Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 29 n° 327

Posts Tagged ‘roma’

Convegno: “L’Italia per l’equità nella salute”

Posted by fidest press agency su giovedì, 23 novembre 2017

Lorenzin beatriceRoma venerdì 1° dicembre 2017, a partire dalle ore 9:00, Sala Benedetto XIII, in via di San Gallicano 25 /a si terrà il convegno “L’Italia per l’equità nella salute”. L’evento, promosso dal Ministero della Salute e dall’INMP Lo scopo dell’evento è quello di lanciare, attraverso la presentazione del documento dal titolo “L’Italia per l’equità nella salute”, predisposto da INMP, AGeNaS, ISS e AIFA, una consultazione strutturata presso i principali responsabili delle politiche pubbliche che influenzano la salute dei cittadini, per poi allargarla a coloro interessati a vario titolo nel Paese.
La presentazione del documento avverrà alla presenza del Ministro Lorenzin e sarà anticipata dalla lectio magistralis del Prof. Michael Marmot, il maggiore esperto mondiale sulle tematiche dell’equità nella salute. In esso vi è una ricognizione delle evidenze scientifiche attualmente disponibili sul tema delle disuguaglianze di salute ma anche un elenco di possibili azioni selezionate e attuabili da subito, che vanno nella direzione di una maggiore equità. Alla presenza del Ministro della Salute Lorenzin, la tavola rotonda affronterà poi le sfide poste da una società disuguale, specie nella salute, definendo anche le azioni che ciascuno può realisticamente intraprendere a livello settoriale e intersettoriale, nel medio e lungo termine.
Favorire l’apertura di un dibattito tra i responsabili di tali settori della vita pubblica ha il pregio di generare un processo virtuoso per una nuova taratura degli obiettivi settoriali di programmazione, nel verso di una maggiore equità e sostenibilità. Ma un contributo è atteso anche dai responsabili delle politiche ai vari livelli dell’attuazione territoriale, regionale e locale, nonché dagli attori del terzo settore che operano quotidianamente con azioni contro le principali vulnerabilità.
L’auspicio è che il documento si arricchisca in un tempo definito di ulteriori contributi significativi da parte di cittadini e stakeholder, utili per la definizione di un framework d’azione chiaro e condiviso. Per tale motivo, il convegno “L’Italia per l’equità nella salute”, che si svolgerà venerdì 1° dicembre dalle ore 9 alle 16,30 presso l’INMP, in via di S. Gallicano, 25/a, a Roma, verrà anche trasmesso in streaming sul sito YouTube dell’INMP. (foto: Ambulatorio sala d’accoglienza)

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Prevedere una Grande Soprintendenza a Roma

Posted by fidest press agency su martedì, 21 novembre 2017

Foro romanoRoma. Questo per integrare tutte le competenze della gestione e delle tutela dei beni culturali sull’ampia scala territoriale del comune capitolino. E’ quanto prevede un disegno di legge presentato dal senatore del Pd Walter Tocci, che illustrerà oggi la proposta in un incontro pubblico alle 17 presso la Fondazione Basso. “La Soprintendenza archeologica di Roma – spiega Tocci – era una delle migliori istituzioni culturali dello Stato italiano e si prendeva cura dei beni con metodo integrale. Dopo il decreto del gennaio 2017 del ministero dei Beni culturali, questo modello è stato definitivamente frantumato. La Grande Soprintendenza potrebbe costituire l’esempio pilota di un radicale ripensamento dell’organizzazione ministeriale dei beni culturali. Potrebbe rappresentare, cioè, la maggiore espressione dell’autonomia e del prestigio di un rinnovato corpo professionale. Il ministero sarebbe chiamato a occuparsi soprattutto della strategia nazionale, nonché di quella internazionale”.
Da questo punto di vista, il testo di Tocci riporta alla luce il testamento politico di Giulio Carlo Argan, il quale sosteneva la necessità di ribaltare il modello ministeriale, ipotizzando una struttura tecnica e scientifica pienamente sovrana nella cura del patrimonio.
“Il primo Soprintendente di Roma – ricorda ancora Tocci – è stato Raffaello. Fu nominato da Leone X nel 1515 praefectus marmorum et lapidum omnium, che non era propriamente una funzione di tutela, ma gli conferiva una posizione esclusiva nel recupero dei materiali antichi. Il grande artista andò oltre proponendo al Papa, con un’approfondita relazione, un programma di ricerca sull’archeologia al fine di mettere in disegno l’intera città antica. La proposta procurò all’artista ammirazione non inferiore a quella suscitata dai capolavori della sua pittura. Il compianto degli umanisti per l’improvvisa morte di Raffaello, di lì a due tre anni, era dettato più dall’amarezza di non vedere avverata la grande opera di archeologia promessa, che non dalla perdita di uno dei primi artisti della loro epoca. Non esisteva ancora la parola Soprintendenza, ma aveva già un bel significato”.

Posted in Roma/about Rome, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

38esimo Congresso della Società Italiana di Farmacia Ospedaliera (Sifo)

Posted by fidest press agency su domenica, 19 novembre 2017

Hotel Rome CavalieriSi terrà a Roma dal 23 al 26 novembre (Hotel Rome Cavalieri). Metterà al centro della sua riflessione proprio ‘Il farmacista nel futuro del Sistema Salute’. Un titolo specifico capace di coinvolgere l’interesse di un ambito molto vasto di professionisti, di specialisti e di osservatori del nostro sistema sanitario perché vuole interrogare e approfondire il ‘domani’ del nostro Ssn alla luce di ciò che già oggi si può definire e intuire come strada del cambiamento e dell’innovazione.
“Il messaggio che Sifo intende lanciare durante il Congresso di Roma, sarà in continuità con il percorso già sviluppato negli ultimi anni”, dichiara Simona Creazzola, presidente nazionale Sifo, “I farmacisti sanno, di fronte alle importanti emergenze di crisi e cambiamento del SSN, di dover ‘fare quadrato’ con tutti gli attori coinvolti, per la salvaguardia della salute e a difesa del nostro Servizio Sanitario Nazionale. Oggi ci sentiamo più che mai pronti ad assumerci le responsabilità connesse alla rilevanza del nostro profilo professionale, lavorando in sinergia con gli altri stakeholders in una logica funzionale di integrazione delle competenze. E’ ormai chiaro che gli stessi decision makers sono certi che valorizzare e consolidare la figura del farmacista del SSN sia un elemento strategico per il successo delle azioni di politica sanitaria e per garantire la sostenibilità del sistema; dal canto nostro siamo consapevoli delle responsabilità che ne derivano e siamo pronti ad attivare ulteriori azioni per ottimizzare l’apporto offerto dalla nostra professione. Al farmacista del Ssn, infatti, si chiedono sempre più conoscenze e competenze, versatilità nel recepimento dei cambiamenti, acquisizione di responsabilità maggiori”.
“Come professionisti- conclude il presidente Creazzola- siamo pronti a giocare la nostra parte, ma occorre riconoscimento istituzionale in tutti gli ambiti di nuova attività e competenza e investimenti conseguenti da parte delle istituzioni”. Per seguire questa impostazione di alto profilo nazionale, l’assise della Sifo vedrà nella sua giornata inaugurale (il 23 novembre) i rappresentanti politici, del Governo, delle Istituzioni, del Ministero, delle Regioni, dell’Aifa e di Farmindustria dialogare per cercare di delineare quale sarà la vision futura per il Ssn e per la professione del Farmacista Ospedaliero. Per l’evento di apertura Congressuale sono stati invitati il ministro della Salute, Beatrice Lorenzin, ed il Governatore del Lazio, Nicola Zingaretti. Insieme a loro anche il Sottosegretario al Miur, Vito de Filippo, il Presidente di Farmindustria, Massimo Scaccabarozzi, il Direttore Generale di Aifa, Mario Melazzini, il Segretario Generale di Cittadinanza Attiva, Antonio Gaudioso.
Il congresso avrà anche l’onore di proporre la lettura magistrale del presidente dell’AIFA, Stefano Vella, su ‘Dall’Aids alla Salute Globale: un modello per l’accesso universale ai Farmaci’, evento centrale di un simposio che già si preannuncia come strategico per il dibattito sul futuro del ‘sistema salute’. Nelle giornate congressuali si susseguiranno sessioni sui temi nevralgici dell’innovazione, della ricerca e della gestione, iniziando dall’analisi del nuovo Decreto Gelli sulla responsabilità professionale all’innovazione terapeutica, dai dispositivi medici innovativi ai vaccini, dalla cannabis per uso terapeutico alle nuove frontiere della medicina di precisione in oncologia, dal ruolo del farmacista nei processi di acquisizione dei beni sanitari alla gestione dei dati in campo sanitario, dando in quest’ultimo evento ampio spazio a un tema particolarmente delicato come la real world evidence e l’integrazione dei database nazionali.
Nell’epoca delle comunicazioni condivise anche lo stile con cui Sifo avvia il suo Congresso sarà particolarmente collaborativo e dinamico: “Lo stile che ci contraddistingue per i nostri lavori è quello della condivisione di idee e di obiettivi messi a sistema con il contributo di figure professionali multidisciplinari”, è la precisazione di Arturo Cavaliere, Presidente del Comitato Organizzatore del Congresso di Roma. “Nel nostro Comitato abbiamo voluto la presenza qualificata di professionisti di alto valore provenienti da altri ambiti professionali ed a questi abbiamo aggiunto anche la forte rappresentanza dei cittadini che sono i veri attori centrali del sistema sanitario. Credo che l’apporto di idee e competenze e di nuovi modelli di interscambio professionale abbia sortito un programma di alto contenuto scientifico tutto da seguire”.
Così nel Comitato Scientifico – presieduto da Piera Polidori, farmacista dell’Ismett di Palermo – ci sono i nomi di Marcella Marletta (Ministero Salute), Walter Ricciardi (Iss), Giovanna Scroccaro (Servizio del Farmaco, Regione Veneto), Tonino Aceti (Cittadinanzattiva), Marina Cerbo (Agenas), Lorella Lombardozzi (Regione Lazio), Roberta Di Turi (Sinafo), Annarosa Marra (AIFA), solo per citare alcuni degli esperti che hanno contribuito a sviluppare il programma congressuale. Particolare attenzione è stata poi data nel programma alle best practice, “un argomento”, precisa il Presidente del Comitato Organizzatore, “su cui Sifo è impegnato da tempo con le numerose aree scientifiche che sono abitualmente concentrate durante l’anno e che durante il Congresso giungono così a sintetizzare il lavoro svolto”.
E Cavaliere aggiunge: “Voglio inoltre ricordare che il Congresso si chiuderà con il confronto con i colleghi europei per cercare di identificare insieme percorsi comuni per tutti quei giovani che desiderano percorrere la bellissima strada della nostra professione”. L’ultima plenaria Sifo darà vita infatti al Confronto europeo sugli Statement della farmacia ospedaliera, simposio che ha l’obiettivo di identificare il futuro dei giovani farmacisti a cui parteciperanno anche rappresentanti delle associazioni europee di farmacisti. A conferma dell’attenzione verso i giovani professionisti, il Congresso Sifo si concluderà domenica 26 novembre con la consegna dei premi per i migliori e più innovativi Poster in Farmacia ospedaliera.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Mostra personale di Gianni Piacentino

Posted by fidest press agency su sabato, 18 novembre 2017

gianni piacentinoRoma, Galleria Mucciaccia Largo della Fontanella di Borghese 89 Giovedì 23 novembre 2017, alle ore 18.30 alla Galleria Mucciaccia verrà inaugurata la mostra personale di Gianni Piacentino con oltre trenta opere in mostra dal 1966 ai giorni nostri, un’occasione unica per incontrare il lavoro di questo autore, una delle figure più interessanti e uniche del panorama artistico internazionale, che segue le sue recenti antologiche museali al Centre d’Art Contemporain di Ginevra (2013) e alla Fondazione Prada di Milano (2015-2016).
La mostra, aperta al pubblico fino al 15 gennaio 2018, traccia il percorso di Piacentino non in senso puramente cronologico, quanto piuttosto secondo una chiave di lettura che lo stesso artista offre del proprio lavoro, scegliendo di intrecciare lavori storici e recentissimi, a sottolineare gli elementi di continuità nella sua opera, ma anche di specificità dei singoli momenti e periodi.
Novità assoluta, presentata al pubblico per la prima volta in questa occasione, sono i recentissimi lavori METALLIC, che rivisitano i monocromi del 1965 in colori metallici sempre di origine industriale, e TRANS-CHROME, nei quali l’artista riprende forme, dimensioni e colorazioni di sue opere storiche degli anni 1966-67, modificandone però le cromie attraverso una particolare tecnica di lavorazione delle superfici, con una finitura cromo trasparente che li attualizza in inedite luminosità cangianti.
Queste opere evidenziano una sorta di cortocircuito temporale tra classicità e contemporaneità: secondo una visione che egli stesso definisce di “auto-manierismo”, Piacentino lavora sul colore come materia concreta, innestandovi i suoi caratteristici trattamenti e procedimenti altamente tecnologici, direttamente ispirati all’estetica e alla lavorazione industriale. Ne risulta così un inedito virtuosismo luministico, che richiama esplicitamente grandi maestri del passato, dai fondi oro delle icone bizantine, ai morbidi velluti di Tiziano, ai riflessi del celebre orecchino di perla di Vermeer, che Piacentino traduce in termini contemporanei nel linguaggio aniconico delle sue opere.
Tra le opere degli anni Sessanta presenti in mostra, si segnala in particolare YELLOW-OCHRE FENCE OBJECT (1967-68), che venne esposta nella storica mostra “Arte povera” alla Galleria De’ Foscherari di Bologna nel 1968.
La mostra è anche una rara occasione per vedere un numero rilevante di opere pittoriche di Piacentino, esposte in dialogo con le sue più note sculture: anche in questo caso alcuni lavori riprendono in una chiave di indagine luministica, con i nuovi colori metallici, iconografie legate ai celebri cicli dei “velivoli”, ispirati negli anni Settanta ai Fratelli Wright, che costruirono il primo aereo capace di volare (1903), e negli anni Ottanta agli idrovolanti delle transvolate atlantiche di Italo Balbo.
La mostra è accompagnata da una monografia bilingue (Cambi editore), a cura di Francesca Pola, la cui copertina è stata ideata appositamente dall’artista. Include un’ampia antologia critica che rende conto della precoce e ininterrotta fortuna internazionale dell’opera dell’autore, le riproduzioni di tutte le opere esposte e un ricco apparato di contestualizzazione, articolato tra disegni, progetti, foto biografiche e di repertorio, allestimenti storici, cataloghi, inviti e altri documenti di varia natura.
Note biografiche:
Nato a Coazze (To) nel 1945, Gianni Piacentino esordisce alla metà degli anni Sessanta nel gruppo dell’Arte Povera che abbandona presto per dedicarsi alla realizzare prototipi di curiosi veicoli a due e a tre ruote con materiali industriali, sculture dalle forme geometriche essenziali realizzate in legno plastificato e verniciato e sviluppando, parallelamente, un’originale idea di pittura.
I suoi lavori sono stati esposti in Europa fin dal 1966 in spazi pubblici quali il Palais des Beaux Arts, Brussels, il Centro de Arte Reina Sofia, Madrid; la Galleria d’Arte Moderna di Bologna e Palazzo delle Esposizioni a Roma; la National Galerie di Berlino, Gesellschaft für Aktuelle Kunst a Bremen e il Museum am Ostwall a Dortmund; PS1 a New York oltre a numerose gallerie private. Nel 1977 è stato invitato a partecipare a Documenta 6 e nel 1993 alla XLV Biennale di Venezia. I suoi lavori fanno parte delle collezioni permanenti della Galleria d’Arte Moderna di Torino e del museo di Reggio Emilia, del Power Institute of Fine Arts di Sidney (Australia), della National Galerie di Berlino e del Neuen Museums Weserburg, Bremen. (Apertura al pubblico: 24 novembre 2017 – 15 gennaio 2018 Orari: dal lunedì al sabato 10.00 – 19.30; domenica chiuso Apertura straordinaria: domenica 10 e domenica 17 dicembre Chiuso: 8 – 24 – 25 – 26 – 31 dicembre, 1° – 6 – 7 gennaio)

Posted in Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

2 nuovi voli settimanali da Roma verso l’isola di Cipro

Posted by fidest press agency su sabato, 18 novembre 2017

20900889_858457774341370_7773981670932508869_oLarnaka. A partire dal prossimo 11 dicembre, la compagnia Tus Airways, aprirà la nuova tratta Roma – Larnaka. Con due voli settimanali, in partenza da Fiumicino, il lunedì e il venerdì, la compagnia collegherà il Bel Paese con l’isola di Afrodite in maniera continuativa per tutto l’anno.La partenza dei voli è schedulata per le ore 15.45 da Roma e per le ore 12.30 da Larnaka.Molto vantaggiosi i prezzi. Infatti, il biglietto parte da 80 euro per il Roma – Larnaka e 70 euro per il Larnaka – Roma, e include i servizi di bordo – pasti e bevande calde – e un bagaglio a mano sino a 8 kg. di peso. I nuovi collegamenti verranno effettuati con aeromobili Fokker 100.I biglietti potranno essere acquistati in agenzia di viaggio o, direttamente, sul sito della compagnia http://www.tusairways.com
Fondata due anni fa, la Tus Airways, ha come obiettivo il collegamento di Cipro con i paesi del Mediterraneo orientale e dell’Europa, attraverso frequenti voli, con comodi orari di partenza, ottimo comfort a bordo (da qui la scelta del Fokker 100) e – non ultimo – un eccellente servizio a prezzi competitivi. La compagnia prevede di operare nel 2018 verso 16 differenti destinazioni. “Siamo davvero molto contenti di poter annunciare questo nuovo collegamento aereo” – ha dichiarato Christos Tsiakas, direttore dell’Ente Nazionale per il Turismo di Cipro. La nostra destinazione, necessitava, vista la sempre maggiore richiesta da parte degli italiani, di un incremento dei voli verso Larnaka.” Non possiamo che accogliere la notizia dei due nuovi voli con grande soddisfazione, certi che questo incrementerà ancora di più il numero dei viaggiatori Italiani che sceglieranno l’isola di Cipro quale meta per una vacanza o anche solo per un long-weekend.”

Posted in Cronaca/News, Viaggia/travel | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Nuova asta immobili a Roma

Posted by fidest press agency su sabato, 18 novembre 2017

Roma Il 15 dicembre al via l’asta sulla rete del Notariato. Prosegue il piano vendite delle unità immobiliari dei Fondi i3 Regione Lazio e i3 Inail e il 15 dicembre si svolgerà la vendita all’asta degli immobili attraverso la rete RAN, il sistema di aste online gestito dal Notariato che permette di presentare oltre alle offerte in busta chiusa, anche un’offerta telematica.
I lotti in vendita riguardano 7 unità immobiliari nel Centro Storico di Roma a Largo Arenula e Largo Goldoni per un valore complessivo a base d’asta di quasi 13 mln di euro e una superficie totale di circa 1200 mq.Le unità immobiliari di Largo Goldoni si trovano in area centrale tra via Condotti, via del Corso e piazza di Spagna, in una zona di grande prestigio con la presenza di attività commerciali delle maggiori firme nazionali ed internazionali della moda e del lusso. Si tratta di tre appartamenti di ampia metratura in buono stato di manutenzione collocati al secondo terzo e quarto piano di un Palazzo di rilievo storico e artistico ben conservato.Sempre nel cuore del Centro di Roma la proposta di Largo Arenula dove le unità in vendita sono comprese in un immobile storico in posizione strategica tra Campo dei Fiori e Piazza Venezia. Al piano terra, con affaccio su Largo Arenula, troviamo un’unità commerciale su due livelli collegati da una scala interna oltre a tre magazzini.Tutte le informazioni sulle procedure d’asta e sulle unità in vendita sono reperibili sul sito del Notariato all’indirizzo sito http://www.notariato.it/ranPrima della data dell’asta, attraverso un sistema di prenotazione on line, è possibile fissare una visita degli immobili durante gli appositi “Open day” predisposti nei giorni 30 novembre e 1 dicembre 2017.

Posted in Roma/about Rome, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

La Caritas presenta il Rapporto “La povertà a Roma: un punto di vista”

Posted by fidest press agency su sabato, 11 novembre 2017

povertàRoma. Lo studio è stato presentato questa mattina nel corso dell’assemblea di inizio anno dei volontari della Caritas di Roma e delle parrocchie con l’arcivescovo Angelo De Donatis, vicario di Papa Francesco per la Diocesi di Roma, che si è svolta presso la Pontificia Università Lateranense. 240 pagine in cui si affrontano attraverso dati e testimonianze alcune tra le maggiori emergenze sociali della Capitale approfondendo diverse dimensioni: “Povertà socio-economica”; “Integrazione”; “Salute, dipendenze, disabilità”; “Educazione e cittadinanza”.
Mons. Enrico Feroci, direttore della Caritas: «un’iniziativa che viene presentata a ridosso della prima Giornata Mondiale dei Poveri voluta da Papa Francesco per sostenere le comunità, attraverso la conoscenza, che si impegnano a vivere la carità come basilare valore del cristianesimo e come quotidianità nell’esistenza dei credenti».
Il Rapporto della Caritas di Roma “La povertà a Roma: un punto di vista” è un volume che affronta attraverso dati e testimonianze alcune tra le maggiori emergenze sociali della Capitale approfondendo diverse dimensioni: “Povertà socio-economica”; “Integrazione”; “Salute, dipendenze, disabilità”; “Educazione e cittadinanza”. Il Rapporto si completa con una rilevazione sui centri d’ascolto delle parrocchie romane riguardanti 22 mila persone in situazioni di disagio.
Dallo studio emerge un malessere della città sempre più palpabile.  Oltre il 45% degli utenti dei centri di ascolto Caritas sono italiani. A Roma quasi il 22% della popolazione è composto da anziani, in alcuni municipi questi superano il 43%. Un terzo degli ultrasessantacinquenni di Roma è a rischio povertà. Crescono i comportamenti della disperazione e con essi gli esercizi commerciali legati al gioco d’azzardo e ai “compro oro”. Le persone senza dimora censite sono 7.500, ma stime attendibili parlano di 14-16mila.
Occupazione. In 10 anni il tasso di disoccupazione a Roma è passato da 7,2% al 9,8%. La disoccupazione giovanile è al 40,2 % (15-24 anni). Nell’edilizia la crisi ha cancellato 35.000 posti di lavoro. Si stimano 308mila lavoratori irregolari nel terziario. I Neet (not engaged in education, employment or training), giovani che non studiano né lavorano, a Roma sono il 22,5% nella fascia 15-29 anni.
La casa. Nella Capitale sono oltre 130.000 gli alloggi sfitti. L’emergenza casa coinvolge più di 30mila famiglie, tra queste 5mila persone vivono in case occupate abusivamente. Manca un’offerta abitativa in affitto a prezzi accessibili. La quota degli alloggi in affitto sociale è il 4,3 % a fronte di media europea del 13,7%. A Roma vi è stato uno sfratto per morosità ogni 279 abitanti (media nazionale uno ogni 419 abitanti). Nel 2016 sono state sfrattate con l’intervento della forza pubblica 3.215 famiglie.
Integrazione: nella provincia di Roma l’incidenza della popolazione straniera residente è pari al 12,5 %, un valore inferiore rispetto a Milano o Firenze. Nel Comune di Roma l’incidenza della popolazione straniera è di 377.217 su un totale di 2.877.215 residenti, gli stranieri sono il 13,1% ma va precisato che di questi il 44,3 % sono europei. I richiedenti asilo ospitati nel territorio provinciale di Roma sono 4.063. Il sistema di accoglienza e le sue strutture(SPRAR, CAS) è chiaramente in affanno, diminuiscono i posti nei grandi centri, si auspica la riduzione delle dimensioni dei centri e la loro diversificazione, per evitare la crescita dell’allontanamento volontario di quanti vengono accolti che favorisce rischi di cooptazione nella criminalità, nella prostituzione, nel traffico di organi. I minori non accompagnati giunti in Italia nel 2016 sono stati più del doppio dell’anno precedente: 25.846. A fine luglio 2017 i minori sbarcati sulle coste italiane sono stati 12.478, di essi molti sono attratti da Roma per le possibilità di lavoro irregolare.
slot machinesSalute mentale. L’Organizzazione Mondiale della Sanità ha dichiarato che le famiglie in povertà sono a rischio di disturbi mentali. Nel Lazio le persone affette da disturbo mentale trattate nel servizio sanitario pubblico sono 68.217. Il quadro complessivo dei Dipartimenti di salute mentale risente fortemente di una stagione di tagli che hanno interessato le risorse umane e i posti letto del Servizio Sanitario Nazionale, in tale situazione la quota della domanda che ha possibilità economiche si rivolge alla psichiatria privata e dunque può curarsi, mentre gli altri, compresi i migranti, finiscono spesso col vivere in maniere ingravescence la loro malattia. In generale si registra una crescita della domanda di cure psichiatriche a elevata complessità a fronte di un’offerta impoverita e disomogenea.
Dipendenze. All’inizio del 2017 risultano presi in carico a Roma dalle strutture pubbliche 6.785 utenti per uso di stupefacenti e quasi mille per l’alcool. È solo la punta dell’iceberg: il traffico di stupefacenti è in crescita. Nel 2016 le operazioni antidroga effettuate nella provincia di Roma sono state 3.446 con il sequestro di 9.966 chili di sostanze.
Gioco d’azzardo. In Italia, primo mercato d’Europa, il fatturato del gioco d’azzardo ha superato i 96 miliardi di euro. Sono circa 3 milioni le persone che per frequenza di gioco e importo di denaro sono a rischio di ludopatia, 300mila sono chiaramente patologici. Nel Lazio il gioco d’azzardo ha movimentato 7,8 miliardi di euro, il numero delle persona in cura presso i SerD a Roma sono solo la punta dell’iceberg. Il profilo del giocatore prevalente è maschio, oltre 40 anni, con titolo di studio madio-baso. Il 44% degli studenti abita o frequenta una scuola a pochi passi da un luogo dove si può giocare, quasi il 50 % degli studenti tra i 14 e i 19 anni ha giocato d’azzardo almeno una volta nel corso dell’anno scolastico 2015-2016.

Posted in Roma/about Rome, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

La serata romana di Forche Caudine omaggia Capracotta

Posted by fidest press agency su sabato, 11 novembre 2017

serata molisanaOltre 150 persone hanno partecipato alla manifestazione in Cna alla Garbatella Nonostante lo sciopero generale che ha paralizzato Roma e la partita della nazionale di calcio, oltre 150 persone hanno preso parte della serata molisana promossa dall’associazione Forche Caudine, lo storico sodalizio dei romani di origine molisana, in collaborazione con la Cna e con l’associazione Amici di Capracotta. Un evento che ha inteso valorizzare la cultura molisana in tutti i suoi aspetti, da quelli storico-paesaggistici a quelli enogastronomici, grazie al ricco buffet di prodotti dell’Alto Molise che ha accompagnato la manifestazione. Il presidente di Forche Caudine, il giornalista Giampiero Castellotti, ha aperto l’iniziativa ribadendo come la salvaguardia dell’identità molisana e sannita sia alla base della missione del sodalizio romano, che ha ormai oltrepassato i duemila iscritti e che ha nel curriculum oltre 300 eventi (dettagliatamente descritti nel sito) realizzati nei quasi trenta anni di attività. A seguire, Lorenzo Tagliavanti, presidente della Camera di Commercio di Roma, ha delineato il quadro della rilevante presenza imprenditoriale dei molisani a Roma. Prendendo in considerazione solo le ditte individuali di persone nate in Molise e residenti a Roma, si raggiunge il migliaio di presenze, cioè più di piemontesi, valdostani, liguri, veneti, trentini, altoatesini, friulani, emiliano-romagnoli e lucani, un dato più o meno allineato a quello di lombardi, toscani e sardi. Considerate anche le prime e le seconde generazioni, nate a Roma, si possono stimare tremila unità. Tra i settori dominanti si registrano l’edilizia e l’automobile in tutte le sue declinazioni (autorimesse, autocarrozzerie, autonoleggio, vendita auto, taxi, ecc.). La serata è entrata nel vivo con la presentazione di tre libri: la Guida del Molise edita dal quotidiano La Repubblica, illustrata dal giornalista Giuseppe Cerasa; “A la Mèrica”, storia degli emigrati capracottesi nel Nuovo Mondo, di cui ha parlato il giornalista Francesco Di Rienzo; “Il cappotto di quarta mano” di Sebastiano Di Rienzo, con il quadro ambientale delineato da Domenico Di Nucci e la disamina a cura della giornalista Maria Stella Rossi. L’attrice molisana a Roma, Chiara Iannaccone, ha letto alcune pagine del libro. Numerosi i giornalisti del settore turistico presenti in sala, tra cui Enzo Di Giacomo di Taccuino di viaggio, Ida Santilli di Plein Air; e Valentino Castaldo di Lazionauta. Candido Paglione, sindaco di Capracotta, ha concluso la serata “facendo parlare” uno splendido filmato realizzato da Giorgio Paglione con i droni, immagini che valorizzano al meglio la suggestiva natura molisana e le bellezze di Capracotta. Il primo cittadino ha quindi illustrato le qualità del Molise, dicendosi ottimista per il riscatto della regione grazie proprio alle tipicità.Tra i presenti in sala, il segretario di Forche Caudine Gabriele Di Nucci, originario di Capracotta, il già presidente del Consiglio provinciale di Roma, Sabatino Leonetti, l’ex parlamentare Angelo Sollazzo, il maestro concertista Luca Turrisi, gli ingegneri Giuseppe Fazioli di Frosolone e Claudio Camillo di Pietracupa, l’architetto Giovanni Germano, animatore di Cammina Molise. Presente per la Regione Molise il consigliere Michele Petraroia, che nel suo saluto ha messo l’accento sull’importanza di quel milione di persone d’origine molisana sparso per il mondo. Alla degustazione finale hanno concorso le aziende Altisapori, Comegna, DiMenna, Le Ife, San Nicola, Caseifici Del Castello, LaMasseria e Pallotta, Macelleria Cenci, Panifici Capracotta e Di Lullo, Trotta seleziona & stagiona e Vini Valerio. (foto: serata molisana)

Posted in Recensioni/Reviews, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Sport e solidarietà: torna Pedala per un sorriso

Posted by fidest press agency su sabato, 11 novembre 2017

Pedala per un sorrisoRoma Domenica 12 novembre 2017 appuntamento alle 8:30 all’Università Europea di Roma per la nuova edizione di Pedala per un Sorriso, manifestazione ciclistica benefica. Ha lo scopo principale di raccogliere fondi per costituire un fondo di finanziamento per Squadre Ciclistiche Giovanili; finanziare la ricerca sulle lesioni del midollo spinale, Marina Romoli Onlus; sostenere l’iniziativa di Arcobaleno della Speranza Onlus nella lotta contro la leucemia. In questa corsa, nessuno perde… tutti vincono.
Parteciperanno numerosi corridori professionisti, che testimonieranno la loro sensibilità per queste iniziative di beneficienza. Saranno presenti: Ivan Basso della Trek Segafredo, Giulio Ciccone della Bardiani CSF, e Valerio Agnoli della Bahrain Merida; gli ex campioni mondiali Leonardo Giordani e Marta Bastianelli insieme ad altri ex del ciclismo italiano: Alessandro Proni, Luigi Sgarbozza, Roberto Petito, Stefano Zanatta e Bruno Centomo.Ospite d’onore sarà Marina Romoli. Altri invitati speciali sono Omar Di Felice, rappresentante numero uno dell’Ultracycling in Italia e Gianmaria Bruni, campione mondiale alla 24ore endurance di Le Mans.Un ringraziamento speciale, per la fondamentale coordinazione e dedizione, al DS Stefano Zanatta e a Ivan Basso, campioni su due ruote e nella vita. www. pedalaperunsorriso.org (foto: Pedala per un sorriso)

Posted in Roma/about Rome, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Roma può essere davvero ciclabile

Posted by fidest press agency su venerdì, 10 novembre 2017

bici a romaAmministrazione capitolina, tecnici del Campidoglio e cittadini dimostrano una nuova e coesa volontà di compiere passi concreti a favore della ciclabilità, superando le criticità che hanno finora attanagliato lo sviluppo di tanti progetti, a cominciare dal Grab e dalla ciclabile di S. Bibiana. E’ quanto emerso nel convegno organizzato oggi dall’Associazione per l’Ingegneria del Traffico e dei Trasporti del Lazio presso la sede nazionale dell’ACI, alla presenza di Enrico Stefano, presidente della Commissione III Mobilità di Roma Capitale, Alessandro Fuschiotto di Roma Servizi per la Mobilità, Alberto Fiorillo di Legambiente, Beatrice Galli della Federazione Italiana Amici della Bicicletta, Alfredo Giordani di Vivinstrada e Roberto Pallottini dell’Istituto Nazionale di Urbanistica.
L’AIIT è riuscita a porsi come facilitatore di contatto tra il Campidoglio e le associazioni dei ciclisti, favorendo lo sviluppo di un dialogo costruttivo tra le parti a fronte della complessità normativa e della carenza di risorse che spesso pongono più ostacoli che opportunità nelle fasi di pianificazione e progettazione delle piste ciclabili.
ENRICO PAGLIARI“L’Associazione propone un’organizzazione più razionale della mobilità cittadina – dichiara il presidente di AIIT Sezione Lazio, Enrico Pagliari – a partire da una classificazione delle strade in primarie e secondarie. Le prime dedicate in modo prioritario alla circolazione dei veicoli a motore; le seconde con precedenza a pedoni e bici, con l’istituzione di specifiche zone30 a velocità ridotta per tutelare le utenze più deboli della strada”.
L’Associazione auspica inoltre che la ciclabilità sia sempre più parte integrante delle strategie della mobilità cittadina e che sia inserita in un quadro sistemico in cui si incentivi lo scambio con il trasporto collettivo attraverso collegamenti ai principali nodi di scambio, con sviluppo di aree per una sosta sicura delle biciclette.
In uno scenario tecnico e culturale in rapida evoluzione, infine, AIIT confida in un adeguamento delle normative vigenti e una condivisione di buone pratiche internazionali che consentano anche ai nostri progettisti di proporre soluzioni sicure, efficaci ed efficienti in linea con le aspettative degli utenti a due ruote. (foto: bici a roma, Enrico Pagliari)

Posted in Roma/about Rome, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Roma ripudia il fascismo: Uniti contro le discriminazioni

Posted by fidest press agency su venerdì, 10 novembre 2017

AuschwitzRoma. “L’esperienza appena vissuta in Polonia insieme a 128 studenti di 32 istituti romani è stata intensa e fortemente educativa per tutti. Ripercorrere le tappe della persecuzione nazista e della deportazione degli ebrei dal Ghetto di Roma il 16 ottobre 1943, ascoltando le parole commosse di Sami Modiano e Tatiana Bucci, ha contribuito a comprendere meglio una delle pagine più crudeli della nostra Storia.Non basta leggere sui libri ciò che accadde in quel periodo nefasto per averne la giusta conoscenza, l’Orrore dell’Olocausto si percepisce andando nei luoghi dove quelle atrocità furono commesse, visitando i campi di sterminio di Auschwitz e Birkenau di fronte ai sopravvissuti. È doveroso, quindi, che i più giovani partecipino a viaggi come questo per trasferire ai coetanei la Memoria delle testimonianze e condividere la rabbia e lo sgomento per tanta disumanità, per diventare cittadini più consapevoli delle future scelte.Siamo tornati ancora più convinti che a Roma rigurgiti antisemiti, razzismo e xenofobia non possono trovare più cittadinanza. Roma è una città aperta e inclusiva: il nostro dovere come rappresentanti di una Istituzione è un impegno costante e condiviso contro ogni forma di discriminazione, di violenza e violazione del rispetto dell’altro. Non possiamo riportare le lancette indietro e consentire che si ritorni a una passato drammatico fatto di odio e dolore. Insieme, pertanto, dobbiamo condurre una battaglia culturale ancora più incisiva che affermi i nostri valori democratici e contrasti con fermezza l’avanzare di qualsiasi movimento di matrice fascista, come impone la Costituzione”. Così in una nota il presidente dell’Assemblea Capitolina Marcello De Vito e i capigruppo del M5S Paolo Ferrara, del PD Michela Di Biase e di SI Stefano Fassina.

Posted in Roma/about Rome, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Il sedicenne Alexander Malofeev nel suo primo recital italiano

Posted by fidest press agency su giovedì, 9 novembre 2017

Alexander Malofeev1Roma Suonerà sabato 11 novembre alle 17.30 nell’Aula Magna della Sapienza per la IUC e sarà non solamente il suo debutto a Roma ma anche il suo primo recital solistico in Italia, che lo vede impegnato in musiche di Chopin, Rachmaninov, Ravel e Prokof’ev, che per la loro enorme difficoltà esecutiva intimidiscono anche i più grandi pianisti. Inizierà con Maurice Ravel e il suo Gaspard de la nuit, composto nel 1908 e ispirato a tre poemetti in prosa di Aloysius Bertrand, eccentrico poeta romantico, molto ammirato da Beaudelaire, che lo considerava l’inizatore della poesia moderna. Seguendo l’estro bizzarro e sulfureo di Bertrand, il pianoforte diventa il custode dei misteri inquietanti della notte, fa sorgere la visione raccapricciante di un impiccato che penzola dal patibolo mentre lontane campane suonano a morto, appare e scompare piroettando come un folletto capriccioso. Ravel stesso ha affermato che con Gaspard de la nuit ha voluto scrivere una musica di trascendente virtuosismo, che superasse in difficoltà qualsiasi pezzo pianistico scritto fino ad allora.
Seguirà la Sonata n. 2 in si bemolle minore op. 36 di Sergej Rachmaninov, iniziata nel 1913 nel suo studio di Piazza di Spagna a Roma, ma assolutamente russa per il suo debordante carattere Alexander Malofeevespressivo e sentimentale, che fa di Rachmaninov un erede di Ciajkovskij. Nel 1931 il compositore ne preparò una versione più breve, in cui sono smussate le difficoltà pressoché insormontabili della prima stesura.
Poi Malofeev passerà alla Sonata n. 7 in si bemolle maggiore op. 83 di Sergej Prokof’ev, composta nel 1943 e nota anche come “Sonata di guerra”, perché riflette le inquietudini di quegli anni, con un’irruenza e una violenza che ne fanno uno dei pezzi più difficili del repertorio pianistico ed esigono dita di acciaio.
Il giovanissimo pianista russo concluderà il suo concerto tornando indietro all’Ottocento per eseguire la Sonata n. 2 in si bemolle minore op. 35 di Frédéric Chopin, la più famosa delle tre del compositore polacco, nata intorno alla Marcia funebre, che ne costituisce il terzo movimento ma che fu composta per prima ed è il fulcro emozionale dell’intera Sonata e anche la sua parte più celebre. Questa Marcia funebre divenne subito celeberrima anche come brano a sé stante e Chopin volle che fosse eseguita ai suoi funerali. (foto: Alexander Malofeev)

Posted in Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Roma/about Rome, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

La Fisica incontra la città

Posted by fidest press agency su lunedì, 6 novembre 2017

RomaRoma. Mercoledì 8 Novembre 2017, ore 20:30 Università degli Studi Roma Tre – Aula Magna Rettorato Via Ostiense, 159. Che cos’è un’interazione fondamentale? Stefano Forte (Dipartimento di Fisica, Università di Milano) Per molti fisici, le interazioni fondamentali sono come il tempo secondo sant’Agostino: “Che cosa sono? Se nessuno me lo chiede, lo so; se cerco di spiegarlo a chi me lo chiede, non lo so.” Eppure, alla domanda “quali sono le interazioni fondamentali” tutti risponderanno senza dubbi ed allo stesso modo: la gravità, l’elettromagnetismo, la forza debole e la forza forte. Queste queste quattro forze sono davvero “fondamentali” e se si in che senso? Potremmo scoprire un giorno che in realtà non lo sono? E potremmo scoprire che nessuna interazione è fondamentale? La risposta a queste domande coinvolge alcune delle idee più profonde della fisica degli ultimi cinquant’anni: l’indeterminazione quantistica, le simmetrie dello spazio-tempo, le costanti fondamentali, le leggi di scala. Vedremo come queste idee abbiano permesso di sviluppare il modello standard: l’attuale teoria delle interazioni fondamentali, forse la teoria meglio verificata sperimentalmente di tutta la fisica. Vedremo anche come la visione di teoria fondamentale che ne nasce potrebbe essere superata in futuro.
Stefano Forte è professore ordinario di fisica teorica presso l’Università di Milano, dove ha stabilito una vivace scuola di fisica delle interazioni fondamentali. In precedenza è stato ricercatore dell’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare a Torino e a Roma, ed ha occupato posizioni post-dottorali a Parigi ed al CERN dopo aver conseguito il dottorato di ricerca presso l’MIT. Si occupa soprattutto della teoria dell’interazione forte ed in particolare della struttura del protone, la cui conoscenza dettagliata è stata cruciale per la recente scoperta del bosone di Higgs. Ha svolto e svolge attività di insegnamento e ricerca in varie istituzioni internazionali, tra cui il CERN di Ginevra, il centro Higgs di Edimburgo, l’Università Pierre et Marie Curie di Parigi, l’istituto Niels Bohr di Copenhagen e la scuola normale superiore di Lione.

Posted in Roma/about Rome, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Roma: serata molisana

Posted by fidest press agency su lunedì, 6 novembre 2017

moliseRoma venerdì 10 novembre 2017, dalle ore 17, presso il salone della Cna in via Guglielmo Massaia n.31 (Ostiense/ Garbatella), promossa dall’associazione Forche Caudine in collaborazione con l’associazione Amici di Capracotta. Il programma prevede la presentazione di tre libri: la “Guida del Molise” del quotidiano La Repubblica, a cura di Giuseppe Cerasa; “La Merica”, ricerca sull’emigrazione molisana a cura dell’Associazione Amici di Capracotta; “Il cappotto di quarta mano” di Sebastiano Di Rienzo. A seguire buffet di prodotti dell’Alto Molise. Interverranno, oltre agli autori: Lorenzo Tagliavanti (presidente della Camera di Commercio di Roma), Giampiero Castellotti (giornalista, presidente di “Forche Caudine”), Domenico Di Nucci (presidente dell’associazione Amici di Capracotta), Candido Paglione (sindaco di Capracotta) e Maria Stella Rossi (giornalista). Ingresso libero.

Posted in Recensioni/Reviews, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Dodicimila nuovi alberi per Roma

Posted by fidest press agency su mercoledì, 1 novembre 2017

alberiRoma. E’ così che la Capitale celebrerà la Giornata nazionale degli Alberi il 21 novembre. Insieme ai cittadini e le associazioni creeremo due nuovi boschi urbani a Centocelle e Tor Sapienza. Circa 300 alberi invece rimboscheranno le aree di Garbatella e Ostia (VIII e X Municipio). I nuovi alberi saranno piantati il 19 novembre, durante la domenica ecologica che precede l’evento. E’ un momento di festa a cui tutti i cittadini sono invitati a partecipare. Si stima che degli 82.000 alberi di cui è in corso il monitoraggio, solo il 3% dovrà essere abbattuto. La perdita di circa 2.400 alberi sarà dunque abbondantemente bilanciata dalle nuove piantumazioni, che solo quest’anno saranno 12.000. Vi invito a partecipare insieme alla sindaca Virginia Raggi, all’assessore Montanari, agli altri consiglieri di Roma Capitale e dei Municipi, alle associazioni e ai comitati. Occorrono solo un po’ di buona volontà, una vanga, una paletta e dei guanti. Con la forestazione urbana partecipata combattiamo insieme i cambiamenti climatici e l’emergenza inquinamento. Dodicimila alberi forniscono ossigeno a 30.000 persone. Non saranno gli unici. Il progetto prevede che vi siano nuovo zone di forestazione urbana per dare a Roma decine di migliaia di nuovi alberi nelle aree pubbliche di tutti i Municipi entro il 2021”. E’ quanto dichiara in una nota stampa Daniele Diaco, presidente della commissione Ambiente di Roma Capitale.

Posted in Roma/about Rome, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

On the Road Film Festival

Posted by fidest press agency su mercoledì, 1 novembre 2017

cafard otrffRoma V edizione, 5 – 26 novembre 2017 Cinema Detour,Via Urbana 107 Rione Monti. Cinque edizioni di un festival d’autore e i vent’anni di uno storico cineclub romano. Questi i primi ingredienti di una proposta culturale fuori dagli schemi e sicuramente al di là di traiettorie conosciute. 11 lungometraggi e 12 corti in concorso, eventi speciali e fuori concorso, anteprime nazionali: la selezione che il Detour, interamente dedicata al tema del viaggio e suoi corollari, offre al pubblico romano per il proprio compleanno, è di quelle da non dimenticare. Il Festival è realizzato con il sostegno di Regione Lazio Assessorato alla Cultura e Politiche Giovanili; con il Patrocinio di Biblioteche di Roma e Roma Multietnica e in collaborazione con Moving Docs, Doc.it, Creative Europe Media, Il Mandarino, Luci dalla Cina.
Si inizia il 5 novembre con una serata evento in cui, in occasione dei 100 anni della rivoluzione russa e dei primi vent’anni del Detour, sarà proiettato e musicato dal vivo Ottobre di Sergej Ėjzenštejn (1928). La sonorizzazione del film muto Alice in Wonderland di W. W. Young del 1915 chiuderà il festival il 26 novembre, prima della premiazione finale.Tre notevoli fuori concorso arricchiscono il programma: Poesia Sin Fin di Alejandro Jodorowsky (2016) e Miles Ahead di e con Don Cheadle, sulla vita del grande genio del jazz Miles Davis, in anteprima romana. Per gli sportivi l’affascinante The Dolphin man, girato in Grecia, sulla vita del grande apneista francese Jacques Mayol, soprannominato proprio Dolphin man. Un viaggio sui viaggi dell’uomo che ha rivoluzionato il mondo dell’apnea e dell’immersione profonda.
cafardIl documentario Flat Tyre – An American Music Dream di Ugo di Faenza segue l’incredibile viaggio musicale attraverso gli USA del gruppo di giovani musicisti napoletani “La terza classe”, alla ricerca delle radici profonde della musica popolare americana.Sagre Balere di Alessandro Stevanon racconta la storia di Omar, cresciuto nella periferia di Milano e destinato a fare il carrozziere, ispirato dalle voci degli anni d’oro del liscio ascoltate nella più grande discoteca d’Italia, lo Studio Zeta di Angelo Zibetti, e il suo lungo tour in tutte le regioni del Nord Italia nel suo ventesimo anno di carriera.
Istanbul Echoes di Giulia Frati analizza il rapido processo di gentrificazione di Istanbul. In soli cinque anni i quartieri di classe operaia sono stati demoliti, i loro residenti si sono spostati. Una situazione preoccupante che attira l’attenzione di alcuni giovani militanti, e in particolare un gruppo di attiviste hip-hop. Ritmando abilmente il suo film con suoni ambientali urbani, Giulia Frati ha seguito questa trasformazione del tessuto sociale della metropoli nell’arco di un decennio.
A Paradise Too Far del canadese Denis Langlois segue le tracce dei fratelli Samuel e Émilie, entrambi affetti da una forma leggera di autismo, che partono con una motoslitta per andare alla ricerca di quel paradiso dove tutti dicono che la madre, morta, sia andata. Quello di Samuel e Émilie è un viaggio al tempo stesso geografico e spirituale, che metterà a dura prova le loro capacità e sonderà i limiti della loro complessa relazione. Anissa 2002 del francese Fabienne Facco racconta la storia e la fuga di Anissa, sposa adolescente marocchina.Transitory Lives di Thomas Kunstler e Dimitris Lambridis: il viaggio in parallelo di tre rifugiati siriani dalle rive di Lesvos al cuore dell’Europa continentale, e il loro faticoso tentativo di integrazione nel nuovo mondo, tra speranza e disillusione.
cafard otrff1Mingong di Davide Crudetti affronta un tema alquanto attuale: la migrazione in massa di milioni di lavoratori cinesi che dall’entroterra si riversano nelle megalopoli costiere per cercare lavoro. ‘Mingong’ significa proprio contadino-operaio. Un viaggio nel tempo nella vecchia Cina che oggi sta scomparendo, un viaggio volto a intercettare I milioni di cinesi che si spostano dai paesi verso la megalopoli del mare. Tra i corti, The Edge della russa Alexandra Averyanova in cui una donna anziana vive in una piccola stazione, persa nella profondità della campagna.
Prenotazioni e info su http://www.cinedetour.it – FB Cine Detour Biglietti: ingresso riservato ai soci Detour con tessera annuale – contributo eventi: 5 euro film in concorso, 6 euro Miles Ahead, 8 euro sonorizzazioni live. (foto: cafard otrff, Paradis Still)

Posted in Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Sant’Egidio: condanna dell’agguato contro due stranieri

Posted by fidest press agency su lunedì, 30 ottobre 2017

mercatocampodefioriRoma. La Comunità di Sant’Egidio esprime vicinanza e solidarietà ai due cittadini stranieri, bengalese ed egiziano, vittime di un terribile agguato la notte scorsa nel cuore di Roma mentre tornavano dal lavoro che svolgono in un ristorante del centro storico.La violenza, accompagnata da un linguaggio di disprezzo, è spesso il frutto di una “predicazione dell’odio” nei confronti di chi si ritiene diverso, alimentata da pregiudizi e ignoranza o da colpevoli strumentalizzazioni. A farne le spese sono, troppo spesso, persone innocenti, in questo caso lavoratori già inseriti nel tessuto produttivo della città.
Roma non può accettare che prevalga questo clima: c’è bisogno di costruire una rete che favorisca l’incontro fra realtà diverse, la conoscenza e l’integrazione tra i suoi abitanti, soprattutto nelle periferie. Il fatto che gli autori dell’agguato siano tutti giovanissimi richiede inoltre un impegno importante di educazione al rispetto e alla non violenza che deve coinvolgere tutti, a partire dalle scuole e dalle famiglie.

Posted in Roma/about Rome, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Campidoglio, dal 1 novembre divieto circolazione veicoli più inquinanti

Posted by fidest press agency su sabato, 28 ottobre 2017

campidoglioRoma Sostenibilità ambientale e abbattimento dell’inquinamento atmosferico. E’ l’obiettivo alla base delle due ordinanze firmate dalla sindaca di Roma, Virginia Raggi, che riguardano la limitazione della circolazione in città dei veicoli più inquinanti.Dal 1 novembre 2017 al 31 ottobre 2018 sarà in vigore il divieto di accesso e di circolazione all’interno della ZTL “Fascia Verde” del PGTU, dal lunedì al venerdì, a esclusione del sabato, domenica e giorni festivi infrasettimanali alle categorie più inquinanti: autoveicoli benzina PRE-EURO 1; EURO 1 e diesel PRE-EURO 1; EURO 1; EURO 2. Le stesse limitazioni interesseranno anche i ciclomotori e i motoveicoli EURO 1 a due, tre o quattro ruote, dotati di motore a 2 e 4 tempi che, dal lunedì al venerdì, non potranno più accedere all’interno della ZTL ANELLO FERROVIARO.Tra le esenzioni previste i veicoli muniti di contrassegno per persone invalide; le vetture adibite a servizio di polizia sicurezza ed emergenza e soccorso stradale, così come i mezzi per il pronto intervento per acqua, luce e gas. L’elenco completo delle deroghe sarà comunque consultabile sul sito di Roma Capitale. Le misure sono state adottate a salvaguardia della salute pubblica e riguardano i veicoli a benzina e diesel di vecchia generazione. La Polizia Locale di Roma Capitale dovrà provvedere alla vigilanza al fine di garantire l’osservanza del provvedimento di limitazione della circolazione da parte della cittadinanza.

Posted in Roma/about Rome, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Mostra personale di Soile Yli-Mayry

Posted by fidest press agency su sabato, 28 ottobre 2017

Yli-MayryRoma mercoledì 8 novembre 2017 alle ore 18.00 dall’ 8 al 17 novembre 2017 Orario d’apertura: 10-13 e 16.30-19.30 – Chiuso i festivi ed il lunedì mattina Galleria della Tartaruga – via Sistina, 85/a mostra personale di Soile Yli-Mayry – dipinti, a cura di: Marco Pezzali. Quest’anno la sua mostra rientra nel programma ufficiale del Centenario dell’Indipendenza della Finlandia e si svolgerà attraverso altri sette Paesi. Sarà quindi presente il giorno dell’inaugurazione l’Ambasciatore di Finlandia in Italia Janne Taalas.“Soile Yli-Mäyry è un’artista che da sempre ha affidato ad una sua peculiare tecnica pittorica, nel tempo perfezionata, il compito di formalizzare i suoi pensieri. Il segno-colore, che caratterizza le sue opere, si modula sulla superficie del dipinto ora in emergenze ora in graffiti, in una alternanza di colore disteso e raggrumato, ora sottile come una linea, ora espanso come una superficie. Il suo procedere sembra quasi oggettivare i vari passaggi indicati da Vasilij Kandinskij nel suo celebre “Punto, linea e superficie”. Ma l’esito di Soile non è un puro astrattismo lirico bensì un repertorio figurativo lontano da qualsiasi concetto di mimesi. Pur nella essenzialità e nella rarefazione, si individuano volti e corpi di uomini e di donne, mani, animali, buste da lettera… Ed i colori sono squillanti, senza grigi e tonalità di terra. I suoi colori sembrano essere direttamente attinti dalle aurore boreali, il meraviglioso spettacolo naturale che tinge il cielo di mille colori, dal blu viola, al giallo verde, fino al rosso. Come definire queste strane figure-presenze? Da dove nascono? A cosa si ispirano? E’ evidente che nascono dall’immaginario dell’artista, un immaginario completamente libero e privo di quei condizionamenti imposti dalla cultura classica e classicista. Del resto Soile è finlandese e trae ispirazione da un immaginario completamente diverso dal nostro. Un esempio: aurora boreale si dice in finlandese “revontulet”, che tradotto letteralmente Yli-Mayry1Yli-Mayry2significa “Fuochi della volpe”, in riferimento alla leggenda di una magica volpe che, urtando con la coda la neve, aveva provocato scintille che, salendo al cielo, avevano dato origine a quella meravigliosa aurora. E’ un immaginario che considera laghi, cascate e fiumi nati dai capelli bagnati di Luonnotar, la Dea della Natura. Queste brevissime citazioni dal Kalevala, il poema mitico dei Finlandesi, ci indicano chiaramente che i parametri per accedere ai dipinti di Soile non vanno ricercati nella visione antropocentrica di classica memoria, ma neppure nelle elucubrazioni intellettualistiche delle forme d’arte contemporanea. Il percorso di Soile, se mai, si può accostare a quello di Joseph Beuys, artista da lei conosciuto e amato, non già nella prassi dell’arte ma nella concezione di un mondo in cui l’uomo cessi di sfruttare la natura e ne torni amico. I dipinti di Soile sono “canti” di colore e forme che giungono al cuore di tutti, come fossero intonati sul kantele, la magica arpa finnica.” Così Stefania Severi descrive acutamente la pittura di Soile Yli-Mayry in un brano di presentazione di alcuni anni fa. (Marco Pezzali) (foto: Yli-Mayry)

Posted in Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Smog: Greenpeace in azione a Roma

Posted by fidest press agency su giovedì, 26 ottobre 2017

greenpeacegreenpeace1Roma Attivisti di Greenpeace sono entrati in azione stamattina a Roma, in una delle aree più densamente trafficate della Capitale. Sospesi dalla Tangenziale Est, sopra Viale dello Scalo San Lorenzo, gli attivisti hanno aperto un enorme striscione sul quale si legge “Respirare è un diritto – “StopDiesel”; a fianco dello striscione, è stata inoltre appesa la riproduzione di due polmoni pieni di fumo, per evidenziare l’inerzia dei governi delle città italiane, incapaci di prendere provvedimenti efficaci e non emergenziali, nell’ambito delle loro competenze, contro l’inquinamento atmosferico.«I sindaci delle nostre città hanno la possibilità di proteggere la salute dei loro cittadini e mandare al contempo un segnale fortissimo al mercato», afferma Andrea Boraschi, responsabile campagna Energia e Clima di Greenpeace Italia. «In molte città europee si discute della fine della mobilità “fossile”, e in primis di quella a gasolio, e le vendite dei diesel calano. In Italia invece continuano a salire. Dobbiamo invertire questa tendenza, facendo capire chiaramente ai cittadini che questa tecnologia ha gli anni contati. Cominciamo dalle grandi città, dove i danni ambientali e sanitari causati dai veicoli diesel sono maggiori».La protesta di oggi segue la pubblicazione dei dati della campagna di monitoraggio della qualità dell’aria davanti a dieci scuole dell’infanzia e primarie, effettuata nelle scorse settimane da Greenpeace sul territorio di Roma: davanti a ciascun istituto i valori medi di concentrazione del biossido di azoto (NO2) sono risultati superiori al limite individuato dall’OMS come soglia di qualità per la protezione della salute umana (40 microgrammi per metro cubo), con picchi di concentrazione quasi tripli rispetto a quel limite. Il biossido di azoto, precursore di altri inquinanti come il particolato fine e greenpeace2l’ozono, è classificato tra le sostanze certamente cancerogene: i suoi effetti patogeni sono principalmente a carico delle vie respiratorie, del sistema sanguigno, delle funzioni cardiache. A Roma oltre tre quarti della concentrazione di questo inquinante è dovuta al traffico veicolare, ovvero pressoché interamente ai veicoli diesel. Un recente rapporto dell’Agenzia Europea dell’Ambiente stima in oltre 17 mila i casi di morte prematura annua causati in Italia dalle alte concentrazioni di NO2: il nostro Paese risulta essere il peggiore in Europa, con un’incidenza sanitaria quasi doppia rispetto alla media Ue.Per questo Greenpeace ha avviato una campagna per chiedere ai sindaci delle quattro città più colpite dai fumi dei diesel – Milano, Torino, Palermo e Roma – di impegnarsi per limitare progressivamente la circolazione nei loro centri urbani di questi veicoli altamente inquinanti, fino a prevederne, entro la fine del loro mandato, lo stop definitivo. Leoluca Orlando, sindaco di Palermo, è stato il primo ad accettare il confronto con l’associazione ambientalista, invitandola a un incontro il prossimo 21 novembre.Greenpeace chiede da giugno un incontro all’amministrazione capitolina per aprire un confronto sui temi della mobilità. Ad oggi questo dialogo non si è ancora aperto. (foto: greenpeace)

Posted in Roma/about Rome, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »