Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 301

Posts Tagged ‘vermeer’

Capolavori di Rembrandt, Vermeer e dell’Età dell’Oro Olandese in mostra al Louvre Abu Dhabi

Posted by fidest press agency su martedì, 29 gennaio 2019

Abu Dhabi La mostra si inaugura il 14 febbraio e si conclude il 18 maggio 2019. L’ingresso è incluso nel biglietto del Museo. I bambini sotto i 13 anni entrano gratis. I visitatori possono visitare la mostra con una guida multimediale disponibile in arabo, inglese e francese. La prima esposizione internazionale del 2019 del Louvre Abu Dhabi, Rembrandt, Vermeer e l’età d’oro olandese, con capolavori della Collezione Leiden di New York e del Museo del Louvre di Parigi riunirà dipinti e disegni dei maestri olandesi Rembrandt van Rijn, Johannes Vermeer e i loro contemporanei. In apertura il 14 febbraio 2019, la mostra esplorerà il viaggio artistico di Rembrandt a Leida e Amsterdam e le sue relazioni con rivali e colleghi, tra cui Johannes Vermeer, Jan Lievens, Ferdinand Bol, Carel Fabritius, Gerrit Dou, Frans van Mieris e Frans Hals. Durante l’età d’oro, la Repubblica Olandese si affermò come leader mondiale nel commercio, nella scienza e nelle arti. In questo contesto di scambi culturali, esplorazioni e scoperte, la mostra esplorerà le tradizioni artistiche che fiorirono a Leida e nei Paesi Bassi in questo periodo, compreso lo sviluppo di una nuova scuola di artisti, chiamati i fijnschilder (pittori raffinati), noti per le loro scene di vita quotidiana squisitamente rese.
La mostra ospiterà 22 dipinti e disegni provenienti da tutta la carriera di Rembrandt e dal suo laboratorio – dalla sua famosa serie di dipinti allegorici dei sensi, che dimostrano l’ingegnosità giovanile dell’artista e la sperimentazione di espressioni, composizione e colore durante le sue giornate di Leida, a lavori successivi realizzati ad Amsterdam, tra cui ritratti, il famoso autoritratto, con occhi ombreggiati e Minerva nel Suo Studio (entrambi dalla Leiden Collection), il suo monumentale dipinto storico della dea Minerva. Queste opere sono esposte accanto a dipinti di altri maestri del circolo artistico di Rembrandt, a dimostrazione dell’influenza che ciascuno di questi artisti ha avuto l’uno sull’opera dell’altro.
In questa straordinaria occasione, Giovane donna seduta a un virginale di Johannes Vermeer (Leiden Collection), e La Merlettaia (Musée du Louvre), due dipinti della stessa tela, saranno esposti uno accanto all’altro per la prima volta in 300 anni al Louvre Abu Dhabi.
95 opere, tra cui dipinti, disegni e manufatti, tratte principalmente dalla Leiden Collection, una delle più vaste e significative collezioni private di opere d’arte dell’età dell’oro olandese, messe in risalto con le collezioni eccezionali del Musée du Louvre. I prestiti del Rijksmuseum e della Bibliothèque Nationale de France completeranno l’esposizione. In mostra fino al 18 maggio 2019, la mostra è curata da Blaise Ducos, Chief Curator delle collezioni olandesi e fiamminghe al Musée du Louvre, e da Lara Yeager-Crasselt, curatrice della Leiden Collection e specialista dell’arte olandese e fiamminga del Seicento. (By http://www.louvreabudhabi.ae)

Posted in Estero/world news, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Jean Simeon Chardin

Posted by fidest press agency su martedì, 19 ottobre 2010

Ferrara fino al 30/1/2011 C.so Ercole d’Este, 21 Palazzo dei Diamanti Il pittore del silenzio a cura di Pierre Rosenberg «Noi usiamo i colori ma quello con cui dipingiamo e’ il sentimento». Con queste parole, Jean Sime’on Chardin (1699-1779), contrapponendosi alle regole accademiche allora in voga, amava descrivere il suo modo di fare arte e la sua poetica.
Chardin e’ l’artista francese che ha avuto maggior influenza sulla pittura moderna. L’aver elevato gli oggetti di uso quotidiano e i gesti delle persone comuni a materia di rappresentazione artistica ne fa il vero erede di Vermeer e, al contempo, il punto di riferimento per artisti del calibro di Ce’zanne, Matisse, Braque e Morandi. Ma Chardin non e’ solo uno dei piu’ influenti artisti del Settecento, e’ anche uno dei piu’ originali. Egli infatti rifiuta, sin da giovanissimo, i percorsi didattici accademici ed e’ uno dei pochi a non aver mai effettuato il viaggio in Italia. Tra tutti i generi pittorici evita proprio quelli che nella Francia del secolo dei lumi sancivano la statura e la fortuna degli artisti, e cioe’ i dipinti di soggetto storico o mitologico.  La mostra di Ferrara e Madrid offrirà l’occasione di ripercorrere le tappe salienti del percorso artistico di Chardin attraverso un’ampia selezione di opere provenienti da musei e collezioni pubbliche e private di tutto il mondo. La rassegna spazierà cosi’ dalle nature morte giovanili alle scene di genere della prima maturità, fino al ritorno agli oggetti degli anni Cinquanta e agli straordinari capolavori dell’ultimo periodo.  Un appuntamento che si preannuncia imperdibile e che aspira a far scoprire al pubblico italiano un’artista che Vincent Van Gogh riteneva «grande come Rembrandt».
Aperto tutti i giorni, feriali e festivi, lunedi’ incluso, dalle 9.00 alle 19.00  Aperto anche 1 novembre, 8, 25 e 26 dicembre, 1 e 6 gennaio  (Immagine: Jean Sime’on Chardin, La scimmia pittore, c. 1735 Olio su tela, cm 28,6 x 23,8 Chartres, Muse’e des Beaux-Arts Chartres, © foto Muse’e des Beaux-Arts http://www.studioesseci.net)

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »