Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 34 n° 316

Posts Tagged ‘market’

Market Cap of Five Largest Gaming Companies Dipped by Almost $60B YTD

Posted by fidest press agency su venerdì, 7 ottobre 2022

The latest suspension of approvals for new online games in China, the world’s largest gaming market, knocked down the share prices of Europe’s and US gaming companies. Following the fresh push by Chinese regulators, the shares of Activision Blizzard, Nintendo and Roblox dropped by 5%, while Electronic Arts and Take-Two Interactive Software fell by 12%. However, the five companies have seen their share prices fall throughout this year.According to Ycharts and Macrotrends data, Roblox has suffered the worst share price drop of the five gaming giants this year. In the first half of 2022, the company’s share price plummeted 76% following disappointing financial results and a stock downgrade, resulting in a $30 price target on its shares. Also, analysts are concerned that slowing user engagement is a problem that could hurt Roblox’s growth.In Q1 2022, Roblox reported 54.1 million daily active users, up from 49.5 million in December last year. However, for the first time since 2018, the number of DAUs dropped to 52.2 million in the second quarter.As a result, the Roblox market cap dipped from $60.4bn in January to $14.2bn in May. Although the combined value of shares of the gaming platform rose to $21.8bn since then, that is still 63% less than in January.As the largest gaming company globally, Activision Blizzard witnessed an 8% market cap drop year-to-date. Statistics show the combined value of shares of the gaming giant, which owns Activision Publishing, Blizzard Entertainment, King, Major League Gaming, and Activision Blizzard Studios, stood at $58.6bn last week, down from $64.1bn in January.In Q2 2022, the revenues of the gaming company dropped by 28% YoY to $1.64bn, while 94 million monthly active users accessed Activision gaming titles, 25% less than in the same quarter a year ago. After reaching an all-time peak of 150 million in Q1 2021, the number of MAUs has fallen for five quarters.As the second-largest gaming company, Nintendo lost $6.4bn in market cap year-to-date, with the combined value of its shares falling from $54.8bn in January to $48.4bn last week.Electronic Arts and Take-Two Interactive Software follow, with a $5.2bn and $2.2bn market cap drop, respectively.According to YCharts and Macrotrends data, the combined market cap of the five gaming giants dropped by 25% in nine months, falling from $237bn in January to $179bn as of last week.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Weekly market outlook

Posted by fidest press agency su martedì, 4 ottobre 2022

A cura di Steven Bell, Chief Economist EMEA di Columbia Threadneedle Investments. I responsabili delle politiche britanniche devono affrontare tre grandi problemi: l’inflazione elevata e gli eccessivi deficit fiscali e della bilancia dei pagamenti. Il tutto in un contesto di debolezza politica. La prima vittima sarà l’investimento pubblico. È più facile cancellare i progetti di costruzione di un nuovo ospedale o di una scuola che tagliare la spesa corrente. E ci sono alcune buone notizie sulle finanze pubbliche. L’occupazione continua a crescere nel Regno Unito e questa è una buona notizia per le entrate fiscali e per il finanziamento dei sussidi di disoccupazione. Certo, il ritmo del miglioramento era rallentato, probabilmente perché le imprese e i consumatori erano spaventati dalla prospettiva di un importante aumento delle bollette energetiche quest’inverno. Il tetto ai prezzi di emergenza ha attenuato questi timori. Il tetto ai prezzi ridurrà anche l’inflazione, il che significa una riduzione dell’aumento della sicurezza sociale e dei pagamenti sui gilt indicizzati. Il rischio di recessione è stato ridotto anche dal massiccio programma di sostegno all’energia annunciato dalla Germania, il nostro principale mercato di esportazione in Europa.Anche il nuovo e coraggioso piano del governo tedesco sarà d’aiuto. Dopo settimane di tentennamenti, credo che sia stato il piano di Liz Truss a spingere la coalizione tedesca ad agire. I dettagli non sono stati finalizzati, ma il costo in percentuale del PIL è almeno pari a quello del Regno Unito e riteniamo che sia stato calcolato per dare alle famiglie tedesche bollette leggermente più basse rispetto alle loro controparti britanniche. C’è una grande differenza: sembra che solo il primo 75% della bolletta, misurato in base al consumo passato, sarà molto economico, mentre il resto avrà un prezzo marginale molto più alto. Questo incentiverà a ridurre i consumi e contribuirà a far scendere i prezzi del gas all’ingrosso per tutti, Regno Unito compreso. Un piano davvero astuto.Prezzi del gas più bassi aiuterebbero anche a risolvere il secondo grande problema del Regno Unito, l’enorme deficit delle partite correnti. C’è stato un deficit per decenni e l’inchiostro rosso ha raggiunto un record nei primi tre mesi di quest’anno. È migliorato un po’ nei tre mesi successivi, ma rimane enorme. Gli interessi sugli interessi stanno crescendo e la situazione è destinata a peggiorare prima di migliorare. Durante l’inverno i britannici pagheranno una bolletta enorme per il gas importato. Il Regno Unito sta anche pagando 2,5 miliardi di sterline ogni tre mesi all’UE come parte dell’accordo di recesso. Il deficit delle partite correnti potrebbe raggiungere un impressionante 10% del PIL durante l’inverno. Questo preoccupa i mercati finanziari e le agenzie di rating.Ogni nuovo Cancelliere deve acquisire credibilità nei confronti dei mercati finanziari. Kwasi Kwarteng ha iniziato piuttosto male in questo senso. La scorsa settimana la Banca d’Inghilterra è dovuta intervenire per fermare il circolo vizioso del debito pubblico a lunga scadenza e ha chiarito che è in arrivo un forte aumento dei tassi di base. Questo ci porta alla prossima problematica per il governo: il calo dei prezzi delle case. (abstract by http://www.bc-communication.it)

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Weekly market outlook: Perché la sterlina è vulnerabile?

Posted by fidest press agency su venerdì, 30 settembre 2022

A cura di Steven Bell, Chief Economist EMEA di Columbia Threadneedle Investments. Il bilancio del Cancelliere dello Scacchiere britannico Kwasi Kwarteng non è stato accolto con entusiasmo dai mercati finanziari. Con tutta probabilità, lo schema del tetto ai prezzi dell’energia significa che il Regno Unito ha evitato una recessione a breve termine. Tuttavia, il costo in termini di ulteriore indebitamento pubblico è enorme, con il Cancelliere che ha raddoppiato i tagli alle tasse, andando quindi ad aumentare ulteriormente l’indebitamento. Di quanto sia aumentato non è dato a saperlo, dal momento che Kwarteng ha impedito all’Office for Budget Responsibility (OBR) di elaborare correttamente i numeri. Riteniamo che l’OBR, in realtà, avrebbe previsto deficit di bilancio ancora maggiori. Ad esempio, il costo diretto dei tagli alle imposte sulle aliquote più alte è di 6 miliardi di sterline, ma il nuovo Cancelliere ha ipotizzato che i “cambiamenti comportamentali” lo ridurranno a 2 miliardi di sterline. Questo sembra improbabile. La sterlina ha toccato i minimi storici e si prevede che i tassi di base supereranno il 6%. I rendimenti dei titoli di Stato sono saliti. Un andamento simile si riscontra in tutto il mondo: le banche centrali stanno aumentando i tassi più velocemente di quanto i mercati si aspettassero e i rendimenti obbligazionari sono in rialzo. Le aspettative sui tassi di interesse nel Regno Unito, però, sono aumentate in termini relativi grazie alle misure del nuovo governo britannico.La sterlina è particolarmente vulnerabile perché il Regno Unito ha un enorme deficit delle partite correnti. Come disse Mark Carney, “il Regno Unito dipende dalla gentilezza degli stranieri”, poiché per finanziare il deficit dobbiamo chiedere prestiti all’estero, e questi stanno diventando sempre più costosi. Questo è uno dei motivi, ma non l’unico, per cui il deficit ha raggiunto un record nei primi tre mesi dell’anno. Venerdì avremo i nuovi numeri. Il consenso vede una situazione in miglioramento, ma la verità è che non possiamo assolutamente esserne certi. Gli statistici del governo hanno cambiato il modo di calcolare i numeri e non sono sicuri di averli azzeccati. E il paese si trova ad affrontare un quadro generale molto impegnativo. La disponibilità degli “stranieri” a salvare il Regno Unito dipende fortemente dalla propensione al rischio globale. Quando le azioni sono in rialzo, la sterlina tende a rafforzarsi. La scorsa settimana, però, i titoli azionari sono stati molto deboli, evidenziando un pessimo tempismo per l’annuncio della riforma fiscale di Kwarteng.Questa settimana è previsto l’intervento di diversi membri del Comitato di Politica Monetaria (MPC) della Banca Centrale, e molti di loro adotteranno sicuramente una retorica “da falco”. Il governo ha cercato di attribuire la colpa del calo della sterlina alla decisione dell’MPC di aumentare i tassi di base “solo dello 0,5%”. Una decisione apparsa alquanto strana. La Banca d’Inghilterra è indipendente, ma è il governo a nominarne i membri. Sebbene non possa licenziare il governatore Andy Bailey in termini strettamente legali, egli si dimetterebbe quasi certamente se il Cancelliere lo desiderasse. Molti si aspettano che Bailey lasci il suo incarico all’inizio del prossimo anno. Personalmente, spero che questo non avvenga. Nel frattempo, le agenzie di rating valuteranno se mettere il Regno Unito sotto osservazione negativa. Ma il governatore non è che un membro del MPC e molti altri membri sarebbero felici di affrontare il governo e aumentare i tassi in modo aggressivo. Si parla di una riunione d’emergenza per alzare i tassi di base prima della prossima riunione prevista per il 3 novembre. Se io facessi parte del comitato, mi opporrei: sembrerebbe un segnale di panico. Invece, sarei favorevole a un rialzo dei tassi al 5% nei prossimi mesi. Questo livello attirerebbe fondi nel Regno Unito, anche se il nuovo governo britannico avrebbe bisogno di un po’ di fortuna per evitare una crisi finanziaria.La sterlina potrebbe scendere sotto la parità rispetto al dollaro nelle prossime settimane. Sono necessari tassi di interesse più elevati per compensare l’aumento del rischio derivante dalle misure del nuovo Cancelliere e, sebbene il tetto ai prezzi dell’energia potrebbe aver evitato la recessione quest’inverno, l’economia britannica appare ancora decisamente vulnerabile.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Global Ecommerce Revenue to Drop by $95B in 2022, the First Decrease in Market`s History

Posted by fidest press agency su martedì, 13 settembre 2022

As one of a few resilient industries during the global downturn caused by Covid-19, the eCommerce sector has seen substantial growth in past years. The entire industry boomed, with millions of people choosing webshops instead of brick-and-mortar stores and revenues skyrocketing to new highs. However, for the first time in the market’s history, global eCommerce revenues are forecast to shrink in 2022.According to data presented by AugustaFreePress.com, the eCommerce industry is expected to generate $3.74trn in revenue this year, $95bn less than in 2021.Not many industries have seen such impressive growth as the eCommerce sector. In just four years, global revenues spiked 70%, jumping to over $3.84trn in 2021, according to Statista Digital Market Outlook. As the two largest eCommerce revenue streams, electronics and fashion sales made nearly half of that value.Statistics show that between 2017 and 2021, the revenues of the global eCommerce fashion industry soared by 67% to $890bn. Electronics sales, the largest single revenue stream, jumped by 46% to $920bn in this period.The expected eCommerce revenue drop comes as the market faces global challenges in 2022. During the pandemic, many consumers have changed shopping behavior and switched to new brands in search of brand value, availability and convenience.Traditional eCommerce technology has also reached its limitations, and many brands are seeing their eCommerce tech stacks not flexible enough to meet customer expectations. On top of that, digital advertising costs are rising. However, supply chain issues and inflation remain the biggest weakening factors. The latest forecast from the Statista Digital Market Outlook shows these challenges triggered the first ever YoY revenue drop in the eCommerce industry. The previous forecast projected $481bn more revenue in 2022 than a year ago. However, as of July, the global eCommerce revenue projection slipped from $4.22trn to $3.74trn.More than 4 billion People Shop Online, Global Ecommerce Penetration rate at 55% Although there is a headwind at the moment, Statista expects revenue growth to get back on track eventually. One of the significant drivers for recovery will be the swelling eCommerce user base. Last year, the global eCommerce market had a huge 50.4% penetration rate, with nearly 3.8 billion people who shopped online. Statistics show online shoppers are expected to grow by 315 million YoY to 4.1 billion in 2022. Also, the market`s penetration rate is set to reach 54.1% this year. According to Statista, more than 4.8 billion people will shop online by 2025.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Weekly market outlook

Posted by fidest press agency su venerdì, 26 agosto 2022

A cura di Steven Bell, Chief Economist EMEA di Columbia Threadneedle Investments. Quando a giugno il prezzo della benzina negli Stati Uniti ha superato i 5 dollari al gallone, molti americani hanno pensato che la recessione negli Stati Uniti sarebbe arrivata rapidamente. “Prezzo elevato della benzina, uguale recessione” fa parte della saggezza popolare negli Stati Uniti. Con l’inversione della curva dei rendimenti e l’aumento delle richieste di disoccupazione, molti erano d’accordo. Ora le cose sembrano molto diverse. Sì, la curva dei rendimenti è ancora invertita, ma la benzina è scesa a 4 dollari al gallone, le richieste di disoccupazione si sono stabilizzate a un livello basso e la forza della spesa dei consumatori statunitensi ha sorpreso i pessimisti.Anche l’inflazione è stata oggetto di una serie di buone notizie, ma la speranza che la Federal Reserve possa smettere di aumentare i tassi in tempi brevi è stata dissipata da una serie di commenti da falco da parte dei membri del comitato per la fissazione dei tassi. Come già ricordato, la forte e persistente inflazione nei salari e negli affitti negli Stati Uniti significa che l’obiettivo della Fed di un’inflazione al 2% è ancora fuori portata, a meno che non si verifichi una recessione. Gli automobilisti europei sarebbero entusiasti di fare il pieno ai prezzi statunitensi, che si traducono in 90 pence inglesi o poco più di 1 euro al litro. Ma abbiamo motivo di essere molto più invidiosi dei prezzi del gas naturale di quest’inverno. Attualmente il prezzo del gas naturale è oltre 8 volte più alto in Europa e nel Regno Unito che negli Stati Uniti.Naturalmente questo non ha ancora colpito i consumatori europei: siamo in estate e i prezzi sono ancora relativamente bassi. Ma la portata dell’imminente disastro è più evidente nel Regno Unito. La bolletta energetica della famiglia media ha iniziato l’anno con 1.277 sterline in termini annuali. A partire da ottobre, il prezzo salirà a circa 3.600 sterline (il numero esatto lo sapremo venerdì) e forse a circa 4.200 sterline il prossimo gennaio. Le bollette energetiche annuali delle famiglie britanniche aumenterebbero quindi di ben 3.000 sterline in meno di 12 mesi. Il governo ha già previsto alcuni sgravi, ma chiunque diventi premier il mese prossimo sarà costretto a prorogarli drasticamente.Nel Regno Unito ci aspettano alcune settimane di sollievo. Grazie alle modifiche apportate alle soglie dell’assicurazione nazionale e ai sussidi per il costo della vita, questo mese i redditi reali disponibili riceveranno un’importante spinta. E molti consumatori hanno ancora spazio per spendere i loro risparmi – la liquidità accumulata e i debiti ridotti durante la pandemia. Ma è davvero la tregua prima della tempesta.È difficile sfuggire alla conclusione che le prospettive economiche sono migliori negli Stati Uniti che in Europa. Il potente dollaro potrebbe diventare ancora più potente e, sebbene i tassi di interesse siano destinati a salire in Europa e nel Regno Unito, gli Stati Uniti devono sicuramente fare da apripista. E gli asset di rischio? A mio modesto parere, l’aumento dei tassi e la recessione non sono sufficienti per un mercato azionario in crescita.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Weekly market outlook

Posted by fidest press agency su martedì, 16 agosto 2022

A cura di Steven Bell, Chief Economist EMEA di Columbia Threadneedle Investments. la Banca d’Inghilterra ha aumentato il tasso d’interesse dello 0,5%. Ciò è avvenuto dopo una mossa ancora più consistente da parte degli Stati Uniti e un rialzo simile da parte della Banca Centrale Europea. Analizziamo le ragioni alla base dei rialzi e cosa servirà per porvi fine. Sebbene l’inflazione sia a livelli simili in Europa e negli Stati Uniti in termini nominali, la composizione è molto diversa. Nel Regno Unito e nell’area euro, i prezzi dell’energia sono i principali responsabili, con i prezzi del gas in testa. Negli Stati Uniti predominano le pressioni interne. I salari sono in forte aumento, molto più rapidamente che in Europa, così come gli affitti. L’impennata dell’occupazione della scorsa settimana evidenzia quanto sia forte il mercato del lavoro statunitense e non vedo uno scenario in cui queste pressioni possano essere contenute senza una recessione. Ciò significa che la Federal Reserve statunitense dovrà probabilmente continuare ad alzare i tassi fino a quando la recessione non sarà imminente. E data la solidità di fondo dell’economia statunitense, mi aspetto che i tassi d’interesse americani salgano di molto perché, a mio avviso, hanno avviato troppo tardi la stretta monetaria. In Europa la storia è diversa. I prezzi a termine del gas naturale per quest’inverno sono 12 volte più alti di quanto non fossero prima dell’invasione dell’Ucraina da parte della Russia. Si tratta di un incremento enorme. Nel Regno Unito l’aumento è minore, ma la decuplicazione è comunque senza precedenti. Il risultato, a mio avviso, è una recessione. Ma sarà una recessione di tipo diverso rispetto a quella degli Stati Uniti. Si tratta di uno shock dell’offerta che non richiede una risposta di politica monetaria. I prezzi del gas non aumenteranno di nuovo di 10 volte e i mercati prevedono un calo a medio termine. Quindi, gran parte dell’aumento dell’inflazione sarà transitorio e poiché il colpo ai redditi reali genererà comunque una recessione, non c’è bisogno che le banche centrali facciano di più in questo senso. Ma non è tutto: i tassi di interesse sono arrivati quasi a zero nel Regno Unito e negativi in Europa; quindi, stanno risalendo verso livelli più “normali” e, considerando altri fattori, sospetto che la Banca d’Inghilterra e la Banca Centrale Europea possano aumentare i tassi solo di poco. Le recessioni sono foriere di cattive notizie per gli utili aziendali, indipendentemente dal fatto che riflettano o meno uno shock dell’offerta. E l’aumento dei tassi d’interesse combinato con una recessione costituisce un doppio colpo. Dopo un primo semestre davvero terribile, sia le azioni che le obbligazioni hanno registrato una buona performance a luglio. E le azioni hanno iniziato agosto in modo complessivamente positivo. Ma ritengo che si prospettino alcuni mesi difficili dei rally degli asset di rischio si è verificato per la ragione apparentemente perversa dell’indebolimento dei dati economici. Ciò ha portato i mercati a concludere che la Federal Reserve statunitense aumenterà i tassi di interesse solo di poco e li taglierà nel 2023. I titoli azionari sono scesi fino ad ora nel 2022, nonostante la forte crescita degli utili; quindi, sicuramente le azioni sono un “buy” se i tassi di interesse smettono di salire? Il grande difetto di questa argomentazione è che suggerisce che i tassi d’interesse sono vicini a un livello che ridurrà l’inflazione e che ciò avverrà senza una recessione. La realtà è che l’inflazione statunitense è stata lasciata diventare troppo alta e troppo persistente per essere placata da un semplice rallentamento dell’economia. A mio avviso, gli Stati Uniti hanno bisogno di una vera e propria recessione, con un aumento significativo della disoccupazione, per riportare l’inflazione verso l’obiettivo del 2% fissato dalla Fed. A tal fine è probabilmente necessario un aumento significativo dei tassi d’interesse, che sarà accompagnato da un calo degli utili aziendali. Gli investitori si aspettano già una recessione, ma le azioni potrebbero scendere Non possiamo aspettarci che l’Europa fornisca un grande sostegno. A differenza degli Stati Uniti, i salari e gli affitti non sono la principale fonte di pressione inflazionistica. In Europa è la crisi del costo della vita a farla da padrona ed è difficile che l’Europa possa evitare una recessione con l’impennata delle bollette energetiche. I numeri sono spaventosi. Nel Regno Unito, la bolletta media dell’energia domestica supererà le 3.000 sterline a ottobre, per poi salire di nuovo a 4.000 sterline nel gennaio 2023. Certo, una parte di questa cifra sarà compensata dal sostegno del governo, ma ciò mitigherà solo l’impatto, non proteggerà l’industria e costituirà un ulteriore vincolo per le finanze pubbliche. Le condizioni variano in altri Paesi europei, ma per il Nord Europa e la Germania in particolare le prospettive sono pessime.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Fish Oil Producer Daudruy Van Cauwenberghe finds in Sustainability the Key to Thriving in a Booming Global Market

Posted by fidest press agency su martedì, 2 agosto 2022

In recent years, the global fish oil market has experienced exponential growth due to the increasing interest in its beneficial properties. Business projections indicate that this upward trajectory will continue, with an annual growth of 6%. As a result, the global fish oil market is expected to reach USD 3603 million by 2030. Under this scenario, the need for the fish oil sector to align with the Sustainable Development Goals is even more urgent.In this context, French fish oil producer Ch. Daudruy Van Cauwenberghe & Fils (DVC) has earned special recognition from Friend of the Sea, the certification program from the World Sustainability Organization, for persistently working to implement sustainable practices. Daudruy Van Cauwenberghe achieved the Friend of the Sea sustainability certification in 2019 and has since maintained the distinction thanks to its effective commitment to sustainability.Based in Dunkirk, in Northern France, the history of Ch. Daudruy Van Cauwenberghe & Fils goes back to 1827. The refinery plant was established in 1966 by Charles Daudruy. Until today, it’s managed by the Daudry Van Cauwenberghe family, who has successfully led the company into the XXI century, standing up to the new challenges.DVC produces and commercializes a wide range of marine oils for different industries, from animal feed and aquaculture to pet food. Fish oil comes from the tissue of oily fish such as anchovies, sardine, sprat, and herring, among many other species, rich in omega-3 fatty acids. These precious acids are indispensable in aquaculture, animal nutrition, supplements.A specialist in marine oils, DVC developed high expertise in producing and supplying elaborate oils. The company uses fish oil from Friend of the Sea sustainable-certified sources. Likewise, Daudruy Van Cauwenberghe has successfully proven to comply with the Friend of the Sea criteria for refining fish oil. That includes well-managed sources of fish oil and fishmeal ingredients, traceability, and social accountability.Being part of the Friend of the Sea certification program is part of the broader sustainable management policy by the company’s leadership, following a CSR approach that seeks to engage in the ecological transition, revitalize the territory and ensure the quality of life at work.In addition, Daudruy Van Cauwenberghe started a carbon footprint project in January 2022 to assess the environmental impact of the company’s activities.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

T. Rowe Price Mid-Year Market Outlook 2022. L’anno della transizione verso un nuovo paradigma

Posted by fidest press agency su domenica, 10 luglio 2022

Dopo un 2021 all’insegna della ripresa economica spinta da campagne vaccinali, stimoli fiscali e monetari e una ripresa dei consumi, il 2022 si è aperto con previsioni di crescita tutt’altro che favorevoli. L’invasione russa dell’Ucraina, il nuovo lockdown in Cina, l’aumento dei prezzi dell’energia e la crescita dei tassi di interesse potrebbero rendere difficile anche la seconda metà dell’anno. Per i CIO di T. Rowe Price, società di gestione indipendente con quasi 1.500 miliardi di dollari di AuM[1], nell’Outlook di metà anno 2022, all’orizzonte ci sono tre sfide particolarmente importanti per gli investitori nei prossimi mesi: l’inflazione, l’inflazione e l’inflazione, che sarà il principale meccanismo di trasmissione per tutti gli altri rischi che stiamo affrontando.La domanda chiave è se questi rischi causeranno una brusca decelerazione della crescita o spingeranno le principali economie in recessioni vere e proprie, trascinando anche gli utili aziendali. Oltre ai rischi ciclici, gli investitori devono considerare che i mercati globali potrebbero aver raggiunto un punto di flesso strutturale: la fine dell’era dell’ampia liquidità, bassa inflazione e bassi tassi d’interesse che hanno seguito la crisi finanziaria globale del 2008-2009. Siamo nel bel mezzo di un cambiamento di paradigma.La liquidità iniettata dalle banche centrali è stata fondamentale per stabilizzare le economie e i mercati durante la crisi finanziaria e la pandemia di coronavirus, ma ha contribuito a spingere le valutazioni di molti asset di rischio verso gli estremi storici. “Il mercato ha già scontato una serie di futuri rialzi dei tassi della Fed, ma si aspetta ancora che l’inflazione superi l’obiettivo della banca centrale americana di un intero punto percentuale all’anno nei prossimi cinque anni” – commenta Sébastien Page, CFA, Head of Global Multi‑Asset and Chief Investment Officer di T. Rowe Price. Nonostante questo scenario non sia del tutto favorevole, esiste anche un aspetto positivo. A livello globale c’è un’offerta potenziale “repressa”, che potrebbe contribuire a ridurre l’inflazione se si riuscissero a sbloccare i colli di bottiglia delle catene di approvvigionamento. Un cambiamento nella leadership di mercato sembra in corso. “In un mondo in cui molte banche centrali stanno frenando la liquidità per combattere l’inflazione e i governi di molti Paesi sviluppati stanno registrando profondi deficit fiscali, la Cina ha almeno la possibilità di concentrare la politica sul sostegno alla crescita” – afferma Justin Thomson, Head of International Equity and Chief Investment Officer di T. Rowe Price. Secondo Thomson, non è ancora chiaro quanto i policy maker cinesi saranno in grado di stimolare la crescita nel secondo semestre. Oltre al coronavirus, anche il crollo dei valori immobiliari e le inadempienze creditizie potrebbero mettere in discussione qualsiasi sforzo di stimolo. Ad ogni modo, Thomson afferma di essere riluttante nel prevedere un cambiamento di leadership verso le azioni non statunitensi nel secondo semestre, data la lunga sovraperformance del mercato americano nell’ultimo decennio. “Se l’apprezzamento del dollaro americano registrato nel primo semestre si attenuasse e il settore tecnologico continuasse a faticare, la performance relativa dei mercati azionari non statunitensi dovrebbe almeno migliorare” – conclude Thomson. (abstract by verinieassociatisas.onmicrosoft.com

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

2022 common fisheries policy and common market organisation reports

Posted by fidest press agency su sabato, 5 marzo 2022

All stakeholders, including the fishing industry, non-governmental organisations, academic, scientific, social and economic partners are invited to share their views in the online questionnaire by 14 March 2022 (see link below).The Commission will deliver the reports by the end of 2022, as announced in article 48 of the CFP Regulation and 48 of the CMO Regulation. The objective of the CFP report is to address the functioning of the CFP and look at how we can strengthen its implementation. The CFP Regulation sets out that the implementation of the CFP is guided by the principles of good governance, taking into account regional specificities, through a regionalised approach, as well as appropriate involvement of stakeholders at all stages.The objective of the CMO report is to take stock on the results of application of the CMO Regulation and its legal provisions, such as provisions on professional organisations, information to consumers, the implementation of competition rules, and the collection of common market intelligence.Dialogue with stakeholders has proven to be essential for achieving the objectives of the CFP and of its market pillar, the CMO, and the Commission believes that such dialogue is equally essential during the consultation phase on these reports.Both the CFP and the CMO online questionnaires follow the chapters of the two Regulations. The questionnaires are part of targeted stakeholder consultations, which will help the Commission collect information on the functioning of the CFP and CMO. They are designed to collect information about what does and does not work well, any shortcomings in how the two regulations are implemented, and to highlight good practices, innovative tools and/or processes implemented by stakeholders and Member States. The CFP questionnaire will be the basis for more in-depth discussions at regional level starting in April 2022.To close the consultation process, the Commission will organise a stakeholder event on Friday 10 June 2022.The final reports will also be based on the supporting studies, referred to in the corresponding chapters of the questionnaires, as well as the on-going initiatives and reports in the PECH committee.

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Digital Market Act, anche le piattaforme e-commerce dovranno sottostare a tutti gli obblighi della concorrenza

Posted by fidest press agency su lunedì, 20 dicembre 2021

Anche le grandi piattaforme online per distribuzione e vendita di libri, e-book e prodotti audiovisivi – come Amazon libri e Prime Video– devono sottostare alle regole del Digital Markets Act (DMA), il regolamento europeo che disciplina la concorrenza nei mercati digitali. Lo prevede un emendamento al DMA approvato dall’Europarlamento e promosso dall’Associazione Italiana Editori (AIE), dalla Federazione degli Editori Europei (FEP), dalla Federazione Internazionale dei Librai (EIBF) e da parte del comparto audiovisivo che chiarisce l’ambito di applicazione. Il testo del regolamento approvato il 15 dicembre dall’Europarlamento sarà discusso nel nuovo anno insieme a quello del Consiglio Europeo e a quello della Commissione, per arrivare alla versione definitiva.Il regolamento prevede in capo ai gatekeepers, ovvero i soggetti in posizione dominante nell’economia digitale che mediano l’accesso degli utenti a contenuti, beni e servizi – dai marketplace, ai motori di ricerca e ai social network – particolari obblighi volti a contrastare pratiche sleali, tra cui la condivisione dei dati che possono contribuire a una maggiore trasparenza e conoscibilità del mercato, come quelli generati dalle transazioni e dall’accesso ai contenuti da parte degli utenti.“Grazie all’emendamento approvato dall’Europarlamento – ha spiegato il presidente dell’AIE Ricardo Franco Levi – rientrano tra i soggetti regolamentati dal DMA anche le grandi piattaforme per la vendita di libri a stampa e e-book il cui ruolo nel mercato librario è sempre più forte. Così si gettano le basi per un rapporto più equilibrato tra le case editrici e tali soggetti, contribuendo a una crescita del mercato sostenibile ed equa. Ringraziamo tutti gli europarlamentari che si sono spesi per questo risultato, in particolare l’ampissimo schieramento di parlamentari italiani dei gruppi Socialisti e Democratici, Conservatori e Riformisti europei, Identità e Democrazia, Verdi e non iscritti, che hanno dato parere positivo all’emendamento”.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Emerging market fixed income: ecco dove trovare opportunità di rendimento

Posted by fidest press agency su giovedì, 16 settembre 2021

A cura di Kristin Ceva, responsabile strategie paesi emergenti di Payden & Rygel. La performance del reddito fisso dei mercati emergenti è stata ampiamente positiva nell’ultimo periodo. Sebbene le preoccupazioni per il rallentamento della crescita globale abbiano pesato sulle asset class più rischiose all’inizio di agosto, il debito emergente ha retto e ha registrato profitti, in quanto il mercato ha beneficiato dei toni misurati della view della Fed a Jackson Hole.I rendimenti complessivi del credito sovrano e societario in valuta forte sono stati positivi, con l’high yield che ha sovraperformato ed i differenziali di rendimento hanno subito un’inversione di rotta rispetto all’espansione registrata a luglio.Anche i mercati delle valute locali hanno retto; le valute dei paesi emergenti hanno dimostrato di essere il motore del rendimento, mentre i rendimenti locali sono saliti marginalmente. I mercati primari hanno subito un rallentamento con la tipica stagionalità di agosto. Il contesto dei flussi è stato moderato, con modesti afflussi nei fondi in valuta locale compensati dai deflussi dai fondi in valuta forte. L’aumento dei rendimenti ed i segnali di inasprimento della politica monetaria sui mercati sviluppati dovrebbero rimanere i principali ostacoli per i rendimenti del debito dei Paesi emergenti nel 2021. Riteniamo che i tassi più elevati siano tuttavia gestibili per l’asset class, in quanto si inseriscono nel contesto di una maggiore crescita, di prezzi elevati delle materie prime e di conti pubblici ben bilanciati.L’aumento dell’inflazione, guidato da fattori ciclici ha portato alcune banche centrali dei Paesi emergenti ad inasprire la politica monetaria. Tuttavia, molte banche centrali ritengono che le recenti pressioni sui prezzi potrebbero rivelarsi transitorie.Sebbene le ondate pandemiche rappresentino ancora un problema per alcune regioni, nel complesso, i Paesi emergenti stanno evitando pesanti restrizioni, la ripresa delle attività non ha subito battute d’arresto significative e riteniamo che la diffusione del vaccino, nonostante il lento rilascio iniziale, continuerà a migliorare nel corso dell’anno. Il 2022 sarà anno di elezioni per diversi Paesi emergenti e questa sarà un’occasione per fare luce sull’evoluzione delle loro dinamiche sociali e politiche.Mentre i Paesi dimostrano la capacità di navigare tra i persistenti rischi della pandemia, riteniamo che la crescita dei mercati emergenti sia destinata a mantenersi stabile. In un contesto in cui i rendimenti dei mercati sviluppati sono ancora molto bassi e il valore in molti settori appaia limitato, riteniamo che le valutazioni del debito emergente in valuta forte e locale rimangano attraenti e che un indebolimento del dollaro statunitense potrebbe fornire un’ulteriore spinta per queste asset.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Legal Cannabis Market in Europe Set to be Worth €3.2 billion by 2025

Posted by fidest press agency su venerdì, 2 aprile 2021

The European cannabis market is forecast to grow with a compound annual growth rate (CAGR) of 67.4% to reach €3.2 billion by 2025, a new report has found.The European Cannabis Report: 6th Edition, released today by global cannabis industry consultants, Prohibition Partners, highlights how 60,000 people were able to access cannabis medications for the first time in Europe in 2020, bringing the total to 185,000 patients for the year. “60,000 people were able to access cannabis medications for the first time in Europe in”The value of the European medical cannabis market will reach €406 million by the end of 2021: a year-on-year growth of 75% compared to 2020, according to the report’s estimates. Germany is the medical cannabis goliath in Europe owing to progressive legislation and a large and affluent population. Germany will constitute over half of the European market until 2024 and will be worth over €840 million by the end of the forecast period. Imports of medical cannabis into the German market increased by 37% last year, bringing the total to 9.3 tonnes of product.By 2025, countries like France and the UK will have developed patient access to medical cannabis considerably, and large European nations like these will represent a significant share of the European market, the report forecasts. If regulations continue to progress as predicted, the UK medical cannabis market could show the most significant growth of any country in Europe by 2025.As adult-use cannabis is not yet legalised anywhere in Europe, the market for legal cannabis products in Europe remains entirely medical. This balance is expected to shift over the next four years, as more countries open up to the prospect of legalising adult-use cannabis.Prohibition Partners’ report identifies several European nations that could introduce legal access to adult-use cannabis by 2025, including Netherlands, Switzerland and Germany. Sales of adult-use cannabis could be worth over €500 million by 2025.This progression of medical and legalised adult-use cannabis will contribute to exponential growth over the next four years. By 2025, it is estimated that the European cannabis market will be worth €3.2 billion. The European Cannabis Report: 6th Edition takes an in-depth look at the progress of cannabis legalisation across Europe, the trade flows on the continent, business opportunities, medical products on the market and the patients who use them. The report also considers how COVID-19 has affected the market in Europe and what this means for the year ahead.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Breakthrough to create €4.2 billion Single Market Programme

Posted by fidest press agency su venerdì, 11 dicembre 2020

Parliament and Council negotiators reached a provisional political agreement on the new €4.2 billion programme to strengthen the EU’s internal market.The Single Market Programme for 2021-2027 will support a wide range of activities, from guaranteeing health and food safety to supporting SMEs and improving consumer protection. Its overarching goal is to foster cooperation and make the internal market more sustainable.The programme will focus on the following areas: • Supporting EU businesses: Actions to support SMEs will focus on international competitiveness, development of digital and entrepreneurial skills and the green transition. Support can also be granted to business clusters and social economy enterprises. • Better governance of internal market: Market surveillance will be financed via the new programme with a separate budgetary envelope, contributing to efforts to curb the risks for consumers, whether through scams, or unsafe or counterfeit products at a time when e-commerce is on the rise. The programme will support actions promoting greater choice of high quality products and services offered in the internal market. • Stronger consumer protection: The priority actions include improving overall protection and awareness of EU consumer rights, as well as actions to promote sustainable consumption and ensure product safety. • High level of health and safety: A big part of the programme will be dedicated to guaranteeing health and food safety, for example by supporting effective veterinary and phytosanitary controls in case of health crises, endorsing safe production, and making the EU food industry more competitive. • The programme will also finance data gathering for high-quality, comparable, and reliable European statistics.

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Internal Market and Consumer Protection Committee

Posted by fidest press agency su lunedì, 30 novembre 2020

Bruxelles. Wednesday 2 December 2020, 13.45 – 15.45 and 16.45 – 18.30 Highlights of the next meeting Antall building, room 6Q2 Committee Members will be able to participate remotely. The meeting will be webstreamed here.(vote on amendments will be open from 13.50 to 15.20 and final vote from 16.50 to 17.20)- Strengthening the Single Market: the future of free movement of services – rapporteur: Morten Løkkegaard (Renew, DK) – vote on draft report Debates 13.45-15.45 – Implementation of rules on procurement in the fields of defence and security and on transfer of defence-related products – rapporteur: Kris Peeters (EPP, BE) – discussion on amendments – Harmonised conditions for the marketing of construction products (implementation of the Construction Products Regulation) – rapporteur: Christian Doleschal (EPP, DE) – discussion on compromise amendments – A European strategy for data (lead committee: Industry) – rapporteur of the Internal Market Committee opinion: Christel Schaldemose (S&D, DK) – discussion on amendments – Impacts of EU rules on the free movements of workers and services: intra-EU labour mobility as a tool to match labour market needs and skills (lead committee: Employment) – rapporteur of the Internal Market Committee opinion: Morten Løkkegaard (Renew, DK) – discussion on amendments.

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Red Light Holland and Halo Labs Announce Intention to Enter Oregon Medicinal Psilocybin Market

Posted by fidest press agency su martedì, 24 novembre 2020

Toronto, Ontario. Halo Labs Inc. (“Halo”) (NEO: HALO) (OTC: AGEEF) (Germany: A9KN) and Red Light Holland Corp. (CSE: TRIP) (FSE: 4YX) (OTC: TRUFF) (“Red Light Holland”) are pleased to announce they have entered into a non-binding letter of intent for the purposes of creating a joint venture to become a licensed psilocybin manufacturer to supply psilocybin products to licensed service centers in the State of Oregon, and to explore other potential business opportunities in this new regulated market, subject to compliance with all applicable Oregon laws and regulations. “Clearly, we are very excited with the recent results of Oregon Measure 109 where progressive Oregonians have voted in favor of becoming the first state in the US, to allow the use of psilocybin, for therapeutic use. We take pride at Red Light Holland in our self-regulated responsible adult use psilocybin legal product (iMicrodose packs in the Netherlands), which we feel could become a model for the development of psilocybin products for the Oregon regulated market to be used to potentially treat chronic mental health issues like anxiety, depression, and addiction” said Red Light Holland CEO and Director Todd Shapiro. “We are aware that these are early days for the Oregon psilocybin market, we cannot make medical claims, and the path ahead is still a long one as the Oregon Health Authority still has to create a state-licensed, psilocybin-assisted therapy program over the next two years. This is exactly why we have entered into a non-binding LOI with Halo Labs, as CEO Kiran Sidhu and his team have deep regulatory experience and relationships with Oregon lawmakers and state officials, having founded Halo Labs, a successful vertically integrated cannabis company that started in the State of Oregon and now operates in multiple US states, Africa and in the UK” added Shapiro.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Quarta edizione dell’Electricity Market Report

Posted by fidest press agency su domenica, 22 novembre 2020

Mercoledì 25 novembre dalle 9.30 alle 13.30, nel corso di un convegno in diretta streaming, verrà presentata la quarta edizione dell’Electricity Market Report realizzato dall’Energy&Strategy Group della School of Management del Politecnico di Milano (per iscriversi https://www.energystrategy.it/eventi/electricity-market-report-2020.html; seguirà l’invio del link per l’accesso).Il rapporto intende analizzare l’evoluzione dei mercati elettrici in Italia, esaminando il processo di apertura del Mercato per i Servizi di Dispacciamento (MSD) – con particolare attenzione alle sperimentazioni volte ad ampliare la platea di soggetti che possono offrire servizi di regolazione – e le nuove configurazioni per la condivisione dell’energia che stanno emergendo nell’iter di recepimento delle direttive comunitarie, quali le Comunità energetiche rinnovabili e gli Autoconsumatori di energia rinnovabile che agiscono collettivamente. Tali configurazioni sono analizzate dal punto di vista “tecnologico”, “regolatorio” e “di mercato”, con specifico focus sugli economics associati e sulle potenzialità di mercato.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Anna Cavazzini elected Chair of Internal Market and Consumer Protection Committee

Posted by fidest press agency su giovedì, 29 ottobre 2020

In a statement released shortly after her election, the Chair said:“The COVID-19 crisis has shown that we cannot take the achievements of the EU’s internal market for granted. Closed borders and interrupted supply chains have brought the essence of European integration into sharp relief: working together across borders. We have to defend the future integrity of the single market, but we must also update it. High social, environmental and consumer standards are cornerstones of the single market. Upholding these standards should be at the forefront of the digital transformation, which should benefit European citizens and businesses alike.The Internal Market Committee is elaborating the EU Green Deal and working on new challenges that digitalisation brings, such as the regulation of online platforms via the Digital Services Act or a more sustainable product policy through the circular economy. We are striving to make these transformations successful for both the economy and EU citizens whose daily lives will benefit from our efforts. The Internal Market Committee thus serves to bring citizens closer to the EU decision-making process.I hope that the Internal Market Committee can be a central forum to discuss the future challenges of the green and digital transformations – not only within Parliament but also in exchange with civil society, all stakeholders and citizens. I want this dialogue and subsequent decisions to be accessible, whether with regards to strengthening the single market while maintaining high social and environmental standards, making the single market fit for the green deal, or considering how to increase citizens’ trust in the EU by ensuring the highest levels of consumer protection.”

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Plenary approves a call to urgently complete the Capital Markets Union

Posted by fidest press agency su lunedì, 12 ottobre 2020

The Capital Markets Union (CMU) should be developed more quickly, MEPs say, arguing that this would allow companies deprived of funding to tap into financial markets and reduce their dependence on bank lending.They take note of the Commission Communication of 24 September 2020 regarding the Capital Markets Union for people and business but insist on a stronger commitment to achieving real progress on issues such as supervision, taxation and insolvency laws, which still represent major obstacles to the true integration of EU capital markets.To this end, MEPs proposed several targeted changes, aligning and simplifying the existing provisions concerning issues such as: capital requirements, reporting frameworks, or listing requirements for SMEs regarding Initial Public Offerings. They also call for the EU venture capital and private equity markets to be developed more quickly in order to increase transparency and reduce fragmentation. At the same time, the text stresses the need for adequate prudential rules to build the capacity of financial institutions to absorb losses.MEPs point out that the CMU requires a developed investor base with suitable investment options for retail investors paired with improved disclosure and the ability to compare key information. They call for a more horizontal, harmonised approach to consumer and investor protection in EU financial services legislation, adapted to the green and digital transitions, in order to ensure effective and consistent levels of protection for financial products and providers.Finally, the adopted text highlights that the CMU should be a key contributor to the transition towards a sustainable, competitive and resilient economy, complementing public investment and in line with the EU Green Deal. The text also points out that Europe competes for capital in a global market, therefore efficient and resilient European capital markets are critical to protecting Europe’s economic sovereignty.The resolution was adopted with 417 votes to 205 and 72 abstentions.

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Internal Market and Consumer Protection Committee

Posted by fidest press agency su sabato, 6 giugno 2020

Bruxelles Monday 8 June 2020, 13.45 – 15.45 and 16.45 – 18.45 The meeting will be with remote participation (Members will be able to view and listen to the proceedings, ask for the floor and intervene).Debates with Commissioners
– Exchange of views with Justice Commissioner Didier Reynders on the adapted Work Programme of the Commission following the COVID-19 outbreak (16.45 – 18.45)
The Internal Market and Consumer Protection Committee will discuss with Commissioner Reynders the adjusted Commission Work Programme for 2020, following the COVID-19 outbreak, and the future Consumer Agenda. Contact tracing apps, as well as current issues faced by the tourism sector, are also likely to be raised by MEPs.The Commission announced that it will present a New Consumer Agenda in the last quarter of the year to align consumer protection with today’s realities, notably cross-border and online transactions. The planned initiatives also aim to empower consumers to play an active role in the ecological and digital transitions.
– Towards a more sustainable single market for business and consumers – rapporteur: David Cormand (Greens/EFA, FR) – discussion of the draft report (13.45 – 15.45)
– Strengthening the Single Market: the future of free movement of services – rapporteur: Morten Løkkegaard (Renew, DK) – discussion of the draft report (13.45 – 15.45)
– Digital Services Act: adapting commercial and civil law rules for commercial entities operating online (lead committee: Legal Affairs) – rapporteur of the Internal Market Committee opinion: Dita Charanzová (Renew, CZ) – discussion of compromise amendments (13.45 – 15.45)
– Intellectual property rights for the development of artificial intelligence technologies (lead committee: Legal Affairs) – rapporteur of the Internal Market Committee opinion: Adam Bielan (ECR, PL) – discussion of compromise amendments (13.45 – 15.45)
– Digital Services Act and fundamental rights issues posed (lead committee: Civil Liberties, Justice and Home Affairs) – rapporteur of the Internal Market Committee opinion: Adam Bielan (ECR, PL) – discussion of compromise amendments (13.45 – 15.45)
– Artificial intelligence in education, culture and the audiovisual sector (lead committee: Culture and Education) – rapporteur of the Internal Market Committee opinion: Kim Van Sparrentak (Greens/EFA, NL) – discussion of compromise amendments (16.45 – 18.45)

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

COVID-19: Single market must emerge stronger from the crisis, say MEPs

Posted by fidest press agency su venerdì, 29 Maggio 2020

Economic and Monetary Affairs Committee MEPs voiced concerns about the internal market during a debate with Commission Executive Vice-President Vestager on Monday.The majority of MEPs perceive the timely state aid schemes as a lifeline for companies during the COVID-19 crisis. However, they stress that all national state aid instruments such as grants or zero interest rate loans must be proportional and allocated in a transparent way.They also pointed to huge differences between the member states’ fiscal firepower, which is likely to have long lasting consequences on the internal market’s cohesion and asked about the strings attached to state aid such as contributions to the green economy.Commissioner Margrethe Vestager focused on the recovery package to be presented on Wednesday and the new solvency instrument, which will help recapitalise healthy companies put at risk by the pandemic. She agreed that the single market is crucial for recovery and assured MEPs that state aid is temporary, limited and designed to protect from bankruptcies and lay-offs. Ms Vestager stressed that the new recovery architecture will focus on minimising internal market distortions.Addressing recurring concerns voiced by many MEPs that the majority of state aid (47%) was obtained by German companies, Mrs Vestager highlighted the interdependence of the EU economy and interlinked value chains. German spending will therefore benefit companies across the EU, she stressed.MEPs also asked about the weaknesses laid bare by the crisis such as the EU’s dependence on other countries or digital giants to get strategic products such as medicine, medical equipment or tracing apps.The executive Vice-President reiterated the importance of striking a balance between strategic independence, trade and an open economy, which constitutes one of the EU’s main strengths. She called for a nuanced approach between self-reliance and an open global economy, because many jobs and businesses depend on that balance.Some MEPs insisted that green transformation and accountability to taxpayers should be a precondition for companies to receive aid. The Vice-President assured them that such companies have every incentive to stand on their own feet because bonuses, dividends and share buy-backs are banned. She also stressed that the EU will build its recovery around the agreed climate and digital goals. Finally, she recalled her constant efforts to achieve more tax justice by introducing digital taxation and carbon border taxes as a compensation for green EU companies.

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »