Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 33 n° 244

La Fidest cambia pelle

Posted by fidest press agency su venerdì, 1 gennaio 2021


I lanci d’agenzia della fidest (storico) sono visibili su:

https://fidest.wordpress.com 

La Fidest è un’agenzia stampa a diffusione gratuita.

Fidest is a free circulation press agency

Ho deciso di chiudere una porta ma avendo contestualmente l’accortezza di aprirne un’altra più diretta e personale. In questo ambito riscopro la mia anima di opinionista sui temi che più da vicino toccano la nostra natura e ci permettono di interagire con chi avrà la bontà di seguirmi condividendo o criticando la mia linea di pensiero sui grandi temi di attualità: politica, sociale, economia.

I decided to close a door but at the same time have the foresight to open another one that is more direct and personal. In this context I rediscover my soul as a commentator on the themes that closely touch our nature and allow us to interact with those who will have the goodness to follow me by sharing or criticizing my line of thought on the major topics of current affairs: politics, society, economy .

Posted in Fidest - interviste/by Fidest | Contrassegnato da tag: , , , | 1 Comment »

Cibo contaminato da ossido di etilene

Posted by fidest press agency su giovedì, 5 agosto 2021

La tutela della salute non può limitarsi a fronteggiare una singola minaccia, per quanto seria, ma deve prevedere un’azione a 360 gradi se si vuole proteggere la popolazione – dichiara Andrea Michele Tiso, presidente nazionale Confeuro. Il richiamo di decine di prodotti a base vegetale risultati contaminati da pesticidi, ordinato in questi giorni dal ministero della Salute, conferma come la strada per assicurare cibo sano a tutti sia ancora lunga. Non si può risolvere un problema senza risalire alla sua radice, che in questo caso è rappresentata da quell’agricoltura che fa ancora grande ricorso ai fitofarmaci, mettendo al centro il profitto e dimenticando altre più importanti istanze. Sono ormai centinaia i prodotti contaminati da ossido di etilene, fumigante cancerogeno e genotossico contenuto nei prodotti a base di farine vegetali, ritirati in tutta Europa – continua Tiso. L’allarme riguarda in particolare yogurt, gelati, salse, condimenti, creme e prodotti a base vegetale, come carne veg e tofu. Sempre più studi collegano la presenza di sostanze tossiche nel cibo a numerose patologie che si stanno progressivamente diffondendo tra la popolazione. In un periodo in cui la salute è al centro del dibattito politico, è opportuno prendere provvedimenti per tutelarla contro tutte le minacce che quotidianamente la mettono in pericolo, nessuna esclusa. Solo grazie alla graduale trasformazione della nostra agricoltura, attraverso l’adozione di pratiche sostenibili per l’uomo e l’ambiente, sarà possibile restituire fiducia ai consumatori ed evitare il diffondersi di nuove patologie.

Posted in Diritti/Human rights | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

L’acqua è un elemento di fondamentale rilevanza durante ogni fase della vita

Posted by fidest press agency su giovedì, 5 agosto 2021

Ma assume un ruolo ancora più importante con l’avanzare dell’età. In questo periodo, una corretta idratazione, insieme a una dieta equilibrata e ad una moderata ma costante attività fisica, aiuta a mantenere sano e in forma il nostro corpo e a prevenire i possibili disagi provocati dalla carenza di liquidi. Il Professor Alessandro Zanasi dell’Università degli studi di Bologna ed esperto dell’Osservatorio Sanpellegrino spiega perché è fondamentale controllare il grado di idratazione del corpo con l’avanzare dell’età e condivide alcuni consigli per mantenere equilibrato l’apporto di liquidi giornaliero.“Sono diversi i fattori che contribuiscono ad aumentare il rischio di disidratazione fra le persone di una certa età, come la minore massa muscolare, la ridotta funzione renale e anche lo stimolo della sete alterato. Non a caso, studi scientifici dimostrano che il 20-30% degli anziani è disidratato1.” Risulta tuttavia difficile per la persona anziana, o per chi le sta intorno, capire se sia effettivamente in carenza di liquidi. Questo perché i sintomi che caratterizzano questa mancanza, come ad esempio secchezza delle mucose, scarso turgore della pelle, costipazione, sonnolenza, letargia e alterate capacità mnemoniche, sono molto generici e coincidono spesso con gli stessi che denotano l’avanzamento dell’età. È necessario quindi avere, come buona abitudine, l’assunzione di 1,5 o 2 litri di acqua giornalieri per assicurarsi di mantenere il livello di liquidi nel corpo adeguato, e aumentare il dosaggio durante il periodo estivo, momento in cui gli anziani sono maggiormente esposti al pericolo di disidratazione che può portare, in alcuni casi, anche al ricovero ospedaliero. Secondo il Prof. Zanasi: “Per controllare la quantità di liquidi assunta giornalmente, un metodo efficace può essere quello di contare il numero delle bottiglie da finire durante l’arco della giornata, e regolarlo in base alla stagione. Il rispetto di una quantità minima di liquidi assunti, oggettivamente verificabile, aiuta la valutazione da parte dell’anziano o di chi gli sta accanto di quanto realmente stia bevendo, assicurandosi così un opportuno apporto idrico.” Utile anche fare una riflessione sui momenti più indicati i cui concentrare l’assunzione dei liquidi. Per ottenere un effetto benefico contro stitichezza, incontinenza e risvegli notturni, si consiglia di bere principalmente al mattino, meglio se a digiuno, così da assicurarsi un buon livello di idratazione fin dall’inizio della giornata, favorendo anche una certa regolarità intestinale. Inoltre, si consiglia di non bere immediatamente prima e durante i pasti, per evitare la sensazione di riempimento e il senso di sazietà. Infine, idratarsi con un solo bicchiere d’acqua prima di dormire, può aiutare a prevenire una sete intensa e improvvisa, diffusa tra le persone anziane, che porta all’interruzione del ritmo regolare del sonno.

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Scuola: Vaccini e obbligo per i docenti

Posted by fidest press agency su giovedì, 5 agosto 2021

Marcello Pacifico, leader del giovane sindacato Anief, ha rilasciato un’intervista a Teleborsa su vaccinazioni e obbligatorietà per i docenti. Il presidente ha dichiarato che “l’ufficio legale dell’Anief nutre tante perplessità sulle nuove norme approvate dal Governo sul green pass”; infatti, sarebbero tanti i dubbi che riguardano, in primo luogo, coloro che devono affrontare i concorsi perché si impone l’obbligo del green pass. “La nostra Repubblica deve rimuovere tutti gli ostacoli per l’accesso agli incarichi pubblici e quindi alla Pubblica Amministrazione; il problema fondamentale è poi pensare di ripartire a settembre obbligando studenti e personale docente a vaccinarsi”. Pacifico ha continuato affermando che “il problema non è tanto quello della vaccinazione: io per primo ho fatto due dosi di vaccino, continuerò a farle e invito sempre tutti quanti a vaccinarsi, perché dobbiamo vincere insieme questa battaglia e il vaccino, in questo momento, è lo strumento più importante che abbiamo tra le mani per poter cercare di contenere la diffusione del virus. La cosa più importante per parlare di scuole in presenza a settembre rimane il distanziamento sociale. I soldi ci sono: Anief ha quantificato in 10 miliardi le risorse per sdoppiare le classi, mentre il Ministro Bianchi ha detto di averne già spesi 5 per sanificatori, mascherine, per strumenti tecnologici per la card”.Inoltre il sindacato è certo anche del miglioramento della didattica in presenza di classi con meno alunni. “Certamente vogliamo soluzioni concrete ed è da un anno e mezzo che diciamo che non bastano più banchi e più sanificatori. Ora poi si parla di mettere microfoni agli insegnanti per evitare la carica virale quando parlano. Si parla di mettere delle lampadine per misurare la saturazione all’interno delle aule. E invece c’è solo una cosa da fare: attuare il distanziamento con classi di 15 alunni, in modo che anche quando finirà il Covid, i nostri insegnanti riusciranno a far raggiungere migliori obiettivi ai nostri studenti, ha concluso Pacifico.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Scuola: Si è giunti alla firma definitiva della definizione delle aree e dei comparti

Posted by fidest press agency su giovedì, 5 agosto 2021

La proposta avanzata dall’amministrazione non soddisfa le confederazioni delle aree dirigenziali per via dell’ingerenza della legge sulle norme pattizie, infatti la definizione delle sezioni lavorative ha visto modificare la propria composizione per lo spostamento di alcune agenzie dai settori di precedente pertinenza. È giusto il caso di ricordare che la suddivisione per aree e comparti dei settori lavorativi è l’atto preliminare per l’avvio delle contrattazioni, rinviare a settembre la discussione della composizione delle aree dirigenziali significa ritardare di settimane l’avvio per il rinnovo di contratto dei dirigenti della pubblica amministrazione, ciò ha creato non poco disappunto nei rappresentanti della dirigenza che hanno in buona sostanza negato la firma alla definizione di questa composizione dei comparti dei dipendenti. Ciononostante l’amministrazione rappresentata dal presidente dell’A.Ra.N. dott. Antonio Naddeo ha ritenuto soddisfacente la contrattazione e ha proceduto alla chiusura della negoziazione sulla definizione dei soli comparti raccogliendo il parere favorevole delle sigle confederali rappresentanti i dipendenti della PA. Marcello Pacifico, presidente nazionale del sindacato Anief, ha affermato che “ora si può procedere con l’avvio del tavolo negoziale per il rinnovo del contratto di lavoro scaduto nel 2018 e per il quale in busta paga ogni dipendente gode della indennità di vacanza contrattuale, cifra irrisoria per contrastare l’inflazione che ha ricominciato a salire. Nel nuovo contratto ci saranno da recuperare oltre l’8% di inflazione mai recuperata dai precedenti contratti come certificato dalla stessa A.Ra.N. L’Anief si batterà con ogni mezzo messo a disposizione dai regolamenti per recuperare la maggior quota possibile del potere di spesa perso sia dai tassi di inflazione, sia dal blocco negoziale, sia dalla esiguità di risorse messa in campo dalle amministrazioni precedenti e firmate dalle sigle allora rappresentative”.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Castelforte e Cervaro sono Città dell’Olio

Posted by fidest press agency su giovedì, 5 agosto 2021

Salgono a 23 le Città dell’Olio del Lazio con l’ingresso dei Comuni di Castelforte in provincia di Latina e Cervaro in provincia di Frosinone nell’Associazione nazionale Città dell’Olio, la grande rete che raccoglie 381 enti pubblici impegnati nella promozione dell’olio extravergine di oliva e nella valorizzazione del patrimonio olivicolo italiano, con più di 25 anni di attività alle spalle.“L’adesione alla nostra associazione dei Comuni di Castelforte e Cervaro sono un segnale di attenzione all’olivicoltura da parte degli amministratori locali che colgono il valore aggiunto del far pare di una rete nazionale che lavora insieme nella chiara direzione del voler dare slancio alla cultura dell’olio EVO, al turismo dell’olio all’agricoltura sociale” ha dichiarato Michele Sonnessa, Presidente delle Città dell’Olio. “Le nostre Città dell’Olio continuano ad investire energie in un percorso comune di valorizzazione dell’olivicoltura locale – ha dichiarato Alfredo D’Antimi Coordinatore regionale delle Città dell’Olio del Lazio – le nuove adesioni ci rendono particolarmente orgogliosi e sono uno stimolo a fare sempre di più come coordinamento, attraverso l’organizzazione di eventi e progetti che danno lustro e visibilità alle nostre eccellenze. Il futuro ci vedrà impegnati fianco a fianco per partecipare alla Camminata tra gli ulivi, al programma per le scuole Olio in Cattedra e alla II edizione del Concorso Turismo dell’Olio”.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Una piccola famiglia di geni responsabili dell’imbrunimento della farina

Posted by fidest press agency su giovedì, 5 agosto 2021

Gli enzimi polifenol ossidasi (PPO), presenti in quasi tutte le specie vegetali, sono responsabili dell’imbrunimento enzimatico di molti prodotti alimentari. Per il frumento, l’imbrunimento delle farine è giudicato negativamente dai consumatori. Attualmente, infatti, sebbene la colorazione scura delle paste, dei pani e dei prodotti da forno sia accettata dai consumatori in quando derivati dall’utilizzo di sfarinati integrali e ricchi di fibre, per i prodotti raffinati, la colorazione scura è indicativa di un prodotto di scarsa qualità.Utilizzando oltre 200 frumenti rappresentativi di specie selvatiche, di specie addomesticate (come il farro, il frumento turanico, polonico, turgido ed il frumento cartlico, detto anche persiano), di ecotipi locali e di varietà di frumento duro coltivate in Italia nell’ultimo secolo, i ricercatori del CNR-IBBR, Istituto di Bioscienze e BioRisorse del Consiglio Nazionale delle Ricerche, e del CREA, Centro di ricerca Cerealicoltura e Colture Industriali, hanno compreso che le PPO hanno avuto un ruolo nel processo evolutivo del frumento.Lo studio, condotto dal CNR-IBBR e dal CREA in collaborazione con le Università di Padova e di Bari nell’ambito del progetto INNOGRANO (F/0593/00/X32) HORIZON 2020 PON I&C 2014-2020 e finanziato dal Ministero dello Sviluppo economico-MISE, è stato pubblicato su Genomics.“I risultati riportati nella pubblicazione scientifica hanno evidenziato il forte impatto sia della selezione naturale, ovvero della pressione evolutiva esercitata dall’ambiente sia, più recentemente, dall’azione del miglioramento genetico prodotto artificialmente dall’uomo sui geni PPO, determinandone una progressiva riduzione dell’attività enzimatica. Inoltre, il lavoro sembra svelare le vere origini del frumento persiano (Triticum turgidum spp. Cathlicum). Il suo progenitore, infatti, sarebbe il farro selvatico (Triticum dicoccoides) e non il farro addomesticato (Triticum dicoccum), come invece evidenziato dagli studi precedenti”, spiega Francesca Taranto, ricercatrice del CNR-IBBR, Istituto di Bioscienze e BioRisorse del Consiglio Nazionale delle Ricerche.“I geni PPO co-localizzano in regioni geniche dove geni adattativi e/o di resistenza alle patologie hanno subito una forte pressione selettiva sia naturale che artificiale. La selezione per tali caratteri ha, conseguentemente esercitato una forte pressione selettiva anche sui geni PPO” – commenta Pasquale De Vita, primo ricercatore del CREA – Centro di Cerealicoltura e Colture Industriali – “In particolare, l’azione esercitata dal miglioramento genetico, per aumentare la produttività, ridurre l’altezza delle piante e/o modificare la durata delle fasi fenologiche, sembra abbia influenzato, indirettamente, anche il livello di attività PPO. Questo potrebbe spiegare il motivo per cui nelle varietà di frumento duro, iscritte in Italia a partire – alla seconda metà del secolo scorso, i livelli di attività PPO sono significativamente più bassi, rispetto alle antiche varietà e/o ai progenitori del frumento duro (i.e. farro). Tuttavia, è bene ricordare che i costitutori hanno avuto piena consapevolezza dell’importanza della funzione di questi geni sono negli ultimi decenni”. Tali risultati rappresentano un’importante fonte di informazione da utilizzare sulla selezione delle future varietà di frumento.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Finanziamenti alle imprese agricole del Fondo di Garanzia gestito da Mediocredito Centrale

Posted by fidest press agency su giovedì, 5 agosto 2021

“Ad un anno dall’avvio dell’operatività, l’accesso diretto al Fondo di Garanzia di Mediocredito Centrale ha concesso finanziamenti alle imprese agricole e della pesca per oltre 3.587 milioni di euro, a fronte di 23.035 domande presentate. La novità per il credito al comparto primario è divenuta realtà grazie a un emendamento del MoVimento 5 Stelle al decreto ‘Cura Italia’ e ha permesso di supportare le aziende durante la pandemia sia con iniezioni di liquidità che con pianificazioni di investimenti. L’importo medio della singola pratica, infatti, è pari a circa 155mila euro, segno che vengono istruite pratiche più complesse di quelle sino a 30mila euro, notoriamente più semplici grazie alla garanzia statale al 100%”. A dichiararlo è il deputato Giuseppe L’Abbate (M5S), il quale da sottosegretario alle Politiche agricole ha avviato il ‘Progetto Credito’ al Mipaaf per riavviare il dialogo tra banche e imprese del comparto primario.“La palma dell’istituto di credito più operativo – aggiunge – spetta a Intesa Sanpaolo con circa 668 milioni di euro di pratiche istruite, con un valore medio di 153mila euro per ogni pratica, che da sola rappresenta il 20% del totale finanziato. Seconda Unicredit (318 milioni di euro e 1.814 pratiche), terzo il Banco BPM (369 mln e 1.788 pratiche): ben 378 gli istituti coinvolti. Tra i territori che attingono maggiormente al fondo troviamo la Lombardia con 519 milioni di euro, frutto di 2.749 pratiche, seguita dal Veneto (572 milioni e 2.715 domande), Piemonte (310mln), Emilia-Romagna (471mln) e Toscana (347mln). Prima regione del Sud è la Sicilia con 211 milioni di euro e 1.739, seguita dalla Puglia (204 milioni e 1.639 domande)”.“Alla garanzia del Fondo di Mediocredito Centrale è possibile, poi, sommare l’ipoteca grazie a un’ulteriore novità normativa che abbiamo introdotto nel Sostegni-bis – prosegue L’Abbate – così da agevolare ancor di più l’accesso al credito delle imprese agricole. Ai 3,6 miliardi del Fondo di Garanzia, si aggiungono i circa 1,5 miliardi garantiti da Ismea a oltre 2.000 aziende”.”L’Ente vigilato dal Mipaaf, infine, è riuscito ad ottenere dall’Ue l’estensione della durata dei finanziamenti sino a 10 anni. Il ‘Progetto Credito’ continua con l’intento di affiancare il lavoro di rilancio post-Covid portato avanti dal comparto agricolo e alimentare italiano” conclude.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Sostegno alle imprese agricole femminili

Posted by fidest press agency su giovedì, 5 agosto 2021

“Con la conversione in legge del decreto Sostegni-bis, diviene norma l’estensione alle donne senza limiti d’età delle agevolazioni previsto sinora per i giovani imprenditori agricoli con la misura ‘Più Impresa’ di Ismea, l’Istituto di Servizi per il Mercato Agricolo Alimentare del Ministero delle Politiche agricole. Una modifica che abbiamo fortemente voluto e che mira a sostenere il ‘lato rosa’ dell’agricoltura italiana che oggi rappresenta il 26% del totale”. A dichiararlo è il deputato Giuseppe L’Abbate, esponente M5S in commissione Agricoltura e che già da sottosegretario al Mipaaf avviò il ‘Progetto Credito’ per rinnovare l’accesso ai finanziamenti per le imprese del comparto primario. “Le imprese agricole – aggiunge – a totale o prevalente partecipazione femminile potranno beneficiare di un contributo a fondo perduto fino al 35% delle spese ammissibili e di un mutuo a tasso zero per la restante parte nei limiti del 60% dell’investimento. A fine 2020, le donne in agricoltura risultano 233mila su un totale di 912mila occupati, con 56.300 imprese iscritte. L’incidenza maggiore rispetto alla media nazionale la si registra in Campania (39%), Basilicata (39%), Molise (36%), Liguria (34%), provincia autonoma di Trento (32%) e Abruzzo (32%) e, soprattutto al Sud, l’agricoltura ha una funzione sociale e contribuisce ad attenuare la disoccupazione femminile”.“Continua il nostro impegno parlamentare per sostenere con norme la realizzazione di strumenti semplici, utili nonché adeguati alle necessità delle imprese agricole. Tutto ciò nel solco di una collaborazione proficua con i vertici Ismea, che ringrazio” conclude.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

In Commissione Agricoltura ddl di riforma. Valorizzare eccellenza italiana

Posted by fidest press agency su giovedì, 5 agosto 2021

“Una buona notizia per il settore: oggi, infatti, la Commissione Agricoltura del Senato ha iniziato l’iter di discussione del disegno di legge, a mia prima firma con il senatore Luca De Carlo, sulla riforma dell’ippica. Si tratta di un primo importante passo che sottolinea la consapevolezza della Commissione sull’importanza di una riforma strutturale dell’intero settore. Sarà possibile avviare un confronto con tutto il settore, che attraverso le audizioni potrà dare un contributo fattivo all’approvazione di questo ddl. E questo perchè il testo depositato è una base concreta di partenza, che con il contributo di tutti potrà rappresentate una vera rivoluzione per tutto il settore. Dobbiamo avere il coraggio di programmare il futuro in maniera diversa, senza limitarci alla gestione del quotidiano. Questo significa aprire una riflessione sulla creazione di un ente esterno al Ministero per la gestione organizzativa ed economica dell’ippica. L’Italia ha i migliori allevamenti ed allevatori, i migliori cavalli d’Europa, ma dobbiamo valorizzare quella che è una grande eccellenza italiana nel mondo”. Lo dichiara il senatore di Fratelli d’Italia, Patrizio La Pietra, capogruppo in Commissione Agricoltura.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Riforma dell’ippica

Posted by fidest press agency su giovedì, 5 agosto 2021

“Una buona notizia per il settore: oggi, infatti, la Commissione Agricoltura del Senato ha iniziato l’iter di discussione del disegno di legge, a mia prima firma con il senatore Luca De Carlo, sulla riforma dell’ippica. Si tratta di un primo importante passo che sottolinea la consapevolezza della Commissione sull’importanza di una riforma strutturale dell’intero settore. Sarà possibile avviare un confronto con tutto il settore, che attraverso le audizioni potrà dare un contributo fattivo all’approvazione di questo ddl. E questo perchè il testo depositato è una base concreta di partenza, che con il contributo di tutti potrà rappresentate una vera rivoluzione per tutto il settore. Dobbiamo avere il coraggio di programmare il futuro in maniera diversa, senza limitarci alla gestione del quotidiano. Questo significa aprire una riflessione sulla creazione di un ente esterno al Ministero per la gestione organizzativa ed economica dell’ippica. L’Italia ha i migliori allevamenti ed allevatori, i migliori cavalli d’Europa, ma dobbiamo valorizzare quella che è una grande eccellenza italiana nel mondo”. Lo dichiara il senatore di Fratelli d’Italia, Patrizio La Pietra, capogruppo in Commissione Agricoltura.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Boehringer Ingelheim fa progressi fondamentali in ricerca e sviluppo

Posted by fidest press agency su giovedì, 5 agosto 2021

Ingelheim. Nel primo semestre del 2021, Boehringer Ingelheim ha reso disponibili farmaci innovativi a persone e animali in tutto il mondo, più di quanto non avesse mai fatto prima. Il successo dell’azienda si basa su un ricco portafoglio in Ricerca e Sviluppo, focalizzato soprattutto sulle malattie con elevate esigenze mediche ancora insoddisfatte. Le attività di Ricerca e Sviluppo in Human Pharma comprendono oltre 60 nuovi composti, circa 100 progetti clinici e preclinici che potrebbero portare alla domanda di approvazione per ben 15 farmaci entro il 2025.Nel mese di luglio, Boehringer Ingelheim ha inoltre presentato un’importante innovazione per il trattamento dello scompenso cardiaco con empagliflozin (commercializzato con marchio JARDIANCE®). Sono più di 60 milioni i pazienti che soffrono di questa malattia in tutto il mondo, e circa la metà di essi è affetta da scompenso cardiaco con frazione di eiezione conservata (HFpEF), una sindrome in cui il ventricolo sinistro del cuore non è in grado di riempirsi adeguatamente, con conseguente minor afflusso di sangue a tutto il corpo. Un recente studio ha dimostrato un rischio significativamente più basso di ricovero in ospedale per scompenso cardiaco o mortalità per cause cardiovascolari con empagliflozin nei pazienti adulti affetti da HFpEF. Se sarà approvato, empagliflozin diventerà la prima e unica terapia con efficacia clinicamente dimostrata per migliorare gli outcome nell’intero spettro dei pazienti con scompenso cardiaco, indipendentemente dalla frazione di eiezione. Nel mese di giugno, la Commissione Europea ha concesso l’autorizzazione all’immissione in commercio per empagliflozin nel trattamento dell’adulto con scompenso cardiaco cronico sintomatico con frazione di eiezione ridotta (HFrEF). Boehringer Ingelheim si impegna nello sviluppo di terapie fortemente innovative che possano migliorare la vita delle persone e degli animali. In qualità di azienda biofarmaceutica guidata dalla ricerca, l’azienda crea valore attraverso l’innovazione in ambiti in cui ci sono ancora bisogni terapeutici insoddisfatti. Fondata nel 1885, Boehringer Ingelheim è, da allora, una azienda a proprietà familiare con una visione di lungo termine. Oltre 52.000 collaboratori operano nelle tre aree di business, Human Pharma, Animal Health e Biopharmaceutical Contract Manufacturing, in oltre 130 mercati. http://www.boehringer-ingelheim.com

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Mostra: Colori nelle mani

Posted by fidest press agency su mercoledì, 4 agosto 2021

Firenze. Dal 2 ottobre 2021 all’8 gennaio 2022 la Galleria Poggiali di Firenze, nelle sue due sedi di via della Scala e di via Benedetta presenta la mostra Colori nelle mani dell’artista austriaco Arnulf Rainer (Baden, 8 dicembre 1929) con la curatela di Helmut Friedel.Colori nelle mani presenta un corpus di dipinti inediti, scelti appositamente dall’artista, dal curatore e dai galleristi attingendo da opere venute alla luce tra il 1981 e il 1985. Tra queste si trovano anche quelle della famosa serie dei dipinti fatti con le mani che furono esposti per la prima volta a Kassel per Documenta 7.La mostra, che sarà accompagnata da un testo critico di Giovanni Iovane, si inserisce nella tradizione della sede fiorentina della Galleria Poggiali che ha infatti esposto il lavoro di grandi maestri come ad esempio Claudio Parmiggiani, Gilberto Zorio, Enzo Cucchi che hanno sempre lavorato appositamente per la galleria.Noto al grande pubblico per la sua arte astratta e informale, Arnulf Rainer durante i suoi primi anni di carriera fu influenzato dal Surrealismo facendo poi evolvere il suo stile verso la distruzione delle forme, con annerimenti, ridipinture e mascherature di illustrazioni e fotografie che dominano i suoi lavori successivi. Era molto vicino all’Azionismo viennese, caratterizzato da body art e pittura sotto l’effetto di droghe e dipinse a lungo la relazione tra la vita e la morte concentrandosi ampiamente sul tema di Hiroshima in relazione al bombardamento nucleare della città giapponese e alle sue ricadute politiche e fisiche. Ha esposto nei grandi eventi internazionali come ad esempio la Biennale di Venezia (1980 e 2011) e la Biennale di San Paolo (1996) o ancora Documenta 7 (1982). Le sue opere sono esposte nei più importanti musei del mondo come il MOMA e il Guggenheim Museum di New York, il Centre Georges Pompidou di Parigi, lo Stedelijk di Amsterdam e il Kunstforum Vienna. Nel 1993 a New York è stato inoltre aperto l’Arnulf Rainer Museum. Dopo una splendida carriera, e a 92 anni, la Galleria Poggiali porta per la prima volta in assoluto Arnulf Rainer a Firenze e gli dedica una grande mostra.

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Campionato parapendio: titolo italiano 2021 non assegnato

Posted by fidest press agency su mercoledì, 4 agosto 2021

Il brutto tempo ha funestato lo svolgimento del campionato nazionale di volo in parapendio a partire dal forte vento che ha obbligato gli organizzatori a posticipare di un paio di giorni la prova d’esordio.Per inderogabili questioni di sicurezza si è dovuto dolorosamente rinunciare all’utilizzo del decollo ufficiale a 1584 metri sulle pendici del Monte Caio nel comune di Tizzano val Parma e ripiegare sulla più modesta quota del Monte Ciumè a 750 metri sopra Langhirano. Atterraggi a Torrechiara sotto la collina sulla quale si erge l’omonimo castello in un contesto storico spettacolare soprattutto se visto dal cielo. Grazie alla formula aperta anche ai piloti stranieri in lizza per il Trofeo 100 Laghi, erano presenti un centinaio di piloti provenienti da una dozzina di nazioni oltre che dall’Italia, compresa una sparuta pattuglia di quote rosa che non si è tirata indietro di fronte ai maschietti. La competizione si è svolta solo su tre manches delle sette previste, per lo più ridotte a percorsi minimi rispetto alle potenzialità di mezzi e piloti, rispettivamente 43, 66 e 30 km. Fallita la prospettiva di un quarto volo l’ultimo giorno, non è stato possibile omologare il campionato e assegnare il titolo, come previsto dalle norme FAI, cioè la federazione internazionale, sotto la cui egida si svolgono le principali competizioni.Sono stati, invece, assegnati i premi per il Trofeo 100 Laghi con la vittoria di un pilota di casa, il giovane Michele Boschi, in odore di maglia azzurra, la nazionale italiana di parapendio campione del mondo in carica. Ha lasciato il secondo posto al veneto Loris Berta e il terzo al polacco Michal Gierlach.Sul podio femminile la francese Sandra Antony, davanti alla milanese Silvia Buzzi Ferraris, pluricampionessa della nazionale, e all’ungherese Katalin Juhasz. Per la classe “sport”, cioè piloti che volano con parapendio meno performanti, al primo posto l’italiano Ionut Ulici davanti al polacco Grzegorz Fiema e Giulio Testolin di Thiene (Vicenza) Infine per la classe “serial” al primo posto il parmigiano Andrea Terenziani, seconda Sandra Antony e terzo Tommaso Carlini di Roma.Organizzazione a cura dell’Aero Club Gaspare Bolla di Parma insieme al Paraclub Monte Caio – Deltaclub Melloni. Patrocini dell’Associazione Pro Schia-Monte Caio, dell’Ente Parchi del Ducato, dell’Unione Montana Appennino Parma Est, della Provincia di Parma e della Regione Emilia Romagna.

Posted in Cronaca/News | Contrassegnato da tag: , , | 1 Comment »

“L’agenzia per la cybersicurezza nazionale nasce con colpevole ritardo”

Posted by fidest press agency su mercoledì, 4 agosto 2021

Fratelli d’Italia è stata la prima forza politica a chiederne l’istituzione già tre anni fa e da questa responsabilità il governo non può esimersi”. Lo dichiara il vicecapogruppo vicario di Fratelli d’Italia al Senato, Isabella Rauti. “Basti pensare che lo stesso ministro per l’Innovazione Colao ha dovuto ammettere che il 95 per cento dei server della pubblica amministrazione sono obsoleti – sottolinea Rauti – per capire la necessità per l’Italia di dotarsi di una architettura cibernetica tale da garantire sicurezza ai nostri sistemi informatici. Sarà forse una coincidenza che ci troviamo a parlare e decidere su questa materia quando il Ced della Regione Lazio è stato oggetto di un cyber attacco. Ma il punto è che ben prima che fosse inserito all’interno del Pnrr il tema della transizione digitale, FdI aveva chiesto che ci si occupasse e si provvedesse a rendere resilienti le Reti “. “L’hackeraggio, la manipolazione harward e software, lo spionaggio informatico – conclude Rauti – sono una sfida sistemica, geopolitica e geostrategica e la risposta non può essere un carrozzone politicizzato’ ma un’Agenzia pubblica, competente e dinamica. Il quinto dominio, quello cyber, è diventato un teatro operativo e la cybersicurezza deve essere trattata come un asset fondamentale per la sicurezza e l’interesse nazionale”.

Posted in Politica/Politics, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Una legge sulla Giustizia fatta dalla politica e non dalla magistratura

Posted by fidest press agency su mercoledì, 4 agosto 2021

“Chi disprezza compra”. E come se comprerebbero, Travaglio e tutti gli assatanati dalle manette e dalle chiavi buttate dopo avere chiuso i cancelli delle celle. Ci starebbero ad avere segnato un punto come quello di Draghi e della ministra Cartabia, che loro chiamano “riformetta” quando devono fare bella figura. Oppure “schiforma” quando sono fuori controllo e parlano come mangiano. Per capire che cosa sono riusciti a portare a casa il presidente banchiere e la Guardasigilli presidente emerita della Corte Costituzionale, basti pensare che per la prima volta, su un provvedimento di questa natura, la classe politica ha deciso indipendentemente dalla Magistratura organizzata. Addirittura, nonostante la sua manifesta contrarietà. Non succedeva da trenta anni. Se in altre circostanze ci fosse stato lo stesso coraggio, la storia italiana sarebbe stata diversa. La pratica democratica non sarebbe caduta così in basso e nemmeno il prestigio della classe politica.L’attenzione dei giornali e dei partiti si è concentrata a torto tutta sulla questione della prescrizione. E’ più facile, così, tirare la coperta tutta dalla propria parte: per dimostrare, se si è giustizialisti, che la legge Cartabia lascia praterie libere all’impunità di corrotti e mafiosi; oppure, al contrario, che continueranno i processi infiniti come spada di Damocle eternamente sospesa sul capo degli imputati. In realtà la improcedibilità viene graduata, in Appello e in Cassazione a seconda della gravità dei reati e la complessità delle indagini e, addirittura escludendo i reati più gravi, quelli imprescrittibili e sanzionati con l’ergastolo.Inoltre (ed è la parte più importante della legge, anche se quasi ignorata dal dibattito fra le parti interessate a scatenare una guerra incivile) la legge si preoccupa di vari altri aspetti assai rilevanti per la velocità dei processi e per le persone coinvolte. Ci sarà un regime transitorio per consentire agli uffici giudiziari di organizzarsi, con l’assunzione di 20mila assistenti e addetti amministrativi. Deposito degli atti e notifiche potranno arrivare per via telematica. E, sempre allo scopo di snellire i processi, sono previsti il contenimento dei tempi delle indagini, si potrà chiedere il rinvio a giudizio solo se gli elementi acquisiti consentano una «ragionevole previsione di condanna», altrimenti scatterà il non luogo a procedere. E la durata massima delle indagini sarà in proporzione alla gravità del reato. E ancora: il diritto all’oblio per gli indagati prosciolti, l’incremento delle pene alternative alle affollatissime carceri.Certo, non è la panacea. Ma nemmeno acqua fresca. E che ciò sia stato possibile, significa che il clima è cambiato. Qualcuno ha avuto il coraggio di dimostrare che non è obbligatorio restare nelle mani dei mozzaorecchi e dei loro trombettieri mediatici, nemmeno se si legifera in tema di giustizia. Sembra certo che il Parlamento non modificherà il testo del governo, peraltro definito dopo ampie consultazioni con le forze politiche. Del resto quasi a ciascuno è toccato il suo, per fare bella figura con i propri elettori: a Salvini il modo di interpretare il ruolo abituale di Capitan Fracassa; alla Meloni di dire, come sempre, il suo no a prescindere; a Berlusconi di ribadire il suo garantismo; ai 5 Stelle di promettere sfracelli senza poi mantenere la promessa; e al PD di apparire, ancora una volta una sorta di spalla del trio Conte-Grillo-Di Maio. Contenti loro! Nicola Cariglia, direttore Pensalibero, consulente Aduc

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Gazzetta del Mezzogiorno kaput! Avanti il prossimo. La ‘banchizzazione’ dell’editoria?

Posted by fidest press agency su mercoledì, 4 agosto 2021

L’autorevole quotidiano pugliese “Gazzetta del Mezzogiorno” ha per ora chiuso i battenti. Nella recente storia sono pochi i quotidiani di un certo rilievo che sono andati a gambe all’aria (ricordiamo l’Unità e Paese Sera) perchè lo Stato verso molti di essi è generoso, tant’è che esiste alla bisogna il Dipartimento per l’informazione e l’editoria (Presidenza Consiglio ministri). Si pensi che il maggior partito di Governo (M5S) aveva tra i suoi obiettivi quello dello smantellamento di questo Dipartimento ma poi, si sa, hanno cambiato tante cose, inclusa questa. Si dice che questi soldi dei contribuenti dovrebbero servire a garantire la pluralità dell’informazione. A parte alcune eccezioni, garantiscono invece un’esistenza che altrimenti non ci sarebbe grazie all’assenza della logica minimale di qualunque azienda i cui conti non tornano, bilanci attivi e prodotti confezionati per essere venduti.E’ sintomatica la reazione, per esempio, dell’ordine professionale dei giornalisti. Giustamente preoccupati per i loro aderenti si prestano al classico sport nazionale di “sparare sul pianista” (istituzione), sempre colpevole di non aver fatto abbastanza (cioè: dato più soldi). Sono come quei sindacati che se la prendono con aziende che non producono capitale e non vanno neanche in pari e licenziano i lavoratori. In entrambi i contesti si chiede l’intervento pubblico: lavoro e informazione sono pilastri della nostra comunità che, però, non possono essere mantenuti solo da chi è bravo a produrre e paga le tasse. L’alternativa a questa logica di base è lo Stato imprenditore, che forse alcuni vorrebbero, ma che non è nella nostra economia (abbiamo già scelto il capitalismo, per ora).Quindi occorrerebbe, nel caso dei giornali e non solo, sfruttare le occasioni che le leggi offrono. Se c’è un capitalista, affidarsi a lui nel bello e cattivo tempo e non restare di stucco se poi il capitalista è tale e, senza capitale, cerca migliori lidi. Altrimenti ci sono le cooperative: i lavoratori si accordano fra di loro e gestiscono con il loro capitale minimo, essenzialmente umano. In entrambi i casi, se non producono e vendono, kaput!Queste logiche sono però teoriche perché, per esempio, per le banche si applica l’assioma che “non devono fallire mai”, anche se sono state gestite coi piedi e le mani bucate. E lo Stato, vedi l’ultimo caso Mps, interviene. Abbiamo l’impressione che si voglia procedere così anche per i media che, non a caso (ma non per tutti), sono intrecciati con sponsor partitici. In attesa di essere smentiti, seguiamo, e invitiamo a seguire, gli eventi della Gazzetta del Mezzogiorno.Vincenzo Donvito, presidente Aduc

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

È uscito il primo singolo con videoclip: Luna piena

Posted by fidest press agency su mercoledì, 4 agosto 2021

Una canzone-tormentone originale per l’estate, che racconta la vera ripresa di una storia d’amore tra i suoi due protagonisti dopo sette anni. Palermo, i suoi giovani e i suoi paesaggi luminosi creati dal sole sono il set naturale di “Luna piena”, il primo singolo dello YouTuber Gioacchino Gargano, che dopo avere raccontato le periferie della città attraverso il suo canale online ed essere entrato agli onori della cronaca per le minacce subite da un posteggiatore abusivo, questa volta ha scelto di dedicarsi alla musica, la sua più grande passione.«La ragazza del video – racconta Gioacchino Gargano – è stata il mio primo amore 7 anni fa. Ci siamo ritrovati, ci siamo rinnamorati e oggi siamo fidanzati. È proprio veri che certi amori non finiscono, fanno dei giri immensi e poi ritornano. La canzone e il video raccontano la nostra storia ripartita».Suoni pop e sudamericani, per raccontare la storia d’amore estiva tra i due protagonisti del brano, da oggi su YouTube e nelle principali piattaforme musicali online.La regia è di Salvatore Pecoraro.

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Covid-19, immunità dopo vaccino o guarigione

Posted by fidest press agency su mercoledì, 4 agosto 2021

La comunità scientifica si interroga con indagini e studi sulla durata dell’immunità nelle persone vaccinate contro Sars-CoV-2 e in quelle che invece hanno ottenuto un’immunità naturale avendo contratto il virus. A questo proposito, alcuni ricercatori inglesi hanno riferito, in una lettera di ricerca pubblicata su Lancet, che gli anticorpi generati dalla seconda dose di vaccino tendono a diminuire già dopo sei settimane. Questo fatto potrebbe significare la necessità di un’ulteriore dose, se non per tutti almeno per i più fragili, ma è importante sottolineare che l’organismo è in grado di utilizzare altre difese, come le cellule B e T della memoria, oltre agli anticorpi dosabili. Ecco cosa dicono gli studi finora condotti.I ricercatori sono arrivati a queste conclusioni analizzando campioni ematici di 605 persone tra i 50 e i 70 anni, che avevano completato la vaccinazione con Pfizer o Astrazeneca, notando che tra le tre e le sei settimane dopo la seconda dose il livello degli anticorpi inizia a scendere, ed è decisamente più basso dopo 10 settimane, passando da 7.500 unità per millilitro a 3.320 per Pfizer, e da 1.200 a 190 per Astrazeneca. «Sappiamo che gli anticorpi calano dopo un certo periodo in tutti i vaccini, questo però non significa che l’organismo non riesca più a rispondere, ci sono altre cellule del sistema immunitario che possono entrare in azione. Anche se diminuisce il livello degli anticorpi, infatti, le cellule B e T potrebbero proteggere molto bene dalla malattia grave» spiega Robert Aldridge, dell’University College di Londra, autore senior della lettera. La diminuzione potrebbe essere fonte di preoccupazione soprattutto in questo momento, quando in Gran Bretagna si presenta un’alta circolazione della variante delta, e far pensare a una strategia di vaccinazione che comprenda un’ulteriore somministrazione.Intanto un’analisi effettuata sulla popolazione di Vo’ Euganeo, portata avanti dal gruppo di Andrea Crisanti dell’Università di Padova con la collaborazione dell’Imperial College di Londra, e pubblicata su Nature Communication, ha rilevato che gli anticorpi naturali contro SARS-CoV-2 sono rinvenibili nei pazienti ancora nove mesi dopo la guarigione. «Uno degli elementi più rilevanti che emerge da questo lavoro è proprio che i pazienti che si erano infettati a febbraio 2020 avevano a novembre ancora importanti livelli di anticorpi nel sangue, e questo indipendentemente dalla tipologia di infezione, sia tra i sintomatici che tra gli asintomatici» spiega Crisanti. In novembre, infatti, il 98,8% dei pazienti che erano positivi il virus a maggio mostrava ancora reazione ad almeno un antigene, e il 18,6% mostrava addirittura un aumento degli anticorpi. Questo studio suggerisce quindi che la risposta immunitaria non è proporzionale ai sintomi presentati, e, insieme alle ultime prove emerse, supporta la scelta di cambiare le tempistiche di vaccinazione delle persone già guarite, per cui, secondo l’ultima circolare del Ministero, è sufficiente una singola dose di vaccino, da somministrare “preferibilmente entro i 6 mesi” e comunque “non oltre 12 mesi dalla guarigione”. (fonte Farmacista33)

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Dopo 2500 anni rivive il teatro dell’Acropoli di Elea Velia

Posted by fidest press agency su martedì, 3 agosto 2021

Salerno. Da sabato 7 a mercoledì 28 agosto ad Ascea (Salerno), sul promontorio dei filosofi torna il teatro e tornano ‘i sapienti’ con i 14 spettacoli di Teatro Classico e Teatro Filosofico, sempre preceduti da autorevoli Lectio brevis, della XXIV edizione di VeliaTeatro Festival, dedicata in memoria a Aldo Masullo. La manifestazione sarà inaugurata da Ivana Monti in Ecuba Regina il 7 e l’8 agosto, nel Teatro Antico dell’Acropoli di Elea/Velia, tornato palcoscenico dopo 2500 anni. Nella vigilia del primo G20 Cultura, la Direzione Generale Musei del Mibact – Parco Archeologico di Pestum e Velia ha autorizzato ufficialmente la “concessione in uso del Teatro Antico… nei giorni 7, 8 e 20 agosto 2021”, per un “massimo di 45 spettatori, nel rispetto delle normative covid19 e per la tutela del monumento.” Dopo i due giorni di apertura, il festival continuerà nella cornice moderna dell’Arena Zenone di Fondazione Alario, progettata da Paolo Portoghesi nei pressi dell’Area archeologica, con alcuni tra i più importanti titoli della tragedia e della commedia classica, spesso declinati al femminile: Le Baccanti, La donna di Samo, Cassandra, Medea e Clitennestra. Ma l’Acropoli tornerà ad animarsi il 20 agosto per l’evento speciale Il Viaggio di Parmenide, una conversazione-spettacolo dedicata al filosofo che in quel luogo fondò la scuola eleatica e tutta la filosofia occidentale. Parteciperanno all’evento i professori Mauro Tulli, Franco Ferrari, Emanuele Stolfi e Luigi Vecchio, con il contributo dell’attore Gianluigi Tosto accompagnato dall’arpa di Adriana Cioffi. http://aspanu.com/

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

L’Università Cattolica al Meeting di Rimini

Posted by fidest press agency su martedì, 3 agosto 2021

Fiera di Rimini da venerdì 20 a mercoledì 25 agosto. La manifestazione culturale, che sarà inaugurata venerdì 20 agosto dal presidente della Repubblica Sergio Mattarella, prevede un calendario ricco di tavole rotonde, confronti, dibattiti, mostre tutti in presenza ma trasmessi anche in diretta su più canali digitali e in più lingue. La ricerca scientifica, insieme con l’istruzione, costituisce uno dei pilastri del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR). Quali sono, dunque, gli strumenti a disposizione? Quali sono le aspettative? Come raggiungere obiettivi rilevanti nei tempi previsti dal PNRR? Come promuovere il trasferimento tecnologico per trasformare la ricerca in innovazione e valore per la società? Nell’anno del Centenario il rettore dell’Università Cattolica Franco Anelli parteciperà a un dibattito martedì 24 agosto con Maria Chiara Carrozza, presidente del Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR), e Ferruccio Resta, rettore del Politecnico di Milano. A introdurre l’incontro “Università e ricerca nell’epoca del cambiamento” Davide Prosperi, docente di Biochimica all’Università di Milano-Bicocca (Auditorium Intesa Sanpaolo D1, ore 17.00). L’Università Cattolica dà il suo contributo scientifico al Meeting con due mostre. La prima, “Vivere senza paura nell’età dell’incertezza”, mette a fuoco l’irriducibilità dell’umano, e ha tra i suoi curatori la docente di Filosofia morale nella facoltà di Scienze della formazione Alessandra Gerolin. Il tema sarà ripreso nell’omonimo dialogo di venerdì 24 agosto (Auditorium Intesa Sanpaolo D1, ore 15.00) tra Julián Carrón, docente di Teologia all’Università Cattolica e presidente della Fraternità di Comunione e Liberazione, Charles Taylor, professore emerito di Filosofia alla McGill University di Montreal e vincitore Premio Ratzinger 2019, Rowan Williams, professore emerito di Pensiero Cristiano Contemporaneo alla University of Cambridge, già arcivescovo di Canterbury. Moderati dalla giornalista Monica Maggioni, i tre relatori rifletteranno sull’incertezza del presente e sul fenomeno della secolarizzazione.La seconda mostra, “L’alleanza scuola lavoro. Non è mai troppo tardi”, è promossa tra gli altri dalla Fondazione Costruiamo il Futuro, il cui comitato scientifico è presieduto da Lorenzo Ornaghi, già rettore dell’Università Cattolica, e curata dal giornalista Ubaldo Casotto. Il percorso, articolato in dieci pannelli, illustra attraverso immagini storiche l’importanza che l’educazione e la formazione hanno avuto per il rilancio del nostro Paese, declinando concretamente il concetto di investimento nel capitale umano.Un’ulteriore iniziativa che coinvolge l’Università Cattolica è il dibattito intitolato “Covid-19, il ruolo centrale della ricerca scientifica: la sfida del vaccino e di una terapia efficace”, che si terrà venerdì 20 agosto con la partecipazione di Walter Ricciardi, presidente della World Federation of Public Health Associations e professore ordinario di Igiene e Medicina Preventiva presso la Facoltà di Medicina e Chirurgia della sede di Roma. Con lui dialogheranno Stefano Bertuzzi, Chief Executive Officer at American Society for Microbiology (ASM), e Skhumbuzo Ngozwana, CEO and President Kiara Health. Modera Riccardo Zagaria, amministratore delegato di DOC Generici (Auditorium Intesa Sanpaolo D1, ore 19.00). L’Università Cattolica sarà presente al Meeting di Rimini anche con uno stand istituzionale dedicato alle celebrazioni del Centenario. Uno spazio fisico dove, grazie all’aiuto di studenti Unicatt, sarà possibile raccogliere materiale informativo sia sull’offerta formativa 2021/2022 sia sulla vita universitaria nei cinque campus dell’Ateneo: Milano, Brescia, Cremona, Piacenza, Roma. Nello stand saranno distribuiti gadget dedicati alla Cattolica e proiettati filmati e video che raccontano tutte le iniziative finora organizzate per celebrare il suo primo secolo di storia.

Posted in Università/University | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »