Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 32 n° 312

Posts Tagged ‘viaggio’

Il viaggio di Halla di Naomi Mitchison

Posted by fidest press agency su giovedì, 22 ottobre 2020

Collana LAINYA (Fazi Editore) Arriva per la prima volta in Italia un classico della letteratura fantasy del Novecento scaturito dalla penna di una scrittrice tutta da riscoprire, migliore amica di J.R.R. Tolkien e prima lettrice de Il Signore degli Anelli. Dalle foreste medievali a Costantinopoli, Il viaggio di Halla è un racconto agile, profondo e divertente che trasporta il lettore in un mondo dove si può incontrare un basilisco nel deserto, dove gli eroi vengono portati nel Valhalla dalle Valchirie e dove si può far fortuna chiacchierando con il cavallo giusto. Una storia incantevole, che sorprende per la sua originalità. In libreria dal 5 novembre

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Un viaggio nelle periferie romane

Posted by fidest press agency su domenica, 11 ottobre 2020

Roma Giovedì 15 ottobre 2020 ore 11.00 – 13.00 Museo di Roma in Trastevere, Piazza di Sant’Egidio 1/B Un viaggio nelle periferie romane, attraverso circa 100 fotografie a colori, che Massimo Siragusa (Catania 1958) conosce e studia da tempo, raccontate attraverso lo sguardo attento della sua macchina fotografica, quasi un documentario, con paesaggi in cui reperti del passato e dell’antico splendore di Roma coesistono con le palazzine degli anni sessanta, con le strade trasformate in parcheggi e con le costruzioni abusive. Curata da Giovanna Calvenzi, la mostra resterà aperta fino al 10 gennaio 2021. Ingresso contingentato, per fasce orarie e solo previo accreditamento. ricorda a tutti i partecipanti di attenersi a quanto disposto dalla vigente normativa contenente misure riguardanti il contrasto e il contenimento sull’intero territorio nazionale del diffondersi del Coronavirus.

Posted in Politica/Politics, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Un viaggio nei nostri pensieri e alla ricerca dei suoi processi evolutivi

Posted by fidest press agency su giovedì, 3 settembre 2020

Non deve apparirci strano se ci siamo ritrovati con il desiderio di scoprire cosa si celasse al nostro interno e di capire le sottili trame che legano il pensiero all’azione, alla sua capacità di formulare idee, di ben argomentarle, di opporsi con ragionamenti logici a quelle altrui e di ordinare i moti “razionali” che guidano i pensieri attraverso i nostri “organi”.
Che cosa potremmo fare se, con il cervello, non ci fosse una pompa chiamata cuore o un laboratorio chimico chiamato fegato o i reni per pulire il sangue dalle tante impurità e i polmoni per respirare e fornire ossigeno alle cellule del nostro corpo?
Vi è anche uno stomaco per macerare le varie sostanze che ingurgitiamo, per sostenerci, e un intestino per digerire ed evacuare gli scarti e alla fine delle gambe per muoverci e le mani per svolgere altre funzioni.
Stiamo, sulla stessa lunghezza d’onda, da quando ci siamo avviati alla comprensione totale del funzionamento del genoma dell’uomo. L’impresa è eccezionale. Il suo DNA conta tre milioni di nucleotidi.
I ricercatori incominciavano, già nel 1985, a sequenziare i microrganismi con il batterio Escherichia coli e il lievito e pensavano di mappare anche quello dell’uomo. Fu dato il via al progetto l’anno successivo. Ci pensò, a segnalarlo, con un articolo, Dulbecco sulla rivista Science. L’impresa appariva, ai più, disperata. Noi sappiamo che il Dna è un filamento che contiene il codice genetico di un organismo umano. Si suddivide in 23 paia di cromosomi. 22 coppie sono uguali e la ventitreesima è rappresentata dai cromosomi sessuali (XX per la femmina, XY per il maschio).
In tutto il Dna dell’uomo non meno di 100 mila sono geni, (il 3/5% del Dna) di cui 90mila sono stati, a tutt’oggi, identificati. Tale accelerazione della ricerca è stata determinata in seguito all’iniziativa di Craig Venter di creare un secondo progetto genoma.
Il primo fu promosso fin dal 1986 dai National Institute of Health americani, e poi guidati da Francis Collins. L’anno successivo vi partecipò anche l’Italia, grazie ai finanziamenti del CNR.
Abbiamo, in questo modo, due progetti di cui uno pubblico del Nhi e l’altro privato, alimentato dalle industrie farmaceutiche, che puntano a sfruttare le conoscenze sul DNA per preparare farmaci.
Oggi sequenziare il DNA non è più un problema perché è possibile avere macchine per il sequenziamento automatico. È necessario, semmai, disporre più macchine per farlo.
In questo campo la sfida è aperta e la posta in gioco è molto alta. Si tratta di comprendere attraverso quali meccanismi agiscono gli organismi patogeni.
Tale conoscenza ci permetterebbe di preparare strategie di difesa più efficaci e, soprattutto, determinanti. Non dimentichiamo che sono proprio questi organismi patogeni che generano malattie che provocano, in molti casi, la morte e soprattutto nei paesi in via di sviluppo: lebbra, malaria, tubercolosi, febbre tifoide, meningite, peste e aids, tanto per citare le più tristemente note. Non solo. Oggi dobbiamo verificare sulla nostra pelle le capacità aggressive dei virus e il modo come sono in grado di sconvolgere la nostra vita. Ma ciò che ci sconcerta di più è che, di là del contingente, abbiamo la tendenza ad ignorare tali pericoli tanto da renderli pandemici, nel momento in cui si mostrano, salvo poi stupirci se non siamo riusciti a prevederli e a debellarli. In pratica ci manca la cultura della prevenzione e la saggezza nel dare giusto rilievo e soprattutto risorse alla ricerca scientifica e, essenzialmente, in maniera continuativa nell’arco delle nostre esistenze presenti e future. (Riccardo Alfonso)

Posted in Confronti/Your and my opinions | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Regole per i viaggi in USA in questo periodo di Covid

Posted by fidest press agency su mercoledì, 29 luglio 2020

“In seguito alle numerose richieste ricevute ho voluto interpellare direttamente l’ambasciata americana a Roma per avere risposte certe sulle norme di viaggio dall’Italia verso gli USA nell’attuale contesto emergenziale dovuto al Covid.
Nel rispondermi, Jess Bradshaw, Console degli Stati Uniti d’America a Roma, ha precisato che “a partire dall’11 Marzo 2020 il Proclama Presidenziale 9993 sospende l’ingresso negli Stati Uniti di tutti i cittadini stranieri fisicamente presenti all’interno dell’area Schengen, compresa l’Italia, durante i 14 giorni precedenti il loro ingresso o il tentativo di ingresso negli Stati Uniti. Il Proclama riguarda viaggi per turismo e cittadini stranieri in transito dall’area Schengen. Vi sono limitate eccezioni, relative a viaggi urgenti di natura umanitaria e medica, studenti, alcuni scambi culturali e viaggi per affari, come riportato sul nostro sito https://it.usembassy.gov/it/visti/. I viaggiatori che sono già in possesso di un visto valido o di un ESTA approvato sono tenuti a verificare che abbiano i requisiti per beneficiare di un’eccezione di interesse nazionale scrivendo all’ambasciata o al consolato di pertinenza della propria regione di residenza. Non sappiamo quando verrà revocato il proclama presidenziale e quando riprenderanno tutti i normali servizi di visto, ma incoraggiamo tutti i viaggiatori a continuare a monitorare il nostro sito web https://it.usembassy.gov/it/visti/ per aggiornamenti”. Spero che tali informazioni siano utili a tutti coloro che intendono recarsi negli Stati Uniti a breve termine auspicando un rapido ritorno alla normalità ed il ripristino delle normali procedure di visto”.Lo ha dichiarato l’on. Fucsia Nissoli Fitzgerald, deputata di Forza Italia eletta in Nord e Centro America.

Posted in Viaggia/travel | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

E’ in libreria “Il viaggio di don Oreste”

Posted by fidest press agency su giovedì, 2 luglio 2020

La prima biografia illustrata di don Oreste Benzi è da oggi disponibile in libreria, pubblicata da Sempre Editore, la casa editrice fondata dallo stesso don Benzi, con testi di Chiara Bonetto e illustrazioni di Giulia Boari. Un libro per bambini che racconta la straordinaria avventura del “prete dalla tonaca lisa”, che ha scomodato le coscienze di gente comune e potenti per restituire dignità ai poveri.Un susseguirsi di aneddoti e racconti straordinari e avventurosi – tutti rigorosamente veri – narrati con un linguaggio adatto ai bambini, per far loro conoscere questo “eroe positivo”. Un personaggio davvero unico – come sa chi lo ha conosciuto – che non si arrende di fronte alle difficoltà, che si lascia toccare il cuore dai poveri, che svela ciò che ci cela dietro le apparenze, che non tace di fronte alle ingiustizie, che offre la prospettiva di un mondo nuovo che tutti possono costruire.Per scegliere gli aneddoti da raccontare l’autrice Chiara Bonetto, giornalista che ha conosciuto personalmente don Benzi, ha compiuto un ampio lavoro di ricerca: «Ho letto i libri finora usciti sulla vita di don Benzi, ho consultato il materiale conservato presso il centro di documentazione della Comunità Papa Giovanni XXIII e in qualche caso ho anche intervistato i protagonisti dei fatti narrati. – racconta – Anche se è un libro per bambini, volevo essere fedele il più possibile a quello che è davvero successo».Per dare un volto a don Benzi la casa editrice si è affidata a Giulia Boari, giovane illustratrice che ha già all’attivo molte pubblicazioni.Il libro si apre con il piccolo Oreste che in seconda elementare sente la maestra Olga parlare di tre figure: lo scienziato, l’esploratore e il sacerdote. Quando torna da scuola, dice a sua madre «io farò il prete». Significativo che il libro esca proprio il 29 giugno, anniversario della sua ordinazione sacerdotale avvenuta nel 1949, quando aveva 23 anni. Ma in tutta la sua vita sarà anche in qualche modo esploratore e scienziato, con avventure e scoperte: il viaggio in America, la lotta per i diritti dei disabili, l’invenzione della casa famiglia, le missioni e l’incontro con il volto di tanti poveri che hanno segnato il suo cammino.Il libro è disponibile in tutte le librerie, anche on-line, oppure si può acquistare direttamente dallo shop della casa editrice.

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

“Viaggio in Italia: per un’estate italiana”

Posted by fidest press agency su giovedì, 14 maggio 2020

E’ la nuova campagna promossa dal Ministero per i Beni e le Attività culturali e per il Turismo in collaborazione con l’Enit, il Touring Club Italiano e l’Associazione dei Borghi più belli d’Italia in vista della più ampia attività di promozione istituzionale di questa prossima stagione estiva. Un avvicinamento costituito dal racconto del territorio nazionale attraverso una selezione dei manifesti pubblicitari che hanno reso l’Italia celebre nel mondo raccontando per immagini le località più belle e affascinanti della Penisola, nonché i piccoli centri, i borghi, lo splendido paesaggio tra mare e montagna e le aree più interne e meno note del Paese.I manifesti provengono dal Museo Nazionale Collezione Salce di Treviso, dal patrimonio culturale dell’ENIT – Agenzia Nazionale del Turismo, e dall’archivio del Touring Club Italiano. Raccolte su http://www.beniculturali.it/estateitaliana e in continuo aggiornamento, le immagini saranno pubblicate sui canali social, concentrate specialmente nel fine settimana di sabato 9 e domenica 10 maggio per invitare tutti a condividere il proprio #viaggioinitalia, proseguendo con i flash mob fotografici “Art you ready?” promossi dal MiBACT dall’inizio del lockdown con lo scopo di mantenere viva l’attenzione sul patrimonio culturale. “È fondamentale non perdere il contatto con il patrimonio culturale e le bellezze dei nostri territorio” ha dichiarato il ministro Franceschini e anche per questo fine settimana l’invito è sempre lo stesso, quello di condividere le proprie fotografie di paesaggi e luoghi del cuore lungo tutto il territorio nazionale, ripescando scatti recenti nella galleria del proprio smartphone o cercando vecchie foto nei cassetti e negli album fotografici di tanti anni fa.Una promozione che accompagnerà gli italiani attraverso le rappresentazioni retrò di un’Italia che, con gli esempi dei viaggi di allora, diverrà il modello da seguire la prossima estate, un vero e proprio revival per delle vacanze del tutto particolari anche all’insegna del turismo lento: percorsi da intraprendere in bicicletta, a cavallo, in barca a vela e sui treni storici, dedicandosi a quel turismo dolce e sostenibile che, per ragioni diverse ancora, sarà fondamentale riscoprire in questa fase.​Realizzati tra gli anni ’40 e ’50, i manifesti del Museo Salce – che con oltre 24.000 opere conserva la più ampia raccolta di grafica pubblicitaria in Italia – raccontano l’ascesa del turismo italiano, che coincide con l’epoca d’oro del manifesto. All’illustrazione, più economica, colorata e facilmente riproducibile della fotografia, spetta il compito di promuovere le destinazioni più affascinanti, i siti storici di interesse culturale e i prodotti tipici. I primi committenti saranno le ferrovie: per loro gli artisti decoravano con fiori e paesaggi incantevoli le tabelle degli orari. Negli anni tra le due guerre, in seguito anche alla nascita dell’Enit, vengono creati i manifesti turistici più iconici della pubblicità italiana, ad opera di Mario Puppo, Marcello Dudovich, ma anche Giuseppe Riccobaldi del Bava, Giovanni Guerrini e Mario Borgoni. Dopo la Seconda Guerra Mondiale il turismo italiano conoscerà una nuova ondata: saranno soprattutto le spiagge e in particolare la riviera romagnola le mete più ambite del turismo italiano e straniero.L’ENIT è l’Agenzia nazionale italiana del turismo che cura la promozione all’estero dell’immagine turistica italiana e delle varie tipologie dell’offerta turistica nazionale, nonché la promozione integrata delle risorse turistiche delle Regioni, delle Province Autonome di Trento e Bolzano e, per il loro tramite, degli enti locali.ll Touring Club Italiano è una libera associazione senza scopo di lucro che propone ai suoi soci – destinatari e attori della missione – di essere protagonisti di un grande compito: prendersi cura dell’Italia come bene comune perché sia più conosciuta, attrattiva, competitiva e accogliente. Per questo il Touring Club Italiano contribuisce a produrre conoscenza, tutelare e valorizzare il paesaggio, il patrimonio artistico e culturale e le eccellenze economico produttive dei territori, attraverso il volontariato diffuso e una pratica turistica del viaggio etica, responsabile e sostenibili.L’Associazione dei Borghi più belli d’Italia, nata nel 2001 su impulso della Consulta del Turismo dell’Associazione Nazionale dei Comuni Italiani (ANCI), si occupa della valorizzazione, promozione, protezione e sviluppo del grande patrimonio di storia, arte, cultura, ambiente e tradizioni presente nei piccoli centri italiani.

Posted in Viaggia/travel | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Un viaggio nei nostri pensieri e alla ricerca dei suoi processi evolutivi

Posted by fidest press agency su mercoledì, 25 marzo 2020

Non deve apparirci strano se ci siamo ritrovati con il desiderio di scoprire cosa si celasse al nostro interno e di capire le sottili trame che legano il pensiero all’azione, alla sua capacità di formulare idee, di ben argomentarle, di opporsi con ragionamenti logici a quelle altrui e di ordinare i moti “razionali” che guidano i pensieri attraverso i nostri “organi”.
Che cosa potremmo fare se, con il cervello, non ci fosse una pompa chiamata cuore o un laboratorio chimico chiamato fegato o i reni per pulire il sangue dalle tante impurità e i polmoni per respirare e fornire ossigeno alle cellule del nostro corpo?
Vi è anche uno stomaco per macerare le varie sostanze che ingurgitiamo, per sostenerci, e un intestino per digerire ed evacuare gli scarti e alla fine delle gambe per muoverci e le mani per svolgere diverse altre funzioni.
Stiamo, sulla stessa lunghezza d’onda, da quando ci siamo avviati alla comprensione totale del funzionamento del genoma dell’uomo. L’impresa è eccezionale. Il suo DNA conta tre milioni di nucleotidi.
I ricercatori incominciavano, già nel 1985, a sequenziare i microrganismi con il batterio Escherichia coli e il lievito e pensavano di mappare anche quello dell’uomo. Fu dato il via al progetto l’anno successivo. Ci pensò, a segnalarlo, con un articolo, Dulbecco sulla rivista Science. L’impresa appariva, ai più, disperata. Noi sappiamo che il Dna è un filamento che contiene il codice genetico di un organismo umano. Si suddivide in 23 paia di cromosomi. 22 coppie sono uguali e la ventitreesima è rappresentata dai cromosomi sessuali (XX per la femmina, XY per il maschio).
In tutto il Dna dell’uomo non meno di 100 mila sono geni, (il 3/5% del Dna) di cui 90mila sono stati, a tutt’oggi, identificati. Tale accelerazione della ricerca è stata determinata in seguito all’iniziativa di Craig Venter di creare un secondo progetto genoma.
Il primo fu promosso fin dal 1986 dai National Institute of Health americani, e poi guidati da Francis Collins. L’anno successivo vi partecipò anche l’Italia, grazie ai finanziamenti del CNR.
Abbiamo, in questo modo, due progetti di cui uno pubblico del Nhi e l’altro privato, alimentato dalle industrie farmaceutiche, che puntano a sfruttare le conoscenze sul DNA per preparare farmaci.
Oggi sequenziare il DNA non è più un problema perché è possibile avere macchine per il sequenziamento automatico. È necessario, semmai, disporre più macchine per farlo.
In questo campo la sfida è aperta e la posta in gioco è molto alta. Si tratta di comprendere attraverso quali meccanismi agiscono gli organismi patogeni.
Tale conoscenza ci permetterebbe di preparare strategie di difesa più efficaci e, soprattutto, determinanti. Non dimentichiamo che sono proprio questi organismi patogeni che generano malattie che provocano, in molti casi, la morte e soprattutto nei paesi in via di sviluppo: lebbra, malaria, tubercolosi, febbre tifoide, meningite, peste e aids, tanto per citare le più tristemente note. Non solo. Oggi dobbiamo verificare sulla nostra pelle le capacità aggressive dei virus e il modo come sono in grado di sconvolgere la nostra vita. Ma ciò che ci sconcerta di più è che, di là del contingente, abbiamo la tendenza ad ignorare tali pericoli tanto da renderli pandemici, nel momento in cui si mostrano, salvo poi stupirci se non siamo riusciti a prevederli e a debellarli. In pratica ci manca la cultura della prevenzione e la saggezza nel dare giusto rilievo e soprattutto risorse alla ricerca scientifica e, essenzialmente, in maniera continuativa nell’arco delle nostre esistenze presenti e future. (Riccardo Alfonso)

Posted in Confronti/Your and my opinions | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Viaggio studio di 3 giorni in Estonia

Posted by fidest press agency su sabato, 8 febbraio 2020

Lo è per scoprire il modello più avanzato di società digitale del futuro. In una società sempre più digitale la comprensione degli strumenti e la capacita` di farne un uso consapevole sono elementi che tracciano un solco profondo fra chi può coglierne i vantaggi e chi ne rimane ai margini. Risulta quindi necessario comunicarne il valore d’uso e sensibilizzare in maniera efficace sulle opportunità che questi strumenti offrono. Con questa finalità l’Agenda Digitale della Regione Emilia-Romagna e Lepida spa lanciano SPID Race, uno sprint agile via web per gruppi di ragazzi delle scuole superiori del territorio.Il progetto nasce con lo scopo di diffondere la consapevolezza sull’Identità Digitale tramite responsabilizzazione e gamification, premiando il ruolo di cittadini attivi e competenti svolto dagli studenti, e allo stesso tempo sperimentare nuove modalità di attivazione dei ragazzi intorno a tematiche di interesse collettivo. Gli studenti, tra i maggiori fruitori delle piattaforme digitali, saranno coinvolti in un progetto di formazione che utilizza la chiave del gioco e si misureranno con i linguaggi e con gli strumenti della collaborazione digitale, della progettazione, della comunicazione e della cittadinanza attiva.Dopo aver acquisito la conoscenza dei concetti fondamentali di cittadinanza digitale e attivazione civica, gli studenti si sfideranno nel convincere il maggior numero possibile di genitori e conoscenti adulti nell’acquisizione del proprio profilo SPID. Tutti i ragazzi possono iscriversi autonomamente alla gara sul sito http://www.spidrace.it fino al 10 febbraio 2020 e potranno partecipare in squadre che potranno contare fino a un massimo di 10 componenti (appartenenti allo stesso istituto).Supportati da lezione in video-streaming sul web e toolkit informativi sulla cittadinanza digitale e sugli approcci utili per comunicare i valori della campagna, avranno poco piu` di un mese di tempo per diffondere le conoscenze acquisite e convincere il maggior numero di persone ad attivare profili SPID, guidandoli nelle procedure e indicandogli il codice legato al team (indispensabile per il conteggio delle attivazioni a cura di Lepida).
In palio, per il team vincitore, un viaggio studio di 3 giorni in Estonia, per scoprire il modello più avanzato di società digitale del futuro che la piccola capitale europea del paese sta portando avanti con grande successo (progetto https://e-estonia.com/).SPID Race sarà anche un’opportunità, per la Regione, per accelerare quantitativamente l’adozione dei servizi digitali partendo proprio da SPID, mediando il digitale a favore delle famiglie, accendendo una riflessione sui temi dell’identità digitale, della privacy e del rapporto cittadino-PA.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Brexit, gli impatti su assicurazioni auto, sanitarie e di viaggio

Posted by fidest press agency su domenica, 2 febbraio 2020

La Gran Bretagna non fa più parte dell’Unione europea. Facile.it, in collaborazione con il giornalista Paolo Fiore, si è chiesto cosa cambierà per gli italiani che viaggeranno e guideranno nel Regno Unito, ed ecco cosa abbiamo scoperto.
La prima notizia è che non scatteranno grandi cambiamenti dall’oggi al domani, ma anche per quanto riguarda le assicurazioni ci sarà un periodo di transizione, che dovrebbe scadere il 31 dicembre 2020. Modifiche più consistenti potrebbero invece scattare dal Capodanno 2021. Ma la loro entità dipende dall’esito dei negoziati in corso.
I cittadini dell’Ue potranno continuare a viaggiare verso la Gran Bretagna con le stesse regole. “Quest’anno non ci sono modifiche nei documenti di viaggio”, spiega il governo britannico. Per ora, quindi, niente visto. Basteranno un passaporto valido o la carta d’identità. Quest’ultima potrebbe non essere più accettata dal 2021. Se così fosse, Londra avviserà comunque i viaggiatori, indicando con ampio anticipo la data in cui le regole cambieranno. Gli automobilisti in possesso di una patente europea potranno continuare a guidare in Gran Bretagna anche dal primo febbraio. Non serve, al momento, una licenza internazionale. Se si percorrono le strade britanniche con il proprio veicolo, l’auto deve essere chiaramente assicurata. Si deve dare prova che lo sia portando materialmente con sé la “carta verde”, sulla quale devono essere indicati nome dell’assicurato, targa dell’auto e periodo della copertura assicurativa.
Dal 2021 potrebbero esserci alcuni cambiamenti. Improbabile che, in linea generale, venga richiesta a tutti gli automobilisti una licenza internazionale. È possibile però che, al termine del periodo di transizione, ci sia uno scenario più frammentato: gli accordi sulle licenze di guida potrebbero dipendere infatti da accordi con i singoli Stati e variare da Paese a Paese. Per chi viaggia verso la Gran Bretagna, resta valida la tessera europea di assicurazione malattia. Consente di accedere più agevolmente alle cure mediche, ma non copre tutte le spese. Le autorità britanniche raccomandano quindi di sottoscrivere, in ogni caso, un’assicurazione sanitaria che copra l’intera durata della permanenza. Dal 2021, la tessera europea potrebbe non essere più valida. Ma, ancora una volta, dipende dalle intese che verranno raggiunte. Il governo britannico ha fatto sapere che “l’obiettivo è sottoscrivere accordi di assistenza sanitaria reciproca con l’Ue o con singoli Paesi”, in modo da “fornire cure mediche a un costo ridotto o, in alcuni casi, gratuite”.
Il 25 giugno 2018 l’Eiopa (l’Autorità europea delle assicurazioni e delle pensioni aziendali e professionali) ha richiamato l’attenzione sulla necessità che le imprese di assicurazione e gli intermediari assicurativi europei informino i clienti “sul possibile impatto della Brexit sui contratti assicurativi in essere” e “sulle misure adottate per garantire, dopo la Brexit, la continuità del servizio e l’esecuzione dei contratti stipulati”. Nel corso del 2020, quindi, le compagnie dovrebbero inviare ai clienti comunicazioni nel caso in cui cambiassero alcune condizioni legate alle polizze in essere.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Dove va la giustizia

Posted by fidest press agency su martedì, 26 novembre 2019

Durante il viaggio del Papa in Thailandia e Giappone non è andato trascurato un discorso da lui pronunciato il 15 novembre scorso in occasione del Congresso mondiale sul diritto penale, perché esprime un giudizio critico e fortemente innovativo sullo stato attuale della giustizia penale. Intanto egli nota che l’attuale situazione economica, caratterizzata dalla globalizzazione del capitale speculativo, e dal “principio di massimizzazione del profitto”, è esso stesso punitivo e porta ad eccessi di irrazionalità punitiva come reclusioni di massa, affollamento e torture nelle prigioni, arbitrio e abusi delle forze di sicurezza, criminalizzazione della protesta sociale, abuso della reclusione preventiva, ripudio del sistema delle garanzie.Nello stesso tempo non vengono sanzionati i delitti dei più potenti, in particolare la macro-delinquenza delle corporazioni (o imprese) che offende le persone e l’ambiente e colpisce l’economia di intere Nazioni. Spesso si tratta di crimini contro l’umanità che provocano fame, miseria, migrazioni forzate, mancanza di cure, disastri ambientali e etnocidio di popoli indigeni.
Il papa critica poi recenti aggravamenti della legislazione sulla legittima difesa e la giustificazione, in nome del dovere, di crimini commessi dalle forze di sicurezza (l’America Latina ne sa qualcosa!). Francesco denuncia poi come la cultura dello scarto stia degenerando nella cultura dell’odio (a volte, dice, sembra di sentir parlare Hitler!) ed evoca non a caso le persecuzioni contro gli ebrei, gli zingari e le persone (uomini e donne) omosessuali. Il papa critica anche l’abuso dei mezzi giudiziari col pretesto della lotta contro la corruzione per rovesciare governi, combattere politici (si pensi a Lula!) e promuovere l’antipolitica.Papa Francesco annuncia poi che nel catechismo della Chiesa cattolica sarà introdotto il peccato ecologico, ed esorta a non fare della funzione giudiziaria penale un meccanismo cinico e impersonale e ad instaurare invece una “giustizia penale restaurativa” nella quale il fare giustizia alla vittima è tutt’altra cosa che giustiziare l’aggressore.
Sul piano delle novità nella vita della Chiesa sono da segnalare gli sviluppi della Dichiarazione di Abu Dhabi, con la costituzione di un Comitato interreligioso per attuarla, in cui sono entrati anche gli Ebrei dando luogo così a una simbolica “casa abramitica”, e una dichiarazione della Santa Sede che conferma la linea dei “due popoli in due Stati” in Palestina, contro la decisione di Trump che legittima l’annessione israeliana delle colonie nei Territori Occupati.È uscito anche un manifesto delle “sardine” il movimento che riempie le piazze contro Salvini. Non è ancora politica ma è la riapparizione, rovesciata, di quella che una volta era chiamata la “maggioranza silenziosa”; questa volta essa ha soprattutto la funzione di togliere credibilità alla pretesa dei populisti di parlare a nome “degli italiani”, “dei cittadini”: italiani e cittadini sono di là, ma anche, e in maggioranza, dall’altra parte. La seconda cosa significativa è che quest’altra parte si raccoglie e manifesta non su una opzione di partito, ma su una posizione identitaria e morale: essa è contro la cultura, la politica e il linguaggio dell’odio, del disprezzo, dei respingimenti, della rissa; l’Italia non è questa, ed è su questo che Salvini già da tempo, già durante il suo esercizio del governo, è stato e viene sconfitto, come allora scrivemmo. E quando le “sardine” dicono: “avete il diritto di parola, ma non il diritto di avere qualcuno che vi stia ad ascoltare”, espressione che è stata criticata come “fascio-comunista”, non negano in realtà alcun “diritto all’ascolto”, che non esiste, perché se esistesse significherebbe che altri avrebbero “il dovere” dell’ascolto, cosa che non c’è in nessuna Costituzione, c’è solo negli Stati totalitari e di polizia che mettono gli altoparlanti in tutte le piazze. Invece quella frase vuol dire un’altra cosa: che c’è parola e parola, e c’è una parola dell’odio che non passa, di cui la maggioranza rigetta l’ascolto. (fonte: http://www.chiesadituttichiesadeipoveri.it)

Posted in Diritti/Human rights | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

ll viaggio degli Achei e la fondazione della colonia di Sibari

Posted by fidest press agency su lunedì, 25 novembre 2019

Cassano all’Ionio (Cosenza) Lunedì 25 novembre 2019 a Cassano all’Ionio (Cosenza), presso il Museo Nazionale Archeologico della Sibaritide, diretto dalla dottoressa Adele Bonofiglio, si terrà una giornata dedicata al Pettorale in oro e argento, scelto come simbolo del “viaggio lungo le rotte commerciali e scambi culturali nel Mediterraneo” avente come tema portante Il viaggio degli Achei e la fondazione della colonia di Sibari. Ritrovato nell’area di Stombi, il prezioso oggetto faceva parte di un antico pettorale utilizzato probabilmente come ornamento per una veste rituale. Tale reperto riassume nella propria materia d’oro e argento e nella lavorazione decorativa, formata da coppie di palmette a sette petali contrapposte a fiori di loto, i fasti di Sybaris, la città fondata dagli Achei nel 720 a.C., che tra il VII e il VI sec. a.C. conquistò, grazie alla sua floridezza, la supremazia sulle città di confine. Tale ruolo fu perduto dopo due secoli di splendore, quando decadde a seguito della dolorosa sconfitta infertale dall’esercito dei Crotoniati guidati dall’atleta Milone.
L’iniziativa è indetta nell’ambito della Mostra VIDE – VIaggio Dell’Emozione, che coinvolge tutti gli istituti del Polo museale della Calabria, guidato dalla dottoressa Antonella Cucciniello.

Posted in Cronaca/News, Viaggia/travel | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Giffoni Opportunity: School Experience Festival

Posted by fidest press agency su domenica, 17 novembre 2019

Riprende il suo viaggio e, dopo aver coinvolto migliaia di studenti in Veneto e Calabria, sarà a Nuoro (Sardegna) dal 19 al 22 novembre. L’iniziativa fa parte del Piano Nazionale Cinema per la Scuola, in quella cioè che è la collaborazione tra il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca (Miur) e il Ministero per i Beni, le Attività Culturali e il Turismo (Mibact).A coordinare la terza tappa del festival itinerante sarà l’Impresa Sociale “Nuovi Scenari”, diretta da Giuseppe D’Antonio, che insieme al team di Giffoni gestirà le numerose attività rivolte agli oltre 2000 studenti degli istituti secondari di II grado del territorio sardo. Saranno proprio i ragazzi a valutare i film in concorso, selezionati tra un rosa di oltre 1000 opere e dedicati a un pubblico dai 14 ai 20 anni.Si parte con le storie raccontate dai lungometraggi di Feature Experience, in programma: IL CORAGGIO DELLA VERITÀ di George Tillman, CAFARNAO – CAOS E MIRACOLI di Nadine Labaki e BLINDED BY THE LIGHT di Gurinder Chadha.
Dedicata a registi italiani e internazionali è, invece, la sezione Short Experience con 7 cortometraggi in gara: BROTHER di Beppe Tufarulo, IL PRIMO GIORNO DI MATILDE di Rosario Capozzolo, PUPONE di Alessandro Guida, SELFIES di Claudius Gentinetta, SONG SPARROW di Farzaneh Omidvarnia, THE BOX di Dusan Kastelic e CLEPTOMAN di Giuseppe Casapulla.Mentre sono 13 gli short movie proposti da associazioni e istituti scolastici di tutta Italia per Your Experience: L’APPUNTAMENTO (THE DATE) dell’associazione Zuccherarte – regia Marco Di Gerlando e Ludovica Gibelli, OPEN UP di Lapo Mamoli, LOVE, LIFE + SAUSAGES dell’associazione di volontariato tra cittadini e famiglie con disabilità “La Primula” di Roma – regia Matteo Vitelli, BIG TROUBLE IN SABUCINA dell’I.I.S.S. Mottura – regia Andrea Marchese, LOST IN PRATO dell’Istituto Statale “Gramsci- Keynes” – regia Roberto Valdes, OFFLINE dell’Istituto Superiore Michele Sanmicheli – regia Luca Sartori, LA GROTTA DEGLI AMANTI del Liceo Classico Statale “Ugo Foscolo” – regia Luca Piermarteri, ABBRACCIAMI INVECE dell’I.S. POLO TECNOLOGICO – regia Francesco Pileggi, SOLO UN GIOCATTOLO dell’I.I.S. Niccolò Machiavelli – I.C. Iqbal Masih – I.I.S. Schiapparelli/Gramsci – I.C. Mattei Di Vittorio – regia Lorena Costanzo, EGANA del liceo scientifico “Leonardo Da Vinci” – regia Luca Dal Canto, IL PASSAGGIO della cooperativa sociale Totem – Progetto “Spunti di Svista” – regia Michele Orlandi, IN GAME dell’I.I.S.S. “Don Luigi Milani” e dell’I.C. “Rita Levi Montalcini” – regia Luca Moltisanti, chiude LA FAMIGLIA K del liceo scientifico “Talete” e del liceo “Dante Alighieri” – regia Adriano De Bonis, Mario Bassetto, Paolo Moscatelli, Viola Iurilli e Alessandra Annunziata.Spazio anche ai laboratori: tre i format per far entrare ragazzi e docenti nel mondo del cinema e delle nuove tecnologie. Il primo, GRANDI STORIE IN POCHI MINUTI, è rivolto agli studenti e intende focalizzare l’attenzione sugli elementi alla base della realizzazione di un film. Il secondo, DIGITAL PROF, si pone nell’ambito delle attività che School Experience propone per la formazione dei docente. L’obiettivo è quello di guidare in un’esperienza di apprendimento utile al consolidamento delle competenze digitali. Chiude MOVIE LAB, una lezione di cinema interattiva per permettere ai ragazzi di comprendere il linguaggio audiovisivo, dandogli la possibilità di costruire una scena cinematografica.La terza tappa di School Experience si chiuderà venerdì 22 novembre, alle ore 20:00, presso l’Auditorium dell’Istituto Tecnico Commerciale “Salvatore Satta” alla presenza dell’intera cittadinanza, della comunità studentesca e delle istituzioni. Durante l’evento sarà presentato il cortometraggio ideato e interpretato dagli studenti di Nuoro con la guida della video factory di Giffoni.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

A margine del viaggio di Papa Francesco in Africa

Posted by fidest press agency su mercoledì, 11 settembre 2019

Di tanto in tanto ci pervengono riflessioni da parte di alcuni missionari che possiamo definire “di confine” per la loro opera condotta in luoghi dove la miseria è estrema e la morte falcidia giovani e meno giovani per fame e sete e malattie e là dove è difficile poter sostenere una idea di speranza che non vada a scontrarsi brutalmente con la disperazione e la rinuncia alla stessa vita. In quei luoghi insegnare ad aver fede, suscitare sentimenti di carità e risvegliare la speranza diventa un impegno estremo e gravoso. Si ha netta, in costoro, l’impressione che si stia vivendo una esperienza che ha risvolti molto amari per il genere umano. Vi è un divario enorme tra il bisogno ed il suo soddisfacimento e che questo bisogno non è lo stesso del povero in occidente. E’ di una “natura estrema”. E’ una miseria che uccide, falcidia senza remissione milioni di persone. Eppure sono per lo più i poveri che in occidente offrono un obolo ai fratelli più sofferenti, ma è pur sempre una goccia in un mare di necessità. Vorremmo che questi stessi missionari diventino testimoni della nostra cattiva coscienza, degli egoismi che non ci permettono di capire che la carità non ha più senso. Occorrono interventi che facciano giustizia di queste miserie, le riscattino in un piano di vaste proporzioni che partano dalla spontanea volontà di chi più dispone di lasciare una grossa fetta dei loro averi a chi averi non ha nemmeno per procurarsi un sorso d’acqua. Se riusciamo a renderci consapevoli di tutto ciò forse potremmo trovare nella speranza un barlume di certezza per il nostro futuro.

Posted in Confronti/Your and my opinions | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

L’emigrante: storie di vita vissuta. Il viaggio in Australia

Posted by fidest press agency su martedì, 27 agosto 2019

Sono stato sul finire degli anni cinquanta in Australia, per circa un anno, da emigrante. Da allora sono trascorsi tanti anni e taluni particolari sono rimasti sfocati nella mia memoria tranne uno che oggi mi torna vivido e bruciante. E’ stato il momento in cui la nave della flotta Lauro che mi avrebbe portato in Australia lasciava lentamente la banchina del porto di Brindisi e lì tra i tanti, che assistevano alla partenza, vi era mio padre. Ci guardammo finché fu possibile ed io probabilmente in quell’istante non colsi in pieno il suo sguardo disperato, il suo dolore. Aveva cercato in tutti i modi d’indurmi a rinunciare a questa mia avventura ma con l’incoscienza dei giovani, la voglia di nuovo e di diverso mi avevano reso cieco e sordo. Oggi a differenza di allora quel suo sguardo è rimasto come un marchio indelebile sulla mia carne. Partivo con un regolare contratto di lavoro con le ferrovie dello stato del Victoria e quindi sapevo cosa sarei andato a fare a Melbourne come “station assistent” e mi fu anticipato il costo del viaggio e data una piccola somma in denaro per le mie prime spese. Ero insieme ad una ventina di altri giovani che con me avevano avuto a Napoli, dopo un’accura visita medica, un colloquio con un funzionario australiano e un suo collega del ministero del lavoro per siglare le clausole contrattuali e garantirne il rispetto. Esso prevedeva, tra l’altro, tre mesi di corso per conoscere il lavoro e migliorare il proprio inglese. Un corso d’inglese che già sulla nave fu avviato e durò per tutta la traversata di trentacinque giorni sia pure intervallati con brevi soste a Port Said, ad Aden e a Perth.
Mi resi conto solo anni dopo che la mia esperienza da emigrante, per quanto ne posso sapere, fu il primo tentativo in Italia per favorire una emigrazione qualificata essendo tutti i miei compagni di cordata laureati e diplomati. A Melbourne mi ero, invece, imbattuto in molti miei compatrioti partiti alla rinfusa, che non conoscevano una sola parola d’inglese e più dell’italiano parlavano un dialetto del loro paese d’origine che non riuscivo a comprendere del tutto. Ne conseguì un difficile rapporto con gli autoctoni e che talvolta sfociavano in fatti di sangue. Taluni giovani australiani erano pronti a far uso delle catene delle biciclette per aggredire una persona che attraversava un parco di sera ritornando dal lavoro e che rispondeva alla loro chiamata “paisà” per essere certi che fosse un italiano. E siccome tali fatti si ripetevano il “paisà” finì con il difendersi con il coltello e lascio immaginare le polemiche giornalistiche che ne seguirono con venature razziste. E noi che ci sentivamo più istruiti e pronti ad integrarci nell’ambiente locale venivamo, in pratica, accolti con diffidenza solo perché eravamo italiani, di quelli che fanno uso del “coltello” e quando vanno nei pub per bere una birra sono tanto morigerati da non ubriacarsi. La stessa discriminazione si ripeteva sul posto di lavoro e siccome eravamo in venti a fare lo stesso lavoro nelle stazioni di Melbourne fu inevitabile che spuntarono dei contrasti. In questo frangente ci parve legittimo coinvolgere il consolato italiano ma con un nulla di fatto. Alcuni di noi preferirono pagare la penale e scindere il contratto. Lo fecero, ovviamente quelli che avevano nel contempo trovato un altro lavoro: nella televisione locale, in banca e anche in proprio come importatore di prodotti orto frutticoli italiani. Restammo in pochi e fummo ancora di più vessati. Perché ne parlo oggi? Perché la storia delle migrazioni di massa è diventato un problema globale e se vogliamo governarla senza esserne travolti dobbiamo avere le idee chiare sul da farsi. Su questa falsariga continuerò a scrivere cercando le possibili vie d’uscita e in termini meno traumatici di quanto sta avvenendo ai giorni nostri. (Riccardo Alfonso)

Posted in Confronti/Your and my opinions, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Mostra: VIDE Viaggio Dell’Emozione

Posted by fidest press agency su lunedì, 26 agosto 2019

Cosenza. Mercoledì 28 agosto 2019, alle ore 20.30, Palazzo Arnone, Sede della Direzione territoriale delle reti museali della Calabria e della Galleria Nazionale di Cosenza, si terrà il vernissage della mostra “VIDE Viaggio Dell’Emozione”.
Dopo il taglio del nastro e visita alla mostra VIDE Viaggio Dell’Emozione dalle 21:00 alle ore 23:00 focus e declinazione del viaggio, legato all’evento “VIDEViaggioDell’Emozione”, a cura della GNC con visite guidate tematiche “il viaggio verso la salvezza”- a partire dall’opera Riposo nella fuga in Egitto di Francesco De Rosa, detto Pacecco, si approfondirà il tema del viaggio inteso come fuga disperata dalle atrocità della guerra, dalle persecuzioni e dall’indifferenza del prossimo nella speranza di trovare la salvezza in nuove terre, facendo tappa tra altre significative opere custodite nella GNC.
Nel corso dell’iniziativa si terrà un intrattenimento musicale sul terrazzo a cura della Dj Pat Pikierri Il progetto “VIDE VIaggioDell’Emozione”, ideato dal Polo museale della Calabria ora Direzione territoriale delle reti museali della Calabria e realizzato con il sostegno della Regione Calabria, è un invito al viaggio attraverso una mostra diffusa, tracciata per iniziare il viaggiatore 3.0 alle innumerevoli storie che si snodano lungo gli itinerari regionali. L’esposizione − che coinvolge 16 reperti evocativi del tema del viaggio dislocati su tutto il territorio regionale all’interno dei contesti museali di appartenenza − traccia una road map che da cammino fisico diventa esperienza emotiva, coinvolgendo l’intera rete di connessioni esistenti tra le sedi della Direzione territoriale delle reti museali della Calabria e i paesaggi culturali in cui esse insistono. La mostra ha il suo centro propulsore a Cosenza, presso Palazzo Arnone, dove una sala multimediale sviluppata con moderne tecnologie di animazione grafica computerizzata, permetterà ai visitatori di intraprendere un viaggio virtuale presso tutte le altre sedi coinvolte. All’interno degli altri musei e luoghi della cultura, grazie a un’applicazione dedicata, essi potranno, poi, visualizzare non solo il reperto inserito all’interno del percorso, ma avranno la possibilità di intraprendere virtualmente ulteriori e nuovi percorsi da tracciare secondo i propri interessi e sensibilità.
Il ‘viaggiatore VIDE’ si sposterà dal museo di Amendolara, dove piccoli scarabei testimoniano la fitta trama di scambi attivi nel mondo antico, al Museo della Sibaritide, per conoscere le insidie del viaggio degli Achei. Presso la Galleria di Cosenza vivrà l’ansia di una fuga esasperata per la salvezza e giungerà a Lamezia Terme per scoprire il mondo femminile della Magna Grecia. Si sposterà a Vibo Valentia e Scolacium dove, silenzioso, visiterà il mondo dei morti; a Mileto entrerà in contatto con le antiche abilità dei maestri argentieri mentre a Gioia Tauro scoprirà la manifattura ceramica dei Calcidesi. Si sposterà a Bova percorrendo l’antico asse viario Reggio – Taranto, arrivando poi nella Locride dove presso Locri Epizephiri e Kaulon vivrà il forte legame tra le antiche popolazioni e le risorse naturali della regione. Poco distante raggiungerà La Cattolica e la chiesa di San Francesco, mete di un viaggio spirituale, e si sposterà alla fortezza di Le Castella che evoca ancora accese battaglie per il controllo della costa. Concluderà, al galoppo, il suo viaggio a Crotone.
La mostra attraversa, quindi, tutte le Sedi ricadenti nella Direzione territoriale delle reti museali della Calabria, guidata dalla dottoressa Antonella Cucciniello.
La mostra VIDE Viaggio Dell’Emozione rimarrà aperta al pubblico nelle sedici sedi fino al 29 febbraio 2020.

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Business traveler soddisfatti dell’esperienza di viaggio

Posted by fidest press agency su giovedì, 25 luglio 2019

Chicago. Più della metà (54%) dei business traveler ha subito un contrattempo* mentre era in viaggio per lavoro nell’ultimo anno. Di questi, il 52% ha segnalato il ritardo del volo e il 40% la sua cancellazione. Tuttavia, la stragrande maggioranza (86%) dei viaggiatori a livello globale è soddisfatta delle proprie esperienze complessive di business travel, secondo il GBTA Business Value Sentiment Index™ recentemente aggiornato in collaborazione con RoomIt by CWT™, la divisione di distribuzione alberghiera di CWT, la piattaforma di travel management B2B4E.La traveler experience è il fattore che mostra l’impatto maggiore (54%) sulla soddisfazione dei business traveler. Data la grande percentuale di viaggiatori che ha subito ritardi o cancellazioni dei voli, non sorprende che i voli siano stati un fattore determinante nella traveler experience. Tuttavia, le componenti di viaggio più strettamente correlate alla travel satisfaction riguardano l’hotel: tra queste il soggiorno in una struttura in posizione strategica, la prenotazione congiunta di volo e albergo, la procedura di check-in/check-out e il pagamento. Posizione strategica dell’hotel e accesso a una rete Wi-Fi stabile sono in cima alla lista dei fattori più importanti per i business traveler. I viaggiatori dell’America Latina (52%) e America del Nord (44%) desiderano soggiornare in un albergo situato in una posizione strategica per le proprie esigenze di viaggio molto più di quelli in Europa (32%) o in Asia Pacifico (30%). Inoltre, i viaggiatori in America Latina in media attribuiscono una maggiore importanza all’accesso a una rete Wi-Fi stabile (60%) rispetto ai viaggiatori in America del Nord (47%), Europa (37%) o Asia Pacifico (35%). I servizi dell’albergo, come la colazione inclusa e la possibilità di ottenere o utilizzare premi fedeltà o bonus a propria discrezione, sono anch’essi nella lista dei fattori più importanti per i business traveler. Global Business Travel Association (GBTA) è la principale organizzazione mondiale di business travel e meeting con sede a Washington, DC e filiali in sei continenti. Gli oltre 10.000 membri GBTA gestiscono annualmente più di 345 miliardi di dollari di spese per business travel e meeting a livello globale. GBTA offre istruzione, eventi, ricerca, supporto e media su base mondiale a una rete globale in crescita di oltre 28.000 travel professional e 125.000 contatti attivi.

Posted in Viaggia/travel | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Nasce la piattaforma digitale per migliorare il business degli agenti di viaggio

Posted by fidest press agency su martedì, 25 giugno 2019

Torino mercoledì 26 giugno alle ore 11.30 Presso Eataly, Sala Punt & Mes Via Nizza 230. Intervengono:Francesco Adamo Professore Emerito Università del Piemonte Orientale, Fulvio Avataneo Presidente Associazione Italiana Agenti di Viaggio, Davide Padroni Responsabile CNA Turismo e Commercio del Piemonte, Angelo Bianco Responsabile accordi direzionali Gruppo Dylog Italia Spa. Modera Barbara Odetto. Dal 2015 il settore turistico e le agenzie di viaggio sono stati oggetto di analisi da parte di Geoprogress onlus presso Università degli Studi del Piemonte Orientale. L’indagine ha evidenziato che queste sono sempre meno performanti perché c’è un forte sbilanciamento tra back office e front office. Le agenzie, infatti, hanno meno personale e più incombenze di carattere fiscale, legislativo e contrattuale.L’Università degli Studi del Piemonte Orientale ha sottoposto i risultati dell’indagine all’Associazione Italiana Agenti di Viaggio AIAV che ha individuato la necessità di creare una piattaforma per supportare gli operatori del settore sia attraverso corsi di formazione sia pubblicando la legislazione pertinente o altre informazioni utili. AIAV ha quindi coinvolto il Centro Studi sul Turismo di CNA Piemonte, il Politecnico di Torino e la Dylog, società leader in ambito di servizi e soluzioni software, che hanno sviluppato un portale per facilitare il lavoro delle agenzie di viaggio.Per la parte formativa della piattaforma sono stati coinvolti fiscalisti, esperti di marketing, avvocati e specialisti in ambito turistico così da fornire un know-how mirato agli interessati. Il portale garantirà infine una banca dati costantemente aggiornata dal punto di vista fiscale e legale. Grazie ad esso, quindi, gli agenti di viaggio potranno tornare a dedicarsi concretamente al business.

Posted in Cronaca/News, Viaggia/travel | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Farmacia in viaggio

Posted by fidest press agency su mercoledì, 19 giugno 2019

Per tutto il periodo estivo, nelle oltre 600 FARMACIE SPECIALIZZATE di Farmacisti Preparatori è attivo il servizio “Farmacia in viaggio”: consigli specifici per affrontare viaggi e vacanze in completa sicurezza, sia in base alla meta di destinazione scelta sia in base alle specifiche esigenze delle singole persone.Oltre al consiglio del farmacista, chi visiterà le FARMACIE SPECIALIZZATE da giugno a settembre riceverà pratici manualetti informativi sulla sicurezza in viaggio. Ognuno di questi vademecum riguarda una zona diversa del mondo, con informazioni preziose per viaggiare sicuri ovunque, evitando spiacevoli inconvenienti.“È molto importante affrontare i viaggi in maniera consapevole e con le giuste informazioni sulla meta in cui si è scelto di trascorrere le vacanze” spiega il Dottor Paolo Borgarelli, amministratore nazionale delle FARMACIE SPECIALIZZATE, che prosegue: “Suggerimenti mirati che tengano conto delle specifiche necessità delle persone, oltre a indicazioni puntuali sulle peculiarità della zona in cui si è diretti, permettono di trascorrere le vacanze evitando spiacevoli inconvenienti. Il network delle FARMACIE SPECIALIZZATE è da sempre in prima linea nell’informazione sanitaria e nella prevenzione, anche su questo fronte.”Il servizio “Farmacia in viaggio” offre proprio questo: informazioni pratiche su quali sono i rischi maggiori che riguardano le varie zone del mondo, sulle precauzioni da seguire, sulle norme igieniche, su quali sono i vaccini raccomandati, su cosa mangiare, sui farmaci che in zona non si trovano e sui prodotti salva-vacanza.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science, Viaggia/travel | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Il viaggio d’affari stimola la creatività e la produttività

Posted by fidest press agency su mercoledì, 12 giugno 2019

Minneapolis. Secondo l’ultima ricerca di CWT, la piattaforma di gestione dei viaggi B2B4E, sei viaggiatori su dieci si sentono più creativi e produttivi durante i viaggi d’affari.I viaggiatori millennial, in particolare, tendono a riferire di sentirsi più creativi e produttivi durante le trasferte. I millennial americani sono in testa alla classifica (il 77% si sente più creativo e produttivo), seguiti dai viaggiatori dell’Asia Pacifico (il 75% si sente più creativo e il 73% più produttivo). I millennial europei occupano la terza posizione (rispettivamente il 58% e il 57%).«Siamo orgogliosi che la nostra attività aiuti a far emergere il meglio delle persone – ha dichiarato Niklas Andreen, Executive VP and Chief Traveler Experience Officer di CWT -. Tali risultati non sorprendono: il viaggio dà energia, favorisce nuove riflessioni, crea connessioni. Inoltre, non c’è nulla di meglio di un incontro vis à vis».In generale, i viaggiatori dell’Asia Pacifico evidenziano una maggiore creatività (65%) e produttività (64%) rispetto a quelli americani (rispettivamente 58% e 60%). I viaggiatori europei si collocano in posizione intermedia: il 53% si sente più creativo e il 51% più produttivo.Inoltre, lo studio altresì rivela che sei viaggiatori su dieci sono più produttivi collaborando direttamente con i colleghi rispetto a quando lavorano in autonomia (30%) o in remoto (14%). La produttività dei viaggiatori dell’Asia Pacifico trae maggiore vantaggio dalla collaborazione diretta: il 61% rispetto al 53% dei viaggiatori americani ed europei.
La survey è stata creata da CWT e condotta da Artemis Strategy Group tra il 29 gennaio e il 9 febbraio 2019. Le risposte sono state raccolte da oltre 2.700 viaggiatori d’affari che hanno viaggiato per affari quattro o più volte negli ultimi 12 mesi. I partecipanti provenivano dalle Americhe (Argentina, Brasile, Canada, Messico e Stati Uniti), Europa (Belgio, Francia, Germania, Italia, Paesi Bassi, Spagna, Svezia e Regno Unito) e Asia Pacifico (Australia, Cina, India, Giappone e Singapore).

Posted in Viaggia/travel | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

CineTeatro L’Aura L’Incredibile viaggio di Lady C.

Posted by fidest press agency su giovedì, 2 maggio 2019

Roma dal 9 al 12 maggio 2019 dal giovedì al sabato ore 21.00 – domenica ore 18.00 al CineTeatro L’Aura Via Pietro Blaserna,37 (angolo con Vicolo di Pietra Papa,64) Roma-zona Viale Marconi Biglietto intero 13 € / ridotto 10 €+ tessera associativa annuale (2 €) sarà in scena L’INCREDIBILE VIAGGIO DI LADY C. Se un’extraterrestre venisse mandato nel nostro Paese per studiarne gli usi e i costumi, che ne direbbe? Venite a scoprirlo nella situation commedy L’INCREDIBILE VIAGGIO DI LADY C in cui l’aliena Coco intraprenderà un avventuroso viaggio sulla terra. Coco dovrà studiare la nostra società utilizzando i 12 articoli fondamentali della Costituzione come vademecum comportamentale, servendosi anche dell’aiuto dei suoi ignari coinquilini: Elba, attivista politica impegnata nel sociale, Vlad, ballerino sloveno venuto in Italia per inseguire il suo sogno e Edoardo, milanese doc, festaiolo e un po’ snob. In scena i saranno i bravissimi e divertentissimi Oronzo Salvati, Danilo Brandizzi, Laura Croccolino e Letizia Cerenzia. Il suo viaggio sarà accompagnato dalla musica dal vivo suonata Alessio Pinto, autore e regista dello spettacolo. Cosa scoprirà Coco nel suo incredibile viaggio? E noi siamo davvero a conoscenza della nostra carta costituzionale? Venite a scoprirla e riscoprirla in leggerezza dal 9 al 12 maggio al CineTeatro L’Aura…Vi aspettiamo!
http://www.teatrolaura.org/portfolio/lincredibile-viaggio-di-lady-c/

Posted in Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »