Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 30 n° 318

La Fidest cambia pelle

Posted by fidest press agency su sabato, 3 marzo 2018


I lanci d’agenzia della fidest (storico) sono visibili su:

https://fidest.wordpress.com 

La Fidest è un’agenzia stampa a diffusione gratuita.

Fidest is a free circulation press agency

Ho deciso di chiudere una porta ma avendo contestualmente l’accortezza di aprirne un’altra più diretta e personale. In questo ambito riscopro la mia anima di opinionista sui temi che più da vicino toccano la nostra natura e ci permettono di interagire con chi avrà la bontà di seguirmi condividendo o criticando la mia linea di pensiero sui grandi temi di attualità: politica, sociale, economia.

I decided to close a door but at the same time have the foresight to open another one that is more direct and personal. In this context I rediscover my soul as a commentator on the themes that closely touch our nature and allow us to interact with those who will have the goodness to follow me by sharing or criticizing my line of thought on the major topics of current affairs: politics, society, economy .

Posted in Fidest - interviste/by Fidest | Contrassegnato da tag: , , , | 1 Comment »

Un pellegrinaggio della memoria

Posted by fidest press agency su sabato, 20 ottobre 2018

Roma Domenica 21 ottobre 2018, alle ore 18.30 dopo l’intervento di don Marco Gnavi, parroco di Santa Maria in Trastevere, una marcia silenziosa si snoderà a ritroso da Piazza S. Maria in Trastevere lungo il percorso dei deportati di quel 16 ottobre 1943, che dal quartiere ebraico furono condotti al Collegio militare a Trastevere prima di essere imprigionati nei treni con destinazione Auschwitz-Birkenau, fino al Portico di Ottavia. Interverranno alla fine della marcia: Angelo De Donatis, cardinale vicario per la diocesi di Roma
Riccardo Di Segni, rabbino Capo di Roma
Ruth Dureghello, presidente della Comunità Ebraica di Roma
Virginia Raggi, Sindaca di Roma
Andrea Riccardi, Fondatore della Comunità di Sant’Egidio
Nicola Zingaretti, presidente della Regione Lazio
Quest’anno si celebra il 75° anniversario del 16 ottobre 1943, quando, durante l’occupazione nazista di Roma, oltre 1.000 ebrei romani furono presi e deportati nel campo di sterminio di Auschwitz-Birkenau. Solo un esiguo numero, 16 persone, tra cui una sola donna, tornarono alle loro case. La Comunità di Sant’Egidio e la Comunità Ebraica di Roma, come ogni anno dal 1994, ricordano questo tragico momento della vita della città con un “pellegrinaggio della memoria”. In un messaggio per il settantacinquesimo della deportazione il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, si è così espresso: “Il sacrificio, la tribolazione, il martirio di tanti innocenti, è un monito permanente alla nostra civiltà, che si è ricostruita promettendo solennemente “mai più” e, tuttavia, ogni giorno è chiamata a operare per svuotare i depositi di intolleranza, per frenare le tentazioni di sopraffazione, per affermare il principio dell’eguaglianza delle persone e del rispetto delle convinzioni di ciascuno».
Il ricordo del 16 ottobre 1943 è un fatto decisivo per rafforzare la coesione sociale di Roma e dell’Italia in un momento segnato da risorgenti episodi di razzismo, ed è significativa la presenza, crescente lungo gli anni, di giovani – studenti delle scuole e università romane – e di immigrati “nuovi italiani”, insieme a cittadini di ogni età e credo religioso.

Posted in Roma/about Rome, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Apertura del Ciclo Classi Aperte alla Scuola del Patrimonio del Mibac

Posted by fidest press agency su sabato, 20 ottobre 2018

Roma. Ieri presso la Sala della Crociera al MIBAC, si è tenuto il primo appuntamento del ciclo di Classi Aperte promosso nell’ambito del Corso Scuola del Patrimonio 2018-2020, organizzato dalla Fondazione Scuola dei Beni e delle Attività Culturali. Dopo un’introduzione alle ore 10.00 di Carla Di Francesco, Direttore della Fondazione, e di Carla Barbati, membro del Consiglio Scientifico della Fondazione e Presidente del CUN Consiglio Universitario Nazionale, alle ore 10.30 il giurista e costituzionalista Michele Ainis ha affrontato l’Articolo 9 della Costituzione Italiana, che così recita: La Repubblica promuove lo sviluppo della cultura e la ricerca scientifica e tecnica. Tutela il paesaggio e il patrimonio storico e artistico della Nazione.
Come anche i successivi appuntamenti del ciclo di Classi Aperte – che vedranno la presenza, tra gli altri, di Silvia Costa, Salvatore Settis, Fabrizio Barca, Francesco Bandarin – è stata questa l’occasione per affrontare un tema di particolare rilevanza, che la Fondazione ha il piacere di condividere con una platea di ospiti e addetti ai lavori, oltre che con i partecipanti del Corso Scuola del Patrimonio 2018-2020.
La Fondazione Scuola dei Beni e delle Attività Culturali sperimenta una formazione finalizzata a costruire una comune cultura della responsabilità direttiva di chi opera nel settore del patrimonio culturale. A tal fine, il programma del Corso Scuola del Patrimonio prevede una decisa integrazione fra competenze tradizionali, competenze innovative legate ai mutamenti in atto nelle società contemporanee e negli specifici settori di riferimento, competenze trasversali come la gestione e amministrazione della tutela, della ricerca e della valorizzazione del patrimonio culturale. La Fondazione agisce nella convinzione che solo sul nucleo solido delle conoscenze tecnico-scientifiche, acquisito grazie alla formazione universitaria di livello avanzato (Scuola di Specializzazione o Dottorato di Ricerca), possano innestarsi sia saperi ulteriori provenienti da discipline e ambiti diversi, sia la trasmissione delle conoscenze maturate nel contesto concreto della ricerca, della tutela, dell’amministrazione, della gestione e della valorizzazione nel settore del patrimonio culturale.Come ha sottolineato Marco Cammelli, Presidente della Fondazione Scuola dei Beni e delle Attività Culturali, “la Scuola si pone tre macro-obiettivi tra loro connessi: alta formazione, ricerca, diffusione di esperienze. Alla base dei vari Corsi attivati dalla Scuola o in attesa di attivazione (Corso Scuola del Patrimonio, International School of Cultural Heritage, Corsi di Formazione continua), c’è in particolare la necessità di portare l’offerta formativa oltre i tradizionali ambiti disciplinari, che certo sono il punto di partenza ma non quello di arrivo”. Due principi ispirano la Scuola: essere aperta a diverse discipline e a differenti orientamenti culturali e scientifici, e essere dotata di particolare autonomia. Opera infatti nell’area delle attribuzioni del Ministero dei beni e delle attività culturali, ma è gestita da una Fondazione di diritto privato cui potranno partecipare altri soggetti pubblici e privati. Carla Di Francesco, Direttore della Fondazione Scuola dei Beni e delle Attività Culturali e già Segretario Generale MIBAC, durante il suo discorso di benvenuto agli studenti del Corso Scuola del Patrimonio, ha voluto porre l’accento sul “manifestarsi, in un momento di così importanti e rapidi mutamenti, di esigenze del tutto nuove nei contesti della gestione del patrimonio culturale, che comportano il bisogno di nuovi saperi e approcci trasversali, la sperimentazione di soluzioni, l’aggiornamento e l’integrazione delle competenze esistenti”.

Posted in Cronaca/News | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Personale “PROMETHEUS capitolo 2” di Giorgio Lupattelli

Posted by fidest press agency su sabato, 20 ottobre 2018

Roma Lunedì 22 Ottobre 2018 ore 19.00 Via delle Fosse di Castello,2 Galleria Triphè “Promètheus – scrive la curatrice Maria Laura Perilli – è il progetto artistico che Giorgio Lupattelli presenta nelle sedi della Galleria Triphè, quale espressione di una sintesi creativa frutto di un percorso artistico articolato e complesso. Le opere esposte a Cortona e adesso a Roma, rappresentano, infatti, non solo le indubbie capacità pittoriche e scultoree di Lupattelli ma sono, soprattutto, l’espressione di un linguaggio artistico autonomo e ad alta identificabilità. Tutto questo, poi, nel rispetto di una maturità artistica stratificatasi nel tempo grazie, anche, al contributo formativo, peraltro mai disconosciuto da Lupattelli stesso, dei tanti artisti incontrati nel tempo e da lui stesso sovente omaggiati con citazioni più o meno esplicite. Il nome, poi, di Prometeo, scelto dall’artista per identificare i due momenti espositivi, non è del tutto casuale. Risponde, infatti, al preciso intento di stigmatizzare, in maniera marcata, una proposta artistica che, se pur in progress, vuole esaltare quella creatività tanto ben incarnata proprio da Prometeo, mito dell’uomo creativo per eccellenza. Le opere in esposizione, dalle tecniche più variegate, non ultima quella impiegata nel lavoro che dà il titolo alla mostra stessa Prometeo appunto, (stampa digitale a doppio passaggio opaco/lucido su alluminio dibond), ben rappresentano, poi, l’inquietudine che accompagna l’artista. Dice Lupattelli: “Credo che l’uomo contemporaneo sia probabilmente andato oltre il mito di Prometeo e, pur muovendo da sacrosanti principi, è sempre più in delirio di onnipotenza e si crede in diritto di adeguare il mondo a tutto ciò che lo circonda, alle proprie esclusive esigenze, fregandosene spesso delle conseguenze.” Si tratta di una inquietudine che traspare in molte delle sue opere, quasi in bilico tra una classicità prorompente ed una contemporaneità destabilizzante. Una spinta artistica, la sua, evidente, espressione della ricerca di un punto di equilibrio quale armonia tra razionalità e irrazionalità, tra essere e apparire. La ricerca di un equilibrio che tanto attanaglia l’uomo di oggi, anche se sovente in maniera inconsapevole. Sottolinea Paolo Randazzo in merito all’opera di Vladimir Jankèlèvitch: l’avventura, la noia, la serietà: “Anzitutto stare a occhi aperti nella realtà e accettare il fatto che essa è complicata, difficile, non semplificabile;quindi acquisire strumenti di lettura del reale che dalla scienza e dalla filosofia traggano elementi di conoscenza, di consapevolezza e di saggezza che ci aiutino a sopravvivere “. È un’inquietudine,questa, che solo un’artista illuminato come Lupattelli poteva trasferire in maniera tanto efficace ed intensa nelle sue opere”.

Posted in Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Mostra “Come Isole” di Pier Maurizio Greco e Mauro Magni

Posted by fidest press agency su sabato, 20 ottobre 2018

Roma 23 ottobre 2018 ore 18.00 TRAleVOLTE Piazza di Porta S. Giovanni 10 l’Associazione culturale TRAleVOLTE e Interno 14 next presentano la mostra Come Isole di Pier Maurizio Greco e Mauro Magni, con un intervento performativo di Angela Botta, a cura di Maria Arcidiacono e con la collaborazione di Roberta Melasecca. Angela Botta, Pier Maurizio Greco e Mauro Magni hanno messo al centro delle proprie ricerche recenti i medesimi contenuti legati all’isola e all’isolamento, con tecniche e modalità espressive diverse. Attraverso la pittura, la scrittura e la fotografia, i tre artisti propongono differenti interpretazioni metaforiche del rapporto dell’essere umano con l’isola: l’assenza di relazione, la ricerca di avvicinamento, il desiderio di fuga. Nel corso dell’inaugurazione avranno luogo la lettura e l’azione performativa di Angela Botta, che già nel suo libro “Il mio nome è Emily, come Emily Dickinson”, aveva racchiuso la protagonista in una stanza-isola, una sorta di avamporto di percorsi interiori. Ulteriore allusione al tema è presente nel suo ultimo video, dove compare uno scenografico uomo-isola. Il viaggio di scrittura di Angela Botta andrà a fondersi con i lavori di Greco e Magni, attraverso la Performazione, forma d’arte creata del suo maestro Antonio Bilo Canella. I paesaggi sulle tele di Pier Maurizio Greco attraversano uno spazio intimo che, tramite meditate stesure di colore, li converte in territori astratti. Nei suoi scatti in bianco e nero, la distanza dell’isola, cercata, agognata come evasione imprescindibile, non è mai banalmente in dissolvenza, non è un pigmento pittorico reso acquoso, è uno spazio indefinito e sospeso, nitido nel suo dettaglio di rocce, sabbia, acqua stagnante in edifici abbandonati e riecheggianti le voci delle vacanze. Nella fotografia, come nella pittura, Greco invoca un naufragio necessario a creare un distacco, a ricostruire le condizioni di uno sguardo sereno e autentico, una quieta risposta agli affanni e alle ansie quotidiane. L’isola di Mauro Magni, maestosa o lucente di riflessi metallici, si lascia sommergere dal diluvio di parole e dati che si assommano e ci vengono propinati senza farci mai raggiungere un sapere. Ma, sebbene rappresentata in una condizione di totale estraneità dal resto del mondo e dal proprio rapporto con ciò che la circonda, l’isola non perde il suo splendore. Anche in aperto conflitto, in una guerra evocata da rovine abbandonate, come il naufrago che le abita, resiste l’esortazione alla consapevolezza, alla preziosità di un sentire profondo, forte e vitale. Magni, con la fluidità delle parole che traccia come gesso bianco sulla lavagna, ci rammenta la libertà di cancellare e trascrivere nuovamente, per poter sciogliere in dialogo quell’oscuro linguaggio dal codice impenetrabile, per ritrovarci in una solitudine costruttiva e farci ‘arcipelago’. Fino al 2 novembre 2018 Orari: dal lunedì al venerdì 17-20

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

A Siena nasce “AlchimiArte”

Posted by fidest press agency su sabato, 20 ottobre 2018

Siena martedì 23 ottobre ore 17.30 presso i locali dell’Associazione Archeosofica in via Banchi di Sopra, 72 avrà luogo la prima lezione di prova aperta. Si chiama “AlchimiArte” il nuovo progetto artistico proposto dall’Associazione Archeosofica che prevede un percorso didattico ispirato al Duomo di Siena e in cui arte e alchimia si fondono.Il laboratorio inaugura l’attività con un primo corso di disegno articolato in quattro incontri a cadenza settimanale, che insegnano alcune tecniche artistiche di base per riprodurre a mano libera le immagini del pavimento del Duomo e scoprirne il misterioso linguaggio alchemico che lo rende unico al mondo.Adatto a tutti, anche a chi non ha familiarità con il disegno, il corso invita ad imparare ad osservare.Si inizia con la visualizzazione dell’immagine e con dei semplici esercizi per prendere confidenza e scioltezza con la matita. Si passa alla riproduzione grafica del soggetto, per poi ridisegnare a mano libera sperimentando vari tipi di matite e la sanguigna.Le lezioni sono arricchite da brevi approfondimenti su temi quali l’impianto alchemico del Duomo di Siena e la figura di Ermete, i colori della Grande Opera alchemica, il linguaggio simbolico dell’Alchimista.

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

66a Stagione Concertistica degli “Amici della Musica” di Trapani

Posted by fidest press agency su sabato, 20 ottobre 2018

Trapani Dal 21 ottobre al 7 giugno, nella Chiesa di Sant’Alberto, a Trapani, un’offerta di diciassette concerti pomeridiani a partire dalle ore 18.30, che incontrerà l’interesse e i gusti di un pubblico quanto più allargato e variegato. Una stagione concertistica ricca e varia, con talenti siciliani e importanti artisti del panorama musicale nazionale e internazionale. Musiche, di Wolfgang Amadeus Mozart, Ludwig Van Beethoven, Gioachino Rossini, Mario Castelnuovo Tedesco, Fryderyk Chopin ed altri compositori. La 66a stagione concertistica si apre domenica 21 ottobre nella Chiesa di Sant’Alberto a Trapani con i vincitori del Premio Bianca Gandolfo 2017 del Conservatorio Statale di Musica “A. Scontrino”. Secondo appuntamento con la musica contemporanea del violoncellista Michele Marco Rossi, domenica 28 ottobre.
Lunedì 12 novembre, il concerto del Trio Siciliano composto da Silviu Dima al violino, Giorgio Gasbarro al violoncello e Fabio Piazza al pianoforte. Con lo spettacolo “Cinemusica” eseguiranno le musiche dei grandi maestri come Ennio Morricone, Luis Bacalov, Nino Rota, Ryuichi Sakamoto, Henry Mancini John Williams”, con videoproiezioni di “trailers”.
Si torna alla musica classica con due interessanti concerti: il 5 dicembre con il duo pianistico Canino-Ballista e il 9 dicembre con Fabio Romano, al pianoforte.
Nuovo appuntamento della stagione concertistica il 16 dicembre con i Biogroove, un sorprendente duo di ragazzi siciliani che creano magiche atmosfere con marimba e vibrafono.
Si torna il 25 gennaio con le celebrazioni del Giorno della Memoria con il concerto “Musicisti ebrei italiani emarginati dal fascismo”. Musiche di Alberto Gentili, Vittorio Rieti, Guido Alberto Fano, Vittorio Rieti.
Due appuntamenti a febbraio: il 3 febbraio un concerto dedicato a “Chopin e i suoi eredi”, al pianoforte Kamil Pacholec che proporrà, insieme alla più celebre musica di Chopin, alcune rarità di Paderewski e Szymanowski che testimoniano il luminoso sviluppo della Polonia in ambito musicale. Domenica 17 Febbraio il Quartetto Cesar Franck, una delle realtà cameristiche siciliane di maggior rilievo. Quattro giovani strumentisti catanesi accomunati dalla passione per lo studio del grande repertorio quartettistico.
In occasione dell’8 marzo, per la Festa della Donna, “Il soldato innamorato – Le donne protagoniste della Grande Guerra”, un concerto spettacolo di Olga Scalone che canterà e racconterà le donne, silenziose protagoniste della Grande Guerra, impegnate al fronte della vita di tutti i giorni. Il 17 marzo, si esibiranno due artisti di fama internazionale: Alberto Bologni, al violino, e Carlo Palese, al pianoforte. In primavera si apre il 31 marzo con il Trio Mythos, composto da tre giovani musicisti (un violinista italiano, una violoncellista coreana ed un pianista greco) diplomati presso il Conservatorio “Santa Cecilia” di Roma.
Più avanti, domenica 7 aprile, protagonista un duo d’eccezione formato da Victoria Melik (violino barocco) e Basilio Timpanaro (clavicembalo) con le sonate per violino e cembalo di Johann Sebastian Bach. Sempre ad aprile, il 28, il tradizionale concerto di Alessio Pianelli, al violoncello. A fine stagione per il mese di maggio, domenica 5 maggio, un concerto per violino e pianoforte. Davide Alogna, violinista di fama internazionale con alle spalle una brillante carriera di solista e camerista, affiancherà il pianista Fiorenzo Pascalucci al pianoforte. Domenica 19 maggio, il baritono Andrea Reibenspies e la pianista Giacometta Marrone D’Alberti. Un felice incontro tra i due “strumenti” pianoforte e voce, un connubio tra musica e testo. In chiusura venerdì 7 giugno, Slowind, un quintetto di fiati formato dalla prime parti dell’Orchestra Filarmonica di Lubiana.
La 66ª stagione concertistica degli Amici della Musica di Trapani è realizzata con il contributo del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo e della Regione Siciliana – Assessorato Regionale del Turismo, dello Sport e dello Spettacolo e con la collaborazione dell’Ente Luglio Musicale Trapanese, della Fondazione Pasqua 2000, il Conservatorio di Musica “A. Scontrino” di Trapani, il Goethe Institut e l’Istituto di Cultura ItaloTedesco – sezione di Trapani.

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Psoriasi e artrite psoriasica

Posted by fidest press agency su sabato, 20 ottobre 2018

Il reumatologo come supporto al dermatologo nella diagnosi di psoriasi; l’artrite psoriasica e l’importanza della diagnosi precoce; la qualità di vita dei pazienti con psoriasi e le diverse comorbidità, tra cui quelle articolari. Di questo ed altro si è discusso a Milano nel corso dell’evento dal titolo ‘Psoriasi non solo una questione di pelle’.Organizzato dal Corriere Salute con il contributo non condizionante di Novartis, ha visto la partecipazione del Professor Antonio Costanzo, responsabile Dermatologia di Humanitas e docente di Humanitas University, e del Professor Carlo Francesco Selmi, responsabile Reumatologia e Immunologia Clinica di Humanitas e docente dell’Università degli Studi di Milano.
La psoriasi è una malattia infiammatoria cronica della pelle e degli annessi (unghie e follicolo pilifero). Circa il 30% dei pazienti psoriasici può sviluppare nel tempo un’artrite. Nell’artrite psoriasica l’infiammazione interessa le piccole articolazioni delle mani e dei piedi o le grandi articolazioni (gomiti, ginocchia e caviglie) ma anche altre sedi come la colonna causando un mal di schiena che peggiora con il riposo.La psoriasi compromette la qualità di vita quanti ne sono affetti e nella gestione della patologia non vanno sottovalutati l’entità del dolore e le limitazioni ai movimenti.
Gestire la malattia psoriasica è ormai sempre più un tema multidisciplinare, poiché un solo specialista non è sufficiente per la gestione della patologia. Quando si tratta di malattie complesse come la psoriasi è necessario fare scelte condivise con il paziente, soprattutto quando affetto da artrite psoriasica. In questi casi è necessario affrontare la cura del malato in maniera combinata tra dermatologo e reumatologo, poiché visitare da due punti di vista diversi consente di prendere decisioni cliniche e terapeutiche che permettono un eccellente controllo di tutti i sintomi. La medicina delle malattie infiammatorie croniche è, dunque, sempre meno “un solo uomo al comando”.
Nonostante siamo molto lontani da una gestione adeguata dei pazienti, l’artrite psoriasica oggi è una malattia verso la quale esistono armi che fino a pochi anni fa potevamo solo sognare. Abbiamo infatti a disposizione strumenti terapeutici che consentono ai pazienti di condurre una vita normale”.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

“Performance di mercato: due fattori in primo piano”

Posted by fidest press agency su sabato, 20 ottobre 2018

columbia threadneedle investmentsA cura di Toby Nangle, Responsabile asset allocation globale e Responsabile multi-asset, EMEA, e Maya Bhandari, Gestore di portafoglio, Multi-asset. La performance dei mercati finanziari può essere interpretata in larga misura alla luce di due fattori: il livello potenziale dei flussi di cassa futuri derivanti dalla detenzione di un attivo e il tasso di sconto a essi applicato. Gli sviluppi dell’economia mondiale influiscono sia sui livelli dei flussi di cassa (come i dividendi azionari, i riacquisti di azioni proprie o la probabilità di pagamento delle cedole delle obbligazioni societarie) sia sulle condizioni finanziarie. Nel 2018 questi fattori si sono mossi in direzioni opposte.
Guardando ai mercati, l’ottimo andamento dell’economia è stato accompagnato da una sovraperformance delle azioni statunitensi. Tuttavia, una più attenta analisi rivela che, sebbene nel complesso le società quotate negli Stati Uniti, in Europa e in Giappone abbiano beneficiato per tutto l’anno di revisioni al rialzo dei ricavi e degli utili, questa dinamica è stata particolarmente pronunciata per le aziende statunitensi operanti nei settori tecnologico e della salute. Ciò è stato osservato parallelamente all’attuazione di politiche commerciali protezionistiche unilaterali. Il dinamismo dell’economia europea rispetto ad altre regioni è all’origine del nostro giudizio stabilmente positivo nei confronti delle azioni del Vecchio Continente (Regno Unito escluso). Tuttavia, dopo un andamento sostenuto per tutto il 2017, quest’anno l’economia ha fatto un passo indietro sulla scia degli sviluppi in Italia e dell’incertezza sul fronte del commercio globale. Nelle ultime settimane, però, i dati sugli utili sono stati favorevoli e le revisioni al rialzo degli analisti hanno interessato tutti i settori del mercato europeo (Regno Unito escluso), e principalmente l’energia. I salari hanno iniziato ad aumentare, ma è probabile che ciò dia impulso a un circolo virtuoso di risanamento economico ancora alle fasi iniziali dopo la crisi del debito sovrano dell’Eurozona, che ha destabilizzato la ripresa dell’Europa dalla crisi finanziaria globale di 10 anni fa.Le imprese europee lamentano una carenza di manodopera, ma anche di capitali e di beni strumentali, il che preannuncia un contesto più favorevole per la spesa per investimenti e l’attività di investimento. Scorgiamo inoltre segnali positivi in Germania, dove i dati sulla produzione manifatturiera hanno raggiunto il punto di minimo e si registra un’accelerazione della domanda interna.I nostri portafogli azionari europei sono nel complesso neutrali sull’Italia, ma nutriamo seri timori sul modo in cui sarà gestita la prossima recessione, alla luce del maggiore indebitamento del paese. Tra l’altro, i portafogli europei sottopesano il valore rispetto alla crescita di qualità, seppur in misura minore rispetto agli ultimi anni. La posizione settoriale più ampia è il sovrappeso sui titoli industriali rispetto a quelli finanziari, per trarre beneficio dall’espansione ciclica. Nel contesto di crescita economica da noi previsto gli utili bancari potrebbero aumentare rapidamente, ma non è chiaro se ogni impulso al reddito dovrà fare i conti con rinnovate pressioni regolamentari verso il rafforzamento dei coefficienti patrimoniali o la distribuzione di capitale ad altri soggetti coinvolti.
Nel frattempo, in Giappone prosegue la ripresa di lungo periodo e finora le insidie politiche sono state evitate, mentre i cambiamenti strutturali continuano a pieno ritmo. Più che un fattore di stimolo, l’esposizione alla crescita della domanda cinese è divenuta fonte di preoccupazione, e il Giappone è stato tutt’altro che immune dal deprezzamento che ha colpito altri mercati asiatici. Il nostro scenario di riferimento per l’Asia (Giappone escluso) prevede fondamentali persistentemente solidi che giustificano prospettive favorevoli per le azioni, ma questa analisi ha risentito notevolmente degli interventi protezionistici di Washington. Riteniamo che la netta flessione delle valutazioni osservata quest’anno rappresenti un deprezzamento del mercato più che una misura del crollo che potrebbero subire gli utili futuri.Soffermandoci più specificamente sulle condizioni finanziarie, abbiamo assistito a un calo delle valutazioni piuttosto pronunciato in tutti i mercati azionari. Questa dinamica ha coinciso con un aumento dei rendimenti dei titoli di Stato e con il progressivo innalzamento dei tassi d’interesse USA a opera della Federal Reserve. Nonostante l’incremento dei rendimenti, continuiamo a diffidare dei titoli di Stato. Secondo le nostre stime, la capacità inutilizzata nell’economia statunitense è ridotta, di conseguenza è improbabile che la Fed rallenti il suo processo di inasprimento nel prossimo futuro. Inoltre, i tentativi di invertire la globalizzazione reintrodurranno strozzature dal lato dell’offerta di beni e servizi che non promettono nulla di buono per il trade off tra crescita e inflazione.
Al di fuori degli Stati Uniti, i rendimenti delle obbligazioni europee sono troppo bassi rispetto alle stime del tasso neutrale e attualmente nei portafogli obbligazionari ciò si traduce in una maggiore presenza dei titoli di Stato USA rispetto a quelli europei. Le prospettive dei Gilt dipendono dall’esito della Brexit e non vi sono certezze sull’andamento dei loro rendimenti nei diversi scenari potenziali dopo l’uscita del Regno Unito dall’UE. I premi al rischio di credito appaiono ragionevoli e in linea con le medie di lungo periodo. Sebbene il volume del debito corporate sia molto elevato in termini storici, attualmente anche il parametro creditizio più importante, ossia la copertura degli oneri finanziari, è nettamente maggiore.
Quest’anno abbiamo assistito a continue revisioni al rialzo delle stime relative agli utili e ai ricavi in tutti i mercati sviluppati, dal momento che le prospettive economiche non hanno risentito del protezionismo. Abbiamo osservato gli interventi della Cina sul fronte della politica monetaria e fiscale finalizzati a compensare l’impatto negativo dei dazi doganali statunitensi. Inoltre, l’aumento dei tassi di sconto nei mercati azionari, dei titoli di Stato e delle obbligazioni societarie ha penalizzato gli investitori che cercavano rifugio negli attivi “sicuri” con i rendimenti più contenuti, ma esposti all’incremento sincronizzato dei tassi di sconto.I mercati finanziari appaiono fragili, ma la protezione offerta dagli attivi “sicuri” sembra destinata a rimanere illusoria. Continuiamo quindi a privilegiare le azioni, gli immobili e le materie prime, tenendo gli occhi bene aperti. In ambito azionario privilegiamo i mercati che evidenziano un’espansione degli utili sottovalutata in aree geografiche che dovrebbero beneficiare della crescita economica globale persistentemente sostenuta. (immagine: columbia threadneedle investments)

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Nuovo bando per la cooperazione decentrata

Posted by fidest press agency su sabato, 20 ottobre 2018

Torino lunedì 22 ottobre alle 12, conferenza stampa che si terrà nella sala stampa del Palazzo della Regione, in piazza Castello.Sarà l’occasione per parlare del nuovo bando “Piemonte&Africa subsahariana: partenariati territoriali per un futuro sostenibile?, finanziato con risorse regionali e con il contributo della Compagnia, e per illustrare i progetti realizzati finora. Per l’occasione interverranno l’assessora Cerutti, la componente del Comitato di Gestione della Compagnia, Anna Maria Poggi, e alcuni sindaci dei comuni coinvolti nella cooperazione in Africa.

Posted in Cronaca/News | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Rai: Presentazione di Dottori in corsia

Posted by fidest press agency su sabato, 20 ottobre 2018

Roma Venerdì 26 ottobre Ore 12.00 Sala A Viale Mazzini, 14 Conferenza stampa per la presentazione di Dottori in corsia Ospedale Pediatrico Bambino Gesù di Simona Ercolani Docu-serie in 10 puntateUna produzione Stand by me in collaborazione con Rai Fiction. L’ospedale pediatrico più importante d’Europa, torna ad aprire le sue porte per raccontare le sfide umane e professionali di tanti medici ed infermieri che ogni giorno sono chiamati a compiere scelte difficili alla ricerca di una guarigione per i loro giovani pazienti. Un intenso viaggio tra le corsie dell’ospedale, per raccontare la battaglia quotidiana per la vita. Interverranno:
Mariella Enoc – Presidente dell’ Ospedale Pediatrico Bambino Gesù
Eleonora Andreatta – Direttore Rai Fiction
Stefano Coletta – Direttore Rai3
Simona Ercolani – Produttore creativo
Sarà presente in sala Geppi Cucciari, voce narrante della docu-serie
In onda su Rai3, da domenica 28 ottobre in seconda serata

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Rai: Presentazione di Portobello

Posted by fidest press agency su sabato, 20 ottobre 2018

Milano Giovedì 25 ottobre Ore 12.00 Studio 2000 Via Mecenate, 76 Conferenza stampa per la presentazione di Portobello conduce Antonella Clerici Regia di Duccio Forzano Torna “Portobello”, il mercatino più famoso della televisione italiana.Interverranno: Angelo Teodoli – Direttore Rai1, Claudio Fasulo – Vice Direttore Rai1, Paolo Bassetti – CEO per l’Italia di Banijay Group, Antonella Clerici, Carlotta Mantovan, Paolo Conticini. In onda su Rai1, sabato 27 ottobre 2018 ore 20,35

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Rai: presentazione di Le Ragazze

Posted by fidest press agency su sabato, 20 ottobre 2018

Roma Mercoledì 24 ottobre Ore 12.00 Sala A Viale Mazzini, 14 Conferenza stampa per la presentazione di Le Ragazze conduce Gloria Guida Un programma scritto da Cristiana Mastropietro con Claudia Panero Francesca Cucci Vincenzo Faccioli Pintozzi Regia di Riccardo Mastropietro Gloria Guida accompagnerà i telespettatori nelle vite ordinarie e straordinarie di donne che hanno lasciato un’impronta nella nostra società. Un lungo viaggio nella memoria
e nella storia italiana dagli anni ’40 ad oggi Interverranno: Stefano Coletta – Direttore Rai3 Alessandro Lostia – Vice Direttore Rai3 Cristiana Mastropietro – autore Gloria Guida. In onda su Rai3, domenica 28 ottobre ore 21,10.

Posted in Recensioni/Reviews, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Rai: Presentazione de L’Allieva 2

Posted by fidest press agency su sabato, 20 ottobre 2018

Roma Martedì 23 ottobre Ore 11.00 Sala A Viale Mazzini, 14 Presentazione de L’Allieva 2 Con Alessandra Mastronardi, Lino Guanciale, Dario Aita, Francesca Agostini, Michele Di Mauro, Emmanuele Aita, Claudia Gusmano, Anna Dalton, Pierpaolo Spollon, Giselda Volodi, Francesco Procopio, Fabrizio Coniglio, Jun Ichikawa con la partecipazione di Marzia Ubaldi e con Giorgio Marchesi con la partecipazione di Martina Stella con la partecipazione di Tullio Solenghi Regia di Fabrizio Costa Una coproduzione Rai Fiction – Endemol Shine Italy
Torna Alice Allevi, giovane specializzanda in medicina legale, alle prese con casi gialli da risolvere e una movimentata vita sentimentale Prosegue il rapporto d’amore e odio con il suo mentore Claudio Conforti e, a complicare le cose, ci pensa l’arrivo del fascinoso Pubblico Ministero Sergio Einardi e il ritorno improvviso del suo ex fidanzato Arthur.Dai best seller di Alessia Gazzola (ed. Longanesi) Al termine della proiezione, ore 12.00 circa, incontro con il cast Serie Tv in 6 serate in prima visione su Rai1 da giovedì 25 ottobre alle 21.25

Posted in Recensioni/Reviews, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Rai: I dieci comandamenti di Domenico Iannacone “Come figli miei”

Posted by fidest press agency su sabato, 20 ottobre 2018

Roma Lunedì 22 ottobre Ore 12.00 Sala A Viale Mazzini, 14 Conferenza stampa per la presentazione di: Speciale i dieci comandamenti di Domenico Iannacone “Come figli miei”
Un programma di Domenico Iannacone e Luca Cambi La scuola in prima serata su Rai3. Un evento speciale nel quale Domenico Iannacone entrerà nel cuore della vita degli studenti, della loro quotidianità. Come figli miei è il racconto di un Istituto professionale del Parco Verde, a Caivano, alle porte di Napoli. Eugenia Carfora, la preside dell’Istituto Morano, insieme a un gruppo di insegnanti, è il simbolo di una scuola che resiste. Un atto di eroismo di chi considera l’insegnamento uno dei valori più importanti della società. Di chi considera ogni ragazzo “come figlio suo”.Interverranno:Pina Castiello – Sottosegretario di Stato alla Presidenza del Consiglio con delega al SudColetta – Direttore Rai3Domenico IannaconeSarà presente la Dirigente Scolastica dell’Istituto Superiore“Francesco Morano” di Caivano, Eugenia Carfora, insieme ad alcuni studenti In onda su Rai3, sabato 27 ottobre ore 21.40

Posted in Recensioni/Reviews, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Yemen: 18,5 milioni di persone vivono in condizioni di insicurezza alimentare

Posted by fidest press agency su sabato, 20 ottobre 2018

“Milioni di bambini e famiglie disperati in Yemen potrebbero presto rimanere senza cibo, acqua pulita o servizi igienico sanitari a causa della profonda crisi economica e delle violenze incessanti al porto della città di Hudaydah. La confluenza di questi due fattori è probabile renda la terribile realtà che i bambini e le famiglie stanno affrontando ancora peggiore mentre sempre più persone stanche della guerra si trovano a dover affrontare una prospettiva reale di morte e malattie. Il prezzo di cibo, carburante e risorse idriche è arrivato alle stelle dato che la valuta della moneta nazionale è precipitata.I servizi idrici e di trattamento delle acque reflue rischiano di collassare per l’elevata crescita del prezzo del carburante – questo significa che molti di quegli stessi bambini e famiglie potrebbero rimanere senza accesso ad acqua sicura e servizi igienico sanitari. A sua volta, tutto questo potrebbe comportare epidemie di malattie e un incremento della malnutrizione – questi due fattori combinati all’insicurezza alimentare fanno crescere il rischio di una carestia. Si stima che altri 1,2 milioni di persone presto saranno in grave bisogno di assistenza idrica di base e di servizi igienico sanitari. Questo numero probabilmente crescerà nei prossimi giorni.Le famiglie che non possono più permettersi alimenti di base potrebbero presto aggiungersi ai 18,5 milioni di persone che già vivono in condizioni di insicurezza alimentare – un numero destinato ad aumentare di 3,5 milioni, compresi circa 1,8 milioni di bambini.
Queste condizioni, già di per sé devastanti, sono aggravate dalla situazione ad Hudaydah dove le violenze minacciano di uccidere i bambini e interrompere la catena di approvvigionamento di base di carburante e degli aiuti umanitari che sostengono 28 milioni di Yemeniti. Se il porto sarà attaccato, danneggiato o bloccato, si stima che altri 4 milioni di bambini nel paese vivranno in condizioni di insicurezza alimentare.L’unico modo per interrompere l’incubo dello Yemen è di ristabilire la pace attraverso esaustive politiche di risoluzione. Fino ad allora, l’UNICEF continuerà a chiedere alle parti in conflitto e a tutti coloro che possono esercitare un’influenza di rispettare gli obblighi legali a porre fine agli attacchi contro le infrastrutture civili – compreso il porto di Hudaydah – e a garantire un accesso sicuro, incondizionato e costante a tutti i bambini che hanno bisogno di aiuto in Yemen”.

Posted in Estero/world news, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Le sfide finanziarie per uno sviluppo sostenibile

Posted by fidest press agency su sabato, 20 ottobre 2018

di Donato Speroni (in sintesi) Quanti soldi ci vogliono per salvare il mondo? Non si tratta di una domanda balzana: le scelte di sviluppo sostenibile comportano un rilevante impegno finanziario, sia da parte dei governi e degli altri soggetti pubblici, sia da parte delle imprese private. Si tratta di investimenti necessari per prevenire i danni che deriverebbero dalla “tempesta perfetta” di un Pianeta non sostenibile: l’allarme lanciato nel 2009 dal capo dei consulenti scientifici del governo inglese John Beddington, che per primo parlò di perfect storm entro il 2030, è stato rilanciato in questi giorni dal responsabile del Programma alimentare mondiale David Beasley da Roma in occasione della Giornata mondiale dell’alimentazione.
È probabilmente impossibile fare un calcolo complessivo dei costi di un mondo sostenibile, ma si comincia a fare luce su alcuni degli addendi, a cominciare dalla prevenzione del cambiamento climatico, grazie a tre fatti concomitanti: la pubblicazione del rapporto speciale dell’Ipcc sugli interventi necessari per rimanere nell’ambito di 1,5 gradi centigradi di aumento, il premio Nobel conferito all’economista William Nordhaus (assieme a un altro economista, Paul Romer) per i suoi studi sugli effetti economici del cambiamento climatico, e il vertice di Bali dei ministri delle Finanze e dei banchieri centrali del G20, l’11 e 12 ottobre. Diciamo subito che le diagnosi non sono convergenti, come ha sottolineato sul sito Inpiù l’economista Pia Saraceno. A Bali si è discusso di “sviluppo sostenibile” sulla base di un rapporto del Fondo monetario, concentrando però l’attenzionesui rischi per la sostenibilità dello sviluppo rappresentati dalla prosecuzione di tensioni per il moltiplicarsi di barriere tariffarie, dai rischi politici, dall’instabilità finanziaria, ecc.
e si è accennato solo di sfuggita al cambiamento climatico.
L’impact investing, cioè la raccolta di danaro per investimenti a impatto positivo sulla società e sull’ambiente (definita anche “finanza etica”) avrà sicuramente uno sviluppo significativo e l’Economist segnala i primi casi di strumenti finanziari elaborati dai money manager di concerto con organizzazioni non profit, con il lancio di fondi di investimento che raccolgono azioni di aziende con un buon record sociale. Il primo titolo emesso con questa logica è attento alle relazioni razziali, con azioni scelte col consenso del Naacp, l’associazione Usa che si occupa del progresso dei neri; il secondo guarda al female empowerment e con un portafoglio selezionato col concorso del Ywca, l’associazione delle donne cristiane.Chi beneficerà dell’impact investing? Le imprese che potranno dimostrare un buon record di azioni a favore della sostenibilità. In Italia sono obbligate alla “rendicontazione non finanziaria”, che è in pratica un bilancio di sostenibilità, tutte le imprese che hanno più di 500 dipendenti. Nei giorni scorsi è stato presentato uno studio di Kpmg Advisory, dal quale risulta che 205 società hanno elaborato le dichiarazioni non finanziarie. Di queste, il 59% è al primo anno di reporting di sostenibilità. In 26 si sono dotate di Piani di sostenibilità strutturati, mentre 61 aziende (il 31% di quelle analizzate) citano gli Obiettivi di sviluppo sostenibile.Bisogna però far sì che l’impact investing vada anche a favore delle imprese di minori dimensioni, che sono la realtà prevalente nell’apparato produttivo italiano. Nel Rapporto AsviS 2018 si afferma a questo proposito la necessità di ampliare il campo di applicazione della normativa sulla rendicontazione non finanziaria, includendo aziende dei settori della distribuzione e delle utility, società partecipate dallo Stato, imprese di medie dimensioni e quelle attive in settori ad alto impatto ambientale, incoraggiando la compilazione di un bilancio integrato, che illustri la comunicazione finanziaria e non finanziaria in un unico documento. (fonte asvis)

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

“Microzonazione Sismica e Risposta Sismica Locale (RSL)”

Posted by fidest press agency su sabato, 20 ottobre 2018

Perugia Giovedì 25 ottobre, alle ore 11:30, avrà luogo la conferenza stampa di presentazione del Corso di perfezionamento di alta formazione in “Microzonazione Sismica e Risposta Sismica Locale (RSL)”, per l’anno accademico 2018-2019, presso il Dipartimento di Fisica e Geologia dell’Università degli Studi di Perugia. Il corso è organizzato e diretto dal Dipartimento di Fisica e Geologia dell’Ateneo di Perugia, in collaborazione con l’Ordine dei Geologi della Regione Umbria, ed è patrocinato dal Consiglio Nazionale dei Geologi (CNG) e dalla Fondazione Centro Studi CNG. Il corso, che eroga 15 cfu, è rivolto ai geologi e rappresenta il futuro della pianificazione al fine di prevenire il rischio sismico. Il corso affronta i diversi livelli di microzonazione sismica e consente di valutare la risposta sismica locale che permette la valutazione degli effetti di un evento sismico per un edificio specifico sulla base delle condizioni geologiche e topografiche.Gli studi di microzonazione sismica analizzano la differente pericolosità sismica locale, individuando quelle zone in cui non è possibile costruire, perché un possibile sisma potrebbe arrecare danni anche a costruzioni solide. La microzonazione sismica ingloba tutte le tecniche e le conoscenze più evolute della geologia. Gli studi di microzonazione sismica sono fondamentali nella fase di progettazione, pianificazione per l’emergenza e ricostruzione dei centri abitati dopo un terremoto. Per questo motivo essa riveste un ruolo di primaria importanza nella fase di ricostruzione, come quella che si sta compiendo nelle zone terremotate dopo gli eventi sismici del 2016-2017.
Durante la conferenza stampa interverranno: Lucio Di Matteo, Direttore del corso; Massimiliano Barchi, Direttore del Dipartimento di Fisica e Geologia; Filippo Guidobaldi, Presidente Ordine Geologi Regione Umbria; Francesco Peduto, Presidente Consiglio Nazionale Geologi e Fabio Tortorici, Presidente Fondazione Centro Studi CNG. La conferenza stampa sarà moderata da Ilenia Inguì, addetto stampa del Consiglio Nazionale Geologi. Il corso di perfezionamento post-laurea è svolto da docenti interni al Dipartimento e da docenti qualificati afferenti ad altri Dipartimenti dell’Ateneo, ad altri Atenei, a centri di ricerca e al mondo delle istituzioni e della libera professione.

Posted in Cronaca/News, Università/University | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

L’attualità spiegata bene

Posted by fidest press agency su sabato, 20 ottobre 2018

Torino Mercoledì 24 ottobre, ore 21 Circolo dei lettori, via Bogino 9, L’attualità spiegata bene a cura di il Post con Luca Sofri, Francesco Costa e la redazione di il Post. Di cosa si parla, quando se ne parla: la serie di incontri sul tema dell’attualità più attuale e imprevista comincia mercoledì 24 ottobre, ore 21 al Circolo dei lettori, con Luca Sofri e Francesco Costa, rispettivamente direttore e vicedirettore di il Post, e ospiti scelti dalla redazione del giornale online. È Ultim’ora. L’attualità spiegata bene, nuovo appuntamento serale che si aggiunge alla ormai consueta rassegna stampa mattutina del sabato (I giornali spiegati bene, 3 e 17 novembre, ore 11). L’idea è scegliere all’ultimo momento la notizia più rilevante della settimana e affrontarla con giornalisti ed esperti, per approfondirla e capirne implicazioni ed esiti. Il Post, giornale online fondato nel 2010 da Luca Sofri, giornalista e blogger che collabora anche con Internazionale e Vanity Fair, e che, nella sua carriera, ha condotto Otto e mezzo su La7, Condor su Radio 2, ha pubblicato i saggi Playlist, Un grande paese e Notizie che non lo erano, tutti per Rizzoli. Il Post è gratuito e raccoglie una comunità di lettore ampissima – 9 milioni nel 2016, in continua crescita – ed è stato pensato come aggregatore dei migliori pezzi della stampa italiana e internazionale, scelti e commentati dalla redazione che conta numerosi collaboratori. L’offerta di il Post è arricchita dai blog ospitati, come quello dello stesso direttore, di Emanuele Menietti e di Pietro Trellini, tra gli altri, dalle sezioni che approfondiscono diversi temi come il Post Libri, e poi tecnologia, scienza, internet.

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Open Banking: principale piattaforma internazionale per i depositi a risparmio

Posted by fidest press agency su sabato, 20 ottobre 2018

Amburgo, 16 ottobre 2018 – Deposit Solutions, pioniere dell’Open Banking e principale piattaforma internazionale per i depositi a risparmio, è entrata a far parte del World Economic Forum Center di San Francisco con focus sulla Quarta Rivoluzione Industriale. Il Centro collabora con primarie aziende, governi, società civile ed esperti di tutto il mondo con l’ambizione di supportare la definizione della governance della Quarta Rivoluzione Industriale. Deposit Solutions, che ha appena chiuso un nuovo round di investimento da 100 milioni di dollari, è la prima società Fintech europea a diventare membro di questo hub globale.Con la sua piattaforma di Open Banking, Deposit Solutions ha introdotto un’importante innovazione nel settore bancario retail. Infatti, il modello Banking-as-a-Service di Deposit Solutions per i depositi consente alle banche sia di accedere ai depositi dei clienti di altri partner senza dover implementare alcuna infrastruttura proprietaria, sia di offrire ai propri clienti una selezione di depositi di terze parti. A loro volta, i clienti delle banche possono accedere facilmente alle migliori offerte di deposito e massimizzare i loro risparmi, senza dover aprire nuovi conti bancari. Deposit Solutions sta creando un mercato internazionale per il risparmio che avvantaggia banche, risparmiatori e sistema finanziario in generale, eliminando le inefficienze nella catena del valore.
Deposit Solutions è una società FinTech riconosciuta a livello mondiale e una piattaforma Open Banking per i depositi.La sua tecnologia proprietaria Open Banking fornisce un’infrastruttura per il mercato dei depositi globale, stimato in circa $ 50 trilioni, che avvantaggia banche e risparmiatori allo stesso tempo che sta trasformando. Deposit Solutions oggi collega oltre 70 banche dislocate in 16 Paesi e opera attraverso i Points-of-Sale B2C proprietari (ZINSPILOT e SAVEDO) che offrono direttamente ai risparmiatori le offerte di deposito delle banche partner.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

La microplastica nel sale da cucina

Posted by fidest press agency su sabato, 20 ottobre 2018

Ben 36 dei 39 campioni di sale da cucina analizzati, provenienti da diverse nazioni inclusa l’Italia, contenevano frammenti di plastica inferiori ai 5 millimetri, meglio noti come microplastiche. Lo rivela una recente ricerca scientifica, pubblicata sulla rivista internazionale Environmental Science & Technology nata dalla collaborazione tra Greenpeace e l’Università di Incheon in Corea del Sud. Dall’indagine, che ha preso in esame campioni di sale marino, di miniera e di lago, risulta che 36 campioni erano contaminati da microplastica costituita da Polietilene, Polipropilene e Polietilene Tereftalato (PET), ovvero le tipologie di plastica più comunemente utilizzate per produrre imballaggi usa e getta. «Numerosi studi hanno già dimostrato la presenza di plastica in pesci e frutti di mare, acqua di rubinetto e adesso anche nel sale da cucina. Questa ricerca conferma la gravità dell’inquinamento da plastica e come per noi sia ormai impossibile sfuggire a tale contaminazione» dichiara Giuseppe Ungherese, responsabile Campagna Inquinamento di Greenpeace Italia. «È necessario fermare l’inquinamento alla radice ed è fondamentale che le grandi aziende facciano la loro parte riducendo drasticamente l’impiego della plastica usa e getta per confezionare i loro prodotti», conclude. Questa ricerca, la prima condotta su vasta scala e tale da permettere un’analisi comparata della presenza di microplastiche in campioni di sale da cucina provenienti da numerose aree geografiche, ha consentito anche di correlare i livelli di inquinamento riscontrati nel sale con l’immissione e il rilascio di plastica nell’ambiente. Infatti, di tutti i campioni analizzati quelli provenienti dall’Asia hanno registrato i livelli medi di contaminazione più elevati con picchi fino a 13 mila microplastiche in un campione proveniente dall’Indonesia che, secondo studi recenti, è seconda per l’apporto globale di plastica nei mari.In generale nei campioni di sale marino è stata osservata una maggiore presenza di microplastiche (compresi tra 0 e 1674 microplastiche per chilo, escludendo il campione indonesiano), seguiti dai campioni provenienti da laghi salati (compresi tra 28 e 462 microplastiche per chilo) e dalle miniere (compresi tra 0 e 148 microplastiche per chilo). Anche i tre campioni di sale provenienti dall’Italia, due di tipo marino e uno di miniera, sono risultati contaminati dalle microplastiche con un numero di particelle compreso tra 4 e 30 unità per chilogrammo. Inoltre, in base ai risultati della ricerca e, considerando l’assunzione media giornaliera di 10 grammi, un adulto potrebbe ingerire, solo attraverso il consumo di sale da cucina, circa 2 mila pezzi di microplastiche all’anno considerando la concentrazione media di microplastiche in tutti i sali analizzati e fino a 110 sulla base del dato italiano peggiore. (fonte: greenpeace)

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »