Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 30 n° 340

Posts Tagged ‘mostra’

Mostra Conversation Piece

Posted by fidest press agency su lunedì, 10 dicembre 2018

Roma Venerdì 14 dicembre, alle ore 12.00, via Fontanella Borghese 56b si terrà alla Fondazione Memmo la presentazione della mostra Conversation Piece Part V, il nuovo appuntamento del ciclo di mostre, a cura di Marcello Smarrelli, dedicate agli artisti italiani e stranieri temporaneamente presenti a Roma.L’esposizione, aperta al pubblico dal 16 dicembre 2018 al 24 marzo 2019, vede protagonisti quattro artisti: Rebecca Digne (borsista presso l’Accademia di Francia a Roma – Villa Medici), Invernomuto (Cy Twombly Italian Fellow in Visual Arts presso l’American Academy in Rome), Julian Rosefeldt (borsista presso l’Accademia Tedesca Roma Villa Massimo) e Marinella Senatore. In mostra opere appositamente create per l’occasione, considerate “manifesti” di poetiche e pratiche eterogenee, con i quali gli artisti designati entrano in dialogo tra di loro, con gli spazi della Fondazione Memmo e con Roma.

Posted in Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Mirko Mantovan alla Galleria Arianna Sartori di Mantova

Posted by fidest press agency su venerdì, 7 dicembre 2018

Mantova Sabato 8 dicembre ore 17.00 Arianna Sartori Arte & Object Design Via Ippolito Nievo 10 inaugurazione mostra Mirko Mantovan alla presenza dell’artista. Mirko Mantovan nasce a Basilea nel 1966. Comincia a dipingere all’età di dieci anni e sviluppa nel tempo la tecnica pittorica con sensibilità rivelandosi osservatore delle cose e dei paesaggi. Partecipa da allora a concorsi ed eventi ottenendo premi e riconoscimenti. Conta al suo attivo numerose mostre personali e collettive in varie località d’Italia. Sue opere appartengono a collezioni pubbliche e private in Italia e all’estero. Vive e lavora nelle Marche.

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Mostra Napoli assenze e presenze, 1978 – 2018

Posted by fidest press agency su lunedì, 3 dicembre 2018

Napoli Giovedì 13 Dicembre alle ore 18:30 i Private Banker Fideuram Vomero ospitano l’opening della mostra Napoli assenze e presenze, 1978 – 2018, a cura di Franco Riccardo.
Dopo vomerovivo, primo progetto espositivo del programma Complicità&Conflitti dedicato al mezzo fotografico, l’indagine sulla città contemporanea ed i suoi abitanti continua con gli scatti di Peppe Esposito.
Napoletano classe 1960, Esposito è protagonista di una personale ricerca artistica che investe da sempre vari linguaggi, dalla fotografia al visual design, dalla pittura alle installazioni, fino alle nuove tecnologie digitali e multimediali.
In mostra negli spazi Fideuram Vomero fino al 21 Febbraio 2019 quaranta immagini in bianco e nero e dieci ritratti a colori che insieme compongono un racconto visivo di Napoli, metropoli ideale immortalata dall’occhio fotografico di Esposito che conquista corpi e spazi rivelando le molteplici identità della città e le sue trasformazioni, dal 1978 ad oggi, in un gioco di conflitti tra presenze e assenze, artificio e realtà.
Il catalogo, pubblicato dalla EffeErre Edizioni, sarà disponibile a Marzo 2019.
Peppe Esposito vive e lavora a Napoli. Ha studiato Arte della Stampa all’Istituto d’Arte F. Palizzi e Pittura all’Accademia di Belle Arti di Napoli, dove ha seguito i corsi di Graphic Design di Renato Barisani e di Fotografia di Mimmo Jodice. E’ docente di Design dell’Arte del Libro e della Stampa al Liceo Artistico F. Palizzi di Napoli.

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , , | Leave a Comment »

Marco Manzo in mostra

Posted by fidest press agency su giovedì, 29 novembre 2018

Roma 6 dicembre 2018 – 16 dicembre 2018 (dal lunedì al giovedì 9.30 – 19.30 Venerdì e sabato 9.30 – 22.00 Domenica 9.30 – 20.30) Complesso del Vittoriano – Ala Brasini va in scena la mostra Marco Manzo: il tatuatore, visual artist, scultore, incisore e designer di fama internazionale espone al Vittoriano la sua intera produzione artistica.“Apoteosi del Tatuaggio” che con la mostra Marco Manzo viene celebrato a Roma con una mostra artistica che resterà aperta al pubblico fino al 16 dicembre.Il percorso di mostra racconta l’excursus artistico di Manzo attraverso tatuaggi, sculture tatuate in bronzo, alluminio, ceramica, marmo, arte digitale e video arte, lastre e fotografie, installazioni interattive e performance durante le quali il pubblico potrà interagire con le opere d’arte.Una “mostra vivente”, delle live performance, opere e installazioni concesse da vari Musei di Arte Contemporanea (come il Museo LIMEN di Vibo Valentia, la Fondazione Logudoro Meilogu Museo d’arte Contemporanea FLM di Banari; il SAMAC, Museo Arte Contemporanea dedicato alle Streghe di Benevento) oltre a lavori provenienti dalla 16. Mostra Internazionale di Architettura- La Biennale di Venezia – Padiglione Guatemala, a cui l’artista ha partecipato.
Durante la sua carriera Marco Manzo è riuscito a fondere insieme le modalità di espressione più variegate e a creare un personale quanto riconoscibile e riconducibile linguaggio che, nel tempo, ha conquistato i contesti più eterogenei.Famosi i suoi matrimoni e le sue contaminazioni con la scultura, il design, la video-art, le arti digitali, la musica, l’alta moda e i motori. L’unicità, l’irriproducibilità e l’innovazione sono gli elementi distintivi propri della sua arte incisoria su corpo umano.Uno degli ultimi traguardi raggiunti, è stato quello di trasformare il tatuaggio in una forma artistica riconosciuta e di portarlo ad essere degno di una considerazione istituzionale pari alle arti cosiddette maggiori: a lui si deve infatti l’ingresso del tatuaggio nei musei di arte contemporanea e nelle loro collezioni permanenti, segnando una ulteriore tappa nel percorso della storia dell’arte.Le opere di Manzo infatti, hanno fatto il loro ingresso a vario titolo presso il Maxxi ed il MACRO di Roma, la Gagosian Gallery di New York ed alcuni dei più celebri musei di arte contemporanea internazionali, come il MOMA di New York.
La mostra Marco Manzo, patrocinata dalla Regione Lazio e di Roma Capitale – Assessorato alla Crescita Culturale, conferma dunque il tatuaggio come arte contemporanea del XXI secolo che con Marco Manzo raggiunge i suoi massimi livelli.

Posted in Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Una mostra di Massimiliano Camellini

Posted by fidest press agency su mercoledì, 28 novembre 2018

Torino giovedì 17 gennaio, ore 19 18 gennaio – 17 febbraio 2019 Bookshop Fondazione Sandretto Re Rebaudengo via Modane, 16 (orari di apertura: giovedì dalle 20 alle 23 dal venerdì alla domenica dalle 12 alle 19). E’ un progetto fotografico realizzato da Camellini all’interno degli spazi dell’ex Cotonificio Leumann di Collegno (Torino) dal 2010 al 2012, e curato da Lorand Hegyi; il lavoro è stato esposto, a partire dalla sua prima presentazione al MIA (Milan Image Art Fair) del 2013, nell’ambito del Festival Fotografico Europeo 2013 presso il Museo del Tessile di Busto Arsizio, all’interno della rassegna Italian Nostalgia presso il Museo della Fotografia di Seoul nel 2014 ed è stato oggetto della mostra “La suite du temps” organizzata dal MAMC – Museo d’Arte Moderna e Contemporanea di Saint Etienne nel 2015; il progetto ora finalmente approda a Torino, territorio di partenza di questa ricerca, da un punto di vista iconografico ma anche emotivo e storico. Il luogo all’interno del quale si è sviluppato il lavoro di Massimiliano Camellini è l’antico Cotonificio Leumann di Collegno, in provincia di Torino, al centro dell’innovativo villaggio operaio che l’industriale Napoleone Leumann fece costruire attorno all’opificio tra fine Ottocento e inizio Novecento: un esperimento imprenditoriale illuminato che si faceva carico della riproduzione delle stesse risorse sociali sulle quali la fabbrica incideva.Il progetto fotografico racconta la fine dell’era industriale in Europa, l’epilogo di un sogno basato sull’espansione manifatturiera e il suo welfare e che a suo tempo non aveva fatto i conti con la globalizzazione.
Le immagini sono state realizzate dal 2010 al 2012, e raccontano la presenza dei lavoratori che hanno vissuto la fabbrica e che l’hanno lasciata varcando per l’ultima volta quei cancelli nell’aprile del 2007, quanto fu chiusa per sempre. Ogni cosa era stata lasciata al suo posto, quasi a significare che la cessazione dell’attività fosse stata improvvisa. Le immagini ricostruiscono l’ultimo giorno di lavoro, quel momento dove la fine dell’orario lavorativo (18.00) ha coinciso con la fine di un’epoca.

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Mostra personale di Paolo Lattanzi: dipinti ad acquarello

Posted by fidest press agency su martedì, 27 novembre 2018

Roma sabato 1° dicembre 2018 alle ore 18.00Durata della mostra: dal 1° all’ 11 dicembre 2018 Orario d’apertura: 10-13 e 16.30-19.30 – Chiuso la domenica ed il lunedì mattina Galleria della Tartaruga – via Sistina, 85/a Mostra personale di Paolo Lattanzi – dipinti ad acquarello a cura di: Marco Pezzali Presentazione in catalogo di: autori vari. Come descrivere la pittura di Paolo Lattanzi se non confermando parole scritte già anni addietro: “…Acquarelli sempre brillanti, mai colori stonati, una pittura che si può definire sicuramente solare, acquarelli sempre supportati da solide basi di disegno, disciplina nella quale, a mio giudizio, Paolo giganteggia. Panorami di Roma, scorci di paesi nostrani o molto lontani dalle nostre visioni, paesaggi marini, ci parlano della sua sensibilità e del suo carattere. Ogni volta rimango ammirato dalla sua straordinaria abilità e rapidità di esecuzione, caratteristiche queste che, riportate nell’acquarello ne fanno uno dei nostri migliori interpreti di questa difficilissima e raffinatissima tecnica.” O anche come abilmente scrive Nicolina Bianchi: “Dimensioni e distanze raccolte in un riflesso o in un raggio di luce. Realtà fissata nell’incanto di un sogno in annotazioni d’effetto di sottile poesia.. Un artista che sa cogliere, con una intensa complicità emotiva, l’inafferrabile significato del colore, nelle indimenticabili vedute d’ambiente dei numerosi viaggi.”

Posted in Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Mostra di Omar Galliani

Posted by fidest press agency su lunedì, 26 novembre 2018

Reggio Emilia 2 dicembre 2018 – 28 febbraio 2019 Inaugurazione: domenica 2 dicembre 2018, ore 17.30 Vicolo Folletto Art Factories presenta mostra che ricostruisce il rapporto tra Omar Galliani e l’Oriente attraverso una raccolta di opere su carta create negli anni Duemila, nel corso di ripetuti soggiorni in Cina, Corea, India e Vietnam.
Dopo la recente donazione di un inedito autoritratto alle Gallerie degli Uffizi, museo fiorentino che custodisce la più grande collezione di autoritratti nel mondo, iniziata dal cardinal Leopoldo e proseguita dai Medici e dai Lorena fino ai giorni nostri, Omar Galliani torna a Reggio Emilia con un progetto teso ad illustrare il suo profondo legame con l’Oriente, fatto di ispirazione e sentimento.Il percorso della mostra raccoglie una ventina di opere ed una serie di fogli tratti da quaderni di viaggio. Disegni a matita, a carboncino e a inchiostro su carte di manifattura orientale, alcune delle quali particolarmente preziose, che raccontano le atmosfere, la fascinazione e gli incontri di quei viaggi. Molti dei lavori esposti sono stati presentati in precedenza solo in contesti museali e provengono direttamente dall’Archivio di Omar Galliani.

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Mostra Lorenzo Lotto: Il richiamo delle Marche

Posted by fidest press agency su lunedì, 26 novembre 2018

Macerata 26 novembre Palazzo Buonaccorsi si riapre il caso della tela scomparsa. Una provocazione, voluta dal curatore Enrico Maria Dal Pozzolo, per scuotere le nebbie intorno alla vicenda e gli animi di quanti potrebbero aiutare. L’ultima opera in esposizione, infatti, è la cornice vuota di legno intagliato e dorato a guazzo della famosa Madonna col Bambino e tre angeli, realizzata da Lotto intorno agli anni trenta del Cinquecento e rubata dalla Chiesa dei minori osservanti di Osimo nella notte tra il 7 e l’8 novembre 1911, lo stesso anno del celeberrimo furto della Gioconda. A differenza del capolavoro leonardesco, il dipinto del pittore veneto non fu mai recuperato, e le ricerche rimangono ancora aperte. La mostra, promossa dalla Regione Marche con il Comune di Macerata, sottolinea il percorso di ricerca, per certi versi sperimentale, che è stato realizzato, abbinando forza espositiva, supporti multimediali di approfondimento, grandi capolavori, riflessioni e discussione critica. Oltre al “thriller artistico”, Lorenzo Lotto. Il richiamo delle Marche propone due casi studio. Il primo è relativo alla tela con San Girolamo nello Studio, in passato ben presente nella letteratura scientifica e quindi acquistata, alla fine degli anni Settanta, per i Musei Civici di Bassano del Grappa: un’opera che in seguito fu però al centro di polemiche e di animate discussioni circa la paternità di Lorenzo Lotto e quindi relegata nei depositi museali e per lunghi anni completamente dimenticata. Ora, dopo che nel 2018 il dipinto è stato recuperato dai magazzini del museo e sottoposto ad analisi scientifiche (che hanno dimostrato la compatibilità con le tecniche esecutive lottesche, nonché la presenza di alcuni pentimenti), Dal Pozzolo riapre la discussione, riconoscendo l’alta qualità del dipinto, nonostante le condizioni conservative, e la sua congruità con la fase lauretana del pittore e, infine, valutando il suo essere una “copia libera” da un’incisione di Dürer – artista amato da Lotto fin dalla giovinezza – elemento tutt’altro che contrario alla paternità lottesca. Il secondo caso è un faccia a faccia tra la bellissima Madonna con il bambino di Crivelli, di proprietà del Museo di Macerata, e la “Madonna” di Lotto, prestata dal Museo Correr di Venezia, di probabile origine marchigiana e incerta datazione (ipotizzata intorno al 1532-1534): un dialogo dunque tra due veneziani che lasciarono la loro terra d’origine per radicarsi entrambi nella regione adriatica, quasi “un’oasi di libertà creativa”.
La mostra è aperta fino al 10 febbraio 2019, orari: martedì – domenica: 10:00 – 18:00; chiuso il lunedì. Il biglietto comprende: l’ingresso alla mostra; la visita di Palazzo Buonaccorsi e dello Sferisterio; CityTour a orari fissi. Prezzo intero 10 euro, previste varie riduzioni, anche per visite guidate per gruppi e scuole.

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Mostra sulle origini del pensiero occidentale

Posted by fidest press agency su sabato, 24 novembre 2018

Roma mercoledì 28 novembre Press Preview ore 11.30 presente l’artista Inaugurazione ore 18.30 (29 novembre 2018 – 17 febbraio 2019) al Museo Bilotti di Roma Aranciera di Villa Borghese, viale Fiorello La Guardia 6 una mostra, curata da Roberto Gramiccia, sulle origini del pensiero occidentale. L’acqua come archetipo, forza primigenia da cui si genera la vita e a cui tutto farà ritorno. L’acqua che regge il mondo e l’acqua che nutre, in analogia con l’universo femminile. Questi i temi affrontati dall’artista madrileno José Molina nella mostra L’acqua di Talete. Opere di José Molina, che presenta iconici lavori fra dipinti, disegni e sculture, oltre a opere inedite. La mostra, come rivela il curatore Roberto Gramiccia, prende spunto dall’importanza che i giochi d’acqua hanno avuto nella storia del Museo Bilotti, suggerendo una riflessione sulle origini classiche del pensiero occidentale. L’edificio che ospita l’attuale sede espositiva, infatti, prima ancora di essere adibito ad Aranciera, verso la fine del Settecento fu ampliato e decorato per volontà di Marcantonio IV Borghese, unitamente alla sistemazione del contiguo “Giardino del Lago”, per ospitare eventi e feste mondane. Tale intervento fu considerato stupefacente a tal punto che l’edificio stesso prese il nome di “Casino dei giuochi d’acqua”, come ci tramandano le cronache dell’epoca, proprio per la presenza di fontane e ninfei in stile barocco di particolare pregio per l’intrattenimento e il piacere degli ospiti e dei familiari.
Da qui l’idea di allestire una personale di José Molina tutta dedicata al tema naturale dell’acqua, indagato dall’artista quale elemento primordiale che dà origine alla vita e fondamento archetipico sul quale poggia tutto il sistema del reale. Il concetto è uno sviluppo del pensiero filosofico di Talete di Mileto che, come riporta Aristotele nella sua Metafisica, costituisce la base della filosofia occidentale. Molina si confronta con questo pensiero realizzando sculture e opere pittoriche su tela e su carta in cui predomina l’acqua stessa, che è anche evocata nelle fattezze metamorfiche e visionarie dei personaggi rappresentati, creando così, come evidenzia il curatore, un mondo fantastico che inesauribilmente rinasce da se stesso.
In occasione dell’esposizione è disponibile il catalogo antologico dell’opera di José Molina dal titolo “Humanitas” (2014) con contributi di Mariella Casile, Francesco Mattana, Deodato Salafia e Federico Scassa.

Posted in Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Mostra Giovanni Paolo Bedini

Posted by fidest press agency su sabato, 24 novembre 2018

Bologna dal 2 dicembre 2018 al 3 febbraio 2019 palazzo D’Accursio l’Associazione Bologna per le Arti dedica quest’anno la riscoperta e valorizzazione di un importante pittore dell’ottocento bolognese: Giovanni Paolo Bedini.La mostra, intitolata Giovanni Paolo Bedini. Il fascino della spensieratezza 1844-1924 e curata da Giuseppe Mancini, presenterà circa 60 opere provenienti da collezioni pubbliche e private (molte inedite) a cui verranno affiancati dipinti di altri pittori attivi nello stesso periodo con l’intento di tracciare la fisionomia di un’epoca e di ripercorrere l’intera produzione dell’artista emiliano. E’ forse la rassegna più completa finora realizzata sul lavoro del pittore e la prima in assoluto a Bologna, sua città natale.

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Mostra personale dell’artista ferrarese Sergio Zanni

Posted by fidest press agency su mercoledì, 21 novembre 2018

Reggio Emilia dal 30 novembre 2018 al 29 marzo 2019 presso la sede di BFMR & Partners Via Emilia Santo Stefano, 54 Reggio Emilia mostra personale dell’artista ferrarese Sergio Zanni. Il titolo dell’esposizione – “Alla ricerca del perturbante” – evoca un termine utilizzato da Sigmund Freud per indicare ciò che, familiare ed estraneo allo stesso tempo, provoca uno spaesamento, una situazione di latente incapacità di comprendere secondo i canoni tradizionalmente adottati. “Perturbanti” sono i protagonisti dell’opera pittorica e scultorea di Sergio Zanni: viandanti e viaggiatori senza meta, frutto di un immaginario poetico e surreale.
Il percorso della mostra si compone di una trentina di opere, tecniche miste su carta e su tavola, di medie e grandi dimensioni, realizzate negli anni Duemila, oltre a due sculture in terracotta, raffiguranti i protagonisti del suo fervido immaginario. «Nello studio di Sergio Zanni, che s’affaccia su un cortile nella Ferrara antica – scrive il curatore Sandro Parmiggiani – si è presto circondati, quasi assediati, da una selva di figure: i personaggi creati dalla sua fantasia e realizzati prima in terracotta e poi nei materiali che consentono di ampliarne le dimensioni. Sono così nati nel tempo i personaggi che Zanni ha presentato in mostre, in Italia e all’estero, a partire dal 1973, e che lui stesso ha puntigliosamente elencato: eremiti; signori della pioggia; monumenti ai caduti; diavoli; custodi delle pianure; zingare; osservatori; camminatori; palombari; attendisti; figure senza davanti; piloti; cacciatori di nuvole; oblomov (il “mite-fantasma” del romanzo di Gončarov); fumatori; pittori di guerra; angeli misteriosi; sirene; equilibristi, Ulisse e altri viandanti; naufraghi e figure controvento che, nonostante abbiano ormai l’acqua alla gola, s’ergono su barche che stanno inabissandosi…».
La mostra sarà visitabile l’anteprima della mostra, aperta al pubblico da lunedì a venerdì con orario 10.00-12.00 e 16.00-18.00, chiuso sabato, domenica e festivi. Per informazioni: http://www.bfmr.it.

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Mario Schifano: Mostra Fotografica

Posted by fidest press agency su mercoledì, 21 novembre 2018

Roma 28 novembre 2018 ore 18.30 (Fino al 25 febbraio 2019) Doozo via Palermo, 51/53 La galleria Doozo è lieta di mettere in mostra una scelta di fotografie ritoccate a mano dall’artista, selezionate da un corpus che ne conta diverse migliaia. Schifano, con consuetudine pressoché giornaliera, quasi un lungo esercizio di rilettura della cronaca quotidiana praticato dalla fine degli anni ’80 nell’arco di dieci anni, eseguiva decine di scatti fotografici, catturando, dai televisori sempre accesi di cui si circondava, un’ampia serie di immagini dai soggetti e contorni diversi. Nei giorni successivi, quasi in una sorta di scrittura automatica, ne evidenziava i contenuti e le valenze per lui più interessanti, enfatizzando così tutto ciò che già in precedenza aveva messo a fuoco tramite la fotografia. In qualità di fotografo, Mario Schifano ha avuto occasione di registrare, all’istante, qualsiasi stimolo avesse catturato la sua attenzione, attingendo a piene mani sia dal mondo reale sia dal mondo mediatico. I suoi scatti immortalavano persone, oggetti, ambienti (o loro frammenti) incontrati talvolta dal vivo, ma soprattutto sullo schermo – in entrambi i casi fagocitati dall’obiettivo – con un gesto iterato alacremente, a ritmo quasi compulsivo. Così il fotografo, non diversamente da un reporter (“inviato speciale nella realtà”, citando Achille Bonito Oliva), accumulava note, spunti, appunti – un campionario iconografico sul quale, successivamente, interveniva il pittore. Inizia dunque il dialogo tra l’immagine fotografica e il segno grafico, tra l’automatismo del mezzo meccanico e la frenesia del gesto manuale, tra l’eterogeneità dispersiva degli scatti e la sintesi cui li riconduce il colore (lacca o pennarelli che siano). Un lavoro che è stato definito il “luogo genetico e concettuale in cui provava a sperimentare incessantemente segni e colori, accostando e deformando figure e passaggi”. Ma a ben guardare è anche il luogo delle sue correzioni: uno zibaldone di immagini che non solo fornisce all’artista ispirazione e materia prima per le successive rielaborazioni – in un’ottica, appunto, di dialogo e sperimentazione – ma sul quale la sua mano, in pervicace sovrapposizione, tenta ostinatamente di imporre il dominio ultimo, l’ultima parola. Orari: dal martedì al sabato 12.00 – 15.00 / 19.30 – 22.00 – domenica solo la sera.

Posted in Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Mostra personale d’arte contemporanea di Antonio Mazzetti

Posted by fidest press agency su lunedì, 19 novembre 2018

Roma sabato 1 dicembre 2018 ore 18.00 Galleria Arte Borgo Borgo Vittorio, 25. La mostra resterà aperta fino al 7 dicembre 2018. la Galleria ospita la mostra personale d’arte contemporanea di Antonio Mazzetti, intitolata “Electro-collages” e dedicata a questa particolare tecnica artistica ottenuta dall’assemblaggio di singole rielaborazioni elettroniche realizzate al computer, dalle quali si raggiunge un’immagine omogenea.
Non poteva trovare location più centrale nella capitale italiana, la Personale di Antonio Mazzetti, che si svolge nel periodo prenatalizio in una delle gallerie d’arte romane più attente alle nuove tendenze del panorama artistico. Nella Galleria Arte Borgo, diretta da Anna Isopo, con allestimenti espositivi curati dall’esperienza pluriennale di Antonio Esposito, si inaugura la mostra di Antonio Mazzetti, “archeologo dell’immagine”.<>Prosegue la curatrice Sabrina Falzone asserendo che <<l’ispirazione alle forme archetipiche della civiltà occidentale greco-romana determina anche un altro aspetto particolarmente significativo dell’indagine artistica di Mazzetti, quello mnemonico. La memoria, con il suo solido retaggio culturale, si sposa armoniosamente con la sofisticata ricerca di una teatralità prospettica, nonostante non manchino repentini contrasti visivi nel procedimento di assemblaggio. Il messaggio di universalità dell’opera d’arte in Mazzetti è rafforzato dalla tecnica del collage e della sovrapposizione di elementi compositivi finalizzato ad uno straordinario dialogo tra epoche e culture.>>
Apertura al pubblico dal 2 al 7 dicembre 2018 Orari della mostra lunedì: 15.00-19.00 / da martedì a venerdì: 11.00–19.00 / sabato: 10.00-13.00 Domenica chiuso.

Posted in Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Mostra Luciano Ventrone “Meraviglia ed estasi”

Posted by fidest press agency su domenica, 18 novembre 2018

Gualdo Tadino (Perugia) chiesa monumentale di San Francesco un nuovo coup de théâtre per la mostra Luciano Ventrone. “Meraviglia ed estasi”, a cura di Vittorio Sgarbi e Cesare Biasini Selvaggi, prorogata fino al 6 gennaio. Visto il grande consenso di pubblico e di critica, l’esposizione ospitata presso la chiesa monumentale di San Francesco si amplia e si rinnova. Sabato 17 novembre presso la sala consiliare del Comune, è avvenuto il debutto di Tatsiana Naumcic, l’ultima allieva di Luciano Ventrone. Il percorso espositivo si è arricchito di una sezione a lei dedicata con opere scelte dal ciclo “Dio sta nei dettagli”, in cui è possibile ammirare i parallelismi tecnici con il suo maestro, definito da Federico Zeri “il Caravaggio del XX secolo”. Tatsiana Naumcic nasce a Minsk, in Bielorussia, nel 1980, dove si forma nei suoi studi artistici. Oggi vive e lavora a Roma e, dal 2016, dipinge affianco al suo mentore, con una peculiare impronta, in cui dolcezza e amore per la perfezione emergono con forza dalle testimonianze visive. Per l’occasione, alla presenza del primo cittadino Massimiliano Presciutti e delle autorità comunali, sono stati presentati il catalogo di Tatsiana Naumcic e lo speciale libro di didattica “Mangiare con gli occhi! I segreti di frutta, ortaggi e fiori nelle opere d’arte di Gualdo Tadino”, a cura di Cesare Biasini Selvaggi, edito per i tipi di Carlo Cambi editore, entrambi promossi e sponsorizzati dall’Associazione Archivi Ventrone. Il libro-gioco, ideato e prodotto per bambini di età compresa tra i 6 e i 10 anni, prevede un’originale “caccia alla natura morta” guidata dallo stesso maestro Ventrone, grazie anche alle coinvolgenti illustrazioni di Paolo Marabotto. Si tratta di una vera e propria “indagine” sulla simbologia delle nature morte presenti nelle collezioni museali d’arte del comune umbro, a partire da quella che appare nel famoso capolavoro dell’Albero di Jesse di Matteo da Gualdo, presso la pinacoteca.
Biglietto di ingresso: Biglietto intero 6,00 euro Biglietto ridotto A 5,00 euro: over 65, gruppi superiori alle 15 unità Biglietto ridotto B 3,00 euro: istituti scolastici, studenti universitari, bambini 7-12 anni Biglietto gratuito: bambini fino a 6 anni di età Visita guidata Senza costi aggiuntivi sul biglietto, sabato, domenica e festivi alle ore 16.00 (durata 45’) Audio guida: costo aggiuntivo di 2,00 euro

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Mostra monografica di Nicolas Schöffer

Posted by fidest press agency su domenica, 18 novembre 2018

Roma Martedì 20 novembre p.v. alle ore 19.30 presso la Galleria dell’Accademia d’Ungeria in Roma (Palazzo Falconieri – Via Giulia, 1 20 novembre 2018 -26 gennaio 2019) si terrà il vernissage di LUCE IN MOVIMENTO – mostra monografica di Nicolas Schöffer, artista ungherese naturalizzato francese (Kalocsa 1912 – Parigi 1992), fra i più significativi esponenti dell’arte cinetica. L’esposizione organizzata dall’Accademia d’Ungheria in Roma in collaborazione con la Collezione di Nicolas Schöffer di Kalocsa e lo Studio Farnese e curata da Éva Iván Mácsainé e Németh Pál presenterà al pubblico circa 40 opere dell’artista tra cui disegni, collages, sculture e installazioni. Nicolas Schöffer scultore, pittore, architetto, progettista, video- artista, computer grafico, professore universitario, teorico dell’arte e artista sperimentale.
Formatosi all’Accademia di Belle Arti di Budapest sotto la guida di István Szőnyi, nel 1936 si stabilì a Parigi. Perseguendo un’integrazione costruttiva e dinamica dello spazio nell’opera d’arte (spaziodinamismo), dal 1949 realizzò le sue prime opere cinetiche giungendo con le monumentali torri spazio-dinamiche, all’identificazione tra scultura, architettura e ambiente. Nel 1968 a Miklós Schöffer, divenuto nel frattempo Nicolas Schöffer e oramai di fama mondiale, venne assegnato il Gran Premio della Biennale di Venezia. L’anno successivo furono le sue opere ad inaugurare lo Studio Farnese di Roma. Rientrò a Kalocsa per la prima volta solo nel 1976. Nel 1980 presso la sua casa natale venne inaugurato il Museo a lui dedicato, il Museo ”Schöffer Múzeum”, il cui corpus fu l’opera omnia dell’artista, donato dallo stesso al Museo un anno prima. Nel 1982 venne eletto nella sezione d’arte figurativa dell’Accademia di Francia. La sua vasta opera venne premiata dallo Stato francese con i più prestigiosi premi nonché con l’Ordine di merito. Morì l’8 gennaio del 1992 a Parigi presso il suo atelier a Montmartre. Le sue opere oggi sono visibili in numerose città europee e americane. Al vernissage seguirà l’inaugurazione del nuovo progetto dell’Accademia d’Ungheria dedicato alle arti audio-visive contemporanee, intitolato “Il CUBO”.Lo spazio della Scala Nobile di Palazzo Falconieri per una serata si trasformerà in un pop up concept space.
La prima edizione del progetto – che prevede eventi unici con frequenza mensile – sarà dedicata all’arte di Nicolas Schöffer, proiezioni dei suoi film sperimentali accompagnati da musica elettronica, techno ungherese.

Posted in Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Mostra European Identities

Posted by fidest press agency su domenica, 11 novembre 2018

Firenze lunedì 12 novembre, ore 12.00 Le Murate Progetti Arte Contemporanea, Piazza delle Murate mostra European Identities. New Geographies in Artists’ Film and Video a cura di Leonardo Bigazzi.
Dopo il successo delle mostre che si sono tenute a Firenze a Palazzo Strozzi (2015), al Cinema La Compagnia (2016), a Palazzo Medici Riccardi (2017) e in Francia a Passerelle Centre d’art contemporain, Brest (2018), Lo schermo dell’arte presenta quest’anno un nuovo progetto espositivo nato nell’ambito di VISIO. European Programme on Artists’ Moving Images: European Identities. New Geographies in Artists’ Film and Video che si terrà durante la settimana dello Schermo dell’arte negli spazi delle Murate Progetti Arte Contemporanea.
La mostra intende restituire la molteplicità di culture e nazionalità dei 12 artisti partecipanti a VISIO 2018 riunendo opere che riflettono una nuova identità artistica europea.
Artisti presenti: Tekla Aslanishvili (1988, Georgia/Germania) Vincent Ceraudo (1986, Italia, Francia/Olanda) Alice dos Reis (1995, Portogallo/Olanda) Ryan Ferko (1987, Irlanda/Canada) Riccardo Giacconi (1985, Italia) Vanessa Gravenor (1992, Canada, Stati Uniti/Germania) Margaret Haines (1984, Canada/Olanda) Alyona Larionova (1988, Russia/Regno Unito) Lukas Marxt (1983, Austria/Germania) Martina Melilli (1987, Italia) Micha_ Soja e Ró_a Duda (1994-1993, Polonia) Katja Verheul (1988, Olanda).Lo schermo dell’arte Film Festival 2018 è realizzato con il contributo di: Creative Europe/MEDIA, MIBAC Direzione Generale per Il Cinema, Regione Toscana nell’ambito di “Toscanaincontemporanea2018” / Giovani Sì, Città Metropolitana di Firenze, Comune di Firenze,La Compagnia, Progetto realizzato nell’ambito del Programma Sensi Contemporanei Toscana per il Cinema , Fondazione Cassa di Risparmio di Firenze
con il sostegno di: In Between Art Film, Institut français Firenze, Accademia di Belle Arti di Firenze

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

“Reggio Emilia: Un Novecento ritrovato – Inediti in mostra”

Posted by fidest press agency su sabato, 10 novembre 2018

Reggio emilia 17 novembre 2018 – 26 gennaio 2019 Galleria RezArte Contemporanea Via Emilia Santo Stefano 54, Inaugurazione: sabato 17 novembre 2018, ore 17.00. Cinque anni di ricerca hanno portato alla realizzazione del progetto espositivo “Reggio Emilia. Un Novecento ritrovato – Inediti in mostra”. In mostra, dipinti ad olio e tecniche miste su tela o su tavola, unitamente ad alcuni acquerelli, di Giuliano Borghi, Vittorio Cavicchioni, Ottorino Davoli, Rina Ferri, Gino Forti, Gino Gandini, Walter Iotti, Nello Leonardi, Alberto Manfredi, Bruno Olivi, Vivaldo Poli, Norberto Riccò e Gianni Ruspaggiari. Un racconto, aperto ad ulteriori approfondimenti, che si propone di mettere in luce il percorso dei singoli autori nel contesto storico del territorio, senza ripartizioni in gruppi e tendenze, ricerche iconiche e astratte.

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Kabuki Girls: mostra di Ayumi Sasaki

Posted by fidest press agency su sabato, 10 novembre 2018

Reggio Emilia 17 novembre – 5 dicembre 2018 Inaugurazione: sabato 17 novembre, ore 17.30 Galleria 8,75 Artecontemporanea mostra dell’artista giapponese Ayumi Sasaki curata da David Parenti. Ayumi Sasaki non è nuova all’Italia e, in particolare, a Reggio Emilia, dove già nel 2015 aveva esposto alcune sue opere pittoriche in occasione della collettiva “Made in Giappone”, promossa da diverse associazioni e gallerie d’arte della città. A tre anni di distanza, l’artista presenta alla Galleria 8,75 Artecontemporanea la sua prima personale, che attinge alla tradizione secolare del Teatro Kabuki, passando attraverso le figure della Geisha e della Maiko, per approfondire il ruolo della donna nella società in cui viviamo.
Inizialmente recitato solo dalle donne, il Kabuki divenne successivamente appannaggio esclusivo degli uomini che interpretavano anche i ruoli femminili. Le danze odierne delle Geishe derivano dal Teatro Kabuki, ma il confine tra realtà è finzione è labile. Le Geishe infatti possono imitare il Kabuki, ma non interpretarlo in via ufficiale. Ayumi Sasaki auspica, dunque, un ritorno al Kabuki delle origini, «fatto di passione, bellezza e libertà».
In esposizione, una selezione di opere inedite ad olio su tela e su tavola, alcune delle quali di grandi dimensioni, cui si aggiungono alcuni acquerelli su carta.

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Mostra Bet Shlomo di Milano e dedicata alla formazione ebraica che operò per la Liberazione dell’Italia

Posted by fidest press agency su giovedì, 8 novembre 2018

Lodi il prossimo 9 novembre non vedrà la partecipazione dell’Anpi locale, nonostante il benestare del vicesindaco Lorenzo Maggi, delegato alla Cultura, e il patrocinio dell’Anpi di Milano e del Centro studi nazionale Brigata ebraica.L’Anpi del Lodigiano ha rifiutato l’invito, sostenendo che la mostra “appare esplicitamente promossa da istituzioni e organizzazioni dello stato d’Israele”, il quale:“Si è dotato di armamento nucleare rifiutando qualsiasi controllo della comunità internazionale, occupa illegalmente i territori palestinesi e il Golan siriano, tiene sotto assedio la popolazione di Gaza, pratica la segregazione e la discriminazione nei confronti della popolazione arabo palestinese, utilizza anche l’assassinio nei confronti dei dirigenti palestinesi e di civili inermi”.Una presa di posizione agli antipodi rispetto a quella di Roberto Cenati, presidente dell’Anpi di Milano, che nei mesi scorsi aveva espresso parole d’elogio per la Brigata ebraica, definita “patrimonio storico della Resistenza italiana” e quella del vicesindaco Maggi:“Accusare Israele di praticare la segregazione non solo è palesemente falso ma grottesco, e accusarla di praticare l’omicidio nei confronti di civili inermi è una infamia che ricalca di fatto i libelli antisemiti medioevali, secondo i quali gli ebrei si macchiavano di omicidi rituali”.
Gli ebrei sia tra le fila della Brigata ebraica sia a livello personale hanno combattuto le due guerre mondiali per l’Italia. In questo senso sono state significative le parole del presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, che ha ricordato a Trieste un giovane ebreo, Vittorio Calderoni, che a 17 anni si imbarcò dall’Argentina per combattere nella Grande Guerra sotto la bandiera dell’Italia.

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Mostra: Natura e universo femmimile

Posted by fidest press agency su martedì, 6 novembre 2018

Mantova sabato 10 novembre 2018 ore 17.00 Museo diocesano Francesco Gonzaga Piazza Virgiliana, 55 inaugurazione mostra collettiva d’arte contemporanea “Natura e Universo femminile” che resterà aperta fino al 21 novembre 2018. Intervengono
Mons. Roberto Brunelli Direttore del Museo diocesano Francesco Gonzaga e Sabrina Falzone, Francesca Bianucci e Chiara Cinelli Curatrici della mostra. E’ dedicata a un binomio tematico che si inserisce nel solco di una tradizione simbolica secolare e che trova ampia rappresentazione nella storia dell’arte.
“Unità tematica, nel binomio così suggestivo dato dalla Natura e dall’Universo femminile, espressa da una pluralità di voci, provenienti da vari paesi del mondo intero ed esprimentisi in una grande varietà di tecniche artistiche: questa mostra non poteva trovare ambiente più consonante del Museo che la ospita – afferma Mons. Roberto Brunelli, Direttore del Museo -. Chi, dopo avere ammirato questa densa esposizione, vorrà percorrere le sale del Museo vi troverà consonanza nella miriade di capolavori di pittura, scultura, oreficeria, smalti, avori e molto altro, provenienti da mezzo mondo e distribuiti negli ultimi venti secoli. E pluribus unum: il celebre motto, forse virgiliano, fatto proprio dagli Stati Uniti d’America non pare improprio applicarlo anche qui, sia al Museo sia alla Mostra: per entrambi intendendo come unum l’arte, quell’arte che non si appaga di semplice estetica ma si fa veicolo di valori, di quanto di meglio l’uomo trova dentro di sé”.
I ventitré artisti interpreti del tema si sono cimentati su questo duplice binario tematico, ciascuno attraverso il filtro della propria sensibilità, espressività ed esperienza, dando vita a un percorso espositivo che si caratterizza per la coesistenza di linguaggi e stili differenti, e per la provenienza internazionale delle opere in mostra.
Alla varietà di stili rappresentati si somma la pluralità di tecniche utilizzate per la realizzazione delle opere: acquarello, arte frattale, fire painting (combustione con fiamma di candela), fiber art, fotografia, intarsio, pittura e scultura.
“L’esigenza comunicativa accomuna i ventitré artisti selezionati – osserva la curatrice Sabrina Falzone -, ognuno dei quali ha esperito un proprio linguaggio visuale non solo mediante modalità eterogenee, ma anche con una significativa impronta personale, finalizzata ad una capillare diffusione del messaggio artistico e ad una più ampia condivisione di contenuti, stili e procedimenti tecnici. Il grande tema della Natura si manifesta maestosamente in paesaggi, figure, colori e architetture pittoriche. D’altro canto l’Universo femminile, sorretto da un’eclatante creatività, viene sottolineato dalle figure, individuato nelle astrazioni segniche ed enfatizzato dall’eleganza scultorea. Con una pluralità di tecniche artistiche che va dalla terracotta alla pittura, dalla fotografia all’intarsio, gli artisti in mostra si esprimono con inaspettata spontaneità ai fruitori”.
(ingresso libero) da mercoledì a domenica: 9.30–12.00 / 15.00–17.30 lunedì e martedì: aperto solo a gruppi prenotati Ingresso al Museo intero 6,00 – ridotto 4,00

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »