Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 30 n° 318

Archive for the ‘Mostre – Spettacoli/Exhibitions – Theatre’ Category

Exhibitions – Theatre

Personale “PROMETHEUS capitolo 2” di Giorgio Lupattelli

Posted by fidest press agency su sabato, 20 ottobre 2018

Roma Lunedì 22 Ottobre 2018 ore 19.00 Via delle Fosse di Castello,2 Galleria Triphè “Promètheus – scrive la curatrice Maria Laura Perilli – è il progetto artistico che Giorgio Lupattelli presenta nelle sedi della Galleria Triphè, quale espressione di una sintesi creativa frutto di un percorso artistico articolato e complesso. Le opere esposte a Cortona e adesso a Roma, rappresentano, infatti, non solo le indubbie capacità pittoriche e scultoree di Lupattelli ma sono, soprattutto, l’espressione di un linguaggio artistico autonomo e ad alta identificabilità. Tutto questo, poi, nel rispetto di una maturità artistica stratificatasi nel tempo grazie, anche, al contributo formativo, peraltro mai disconosciuto da Lupattelli stesso, dei tanti artisti incontrati nel tempo e da lui stesso sovente omaggiati con citazioni più o meno esplicite. Il nome, poi, di Prometeo, scelto dall’artista per identificare i due momenti espositivi, non è del tutto casuale. Risponde, infatti, al preciso intento di stigmatizzare, in maniera marcata, una proposta artistica che, se pur in progress, vuole esaltare quella creatività tanto ben incarnata proprio da Prometeo, mito dell’uomo creativo per eccellenza. Le opere in esposizione, dalle tecniche più variegate, non ultima quella impiegata nel lavoro che dà il titolo alla mostra stessa Prometeo appunto, (stampa digitale a doppio passaggio opaco/lucido su alluminio dibond), ben rappresentano, poi, l’inquietudine che accompagna l’artista. Dice Lupattelli: “Credo che l’uomo contemporaneo sia probabilmente andato oltre il mito di Prometeo e, pur muovendo da sacrosanti principi, è sempre più in delirio di onnipotenza e si crede in diritto di adeguare il mondo a tutto ciò che lo circonda, alle proprie esclusive esigenze, fregandosene spesso delle conseguenze.” Si tratta di una inquietudine che traspare in molte delle sue opere, quasi in bilico tra una classicità prorompente ed una contemporaneità destabilizzante. Una spinta artistica, la sua, evidente, espressione della ricerca di un punto di equilibrio quale armonia tra razionalità e irrazionalità, tra essere e apparire. La ricerca di un equilibrio che tanto attanaglia l’uomo di oggi, anche se sovente in maniera inconsapevole. Sottolinea Paolo Randazzo in merito all’opera di Vladimir Jankèlèvitch: l’avventura, la noia, la serietà: “Anzitutto stare a occhi aperti nella realtà e accettare il fatto che essa è complicata, difficile, non semplificabile;quindi acquisire strumenti di lettura del reale che dalla scienza e dalla filosofia traggano elementi di conoscenza, di consapevolezza e di saggezza che ci aiutino a sopravvivere “. È un’inquietudine,questa, che solo un’artista illuminato come Lupattelli poteva trasferire in maniera tanto efficace ed intensa nelle sue opere”.

Posted in Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Mostra “Come Isole” di Pier Maurizio Greco e Mauro Magni

Posted by fidest press agency su sabato, 20 ottobre 2018

Roma 23 ottobre 2018 ore 18.00 TRAleVOLTE Piazza di Porta S. Giovanni 10 l’Associazione culturale TRAleVOLTE e Interno 14 next presentano la mostra Come Isole di Pier Maurizio Greco e Mauro Magni, con un intervento performativo di Angela Botta, a cura di Maria Arcidiacono e con la collaborazione di Roberta Melasecca. Angela Botta, Pier Maurizio Greco e Mauro Magni hanno messo al centro delle proprie ricerche recenti i medesimi contenuti legati all’isola e all’isolamento, con tecniche e modalità espressive diverse. Attraverso la pittura, la scrittura e la fotografia, i tre artisti propongono differenti interpretazioni metaforiche del rapporto dell’essere umano con l’isola: l’assenza di relazione, la ricerca di avvicinamento, il desiderio di fuga. Nel corso dell’inaugurazione avranno luogo la lettura e l’azione performativa di Angela Botta, che già nel suo libro “Il mio nome è Emily, come Emily Dickinson”, aveva racchiuso la protagonista in una stanza-isola, una sorta di avamporto di percorsi interiori. Ulteriore allusione al tema è presente nel suo ultimo video, dove compare uno scenografico uomo-isola. Il viaggio di scrittura di Angela Botta andrà a fondersi con i lavori di Greco e Magni, attraverso la Performazione, forma d’arte creata del suo maestro Antonio Bilo Canella. I paesaggi sulle tele di Pier Maurizio Greco attraversano uno spazio intimo che, tramite meditate stesure di colore, li converte in territori astratti. Nei suoi scatti in bianco e nero, la distanza dell’isola, cercata, agognata come evasione imprescindibile, non è mai banalmente in dissolvenza, non è un pigmento pittorico reso acquoso, è uno spazio indefinito e sospeso, nitido nel suo dettaglio di rocce, sabbia, acqua stagnante in edifici abbandonati e riecheggianti le voci delle vacanze. Nella fotografia, come nella pittura, Greco invoca un naufragio necessario a creare un distacco, a ricostruire le condizioni di uno sguardo sereno e autentico, una quieta risposta agli affanni e alle ansie quotidiane. L’isola di Mauro Magni, maestosa o lucente di riflessi metallici, si lascia sommergere dal diluvio di parole e dati che si assommano e ci vengono propinati senza farci mai raggiungere un sapere. Ma, sebbene rappresentata in una condizione di totale estraneità dal resto del mondo e dal proprio rapporto con ciò che la circonda, l’isola non perde il suo splendore. Anche in aperto conflitto, in una guerra evocata da rovine abbandonate, come il naufrago che le abita, resiste l’esortazione alla consapevolezza, alla preziosità di un sentire profondo, forte e vitale. Magni, con la fluidità delle parole che traccia come gesso bianco sulla lavagna, ci rammenta la libertà di cancellare e trascrivere nuovamente, per poter sciogliere in dialogo quell’oscuro linguaggio dal codice impenetrabile, per ritrovarci in una solitudine costruttiva e farci ‘arcipelago’. Fino al 2 novembre 2018 Orari: dal lunedì al venerdì 17-20

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

A Siena nasce “AlchimiArte”

Posted by fidest press agency su sabato, 20 ottobre 2018

Siena martedì 23 ottobre ore 17.30 presso i locali dell’Associazione Archeosofica in via Banchi di Sopra, 72 avrà luogo la prima lezione di prova aperta. Si chiama “AlchimiArte” il nuovo progetto artistico proposto dall’Associazione Archeosofica che prevede un percorso didattico ispirato al Duomo di Siena e in cui arte e alchimia si fondono.Il laboratorio inaugura l’attività con un primo corso di disegno articolato in quattro incontri a cadenza settimanale, che insegnano alcune tecniche artistiche di base per riprodurre a mano libera le immagini del pavimento del Duomo e scoprirne il misterioso linguaggio alchemico che lo rende unico al mondo.Adatto a tutti, anche a chi non ha familiarità con il disegno, il corso invita ad imparare ad osservare.Si inizia con la visualizzazione dell’immagine e con dei semplici esercizi per prendere confidenza e scioltezza con la matita. Si passa alla riproduzione grafica del soggetto, per poi ridisegnare a mano libera sperimentando vari tipi di matite e la sanguigna.Le lezioni sono arricchite da brevi approfondimenti su temi quali l’impianto alchemico del Duomo di Siena e la figura di Ermete, i colori della Grande Opera alchemica, il linguaggio simbolico dell’Alchimista.

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

66a Stagione Concertistica degli “Amici della Musica” di Trapani

Posted by fidest press agency su sabato, 20 ottobre 2018

Trapani Dal 21 ottobre al 7 giugno, nella Chiesa di Sant’Alberto, a Trapani, un’offerta di diciassette concerti pomeridiani a partire dalle ore 18.30, che incontrerà l’interesse e i gusti di un pubblico quanto più allargato e variegato. Una stagione concertistica ricca e varia, con talenti siciliani e importanti artisti del panorama musicale nazionale e internazionale. Musiche, di Wolfgang Amadeus Mozart, Ludwig Van Beethoven, Gioachino Rossini, Mario Castelnuovo Tedesco, Fryderyk Chopin ed altri compositori. La 66a stagione concertistica si apre domenica 21 ottobre nella Chiesa di Sant’Alberto a Trapani con i vincitori del Premio Bianca Gandolfo 2017 del Conservatorio Statale di Musica “A. Scontrino”. Secondo appuntamento con la musica contemporanea del violoncellista Michele Marco Rossi, domenica 28 ottobre.
Lunedì 12 novembre, il concerto del Trio Siciliano composto da Silviu Dima al violino, Giorgio Gasbarro al violoncello e Fabio Piazza al pianoforte. Con lo spettacolo “Cinemusica” eseguiranno le musiche dei grandi maestri come Ennio Morricone, Luis Bacalov, Nino Rota, Ryuichi Sakamoto, Henry Mancini John Williams”, con videoproiezioni di “trailers”.
Si torna alla musica classica con due interessanti concerti: il 5 dicembre con il duo pianistico Canino-Ballista e il 9 dicembre con Fabio Romano, al pianoforte.
Nuovo appuntamento della stagione concertistica il 16 dicembre con i Biogroove, un sorprendente duo di ragazzi siciliani che creano magiche atmosfere con marimba e vibrafono.
Si torna il 25 gennaio con le celebrazioni del Giorno della Memoria con il concerto “Musicisti ebrei italiani emarginati dal fascismo”. Musiche di Alberto Gentili, Vittorio Rieti, Guido Alberto Fano, Vittorio Rieti.
Due appuntamenti a febbraio: il 3 febbraio un concerto dedicato a “Chopin e i suoi eredi”, al pianoforte Kamil Pacholec che proporrà, insieme alla più celebre musica di Chopin, alcune rarità di Paderewski e Szymanowski che testimoniano il luminoso sviluppo della Polonia in ambito musicale. Domenica 17 Febbraio il Quartetto Cesar Franck, una delle realtà cameristiche siciliane di maggior rilievo. Quattro giovani strumentisti catanesi accomunati dalla passione per lo studio del grande repertorio quartettistico.
In occasione dell’8 marzo, per la Festa della Donna, “Il soldato innamorato – Le donne protagoniste della Grande Guerra”, un concerto spettacolo di Olga Scalone che canterà e racconterà le donne, silenziose protagoniste della Grande Guerra, impegnate al fronte della vita di tutti i giorni. Il 17 marzo, si esibiranno due artisti di fama internazionale: Alberto Bologni, al violino, e Carlo Palese, al pianoforte. In primavera si apre il 31 marzo con il Trio Mythos, composto da tre giovani musicisti (un violinista italiano, una violoncellista coreana ed un pianista greco) diplomati presso il Conservatorio “Santa Cecilia” di Roma.
Più avanti, domenica 7 aprile, protagonista un duo d’eccezione formato da Victoria Melik (violino barocco) e Basilio Timpanaro (clavicembalo) con le sonate per violino e cembalo di Johann Sebastian Bach. Sempre ad aprile, il 28, il tradizionale concerto di Alessio Pianelli, al violoncello. A fine stagione per il mese di maggio, domenica 5 maggio, un concerto per violino e pianoforte. Davide Alogna, violinista di fama internazionale con alle spalle una brillante carriera di solista e camerista, affiancherà il pianista Fiorenzo Pascalucci al pianoforte. Domenica 19 maggio, il baritono Andrea Reibenspies e la pianista Giacometta Marrone D’Alberti. Un felice incontro tra i due “strumenti” pianoforte e voce, un connubio tra musica e testo. In chiusura venerdì 7 giugno, Slowind, un quintetto di fiati formato dalla prime parti dell’Orchestra Filarmonica di Lubiana.
La 66ª stagione concertistica degli Amici della Musica di Trapani è realizzata con il contributo del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo e della Regione Siciliana – Assessorato Regionale del Turismo, dello Sport e dello Spettacolo e con la collaborazione dell’Ente Luglio Musicale Trapanese, della Fondazione Pasqua 2000, il Conservatorio di Musica “A. Scontrino” di Trapani, il Goethe Institut e l’Istituto di Cultura ItaloTedesco – sezione di Trapani.

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Teatro: TOSCA 托斯卡

Posted by fidest press agency su venerdì, 19 ottobre 2018

Shanghai 2018.10.20-21 19:30 地点|Luogo: 上海大宁剧院(上海市静安区平型关路1222号)Daning Theatre, N.1222 Pingxingguan Road, Jing’an District, Shanghai.
La produzione dello spettacolo è a cura dell’agenzia di promozione musicale WEOPERA che ha coordinato l’allestimento con la Fondazione Teatro “Carlo Felice” di Genova. Esecuzione musicale della Nuova Orchestra Scarlatti con la partecipazione del Coro Lirico Siciliano.
Quest’opera fa parte del programma della 20° edizione del China Shanghai International Art Festival con il supporto dell’Istituto Italiano di Cultura di Shanghai.Tosca trova forse il suo apice il genere del melodramma romantico, ricco di complicazioni passionali e colpi di scena. La sanguigna gelosia della cantante Tosca, la perfida prepotenza del poliziotto Scarpia, la generosa passione amorosa e politica dell’artista Cavaradossi, sullo sfondo grandioso e già decadente della Roma di inizio Ottocento, tra rivoluzione francese, reazione controrivoluzionaria e era napoleonica.Questi gli elementi a tinte forti su cui si innesta la musica fine Ottocento di Giacomo Puccini, che da una dramma del francese Victor Sardou ricava quest’opera ricca di pathos e di tensione, culmine e pietra tombale del melodramma italiano, impreziosita da arie celebri come E lucevan le stelle, Vissi d’arte, Recondita armonia, rimaste fino a oggi tra le musiche più popolari per il pubblico di tutto il mondo.
10月20-21日,由意大利剧作家路易吉·伊利卡和朱塞佩·契亚克萨编剧,普契尼作曲的经典歌剧《托斯卡》将在上海大宁剧院上演。本次演出由我们歌剧制作控股有限公司引进,由热那亚卡洛·费利切歌剧院制作舞台布景,邀请新斯卡拉蒂交响乐团 、西西里合唱团联袂呈现。本场演出也被列为第二十届上海国际电影节演出剧目,得到了意大利驻沪总领事馆文化处的大力支持。
《托斯卡》或许是浪漫爱情歌剧类型里的巅峰之作,各种情感纠葛,矛盾冲突,高潮迭起。本剧以十九世纪初的意大利罗马为背景,此时的罗马看似壮丽辉煌,实则虚弱腐朽,在法国大革命、抗争运动与拿破仑统治等多方力量的相互角力之下动荡不安,正是此时各色主人公登场:女歌手托斯卡的深情刚烈;警察斯卡皮亚的恶毒阴险、恃强凌弱;画家卡瓦拉多西的温柔多情、一腔热血……无一不给人留下了深刻的印象。
除了这些浓墨重彩的戏剧元素外,还有意大利作曲家普契尼于十九世纪末创作的音乐、法国剧作家维克多·萨尔杜的同名戏剧为基础,共同构成了《托斯卡》这部充满人性感动与戏剧张力的经典之作,它被认为是意大利歌剧的巅峰也是谢幕,贯穿其中的多首著名咏叹调唱段:《今夜星光灿烂》、《为艺术为爱情》、《奇妙的和谐》等,时至今日在全球最受欢迎的音乐中仍有一席之地。

Posted in Estero/world news, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Gabriella Capodiferro alla Galleria Arianna Sartori di Mantova

Posted by fidest press agency su mercoledì, 17 ottobre 2018

Mantova Sabato 20 ottobre, ore 17.30 alla Galleria “Arianna Sartori” in via Ippolito Nievo 10 mostra personale della pittrice teatina Gabriella Capodiferro intitolata “Luce Acqua Vento 2. Luce e Ombra, Incisioni e dipinti”. L’esposizione mantovana segue la personale “Luce Acqua Vento”, tenutasi con grande successo nel 2016, a Venezia, città dove la Capodiferro ha vissuto importanti momenti formativi giovanili all’interno della locale Accademia di Belle Arti, sotto la guida di grandi maestri come Bruno Saetti e Carmelo Zotti. Per questa nuova importante esposizione, Gabriella Capodiferro esporrà una serie di trenta dipinti, dei quali ben ventotto sono inediti, mentre due provengono dalla precedente esposizione.
Durante la vernice, alle ore 17,30, sarà presentata inoltre, la cartella d’incisione “Trittico” contenente tre acqueforti di Gabriella Capodiferro, realizzata dall’Atelier Aperto di Nicola Sene e Silvano Gosparini, edizione “Venezia Viva”, tre poesie di Tagore e una preziosa presentazione di Enzo Di Martino che in passato ha curato, tra gli altri, mostre di Morandi, De Pisis, Vedova, Turcato, Paladino, Sassu, solo per citare alcuni dei nomi più significati dell’arte contemporanea italiana. Orario dal Lunedì al Sabato 10.00-12.30 / 15.30-19.30 Chiuso Festivi.

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Mostra: Reliquiae, di Raffaello Bassotto

Posted by fidest press agency su martedì, 16 ottobre 2018

Milano Inaugurazione: mercoledì 17 ottobre, ore 19.00 Apertura al pubblico: Orari: dal lunedì al sabato 10.00-19.00 | domenica 12.00-19.00 NONOSTANTE MARRAS, via Cola di Rienzo 8 la mostra Reliquiae del fotografo Raffaello Bassotto, a cura di Francesca Alfano Miglietti, rimarrà aperta al pubblico fino al 13 novembre 2018. In mostra una serie di fotografie di reliquie che Raffaello Bassotto realizza tra il 2011 e il 2014, ognuna delle quali assume il valore di “memoria di una memoria”.Piccole ossa, cartilagini, frammenti di abiti, capelli, oggetti della passione, chiodi, corde, unghie, ciglia, organi interni, braccia, dita, arti, queste sono reliquie: le parti rimaste di un più vasto corpo fisico, frammenti di un insieme disperso, corrotto, avanzi di vite estinte sul piano biologico ma ancora vive nella dimensione simbolica e apotropaica del culto, della richiesta di cura, di aiuto, di intercessione con il registro umano.Sono proprio questi gli oggetti fotografati da Raffaello Bassotto, che ne studia da un lato il significato religioso e dall’altro il simbolo magico di cui sono portatori.La storia della reliquia ha origine antichissime e dicotomiche: un oggetto sottratto alla morte, di cui ne è inevitabilmente parte, carico di significati allegorici, portafortuna, simbolo di forza e dei poteri dell’eroe-santo cui apparteneva.A partire dal Medioevo le reliquie (dal latino relinquere, lasciare dietro) sono state oggetto di adorazione, ricerche, brame, collezioni, rapine, falsificazioni, venerazione ed esposizione. Le caratteristiche di autenticità, rarità, acquistabilità e monetizzazione, insieme alla loro esponibilità in privato e in pubblico fanno delle reliquie il nucleo del museo moderno. La grandiosità di umanità, speranza e sacrificio che si cela dietro a questi minuscoli pezzetti di passato ha suscitato in Raffaello Bassotto un interesse per tutto ciò che circonda le reliquie: le bacheche in cui sono custodite, i gioielli e i castoni. Le sue foto, come afferma Francesca Alfano Miglietti, “(…) sono dei viaggi poetici che ci portano oltre il momento raffigurato, spesso oltre la fotografia, una sorta di racconto, una specie di lamento sul corso del tempo. Ogni una fotografia è una traccia, e così preleva dal reale un istante, e lo trasforma in un’apparenza”.

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Venice Fashion Week 2018

Posted by fidest press agency su martedì, 16 ottobre 2018

Venezia. Venice Fashion Week inizierà giovedì 18 ottobre alle 11:30 con Apart. Preserve, Innovate, una mostra di abiti contemporanei realizzati dalle più antiche sartorie veneziane, creata dalla designer Daniela Giacometti all’Hotel Londra Palace, e con la sfilata di Fabiana Filippi, l’azienda con il più basso impatto ambientale d’Italia, per iniziare subito con i temi della manifestazione: alto artigianato per una moda etica e sostenibile.
La moda come progetto di inclusione andrà in scena venerdì 19 ottobre alle ore 19: la casa del lusso veneziano T Fondaco dei Tedeschi presenta la sfilata della collezione Banco Lotto n. 10 realizzata dalle carcerate della casa di reclusione femminile di Venezia.
Anche sabato 20 in Piazza San Marco alle ore 12 si parlerà di moda etica con il Progetto Quid di Anna Fiscale, mentre nel pomeriggio il pigiama party del brand fiorentino Veraroad presenterà in un palazzo veneziano del Settecento anche una collaborazione con il prezioso merletto di Burano.
Domenica 21 ottobre il brand veneziano V73 presenterà le nuove borse artigianali a palazzo, e inizieranno gli aperitivi con i designer e i cocktail nelle più belle boutique di ricerca veneziane.
La settimana delle sfilate riprenderà martedì 23 ottobre allo Splendid Venice Hotel con i Tabarri di Sandro Zara, il creativo che ha rilanciato questo iconico capo sartoriale nel mondo della moda.
L’artigianato nel suo aspetto più espressivo caratterizzerà i designer di mercoledì 24 ottobre. Scegliendo Venezia e le stanze affrescate di Palazzo Marin ci sarà per la sua prima assoluta Davii, brand emergente del brasiliano Fabiano Fernandes Dos Santos, con drappeggi e plissettature per tessuti fluidi e pezzi unici costruiti a mano.La sera The Gritti Palace Hotel presenterà i veneziani Arnoldo e Battois, creativi che hanno calcato le passerelle internazionali e che hanno sfilato davanti a Carla Sozzani e Anna Wintour per Who’s on Next di AltaRoma e Vogue Italia.Giovedì si parlerà di moda etica e sostenibile a Ca’ Sagredo Hotel con un convegno che vedrà confrontarsi i più importanti artigiani veneziani, designer e istituzioni, e con la sfilata delle aziende green Imama Project e Poethica.Venerdì 26 ottobre è il turno dell’emergente Michela Gaiofatto a Palazzo Barbarigo sul Canal Grande, mentre sabato sarà come sempre una festa dal mattino a sera inoltrata: una passeggiata con gli Instagramer alla scoperta degli atelier aperti, e ancora cocktail e sfilate, e uno show di droni a T Fondaco dei Tedeschi. Gli eventi di Venice Fashion Week sono gratuiti e aperti al pubblico. Per partecipare alle sfilate occorre prenotarsi.

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Morricone e l’Organo: Un rapporto quasi sacrale

Posted by fidest press agency su lunedì, 15 ottobre 2018

Roma Sabato 20 ottobre alle ore 19 nella Sala Accademica del Conservatorio “Santa Cecilia” in via dei Greci 18, il Festival “Un Organo per Roma 2018” organizzato da Camerata Italica, IUC (Istituzione Universitaria dei Concerti) e Conservatorio “Santa Cecilia” si concluderà con l’Omaggio ad Ennio Morricone per i suoi 90 anni.Il concerto “Morricone e l’organo: un rapporto quasi sacrale”, ovvero l’utilizzo dell’organo come ponte verso diversi “rituali” come quelli western, sarà preceduto da una conversazione su “Inseguendo quel suono. La mia musica, la mia vita”, libro di interviste del Maestro con Alessandro De Rosa, che interverrà in un brevissimo video.La serata, con la partecipazione del Maestro, sarà condotta da Giovanni D’Alò insieme a Carla Conti, Roberto Giuliani e Giorgio Carnini e vedrà la partecipazione di storici collaboratori che da anni affiancano il grande compositore nell’esecuzione della sua musica: Gilda Buttà, Bruno Battisti D’Amario, Gino Lanzillotta, Carlo Romano, Luca Pincini, Paolo Zampini, il soprano Susanna Rigacci, l’organista Alberto Pavoni ed il Coro “Claudio Casini” dell’Università di Roma Tor Vergata diretto da Stefano Cucci, presenza immancabile in ogni concerto del Maestro sia in Italia che all’estero.
Il concerto è pensato come se le musiche di Morricone scaturissero da musiche di Bach, Frescobaldi e Stravinsky: si parte infatti da questi tre autori per passare con una transizione – come se Morricone meditasse sulla musica di quei maestri del passato – alla musica di Morricone stesso ed in particolare alle sue più famose composizioni per il cinema, da Indagine su un cittadino al di sopra di ogni sospetto a Mission, da C’era una volta il West a Cinema Paradiso, da La Battaglia di Algeri a C’era una volta in America.Questo concerto è in collaborazione con “Alziamo il volume”, la serie di incontri con l’autore curata da Carla Conte e Roberto Giuliani.Il Festival, ideato da Giorgio Carnini e promosso dalla Camerata Italica in collaborazione con il Conservatorio di Santa Cecilia e l’Istituzione Universitaria dei Concerti (IUC) è parte di un progetto più ampio che tende a richiamare l’attenzione dell’opinione pubblica e delle istituzioni sulla grave mancanza di un organo da concerto al Parco della Musica come previsto inizialmente da Renzo Piano. Il Festival si prefigge inoltre la messa in luce di giovani talenti presenti all’interno del Conservatorio “Santa Cecilia” e la diffusione, in prima esecuzione assoluta, di opere sia di giovani che di affermati compositori.

Posted in Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

“Sturmtruppen 50 anni”

Posted by fidest press agency su lunedì, 15 ottobre 2018

Bologna 7 dicembre al 7 aprile 2019 Palazzo Fava via Manzoni 2 (da martedì a domenica ore 10-20) Musei nella Città e Fondazione Carisbo in collaborazione con Eredi Bonvicini dedicano una mostra al genio di Bonvi, a mezzo secolo dall’uscita della prima striscia delle Sturmtruppen. Oltre 250 le opere che disegnano su un percorso espositivo di 600 mq la carriera di Bonvi, dall’esercito più sgangherato del mondo – cuore dell’esposizione – agli excursus nella vastissima produzione di colui che non fu solo fumettista ma artista completo, capace di suscitare l’entusiasmo del grande pubblico così come degli intellettuali, da Umberto Eco a Oreste del Buono. Un progetto che covava già da due anni nella mente della figlia Sofia, curatrice e progettista della mostra insieme a Claudio Varetto, che ha aperto gli archivi di Bonvi per disegnare un percorso espositivo di quasi 600 metri quadrati nel cuore di Bologna, patria artistica del grande fumettista, che a pochi passi, nell’adiacente via Rizzoli, ebbe il suo studio fino alla morte prematura, il 9 dicembre 1995. 250 le opere esposte, tutte provenienti dall’Archivio Bonvicini e in gran parte inedite: se il cuore della mostra è dedicato alle Sturmtruppen, non mancano gli excursus nella vastissima produzione artistica dell’autore, da quella seriale, con Cattivik e Nick Carter, a quella autoriale, per arrivare ad alcune opere pittoriche mai esposte e a quelle VM18 con Play Gulp, parodia erotica di tutto il mondo del fumetto. Dalla ricostruzione dello studio, con materiali e strumenti che mostrano il processo creativo, un percorso non cronologico che evidenzia quanto ancora sia attuale il pensiero di un artista che ha profondamente influenzato la cultura pop italiana novecentesca: non solo un cartoonist, ma un artista completo, capace di suscitare l’entusiasmo del grande pubblico così come degli intellettuali, da Umberto Eco a Oreste del Buono.Fumetto corale abitato da una ridda di personaggi, i militari delle Sturmtruppen di Bonvi, dal soldaten semplice ai vari Sergenten, Capitanen, Generalen e Cuoken, fino al fiero alleaten Galeazzo Musolesi, unico personaggio dotato di identità, le Sturmtruppen diventano presto il fumetto antimilitarista per antonomasia, denunciando con spirito caustico la stupida bestialità della guerra. Ma nonostante l’ambientazione circoscritta nel tempo – la Seconda Guerra Mondiale – e nello spazio – le trincee germaniche in cui tutti si esprimono in un inconfondibile slang “tedeschese”, le Sturmtruppen diventano un affresco di umanità di ogni tempo, diventando archetipi nelle loro manie e solitudini, nelle loro paure e vizi.Chiusi in un universo claustrofobico, i personaggi di Bonvi si muovono sul confine delle macerie e della morte, con un nemico invisibile agli occhi ma echeggiante di fragorosi spari e cannonate, non perdendo mai l’occasione per ridicolizzare la meschinità del potere e per prendersi gioco, ora con spirito caustico ora con tenerezza, delle debolezze umane.

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Uncategorized | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Visite notturne per la nuova illuminazione del pavimento del Duomo di Siena

Posted by fidest press agency su sabato, 13 ottobre 2018

Siena 22 – 28 ottobre 2018 dalle ore 18:30 alle ore 23:00. Inaugurata il 27 giugno, In Lucem Veniet, la nuova illuminazione del pavimento del Duomo di Siena è stata già ammirata da oltre quattrocentomila persone. Dato questo importante successo di pubblico e in occasione dell’ultima settimana di scopertura del pavimento l’Opera della Metropolitana, insieme ad Opera-Civita, ha pensato di offrire ai visitatori delle aperture straordinarie della Cattedrale dal 22 al 28 ottobre dalle 18.30 fino alle 23.00 con la possibilità di ammirare dall’alto, salendo al percorso Porta del Cielo, anche le tarsie illuminate grazie alla tecnologia ERCO. L’intero percorso Porta del Cielo offrirà, inoltre, l’occasione per godere delle splendide viste panoramiche notturne sulla città e sulla campagna senese. Scendendo dai tetti del Duomo sarà possibile trattenersi all’interno della Cattedrale fino alle ore 23.00 per poter vedere da vicino ogni singola tarsia in un percorso di fede e sapienza alla base dell’impianto iconografico del tappeto marmoreo del Duomo di Siena.
Il pavimento, durante le ore notturne, splenderà così di nuova luce e potrà essere ammirato da insolite prospettive grazie a un progetto di Opera Civita che, collaborando con l’Opera della Metropolitana ha contribuito, nel tempo, alla sua valorizzazione e a renderlo noto a tutto il mondo come The Wonder of Siena, la ‘meraviglia’ della città, come già avevano intuito gli artisti e i viaggiatori anglosassoni che lo recensivano sulla stampa alla fine del XIX secolo.
I giorni in cui sarà possibile prenotare la visita notturna straordinaria saranno dal 22 al 28 ottobre, con fasce orarie di mezz’ora (relativamente al percorso dei sottotetti) a partire dalle ore 18:30 con ultimo accesso alle ore 22:00 per un massimo di 18 persone alla volta.

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Stagione Iuc: con la grande musica di Vienna

Posted by fidest press agency su sabato, 13 ottobre 2018

Roma 16 ottobre alle 20.30 nell’Aula Magna dell’Università “La Sapienza” si inaugura la stagione IUC con il Wiener Concert-Verein, prestigioso ensemble viennese. Il Wiener Concert-Verein, è stato fondato nel 1987 da alcuni membri dei Wiener Symphoniker e si è rapidamente guadagnato un posto di primissimo piano nell’eccezionalmente ricco e competitivo panorama musicale viennese. Il programma è dedicato a Vienna e in particolare ad alcuni dei compositori – Mozart, Brahms e Bruckner – che ne hanno fatto la capitale della musica strumentale per quasi due secoli. A loro sono accostate due composizioni che non appartengono alla scuola viennese, la Serenata di Čajkovskij e le Danze slave di Dvořák, e che tuttavia ribadiscono il primato di Vienna, poiché sono un esplicito omaggio rispettivamente a Mozart e a Brahms.
Il concerto inizia col Divertimento n. 1 in re maggiore K 136 di Wolfgang Amadeus Mozart, composto a soli quindici anni, che è tuttora tra le musiche preferite di Mozart per le sue luminose melodie, i ritmi vivacissimi e anche per l’impegno virtuosistico richiesto agli esecutori. Il secondo brano è l’Adagio del Quintetto in fa maggiore di Anton Bruckner, definito nei paesi di area tedesca la quarta grande B dopo Bach, Beethoven e Brahms: rispetto a Mozart questo è un mondo totalmente diverso, per il suo carattere tormentato e le sue armonie wagneriane. Nella seconda parte del concerto ritorna l’aspetto più leggero di Vienna, città amante del divertimento, della danza, della galanteria, della seduzione, della spensieratezza, una specie di Parigi in cui però si parla tedesco. Prima c’è la Serenata op. 48 di Pëtr Il’ič Čajkovskij, che è un chiaro omaggio a Mozart, visto naturalmente con gli occhi (e le orecchie) di un compositore della fine dell’Ottocento, che nell’equilibrio e nella luminosità di quella musica vedeva un antidoto contro i suoi tormenti romantici. Seguono due delle Danze slave di Antonín Dvořák, che sono un esplicito omaggio a un altro dei compositori di scuola viennese, Johannes Brahms: furono infatti scritte poco dopo le sue Danze ungheresi, quattro delle quali sono state scelte per concludere questo irresistibile concerto.

Posted in Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Quattordicesima Giornata del Contemporaneo

Posted by fidest press agency su giovedì, 11 ottobre 2018

Modena Sabato 13 ottobre 2018 ingresso libero 11-19 Galleria Civica di Modena Palazzo Santa Margherita Corso Canalgrande 103 si terrà la Quattordicesima Giornata del Contemporaneo, la grande manifestazione organizzata per portare l’arte del nostro tempo al grande pubblico promossa da AMACI, di cui Galleria Civica di Modena è uno dei membri fondatori. Per l’occasione, l’istituzione modenese aderisce alla realizzazione di una mostra diffusa di Marcello Maloberti nei musei di arte contemporanea di diverse città italiane. L’iniziativa coinvolge i musei associati i quali ospiteranno simultaneamente, per la durata di un giorno, una selezione di opere dell’artista, per offrire ai visitatori la possibilità di conoscere e approfondire la sua produzione performativa. Sarà esposta l’opera fotografica di Marcello Maloberti Vir Temporis Acti (2016), scattata nel corso di una serie di performance realizzate dal noto artista italiano all’interno di musei internazionali. Nell’immagine compare un ragazzo seduto a terra, impegnato nell’atto di ritagliare sculture da una serie di libri sull’arte antica di Egizi, Sumeri, Assiri, Aztechi ed Etruschi, per poi abbandonarle sul pavimento. Ambientata all’interno degli spazi espositivi della Quadriennale di Roma, l’azione produce come risultato l’invasione di un luogo di grande transito da parte di centinaia di immagini, dove l’incessante passaggio dei visitatori modifica costantemente la posizione dei ritagli, dando vita a un enorme assemblaggio visivo in continua evoluzione, come fosse un sito archeologico contemporaneo. Il gesto del ritagliare ricostruisce una memoria dove si mescolano e si fondono insieme luoghi, tempi e culture diverse.
Parallelamente, nel chiostro di Palazzo Santa Margherita, si svolgerà dalle ore 10.30 alle ore 19 un’attività aperta a tutti dal titolo Frammenti di immagini per una storia comune.
Bambini, ragazzi e adulti sono invitati a partecipare alla creazione di una grande opera collettiva, un collage di immagini, idee e sensazioni che unirà identità differenti pronte a vivere un’esperienza per celebrare l’arte come momento di aggregazione e condivisione.L’iniziativa dà avvio al programma di attività pedagogiche sviluppato dal nuovo Dipartimento di Educazione di FONDAZIONE MODENA ARTI VISIVE. Si ringrazia Scatolificio Cartotecnica Modenese, partner tecnico dell’iniziativa.

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Mostra dedicata ad Antonio Leto

Posted by fidest press agency su giovedì, 11 ottobre 2018

Palermo dal 13 ottobre 2018 al 10 febbraio 2019 (Anteprima stampa 12 ottobre 2018 ore 11.00) Galleria d’Arte Moderna di Palermo via Sant’Anna 21. A oltre dieci anni dalla memorabile rassegna dedicata a Francesco Lojacono che ha rappresentato una svolta decisiva per la valorizzazione della pittura dell’Ottocento in Sicilia si intende restituire la statura europea che gli compete anche all’altro grande protagonista della pittura in Sicilia.
Appartenenti alla stessa generazione – Leto è sei anni più giovane di Lojacono – i due pittori hanno avuto una vicenda analoga, entrambi affermatisi come interpreti di una straordinaria visione mediterranea del paesaggio, declinato in uno stile che si è confrontato, dai Macchiaioli agli Impressionisti, con i grandi movimenti moderni europei.
Curata da Luisa Martorelli e Antonella Purpura, la mostra “Antonino Leto. Tra l’epopea dei Florio e la luce di Capri” è promossa dal Comune di Palermo – Assessorato alla Cultura, dalla Galleria d’Arte Moderna E. Restivo, in occasione di Palermo Capitale della Cultura 2018. L’organizzazione è affidata a Civita. Il Catalogo è edito da Silvana Editoriale.
Con circa 100 opere, la mostra sarà la grande occasione per riconsiderare Leto, nel suo articolato percorso artistico, che lo ha visto formarsi innanzitutto a Napoli, dove si recò nel 1864, attratto dalla pittura di Giuseppe De Nittis e dalle proposte della “Scuola di Resina” che, sulla scorta della lezione macchiaiola divulgata da Adriano Cecioni, sosteneva una resa naturalistica svincolata dal descrittivismo analitico di Filippo Palizzi. Vincendo il “Pensionato Artistico” Leto si trasferisce prima a Roma nel 1875 e poi a Firenze, tra il 1876 e il 1878, dove collabora con la Galleria Pisani che diventa il maggior acquirente della produzione di quegli anni.
Il soggiorno a Parigi è decisivo per l’affermazione sul mercato internazionale e, invitato dal mercante Goupil, vi si trasferisce nel 1879. Di questo periodo rimane la suggestione dei bellissimi dipinti con scene di vita parigina, espressioni accattivanti dei nuovi gusti della clientela borghese. Capri fu il luogo dove amò ritirarsi definitivamente a partire dal 1890 con una scelta artistica e di vita condivisa con altri protagonisti della pittura moderna tra Otto e Novecento.

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Mostra: “Colore e dinamismo”

Posted by fidest press agency su giovedì, 11 ottobre 2018

Roma. E’ il nome della nuova mostra di Galleria SpazioCima, sita in via Ombrone 9, visitabile sino a mercoledì 31 ottobre. La mostra, curata e organizzata da Roberta Cima, è a ingresso libero, da lunedì a giovedì dalle 15 alle 19 e il venerdì dalle 10 alle 13. Circa trenta le opere in esposizione. Nino Attinà sembra voler attingere ai grandi della pittura del Novecento per la sua nuova mostra, al contempo intensa e inspirata. Tra figure intere e primi piani, tra soggetti femminili dalle procaci rotondità agli uomini più austeri, l’artista propone piccoli scorci di vita e di quotidianità, che esplodono, però, grazie alla ricchezza del colore e alla luce che il pittore infonde in maniera consapevole e attenta.
Il pittore riprende in mano la lezione del Cubismo Sintetico di Picasso e Georges Braque per proporre forme capaci di dare il senso del movimento a quella sorta di fotografia. I soggetti sembrano in posa quindi, ma mai immobili. Postura, angolazioni e ambientazioni suggeriscono una scena di vita che va oltre, dando profondità e carattere ai soggetti in mostra. Vanno in scena, in questi quadri, né drammi né amori, ma frammenti di vita quotidiana che diventano straordinari grazie alla forte e sapiente cromaticità acquisita negli anni da Attinà.

Posted in Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

La Festa induista della Luce

Posted by fidest press agency su mercoledì, 10 ottobre 2018

Roma Martedì 6 novembre 2018 Auditorium Parco della Musica: Teatro Studio Borgna Ristorante Spartito Giardini Pensili Viale Pietro De Coubertin 30 Dalle 11 alle 23.00 – Ingresso libero fino ad esaurimento posti. In occasione del Dipavali (o Diwali), la Festa induista della Luce, simbolo del bene che annienta le tenebre dell’ignoranza e dell’egoismo, l’Unione Induista Italiana – Sanatana Dharma Samgha (UII) – in collaborazione con l’Ambasciata dell’India a Roma – propone un’intera giornata dedicata alla cultura indiana. Scopo principale della manifestazione è quello di celebrare, al pari di molte altre capitali del mondo, una festività che già accomuna in diversi paesi induisti, buddhisti, jainisti e sikh attraverso l’arte, la cultura e la spiritualità.
A partire dalla mattina di martedì 6 novembre 2018, nel Teatro Studio Gianni Borgna dell’Auditorium Parco della Musica, si terranno – con partecipazione libera aperta al pubblico – una serie di iniziative dedicate all’approfondimento dei differenti linguaggi artistici. Si comincerà dalla Master class di danza classica indiana in stile Kuchipudi (ore 11) tenuta dalla danzatrice Vyjayanthi Kashi, per proseguire con il workshop di musica classica indiana in stile Khayal (ore 12,30) tenuto dal cantante Supriyo Dutta.
Spetterà proprio al cantante Supriyo Dutta con l’accompagnamento musicale di Igor Orifici (bansuri), Federico Sanesi (tabla) e Giuseppe Russo (chitarra) aprire la sessione pomeridiana con un concerto pomeridiano Note d’India. Canto tradizionale Khayal (ore 17.30).
Alle 18,30 avrà luogo la cerimonia inaugurale, alla presenza di autorità del mondo religioso, politico e della cultura.
Alle ore 19.00 da via de Coubertin, davanti all’ingresso dell’Auditorium, si potrà osservare per la prima volta in Italia uno spettacolo piromusicale lanciato dai Giardini Pensili e accompagnato da musica indiana.
In serata, alle ore 20,30, si terrà lo spettacolo di danza Kuchipudi: “Sadgamaya” a cura delle danzatrici Atmananda, Vyjayanthi Kashi, Prateeksha Kashi, Neha Kalakirana, Diksha Shankar, Gururaju Nagaraju, con accompagnamento musicale di Ramya Chitlur Ramesh (voce e nattuvangam); Bhadrachar Shashishankara (Mridangam); Rakeshdath Hebbale Keshavadatta (flauto) e Vishwajith (violino) mentre alle 21,45 un concerto di musica Bollywood e fusion indiana e brasiliana vedrà protagonista la cantante e attrice indiana Sagarika Mukherjee.
Dalle 19,15 alle 20,30, presso il ristorante Spartito dell’Auditorium, sarà inoltre possibile degustare le ricette più rinomate della cucina indiana, in un connubio di tradizione e innovazione.

Posted in Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

«I giovani creativi. I nuovi artisti nei musei»

Posted by fidest press agency su mercoledì, 10 ottobre 2018

È questo il titolo del progetto che avrà luogo nella suggestiva cornice della Galleria Nazionale di Roma dall’11 ottobre all’11 novembre. Trenta giorni dedicati alla contemporaneità, con i ritratti fotografici di tredici talenti under 30, che si sono distinti per impegno, studi e sensibilità comunicativa in diverse categorie espressive. L’esperienza, nata da un’idea di Nicola Brucoli e Ginevra Corso, fondatori di TWM Factory, è patrocinata dalla Regione Lazio ed è sostenuta dalla Rome University of Fine Arts, sempre attenta alle dinamiche che vedono interagire le nuove generazioni.
Questi i tredici protagonisti: Stefano Belingardi Clusoni (architettura), Emiliano Melchiorre (arte), Tiziano e Mirko Palucci (cucina), Simone Nolasco e Virginia Tomarchio (danza), Sara Ricciardi (design), Maria Vittoria Paolillo (moda), Sara Lorusso (fotografia), Federico Schiano Di Pepe (imprenditoria), Giacomo Mazzariol (letteratura), Merk&Kremont (musica), Gnomone (paesaggio), Angela Curri e Giuseppe Spata (cinema), Robocoop (street art).
Le fotografie dei 13 creativi sono state scattate da Riccardo Ferranti all’interno dei più importanti musei della capitale (Galleria nazionale d’arte moderna, Palazzo Barberini, Galleria Corsini, Museo nazionale di Palazzo Venezia, Museo nazionale di Castel Sant’Angelo, Galleria Spada), accanto a capolavori che essi conservano, a simboleggiare l’ingresso della generazione dei “millenials” nel cuore della storia e della cultura italiana. Il progetto di identità e comunicazione visiva, invece, è stato curato da Carlo Settimio Battisti, mentre le foto narrative sono di Simone Galli.«La comunicazione dell’arte – spiega il direttore RUFA, l’architetto Fabio Mongelli – è uno dei cardini del sistema culturale italiano. L’interesse mostrato dai giovani, nei diversi settori esperienziali ed emozionali, va dunque sostenuto ed incentivato. L’Accademia di Belle Arti che mi pregio di guidare è fortemente orientata al raggiungimento di tale obiettivo. L’opportunità messa in campo da Riccardo Ferranti e dagli altri componenti della TWM Factory rappresenta un modello operativo “young oriented” che merita considerazioni e approfondimento».

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Concerto di apertura dedicato a Kurt Weill e Bertolt Brecht

Posted by fidest press agency su mercoledì, 10 ottobre 2018

Roma Lunedì 15 ottobre 2018 ore 21,00 Teatro Vascello Via Giacinto Carini, 78. Novanta anni fa, il 31 agosto del 1928, a Berlino veniva eseguita per la prima volta L’Opera da Tre Soldi di Bertolt Brecht musicata da Kurt Weill.La Scuola Popolare di Musica di Testaccio rende omaggio a questi due grandissimi autori con l’esecuzione di alcuni brani dell’opera arrangiati per l’occasione.Ad eseguire saranno quattro ensemble molto diversi tra loro per struttura, linguaggio e background musicale.Aprirà l’Orchestra di Musica Tradizionale della Scuola Popolare di Musica di Testaccio diretta da Adriano Dragotta che da anni si occupa del repertorio tradizionale europeo con un organico eterogeneo: archi, fiati, chitarre, pianoforte, percussioni e voci… Seguirà il Freon Ensemble diretto da Stefano Cardi, formazione di estrazione “colta” con strumentazione aderente all’originale.
Terzo intervento con il Go-Dex Quartet di Pasquale Innarella per una rielaborazione in chiave free-bop.A chiudere l’Orchestra Giovanile di Jazz della Scuola Popolare di Musica di Testaccio diretta da Mario Raja, con raffinati arrangiamenti originali dal sapore jazzistico.
http://www.scuolamusicatestaccio.it € 12,00 (posto unico) € 8,00 (bibliocard, metrebus, giovani, studenti, over 65)

Posted in Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Un Organo per Roma

Posted by fidest press agency su mercoledì, 10 ottobre 2018

Roma Sabato 13 ottobre alle ore 19 nella Sala Accademica del Conservatorio di Musica “Santa Cecilia” in via dei Greci 18 concerto ad ingresso gratuito del Festival “Un Organo per Roma 2018”, organizzato da Camerata Italica, IUC (Istituzione Universitaria dei Concerti) e Conservatorio “Santa Cecilia”.Il concerto è interamente dedicato a “Liszt organista e pianista”. Questo leggendario virtuoso del pianoforte fu infatti anche un grande appassionato dell’organo, sia come compositore che come esecutore. Si ascolteranno due sue composizioni, la Fantasia Weinen, Klagen, Sorgen, Zagen (tratta dal corale che apre una cantata sacra di Bach) e il Preludio (Fantasia) e Fuga su B.A.C.H., il cui soggetto principale è ricavato dalle quattro lettere del cognome del grande Johann Sebastian, che in tedesco indicano le note si bemolle, la, do, si naturale. Entrambe queste composizioni esistono in due versioni, una per pianoforte e una per organo, che si adattano perfettamente alle caratteristiche specifiche dei due strumenti.Le due composizioni saranno eseguite in entrambe le versioni approntate da Liszt, offrendo così un’opportunità unica di fare un interessantissimo confronto e accorgersi che, nonostante le due versioni siano generate da una simile ispirazione, suonano in maniera profondamente diversa sui due strumenti. Gli interpreti sono l’organista Alberto Pavoni e il pianista Andrea Baggioli.Alberto Pavoni, dopo gli studi organistici in Italia, si è perfezionato in Austria e Germania. Ha dato concerti in vari paesi europei, in estermo oriente (Giappone e Corea del sud), negli Usa, in Argentina e in Perù. Ha inciso un disco con musiche organistiche di Max Reger e registrato sue elaborazioni di musiche di Musorgskij e Schumann. Svolge anche un’intensa attività di compositore, sia di musica classica che leggera.Andrea Baggioli, docente del Conservatorio “Santa Cecilia” di Roma, si dedica particolarmente alle pagine meno note del repertorio pianistico dell’Ottocento, di cui ha anche realizzato varie registrazioni e incisioni. Oltre che a Roma (IUC, Festival Nuovi Spazi Musicali, Università Roma3) e in altre città italiane, ha suonato in Germania, Spagna e Romania.

Posted in Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

“Edoardo per i nuovi”: inaugurazione del teatro Nuovo di Napoli

Posted by fidest press agency su martedì, 9 ottobre 2018

Napoli mercoledì 10 ottobre, alle ore 11.30 nello storico Palazzo Scarpetta di Via Vittoria Colonna, presso la sede della Fondazione Eduardo De Filippo, struttura che insieme al Teatro Pubblico Campano collabora alla realizzazione del debutto napoletano, si inaugurerà la stagione del Teatro Nuovo di Napoli, con il titolo, emblematico, di un articolato progetto di formazione e messa in scena dedicato al grande Maestro promosso dalla Fondazione Teatro della Toscana e realizzato, con la Elledieffe, dal regista Gianfelice Imparato insieme ai giovani attori de iNuovi.
Alla presentazione, insieme a Gianfelice Imparato, interverranno Pier Paolo Pacini direttore della Scuola di Teatro Orazio Costa di Firenze, Alfredo Balsamo direttore del Teatro Pubblico Campano, Francesco Somma direttore della Fondazione Eduardo De Filippo. Con loro anche i componenti della compagnia iNuovi, gli stessi che oggi, grazie ad una scelta coraggiosa e senza precedenti nel nostro Paese, hanno ricevuto dalla Fondazione Teatro della Toscana l’incarico di gestire tutte le attività dello storico Teatro Niccolini di Firenze.
“Eduardo per I Nuovi”, che di fatto costituisce la prima tappa di questo articolato progetto, arriva alla “prova del pubblico” napoletano, attraverso il debutto annunciato giovedì 11 ottobre (repliche fino a domenica 14) al Teatro Nuovo di Via Montecalvario a Napoli.

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »