Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 30 n° 17

Posts Tagged ‘vaticano’

Monsignor Dario Edoardo Viganò: Papa Francesco non è un esperto di marketing, ma un uomo di popolo radicato in Cristo

Posted by fidest press agency su domenica, 26 marzo 2017

papa francesco“Al Festival Internazionale della Creatività nel Management Pastorale il prefetto della Segreteria per la Comunicazione del Vaticano illustra i pilastri della riforma: “Multimedialità, progettualità, apostolicità”. Quella che stiamo facendo per i media vaticani non è la riforma di Papa Francesco: è un progetto che va avanti da decenni e che finalmente arriva a compimento”: si apre con Monsignor Dario Edoardo Viganò, prefetto della Segreteria per la Comunicazione del Vaticano la seconda giornata del Festival Internazionale della Creatività nel Management Pastorale, la tre giorni di conferenze, dibattiti, eventi di formazione alla Pontificia Università Lateranense; da tutto il mondo sono giunti alla Pul ricercatori, preti, religiosi, fedeli laici per cercare di rispondere alla domanda: “Quale Chiesa fra vent’anni?”
Per Monsignor Viganò, la domanda ha a che fare innanzitutto col servizio che gli è stato affidato: “Non si può progettare come sarà la Chiesa fra vent’anni e poi chiedere a Dio di realizzarla per noi. Noi dobbiamo porci in posizione di ascolto e capire: verso dove sta andando lo Spirito? Che direzione ha? Cosa sta già realizzando? Proprio per questo l’idea che abbiamo è quella di rinnovare la relazione fra Vaticano e tecnologia, c’è tanto lavoro da fare nella comunicazione della Chiesa: pensiamo ai social”, ha continuato Viganò: “La Chiesa è lì dove sono gli uomini e le donne e dunque noi siamo naturalmente lì: ma a fare cosa? A favorire, a partire da quella dimensione, l’incontro reale fra le persone”.
In questo, ha spiegato Viganò, il primo vero testimone è Papa Francesco: “Chi continua a pensare che il Pontefice sia un buon venditore, un esperto di marketing, sbaglia; papa Francesco comunica così perché è un uomo radicato in Cristo, un uomo fedele; un uomo di popolo che sa stare con le persone: il Papa sente molto, fa quel che sente ed è proprio questo, a volte, a mettere in crisi le organizzazioni e le agende, come quando si fermò a pregare in maniera vaticanoimprevista sul muro di Betlemme. Mi ricordo di quando Dario Fo, che certo non era un chierichetto, lo difese e gli tributò la sua stima proprio “contro” coloro che descrivevano il Pontefice come uno stratega della Comunicazione: ed è proprio perché Francesco è così radicato nell’esperienza di Dio che non ha paura dei cambiamenti, perché è libero da quella frase mortifera che è “si è sempre fatto così”. Questa è una patologia, è l’esperienza di chi si sente fragile, di chi ha paura di cambiare perché sa che il cambiamento mette in gioco sé stessi”.Da questa fedeltà derivano quelli che monsignor Dario Viganò ha definito “atti trasformativi”: il primo è stato al momento dell’elezione del Pontefice argentino: “Il Papa è creativo perché la creatività è la capacità di trovare strade inedite, fino a quel momento non previste né prevedibili. Quando è stato eletto il Papa ha fatto tutto ciò che era ritualmente previsto, tradizionalmente accettato e verosimilmente atteso: si è affacciato alla finestra, c’era il drappo rosso, c’è stato il tempo dell’attesa. Poi, ha chiesto che i fedeli benedissero il proprio vescovo nella preghiera: ecco l’elemento creativo, di novità, che ha dato un senso nuovo all’intera esperienza”.
Come trasformare dunque, in questo spirito, l’assetto della struttura di comunicazione del Vaticano? “Tre sono i pilastri” che sta seguendo monsignor Viganò: “Alla base di tutto c’è la trasparenza finanziaria. Poi, primo: multimedialità: da molti media a multi-media; noi abbiamo risorse e strumenti che vanno ripensati: ad oggi col digitale è possibile fondere le forme tradizionali, le radio, le tv, i giornali; secondo, la progettualità: prima si lavorava per silos verticali, ora noi puntiamo ad integrare i servizi non con una logica verticistica ma strutturandoli attorno a funzionalità e obiettivi; terzo e più importante, il criterio dell’apostolicità: un’informazione vaticana che sia vicino a dove ci sono le ferite, le povertà, gli umili e gli ultimi, alla ricerca di soluzioni nuove e adeguate”.www.festivalpastoralecreativa.com

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Roma: collocata l’installazione “Misericordia”

Posted by fidest press agency su giovedì, 13 ottobre 2016

misericordiamisericordia1Roma. In occasione del Giubileo della Misericordia oggi all’alba nelle vicinanze di Castel Sant’Angelo all’incrocio di Via della Conciliazione e Piazza Pia, è stata collocata l’installazione MISERICORDIA. L’opera d’arte riproduce in forme tridimensionali la parola “misericordia”. Sulle dodici lettere sono applicate le stampe di altrettanti dipinti provenienti da artisti ungheresi ed italiani che si sono interrogati sul tema della misericordia. I lati delle lettere riproducono i colori della bandiera italiana e di quella ungherese (entrambi rosso, bianco e verde). Sul retro delle lettere si possono leggere le riflessioni degli artisti stessi sul concetto della misericordia, nonché citazioni della bolla Misericordiæ vultus di Papa Francesco. Le dimensioni delle lettere sono 3 metri di altezza e 1 metro di spessore, per uno spazio complessivo di 38 metri di lunghezza. L’installazione MISERICORDIA è un omaggio dell’Ungheria a Sua Santità Papa Francesco e alla Roma del Giubileo straordinario da Egli voluto, che si collega anche all’Anno di San Martino celebrato in Ungheria nel 1700° anniversario della nascita del Santo. Un gesto di condivisione culturale per sensibilizzare – con l’ausilio delle moderne tecnologie e la sensibilità degli artisti contemporanei coinvolti nel progetto – un pubblico potenzialmente mondiale. L’opera verrà infatti ripresa da due mini-telecamere Street view Live 360 montate all’interno della struttura e connesse al sito dedicato al progetto (http://www.misericordiaroma.com/), permettendo anche a coloro che non si trovano a Roma di vedere l’installazione in diretta.
Un’altra particolarità dell’opera è la sua interattività. Sedendosi all’interno dei monumentali caratteri lo spettatore passivo dell’opera potrà farne parte materialmente, diventandone egli stesso componente integrante.
L’installazione diventerà emblema di un solenne gesto di misericordia in occasione della messa di San Martino, celebrata da Sua Santità Papa Francesco alla Basilica di San Pietro l’11 novembre p.v., data di ritiro dell’installazione. Il progetto è stato realizzato sotto l’alto patronato del Vice Primo Ministro di Ungheria, Dr. Zsolt Semjén.

Posted in recensione, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Premio Internazionale “Giuseppe Sciacca”

Posted by fidest press agency su sabato, 31 ottobre 2015

vaticanoRoma sabato 7 novembre saranno premiati nel corso dell’edizione 2015 del Premio Sciacca, che si tiene ogni anno in Vaticano. Tantissimi i riconoscimenti, fra i quali importanti esponenti del mondo delle istituzioni e della Chiesa sia italiani che stranieri, ma quelli che senza dubbio colpiscono l’immaginazione provengono dalla sezione Giovani, che assegna riconoscimenti a ragazzi alle giovani eccellenze che hanno raggiunto risultati straordinari nel proprio campo di attività o che hanno proposto studi e teorie innovative nel proprio ambito di studio e per questo possono essere considerati un modello per i loro coetanei. Particolarmente significativo il riconoscimento che sarà conferito ai minori in carico al Dipartimento di Giustizia Minorile che hanno inviato alla segreteria del Premio Sciacca i propri elaborati o lavori artistici: per un giorno lasceranno gli istituti dove sono in custodia, entreranno in Vaticano, riceveranno un premio con diploma di merito e borsa di studio e saranno applauditi da rappresentanti dello Stato, delle Forze Armate e della Chiesa. Un riconoscimento simbolico a chi prova a rifarsi una vita, nato in virtù di un protocollo d’intesa con il Ministero della Giustizia. Grazie al Premio Sciacca, questi ragazzi, forse per la prima volta, si renderanno conto che la società e le istituzioni non sono nemici contro cui combattere ma alleati nel loro percorso di rinascita. Con modalità analoghe, quest’anno saranno premiati anche giovani-adulti in carico al Dipartimento di Amministrazione Penitenziaria.Il Vincitore Assoluto è Carlos Perez Naval, spagnolo, che a soli 9 anni è stato già premiato come miglior giovane fotografo di soggetti naturali al mondo. C’è poi la pittrice americana Autumn De Forest, che a 13 anni è considerata un piccolo genio dell’arte, paragonata a Monet, e vende i suoi dipinti per finanziare opere caritatevoli. Kostantinos Daskalis ha qualche anno in più (poco più di 30) e da quando ne aveva 28 è Professore Associato di Ingegneria Elettronica e Scienze Informatiche al Massachusetts Institute of Technology (MIT). Cattedra più che meritata, considerando che ha risolto la “Teoria dei giochi” di Nash. Non manca la rappresentanza italiana: Federico Morlacchi, classe 1993, da Luino, affetto da ipoplasia congenita al femore sinistro, si è da poco laureato campione del mondo di nuoto paralimpico ai giochi di Glasgow. Un premio anche per la giovane attrice turca Tuba Büyüküstün, già candidata agli Emmy negli Usa, famosa per la sua bravura e per l’impegno sociale. Nella sezione Giovani sarà premiata anche Olga Felip Ordis, architetto di fama mondiale e promotrice di una associazione che vede l’architettura come mezzo di progresso dei popoli.

Posted in Cronaca/News, Roma/about Rome, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Il Sinodo dei vescovi, tra i frutti più belli del Concilio Vaticano II

Posted by fidest press agency su lunedì, 19 ottobre 2015

vaticanoLa motivazione e le dense parole di Paolo VI che accompagnarono la creazione del Sinodo dei Vescovi il 15 settembre 1965 sono particolarmente care al Movimento dei Focolari.In occasione della speciale commemorazione del 50° che avrà luogo in Vaticano sabato 17 ottobre, alla presenza di papa Francesco e dei partecipanti al Sinodo in corso sulla vocazione e missione della famiglia, Maria Voce ha accolto con gioia e immediatezza l’invito del cardinale Baldesseri a parteciparvi. Sarà un modo di sottolineare «l’apprezzamento per questo che ritengo uno dei frutti più belli del Concilio Vaticano II e una svolta nell’attuazione della comunione e della collegialità nella conduzione della Chiesa universale».La sua partecipazione, insieme a un gruppo di appartenenti ai Focolari, ha anche il significato «di ringraziamento a Dio per questa istituzione della Chiesa, a sostegno dello spirito di comunione che unisce i Vescovi con il Papa e i Vescovi tra loro e rende la Chiesa sempre più atta alla sua missione universale» ha commentato la Presidente.
Il Movimento dei Focolari, nato dal carisma dell’unità della fondatrice Chiara Lubich, sente particolarmente insito nel suo DNA il cammino della Chiesa, così espresso da Paolo VI: «La sollecitudine apostolica, con la quale, scrutando attentamente i segni dei tempi, cerchiamo di adattare le vie ed i metodi del sacro apostolato alle accresciute necessità dei nostri giorni ed alle mutate condizioni della società, Ci induce a rafforzare con più stretti vincoli la Nostra unione con i Vescovi che lo Spirito Santo ha costituito… per governare la Chiesa di Dio». (Apostolica Sollicitudo, Lettera apostolica di istituzione del Sinodo dei Vescovi, 15 settembre 1965).

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Papa Francesco: E’ necessario un cambiamento radicale

Posted by fidest press agency su mercoledì, 30 settembre 2015

vaticanoPapa Francesco, nel saluto all’Assemblea Generale delle Nazioni Unite, ha sottolineato che l’esclusione sociale ed economica è un attacco ai diritti umani e al nostro ambiente naturale. Il Papa ha evidenziato come sia il cattivo uso del potere ad escludere molte persone e popoli e a degradare l’ambiente che sostiene la stessa vita umana. “L’abuso e la distruzione dell’ambiente sono, allo stesso tempo, accompagnati da un processo inarrestabile di esclusione sociale. In effetti, un desiderio egoistico e illimitato per il potere e il benessere materiale porta sia all’abuso delle risorse naturali disponibili, sia all’esclusione dei più deboli […]”.Il Papa ha ripetutamente parlato dell’effetto devastante che gli eventi climatici estremi stanno avendo sulle comunità, in diverse parti del mondo. Sul cambiamento climatico il Papa ha detto che: “ La crisi ecologica, assieme alla distruzione di gran parte della biodiversità del mondo, può mettere in pericolo l’esistenza stessa della specie umana. Questo, assieme alle conseguenze dannose di un’irresponsabile cattivo governo dell’economia globale, guidato dalla unica ambizione per la ricchezza e il potere, deve costituire un richiamo ad una profonda riflessione sull’uomo”. Il Papa si appella alle istituzioni finanziarie internazionali affinché diano priorità allo sviluppo sostenibile dei paesi e non si sottomettano ciecamente ai dettami dei mercati finanziari.Ispirati dalle parole del Santo Padre, CIDSE e FOCSIV si rivolgono ai nostri leader politici affinché prendano un’azione urgente e decisa per prevenire il cambiamento climatico che porterà molte popolazioni verso la povertà. “I leader internazionali devono prestare attenzione alle parole del Papa. I diritti umani e il rispetto dell’ambiente devono essere centrali nell’applicazione dei nuovi obiettivi per lo sviluppo sostenibile e dell’accordo sul clima che si redigerà a Parigi in Dicembre” afferma Bernd Nilles, segretario generale di CIDSE. “A questo riguardo, il bisogno di un accordo equo e vincolante sul cambiamento climatico al vertice di Dicembre è essenziale per cambiare rotta”.A sua volta Gianfranco Cattai, presidente FOCSIV, sottolinea come “sia necessario nutrire i movimenti dei cittadini preoccupati per il nesso povertà-ambiente e capaci di proporre alternative percorribili rispetto all’economia dello scarto. Per questo la FOCSIV è impegnatissima nel pellegrinaggio dei popoli che partirà da Roma il 30 Settembre, dopo la benedizione di Papa Francesco, e che attraverserà oltre 25 città italiane con eventi e incontri con i cittadini, per poi passare per la Svizzera e la Francia, arrivando a Dicembre al Vertici di Parigi. Se non si muovono i cittadini, cambiando anche i nostri stili di vita, non si muoveranno neanche i nostri politici. Camminiamo per un mondo nuovo, ispirati dal messaggio di Papa Francesco”.
Ricordiamo, infine, che due giorni prima del vertice ONU sullo sviluppo sostenibile, CIDSE con FOCSIV hanno lanciato una dichiarazione, firmata da più di 50 rappresentanti della società civile, scrittori e leader religiosi. L’appello chiede una maggiore ambizione nell’affrontare l’ingiustizia sociale e nel dare più enfasi ai concetti di benessere, di una nuova cultura per la cura e una prosperità condivisa. Come ci ricorda Papa Francesco, c’è “bisogno di un cambiamento radicale nelle politiche economiche e sociali al fine di rispondere ai bisogni dei più vulnerabili nel mondo”.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Binetti (Ap): Giornata del Creato monito per i governanti europei

Posted by fidest press agency su martedì, 1 settembre 2015

papa francesco“Oggi il Papa prega e invita a pregare per la custodia del Creato. Una iniziativa nuova, anzi nuovissima, rivolta a tutti gli uomini di buona volontà, per sollecitare un maggior senso di responsabilità verso l’ambiente e verso coloro che lo abitano in condizioni molto diverse tra di loro”. Lo afferma in una nota Paola Binetti, deputato di Area Popolare (Ncd- Udc):”Oggi infatti è la prima Giornata dedicata alla Custodia del Creato, intensamente voluta da Papa Francesco. Potremmo dire che si tratta di una sorta di esercitazione pratica, che scaturisce direttamente dalla sua ultima enciclica ‘Laudato si’. Una enciclica su cui molto si è discusso, che ha intercettato consensi ampissimi, e come è naturale anche qualche riserva, proprio per il coraggio e la fermezza con cui si è scagliato contro quanti sfruttando la terra, diventano facilmente complici di numerose forme di dissesto idrogeologico.La custodia del Creato ci impegna anche a mantenere nelle migliori condizioni possibili tutti gli habitat naturali dell’uomo, proprio per evitare quelle fughe disperate che creano sovraffollamenti negli spazi metropolitani e abbandoni in altre zone, che colpite da disastri umani prima ancora che atmosferici.E’ parte integrante della soluzione che i governanti europei stanno cercando per contenere ed orientare la potenza dei flussi migratori- commenta la Parlamentare- che stanno dilagando verso la vecchia Europa. Il creato lo si può custodire solo con la collaborazione dell’uomo, in funzione dell’uomo prima di tutto, sempre a patto che ci sia la consapevolezza che il creato è frutto dell’opera creatrice di Dio, che dopo aver creato il mondo ce lo ha affidato proprio per custodirlo e per coltivarlo.
Nel mondo creato da Dio c’è spazio per tutti e ci sono risorse per tutti: servono però politiche diverse per dare ad ognuno ciò di cui ha bisogno, per invitare tutti a prendersi cura prima di tutto degli altri uomini che abitano il creato, evitando di incorrere in quegli egoismi che creano la più assoluta disparità tra gli uomini. E il Papa oggi, dopo tanto discutere ci invita a pregare con lui per questa intenzione. Vale la pena almeno provarci.”

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Nuovo portale del Vaticano

Posted by fidest press agency su domenica, 7 dicembre 2014

vatican_woirpapa_woirRiconoscendo l’importante ruolo internazionale della Santa Sede e il contributo essenziale del Vaticano nell’affrontare i grandi problemi dell’umanità, la World Organization for International Relations (WOIR), organizzazione internazionale che si propone di sostenere gli sforzi volti a eliminare i motivi di conflitto tra le nazioni e preservare la pace e l’armonia nel mondo, rende operativo in occasione dell’Immacolata Concezione il nuovo sito Vatican.WoirNet.org, un portale con notizie che gravitano intorno alla Santa Sede con particolare riferimento alle attività della WOIR.Il lancio del nuovo portale della WOIR, fissato per l’8 dicembre 2014, coincide con un momento particolarmente significativo per il Vaticano. In questa data, infatti, la Chiesa Cattolica celebra la solennità dell’Immacolata Concezione della Beata Vergine Maria e proprio centosessant’anni fa Papa Pio IX con la bolla Ineffabilis Deus proclamava il dogma che sancisce come la Vergine Maria sia stata preservata immune dal peccato originale fin dal primo istante del suo concepimento.Proposto interamente in italiano, il portale Vatican.WoirNet.org affianca il sito centrale della WOIR, in inglese e spagnolo, alla url WoirNet.org per fornire un ulteriore sostegno alle attività dell’Organizzazione Mondiale per le Relazioni Internazionali al servizio della causa della pace.
Il nuovo portale Vatican.WoirNet.org prevede anche i canali FaceBook e Twitter e consentirà di aprire un maggiore dialogo con le persone e stimolare l’opinione pubblica sulle emergenze che il mondo si trova oggi ad affrontare.
Fondata nel 1978 allo scopo di contribuire in maniera indipendente allo sviluppo e all’applicazione delle Relazioni Internazionali e a preservare così l’armonia nel mondo, la World Organization for International Relations (WOIR) è un’organizzazione internazionale che si propone di sostenere gli sforzi volti a eliminare i motivi di conflitto tra le nazioni, promuovere la cooperazione internazionale e operare al servizio della causa della pace e della difesa dei diritti umani. La WOIR è accreditata presso il Dipartimento per gli Affari Economici e Sociali delle Nazioni Unite come organizzazione internazionale non governativa (OING).

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Istituita una Delegazione dell’Organizzazione Mondiale per le Relazioni Internazionali presso la Santa Sede

Posted by fidest press agency su venerdì, 24 ottobre 2014

Piazza san pietroLa World Organization for International Relations (www.woirnet.org), riconoscendo l’importante ruolo internazionale della Santa Sede, ha deciso di istituire una Delegazione presso il Vaticano. Con questa scelta l’Organizzazione Mondiale per le Relazioni Internazionali (WOIR), fondata nel 1978 e accreditata presso il Dipartimento delle Nazioni Unite per gli Affari Economici e Sociali (ESANGO), ha voluto riconoscere l’importante ruolo e il contributo essenziale del Vaticano nell’affrontare i grandi problemi del pianeta e dell’umanità e ha così deciso di continuare a estendere la sua presenza nel mondo proprio a partire dalla nuova Delegazione per il Vaticano.«Fedele alla sua storia e ai suoi principi fondamentali, la WOIR avvierà dunque un dialogo con la Santa Sede al servizio della pace, della giustizia, della solidarietà e della dignità dell’uomo» ha commentato il Segretario Generale della WOIR, mettendo l’accento sull’enorme potenziale della Chiesa nell’affrontare e risolvere i problemi che oggi affliggono il mondo.Un enorme potenziale che ben si concilia con i principi stessi della WOIR i cui scopi statutari prioritari prevedono lo sviluppo delle relazioni amichevoli tra le nazioni basate sul rispetto del principio dell’uguaglianza dei diritti e dell’autodeterminazione dei popoli, la promozione della cooperazione internazionale nella soluzione dei problemi di carattere economico, sociale, culturale o umanitario e la promozione del rispetto dei diritti dell’uomo e delle libertà fondamentali per tutti senza distinzione di razza, sesso, lingua o religione.«Con il passare degli anni le priorità della WOIR hanno iniziato a includere sempre di più gli aspetti politici e diplomatici delle relazioni. Con la decisione di istituire una Delegazione presso la Santa Sede, abbiamo voluto riconoscere il ruolo centrale del Vaticano nel fare fronte alle tante emergenze che il mondo si trova oggi ad affrontare» aggiunge il Segretario Generale della World Organization for International Relations, che per la migliore riuscita dei propri scopi statutari si propone ora di rafforzare progressivamente lo sviluppo del proprio Servizio Esterno.L’istituzione di nuove Delegazioni consentirà -come previsto dallo statuto della WOIR (www.woirnet.org)- di aprire un maggiore dialogo e rafforzare la cooperazione con Stati, Governi, Rappresentanze Diplomatiche, Organizzazioni Governative e altre organizzazioni simili, governative e non governative, per incoraggiare la cooperazione internazionale e promuovere misure efficaci per rafforzare la pace universale e la sicurezza internazionale.

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

L’Archivio Segreto Vaticano si rivela

Posted by fidest press agency su giovedì, 16 febbraio 2012

Roma ore 15.00 mercoledì 29 febbraio 2012 Esedra di Marco Aurelio, Musei Capitolini Piazza del Campidoglio, Ingresso Portico del Vignola tutti potranno finalmente ammirare i 100 originali e preziosissimi documenti della mostra “Lux in arcana – L’Archivio Segreto Vaticano si rivela” ospitata nelle splendide sale dei Musei Capitolini di Roma. Un evento storico senza precedenti che, per la prima volta, porterà fuori dai confini della Città del Vaticano codici e pergamene, filze, registri e manoscritti, che coprono un arco temporale dall’VIII secolo d. C. fino al XX secolo, scelti fra i tesori che l’Archivio Segreto Vaticano da secoli conserva e protegge. L’esposizione, aperta al pubblico fino al 9 settembre, è stata ideata in occasione del IV Centenario dalla fondazione dell’Archivio Segreto Vaticano in collaborazione con Roma Capitale, Assessorato alle Politiche Culturali e Centro Storico – Sovraintendenza ai Beni Culturali e Zètema Progetto Cultura ed è a cura di Alessandra Gonzato, Marco Maiorino, Pier Paolo Piergentili, Gianni Venditti. L’obiettivo è spiegare e raccontare che cos’è e come funziona l’Archivio dei Papi e, nel contempo, rendere visibile l’invisibile e far sì che anche il normale visitatore possa accedere, per una volta, alle meraviglie finora custodite nei circa 85 km lineari dell’Archivio Segreto Vaticano.

Posted in Cronaca/News, Roma/about Rome, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Intervista al Dott Antonino Magistro sullo spettacolo teatrale del regista Romeo

Posted by fidest press agency su mercoledì, 25 gennaio 2012

Dott. Magistro ritiene giusta la condanna morale da parte della Democrazia Cristiana dello spettacolo teatrale del regista Romeo Castellucci “Sul concetto di volto del figlio di Dio” che andrà in scena dal 24 al 28 gennaio 2012 al teatro Franco Parenti di Milano?
“La Democrazia Cristiana è un partito di ispirazione cattolica-cristiana, anche con componenti laiche, che non vuole sembrare integralista nella sua voce cattolica, ma ritiene che questo spettacolo teatrale messo in scena al Parenti sia un’offesa ai valori e alla dignità dei cattolici e dei cristiani tutti.”
Dott. Magistro ritiene corretto l’intervento del Vaticano che con una lettera di Monsignor Peter Wells, assessore agli affari generali della Segreteria di Stato, relativamente allo spettacolo del regista Castellucci afferma “Sua Santità auspica che ogni mancanza di rispetto verso Dio e i santi simboli religiosi incontri la reazione ferma e composta della comunità cristiana”?
“L’intervento della Chiesa era assolutamente necessario. Chi se non il Vaticano, che rappresenta milioni e milioni di credenti, può fare sentire la sua voce? E’ un’opera offensiva della figura di Cristo, previsto come reato di blasfemia dal nostro codice penale, ma il buon senso dovrebbe far capire al regista Romeo Castellucci, che più di ogni altra cosa è l’offesa ai sentimenti, ai valori, alla libertà religiosa e alla dignità messa in atto da chi pensa che l’arte possa fare tutto ciò che vuole calpestando questi valori.”
Dott. Magistro qual’è quindi l’intervento che la Democrazia Cristiana intende mettere in atto nei confronti di questo spettacolo teatrale?
“La Democrazia Cristiana è un partito democratico tollerante, pertanto la nostra e’ una censura morale e una presenza davanti al teatro Parenti per manifestare tutto il nostro disappunto rispetto a questo spettacolo indegno e blasfemo con l’augurio che i mass-media diano voce alla nostra condanna e auspichiamo che,tutti i cattolici-cristiani vogliano unirsi a noi in questa civile e pubblica protesta.” (Barbara Barbieri)

Posted in Fidest - interviste/by Fidest | Contrassegnato da tag: , , , | 5 Comments »

101 Misteri e segreti del vaticano

Posted by fidest press agency su venerdì, 1 luglio 2011

Pontile di Ostia Lido di Ostia 1 Luglio – ore 21,00 Con l’Autore Claudio Rendina interviene Laura Mauti Cardinali corrotti e vescovi mondani, banchieri e faccendieri, ladri e assassini, preti pedofili e cortigiane, e perfino antipapi. Sono questi i protagonisti degli innumerevoli segreti che la storia ufficiale del Vaticano da sempre cerca di occultare. Tra le Mura Leonine si nascondono verità scioccanti e in gran parte ancora sconosciute: gli scandali finanziari (ior, Banco Ambrosiano, i finanziamenti a Solidarnosc, i rapporti con la Banda della Magliana) e sessuali (porporati assassinati in casa di prostitute, i troppicasi accertati di pedofilia), i legami con i poteri occulti e la massoneria, la finta beneficenza per coprire prestiti e usura, il mercimonio degli annullamenti in Sacra Rota. Ma all’ombra di san Pietro si sono consumati anche efferati delitti e morti inspiegabili, dall’omicidio del capo delle guardie svizzere Estermann alla scomparsa, ancora avvolta nel mistero, di papa Luciani. Claudio Rendina, grande esperto di Storia della Chiesa, mette in luce i retroscena della Curia e della vita in Vaticano, concentrandosi in particolare sugli ultimi quattro papi, da Paolo vi a Benedetto xvi. Cinquant’anni di pontificato in cui si sono verificati una serie di scandali che hanno scosso la Chiesa di Roma dalle fondamenta.
Claudio Rendina, scrittore, poeta, storiografo, ha legato il suo nome a opere storiche di successo, tra le quali, per la Newton Compton, La grande guida dei monumenti di Roma; I papi. Storia e segreti; Il Vaticano. Storia e segreti; Guida insolita ai misteri, ai segreti, alle leggende e alle curiosità di Roma; Storia insolita di Roma; Le grandi famiglie di Roma; Storie della città di Roma; Alla scoperta di Roma; Gli ordini cavallereschi; Le chiese di Roma; La vita segreta dei papi; La santa casta della Chiesa; I peccati del Vaticano; Cardinali e cortigiane; L’oro del Vaticano e 101 luoghi di Roma sparita che avresti voluto e dovuto vedere. Ha diretto la rivista «Roma ieri, oggi,domani» e ha curato La grande enciclopedia di Roma. Ha scritto il libro storico-fotografico Gerusalemme città della pace, pubblicato in quattro lingue. Attualmente firma per «la Repubblica» articoli di storia, arte e folclore e collabora a diverse riviste di carattere storico. (101 misteri)

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

L’Archivio Segreto Vaticano e Roma Capitale

Posted by fidest press agency su mercoledì, 29 giugno 2011

Roma 5 luglio 2011  ore 11.30 conferenza stampaSala Stampa Vaticana, Via della Conciliazione 54. Intervengono:
Sua Eminenza Reverendissima Cardinale Tarcisio Bertone, Segretario di Stato di Sua Santità
Sua Eminenza Reverendissima Cardinale Raffaele Farina, Archivista e Bibliotecario di Santa Romana Chiesa
Sua Eccellenza Reverendissima Monsignor Sergio Pagano, Prefetto dell’Archivio Segreto Vaticano
Il Sovraintendente ai Beni Culturali di Roma Capitale Umberto Broccoli
L’Assessore alle Politiche Culturali e Centro Storico di Roma Capitale Dino Gasperini
Il Sindaco di Roma Giovanni Alemanno

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Un treno storico

Posted by fidest press agency su martedì, 17 maggio 2011

Roma 21 maggio. Lo speciale convoglio partirà alle 10 da Città del Vaticano e giungerà ad Orvieto alle 12.30. Il ritorno a Roma Termini è previsto per le 19.10. L’iniziativa per festeggiare i 60 anni della Caritas Internationalis. Il convoglio, denominato Caritas Express, percorrerà i binari che uniscono Città del Vaticano alla stazione FS di Roma San Pietro e proseguirà poi fino ad Orvieto, per un viaggio celebrativo alla vigilia del 19° congresso internazionale dell’associazione. A bordo autorità religiose e civili, rappresentanti delle istituzioni, sostenitori e membri della Caritas, giornalisti. Torna così ad aprirsi eccezionalmente l’imponente portone scorrevole che divide i binari del Vaticano da quelli italiani. Dopo gli storici viaggi di Giovanni XXIII e Giovanni Paolo II, un altro treno partirà dalla Stazione della Città del Vaticano, inaugurata il 2 ottobre 1934 da Papa Pio XI, e percorrerà i quasi novecento metri di binari della “ferrovia internazionale più corta del mondo”. Il Caritas Express sarà trainato da una locomotiva a vapore del 1915 e sarà composto da vetture d’epoca di prima e seconda classe, con al centro la carrozza del treno presidenziale che il 4 ottobre 1962 ospitò Papa Giovanni XXIII nel suo storico viaggio ad Assisi. Il 60° compleanno della Caritas Internationalis è un’importante occasione per sottolineare la responsabilità sociale del Gruppo FS e l’impegno per una politica di sostegno alle iniziative di solidarietà soprattutto nell’ambito delle stazioni e aree ferroviarie. Esempio storico la collaborazione proprio con la Caritas diocesana di Roma, l’Ostello “Don Luigi Di Liegro”, centro di accoglienza per i senza fissa dimora di Roma Termini.

Posted in Cronaca/News, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Commenti che offendono l’intelligenza

Posted by fidest press agency su venerdì, 11 febbraio 2011

Lettera al direttore. Gentile direttore, alle volte mi viene voglia di non inviarle più miei scritti, per non leggere commenti insulsi. Ovviamente è solo un pensiero fugace, anche perché so perfettamente che lei non può eliminare commenti per il solo fatto che offendono l’intelligenza.
Mi riferisco al commento al mio articolo “Il Vaticano separa la Chiesa dal Cristo”. Vittorio Messori, giornalista e scrittore, non è uno sprovveduto, conosce bene il Vangelo, e le pare che se avesse potuto scusare la Chiesa, citando le parole di Gesù: «Date dunque a Cesare quello che è di Cesare e a Dio quello che è di Dio», non lo avrebbe fatto?. E le pare che non farebbero altrettanto coloro che giustificano in qualche modo il silenzio (vero o presunto, non posso entrare qui nel merito) della Chiesa davanti ai crimini nazisti? “Gesù, andando molto di là della grettezza dei suoi avversari che avrebbero voluto prenderlo in trappola, chiedendogli: «Maestro…Dicci dunque il tuo parere: è lecito o no pagare il tributo a Casare?», enuncia un principio di enorme importanza nella storia religiosa non solo della nazione eletta, ma di tutta l’umanità: la chiara distinzione fra i poteri politici e quelli spirituali, tra Stato e religione. In concreto: pagando il tributo all’autorità romana non si compromette affatto l’autorità di Dio, perché l’ordine religioso come è voluto da Cristo non viene necessariamente limitato da quello politico” (Angelo Lancellotti – Nuovissima Versione della Bibbia – Ed. Paoline).
Vittorio Messori ha detto la verità. La Chiesa è obbligata ad osservare la diplomazia (fa rima con ipocrisia), poiché ha uno Stato (in realtà, esistono anche altre ragioni di puro interesse).  Il sottoscritto ha osservato che questo è il guaio della Chiesa, giacché non può apostrofare i potenti che vanno contro la legge di Dio, con le parole aspre di Gesù (non era un diplomatico!): “Serpenti, razza di vipere, come sfuggirete al castigo della Geenna?” (Mt 23, 33); “Guai a voi che siete ricchi…” (Lc 6,24). Un saluto cordiale (Renato Pierri) (n.d. Penso sia superfluo confermarle la mia stima e considerazione per quanto mi scrive e che non li considero solo una “lettera al direttore” ma dei piccoli saggi di riflessione religiosa che io leggo senza commentare poiché non c’è nulla da commentare ma inducono ad una maggiore riflessione. La ringrazio se, nonostante tutto, non mi fa mancare il suo contributo di idee. Come dire? Guarda e passa e non di curar di loro. D’altra parte  il “critico” citato è un genere di persona che non si rende nemmeno conto delle enormità che dice e della confusione che ha nella testa per sperare in un rinsavimento. Ma non credo sia del tutto colpa sua. Se non altro dimostra i danni che provocano certi insegnamenti capaci di generare un giudizio critico).

Posted in Lettere al direttore/Letters to the publisher | Contrassegnato da tag: , , , | 5 Comments »

Il Vaticano separa la Chiesa dal Cristo

Posted by fidest press agency su mercoledì, 9 febbraio 2011

Lettera al direttore Vittorio Messori, nella trasmissione di Gad Lerner (7 febbraio) ha affermato che la Chiesa non può criticare apertamente il comportamento immorale di Silvio Berlusconi, poiché tra Vaticano e governo italiano ci sono relazioni tra Stato e Stato. Ed è proprio questo il guaio. La Chiesa, corpo di Cristo, non può comportarsi come Cristo. Il Vaticano separa la Chiesa dal Cristo; la Chiesa dal Vangelo. Il Papa, “dolce Cristo in terra” (Caterina da Siena) può pensare che il Cavaliere, presidente del Consiglio, sia un pessimo esempio per i giovani, ma non può dirlo apertamente. Potrebbe morir dalla voglia di gridargli: “Se la tua mano o il piede ti è di scandalo, taglialo e gettalo via da te… Guai al mondo per gli scandali!”. Ma deve stare zitto.  Gesù poteva esprimere chiaramente, a voce alta, il proprio pensiero. Il Papa non può farlo. Messori ha poi detto che in fondo molti italiani sono indulgenti verso il Cavaliere, quasi come se ciò andasse a loro merito. In realtà, l’indulgenza nei riguardi di colui che persevera imperterrito nell’errore e magari se ne fa vanto, diventa una sorta di connivenza, di complicità. (Renato Pierri)

Posted in Lettere al direttore/Letters to the publisher | Contrassegnato da tag: , , , | 2 Comments »

Caso Berlusconi: Perché non sentire i parroci?

Posted by fidest press agency su sabato, 22 gennaio 2011

Commento ad un articolo su Bagnasco: «La Cei affronterà lunedì la vicenda Ruby» (Il Messaggero del  21 gennaio) Del concistoro dei cardinali non mi fido; si tratta di persone (non ministri di Dio), fatti salvi pochissimi dei quali potrei fare uno striminzito elenco,  più interessati alla diplomazia, all’economia, agli interessi terreni della Chiesa che alla Testimonianza di Fede. Della Cei  c’è da attendere il pronunciamento con una ipotesi di contestualizzazione che salvi la capra di Berlusconi e i cavoli del Vaticano. Ma perchè non fanno pronunciare una riunione plenaria dei parroci, ma di quelli lontanissimi dalle aspettative  di promozioni…?  Parroci adusi alla confessione e, quindi, alle miserie umane, suggeritori  del sincero pentimento che elargisce il perdono di Dio, condizionato oltre che dal pentimento anche dalla ricerca della redenzione dal peccato. Parroci che vivono in ristrettezze e, quindi, in grado di capire i bisogni dei fedeli, con quella partecipazione che dimostra la testimonianza Una domenica di molti anni addietro, dopo aver servito la messa,  mi sono attardato con l’arciprete officiante; passeggiavamo tra le navate della “Matrice” di San Cataldo, quando l’attenzione fu attirata da un uomo che pregava inginocchiato sull’inginocchiatoio. L’arciprete  (padre Petrantoni, uomo di grandissima umanità) si avvide che quel fedele aveva forzato il lucchetto delle elemosine per impossessarsi del contenuto. Con fare “fraterno” si avvinò all’uomo, che si mostrò immediatamente imbarazzatissimo gli fece presente che i soldi lì contenuti  appartenevano ai poveri e, quindi, anche a lui che certamente  aveva bisogno. Quell’uomo superò l’imbarazzo e si fece riconoscere come un padre di famiglia che doveva sfamare i figli, così prese ciò che gli serviva. Ecco, vorrei sentire parroci così che alla preghiera sanno unire  i fatti e i gesti che sgorgano dalla coscienza, capaci di dialogare con l’Eterno per affidarGli  il destino dei suoi fedeli.  Parroci che non saprebbero cosa farne  delle adulazioni dei potenti, capaci di fustigare, ma anche di perdonare,  seguendo la sola legge che anima la loro esistenza:  l’amore verso il prossimo come diretta dipendenza dell’Amore di Cristo. (Rosario Amico Roxas)

Posted in Confronti/Your opinions | Contrassegnato da tag: , , , | 2 Comments »

Su wikileaks niente documenti sul vaticano

Posted by fidest press agency su venerdì, 3 dicembre 2010

Lo scrittore Ennio Montesi si rivolge a Julian Assange sui documenti segreti dei Nunzi Apostolici e dello IOR: «Chiedo a Julian Assange perché il suo gruppo WikiLeaks non abbia pubblicato i documenti riguardanti lo Stato Vaticano.» la domanda ad Assange arriva in una nota dallo scrittore Ennio Montesi il quale recentemente ha chiesto asilo politico al governo della Svezia. «Dove sono i documenti segreti relativi ai carteggi tra i Nunzi Apostolici, cioè tra le ambasciate del Vaticano, presenti nei vari paesi, i rapporti con le diplomazie ed i governi di tutto il mondo? Dove sono i documenti riservatissimi della banca offshore IOR, Istituto Opere Religiose, la più grande banca offshore appartenente allo Stato del Vaticano? Attendiamo la prossima pubblicazione di WikiLeaks per sapere”.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

L’oro del Vaticano

Posted by fidest press agency su lunedì, 5 luglio 2010

Roma 8 luglio – ore 19,30 L’isola del cinema – Isola Tiberina  Claudio Rendina presenta il suo ultimo libro L’oro del Vaticano Con l’Autore interviene Alma Daddario Nel corso dei secoli, le proprietà della Santa Sede si sono accumulate fino a formare un vero e proprio tesoro. Ben lontani dallo spirito apostolico e dallo spirito di umiltà e di povertà raccomandato da Cristo, i rappresentanti di Dio in terra hanno edificato una complessa amministrazione per preservare, accrescere e controllare beni, immobili, opere d’arte, monumenti, ori e denari. Vi sono le tombe faraoniche in marmo e oro di cardinali e papi, le decorazioni inestimabili di altari e pareti, le collezioni di quadri, statue e preziosi esposte nei Musei Vaticani, nel Museo Lateranense e in altre collezioni della Santa Sede, i sigilli d’oro custoditi nell’Archivio Segreto e i tesori bibliografici della Biblioteca. C’è il denaro accumulato dallo Stato Pontificio attraverso i suoi tesorieri, dalle origini al 1870, e poi la fondazione degli istituti bancari dello ior e dell’apsa e il tesoro custodito nelle Isole Cayman, un autentico Fort Knox fuori da ogni legge. Inoltre le prelature come l’Opus Dei, solo teoricamente autonome dalla Santa Sede, in realtà costituiscono una fonte ulteriore di ricchezza. Gli scandali, le rivelazioni e i sospetti su questo patrimonio immenso sono sotto gli occhi di tutti e alla ribalta delle cronache più recenti. Forse è arrivato il momento di fare i conti in tasca al Vaticano. http://www.isoladelcinema.com (oro vaticano)

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Vaticano contro lobby farmaceutiche

Posted by fidest press agency su sabato, 12 giugno 2010

A fronte dell’enorme disparità nell’accesso ai medicinali salvavita, fra Paesi ricchi e Paesi poveri, per esempio nella cura dell’Aids, è necessario «ristudiare il diritto dei brevetti» e il «problema della proprietà intellettuale», e «rendere accessibili questi medicinali». Al di là, dunque di «certe esigenze così ferree di compagnie farmaceutiche o di altri interessi economici molto forti», ci deve essere «una revisione dei criteri che permettano anche ai Paesi che non hanno la tecnologia sufficientemente sviluppata di avere questi medicinali a un prezzo modico o di produrli loro stessi. E’ questa la posizione espressa dall’arcivescovo Silvano Maria Tomasi, osservatore permanente della Santa Sede presso l’Ufficio Onu di Ginevra, nel corso della 14esima sessione del Consiglio dei Diritti Umani che si sta svolgendo nella città elvetica. Tomasi ha anche ricordato che nonostante il diritto alla salute sia riconosciuto dalle leggi internazionali, questo è «ben lontano dall’essere attuato»; sono infatti oltre due miliardi le persone che non hanno accesso alle medicine essenziali. Ai microfoni della Radio Vaticana ha precisato la posizione della Santa Sede. «L’esperienza che abbiamo come Chiesa – ha detto l’arcivescovo – promuoviamo nel mondo più di 5 mila ospedali, 18 mila dispensari e cliniche, 15 mila e più case per anziani e malati cronici, oltre 500 lebbrosari, è che non c’è di fatto l’accesso ai medicinali di cui si avrebbe bisogno, specialmente nei Paesi più poveri e specialmente nelle zone rurali». (fonte farmacista33)

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Il Vaticano e la banda della Magliana

Posted by fidest press agency su lunedì, 10 maggio 2010

Roma 12 Maggio  ore 18.30 Piazza S. Apollinare presentazione del libro “Il Vaticano  e la banda della Magliana”  con Valentino Parlato. Intervengono anche: Paolo Brogi, giornalista  Rino Monaco, ex-prefetto Luca Tescaroli, magistrato e Angela Camuso autrice del best-seller “Mai ci fu pieta’  la banda della Magliana dal 1977 a oggi” modera Emilio Radice, giornalista. Dal riciclaggio del denaro sporco nello IOR, la banca del Vaticano, al delitto Calvi e il sequestro “misterioso” di Emanuela Orlandi, alla sepoltura del boss della Banda della Magliana, Enrico De Pedis, nella cripta della basilica di Sant’Apollinare a due passi da piazza Navona. Temi di scottante attualità che verranno trattati durante l’incontro pubblico: “Mai ci fu pieta’ ”, edito da Editori Riuniti, è la vera storia della banda della Magliana, rigorosamente fedele, in ogni dettaglio, ai documenti giudiziari. Alla luce di centinaia di verbali di interrogatori inediti e di informative riservate di polizia giudiziaria l’Autrice descrive e fa parlare i protagonisti senza omettere nomi, luoghi e circostanze in una sequenza agghiacciante e avvincente di delitti, intrighi e misteri raccontata dalla parte dei banditi assassini, figli maledetti del popolo e della miseria, che iniziano la loro sanguinosa parabola nell’ultimo scorcio dei turbolenti  anni ’70 per arrivare ai giorni nostri, allorché gli orfani superstiti della banda occuperanno ancora un posto nell’Olimpo della nuova malavita imprenditoriale. Ai loro esordi poco più che ventenni, spietati e boriosi, subdoli ma ancheeccezionalmente intelligenti, i capi della banda della Magliana conquistarono Roma eliminando i concorrenti sul mercato dell’eroina e mantennero saldo quel potere di morte grazie al fiuto per gli affari di uno dei suoi capi, Enrico De Pedis, che iniziò a ripulire fiumi di denaro insieme al ‘banchiere’ Enrico Nicoletti, sopravvissuto alle condanne e ancora attivo ai primordi del III millennio. La banda finì per autodistruggersi, decimata prima da una faida interna e poi da una catena di clamorosi ‘pentimenti’, che illumineranno tanti misteri d’Italia: sebbene gelosi della loro autonomia, i protagonisti di queste straordinarie imprese furono spregiudicati abbastanza per vendere l’anima a Cosa Nostra, camorra, terrorismo neofascista, P2, Servizi Segreti deviati, politici corrotti ma anche magistrati, avvocati, carabinieri, poliziotti e alti prelati che per denaro o per potere scesero a patti con il diavolo.

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »