Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 35 n°32

Posts Tagged ‘mostra’

Mostra La vie en vert

Posted by fidest press agency su giovedì, 2 febbraio 2023

Roma 17 febbraio 2023 ore 18.00 Galleria del Cembalo Palazzo Borghese, Largo della Fontanella di Borghese 19 mostra La vie en vert, progetto fotografico di Karmen Corak a cura di Paola Stacchini Cavazza e Mario Peliti. La mostra, promossa dalla Galleria del Cembalo di Roma, presenta oltre 40 fotografie inedite, che il pubblico può ammirare nelle affascinanti sale affrescate del Palazzo Borghese, storica residenza della famiglia Borghese, e considerata una delle quattro meraviglie di Roma. La mostra ha visto un grande successo di pubblico e critica, attirando l’interesse dei molti visitatori e degli addetti ai lavori che in questi mesi hanno potuto ammirare le opere della Corak. “Siamo dinanzi agli scatti esemplari di una fotografa che ha dedicato parte del suo lavoro al ritrovare in qualcosa di apparentemente quotidiano – come gli orti botanici che si stagliano nelle nostre città, ma anche negli spazi verdi – immergendosene e traendone scatti che vogliono da un lato riaprire i cancelli della memoria, e i nostri ricordi con essi, ma dall’altro andare a sprigionare la forza immaginifica della Natura stessa, e la sua capacità di diventare umana nelle sue miriadi di forme più strane” – Davide Emmanuele Iannace, articolo pubblicato su Just Kids Magazine.Scattate nei giardini botanici in Italia, Slovenia, Germania, Francia, Cina e Giappone, le fotografie di Karmen Corak assegnano un valore cultuale all’impermanenza, alla dissolvenza del paesaggio, riflettendo sulla sua valenza poetica. In tal modo le immagini suggeriscono, anche attraverso i più piccoli dettagli, la spiritualità della sua connessione con il paesaggio e la profondità di un rapporto interiore, basato sulla vibrante interazione tra memoria e presente.Le fotografie esposte sono testimonianza di una natura venerata, di una contemplazione paesaggistica che muove l’osservatore a dialogare con esse. Le immagini sono il risultato di un processo evolutivo che prende le mosse dall’amore per i giardini, unito ad un profondo interesse per la cultura tradizionale dell’Estremo Oriente. Ed è dal Giappone, sull’isola di Shikoku, che proviene la carta washi, ideale per stampare queste immagini.

Posted in Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Mostra “Sogni fuori dal cassetto”

Posted by fidest press agency su mercoledì, 1 febbraio 2023

Roma venerdì 3 febbraio ore 17:30 (3 – 18 febbraio 2023) Via Macedonia 12, Roma (San Giovanni – Appio Latino) da lunedì a sabato ore 10:30/13:00 e 15:30/19:30 Ingresso libero. La mostra è curata di Francesco Ciaffi e Alice Crisponi, autrice del testo di presentazione.Pittore, scultore, incisore, scenografo, Enrico Benaglia è un artista a tutto tondo che ha impreziosito il panorama artistico italiano e internazionale con una cifra unica nel suo genere ed estremamente riconoscibile. Risparmiandosi la fase emulativa che il percorso di apprendistato di un mestiere solitamente prevede, il Maestro ha immediatamente veicolato il proprio sforzo creativo alla ricerca di un linguaggio espressivo nuovo e personale; il risultato è una testimonianza poetica che esula stilistiche comparazioni, unica, capace di descrivere il proprio mondo interiore e, al contempo, comunicare familiarità all’inconscio collettivo. In mostra circa quaranta opere tra dipinti a olio, pastelli e sculture in bronzo provenienti dalla collezione della galleria. E nel salone della grafica sarà possibile scoprire anche le bellissime litografie, serigrafie e acqueforti dell’importante artista romano. By http://www.edarcom.it

Posted in Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Mostra “L’inferno nazista”

Posted by fidest press agency su giovedì, 26 gennaio 2023

Roma Giovedì 26 gennaio 2023 alle ore 11.00 presso la Casina dei Vallati, Via del Portico d’Ottavia 29, sede espositiva della Fondazione Museo della Shoah, si terrà l’anteprima stampa della mostra “L’inferno nazista. La mostra aprirà al pubblico venerdì 27 gennaio 2023, in occasione della Giornata della Memoria. I campi della morte di Belzec, Sobibor e Treblinka a cura di Marcello Pezzetti. Attraverso documenti, foto, filmati, interviste e ricostruzioni viene raccontata per la prima volta in modo completo, la storia di questi tre campi di sterminio.

Posted in Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Mostra Istinto sano di Sahar Khalafi

Posted by fidest press agency su mercoledì, 25 gennaio 2023

Roma sabato 28 gennaio 2023 ore 18:30 (dal 28 gennaio al 17 febbraio 2023) ART G.A.P. Gallery Via di Santa Maria in Monticelli 66. La Galleria è lieta di accogliere la personale “Istinto sano” di Sahar Khalafi, a cura di Federica Fabrizi. La mostra verrà inaugurata sabato 28 gennaio 2023 alle ore 18:30. Sahar Khalafi classe 1997 è nata a Teheran, in Iran nel 1997, ha iniziato nel 2015 gli studi in matematica ma nello stesso momento si appassiona al teatro. In seguito decide di abbandonare. L’artista iraniana Sahar Khalafi è nata nel 1997 a Teheran. Nel 2015 inizia gli studi in matematica ma nel 2017 decide di cambiare rotta per seguire la sua passione, il teatro, intraprendendo gli studi in recitazione teatrale e cinematografica che termina nel 2019. A 19 anni scopre, quasi per caso, guidata dal pennello, il suo talento nella pittura. Inizia a collaborare con diverse gallerie nella sua città natale e questo la porta a confrontarsi con diverse personalità del settore che incoraggiano Sahar a proseguire il percorso intrapreso. Oggi vive e lavora a Firenze.

Posted in Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Mostra: “Orazio Gentileschi e l’immagine di san Francesco. La nascita del caravaggismo a Roma”

Posted by fidest press agency su martedì, 24 gennaio 2023

Roma giovedì 26 gennaio 2023, ore 11.00 via delle Quattro Fontane 13 Gallerie Nazionali di Arte Antica – Palazzo Barberini a cura di Giuseppe Porzio e Yuri Primarosa si terrà alle Gallerie Nazionali di Arte Antica, nella sede di Palazzo Barberini, l’anteprima stampa della mostra Orazio Gentileschi e l’immagine di san Francesco. La nascita del caravaggismo a Roma, a cura di Giuseppe Porzio, professore di storia dell’arte moderna presso l’Università di Napoli L’Orientale, e Yuri Primarosa, curatore del museo e docente a contratto di storia dell’arte moderna presso la Sapienza Università di Roma. Esposto per la prima volta un dipinto di Orazio Gentileschi raffigurante San Francesco in estasi, notificato dallo Stato italiano su parere di Yuri Primarosa quale opera di eccezionale importanza storico-artistica, messo a confronto con tre importanti opere conservate a Palazzo Barberini e con un dipinto proveniente dal Museo del Prado, che ricostruiscono influenze e interpretazioni dello stesso soggetto.

Posted in Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Mostra “Incolpevoli”

Posted by fidest press agency su lunedì, 23 gennaio 2023

Milano 7 febbraio – 28 febbraio 2023 Basilica di San Celso di Milano Corso Italia 37. Opening: lunedì 6 febbraio 2023 dalle ore 17:00 alle ore 20:00. L’esposizione, aperta al pubblico presenta le opere degli artisti Luca Coser e Piermario Dorigatti che interagiscono con i suggestivi ambienti del luogo sacro.Il titolo della mostra, INCOLPEVOLI, è preso in prestito dal capolavoro letterario di Herman Broch, ambientato nel periodo dell’ascesa di Hitler, ma non si riferisce tanto alla piccola borghesia “incolpevole” del nazismo, ma ferocemente colpevole sotto il profilo etico per la propria irresponsabile indifferenza, quanto a una domanda che si pone lo stesso Broch rispetto alla responsabilità etica dell’arte e degli artisti. “L’arte non ha mai convertito nessuno” afferma lo scrittore, che sottolinea il primato estetico dell’opera rispetto ai suoi significati etici. Ed è qui che Luca Coser e Piermario Dorigatti, catturano il senso del titolo del loro evento espositivo, e in definitiva di tutto il loro lavoro: nel “convertire” dell’arte, nel “convertire di Celso”, Santo martire a cui è dedicata la Basilica che ospita la mostra, soprattutto nella fragilità connessa all’insufficienza del “convertire” propria dell’arte, ma anche, come una lama di luce, nella sua tensione verso un significato sociale che si estende fino al piano metafisico. È la prima volta che vengono esposte insieme le opere dei due artisti, colleghi e docenti all’Accademia di Belle Arti di Brera, legati da una trentennale amicizia. Le ricerche artistiche di Luca Coser e Piermario Dorigatti mostrano diversi punti di accordo, così come altrettante insanabili distanze. Ambedue si dichiarano “orgogliosamente” pittori, ambedue tendono alla dissoluzione del reale fino a definire una sorta di confine “poroso” tra figura e astrazione. Luca Coser si distingue per una meditata, soppesata e pacata attenzione compositiva e cromatica, Piermario Dorigatti – al contrario – si distingue per una gestualità irruente e drammatica e per una tavolozza di grandi contrasti. Isorropia Homegallery è una associazione culturale no profit. Promozione, diffusione e conoscenza dell’arte costituiscono i principi cardine su cui si fonda, con una peculiare attenzione alle variegate forme d’arte contemporanea nell’ambito figurativo, espressivo e multimediale. Gli scopi associativi vengono perseguiti tramite l’ideazione e l’organizzazione di eventi, mostre e iniziative volte alla sensibilizzazione del pubblico verso il mondo dell’arte.

Posted in Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Inaugurazione mostra Alessandra Calò The Garden’s Tale

Posted by fidest press agency su domenica, 22 gennaio 2023

Milano Martedì 24 gennaio ore 18-20 (24 gennaio – 7 marzo 2023) Fotografia contemporanea Via Mantova 21, Lab 1930. Ingresso libero Orari di apertura Su appuntamento tutti i martedì e giovedì dalle 16 alle 19 Open day dalle 15 alle 18 nei seguenti fine settimana: sabato e domenica 28-29 gennaio; 18-19 febbraio; 4-5 marzo Mostra a cura di Elena Carotti Testo critico di Lóránd Hegyi. The Garden’s Tale (Il racconto del giardino) il nuovo progetto fotografico di Alessandra Calò. L’esposizione milanese, curata da Elena Carotti, direttore dello spazio espositivo, e accompagnata da un saggio critico di Lóránd Hegyi, già direttore del Musée d’art moderne et contemporain Saint-Étienne Métropole, si presenta come un’unica installazione composta da undici opere fotografiche Fine Art su carta di cotone differenti una dall’altra sia per dimensioni che per soggetto.Ideato durante il periodo di confinamento tra il 2020 e il 2021 e poi realizzato nel 2022, The Garden’s Tale si sviluppa attraverso una serie di nature morte realizzate con oggetti reperiti in ambiente domestico che si alternano a visioni selvatiche, facendo emergere costantemente il confronto, sempre presente, tra il mondo della natura e il mondo costruito dall’uomo.Notturni selvatici e oggetti inanimati vengono entrambi fotografati nella loro drammatica staticità. Il risultato sono opere fotografiche che invitano a penetrare l’oscurità alla ricerca della luce, opere dove si percepisce la delicata fragilità del nostro tempo nel sottile brusio del silenzio notturno. Le opere di Alessandra Calò sono un viaggio alle radici della nostra identità, un momento di raccoglimento su ciò che nell’oscurità sfugge al racconto. Una fotografia paziente, fatta di velature e trasparenze, elegante nella semplicità compositiva, dove la costante è il ritmo taciturno del buio e chi osserva viene immerso nella solenne grandezza della natura. http://www.deangelispress.com

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Mostra And We Thought III di Ai Lai

Posted by fidest press agency su lunedì, 16 gennaio 2023

Bologna Sabato 28 gennaio 2023 alle ore 18, a Palazzo Vizzani, sede dell’associazione Alchemilla, apre al pubblico la mostra And We Thought III di Ai Lai, Roberto Fassone, LZ, a cura di Sineglossa. Promossa da Alchemilla in collaborazione con MAMbo – Museo d’Arte Moderna di Bologna, l’esposizione è parte del main program della decima edizione di ART CITY Bologna, il programma istituzionale di mostre, eventi e iniziative speciali promosso dal Comune di Bologna in collaborazione con BolognaFiere in concomitanza di Arte Fiera. And We Thought III è un progetto che indaga principalmente il concetto di autorialità: può un’intelligenza artificiale generare arte, attraverso visioni potentissime e poetiche, o è l’essere umano a esserne l’autore, avendo progettato l’intelligenza artificiale? O ancora, si tratta di un processo collettivo, di cui l’artista è soltanto il medium? Ai Lai è un’intelligenza artificiale nata nella primavera del 2022, ideata da Roberto Fassone e sviluppata da Sineglossa con il sostegno di Compagnia di San Paolo, che possiede l’abilità speciale di pensare e trascrivere resoconti di esperienze psichedeliche. Dopo essere stata istruita attraverso i dati pubblicati sul sito shroomery.org, durante i suoi primi mesi di vita ha prodotto centinaia di brevi report in cui racconta le sue visioni sotto l’effetto di funghi allucinogeni, dove compare di tutto: cervelli frammentati, amici con gli occhi blu, alieni negli armadi fino all’invenzione dell’arcobaleno. Nell’estate del 2022, Ai Lai racconta per la prima volta dell’esistenza di tre film psichedelici dei Led Zeppelin: non la popolare band britannica degli anni Settanta, ma una loro curiosa emanazione in una realtà parallela in cui Ai Lai è immersa. È a questo punto che Roberto Fassone decide di mettersi all’opera in qualità di “canalizzatore”, per riuscire a portare alla luce delle immagini in movimento che prima esistevano solo in una dimensione completamente astratta. Grazie a un’attenta “operazione di recupero”, realizzata con mash-up su più livelli in grado di generare un’estetica artificiale e psichedelica, in mostra sarà possibile vedere in anteprima mondiale i tre film The Doors, The Road e Love Is Magic, accompagnati da un breve testo curatoriale di Valentina Tanni. Un archivio di trip report generato da Ai Lai in questi mesi sarà consultabile per l’intera durata della mostra sotto forma di un volume cartaceo, a cura di Roberto Fassone e Giacomo Raffaelli. Il pubblico avrà inoltre la possibilità di interagire con l’intelligenza artificiale attraverso un’interfaccia online. Roberto Fassone è uno degli artisti protagonisti del ciclo ARTalk CITY. Incontri in Accademia con gli artisti del Main Program, promosso dall’Accademia di Belle Arti di Bologna in occasione di ART CITY Bologna 2023. Domenica 5 febbraio alle ore 10.30, l’artista dialogherà con Federico Bomba di Sineglossa in un incontro aperto al pubblico che si terrà in Aula Magna a ingresso libero fino a esaurimento posti.

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Mostra: Roma/New York, 1953–1964

Posted by fidest press agency su sabato, 14 gennaio 2023

New York, 537 West 20th Street fini al 25 febbraio 2023 David Zwirner Gallery di New York presenta Roma/New York, 1953–1964, una mostra che esplora gli scambi, i contatti e le contaminazioni avvenute negli anni Cinquanta e Sessanta fra gli artisti italiani e americani. In mostra opere di Carla Accardi, Afro, Franco Angeli, Luigi Boille, Alberto Burri, Giuseppe Capogrossi, Piero Dorazio, Tano Festa, Giosetta Fioroni, Philip Guston, Franz Kline, Willem de Kooning, Jannis Kounellis, Conrad Marca-Relli, Gastone Novelli, Achille Perilli, Robert Rauschenberg, Mimmo Rotella, Salvatore Scarpitta, Mario Schifano, Toti Scialoja, Mark Tobey, Cy Twombly, provenienti da importanti istituzioni e collezioni degli Stati Uniti, e dagli archivi e fondazioni degli artisti. Tra gli americani al centro della mostra è presente Conrad Marca-Relli. Nato da genitori italiani immigrati, l’artista è stato una figura cardine dei contatti tra le due comunità, promotore di rapporti duraturi tra artisti, collezionisti e mercanti dei due continenti. Roma/New York, 1953–1964 si concentra in particolare su alcuni artisti italiani, molti dei quali, come Carla Accardi e Gastone Novelli, sono riconosciuti e acclamati in Italia, ma sono ancora poco conosciuti negli Stati Uniti. Come loro anche Luigi Boille è stato uno dei protagonisti del periodo, presente in quel decennio in importanti mostre presso la Rome-New York Art Foundation di Roma e il Solomon R. Guggenheim Museum di New York.La mostra vuole inoltre rendere omaggio a Germano Celant (1940–2020), curatore, scrittore e studioso, che nel 1993 organizzò la storica rassegna Roma-New York: 1948–1964, alla Murray and Isabella Rayburn Foundation di New York, un’esposizione che è stata una pietra miliare degli studi e delle ricerche sulle connessioni tra Europa e Stati Uniti nell’immediato dopoguerra ed è oggi fonte di ispirazione anche per questa mostra. Due le opere di Gastone Novelli in mostra: La totale estinzione (1962), Cose da conservare (1963), opere esemplari della sua ricerca, in cui l’artista giunge alla formulazione più matura e compiuta del suo personale, e completamente nuovo, linguaggio fatto di segni astratti, immagini e parole. Informazioni: https://www.davidzwirner.com/exhibitions/2023/roma-new-york-1953-1964

Posted in Estero/world news, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Mostra: Orazio Gentileschi e l’immagine di san Francesco. La nascita del caravaggismo a Roma

Posted by fidest press agency su venerdì, 13 gennaio 2023

Roma Giovedì 26 gennaio 2023, alle ore 11.00, si terrà alle Gallerie Nazionali di Arte Antica, nella sede di Palazzo Barberini,via delle Quattro Fontane 13 l’anteprima stampa della mostra Orazio Gentileschi e l’immagine di san Francesco. La nascita del caravaggismo a Roma, a cura di Giuseppe Porzio, professore di storia dell’arte moderna presso l’Università di Napoli L’Orientale, e Yuri Primarosa, curatore del museo e docente a contratto di storia dell’arte moderna presso la Sapienza Università di Roma. Esposto per la prima volta un dipinto di Orazio Gentileschi raffigurante San Francesco in estasi, notificato dallo Stato italiano su parere di Yuri Primarosa quale opera di eccezionale importanza storico-artistica, messo a confronto con tre importanti opere conservate a Palazzo Barberini e con un dipinto proveniente dal Museo del Prado, che ricostruiscono influenze e interpretazioni dello stesso soggetto.

Posted in Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Mostra Tano Festa: Un artista originario

Posted by fidest press agency su martedì, 10 gennaio 2023

Milano Lunedì 16 gennaio 2023, alle ore 11.00, alla Galleria M77 a Milano si terrà l’anteprima stampa della mostra TANO FESTA: UN ARTISTA ORIGINARIO, a cura di Francesca Alfano Miglietti, con la collaborazione dell’Archivio Tano Festa diretto da Anita Festa per la consulenza tecnico scientifica. In mostra circa 100 opere dell’artista, realizzate tra 1960 e 1987 provenienti da prestatori importanti come la Collezione Olnick Spanu di New York, la Fondazione Jacorossi di Roma, la Galleria Il Ponte di Firenze, la Galleria La Nica e la Galleria Marchetti di Roma. Quadri e disegni di diversi periodi – pitture, sovrapposizioni, collage fotografici, porte, finestre, persiane, armadi, specchi, pianoforti e obelischi – sottolineano la potenza di Tano Festa, autore di un’operazione artistica sofisticata ed estraniante, fino alla messa in evidenza della sua ammirazione dichiarata per le atmosfere e per la pittura di De Chirico, del suo amore per Roma come città eterna, della sua attenzione per i maestri del colore e per i coriandoli. La mostra sarà aperta al pubblico dal 17 gennaio al 18 marzo 2023

Posted in Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Napoli Mostra: Andar per fantasmi di Annamaria Russo

Posted by fidest press agency su giovedì, 5 gennaio 2023

Napoli Venerdì 6 gennaio 2023, ore 20,00 – Il Pozzo e il Pendolo Napoli, Piazza San Domenico 3 Info e prenotazioni tel 0815422088, mob 3473607913 presenta Andar per fantasmi Le storie dei fantasmi innamorati della Napoli magica di Annamaria Russo con Marianita Carfora, Andrea De Rosa, Marco Palumbo, Peppe Papa regia Annamaria Russo. Dalla gerla della Befana le vicende dei fantasmi innamorati che popolano la nostra magica città, le note struggenti della tradizione partenopea dal ‘600 all’800, accompagnate da un gustoso buffet di dolci natalizi. Sulle melodie di antiche canzoni accompagnati da una compagnia di guitti d’altri tempi si parte per un viaggio immaginario tra ombre, storie e leggende perse nella nebbia del passato. I personaggi di questo spettacolo hanno un’eternità da raccontare, e insieme alla loro storia ricostruiranno frammenti di storia della città di Partenope. La storia del Munaciello, Cola Pesce, la Bella Imbriana, il Re Nasone, la leggenda dell’Uccello Grifone, delle Gazze della Pignasecca e la storia di Maria D’Avalos, sulle note di Ciaola, Passione, La Carmagnola, Serpe a Carulina, Fenesta Vascia, segneranno il passo di questo viaggio nella memoria.web http://www.ilpozzoeilpendolo.it

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Mostra: “In buone mani”

Posted by fidest press agency su giovedì, 5 gennaio 2023

Modena Alla Galleria Antonio Verolino di Modena prosegue, fino al 12 febbraio 2023, “In buone mani”, a cura di Irene Biolchini, una mostra che mette in discussione le tradizionali categorie di pittura, scultura, ceramica e tessuto, ponendo a confronto le ricerche di autori storicizzati e artisti contemporanei, accomunati da un nuovo modo di sentire e intendere la materia. Realizzata in collaborazione con la Galleria Giustini / Stagetti di Roma e la Fondazione Vittoriano Bitossi di Montelupo Fiorentino (FI), l’esposizione comprende una trentina di opere di Bertozzi & Casoni, Rosanna Bianchi Piccoli, Enzo Cucchi, Alberto Gianfreda, Fausto Melotti, Davide Monaldi, Gio Ponti, Alessandro Roma, Andrea Salvatori ed Ettore Sottsass, oggetto di approfondimenti, incontri ed ibridazioni.Quattro le sezioni in cui si articola il progetto: “Miracolo a Milano. Ripensare la ceramica”, un percorso incentrato sulla rinascita del materiale ceramico attraverso le opere di Gio Ponti (Milano, 1891-1979), Fausto Melotti (Rovereto, 1901 – Milano, 1986), Ettore Sottsass (Innsbruck, 1917 – Milano, 2007) e Rosanna Bianchi Piccoli (Milano, 1929), presente in mostra con un lavoro storicizzato, ma anche con una recente produzione in cui convivono porcellana e tessuto; “Ripensare l’oggetto” ovvero una serie di opere in cui l’oggetto d’uso viene negato da Alberto Gianfreda (Desio, 1981) e Andrea Salvatori (Faenza, 1975) per sostenere un ritorno ai valori plastici dei volumi; “Pittura all over” con Enzo Cucchi (Morro d’Alba, 1949) e Alessandro Roma (Milano, 1977), due pittori che portano tessuti e ceramica in una ricerca in cui il dato pittorico affronta diverse superfici e materie; infine “Pop a chi?” con Bertozzi & Casoni (Giampaolo Bertozzi, Borgo Tossignano, 1957; Stefano Dal Monte Casoni, Lugo di Romagna, 1961) e Davide Monaldi (San Benedetto del Tronto, 1983), nelle cui opere nulla è veramente come appare. La mostra è visitabile da lunedì a sabato ore 10.00-19.00. Per informazioni: http://www.galleriaantonioverolino.com.

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Mostra dell’artista portoghese Santiago Ribeiro a Mosca

Posted by fidest press agency su martedì, 13 dicembre 2022

Mosca (Russia) 18-24 dicembre 2022 Cerimonia di apertura: 18 dicembre 2022, 18:00 (18:00) Exhibition Hall of the Eurasian Art Union (Andropova ave., 17, edificio 1. L’artista ha esposto frequentemente le sue opere in Russia dal 2011 Presente alla mostra internazionale dell’arte delle emozioni a Mosca il dipinto Industrial Apple. “Offriamo di collocare le opere che sono piene delle tue emozioni in uno spazio bellissimo. Qualsiasi tecnica e materiale, qualsiasi forma di presentazione creativa! Il punto principale è che le tue opere portano una carica di energia e riflettono una delle sette emozioni di base. E non importa se si tratta di una persona, di un animale o anche solo di una pianta: le tue opere sono specchi in cui lo spettatore vedrà il riflesso dei desideri più intimi e le rivelazioni della sua poliedrica natura”.

Posted in Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Stefano Lazzari: Tra le mura

Posted by fidest press agency su lunedì, 12 dicembre 2022

Roma Martedì 13 dicembre 2022 ore 11,30 (la mostra resterà aperta fino al 26 febbraio 2023) Museo delle Mura Via di Porta San Sebastiano, 18 due serie di dipinti dell’artista umbro rendono omaggio allo spazio museale di Porta San Sebastiano raffigurandone scorci inusuali e combinazioni di dettagli nascosti. Lazzari ha realizzato due serie di dipinti, otto tondi e un polittico di quattordici elementi, in tutti i casi tempere su tavola, che ripropongono angolazioni nuove del museo come farebbe un turista curioso attratto da particolari minimi che estrapolati, manipolati e ingranditi possono diventare materiale instagrammabile oppure una sequenza pittorica inaspettata e dal sapore Pop.Intervengono Tommaso Strinati Storico dell’arte e curatore della mostra Sarà presente l’Artista Al termine sarà possibile visitare il Museo

Posted in Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Mostra di Silvia Argiolas e Giovanni Robustelli

Posted by fidest press agency su domenica, 4 dicembre 2022

Modica (Ragusa) vernissage 8 dicembre ore 17. 8 dicembre 2022 – 28 gennaio 2023 SACCA gallery – Via Sacro Cuore 169/A (ingresso da via Fosso Tantillo). A poco più di 3 anni dalla prima apertura a Pozzallo (RG), la galleria d’arte contemporanea SACCA apre a Modica la sua nuova sede presentando una bipersonale di Silvia Argiolas (1977) e Giovanni Robustelli (1980). La prima è un’artista di origini sarde ma milanese d’adozione, mentre il secondo è siciliano, figlio di questo lembo di sudest. Con questa mostra la galleria continua la promozione di artisti legati al territorio in cui ha sede e allo stesso tempo amplia gli orizzonti proponendo un dialogo con un’artista non siciliana dal background nazionale e internazionale. Argiolas, con una pittura cruda e sinuosa, dipinge un mondo popolato da donne attraenti e voluttuose. Una condizione esistenziale, specchio del nostro tempo, che potrebbe sembrare desiderabile, ma che in realtà non possiamo sapere. Al di sotto, infatti, potrebbero celarsi debolezze, frustrazioni. Invece, vediamo donne ritratte come fantocci erotici, figlie di una concezione maschilista della società. In Robustelli, invece, il mito e la favola sono delle presenze forti, spesso evidenti, talvolta latenti. Nel caso di questa mostra, pur nella diversità delle tecniche adoperate e dei soggetti raffigurati, è possibile ravvisare una condizione di quiete, nonché delle scene ammalianti, ma non necessariamente rassicuranti. Donne come veneri ammirate per la loro avvenenza, altre poste dinnanzi alla caducità della loro bellezza. Uomini eroi che si battono per amore o che si ergono a paladini dei propri ideali. Alla ricerca di un proprio stato di beatitudine, a volte autentico, altre volte solo apparente… Sia nell’uno che nell’altro caso, i due artisti presentano lavori che, per mezzo di colori vividi e sgargianti, attraggono a primo acchito l’occhio dello spettatore, lo richiamano a scrutare meglio la scena, provando a creare un cortocircuito fra la prima impressione e ciò che effettivamente può nascondersi dietro questo “apparente stato di beatitudine”. La mostra potrà essere visitata fino al 28 gennaio 2023. Tutti i giorni, dal 9 al 24 dicembre, dalle ore 10.30 alle 12.30 e dalle 16 alle 20. Successivamente verranno comunicati i normali orari di apertura, quindi si consiglia di consultare il sito web della galleria (www.sacca.online).

Posted in Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , | 1 Comment »

Mostra dal titolo Voyeur

Posted by fidest press agency su giovedì, 1 dicembre 2022

Roma Il 3 dicembre alle ore 18 si inaugura in Via Margutta 103 la mostra dal titolo Voyeur a cura dell’Associazione Culturale Officine Vittoria. Voyeur ha l’intento di rappresentare il punto di vista artistico dell’intimità attraverso tre artisti: Elena Cappellini, Guglielmo Mattei e Francesco Ninno. Il tema dell’esposizione si concretizza nel titolo scelto: Voyeur, una trasmissione di intimità che si riversa come vasi comunicanti da un’opera all’altra, da una tela ad un canovaccio senza sosta. Gli spettatori che visiteranno la mostra in Via Margutta avranno l’opportunità di conoscere e mettersi in contatto con gli artisti, in un’intima condivisione di idee e di spazio. Officine Vittoria spiega così la nascita della mostra: “Il concetto stesso di intimo è definito da un oggetto o da una stanza della casa che ci sta particolarmente a cuore. In questa esposizione abbiamo provato a immaginare cosa si potesse celare dietro i famosi palazzi lacerati dipinti da Guglielmo Mattei. Così facendo è come se avessimo aperto una delle finestre del palazzo e avessimo sbirciato dentro. Da qui abbiamo sviluppato un percorso incentrato sul corpo e le modificazioni artificiali, con Cappellini e Ninno, sperimentando molteplici materiali e media”. Le opere esposte trovano un equilibrio espressivo, armonico e armonioso senza tuttavia rinunciare all’identità individuale degli artisti: tre portavoci dallo stile differente che si rendono protagonisti di un percorso intimo che, dall’arte figurativa di Mattei, arriva al pensiero astratto di Cappellini passando per il digitale di Ninno. Un’indagine condotta dai tre giovani artisti attraverso il proprio linguaggio creativo, in grado di far emergere la composizione sulla superficie lavorata e frammenta, quell’evocazione allusiva che suggerisce talvolta un’immagine e talvolta un ricordo. Nella mostra, ospitata negli spazi di Galleria Vittoria, Elena Cappellini, Guglielmo Mattei e Francesco Ninno raccontano di paesaggi e personaggi esibendo il loro concetto di arte, in una inedita sinergia tra gli artisti, gli spazi e tutti coloro che verranno a scrutare al di là delle tende. L’allestimento della mostra è stato realizzato con il supporto di TWM FACTORY (https://twmfactory.it/) Dal 3 al 14 dicembre Voyeur è visitabile tutti i giorni dal lunedì al venerdì dalle 15 alle 19. Fuori orario su appuntamento.

Posted in Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Mostra Naturalis historia

Posted by fidest press agency su domenica, 27 novembre 2022

Napoli Sabato 3 dicembre alle ore 11 presso la vetrina dello Studio Trisorio, in via Carlo Poerio 116, si inaugura la mostra Naturalis historia. Il corallo è il tema centrale del progetto espositivo e fa da trait d’union tra le opere di Francesco Arena, Marisa Albanese, Gregorio Botta, Elisabetta Di Maggio, Jan Fabre, Rebecca Horn, Alessandro Piangiamore. L’origine del corallo è stata per secoli avvolta nella leggenda: Ovidio nelle Metamorfosi e Plinio il Vecchio nella Naturalis historia riconoscono a questo elemento la stessa genesi mitica raccontando che si sarebbe generato dal contatto fra le gocce di sangue della Gorgone Medusa e le alghe marine. Molti trattati magici, medici e astrologici, dall’antichità greca all’epoca barocca, attribuiscono al corallo un valore terapeutico e apotropaico e questo organismo marino, anche definito “oro rosso”, continua ad affascinare gli artisti contemporanei.Nelle opere della serie Storia naturale di Francesco Arena un ramo di corallo grezzo interrompe la perfetta geometria solida di una cornice di metallo di un metro quadrato, simboleggiando l’irruzione del tempo della natura in quello della cultura.In Paesaggio di Marisa Albanese il corallo si integra in un ramo di bronzo sottolineando la capacità di metamorfosi e coesistenza degli organismi viventi.Gregorio Botta, nelle opere della serie Breath, incastona piccoli pezzi di corallo in lastre di alabastro evocando l’affiorare di una nuova forma.Nei lavori intitolati Vuoti d’aria Elisabetta Di Maggio inserisce coralli bianchi del Madagascar e interviene in modo delicatissimo con il bisturi su materiali fragili come le foglie, evidenziando la trama nascosta della materia e ricordandoci la precarietà delle relazioni e la costante ricerca di equilibrio. In The Dagger of an Angel Jan Fabre riveste un pugnale di numerosi piccoli corni, petali e rose di corallo, trasformando un simbolo atavico di potere e violenza in un’arma al servizio della bellezza, veicolo di vita e rigenerazione.Nella scultura di Rebecca Horn Die Rosenheit in der Schwebe, due rami di corallo sono animati da un congegno meccanico che li avvicina e li allontana lentamente evocando lo sfioramento di una danza amorosa.Alessandro Piangiamore crea paradossi poetici e suggerisce associazioni visive fra il corallo e la lava del vulcano, tra la potenza distruttiva di un’eruzione e il tempo lungo che richiede la formazione di un corallo marino. La mostra si potrà visitare fino al 30 gennaio 2023. Fonte: Studio Trisorio #InVetrina | “Naturalis historia”

Posted in Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Mostra a cura di Vittorio Sgarbi e Michele Danieli

Posted by fidest press agency su domenica, 27 novembre 2022

Ferrara giovedì 16 febbraio 2023, ore 12 E’ stata Organizzata da Fondazione Ferrara Arte (direttore Pietro Di Natale) e Servizio Musei d’Arte del Comune di Ferrara, in collaborazione con Direzione generale archeologia, belle Arti e paesaggio del Ministero della Cultura, con il patrocinio del Ministero della Cultura. Palazzo dei Diamanti il 18 febbraio 2023 riaprirà i battenti accogliendo la mostra dedicata a due grandi maestri ferraresi del Rinascimento: Ercole de’ Roberti e Lorenzo Costa. L’esposizione costituisce la prima tappa di un progetto più ampio e ambizioso intitolato Rinascimento a Ferrara 1471-1598 da Borso ad Alfonso II d’Este, che indagherà la vicenda storico-artistica del periodo compreso tra l’elevazione della città a ducato e il suo passaggio dalla dinastia estense al diretto controllo dello Stato Pontificio. Gli altri momenti del percorso – idealmente inaugurato dalla rassegna Cosmè Tura e Francesco del Cossa. L’arte a Ferrara nell’età di Borso d’Este, tenutasi a Palazzo dei Diamanti nel 2007 – saranno dedicati ai grandi protagonisti di quella stagione: Mazzolino e Ortolano, Dosso e Garofalo, Girolamo da Carpi e Bastianino. Le oltre cento opere esposte, provenienti da musei e collezioni di tutto il mondo, offriranno al pubblico un’occasione unica, e forse irripetibile, per scoprire (o riscoprire) l’arte di due grandi interpreti del Rinascimento italiano: Ercole de’ Roberti e Lorenzo Costa. Dotato di un incredibile talento compositivo, straordinario per qualità ed espressività emotiva, Ercole de’ Roberti (Ferrara c. 1450 – 1496) era l’erede dell’Officina ferrarese, il più giovane e intelligente tra quanti parteciparono al clima culturale di Palazzo Schifanoia, negli ultimi anni del governo di Borso che proprio allora riceveva il titolo di duca (1471). Operò a più riprese a Bologna, dove lasciò una impronta profondissima, ma non vi è dubbio che a Ferrara trovò l’ambiente più adatto in cui esprimersi durante l’ultimo decennio della sua vita, trascorso alle dipendenze della corte. Fu Lorenzo Costa (Ferrara 1460 – Mantova 1535), di dieci anni più giovane, a raccoglierne l’eredità e a continuarne lo stile nelle opere giovanili. Ma durante un lungo soggiorno a Bologna la sua pittura mutò in direzione di una maggiore morbidezza, di una classicità calma e distesa. Il mondo stava cambiando, Leonardo e Perugino stavano imponendo una nuova “maniera”, che Costa comprese subito e della quale fu tra i maggiori interpreti, anche dopo il trasferimento a Mantova alla corte dei Gonzaga. I visitatori potranno seguire la carriera di Ercole attraverso oltre venti opere (di gran lunga il numero maggiore mai riunito), dagli esordi alla compiuta maturità. Tra le prove giovanili saranno presenti gli scomparti del polittico Griffoni, eseguito a fianco di Francesco del Cossa, e i luminosi Ritratti di Giovanni II e Ginevra Bentivoglio che giungeranno da Washington, una commissione che sancisce il prestigio raggiunto nella vicina Bologna. Le sale dedicate agli ultimi anni, quando Ercole dopo il rientro in patria era divenuto pittore di corte degli Este, saranno impreziosite da quattro dipinti di rara raffinatezza, grazie al prestito eccezionale concesso dalla National Gallery di Londra: oltre al dittico che appartenne alla duchessa Eleonora d’Aragona, la Raccolta della manna e l’Istituzione dell’Eucarestia, forse provenienti da una chiesa ferrarese. Dal Kimbell Art Museum di Forth Worth arriva la tavola con Porzia e Bruto che sarà ricongiunta alla compagna con Lucrezia, Bruto e Collatino della Galleria Estense di Modena. Non meno ricca la selezione di lavori di Costa, che prende avvio dal periodo giovanile, durante il quale il pittore è impegnato in un fruttuoso confronto con Ercole, come dimostrano le Storie degli Argonauti qui riunite per la prima volta. Questa fase, che passa attraverso capolavori come la Natività del Musée des Beaux-Arts di Lione, trova un termine e una sintesi in una serrata successione di straordinarie pale d’altare degli anni Novanta del Quattrocento. Per illustrare il Costa più classicheggiante e pacato sarà in mostra una serena Sacra Famiglia dal Museo di Toledo in Ohio; mentre per documentare il periodo mantovano, finora meno frequentato dagli studi, interverranno la Santa Veronica del Louvre, il Ritratto di cardinale del Minneapolis Institute of Art, sino all’ultima opera nota, la Madonna e santi della chiesa di Sant’Andrea a Mantova, datata 1525.I due protagonisti saranno affiancati da maestri nobili e da compagni di viaggio contemporanei: Mantegna, Cosmè Tura, Nicolò dell’Arca, Marco Zoppo costituiranno il punto di partenza, mentre Antonio da Crevalcore, Guido Mazzoni, Boccaccio Boccaccino, Francesco Francia e Perugino offriranno una sponda di dialogo lungo il percorso espositivo. La mostra avrà il suo prologo ideale a Palazzo Schifanoia, dove il giovane Ercole de’ Roberti esordì nel Salone dei Mesi realizzando il mese di Settembre. http://www.palazzodiamanti.it

Posted in Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Mostra virtuale “1972. Moda, design, storia”

Posted by fidest press agency su sabato, 26 novembre 2022

Parma Lunedì 28 novembre, alle 15 nell’Aula Mulas del complesso monumentale della Pilotta (piazzale della Pace 7/A), verrà presentata agli studenti e a tutti gli interessati la mostra virtuale “1972. Moda, design, storia”. La presentazione avrà luogo nel corso della lezione di “Storia delle mostre” di Alessandra Acocella, docente del Dipartimento di Discipline Umanistiche, Sociali e delle Imprese Culturali-DUSIC dell’Università di Parma. Interverranno Alberto Salarelli, responsabile scientifico della mostra virtuale, e Valentina Rossi, curatrice della mostra in collaborazione con Lara Marziali. La mostra virtuale 1972. Moda, design, storia è il frutto di un progetto di ricerca sviluppato nell’ambito delle digital humanities per la creazione di una mostra basata sul software Omeka S, a fianco della digitalizzazione di un elevato numeri di documenti progettuali conservati presso il Centro Studi e Archivio della Comunicazione-CSAC dell’Università di Parma. L’esposizione ha il fine di indagare precisi aspetti della cultura progettuale legata soprattutto all’ambito del design e della moda, considerando lo CSAC testimone di questo tipo di progettualità dagli inizi degli anni Settanta. Questa esposizione ha lo scopo di restituire e riaffermare due importati momenti storici: il primo legato a uno dei massimi riconoscimenti del design italiano, la mostra del MoMA Italy: The New Domestic Landscape curata da Emilio Ambasz nel 1972, di cui allo CSAC si conservano alcuni materiali progettuali come quelli di Ettore Sottsass jr; l’altro momento riguarda invece la nascita del prêt-à-porter, grazie a uno stilista pioneristico come Walter Albini di cui allo CSAC sono conservate 4191 opere. Il titolo dell’esposizione cita inoltre un importante studio degli anni Ottanta curato da Gloria Bianchino e Arturo Carlo Quintavalle, Moda Media Storia. La mostra non ha solo lo scopo di valorizzare e studiare il patrimonio conservato presso l’istituzione universitaria, ma vuole approfondire criticamente due momenti storici legati alla cultura del progetto. Da un lato si assiste all’affermazione di importanti designer sulla scena internazionale, dall’altro entra in scena il prêt-à-porter: presto tra design e moda si innescheranno dei cortocircuiti progettuali permettendo un dialogo tra le due discipline. In mostra saranno esposti materiali progettuali di Walter Albini, Archizoom Associati, Giorgio Armani, Gianfranco Ferré, Krizia, Franco Moschino, Alberto Rosselli, Cinzia Ruggeri, Ettore Sottsass Jr e Gianni Versace. La mostra virtuale è visitabile all’indirizzo https://mostra1972.unipr.it/.

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »