Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 259

Posts Tagged ‘zone’

Another peace deal: An agreement to halt fighting in four zones of Syria

Posted by fidest press agency su martedì, 9 maggio 2017

siriaRUSSIA’S announcement that Syrian warplanes will stop flying over some of the country’s bloodiest battlefields should be cause for joy. No accurate figure exists for the number of people killed during the war, but monitoring groups estimate that 470,000 have died, the vast majority of them civilians. What is certain, however, is that the Syrian air force, with the help of Russia and Iran, has killed most of these people. Its helicopters and warplanes have dropped bombs, missiles and gas on schools, hospitals and homes. Ending the slaughter means first grounding the regime’s air force.Under the terms of a deal signed by Russia, Iran and Turkey at talks in Kazakhstan on May 4th, this is what is supposed to happen. All operations, including Syrian military flights, will supposedly stop in four “de-escalation zones” within the country where opposition fighters still hold considerable territory. If all sides abide by the deal, then these areas will become safe zones that could, at some stage, be policed by troops from Russia and Turkey. Russian news outlets speculated that troops from Brazil and India may also play a role in peacekeeping. Donald Trump is reported to have approved the agreement in a call with the Russian president, Vladimir Putin.The ambitious plan is the latest in a series of attempts to put an end to the six-year war. Details on exactly how it will work on the ground are thin and there are a number of possible spoilers. Key to the plan’s success will be the Syrian government’s commitment to its terms. Backed by its allies Russia and Iran, the regime has repeatedly vowed to continue fighting until it controls the entire country. In trying, it has often acted against the interests of both its main sponsors.The rebels are justifiably suspicious of the deal, pointing out that Russia has failed to rein in its unruly partner in the past. They are also deeply sceptical about the role of Iran, which they accuse of deliberately stoking sectarian hatred during the war (rebel representatives walked out of talks on Wednesday in protest at Iran’s role as a signatory and guarantor of the latest deal). This mistrust has seen previous ceasefire agreements collapse within weeks, with both sides accusing each other of violating their terms.
Little has changed to make it any more likely that this latest effort will succeed where the others have failed. Under the new deal, Russia, Iran and the regime are still allowed to target jihadists linked to al-Qaeda, who fight side by side with other rebel factions in some parts of the country, including within the designated safe areas. The regime has in the past used this co-operation to justify breaking ceasefires and bombing rebel positions. In Idlib, which is supposed to fall inside one of the four safe zones, al-Qaeda-linked factions now dominate an alliance of rebel groups that controls most of the province. It is unlikely that the regime will stop its bombing campaign there. Nor is it likely that the rebel alliance will stop attacking the regime. Both sides will accuse the other of violating the ceasefire.Like Idlib, many of the areas where the conflict will supposedly be paused as part of the deal have seen an escalation in fighting in recent months. Government forces and pro-regime militias have tightened the sieges of Eastern Ghouta, a densely populated rebel-held suburb of Damascus, and the rebel redoubt north of the city of Homs. The deal will also cover an area in the south, along the Jordanian border, where American-backed rebel forces have made gains against both Islamic State and government forces since the start of the year. “As of the sixth of this month all military operations will be ceased,” the head of the Russian delegation to the talks in Kazakhstan, Alexander Lavrentyev, said. “All Syrian flights over these areas will cease.” If this happens, then separate talks in Geneva aimed at finding a lasting political solution to the war may finally move forward. The chances of this happening, however, are slim. (font: The Economist)

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Commissioner Vella calls for a ‘true global ocean governance project’

Posted by fidest press agency su venerdì, 17 luglio 2015

ireland“It is time that we expand our vision for a blue economy by doing what we can to ensure good international ocean governance” said Karmenu Vella, European Commissioner for Environment, Maritime Affairs and Fisheries addressing the participants of the ‘Harnessing Our Ocean Wealth’ conference in Ireland on 10th July. Ireland was a key stop in the Commissioner’s ongoing ‘listening tour’ on international ocean governance.
Stressing the need to create a ‘true global ocean governance project’, Mr Vella said that the EU could not shy away from taking a major role in this debate: “Our oceans are a global resource. But many tell me that the current international ocean governance framework is not effective enough. Europe has a firm place in global fisheries and it has a large maritime economy. The size of our exclusive economic zone alone gives us the responsibility to play a global role. So I believe that the European Union should lead this project by engaging with our international organisations and partners.”In June, the Commission therefore launched a public consultation on international ocean governance. Commissioner Vella is also undertaking a ‘listening tour’, to broaden the scope of the exercise and gather suggestions and ideas from partners around the globe. The tour kicked off at the World Ocean Summit in Portugal in June and is set to continue with discussions among the EU’s North Atlantic partners in Malta this week.Based on the results of both the consultation and the listening tour, the Commission will consider follow-up action early next year to indicate how the EU thinks our oceans can best be managed – and how we think the EU can contribute.

Posted in Cronaca/News | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Zone a rischio di inondazione

Posted by fidest press agency su mercoledì, 18 marzo 2015

rifugiatiL’UNHCR ha avviato questa settimana il trasferimento di più di 50.000 rifugiati sud sudanesi dalle zone a rischio di inondazioni, in vista della stagione delle piogge che dovrebbe iniziare a fine aprile. I rifugiati sono stati trasferiti dai campi profughi di Leitchuor e Nip Nip nella regione di Gambella, in Etiopia occidentale. Lo scorso anno, ad agosto, entrambi i campi erano stati duramente colpiti dalle alluvioni provocate da piogge stagionali insolitamente intense, che avevano causato la rottura degli argini del fiume Baro .Il primo gruppo di 377 rifugiati è partito con un convoglio di 11 veicoli, composto da autobus, ambulanze, un camion per i bagagli e scorta di sicurezza. A bordo degli autobus, i rifugiati hanno ricevuto biscotti ad alto contenuto energetico e acqua per affrontare il viaggio di 300 chilometri, della durata di circa otto ore.Il trasferimento coinvolgerà un totale di 51.316 rifugiati provenienti da zone a rischio di inondazioni (2.888 rifugiati provenienti dal campo di Nip Nip e 48.428 da quello di Leitchuor). Il gruppo di Nip Nip verrà spostato a Pugnido, un campo già esistente che ospita attualmente circa 56.000 rifugiati sud sudanesi. Un altro campo, situato a Jewi, circa 18 chilometri dalla capitale regionale Gambella, è stato aperto il fine settimana scorso. Il nuovo campo è ora in fase di sviluppo per ospitare la parte più numerosa del gruppo di rifugiati provenienti da Leitchuor, il cui trasferimento avrà inizio ai primi di aprile.È stato estremamente difficile trovare un luogo adeguato per allestire un altro campo rifugiati, dal momento che diverse aree, individuate dopo la stagione delle piogge dello scorso anno, sono state dichiarate in seguito non idonee. Tuttavia, è necessario individuare ulteriori aree per l’accoglienza dei nuovi arrivati ​​dal Sud Sudan.L’Agenzia sta portando avanti le operazioni di trasferimento in collaborazione con il governo etiope, rappresentato dall’ Amministrazione per gli Affari di Rifugiati e Rimpatriati (ARRA), ed altre organizzazioni, tra cui l’OIM, Organizzazione Internazionale per le Migrazioni, che si occupa del trasporto dei rifugiati.Dal dicembre 2013, circa 2 milioni di persone sono state costrette alla fuga a causa delle violenze in Sud Sudan. Quasi 1,5 milioni di persone sono sfollate all’interno del paese e più di mezzo milione oltre confine, in paesi limitrofi come l’Etiopia.L’Etiopia è il paese africano che ospita il maggior numero di rifugiati – più di 670.000 – provenienti soprattutto dalla Somalia, seguiti da Sud Sudan, Sudan e Eritrea. Tra questi si contano più di 250.000 rifugiati sud sudanesi nella regione di Gambella, di cui più di 194.000 arrivati ​​da metà dicembre del 2013.

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Zone euro et démocratie(s): un débat en trompe l’oeil

Posted by fidest press agency su giovedì, 18 luglio 2013

La crise de la zone euro a donné lieu à des décisions et innovations critiquées pour leur caractère peu démocratique. Mais ces critiques entretiennent un débat en trompe l’œil, dont il importe de clarifier les enjeux. Tel est l’objet du Policy paper de notre directeur Yves Bertoncini, qui combine quatre séries d’analyses complémentaires :
1. Les débats intenses suscités par la crise de la zone euro participent au caractère démocratique de la formation des décisions européennes, dont il faut mieux analyser les fondements ;
2. Les relations entre l’UEM et ses États membres correspondent à quatre régimes politiques dont l’impact sur les souverainetés est extrêmement variable ;
3. Trois grands types de pouvoirs sont exercés au sein de la zone euro, dans des conditions démocratiques par nature différentes ;
4. Il faut consolider la dimension démocratique de la gouvernance de la zone euro.

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Roma: multe nel centro storico

Posted by fidest press agency su lunedì, 24 gennaio 2011

Prosegue l’opera di controllo della Polizia Municipale di via Montecatini, mirata a prevenire gli illeciti in quadranti specifici della movida nel Centro Storico. Importanti sono i risultati ottenuti dall’attività del I Gruppo, relativi alla vita notturna di venerdì 21 e sabato 22 gennaio:468 punti patente decurtati, 961 multe elevate per soste che recavano intralcio alla circolazione (via Vittorio Veneto, piazza del Popolo, corso Vittorio Emanuele e vie limitrofe) delle quali 265 in aree pedonali (piazza Navona, piazza di Spagna e zone adiacenti, via Veneto e piazza Borghese), 3 parcheggiatori abusivi contravvenzionati, 298 controlli di polizia amministrativa in pubblici esercizi e laboratori con 8 violazioni contestate, di cui 2 di carattere penale. Sono stati controllati gli accessi ai varchi elettronici della ZTL che hanno comportato ben n.115 infrazioni per transito contromano (60 verbali contestati direttamente ,2 a neopatentati). Le attività poste in essere dal I Gruppo Centro Storico hanno riguardato anche la tutela del consumatore con 298 controlli delle attività commerciali, pubblici esercizi e laboratori, con la contestazione di 2 denuncie penali e 6 violazioni amministrative. Sono stati inoltre fermati due cittadini del Bangladesh che vendevano merce abusiva e che sono stati accompagnati alla Questura per l’identificazione. Anche l’abusivismo commerciale su aree pubbliche sta fornendo dei risultati con 198 pezzi sequestrati nella lotta all’abusivismo commerciale solo nella mattinata di oggi. Il modello operativo, che vuole migliorare la qualità della vita attraverso la sicurezza stradale e la tutela del consumatore, è il collaudato ‘sistema a rete’ che prevede l’impiego di personale e il presidio del territorio con reparti di pronto intervento che seguono segnalazioni e richieste del cittadino.

Posted in Diritti/Human rights, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Roma: i controlli della polizia municipale

Posted by fidest press agency su lunedì, 13 dicembre 2010

Più di 960 contravvenzioni per violazione del Codice della strada; oltre 160 sanzioni per sosta in aree pedonali; costante monitoraggio e controllo etilometrico, 94 automobilisti fermati e nessuno risultato positivo al test alcolemico. Sono questi i risultati portati a termine dai vigili urbani di via di Montecatini durante la movida notturna del fine settimana a cui si aggiungono i controlli a tappeto,  nelle zone di Trastevere, Sallustiano, Trevi, Colonna, Campo Marzio, Pigna, Esquilino/Termini, Parione e Sant’Angelo per contrastare l’abusivismo commerciale con il sequestro di 645 pezzi contraffatti. Durante il week end, il gruppo della municipale ha comminato due multe anche a due giovani turisti spagnoli che si sono immersi nella Fontana di Trevi.

Posted in Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Bmt 2010 – borsa mediterranea del turismo

Posted by fidest press agency su venerdì, 19 marzo 2010

Napoli 26-28 marzo 2010 Mostra d’Oltremare. La BMT – Borsa Mediterranea del Turismo sarà per la Turchia l’occasione ideale per incontrare gli operatori del settore e per proporre interessanti offerte turistiche sempre più rivolte alla soddisfazione di un mercato esigente. Grazie a questo appuntamento, la Turchia farà emergere le sue numerose potenzialità turistiche : culturale, balneare, sportivo, termale, religioso e anche gastronomico, con un ottimo rapporto tra qualità e prezzo. Tra le mete più amate si confermano nuovamente, oltre ad Istanbul, la Cappadocia, Pamukkale ed Efeso.  Fra le destinazioni estive i luoghi più gettonati sono Bodrum sulla costa Egea ed Antalya sulla costa mediterranea. Tra le nuove destinazioni si evidenziano invece le zone dell’Est della Turchia come Trabzon, il lago Van e il Monte Nemrut. In occasione della BMT, si potrà quindi approfittare per conoscere in lungo e in largo le tante offerte di questo territorio. Il numero di turisti internazionali arrivati in Turchia nell’anno 2009 (dati da gennaio a dicembre) è stato di 27.077.114 con un incremento del 2,81% rispetto all’anno precedente e gli italiani presenti sono stati 634.886. Le città più visitate sono state Antalya con 8.260.399 di turisti, Istanbul con 7.510.470 e Muğla con 2.820.298. La Turchia ha chiuso quindi l’anno 2009 con la soddisfazione di chi ha ottenuto nel settore turistico risultati eccellenti e si prepara al 2010 con nuovi e stimolanti obiettivi, soprattutto in vista di Istanbul Capitale Europea della Cultura 2010.  Presso lo stand, oltre all’Ufficio Cultura e Informazioni dell’Ambasciata di Turchia, saranno presenti diversi co-espositori : Turkish Airlines, Intra Tours DMC & Inair Aviation Turkey, Marveltour, Dirotta da Noi Tour Operator – Insieme Tour, Turbanitalia, Entour Tour Operator, Alfina Hotel Cappadocia e Divan Hotels.  Barometro prestiti di Crif  Nel mese di febbraio 2010 la domanda di prestiti da parte delle famiglie italiane (nel suo aggregato di prestiti personali e prestiti finalizzati) continua a calare, segnando un -7%, a parità di giorni lavorativi, rispetto allo stesso mese del 2009. Distinguendo la domanda nelle due macrotipologie di finanziamenti, prestito personale e prestito finalizzato, si osserva come a febbraio 2010 si inverta la composizione del calo della domanda: diventano infatti i prestiti finalizzati la componente che incide maggiormente nel calo complessivo, registrando un -10% (ponderato sui giorni lavorativi) rispetto allo stesso periodo del 2009, mentre il calo dei prestiti personali si attesta su un più contenuto -2%.

Posted in Cronaca/News, Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Abruzzo in arrivo la Banca delle Risorse

Posted by fidest press agency su giovedì, 30 luglio 2009

Una rete di solidarietà a sostegno delle piccole amministrazioni abruzzesi colpite dal sisma del 6 aprile scorso, dove far convergere le esigenze, le richieste, le idee, i progetti e le opportunità per tutti comuni che stanno pensando alla ricostruzione e per favorire gemellaggi che possano rafforzare le relazioni nel territorio. Si chiama Banca delle Risorse il progetto che Legambiente e ANCI hanno pensato per aiutare le popolazioni colpite dal sisma nel difficile percorso della rinascita e che ha visto un primo incontro lunedì 27 luglio a Barisciano. Tra i primi obiettivi della Banca delle Risorse c’è quello di raccogliere adesioni istituzionali e sociali, sollecitando Enti locali, associazioni e imprese ad incrociare la propria disponibilità con i bisogni dei piccoli Comuni colpiti dal terremoto per una ricostruzione non solo delle cose, ma anche delle funzioni e dei servizi comunali, di quel complesso di relazioni che costituiscono l’identità, la coesione e il futuro delle piccole comunità.  Tra le prime iniziative di Legambiente e ANCI con la Banca delle Risorse ci sarà l’organizzazione, per l’autunno prossimo, di un incontro tra i comuni abruzzesi ed alcuni di quelli colpiti dai terremoti del Friuli Venezia Giulia, Irpinia, Umbria e Marche, per poter condividere esperienze e progetti virtuosi dei territori che hanno dovuto affrontare le stesse problematiche e al tempo stesso evitare di ripetere errori del passato.  Secondo Legambiente e ANCI, tra i rischi a cui le aree colpite dal sisma sono esposte c’è la mancanza di valorizzazione delle peculiarità dei piccoli comuni nell’opera di ricostruzione la scomparsa, per ritardi ed errori, di gran parte del patrimonio sociale, amministrativo, culturale ed economico rappresentato dai piccoli Comuni, insieme all’impoverimento della rete dei servizi forniti agli abitanti di queste zone.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

25° fiera regionale del tartufo nero estivo

Posted by fidest press agency su giovedì, 9 luglio 2009

FurloAcqualagna 2. agosto 2009,  La cittadina  in   provincia  di Pesaro e Urbino che vanta il primato   italiano e mondiale nella commercializzazione  del  tartufo, ha una fiera per ogni tipologia del prelibato tubero e il 2 agosto celebrerà il tartufo nero estivo, che farà bella mostra di sé nella storica piazza Mattei, l’arena dove trova posto il tartufo di Acqualagna in ogni stagione dell’anno. Quest’anno sarà ancora più grande e ricca dato il crescente sviluppo  e partecipazione  che vede confermato annualmente.  Di facile impiego in cucina ed economicamente alla portata di tutti, il tartufo nero estivo è l’occasione per conoscere   e   vivere  una  delle  zone più affascinanti dell’Appennino.  Il Comune di Acqualagna infatti, organizza una serie di momenti di eccezionale interesse:  sarà infatti possibile vestire i panni di cercatore e mettersi sulle tracce del tartufo con tanto di ruscella, cane al seguito e con l’aiuto di un esperto cercatore locale. E ancora ci si potrà  avventurare per i canyon dell’Appennino dove avviene un processo naturalistico incredibile: qui infatti il clima è rovesciato e le piante che dovrebbero localizzarsi in altura, come le querce o il carpino, si trovano in basso, mentre viceversa leccio e altre piante si trovano sulle cime dei monti. Questo fenomeno unico è dovuto alle basse temperature della notte che all’interno di queste gole mantengono il fresco, consentendo  al passo del  Furlo  di essere una delle rare località dove si mescolano vegetazione mediterranea (corbezzolo, terebinto) e di tipo continentale come il carpino. Qui, dove i romani aprirono la storica galleria per accedere all’Adriatico, è possibile anche osservare il volo dell’ aquila, dalla suggestiva grotta del grano e ancora esplorare la riserva naturalistica del Furlo spingendosi sulle tracce di lupi, tassi, caprioli e daini, magari con una sosta nella baita di montagna del pastore che ancora lavora a mano un raro caprino da pascoli incontaminati.  Sei rifugi montani consentono anche escursioni di più giorni. Vengono inoltre organizzate serate enogastronomiche a tema su tartufo, formaggi a latte crudo, vini come Bianchello e Sangiovese.  Il vicino parco Le querce (www.parcolequerce.it) (furlo)

Posted in Cronaca/News | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »