Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 28 n° 340

Posted by fidest press agency su lunedì, 22 luglio 2013


logo-fidest-jpgI lanci d’agenzia della fidest sono visibili su:

https://fidest.wordpress.com 

https://www.facebook.com/

https://twitter.com riccardo alfonso

http://www.linkedin.com/home?goback= 

La Fidest è un’agenzia stampa a diffusione gratuita.

Il direttore della Fidest pubblica i suoi libri su Amazon

http://www.amazon.it/Libri/s?ie=UTF8&field-author=Riccardo%20Alfonso&page=1&rh=n%3A411663031%2Cp_27%3ARiccardo%20Alfonso 

E i suoi editoriali e articoli di fondo

https://www.google.com/bookmarks/ 

Posted in Fidest - interviste/by Fidest | Contrassegnato da tag: , , , | 1 Comment »

Teatro India Progetto domino di Irene Di Lelio e Manuel Capraro

Posted by fidest press agency su sabato, 10 dicembre 2016

fabrizioRoma Teatro India Lungotevere Vittorio Gassman, 1 il 12 e il 13 dicembre 2016, (Orari: lunedì 12 dicembre ore 21.00; martedì 13 dicembre ore 18.00) debutta il progetto Domino, ideato e realizzato dai giovani registi Irene Di Lelio e Manuel Capraro. Dalle ore 21.00 il 12 dicembre e dalle ore 18.00 il 13 dicembre, grazie alla collaborazione con il Dipartimento di Storia dell’Arte e dello spettacolo, si alterneranno sul palcoscenico di Lungotevere Vittorio Gassman, due produzioni indipendenti, due spettacoli complementari, due testi diversissimi, oggetto del seminario “Analisi della drammaturgia del testo, dell’attore e della messa in scena – Processo creativo e compositivo di uno spettacolo”: Fabrizio scritto e diretto da Manuel Capraro, in scena Antonello Azzarone, accanto a un grande classico Il rinoceronte di Eugene Ionesco, per la traduzione di Giorgio Buridan e la regia Irene Di Lelio, con Gabriele Abis, Antonello Azzarone, Giulia Carpaneto, Luca Mazzamurro, Lorenzo Tolusso. Due dense serate teatrali dedicate al tema della dominazione, dell’ io domino da cui il progetto prende il nome. Cinque attori che cambiano continuamente corpo, abito, pensieri, atteggiamenti e pelle. Diciotto vite avviluppate nel loro stesso istinto che non li abbandona e li costringe a essere prede di un meccanismo relazionale sottile ma atroce.
Dalle note di regia: I due testi mettono a fuoco l’Io domino in un mondo e una società, apparentemente lontani da noi. Questo “imperialismo istintivo e profondo, biologico, che pervade le piante, le creature, gli uomini, le nazioni” (E. Ionesco), uccide la coscienza dell’uomo e la sua libertà. È il meccanismo che sta alla base dei due lavori, che fa incontrare e specchiare i due protagonisti, così simili tra loro ma con due coscienze e modi di reagire completamente diversi. Il lavoro vuole raccontare al pubblico quello che ci succede intorno, nelle relazioni con le persone che ci circondano e cercare di capire come stare nella partita del DOMINO, del nostro presente e riuscire a rimanere in piedi.
rinoceronterinoceronte1Gli spettacoli: FABRIZIO scritto e diretto da Manuel Capraro. Questo spettacolo è l’ultimo ballo, l’ultimo delirio, l’ultimo urlo di un giovane uomo che ha perso tutto, che è rimasto solo ed è stato rinnegato da un mondo che lo schiaccia, lo DOMINA e lo vomita, perché soddisfatto della propria ignoranza e del proprio egoismo. Lo stesso mondo in cui l’unica cosa che conta è il denaro, in cui i sentimenti, le emozioni, la musica, il movimento non sono concessi. FABRIZIO è la necessità di aggrapparsi a qualcosa di profondo ed eterno nel marasma di delusioni e sconfitte che oggi ci circonda. La scena è coperta di bidoni della spazzatura colorati. La sua immaginazione e le sue allucinazioni ci traghettano all’interno dei ricordi e ci fanno entrare nel Burlesque Club del suo grande amore, la star: Mirandolina. FABRIZIO è il grido di una generazione che non si arrende e che lotterà fino all’autodistruzione. Atto unico che si ispira e reinterpreta alcuni personaggi e tematiche de La Locandiera di C. Goldoni.
IL RINOCERONTE di Eugène Ionesco, diretto da Irene Di Lelio.Un’epidemia prende corpo. Lentamente si disegna dentro gli organi delle persone, modifica il loro Essere, la loro forma mostruosa di uomini. Esplodono le rivendicazioni di ansie e angosce che reprimono, che li schiacciano. Il rinoceronte, a discapito dell’uomo, è la novità, la bellezza, la soluzione ai problemi. Un Universo al contrario, dove vince l’istinto, la rivalsa, la superficialità di giudizio. Le relazioni diventano primordiali, senza coinvolgimento mentale, emotivo. L’inquietudine, la malinconia e la paura del senso del nostro esistere, è messa all’angolo, è annullata. La forza, l’arroganza, la voglia di schiacciare e DOMINARE gli altri, primeggia. Bèrenger è circondato dalle sue paure che lo ingoiano e lo risucchiano. Una realtà inventata, assurda è la metafora della mancanza di giudizio che pervade il nostro secolo. Come in un incubo, Bèrenger sceglie le maschere che i personaggi indosseranno per umiliarlo e poi schiacciarlo. Una grande allucinazione che lo ingloba dentro le sue paure esistenziali che prendono corpo e pulsano davanti ai suoi occhi. Biglietti: intero 12 euro; ridotto 8 euro. (foto: fabrizio, rinoceronte)

Posted in Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Il 16 dicembre il Ventennale si conclude con il premio a Paolo Brambilla

Posted by fidest press agency su sabato, 10 dicembre 2016

visita-mattarellaBrescia 16 dicembre 2016 alle 15.30 Auditorium Santa Giulia, in via Piamarta 4. Vent’anni di ricerca con un impegno ben preciso: offrire agli ultimi tra tutti i malati le cure più eccellenti, come faceva San Giovanni di Dio, che inventò l’ospedale moderno proprio partendo dall’assistenza ai malati psichici nella Spagna del ‘500. Con la consapevolezza di aver centrato quest’obiettivo, il Centro San Giovanni Di Dio – Fatebenefratelli di Brescia concluderà le celebrazioni del suo Ventennale con un grande evento, di riflessione e di festa. L’evento si svolge con il patrocinio e la collaborazione del Comune di Brescia. Il 2016 è stato un anno normale ed eccezionale per l’Irccs: normale perché sono proseguite e si sono sviluppate le attività scientifiche nel campo della psichiatria e della cura delle demenze, eccezionale per i momenti celebrativi di questo ventesimo anniversario, che cade il 19 dicembre quando l’istituto Sacro Cuore di Gesù divenne un Istituto di ricovero e cura a carattere scientifico (Irccs). Con la firma del decreto del ministro della Sanità Rosy Bindi nasceva il primo – e tuttora unico – Irccs specializzato nella riabilitazione psichiatrica e nella riabilitazione della malattia di Alzheimer. Quella data è stata festeggiata quest’anno con un ricco programma di iniziative scientifiche e culturali, culminate nella duplice visita del Ministro della Salute Beatrice Lorenzin (11 luglio) e del presidente della repubblica Sergio Mattarella (6 settembre). Per coronare quest’anno si è voluto creare un evento che permettesse di riflettere sul ruolo dell’Istituto nella ricerca internazionale e nella vita della comunità bresciana e premiare un ricercatore che, partito dall’Irccs, si è distinto a livello internazionale. Nel corso della cerimonia verrà quindi premiato il professor Paolo Brambilla, che oggi è Professore Associato di Psichiatria all’Università di Milano e opera anche presso l’University of Texas di Houston (Usa).Oggi l’Irccs Fatebenefratelli di Brescia, di proprietà e gestito dalla provincia Lombardo Veneta dell’Ordine Ospedaliero San Giovanni di Dio – Fatebenefratelli, si compone di diverse realtà: le comunità psichiatriche, due centri diurni, un ospedale che dispone di una unità operativa di psichiatria riabilitativa e di una unità operativa per la riabilitazione dei pazienti affetti dal morbo di Alzheimer, ambulatori di geriatria, neurologia e psichiatria e una macroattività ambulatoriale. Fondato nel 1882 come Istituto Sacro Cuore di Gesù, in base a un lascito destinato alla cura dei malati “alienati”, nel 1978, con la riforma psichiatrica, attraversò un profondo cambiamento, caratterizzato da uno sforzo importante nella formazione degli operatori, dal rinnovamento degli edifici e dall’attivazione di progetti sperimentali, tra l’altro entrando in un progetto pilota della regione Lombardia per lo studio dell’Alzheimer. In quegli anni iniziava anche la proiezione internazionale nella ricerca scientifica, che portò l’istituto ad attivare numerose collaborazioni con altri enti ospedalieri e di ricerca scientifica, italiani e stranieri, e che condusse, vent’anni or sono, al riconoscimento dell’IRCCS.Ogni anno il Fatebenefratelli di Brescia cura oltre 6.000 pazienti negli ambulatori, gestisce 10visita-mattarella1 unità di ricerca (Genetica, Marcatori molecolari, Neurofisiologia, Neuropsicologia, Psichiatria, Psichiatria epidemiologica e valutativa, Psichiatria biologica, Riabilitazione Alzheimer, Neuroimmagine e Epidemiologia Alzheimer) e 5 servizi di ricerca (Clinical trials, Biobanca, Bioetica, Statistica e Biblioteca scientifica). Lo staff è composto da un centinaio di ricercatori sotto la guida del direttore scientifico professor Stefano Cappa. L’IRCCS è un centro leader nella ricerca in psichiatria e demenze ed è una realtà scientifica ed ospedaliera internazionale che fa dell’integrazione tra clinica e scienza il suo punto di forza. «Come voleva san Giovanni di Dio – spiega il direttore generale fra Marco Fabello – investiamo risorse ed energie per garantire le migliori terapie ai poveri ammalati, perché fare loro del bene è fare del bene a tutta la società». Concetti scolpiti nella Carta d’Identità dell’ordine ospedaliero: «Il nostro apporto alla società sarà credibile nella misura in cui sapremo incarnare i progressi della tecnica e l’evoluzione delle scienze” (pagina 81). Quello bresciano è stato il primo IRCCS in Italia ad essere accreditato dalla prestigiosa Joint Commission International, che tuttora ne certifica l’elevata qualità. Il Servizio di Formazione è accreditato ISO ed è riconosciuto dal ministero della Salute. (visita mattarella)

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Controllo del territorio ed esercito

Posted by fidest press agency su sabato, 10 dicembre 2016

volanti-polizia-di-stato“E’ assurdo che il sottosegretario alla Difesa Domenico Rossi, rispondendo a Franco Gabrielli, dica che la Polizia non è in grado di svolgere in pieno il suo ruolo di controllo del territorio e di tutela dell’ordine pubblico, e che per questo è necessario una sorta di compito di ‘supplenza’ dei militari dell’Esercito”. E’ quanto afferma Franco Maccari, Segretario Generale del COISP – il Sindacato Indipendente di Polizia. “Il rappresentante del governo dimissionario – aggiunge Maccari – dovrebbe piuttosto spiegare perché la Polizia non è messa in condizioni di svolgere al meglio il proprio ruolo, nonostante abbia, a differenza dell’Esercito, personale formato in maniera specifica. Il sottosegretario Rossi dovrebbe spiegare perché vengono spesi milioni di euro per mandare a passeggio i militari nei centri storici delle nostre città, mentre vengono tagliati i fondi necessari alle Questure ed ai Commissariati, che spesso si trovano senza materiale di cancelleria, con i computer obsoleti, o peggio ancora senza il carburante per fare uscire le Volanti in servizio o per la manutenzione delle auto. Quella che il sottosegretario definisce una maggiore percezione di sicurezza da parte dei cittadini è in realtà un colossale imbroglio, oltre che uno spreco di denaro pubblico, perché difficilmente i soldati nelle strade delle nostre città possono garantire un servizio efficace di controllo. i gettano al vento risorse economiche che potrebbero essere preziosissime se destinate a fornire uomini e mezzi alle Forze di Polizia, per ottenere una percezione di sicurezza del tutto illusoria, perché un militare equipaggiato di tutto punto con armi da guerra, e peraltro addestrato per compiti del tutto diversi, difficilmente potrà intervenire efficacemente contro un rapinatore o un soggetto violento. Meglio sarebbe investire per potenziare la dotazione organica e di mezzi delle Forze di Polizia, ed in sostanza consentendo a ciascuno, militare o poliziotto, di svolgere il compito per cui è stato addestrato, in modo da garantire la sicurezza dei cittadini e dello stesso personale”. (n.r. Qui non si tratta di “chi” è presente ma di “come” vogliamo garantire la sicurezza del Paese e restituire ai cittadini la serenità dovuta. Se la polizia per definizione è preposta a compiti di ordine pubblico, oltre a tutti gli altri ruoli istituzionali e investigativi e l’esercito alla difesa della nazione dai nemici esterni perché si deve alterare tale funzione solo per l’incapacità governativa di prendere atto che c’è qualcosa che non funzione nella filiera giustizia se oggi si arresta chi delinque e il giorno dopo ce lo ritroviamo per strada a beffeggiare gli stessi poliziotti che l’hanno arrestato. La tutela del territorio e la lotta alla criminalità di strada si ottiene conferendo rispetto e fiducia agli uomini in divisa e non umiliandoli.)

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Il Popolo: La direttiva Bolkestein è contro gli onesti lavoratori

Posted by fidest press agency su sabato, 10 dicembre 2016

european commissionCome cittadina italiana e come sostenitrice del diritto al lavoro (difeso dal primo articolo della nostra Costituzione) provo profondo sdegno e grande preoccupazione per l’imminente (maggio 2017) attuazione delle disposizioni della Direttiva Europea 2006/123/ CE (chiamata anche Direttiva Bolkestein), che esaspera il principio della libera circolazione dei servizi e che impone all’Italia di rimettere a bando le concessioni rilasciate negli anni dagli enti locali, dando la possibilità di aprire un’attività commerciale su area pubblica a tutti i cittadini europei, senza limite di nazionalità, in un qualunque Paese dell’area UE. Oltre all’evidente penalizzazione subita dai possessori di Partita IVA italiana (un idraulico polacco risulterebbe estremamente conveniente rispetto al concorrente nostro connazionale), la direttiva andrebbe a colpire in maniera particolare il commercio ambulante, uno dei settori più tipici e tradizionali dell’economia italiana (pensiamo ai mercati settimanali) che impiega 350 mila addetti spalmati su 200 mila imprese (per la maggior parte di carattere familiare). La direttiva consentirebbe- una volta indetti i bandi- di far concorrere insieme le grandi multinazionali e il piccolo ambulante, una lotta impari che andrebbe non solo a eliminare migliaia di posti di lavoro ma anche a distruggere una tradizione commerciale squisitamente italiana: il fascino e i colori dei nostri mercati – soprattutto nei piccoli centri- attrae ancora molti visitatori, la “bancarella” resiste grazie anche alla possibilità di gustare una ricchissima varietà di cibo di strada e prodotti regionali. Se le multinazionali, con le proprie ingenti risorse finanziarie e la grande capacità di fare lobby, riuscissero ad appropriarsi delle pubbliche concessioni, buona parte del nostro patrimonio gastronomico andrebbe perso; non parliamo poi di tutti quegli esercenti (bancarelle di scarpe e abbigliamento, camion bar, fiorerie…) che vedrebbero anni di sacrifici in fumo, magari dopo aver contratto impegni con banche e fornitori per poter proseguire la propria attività in maniera onesta e conformemente alla legge: abusivi e irregolari resterebbero totalmente impuniti, forti del lassismo delle istituzioni e della scarsità di controlli. Perché invece non impiegare le proprie risorse per arginare il commercio illegale e assegnare agli ambulanti dei fondi per riqualificare la propria offerta, specie nelle aree di maggior flusso turistico? L’Italia presenterebbe al visitatore uno straordinario biglietto da visita, mostrando il suo lato migliore, ovvero la gente che ama dedicarsi al proprio lavoro, magari interrompendo quel vergognoso trend di italiani (specialmente giovani) costretti a cercare fortuna all’estero,
In un periodo di così grande crisi economica il lavoro dovrebbe essere tutelato in ogni modo, ma la classe politica italiana ancora una volta si mostra sorda e incapace di affrontare le assurde imposizioni di Bruxelles, che sembrano voler distruggere il nostro patrimonio imprenditoriale, minare i diritti e le tutele sociali dei lavoratori e rincorrere a ogni costo un liberismo sfrenato e una competitività fine a se stessa. Con l’amaro in bocca, non posso che affermare che non era certo questa l’Italia sognata dai nostri genitori e dai nostri nonni capaci di risollevare il Paese dalle macerie del dopoguerra. (Dora prof.ssa Cirulli Vice-Direttore Responsabile Vicario del giornale < IL POPOLO >)

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | 1 Comment »

Giampiero Mughini presenta il suo ultimo libro “La Stanza dei libri”

Posted by fidest press agency su sabato, 10 dicembre 2016

amazon-libriRoma domenica 11 dicembre, ore 18.30 Palazzo Odescalchi piazza SS. Apostoli 80 Giampiero Mughini presenta il suo ultimo libro
“La Stanza dei libri” In un periodo storico difficile per la carta stampata, Giampiero Mughini ne La Stanza dei libri sottolinea il valore inestimabile dei testi a cui, nel corso della sua vita, si è affezionato. Già proclamatosi “bibliofolle”, l’autore nel libro che sarà presentato in occasione dell’Asta di Libri, Autografi e Stampe (in programma venerdì 16 dicembre con l’offerta di 742 lotti), racconta anche un mondo diverso, un mondo di lettori accaniti, di bibliofili e bibliomani.

Posted in Recensioni/Reviews, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Parlamento europeo: Anteprima della sessione plenaria

Posted by fidest press agency su sabato, 10 dicembre 2016

strasburgo-parlamento-europeoStrasburgo 12-15 dicembre 2016, Principali temi all’ordine del giorno:
Premio Sakharov 2016 del Parlamento europeo alle attiviste yazidi Nadia Murad e Lamiya Aji Bashar, attiviste per i diritti della comunità yazidi in Iraq e sopravvissute alla schiavitù sessuale perpetrata dal sedicente Stato islamico, riceveranno il Premio Sakharov del Parlamento europeo per la libertà di pensiero nel corso di una cerimonia che si terrà martedì a mezzogiorno.
Voto finale sulla riforma del mercato ferroviario. Il Parlamento voterà mercoledì le nuove norme che permetteranno di assegnare la fornitura di servizi nel trasporto ferroviario per passeggeri tramite gare d’appalto e dovrebbero stimolare lo sviluppo di nuovi servizi commerciali.
Non istigare odio contro migranti e rifugiati per fini politici, dicono i deputati. Secondo un progetto di risoluzione sulla situazione dei diritti fondamentali nell’Unione nel 2015 in votazione martedì, i Paesi UE dovrebbero “astenersi dall’istigare paura e odio nei propri cittadini nei confronti dei migranti e dei richiedenti asilo per fini politici”. Più facile reintrodurre il visto d’ingresso UE per i cittadini di paesi terzi. Il Parlamento voterà giovedì nuove regole per consentire alla Commissione e agli Stati membri di reintrodurre l’obbligo di visto per cittadini extra-UE in maniera rapida.
Dibattito pre-Summit su Brexit, migrazione, sicurezza, Russia e investimenti in posti di lavoro. In preparazione del Consiglio europeo del 15 dicembre prossimo, i deputati discuteranno mercoledì mattina le priorità politiche dell’UE, e in particolare la migrazione, la sicurezza, l’economia e la disoccupazione giovanile e gli affari esteri con il Consiglio e la Commissione.
Unione energetica: martedì primo dibattito sul pacchetto “energia pulita” I deputati discuteranno con il vicepresidente della Commissione e responsabile dell’Unione energetica, Maroš Šefčovič le proposte legislative per garantire energia pulita a tutti i cittadini europei.
Porti UE: trasparenza su canoni di utenza e sovvenzioni pubbliche
Agevolare il commercio tessile con l’Uzbekistan
Parassiti delle piante: i deputati chiedono norme più severe per proteggere gli agrumeti comunitari

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Nuccio D’Angelo in concerto a Trapani

Posted by fidest press agency su sabato, 10 dicembre 2016

nuccio-dangeloTrapani Domenica 11 dicembre 2016 Ore 21.00 Chiesa di Sant’Alberto (Via Garibaldi) Nuccio D’Angelo chitarrista di fama internazionale, presenterà un concerto incentrato su due sommi autori, John Dowland e Johann Sebastian Bach.Le composizioni per e con chitarra hanno tra i suoi lavori un ruolo di evidente privilegio e vengono inserite frequentemente nei recital di alcuni tra i più famosi chitarristi di tutto il mondo.
Intrapresi gli studi musicali a Trapani, con lo zio Francesco Bologna, all’età di sei anni, Nuccio D’Angelo approfondisce per vari anni lo studio delle forme classiche dedicandosi inoltre ad esperienze di improvvisazione musicale. Dopo un periodo di studio al conservatorio “V. Bellini” di Palermo sotto la guida del M° Giuseppe Violante per la chitarra e di Turi Belfiore per la composizione, nel 1976 si trasferisce a Firenze dove, al conservatorio “L. Cherubini”, frequenta la classe di composizione di Gaetano Giani-Luporini e si diploma brillantemente in chitarra sotto la guida di Alvaro Company. Contemporaneamente segue i corsi che Company tiene ad Arezzo, Montecatini e Pescara collaborando col maestro in qualità di assistente.
È stato ospite, in veste di interprete e/o compositore nei festival di numerose associazioni concertistiche italiane e si è inoltre esibito come solista e in formazioni cameristiche in Francia, Grecia, Svizzera, Portogallo, Germania, Belgio, Australia, U.S.A. e Canada.
Ha collaborato con le orchestre del “Maggio Fiorentino”, “Provinciale Barese”, “Regionale Toscana” e ”Gli Armonici” di Palermo.
Ha ottenuto il primo premio al concorso internazionale di composizione per chitarra “A. Segovia” (Granada -1991) e al concorso di Tokio (1984) con “Due Canzoni Lidie”, brano che vanta moltissime incisioni negli ultimi anni.
Gli è stato conferito nel 1996 uno “Special Prize” dalla “Ibla Foundation” di New York e nel 1997, in occasione del “2° Convegno di Chitarra” di Alessandria, il premio “La chitarra d’oro per la composizione”.
Ha inoltre ricevuto due premi alla carriera: ad Agropoli nel 1995 e ad Erice (“I Mulini”) nel 2010. Dal 1994 ricopre la cattedra di chitarra presso l’istituto musicale “P. Mascagni” di Livorno, tenendo contemporaneamente svariati seminari di chitarra, composizione e improvvisazione in molte città italiane e in U.S.A., Canada, Spagna e Germania.
È stato ospite di importanti istituzioni musicali internazionali in qualità di concertista e docente di chitarra e composizione (“Indiana University” di Bloomington (U.S.A.), “Darwin International Guitar Festival”, “Guitar Summer School” di Sydney, nel 2012 allo “Spegtra Guitar Festival” di Aachen -Aquisgrana.
Costi dei biglietti: intero 7,00 euro, ridotto 5 euro (studenti fino a 24 anni, soci fondazione Pasqua2000 per l’anno 2016, abbonati Stagione Lirica del Luglio Musicale, abbonati Amici della Musica – prima parte della stagione concertistica). I biglietti potranno essere acquistati presso la chiesa di Sant’Alberto a partire da un’ora prima del concerto. (foto: nuccio d’angelo)

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Campidoglio: si riaprono termini per Buono Casa. Verso completa chiusura Caat

Posted by fidest press agency su sabato, 10 dicembre 2016

campidoglioSi riaprono i termini per il Buono Casa, al fine di procedere verso la totale chiusura dei Centri di assistenza alloggiativa temporanea (Caat). E’ quanto stabilisce una memoria approvata oggi dalla Giunta Capitolina che fissa al 31 gennaio 2017 il nuovo termine per la presentazione del modulo di “Manifestazione di interesse alla erogazione del Buono Casa”.La richiesta del Buono Casa potrà essere avanzata da tutti gli attuali inquilini dei cosiddetti residence che abbiano già presentato tale modulo esprimendo la volontà di non usufruirne, che non abbiano presentato alcuna richiesta o la cui precedente richiesta non sia stata accolta perché pervenuta fuori termine o per vizio di forma. Per tutte queste categorie di soggetti verranno revocate le ordinanze di decadenza dal servizio di assistenza abitativa temporanea, nelle more dell’espletamento delle procedure. Ma chi non esprimerà la volontà di aderire al Buono Casa entro il 31 gennaio prossimo, proprio in ragione della necessità di arrivare alla completa dismissione dei Caat, decadrà automaticamente dal servizio di sostegno alloggiativo.In vista della definizione della nuova graduatoria per la concessione del Buono Casa, si prevede inoltre di sospendere i provvedimenti di trasferimento dai Caat in chiusura nei confronti dei soggetti titolati alla presentazione delle richieste. Decisione assunta anche per vagliare ipotesi di accordo con i proprietari dei residence, finalizzate alla immediata utilizzazione del bonus presso quelle stesse strutture. Alla memoria odierna seguirà una direttiva, a firma degli assessori Laura Baldassarre e Andrea Mazzillo, rivolta a tutti gli uffici competenti. E successivamente verrà sottoposta all’approvazione della giunta una delibera che fisserà il programma di chiusura dei residence, la riapertura dei termini e la definizione degli importi per il Buono Casa, la richiesta di un piano assistenziale alternativo per l’accoglimento delle fragilità sociali (minori, disabili, anziani) attualmente ospitati negli stessi Caat.

Posted in Roma/about Rome, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Piazza Navona: Campidoglio, da oggi online Avviso Pubblico per Festa della Befana

Posted by fidest press agency su sabato, 10 dicembre 2016

piazza-navonaSolidarietà, spazi culturali, animazione per bambini e spettacoli per le scuole. Queste le caratteristiche principali della Festa della Befana di quest’anno in piazza Navona che torna come da tradizione dal 23 dicembre 2016 all’8 gennaio 2017 grazie alla decisione di Roma Capitale di gestire direttamente l’evento nonostante inizialmente fosse di competenza del I Municipio. Da oggi è online sul sito di Roma Capitale, nelle sezioni del Dipartimento Attività Culturali, del Dipartimento Sviluppo Economico Attività Produttive e Agricoltura e del I Municipio, l’Avviso Pubblico – con scadenza lunedì 19 dicembre 2016 – rivolto ad associazioni ed enti presenti su tutto il territorio che si occupano di istruzione, animazione culturale e cooperazione e solidarietà internazionale.
Tra le novità di quest’anno, in piazza saranno allestiti due spazi: uno completamente dedicato alla presentazione di attività da parte di
associazioni e scuole di musica, teatro o altre realtà artistico-culturali che potranno così approfittare di un pubblico eterogeneo e ampio per far conoscere le proprie iniziative ed esprimere il proprio lavoro. Il secondo dedicato in particolare all’animazione e il divertimento dei più piccoli.La realizzazione delle strutture presenti e dell’intera logistica sarà a cura del Comune di Roma.

Posted in Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

New Asylum Agency must ensure EU countries respect common asylum rules, say MEPs

Posted by fidest press agency su sabato, 10 dicembre 2016

european parliamentThe EU Agency for Asylum must coordinate information exchange among member states and ensure they protect fundamental rights, said Civil Liberties Committee MEPs on Thursday. The committee backed a proposal to strengthen the current European Asylum Support Office (EASO), which will become the EU Agency for Asylum, and provide it with the means to assist member states in crisis situations, but also to monitor how national authorities apply EU legislation. The new Agency will assess all aspects of the common asylum policy, such as reception conditions, respect for procedural safeguards, the right to legal aid and access to interpretation, and adequacy of financial and human resources. To do so, it will be entitled to make unannounced on-site visits to EU countries.
It would rely on an “asylum intervention pool”, formed by no less than 500 experts contributed by member states, who could be deployed in cases where the asylum and reception systems of an EU country are subject to “disproportionate pressure”.
Fundamental Rights Officer. The Agency will also have a Fundamental Rights Officer, in charge of managing the newly-created complaint mechanism and monitoring and ensuring respect for fundamental rights in all the Agency’s activities.
The resolution, prepared by Peter Niedermüller (EPP, HU) was passed by 36 votes to nine, with six abstentions.
Next steps The committee also approved a negotiating mandate and team, by 46 votes to four, with a view to reaching a first-reading deal with the Council on the legislation.

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

L’Aventino di Renzi

Posted by fidest press agency su sabato, 10 dicembre 2016

aventino_1Sa del singolare che il nostro presidente del consiglio con le dimissioni accettate con riserva dal capo dello Stato abbia deciso di lasciare Roma per ritornare al suo paese. E’ a mio avviso un atteggiamento sdegnoso e poco rispettoso delle istituzioni. Sino a prova contraria il suo compito governativo resta se non altro per la normale amministrazione. Ma conoscendo le sue ambizioni e la sua capacità trasformistiche di chi dice una cosa e ne fa poi un’altra con la stessa noncuranza e poco rispetto per la serietà del ruolo che gli è stato ritagliato è convinto che alla fine tutto gli sarà perdonato perché si considera un personaggio insostituibile e il solo capace di governare il paese. Quando giungerà questo momento, pensa, dovranno strisciare e piatire il suo ritorno in campo. E allora rientrerà a Roma da trionfatore. In questo modo pensa di far dimenticare agli italiani la sua recente sconfitta al referendum costituzionale. Crede, per giunta, di poter ritagliare sulla sua persona lo stesso apologo di Menenio Agrippa allorché la plebe romana si ritirò sdegnosamente sull’Aventino in segno di protesta per le angherie dei patrizi. Nel suo caso la mente è lui è il popolo è un’imbelle accozzaglia di incapaci che non si rende conto che se vogliono muovere le mani, le gambe e il resto del corpo hanno bisogno dell’input del suo cervello, della sua eloquenza. E allora prepariamoci ad accettare i nostri limiti e a fare mea culpa per aver osato contrariare un uomo simile, un grande e unico leader politico oggi esistente in Italia secondo la stessa definizione che gli ha attribuito Berlusconi. Accadrà proprio questo? Ai posteri la solita sentenza dato che a noi non ci è dato d’avere la sfera di cristallo. (Riccardo Alfonso direttore Centri studi politici della Fidest)

Posted in Confronti/Your opinions | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Roma, incontro sul turismo molisano presso Forche Caudine

Posted by fidest press agency su sabato, 10 dicembre 2016

incontro-forche-caudine1Il Molise, una sorpresa. E’ questa la reazione dei vertici di Viola tour operator, giovane e altamente qualificata realtà laziale del comparto turistico, nata dall’incontro tra alte professionalità del settore, tra cui il direttore commerciale turismo del Cral del Comune di Roma e gli ex direttori di Eden Viaggi e di Futura Vacanze. Nel corso dell’incontro svoltosi a Roma presso la sede dell’associazione “Forche Caudine”, il circolo dei molisani a Roma, a Viola tour operator è stata illustrata l’offerta culturale e ambientale del Molise da parte dei vertici dell’associazione. Presenti all’incontro: Giampiero Castellotti, Gabriele Di Nucci e Renzo Rea.
Il direttore sviluppo di Viola tour operator, Federico Canuzzi, da anni anche direttore tecnico del Cral del Comune di Roma, s’è dimostrato estremamente interessato alla presentazione del Molise, regione che ha avuto modo di visitare ma solo parzialmente, limitandosi al museo paleolitico di Isernia, a Campitello Matese e a Termoli. I vertici dell’associazione “Forche Caudine”, nel corso dell’incontro sul tema della promozione turistica fuori dai confini regionali, hanno puntato ad illustrare soprattutto le risorse ambientali dell’Alto Molise, Castel San Vincenzo, la transumanza di Frosolone e i Misteri di Campobasso. Hanno quindi fatto dono ai presenti di alcuni materiali del Molise, tra piantine, guide e ricettari.
incontro-forche-caudineCamuzzi ha fatto presente che il Molise non è stato quasi mai preso in considerazione da parte del Cral del Comune di Roma, pur presentandosi come meta ideale, proprio perché inedita, soprattutto per escursioni di una giornata. In particolare l’interesse è alto per le tipicità, dalle manifestazioni folkloristiche ai siti ambientali particolarmente suggestivi, anche nello sviluppo di itinerari che coinvolgono più località.Viola tour operator, nonostante la giovane età, si sta imponendo in modo rilevante nel panorama turistico grazie alle professionalità coinvolte. Il prodotto Italia è particolarmente implementato. “Il nostro ambizioso obiettivo – ha spiegato il presidente Giulio Scognamiglio – è quello di crescere sul prodotto Italia e non soltanto, offrendo una serie di strutture di assoluta qualità, che in genere sfuggono alla logica del mass market e dei grandi tour operator”. La collaborazione con le agenzie è quindi essenziale.L’amministratore delegato Fabio Schiavo e il direttore vendite Roberto Minardi hanno evidenziato l’obiettivo di raggiungere al più presto un migliaio di partner agenzie di viaggio estremamente fidelizzati, raddoppiando l’attuale bacino concentrato soprattutto in Lazio, Campania, Lombardia ed Umbria, mirando ad una profilazione molto attenta del cliente, in modo tale da saperlo indirizzare verso una delle soluzioni più adatte. I vertici di “Forche Caudine” intendono ora coinvolgere anche le istituzioni molisane su un “pacchetto Molise” da offrire alla platea romana. “Il settore turistico è sempre più cruciale – ha continuato Canuzzi – in quanto raramente si rinuncia ad una vacanza. Per questo riteniamo basilare un’accurata selezione delle località più interessanti, anche molisane, nonché dei migliori servizi di ristorazione, di intrattenimento e di animazione. L’idea di base è quella di cercare di aiutare le agenzie di viaggio a toccare con mano il rapporto che ci lega agli albergatori, ma anche quello di trasferire la filosofia d’azione che è quella di profilare il prodotto e la domanda”. Secondo il manager turistico, il Molise costituirebbe una meta ideale per viaggi in pullman di una giornata da Roma. (foto: incontro forche caudine)

Posted in Cronaca/News, Viaggia/travel | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Tesori che Pompei restituisce alla fruizione

Posted by fidest press agency su sabato, 10 dicembre 2016

lucrezio-frontonelucrezioPompei Il piccolo Lupanare, la casa di Obellio Firmo, la casa di Marco Lucrezio Frontone ma anche lo scavo inedito di un ambiente totalmente occultato dal terreno. Sono gli altri tesori che Pompei restituisce alla fruizione, al termine del grande lavoro di completamento degli interventi di messa in sicurezza delle Regiones V e IX realizzati nell’ambito del Grande Progetto Pompei dalla Soprintendenza e dalla Direzione Generale del GPP con le risorse POIn 2007-2013 e PON 2014-2020. Un’area di 50mila metri quadrati, che si estendeva tra il centro e il confine settentrionale della città antica, ora interamente percorribile.
I lavori della messa in sicurezza hanno interessato le murature (integrazione di lacune e mancanze, stilatura dei giunti, revisione delle creste murarie, manutenzione o sostituzione di piattabande), gli apparati decorativi (pulizia, consolidamento, piccole integrazioni, sostituzione di materiali non idonei di vecchi restauri), oltre a prevedere interventi su strade e marciapiedi, cancelli e coperture, consentendo piccolo-lupanareanche di conoscere e documentare dettagli finora ignoti delle aree interessate.
In particolare tra le novità di questo grande cantiere, vi è la messa in luce di due edifici vicini, ma distinti: una domus e un impianto commerciale adibito in epoche diverse all’attività prima di panificio (pistrinum) e in una seconda fase di lavanderia (Fullonica).
Gli interventi strutturali sulle murature più compromesse hanno, invece, consentito la rimozione di puntellature che impedivano l’accesso a strade e case finora irraggiungibili, e finalmente resi accessibili gli edifici del piccolo lupanare (Regio IX, insula 5, 16), custode di un’altra serie di affreschi erotici in uno degli ambienti, la maestosa Casa di Obellio Firmo ( Regio IX insula 14 civico 4) aperta sul decumano di Via di Nola e la casa di Marco Lucrezio Frontone (Regio V) completata con il restauro dell’ambiente triclinare, con lo splendido affresco che raffigura l’uccisione di Neottolemo da parte di Oreste. (foto: lucrezio frontone, lucrezio, obellio, Piccolo Lupanare, Regio)

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space, Viaggia/travel | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Teatro: “Tea Room”

Posted by fidest press agency su sabato, 10 dicembre 2016

tea-roomRoma dal 15 al 18 dicembre dal giovedì al sabato ore 20.00; domenica ore 18.00 è in scena al Teatro Brancaccino di Roma via Mecenate, 2 “Tea Room”, l’ultima fatica registica di Giancarlo Fares. Dopo il fortunatissimo spettacolo Le Bal, Fares firma la regia del testo scritto da Raffaella Conti al suo debutto come autrice. Sul palco Riccardo Averaimo, Lucia Batassa, Francesco Sala, Sara Valerio.
Enrico ex fotografo di moda, gestisce un locale, il Tea Room. É sposato con Eleonora, ha un figlio che ama, proviene da una famiglia abbiente, tutto potrebbe funzionare bene nella sua vita. Invece, incapace di fare delle vere scelte, si ritrova nel bel mezzo di una crisi personale in compagnia di una bottiglia di whisky e del suo nevrotico senso dello humour. Le persone più importanti della sua vita affollano la sua mente e si intrattengono con lui in un intreccio di dialoghi e situazioni a volte paradossali, a volte toccanti, sempre profondamente umani. Con leggerezza e ironia, Tea Room racconta la storia di quest’uomo che lascia scorrere la propria vita evitando di assumersi le responsabilità delle proprie azioni. Raffaella Conti con questo testo dà voce alla difficoltà di aprirsi e affrontare la realtà, senza giudicare, ma accompagnando lo spettatore a sorridere e commuoversi attraverso atmosfere particolari in cui la musica ha un ruolo molto importante. Lo spettacolo, prodotto in collaborazione con la compagnia Mauri Sturno, è inserito nella rassegna “Spazio del Racconto” del Teatro Brancaccino dedicata alla drammaturgia contemporanea italiana. (foto: tea room)

Posted in Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Bruxelles. Boom medici italiani in Belgio, polemiche su mobilità in Ue

Posted by fidest press agency su sabato, 10 dicembre 2016

bruxelles-1Bruxelles. La sanità in Belgio parla sempre meno francese o fiammingo, sempre più italiano. E scoppiano polemiche politiche sulla mobilità del lavoro garantita dalle regole dell’Ue, che hanno ispirato il titolo di apertura della prima pagina dell’edizione on line e cartacea del quotidiano Le Soir, il più prestigioso del Paese, perché la leader del partito popolare (Cdh) ha diffuso i dati di un rapporto riservato del ministero della sanità, chiedendo l’introduzione di test – attitudinali e/o linguistici – che possano riaprire le porte a neomedici e infermieri belgi, attualmente limitati da rigidi “numeri chiusi”. “Numeri Inami, le licenze che permettono di esercitare la professione nel Paese,: il 41,1% a stranieri” è il titolo de Le Soir di oggi, che parte dal dato principale del rapporto della cellula di pianificazione della Spf Santé Publique, il ministero della sanità belga, reso pubblico da Catherine Fonck, capogruppo alla Camera della Cdh: nel 2015, nella comunità francofona il 41,1% dei ‘numeri Inami’ sono andati a medici che non hanno studiato o conseguito l’abilitazione in Belgio, con gli italiani al primo posto davanti a francesi, olandesi e spagnoli.In termini assoluti, delle 649 nuove licenze rilasciate in Vallonia lo scorso anno, 382 sono andate a belgi francofoni, 247 a stranieri, in maggioranza italiani, e 20 a persone proveniente da Paesi non membri dell’Ue. A livello nazionale, ovvero sommando la parte fiamminga del Paese, la percentuale scende al 28,1%, ma era al 19,7% nel 2011. Un aumento di quasi il 50% in appena cinque anni. Passando ai dentisti, gli stranieri diventano maggioranza assoluta nella comunità francofona (56,1% nel 2015) e circa uno su due nell’insieme del Paese (44,2%). All’origine del fenomeno, le regole europee sulla libera circolazione dei lavoratori che vietano l’imposizione di limiti. L’assenza di qualsiasi prospettiva d’uscita da una crisi che attanaglia sempre più il Nostro Paese ci costringe a lanciare un ennesimo grido d’allarme. Perché dopo i Paesi più a rischio dell’UE come Grecia, Portogallo, Spagna e la piccola isola di Cipro abbiamo il dovere di denunciare come preannunciato in alcuni nostri interventi negli scorsi mesi, ma adesso con dati ufficiali alla mano, il riavvio dopo anni dei flussi migratori da parte di Nostri connazionali verso l’estero alla ricerca di un posto di lavoro. Perché se ci sono almeno tre milioni di disoccupati, di cui molti laureati, molti sono costretti a fare le valigie ed un biglietto di sola andata oltre confine perché per molti appare davvero come l’ultima spiaggia. Come detto l’avevamo percepito ed avevamo diffuso i primi dati ma il XVIII rapporto Ismu (Fondazione che si occupa di Iniziative e Studi sulla Multietnicità) parla chiaro: solo l’anno appena trascorso sono emigrati all’estero ben 50mila italiani che vanno a rinforzare le fila dei 4 milioni e 200mila gli italiani che già risiedono fuori dai confini nazionali con una crescita, quindi, del 9% rispetto all’anno precedente. La differenza principale con i flussi migratori dei decenni passati sta nelle categorie di Nostri concittadini che scelgono di emigrare: se prima erano padri di famiglia alla ricerca di un lavoro da manovale o da operaio oggi la tendenza riguarda soprattutto i giovani e qualificati, la gran parte laureati. La maggioranza, sceglie di restare in Europa in particolare cerca fortuna in Belgio, Francia, Germania, ma anche Inghilterra e Svizzera. Di fronte a dati come questi, rileva Giovanni D’Agata, fondatore dello “Sportello dei Diritti”, non si può più restare inermi. È ora di dire basta all’assenza di politiche del lavoro in questo Paese ed al silenzio che avvolge il tragico tema della disoccupazione.

Posted in Estero/world news, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Concerto Goethe Chor a San Saverio

Posted by fidest press agency su sabato, 10 dicembre 2016

Palermo-Panorama-bjs-2Palermo sabato 10 dicembre alle 21 il Goethe Chor, diretto da Serena Pant, si esibisce in concerto alla Chiesa di San Saverio con musiche tratte da note colonne sonore cinematografiche internazionali per la rassegna Experimenta musicae curata dall’Ars Nova con la collaborazione di Italia Nostra e l’Associazione Cassaro Alto.Experimenta musicae è un programma che intende fare della musica l’occasione per sollecitare la realtà cittadina a contribuire attraverso donazioni al recupero dell’affresco “Il trionfo di David” di Pietro Novelli, ritrovato in San Giovanni all’Origlione dell’Albergheria.Experimenta musicae, esplora vari linguaggi e repertori musicali con interpreti affermati e fervidi gruppi corali palermitani per far conoscere luoghi e strumenti che fanno parte del nostro patrimonio artistico ad un pubblico sensibile all’arte ed alla cultura.
La sezione dedicata ai Cori della Rassegna curata da Ars Nova si conclude con il Coro Incontrovoce polifonico diretto da Fabio Faia che Venerdi 16 dicembre alle 21 alla Chiesa di San Saverio con brani del repertorio corale storico e canti della tradizione natalizia.
Le donazioni per partecipare al restauro ed ai concerti possono essere effettuate attraverso il sito http://www.adartempalermo.it o con versamento di un contributo all’ingresso.
Sa 10 dicembre – h 21 Chiesa San Saverio | Goethe Chor (dir. Serena Pantè) – Novi Cori
Ve 16 dicembre – h 21 San Saverio | Coro Incontrovoce (dir. Fabio Faja) – Novi Cori

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Inaugurati “… tutti i presepi del mondo”

Posted by fidest press agency su sabato, 10 dicembre 2016

inaugurazioneAssisi. Francesco d’Assisi era un innamorato e come tale desiderava ardentemente stare con il proprio amato, Gesù Cristo. Bramava una vicinanza non soltanto spirituale, ma che potesse coinvolgere tutto sé stesso, utilizzando i 5 sensi che il Signore ci ha donato. Lo Spirito Santo gli suggerì una via, molto semplice e concreta: il santo presepe vivente.Quasi 800 anni sono trascorsi da quella notte di Greccio, ma è con la medesima intenzione che oggi ha aperto i battenti la ricchissima mostra internazionale di presepi “… tutti i presepi del mondo …”, nei locali del Santuario e nel chiostro della Porziuncola.La benedizione di mons. Paolo De Nicolò – al termine della Messa solenne da lui presieduta – è stata accompagnata dal canto della Corale Porziuncola di un paio di canti tipici natalizi e dalla presenza del sindaco di Assisi – Stefania Proietti – e di Betlemme – Vera Baboun –, per la prima volta in visita nella città della Poverello. Entrambe mamme, entrambe docenti universitarie, entrambe cattoliche da sempre impegnate nel sociale, entrambe prime donne a ricoprire il ruolo di primo cittadino in due città di così grande importanza simbolica a livello internazionale.Le due città, gemellate dal 1988, sono unite da un forte legame spirituale che ha fatto sbocciare questa iniziativa, come testimoniava tempo fa il sindaco di Assisi: “Siamo in contatto dall’indomani della mia elezione. Entrambe pensiamo che l’incontro che avverrà proprio nella Città Serafica per celebrare una delle ricorrenze più importanti del tempo dell’Avvento, quella dell’Immacolata Concezione, assumerà un significato importantissimo in questo momento in cui il mondo ha bisogno più che mai di speranza e di pace. Il legame con la città di Betlemme, sulle orme di San Francesco, è fondamentale per le relazioni che la città di Assisi mantiene nel mondo e rafforza la rete che ci vede centrali nel dialogo interreligioso e interculturale in piena attinenza con lo ‘Spirito di Assisi'”.
inaugurazione1La mostra, ogni anno più ricca, nel 2016 giunge ad ospitare ben 72 nazioni che, con stili e sensibilità differenti, provano ad esprimere il mistero scandaloso di un Dio che si fa uomo per amore. L’Altissimo, che nemmeno i cieli possono contenere, che non resiste all’urlo di nostalgia della sua creatura e si fa carne e sangue per salvarlo dalla solitudine che l’abita nel profondo.Tanti i motivi per regalarsi – da oggi all’8 gennaio – qualche ora fra questi capolavori di creatività e preghiera – ci dice il responsabile della mostra, padre Massimo Lelli – alcuni si distinguono per il significato che nascondono:Il “Presepe degli Angeli”, realizzato per i più piccoli, nel chiostro di santa Chiara; quest’opera è un albero che affonda le RADICI nella “Festa degli Angeli” – nata nel 2010 per ricordare 3 bambini prematuramente scomparsi e pregare insieme alle loro famiglie – ed ha come FRUTTO il “Presepe degli Angeli” – un piccolo presepe in legno da regalare, con cui si raccoglieranno soldi per progetti di beneficienza.
Il grande presepe al centro del chiostro del Convento che il 26 dicembre, dalle ore 16, vedrà l’arrivo dei “Santi pellegrini”. Questi compiranno, insieme ai presenti, un simbolico pellegrinaggio dalla piazza della Porziuncola alla suddetta suggestiva capanna della Natività: si tratta di una rievocazione del cammino di Maria e Giuseppe verso la grotta di Betlemme.
Prima di salire ad Assisi per l’accensione dell’albero di Natale – offerto dalla regione Piemonte – nella piazza inferiore di San Francesco, il Sindaco di Betlemme si è fermata a mensa con i frati, insieme al Sindaco di Assisi, agli ospiti della Casa Papa Francesco e a mons. De Nicolò. Al termine del pasto ha voluto ringraziare la fraternità per l’accoglienza con il dono di una medaglia, la “stella di Betlemme”, e ricordare la sua gioia di poter condividere ad Assisi lo stesso gesto portatore di luce e di speranza fatto pochi giorni orsono nella sua cittadina. Che il Signore, che è venuto, viene ogni giorno e verrà alla fine per portarci con Lui, possa guidarci nell’Avvento ad un incontro sempre più vero e profondo con Quel bimbo, maestro di Vita Eterna. (foto: inaugurazione)

Posted in Cronaca/News, Viaggia/travel | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Alternativa alla chemio per pazienti con tumore polmonare

Posted by fidest press agency su sabato, 10 dicembre 2016

tumore polmoneMSD, conosciuta con il nome di Merck negli Stati Uniti e in Canada, ha annunciato i dati positivi sulla qualità di vita legata alla salute (HRQoL) ottenuti in un’analisi esplorativa dello studio KEYNOTE-024 di fase III, che ha valutato l’uso di pembrolizumab, la terapia anti-PD-L1 dell’Azienda, rispetto alla chemioterapia contenente platino, standard di cura (SOC), per il trattamento dei pazienti con tumore del polmone non a piccole cellule (NSCLC) metastatico che esprimeva elevati livelli di PD-L1, uguale o superiore al 50%. In particolare, gli outcome riportati dai pazienti hanno indicato miglioramenti clinicamente significativi con pembrolizumab rispetto alla chemioterapia. I risultati sono stati presentati alla 17ma Conferenza mondiale sul tumore del polmone prmossa dall’International Association for the Study of Lung Cancer in corso a Vienna. “Da questo studio – afferma il prof. Cesare Gridelli, direttore dell’oncologia medica del “Moscati” di Avellino – emergono dati importanti sulla qualità di vita dei pazienti in trattamento con pembrolizumab in prima linea, rispetto alla chemioterapia tradizionale. In particolare, si è osservato un miglioramento dello stato generale di salute dei malati, una riduzione significativa di sintomi specifici quali fatigue, dolore e astenia e un rallentamento del deterioramento delle condizioni. Al beneficio di questo trattamento immunoterapico in termini di efficacia e tollerabilità si aggiunge – ed è la prima volta che viene dimostrato – anche un altro tassello incoraggiante in termini di qualità di vita.”
“Per le persone che convivono con un tumore del polmone e spesso devono affrontare seri problemi di salute causati dalla malattia, la qualità di vita rappresenta una grande preoccupazione. I dati presentati a Vienna ci aiutano a comprendere il potenziale beneficio clinico di pembrolizumab in questi pazienti”, ha aggiunto il dott. Martin Reck, head of the thoracic oncology department, LungenClinic Grosshansdorf, Germany. Il programma di sviluppo clinico di pembrolizumab include più di 30 forme tumorali in quasi 400 studi clinici, tra cui più di 200 in cui pembrolizumab è utilizzato in combinazione con altri trattamenti per il cancro. MSD possiede un esteso programma di ricerca nel NSCLC e sta attualmente portando avanti molti studi potenzialmente registrativi con pembrolizumab in monoterapia o in combinazione con altri trattamenti.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Accoglienza rifugiati nelle parrocchie romane

Posted by fidest press agency su sabato, 10 dicembre 2016

parrocchia-romanaSono 123 i richiedenti asilo e protetti internazionali ospitati in 40 parrocchie e istituti religiosi di Roma: 57 sono nel programma di “prima accoglienza” realizzato dalla Caritas di Roma in collaborazione con la Prefettura; 66 in “seconda accoglienza”, ai quali è già stato riconosciuto lo status di protezione e seguono programmi di inserimento socio-lavorativo.
È il quadro che emerge dai progetti di accoglienza diffusa che la Chiesa di Roma ha promosso nell’ambito del Giubileo della Misericordia e presentati nel dossier informativo che la Caritas ha predisposto ad un anno dell’avvio delle iniziative. Un report con dati, testimonianze e riflessioni per raccontare come la diocesi di Roma ha risposto all’appello di papa Francesco del 6 settembre 2015 di «esprimere la concretezza del Vangelo e accogliere una famiglia di profughi». «Ogni parrocchia – ha detto il Santo Padre in quell’occasione -, ogni comunità religiosa, ogni monastero, ogni santuario d’Europa ospiti una famiglia, incominciando dalla mia diocesi di Roma».
Sono stati due i progetti messi in campo dalla Caritas romana, “Ero forestiero e mi avete ospitato”, rivolto a parrocchie ed istituti religiosi, e il più recente “Rifugiato a casa mia”, promosso in collaborazione con la Caritas Italiana, che vede le famiglie romane protagoniste dell’ospitalità. Entrambe le iniziative hanno l’obiettivo di promuovere e rafforzare la cultura dell’accoglienza, intesa come capacità della comunità cristiana di mettersi in gioco per superare le disuguaglianze sociali, le diffidenze e i pregiudizi reciproci. Un’opportunità per vivere in modo concreto la misericordia in un rapporto di reciproca conoscenza, prossimità umana e mutua solidarietà con i migranti ospitati.
L’ospitalità è in corso in locali messi a disposizione a titolo gratuito sul territorio in quattordici diversi Municipi, con disponibilità di alloggi da uno fino a un massimo di quattro posti: spazi abitativi simili ad una casa, in cui vivere in semi-autonomia (pasti in comune con l’istituto) o in piena autonomia. Delle 123 persone ospitate 64 sono singoli (38 uomini e 26 donne) e 17 nuclei familiari per complessive 59 persone, tra cui 25 figli per lo più minori. Sono 24 i Paesi di provenienza e le nazionalità più rappresentate sono la Repubblica Democratica del Congo, il Senegal, la Sierra Leone e il Togo.
«Confrontarsi in modo diretto con la vita e i problemi quotidiani dei rifugiati – afferma monsignor Enrico Feroci, direttore della Caritas di Roma – ha permesso alle nostre comunità di superare luoghi comuni e pregiudizi, di conoscere nuove culture e nuovi stili di vita e di scoprire che le cose che ci uniscono sono ben di più di quelle che ci dividono. Soprattutto, ha permesso di ascoltare dalla voce dei protagonisti i drammi che avvengono nel Mediterraneo, i motivi per cui scappano dalle loro terre: la fame, le guerre, l’odio, la sopravvivenza».
I due progetti, promuovendo il contatto diretto con il territorio, hanno portato all’attivazione di reti solidali e all’emersione di risorse utili all’inclusione sociale degli ospiti, con il risultato che nel corso di questo primo anno si sono registrati già alcuni casi di titolari di protezione internazionale che, grazie al sostegno ricevuto con l’accoglienza diffusa, sono riusciti a rendersi indipendenti. Altri continueranno nei programmi di inserimento grazie alla disponibilità che le parrocchie hanno rinnovato.

Posted in Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

“Inverno Incantato”

Posted by fidest press agency su sabato, 10 dicembre 2016

inverno-incantatoinverno-incantato2Roma è l’evento di Natale ospitato per la prima volta all’interno della Cavea e dei Giardini Pensili dell’Auditorium Parco della Musica, ideato per creare un’atmosfera che accompagni i visitatori in un percorso suggestivo e vivace.
Giochi di luce, profumi, musica e suoni, immagini in movimento, volteggi sul ghiaccio, piaceri enogastronomici e uno shopping ricercato e tipicamente natalizio, saranno i protagonisti di un viaggio emozionante immerso nella cornice dei giardini del Parco della Musica.
La Cavea diventerà uno spazio dedicato allo sport e al divertimento grazie alle emozioni da vivere su una splendida pista di pattinaggio su ghiaccio, mentre i Giardini Pensili ospiteranno il Villaggio Incantato con il Mercatino di Natale e 3 Aree fondamentali: il padiglione dedicato alla Regina delle Nevi, il Bosco delle Fiabe ed il Giardinetto degli Elfi con i loro Spettacoli dell’Incanto.
All’interno del villaggio anche un Salotto dell’Incanto, uno spazio dedicato al relax, all’intrattenimento e ai piccoli capricci del palato. Il Mercatino di Natale con oltre 30 espositori farà da cornice a questo mondo incantato, con prodotti tipicamente regionali, natalizi, di artigianato locale e internazionale. Inoltre, la pista di ghiaccio della Cavea, ospiterà anche eventi e appuntamenti per un pubblico di tutte le età. Nel Bosco delle Fiabe e nel Giardinetto degli Elfi, durante tutta la giornata, si alternerà una programmazione di spettacoli dedicati ai più piccoli e non: su un palco specificatamente dedicato alle fiabe, in versione commedia dell’arte, andranno in scena diverse repliche giornaliere dello spettacolo “Meno male che è Natale”, ispirato al racconto “Un Canto di Natale” di Charles Dickens, e lo spettacolo per bambini basato sulla fiaba “Il Grinch” di Dr. Seuss, rispettivamente delle compagnie Circomare Teatro e La Bottega dei Comici. Sempre nel Bosco delle Fiabe, anche un’area completamente dedicata ai sogni dei bambini con la Casetta di Babbo Natale. Ci sarà un piccolo Lunapark con la tipica giostra dei cavalli e tanti giochi tradizionali tutt’intorno. Per la gioia di bambini e adulti, in due aree dedicate del villaggio lo Spettacolo dell’Incanto proseguirà durante tutta la giornata con le spettacolari performance della compagnia Ondadurto Teatro. Un evento che unisce insieme poetica, spettacolarità, azione. Grandi macchinari scenici e giochi d’acqua per una molteplicità di inverno-incantato1inverno-incantato3spettacoli sempre diversi che mescolano le tecniche espressive con lo stile della Rivista. L’avvalersi di scenografie meccaniche in movimento e la scelta di una forma non verbale rende gli eventi fruibili ad un target internazionale.L’incanto farà “rima” anche con la multimedialità grazie a “La regina delle nevi”, produzione originale di 3D Projection Mapping in prima assoluta, che vedrà riprodurre un’emozionante versione della famosa fiaba di Hans Christian Andersen, realizzata con il patrocinio della città di Odense (Danimarca), luogo natale dello scrittore. Narrata dalla voce di Elena Sofia Ricci, con le musiche di Stefano Mainetti, la fiaba vedrà le illustrazioni originali di Flavia Nicoletti e Federica Pavan prendere vita in un immaginario studio di Andersen realmente riprodotto. Grazie alle animazioni del programmatore e video maker argentino Chico Arnold, lo studio si animerà, prenderà colore, sarà invaso da stupefacenti effetti speciali durante la narrazione delle avventure dei protagonisti Kai e Gerda. Lo spettacolo in replica ogni ora avrà la durata di circa 15’ ed è adatta ad ogni tipo di pubblico.
villaggio incantato dall’8 dicembre 2016 all’8 gennaio 2017 tutti i giorni: 11:00 – 23:00 domenica e festivi: 10:00 – 23:00 il 24 ed il 31 dicembre ore: 11:00 – 18:00 spettacoli durante l’intero orario di apertura spettacolo “La Regina delle Nevi” in replica ogni ora
pista di pattinaggio – dall’8 dicembre 2016 al 29 gennaio 2017 tutti i giorni: 11:00 – 24:00 domenica e festivi: 10:00 – 24:00 24 dicembre 11:00 – 18:00 25 dicembre 15:00 – 24:00 31 dicembre 11:00 – 01:00
PREZZI: villaggio incantato: ingresso in abbonamento intero periodo Euro 10,00 abbonamento famiglia Euro 20,00 abbonamento ridotto per possessori biglietto pista di ghiaccio Euro 5,00 ridotto abbonati metrebus mensile e annuale Euro 4,00 ingresso gratuito bambini fino a 4 anni.
pista di pattinaggio: ingresso e noleggio pattini per 60 min. : euro 10,00 ridotto bambini fino a 6 anni: euro 8,00 l’ingresso alla pista di pattinaggio dà diritto all’acquisto di ingresso Inverno Incantato valido fino all’8 gennaio ad Euro 5,00 anziché 10,00 (foto: inverno incantato)

Posted in Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »