Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 33 n° 244

Posts Tagged ‘veneti’

I capolavori degli incisori veneti del ‘700 in mostra a Milano

Posted by fidest press agency su giovedì, 2 agosto 2018

Segrate (Mi) Byblos 2.0 il 15 e 16 settembre a Milano (Parco Esposizioni Novegro) Orario: 10-19 Ingresso €10 per Byblos 2.0 e Brocantage – ridotto per bambini dai 6 ai 12 anni – gratuito da 0 a 6 anni (presentando alle casse la cartolina scaricabile dal sito è possibile usufruire di uno sconto del 50% sul biglietto). mostra mercato del libro antico e del ‘900. È una delle più curiose e originali collezioni presenti sul mercato, quella dedicata al ‘700 veneziano. La mostra, curata dallo studio Lux in Art (www.luxinart.com) di Verona e composta da circa 150 incisioni originali, si snoda lungo un percorso espositivo che tocca quattro sezioni tematiche: le stampe popolari, i maestri veneti, i maestri veneziani e Venezia, cogliendo di questo secolo così fiorente per gli artisti lagunari, non solo gli aspetti più pittorici della città, ma anche la vita dei salotti e delle calle. L’obiettivo? Svelare i segreti di oltre un secolo di arte incisoria, un secolo per la cultura veneziana straordinario e superato forse solo dal 500, in cui l’intensa attività editoriale si incrocia con novità letterarie e rivisitazione dei classici, scoperte scientifico-geografiche e ricerche storiche e in cui, in generale, non era mai stato così stretto il rapporto tra produzione artistica e didattica.Protagoniste della mostra le incisioni su rame all’acquaforte o a bulino di abili artisti veneziani, artefici di capolavori dell’editoria illustrata che raggiunse proprio nel Veneto il suo massimo splendore.Tra questi, spicca per importanza e bellezza Il Pese di Cuccagna di Remondini (1760 circa): montagne di formaggio, vulcani che eruttano maccheroni e lasagne, laghi di burro sciolto e, tutt’intorno, mari, monti e fiumi che regalano cibi e vini prelibati. A incoronare l’immagine a bulino colorata a pennello la scritta “Discritione del Paese di Chucagna, dove chi manco lavora più guadagna” per raccontare il mito, di origine decameroniana, di questo universo ribaltato di sogno ed evasione, dove l’esistenza non conosce doveri, i vizi sostituiscono le virtù e l’edonismo diventa legge. È questa l’essenza di una delle più celebri stampe popolari dell’artista bassanese, splendida satira della società umana.
Immancabile poi un tributo a Canaletto nel 250° anniversario dalla scomparsa, che mette sotto i riflettori le stampe del geniale artista veneziano, a corollario e completamento delle grandi mostre che nel 2018 ne hanno ricordato e celebrato figura e opere.E ancora, si potranno ammirare opere di Innocente Alessandri, Antonio Canal, Giovanni Volpato e le eleganti scene di vita bucolica incise da Giuseppe Wagner.La mostra sarà inaugurata dal curatore M° Ermanno Bertelli assieme all’esperto Enrico Cortona ed altre personalità del settore sabato 15 settembre alle ore 11:30, per l’occasione ci sarà anche un off-topic: una introduzione pianistica a dimostrazione di come il linguaggio dei libri parla da sempre anche a quello della musica.Ad ospitare l’esposizione, Byblos 2.0, la mostra mercato del libro antico e del ‘900, della stampa d’epoca e della cartofilia amata da collezionisti e bibliofili e molto frequentata anche da semplici curiosi che, con oltre 40 espositori dall’Italia e dall’estero, offre una proposta commerciale di qualità: manoscritti, incunaboli, pregiati volumi, cartografia antica, mappe e stampe d’epoca, autografi, riviste, fotografie ed ephemera di ogni genere.L’evento è organizzato da Comis Lombardia in collaborazione con le maggiori piattaforme online del settore: Abebooks.it, Maremagnum.com e Copernicum.it.

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Gli studenti veneti usano e fanno usare i servizi di sanità digitale

Posted by fidest press agency su venerdì, 22 luglio 2016

trevisoTreviso. In Veneto i giovani usano e fanno usare i servizi di sanità digitale. A dirlo sono i dati raccolti da Arsenàl.IT nel corso di “@Two!Salute!”, lezioni dedicate ai nuovi servizi offerti in sanità, che hanno permesso nell’anno scolastico 2015-2016 di incontrare 1.400 studenti delle scuole superiori. Durante gli incontri sono stati raccolti 1.200 questionari dai quali emerge come le nuove generazioni stiamo imparando a conoscere i servizi di sanità digitale e soprattutto svolgano il ruolo di “facilitatori digitali” all’interno delle loro famiglie, fungendo da tramite fra il mondo della tecnologia e i servizi online per chi ancora ne è ai margini, come ad esempio le persone più anziane.
Arsenàl.IT, nell’ambito delle azioni di realizzazione del Fascicolo Sanitario Elettronico, in collaborazione con Regione del Veneto, aziende sociosanitarie e ospedaliere del territorio, è entrato nelle scuole per il terzo anno consecutivo per parlare di sanità ai ragazzi, misurare il loro grado di conoscenza e, soprattutto, sensibilizzarli all’uso dei servizi digitali dedicati alla salute. Quest’anno sono stati visitati 17 istituti scolastici afferenti a 12 diverse aziende sociosanitarie (ULSS 2 Feltre, ULSS 4 Alto Vicentino, ULSS 5 Ovest Vicentino, ULSS 6 Vicenza, ULSS 7 Pieve di Soligo, ULSS 9 Treviso, ULSS 15 Alta Padovana, ULSS 16 Padova, ULSS 17 Monselice, ULSS 18 Rovigo, ULSS 19 Adria e Azienda Ospedaliera di Padova), per un totale di circa 1.400 studenti incontrati. In tre anni i ragazzi incontrati sono circa 4.000. I giovani, con un’età media compresa tra i 16 e i 18 anni, risultano maggiormente consapevoli degli strumenti di sanità digitale offerti dalla nostra regione, rispetto alle edizioni precedenti. Diminuiscono quanti non hanno mai visitato il sito della propria ULSS (da 69% a 66%) e il 47% dei giovani che conoscono i servizi di sanità digitale offerti (quali telemedicina, scarico referti prenotazione, pagamento, ricetta digitale, cartella clinica elettronica), l’86% ne ha sperimentato l’uso in famiglia, personalmente (62%, in crescita dell’11% rispetto al 2014/2015) o tramite uno dei genitori. Generalmente è la madre ad occuparsi della “salute digitale” della famiglia (67%), piuttosto che il padre (45%). Positiva la proiezione futura, dato che l’89% di chi ancora non conosceva i servizi ha dichiarato che intende utilizzarli.
Il futuro mobile della sanità. Tra i ragazzi, l’uso quotidiano dello smartphone ha superato di molto quello del pc (97% contro 40%), e i loro principali canali di comunicazione hanno un’impronta tipicamente social: Youtube (84%), Facebook (79%, in calo del 4%) ed Instagram (71%). Quasi la totalità usa Whatsapp (98%). Attraverso questi canali e attraverso app specifiche l’83% degli studenti è interessato ad informarsi sui temi riguardanti il proprio benessere, in particolare in relazione alle malattie, alle cure, all’alimentazione, all’attività fisica e il fitness. Per quanto riguarda i problemi di salute, invece, il 66% dei ragazzi si rivolge innanzitutto alla famiglia, il 19% si rivolge al medico, e solo il 7% ricerca informazioni sul web.
L’iniziativa ha dato dunque esiti positivi e le indicazioni raccolte dimostrano l’efficacia dell’intervento formativo sia in termini di incremento delle conoscenze, di empowerment, che di intenzione di utilizzo dei servizi digitali presentati. Dimostrano inoltre che ciò che chiedono i ragazzi al digitale siano servizi di semplice utilizzo, vicini, immediati, la cui conoscenza possa essere trasmessa anche ai propri familiari.

Posted in Cronaca/News, scuola/school | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

I grandi pittori veneti

Posted by fidest press agency su mercoledì, 24 novembre 2010

Roma, 27 novembre al Chiostro del Bramante,via Arco della Pace 5 quattro secoli di pittura veneta. Una ricca selezione che comprende circa ottanta opere provenienti dall’Accademia Carrara di Bergamo, in fase di ristrutturazione. Una rassegna “I grandi veneti da Pisanello a Tiziano, da Tintoretto a Tiepolo” (fino al 30 gennaio 2011) che guida i visitatori attraverso quattro secoli di storia dell’arte italiana, dal Quattrocento al Settecento, e che Art News segue nella puntata di sabato assieme al critico d’arte Claudio Strinati. Le tele esposte sono il filo conduttore di un percorso in tre fasi. La prima è quella che ruota attorno alle personalità di Giovanni Bellini e Carpaccio, nella seconda metà del quattordicesimo secolo, con lo sviluppo della linea del Rinascimento settentrionale, per via cromatica e luministica anziché prospettica come accadeva a Firenze.   La seconda fase, più complessa e meno nota, riprende la stagione seicentesca di Venezia. E’ l’epoca della riscoperta di Giorgione e di un nuovo classicismo letterario che recupera aspetti del primo Rinascimento. Ultimo periodo quello riguardante l’esplosione artistica del Settecento: secolo che presenta un’incredibile varietà di interpretazioni del mondo figurativo. Capolavori straordinari si incontrano nella pittura sacra di Tiepolo, ma al tempo stesso si sviluppa lo sguardo oggettivo sul mondo che si manifesta nella resa precisa e ottica dei vedutisti.Nato nel 2006, Art news è il magazine settimanale di Rai Educational che si occupa di arte e cultura in onda il sabato pomeriggio su Rai Tre. Maria Paola Orlandini, autrice del programma con Luigi Ceccarelli e Vincenzo Sferra, conduce la trasmissione coadiuvata da esperti quali Claudio Strinati, Antonio Paolucci, Cristiana Perrella, Demetrio Paparoni.

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »