Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 301

Posts Tagged ‘vincite’

Il governo studia la stangata sulle slot: 800 milioni di nuove tasse

Posted by fidest press agency su martedì, 29 settembre 2015

slot machinesUna stangata da oltre 800 milioni di euro su slot machine e videolotteries. E’ la misura più rilevante – secondo quanto apprende Agipronews – tra quelle allo studio del ministero dell’Economia in vista della prossima Legge di stabilità 2016. La decisione di cambiare le modalità di calcolo delle tasse, dall’attuale 13,6 per cento sugli incassi al 60 per cento sul margine lordo (giocate meno vincite), porterebbe un sostanzioso incremento degli incassi per lo Stato e un appesantimento dei conti delle aziende. Le slot machine darebbero nel 2016 un contributo pari a 3900 milioni di euro, cioè il 60% di 6,5 miliardi, la base imponibile che si ottiene sottraendo le vincite (19 miliardi) dalla raccolta (25,5). Nel 2014, le entrate del fisco grazie alle slot machine sono state molto inferiori (3250 milioni circa) e lo stesso trend è previsto a chiusura 2015. La svolta verso la tassazione sul margine si chiuderebbe così con un saldo di nuove entrate per il Governo per circa 650 milioni di euro. Analogo calcolo i tecnici lo hanno ipotizzato sulle videolotteries, gli apparecchi che consentono vincite fino a 500mila euro. Su una base imponibile di 2,5 miliardi,prosegue Agipronews, allo Stato andrebbe il 50% – la metà esatta del ricavo lordo – vale a dire 1250 milioni, contro i 1070 del 2014 e i 1080 previsti quest’anno: in questo caso, l’ipotesi è di almeno 150 milioni di nuove imposte nel prossimo anno. Con queste misure, il Mef prevede una forte contrazione del numero di macchinette. Sul tavolo di via XX Settembre anche uno schema – per ora solo abbozzato – delle gare per Scommesse e Bingo, le cui concessioni sono in scadenza o già in regime di proroga di fatto. Nel caso del betting, però, sarebbe allo studio la possibilità di allungare per un tempo breve (un anno o due) le attuali licenze, riaprendo nei prossimi mesi i termini del condono per chi non ha le autorizzazioni statali e procedendo successivamente ad un riordino complessivo del settore. Se invece si procedesse a nuovi bandi di assegnazione, gli operatori di scommesse – per ottenere i 15mila punti da assegnare – dovrebbero prepararsi ad un esborso di diverse centinaia di milioni di euro. Ma questo ulteriore pacchetto di misure sarà deciso solo dopo un’analisi politica approfondita.

Posted in Cronaca/News, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Un miliardo di evasione certa

Posted by fidest press agency su sabato, 3 settembre 2011

Il governo in queste ore si sta impegnando allo spasimo sul fronte delle evasioni fiscali se non altro per dimostrare ai nostri “controllori” europei che su questo tema fa sul serio. E su tale terreno tanto viscido ci siamo accorti che vi sono evasori che potrebbero essere colti con le mani nella marmellata con relativa facilità se solo ci fosse una volontà politica a farlo. Facciamo un solo esempio, e clamoroso, se si pensa che l’evasione supera il miliardo di euro all’anno. Ci riferiamo a chi opera in Italia nei cosiddetti Centri trasmissioni dati (Golden Bet, Stanley Bet, Planet-Win365, ecc) che sono in realtà dei veri e propri negozi di accettazione di scommesse sportive senza aver mai ottenuto alcuna concessione dai Monopoli di Stato, al contrario di Eurobet, Snai, Lottomatica ecc. Questi operatori esteri, che hanno sedi in Gran Bretagna, Malta, Austria ecc. operano in Italia senza versare allo Stato l’imposta unica che si applica a tutti gli operatori risultati vincenti dai bandi di concorso e in regola con i Monopoli di Stato. Loro sostengono che essendo centri trasmissioni dati la composizione delle scommesse è operata nella sede legale estera per cui è quello il luogo preposto per il pagamento delle tasse sul gioco. Ne deriverebbe che le eventuali vincite dei clienti italiani andrebbero liquidate attraverso un bonifico bancario intestato nominativamente al vincitore. Ciò non accade poichè presso gli stessi esercizi le vincite sono riscosse in contanti. In tal modo si contravvengono le norme di pubblica sicurezza regolate dagli art.88 R.D. del 18/6/1931 n° 773 T.U.P.S. e la legge del 22/5/2010 n° 73 allegato B e si commette di conseguenza un illecito fiscale. Da notare, altresì, che questi centri trasmissioni dati così operando sottraggono di fatto denaro e clienti dai canali ufficiali e per un ammontare evaso con la bella cifra di oltre un miliardo di euro all’anno. E potremmo aggiungere, addirittura, un recupero di altri miliardi se gli accertamenti, attraverso i pagamenti effettuati risalissero agli anni passati. E su tale terreno tanto viscido ci siamo accorti che vi sono evasori che potrebbero essere colti con le mani nella marmellata con relativa facilità se solo ci fosse una volontà politica a farlo. Facciamo un solo esempio, e clamoroso, se si pensa che l’evasione supera il miliardo di euro all’anno. Ci riferiamo a chi opera in Italia nei cosiddetti Centri trasmissioni dati (Golden Bet, Stanley Bet, Planet-Win365, ecc) che sono in realtà dei veri e propri negozi di accettazione di scommesse sportive senza aver mai ottenuto alcuna concessione dai Monopoli di Stato, al contrario di Eurobet, Snai, Lottomatica ecc. Questi operatori esteri, che hanno sedi in Gran Bretagna, Malta, Austria ecc. operano in Italia senza versare allo Stato l’imposta unica che si applica a tutti gli operatori risultati vincenti dai bandi di concorso e in regola con i Monopoli di Stato. Loro sostengono che essendo centri trasmissioni dati la composizione delle scommesse è operata nella sede legale estera per cui è quello il luogo preposto per il pagamento delle tasse sul gioco. Ne deriverebbe che le eventuali vincite dei clienti italiani andrebbero liquidate attraverso un bonifico bancario intestato nominativamente al vincitore. Ciò non accade poichè presso gli stessi esercizi le vincite sono riscosse in contanti. In tal modo si contravvengono le norme  di pubblica sicurezza regolate dagli art.88 R.D. del 18/6/1931 n° 773 T.U.P.S. e la legge del 22/5/2010 n° 73 allegato B e si commette di conseguenza un illecito fiscale. Da notare, altresì, che questi centri trasmissioni dati così operando sottraggono di fatto denaro e clienti dai canali ufficiali e per un ammontare evaso che raggiunge la bella cifra di oltre un miliardo di euro all’anno. E potremmo aggiungere, addirittura, di un recupero di altri miliardi se gli accertamenti, attraverso i pagamenti effettuati negli anni passati, risalissero agli anni passati. (servizio Fidest)

Posted in Diritti/Human rights, Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

New slot e videolotteries

Posted by fidest press agency su venerdì, 12 agosto 2011

Le Videolotteries (Vlt), spiega Agipronews, sono slot di ultima generazione con jackpot fino a 500 mila euro, su cui è possibile giocare con monete, banconote o ticket da 50 centesimi fino a 10 euro. Per le normali slot machine la vincita massima è invece di 100 euro, con la possibilità di giocare solo con monete metalliche (1 euro e sottomultipli di puntata). Ma non è solo la vincita massima a differenziare i due prodotti di gioco. Le Vlt non solo hanno i jackpot (5 mila euro per macchina, 100 mila per sala, fino a 500 mila a livello nazionale), ma garantiscono l’85% di vincite rispetto a quanto giocato, nelle slot classiche la percentuale di ritorno in vincita è al 75%.
Le nuove macchine, prosegue Agipronews, sono pensate per un’offerta più professionale: innanzitutto gli ambienti in cui possono essere collocate sono ben determinati. Mentre le slot sono installabili anche negli esercizi pubblici – anche in bar, edicole e ricevitorie – le Vlt possono essere installate solo in sale Bingo, sale scommesse, sale giochi dedicate. In ogni caso restano requisito indispensabile la licenza di Pubblica Sicurezza e un sistema di videosorveglianza a circuito chiuso. Nei locali indicati è possibile installare fino a 150 apparecchi.
La maggiore sicurezza è data proprio dal sistema di gioco: mentre nelle slot sono presenti delle schede all’interno delle singole macchine, per le Vlt, riporta Agipronews, i giochi (almeno 5 differenti per macchina, tra questi anche il poker, vietato per le slot) sono inseriti nel sistema centrale del concessionario. Senza il collegamento telematico a una centralina comune (che può offrire diversi giochi, e modificare in pochi secondi il portafoglio dell’offerta sulle singole macchine) le Vlt sono solo delle ‘scatole vuote’.
Attualmente, rende noto Agipronews, le Vlt installate sul territorio sono poco più di 25 mila, quasi la metà rispetto alle 57 mila autorizzazioni da 15 mila euro ciascuna: i concessionari, solo per le autorizzazioni già rilasciate dai Monopoli di Stato, hanno versato complessivamente circa 850 milioni di euro. Molto più capillare sul territorio l’offerta delle slot: circa 380 mila diffuse in tutta Italia.
Altra differenza è nella tassazione: al 12,6% per le slot, con scaglioni al ribasso in virtù dei livelli di raccolta conseguiti, mentre per le Vlt, conclude Agipronews, è prevista una tassazione al 2% fino al 2011, al 3% nel 2012, fino al 4% nel 2013.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Maxiemendamento: “Pacchetto giochi”

Posted by fidest press agency su domenica, 14 novembre 2010

Nel “pacchetto giochi”, che occupa una parte corposa del maxiemendamento di 46 pagine presentato dal Governo, spazio anche al rafforzamento del divieto di partecipazione a giochi con vincite in denaro per i minorenni. In particolare, si legge su Agipronews, si dispone che “il titolare dell’esercizio che consente la partecipazione ai giochi pubblici a minori di 18 anni è punito con la sanzione amministrativa da 500 a 1000 euro e con la chiusura dell’esercizio fino a 15 giorni”.
Dal 2011 – secondo quanto scritto nel maxiemendamento alla Legge di stabilità riportato da Agipronews – i concessionari di scommesse sportive a quota fissa “che abbiano conseguito per tale gioco percentuali di restituzione in vincite inferiori all’80 per cento, sono tenuti a versare all’erario il 20 per cento della differenza lorda così maturata secondo modalità definite con provvedimento del ministero dell’Economia e delle Finanze/Aams”.
Penetrante l’azione indicata nel maxiemendamento nell’ambito delle new slot. Si stabilisce che nel 2011 venga effettuato un piano straordinario di controlli su gioco on line, scommesse, ma soprattutto apparecchi da intrattenimento. Di questi, informa Agipronews, va realizzata una banca dati, che registri precisamente numero di apparecchi, tipologia di locali, titolarità. Con la previsione di giungere inoltre all’adozione di un decreto Aams che determini nuovi parametri numerico-quantitativi per installazione e attivazione degli stessi in ciascun esercizio commerciale. Previste sanzioni pecuniarie da 500 a 1500 euro per ogni mancata comunicazione. Inoltre, in riferimento sempre alle new slot, prevista l’adozione di un apposito elenco unico presso il Mef / Aams dei soggetti proprietari a qualsiasi titolo, dei concessionari e di ogni soggetto comunque coinvolto nella specifica filiera. Per tutti occorrerà una certificazione antimafia e un versamento annuale di 100 euro.

Posted in Diritti/Human rights, Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Weekend di vincite

Posted by fidest press agency su mercoledì, 31 marzo 2010

L’ultimo weekend si è rivelato fortunato per parecchi scommettitori Matchpoint che, dal nord al sud del paese, hanno centrato vincite di tutto rispetto.   A Bari, uno cliente dell’agenzia Matchpoint di Via Calafati ha azzeccato due multiple da 7.490 e 9.811 euro, assicurandosi quindi oltre 17 mila euro di vincita complessiva. Le due bollette, da 10 euro ciascuna, differivano solo per il pronostico su Albinoleffe-Brescia e Frosinone-Ancona: doppia chance 1X su una e X2 sull’altra. Entrambe le gare sono poi finite in pareggio, permettendo allo scommettitore di “conquistare” tutto il bottino.  Tante anche le vincite centrate con le nuove scommesse sistemistiche. Tra queste, ingegnosa quella di un cliente del corner Matchpoint di Gaeta (LT), sul Lungomare Caboto: 27 triple da 50 centesimi ciascuna sui risultati esatti, a girare, di tre partite. La tripla coi tre risultati corretti ha fruttato quasi 2.700 euro.   Più remunerativo un altro sistema giocato a Buttigliera Alta (TO) su 12 partite di calcio italiano e internazionale che ha fruttato, con soli 15 euro, 10.368 euro di vincita. Non hanno invece avuto bisogno di giocate sistemistiche due clienti Matchpoint di Bressanone e Napoli che, puntando appena 2 e 3 euro, si sono messi in tasca rispettivamente 7.850 e  8.175 euro grazie a dei pronostici perfetti su Serie A e B!

Posted in Cronaca/News | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Teatro: Lo scopone scientifico

Posted by fidest press agency su mercoledì, 28 ottobre 2009

lo scopone scientificoBologna 30 ottobre a domenica 1 novembre Teatro Dehon Via Libia, 59, feriali ore 21, domenica ore 16, al Teatro Dehon, la Coop. Teatro artigiano di Roma presenta Nicola Pistoia, Sidne Romee Gabriella Silvestri in “Lo Scopone Scientifico” di Rodolfo Sonego, adattamento di Gianni Clementi. Regia di Renato Giordano, scene di Mario Amodio, costumi di Lucia Mariani, luci di Marco Zara. Con: Franca Abategiovanni, Stefano Abbati, Roberto Capitani, Luciana Frazzetto, Valentina Marziali, Pietro Pace e Luigi Tani. Scritta negli anni in cui il nostro Paese si illudeva di superare le difficoltà  quotidiane giocando alle facili vincite baciate da una fortuna che non sorride mai o molto raramente, la commedia, comica e amara, di Sonego è uno spaccato sull’Italia degli anni ’70.  è la storia di Peppino lo “stracciarolo” e di sua moglie Antonia, che attendono con ansia l’arrivo di una vecchia miliardaria americana, per una speciale partita a carte, sperando in una grossa vincita che possa cambiare la loro misera esistenza. La donna gira il mondo con il suo segretario ed ex amante George, con cui aveva fatto coppia ai bei tempi andati, e che ora utilizza come partner per giocare a carte nelle varie località del mondo che visita per curare i suoi affari. A Roma l’americana invita ogni anno nella sua lussuosa villa Peppino e Antonia a giocare allo scopone scientifico. E Finalmente è arrivato il momento tanto atteso! I due poveri malcapitati si sono allenati tutto l’anno… sarà finalmente il tempo della grande e tanto attesa rivincita? Prezzo: Intero: 20 Euro Ridotti: 17 Euro.

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »