Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 301

Posts Tagged ‘venezia’

«Estate sottotono, ma il Friuli Venezia Giulia ha retto»

Posted by fidest press agency su domenica, 8 settembre 2019

È il bilancio tracciato da Paola Schneider, presidente di Federalberghi Fvg, nel ripercorrere gli ultimi mesi dai monti al mare. «È stata una stagione sottotono – evidenzia -, nella quale hanno pesato molto le incertezze meteorologiche di maggio. Inoltre, alcune mete turistiche prima in calo per motivi di problemi sociali o attentati, hanno ripreso quota: mi riferisco a Turchia, Egitto, Grecia e Tunisia, che hanno portato via parecchi turisti dal Friuli Venezia Giulia, anche in virtù di politiche di prezzo molto aggressive da parte di alcuni tour operator. C’è stato un leggero calo di presenze ma la nostra regione, tutto sommato, a differenza di altre ha retto».Dando un’occhiata più nello specifico, si scopre che tra i monti le dinamiche sono state simili: «La Carnia – analizza Schneider – ha tenuto, ma a luglio ha sofferto molto. A giugno è andata bene soprattutto nella prima parte del mese, poi c’è stato un netto decremento. L’andamento del Tarvisiano ricalca quello carnico». Com’è andata al mare? «Lignano ha sofferto un calo non significativo, ma è andata meno bene che nel 2018. Gli albergatori che hanno ristrutturato negli anni i propri hotel, offrendo anche nuovi servizi, sono riusciti a fidelizzare la clientela, mentre chi non si è mosso ha avuto, e avrà, delle difficoltà. Poi, ci sono molti appartamenti datati e questo è un problema: i proprietari, prima o poi, dovranno metterci mano». Bene, invece, le città: «Trieste – osserva la presidente di Federalberghi Fvg – è un luogo che ha sempre un grande fascino e sta lavorando bene. I riscontri sono stati molto buoni, al pari di Udine, dove hanno inciso positivamente le grandi manifestazioni sportive come gli Europei Under 21 di calcio e quelli Under 16 di basket».
Schneider, per far aumentare arrivi e presenze in Friuli, suggerisce però un cambio di rotta: «Tanti degli eventi più significativi sono programmati nel mese di agosto – conclude – e questo porta a una concentrazione massiccia di visitatori che, peraltro, non sempre consente di lavorare con la giusta serenità in un periodo già affollato; anzi qualcuno può andare un po’ in affanno. Sarebbe opportuno fare promozione con qualche grande manifestazione in più a giugno e luglio, in maniera tale da spalmare meglio gli appuntamenti durante l’estate».

Posted in Viaggia/travel | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Presentazione dei progetti DigLogs e Transpogood

Posted by fidest press agency su mercoledì, 4 settembre 2019

Venezia lido venerdì 6 settembre, dalle ore 10.00 alle 11.30, presso lo spazio permanente della Regione Veneto all’Hotel Excelsior Lido di Venezia. La componente culturale e comunicativa dei programmi europei nella cooperazione Interreg Italia-Croazia. E’ il tema su cui verterà l’incontro, rivolto principalmente ai media, organizzato dal segretariato del programma Interreg Italia-Croazia 2014-2020.
Affrontando il Programma Interreg 2014-2020 che ha fra i propri obiettivi tematici l’innovazione blu, la sicurezza e resilienza, l’ambiente e patrimonio culturale, il trasporto marittimo, si vuole far conoscere attraverso brevi racconti e testimonianze il funzionamento della progettazione comunitaria e presentare alcuni progetti finanziati dal Programma. Tra questi, verranno illustrati DigLogs – Digitalising Logistics processes, che verte sui temi dell’innovazione, dei flussi, dell’ambiente e territorio, e Transpogood – TRANSPOrt of GOODs platform, che attraverso una piattaforma online punta al miglioramento della qualità, della sicurezza e della sostenibilità ambientale del trasporto marittimo nell’area di programma.

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Si inaugura a Venezia una scuola per curare il dolore cronico

Posted by fidest press agency su mercoledì, 4 settembre 2019

Il dolore cronico è considerato ormai come una malattia vera e propria che comporta grave disabilità e richiede competenze specifiche: per questo, la scuola è destinata a medici specialisti. Le lezioni si svolgeranno presso l’Ospedale San Raffaele Arcangelo Fatebenefratelli nascono sotto l’egida della Società europea del dolore (EFIC), che ispira altri corsi universitari in Europa (Klagenfurt, Cracovia e Maribor-Liverpool). A Venezia ci si occuperà di dolore neuropatico (sciatalgie, diabete, ictus e lesioni spinali, ecc.). L’iniziativa è promossa e coordinata dal professor Roberto Casale, neurologo con una lunga esperienza alla guida di diverse unità operative ospedaliere e nella ricerca. Oggi opera con Opusmedica, che è un network di ricerca.
Il dolore neuropatico cronico. «Il dolore neuropatico cronico – precisa Casale – è un dolore che viene generato da una lesione come traumi (un incidente, un taglio, ecc), compressioni (tutte le cosidette sindromi compressive come il tunnel carpale, l’ernia del disco, il neuroma di Morton del piede eco…) e malattie del sistema nervoso come le polineuropatie (diabete, insufficienza renale, intossicazioni, ecc) o malattie ancora più severe come quelle riscontrate nell’emiplegia e nella paraplegia. Tra questi dolori da lesione del sistema nervoso centrale c’è il dolore nel Parkinson, nell’emiplegico e nel paraplegico. Infine, perché assai difficili da diagnosticare correttamente, i vanno ricordati dolori nel demente». Il più moderno concetto di terapia si basa sulla definizione di dolore cronico come una patologia che ha meccanismi differenti da quelli del dolore acuto. «Non è detto quindi che un farmaco che funzioni per il mal di denti funzioni in un dolore cronico come nella neuropatia diabetica – osserva lo specialista -. Si utilizzano quindi farmaci che a volte possono confondere il paziente poiché si usano oltre agli antinfiammatori e agli oppiati anche antidepressivi o antiepilettici anche se il paziente non è ne depresso ne ha problemi di epilessia.La scelta del farmaco è quindi delicata e ci si deve affidare solo ad esperti di medicina del dolore». La riabilitazione. In questo scenario terapeutico non deve mancare la riabilitazione «poiché non basta togliere, anche parzialmente, il dolore se poi il paziente non riesce ad andare a fare la spesa o a comprare il giornale per la disabilità conseguente al dolore. Ne consegue che la terapia del dolore deve prevedere una presa in carico globale del paziente nel più moderno concetto di un approccio bio-psico-sociale, che tenga conto quindi della componente biologica, del substrato psicologico in cui si trova un paziente con dolore cronico e le sue condizioni sociali» conclude Casale, ricordando in tal modo anche perché la scuola ha scelto l’Ospedale Fatebenefratelli di Venezia come propria sede.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

La Cineteca Nazionale alla 76esima Mostra di Venezia

Posted by fidest press agency su domenica, 1 settembre 2019

Venezia Mercoledì 4 settembre e giovedì 5 settembre saranno i giorni del Centro Sperimentale di Cinematografia e della Cineteca Nazionale alla 76esima Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia. (Proiezioni Mercoledì 4 settembre, Sala Casinò, ore 17.00 Giovedì 5 settembre, Sala Volpi, ore 14.00 replica). Nella sezione Venezia Classici passeranno infatti i due restauri curati dalla Cineteca Nazionale, due opere prime di due registi che sarebbero diventati entrambi maestri indiscussi del cinema italiano. Si parte il 4 settembre (Sala Casinò, ore 17) con “La commare secca”, film d’esordio di Bernardo Bertolucci tratto da un soggetto di Pier Paolo Pasolini (del quale Bertolucci era appena stato assistente sul set di “Accattone”) e sceneggiato da Sergio Citti. Si prosegue il 5 settembre (Sala Casinò, ore 17) con “Tiro al piccione”, esordio nella regia di Giuliano Montaldo presentato proprio alla Mostra nell’edizione del 1961. Il regista sarà presente alla proiezione.Si tratta di due debutti oggi pochissimo visti e quasi dimenticati, ma che non solo segnano l’ingresso nel nostro cinema di due grandi registi: servono a ribadire la ricchezza produttiva, narrativa e stilistica di un cinema che tra la fine degli anni ’50 e l’inizio degli anni ’60 è segnato da una travolgente creatività. Accanto ai capolavori di cineasti già consolidati (Fellini e Visconti in primis) e ai migliori titoli della commedia, in quegli anni uscirono film di giovani registi destinati a diventare grandi autori. Entrambi i film saranno presentati dal Presidente del Centro Sperimentale Felice Laudadio e dalla conservatrice della Cineteca Nazionale Daniela Currò. Per “La commare secca” sarà presente in sala una delle interpreti, Gabriella Giorgelli, allora giovanissima. Per “Tiro al piccione”, come detto, ci sarà Montaldo assieme alla moglie, nonché produttrice e collaboratrice imprescindibile, Vera Pescarolo Montaldo.

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

76 °Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia

Posted by fidest press agency su domenica, 1 settembre 2019

Venezia 3 settembre alle ore 16.30 presso la sala Giardino e il 4 settembre alle ore 20.00 presso la sala Pasinetti proiezione del film “Beyond the Beach: The Hell and the Hope” il documentario sul lavoro di EMERGENCY, con il debutto alla regia del produttore inglese Graeme A. Scott e del direttore della fotografia americano Buddy Squires.
Beyond the Beach – The Hell and the Hope esplora la brutalità della guerra attraverso le voci dello staff di EMERGENCY, un gruppo appassionato di medici, infermieri, chirurghi e logisti che lavorano per garantire cure mediche alle vittime della guerra e della povertà.
I registi intrecciano due storie, apparentemente lontane e invece legate in modo indissolubile.Da un lato raccontano il fenomeno delle migrazioni che attraversano il Mediterraneo, mettendo in luce il ciclo della guerra dai feriti di guerra a Kabul ai campi profughi in Iraq fino alle imbarcazioni di salvataggio al largo delle coste libiche. Dall’altro, testimoniano l’impegno quotidiano dei medici e degli infermieri che hanno deciso di fare la propria parte contro l’indifferenza. Nel film assistiamo alle loro lacrime e ai loro sorrisi, ma anche alla frustrazione; scopriamo le difficoltà e lo stress emotivo che devono affrontare per portare a termine le loro missioni senza mai perdere la volontà di fare la differenza.

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

“Io vado al Museo

Posted by fidest press agency su martedì, 2 luglio 2019

Venezia Domenica 7 luglio 2019 ingresso gratuito alle Sale Monumentali della Biblioteca Nazionale Marciana (ingresso da Piazzetta San Marco 13/a) (orario: 10.00 – 19.00, ultimo accesso alle ore 18.00). La Biblioteca Nazionale Marciana aderisce all’iniziativa ministeriale “Io vado al Museo” in applicazione del nuovo piano di gratuità voluto dal Ministro Alberto Bonisoli, con l’obiettivo di aumentare le giornate gratuite d’ingresso ai musei, siti archeologici e monumenti italiani modulandoli però secondo le necessità di ogni diversa realtà.
Domenica 7 luglio 2019 tutti potranno accedere gratuitamente alle Sale Monumentali della biblioteca.
Sarà l’occasione anche per visitare la mostra “Portfolio – Wild Thought. Johannes Brus, Ottmar Hörl” con il contributo di Dierk Maass, in concomitanza con la 58. Esposizione Internazionale d’Arte de La Biennale di Venezia.

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Mostra: Flavio Favelli “Il bello inverso”

Posted by fidest press agency su giovedì, 2 maggio 2019

Venezia 9 maggio – 15 settembre 2019 Ca’ Rezzonico Dorsoduro, 3136 Museo del Settecento Veneziano. Quindici opere inedite formano l’intervento a Ca’ Rezzonico di Flavio Favelli. Il bello inverso, “cioè a rovescio, opposto”, spiega l’artista, racconta di “una bellezza pensata che è il mio immaginario, qualcosa che non è semplice da esporre in un luogo e in una città che è l’Arte per antonomasia”.”Venezia è sempre stata una tappa della mia vita; fin da bambino ci andavo perché, come diceva mia madre, “bisogna conoscere l’Italia”. E’ difficile esporre in luoghi così connotati: si cerca sempre il dialogo, si spera che l’artista di oggi, che per sua natura è considerato “leggero” rispetto all’arte del passato, renda un omaggio alla nostra Arte & Storia vista come una specie di ideale a cui guardare”.Le pedane di legno che per mesi sono state calpestate dai passanti che hanno attraversato il ponte dell’Accademia, rivestito per un restauro terminato alla fine dello scorso anno, con i segni dell’usura da calpestio e delle vernici del lavoro. Una stella rossa di pubblicitaria memoria, i lightbox con i loghi e nomi (Generali, Lacoste, Coca-Cola) e i marchi cancellati dalla pittura, la reinterpretazione di una vecchia etichetta del famoso aperitivo veneziano Select che si fa stendardo. Grate di ferro in forma di traliccio, motivi mimetici di navi da guerra, specchi graffiati, mobili ricomposti e vassoi silver plated. Il denominatore comune di queste opere è la sovrapposizione di immagini, trame e materiali. La forma è l’assemblaggio, la combinazione di forme e oggetti e significati, la composizione, il collage e infine la pittura. Il tema centrale è quello del segno-scritta-logo alterato e sofisticato per un’immagine differente che sposta e adultera il senso originale e porta a una nuova complessità formale e di concetto.
E ancora costruzioni, tralicci, mobili e tabelle di latta, insegne, statue “astratte” e lightbox. Come nota l’artista, nel Museo del Settecento Veneziano “non ci sono pareti da bucare”: l’intervento è perciò site-specific nel senso più pratico, con opere tridimensionali.
Flavio Favelli non guarda solo alla storia dell’arte. Nella sua opera entrano la storia del costume, degli oggetti d’uso, della comunicazione, e della pubblicità “che in Italia ha influenzato la nostra storia più di quanto pensiamo”, e c’è la stessa biografia dell’artista, anche nella sua storia personale quei materiali e quegli immaginari si sono depositati. http://www.fart-neon.com

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Retrospettiva antologica dedicata ad Alberto Burri

Posted by fidest press agency su domenica, 21 aprile 2019

L’isola di San Giorgio Maggiore a Venezia presenta dal 10 maggio al 28 luglio 2019 BURRI la pittura, irriducibile presenza, ampia e importante retrospettiva antologica dedicata ad Alberto Burri, a coronamento di una stagione di grande celebrazione dell’artista umbro sia in Italia che all’estero. La mostra, curata da Bruno Corà, Presidente della Fondazione Burri, e organizzata dalla Fondazione Giorgio Cini e dalla Fondazione Burri in collaborazione con Tornabuoni Art e Paola Sapone MCIA, in partnership con Intesa Sanpaolo, è un progetto concepito appositamente per Venezia che ripercorre cronologicamente le più significative tappe del percorso del Maestro della “materia” attraverso molti dei suoi più importanti capolavori. Dai rarissimi Catrami (1948) agli ultimi e monumentali Cellotex (1994), BURRI la pittura, irriducibile presenza con circa 50 opere provenienti da importanti musei italiani e stranieri, dalla Fondazione Burri e da prestigiose collezioni private, ricostruisce nella sua interezza la parabola storica di uno dei più grandi protagonisti dell’arte italiana ed europea del XX secolo e riporta Burri a Venezia dopo la memorabile personale che nel 1983 vide protagoniste 18 opere del ciclo Sestante nel suggestivo edificio degli ex Cantieri Navali alla Giudecca, segnando una tappa fondamentale nella carriera dell’artista.
Il percorso espositivo offre al visitatore l’opportunità unica di ammirare una selezione inedita di opere che rappresentano tutti i più famosi cicli realizzati da Burri: dai primi e rari Catrami (1948) e dalle Muffe (1948), presentati in stretto confronto con gli iconici Sacchi (1949-50), ai Gobbi (1950), per arrivare alle affascinanti Combustioni (1953), i Legni (1955), i Ferri (1958), le contorte Plastiche (1960) e l’evoluzione straordinaria dei Cretti (1970), divenuti uno dei temi di ricerca più iconici di Burri, fino ai grandi Cellotex, realizzati fino a metà degli anni Novanta. La mostra veneziana – il cui titolo si rifà alla celebre definizione data dallo stesso artista alla sua opera, e alla difficoltà di tradurla in parole – offre così una lettura penetrante del modo in cui questo pioniere della nuova pittura del secondo Novecento ha affrontato il tema centrale del suo tempo: quello dell’utilizzo e della trasformazione della materia in opera d’arte. http://www.cini.it/press-release

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Biennale di Venezia

Posted by fidest press agency su giovedì, 4 aprile 2019

Venezia 11 maggio – 24 novembre 2019 Padiglione dell’Azerbaigian presenta “Virtual Reality”. Il Padiglione dell’Azerbaigian alla sua quarta partecipazione organizzata dalla Fondazione Heydar Aliyev, è lieto di presentare “Virtual Reality”. La mostra, curata da Gianni Mercurio ed Emin Mammadov presenta opere di Kanan Aliyev, Ulviyya Aliyeva, Zeigam Azizov, Orkhan Mammadov e Zarnishan Yusifova, artisti contemporanei azeri, ispirate al fenomeno delle fake news, oggi considerate una delle maggiori minacce alla democrazia, alla libertà di dibattito e al progresso, esplorando sfide e implicazioni del vivere in un’epoca di post-verità in cui i social media possono rivelarsi un’arma a doppio taglio.
Ogni giorno siamo travolti da veri e propri tsunami di fake news. In media controlliamo i cellulari 150 volte al giorno e più di 2 miliardi di persone usano Facebook. C’è un cambiamento radicale nel modo in cui oggi percepiamo dati e notizie. Viviamo in una bolla di fake news, le informazioni si diffondono via web più che tramite fonti ufficiali e il dibattito sulle fake news tutto riguarda tranne che la loro veridicità o falsità. Dovremmo dunque uscire dai confini del bias di conferma e far luce sulle nostre convinzioni inconsce. Dovremmo accogliere i punti di vista altrui e invitare l’altra parte al dialogo. Dovremmo stimolare il dibattito e parteciparvi, ricordando che le piattaforme dei social media si pongono generalmente nello stesso modo. Sta a noi modificare questo modello.
In un periodo di instabilità internazionale, in cui il mondo sta cambiando come mai prima d’ora, questa esposizione non potrebbe essere più pertinente. “La realtà virtuale” affronta temi che riguardano la politica e la realtà di oggi. Per la mostra “Virtual Reality” gli artisti presentano progetti, installazioni e sculture multimediali.
Sede della mostra: Palazzo Lezze, Campo Santo Stefano, San Marco 2949 Apertura al pubblico: 11 maggio – 24 Novembre 2019 Orario di apertura: 10.00 – 18.00. Chiuso il lunedì (escluso 13 maggio, 2 settembre, 18 novembre 2019).

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Pantakin da Venezia: Tempeste d’amor perduto

Posted by fidest press agency su martedì, 26 febbraio 2019

Schio (Venezia) venerdì primo marzo ore 21 Teatro Civico (via Pietro Maraschin, 19 apettacolo liberamente tratto da William Shakespeare drammaturgia Andrea Pennacchi e Michele Modesto Casarin regia Michele Modesto Casarin durata: 1 ora e 30 minuti senza intervallo.
Abbiamo immaginato che i regali che la commedia italiana ha fatto al Bardo di Stratford Upon Avon, ritornino indietro in uno spettacolare circuito virtuoso. La giovane Isabella ritorna dall’Inghilterra alla metà del 1600, alla ricerca della compagnia di Commedia dell’arte Gli Uniti. La trova fortunosamente al porto di Comacchio in procinto di imbarcarsi per Venezia. La peste ha lasciato solo tre attori vivi: una donne e due uomini, che ormai disperano di poter rimettere in piedi il loro usuale repertorio. Dopo alcuni equivoci, Isabella rivelerà la sua identità alla madre e chiederà alla Compagnia di tornare a Venezia. Biglietti Platea e palchi: intero € 12,00 Galleria: intero € 10,00. http://www.teatrocivicoschio.it

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Venezia è pronta ad accogliere i suoi Angeli

Posted by fidest press agency su sabato, 23 febbraio 2019

carnevale 2018 - ELEZIONE DELLA MARIA 2018 - CENA MARIEDomani, domenica 24 febbraio, alle ore 11 il Carnevale di Venezia 2019 “Tutta colpa della Luna”, ispirato quest’anno al cinquantesimo anniversario dello sbarco lunare, celebra il Volo dell’Angelo, anticipato, per la prima volta, dal Volo dell’Angelo guerriero.
In piazza San Marco è tutto pronto per ammirare la discesa di Erika Chia, Maria dell’Anno 2018, che volerà dal campanile verso il palco allestito al centro della piazza, interpretando quello che viene da sempre considerato lo storico rituale di apertura del Carnevale di Venezia. Prima di lei si lancerà anche Micol Rossi, la Maria dei Lettori 2018 che aveva scritto al sindaco di Venezia, Luigi Brugnaro, per chiedere la possibilità di scendere dal campanile di San Marco. Due Angeli con messaggi diversi: il primo di speranza e tenacia, il secondo di gioia e tradizione.
Erika Chia, 20 anni, di San Pietro di Castello, ha conquistato il diritto di essere la protagonista del Volo dell’Angelo dopo aver vinto il concorso delle Marie 2018.
“Il mio volo ha un messaggio molto importante – ha spiegato Micol – è dedicato a tutte le persone che in questo momento soffrono o hanno lottato”.
A precedere il primo volo previsto alle ore 11, il consueto arrivo in piazza e sul palco dei cortei storici che sfileranno assieme alle associazioni del Carnevale. Il palcoscenico, spirato all’atmosfera lunare, è stato progettato dallo scenografo della Fenice Massimo Checchetto.
Il Corteo del Doge domani vedrà circa 250 persone in abiti storici provenienti dall’Italia e dall’estero, ed è a cura del Cers, Consorzio Europeo Rievocazioni Storiche, coordinati da Massimo Andreoli, con la partecipazione dell’Associazione Internazionale per il Carnevale di Venezia, Associazione Amici del Carnevale di Venezia e il Gruppo Storico “Le Maschere di Mario del ‘700 veneziano”.
E’ una tradizione nata in un’edizione del Carnevale nella metà del Cinquecento, quando venne carnevale 2018 - ELEZIONE DELLA MARIA 2018 - CENA MARIErealizzato un evento straordinario che fece molto scalpore: un giovane acrobata turco riuscì, con il solo ausilio di un bilanciere ad arrivare alla cella campanaria del campanile di San Marco camminando, nel frastuono della folla sottostante in delirio, sopra una lunghissima corda che partiva da una barca ancorata sul molo della Piazzetta. Nella discesa raggiunse, poi, la balconata del Palazzo Ducale, porgendo gli omaggi al Doge.
Dopo il successo di questa spettacolare impresa, subito denominata Svolo del turco che solitamente si svolgeva il Giovedì Grasso, si decise di ripetere l’iniziativa come cerimonia ufficiale anche per le successive edizioni, con tecniche simili e con forme che con gli anni subirono numerose varianti. Per molti anni lo spettacolo, mantenendo lo stesso nome, vide esibirsi solo funamboli di professione, finché non si cimentarono, con imprevedibili variazioni, nell’impresa anche giovani veneziani.
Oltre al costante aggiornamento sui canal social ufficiali, la discesa dei due Angeli del Carnevale potrà essere seguita in diretta streaming dal sito ufficiale del Carnevale di Venezia http://www.carnevale.venezia.it
La formula del Volo dell’Angelo è stata reintrodotta dall’edizione del 2001, la prima del millennio, grazie dal regista veneziano Alessandro Bressanello con un’artista della Compagnia dei Folli, Katiuscia Triberti, che assicurata a un cavo metallico, effettuò la sua discesa dalla cella campanaria del campanile verso Palazzo Ducale scorrendo lentamente verso terra, sospesa nel vuoto, sopra la moltitudine di gente che riempiva lo spazio sottostante. (foto: copyright carnevale Venezia)

Posted in Cronaca/News, Viaggia/travel | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

La tassa di sbarco a Venezia

Posted by fidest press agency su sabato, 9 febbraio 2019

Il Touring Club ritiene che l’introduzione della tassa di sbarco a Venezia sia un provvedimento legittimo e diffuso in tanti altri contesti e rappresenti una misura di mitigazione economica degli effetti negativi del turismo – o meglio dell’escursionismo – perché permetterà di compensare gli elevati costi di gestione e della raccolta dei rifiuti urbani. Tali effetti di mitigazione però dovranno fare i conti con i consistenti investimenti in strutture ricettive (7mila nuovi posti letto) a Mestre.“La questione di cui si dibatte ormai da decenni – afferma Franco Iseppi, Presidente del Touring Club Italiano – è su come gestire il turismo a Venezia: non è facile infatti mettere insieme le istanze locali – spesso in contrapposizione – di residenti e operatori turistici, attraverso la mediazione dell’amministrazione cittadina, con quelle più generali che impongono in primo luogo allo Stato di tutelare uno dei nostri patrimoni più preziosi.Quello che come Touring continuiamo a non vedere è soprattutto un’idea di città cui si vuole tendere e di cui il turismo è, e potrà essere, una componente senz’altro importante ma sempre integrata in un disegno composito. Questo significa non adottare soltanto misure come una tassa, ma di assetto complessivo che riguardino le politiche economiche, urbanistiche, della mobilità e della cultura e che tengano conto della città storica, delle isole e della terraferma.
Occorre riflettere anche sulla congruità dell’importo giustamente di costo variabile a seconda del periodo. A questo bisogna, infatti, sommare il costo già elevato dei mezzi di trasporto urbani. Se ciò non costituirà un disincentivo alla visita, potrebbe però andare a detrimento della fruizione culturale della città (incentivando una visita frettolosa e distratta) che registra già oggi numeri bassi nei principali musei: ad esempio i visitatori del Guggenheim e dell’Accademia sono circa mezzo milione l’anno ciascuno, non molti tenendo conto dei grandi flussi di turisti ed escursionisti. Ci sorprende, dunque, la sorpresa del Ministro Centinaio sulla tassa di sbarco, visto che è stata l’ultima legge finanziaria proposta dal suo Governo, il 28 dicembre scorso, a consentire al Comune di adottarlo. Tanti aspetti del provvedimento potranno essere discussi – conclude Iseppi – e il confronto sul merito è importante: dal nostro punto di vista, però, ci sembra che per Venezia al di là di tutto sia l’ennesima occasione persa.”

Posted in Viaggia/travel | Contrassegnato da tag: , , | 1 Comment »

Tintoretto: Un Ribelle a Venezia

Posted by fidest press agency su domenica, 20 gennaio 2019

Arriverà al cinema solo per tre giorni, il 25, 26, 27 febbraio in occasione dell’anniversario dei cinquecento anni dalla nascita, Tintoretto. Un Ribelle a Venezia, un nuovo esclusivo docu-film firmato da Sky Arte dedicato alla figura di un pittore straordinario, mutevole e cangiante, istintivo e appassionato. Ideato e scritto da Melania G. Mazzucco e con la partecipazione straordinaria del regista Peter Greenaway, il film sarà narrato dalla voce di Stefano Accorsi. L’appuntamento si inserisce nel calendario della Grande Arte al Cinema, un progetto originale ed esclusivo di Nexo Digital. Per la stagione 2019 arriva nelle sale italiane in collaborazione con i media partner Radio Capital, Sky Arte e MYmovies.it. Contenuti e approfondimenti anche sul sito arte.sky.it/tintoretto

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Grande evento Fsp Polizia

Posted by fidest press agency su venerdì, 23 novembre 2018

Venezia 3 dicembre a partire dalle ore 19 presso il locale “Al Mattone” di Maerne di Martellago, in via Cacace n°6. Fervono i preparativi per l’evento che l’Fsp Polizia, sta organizzando per giorno 3 dicembre, data in cui avrà luogo il Raduno Annuale della Federazione Sindacale di Polizia. Un’occasione per riunire faccia a faccia donne e uomini di un’organizzazione che già li lega per principi, per contenuti, per scopi, per obiettivi. Uno di quei momenti conviviali e aperti che cementano rapporti e collaborazione, a beneficio di un lavoro sempre più sinergico e condiviso.Sarà un appuntamento importante nella quotidianità del Sindacato, il cui valore è stato infatti condiviso dal Capo della Polizia, Franco Gabrielli, che sarà presente per dare il proprio prezioso contributo a una serata carica di significato.Ma saranno anche tanti altri gli ospiti che arriveranno ad arricchire un parterre aperto non solo ai tantissimi poliziotti chiamati a raccolta da tutta Italia, ma anche ad amici dell’associazionismo, delle professioni, della politica, di quella società civile che, anche attraverso un semplice momento conviviale, rinsalderà il proprio legame con gli appartenenti alla Polizia di Stato.

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Il dolore globale

Posted by fidest press agency su martedì, 20 novembre 2018

Venezia 5 dicembre 2018 Ospedale San Raffaele Arcangelo Fatebenefratelli (Madonna dell’Orto 3458), tiene un convegno sul “dolore globale”. Si partirà dalla constatazione che la gestione del dolore, sia acuto ad insorgenza improvvisa sia cronico che perdura nel tempo diventando una vera e propria malattia, risente di un “gap” culturale che ha gravi e ingiustificate ricadute non solo sul paziente ma anche sulla collettività. Questo gap si lega a un’inappropriata diagnosi e – conseguentemente – a un inadeguato trattamento ed uno degli scopi del convegno è condividere con i partecipanti un iter (diagnostico e terapeutico) appropriato che conduca ad un linguaggio comune non solo nella gestione clinica del dolore ma anche nel suo trattamento, che è non solo un diritto delle persone (Legge n. 38 del 15/3/2010) e un dovere della classe medica, ma anche un indice di civiltà sanitaria. Particolare risalto verrà dato quindi all’elaborazione del concetto di dolore globale e alle cure palliative, perché, quando la malattia diventa inguaribile, cioè non responsiva alla terapia, e “non c’è più niente da fare”, in realtà “c’è ancora tanto da fare”. Le cure palliative in questo caso hanno come scopo prendersi cura non solo del dolore nei suoi molteplici aspetti fisico, psicologico, spirituale e sociale, ma anche degli altri sintomi, sia del paziente sia dei suoi familiari, in modo da garantire loro la migliore qualità di vita fino alla fine. Verranno condotte anche alcune riflessioni sul cambiamento della medicina nell’età della tecnica e sulla necessità sempre più viva di attingere all’area della sfera narrativa, che guardi al corpo vissuto della persona malata oltre che al corpo come organismo da curare.
L’Ordine Ospedaliero di San Giovanni di Dio FATEBENEFRATELLI è presente in 50 paesi dei 5 continenti, con circa 400 opere apostoliche. La Provincia Lombardo Veneta, essendo parte di questa grande comunità ospedaliera, realizza la propria vocazione religiosa dedicandosi al servizio della Chiesa prestando, senza scopo di lucro, attività sanitarie ed assistenziali in particolare nei confronti di malati e bisognosi. La mission della PLV è in primo luogo l’ospitalità realizzata attraverso interventi appropriati di prevenzione, promozione della salute, cura e riabilitazione, che garantiscano ad ogni utente la cura più adeguata al proprio bisogno di salute, in una logica di corretto ed economico uso delle risorse. La PLV esplica la propria attività assistenziale in 4 contesti regionali differenti (Piemonte, Lombardia, Veneto e Friuli Venezia Giulia), attraverso 9 strutture sanitarie/socio-sanitarie accreditate presso il SSN per 2192 posti letto complessivi. I Fatebenefratelli, sulle orme del loro fondatore San Giovanni di Dio, si impegnano a garantire un’assistenza integrale, che pertanto consideri e abbracci tutte le dimensioni della persona umana: fisica, psichica, sociale e spirituale. Tale assistenza umanizzata viene agita ogni giorno grazie alla compartecipazione alla missione da parte dei Fatebenefratelli e dei circa 2200 collaboratori assunti a vario titolo all’interno della Provincia Lombardo Veneta.

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Venezia si illumina di rosso

Posted by fidest press agency su domenica, 11 novembre 2018

Non è la prima volta che ACS illumina importanti monumenti in rosso per i cristiani perseguitati. «Stavolta – ha affermato il direttore di ACS, Alessandro Monteduro – vogliamo dedicare in particolar modo l’evento ad Asia Bibi e con lei a tutte le donne che soffrono violenza a causa della fede. Nella speranza che il movimento del #MeToo vada oltre Hollywood e includa anche queste donne coraggiose». Anche il Patriarca Moraglia ha citato l’esempio coraggioso di Asia Bibi: un modello per il «Cristianesimo in pantofole» di tanti occidentali.Per raccontare l’evento del 20 novembre, ACS ha invitato in conferenza stampa cinque sacerdoti ed una religiosa. Don Robert Digal ha parlato della minaccia del fondamentalismo indù in India e ricordato i pogrom anticristiani dell’Orissa avvenuti nel 2008 anche nel suo villaggio. Suor Caterina Thi Kim Sa Tran della difficoltà di essere cristiani in Vietnam. Don Joseph Fidelis, sacerdote nigeriano ha ricordato le ragazze rapite, violentate e costrette a convertirsi da Boko Haram, in Nigeria. «Oggi voglio rilanciare la domanda che tanti cristiani perseguitati in Nigeria si pongono: “Mentre noi soffriamo dove sono i nostri fratelli occidentali?”». Il sacerdote ha sottolineato l’importanza di far conoscere al mondo le persecuzioni anticristiane con eventi quali quello di Venezia. Un’esigenza espressa anche da Don David John, sacerdote pachistano. «La cosa più difficile per noi è che soffriamo in silenzio. Asia Bibi è da anni in carcere e non abbiamo mai sentito la sua voce. Grazie ACS perché così fate sentire la nostra voce in tutto il mondo».Padre Antoine Alan, francescano egiziano, ha posto l’accento sul pellegrinaggio giovanile che precederà l’evento nella città lagunare. «I giovani occidentali devono sapere cosa accade ai cristiani. A volte incontro dei ragazzi che non sanno neanche che in Egitto vi sono cristiani. E questa ignoranza fa più male del fondamentalismo». A Venezia racconterà le difficoltà dei cristiani egiziani, monsignor Botros Fahim Hanna.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Beatrice Burati Anderson Art Space & Gallery

Posted by fidest press agency su lunedì, 17 settembre 2018

Venezia dal 22 settembre al 22 dicembre 2018 opening sabato 22 settembre 2018 alle ore 12.00 Beatrice Burati Anderson Art Space & Gallery di Venezia Corte Petriana, San Polo 1448 inaugura la mostra WATER / MATER, con opere di John Lennon e Yoko Ono e dell’architetto, designer e artista olandese Maurice Nio, a cura di Beatrice Burati Anderson. WATER / MATER, che sarà accompagnata da un catalogo con un testo introduttivo di Achille Bonito Oliva, è la seconda mostra della serie Elements, un progetto più ampio che si tiene una volta all’anno come parte del programma della galleria.
Inoltre, in occasione del finissage della 16. Mostra Internazionale di Architettura della Biennale di Venezia, il 24 novembre 2018 la galleria ospiterà un evento speciale dedicato alla presentazione del catalogo della mostra. Nel corso dell’evento Maurice Nio terrà una lectio magistralis sulla sua opera e la sua ricerca.
WATER / MATER si ispira alle teorie del ricercatore giapponese Masaru Emoto, secondo il quale le molecole d’acqua sono sensibili non solo agli stimoli fisici ma anche alle vibrazioni emotive, armonizzandosi se esposte a stimoli positivi, lodi e parole d’amore. La consapevolezza di questa verità – presente fin dai tempi di Ippocrate e oggi a fondamento dell’omeopatia – prende forma e immagine grazie alle ricerche del Dott. Emoto il quale, fotografando molecole d’acqua a -5 gradi di temperatura, ha documentato la creazione di cristalli meravigliosi o, al contrario, caotici e disgregati, a seconda delle parole a cui erano esposti. Considerando che gli esseri umani sono fatti in buona parte di acqua, questa visione offre spunti di riflessione e potenzialità notevoli, sia dal punto di vista scientifico che spirituale, nella prospettiva che l’armonia con la natura e lo sviluppo delle facoltà mentali dell’essere umano portino a un mondo migliore.
Yoko Ono e John Lennon erano evidentemente consapevoli del fatto che il mondo si possa cambiare solo diffondendo vibrazioni d’amore con tutti i mezzi, e di questa consapevolezza hanno fatto il centro della loro vita umana e artistica. Ancora oggi, a più di ottant’anni, Yoko Ono continua a inviare, ogni giorno e con tutti i mezzi disponibili (dall’arte ai social network), pensieri e parole d’amore e di pace al mondo. In mostra sarà esposta la mitica Bag One: una serie di quindici litografie erotiche – tra cui il celeberrimo Bed-in for the peace in the world – realizzate da John durante la luna di miele, donate a Yoko come regalo di nozze e gentilmente prestate dalla collezione privata di Rolando Giambelli, fondatore e presidente dei Beatlesiani d’Italia Associati (The Beatles People Association of Italy). Maurice Nio presenta invece Dark Matter, un’importante scultura di 17 metri qui intesa come metafora delle forze indomite della Natura.
The exhibition WATER / MATER featuring works by John Lennon and Yoko Ono and the Dutch architect, designer and artist Maurice Nio will open on Saturday September 22, 2018 at Beatrice Burati Anderson Art Space & Gallery in Venice under the curatorship of Beatrice Burati Anderson. WATER / MATER, whose accompanying catalogue will include an introduction written by Achille Bonito Oliva, is the second exhibition in the Elements series, a more extensive project held once a year as part of the gallery’s exhibition program. The gallery will also be hosting a special event on November 24, 2018 for presenting the exhibition catalogue during the finissage of the 16th International Architecture Exhibition organized by La Biennale di Venezia. During this event Maurice Nio will be giving a lecture on his work and research.

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Film premiato: What you gonna do when the world’s on fire?

Posted by fidest press agency su domenica, 9 settembre 2018

Venezia. Vivere da Sportivi, con Amova, ha premiato il Fair Play 2018 del film di Roberto Minervini ‘What you gonna do when the world’s on fire’, per aver saputo evidenziare i più alti valori etici e sportivi. A ritirare il premio nello spazio della Regione Veneto all’Hotel Excelsior al Lido di Venezia, il produttore del film di Minervini, Dario Zonta che, in un simbolico passaggio di consegne del ‘fair play’, riceveva dalle mani dei campioni olimpici Valentina Vezzali, Luca Dotto, Moreno Argentin, Matteo Anesi, Martina Valcepina, Raimondo Cappa insieme all’olimpionica Francesca Bettrone e al paralimpico Simone Careddu, la targa 2018 ‘Vivere da Sportivi –il Fair Play al Cinema’.Ospiti alla cerimonia, l’Assessore Cultura e Sport della Regione Veneto, Corazzari, l’Assessore alle Politiche Educative del Comune di Venezia, Romor, il Generale Avitabile, Com. Prov. G.d.F., il Colonnello Lunardo, Com. Prov. Carabinieri e, il dott. Vomiero Vice Questore di Venezia. Una presenza rappresentativa per sottolineare quel fil rouge che lega Cinema e Sport. “Solo la narrazione sportiva o cinematografica, diretta o indiretta” – dichiara Monica Promontorio, presidente dell’Associazione VDS (Vivere da Sportivi) – “riesce a promuovere, su scala mondiale, comportamenti etici e valori sociali più consapevoli”. “ Perché la forza comunicativa dei due linguaggi – prosegue Raimondo Cappa, vicepresidente Amova – “ha il potere di smuovere emozioni, passioni, sogni e desideri e, quindi, anche il senso etico dello sportivo.Dato l’alto contenuto artistico riscontrato in questa edizione dalla Biennale, la Giuria di Vivere da Sportivi capitanata dal critico cinematografico Roberto Silvestri e composta da Francesca Nocerino, conduttrice-curatrice di Cinematinée Tg2; Pierluigi Frassineti, autore e sceneggiatore; Alvaro Moretti, Vice Direttore il Messaggero; Alberto Nuvolari, Presidente USSI Veneto e docente di giornalismo; Katia Rossi, coordinatrice giuria e ideatrice del premio, ha assegnato due menzioni Fair Play speciali.

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Miriam Nicastro Alchimia

Posted by fidest press agency su domenica, 26 agosto 2018

Venezia 31 agosto – 30 settembre 2018 Inaugurazione: Giovedì 30 Agosto alle ore 18.30 Hotel Savoia & Jolanda Riva degli Schiavoni 4187. TraVellArT è un progetto espositivo a lungo termine a cura di Paolo De Grandis e Carlotta Scarpa organizzato da PDG Arte Communications concepito per gli spazi dell’Hotel Savoia & Jolanda. Il progetto prevede un ciclo di mostre dedicate ad artisti internazionali operanti a Venezia e non solo che traggono ispirazione dal tema del viaggio come lo spazio espositivo suggerisce. L’Hotel Savoia & Jolanda è un albergo storico veneziano, uno spazio di accoglienza per i viaggiatori all’interno del quale i visitatori possono interagire con le opere di artisti che si misurano di volta in volta con un’architettura tipicamente connotata: Venezia con le sue forme e la sua storia avvolge e sfida le opere in viaggio.
TraVellArT giunge alla terza tappa con la mostra Alchimia dell’artista fotografa Miriam Nicastro che ha vinto il Premio PDG Arte Communications nell’ambito del Premio Arte Laguna. Quello di Miriam Nicastro è un viaggio attraverso le città a lei care, una narrazione che non subisce manipolazioni stilistiche ma si nutre del bianco e del nero e di una prospettiva che non altera la riconoscibilità degli scorci catturati resi espliciti per contrasto da una vertiginosa profondità fino a dei tagli abissanti che si trasformano in caleidoscopiche pavimentazioni che fendono la veduta e separano uomini e cose, eco di una visione di cui l’artista replica la percezione sensoriale netta e coinvolgente.

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Prima giornata della Mostra del Cinema di Venezia

Posted by fidest press agency su venerdì, 10 agosto 2018

Venezia 29 agosto prossimo, “Lexus Opening After party Venezia 75” nella prima giornata della Mostra del Cinema di Venezia, a partire dalle ore 23.30 Al termine della tradizionale cena di gala offerta dalla Biennale di Venezia, i riflettori saranno infatti puntati sull’elegante location messa a disposizione dal brand di lusso di casa Toyota, main sponsor della Manifestazione, dove star del cinema, personalità e VIP si susseguiranno in quello che si preannuncia il party più esclusivo della manifestazione. Rigorosamente su invito .Sarà un ricevimento all’insegna dell’Omotenashi – l’ospitalità tipica della cultura giapponese che si distingue per l’attenzione al dettaglio e per creare esperienze uniche e distintive – che promette di regalare ai fortunati ospiti un’experience unica e memorabile.La Lexus Lounge infatti, uno spazio di 200 mq costruito sulla terrazza di fronte al Casinò e al Red Carpet, si ispira ai principi di Omotenashi e Takumi (filosofia artigianale del saper «fare») e offre agli ospiti un ambiente ispirato alla tradizione giapponese, con pareti divisorie in carta di riso rivisitate in chiave moderna.Per questa 75a edizione sono attesi alla Lounge Lexus ospiti del calibro di Juliette Binoche, Lady Gaga, Riccardo Scamarcio, Valeria Golino.Ad accompagnare ospiti e attori una flotta di 40 vetture Self Charging Hybrid Lexus che offrirà un esclusivo servizio di courtesy car e accompagnerà sul red carpet le celebrità della Mostra per tutta la durata della manifestazione.

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »