Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 344

Posts Tagged ‘via crucis’

Mirco Marchelli: Via Crucis

Posted by fidest press agency su martedì, 9 aprile 2019

Bologna Raccolta Lercaro Via Riva di Reno 57 Dall’11 aprile 2019 alla Raccolta Lercaro (giovedì e venerdì, ore 10–13 sabato e domenica, ore 11-18.30 Aperto: lunedì 22 aprile (con orario festivo 11-18.30); 25 aprile (con orario ordinario 10-13) Chiuso: sabato 20 e domenica 21 aprile (Pasqua), 1° maggio Ingresso libero Catalogo disponibile in museo).
La Raccolta Lercaro, in prossimità e in attesa della Pasqua, espone la Via Crucis dell’artista Mirco Marchelli, donata nel 2015 da Gabriele Caccia Dominioni, Maria Giuseppina e figli, in ricordo dei genitori Pierpaolo e Giulia.Mirco Marchelli medita in modo inconsueto sulla Passione e morte di Cristo, interpretando liberamente le quattordici stazioni della Via della Croce e approdando a un ciclo composto da altrettante installazioni che non contengono, apparentemente, espliciti riferimenti all’iconografia figurativa tradizionale.
Come è possibile allora interpretare questa Via Crucis se non esistono chiari riferimenti legati all’immaginario tradizionale che ha sviluppato il tema sin dalle origini della fede cristiana? Si tratta di entrare nella sequenza narrativa del mistero della morte e risurrezione di Gesù di Nazareth, via che conduce alla salvezza, alla definitiva riconciliazione dell’uomo con Dio. E di comprendere un discorso in cui l’artista traccia sentieri inconsueti, proponendo insolite connessioni tra passi biblici, suggerendo libere associazioni che trovano la loro logica all’interno di una meditazione personale, in cui l’artista si è lasciato interpellare dalla Via dolorosa di Gesù di Nazareth.
La ricerca espressiva di Marchelli si concentra su di una poetica della memoria, riflettendo sugli oggetti dimenticati del nostro mondo quotidiano come se si presentassero a noi dalle soffitte della vita per parlarci del loro passato, per interrogare il nostro presente. Gli oggetti, una volta de-situati, sono ricontestualizzati, manipolati, sottratti alla loro funzione d’uso, aprendosi in questo modo a un nuovo rapporto col reale. In questa Via Crucis, le cose appartenute all’ordinarietà del nostro mondo, diventano un punto di partenza per una rappresentazione simbolica in cui la loro esistenza si apre a significati imprevisti e inattesi, ad associazioni inedite e inaspettate. Come se ogni oggetto, rielaborando e ritessendo le relazioni con la realtà, potesse dischiudere un ininterrogato spazio di senso. Il mistero della Via Captivitatis è in questo modo ricreato a partire dalla semplicità di oggetti comuni, che attraversano, nel silenzio e nella modestia, senza clamore, il tempo della memoria, acquisendo un nuovo statuto, una nuova consistenza. Una nuova vita.La Via Crucis di Marchelli è certamente un tentativo originale, quanto riuscito, d’interpretazione di una sequenza narrativa tra le più importanti dell’iconografia cristiana: sequenza che invita a meditare, o meglio ancora, a pregare sul mistero dell’esistenza stessa dell’uomo.

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Via Crucis al Colosseo

Posted by fidest press agency su venerdì, 30 marzo 2018

Questa sera, durante la Via Crucis del Verdì Santo, il Colosseo tornerà a parlare al mondo del martirio cristiano e a creare e riannodare «un legame – virtuoso e di testimonianza – tra i cristiani della prima ora, uccisi in quel luogo e quelli che ancora oggi vengono uccisi in diverse parti del mondo per aver accolto seriamente nella loro vita Gesù ed il suo Vangelo».
Un’occasione per ripensare ai molti cristiani che oggi, ancor più che nei primi tempi della Chiesa, pagano con il martirio la fedeltà a Cristo. Fratelli nella fede dai quali, afferma monsignor Galantino, noi che viviamo in «un mondo a corto di testimoni coerenti e appassionati, soprattutto appassionati di Cristo e del Vangelo», possiamo trarre un fondamentale insegnamento. «Il sangue dei nuovi martiri è condanna della nostra superficialità e della superficialità con la quale viviamo la fede, ridotta troppo spesso ad apparenza, a cerimonie che non impegnano e a parole – semmai pie – ma irrilevanti. Cerimonie e parole sulle quali facciamo fatica a scommettere qualcosa di noi stessi».Ma il loro esempio impone al tempo stesso atti concreti da parte nostra. Impone a tante istituzioni di spezzare il loro «triste, assordante e insopportabile silenzio» sulla violenza consumata a danno dei cristiani, e a molte agenzie culturali e umanitarie di porre fine alla loro «riprovevole commozione a intermittenza», che si accende soltanto in occasione di eventi tragicamente eclatanti.
Stasera, durante la Via Crucis, guardando all’Anfiteatro Flavio tutti noi dobbiamo ascoltare il grido dei milioni di cristiani perseguitati. «Papa Francesco ci invita continuamente a far sentire la nostra vicinanza a questi fratelli e sorelle di fede. Ma questo non basta! Bisogna fare tutto quello che è possibile per fermare la violenza cieca di chi vigliaccamente assalta chiese, distruggendole e uccidendo i fedeli. Bisogna fermare la logica perfida ed omicida delle cosiddette leggi contro la blasfemia!».

Posted in Roma/about Rome, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Torna dopo tre anni la Via Crucis Vivente di Frassinoro

Posted by fidest press agency su domenica, 1 aprile 2012

Italiano: Frassinoro, provincia di Modena. Si ...

Italiano: Frassinoro, provincia di Modena. Si vede uno dei luoghi principali del paese, piazza Miani e il Municipio (con l'orologio). English: Frassinoro, province of Modena. It is a view of one of the main places of the town, Miani square and the Town Hall (Municipio) with its clock. (Photo credit: Wikipedia)

Frassinoro (Modena) La notte del Venerdì Santo – il 6 aprile – si svolgerà, infatti, la sacra rappresentazione che gli abitanti del paese appenninico allestiscono dal Medioevo ogni tre anni. La manifestazione, unica in Emilia-Romagna e tra le più conosciute in Italia, per l’edizione 2012 ha ottenuto anche il patrocinio della Presidenza del Consiglio dei Ministri.La “Processione del Cristo Morto” – come veniva chiamata a inizio ‘900 la rievocazione – parte e arriva all’Abbazia benedettina di Frassinoro. La Passione è rappresentata, a differenza di iniziative analoghe, attraverso quadri statici: sono i pellegrini e i visitatori a sfilare in processione, lungo il tracciato, illuminato dalle fiaccole ammirando i quadri viventi allestiti dagli abitanti del paese.Giovani e non più giovani – in tutto oltre 300 figuranti – continuano a impegnarsi insieme per collaborare e conservare questa tradizione unica e inimitabile che, con le sue quattordici stazioni, si conferma la più rilevante processione storico-religiosa dell’Emilia-Romagna. Il percorso è arricchito dalla lettura di brani del Vangelo e accompagnato da musica sacra. Per favorire la partecipazione all’evento anche da parte di chi abita più lontano o per permettere di tuffarsi qualche ora in più nei paesaggi incontaminati dell’Appennino, il Consorzio Valli del Cimone lancia un’offerta che permette di soggiornare in hotel a Piandelagotti (in mezza pensione) e di usufruire del servizio navetta dai parcheggi di Frassinoro al centro per 45 euro a persona.

Posted in Cronaca/News, Viaggia/travel | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

La Via Crucis di un povero Cristo

Posted by fidest press agency su mercoledì, 18 Mag 2011

Napoli da giovedì 19 a domenica 22 maggio 2011 – ore 21 presso Fondazione Pietà de’ Turchini – Centro di Musica Antica via S. Caterina da Siena 38, La Via Crucis di un povero Cristo scritto e diretto da Carmine Borrino con Anna Moriello, Rosario D’Angelo, Noemi Coppola, Carmine Borrino, Mariano Bellopede
Lo spettacolo INTERCITYPlus mette in scena una storia tanto contemporanea quanto antica: la questione dell’emigrazione. Salvatore, giovane ragazzo meridionale, compie il lungo viaggio da sud verso nord alla ricerca di una vita più dignitosa. Un viaggio di 14 stazioni come le stazione che Cristo compie nel suo calvario. Accompagnato dalla madre Maria, dalla fidanzata Maddalena e dal cugino Giovanni, arriva a destinazione “stanco-morto” per la meritata resurrezione a vita migliore.
«Un viaggio dall’esasperazione. Una fuga verso una vita migliore. Un percorso lungo 14 stazioni, come quelle percorse da Cristo nella via Crucis, che diventano 14 stazioni di un Intercity che da Napoli arriva a Treviso. Sette ore di viaggio lungo il quale si consuma la disperazione di un povero cristo meridionale. Disperazione che diventa morte e, ovviamente, resurrezione», Carmine Borrino, autore, regista e interprete dello spettacolo, introduce così il suo lavoro.

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Via Crucis con i versi di Karol Wojtila

Posted by fidest press agency su giovedì, 14 aprile 2011

A cura di Sr. Maria Manuela Cavrini Cantagalli 2011 pp. 48 euro 4,50. Le tappe del cammino di Cristo verso il Calvario accompagnate dalle riflessioni in poesia di Karol Wojtyla. A pochi giorni dalla beatificazione di Giovanni Paolo II, un’occasione per accrescere il senso di vicinanza e l’affetto per un Papa che con la sua vita, e con la sua sofferenza, ha testimoniato la sua completa adesione al progetto di Dio su di lui, e per entrare profondamnete nel Mistero del totale svuotamento e della suprema gloria del Figlio di Dio. Come è stato per il nostro amato Giovanni Paolo II, nelle lunghe notti della storia e dell’uomo la fede e la poesia ci aiutano a tener desta la speranza e a intravedere l’alba. Sr. Maria Manuela Cavrini, bolognese, si è laureata in Lettere classiche con il prof. Ezio Raimondi, con una tesi sull’Infinito leopardiano. Da più di 20 anni è clarissa nel monastero di Città della Pieve (Perugia). Lavora alla rivista Forma Sororum, di cui è stata per anni responsabile e su cui ha pubblicato diversi studi. Nel 1992 ha pubblicato per il Movimento Francescano (BO) Con santa Chiara preparando il centenario. Per le Edizioni Messaggero Padova, Novena dell’Immacolata. Con testi e poesie di letterati e mistici(2007), Novena di santa Chiara con i versi di Giovanni Paolo II (2010) e Novena di Natale. «Per questa via nuova e vivente»(2007, con don Sandro Carotta); nel 2009, sempre con don Sandro Carotta, Con lo sguardo di Maria. Icone bibliche e poeti.(via Crucis)

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Via Crucis

Posted by fidest press agency su sabato, 26 marzo 2011

Le quattordici stazioni della Via Crucis da vivere attraverso le parole del Cardinale Martini. La Passione di Cristo, da sempre nel cuore dei fedeli, è qui messa in luce non solo come fatto storico, ma anche per la sua attualità per l’uomo d’oggi, per il suo messaggio rivolto a chiunque sia disposto ad ascoltarlo. Il volume, realizzato in collaborazione dalla Fondazione Culturale San Fedele, nasce dal desiderio di proporre un momento di riflessione sul tema della Via Crucis a partire dalle meditazioni del cardinale Carlo Maria Martini. di Carlo Maria Martini postfazione di Massimo Cacciari Edizioni San Paolo 140 pagine € 14,00

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

La Via Crucis di un povero Cristo

Posted by fidest press agency su martedì, 12 ottobre 2010

Pozzuoli (Na) via Solfatara – P.co Bognar, 21 presso Art Garage – sala Moliere da giovedì 14 a domenica 17 ottobre – ore 21 sabato 16 ottobre – ore 18  Intercityplus La Via Crucis di un povero Cristo scritto e diretto da Carmine Borrino con Anna Moriello, Rosario D’Angelo, Noemi Coppola e Carmine Borrino Musiche eseguite dal vivo da Mariano Bellopede
Quest’anno ricorre il 150° anniversario dell’Unità d’Italia. Eppure l’Italia non sembra né unita, né moderna. Lo spettacolo INTERCITYPLUS mette in scena una storia tanto contemporanea quanto antica: la questione dell’emigrazione.  Salvatore, giovane ragazzo meridionale, compie il lungo viaggio da sud verso nord alla ricerca di una vita più dignitosa. Un viaggio di 14 stazioni come le stazione che Cristo compie nel suo calvario. Accompagnato dalla madre Maria, dalla fidanzata Maddalena e dal cugino Giovanni, arriva a destinazione “stanco-morto” per la meritata resurrezione a vita migliore.   Uno spettacolo fortemente politico, a testimonianza di quanto la politica sia entrata prepotentemente e in maniera “sporca” nella vita di ciascun italiano. Condizionandone il destino, influenzando amori e umori, ostacolando la crescita di ragazzi che, se pur uomini, non riescono a maturare, e inducendo madri ad esercitare un affetto iperprotettivo nei confronti di figli sempre più precari, sia dal punto di vista sociale e lavorativo che da quello emotivo, affettivo, sessuale.  Un testo che racconta la fragilità economica, sociale e culturale del meridione rispetto al Nord industriale e operoso: «Migliaia di persone l’anno si trasferiscono ancora da sud verso nord, un’emigrazione che non si è mai arrestata. Tutti si mettono in viaggio verso una vita più dignitosa, attraversano l’Italia tentando l’ultima carta, sperando di ottenere, lavorando, ciò che fa di un uomo un Uomo». (carmine borrino)

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Palermo: Via Crucis

Posted by fidest press agency su giovedì, 25 marzo 2010

Palermo 26 marzo. La partenza è fissata alle ore 21 dal Santuario della Madonna dei Rimedi in piazza Indipendenza. la tradizionale “Via Crucis” cittadina, in preparazione della Santa Pasqua, è stata organizzata dall’Arcidiocesi. Il pio esercizio di preghiera sarà guidato come di consueto dall’Arcivescovo mons. Paolo Romeo che ritorna da Roma dove ha preso parte ai lavori del Consiglio permanente della Conferenza Episcopale Italiana. L’arrivo e la conclusione del corteo avverrà nel piazzale antistante la Cattedrale dove mons. Romeo pronuncerà una riflessione finale.
Sono invitati a partecipare i presbiteri e i diaconi, che indosseranno la stola di colore rosso, i religiosi e le religiose, i membri dei Consigli Pastorali e dei centri diocesani, i ministri istituiti, i ministri straordinari, i componenti delle associazioni e dei movimenti ecclesiali, delle confraternite laicali e i fedeli tutti.

Posted in Cronaca/News | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Teatro: “La serva”

Posted by fidest press agency su lunedì, 1 marzo 2010

Bologna da venerdì 5 a domenica 7 Marzo, feriali ore 21, domenica ore 16, al Teatro Dehon Via Libia, 59, il Teatro Argot di Roma presenta Crescenza Guarnieri in “La serva” di Gianni Clemente. Regia di Maurizio Panici, musiche di Stefano Saletti.   “La Serva” è una storia di ultimi… ultimi nel “Primero Mundo” con l’assoluta necessità di amare… disposti a tutto pur di avere un po’ di amore. Osservare la Serva è spiare un mondo sempre più a noi vicino, eppure così ostinatamente tenuto lontano. Estrella canta, ama, si dà con la semplicità e il candore di chi non ha difese, con l’incoscienza di un ragazzo. Estrella vive e attraversa con leggerezza  e sofferenza le difficoltà di un mondo parallelo che scorre nell’estenuante fatica del vivere quotidiano. Una “via crucis” alla ricerca dell’amore assoluto, mai consu-mato… Questo testo ci offre la possibilità di lasciarsi andare alle emozioni, ci rimanda a profumi che anche se lontani sono a noi conosciuti, ci apre a orizzonti emotivi, a squarci del cuore, a ferite dolorose, a nostalgie… a saudade. Ma La Serva è anche lo sguardo dal basso di chi vive in una società dell’opulenza travolta dall’eccessiva ricerca di un benessere edonistico fine a sé stesso. E’ infine il racconto di un’as-senza, di una mancanza, di un vuoto che non potrà più essere riempito.
Crescenza Guarnieri è splendida nel cesellare un ritratto di donna destinato a non essere dimenticato. Tenera e furente, forte e indifesa, in fondo orgogliosa di quel che è, grata, nonostante tutto, al mondo che la ha accolta, disarmante e sola nel suo doloroso e  disperato bisogno di amore, pura e infantile anche quando si lascia andare ad amori da poco, consumati in balere che sanno di piscio e sudore, lungo i passi di danze caribeñe o di malinconici tangos Web: http://www.teatrodehon.it Prezzo: Intero: 20 Euro Ridotti: 17 Euro (guarnieri)

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Via Crucis

Posted by fidest press agency su giovedì, 26 marzo 2009

Padova Venerdì 27 marzo, ore 21 Basilica del Santo La Cappella Musicale del Santo, diretta da Valerio Casarin, con all’organo Massimo Dal Prà, propone il dramma delle ultime ore della vita di Cristo, eseguendo la “Via Crucis” per soli coro e  organo su partitura musicale di Franz Listz.  Solisti: Daniela Segato (soprano), Marco Cazzuffi (baritono), Luigi Varotto (basso).  L’intensità dell’evento è  supportata dalle riflessioni di papa Benedetto XVI (allora cardinale Joseph Ratzinger) lette dagli attori Filippo Crispo, Annalisa Mastrogiacomo, Vittoria Bettella, Fabio Albertin. Listz compose la sua Via Crucis a Roma dal 1878 al 1879 e la ultimò a Budapest. Scrivendola aveva pensato a due possibili forme di rappresentazione dell’opera: la prima per soli coro e organo o pianoforte; la seconda senza parti vocali, solo per organo o forse per pianoforte. Sognava di proporre la prima forma nel Colosseo, “luogo,- egli scrive nella premessa dell’opera -,  dove il sole si è abbeverato del sangue dei martiri cristiani… In più di un’occasione ho ripetuto, genuflesso “O! Crux ave! Spes unica” (Salve, o Croce, unica mia speranza).  Listz riteneva il crocifisso il simbolo di una storia sempre presente, di una esperienza universale e perenne di dolore e della solitudine della morte.  Per far parlare la Via Crucis oltre la devozione, il cardinale Ratzinger (2005) presta la sua meditazione per stigmatizzare la pusillanimità, l’indecisione, che danno forza al male. Afferma che il prezzo della giustizia è la sofferenza e che la fede può scaturire da un incontro involontario con la processione del condannato sulla “Via Dolorosa”.  La stazione VII, in occasione della terza caduta di Gesù con il “patibolo”, traccia il profilo dell’uomo che banalizza la speranza e non crede più a nulla. Ma con uno sguardo domestico si lamenta della “sporcizia che è nella chiesa” (stazione IX).  L’opera di Listz si conclude con un grande coro attorno al Crocifisso, che fa dire a Borges, nel suo “Cristo in croce”: “Non lo vedo/ma insisterò a cercarlo/fino al giorno/dei miei ultimi passi sulla terra”.

Posted in Cronaca/News | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »