Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 29 n° 327

Posts Tagged ‘milano’

La Particella di Bach incanta Bookcity Milano

Posted by fidest press agency su mercoledì, 15 novembre 2017

cera lenociRomani e CavasonzaMILANO. Venerdì 17 novembre 2017, a Milano, la meravigliosa Casa Verdi (Piazza Buonarroti 29) alle ore 17,00, ospiterà l’Evento di BOOKCITY MILANO 2017 “La forza rigenerativa della musica”. L’Evento avrà per oggetto la presentazione del Libro di Raffaele Cera “La Particella di Bach”, Edizioni del Rosone.
Si tratta di un romanzo che racconta la storia di un grafico, colpito dall’Alzheimer e guarito grazie all’amore dei familiari e alla musica sublime di Johann Sebastian Bach. Da questa straordinaria e sconvolgente esperienza nasce il desiderio di entrare in conservatorio per studiare musica, per riuscire un giorno a suonare il pianoforte e, ancora, per studiare direzione d’orchestra, al fine di arrivare a capire il senso ultimo della musica e, in particolare della musica di Bach, capace di approdare all’ambito metafisico raggiungendo la bellezza assoluta.
Interverranno: il professor Francesco Lenoci, Docente presso l’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano; il professor Pietro Fratino, Università degli Studi di Pavia; il preside Raffaele Cera, Autore del Libro. Allieteranno l’evento alcune composizioni di Johann Sebastian Bach eseguite dalla pianista Colette Cavasonza e dal soprano Clarissa Romani. (foto: cera lenoci, romani e cavasonza)

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Due le sedi a Milano per la galleria Deodato Arte

Posted by fidest press agency su giovedì, 2 novembre 2017

Deodato Arte1Milano. La galleria Deodato Arte è lieta di annunciare l’apertura di un nuovo spazio in via Nerino 2, nel cuore di Milano, a pochi metri dalla storica sede di via Santa Marta 6. Durante l’inaugurazione di martedì 21 novembre alle ore 18.30 (ore 18.30 Orari lunedì – sabato, ore 10.30 – 14 e 15 – 19) è prevista la performance di Tomoko Nagao, artista che da anni collabora con la galleria e che in questa occasione interviene in versione Japan Pop sulla superficie di un pianoforte.La sede di via Nerino offre al pubblico la possibilità di ammirare dal vivo i lavori della vasta collezione della galleria Deodato Arte nella sua completezza dalle opere pittoriche alle sculture, dalle fotografie ai lavori grafici e oggetti di design, già visibili virtualmente sul sito ww.deodato.com, caratterizzato sin dalla sua nascita da un esclusivo servizio e-commerce dedicato a tutti gli appassionati d’arte. Grandi maestri come Marc Chagall, Christo, Keith Haring, Damien Hirst, Joan Miró, Takashi Murakami, Pablo Picasso, Mimmo Rotella, Andy Warhol, sono accompagnati da artisti contemporanei come Arman, Mr. Brainwash, Giovanna Fra, Maurizio Galimberti, Marco Lodola, José Molina, Tomoko Nagao e da molti altri. Importanti nomi dell’arte che la galleria propone al pubblico Deodato Arte2puntando sul concetto di accessibilità, intesa sia come possibilità di acquisto per tutti i budget, sia come attenzione alle esigenze del cliente. Deodato Arte è una realtà in continua evoluzione che, nata nel 2010, crea sinergie con musei, partecipa a fiere nazionali e internazionali e realizza tirature d’arte, con particolare focus al mondo Japan Pop e Urban Art. La galleria opera nel mondo dell’arte con un approccio innovativo e attraverso differenti canali, dall’ideazione alla diffusione della rivista “Deodato Art Magazine” dedicata ai propri collezionisti, a una capillare presenza in ambito multimediale.
A Milano l’apertura del nuovo spazio in via Nerino permette di potenziare l’offerta culturale della galleria e di affiancare la fitta programmazione di mostre personali e collettive della sede in via Santa Marta, che ha recentemente ospitato Joan Miró. La serata inaugurale dà avvio al periodo prenatalizio, che prevede dal 21 novembre al 24 dicembre l’apertura eccezionale al pubblico sette giorni su sette di entrambi gli spazi milanesi. (foto. deodato arte)

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Tiziano: Sacra Conversazione 1520

Posted by fidest press agency su domenica, 29 ottobre 2017

tizianoMilano Palazzo Marino Sala Alessi 5 dicembre 2017 – 14 gennaio 2018 Giunto alla sua decima edizione, il tradizionale appuntamento natalizio con l’arte di Palazzo Marino torna in Sala Alessi con un capolavoro di Tiziano, la maestosa pala d’altare “Sacra conversazione 1520 (Pala Gozzi)” proveniente dalla Pinacoteca Civica “Francesco Podesti” di Ancona, che sarà visitabile, come sempre con ingresso libero. Insieme all’indiscussa importanza storico-artistica del dipinto di Tiziano, la scelta del Comune testimonia la vicinanza di Milano alla città di Ancona, che svolge un ruolo fondamentale come centro di raccolta e riparo di numerose opere d’arte, tra cui molti capolavori, provenienti dai territori marchigiani colpiti dal terremoto, e il costante impegno della nostra città a favore di un territorio in difficoltà.
Grazie ad un importante progetto allestitivo curato dall’architetto Corrado Anselmi, i visitatori potranno straordinariamente osservare non solo il capolavoro di Tiziano ma anche il retro della tavola, dove sono presenti alcuni schizzi a matita, in parte ombreggiati a pennello, realizzati dallo stesso Tiziano e raffiguranti varie teste, una delle quali potrebbe essere il bozzetto per il Bambino in una prima stesura del dipinto. La possibilità di ammirare anche il retro della grande pala d’altare (olio su tavola, 312 x 215 cm) consentirà di scoprire come venivano realizzate nel Cinquecento queste opere che tanta importanza e diffusione hanno avuto nella storia dell’arte del nostro Paese.Dipinta nel 1520 dall’allora trentenne Tiziano per il mercante di Dubrovnik Luigi Gozzi, e destinata all’altare principale della chiesa di San Francesco ad Alto ad Ancona, la “Sacra Conversazione” è il primo dipinto firmato e datato di Tiziano a noi noto: in un cartiglio in basso si legge infatti ALOYXIUS GOTIUS RAGOSINUS / FECIT FIERI / MDXX / TITIANUS CADORINUS PINSIT.La tavola è una tappa decisiva nell’affermarsi di una nuova forma di pala d’altare, svincolata dagli schemi architettonici e prospettici del Quattrocento. Una rivoluzione che era stata intuita da Leonardo con la Vergine delle Rocce, proseguita da Raffaello, ma interpretata da Tiziano con uno spirito aperto alla natura.
L’opera appartiene al tradizionale genere iconografico della pala d’altare definita ‘Sacra Conversazione’: la Madonna con il Bambino appare improvvisamente in un cielo di nuvole in vibrante movimento, infuocato dalla luce magica del tramonto; in basso contemplano sbigottiti la visione San Francesco, a cui era dedicata la chiesa che ospitava la pala, e San Biagio protettore della città dalmata, che indica al committente inginocchiato l’apparizione celeste. Immerso in una calda luce reale, un paesaggio irripetibile, dove spiccano in primo piano le relazioni visive tra i personaggi: ognuno guarda qualcuno sino ad arrivare al Bambin Gesù che a sua volta punta lo sguardo sull’esterno, sullo spettatore, chiamato così ad essere parte attiva dell’opera stessa. Sullo sfondo della rappresentazione, ben visibile, il bacino di San Marco con il Palazzo Ducale e il suo noto campanile.
Un dipinto grandioso che unisce Venezia, Ancona e Dubrovnik: Tiziano sembra suggerire un’alleanza tra i tre più importanti porti dell’Adriatico, sullo sfondo delle turbolenze politiche sul suolo italiano e dell’espansionismo ottomano.Grazie ad un importante progetto allestitivo curato dall’architetto Corrado Anselmi, i visitatori potranno osservare anche il retro della tavola dove sono presenti alcuni schizzi a matita, in parte ombreggiati a pennello, realizzati dallo stesso Tiziano e raffiguranti varie teste, una delle quali potrebbe essere il bozzetto per il Bambino in una prima stesura del dipinto.A valorizzare ancor di più il capolavoro, l’impianto illuminotecnico a cura dell’architetto Francesco Murano, che utilizzerà la tecnica della luce miscelata, ottenuta componendo luci calde e fredde, e favorirà una visione particolarmente brillante dei colori con i faretti Luum della Lumen Center Italia.
Curata da Stefano Zuffi, la mostra è promossa da Comune di Milano, Intesa Sanpaolo – partner istituzionale – con il sostegno di Rinascente. L’iniziativa è coordinata da Palazzo Reale e realizzata insieme alla Città di Ancona – Pinacoteca Civica “Francesco Podesti” in collaborazione con le Gallerie d’Italia di Piazza Scala e organizzata con Civita.
Apertura al pubblico Tutti i giorni dalle ore 9.30 alle ore 20.00(ultimo ingresso alle ore 19.30)
Giovedì dalle ore 9.30 alle ore 22.30 (ultimo ingresso alle ore 22.00) Chiusure anticipate 7 dicembre chiusura ore 12.00 (ultimo ingresso alle ore 11.30) 24 e 31 dicembre 2016 chiusura ore 18.00(ultimo ingresso alle ore 17.30) Festività 8 e 25 dicembre, 1 e 6 gennaio aperti dalle ore 9.30 alle ore 20.00 (ultimo ingresso alle ore 19.30). (foto: tiziano)

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Biancaneve e i sette nani

Posted by fidest press agency su domenica, 15 ottobre 2017

BiancaneveQuixoteMilano 19 e 20 gennaio 2018 ore 21.00 Teatro degli Arcimboldi Viale dell’Innovazione 20. Si rinnova, come ormai ogni anno, l’appuntamento degli allievi dell’Accademia Ucraina di Balletto. Dopo l’ennesimo successo della scorsa stagione e a grande richiesta, torna lo straordinario balletto ispirato all’omonimo capolavoro di Miguel de Cervantes, Don Quixote, che si alternerà nei tre giorni di programmazione a BIANCANEVE e i SETTE NANI, riproposto dopo il sold out di febbraio 2017.
Già presentato 4 anni fa nella versione che va in scena in molti paesi dell’est, quest’anno si ispirerà ad una sinossi più tradizionale e completa. Ancora una volta protagonisti gli allievi dell’Accademia Ucraina di Balletto ed alcuni allievi già diplomati a fianco di due vere e proprie stelle del balletto: ALINA NANU e ONDREJ VINKLAT, primi ballerini del TEATRO DELL’OPERA di PRAGA. Don Quixote è un gentiluomo di campagna convinto di essere un cavaliere errante, sogna la sua dama Dulcinea ed insieme a Sancho Panza, il suo scudiero, parte alla sua ricerca. Kitri, figlia dell’oste Lorenzo e promessa dal padre al ricco Gamache, è innamorata di Basilio. Don Quixote, nel suo viaggio, giunge nella città dove vive Kitri, ravvisa in lei la sua Dulcinea e la corteggia provocando la gelosia di Gamache. Nella confusione che si verifica i due innamorati riescono a fuggire e si rifugiano in una taverna, inseguiti da Lorenzo e da Gamache. Mentre giungono anche Don Quixote e Sancho Panza, Basilio, con uno stratagemma finge di suicidarsi e Kitri implora l’aiuto e l’intercessione di Don Quixote, il quale convince Lorenzo a benedire le nozze dei due giovani prima della morte di Basilio. Avvenuta la benedizione, Basilio si rialza svelando l’inganno. Infine, tra grandi feste per l’avvenuto sposalizio, Don Quixote ed il suo scudiero ripartono alla ricerca di nuove avventure.
Prezzi a partire da 17,25 euro. In occasione di concerti e spettacoli la biglietteria è aperta a partire da un’ora prima dell’orario d’inizio recita in cartellone. (foto: Quixote, biancaneve)

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Appuntamenti musicali: Ritratti in musica

Posted by fidest press agency su mercoledì, 4 ottobre 2017

cameristesciortinoMilano Palazzina Liberty Largo Marinai d’Italia, 1 Sabato 7 ottobre, alle h 21, Le Cameriste ambrosiane, ensemble di musiciste in residence nella stagione di Milano Classica, propone il programma Ritratti di signora, articolato in quattro parti: nobildonne e popolane, sante e malafemmine. La regina di Saba di Händel e la mozartiana Regina della Notte; le donne dei tanghi di Gardel e la cortigiana Thaïs; Violetta Valéry e Carmen: tante sono le figure, entrate ormai nell’immaginario collettivo, che verranno evocate dai suoni di flauto, arpa e quartetto d’archi. Serata benefica a favore dell’Associazione Libellule Onlus per il mese della prevenzione del tumore al seno INGRESSO UNICO: € 20.00
Domenica 8 ottobre, alle 10.45, Plim inaugura una serie di presentazioni di cd: si apre in bellezza con Orazio Sciortino, pianista-compositore fra i più talentuosi e poliedrici della sua generazione. Sciortino presenterà, suonando e colloquiando con Luca Ciammarughi, il suo nuovo album Sony Classical, dal titolo Self Portrait – Piano Works: si tratta di un ritratto composito, che comprende sia le composizioni pianistiche originali del musicista siciliano ormai di casa a Milano, sia alcune sue trascrizioni di brani a cui è profondamente legato, come Le poème de l’extase di Scriabin e alcune pagine da L’enfant et les sortilèges di Ravel. (foto. cameristi, sciortino)

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Congresso Europeo di Medicina Interna

Posted by fidest press agency su lunedì, 11 settembre 2017

università studi milanoMilano. Successo di pubblico e di contenuti per la sedicesima edizione del Congresso Europeo di Medicina Interna (ECIM), ospitata dalla Prestigiosa sede dell’Università degli Studi di Milano, dove si sono alternati 40 relatori di diverse nazionalità. Numerosi gli argomenti al centro dell’evento, organizzato dall’EFIM, Federazione Europea di Medicina Interna: dal ruolo della medicina interna in un mondo di risorse limitate all’invecchiamento della popolazione; dal concetto di “Less is More” alla medicina dei migranti.
Proprio su quest’ultimo tema si è soffermato il Prof. Pietro Amedeo Modesti, Dipartimento di Medicina Sperimentale e Clinica dell’Università di Firenze, che ha illustrato l’importanza della “Salute degli immigrati e delle minoranze etniche: una sfida per l’Europa”.
“Nel 1990 – ha spiegato il Prof. Modesti – poco più del 2% della popolazione in Italia era nata al di fuori dell’UE. Al 1° gennaio 2016 le persone residenti nell’UE-28 e nate al di fuori dell’UE erano 35,1 milioni. L’analisi della struttura per età della popolazione rivela che, per l’UE-28 nel suo insieme, la popolazione straniera è più giovane di quella autoctona. Al 1° gennaio 2016 l’età mediana della popolazione nazionale nell’UE-28 era di 44 anni, mentre l’età mediana degli stranieri residenti nell’UE era di 36 anni. Dal 2000 al 2009 l’aumento più consistente dei residenti nati all’estero si è riscontrato in Spagna (da 820.000 a 5.663.000) e in Italia (da 1.270.000 a 4.235.000). Nel nostro Paese i migranti sono una popolazione globale in espansione di crescente importanza sociale, demografica e politica e il tasso di immigrati nel numero totale di residenti attualmente supera il 10% in regioni come Lombardia, Emilia Romagna e Toscana”. “In molti Paesi europei – ha proseguito – la prevalenza di ipertensione, diabete, malattia renale cronica, obesità e sindrome metabolica è risultata più elevata nella maggior parte dei gruppi etnici rispetto alla popolazione nativa. I soggetti provenienti dall’Africa sub-sahariana e dall’Asia meridionale si trovano infatti ad avere un rischio maggiore di ictus e di insufficienza renale rispetto agli europei nativi”. “Anche in Italia – ha aggiunto – il rischio di malattia coronarica dei soggetti provenienti dal Sud Est Asiatico è attualmente 2 volte maggiore rispetto ai soggetti nati in Italia. Le linee guida per la prevenzione delle malattie cardiovascolari promosse nel 2016 dalla Società Europea di Cardiologia suggeriscono di considerare un aumento del rischio cardiovascolare di 1.4 volte per la popolazioni nate nel Sud Est Asiatico e di 1.3 volte per quelle originarie dall’Africa Sub-Sahariana”.
Il Prof. Modesti si è poi soffermato sulla comunità cinese, la terza tra le comunità di immigrati che vivono in Italia. “Secondo alcune stime – ha affermato – la prevalenza del diabete mellito in Cina è passata dall’1% nel 1980 al 11% nel 2013. Prato, con una popolazione di 185.456 al Censimento 2011, è la città italiana con la più alta percentuale di cinesi rispetto alla popolazione residente. Attualmente il 32% dei bambini che nascono a Prato ha madre cinese. Nel corso degli ultimi 15 anni oltre 40.000 immigrati cinesi si sono stabiliti a Prato dove, alla fine del 2011, erano circa 5.000 le aziende di proprietà cinese, circa 4.000 delle quali coinvolte nel settore dell’abbigliamento”. Nel 2014, grazie alla collaborazione delle Autorità Cinesi (Consolato Generale di Firenze) e delle principali associazioni cinesi della zona, è stato possibile costruire un progetto condiviso finalizzato a identificare e dare priorità ai bisogni della comunità in modo che le autorità sanitarie regionali possano rispondere alle esigenze della popolazione cinese e allocare le risorse in modo appropriato. Nella prima parte dello studio sono state indagate 1.600 persone cinesi di età compresa tra 18 e 59 anni. Nella fascia di età tra 35 e 59 anni è stato messo in evidenza che i soggetti cinesi hanno, rispetto a quelli italiani, un rischio maggiore di 2.6 volte per ipertensione, di 4.5 volte per quanto riguarda il diabete, di 2.4 volte di ipercolesterolemia, e di 2,9 volte di ipertrigliceridemia. In particolare, oltre il 40% dei soggetti cinesi di età inferiore ai 25 anni aveva prediabete (glicemia a digiuno maggiore di 100 mg/dL).Nella seconda fase dello studio sono state indagate le differenze nella distribuzione della aterosclerosi.
“Alcuni dati raccolti nei paesi orientali sulla popolazione che ha avuto un ictus cerebrale (prima causa di morte in Cina), indicavano un’alta prevalenza di aterosclerosi dei vasi intracranici – ha concluso Modesti – Per questo è stata studiata l’aterosclerosi intracranica nei soggetti Cinesi con nuova diagnosi di diabete mellito e ancora asintomatici per malattia vascolare cerebrale. Nel 18% di questi soggetti è stata rilevata la presenza di una stenosi vaso intracranico. Sono questi i soggetti nei quali si dovrà agire di più per raggiungere un buon controllo dei fattori di rischio per prevenire un futuro Ictus Cerebrale”.
Tra i temi di maggiore interesse quello legato alla medicina forense umanitaria, che ha a che fare con conflitti e guerre armati, ma che è stata applicata anche ad altre situazioni riguardanti i rifugiati, i richiedenti asilo e la migrazione corrente in generale.“Si tratta – ha spiegato durante la sua relazione la Prof.ssa Cristina Cattaneo, Sezione di Medicina Legale dell’Università di Milano – dell’applicazione della medicina e della scienza per la protezione dei diritti umani e l’individuazione della loro violazione. Per la determinazione dello stato di Rifugiato in particolare e per ottenere la protezione necessaria, la medicina forense è importante per la rilevazione di traumi recenti o passati”.“Sono molto soddisfatta di come la Federazione Europea di Medicina Interna abbia promosso il Congresso – ha dichiarato la Professoressa Maria Domenica Cappellini, Presidente ECIM 2017 – permettendo così agli internisti (5.000 quelli presenti in Italia) di fornire la migliore cura ai pazienti in tutta Europa, attraverso la conoscenza dei progressi scientifici recenti”.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Commedia: La vecchia Dorotea

Posted by fidest press agency su venerdì, 8 settembre 2017

La vecchia DoroteaMilano martedì 12 (anteprima), ore 20 da mercoledì a sabato, ore 20 domenica, ore 16 al Teatro Gerolamo piazza Beccaria, 8 andrà in scena “La Vecchia Dorotea”. Biglietti da 34,00 euro a 6,00 euro. Il testo, risalente alla metà dell’Ottocento, venne acquistato dalla Compagnia Carlo Colla & Figli dal marionettista Fiando che, come molte altre compagnie marionettistiche, l’aveva in repertorio con il titolo La giocatrice del lotto. Dai primi anni del secolo fino al 1957 la commedia venne rappresentata abitualmente al Teatro Gerolamo.
Questa commedia appartiene a quel filone solitamente chiamato di tipo “informativo”. Infatti fino alla prima guerra mondiale il teatro di marionette assolveva anche alla funzione di mass-media in quanto nei piccoli centri di provincia rappresentava l’unico mezzo di informazione di eventi storici (dalle guerre di Indipendenza alla guerra d’Africa) e di attualità (dagli episodi di brigantaggio ai fatti di cronaca).
Ed è proprio da un avvenimento documentato dai quotidiani dell’epoca che la trama della commedia prende le mosse. L’ambiente è quello della Milano di fine Ottocento e del quartiere del Verziere, riconoscibilissimo nelle scenografie. Una particolare attenzione è data ai personaggi dei “ligera”, ovvero la piccola malavita del tempo.La maschera di Gerolamo è il riferimento preciso a un personaggio caratteristico di milanesità, di idealismo sociale e politico. Il suo intervento è superamento di realtà fabulistica e raggiungimento della figura di un commentatore che è presente ma non necessariamente esistente. Gerolamo diventa qui il simbolo dell’onestà contro la delinquenza e arbitro di situazioni a lui estranee.
Il senso della proposta risiede nel desiderio di rivisitare un patrimonio drammaturgico tipico del teatro marionettistico italiano, e più in particolare milanese, unico nel suo genere.
I marionettisti Eugenio Monti Colla, Franco Citterio, Mariagrazia Citterio, Piero Corbella, Camillo Cosulich, Debora Coviello, Cecilia Di Marco, Tiziano Marcolegio, Sheila Perego, Giovanni Schiavolin, Paolo Sette. Voci recitanti: Pierluigi Bottazzi, Franco Citterio, Maria Grazia Citterio, Carla Colla, Carlo III Colla, Silvia Colzani, Piero Corbella, Elisabetta Di Mambro, Maurizio Dotti, Enzo Oddone, Giovanni Schiavolin. scene di Achille Lualdi, costumi di Carlo II Colla. Regia di Eugenio Monti Colla produzione Associazione Grupporiani – Milano. (foto: la vecchia dorotea)

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

La Commissione europea nomina il nuovo capo della rappresentanza regionale a Milano

Posted by fidest press agency su sabato, 2 settembre 2017

european commissionBruxelles. Massimo Gaudina è il nuovo capo della sede di Milano della rappresentanza della Commissione europea in Italia. Massimo Gaudina, di nazionalità italiana, assumerà il proprio incarico il 1º settembre 2017. Con 30 anni di esperienza, di cui 20 nell’ambito della comunicazione istituzionale dell’UE, rappresenterà la Commissione europea e incoraggerà il dibattito sulle questioni europee, principalmente nell’Italia del Nord. Negli ultimi otto anni Gaudina è stato capo dell’unità Comunicazione presso il Consiglio europeo della ricerca (CER) a Bruxelles. In tale veste ha pianificato e coordinato la strategia di comunicazione del CER, promuovendone gli inviti a presentare proposte e le storie di successo. Tra il 2007 e il 2009 ha lavorato presso la direzione generale della Comunicazione della Commissione, dove è stato responsabile dei partenariati con gli Stati membri sulle azioni di comunicazione, del progetto “Spazi pubblici europei” (spazi aperti al pubblico negli edifici della Commissione europea dei vari Stati membri, dove i cittadini possono approfondire le loro conoscenze sull’UE) e delle iniziative rivolte ai giovani e alle scuole. Tra il 2004 e il 2007 ha lavorato presso la rappresentanza della Commissione europea a Roma e, tra le mansioni svolte, ha organizzato le celebrazioni per il 50º anniversario dei trattati di Roma e lanciato lo Spazio pubblico europeo presso i locali della rappresentanza.
Massimo Gaudina ha iniziato a lavorare per la Commissione europea nel 1994 come responsabile della comunicazione e prima di allora ha lavorato come giornalista in Italia.
Laureatosi in Scienze politiche all’Università di Torino, Gaudina, oltre all’italiano che è la sua lingua madre, parla correntemente inglese, francese, spagnolo e ha una conoscenza di base dello svedese.
La Commissione europea ha uffici di rappresentanza nei 28 Stati membri, affiancati da uffici regionali a Barcellona, Belfast, Bonn, Cardiff, Edimburgo, Marsiglia, Milano, Monaco di Baviera e Breslavia. Gli uffici di rappresentanza permettono alla Commissione di essere presente negli Stati membri dell’UE, collaborando con le autorità nazionali e le parti interessate e informando i media e l’opinione pubblica sulle politiche dell’UE. Le rappresentanze hanno inoltre il compito di informare la Commissione in merito agli sviluppi di maggior rilievo negli Stati membri. Dall’inizio della Commissione Juncker i direttori delle rappresentanze sono nominati dal Presidente e fungono da suoi rappresentanti politici nello Stato membro di distaccamento.

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Sgarbi presenta “Biennale Milano”

Posted by fidest press agency su lunedì, 7 agosto 2017

Biennale_Milano1Biennale_Milano2Milano dall’11 al 15 ottobre presso Brera Site, in via delle Erbe grande attesa per la nuova edizione della “Biennale Milano – International Art Meeting”, presentata da Vittorio Sgarbi, una delle più rinomate e celebri esposizioni internazionali. E’ un innovativo spazio dedicato a eventi culturali collocato nel cuore della città, a pochi passi dal Piccolo Teatro, ed in altre prestigiose sedi milanesi, con la direzione organizzativa del manager della cultura Salvo Nugnes, Presidente di “Spoleto Arte”.
Nella “Biennale Milano” sono previsti eventi e conferenze ad ingresso gratuito con la partecipazione di numerosi artisti noti del panorama italiano ma anche straniero, tutti selezionati accuratamente dal comitato organizzativo, e di illustri personaggi del mondo della cultura e dello spettacolo che interverranno in occasione degli incontri: da Alessandro Sallusti al prof. Francesco Alberoni, da Paolo Liguori, direttore di TGcom, a Katia Ricciarelli, da Silvana Giacobini a Vittorio Feltri, da Alessandro Meluzzi a Bruno Vespa, da Alviero Martini ad Alba Parietti, ed altri ancora. Pittura, scultura, fotografia e video-arte saranno accolte in un’esposizione collettiva in cui ogni artista avrà un proprio spazio per mostrare il suo talento e le sue creazioni.
La Biennale verrà riproposta a seguito del grande risultato e dei numerosi apprezzamenti ricevuti nel 2015. Anche due anni fa l’evento era stato arricchito da molteplici conferenze e presentazioni letterarie con la partecipazione di rinomati personaggi, come il cantautore Cristiano De André e lo scrittore Mauro Corona.
L’evento si avvarrà di numerosi patrocini, come quello dell’UNESCO, del Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo, della Regione Lombardia, del Comune e della Provincia di Milano.Nella nuova edizione della “Biennale Milano” verrà sicuramente superato il successo della scorsa edizione, preannunciando così un appuntamento da non perdere. (christian flammia)(foto: biennale milano)

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Beppe Sala, sindaco di Milano, è indagato anche per turbativa d’asta

Posted by fidest press agency su lunedì, 26 giugno 2017

salaMilano. Continua l’inchiesta della procura generale di Milano su Expo, ed emergono sempre più fatti poco piacevoli per Beppe Sala. Dopo l’accusa di falso, per aver retrodatato un documento relativo al maxi-appalto per la Piastra (il più importanti di Expo, del valore di 272 milioni di euro), da oggi l’ex commissario e AD di Expo è indagato anche per turbativa d’asta, per la fornitura di alberi per la fiera.Le indagine si concentrano sullo scorporo dell’appalto del verde da quello della Piastra, al quale era inizialmente collegato, e che era stato vinto della Società Mantovani. Secondo l’accusa, si legge, questa operazione di scorporo avrebbe dovuto comportare una nuova formulazione della gara, per permettere a chi, per diverse ragioni, non aveva potuto tentare di aggiudicarsi l’appalto complessivo, di poter entrare in corsa per quello ridotto. Non aver posto in essere tale azione, avrebbe comportato una turbativa nella regolarità della gara.”Già in passato il sindaco Beppe Sala aveva annunciato di auto-sospendersi dal proprio incarico a seguito delle indagini compiute dalla Procura di Milano, salvo poi revocarsi l’auto-sospensione autonomamente.” afferma il Codacons – “Vediamo se ora, con la notizia di questa nuova indagine, il Sindaco deciderà nuovamente di auto-sospendersi dall’incarico oppure no.”Ci pare farebbe cosa gradita se in vista delle indagini della Procura della Repubblica il Sindaco decidesse nuovamente di auto-sospendersi.” Conclude l’Associazione. (n.r. Come dire? Se Roma piange, Milano non ride.) (foto: sala)

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Mostra: Assedio a Madrid

Posted by fidest press agency su martedì, 6 giugno 2017

assedio a madridMilano la Casa di Vetro via Luisa Sanfelice, 3 fino al 9 giugno 2017 dalle 19:00 alle 22:00 1936 – 1939, “La guerra civile spagnola nelle immagini dell’archivio fotografico de la delegatiòn de propaganda y prensa de Madrid durante la guerra civil”.
in occasione della prima edizione di Milano Photo Week, l’Assessore alla Cultura del Comune di Milano ci ha chiesto di partecipare con un nostro evento. Abbiamo deciso di proporre la mostra Assedio a Madrid in orario serale, per dare possibilità di venire a visitarla anche a chi non è riuscito negli orari pomeridiani. Nella foto: Miliziani del Servizio di Collegamento Guadalajara (Spagna) – 1937 Foto di Ministerio de Educación, Cultura y Deporte. Archivo General de la Administración,Fondo “Archivo Fotográfico de la Delegación de Propaganda y Prensa de Madrid durante la Guerra Civil” Albero y Segovia Información Gráfica (Madrid, España) – F-04053-54404-001r

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

32° edizione del Salone Franchising

Posted by fidest press agency su sabato, 3 giugno 2017

Scuola di Franchising(Milano. Si terrà da giovedì 12 a sabato 14 ottobre 2017 la 32° edizione del SALONE FRANCHISING MILANO, in Fieramilanocity (Padiglione 4). Luogo tradizionale di incontro dell’intera filiera del franchising, il Salone 2017 ospiterà 200 stand di aziende attive nel franchising e circa 15 mila visitatori.In Italia operano in franchising 950 aziende, 51.000 punti di vendita, per un fatturato complessivo annuo di 23 miliardi di euro.
Tra le novità del Salone Franchising Milano 2017, il talent “Re.Start-Smart Up Your Business” aperto a coloro che hanno idee innovative nel campo della distribuzione o della progettazione di punti vendita e che permetterà al vincitore di veder realizzata la propria idea. (foto: Scuola di Franchising)

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Il CMAE al Festival del Volo 2017

Posted by fidest press agency su lunedì, 29 maggio 2017

mongolfiera1Milano dal 2 al 4 giugno dalle ore 11.00 alle ore 23.00,Parco EXPerience (Ex area Expo Milano). L’area che ha ospitato EXPO 2015 è pronta ad animarsi nuovamente con un evento dedicato al tema del volo, dalle mongolfiere fino allo spazio. Sarà messo in scena uno spettacolo dedicato ad appassionati del cielo, ma non solo, grazie a un calendario ricco di attività che invaderanno gli oltre 400.000 mq della zona espositiva, per un incontro tra tradizione e innovazione. Voli frenati in mongolfiera, gare aerostatiche, aquiloni giganti e droni saranno i veri protagonisti dell’aria, mentre a terra i visitatori avranno solamente l’imbarazzo della scelta, perdendosi tra gli spazi dedicati alle imprese spaziali, o ammirando l’esposizione di aerei, piper e alianti. In più le numerose mostre, dedicate alla storia del volo, allo space food, all’Italia nello spazio e alle donne in orbita, accanto a divertenti laboratori per i più piccoli e, per i più temerari, simulazioni di volo con istruttori.
Al centro della kermesse – venerdì 2 giugno alle ore 16.00 – sarà il convegno scientifico per celebrare manif aerea (26)volo-liberoi 25 anni del primo italiano in orbita, Franco Malerba, al quale parteciperanno inoltre importanti scienziati e fisici. Lo stesso giorno ci sarà un annullo filatelico in collaborazione con cartoline, timbri e francobolli a tema aerostatica e spazio. Nel pomeriggio del 3 giugno l’Albero della Vita radunerà attorno a sé le auto d’epoca del CMAE, il Club Milanese di Automoto d’Epoca più antico d’Italia, rievocando la magia e il fascino dei Rally Balloon: negli anni tra le due guerre in Europa era molto in voga abbinare i palloni aerostatici con le automobili, che li inseguivano via terra tentando di arrivare per prime al punto di atterraggio. Al Festival del Volo saranno circa 25 le vetture presenti, di proprietà dei soci del CMAE, che a partire dalle ore 15.00 sfileranno al centro dell’area Expo.
Bentley, Cadillac, Alfa Romeo Giulietta Spider, Porsche, Maserati, Lancia Flavia Sport Zagato, Ferrari 208 GTS Turbo, sono solo alcuni dei preziosi modelli attesi intorno al simbolo di EXPO. Per tutti e tre i giorni street food di eccellenza e DJ set faranno da contorno all’evento, mentre l’Aeronautica Militare parteciperà con due concerti della Fanfara il 2 giugno. Il 2 giugno ci sarà inoltre l’esibizione di Davide Van de Sfroos, uno dei più importanti cantautori italiani, grazie alla collaborazione con Radio NumberOne, media partner dell’evento.

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Vaccini, l’Ordine di Milano radia il medico no vax

Posted by fidest press agency su sabato, 27 maggio 2017

vaccinazioniMilano. Dopo il medico legale Roberto Gava, radiato dall’Ordine dei Medici di Treviso per le sue posizioni no-vax, è il turno di Dario Miedico, radiato dall’Ordine di Milano. La notizia, resa nota da fonti esterne all’Omceo, è confermata dal presidente Roberto Carlo Rossi: «Si tratta di una decisione unanime, ora si dovrà attendere il tempo per il ricorso. Non abbiamo ancora inviato le motivazioni e logicamente sono oggetto di riserbo assoluto».
Medico, epidemiologo del Comilva, movimento italiano per la libertà di vaccinazione, è noto per le posizioni critiche sui vaccini obbligatori e pro-libertà di scelta per famiglie e cittadini. L’anno scorso, all’indomani della pubblicazione del documento della Federazione degli Ordini dei Medici, aveva definito le posizioni ordinistiche antiscientifiche (per “falsi elementi tranquillizzanti” riportati) e tendenti a influenzare la magistratura. Procedimenti ora sono aperti all’Ordine dei Medici di Firenze (Massimo Montinari, per un protocollo di cura per l’autismo mai convalidato da alcuna ricerca scientifica) e di Venezia. E a Milano ombre si levano sui 150 firmatari di una lettera inviata al presidente dell’Istituto Superiore di Sanità Walter Ricciardi che sull’efficacia dell’obbligo vaccinale chiedevano un confronto pubblico. A Milano è sotto esame la posizione di 17 iscritti firmatari ma qui Rossi sottolinea che occorre cautela nel giudicare: prima il confronto con gli interessati, ribadisce a DoctorNews, poi chiarire e solo dopo valutare. Ove si aprisse un’istruttoria, il rischio è di un processo pubblico collettivo al posto del confronto: uno spettro che nella lettera era evocato. I firmatari della missiva affermano di constatare direttamente l’esistenza di “reazioni avverse” “migliaia all’anno”.E pur ammettendo che “un qualsiasi medico dotato di buon senso e di un minimo di conoscenza scientifica non può essere contro le vaccinazioni pediatriche”, pongono dubbi sul fatto che i bambini vaccinati siano più sani dei non vaccinati, anzi, e si dicono pronti a partecipare a un’indagine ISS che confronti “nel modo più rigoroso” lo stato di salute delle due categorie. Affermano che meglio sarebbe eseguire solo le 4 vaccinazioni obbligatorie e in certi casi singole. In più, espongono dubbi sul tetto minimo del 95% di copertura per ottenere l’immunizzazione di una popolazione, sull’efficacia del trivalente MPR e dell’HPV, e fanno confronti con un’Europa che ha alte coperture senza porre obblighi. Il recente boom del morbillo fa pesare però la bilancia dalla parte delle posizioni del Ministero della Salute, promotore del recente decreto legge che lega l’iscrizione alle materne all’immunizzazione del bambino, e di FnomCeo. Il Codice Deontologico all’articolo 15 impone all’iscritto di “non sottrarre la persona assistita a trattamenti scientificamente fondati e di comprovata efficacia”. Cosa rischia chi ha firmato la lettera? «A un presidente d’Ordine interessa innanzi tutto che i medici sappiano comunicare con le famiglie e con i pazienti», dice Antonio Panti presidente Omceo Firenze e artefice della Carta di Firenze del 2005, sulla comunicazione tra medici e al paziente. «Se qualcuno dice che i vaccini fanno male e sottrae medico-famiglia3persone alla prevenzione di malattie gravi va sanzionato, ma al di là di questo il medico deve dare una corretta informazione alle famiglie sulla base delle informazioni che ha. Il rapporto con il paziente è essenzialmente di comunicazione, e quando le osservazioni su una materia nascono nell’ambito di tale rapporto il primo errore, dall’esterno, è supporle come frutto di una divisione tra due schieramenti, pro-vax e anti-vax in questo caso. Per fortuna i media non si sono fin qui quasi mai prestati a questo gioco come un po’ avvenne per il caso Di Bella». Il confronto va rasserenato? «Sì, ripeto, a meno non si dissuada il cittadino dal vaccinarsi. E tenendo presente che la scienza medica ha argomenti molto forti per proporre i vaccini, i quali -con anestesia ed antibiotici – sono grandi vittorie della medicina. Le rassicurazioni sugli eventi avversi sono nei manuali, nel sito del Ministero, nelle pubblicazioni periodiche; non mancano aggiornamenti, e un sistema efficiente di monitoraggio. Dall’altra parte i cittadini si pongono domande, legittimamente amplificano angosce, pensano “se capitasse a me?” Se il medico fa sua l’angoscia altrui al punto da mettere in discussione assunti validati, occorre riflettere prima di tutto sulla formazione alla comunicazione che abbiamo offerto ai colleghi in questi anni e su come migliorarla». (Mauro Miserendino) (fonte doctornews33)

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Aggrediti a Milano poliziotto e militari

Posted by fidest press agency su domenica, 21 maggio 2017

milanodavedere“Nell’esprimere la massima solidarietà al collega ed al militare rimasti feriti durante l’aggressione avvenuta a Milano ci rendiamo conto che, nostro malgrado, non proviamo alcuna meraviglia e non siamo certo colti di sorpresa da una notizia che sta scatenando – fortunatamente per certi versi – un forte dibattito, ma che non suona assolutamente nuova o ‘straordinaria’. Non è consentito ammettere che a certe cose ci si debba abituare, e però è anche assurdo e vigliacco che ce ne si occupi solo quando la notizia è funzionale agli interessi mediatici. Sono fatti gravissimi, tutti, nessuno escluso, compresi i tanti di cui non frega assolutamente niente a nessuno. E provoca grande sbigottimento l’ipocrisia e l’ignoranza di chi non si rende conto che episodi del genere accadono ogni santo giorno in ogni angolo d’Italia. Ed ancora più rabbia genera chi su certi fatti specula, e chi, poi, in completa mala fede si spinge ad emettere giudizi che fanno sicuramente più male delle coltellate, specie si tratta di qualche scienziato che addirittura veste la divisa. Qualcuno ha addirittura osato criticare i feriti o spingersi al limite dello sberleffo, e noi non possiamo che rispondere a muso duro che prima di osare aprire bocca dovrebbero tutti guardarsi allo specchio e chiedersi se davvero hanno idea di cosa significhi andare per strada ogni giorno contro l’ignoto, e finire in ospedale dopo un servizio di apparente banale routine”.
Franco Maccari, Segretario Generale del Coisp, Sindacato Indipendente di Polizia reagisce alle polemiche scoppiate dopo l’aggressione ai danni di un Agente e due Militari avvenuto a Milano e conclusosi con l’accoltellamento del Poliziotto e di uno dei due soldati, finiti entrambi in ospedale dopo l’arresto dell’aggressore. Solidarietà da parte di molti, ma anche commenti a dir poco ingenerosi e malevoli verso i colleghi hanno costellato la rete, dove qualcuno ha addirittura espresso dubbi sulla possibilità che “il ragazzino ben ammanettato e imbavagliato” potesse essere lui vittima dei militari.
“Lo sconcerto che proviamo di fronte a tanta ottusa malignità non è descrivibile – si infuria Maccari -, e tutto questo, associato alle vere difficoltà cui dobbiamo far fronte, alle abissali carenze con cui facciamo i conti, alla schizofrenica azione di continua tortura cui siamo esposti sempre e comunque qualunque cosa facciamo o non facciamo, non fa che tradursi davvero in un vera e propria fortissima spinta a girarsi dall’altra parte!”. (n.r. E’ un episodio che va oltre il fatto in sè e denota un crescendo di aggressività conseguente allo svilimento del ruolo della polizia derivante da una filiera giustizia che continua a perdere credibilità e rispetto).

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Obama di qua e Obama di là. Che brutto Paese

Posted by fidest press agency su giovedì, 11 maggio 2017

obamaLa “visita” dell’ex-presidente Usa Barack Obama a Milano e poi in Toscana, ha scatenato tutto il provincialismo italiano. Quello insito nelle persone più importanti e nell’ultimo dei bischeri. Quello fatto di chi ama farsi i selfie in ogni occasione, figurarsi se poi e’ accanto a qualcuno che e’ un “selfie vivente” come Obama.
Restiamo comunque attoniti per il fatto che per andarlo ad ascoltare a Milano, con tanto di pienone ed esaurito, le persone hanno speso 850 euro, nell’ambito di una fiera gastronomica e, da quanto abbiamo capito, non sono soldi che poi vengono dati per qualche buona causa altruista. Si sa, gli ex-presidenti Usa (e non solo, notorio il caso dell’Uk Tony Blair) hanno come missione post “capo del mondo” quella di andare in giro a dire la propria (e sono quotati piu’ e meglio di tanti altri, per carita’…) percependo parcelle che, si’ finiscono in fondazioni e cose simili per il bene diffuso, ma che niente ci dice che in buona parte servano a finanziare lo stesso oratore. La cosa in se’ non ci scandalizza, non abbiamo l’approccio cattolico romano al denaro (che sarebbe sporco…), ma non riusciamo a digerire quello che, anche l’iper-liberal quotidiano The New York Times, ha chiesto che non accadesse anche nel caso di Obama: super parcelle la cui destinazione non e’ mai trasparente al 100%. Sara’ inascoltato?
Ma ne prendiamo atto. Cosi’ come prendiamo atto, dopo aver letto di chi andava da Obama risparmiando sul parrucchiere o chi cercava di non spendere perche’ forse riusciva ad imbucarsi: perfetto specchio dell’Italia che si riflette in ogni parte del mondo.
E non ci puo’ non venire in mente di quando, l’ex-presidente del Governo italiano, Matteo Renzi, grande anfitrione odierno della calata di Obama nella capitale meneghina, quando era “solo” Sindaco di Firenze, in un incontro in Usa sempre con Obama, si faceva spazio tra la folla di tanti amministratori ricevuti dal primo cittadino Usa, piegato su se stesso, con le spalle contrite e la mano destra tesa in avanti, diceva “Mister President, I’m a Mayor of Florence”. Sembrava Massimo D’Alema quando qualche anno prima, neo-ministro degli Esteri, nelle foto degli incontri internazionali accanto ai suoi colleghi dei Paesi piu’ importanti del mondo, con le spalle anche lui contrite, e forse anche per i baffetti che gli davano l’aspetto umile e buffo a mo’ di Charlie Chaplin, con lo sguardo spaurito e gli occhi mobili che si guardavano e riguardavano intorno, sembrava si dicesse da solo “ed io che ci faccio qui?” oppure “madonna, dove sono arrivato”.
Va buo’! Probabilmente e’ l’Italia in cui stiamo consumando gli ultimi anni della nostra vita (ne ho 64) e, visto che non sono stato “disciplinato” in passato e tuttora, mi tocca viverli come in una sorta di Inferno di Dante (il poeta, non il figlio del Sindaco di New York, Bill de Blasio), messo a soffrire in un girone in cui si e’ flagellati da luoghi comuni, provincialismo, frasi fatte, tutte ben mescolate con fake news che ti fanno perdere l’orbita del senno e dell’orientamento.
Ma cosa ne verra’ fuori da questa “visita” di Obama? Leggiamo di scuole, master, corsi, incontri. Anche noi siamo convinti che la presidenza Obama sia stata una delle migliori Usa in questi ultimi decenni, ma proprio non riusciamo a non sentirci a disagio nel vedere il marito di Michelle aggirasi per monumenti con l’ombra di Renzi, il codazzo di fotografi e, immaginiamo, incassare la sua parcella. Ci domandiamo se sara’ qualcosa come quella di Bill Gates, che coi miliardi che ha fatto e continua a fare con la Microsoft, costruisce, tra l’altro, cessi portatili per i disgraziati dell’Africa. O qualcosa come il miliardario George Soros, tutto dedito a sostenere democrazie come piattaforme di societa’ aperte , soprattutto nell’Europa di cui e’ originario.
Se son rose fioriranno? C’e’ da capire quali siano queste rose… noi vediamo tante spine, ma siamo curiosi e, pur se pessimisti nel giudizio, siamo almeno ottimisti nell’azione. Altrimenti saremmo qui solo a piangerci addosso, che non e’ la nostra attivita’ preferita. (Vincenzo Donvito, presidente Aduc)

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Percorsi di fede

Posted by fidest press agency su domenica, 30 aprile 2017

milanoMilano Sabato 6 maggio 2017 – Ore 10 Aula Pio XI – Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano (largo Gemelli,1) Rappresentanti del cattolicesimo ed esponenti buddhisti si confronteranno su cosa significhi “credere” nelle reciproche discipline spirituali.
Oltre ad approfondire gli aspetti filosofici, l’incontro darà spazio anche alle concrete esperienze di fede di due giovani: uno studente cattolico e un monaco di tradizione buddhista zen. Relatori:
– mons. Luca Bressan, Vicario episcopale per la Cultura, la Carità, la Missione e l’Azione Sociale dell’Arcidiocesi di Milano;
– don Alberto Cozzi, Preside dell’Istituto Superiore di Scienze Religiose;
– Massimiliano Rossignoli, studente di Giurisprudenza presso l’Università Cattolica;
– Ven. Tenzin Khenrab Rinpoche, Maestro residente dell’Istituto Studi di Buddhismo Tibetano Ghe Pel Ling di Milano;
– Rev.Carlo Tetsugen Serra, Maestro Zen e Abate dei Templi Ensoji e Sanboji;
– Jacopo Daie Milani, monaco zen.
L’incontro è aperto al pubblico.

Posted in Cronaca/News, Università/University | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Anso agli Stati Generali del giornalismo in Lombardia

Posted by fidest press agency su venerdì, 21 aprile 2017

giovannelliMilano 22 e 23 aprile Palazzo delle Stelline (corso Magenta 61), sono convocati gli Stati Generali dell’informazione in Lombardia, due giornate di studio con “Tavoli tematici” per analizzare e approfondire mercato, scenari, opportunità e proposte sulla professione e sui nuovi giornalismi. L’obiettivo è interrogarsi sul cambiamento dei modelli di riferimento che caratterizzano la professione e il mestiere del giornalista promuovendo una riflessione comune che coinvolga gli organismi rappresentativi della categoria.Anche Anso sarà presente con Marco Giovannelli, presidente dell’Associazione Nazionale Stampa Online e direttore di VareseNews. «La nuova legge sull’editoria, per la prima volta, riconosce il quotidiano online come prodotto editoriale – dice Giovannelli -. È un primo passo verso la valorizzazione del lavoro di migliaia di persone che svolgono la propria attività professionale in molti progetti legati al mondo dell’editoria. Anso rappresenta questo mondo che nel corso degli anni è cresciuto ed è diventato punto di riferimento dell’informazione locale. Porteremo con piacere il nostro contributo agli Stati generali raccontando le esperienze, i valori, le difficoltà e i vantaggi di una crescita di un mondo in continua evoluzione». I lavori, organizzati dall’Assessorato alle Culture, Identità e Autonomie della Regione Lombardia in collaborazione con l’Ordine dei giornalisti della Lombardia, sono strutturati in tre momenti: sabato 22 aprile (dalle 9 alle 14) un corso di formazione con 7 crediti formativi per i giornalisti – “Mercato e tendenze dell’editoria e dell’informazione multimediale in Lombardia”; a seguire, nel pomeriggio, cinque tavoli tematici (dalle 15 alle 18); infine domenica 23 aprile (dalle 10 alle 12.30) la presentazione delle sintesi condivise dai gruppi di approfondimento. La partecipazione è aperta a tutti. (foto: giovannelli)

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Milano è una città per universitari?

Posted by fidest press agency su mercoledì, 12 aprile 2017

milano10Milano mercoledì 12 aprile alle 17 si confronteranno sul tema “Milano e la società della conoscenza” i rettori di Statale, Bicocca, Bocconi e Politecnico: l’incontro si terrà nella Sala Alessi di Palazzo Marino. L’evento è organizzato dal Distretto 2041 del Rotary, che riunisce i club metropolitani, nell’ambito della rassegna “Milano, identità e futuro”. Questo ciclo di incontri sulla città di Milano giunge al suo terzo appuntamento, dopo aver incontrato i consoli residenti in città – interrogandoli sull’internazionalizzazione del capoluogo lombardo – e i direttori dei musei cittadini: i primi appuntamenti hanno evidenziato come Milano sia una città attrattiva, che negli ultimi anni ha saputo aggiungere al suo storico “dinamismo imprenditoriale” e di piazza finanziaria una offerta culturale di altissimo livello internazionale. Proprio in quest’occasione è emerso che una quota significativa degli stranieri che vengono a risiedere a Milano è costituita da studenti, che apprezzano i servizi offerti – Milano si conferma come una città “facile” da percorrere, di dimensioni ridotte e con una buona rete di mezzi pubblici – ma lamentano gli elevati prezzi degli affitti e, nel complesso, non riscontrano nell’organizzazione dei servizi e nella stessa vita culturale e professionale della Città la capacità di valorizzare le risorse rappresentate dalla presenza di oltre 183mila giovani distribuiti su otto università. Appunto: Milano è una città per universitari? Il dibattito è aperto al pubblico.
In serata, alle 19, il Rotary – in collaborazione con la Veneranda Fabbrica del Duomo – offrirà alla cittadinanza un concerto dell’orchestra sinfonica Giuseppe Verdi di Milano nel Duomo cittadino. Sarà eseguita la Passione secondo Matteo di J.S. Bach.

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

A Milano il Randstad Employer Brand

Posted by fidest press agency su martedì, 4 aprile 2017

porta nuova milanoMilano 12 aprile a Palazzo Mezzanotte, settima edizione del Randstad Award, la serata di gala con la premiazione delle aziende più attrattive come datori di lavoro secondo i potenziali dipendenti. Quali sono le aziende italiane più attrattive per i potenziali dipendenti? Lo decreterà il Randstad Employer Brand 2017, il riconoscimento con cui Randstad – secondo operatore al mondo nel mercato dei servizi per le risorse umane – premia le aziende in cui gli italiani preferirebbero lavorare, sulla base della più completa e rappresentativa ricerca mondiale di employer branding. Il premio, giunto alla setti- ma edizione, sarà assegnato il 12 aprile a Milano nella prestigiosa sede di Palazzo Mezzanotte nel corso del Randstad Award, la serata condotta da Fulvio Giuliani, caporedattore di RTL102.5, insieme a Marco Cere- sa, Amministratore Delegato di Randstad Italia, in cui sarà svelata la ricerca 2017 per poi lasciare spazio alla premiazione delle aziende vincitrici e alla cena di gala firmata da Matteo Metullio, lo chef stellato più giovane d’Italia.
Il Randstad Employer Brand viene assegnato sulla base dei risultati dell’indagine commissionata da Randstad Holding all’istituto di ricerca TNS che misura il livello di attrattività percepita da parte dei possibili dipendenti, ovvero quanto e per quali fattori le aziende sono capaci di attirare chi cerca lavoro o chi vuole cambiarlo. Lo studio è condotto in 26 Paesi in modo indipendente (nessuna azienda si può iscrivere volontariamente per partecipare), con oltre 160.000 intervistati e quasi 5.500 aziende analizzate a livello globale: è l’unica ricerca che fotografa l’opinione del general public tra i 18 e i 65 anni, con approfondimenti e analisi sul mercato del lavoro nei diversisettori.In Italia è stato intervistato tra novembre e dicembre 2016 un campione di 5000 persone (classificate per genere, età, scolarità, regione) comprensivo di occupati, studenti e non occupati, a cui è stato chiesto l’interesse come potenziali datori di lavoro in merito a 150 aziende con oltre 1000 dipendenti attive in 17 settori merceologici diversi e con sede nel Paese, selezionate a partire dalle informazioni Cribis. La ricerca misura quindi la percezione dell’opinione pubblica, non dei dipendenti interni, sulla capacità di employer branding delle aziende. L’obiettivo è individuare i criteri in base a cui gli italiani orientano le proprie scelte quando valutano l’azienda per cui lavorare, ma anche quanto e per quali fattori le aziende sono capaci di attirare l’attenzione di chi cerca lavoro o vuole cambiarlo.
Vinceranno il Randstad Employer Brand 2017 le aziende italiane riconosciute come i datori di lavoro più attrattivi. Oltre a queste, sarà premiata l’azienda con sede in Italia più “disruptive”, selezionata tra imprese altamente innovative che per dimensioni non sono incluse nel campione del REB. La disruption – termine coniato negli anni ’90 da Clayton Christensen della Harvard Business School, mutuato dalla biochimica cellulare – non è solo innovazione di prodotto o di servizio, ma la creazione di qualcosa che prima non c’era.

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »