Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 30 n° 235

Posts Tagged ‘sciopero’

Sciopero ferrovieri francesi e italiani

Posted by fidest press agency su giovedì, 7 giugno 2018

L’8 giugno, i ferrovieri italiani dell’Unione Sindacale di Base hanno indetto il primo sciopero di 6 ore dalle ore 00.00 alle ore 06.00 e, nello stesso giorno, i loro colleghi francesi effettueranno la 28° giornata di lotta da aprile 2018.La decisione di scioperare lo stesso giorno rappresenta la volontà di unire le lotte di ferrovieri appartenenti a paesi diversi nella sostanza basate sulle medesime ragioni:
Garantire un servizio ferroviario pubblico, in Italia come in Francia, contro il 4° pacchetto ferroviario emesso dalla UE.
Affrontare il tema scottante della sicurezza nelle operazioni ferroviaria sia per i lavoratori che per gli utenti.Contro l’esasperazione della produttività, contro gli appalti delle lavorazioni e per fermare la repressione in atto dei militanti sindacali.
Per difendere la figura del ferroviere: contro l’insostenibile aumento dell’età pensionabile, per un contratto dignitoso e per chiedere un’adeguata formazione per il nuovo personale.
La giornata di venerdì 8 giugno rappresenta lo sforzo concreto di costruire solidarietà e unità tra i ferrovieri europei, perché quella che in Francia passa sotto il nome di Riforma Macron” in Italia si chiama “la politica portata avanti dagli ultimi governi”, e ha la medesima matrice: la furia privatizzatrice e liberalizzatrice imposta dalla Unione Europea.Ecco perché USB Lavoro Privato si batte a fianco dei ferrovieri francesi per sconfiggere queste politiche e per chiedere una ferrovia pubblica, sicura, efficiente e dignitosa.

Posted in Estero/world news, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Scuola – Precari, ripreso lo sciopero della fame

Posted by fidest press agency su giovedì, 24 maggio 2018

Dopo la sospensione della protesta per alcuni giorni, le insegnanti del Coordinamento Diplomati Magistrale Abilitati hanno deciso di continuare a denunciare pubblicamente l’ingiustizia che stanno vivendo e di chiedere un intervento della politica attraverso l’approvazione di provvedimento legislativo che preveda la riapertura delle GAE a tutti i docenti abilitati. Si tratta di un provvedimento più che motivato per essere approvato con estrema urgenza, perché in caso contrario verrebbe meno l’avvio regolare del prossimo anno scolastico e lo stesso dicasi per la continuità didattica di tutti gli alunni. Allo stesso modo, si minerebbe la parità di trattamento del personale docente precario Marcello Pacifico (presidente nazionale Anief): Anche Anief è nuovamente in campo, ovviamente a sostegno delle maestre in sciopero della fame e dei manifestanti che il 29 maggio sciopereranno per la quinta volta per chiedere la riapertura delle GaE a tutto il personale abilitato, come da noi pedissequamente indicato attraverso la proposta di decreto legge urgente presentata da Anief da alcune settimane. Giugno è alle porte e già sono diversi i casi di licenziamento avvenuti. Urge più che mai un atto concreto prodotto dal primo nuovo Consiglio dei Ministri perché possa maturare il dibattito parlamentare su un argomento.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | 1 Comment »

Roma: sciopero dipendenti Ama

Posted by fidest press agency su giovedì, 10 maggio 2018

Domenica 13 Maggio le lavoratrici e i lavoratori di AMA sciopereranno per tutta la giornata contro un’organizzazione del lavoro che obbliga centinaia di lavoratori a lavorare la domenica da anni senza la possibilità di usufruire in quel giorno ferie riposi. Con questo sciopero vogliamo riaffermare che la domenica è giorno di riposo festivo per tutti i lavoratori e le lavoratrici.Lavorare la domenica significa disperdere parte della propria vita sociale e familiare: i figli che crescono, le compagne/i di vita che aspettano, eventi famigliari che si è costretti a trascurare.La scelta di imporre il lavoro domenicale non risponde a criteri di efficentamento del servizio, ma ha solo una funzione di immagine.Dall’introduzione dell’obbligo del lavoro domenicale il servizio nella città non è certo migliorato: lo stato di degrado in cui versa la città, e che peggiora giorno dopo giorno, è da ascrivere alle politiche scellerate che in questi anni le varie amministrazioni comunali, provinciali e regionali hanno portato avanti con subalternità ai privati e con una totale mancanza di investimenti negli impianti e mezzi. I lavoratori e le lavoratrici di AMA che ogni giorno prestano la loro opera in condizioni difficili, vedi i luoghi insalubri degli impianti, vedi la mancanza di mezzi oppure i cassonetti fatiscenti, sono stanchi di pagare per colpe la disorganizzazione del lavoro e rivendicano il diritto a condizioni lavorative decenti, e a godere della domenica come giorno di riposo come tanti altri lavoratori.
Domenica 13 Maggio le lavoratrici e i lavoratori di Ama incontreranno i cittadini, i comitati
di quartiere, le associazioni dalle ore 10 alle 13 in Piazza SS. Apostoli. (fonte: COBAS del Lavoro Privato)

Posted in Roma/about Rome, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Scuola: Sciopero il 2 e 3 maggio

Posted by fidest press agency su venerdì, 13 aprile 2018

Rimane alta la tensione tra il personale docente precario escluso dalle GaE, per via di una discutibilissima sentenza in Adunanza Plenaria del Consiglio di Stato, come tra il personale ATA ancora non stabilizzato e tra tutti quei lavoratori della scuola che, a dieci anni dal blocco dei salari, con il nuovo contratto si sono visti riconosciti degli aumenti risibili, pari ad un terzo dell’indice Ipca ovvero del tasso di inflazione programmata registrata nello stesso periodo. Sostenuti dal giovane sindacato Anief, docenti e Ata continuano il loro percorso di mobilitazione. Pertanto, alla luce della grave situazione in cui versa il comparto, Anief aderisce alla proclamazione dello sciopero generale nel Comparto Scuola di tutto il personale docente e ATA a tempo indeterminato e determinato, atipico e precario, proclamata per il 2 e 3 maggio prossimi e già ratificata dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri, Dipartimento della Funzione Pubblica. Marcello Pacifico (presidente nazionale Anief): Non possiamo tollerare quest’impasse della politica che deve per forza di cose dare delle prime importanti risposte al mondo della scuola, dopo avere assunto precisi impegni nel corso della campagna elettorale. Persino negli Stati Uniti dopo dieci anni gli insegnanti sono tornati a scioperare: 20 mila professori si sono astenuti dal fare lezione nel West Virginia, Oklahoma e Kentucky, per chiedere un aumento dei salari di 10.000 dollari, a fronte dei 6.100 dollari che gli sono stati comunque concessi. Invece, in Italia dopo dieci anni di blocco si è arrivati a un aumento mensile medio di 85 euro. Tra l’altro, nemmeno garantito a tutti. In ogni caso, annualmente il rinnovo porterà in media meno di mille euro lordi. Ne consegue che mentre un insegnante italiano non arriva a percepire 30 mila euro l’anno, un collega statunitense ne prende più del doppio, 60 mila dollari, e scende in piazza per rivendicare incrementi dieci volte superiori a quelli sottoscritti e accolti con tanto di brindisi dai nostri sindacati confederali.

Posted in Cronaca/News, scuola/school, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Francia: sciopero solidale dei ferrovieri europei

Posted by fidest press agency su mercoledì, 11 aprile 2018

Parigi 19 aprile. Abbiamo intervistato Matthieu Bolle-Reddat, segretario della Federazione di Versailles della CGT-Cheminots (la federazione dei ferrovieri della confederazione CGT, la più grande di Francia). Bolle-Reddat è un grande amico di USB, non solo perché in tanti anni e altrettanti incontri si è sviluppato un forte legame, ma anche e soprattutto perché Matthieu si è da anni impegnato insieme a noi nella costruzione della WFTU, tanto da avervi fatto aderire la propria federazione in aperto contrasto con la linea decisa dai suoi vertici nazionali. Lo abbiamo raggiunto non appena iniziati gli scioperi in Francia dei ferrovieri contro la riforma imposta dal presidente Macron.
D. Matthieu, puoi dire in poche parole alla gente di USB quali sono le principali motivazioni sulle quali state lottando contro le riforme imposte dal presidente Macron?
R. «Macron ha deciso di riformare le ferrovie in Francia, facendo addirittura passare tutto attraverso ordinanze governative (i nostri decreti, ndr), senza dibattito o voto in Parlamento.
In sostanza, questa riforma si ispira alle politiche di privatizzazione delle ferrovie in auge in tutta Europa e si basa sul voto sul quarto pacchetto ferroviario dell’UE.
Essa prevede la fine dello statuto dei ferrovieri, la privatizzazione della SNCF (Societé Nationale Chemin de Fer, le Ferrovie dello Stato Francesi, ndr) e la vendita della rete ferroviaria nazionale alle varie imprese private, con il trasferimento obbligatorio dei ferrovieri a queste ultime e la perdita di tutti i diritti sociali e pensionistici.
Si prevede la dismissione di 9.000 chilometri di linee, quasi un terzo della rete ferroviaria nazionale, e l’aumento delle tariffe di trasporto».
D. Come avete organizzato lo sciopero, quanto durerà e quante organizzazioni sindacali stanno partecipando?
R.«La Federazione dei ferrovieri della CGT ha riunito con sé l’insieme delle altre 4 organizzazioni sindacali della SNCF per combattere questo piano del governo. Abbiamo indetto un pacchetto di 12 giorni di sciopero al mese per 3 mesi, 2 giorni di sciopero ogni 3 giorni. In pratica, abbiamo chiamato a 36 giorni di sciopero da aprile a giugno!».
D. A parte sottolineare che tutto questo sarebbe semplicemente illegale in Italia, viste le nostre regole, come sta andando lo sciopero?
D. «Il 3 e 4 aprile scorsi si sono tenuti i primi due giorni di sciopero: sono stati molto “potenti”, con oltre il 70% di treni cancellati su tutto il territorio nazionale. Sono felice di sottolineare che sulla mia linea, la linea C della RER nella direzione di Versailles, è stato addirittura cancellato il 100% dei treni! Abbiamo anche fatto azioni di presidio in tutte le città per mostrare la nostra rabbia e occupato molte stazioni».
D. In Italia i media ci informano che l’opinione pubblica è contro di voi e a favore di Macron; è vero?
R.«I sondaggi di opinione mostrano che sempre più persone sostengono gli scioperanti e si rendono conto che la politica di Macron distruggerà il servizio ferroviario pubblico.
Sempre più persone ci sostengono, i nostri fondi di solidarietà sono pieni di donazioni, l’hashtag #jesoutienlescheminots (#iosostengoiferrovieri, ndr) è il più condiviso su Internet e molte associazioni di utenti manifestano con noi.
La lotta contro questa riforma sta diventando una grande causa popolare, poiché sempre più persone si rendono conto che questa riforma sarà letale sia per i lavoratori che per gli utenti delle ferrovie! Oltre a ciò, i ferrovieri stanno diventando il catalizzatore di una risposta più globale contro il Thatcherismo incarnato da Macron, che vuole rompere i servizi pubblici per arricchire i grandi monopoli privati».
D.Matthieu, è evidente che una delle ragioni che spingono le riforme di Macron è la politica UE di privatizzazione di beni pubblici; la solidarietà internazionale può essere vitale per la lotta dei ferrovieri francesi?
R. «La solidarietà internazionale è per noi vitale! Se gli scioperanti si sentono sostenuti possono resistere fino alla vittoria!
Abbiamo bisogno di ricevere messaggi di sostegno dai nostri compagni in Europa e nel mondo, la Federazione Sindacale Mondiale (WFTU) ci ha inviato una dichiarazione di solidarietà, che è stata molto apprezzata dagli scioperanti. I sindacati fratelli organizzano meeting di solidarietà, raccolgono fondi per noi, inviano delegazioni per manifestare insieme a noi e incontrare i lavoratori in difficoltà, il che tiene alto il morale degli scioperanti.
Ricordate che una vittoria in Francia contro la privatizzazione delle ferrovie avrebbe un impatto in tutta Europa e potrebbe segnare l’inizio della risposta contro tutte le politiche antisociali dei governi dei paesi europei in relazione alle politiche neo-liberiste dell’Unione Europea.
A questo proposito, colgo l’occasione per invitare il nostro sindacato fratello USB a partecipare con le sue bandiere alla grande manifestazione nazionale di protesta dei ferrovieri francesi, il 19 aprile prossimo a Parigi!».
Grazie Matthieu! Non solo ribadiamo un’altra volta la nostra più piena e fraterna solidarietà alla lotta contro la privatizzazione di SNCF, ma non mancheremo di essere a Parigi al vostro fianco. (fonte: unione sindacale di base)

Posted in Estero/world news, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Venerdì 23 marzo sciopero scuole: si fermeranno durante la proclamazione dei parlamentari eletti

Posted by fidest press agency su martedì, 20 marzo 2018

Mentre si nomineranno anche gli uffici di presidenza e di commissione delle Camere, per l’avvio della XVIII legislatura, scatterà la protesta: a Roma, sono attesi migliaia di maestre e di maestri, di insegnanti e Ata che andranno in corteo dalle ore 9 alle 14 da Piazzale Ostiense a Viale Trastevere, per manifestare sotto il Miur. Una delegazione dell’ANIEF incontrerà i rappresentanti dell’amministrazione, diversi neo-eletti deputati e senatori e responsabili scuola dei partiti di riferimento. Tra le richieste: riapertura delle GaE per tutti gli abilitati, tutela dei lavoratori precari e neo-immessi secondo norme UE, sbocco dell’indennità di vacanza contrattuale, restituzione della trattenuta TFR, finestra a 61 anni per le pensioni e salario minimo legato all’inflazione.Secondo Marcello Pacifico, presidente nazionale Anief, sarà un giorno importante: “Forse il più importante della XVIII legislatura. Perché dopo una campagna per le elezioni politiche dove il tema scuola non è stato certamente centrale, è giunto il momento di richiamare l’attenzione della politica. Tra i motivi dello sciopero spicca quello della necessità di aprire ai precari le Graduatorie ad esaurimento: già in passato dopo altrettanti scioperi e partecipate manifestazioni con migliaia di adesioni, Anief è riuscita a riaprire le Graduatorie ad esaurimento. Ci appelliamo alla sensibilità dei nuovi senatori e onorevoli perché facciano giustizia nei confronti di decine di migliaia di precari abilitati e specializzati che rischiano il licenziamento”.

Posted in Cronaca/News, scuola/school, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Scuola: sciopero del 23 marzo: Precariato e graduatorie permanenti

Posted by fidest press agency su giovedì, 8 marzo 2018

Durante cinque legislature della Repubblica, cinque sessioni riservate, quattro procedure concorsuali, tre nuovi sistemi di formazione universitaria iniziale degli insegnanti, le graduatorie dei supplenti docenti della scuola da cui si attinge per il 50% delle immissioni in ruolo ‎sono state aperte e chiuse diverse volte dal legislatore, spesso sotto i colpi delle sentenze. Ora nella nuova XVIII legislatura, quella che si andrà a costituire dopo le elezioni politiche di oggi, il problema si ripone e l’unica soluzione logica rimane la riapertura delle GaE, quelle Graduatorie ad esaurimento oggetto dello sciopero Anief del prossimo 23 marzo, giorno d’insediamento del nuovo Parlamento.
Marcello Pacifico (Anief-Cisal): Lo Stato piuttosto che assegnare 100mila posti vacanti e disponibili alle immissioni in ruolo, finendola anche con la farsa degli organici di diritto, all’80 per cento costituiti da posti vacanti che andrebbero collocati tra quelli di diritto, li continua ad assegnare ai precari sempre sotto forma supplenza annuale.Il tutto, in attesa di due nuovi concorsi che creeranno nuove graduatorie di merito ad esaurimento, con tanto di vincitori di concorso per tre anni a fare formazione e supplenze a paga ridotta. La domanda che poniamo ai decisori dei destini della scuola è allora questa: perché abbiamo decine di migliaia di docenti già abilitati, selezionati, specializzati per l’insegnamento che lo Stato non vuole stabilizzare, ma poi ogni anno tra agosto e settembre chiama a rapporto per coprire i tanti posti liberi? Perché ci sono materie, come la matematica alle medie, che necessitano di docenti abilitati, con le GaE e le graduatorie di merito che sono da tempo esaurite, ma poi si continua a fare di tutto per non assorbirli? Questo è ciò che non si comprende ed è anche il motivo per il quale la nostra azione sindacale non si ferma: in tribunale, ma anche ai tavoli delle trattative, dove contiamo di arrivare dopo le prossime elezioni Rsu di metà aprile.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Sciopero scuola: 23 febbraio 2018

Posted by fidest press agency su mercoledì, 21 febbraio 2018

Roma Venerdì 23 febbraio alle ore 9,00 saremo davanti al MIUR insieme al sindacalismo alternativo e conflittuale per dire basta a tutto questo, per aprire una nuova stagione di lotte per un salario dignitoso, per la dignità professionale da riconquistare e per ridare centralità ai diritti dei lavoratori nella scuola-azienda dei presidi-sceriffo. Il 23 febbraio si avvicina. Sarà uno sciopero significativo, una opportunità che i docenti e il personale ATA non possono che cogliere per continuare a porre con forza i temi del lavoro pubblico, dei carichi di lavoro, della precarizzazione. Il ridicolo aumento salariale contrattato per la scuola da Cgil Cisl e Uil, al quale si aggiunge la firma del contratto delle funzioni centrali da parte della Cisal e dello Snals, è solo una inutile marchetta preelettorale. I lavoratori hanno assistito con questo rinnovo contrattuale alla debolezza di una rappresentanza sindacale vecchia e ormai logora di complicità con i vari governi, prona alla svendita dei diritti di tutti, completamente inerme e incapace di organizzare la benché minima forma di resistenza e freno all’attacco che i docenti e il personale ATA subiscono quotidianamente: dalle vicende di cronaca, che dimostrano quanto la scuola-azienda sia fallimentare nello smantellamento delle relazioni con l’utenza, all’insipienza di un ministro dell’istruzione che finge di non vedere il pubblico dissenso.USB Scuola ha proclamato lo sciopero del 23 febbraio, lo ha mantenuto contro la firma di un contratto indecente perché occorre ritrovare dignità e coscienza di classe per rispondere duramente:
– al disprezzo manifestato da chi emana decreti d’urgenza per missioni militari in Niger, ma si dichiara impossibilitato a decretare d’urgenza per tutti i maestri e le maestre;
– al disprezzo di un ridicolo aumento salariale che lascia centinaia delle nostre ore di lavoro di docenti e ATA sommerse e non riconosciute né economicamente né di fronte alla pubblica opinione;
– al disprezzo verso la futura classe docente che dopo il superamento di un pubblico concorso si ritroverà nuovamente precarizzata dal percorso Fit, una sorta di nuovo Jobs act applicato al pubblico impiego;
– al disprezzo verso tutti i docenti immobilizzati ed esiliati a causa della buonascuola e dei vergognosi contratti sulla mobilità firmati dai sindacati complici.

Posted in Cronaca/News, scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Scuola: sciopero 23 febbraio 2018

Posted by fidest press agency su giovedì, 25 gennaio 2018

scuolaLa protesta delle maestre e dei maestri con diploma magistrale non si ferma. In questi giorni si susseguono le iniziative che continuano ad essere fortemente partecipate, mentre oggi arriva la notizia che i colleghi in presidio sotto il MIUR Il 10 novembre sono stati denunciati, a conferma del clima repressivo che stiamo vivendo.In Lombardia e non solo, come hanno sottolineato questa mattina i numerosi lavoratori intervenuti all’assemblea all’Istituto Comprensivo Stoppani di Milano, si sta diffondendo una forma di protesta che da sempre ha caratterizzato la lotte nella scuola e soprattutto quelle dei precari: la rinuncia agli incarichi aggiuntivi.Le maestre e i maestri si stanno dimettendo dagli incarichi accettati nelle scuole, incarichi che sono quelli che permettono alle scuole di funzionare, incarichi che hanno a che fare con il coordinamento delle interrclassi, il raccordo con gli altri ordini di scuola, il supporto agli studenti in maggior difficoltà in qualità di funzioni strumentali, il tutoraggio ai colleghi in anno di prova o agli studenti di Scienze della Formazione Primaria, solo per fare degli esempi. Quegli stessi incarichi che il contratto in discussione all’ARAN vorrebbe far rientrare tra le attività funzionali all’insegnamento, rendendoli obbligatori e non retribuiti.“Proprio per questo” sostiene Luigi del Prete di USB “sarebbe necessario che questa forma di protesta si estendesse in tutta Italia e anche a tutti gli altri precari, a partire dai laureati in Scienze della Formazione Primaria, che sono da sempre esclusi dalle Graduatorie ad Esaurimento e per i quali il governo non ha messo in campo una fase transitoria per l’accesso al ruolo, come ha fatto invece per i loro colleghi delle secondarie.Ma” aggiunge Del Prete “tale protesta dovrebbe essere fatta propria anche dai colleghi di ruolo, visto quanto contenuto nella nuova bozza di contratto collettivo nazionale e dai colleghi costretti dalla 107 alla mobilità forzata. È l’ora infatti di far ripartire la protesta unitaria di tutti i lavoratori della scuola, cui il governo vuole sottrarre diritti essenziali a fronte, peraltro, di stipendi da fame, con l’obiettivo di costruire una grande mobilitazione per lo sciopero del 23 febbraio”.

Posted in scuola/school, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Scuola: Anief conferma lo sciopero di tutto il personale durante gli scrutini invernali

Posted by fidest press agency su giovedì, 25 gennaio 2018

scuola1Lo stop dal lavoro si deve all’esclusione del Consiglio di Stato dalle Graduatorie ad esaurimento dei maestri diplomati prima del 2002, alla pari dei laureati in Scienze della formazione primaria e degli abilitati TFA e PAS: l’astensione sarà riservata ai primi due giorni degli scrutini assegnati da ciascuna scuola e non riguarderà, quindi, l’intera giornata; è escluso che il personale docente della scuola dell’infanzia possa aderire, perché non svolge scrutini. Anche il personale Ata potrà scioperare, anch’esso solo in relazione ai momenti in cui si svolgono gli scrutini. Tra i motivi della mobilitazione figura anche la necessità di garantire aumenti dignitosi nel nuovo contratto. L’adesione ai giorni di sciopero potrebbe determinare diversi problemi: per legge, infatti, chi sciopera non può essere sostituito. Poiché lo scrutinio si svolge secondo il principio del collegio perfetto, ovvero alla presenza degli insegnanti di tutte le materie e non essendo possibile sostituire chi sciopera, basterà l’adesione all’agitazione di un solo docente per costringere il preside a rinviare lo scrutinio. Il 23 marzo si replica, con una manifestazione nazionale a Roma, nel giorno dell’insediamento delle nuove Camere.Marcello Pacifico (Anief-Cisal): La protesta nazionale intende sensibilizzare il Governo e l’amministrazione scolastica per l’approvazione di un decreto legge urgente che riapra per l’ultima volta le GaE e per giungere alla firma di un contratto collettivo nazionale che recuperi almeno l’aumento dell’inflazione, senza oneri aggiuntivi e garantisca la parità di trattamento tra personale precario e di ruolo su una serie di disposizioni tra cui la ricostruzione di carriera.Prende ufficialmente il via una nuova stagione di mobilitazioni e scioperi nella scuola. Si parte nei prossimi giorni, con lo sciopero di tutto il personale, proclamato dall’Anief, da svolgere durante le ore degli scrutini invernali (previsti dal 29 gennaio al 12 febbraio). L’agitazione è stata decisa per dare una risposta concreta del personale contro il contratto-farsa, che dopo quasi dieci anni di attesa porterà aumenti ridicoli e probabilmente anche norme peggiorative, e l’esclusione dei diplomati magistrale dalle GaE, alla pari dei laureati in Scienze della formazione primaria e degli abilitati TFA e PAS.Lo stop dal lavoro sarà esclusivamente riservato ai primi due giorni degli scrutini assegnati da ciascuna scuola (ognuna ha facoltà di svolgerli in giorni diversi); non riguarderà, quindi, l’intera giornata ed è escluso che il personale docente della scuola dell’infanzia possa aderire, perché non svolge scrutini. Anche il personale Ata potrà scioperare, anch’esso solo in relazione ai momenti in cui si svolgono gli scrutini.L’adesione ai giorni di sciopero potrebbe determinare diversi problemi. Per legge, infatti, chi sciopera non può essere sostituito. Poiché lo scrutinio deve avvenire secondo il principio del collegio perfetto, ovvero alla presenza degli insegnanti di tutte le materie e non essendo possibile sostituire chi sciopera, basterà l’adesione all’agitazione di un solo docente per costringere il preside a rinviare lo scrutinio. Inoltre, il preside non ha facoltà di spostare lo scrutinio lo stesso giorno ma necessariamente in giorno diverso da quello in cui il docente assente ha deciso di scioperare.È già stata inoltre proclamata un’ulteriore giornata di sciopero nazionale, destinato sempre al personale docente, Ata ed educativo a tempo determinato e indeterminato, per il prossimo 23 marzo, in occasione dell’insediamento delle nuove Camera: in quella stessa giornata è prevista una mobilitazione nazionale a Roma, a cui parteciperanno anche altri sindacati.Alla base della protesta ci sono una serie di motivazioni: dalla necessità di garantire aumenti dignitosi a docenti e personale Ata con il prossimo contratto, al momento per tanti docenti e Ata lontani anche degli 85 euro lordi promessi, al quale sono state al momento riservate risorse insufficienti, all’esigenza di inserire nelle graduatorie ad esaurimento tutti gli abilitati (laureati in Scienze della formazione primaria, diplomati magistrale; abilitati TFA, PAS e altri ancora) tramite l’approvazione di un decreto ad hoc che garantisca anche il mantenimento definitivo del ruolo ai ricorrenti assunti a tempo indeterminato con riserva, investiti dalla sentenza dell’adunanza plenaria del Consiglio di Stato n. 11/2017.Marcello Pacifico, presidente nazionale Anief e segretario confederale Cisal, ricorda che “la protesta nazionale intende sensibilizzare il Governo e l’amministrazione scolastica per l’approvazione di un decreto legge urgente che riapra per l’ultima volta le Graduatorie ad esaurimento. Ma anche per giungere alla firma di un contratto collettivo nazionale che recuperi almeno l’aumento dell’inflazione, senza oneri aggiuntivi e garantisca la parità di trattamento tra personale precario e di ruolo.

Posted in Cronaca/News, scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Sciopero nazionale della scuola per il 23 Febbraio 2018

Posted by fidest press agency su mercoledì, 24 gennaio 2018

ministero-pubblica-istruzioneAl centro dello sciopero l’imminente rinnovo contrattuale con l’inserimento di regole liberticide e l’aumento dei carichi di lavoro di docenti ed ATA a parità di stipendio, le rivendicazione di tutti gli abilitati dell’infanzia e della primaria per l’immediata stabilizzazione che superi la sentenza dell’adunanza plenaria, un piano straordinario di mobilità che consenta agli esiliati di poter ritornare nelle proprie terre, la trasformazione di tutto l’organico di fatto in organico di diritto per permettere un piano di esaurimento definitivo delle GaE e delle graduatorie concorsuali, il rifiuto del FiT e l’ipotesi di qualsiasi percorso triennale dopo il concorso.Avremmo auspicato di poter scioperare prima del 23 Febbraio, per questo avevamo chiesto all’Anief di ritirare lo sciopero degli scrutini e aprire ad uno sciopero di tutto il mondo della scuola unendo anche contratto e mobilità.
Probabilmente gli interessi del sindacato dei presidi Udir, costringe Anief a non mettere al centro la questione contrattuale, dovendo gestire un aumento di soldi e poteri ai presidi che mal si concilia con le richieste di docenti ed ATA. Nel proclamare lo sciopero USB si rende comunque disponibile ad anticipare la data, qualora altre forze sindacali e coordinamenti autonomi ce lo chiedano.

Posted in Cronaca/News, scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Scuola – Diplomati magistrale: 23 marzo grande manifestazione di protesta a Roma

Posted by fidest press agency su sabato, 20 gennaio 2018

scuolaRoma. Dopo il deludente incontro al Ministero dell’Istruzione il presidente nazionale Anief Marcello Pacifico ha incontrato il senatore Andrea Marcucci, per illustrargli i dettagli della proposta di decreto urgente utile a riaprire le Graduatorie ad Esaurimento: il testo presentato rappresenta la migliore soluzione condivisa per evitare che oltre 44mila maestri, con regolare abilitazione, si ritrovino non solo fuori dalle Graduatorie ad Esaurimento ma addirittura espulsi dalla scuola per via dell’applicazione della norma, introdotta con la Buona Scuola, che impedisce di conferire supplenze di lunga durata a tutto il personale precario che supera i 36 mesi di servizio anche non continuativo. Contestualmente, il leader del giovane sindacato si è rivolto al Capo dello Stato, affinché inviti il Governo a predisporre l’intervento legislativo immediato, proprio per evitare di assistere all’ingiusta espulsione giornaliera dei maestri e delle maestre dalle nostre scuole pubbliche.Marcello Pacifico (Anief-Cisal): Riaprire le GaE a questi docenti sarebbe un gesto di estrema sensibilità, perché decreterebbe la parola fine ad un contenzioso senza fine, mettendo la scuola nelle condizioni di funzionare al meglio. In caso contrario, si creerebbero seri problemi alla didattica di un altissimo numero di scuole dell’infanzia e primaria. Ma bisogna fare in fretta: per coloro che detengono un diploma magistrale, conseguito entro il 2002, occorre prevedere una graduale stabilizzazione. Il tutto va fatto prima dell’entrata in vigore del nuovo sistema di formazione e reclutamento previsto dalla Legge 107 del 2015, il quale, peraltro, sarà aperto anche al personale di ruolo mettendo in ‘concorrenza’ docenti con profili e curricula incompatibili. Confermiamo di volere avviare una vera e propria ‘guerriglia’ legale: prima di tutto perché le nostre istanze verranno prese in consegna da Bruxelles, dove si valuterà anche come denunciare lo Stato italiano rispetto all’Europa. A livello nazionale, confermiamo poi la volontà di bloccare molti scrutini del primo quadrimestre, previsti tra la fine di gennaio e l’inizio di febbraio. Inoltre, sciopereremo subito dopo l’insediamento del Parlamento. Infine, nel giorno di insediamento delle nuove Camere, è stato fissato un grande appuntamento in piazza, nella capitale, in modo da sensibilizzare il nuovo Esecutivo a trovare una soluzione immediata.

Posted in Cronaca/News, scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Scuola: sciopero scrutini

Posted by fidest press agency su venerdì, 12 gennaio 2018

ministero-pubblica-istruzioneDopo lo sciopero dell’8 gennaio e la grandissima partecipazione ai sit-in organizzati da ANIEF a Roma davanti al Miur e in numerose altre città davanti agli uffici scolastici regionali, il giovane sindacato rilancia proclamando lo sciopero degli scrutini intermedi. Lo sciopero riguarderà i primi due giorni decisi da ciascuna istituzione scolastica per lo svolgimento degli scrutini di fine primo periodo, purché compresi nell’intervallo compreso tra il 29 gennaio e il 12 febbraio. Potrà scioperare tutto il personale docente e Ata, precario o di ruolo, delle scuole di ogni ordine e grado.La nuova agitazione intende sollecitare risposte sul rinnovo contrattuale, sul quale grava la scarsità di risorse economiche previste dalla legge di bilancio 2018, e sulla questione dei diplomati magistrale e di tutti gli abilitati, su cui l’Anief ha presentato una bozza di decreto legge per consentire l’inserimento in Gae e la conferma dei ruoli assegnati con riserva.Marcello Pacifico (Anief-Cisal): non c’è più tempo, urgono risposte immediate sul rinnovo del contratto con aumenti dignitosi e sull’inserimento di tutti gli abilitati nelle graduatorie ad esaurimento, ad iniziare da quei diplomati magistrali che in alcune regioni, in barba alle rassicurazioni del Miur, stanno già cacciando dalla scuola.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Il 12 dicembre sarà sciopero dei medici

Posted by fidest press agency su domenica, 3 dicembre 2017

sciopero mediciAd annunciarlo ufficialmente una nota congiunta delle organizzazioni sindacali, che oltre a dichiarare uno sciopero generale di 24 ore si riservano di individuare successivamente altre giornate e di attivare ulteriori iniziative di protesta. Le Organizzazioni sindacali (Anaao Assomed – Cimo – Aaroi-Emac – Fp Cgil Medici e Dirigenti Ssn – Fvm Federazione Veterinari e Medici – Fassid (Aipac-Aupi-Simet-Sinafo-Snr) – Cisl Medici – Fesmed – Anpo-Ascoti-Fials Medici – Uil Fpl Coordinamento Nazionale Delle Aree Contrattuali Medica e Veterinaria) denunciano i contenuti della legge di bilancio 2018 all’esame del Parlamento, in quanto reiterano politiche sempre meno orientate all’obbligo di rispondere ai bisogni di salute dei cittadini, secondo principi di equità e sicurezza, ed escludono con pervicacia la sanità pubblica dalla ripresa economica in atto fino a renderla non più sostenibile se non dalle tasche dei cittadini. La nota, inoltre, condanna l’assenza di segnali di attenzione ai medici, ai veterinari e ai dirigenti sanitari dipendenti del Ssn, al valore ed al peso del loro lavoro, alla importanza dei loro sacrifici nella tenuta del servizio sanitario e stigmatizza lo stallo del rinnovo del contratto di lavoro, dopo 8 anni di blocco legislativo, che contribuisce alla mortificazione del ruolo, della autonomia, della responsabilità professionale e al peggioramento di condizioni di lavoro insostenibili a fronte di livelli retributivi fermi al 2010. I sindacati, in conclusione, deplorano l’assenza di politiche nazionali a favore di una esigibilità del diritto alla tutela della salute dei cittadini omogenea in tutto il Paese, nel rispetto dell’art. 32 della Costituzione, in una logica di federalismo sanitario di abbandono e prendono di mira gli ultimi governi come responsabili di quel fallimento del sistema formativo che sta contemporaneamente, desertificando ospedali e territori e condannando alla precarietà e allo sfruttamento decine di migliaia di giovani. (fonte: doctor33)

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Sciopero, i medici all’offensiva: le richieste dei sindacati

Posted by fidest press agency su lunedì, 27 novembre 2017

sciopero mediciSi sono dati appuntamento il prossimo 30 novembre a Roma per manifestare contro la legge di bilancio 2018 che non prevede risorse per il rinnovo del contratto di lavoro del personale medico. Seguirà poi una prima giornata di sciopero in programma per dicembre. Le organizzazioni sindacali della dirigenza medica e sanitaria, preoccupate per lo stato della sanità pubblica, sono in stato di agitazione. «Abbiamo chiesto subito un incontro ai membri della commissione bilancio di Camera e Senato – spiega Carlo Palermo, coordinatore dei segretari regionali di Anaao Assomed – Non possiamo accettare da Governo e Regioni un aut aut, o si finanziano i Lea o si pensa al rinnovo del contratto dei medici. Le risorse per il rinnovo dei contratti della categoria sono già state trasferite dallo Stato alle Regioni che avrebbero dovuto accantonarle. E invece le hanno destinate, dicono, per coprire i costi dei Lea. Purtroppo il nostro sistema sanitario nazionale è sotto finanziato rispetto al sistema di altri paesi. In Italia – ha aggiunto Palermo – a fronte di 60 milioni di abitanti c’è un investimento nella sanità di 150 miliardi. Poco rispetto, per esempio, a quanto investono gli altri paesi europei a partire da Francia e Germania».Il coordinatore dei segretari regionali di Anaao Assomed, poi, sottolinea: «Gli effetti del taglio alle risorse del nostro sistema sanitario, che negli ultimi sette anni ha portato ad un taglio di circa 9000 medici e 45mila infermieri, oggi iniziano a sentirsi. Dal 2014 al 2016, le Regioni hanno dovuto restituire allo Stato una quota di risorse che il Governo aveva loro trasferito, pari a circa 10 miliardi di euro. Risorse che sarebbero dovute servire a finanziare la sanità pubblica e anche il rinnovo del contratto del personale medico fermo ormai da otto anni». Così le organizzazioni sindacali della dirigenza medica e sanitaria hanno elaborato una proposta da sottoporre alle commissioni bilancio di Camera e Senato. Chiedono che una quota parte della nuova tassa sul fumo, inserita nel pacchetto degli emendamenti allo studio del parlamento, venga destinata non solo a finanziare i farmaci innovativi ed oncologici e a potenziare le reti di terapia del dolore, ma anche a prevedere risorse utili per il rinnovo del contratto, quelle risorse che le Regioni avrebbero dovuto accantonare ma che in realtà sono già state spese. «Chiediamo – continua Carlo Palermo – che le risorse aggiuntive trovate grazie alla nuova tassa sul fumo siano reali, che venga trasferito alle regioni un miliardo in più rispetto ai fondi di bilancio destinati a coprire le spese sanitarie. Non vorremmo che quel miliardo si riduca alla fine ad appena 400 milioni di euro, se consideriamo i 600 milioni di euro che le Regioni sono chiamate a riversare, come contributo, al bilancio dello Stato. Per questo alla giornata di manifestazione in programma per il prossimo 30 novembre, seguiranno delle giornate di sciopero ad oltranza, fino a quando non avremo avuto dal Parlamento rassicurazioni concrete. La prima giornata di sciopero è già prevista per il prossimo dicembre. Rimane da stabilire solo la data». (Francesca Malandrucco – fonte: doctor33)

Posted in Cronaca/News, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Attacco al diritto di sciopero in finanziaria

Posted by fidest press agency su lunedì, 27 novembre 2017

Come preannunciato da indiscrezioni stampa, giovedì abbiamo avuto la conferma della presentazione di due emendamenti da parte del senatore Maurizio Sacconi tesi a impedire l’esercizio del diritto costituzionale di sciopero.​Dopo aver firmato insieme al suo collega Pietro Ichino proposte di legge sulla materia, frustrato dal non vederle approvate entro questa legislatura, Sacconi utilizza all’ultimo momento l’escamotage degli emendamenti alla legge di bilancio per imporre per la prima volta nella storia italiana l’obbligo per i lavoratori di comunicare al proprio datore di lavoro l’adesione a uno sciopero con 7 giorni di preavviso. Un vero e proprio colpo di coda che non solo tocca la libera scelta dei singoli lavoratori ma permetterà pure alle controparti di adottare tutte le contromisure utili per smontare e quindi impedire la riuscita della sciopero nei servizi pubblici essenziali.​Tutto questo affonda le radici nell’insopportabile linciaggio mediatico che ha riguardato scioperi nei trasporti regolarmente indetti, da Alitalia al Trasporto Pubblico Locale, dalle assemblee sindacali regolarmente convocate alle decine e decine di lavoratori degli appalti ATAC che non ricevono lo stipendio da parecchi mesi. Una costruzione mediatica fortemente ideologica dentro la quale convivono palesi falsità, strumentalizzazioni e criminalizzazioni assemblate ad arte sulla pelle dei lavoratori, utilizzati come pedine in scontri politici che nascondono diversi obiettivi.USB non rimarrà con le mani in mano rispetto al più duro e subdolo attacco allo strumento fondamentale per difendere i diritti e i salari della classe lavoratrice. In data odierna abbiamo inviato a tutti i Senatori e i Deputati della Repubblica Italiana una lettera con l’invito a non avallare questo scempio e preannunciamo una prima iniziativa pubblica presso il Parlamento italiano.

Posted in Diritti/Human rights, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Dai trasporti all’Inps, le adesioni allo sciopero Usb

Posted by fidest press agency su domenica, 12 novembre 2017

Partecipazione altissima allo sciopero nel settore del trasporto pubblico. A Roma, nonostante Atac dichiarasse un’adesione allo sciopero del 28,9%, questa mattina si sono fermate le linee metro A, B e C, le Roma-Lido, Roma-Viterbo e Roma-Centocelle. Rientrati in deposito il 95% dei mezzi su gomma. Adesioni del 90% tra gli operai. A Venezia blocco totale del servizio: traghetti e vaporetti fermi in laguna e città paralizzata. Riunione urgente del prefetto con ACTV e USB, al termine della quale la Prefettura è ricorsa al precetto per riavviare il servizio nel pomeriggio. Dato lo scarso preavviso, con un precetto che imponeva la ripresa del servizio entro 20 minuti, Usb ha manifestato il pieno dissenso, rifiutandosi di sottoscrivere il precetto e decidendo di continuare nello sciopero, che ha visto una partecipazione superiore al 60%. A Torino le percentuali di adesione hanno raggiunto il 76% a Gerbido. A Genova fermo il 40% del trasporto urbano e extraurbano. A Trieste adesioni al 50%, così come a Gorizia, dove per l’extraurbano si è registrata un’adesione del 70%. A Bologna il trasporto locale su gomma ha raccolto il 75% di adesioni, mentre in regione è stato soppresso l’80% dei treni regionali. A Ferrara fermo il 60% del trasporto urbano e il 50% dell’extraurbano. Percentuale altissima a Modena, 95%, mentre a Forlì si scende al 55% e Rimini si ferma al 30%.
In Toscana nel pomeriggio fermi l’80% dei mezzi a Livorno e il 75% a Pisa.
A Napoli chiuse Circumvesuviana e Cumana, mentre alla Funicolare centrale ha funzionato solo la diretta. Rientrati nei depositi oltre il 50% dei bus. A Palermo adesioni al 33%.
Completamente fermo il collegamento ferroviario Trenord, che gestisce il Malpensa Express. Nelle ferrovie calabresi gli impianti di Cosenza e Castrovillari fanno segnare un 35% di adesioni, mentre quelli di Gioia Tauro e Petilia Policastro il 30%.
Nel settore aereo cancellati tutti i voli dagli aeroporti di Pisa e Firenze, tranne quelli previsti dalla legge. I due scali sono da tempo in lotta contro la privatizzazione strisciante.
All’INPS adesioni allo sciopero al 19%, mentre la media dell’astensione dal lavoro, sia pubblico che privato, in Sardegna, è del 20%.
A Napoli si è tenuto un presidio all’ospedale San Giovanni Bosco durante il quale non è stato fatto pagare il ticket ai cittadini per sostenere le visite mediche.
A Trieste presidio al Municipio a sostegno della lotta delle lavoratrici e dei lavoratori dei servizi educativi e scolastici comunali.

Posted in Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Il 10 novembre sciopero Atac e sciopero generale

Posted by fidest press agency su martedì, 7 novembre 2017

atac-romaIl 10 novembre 2017 USB ha proclamato sciopero insieme alle sigle Faisa Confail e Or.Sa. TPL, contro il concordato e il piano industriale che si stà preparando, per presentarlo al giudice e ai commissari che gestiscono la procedura fallimentare di ATAC e dovranno valutarne la credibilità.Le proposte di USB insieme alle altre OO:SS. che non hanno firmato il verbale di intesa è quella di eliminare tutti gli sperperi che esistono da anni in azienda, di eliminare tutte quelle ingerenze politiche che negli anni hanno depredato e usato questa azienda come un bancomat, e quindi, questa stessa politica si deve far carico del dissesto dell’azienda ATAC perché è la politica che ha scelto per anni dirigenti incapaci, ha scelto deliberatamente una mala gestione aziendale per puro tornaconto politico ed economico; è stata compiacente sulle assunzioni clientelari, ha chiuso occhi ed orecchi sulla bigliettazione parallela, sulle consulenze e acquisti faraonici depredando soldi pubblici. Oggi c’è chi cerca di far passare il messaggio che la colpa è di TUTTI i LAVORATORI che lavorano poco, che sono assenteisti ed è giusto che si sacrifichino per il salvataggio dell’azienda; si vuole risolvere tutto decretando nuovi carichi di lavoro tentando di convincere tutti che ciò sia “inevitabile”.Lo si fa utilizzando in modo strumentale il ricatto del concordato, con il quale si vuole mettere tutti con le spalle al muro perché a valutare la credibilità del piano industriale saranno i tre commissari e, guarda caso, giunta comunale ed azienda se ne lavano le mani.Lo si fa utilizzando il tipico consociativismo sindacale; tutte le amministrazioni comunali hanno sempre utilizzato il “sindacato amico” di turno che aiuta a far digerire ai lavoratori le ricadute negative che ritualmente pesano sulle spalle dei lavoratori.L’amministrazione del M5S non fa nulla di nuovo, anzi va oltre; se il sindacato amico non c’è …lo si costruisce…e sui social parte la campagna della disponibilità dei lavoratori ATAC diligenti ad assumersi l’onere dei nuovi carichi di lavoro.Ma nessun lavoratore ATAC ha colpe o responsabilità di questa situazione. E’ dal 1997 che i lavoratori si sacrificano sistematicamente nel nome del salvataggio dell’azienda, per anni hanno fatto più del loro dovere per cercare di sopperire le inefficienze aziendali, adesso basta, i lavoratori sono stanchi di dare senza mai vedere la luce alla fine del tunnel.L’innalzamento dell’orario settimanale da 37 a 39 ore creerebbe solo l’innalzamento di personale inidoneo alla guida e non una maggiore produttività; effettuare turni di 7h e 15’continuativi sulle strade di Roma per traffico e per il dissesto delle strade comporterebbe gravi rischi sulla sicurezza dei lavoratori e dei cittadini; l’annullamento del corrispettivo economico dei turni a nastro è, di fatto, l’ennesimo attacco al salario ai danni di quei lavoratori che si sono sacrificati a dare la loro disponibilità per le esigenze delle loro famiglie.Far guidare i macchinisti 6h e 30’ nelle gallerie comporta gravi ripercussioni alla salute per le polveri che esistono all’interno delle gallerie e per il calo dell’attenzione dovuto al troppo tempo passato in galleria con il conseguente rischio di sicurezza. Vogliamo che la politica tutta, che oggi sta giocando con il futuro di quest’azienda, una delle aziende più grande di Europa, si faccia carico delle proprie responsabilità, risanando ciò che hanno distrutto; che tutti la facciano finita con le loro farse; le opposizioni sembra che stiano ignorando ciò che accade in ATAC, in realtà hanno solo passato il testimone a questa amministrazione che, alla fine del teatrino degli scontri e delle liti, degli insulti e degli anatemi e delle solite beghe è a condividere CON TUTTI GLI ALTRI CHE A PAGARE SIANO I LAVORATORI. SCIOPERO DI 24 ORE IL 10 NOVEMBRE 2017 DALLE ORE 08:30 ALLE ORE 17:00 E DALLE ORE 20:00 A FINE SERVIZIO

Posted in Cronaca/News, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Nuovo scontro istituzionale all’Inps

Posted by fidest press agency su mercoledì, 1 novembre 2017

tito-boeriLe lavoratrici e i lavoratori dell’INPS il 10 novembre non sciopereranno solo per il rinnovo del contratto e contro lo smantellamento dello stato sociale, ma per chiedere a Governo e Parlamento un intervento sull’Istituto prima dello scioglimento delle Camere.L’Organismo indipendente di valutazione dell’INPS è scaduto da mesi e si sono aperte le procedure per l’assegnazione dei nuovi incarichi. La scelta di Boeri è caduta su tre professori universitari che, a detta del CIV, l’Organo d’indirizzo e vigilanza dell’Istituto previdenziale, non hanno maturato la necessaria esperienza in strutture complesse come l’INPS o in organismi di valutazione della performance, esperienza che invece possono vantare altri candidati non presi in considerazione da Boeri. Da qui l’ennesimo scontro istituzionale esploso all’interno dell’INPS, dopo quello sul nuovo Regolamento d’Organizzazione impugnato dal CIV davanti al TAR del Lazio. L’Organo d’indirizzo e vigilanza ha contestato la scelta del presidente dell’INPS ed ha proposto una rosa di nomi che rispondono ai criteri rappresentati nella propria Deliberazione N. 21 del settembre scorso, che non è stata per nulla presa in considerazione da Boeri.Lo scontro è finito ora sui tavoli dei ministri Poletti e Madia, chiamati a sciogliere questo ennesimo nodo, mentre l’efficienza dell’INPS da quando l’economista della Bocconi è stato eletto presidente continua a precipitare in basso, con tempi di liquidazione delle prestazioni in continuo aumento.USB, che ha contestato Boeri fin dalla nomina, perché designato nonostante non possedesse tutti i requisiti previsti dalle norme, da tempo sostiene la necessità di ripristinare un governo collegiale dell’INPS, procedendo anche alla sostituzione dell’attuale presidente.

Posted in Cronaca/News, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Usb Marche: la crisi non è finita

Posted by fidest press agency su domenica, 22 ottobre 2017

Ascoli Piceno piazza del_PopoloAscolli Piceno. “Non siamo affatto fuori dalla crisi come molti vogliono far credere. L’Ascolano soprattutto, è ancora in piena emergenza sia per la disoccupazione spaventosa accumulata negli ultimi anni – oltre 20 mila unità – sia per la conseguente e dilagante povertà di molte migliaia di persone e famiglie”. Lo afferma Andrea Quaglietti, segretario regionale Usb Marche, nell’annunciare un’assemblea dei delegati del sindacato di base di tutta la regione per lunedì 23 ottobre presso la sede di Ascoli, in via Dino Angelini, in vista dello sciopero generale indetto per il 10 novembre.“C’è chi si può permettere di girare l’Italia con un treno privato sulle ferrovie pubbliche- dice Quaglietti – e chi invece, come centinaia di ex lavoratori o precari piceni non sa cosa può dare da mangiare ai propri figli. E la situazione del territorio non solo non migliora, ma dal punto di vista della povertà sta forse peggiorando negli ultimi mesi: perché molte migliaia di disoccupati ora si stanno ritrovando anche senza indennità di mobilità perché ormai scadute, e con un’età tale da non poter andare in pensione. Uno scenario drammatico e senza sbocchi per il futuro: anche perché non si sono aperte strade alternative per la ricollocazione di tutte queste maestranze”.Per comprendere meglio la situazione reale e programmare le manifestazioni da attuare, l’Usb (Unione sindacale di base) ha convocato l’assemblea di lunedì 23 ottobre ad Ascoli. “Parteciperanno rsu e delegati delle aziende private, industrie, cooperative e imprese del trasporto di tutto il Piceno e anche del Fermano e dell’Anconetano”, ricorda Francesco Bracciani.Nell’occasione si stabiliranno i percorsi da svolgere nelle prossime due settimane in preparazione dello sciopero generale indetto dal sindacato in tutta Italia per il 10 novembre. “Gli obiettivi dello sciopero promosso dall’Usb sono quelli di protestare contro le scelte politiche governative degli ultimi anni, a cominciare dal dire no alle privatizzazioni di molti servizi pubblici e all’innalzamento dell’età pensionabile. Ma anche tornare a chiedere come nel recente passato un rilancio dello Stato sociale e del welfare, salari e pensioni adeguate e una nuova legislazione sul lavoro.Il Job Act ha solo sostituito molti lavoratori che dovevano andare in pensione con giovani precari e senza diritti. Come si fa a dire che questa è nuova occupazione?”

Posted in Cronaca/News, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »