire l’influenza e le sue complicanze e, dunque, anche per ridurre la mortalità correlata. Lo ribadisce il Ministro della Salute Ferruccio Fazio nella Circolare emanata il 10 agosto scorso, con le raccomandazioni per la prevenzione dell’influenza stagionale 2010-2011 che tengono conto dell’attuale livello di allerta pandemica per il virus AH1N1. Al momento, sottolinea una nota del ministero, nei paesi dell’Emisfero sud, entrati nella stagione invernale e per i quali sono disponibili dati relativi alla sorveglianza delle sindromi simil-influenzali, l’andamento di queste appare stabile o in lieve incremento, con una piccola percentuale di casi legata al virus pandemico mentre il resto delle sindromi è addebitabile ad altri virus. La composizione del vaccino per la prossima stagione 2010-11 per l’emisfero settentrionale è la seguente:
– antigene analogo al ceppo A/California/7/2009 (H1N1), cosiddetto ceppo “Pandemico”;
– antigene analogo al A/Perth/16/2009 (H3N2);
– antigene analogo al ceppo B/Brisbane/60/2008.
La campagna di vaccinazione stagionale, che partirà ad ottobre, è promossa dal Servizio sanitario nazionale ed è rivolta principalmente ai soggetti classificati e individuati a rischio di complicanze severe, e a volte letali, in caso contraggano l’influenza e alle persone non a rischio che svolgano attività di particolare valenza sociale. L’offerta di vaccino a queste categorie è gratuita ed attiva da parte delle Regioni e Province Autonome. L’elenco delle categorie cui offrire prioritariamente la vaccinazione, le altre misure preventive nei confronti dell’infezione, insieme ad altre informazioni e alle indicazioni per la sorveglianza delle sindromi simil-influenzali e dei virus influenzali circolanti nel nostro Paese, sono visionabili nella Circolare del 29 luglio 2010. (fonte farmacista33)

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »