Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 33 n° 203

Posts Tagged ‘sviluppo’

Accordo per sviluppare forme di collaborazione a supporto di ricerca, sviluppo tecnologico e innovazione

Posted by fidest press agency su domenica, 23 maggio 2021

Genova. Il CEI – Comitato Elettrotecnico Italiano e l’Università degli Studi di Genova hanno sottoscritto una Convenzione per individuare azioni comuni nell’organizzazione di programmi, progetti, eventi istituzionali e tutto ciò che si riterrà di ulteriore beneficio al fine di promuovere la cultura scientifico-tecnologica e imprenditoriale a livello locale e nazionale. Il CEI e l’Università degli Studi di Genova ritengono infatti strategici i settori della didattica e della formazione, e si prefiggono di operare con la sinergia tra le rispettive strutture per creare una consapevolezza dell’importanza della standardizzazione nell’ambito degli sviluppi tecnologici e industriali finalizzati all’interazione con il mercato.Le parti si impegnano ad assicurare la reciproca collaborazione attraverso pubblicazioni scientifiche congiunte, partecipazioni congressuali e azioni divulgative e di formazione risultanti da tali attività, dandone adeguato risalto in tutte le comunicazioni verso l’esterno. È infatti interesse comune attuare nuove forme di raccordo tra il mondo della formazione universitaria e quello del lavoro, al fine di migliorare la qualità dei processi formativi e di ricerca, favorendo la diffusione della cultura d’impresa.Il CEI è l’Ente responsabile della normazione nel settore elettrotecnico, elettronico e delle telecomunicazioni e pubblica norme che costituiscono la regola d’arte di prodotti, processi, sistemi e impianti. Annovera 140 Comitati Tecnici e SottoComitati, con 3.000 esperti, e tratta temi di attualità, quali: E-Mobility, Cybersecurity, Smart Grid, Efficienza Energetica, IoT (Internet of Things), Sostenibilità, Energie Rinnovabili. L’Università degli Studi di Genova opera in tutti i campi declinati dal CEI in una logica di cooperazione fra l’Accademia e il tessuto industriale, anche in collaborazione con gli organi rappresentativi di categoria e con specifiche azioni nei maggiori Progetti relativi alla Digitalizzazione, Elettrificazione, Efficientamento energetico, Ecosostenibilità, AI (Artificial Intelligence), Cybersecurity nonché su tutte le esperienze connesse alle Energie rinnovabili applicate anche ai trasporti terrestri e marittimi.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Sviluppo di una dipendenza patologica

Posted by fidest press agency su lunedì, 26 aprile 2021

E’ un fenomeno multidimensionale, dalla causalità complessa, determinato dalla combinazione tra fattori di vulnerabilità e precipitanti. La CBT delle dipendenze patologiche nasce dal contributo fornito da K. Carroll, la prima a utilizzare i concetti della terapia Cognitivo-Comportamentale adattandoli al trattamento dei pazienti con dipendenza da sostanze. Il meccanismo che interviene nella dipendenza comportamentale (ad esempio da gioco, da shopping o da sesso) è similare a quello che connota la dipendenza da sostanza (con craving, assuefazione, tolleranza ed astinenza…) determinando un quadro fenomenologicamente molto simile.L’approccio Cognitivo-Comportamentale considera il comportamento di dipendenza come un “coping maladattivo” (strategia non funzionale di risoluzione di un problema) appreso all’interno di una specifica storia familiare e/o in un determinato ambiente socio-culturale. La CBT per il trattamento della dipendenza comportamentale si basa su una fase preliminare di valutazione psicodiagnostica e di assessment specifico mirata a costruire la concettualizzazione del caso e la definizione degli obiettivi di intervento.A questa fase segue quella di intervento (con psico-educazione sulla dipendenza; analisi funzionale del comportamento; individuazione degli stimoli “trigger”; rimozione degli stimoli condizionati; intervento motivazionale; gestione del craving; intervento cognitivo). Inoltre il trattamento consta di strategie comportamentali di esposizione e fronteggiamento degli stimoli (interni o esterni) tipicamente connessi al comportamento disfunzionale di dipendenza. Queste strategie standard sono poi da integrare con un intervento di coinvolgimento, psico-educazione e sostegno ai familiari che presenta le sue specificità, tutti aspetti che saranno oggetto del seminario. Webinar piattaforma Zoom – 20 ore di formazione così distribuite: 7 maggio 2021 (ore 14-18), 8 maggio 2021 (ore 9-13), 4 giugno 2021 (ore 9-18), 5 giugno 2021 (ore 9-13). E’ rivolto a psicologi-psicoterapeuti (anche in formazione) e ai medici (psichiatri o neuropsichiatri infantili). Si svolgerà con un massimo di 100 partecipanti.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Istruzione quale leva per lo sviluppo e la democrazia

Posted by fidest press agency su giovedì, 15 aprile 2021

Venerdì 16 aprile 2021 – ore 18.00 In diretta streaming sul canale YouTube UCID Padova. Prosegue il ciclo di incontri proposti dalla sezione UCID di Padova in programma per l’Anno Sociale 2021, su Istruzione quale leva per lo sviluppo e la democrazia. Un tema importante e delicato che in questo anno di pandemia si trova al centro di gravi problematiche, cariche di conseguenze per le generazioni di futuri lavoratori. Un tema su cui i Soci UCID desiderano riflettere anche grazie alla presenza di illustri Ospiti, partendo dal presupposto che istruzione e lavoro sono due facce della stessa medaglia.«L’obiettivo è quello di indagare su come stanno evolvendo le esigenze dell’impresa in termini di competenze e profili professionali – anticipa Massimo D’Onofrio, Presidente UCID Padova –, se e come si adeguano i programmi formativi, il ruolo del sindacato, alla luce dei nuovi paradigmi imposti dalla quarta rivoluzione industriale e dalle condizioni post pandemiche. Ancorché oggi non siamo in condizione di disegnare una buona parte dei nuovi lavori di cui ci sarà bisogno in un prossimo domani, avendo coscienza della ineludibilità dei cambiamenti in corso, dovremmo fare qualcosa per predisporre una risposta coordinata, a dispetto di una burocrazia che fa buona guardia a difesa di equilibri ormai superati.»I tre relatori invitati – Roberta CALLEGARO, Direttore Scuola Professionale Pd e Progetti Speciali Enaip Veneto; Federico DE STEFANI, Presidente e A.D. Sit spa; Christian FERRARI, Segretario Generale CGIL Veneto – nel prossimo incontro che si terrà venerdì 16 aprile dalle ore 18 in diretta streaming sul canale Youtube UCID Padova, porteranno il loro contributo sull’evoluzione dei percorsi formativi, sulle necessità dell’impresa in termini di competenze e profili professionali, sul ruolo del sindacato alla luce dei nuovi paradigmi imposti dalla quarta rivoluzione industriale e dalle condizioni post pandemiche per identificare sinergie e tratti di collaborazione trasversali.

Posted in scuola/school, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Economia creativa per lo Sviluppo Sostenibile

Posted by fidest press agency su giovedì, 11 marzo 2021

Con il 2021 si apre il decennio decisivo del cambiamento climatico. La conferenza delle Nazioni Unite nota come COP26, prevista a Glasgow a novembre 2021, segnerà un passaggio fondamentale. Non solo: il 2021 è anche stato dichiarato l’Anno Internazionale dell’Economia Creativa per lo Sviluppo Sostenibile (in inglese, International Year of Creative Economy for Sustainable Development) dalla 74a Assemblea Generale delle Nazioni Unite.Emissioni, Ambiente, Oceani, Riscaldamento globale ma anche Creatività, Innovazione e Sostenibilità: se le pedine sulla scacchiera sono tante, non sono solo le istituzioni a muoversi e programmare. Già da qualche anno c’è, tra gli imprenditori italiani, chi agisce in prima persona prendendo in carico come obiettivo personale d’azienda la responsabilità sociale d’impresa in chiave creativa. Tra questi, Veronica De Angelis, imprenditrice green e fondatrice della no-profit Yourban2030, già ospite del TED di Vicenza, ha deciso per il 2021 di sensibilizzare i singoli imprenditori per perseguire gli SDGS (Sustainable Development Goals) fissati dalle Nazioni Unite attraverso l’arte e la riqualificazione urbana, partendo dalle periferie. Perché dalla riqualificazione urbana, dall’arte e dalla creatività parte il benessere collettivo.Dopo un anno drammatico, che ha messo in secondo piano la bellezza e l’arte, Veronica De Angelis ha lanciato un appello ai colleghi per promuovere il cambiamento attraverso interventi concreti nelle città, per portare avanti parallelamente la cura, la vivibilità del territorio, la qualità della vita e la riqualificazione urbana. Come lei stessa ha già fatto, portando in alcuni dei quadranti cittadini più inquinati di Roma i murales mangia-smog più grandi d’Europa: una serie di interventi creativi a tutela dell’ambiente che si sono rivelati al tempo stesso oggetti d’arte per il rilancio del territorio e per la sua vivibilità estetica. Il primo a raccogliere l’appello di Veronica De Angelis è stato William Griffini, CEO di Carter & Benson, con un progetto di riqualificazione sulle scuole di Milano che vedrà la luce nella primavera del 2021. “A Roma Veronica De Angelis ha trasformato un palazzo di sua proprietà, in zona Ostiense, nel murale mangia-smog più grande d’Europa, realizzandolo con la speciale eco-pittura Airlite in grado di abbattere gli inquinanti atmosferici grazie a un processo simile alla fotosintesi clorofilliana che genera una reazione ossidante con cui vengono catturate e distrutte le sostanze inquinanti presenti nell’aria. Quell’enorme installazione artistica a Roma è una vera e propria innovazione. Non è solo bella da vedere ma è anche e soprattutto una buona pratica per l’ambiente. Uno strumento straordinario per lanciare un messaggio importante, quello che lo sviluppo sostenibile è possibile quando diventa responsabilità di tutti. L’idea mi è sembrata perfetta anche per la mia città… e presto diventerà realtà”.Veronica De Angelis, già ospite al TED, con Yourban2030 ha dimostrato che è possibile unire imprenditoria e arte all’insegna della tutela dell’ambiente e del pianeta. Nel 2018 ha promosso e realizzato il murales green più grande d’Europa, Hunting Pollution; ha unito 90 street artist da tutto il mondo per la campagna Color4Action, raccolta fondi per la lotta all’emergenza covid; ha avuto l’esclusiva della vernice mangia-smog in Nord America; è capofila della cordata internazionale per il primo murales green a tema LGBT+ di 250 mq e ha in cantiere tanti progetti destinati al restyling urbano e non solo con nuove azioni e interventi a Milano, Bologna, Roma… ma anche New York e Amsterdam.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Nasce l’Innovability School: percorso di alta formazione per start-up

Posted by fidest press agency su giovedì, 18 febbraio 2021

Al via giovedì 18 febbraio la prima edizione dell’Innovability School, organizzata dall’Alleanza Italiana per lo Sviluppo Sostenibile (ASviS) in collaborazione con la Fondazione Cassa di Risparmio di Pistoia (attraverso Uniser), la Fondazione Enel, la Fondazione Lars Magnus Ericsson e la Rete delle Università per lo sviluppo sostenibile (Rus).La scuola riconosce nelle start-up un ruolo particolarmente rilevante nell’affrontare in maniera responsabile le sfide della sostenibilità e si rivolge soprattutto a quelle che hanno come oggetto sociale prevalente lo sviluppo, la produzione e la commercializzazione di prodotti innovativi ad alto valore tecnologico, per attuare un cambiamento culturale. La Scuola affronterà i temi dello sviluppo sostenibile in un’ottica applicativa, attraverso l’illustrazione di casi reali e buone pratiche, approfondendo i diversi temi legati allo sviluppo sostenibile, in particolare l’economia circolare e l’innovazione digitale. I diversi argomenti saranno trattati con un approccio sistemico, in modo da evidenziare le connessioni tra gli argomenti trattati e le sfide imprenditoriali per integrare pienamente la sostenibilità nel modello di business.Le attività didattiche si svolgeranno in forma ibrida nel rispetto delle norme per la gestione dell’attuale emergenza sanitaria. Il percorso formativo, che si articola in quattro fasi basate su apprendimento individuale, webinar, lezioni teoriche, seminari e lavori di gruppo, sarà arricchito dalla partecipazione attiva di accademici, rappresentanti delle istituzioni, delle imprese e delle organizzazioni. Sarà disponibile un percorso di tutoraggio e di mentorship da affiancare alle start-up in base alle loro esigenze.Il lancio dei webinar avverrà giovedì 18 febbraio con una tavola rotonda che vedrà la partecipazione di Cesare Avenia, presidente della Fondazione Lars Magnus Ericsson; Ernesto Ciorra, direttore Innovability di Enel; Giulio Lo Iacono, responsabile attività trasversali di ASviS; Ginevra Lombardi, professoressa di Economia presso l’Università degli Studi di Firenze; Athanassia Athanassiou, ricercatrice presso l’Istituto Italiano di Tecnologia e di Patrizia Lombardi, prorettore del Politecnico di Torino e Presidente della Rete delle Università per lo sviluppo sostenibile. A seguire, una lectio Magistralis del professor Alberto Di Minin della Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

6ª edizione del Master in Sviluppo Sostenibile

Posted by fidest press agency su domenica, 14 febbraio 2021

Roma. 22 marzo – 26 ottobre 2021 organizzato dalla SIOI Società Italiana per l’Organizzazione Internazionale Piazza San Marco 51 e da Unitelma Sapienza, d’intesa con il Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale ed il CNR. L’obiettivo del Master è di sviluppare capacità e competenze nei settori della green economy, della geopolitica dell’energia e delle risorse con particolare attenzione all’eco-sostenibilità e all’utilizzo responsabile del territorio. Un focus approfondito sarà dedicato all’importanza geostrategica ed economica delle Regioni artiche. Il percorso formativo si propone di formare una figura professionale che possa operare a sostegno di Istituzioni nazionali ed internazionali, del settore privato ed imprenditoriale, di enti di ricerca ed in generale di tutte quelle realtà legate al settore energetico ed al management ambientale con particolare specializzazione per gli ecosistemi fragili come quello Artico. Il Master è rivolto ai laureati di tutte le discipline; le lezioni si svolgeranno in modalità web live da marzo a luglio e in modalità blended (on line e in presenza) da settembre a ottobre 2021, e si terranno il lunedì ed il martedì dalle ore 14.00 alle 17.00. A completamento del percorso formativo farà seguito per i giovani laureati un periodo tirocinio curriculare presso Organizzazioni o Istituzioni internazionali, Amministrazioni e Enti pubblici, Associazioni private e imprese.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Sfide ambiziose per il nostro Paese per la crescita e lo sviluppo

Posted by fidest press agency su venerdì, 5 febbraio 2021

In particolare, digitalizzazione, innovazione e competitività del sistema produttivo, transizione ecologica, infrastrutture e mobilità, istruzione e formazione, ricerca e cultura, per avere successo devono necessariamente prevedere specifiche azioni mirate al trasporto marittimo nel suo complesso”. Lo ha affermato Mario Mattioli, Presidente di Confitarma, nel corso dell’audizione di fronte alla IX Commissione Trasporti della Camera dei Deputati, nell’ambito dell’esame in sede consultiva della proposta di PNRR – Recovery Plan.
“Purtroppo – ha aggiunto Mattioli – le dichiarazioni d’intenti del PNRR non trovano riscontro in azioni concrete, per quanto attiene al trasporto marittimo, al quale, sebbene rappresenti uno dei settori più rilevanti per la transizione ecologica e sia notoriamente capital intensive, non vengono dedicate misure di sostegno. Gli unici interventi concreti per il settore marittimo contenuti nel PNRR riguardano il TPL e la portualità che, seppur importanti segmenti del comparto marittimo, rappresentano solo una parte del sistema”. “Inoltre, c’è il rischio concreto che per alcuni settori gli effetti auspicati del Piano si manifesteranno troppo tardi in quanto per le diverse misure di primo sostegno previste dalla manovra straordinaria adottata nel corso del 2020 mancano ancora i decreti attuativi relativi all’estensione degli sgravi contributivi alle navi iscritte nel primo registro navale e al fondo per il ristoro delle perdite sofferte dalle navi passeggeri”.
“È necessario – ha affermato il presidente Mattioli – dare urgente attuazione ai provvedimenti già adottati nonché prevedere azioni di sostegno economico a ristoro delle ingenti perdite che altri settori, in primis il comparto cisterniero, stanno subendo a causa del devastante calo della domanda”. “Dato che la sfida della decarbonizzazione interessa tutto il trasporto, sia pubblico che privato, occorre
definire un piano di intervento che faciliti e acceleri il processo di sviluppo/rinnovamento ed adeguamento della flotta di bandiera, coinvolgendo la cantieristica italiana maggiore, già leader mondiale in alcuni comparti ad alto valore, ed anche quella minore in crisi da anni, individuando strumenti finanziari necessari anche attraverso il coinvolgimento di Cassa Depositi e Prestiti e del settore privato. Inoltre, occorre attuare una strategia che garantisca l’identificazione di solide filiere di approvvigionamento che consentano il ricorso a carburanti avanzati e lo sviluppo delle infrastrutture necessarie alla distribuzione e bunkeraggio del GNL. “Last but not the least – ha affermato il Presidente Mattioli – il processo di estensione dei benefici della bandiera italiana alle bandiere comunitarie che si concluderà a breve dovrà naturalmente essere rivolto a quei soggetti utilizzatori delle navi stabilmente radicati sul territorio italiano, che contribuiscono a generare PIL per la nostra economia. Al fine di evitare quanto purtroppo già accaduto nella logistica italiana, dove è venuta a determinarsi l’egemonia dei grandi operatori internazionali che decidono se, come, cosa e quanto trasportare, occorre difendere l’impresa italiana creando le condizioni di crescita e sviluppo delle tante realtà eccellenti del nostro settore. Il miglior modo per farlo è attraverso la semplificazione e l’aggiornamento di norme e procedure che risalgono anche all’Ottocento”.

Posted in Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Eleventy prosegue la strategia di sviluppo retail all’estero

Posted by fidest press agency su giovedì, 7 gennaio 2021

E rafforza la presenza nei mercati asiatici con l’apertura di un nuovo pop-up, nel prestigioso department Hyundai Coex a Seoul, in Corea del Sud. “I mercati asiatici rappresentano una grande opportunità di crescita per il nostro gruppo, soprattutto a Seoul dove la moda, in particolare quella italiana, resta uno dei principali settori di interesse”, spiega Marco Baldassari fondatore del Gruppo e direttore creativo uomo. “In questi giorni abbiamo in corso la campagna uomo FW 21 e stiamo avendo consensi da parte dei clienti della Corea, Giappone ed Europa con i quali siamo in contatto tramite la piattaforma NuORDER. Sono fiducioso per l’anno che verrà”, aggiunge Baldassari. Lo store – che si aggiunge a quello nella Galleria Main – accoglie le collezioni Eleventy uomo e donna al terzo piano del department, riservato ai Brand internazionali del lusso. Tre vetrine, di cui una centrale angolare, definiscono l’area Eleventy, caratterizzata da elementi moderni, come acciaio, ottone e vetro, alternati da dettagli in legno che esaltano le collezioni e rendono l’ambiente contemporaneo ed elegante. Eleventy nasce nel 2007 grazie allo spirito imprenditoriale ed all’esperienza ventennale nel settore dell’abbigliamento, dei due fondatori Marco Baldassari e Paolo Zuntini.Investire in efficienza operativa per un miglioramento continuo sulla qualità del servizio; internazionalizzare, ma rigore nella scelta dei partner, per garantire coerenza; innovare dialogando con le tradizioni manifatturiere locali, attraverso una struttura basata su 94 micro-imprese, selezionate nel Paese per essere l’eccellenza del fare italiano: sono alcuni dei punti chiave ai quali si deve la costante crescita di Eleventy presente sul mercato da 14 anni con collezioni uomo (75%) e donna (25%). Il brand Eleventy è distribuito in oltre 30 paesi tra i quali Emirati Arabi, Stati Uniti, Europa, Inghilterra, Russia, Turchia e Far East, grazie ad accordi commerciali con importanti partner locali.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Rapporto – “I territori e gli Obiettivi di sviluppo sostenibile”

Posted by fidest press agency su domenica, 13 dicembre 2020

Roma, 15 dicembre 2020 ore 11:00. Nasce il Rapporto ASviS sui territori, il primo strumento misura e analizza il posizionamento di regioni, province e città metropolitane, delle aree urbane e dei comuni, rispetto ai 17 Obiettivi di sviluppo sostenibile dell’Agenda 2030. Il nuovo Rapporto “I territori e gli Obiettivi di sviluppo sostenibile” è uno strumento unico e innovativo a disposizione dei decisori che, attraverso indicatori statistici, aiuta a comprendere se e in che misura le diverse aree del Paese si muovono su un sentiero orientato alla sostenibilità economica, sociale e ambientale, a soli 10 anni dalla scadenza fissata dal piano d’azione delle Nazioni Unite, firmato da 193 Paesi, Italia compresa.Il primo Rapporto ASviS sui territori arricchisce il lavoro di analisi che l’Alleanza svolge regolarmente e integra il Rapporto 2020 pubblicato l’8 ottobre. Offrendo una base informativa unica, il Rapporto intende stimolare quel processo di “territorializzazione dell’Agenda 2030” suggerito dall’ONU, dall’OCSE e dalla Commissione europea, proprio mentre il Governo sta elaborando il Piano nazionale di ripresa e resilienza (PNRR) da finanziare con i fondi del Next Generation EU e si sta predisponendo l’accordo di partneriato per i fondi europei destinati ai diversi territori italiani.Il Rapporto contiene, oltre ai dati statistici, un’analisi delle disuguaglianze territoriali in Italia, con particolare attenzione al Sud e alle aree interne, e presenta le proposte elaborate dall’ASviS alla luce delle linee guida del PNRR per indirizzare il percorso di ripresa in una logica di sviluppo sostenibile. Inoltre, presenta casi concreti di buone pratiche messe in campo da attori istituzionali e non.L’evento di presentazione del Rapporto si svolgerà online sui canali dell’Alleanza e di Ansa.it, con la partecipazione di rappresentanti delle istituzioni nazionali, regionali e locali. 11:00 – 11:20 Interventi di apertura: Roberto Fico, Presidente della Camera dei Deputati, Pierluigi Stefanini, Presidente dell’ASviS, 11:20 – 13:00 I territori e lo sviluppo sostenibile Introduce: Walter Vitali, Direttore di Urban@it, Coordinatore del Gruppo di Lavoro sul Goal 11 dell’ASviS Modera: Enrico Giovannini, Portavoce dell’ASviS Stefano Bonaccini, Presidente della Conferenza delle Regioni e delle Province Autonome, Anna Lisa Boni, Segretaria Generale di Eurocities, Ilaria Caprioglio, Sindaca di Savona, Michele de Pascale, Presidente dell’Unione Province d’Italia (UPI), Laura Lega, Segretario Generale dell’Associazione Nazionale dei Funzionari dell’Amministrazione Civile dell’Interno. Giuseppe Provenzano, Ministro per il Sud e la Coesione Territoriale.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

L’ASviS presenta il Rapporto “I territori e gli Obiettivi di sviluppo sostenibile”

Posted by fidest press agency su lunedì, 7 dicembre 2020

Roma, 15 dicembre 2020 ore 11:00 Nasce il Rapporto ASviS sui territori, il primo strumento che misura e analizza il posizionamento di regioni, province e città metropolitane, delle aree urbane e dei comuni, rispetto ai 17 Obiettivi di sviluppo sostenibile dell’Agenda 2030. Il nuovo Rapporto “I territori e gli Obiettivi di sviluppo sostenibile” è uno strumento unico e innovativo a disposizione dei decisori, della società civile, dei media: attraverso indicatori elementari e compositi, aiuta a comprendere se e in che misura le diverse aree del Paese si muovono su un sentiero orientato alla sostenibilità economica, sociale e ambientale, a soli 10 anni dalla scadenza fissata dal piano d’azione delle Nazioni Unite, firmato da 193 Paesi, Italia compresa. Il primo Rapporto ASviS sui territori, che integra quello annuale pubblicato l’8 ottobre, offre una base informativa unica e intende stimolare quel processo di “territorializzazione dell’Agenda 2030” suggerito dall’ONU, dall’OCSE e dalla Commissione europea, proprio mentre il Governo sta elaborando il Piano nazionale di ripresa e resilienza (PNRR) da finanziare con i fondi del Next Generation EU e si sta predisponendo l’accordo di partneriato per i fondi europei destinati ai diversi territori italiani. Il Rapporto contiene anche un’analisi delle disuguaglianze territoriali, con particolare attenzione al Sud e alle aree interne, e presenta le proposte elaborate dall’ASviS alla luce delle linee guida del PNRR per indirizzare il percorso di ripresa in una logica di sviluppo sostenibile. Inoltre, illustra casi concreti di buone pratiche messe in campo da attori istituzionali e non. Si può seguire l’evento su asvis.it, su ansa.it e sulla pagina Facebook dell’ASviS

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Crédit Agricole Italia sostiene la crescita e lo sviluppo di Fontana Group

Posted by fidest press agency su lunedì, 7 dicembre 2020

Crédit Agricole Italia ha deliberato un finanziamento di 10 milioni di euro, della durata di 6 anni, a favore di Fontana Group importante realtà internazionale con sede a Calolziocorte (Lecco), attiva nel settore dell’automotive. L’azienda, infatti, si occupa principalmente dell’engineering e della costruzione di stampi per i segmenti Luxury e Premium del settore automobilistico, nonché della produzione di componenti in alluminio di carrozzerie, sempre per il segmento Luxury. A tutto questo si affianca anche l’attività di design e produzione di arredi moderni, in alluminio e metallo attraverso il marchio Altreforme. L’operazione è finalizzata nell’ambito del programma Garanzia Italia di SACE, con la procedura per l’emissione della garanzia che è stata completata digitalmente e in tempi brevi, e conferma la completa operatività di Crédit Agricole Italia su tutte le possibili soluzioni previste dal Decreto Liquidità e la volontà del Gruppo di sostenere le realtà italiane a seguito dell’emergenza Covid-19, come ha dichiarato Alessio Foletti, Responsabile Direzione Banca d’Impresa di Crédit Agricole Italia: “Nell’attuale contesto di mercato sentiamo ancor di più la responsabilità di continuare a garantire il nostro sostegno all’economia del Paese e di rafforzare l’impegno a favore delle eccellenze produttive italiane. Il finanziamento concesso alla Fontana Group è finalizzato a sostenere la crescita e a supportare il percorso di sviluppo che lo ha portato nel tempo a divenire leader mondiale nelle attività di costruzione stampi e produzione carrozzerie di automobili.” “La responsabilità di un’azienda leader di mercato come la nostra che ha instaurato nel corso degli anni business partnership con aziende e marchi di primo livello nei settori Premium e Luxury del mercato automotive, ha il preciso dovere di guardare sempre al futuro in un’ottica di crescita con piani di sviluppo pluriennali. Ed in questo contesto si inserisce l’operazione appena conclusa con Crédit Agricole Italia, già nostro partner, che ha subito colto le potenzialità di sviluppo dei piani presentati” ha dichiarato il Presidente di Fontana Group, Walter Fontana. “SACE attraverso Garanzia Italia permette alle aziende italiane di ottenere le risorse utili per fronteggiare un periodo particolarmente complesso e a guardare al futuro con maggiore serenità – ha dichiarato Simonetta Acri, Chief Mid Market Officer di SACE – . Con questa operazione SACE, dopo aver supportato nel 2018 la crescita Fontana Group sui mercati internazionali, si conferma un partner strategico dell’azienda, rafforzando inoltre il proprio impegno a supporto del settore automotive, uno dei pilastri del Made in Italy e importante driver di crescita della nostra economia”. Come previsto dal Decreto Liquidità, SACE concederà fino al 31 dicembre 2020 garanzie in favore di banche, di istituzioni finanziarie e degli altri soggetti abilitati all’esercizio del credito in Italia, per finanziamenti alle imprese.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Aerospazio essenziale per lo sviluppo industriale

Posted by fidest press agency su martedì, 24 novembre 2020

“Il fiasco della missione Avio, lancio del razzo Vega che avrebbe dovuto portare in orbita due satelliti e poi finito fuori rotta dopo pochi minuti dal decollo, rischia di rappresentare un fendente alla politica spaziale italiana. A seguito dell’incidente, il titolo di Avio è crollato in borsa perdendo più del 16%. Il tutto mentre si gioca una delicatissima partita all’Esa, in predicato di nominare un nuovo direttore generale. L’Italia da favorita a ricoprire quel ruolo – peraltro come contribuenti dell’Agenzia abbiamo raddoppiato gli stanziamenti arrivando a 2 miliardi di euro – rischia di essere subalterna a causa di una candidatura debole espressa dal Governo. Questo avvantaggerebbe, a nostro discapito, Francia e Germania che puntano invece a potenziare il settore dei vettori. Il sottosegretario alla presidenza del Consiglio Fraccaro, che ha la delega alle politiche spaziali, batta un colpo. L’Italia sia protagonista nel campo aerospaziale, comparto strategico non solo in un’ottica di sviluppo industriale ma anche per l’innovazione scientifica e tecnologica”. E’ quanto dichiara in una nota Fabio Rampelli, vicepresidente della Camera e deputato di Fdi.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Mettere i giovani al centro della politica di sviluppo

Posted by fidest press agency su lunedì, 26 ottobre 2020

Roma – “È un periodo molto difficile, un periodo che va affrontato tutti assieme. Senza mettere in competizione salute ed economia, perché il benessere di una persona e la qualità della vita di ciascuno di noi è il frutto dell’equilibrio che si crea tra i diversi diritti. Come quello all’istruzione per le nostre ragazze e i nostri ragazzi.Dobbiamo garantire a tutti i concittadini una vita il più possibile normale, convivendo con il virus, finché non sarà pronto il vaccino. In questi mesi è stato fatto un lavoro enorme per garantire la riapertura delle scuole in sicurezza e, ad oggi, i dati di monitoraggio dell’Istituto Superiore di Sanità ci dicono che i focolai nelle scuole, nella settimana dal 12 al 18 ottobre, sono il 3,5% di tutti i nuovi focolai che si registrano nel Paese. Con un calo dello 0,3% rispetto alla settimana precedente. Oggi, mentre con tutti gli strumenti possibili affrontiamo il contenimento della pandemia, stiamo lavorando per mettere in campo un progetto di ripartenza per l’Italia che guardi al di là dell’emergenza. Che metta i nostri giovani al cento di una politica di sviluppo, un progetto di crescita sostenibile che vede, necessariamente, il coinvolgimento di tutti i livelli istituzionali e delle parti sociali. Ai giovani vogliamo garantire un futuro dignitoso.Lavoriamo per costruire un sistema che abbia la capacità di offrire opportunità a chi oggi ne ha meno, che contrasti marginalità e isolamenti, ricorrendo a politiche, anche sociali, che riportino equilibrio tra le varie aree del Paese e tra l’Italia e gli altri Paesi europei. E gli investimenti in istruzione, università e ricerca rappresentano uno dei tasselli fondamentali di questo progetto, come sono fondamentali quelli in infrastrutture e digitalizzazione del Paese.Per questo dobbiamo fare di tutto per continuare a tenere aperte le nostre scuole, anche in un momento difficile, garantendo l’applicazione dei protocolli su cui, con il Ministro Lucia Azzolina in primis, abbiamo lavorato duramente. Tutti insieme possiamo farcela, coraggio!”. Lo scrive, sui social, il Vice Ministro dell’Economia e delle Finanze, Laura Castelli.

Posted in Politica/Politics, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Recovery Fund: Campidoglio, presentato Piano di Sviluppo resiliente

Posted by fidest press agency su domenica, 11 ottobre 2020

Roma. Roma Capitale ha inviato al Governo il “Piano di Sviluppo resiliente, sostenibile e inclusivo”, delineando una strategia di sviluppo urbano finalizzata a garantire una ripresa sociale ed economica dopo l’emergenza Covid-19.Il Piano è stato presentato dalla sindaca di Roma, Virginia Raggi. Presenti anche il vice ministro dell’economia e delle finanze, Laura Castelli, e l’assessore al Bilancio e al Coordinamento strategico delle Partecipate di Roma Capitale, Gianni Lemmetti. Dopo un’attività di ricognizione, elaborazione e analisi che ha coinvolto tutti gli assessorati e le strutture capitoline, oltre alle società partecipate, è stato predisposto un elenco di opere pubbliche e un set di fabbisogni di investimento per un valore complessivo di circa 25 miliardi di euro, da finanziare principalmente con le risorse del Recovery Fund.Il complesso di interventi si articola in ambiti fondamentali per la crescita e la ripresa della città: inclusione sociale e rigenerazione urbana, mobilità sostenibile e integrata, infrastrutture sicure ed efficienti, transizione ecologica, digitalizzazione e innovazione. Inclusione sociale e rigenerazione urbana: Uno dei punti qualificanti del piano prevede un ampio programma di edilizia popolare: 2 miliardi di euro per l’acquisto di immobili disponibili sul mercato e diffusi in tutta la città, equivalenti a circa 10 mila alloggi. Mobilità sostenibile e integrata: Obiettivo del Piano è dotare Roma di una rete di trasporto pubblico potenzialmente in grado di coprire tutta la città, per colmare lo storico gap con le altre grandi Capitali europee e ridurre le emissioni inquinanti, in linea con il PUMS (Piano Urbano della Mobilità Sostenibile). Si prevedono la realizzazione di 49 km di nuove linee metro, 45 km di linee tranviarie e di 2 ulteriori funivie urbane, per un investimento complessivo sulla mobilità di circa 12 miliardi di euro. Infrastrutture sicure ed efficienti: Ammonta a 1,5 miliardi di euro l’insieme degli interventi di rifacimento delle strade, dei ponti e delle gallerie della città: un programma straordinario per rendere le infrastrutture sempre più sicure e garantire la mobilità e accessibilità dei cittadini. Transizione ecologica,Per garantire il raggiungimento dei target di sostenibilità ambientale e rendere la città sempre più “green” vengono proposti diversi progetti: 3 miliardi di euro per la riqualificazione energetica delle scuole, 1,5 miliardi di euro per l’efficientamento energetico delle case popolari e degli edifici pubblici, 500 milioni di euro di euro per implementare e rinnovare l’illuminazione pubblica, 300 milioni di euro per la gestione e la raccolta dei rifiuti: impianti TMB, impianto multimateriale, impianto carta e cartone, mezzi per la raccolta, cassonetti e contenitori intelligenti. Digitalizzazione e innovazione. Un’attenzione particolare è stata rivolta a progetti di digitalizzazione e innovazione tecnologica, per un totale di 550 milioni di euro: realizzazione di strade e strumenti di mobilità smart, piazze smart attrezzate con dispositivi e servizi digitali (app, download di video, giornali, libri) in grado di supportare l’interazione degli abitanti di quel quartiere, facilitare l’animazione di attività sociali nella piazza e sostenere lo sviluppo di competenze digitali degli utenti.

Posted in Politica/Politics, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Il contributo del CREA al Festival dello Sviluppo Sostenibile 2020

Posted by fidest press agency su venerdì, 9 ottobre 2020

Qual è il ruolo delle infrastrutture rurali per la sostenibilità ambientale, economica e sociale dell’agricoltura e delle comunità rurali? Quali sono gli strumenti disponibili nei programmi di sviluppo rurale per un’agricoltura competitiva e sostenibile ed una comunità inclusiva? In che modo le politiche europee, in particolare la PAC, stanno realmente contribuendo al raggiungimento degli obiettivi di sviluppo sostenibile? Di questo e molto altro ancora si parlerà domani martedì 6 ottobre a partire dalle ore 10,30 in occasione dell’evento virtuale “Infrastrutture e sviluppo sostenibile: la politica agricola e di sviluppo rurale di fronte alle sfide dell’agenda 2030”, organizzato dal CREA Politiche e bioeconomia nell’ambito dell’Accordo di cooperazione per il Programma di Sviluppo Rurale Nazionale (PSRN 2014-2020) e della Rete Rurale Nazionale (RRN). Nel dettaglio gli interventi dei ricercatori del CREA saranno orientati a evidenziare da un lato la transizione dell’agricoltura, già in corso, verso un modello di crescita in grado di coniugare la competitività con la sostenibilità e con la fornitura di beni pubblici, approfondendo il ruolo dell’irrigazione e delle infrastrutture irrigue all’interno delle politiche agricole, climatiche ed ambientali europee. Dall’altro l’importanza degli investimenti infrastrutturali finalizzati alla tenuta economica e sociale dei territori rurali (strade, servizi alla popolazione, recupero manufatti) e cofinanziati all’interno dei PSR (Programmi di sviluppo rurale).

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Anche la Città metropolitana di Torino avvia la sua Agenda per lo sviluppo sostenibile

Posted by fidest press agency su domenica, 4 ottobre 2020

In Italia tutte le 14 Città metropolitane sono impegnate nella realizzazione delle loro Agende per lo sviluppo sostenibile con il sostegno del Ministero dell’Ambiente, della tutela del territorio e del mare. Dopo la Carta di Bologna per l’Ambiente, sottoscritta dai Sindaci metropolitani nel giugno 2017, si tratta di un ulteriore impegno per la territorializzazione degli obiettivi per lo sviluppo sostenibile dell’intero Paese. Anche Città metropolitana di Torino è pronta a far partire la propria Agenda territoriale per lo sviluppo sostenibile e il percorso verrà illustrato domani, giovedi 1 ottobre, durante l’evento online a cura di AsviS l’Alleanza italiana per lo sviluppo sostenibile che riunisce oltre 270 tra le più importanti istituzioni e reti della società civile con l’obiettivo di far crescere nella società italiana la consapevolezza dell’importanza dell’Agenda per lo sviluppo sostenibile. L’evento (che si svolgerà dalle 10 alle 18) si potrà seguire su Festivalsvilupposostenibile.ite sulla pagina Facebook dell’ASviS) con interventi e tavole rotonde di amministratori metropolitani da tutta Italia: nel pomeriggio le Città metropolitane di Bari, Firenze, Genova, Messina, Milano, Napoli, Roma Capitale, Reggio Calabria, Torino eVenezia, illustrerannoi progetti delle rispettive Agende per favorire localmente la creazione di una cultura della sostenibilità a tutti i livelli, grazie anche all’orientamento dei modelli di produzione e di consumo. “La nostra agenda metropolitana per lo sviluppo sostenibile – sottolinea la consigliera di Città metropolitana di Torino delegata all’Ambiente Barbara Azzarà – nasce nel contesto della Strategia regionale per lo sviluppo sostenibile, lo strumento operativo utilizzato dalla Regione Piemonte per raggiungere gli obiettivi di sostenibilità dell’Agenda 2030: le Città metropolitane rappresentano quel livello intermedio che, per dimensioni ed estensione, possono ben sperimentare un coinvolgimento che tenga conto dei bisogni dei cittadini e renda concreta la ricaduta a livello locale di quanto previsto dagli ambiziosi obiettivi”.

Posted in Cronaca/News, Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Promuovere lo sviluppo dell’agricoltura nel Mezzogiorno

Posted by fidest press agency su sabato, 3 ottobre 2020

Significa sostenere in primis le piccole e medie imprese che non possono contare sulle risorse della grande agroindustria – dichiara Andrea Michele Tiso, presidente nazionale Confeuro. Il premier Conte ha dichiarato oggi di voler realizzare un piano di resilienza che sia motore di vero sviluppo, in particolare al Sud, per ridurre il divario tecnologico e aiutare le aree interne che stanno pagando il prezzo più alto della crisi. Un tale programma può avere successo se si fonda su una corretta valutazione delle vere priorità del nostro tessuto produttivo.A differenza delle multinazionali dell’agribusiness, i piccoli e medi coltivatori hanno bisogno di un sostegno pubblico mirato per poter competere sui mercati e dotarsi dei beni capitali e della tecnologia necessaria per stare al passo con i tempi – spiega Tiso. Investimenti di questo genere consentono un grande ritorno non solo in termini di produttività, ma anche di cura del territorio e di protezione dell’ambiente. Si tratta di benefici non facili da quantificare, ma che vanno oltre il profitto delle singole aziende per estendersi all’intera collettività. L’agenda del Governo sta prendendo forma, definendo obiettivi che appaiono per lo più condivisili. Quello che ancora manca è un dibattito aperto e serrato sui mezzi e sugli strumenti che saranno messi in campo per raggiungerli. Occorre passare dalle dichiarazioni di principio alla strategia concreta per capire se stiamo andando nella giusta direzione.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Festival dello Sviluppo Sostenibile Parma 2020

Posted by fidest press agency su sabato, 26 settembre 2020

Parma. Dal 28 settembre al 2 ottobre nell’Aula Magna dell’Università di Parma si terrà il Festival dello Sviluppo Sostenibile. Il Festival è organizzato a livello nazionale da ASviS (Alleanza italiana per lo Sviluppo Sostenibile) dal 22 settembre all’ 8 ottobre, con l’obiettivo di far conoscere i 17 Goal dell’Agenda Onu 2030 per lo sviluppo sostenibile. A Parma l’edizione locale, che si inserisce all’interno degli eventi di Parma capitale italiana della cultura 2020+21, è organizzata da Università di Parma, WWF Parma, Gist, Arpae, Fruttorti, ed è realizzata con il patrocinio del Comune di Parma. Lunedì 28 alle 16 l’apertura, con il Rettore dell’Università Paolo Andrei, il Sindaco di Parma Federico Pizzarotti e (in diretta streaming) il Portavoce ASviS Enrico Giovannini.Dopo l’inaugurazione, alle 17, è in programma il primo evento, “Diritto transgenerazionale al tempo del Covid”, cui parteciperanno Antonio D’Aloia, docente di Diritto costituzionale al Dipartimento di Giurisprudenza dell’Università di Parma e consigliere giuridico per gli affari legislativi della Presidenza del Consiglio dei Ministri, Lorenzo Fioramonti, economista, già Ministro dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, Marco Magnani, economista, docente di Monetary & Financial Economics e di International Economics in LUISS e Senior Research Fellow alla Harvard Kennedy School. Martedì 29 settembre dalle 17.30 alle 19 “Città e territori per la sostenibilità”, con Marco Bosi, Vice Sindaco di Parma, Walter Vitali di Urban@it – ASviS, Marco Mari, Vice Presidente del Green Building Council, Flavia Marzano di Open Government & Smart Cities. Mercoledì 30 settembre dalle 15 alle 16.30 “Agenda 2030, cultura e governance per un benessere sociale all’insegna della sostenibilità”, con Filomena Maggino, Presidente della cabina di regia Benessere Italia, Francesca Velani, Coordinatrice di Parma 2020+21 per il Comune di Parma, Carola Carazzone, Segretaria di Assifero, Katia Furlotti, Presidente del Gruppo Ateneo sostenibile dell’Università di Parma, Federico Olivieri di ASviS, Michele Fasano di Focus Olivetti. Sempre il 30 settembre, dalle 17.30 alle 19, “L’economia circolare al bivio: eco-modernismo o tecnologia conviviale?”, cui parteciperanno Stefania Barca, docente di Ecologia Politica, Centro de Estudos Sociais, Universidade de Coimbra, Maura Benegiamo, assegnista di ricerca al Dipartimento di Scienze Politiche e Sociali dell’Università di Trieste, Giacomo D’Alisa, ricercatore postdoc, Centro de Estudos Sociais, Universidade de Coimbra, Andrea Genovese, docente di Logistics and Supply Chain Management alla University of Sheffield, Mario Pansera, docente al Departamentet d’Empresa, Universitat Autonoma de Barcelona, Luigi Pellizzoni, docente di Sociologia dell’Ambiente al Dipartimento di Scienze Politiche dell’Università di Pisa. Moderano Marco Deriu, Presidente del corso di laurea magistrale in Giornalismo, Cultura Editoriale e Comunicazione Multimediale dell’Università di Parma, ed Emanuele Leonardi, docente al Dipartimento di Discipline Umanistiche, Sociali e delle Imprese Culturali – DUSIC dell’Università di Parma. Giovedì 1° ottobre dalle 17.30 alle 19 “L’importanza del verde urbano nella mitigazione e adattamento al cambiamento climatico”, con la partecipazione di Stefano Caserini, docente del corso in “Mitigazione del cambiamenti climatici” del Politecnico di Milano, Daniele Pezzali, Presidente dell’Ordine degli Architetti di Parma, Tiziana Benassi, Assessora all’Ambiente del Comune di Parma, Antonio Mortali,Direttore del consorzio Kilometroverde Parma. Venerdì 2 ottobre è in programma l’ultimo evento, dalle 11 alle 12.30: “Imprenditorialità sociale e impact investing. Casi concreti con focus sulle pari opportunità”, con Nicoletta Paci, Assessora alle Pari opportunità del Comune di Parma, Michele D’Alena, Responsabile dell’Ufficio Immaginazione Civica della Fondazione per l’Innovazione Urbana, Federico Disegni, Direttore Generale di Homes4All, Paola Caporossi, fondatrice di Fondazione Etica, Stefano Rossi, Country Manager Italia di Lita.co.Per maggiori dettagli sugli eventi visitare il sito http://www.festivalsvilupposostenibileparma.wordpress.com e le pagine Facebook e Instagram del Festival di Parma

Posted in Cronaca/News, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Crescita mondiale della popolazione e insostenibilità dello sviluppo

Posted by fidest press agency su lunedì, 7 settembre 2020

Questi termini di crescita si scontreranno inevitabilmente, alla fine, con l’insostenibilità dello sviluppo. E’, infatti, difficile da pensare che già gli attuali due miliardi di “poveri” che oggi sopravvivono con un potere di acquisto pari ad un dollaro al giorno rinuncino a moltiplicare il loro livello di vita almeno per tre, quattro o anche sei volte.
A tutto questo va ad aggiungersi una popolazione mondiale sempre più “malata” in specie nelle fasce meno abbienti. Già oggi l’11 per cento delle malattie presenti in tutto il mondo e un terzo (35 per cento) delle morti di bambini sono dovuti alla malnutrizione materna e infantile. Da un lato la mancanza di sostanze essenziali per la salute come le vitamine e i minerali, dall’altro consumo eccessivo di cibi troppo grassi che può sfociare in obesità e diabete. Queste e altre scioccanti statistiche sono state pubblicate in un inserto speciale della rivista ‘The Lancet’ dedicato proprio a questo argomento, messo a punto da esperti della Johns Hopkins (Baltimora, Usa) e dell’Aga Khan University (Karachi, Pakistan). Le stime dei ricercatori parlano di oltre due milioni di morti nel 2005 dovute a restrizioni alimentari subite fin nel pancione materno, soprattutto nelle popolazioni dei Paesi a basso e medio reddito. Anche il 21 per cento delle disabilità nei bambini sotto i cinque anni sembra riconducibile allo stesso motivo. Le carenze di vitamine e di zinco sono responsabili rispettivamente di 600 mila e 400 mila decessi, e insieme del 9 per cento delle disabilità infantili in tutto il mondo. Anche lo scarso ricorso all’allattamento al seno ha portato, sempre nel 2005 – secondo i calcoli degli esperti – a 1,4 milioni di morti fra i bambini e 44 milioni di casi di disabilità sotto i cinque anni d’età. Questo vuol dire che per le popolazioni “depresse” la capacità d’assorbimento delle risorse materiali è crescente, giacché è logico presumere che, in parallelo con la crescita, si associ l’aspirazione a una migliore alimentazione, a più congruo vestiario, a più adeguate abitazioni, più spazio per vivere, più beni capitali a disposizione per mettere a frutto il proprio lavoro quali potrebbero essere: cereali e carni, lana fibre e pelli, legname, cemento, ferro, minerali, metalli ed energia. Dobbiamo quindi convenire che lo sviluppo del mondo povero avverrà con un tasso molto elevato d’utilizzo di risorse non rinnovabili.
Vi farà il paio, ovviamente, il mondo ricco, nonostante la dematerializzazione del prodotto, perché nel frattempo la popolazione continuerà, sia pure a un ritmo più lento del passato, a crescere oltre a dover risollevare lo standard degli attuali 320 milioni di poveri che vivono nella stessa casa della “prosperità” e che vanno ad aggiungersi a centinaia di milioni delle altre regioni terrestri. Questo dover consumare, in misura sempre crescente, le risorse non rinnovabili (materie prime, spazio, cibo) ci imporrà la necessità di ricercare forme alternative utilizzando al posto di quelle che diventano scarse e crescono di prezzo, altre materie prime più abbondanti e meno costose. Siamo, per dirla tutta, alla logica dei succedanei, ma vi è un limite in tutto ciò.
Abbiamo in proposito già fatto molto raddoppiando, ad esempio, la produzione dei cereali. Ci siamo riusciti, attraverso un aumento della produttività della terra (selezione della specie, migliori tecniche, maggiori input di fertilizzanti). Ora non credo si possa fare di più senza dover distruggere le foreste naturali, i corpi acquiferi, le praterie, le aree costiere ecc. Abbiamo sempre collegato la crescita della popolazione al progresso scientifico, oggi lo stesso sviluppo ci spinge verso la tendenza opposta. Questo è un motivo più che sufficiente per ricercare sinergie e non certo per trasformare il Sud in una pattumiera per i rifiuti del Nord.
Tali aspetti vanno a intersecarsi, fatalmente, con una natalità maggiore in alcune regioni, ma con una minore senescenza, in un prolungamento della vita, nelle altre, ma con minori nascite e le regole della conservazione degli uni andranno a scontrarsi con quelle degli altri che intendono aprirsi nuovi spazi. Insieme essi possono generare nuovi conflitti e, questa volta, sul piano generazionale e della preservazione dell’ecosistema e per l’utilizzo delle fonti energetiche vitali.
Sulla scorta di tutte queste considerazioni e di molte altre, che potrei citare, mi sembra chiaro che si debba anche parlare di costi considerato che i bisogni sono crescenti e le risorse diventano sempre più esigue.
D’altra parte, si sta chiudendo un ciclo collegato alla “rivoluzione industriale” dove maggiore manodopera, più qualificazione professionale, più ricerca scientifica rappresentavano lo stimolo più forte per uno sviluppo robusto e duraturo.
Ora ci troviamo in una fase successiva ma, quel che è peggio, non ne avvertiamo la consapevolezza in specie a livello di governanti e della stessa classe manageriale e del mondo finanziario.
Due, a mio avviso, sono gli aspetti che segnano una radicale svolta rispetto al recente passato: l’avvento della tecnologia informatica e l’allungamento della vita che si aggiunge all’aumento della natalità nelle aree più depresse del pianeta.
Sono circostanze che meriterebbero un’attenta riflessione poiché il loro impatto è di per sé rivoluzionario per il suo modo d’incidere in profondità nei costumi e nelle tradizioni dei popoli e delle nazioni. Vanno ad aggiungersi, come elementi di disturbo, le logiche capitalistiche che abbiamo assorbito ed esaltate con una forma di consumismo che ha privilegiato il carrierismo, il potere attraverso la ricchezza o l’agiatezza, il disprezzo per i poveri o i titolari di redditi modesti. Non si è trattato, purtroppo, solo di effetti che hanno interessato la sfera privata in quanto è stato perseguito lo stesso obiettivo da parte dello Stato nella ridistribuzione delle entrate fiscali. Sono stati in massima parte privilegiati i contributi alle imprese sia con erogazioni a fondo perduto sia attraverso una minore pressione fiscale o con sconti per le spese previdenziali e assistenziali nei riguardi dei lavoratori e che erano a carico delle imprese. Ne ha sofferto in primo luogo il welfare ma soprattutto il sistema sanitario che si è trovato a dover coprire, invia prioritaria, le falle derivanti dall’aumento delle morbilità generale (per l’incidenza dell’infortunistica stradale, per cause di lavoro stressante, per l’inquinamento ambientale e per la ridotta qualità degli alimenti) oltre a quella derivante dall’invecchiamento della popolazione che ha fatto scattare livelli di malattie un tempo più contenute e alle insidie virali.
In tutto questo si avverte uno stacco tra i bisogni di salute dei cittadini e la capacità del servizio sanitario di farvi fronte anche se in taluni Stati si sta meglio e in altri si peggiora o si resta sotto gli standard minimali. (Riccardo Alfonso)

Posted in Confronti/Your and my opinions | Contrassegnato da tag: , , | 2 Comments »

Promuovere lo sviluppo del processo decisionale aziendale

Posted by fidest press agency su venerdì, 31 luglio 2020

Deve essere basato sull’utilizzo di dati, metriche ed elementi concreti per orientare le scelte aziendali in linea con obiettivi, scopi e iniziative: con queste finalità Angelini Pharma, azienda farmaceutica impegnata a trovare soluzioni di salute con un’attenzione prevalente alle aree del sistema nervoso centrale (CNS), incluso il dolore, e le malattie rare, ha scelto Trueblue, società veronese specializzata in soluzioni tecnologiche per il mercato healthcare per il continuo miglioramento del business.
Più nel dettaglio, Angelini Pharma sceglie come partner Trueblue per l’ottimizzazione del processo di gestione di KPI e analytics che guidi la scelta delle decisioni strategiche.Il progetto prevede l’implementazione dei servizi di Business Intelligence destinati a tutte le 15 sedi del gruppo in Italia e all’estero. Al fine di accelerare l’adozione dei nuovi servizi e di massimizzarne l’efficacia, Angelini Pharma ha previsto di fornire la Sales Force della nuova ed innovativa soluzione di Artificial intelligence “M.A.R.C.”, il Virtual Pharma Expert di Trueblue.Insieme a Trueblue, Angelini Pharma potrà implementare nuovi strumenti per conseguire diversi obiettivi strategici fra i quali la possibilità di: predisporre ed usufruire di una libreria di Analisi, KPI e processi analitici omogenei fra tutte le filiali; fornire un assistente virtuale basato sull’Artificial Intelligence in grado di migliorare le performance e l’efficacia delle varie interazioni; dotare l’Azienda di una dashboard finanziaria di profit & loss.Tutto questo sarà reso possibile tramite un sistema analitico multicanale costituito da un’infrastruttura di CDP basata su Customer Insights di Microsoft Dynamics. Scalabile, integrata e flessibile per tutte le sedi aziendali l’infrastruttura permetterà di misurare i KPI più importanti per guidare il business, includendo: i dati del CRM, i dati delle vendite dirette e infine i dati di Coaching e Multichannel, al fine di avere a disposizione analisi commerciali di benchmark ed ottenere i giusti insight grazie anche all’utilizzo di M.A.R.C., il Virtual Coach di Trueblue basato su un modello di Artificial Intelligence.
Angelini Pharma ricerca, sviluppa e commercializza a livello mondiale sia principi attivi che farmaci branded. È impegnata a individuare soluzioni di salute con un’attenzione prevalente alle aree del sistema nervoso centrale (CNS), incluso il dolore, e le malattie rare. Angelini Pharma è inoltre azienda leader nell’area della Consumer Healthcare.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »