Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 30 n° 340

Posts Tagged ‘studenti’

Scuola: Spray urticante, basta buonismo

Posted by fidest press agency su lunedì, 10 dicembre 2018

Stamattina a Pavia e a Cremona si è superato il limite: invece di stringersi attorno alle vittime di Corinaldo, dove è scoppiato il panico nella discoteca stracolma di giovani, qualche studente si è divertito a mettere in atto delle bravate prive di significato ma molto pericolose per la salute altrui, sprigionando in entrambi i casi nell’aria dello spray al peperoncino. Secondo Marcello Pacifico (Anief-Cisal), se non si prendono seri provvedimenti nei luoghi in cui bisogna formare i cittadini del domani, specie dopo tragedie che hanno portato la morte di diversi nostri giovani anche per incuranza del rispetto delle regole, allora non ci siamo proprio. Serve, ora più che mai, una risposta chiara, semplice e immediata al di là degli eventuali reati possibili da inserire nel registro degli indagati. Le scuole si adoperino per individuare gli studenti colpevoli e immaturi: vanno espulsi con immediatezza dalle loro scuola, anche per evitare lo svilupparsi di un possibile e pericoloso effetto a catena.

Posted in Cronaca/News, scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Incontro fra don Ciotti e gli studenti

Posted by fidest press agency su lunedì, 26 novembre 2018

Parma. Un confronto aperto su temi forti, dell’oggi ma non solo: su “parole chiave” universali come legalità, democrazia, solidarietà. Su questo e altro don Luigi Ciotti ha dialogato al Campus Scienze e Tecnologie dell’Università di Parma con gli studenti delle scuole superiori del territorio e dell’Ateneo, in attesa della laurea Laurea magistrale ad honorem in Psicologia dell’intervento clinico e sociale che gli sarà conferita nel pomeriggio in Aula Magna. «Forse una laurea io l’ho già: io mi sono laureato in questi anni in Scienze confuse», ha detto don Ciotti aprendo il suo intervento, introdotto dal Rettore Paolo Andrei, dal Vescovo Enrico Solmi e dal docente del Dipartimento di Discipline Umanistiche, Sociali e delle Imprese Culturali – DUSIC Matteo Truffelli, che ha coordinato l’incontro.
Nel corso dell’appuntamento è stato costituito il Presidio universitario di Libera nel territorio di Parma, intitolato a Ilaria Alpi, con la firma di un patto di presidio ad hoc. La firma è stata preceduta da un breve intervento di Margherita Asta, in rappresentanza del Coordinamento di Libera Parma, e di Rosanna De Luca, in rappresentanza degli studenti dell’Università di Parma firmatari. Il Presidio universitario si pone l’obiettivo di promuovere la cultura del rispetto e della legalità in Ateneo e sul territorio, organizzando iniziative di sensibilizzazione e di formazione per gli studenti e per l’opinione pubblica in generale. All’incontro hanno partecipato poco meno di 500 studenti, circa 180 allievi dell’Ateneo e circa 280 allievi di sei scuole superiori del territorio: l’Istituto tecnico economico Mainetti, l’Istituto tecnico economico Melloni, il Liceo classico Romagnosi, il Liceo delle Scienze umane Olivetti, il Liceo delle Scienze umane Sanvitale, il Liceo scientifico Ulivi. Tra i temi sollecitati dai ragazzi: “L’impegno personale di don Ciotti e l’esperienza di Libera”, “Legalità, democrazia, solidarietà”, “Conoscere le mafie per combattere le mafie”. Proprio sulle mafie don Ciotti, applauditissimo dalla platea, si è soffermato a lungo: «C’è il rischio che questo paese si sia fermato a leggere questo problema con le stragi di Capaci e via D’Amelio: sono passati 26 anni», ha detto, sottolineando il progressivo allargamento del raggio d’azione delle mafie («non c’è regione italiana che possa dirsi esente»), i loro «profili organizzativi flessibili e reticolari», la sottovalutazione della pericolosità mafiosa «perché oggi c’è meno sangue». «Ma il metodo mafioso, oggi, è meno militare. È quello della corruzione, è l’area grigia, per entrare nei gangli del sistema», ha continuato don Ciotti, invitando i ragazzi «a tenere occhi aperti e coscienze sveglie» e alla responsabilità come principio dell’agire: «La responsabilità chiama in causa ciascuno di noi, perché il cambiamento può partire da ciascuno di noi».

Posted in Cronaca/News, scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Studenti: “Difendete la vostra libertà con il coraggio della parola”

Posted by fidest press agency su lunedì, 26 novembre 2018

Difendere la libertà ed essere protagonisti della propria vita per un reale cambiamento e perché la comunità sia sempre migliore e più somigliante a come la si vuole. Questo il messaggio partito oggi dall’Istituto Superiore “Fermi” di Catanzaro, dove l’Fsp Polizia – Federazione sindacale di Polizia ha organizzato la presentazione del libro “Fai silenzio ca parrasti assai”, scritto dal procuratore aggiunto di Cosenza, Marisa Manzini. Il magistrato, i vertici del Sindacato di Polizia e l’associazione Fervicredo (Feriti e Vittime della criminalità e del Dovere), cui la Manzini ha scelto di destinare tutti i proventi del libro, hanno parlato agli studenti delle terze, quarte e quinte classi partendo dal volume in cui la Manzini ha raccolto tante esperienze di una vita vissuta contrastando la ‘ndrangheta, per diffondere un forte segnale di speranza e di coraggio spronando i giovani ad essere i veri autori di una svolta per una terra bellissima e ricca di potenzialità come la Calabria, imparando a fare scelte nette che testimonino da quale parte si intende stare.“Saper scegliere dalle piccole cose di ogni giorno fino ai grandi momenti della propria vita restando senza compromessi nell’alveo della legalità, rifiutando i compromessi e ribellandosi a chi vuole imporre silenzio e omertà”, questo è stato il motivo conduttore di tutti gli interventi che si sono susseguiti dopo i saluti della dirigente scolastica, Teresa Agosto, moderati da Giuseppe Brugnano, Segretario nazionale Fsp Polizia. “Sono convinta che il contrasto alla criminalità e alla cultura mafiosa non può essere limitato alla pur fondamentale azione repressiva, ma è indispensabile una rivoluzione delle coscienze, un’assunzione di responsabilità da parte di ogni cittadino, del coraggio e dell’onestà nelle piccole e grandi scelte di ogni giorno. E’ necessaria anche la rivoluzione della parola” ha aperto la strada l’onorevole Wanda Ferro, componente della Commissione parlamentare antimafia che, trattenuta a Roma per i lavori a Montecitorio, ha affidato il suo pensiero a un messaggio letto ai presenti.“E’ indispensabile capire quando dire sì e quando dire no, senza se e senza ma – ha detto poco dopo il deputato Antonio Viscomi -, sapendo riconoscere i comportamenti mafiosi che possiamo avere intorno in tutti i contesti, perché il mafioso non è più quello con la coppola, ma chiunque intenda usare un potere di condizionamento delle nostre scelte. Ma saper scegliere liberamente è indispensabile, perché non possiamo delegare ad altri le nostre scelte quotidiane. Attraverso quelle – ha concluso il parlamentare facendo un appello ai ragazzi – a voi è affidata l’opera di rigenerazione di questa società, a noi, politici in primis, quella di dimostrare la credibilità delle istituzioni”.“Due sono le cose fondamentali in cui credo specie dopo la mia esperienza di vita – ha detto poi Mirko Schio, presidente di Fervicredo, costretto su una sedia a rotelle quando, da poliziotto, fu gravemente ferito in un conflitto a fuoco con dei trafficanti di armi -. Una è l’importanza di scegliere da che parte stare, subito e sempre, specie da ragazzi quando si ha una vita di fronte a cui dare un senso; e l’altra è capire che nulla è impossibile, ma che ciascuno può e deve trovare il modo di dare il proprio contributo per cambiare le cose in meglio, come io ho imparato a fare seduto su questa carrozzina, da cui lavoro ogni giorno con tanti amici di Fervicredo per migliorare la vita di altri”.“Siamo poliziotti e oggi stiamo qui con voi per ribadire che Forze dell’ordine e magistratura sono sempre al vostro fianco in difesa della libertà – ha voluto rimarcare Franco Maccari, Vice Presidente nazionale Fsp -. E lo facciamo anche in questo modo, andando al di là del nostro servizio quotidiano, proprio come la dottoressa Manzini che, con una generosità non comune, oltre a sacrificarsi ogni giorno per la legalità si spende soprattutto per i giovani. Il senso di tutto questo è uno: e cioè che il nostro lavoro continuo e costante non può bastare senza il vostro coinvolgimento. Perché senza l’impegno delle singole persone nel fare quotidiano un vero cambiamento non si può realizzare”.“Voi siete una generazione che ha una marcia in più – ha detto ai ragazzi insistendo sul tema anche Valter Mazzetti, Segretario Generale Fsp Polizia -, perché avete lo strumento della parola e della denuncia rispetto a temi come la ‘ndrangheta che fino a qualche anno fa ancora qualcuno addirittura negava esistesse. Avete gli strumenti per difendere la vostra libertà, per affermare la vostra dignità, per tradurre in gesti concreti il coraggio che serve per essere protagonisti delle proprie vite, rifiutando scorciatoie e convenienze che portano alla schiavitù, magari scegliendo strade più lunghe e faticose ma che portano alla reale affermazione di se stessi. Strumenti che dovete usare con fiducia, perché troverete sempre Forze dell’ordine e magistrati al vostro fianco, troverete sempre chi vi scolta, chi vi protegge, chi vi sostiene, in qualsiasi circostanza. Avete la certezza che noi ci siamo, quindi l’unica cosa che resta da capire è se voi volete essere da questa stessa parte”.
“Abbiamo il dovere di tenere quei comportamenti che diano vita a una società così come la vogliamo, usando il dirompente potere della parola e della denuncia – ha rimarcato in una diversa maniera anche il procuratore Manzini parlando del suo volume -. E il titolo che ho scelto per il libro, riportando le parole di un boss di ‘ndrangheta, è chiarissimo in questo senso, perché se la criminalità vuole il silenzio allora noi dobbiamo fare una sola cosa: parlare. Se io non ho il coraggio di dire ciò che non accetto, e di denunciarlo, allora io quella cosa la avallo. Ma in realtà parlare e rifiutare certi comportamenti dovrebbe essere la normalità. Una normalità di cui ci dobbiamo riappropriare, con il sostegno che in questo senso ci viene dalle Forze dell’ordine e dalle altre istituzioni, perché la criminalità si crede e vuole apparire forte, ma noi, tutti insieme, siamo più forti”.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

UNIlancer: il portale dei talenti universitari, una nuova opportunità per le imprese

Posted by fidest press agency su venerdì, 16 novembre 2018

Offrire agli studenti la possibilità di mettere in mostra il proprio talento, ma con un’altra strategia: costruire esperienze professionali senza dover abbandonare le lezioni. E’ questa la missione di UNIlancer, una piattaforma online appena avviata da alcuni studenti dell’Università IULM di Milano. E che, in poco meno di un mese, ha raccolto l’adesione di
oltre cento iscrizioni da studenti provenienti da atenei di ogni parte d’Italia. La piattaforma è pensata per fornire riscontro e funzioni immediati.
Gli studenti si registrano sul sito http://www.unilancer.it e completano il proprio profilo. Lo stesso vale per le aziende, che pubblicano offerte di collaborazioni specificando di cosa hanno bisogno e quantificando il budget. Gli unilancer con le competenze richieste ricevono una notifica e si candidano, con l’invio di una propria proposta di collaborazione. Le aziende visionano quindi i profili compilati da chi risponde all’offerta e selezionano chi ingaggiare per quello, specifico annuncio pubblicato. A progetto concluso l’azienda conferma le competenze dello studente, rilasciando sul suo profilo una recensione per il lavoro svolto e disponibile per altri inserzionisti che hanno voglia di scovare i talenti universitari, con una call to action specifica che non li metta in conflitto con lo studio. Su UNIlancer le aziende potranno infatti valutare gli studenti anche in funzione dei lavori precedentemente svolti e così trovare rapidamente il candidato ideale per il progetto rimasto scoperto in azienda. Si accorcia insomma la catena del valore che tiene insieme imprese e studenti a cavallo tra università e lavoro. Spesso messi a dura prova, questi, da un complesso sistema di tirocini curriculari, gravati da burocrazia e contratti che sono giocoforza a scatola chiusa. UNIlancer ribalta l’approccio, invitando le aziende a cogliere la sfida di un innovativo outsorcing che valorizzi i giovani, stimoli in loro l’interesse a focalizzarsi su competenze specifiche. “Spesso”, sostiene appunto il fondatore di UNIlancer, Alec Conti “attraverso una piccola collaborazione le aziende possono trovare talenti che, dopo la laurea, entrino a fare parte del loro team e apportino competenze nuove al loro business. Con la nostra piattaforma proviamo a fare, di questo caso, una leva strategica per entrambe le parti in causa”. Ed è speranza che numerosi studenti, intervistati, confermano a sostegno della loro adesione all’iniziativa. In UNIlancer rispondono di vedere un approccio più dinamico e intuitivo all’ingresso nel mondo del lavoro. Perché adesso, i talenti universitari, la corsia preferenziale possono cercarla digitando un indirizzo web. Per visionare il sito web cliccare qui: http://www.unilancer.it

Posted in Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Gli Uffizi per gli studenti

Posted by fidest press agency su sabato, 10 novembre 2018

Firenze Con la riapertura dell’anno scolastico le Gallerie degli Uffizi hanno ripreso a pieno ritmo tutte le attività dedicate alle scuole di ogni ordine e grado.
Per queste ragioni è stato elevato, fino al raddoppio, il numero delle prenotazioni da riservare alle scuole. I contingenti scolastici sono stati aumentati fino a garantire 2500 posti quotidiani distribuiti fra Uffizi, Palazzo Pitti e Giardino di Boboli.
La decorrenza immediata del decreto che fissa questi numeri è una grande opportunità per le scuole che potranno scegliere il momento migliore per il loro soggiorno in città evitando magari i periodi di maggiore afflusso in modo da poter effettuare le loro visite con più agio e tranquillità.
Questa decisione a favore delle scuole fa immediato seguito all’istituzione della tessera annuale destinata alle famiglie che è anch’essa un segno dell’importanza che l’istituzione Gallerie degli Uffizi attribuisce alla missione educativa del Museo.
In un paese, l’Italia, e in una città, Firenze, in cui il patrimonio storico artistico è portatore di valori altissimi, coltivare l’educazione al patrimonio, favorire l’esperienza del museo a più livelli, familiare e scolastico, è molto utile e per questo degno di investimenti quanto più consistenti possibile.
“Le Gallerie degli Uffizi – commenta il direttore Eike Schmidt – continueranno a mobilitare le proprie risorse per favorire attività formative destinate agli insegnanti, alle classi di ogni ordine e grado e alle famiglie”.
La sensibilità e l’attenzione verso ogni forma di disagio e disabilità a vantaggio dei ragazzi e dei loro familiari saranno in primo piano. A sostegno della vocazione di Firenze come storica capitale dell’ artigianato artistico, si lavorerà per favorire l’introduzione dei giovani a questo mondo straordinario da sempre confinante con il mondo del museo. Proseguirà, infine, l’iniziativa “Ambasciatori dell’Arte” mediante la quale gli studenti degli istituti superiori si trasformano in guide turistiche per migliorare le loro competenze linguistiche e affinare le capacità espressive ed espositive.

Posted in Cronaca/News, scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Tornano le giornate dedicate all’orientamento scolastico degli studenti di terza media

Posted by fidest press agency su lunedì, 5 novembre 2018

Roma Via Cristoforo Colombo, angolo Viale dell’Oceano Pacifico Euroma2 ospita la quarta edizione degli Open Days, cinque giornate interamente dedicate all’orientamento formativo degli studenti di terza media, giunti all’importante momento in cui scegliere il futuro percorso di studi.Ecco tutti i numeri dell’edizione 2018 degli “Euroma2 Open Days”: saranno 37 gli istituti superiori presenti a Euroma2 con i loro stand per illustrare l’offerta didattica ai ragazzi delle terze medie. Durante la settimana, sono attese alcune migliaia gli studenti in arrivo dalle oltre 60 scuole di Roma che hanno già aderito in via ufficiale all’iniziativa. Saranno centinaia gli studenti che raggiungeranno il centro anche nel pomeriggio, quando potranno prendere parte all’iniziativa con i loro genitori.Un grande appuntamento ospitato da Euroma2, interamente dedicato al futuro dei ragazzi che, accompagnati dai propri docenti, saranno guidati tra gli stand.Il crescente interesse a partecipare alla preziosa occasione che farà convergere a Euroma2 gli studenti e le scuole, si è estesa a tutta la città. Una risposta che sottolinea quanto sia utile per i ragazzi dialogare e informarsi, attraverso la presenza negli stand di professori e studenti iscritti all’ultimo anno, al fine di conoscere le caratteristiche dei percorsi di studio offerti da ogni scuola.L’iniziativa, organizzata da Euroma2 in collaborazione con gli istituti coinvolti, ha ricevuto il patrocinio della Regione Lazio, di Città metropolitana di Roma Capitale e della Presidenza dell’Assemblea Capitolina. Un appuntamento che Euroma2 vuole offrire ai giovani del territorio per far conoscere il lavoro che le Istituzioni scolastiche svolgono ogni giorno e per affiancare i ragazzi, attraverso momenti di incontro e confronto, nelle scelte fondamentali per il loro futuro.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Scuola – Precariato: il “balletto” dei supplenti danneggia gli studenti svantaggiati

Posted by fidest press agency su venerdì, 26 ottobre 2018

Gli ultimi report nazionali ci dicono che negli istituti di periferia sono concentrati gli allievi non abbienti, ma anche gli insegnanti più giovani e con meno esperienza, i quali lasciano più in fretta l’istituto assegnato: la mancata continuità didattica è una condizione che pesa sulle già basse possibilità che un giovane proveniente da una famiglia “difficile” ha di elevarsi culturalmente ai livelli massimi. Una condizione che parte dalla modesta percentuale di investimenti realizzati per l’istruzione pubblica rispetto al Pil e che costringe il Miur e gli Uffici scolastici a risparmiare su tutto, anche su organici e immissioni in ruolo. Secondo Marcello Pacifico, presidente nazionale Anief, il vero problema è che nel nostro Paese la scuola e l’istruzione in generale continuano ad essere considerati come un costo piuttosto che come un investimento che alla lunga paga.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Studenti in piazza: hanno ragioni da vendere

Posted by fidest press agency su domenica, 14 ottobre 2018

Per il sindacato da sempre vicino ai giovani e al precariato, il problema non è capire se effettivamente i tagli da circa 100 milioni di euro, in arrivo con la legge di bilancio, verranno effettivamente riutilizzati per il settore: il vero problema è che nella Nota di aggiornamento al Documento di economia e finanza, collegata alla manovra di fine anno ed approvato dall’Aula della Camera, non risultano investimenti per quello che l’attuale governo del cambiamento aveva considerato uno dei settori più importanti da risollevare.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Vaccini e antibiotici: cosa ne pensano gli studenti?

Posted by fidest press agency su mercoledì, 19 settembre 2018

I vaccini possono prevenire il cancro? Somministrare più vaccini nella stessa seduta è rischioso? Quando si deve assumere un antibiotico? Che cos’è l’antibiotico resistenza? Gli animali contribuiscono o no al fenomeno dell’antibiotico resistenza? Sono solo alcune delle domande contenute nel questionario sulla “Percezione del rischio connesso all’utilizzo degli antibiotici e dei vaccini”, sottoposto dall’Università di Parma ai suoi studenti.Al questionario, ideato e realizzato dai docenti dell’Università di Parma Simone Bertini, Andrea Summer e Carlo Calzetti, hanno risposto 2229 studenti, il 9,07% dell’intera popolazione studentesca dell’Università di Parma. Le risposte, date in forma anonima ma con riferimento al corso di studio e all’età, forniscono un’immagine della percezione del rischio negli studenti iscritti nei più diversi corsi di studio dell’Ateneo.
I risultati? Alti e bassi. Sfiora il 100% (96,77%) la percentuale di risposte corrette alla domanda su “Quando si deve assumere un antibiotico”, e sono ben oltre il 90% quelle alle domande sull’antibiotico resistenza (93.05%) e sulla sua crescita (92.3%). Le risposte esatte superano invece l’80% nelle domande relative all’uso degli antibiotici e al momento in cui la terapia antibiotica a domicilio va sospesa.Piuttosto basse, per contro, le percentuali di risposte corrette alla domanda relativa a cosa è bene associare a una terapia antibiotica al domicilio (30.69%), a quella che chiedeva se i vaccini possono prevenire il cancro (il 43,47% ha giustamente detto “solo alcuni”) e a quella relativa all’eventualità di rischi nella somministrazione di più vaccini in una stessa seduta (51,86%).Per quanto riguarda la connessione dell’antibiotico resistenza al mondo animale, e in particolare l’incidenza degli animali al problema dell’antibiotico resistenza, i risultati del questionario dimostrano che la questione viene sottovalutata, perché circa il 20% degli studenti sostiene che gli animali non contribuiscono all’antibiotico resistenza e non ritiene importante l’uso di antibiotici esclusivi per le specie animali.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Gli studenti fuori sede spingono il mercato immobiliare nei quartieri universitari

Posted by fidest press agency su mercoledì, 12 settembre 2018

Sono tanti gli studenti che si stanno preparando al nuovo anno accademico e che hanno scelto altre città per i propri studi. In base agli ultimi dati dell’Anagrafe Nazionale Studenti del Miur, nel 2016/2017 gli studenti fuori sede erano più di 400mila. Un esercito che, secondo l’analisi del Centro Studi di Abitare Co. – società attiva nell’ambito dell’intermediazione immobiliare -, contribuisce a dare una spinta al mercato immobiliare nei quartieri vicini alle facoltà delle principali città metropolitane italiane e delle piccole città universitarie. A livello generale, durante il primo semestre del 2018, in prossimità dei quartieri universitari, la domanda per l’acquisto di un’abitazione è aumentata in maniera più marcata (+5,2% sul 2017) rispetto a quella registrata nelle altre zone (+4,6%). Una spinta che arriva sia da chi preferisce acquistare l’immobile al proprio figlio studente, avendone la possibilità economica, sia da chi vuole investire potendo contare su un bacino ampio di potenziali affittuari e su di una rendita più elevata. Contestualmente, a settembre 2018, rispetto allo stesso periodo dello scorso anno, in queste zone cresce del +2,2% il prezzo medio di vendita di un’abitazione usata in buone condizioni (€2.400 a mq) – contro +1,3% degli altri quartieri – con prezzi variabili che si attestano in un ampio range compreso fra i €1.400 a mq di Ferrara sino ad un valore top di €5.100 a Roma nel quartiere Nomentano, vicino alla Sapienza.
Aumenta anche la domanda di abitazioni in affitto del +4,3% (nelle altre zone è del +3,7%), mentre i prezzi medi per un bilocale, che si attestano a circa €800 al mese, sono cresciuti rispetto allo scorso anno del +5,8%, a fronte di un incremento medio registrato negli altri quartieri del +4,6%.
Quanto costa acquistare un’abitazione usata (in buone condizioni) nei pressi delle principali università? Considerando esclusivamente i quartieri universitari delle città metropolitane, a settembre 2018 la più cara è Roma, con un prezzo medio di €4.100 a mq (+1,8% sul 2017): Tor Vergata risulta il quartiere più economico (€2.800 a mq), mentre i prezzi aumentano nettamente nelle zone di Nomentano (€5.100 a mq), Flaminio (€4.800), San Lorenzo (€4.200) e Garbatella (€ 3.800).
Subito dopo Roma si colloca Milano, dove bisogna prevedere in queste zone una media di €3.700 a mq (+2,2%), con prezzi che variano da €2.200 della zona Bovisa a €6.700 della centralissima Sant’Ambrogio. Per il quartiere Bocconi sono necessari €3.300, mentre in Bicocca il prezzo medio è di circa €2.300.
Al terzo posto si posiziona Firenze, con un valore medio di €2.650 a mq (+2,2%): per chi decide di acquistare nel quartiere Gavinana, il prezzo di €2.300 è sicuramente più conveniente rispetto ai quartieri di Rifredi (€2.700) e Campo di Marte (€2.900).
Proseguendo, i bolognesi devono invece prevedere in media circa €2.600 (+2,1%), ma salgono fino a €3.300 se ci si avvicina al quartiere di San Donato. Nelle zone di Marco Polo e San Vitale sono “sufficienti” rispettivamente €2.200 ed €2.400.
Per acquistare un’abitazione nella città barese, il prezzo medio è di €2.400 a mq (+2,1%), con valori che variano da €1.900 di San Paolo fino a toccare €2.500 di Poggiofranco ed €2.700 di Murat.
A Genova e Napoli, rispettivamente con una media di circa €2.300 a mq (+1,7%) ed €2.150 (+2,1%), i prezzi iniziano a essere più contenuti rispetto alle altre città metropolitane. In particolare, nella città ligure Castelletto è il quartiere più caro (€2.700), mentre nelle altre zone a San Fruttuoso servono €1.500, a Portoria €2.300, a San Martino € 2.500 e nel Centro Storico €2.600. Nella città partenopea, invece, la zona più costosa è il Porto (€2.800), seguita da Corso Umberto (€2.400). Più economiche Foria (€1.500) e San Pietro Martire (€1.900).
Torino, con €1.800 (+1,4%), chiude la classifica delle città metropolitane: qui si va da €1.300 di Vanchiglia a €2.700 di Crocetta, mentre a Santa Rita servono €1.500 e nella zona di San Paolo €1.800.Analizzando, invece, le piccole città universitarie, non tenendo conto dei quartieri per le dimensioni più contenute del territorio, si vede come Pisa in media sia la città più cara, con €2.800 a mq (+2,7%), seguita da Padova (€2.400), Urbino (€1.900) e Trieste (€1.800). La più economica in assoluto è Ferrara (€1.400). (Roberto Grattagliano) (fonte: Centro Studi di Abitare Co.)

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Studenti in missione per portare gioia e speranza

Posted by fidest press agency su martedì, 11 settembre 2018

FOTO MISSIONI.JPGL’estate sta finendo. Ma per gli studenti dell’Università Europea di Roma resterà per sempre un’estate indimenticabile, diversa da tutte le altre. Un gruppo di allievi dell’Università Europea di Roma ha partecipato a due iniziative di missione organizzate da Gioventù Missionaria, apostolato del movimento Regnum Christi: la prima nel mese di luglio ad Amatrice, l’altra nel mese d’agosto in Messico.La missione ad Amatrice ha avuto lo scopo di aiutare le persone che hanno vissuto la tragedia del terremoto.Vi hanno preso parte 26 giovani, accompagnati da Cecilia Bayón, consacrata del Regnum Christi, e da Padre Lorenzo Curbis, sacerdote Legionario di Cristo. Hanno visitato i luoghi in cui risiedono attualmente le persone, portando amore e speranza.“La missione ad Amatrice ci ha mostrato il volto della vita che rinasce, dopo il dolore e la sofferenza”, spiega Cecilia Bayón. “E’ importante non lasciare sole le persone nel loro percorso di ricostruzione, anche interiore. La solidarietà è un dono che può favorire la speranza e la fiducia nel domani. Può accompagnare il cammino di rinascita della persone, cominciando da un semplice gesto di amicizia e di ascolto: un sorriso, un abbraccio, una mano tesa”. Nel mese d’agosto 33 ragazze e ragazzi sono andati in missione nello Stato di Querétaro, a Chichimequillas e Toliman, accompagnati da Bonnie Campos e Cristina Fernández, consacrate del Regnum Christi, e da Padre Francisco De Juan e Padre Riccardo Garzari, sacerdoti Legionari di Cristo. Durante la missione i giovani hanno fatto visita alle persone bisognose per donare cibo, vestiti e materiale didattico. Hanno aiutato le parrocchie del posto, organizzato incontri con giovani e adulti, catechesi e giochi per i bambini. Inoltre hanno contribuito alla ricostruzione di una cappella per la comunità.“Papa Francesco ci invita a vivere una Chiesa in uscita”, spiega Padre Nicola Tovagliari LC, Responsabile del Centro di Pastorale dell’Università Europea di Roma. “Ed è proprio con questo spirito di dialogo e di incontro che i nostri giovani cercano di vivere le missioni estive, rispondendo con entusiasmo all’invito del Papa”.

Posted in Roma/about Rome, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Le 10 App più usate dagli studenti

Posted by fidest press agency su venerdì, 7 settembre 2018

Uniplaces, la principale piattaforma digitale per affitti agli studenti, presenta la classifica delle 10 app più usate dagli studenti nell’arco della giornata, risultati frutto di un sondaggio condotto all’interno della propria community. La maggior parte dei ragazzi intervistati ha tra i 18 e i 22 anni.LinkedIn più utilizzato di Netflix, Twitter non rientra in classifica. Tra le motivazioni, la voglia di imparare è all’ultimo posto.Trattandosi delle più utilizzate durante la giornata, le applicazioni relative alla comunicazione e ai social svettano in testa alla classifica. Infatti, in questo periodo di tempo, circa il 98% degli intervistati usa Whatsapp, seguito da Facebook con oltre l’85% e Instagram che si attesta all’83%.
Seguono le app provenienti dal mondo ‘video e musica’ ovvero Youtube (76%) e Spotify (64%). Mentre nella seconda metà della classifica si piazza il servizio di posta elettronica Gmail (79%), seguito da LinkedIn (45%), quest’ultima, leader nella ricerca del lavoro online, risulta essere più utilizzata di Netflix (40%). Chiudono la top 10 Google Drive (40%) e Zomato (33%), app dedicata alla ricerca dei ristoranti.
Indagando sulle ragioni di queste scelte, la motivazioni sono tra le più varie, a partire dalla voglia di ‘rimanere in contatto’ con le altre persone. Al secondo posto c’è una necessità ovvero quella di ‘salvare foto e documenti’ e sempre sul podio c’è il desiderio di ‘essere aggiornati’ a pari merito con l‘esigenza di organizzarsi’. La voglia di seguire influencer o celebrità è soltanto al quinto posto, mentre a precedere la voglia di viaggiare c’è quella di condividere passioni e incontrare altre persone.Esigenze più pratiche e più ‘vicine’ ad aspetti più personali occupano la fine di questa classifica. ‘Risparmiare tempo’ è all’ottavo posto, seguita dalla voglia di ‘fare esercizi’ e per migliorare la propria ‘salute’. Infine la maglia nera alla voglia di ‘imparare’, che occupa soltanto il 10° posto. “Nonostante le due classifiche appaiano poco coerenti, il desiderio di utilizzare una specifica applicazione può essere diverso dalla sua stessa funzione”, commenta Kerstin Meergans Papadopoulos, Head of Inbound Marketing di Uniplaces. “Le esigenze di salvare dati o di ottenere informazioni possono essere soddisfatte dalle applicazioni social, così come il desiderio di viaggiare e la ricerca dell’ispirazione. Riguardo alle necessità più pratiche, come quelle in fondo classifica, probabilmente non si tratta di esigenze che ricadono sul quotidiano. La generazione dei Millennials – conclude – pensa digitale e si aspetta di poter accedere al proprio materiale da ovunque. Fattore che gli consente di essere ‘mobile’ rimanendo in contatto e avendo sempre a disposizione i propri documenti, inclusi quelli per lo studio”.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

“Porte aperte alla Sapienza”

Posted by fidest press agency su lunedì, 16 luglio 2018

Roma Si inaugura martedì 17 luglio il tradizionale appuntamento di orientamento universitario dedicato alle future matricole, alle famiglie, agli insegnanti e a tutti coloro che vogliono avere informazioni sull’offerta formativa 2018-19 e sui servizi offerti dal primo Ateneo della Capitale.Porte aperte alla Sapienza, giunta quest’anno alla XXII edizione, proseguirà fino a giovedì 19 luglio. Durante le tre giornate le matricole saranno accolte nei viali della Città universitaria da docenti, personale addetto e studenti. Stand informativi delle 11 facoltà e delle altre strutture della Sapienza saranno riuniti in un unico grande padiglione open air, all’entrata principale di piazzale Aldo Moro.Oltre a visitare gli stand, il pubblico potrà seguire, all’interno dell’Aula magna, le conferenze di presentazione dei corsi di studio che saranno trasmesse anche in videostreaming sul sito dell’Ateneo.“È una manifestazione che negli anni continua a coinvolgere un gran numero di persone – sottolinea il rettore Eugenio Gaudio – Lo scorso anno abbiamo registrato quasi 12 mila presenze (a cui si sono aggiunti 8 mila accessi in videostreaming). Il successo di Porte aperte – prosegue il Rettore – sta nella ricchezza dell’offerta formativa e dei servizi disponibili. Le nostre future matricole possono approcciare il mondo dell’università, confrontandosi direttamente con docenti e studenti già iscritti che li guideranno nella loro scelta universitaria. Insomma è un appuntamento da non perdere.”
Il 19 luglio avrà luogo una cerimonia per festeggiare i 20 anni di attività del CIAO, il Centro informazioni diventato un punto di riferimento per tutti gli studenti dell’Ateneo.Un’attenzione particolare sarà riservata a studenti con disabilità: nella giornata del 17 luglio presso la Sala Odeion del Museo dell’Arte classica (Facoltà di Lettere e filosofia) si svolgeranno, a partire dalle ore 9, due incontri di orientamento rivolti rispettivamente a studenti con disabilità e a studenti con DSA, sull’iter di iscrizione alle prove di accesso e sull’immatricolazione, con la presentazione dettagliata di tutti i servizi erogati dall’Ateneo.Durante la manifestazione saranno illustrate anche le linee di attività dedicate alla cultura e al tempo libero: le orchestre di Musa – Musica Sapienza, il progetto Theatron – Teatro antico alla Sapienza, le rassegne cinematografiche, il Servizio civile nazionale e altre iniziative.In programma anche momenti di svago e fruizione culturale: nel cortile di Matematica, i ragazzi del Teatro antico metteranno in scena la tragedia greca di Eschilo Le Coefore, mentre i musei della Sapienza saranno aperti per tutta la durata della manifestazione con orario prolungato, offrendo ai visitatori un’occasione unica per conoscere da vicino le collezioni dell’Ateneo.Il programma completo delle conferenze in aula magna e delle iniziative della manifestazione è disponibile sul sito http://www.uniroma1.it alla pagina iscrizioni.

Posted in Roma/about Rome, Università/University | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

“Le Arpe in Villa”

Posted by fidest press agency su mercoledì, 4 luglio 2018

Borgo san Giacomo (Bs) Via Cavour, 1 Padernello Dal 21 al 28 luglio 2018 si svolge la nuova edizione del festival internazionale di studio e di concerti per il pubblico “Le Arpe in Villa”, che attira ogni anno appassionati da tutto il mondo. Un occasione per gli studenti di imparare ed esibirsi in spettacoli musicali e per il pubblico di soffermarsi ad ascoltare la magia delle note delle arpe. Il primo concerto dal titolo “Il violino e l’arpa all’opera” sarà sabato 21 luglio, duo di arpa e violino con Anna Loro e Julia Berinskaja. L’occasione è ideale anche per assaporare e scoprire le prelibatezze del Mercato della Terra Slow Food, in versione serale al Castello di Padernello.
Domenica 22 luglio c’è lo spettacolo “Vaga luna” con il baritono Viktor Rud e l’arpa a crochet di Mara Galassi. Il 23 luglio è il momento di “Presentimento d’amore – il linguaggio della natura nelle liriche del primo novecento italiano” con le soprano Maria Tenca e Giulia Poletto, e Pietro Lio e Alessandro Guadagni al pianoforte. Il 24 luglio c’è il concerto di musica da camera a cura degli allievi del Conservatorio di Brescia, di Como, di Verona, e dell’Accademia musicale Amadeus di Agrate. Il 26 il concerto si svolge a Frontignano (BS): si esibisce l’ensemble dell’orchestra a plettro Mauro e Claudio Terroni, con Dorina Frati al violino konzertmeister e Irene Piazzai all’arpa. I concerti si svolgono tutti a partire dalle 21.00. Venerdì 27 luglio alle 17.00 c’è la visita guidata al Castello di Padernello a cui segue un concerto. Infine, sabato 28 luglio, lo spettacolo finale dei corsi alle 21.00.

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Visita nelle zone colpite dagli eventi sismici del 2016

Posted by fidest press agency su domenica, 3 giugno 2018

Gli studenti del Master in Ingegneria Sismica e Gestione dei Disastri (Earthquake Engineering with Disaster Management MSc) della University College of London (UCL) saranno in visita nelle zone colpite dagli eventi sismici del 2016. Nelle giornate di lunedì 4 giugno e martedì 5 giugno sono previste una serie di attività didattiche e di ricerca in collaborazione con il gruppo di ingegneria sismica dell’Università di Camerino, con il quale esiste un consolidato rapporto di collaborazione. Il programma, coordinato dal prof. Freddi della University College of London, e dal prof. Dall’Asta dell’Università di Camerino, si concluderà con un incontro scientifico sulle nuove prospettive di valutazione del rischio sismico. Il convegno finale è aperto a tutti e si svolgerà presso la Scuola di Giurisprudenza dell’Università di Camerino, a partire dalle ore 15.
Gli studenti, circa 15 e provenienti da tutte le parti del mondo avranno modo di discutere delle conseguenze del sisma con gli esperti delle due sedi universitarie. La visita si concentrerà su quattro temi principali: la risposta sismica delle strutture (edifici, ponti, etc) di recente costruzione; la risposta sismica di beni culturali (edifici storici, chiese, etc), in buona parte oggetto di intervento dopo il sisma del 1997; la raccolta sistematica dei dati di danno, finalizzata allo sviluppo di modelli di valutazione della vulnerabilità sismica; la gestione dell’emergenza e della ricostruzione.
L’esperienza ed i risultati della visita saranno condivisi con il pubblico attraverso un blog, una serie di filmati e report fotografici.
L’UCL, fondata nel 1826, è stata la prima università britannica ad ammettere studenti di ogni sesso, etnia, fede religiosa o ideologia politica. Dalla sua fondazione ad oggi, presso di essa hanno studiato o insegnato molti personaggi illustri, fra cui Mahatma Gandhi e 21 premi Nobel.
L’università è una delle più grandi del Regno Unito, organizzata in 8 facoltà, con 72 dipartimenti e oltre 40.000 fra studenti, ricercatori e docenti ed è considerata una delle cinque migliori università britanniche e diverse agenzie internazionali classificano UCL fra le 10 migliori università al mondo.

Posted in Cronaca/News, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Gli studenti di OpenCoesione a confronto con l’Europa

Posted by fidest press agency su domenica, 27 maggio 2018

Torino Martedì 29 maggio, nella Sala del ‘900 (via del Carmine 14) dalle 10 alle 12, si terrà il seminario “Il Monitoraggio civico per incontrare l’Europa”. Si tratta dell’appuntamento finale di “A scuola di OpenCoesione”, un percorso innovativo di didattica sperimentale rivolto alle scuole secondarie superiori, sviluppato in collaborazione con lo Europe Direct della Città metropolitana di Torino. A scuola di coesione promuove principi di cittadinanza consapevole, attraverso attività di monitoraggio civico dei finanziamenti pubblici e l’impiego di tecnologie di informazione e comunicazione a partire dai dati aperti (open data) pubblicati sul portale http://www.ascuoladiopencoesione.it/ Parteciperanno al seminario gli studenti delle scuole piemontesi selezionate. Incontreranno la Consigliera delegata alle relazioni e progetti europei e internazionali della Città metropolitana di Torino, Massimo Gaudina, direttore Rappresentanza della Commissione Europea a Milano, e un europarlamentare membro della Commissione Bilancio e relatore Bilancio Ue 2019 in video-collegamento da Strasburgo.
Venerdì 1° giugno, infine, sempre nella Sala del ‘900 si terrà alle 18.30 l’incontro “Il futuro dell’Europa. Radici, crisi e nuova cittadinanza”, cui parteciperanno, tra gli altri, Bernard Guetta, giornalista esperto di geopolitica, e Lucio Caracciolo, direttore del mensile “Limes”.

Posted in Cronaca/News, scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

380 studenti presentano i loro progetti di impresa sotto il porticato della Cciaa

Posted by fidest press agency su mercoledì, 23 maggio 2018

Udine. Giovedì 24 maggio ore 10 il porticato esterno alla Camera di Commercio di Udine, in piazza Venerio, sarà popolato da una ventina di stand in cui circa 380 studenti di Licei, Istituti tecnici e professionali di tutta la regione presenteranno i loro inediti progetti d’impresa, in lizza per la premiazione finale. Sarà questa la Fiera “Impresa in Azione”, nome del percorso Junior Achievement che porta l’imprenditorialità, concretamente, all’interno del mondo della scuola, aiutando gli studenti – affiancati da tutor e insegnanti – a creare progetti d’impresa e startup con tutte le carte in regola per essere pronti ad affrontare il mercato. Da quest’anno, partner di Junior Achievement per il territorio è la Camera di Commercio di Udine, da anni attenta nel promuovere e favorire il contatto degli studenti con il mondo imprenditoriale. E lo è ancor più oggi, in seguito alla recente riforma degli enti camerali, in cui proprio alle Camere è stata affidata esplicitamente la funzione dell’orientamento al lavoro e alle professioni legata all’attività di alternanza scuola-lavoro.
Gli stand “apriranno” attorno alle 10 e i progetti delle classi saranno visionati da una giuria che, a fine della mattinata, incontrerà singolarmente le classi e quindi si riunirà per decidere chi saranno i vincitori dell’edizione. La premiazione avverrà alle 15.30, al termine di una giornata in cui ci saranno anche due approfondimenti, uno sul lavoro ai tempi dei social, con Gianpiero Riva, dalle 11 alle 12 e uno sulla presentazione del programma “Impresa in azione” per l’anno 2018-2019 (entrambi in Sala Valduga) alle 14.30, subito prima delle premiazioni. I primi classificati avranno diritto di partecipare anche alla selezione nazionale di Impresa in azione e avranno la possibilità, magari, di vincere anche quella, com’è accaduto lo scorso anno con il progetto presentato dai ragazzi del Malignani. Le classi delle scuole presenti quest’anno sono dell’Isis Galilei di Gorizia, dell’Iis Flora e Itst Kennedy di Pordenone, del Liceo scientifico Oberdan di Trieste, dell’Educandato Uccellis, dell’Isis Malignani, degli It Zanon e Deganutti di Udine, dell’Isis Linussio di Codroipo, dell’Itaf Mattei e Itc di Latisana.

Posted in Cronaca/News, scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Gli studenti romani eurodeputati per un giorno

Posted by fidest press agency su sabato, 5 maggio 2018

Roma 7 maggio 2018 a partire dalle ore 16.00 presso il Teatro della Cometa via del Teatro Marcello, 4. Gli studenti saranno chiamati a discutere modifiche ad alcuni articoli del Progetto di relazione e si cimenteranno nella stesura di emendamenti, si troveranno coinvolti in negoziati di compromesso e dovranno compilare liste di voto. Presenteranno poi le loro proposte in interventi di quattro minuti di fronte alla giuria che dovrà decretare la classe vincitrice.
Saranno presenti, in qualità di membri della giuria, l’On. Silvia Costa (TBC); Alessio Di Francesco, giornalista Radio Radio; Tiziana Di Simone, giornalista Radio 1 – Caffè Europa; Maria Antonietta Spadorcia, giornalista redazione politico TG2 e Mariano Avagliano di Italia Camp.
In una vera e propria simulazione della plenaria del Parlamento europeo, gli studenti di alcune scuole romane saranno eurodeputati per un giorno e si sfideranno in una gara di oratoria per convincere una giuria di politici e giornalisti sulle loro proposte di modifica di alcuni articoli della strategia dell’Unione europea per la gioventù. Torna, con questa iniziativa, il progetto New Generation EP, promosso dall’Ufficio di collegamento del PE in Italia, teso a fornire ai giovani una maggiore informazione sul ruolo e sul funzionamento del Parlamento europeo.

Posted in Roma/about Rome, scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Career & Open Day: “Appassionati al tuo futuro!”

Posted by fidest press agency su sabato, 5 maggio 2018

Roma Mercoledì 9 maggio 2018, dalle ore 10.00 Università Europea di Roma in via degli Aldobrandeschi 190 si terrà un incontro sul tema “Appassionati al tuo futuro!” Durante questa giornata gli studenti, i laureandi e i laureati avranno la possibilità di entrare direttamente in contatto con prestigiose aziende al fine di approfondire la loro conoscenza del mondo del lavoro e ampliare il loro network professionale.“Grazie al Career & Open Day gli studenti, i laureandi e i laureati hanno la possibilità di orientare il proprio futuro professionale che si costruisce durante il percorso universitario”, spiega Liborio Desantis, Responsabile dell’Ufficio Orientamento e Job Placement dell’Università Europea di Roma. “L’incontro con le aziende e le associazioni aiuta a capire come stanno evolvendo alcune professioni tradizionali, ma anche per intercettare nuove opportunità di lavoro che si stanno delineando grazie allo sviluppo delle nuove tecnologie. Il mondo del lavoro è in continua evoluzione. Conoscere le sue dinamiche nell’ambito del percorso universitario è utile per orientare le proprie scelte formative e professionali”.Il Career & Open Day dell’Università Europea di Roma si aprirà alle ore 10.00 con un intervento di Simone Sgueo, Responsabile risorse umane di S.O.S. Telefono Azzurro ONLUS.A seguire si terrà la premiazione dei finalisti del concorso “Made in UER – Raccontaci la tua storia”, un contest che valorizza le esperienze formative e professionali maturate dai laureati e dottorati UER con la finalità di consapevolizzare e trasmettere un messaggio di fiducia ai nostri attuali studenti.
A partire dalle ore 10.45 avrà inizio “The Voice Dev4”, un progetto che vede come protagonisti gli studenti dell’Eccellenza Accademica che presenteranno i project work su temi di estrema attualità svolti in collaborazione con S.O.S. Telefono Azzurro ONLUS, Bosch Spa e Dorna.
A seguire, alle 11.30, vi sarà la presentazione degli scenari occupazionali, al fine di illustrare le varie opportunità professionali legate ai corsi di laurea in Psicologia, Economia e Giurisprudenza.
Alle ore 13.00 si svolgerà l’Open Day dei corsi di laurea magistrale in Psicologia ed Economia e Management dell’innovazione e, a seguire, i colloqui di ammissione ai corsi di laurea.
L’evento si concluderà con l’apertura degli stand aziendali volto a dare la possibilità agli studenti, laureandi e laureati di entrare direttamente in contatto con le aziende per conoscerle ed effettuare dei colloqui di selezione.

Posted in Roma/about Rome, Università/University | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

In aumento gli studenti del Sud Italia che scelgono le vacanze all’estero per imparare la lingua

Posted by fidest press agency su venerdì, 4 maggio 2018

Imparare una lingua straniera è uno degli obiettivi che universalmente accompagnano la vita della maggior parte delle persone, che siano alle scuole elementari o abbiano varcato la soglia della pensione. Secondo una recente statistica, l’Italia è al secondo posto in Europa per numero di studenti delle scuole medie che imparano più lingue straniere, preceduta dal Lussemburgo, dove la scolarizzazione avviene obbligatoriamente sia in francese che in tedesco, registrando il 100% di allievi che studiano due lingue straniere, e dalla Finlandia, dove, dopo l’inglese, lo svedese è obbligatorio come seconda lingua nazionale. Terza appunto l’Italia, il con 95,8% degli studenti alle prese con l’inglese (nettamente sul podio con il 98,1% delle preferenze) e, a seguire, con il francese (scelto dal 65,4% degli studenti).
La meta più ambita resta la Gran Bretagna, scelta dal 39% degli studenti italiani, di tutte le età: “Corsi universitari, Master, vacanze studio e corsi di lingua all’estero sono richiestissimi per migliorare il proprio inglese, soprattutto nei mesi estivi, o per prepararsi ad esami internazionali quali Cambridge o Ielts. Riceviamo richieste da studenti sempre più giovani, a partire dagli 8 anni, che desiderano partecipare a vacanze studio, anche accademiche o intensive. I ragazzi un po’ più grandi, dai 14-15 anni in su, preferiscono invece iscriversi a un trimestre, semestre o addirittura anno scolastico nel Regno Unito, o richiedono talvolta di rimanere per più di un anno in Boarding School per il diploma Ib o A level. Infine stanno aumentando gli studenti universitari e gli adulti che desiderano laurearsi all’estero in Inghilterra o conseguire un Master che dia loro maggiori opportunità lavorative future”. Le destinazioni più richieste per l’Erasmus sono la Spagna, la Francia, la Germania e il Regno Unito. Ci sono poi delle mete in crescita, soprattutto verso l’Europa orientale: analizzando le destinazioni dal 2006 al 2017, si osserva che la mobilità verso gli atenei di quest’area europea ha registrato un incremento medio del 34%. In particolare la Polonia, che ha fortemente intensificato gli scambi con l’Italia.
“A seguire, segnaliamo la mobilità verso i Paesi settentrionali e occidentali, Norvegia, Finlandia, Svezia e Olanda, scelti dall’11% degli studenti, e verso l’Europa meridionale – Repubblica Ceca, Spagna e Portogallo – con un incremento dell’8,4%”, spiega Stefano De Angelis, CEO di Giocamondo, azienda fondata nel 2004 per la progettazione e l’organizzazione di vacanze per ragazzi e senior, in Italia e all’estero. “Altri Paesi europei, che attraggono per la vicinanza all’Italia, sia geografica che culturale, sono Austria – inaspettatamente, dobbiamo riconoscerlo -, Francia, Spagna, Germania e Svizzera”.
La Cina è terza nella classifica del nostro import e ottava per l’export: appare quindi chiaro come sia diventato fondamentale imparare a dialogare con questo importante partner economico, “Senza dimenticare inoltre che il cinese è la lingua più parlata al mondo per numero di madrelingua (circa un miliardo di persone)”. In merito all’arabo, pur essendo gli scambi economici meno rilevanti, va considerato un altro aspetto: “Si tratta della terza lingua più diffusa, con 221 milioni di madrelingua sparsi tra 57 Paesi”, aggiunge De Angelis. Sappiamo bene inoltre quanto, soprattutto negli ultimi anni, gli eventi geopolitici abbiano reso fondamentale il dialogo con il mondo arabo. “Studiare per diventare traduttore può essere un’ottima idea, ma anche per lavorare in settori come la finanza, il giornalismo e il turismo”.
Quanti sono gli studenti italiani che hanno iniziato a studiare queste lingue e queste culture? Dove vanno a studiare e come si organizzano? Quali sono i metodi migliori per apprendere idiomi così distanti, anche a livello fonetico, dal nostro? “Negli ultimi anni abbiamo ricevuto sempre più richieste di corsi di lingua cinese, per questo abbiamo aperto ottimi canali con Shanghai e Pechino. Una fra tante università con cui collaboriamo è la BLCU – Bejing Language and Culture University, ma abbiamo anche partner che si appoggiano ad atenei meno conosciuti, ma non per questo meno validi, come la Chongqing University, proprio nella città di Chongqing. I nostri studenti alloggiano in modernissimi campus universitari o in residenze destinate a studenti, frequentano lezioni il mattino e svolgono attività ricreative o ludiche nel pomeriggio insieme ad altri studenti internazionali. In questo modo sono completamente immersi nella cultura e nella lingua del posto, per coglierne a pieno tutte le sfumature”.Infine è interessante notare come, secondo i dati raccolti da Giocamondo, siano in aumento gli studenti del sud Italia che decidono di partire per studiare una lingua straniera. (fonte: (http://www.ansa.it/europa/notizie/rubriche/altrenews/2017/02/23/scuola-italia-al-top-ue-per-lingue-studiate-alle-medie_987f8d53-ccdf-495c-a101-7032d4cd9b05.html)

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »