Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 33 n° 203

Archive for the ‘Mostre – Spettacoli/Exhibitions – Theatre’ Category

Exhibitions – Theatre

Il Partito: una cantata politica

Posted by fidest press agency su giovedì, 17 giugno 2021

Teatro Vascello via Giacinto Carini 78 Roma Monteverde Lunedì – martedì – mercoledì 21 – 22 – 23 giugno 2021 h 21 Opera a due mani di Camilla Ravera e Fausto Amodei Concertazione di Giovanna Marini Esecuzione del Coro Inni e Canti di Lotta diretto da Sandra Cotronei Con la Piccola Orchestra diretta da Giulia Accardo. Una storia cantata o, meglio, una cantata che racconta la storia della nascita del PCI nell’anno del suo centenario. Un racconto coinvolgente sulle note particolari ed inaspettate del cantautore Fausto Amodei che si è ispirato al “Diario di trent’anni” di Camilla Ravera appassionata artefice della nascita del partito. Una storia raccontata dalle tante voci diverse di chi ha creduto, sperato, lottato e combattuto per un mondo nuovo che fosse capace di rivendicare giustizia ed uguaglianza. Un’occasione per riflettere sul nostro recente passato, sugli errori e le conquiste, su ciò che è stato e che avrebbe potuto essere, su quello che siamo. La concertazione, realizzata con sicura maestria dalla musicista Giovanna Marini ispiratrice di tutto il progetto, dà forza e potenza allo spettacolo, impreziosito dalla mise en espace di Antonella Talamonti, dall’istallazione di Maria Chiara Calvani e dal disegno luci di Alberto Grilli e Marcello d’Agostino. Il Coro Inni e Canti di Lotta diretto da Sandra Cotronei, nato sotto la preziosa guida di Giovanna Marini all’interno della Scuola Popolare di Musica di Testaccio e che da anni è presente con i suoi canti in situazioni politicamente e culturalmente significative, insieme ai musicisti della Piccola Orchestra diretta da Giulia Accardo, saranno la voce narrante di questa storia non semplice da raccontare, ma a cui era importante restituire uno spazio adeguato. Prezzo posto unico € 16 comprensivo di servizio di prenotazione

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

“Vivere come dipingere: i segreti dell’Ars Combinatoria” di Silvia Vannozzi

Posted by fidest press agency su giovedì, 17 giugno 2021

Vivere come dipingere è il libro che unisce saggistica e narrativa di Silvia Vannozzi, edito da Terre Sommerse; è una filosofia, una proposta, un modo di vivere, dove non esistono né assolutismi né fallimenti irreversibili. Siamo noi gli attori delle nostre scelte e dei nostri percorsi di vita e siamo noi gli artefici degli eventi che generiamo, anche qualora dovessimo essere inerti a causa delle avverse e a volte spigolose proposte che la vita ci offre, possiamo sempre fermarci, riflettere, comprendere a fondo e decidere il momento più opportuno per agire o compiere scelte. Spesso situazioni complesse possono essere, con i tempi e la consapevolezza giusta, da noi scomposte e ridotte in realtà più semplici e trasparenti ai nostri occhi. Attraverso questo gioco di composizioni e scomposizioni costruiamo il tessuto connettivo che collega passato presente e futuro, all’interno di uno spazio predefinito che è la vita stessa, così come la tela bianca di un quadro delimita i numerosi e molteplici processi di combinazioni tra colori e forme che continuamente si possono generare. Tra tutte le combinazioni possibili, ne troveremo una più adatta a noi, in relazione al momento storico di riferimento e alla nostra volontà e consapevolezza. L’equilibrio raggiunto durerà per sempre? Sarà quello giusto? L’unico modo per scoprirlo è vivere, sperimentare, provare e tentare di trasformare negatività in positività, difficoltà in conquiste e fallimenti in successi. Il tempo e l’attesa faranno il loro gioco e saranno insieme all’esperienza, alla ragione, all’istinto e alla creatività, gli elementi necessari per proseguire la nostra strada in evoluzione e in continua costruzione. Silvia Vannozzi ha 36 anni ed è nata a Roma. Ha vissuto la sua infanzia e adolescenza nel quartiere di Trastevere, per poi andare a vivere a Monteverde.

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Visita animata a Palazzo Cisterna

Posted by fidest press agency su giovedì, 17 giugno 2021

Torino Sabato 19 giugno ospite il Gruppo storico della Fenice. Tornano a giugno, dopo il successo del mese scorso, le visite gratuite animate dai Gruppi storici a Palazzo dal Pozzo della Cisterna. L’appuntamento alla scoperta dell’antica dimora dei Savoia Aosta è previsto sabato 19 giugno a partire dalle ore 10. Ad accogliere il pubblico ed ad animare la visita ci sarà una nuova realtà culturale che recentemente è entrata a far parte dell’Albo dei Gruppi Storici della Città metropolitana di Torino. Si tratta del Gruppo storico della Fenice della Città di Pianezza, un insieme di persone con ventennale esperienza nell’ambito delle rievocazioni storiche, nel teatro e nella danza in costume. Con abiti, dialoghi, usi e atteggiamenti ricostruiti nel pieno rispetto dell’epoca, il gruppo accoglierà i visitatori nel cortile d’onore con una breve narrazione, ambientata del Settecento, sul cioccolato, alternando storia, aneddoti curiosi e divertenti scenette tra nobili amanti di questa dolce e voluttuosa bevanda che insieme ai pizzi, ai minuetti e ai ventagli, approda nelle corti europee in modo prepotente nei suoi svariati e pittoreschi utilizzi.La visita è gratuita con prenotazione obbligatoria dal lunedì al venerdì dalle 9.30 alle 13 al numero 011-8612644 e all’indirizzo email urp@cittametropolitana.torino.it. Per quanto riguarda le prescrizioni di sicurezza necessarie per partecipare alla visita sarà in vigore l’obbligo di indossare la propria mascherina e di igienizzarsi le mani con il gel posto all’ingresso. Per il rispetto della distanza fisica sono previsti due gruppi di visita da 10 persone: uno alle ore 10 e uno alle ore 11.La prossima visita animata si svolgerà sabato 17 luglio alle ore 10 e alle ore 11.

Posted in Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

“Un’Estate da Re. La grande musica alla Reggia di Caserta”

Posted by fidest press agency su giovedì, 17 giugno 2021

6 luglio – 4 agosto 2021 Piazza Carlo di Borbone e Aperia alla Reggia di Caserta. Un’edizione straordinaria per esaltare la bellezza di uno dei monumenti più importanti al mondo e per celebrare, con alcuni degli appuntamenti imperdibili della stagione italiana, i protagonisti della grande musica internazionale, in un momento in cui sono la cultura, l’arte e lo spettacolo i formidabili strumenti per la rinascita sociale e economica del dopo Covid. E proprio Riccardo Muti, infatti, dopo l’emozionante performance nel teatrino di corte della Reggia di Caserta lo scorso inverno (registrata e andata in onda su Rai Cultura) ha voluto fare un ulteriore omaggio alla sua terra e a questo monumento patrimonio dell’Umanità, con un concerto, alla guida della ‘sua’ Orchestra Giovanile Luigi Cherubini, che si preannuncia come l’evento più importante della stagione. Anna Netrebko, Yusif Eyvazov, Vittorio Grigolo, Ludovico Einaudi, Daniel Oren, Piergiorgio Morandi, Jordi Bernàcer sono le altre stelle di un programma eccezionale che “Un’Estate da Re. La grande musica alla Reggia di Caserta” propone per la sua sesta edizione che durerà dal 6 luglio al 4 agosto, con un palcoscenico mozzafiato nella piazza Carlo di Borbone e con il tradizionale teatro nell’Aperia del Giardino inglese. Finanziata dalla Regione Campania, con la direzione artistica affidata al Maestro Antonio Marzullo, “Un’Estate da Re” vede anche quest’anno un’intensa collaborazione tra il Teatro di San Carlo di Napoli e il Teatro Municipale Giuseppe Verdi di Salerno. Organizzata e promossa dalla Scabec, società campana per la cultura e i beni culturali, la rassegna – nata da un progetto ideato e sostenuto dal Presidente Vincenzo De Luca nel 2016 per promuovere sia il monumento della Reggia che le realtà musicali campane – è oggi un appuntamento fisso dell’estate della musica lirica e sinfonica in Italia, che vedrà quest’anno anche un concerto in omaggio a Enrico Caruso, “la voce più bella al mondo” per i 100 anni dalla sua morte.La manifestazione è realizzata in collaborazione con la direzione della Reggia, il MIC e con il Comune di Caserta. Si inizia martedì 6 luglio a piazza Carlo di Borbone con un’apertura reale: “Sotto le Stelle”, che vedrà esibirsi la star della lirica internazionale, il soprano Anna Netrebko e il tenore Yusif Eyvazov, compagno sul palco e nella vita, e l’Orchestra Filarmonica Giuseppe Verdi di Salerno diretta dal Maestro Piergiorgio Morandi. Giovedì 8 luglio alle ore 21 si prosegue con il concerto dal titolo “Phoenix” dell’ensemble di fiati Mnozil Brass, il gruppo austriaco di incredibili virtuosi della tromba e del trombone che regalano a ogni concerto un’ora di emozionante coinvolgimento e allegria. Sabato 10 luglio, sempre alle ore 21, Riccardo Muti dirigerà l’Orchestra Giovanile “Luigi Cherubini” in un raffinato programma dedicato a due opere di Schubert: l’Overture in do maggiore “in stile italiano” d591 e la Sinfonia n. 9 in do maggiore “la grande” d944. Domenica 18 luglio alle ore 21.00 si inaugura la stagione all’Aperia con l’Orchestra del Teatro di San Carlo diretta da Jordi Bernàcer, con al violino Gennaro Cardaropoli. In programma il Concerto n. 1 Op. 26 in Sol minore di Max Bruch e la Sinfonia n. 4 in la maggiore “Italiana” Op. 90 di Mendelssohn. Mercoledì 21 luglio sarà la volta di uno spettacolo multidisciplinare di video-art e musica dal vivo dal titolo “Et Manchi Pieta’” con una videoproiezione a cura di Anagoor e musiche interpretate dall’ Accademia D’arcadia. “Les Percussion De Strasbourg”, sono i protagonisti della serata di domenica 25 luglio con “Omaggio a Iannis Xenakis”. Il gruppo di musica da camera per strumenti a percussione si esibirà in due delle opere maggiori del compositore franco- greco, Persephassa (1969) e Pléiades (1979). Lunedì 26 luglio alle ore 21 si apre il sipario sullo spettacolo “Ma l’amore no” omaggio all’eclettico e raffinato gallerista Lucio Amelio, con la regia di Giorgio Verdelli e con la partecipazione di Mario Martone, Patrizio Trampetti, Lino Vairetti, Lalla Esposito, Toni Esposito, Tomas Arana, Mario Franco. Fu Lucio Amelio dopo il sisma del 1980 a richiamare a Napoli e a ispirare i nomi più importanti dell’arte contemporanea internazionale e proprio alla Reggia di Caserta ha lasciato in eredità la straordinaria collezione di opere che scaturì da quella stagione dando vita alla mostra Terrae Motus. Mercoledì 28 luglio il Maestro Daniel Oren dirige l’Orchestra Filarmonica Giuseppe Verdi di Salerno per l’omaggio a Enrico Caruso “Caro Enrico…” con la regia di Riccardo Canessa, il tenore Vittorio Grigolo e l’attrice Pamela Villoresi voce recitante. Lo spettacolo, che rientra nelle celebrazioni dei 100 anni dalla morte di Enrico Caruso, è un recital liberamente tratto da “Ridi Pagliaccio, Vita, morte e miracoli di Enrico Caruso” di Francesco Canessa, e metterà in scena arie di Puccini, Verdi e Leoncavallo. Mercoledì 4 agosto “Un’estate da Re 2021” si chiude in bellezza con Ludovico Einaudi, uno dei più importanti e amati compositori e pianisti del contemporaneo, in uno straordinario concerto del suo Summer Tour accompagnato da Federico Mecozzi al violino e alla viola e Redi Hasa al violoncello. “Continuiamo anno dopo anno a proporre un cartellone con spettacoli di qualità e protagonisti di rilievo internazionale – spiega il Direttore artistico Antonio Marzullo -. L’intuizione e il sostegno del Presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca ci permettono di allestire delle serate indimenticabili, capaci di soddisfare i gusti degli esperti più appassionati quanto di coloro che si avvicinano per la prima volta a questo genere meraviglioso di spettacoli”. “Estate da Re sarà anche quest’anno un viaggio appassionante tra epoche, generi, emozioni in quella location meravigliosa che è la Reggia che esalta i protagonisti sul palcoscenico – sottolinea Marzullo -. Tante suggestioni tra la musica barocca e la tradizione bandistica, il belcanto regale, i virtuosismi e le bacchette superstar, gli omaggi a Caruso e Amelio. E soprattutto centinaia di musicisti, coristi, scenografi, addetti ai lavori che tornano a lavorare dopo mesi terribili”.Tutte le informazioni su “Un’estate da Re. La Grande musica alla Reggia di Caserta” sono sul sito http://www.unestatedare.it

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Embodying Pasolini

Posted by fidest press agency su mercoledì, 16 giugno 2021

Roma Il 25 giugno in prima mondiale a Roma la performance ideata e interpretata da Olivier Saillard e Tilda Swinton. Evento trasmesso live streaming dalle 18 alle 22 su http://www.romaison.it e accessibile al pubblico su prenotazione. Una performance immaginata come una mostra in divenire in un atelier d’artista, dove l’azione prende forma intorno all’abito, alter ego del corpo che lo indossa. Così Olivier Saillard – riconosciuto storico della moda, ex direttore del Museo Galliera di Parigi e fashion curator di fama mondiale, e Tilda Swinton, icona del cinema internazionale, insignita nel 2020 con il Leone d’Oro alla carriera, hanno ideato Embodying Pasolini, che sarà presentata in prima assoluta a Roma, negli spazi della Pelanda e del Padiglione espositivo del Mattatoio, in data 25 giugno 2021. Annunciato già nell’ottobre 2020, l’attesissimo evento si inserisce nel programma di ROMAISON, progetto dedicato al rapporto tra il costume e la moda, fortemente voluto dalla Sindaca di Roma Capitale Virginia Raggi, con l’organizzazione di Zétema Progetto Cultura e curato da Clara Tosi Pamphili, storica della moda. ROMAISON si è configurato come un percorso di valorizzazione e studio delle produzioni degli atelier di costume romani e dei loro incredibili archivi di capi originali. Dalla grande mostra allestita al Museo dell’Ara Pacis lo scorso autunno, all’itinerario cittadino di proiezioni video architetturali “Streetview”, all’intensa programmazione web di approfondimenti tematici, tuttora disponibili sui canali ufficiali social Instagram e Facebook.Circa quaranta abiti disegnati da Danilo Donati per i film di Pier Paolo Pasolini, realizzati e tutt’oggi custoditi dalla Sartoria Farani, e una selezione di forme di legno del Laboratorio Pieroni, utilizzate per creare i cappelli indossati nei film del regista, che caratterizzeranno come presenze misteriose lo spazio dell’atelier, sono l’ideale punto di partenza da cui nasce e si sviluppa Embodying Pasolini, nella drammaturgia creata da Saillard e Swinton.Dal Vangelo Secondo Matteo, a Uccellacci e uccellini, Edipo Re, Porcile, Il Decameron, I racconti di Canterbury, Il fiore delle Mille e una Notte, fino a Salò o le 120 giornate di Sodoma, i costumi – vestiti, cappotti, come fragili opere di fili intrecciati e tinti – ricreano una cinematografia “svuotata” dai corpi degli attori, su cui l’azione performativa interviene. Quasi come fossero prigionieri di uno status monumentale, ridotti al silenzio – alcuni mai più stati neanche mostrati dopo le riprese – gli abiti saranno soggetto e oggetto di una pratica evocativa, attraverseranno il tempo della performance, a cui il pubblico è invitato ad intervenire.Sarà Tilda Swinton a provare i costumi citati, a saggiarne consistenza e memoria dandogli corpo, non ricreando il ruolo al quale sono stati deputati, ma la mancanza, l’assenza, suggerendo il contrasto tra potenza e atto.“Sta a lei” scrive Olivier Saillard “raccontare nei buchi e nei vuoti di una manica cosa fosse un dialogo, uno scambio di attori, una scena”. Embodying Pasolini è promossa da Roma Capitale, organizzata da Zétema Progetto Cultura con la collaborazione di Palazzo delle Esposizioni – Mattatoio e prodotta da StudiOlivierSaillard, con il coordinamento di Aymar Crosnier. Collaborazione artistica di Gaël Mamine. Info http://www.romaison.it

Posted in Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: | Leave a Comment »

Mostra del cinema iberoamericano

Posted by fidest press agency su mercoledì, 16 giugno 2021

Roma IX edizione dal 18 Giugno al 10 Luglio 2021 Instituto Cervantes Via di Villa Albani,16 Ingresso libero fino ad esaurimento dei posti disponibili. Organizzata in collaborazione con le ambasciate in Italia di Argentina, Cile, Colombia, Ecuador, Guatemala, Honduras, Messico, Panama, Perú, Repubblica Dominicana, Uruguay e il supporto dell’Istituto Italolatinoamericano e di TurEspaña, Scoprir presenta quest’anno 12 opere in lingua originale con sottotitoli in Italiano, in rappresentanza di altrettanti paesi. Un’ampia vetrina che offre al pubblico un panorama multiculturale del mondo ispanoamericano e della sua vivace scena cinematografica, attraverso film in anteprima nazionale e proiezioni speciali. Oltre a Roma, la rassegna si terrà anche a Palermo e Napoli. Da venerdì 18 giugno alle ore 20, sarà possibile assistere alla visione delle pellicole in cartellone, ad accesso libero fino ad esaurimento dei posti disponibili (prenotazione obbligatoria cenrom@cervantes.es). “El cuento de las comadrejas”, coproduzione Argentina/Spagna diretta dal regista premio Oscar, Juan José Campanella con Graciela Borges, Oscar Martínez e Luis Brandoni è il titolo che inaugura questa edizione di Scoprir. Tra i film presenti in cartellone: “Jaulas” dello spagnolo Nicolás Pacheco, il thriller politico “Araña” (Spider) diretto dal cileno Andrés Wood, la coproduzione Honduras/USA “Un lugar en el Caribe” di Juan Carlos Fanconi, “Colours” del regista e sceneggiatore Luis Cepeda e “Las toninas van al Este”, film scritto, diretto e interpretato dagli uruguayani Verónica Perrota e Gonzalo Delgado. Chiuderà la rassegna “The Birders” del regista statunitense Gregg Bleakney, un documentario in stile road movie girato nelle praterie dell’Orinoquia in Colombia – con Diego Calderón e Keith Ladzinski, fotografo di National Geographic – che mostra volatili e specie rare.Ad anticipare questa edizione della mostra del cinema iberoamericano ci sarà l’omaggio a Luis García Berlanga (1921 – 2010), una delle figure più eminenti del cinema spagnolo del XX secolo. Nel centenario della sua nascita, sul canale Vimeo dell’Instituto Cervantes verrà proposto, fino al 27 giugno, un ciclo online con quattro opere del grande cineasta valenzano: “Esa pareja feliz” (1951), “Calabuch” (1956), “Plácido” (1961) e “Patrimonio nacional” (1981).

Posted in Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

“Valderice A Teatro, Emozioni in sicurezza”

Posted by fidest press agency su mercoledì, 16 giugno 2021

Valderice (Trapani) Dopo il successo riscosso nell’estate 2020, riparte a Valderice (TP) presso il Teatro On. Nino Croce, dal 17 luglio al 4 settembre, la rassegna estiva “Valderice A Teatro, Emozioni in sicurezza”, con il Patrocinio del Comune di Valderice e la collaborazione dell’Associazione Tuille e Bantu. La direzione artistica, l’organizzazione logistica e la produzione sono a firma Oddo Management e Teatro Ariston di Trapani, una recente e forte collaborazione che unisce esperienza, storia, capacità creative e innovative, e che lascia intravedere nuovi e rigogliosi “movimenti” nella vita artistica del territorio.Un cartellone variegato con un vasto panorama di spettacoli e importanti protagonisti che animeranno la scena dal 17 luglio al 4 settembre. Una rassegna che sottolinea ancora una volta quanto l’arte sia uno strumento di bellezza fondamentale per il rilancio sociale, territoriale, culturale. Apre la rassegna il 17 luglio l’attore, cabarettista ed imitatore Manlio Dovì con il suo varietà comico- musicale dal titolo “Facce Ride show”, in cui mette in luce tutte le doti: dalle parodie di personaggi di attualità e tanti altri che la televisione ha reso famosi con gli spettacoli del Bagaglino, ai monologhi satirici, alle imitazioni di cantanti celebri o di maschere immortali, da Frank Sinatra a Ray Charles, da Charlot a Totò. Un caleidoscopio di volti e luci che si concentrano e si rincorrono con un ritmo che non lascia respiro.

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

On Hannah Villiger

Posted by fidest press agency su mercoledì, 16 giugno 2021

Roma 19.06.2021 H18:00.Villa Maraini Via Ludovisi 48. Un percorso espositivo dialogico con Elisabeth Bronfen, Cecilia Canziani e Gioia Dal Molin. Il talk si svolgerà in inglese. Prenotazione obbligatoria fino ad esaurimento dei posti. Il lavoro artistico di Hannah Villiger (1951-97) è ancora molto attuale. Tra gli anni ’80 e ’90 si focalizza sul proprio corpo, catturandone l’immagine attraverso gli scatti di una Polaroid.Prendendo questo come punto di partenza il 19.06.2021, Gioia Dal Molin (curatrice della mostra Hannah Villiger: Works/Sculptural all’Istituto Svizzero) sarà in conversazione con Elisabeth Bronfen e Cecilia Canziani. Attraverso una rilettura della pratica di Hannah Villiger, la discussione rivolgerà sulla rilevanza del lavoro dell’artista nella cultura visiva contemporanea, attraverso le lenti di una prospettiva decisamente femminista.La conversazione e il tour si svolgeranno nel contesto della mostra Hannah Villiger-Works/Sculptural, attualmente in corso all’Istituto Svizzero. Il tour della mostra sarà filmato. Elisabeth Bronfen è una professoressa svizzera/americana di studi americani all’Università di Zurigo e Global Distinguished Professor alla New York University. È autrice di molti libri e articoli sulla cultura visiva, gli studi di genere e la psicoanalisi. Cecilia Canziani è una curatrice indipendente e storica dell’arte. Gioia Dal Molin è responsabile artistico all’Istituto Svizzero a Roma, Milano e Palermo.

Posted in Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: | Leave a Comment »

La Rimbamband torna sul palco per una ripresa all’insegna della risata

Posted by fidest press agency su martedì, 15 giugno 2021

Bari. Giovedì 17 giugno alle 21, all’anfiteatro Arena della Pace di Bari, Via Natale Loiacono, 20 l’associazione culturale Echo Events e l’agenzia I viaggi di Salomone proporranno lo spettacolo “The veri veri best of” della Rimbamband, gruppo musicale composto da Raffaello Tullo in voce e alle percussioni, Renato Ciardo alla batteria, Nicolò Pantaleo alla tromba, Francesco Pagliarulo al pianoforte e Vittorio Bruno al contrabbasso. “Non vediamo l’ora di tornare sul palco – ha commentato Renato Ciardo – ci è mancato molto regalare sorrisi. Noi durante il lockdown abbiamo incrementato la nostra voglia di fare spettacolo con video pubblicati sulla nostra pagina Facebook e ora siamo desiderosi e felici di esibirci dal vivo”. Questo evento che riporta la Rimbamband su un palcoscenico, di fronte ad un pubblico presente in sala, è stato possibile grazie all’impegno e alla volontà della Echo Events e dell’agenzia I viaggi di Salomone, che hanno scelto di proporre uno spettacolo simile nonostante la riduzione dei posti a sedere per via dell’emergenza sanitaria ancora in atto. Nell’anfiteatro Arena della Pace, infatti, la visione dello spettacolo sarà possibile a soli 294 posti a fronte della capienza regolamentare che è di 700 spettatori circa. Tullo e soci porteranno in scena uno show che sarà formato da alcuni dei più simpatici sketch dei 4 spettacoli realizzati dal gruppo nei loro 15 anni di attività, con un filo logico. “Noi siamo cinque e ognuno di noi ha la propria personalità. Siamo cinque rimbambiti, ognuno con la sua particolarità. Mettiamo le nostre caratteristiche a servizio della risata e in questo momento più che mai non vediamo l’ora di vedere il sorriso sui volti del nostro pubblico”. Insieme dal 2006 i componenti di questo divertente gruppo mixano tutti i linguaggi possibili dell’arte e dello spettacolo, dalla musica al mimo, passando per la clowneria, il tip tap, il teatro di figura, il rumorismo, la fantasia teatrale e le parodie, con ritmo serrato ed energia travolgente. Grazie a queste qualità la Rimbamband ha avuto ben presto la possibilità di esibirsi in palcoscenici importanti e ha ottenuto notevole visibilità a livello nazionale. Importante è stata la collaborazione con Maurizio Costanzo in varie situazioni tra cui il programma televisivo “Stella”, in onda su Sky Vivo nel 2007, nel “Maurizio Costanzo Show”, registrato al teatro Morgana di Roma, ex Brancaccio, in onda sulle reti Mediaset e nello spettacolo teatrale “ Il poeta straniero, ovvero straniero Ugo poeta”.

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Arriva “Figlio di un Rock” di Carmine Faraco

Posted by fidest press agency su martedì, 15 giugno 2021

Artista poliedrico, amante dell’arte in tutte le sue declinazioni. Carmine Faraco, attore, comico e musicista, torna sulla scena con la presentazione del suo secondo libro, “Figlio di un Rock”, scritto durante la Pandemia. Una passione quella della scrittura che, oltre ai testi per gli spettacoli di cui è appunto autore, lo ha portato già qualche anno fa ad esordire con il volume “Pecché – la fabbrica dell’incubo”, che ha riscosso un notevole successo nella sua formula testo e fumetto. Questa volta Faraco ha scelto invece di raccontare un viaggio, basandosi sull’esperienza maturata nel programma tv “Colorado” nei panni del rocker impertinente sempre pronto alla battuta e alla scoperta in chiave comica dei brani più celebri del panorama musicale italiano. Un personaggio che gli ha reso una grande popolarità e lo ha fatto girare in lungo e in largo per l’Italia in compagnia della sua tastiera. Tra tutti però il tour più speciale è stato quello vissuto insieme al figlio Valerio, al quale nel 2009 ha deciso di regalare una sorpresa. Tappa dopo tappa, padre e figlio, in un mix di avventure, racconti, imprevisti, condivisi lungo la strada che li ha uniti in un maniera indissolubile. Ne esce fuori una sorta di diario di bordo, insolito, originale, unico, che descrive, tra battute, curiosità, aneddoti, un vero viaggio dell’anima in una raccolta di sentimenti profondi che un genitore decide di lasciare in eredità al figlio. Il libro sarà presentato martedi 15 giugno ore 19.00 presso l’area concerti dell’Arcade Pub, in via Nomentana 1111, nello stile di Faraco: un evento travolgente e fuori dagli schemi che vedrà l’artista nel ruolo di scrittore e cantante con la sua band in una serata, in linea con i protocolli di sicurezza, all’insegna della musica e del buonumore.

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Joseph Beuys a 100 anni dalla nascita: una mostra a Casa Mantegna, Mantova

Posted by fidest press agency su lunedì, 14 giugno 2021

Mantova. “Il Tamburo dello Sciamano” espone opere, multipli, video e documenti per omaggiare l’attualità del pensiero dell’artista tedesco protagonista della sperimentazione concettuale Il programma espositivo di Casa del Mantegna a Mantova riparte con la mostra “Joseph Beuys. Il Tamburo dello Sciamano”. L’evento commemora il centenario della nascita di Joseph Beuys, artista che ha segnato la storia dell’arte contemporanea con la sua idea di “arte ampliata”, interpretata in senso antropologico. Dal 19 giugno al 29 agosto 2021 (inaugurazione venerdì 18 giugno alle ore 18) la mostra rende omaggio all’attualità del pensiero di Beuys circa il ruolo dell’artista, l’impegno ambientale, il rapporto tra arte e scienza, con opere, multipli, video, materiale documentario e un calendario di iniziative collaterali. Promossa dall’Associazione Culturale Flangini in collaborazione con la Provincia di Mantova, la personale è curata dal professor Antonio d’Avossa, critico d’arte e docente emerito all’Accademia di Belle Arti di Brera a Milano, studioso dell’opera e del pensiero del Maestro tedesco e curatore di numerose esposizioni in Europa e in America. Grande protagonista della sperimentazione concettuale, Beuys compendia con Andy Warhol, di cui era amico ed estimatore benché su posizioni diverse, le linee fondamentali dell’arte visiva del secondo dopoguerra. Notissimo in Europa e negli USA, dal 1971 lavorò ed espose frequentemente in Italia. Legato in un primo tempo a Fluxus, gruppo che intendeva ricreare il senso dell’arte in relazione alla vita, fu sempre molto attivo nel proporre temi ecologici e politici e fornì un contributo essenziale alla fondazione del movimento dei Verdi (Die Grünen) in Germania. «Il suo attivismo politico va letto non soltanto nel senso ecologico, ma principalmente nell’aspetto antropologico: difesa dell’uomo, della creatività, dei valori umani» (A. d’Avossa). In mostra oltre 100 esemplari di multipli e opere uniche, provenienti da collezioni private e pubbliche, dimostrano un uso strategico di questo “arsenale” creativo e pacifico come arma di propaganda di un pensiero divenuto oggetto di numerose attenzioni e letture. Circa 150 documenti rari guidano il visitatore lungo il percorso della Casa del Mantegna: i manifesti firmatidal Maestro tedesco, le cartoline e le fotografie documentano la sua attività e il suo pensiero. I multipli e i documenti sono accompagnati da una serie di video realizzati tra il 1964 e il 1985, che testimoniano le famose “azioni” durante le quali l’artista coinvolgeva il pubblico con discussioni su temi sociali, dando vita a un nuovo concetto di scultura: la “scultura sociale” (Soziale Plastik). Rari filmati, dodici tra silenziosi e sonori, di “azioni” e discussioni dell’artista sono collocati in quattro differenti postazioni lungo il percorso espositivo. In questo modo essi «rendono visibile l’invisibilità delle sue parole» (A. d’Avossa). Di particolare interesse in mostra la ricostruzione simbolica dell’incidente dell’aereo Stuka JU-87, caduto sul fronte russo in Crimea, a causa di un’improvvisa tempesta di neve, nel febbraio 1943. L’artista fu soccorso da una tribù di nomadi tartari, che praticarono una medicina sciamanica di “ricostruzione”, ricoprendo il suo corpo di grasso animale e avvolgendolo nel feltro. Successivamente venne trasportato nell’ospedale militare tedesco, dove ricevette ulteriori cure. Ilcontatto con la cultura dei Tartari e lo straordinario episodio vissuto favorirono lo sviluppo dell’idea di un’arte come esperienza salvifica del mondo malato; l’uso del feltro e del grasso, materiali ricorrenti nelle sue “azioni”, opere e installazioni, rimanda infatti a quel particolaremomento biografico. La mostra è occasione per una riflessione sul percorso artistico e biografico di questo rivoluzionario artista del ‘900. Nella sala conferenze di Casa del Mantegna saranno organizzati due incontri con il professor Antonio d’Avossa, il 10 e il 24 luglio, il primo dedicato a indagare i rapporti politici e sociali nell’opera di Joseph Beuys nel suo tempo, il secondo incentrato sul rapporto di Beuys con arte, ambiente, scienza e natura. Previsto inoltre un simposio, ancora il 24 luglio, a cui interverranno studiosi e testimoni internazionali, con introduzione e presentazione dello stessocuratore.

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Teatro Tor Bella Monaca: Bolle di sapone

Posted by fidest press agency su sabato, 12 giugno 2021

Roma 18 e il 19 giugno (ore 21), Via Bruno Cirino,5 nella cornice dell’arena estiva del Teatro Tor Bella Monaca, BOLLE DI SAPONE, poetico spettacolo del giovane regista e autore Lorenzo Collalti, interpretato da Grazia Capraro e Daniele Paoloni.Un racconto che con sensibilità si insinua nella profondità dell’animo alienato della società contemporanea. I protagonisti sono due personaggi timidi, ossessivamente timidi, che vivono le loro vite in maniera surreale, intrappolati in una visione fantasiosa del quotidiano. Quando uno scherzo del destino li mette in contatto, sono costretti a rivoluzionare la loro vita per ospitare l’altro, volenti o nolenti. L’incontro di queste due piccole solitudini in una periferia metropolitana è il cuore del racconto, di una storia semplice e comune.Lorenzo Collati, dopo Nightmare N.7, Un Racconto d’inverno e Reparto Amleto, da vita, con Khora Teatro e la sua compagnia “L’Uomo di Fumo”, ad uno spettacolo che rivela una particolare attenzione alle parole e alla scrittura di un testo che va a ricreare sulla scena un affresco emotivo.“Se vivi in un paese di quattromila abitanti conosci tutti, se abiti in una città di tre milioni di persone non conosci nessuno.”- annota Collalti. “È una riflessione paradossale ma descrive chiaramente la difficoltà di incontrarsi in una grande metropoli. La periferia è l’emblema di questa realtà, con centinaia di famiglie che vivono in pochi metri quadrati, a volte nello stesso palazzo, senza conoscersi affatto.Migliaia di paure, gioie, angosce, emozioni diverse tra loro non si toccano per la parete divisoria di un appartamento; pochi centimetri di mattoni e cemento. Questa storia prende due di quegli universi per provare a metterli in contatto, mostrando tutte le loro fragilità.” BIGLIETTI intero 12,00 Euro ridotto 10,00 Euro giovani 8,00 Euro invalidità 7,00 Euro diversamente abili 2,50 Euro prezzo speciale GIFT CARD 10 ingressi 78 Euro PROMOZIONE SPECIALE “TORNIAMO A TEATRO” €. 12 EURO per i due spettacoli SETE, con la regia di Lorenzo Parrotto in scena giovedì 17 giugno (ore 21), e BOLLE DI SAPONE, regia di Lorenzo Collalti. Due spettacoli al prezzo di uno. info e prenotazioni 06/2010579

Posted in Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

XIV edizione Ebraica – Festival Internazionale di Cultura

Posted by fidest press agency su sabato, 12 giugno 2021

Roma Dal 13 al 17 giugno 2021, in presenza e contemporaneamente online sui canali social del Festival, la quattordicesima edizione di Ebraica si interroga sui grandi temi del cambiamento e del futuro attraverso incontri e appuntamenti con i grandi protagonisti del mondo della cultura, dello spettacolo, della letteratura e della scienza.Promosso dalla Comunità Ebraica di Roma e curato da Marco Panella, Ariela Piattelli e Raffaella Spizzichino, quest’anno il Festival analizzerà, attraverso una serie di appuntamenti e incontri, la vicenda pandemica e tutto quello che ne è derivato. Moltissimi gli ospiti italiani e internazionali previsti per questa edizione. Aprirà il Festival domenica 13 giugno il Generale Francesco Paolo Figliuolo con l’incontro Vedere il futuro, una conversazione con il Rabbino Capo di Roma Riccardo Di Segni sul tema della ripartenza, ospitata a Palazzo della Cultura a partire dalle ore 19.30. L’incontro sarà moderato dal direttore del quotidiano La Repubblica Maurizio Molinari.La stessa sera la cantante e attrice romana Tosca presenterà a partire dalle 21.30, in collaborazione con la Fondazione Museo della Shoah, il monologo Soldo de Cacio, di Gianni Clementi in cui racconta la storia di un’ebrea, Giuditta, e di altri ebrei che come lei, durante il rastrellamento del 16 ottobre, si salvarono proprio grazie all’uso della mascherina.Il 13 giugno sarà anche il giorno di inaugurazione della mostra fotografica “Waters to Waters – Ritorno alla vita?” di Merav Maroody. La fotografa, attraverso i suoi scatti che catturano l’acqua, si interroga sul tema della rinascita.Durante la serata sarà inoltre possibile visitare il Museo Ebraico di Roma aperto dalle 21.30 alle 23.30 (ultimo ingresso 23.00) e la Casina dei Vallati – Fondazione Museo della Shoah aperta con orario continuato dalle ore 10.00 alle ore 23.30 (ultimo ingresso ore 23.00).Lunedì 14 giugno il primo incontro si terrà online sui canali social del Festival, a partire dalle ore 19.00. Innovazione e resilienza. Il caso Israele è il titolo scelto per l’appuntamento in cui Dani Schaumann Vicepresidente della Camera di Commercio Italia – Israele, il Professor e Direttore del centro israeliano di medicina delle catastrofi e di medicina umanitaria al Centro Medico Sheba Elhanan Bar-On, lo scrittore e giornalista Massimo Lomonaco e la chef Nadia Ellis ripercorreranno la storia del popolo ebraico e di come, nel corso dei secoli, sia stato protagonista di rinascite che si sono alternate ad eventi catastrofici.A partire dalle 19.30 il Palazzo della Cultura (e anche in streaming) farà da sfondo allo spettacolo di danza Re-born, ideato e coreografato da Mario Piazza. Una performance multidisciplinare tra recitazione e danza contemporanea che interpreta ed esplora il concetto ebraico di rinascita attraverso alcune poesie di Umberto Saba, Leah Goldberg con musiche Klezmer e musiche di Philip Glass.A seguire si terrà l’incontro, Serie TV. La nuova vita del libro, dedicato ad analizzare le serie tv, moderato da Mauro Donzelli, critico cinematografico di Coming Soon. Tra i relatori dell’incontro lo sceneggiatore e regista Alessandro D’Alatri, lo sceneggiatore di serie tv Omri Givon, lo scrittore Gioacchino Criaco e il giornalista e vicedirettore Miniserie, Tv Movie e d’attualità e Docufiction di RAI FICTION Fabrizio Zappi e Ariela Piattelli.Martedì 15 giugno alle ore 18.00 la serata si aprirà con l’incontro online moderato da Marco Panella, Spazio. seconda vita dell’umanità? in conversazione con Massimo Claudio Comparini, Amministratore Delegato Alenia Thales Space Italia e con Simonetta Iarlori, Chief People, Organisation & Transformation Officer, Leonardo spa. Durante l’incontro verranno affrontate diverse tematiche, come il ritorno sulla Luna nel 2024 e poi il grande balzo verso Marte. La nuova stagione dell’esplorazione spaziale si apre con la prospettiva di insediamenti umani stabili in ambienti non terrestri, una straordinaria opportunità non per un trasferimento in massa dal pianeta Terra, ma per il miglioramento di prodotti e materiali che deriva dall’attività di ricerca compiuta in micro gravità. A seguire, dalle 19.00, l’incontro online L’acqua è vita, in cui la scrittrice ed editorialista israeliana Emuna Elon si confronterà con Simonetta della Seta, Ex direttrice del MEISed esperta di ebraismo, per raccontare come l’ebraismo offra strumenti di resilienza, correzione e cambiamento anche in situazioni estreme. La vicenda pandemica ha accelerato l’adozione di un modello di lavoro a distanza sul quale, dopo essere stato inizialmente accolto con interesse, a quasi due anni dall’inizio della pandemia si avverte invece un processo critico e, in diversi casi, di ripensamento. Se l’uomo è un essere sociale, il lavoro può essere un fattore individuale? Su questo si interrogano nell’incontro, sempre online dalle ore 20.00, Soli o ben accompagnati? Lavoro, socialità e rigenerazione economica, Marco Panella e l’esperta di economia politica e docente di Business Administration in the Strategy Unit alla Harvard Business School, Raffaella Sadun.Chiuderà la serata l’incontro con gli scrittori Lia Levi ed Edoardo Camurri e Ariela Piattelli, che a Palazzo della Cultura dalle 20.30 saranno protagonisti del tema Raccontare è un altro rinascere. Mercoledì 16 giugno il primo incontro sarà online a partire dalle ore 19.00 Smart living. Città, case, persone, in cui Marco Panella, il responsabile degli Affari istituzionali centrali di Enel Italia Fabrizio Iaccarino e il giornalista Marco Frittella si interrogano su come ridisegnare il modello di relazione tra persone, comunità, spazi urbani e ambiente all’insegna della sostenibilità e dell’innovazione sociale. A seguire, Raiz storica voce degli Almamegretta, presenterà dalle 20.30 in poi al Palazzo della Cultura, insieme alla giornalista e vicedirettore del TG2 Francesca Nocerino, il suo nuovo libro Il Bacio di Brianna.Giovedì 17 giugno, ultimo giorno del Festival, Palazzo della Cultura (live & streaming), in collaborazione con il Museo Ebraico di Roma presenterà alle ore 18.30 Storia di ebrei, storia italiana con la giornalista Loretta Cavaricci, il Professore di Storia economica all’Università degli Studi di Milano Germano Maifreda e Serena Di Nepi, docente di Storia Moderna all’Università La Sapienza di Roma. A chiusura del Festival, Raffaele Morelli Psichiatra e Psicoterapeuta, fondatore e Presidente dell’Istituto Riza di Medicina Psicosomatica e direttore dell’omonima rivista, terrà alle ore 19.30 una Lectio Magistralis centrata sul tema cardine del festival, dal titolo I giorni della rinascita.

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Mostra personale “Powerfull – L’estroflessione pop di un’idea dell’essere

Posted by fidest press agency su venerdì, 11 giugno 2021

Roma. Mercoledì 16 giugno, fino a venerdì 25 giugno, presso Galleria SpazioCima, mostra personale “Powerfull”, visitabile da lunedì a giovedì, dalle 15:30 alle 19:30, Ingresso libero.con le opere di Giampiero Malgioglio. L’esposizione, a cura di Arianna Forni e organizzata da Roberta Cima, è a ingresso libero, visitabile da lunedì a giovedì, dalle 15:30 alle 19:30. Giampiero Malgioglio attinge alle grandi icone della cultura pop, ai grandi loghi del nostro vivere quotidiano, ai frutti del marketing globale: dalla mela di Apple al pipistrello di Batman, dalle bottiglie di Coca Cola all’italianissima Vespa. Le grandi immagini, le più potenti, dell’immaginario collettivo riprendono vita attraverso un nuovo punto di vista, che si avvicina allo spettatore in maniera prepotente e straordinaria, proponendo nuove emozioni e nuovi spunti di riflessione. Tanti i riferimenti anche al mondo dell’arte e della cultura, dalla Bambina con il palloncino di Banksy allo scatto di Iain Macmillan che immortala i Beatles ad Abbey Road, Liverpool.

Posted in Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

InMostra. Gli Archivi di AitArt presentano i propri artisti

Posted by fidest press agency su venerdì, 11 giugno 2021

Presentazione online: 14 giugno, alle ore 18 https://global.gotomeeting.com/join/766228605. Gli Archivi di AitArt presentano i propri artisti, una serie di rassegne virtuali nate da un’idea di Mariateresa Chirico, che presenteranno l’opera degli artisti degli Archivi associati.In un momento in cui, finalmente a livello globale, sta conquistando sempre maggiore attenzione la questione di genere, il primo appuntamento della rassegna dal titolo PASSIONE ARTE è dedicato al talento delle donne, ovvero alle artiste i cui archivi sono soci di AitArt: Gabriella Benedini, Rachele Bianchi e Carol Rama. Gabriella Benedini, Rachele Bianchi e Carol Rama: tre artiste molto diverse tra loro per storie personali e per ricerca artistica, che hanno operato in modi e ambiti del tutto differenti. Sono state accomunate, però, nel loro operare da una forte, caparbia determinazione, hanno lavorato, instancabili, nonostante le difficoltà determinate dal loro essere donne in una società, anche quella dell’arte, declinata prevalentemente al maschile. La mostra virtuale, articolata in tre rassegne personali ideate dai curatori dei rispettivi archivi – Mariateresa Chirico, Giorgio Uberti e Maria Cristina Mundici – sarà visibile in concomitanza con la presentazione che avverrà sulla piattaforma global.gotomeeting.com/join/766228605. La mostra rimarrà poi a disposizione del pubblico sul sito di AitArt.Tre artiste molto diverse tra loro per storie personali e per ricerca artistica, che hanno operato in modi e ambiti del tutto differenti. Sono state accomunate, però, nel loro operare da una forte, caparbia determinazione per poter giungere a esprimere il proprio universo, la propria concezione della vita e del mondo. Hanno lavorato, instancabili, “nonostante” le difficoltà determinate dal loro essere donne in una società, anche quella dell’arte, declinata prevalentemente al maschile e che vedeva il loro operare come un divertissement, un passatempo, certo non come un impegno che assorbe completamente, un’urgenza che reclama fatica, dedizione e passione.Il progetto si inserisce tra le attività che dal 2014 AitArt promuove, nella convinzione dell’importanza degli Archivi d’Artista quale strumento di conservazione e valorizzazione del patrimonio artistico italiano e della sua tutela all’interno del mercato delle opere d’arte e sostiene la necessità di un loro riconoscimento giuridico.

Posted in Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Cinema: Raffaello. Il giovane prodigio

Posted by fidest press agency su venerdì, 11 giugno 2021

In uscita nelle sale italiane solo il 21, 22, 23 giugno RAFFAELLO. IL GIOVANE PRODIGIO, diretto da Massimo Ferrari e prodotto da Sky, è il docu-film con la voce narrante di Valeria Golino che si propone di raccontare Raffaello a partire dai suoi straordinari ritratti femminili. La madre, l’amante, la committente, la dea: le ‘protagoniste’ della vita di Raffaello permettono di raccontare il pittore da una nuova prospettiva e di indagare sulla sua continua ricerca della bellezza assoluta. A guidarci alla scoperta dell’artista oltre a Vincenzo Farinella, professore ordinario di Storia dell’Arte Moderna all’Università di Pisa e consulente storico-scientifico del progetto, ci saranno gli interventi autorevoli di Lorenza Mochi Onori, storica dell’arte ed esperta di Raffaello, Giuliano Pisani, filologo classico e storico dell’arte italiana, Tom Henry, direttore dell’Università del Kent a Roma, Amélie Ferrigno, storica dell’arte e ricercatrice associata presso il Centre d’Études Supérieures de la Renaissance (CESR Tours), Ippolita di Majo, sceneggiatrice e storica dell’arte e Gloria Fossi, storica dell’arte medievale e moderna. Realizzato da Sky con la produzione esecutiva affidata a Progetto Immagine, RAFFAELLO. IL GIOVANE PRODIGIO ha ottenuto il Patrocinio della Città di Urbino. La Grande Arte al Cinema è un progetto originale ed esclusivo di Nexo Digital ed è distribuita in esclusiva per l’Italia da Nexo Digital con i media partner Radio Capital, Sky Arte, MYmovies.it, ARTE.it e in collaborazione con Abbonamento Musei.

Posted in Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

XXXIII edizione del Premio Charlot

Posted by fidest press agency su venerdì, 11 giugno 2021

Salerno. Ad un mese dall’inizio della XXXIII edizione del Premio Charlot, che si svolgerà tra il Teatro delle Arti e l’Arena del Mare di Salerno, il patron Claudio Tortora annuncia i primi due ospiti della kermesse. Il 20 luglio, con inizio alle ore 21,15 saliranno sul palcoscenico Emilio Solfrizzi ed Antonio Stornaiolo, due bravissimi attori, stimati ed amati da critica e pubblico. Il primo noto per le sue interpretazioni in film e serie tv come El Alamein – La linea del fuoco, Selvaggi, Un matrimonio da favola, Fratelli coltelli, Sei forte maestro e Tutti pazzi per amore etc, il secondo per le sue interpretazioni in film e serie tv come Io non ci casco, Buona giornata, Distretto di Polizia, Il commissario Zagaria ed altri. Ma dire Emilio Solfrizzi ed Antonio Stornaiolo vuol dire anche Toti e Tata, un duo comico, che ha debuttato nel 1985 per poi sciogliersi nel 1998 e riunitosi nel 2011. Nei panni di Toti e Tata, la coppia Solfrizzi – Stornaiolo ha raggiunto una notevole popolarità in Puglia, Basilicata e Campania. Il grande successo ottenuto sulle reti locali Telebari, Telenorba, Teledue e Telecolore, è dovuto alla loro satira irriverente, in gran parte legata alla collaborazione con l’autore e regista Gennaro Nunziante. Tra le interpretazioni più apprezzate del duo non possiamo non ricordare il poeta Mino Pausa ed il Duo Novembre; ed ancora Kiavik l’improbabile emulo di Superman; Mazza e Panella, con il presentatore di finte televendite Mazza (Stornaiolo) e il suo aiutante Ciro Ciuffino (Solfrizzi); il giornalista Lino Linguetta; il cantante neomelodico barese Piero Scamarcio, supportato dallo “Scippatore d’emozioni”: in questa veste, i due pubblicano nel 1993 un Lp di cover parodistico-demenziali dal titolo Ricover, la coppia di Mormoni e gli Oesàis (parodia molfettese del famoso gruppo degli Oasis). “Tutto il mondo è un palcoscenico” è il titolo dello spettacolo che il duo, presenterà al pubblico del Premio Charlot, dove sono stati ospiti, lo ricordiamo nel 1996, per poi tornarci ancora Stornaiolo come presentatore di diverse edizioni e Solfrizzi premiato per il teatro durante la XIX edizione. Il titolo trae spunto da una commedia di Shakespeare e indaga con ironia e leggerezza, ma anche con la capacità di divagazione che appartiene ai due attori, le scene e le controscene del nostro quotidiano. Torna, dunque, la comicità della coppia artistica più amata dai pugliesi, ma anche dai salernitani che non hanno mai dimenticato le avventure di Toti e Tata, ed ora grazie al Premio Charlot, potranno rivederli nuovamente insieme e riapplaudirli in una serata dove l’unica parola d’ordine sarà: ridere.

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

XV^ Edizione del “Premio Margutta – La Via delle Arti”

Posted by fidest press agency su venerdì, 11 giugno 2021

Straordinarie emozioni si sono vissute alla XV^ Edizione del “Premio Margutta – La Via delle Arti”, uno dei più prestigiosi appuntamenti culturali programmati nella città di Roma, ideato Antonio Falanga, organizzato da Grazia Marino e prodotto da Spazio Margutta. L’iniziativa, patrocinata dalla Regione Lazio, dal Municipio Roma I Centro e dall’Associazione Internazionale di Via Margutta, anche quest’anno è stata accolta in uno dei siti più prestigiosi della capitale: il Parco Archeologico del Colosseo. Nella Curia Iulia, l’antica sede del senato romano, autorevoli personalità del mondo delle arti, della cultura e dell’informazione hanno ritirato l’ambita scultura del “Premio Margutta – La Via delle Arti”, realizzata dal Maestro orafo Gerardo Sacco, ispirata ai due mascheroni della “Fontana degli Artisti” realizzata in bronzo, perspex, acciaio specchiato mentre la base riprende lo stesso travertino della fontana con lavorazione a poro aperto. A condurre magistralmente e professionalmente l’iniziativa è stata, anche quest’anno Cinzia Malvini coadiuvata nell’introduzione storica della manifestazione, dal critico d’arte Mirko Baldassarre. Per la Sezione Arte il premio è stato conferito al Parco Archeologico del Colosseo la scultura è stata ritirata dal Direttore del Museo Dott.ssa Alfonsina Russo, per la Sezione Giornalismo al Direttore del TG2 Gennaro Sangiuliano; per la Sezione Informazione ha ritirato il premio Gian Marco Chiocci Direttore di ADN Kronos; a Luca Barbarossa il premio per la Sezione Musica; per la Sezione Teatro ha ritirato il premio Carlotta Proietti mentre per la Sezione Televisione Serena Bortone; a Rocío Muñoz Morales il premio per la Sezione Libri; ad Antonio Mancinelli il premio per la Sezione Editoria Moda; per la Sezione Fiction il premio è andato a Daniele Liotti mentre all’Arch. Antonio Romano quello per la Sezione Design, ed infine per la Sezione Imprenditoria il premio viene conferito a Miamo, a ritirare il premio, Giovanni D’Antonio, CEO e Co-founder di Mesdpa Srl e la fondatrice di Miamo la Dott.ssa Elena Aceto di Capriglia. La kermesse, oltre a celebrare i principali protagonisti del mondo della cultura e dell’arte del nostro bel Paese, è ritenuta da sempre anche una prestigiosa “vetrina” ideata per promuovere le principali realtà imprenditoriali nazionali, alle quali durante l’evento viene conferito il Premio “Italian Style”. Quest’anno il riconoscimento è andato a CNA Federmoda che raggruppa i settori tessile, abbigliamento, calzature, pellicceria, sartoria, imprese artigiane e PMI del comparto moda italiano, ha ritirare il premio Antonio Franceschini Resp. Nazionale CNA Federmoda; a Fulvia Beltrami wealth manager, con 30 anni di appassionata esperienza nel privat banking, tra i soci fondatori di Azimut Global Advisory”, va il secondo conferimento ed infine per l’Associazione La Strada del Vino del Val di Noto, intenta a rilanciare un manifesto programmatico che pone l’accento sull’anima produttiva del territorio, ha ritirato il premio il Direttore Frankie Terranova. Prestigiosi i partner dell’evento: Il Maestro Gerardo Sacco, anche quest’anno ha realizzato nei laboratori della sua maison d’arte orafa, il “Premio Margutta – La Via delle Arti”. La scultura si ispira alla famosa fontana di via Margutta nota anche come la Fontana degli Artisti di Roma disegnata e realizzata in travertino dall’architetto e scultore Pietro Lombardi. Il Maestro ha voluto rendere omaggio a questo premio rivisitando artisticamente le due maschere della fontana con quelle del teatro Greco/Romano. Miamo è un brand di cosmetici funzionali creato nel 2012 dalla dedizione e dalla professionalità di due farmaciste madre e figlia, Elena Aceto di Capriglia e Camilla D’antonio, accanto al figlio e fratello Giovanni D’Antonio, con un brillante background manageriale alle spalle.La loro collaborazione ha permesso di coniugare tradizione e innovazione attraverso l’arricchente dialogo tra generazioni; la passione comune è il trait d’union tra la storia e l’esperienza nei laboratori chimici italiani e le più moderne ricerche scientifiche americane. Nel 2018 arriva Epigenage®, pool di attivi epigenetici ad azione anti-aging brevettato Miamo, avente un impatto sui geni che regolano l'invecchiamento della pelle. La filosofia di Miamo è presente anche nelle SPA delle farmacie, dove punta ad introdurre il proprio approccio innovativo al trattamento estetico professionale, unendo manualità esclusive, attivi funzionali e tecnologie all’avanguardia. Miamo riassume nel pay-off della linea, “HEALTHY SKIN SYSTEM” la sua missione. Azimut Global Advisory divisione nata nel 2014, una struttura specializzata capace di soddisfare  le richieste del cliente più esigente in linea con un modello innovativo di consulenza globale del patrimonio. Una consulenza ampia supportata dal Gruppo Azimut e con la possibilità di attingere alle competenze di partner specializzati appositamente selezionati. Il Margutta vegetarian food&art, di Claudio e Tina Vannini, portabandiera della cucina vegetariana e vegana in Italia, promuove una cultura del cibo sano, giusto e sostenibile, dando vita ad un modello di ristorazione unico nel quale eccellono l’eno-gastronomia made in italy, il rispetto per l’ambiente e gli animali. In questo spazio votato all’ospitalità, si susseguono esposizioni di artisti quotati e giovani emergenti, eventi teatrali, presentazioni di libri, incontri e dibattiti, con un’attenzione particolare alle nuove tendenze, alla moda, al design e all'ambiente. La Radik arredi, una realtà nel cuore di Roma, con un’esperienza pluriennale nell’arredamento di interni. Passione per il design, professionalità e alta qualità dei prodotti, sono i suoi punti di forza. Con un team competente e creativo, riesce a rinnovare l’atmosfera di un ambiente, rendendolo unico. La continua ricerca dei tessuti, materiali pattern e colori, fanno della Radik arredi una delle realtà di punta della Capitale, con un occhio sempre attento alle nuove tendenze. Radio Italia Anni 60. Una programmazione musicale ricca di grandi successi italiani e stranieri dal 1960 ad oggi, grandi classici d’autore, brani legati ai ricordi e non solo alle classifiche. All’interno del palinsesto, rubriche, format, informazione nazionale e regionale per interrompere ma non abbandonare mai la “mission” della radio. Radio Italia Anni 60 ha un target alto e l’ascolto è gradevole, grazie ad un format musicale che predilige naturalmente i grandi successi degli autori italiani e stranieri” ma che non disdegna la programmazione delle ultime uscite del momento, ovviamente in target.

Posted in Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Foligno: Inaugurazione mostre

Posted by fidest press agency su giovedì, 10 giugno 2021

Foligno sabato 12 giugno ore 10.00 Sala Conferenze Museo Capitolare Diocesano Largo Giosuè Carducci, 40 e ore 12 Corte di Palazzo Trinci Piazza della Repubblica, 25. Il Cinquecentenario dalla morte di Raffaello Sanzio è stato un pretesto perfetto per sollecitare l’arte contemporanea a riscoprire e interpretare temi e canoni estetici che sembrano oggi così distanti. La mostra Raffaello e La Madonna di Foligno: la fortuna di un modello ospitata presso Palazzo Trinci a Foligno dal 24 settembre 2020 al 24 ottobre 2021, consta di diversi capolavori ispirati all’opera di Raffaello. Il Comune e la Diocesi di Foligno, hanno fortemente voluto e lavorato verso la realizzazione di un progetto speciale che coinvolgesse l’arte contemporanea affidando dunque alla storica dell’arte e curatrice Marta Silvi due eventi dedicati al linguaggio Contemporaneo: la mostra di Nicola Samorì presso il Museo di Palazzo Trinci e una open call con la conseguente mostra dei finalisti presso il Museo Capitolare Diocesano di Foligno, entrambe aperte dal 12 giugno al 24 ottobre 2021. Nicola Samorì è chiamato a rileggere e a reinterpretare l’opera della “Madonna di Foligno” e presenterà un progetto speciale dal titolo Dei Santi e del Fuoco espressamente concepito e realizzato per questa occasione. D’altra parte gli artisti hanno accolto con entusiasmo l’invito a confrontarsi e rileggere in chiave contemporanea la “Madonna di Foligno” di Raffaello: ben 114 candidature per più di 150 progetti sono pervenute al Comune di Foligno in risposta al bando “Open call: La Madonna di Foligno, il meteorite e il punctum. Come rileggere un capolavoro” indetto a fine ottobre 2020. La votazione finale ha rilevato la presenza di diversi ex aequo che hanno consentito l’ammissione di 17 opere anziché le 10 originariamente previste, per 18 artisti. La mostra collettiva presso il Museo Capitolare Diocesano di Foligno vedrà esposte le opere di DARIO AGATI, FELICIANO BENCI, BEATRICE CARUSO, GIUSEPPE DE MATTIA, STEFANO EMILI, FABIO GIORGI ALBERTI, GIOVANNI KRONENBERG, MELETIOS MELETIOU, LEONARDO PETRUCCI, SOFIA RICCIARDI, MASSIMO RICCIARDO, GUENDALINA SALINI & DELPHINE VALLI, ALESSANDRO SCARABELLO, KARIN SCHMUCK, DANILO SCIORILLI, CATERINA SILVA, COSIMO VENEZIANO. L’opera vincitrice verrà acquistata dal Comune di Foligno per un valore di tremila euro entrando a far parte della collezione permanente di arte contemporanea del Comune.Sarà presente S.E.R. Mons. Gualtiero Sigismondi, Vescovo di Orvieto-Todi e Amministratore Apostolico di Foligno Saranno presenti gli Artisti e la Giuria: Cecilia Casorati, Direttrice dell’Accademia di Belle Arti di Roma Emanuele De Donno, Docente e fondatore Via Industriae Pierluigi Metelli, Collezionista Nicola Samorì, Artista Marta Silvi, Critica e Curatrice Alle ore 16.00 proclamazione del vincitore nella Corte di Palazzo Trinci Segue apertura al pubblico della mostra

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

La Resistenza negata di Fortunato Calvino

Posted by fidest press agency su giovedì, 10 giugno 2021

Capodimonte (Napoli) 12 e 13 giugno 2021 Praterie della Capraia Inizio della rappresentazioni alle ore 21.00. Sarà il Campania Teatro Festival 2021 a ospitare nell’affascinante cornice di Capodimonte – Praterie della Capraia (ingresso Porta Miano) il debutto, in prima assoluta, de La Resistenza negata di Fortunato Calvino, testo vincitore della III edizione del Premio di Drammaturgia Internazionale “Carlo Annoni 2020”, di cui il drammaturgo partenopeo firma anche la regia.Presentato da Prospet – Produzione Spettacolo, l’allestimento vedrà la presenza in scena di Carlo Di Maio, Mirko Ciccariello, Ivano Schiavi, Luigi Credendino, Ivana Maione, Rossella Di Lucca, Gregorio De Paola e Antonella Cioli, avvolti dalla scenografia di Gilda Cerullo, i costumi di Annamaria Morelli e accompagnati dalle musiche originali di Enzo Gragnaniello.La drammaturgia originale de La Resistenza negata è incentrata sulla figura di Arcangelo, partigiano durante le Quattro Giornate di Napoli, che racconta al nipote la sua giovinezza in armi e la sua Resistenza.L’uomo rievoca, così, i ripensamenti di chi ha combattuto contro i nazisti in una lotta impari, i morti e i sopravvissuti alla prigionia, ma, soprattutto, coloro che hanno combattuto per la libertà. Tra essi, tante donne e femminielli, che combatteranno insieme per liberare la città dai tedeschi, in un finale dai connotati eroici.“La memoria è sacra, e con il debutto in scena de La Resistenza negata – sottolinea Fortunato Calvino – voglio ricordare il ruolo che ebbero i Femminielli di Napoli durante le Quattro Giornate. Con il loro sacrificio contribuirono con tutto il popolo a liberare la città dall’occupazione Nazifascista. A Vincenzo, alla Cecata a Mariasole e a tante altre, che lottarono perdendo la propria vita sulle barricate di San Giuvannièllo e nei vicoli e nelle strade della città. A loro, è dedicato questo mio testo”. Ci sono tutti gli stati d’animo di un popolo intrappolato in una guerra non voluta nell’allestimento, che punta sulle scene corali, seguendo le didascalie del testo e alternando ai dialoghi il suono ossessivo delle bombe, delle esplosioni che accompagnarono le giornate dei napoletani in quei giorni.E’ un passato che non si deve dimenticare quello che mette in scena Fortunato Calvino, attraverso la forza di uomini e donne, l’evocazione di quanti sono morti, di quanti sono sopravvissuti alla prigionia e di quanti si sono armati, combattendo per la libertà.La Resistenza negata nasce dalla preziosa collaborazione con ANPI Napoli e Antinoo Arci Gay Napoli, grazie ai racconti, rispettivamente, del partigiano Antonio Amoretti e al supporto di Antonello Sannino.La scena dello spettacolo è realizzata in collaborazione con gli allievi del corso di Scenotecnica dell’Accademia di Belle Arti di Napoli.

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »