Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 27 n° 47

Posted by fidest on Monday, 22 July 2013

logo fidest jpgI lanci d’agenzia della fidest sono visibili su:

www.fidest.it  

https://fidest.wordpress.com 

http://alfonsinho.blog.com/ 

https://www.facebook.com/

https://twitter.com riccardo alfonso

http://www.linkedin.com/home?goback= 

La Fidest è un’agenzia stampa a diffusione gratuita.

Il direttore della Fidest pubblica i suoi libri su Amazon

http://www.amazon.it/Libri/s?ie=UTF8&field-author=Riccardo%20Alfonso&page=1&rh=n%3A411663031%2Cp_27%3ARiccardo%20Alfonso 

E i suoi editoriali e articoli di fondo

https://www.google.com/bookmarks/ 

Posted in Fidest - interviste | Tagged: , , , | Leave a Comment »

Free places at the top business table

Posted by fidest on Sunday, 1 March 2015

Federation of British Industries 241 350For over a hundred years it has been common practice for employers to group together into employer associations. In the USA, for instance, the American Society of Employers has been operating since 1902 and in the UK the Federation of British Industries (now the CBI) was formed in 1916. Most employer associations are veiled in mystery and do not openly reveal their costs of membership. Often subscriptions are based on a company’s size and calculated as a percentage of payroll – which means that large companies may be paying in excess of $25,000 a year to retain their affiliation. The Federation of International Employers (FedEE Global) has always operated – like the World Economic Forum – on a highly exclusive basis and limited its membership to the largest multinational companies in the world. However, now its approach has changed to be highly transparent, offering particularly fast growing companies the best possible value for money. That is why its basic grade of “Enterprise Membership” is now completely free. Announcing this change at a breakfast meeting of FedEE members today, the Secretary-General of The Federation, Robin Chater” said that “Employers operating internationally face huge risks and currently there is a significant gap between a company’s in-house resources and outside professional firms such as lawyers and accountants.” “Human resource executives have to make many decisions every day about how to treat employees in widely differing situations and cannot be expected to call their lawyer every time they wish to check out how they should act. This is where FedEE Global is an invaluable resource, with its massive database of employment legislation and pay levels around the world and its vast body of related data. We believe information about significant HR developments should, at the very least, be open to the widest possible audience of multinational employers.”At the end of 2014 FedEE Global launched its business travel online community (but-n.com) for executives on the move. FedEE Global is now about to launch a programme of video-conferenced events aimed at companies that need to keep up-to-date with issues and trends not addressed by conventional conference organisations. The first of these will address the risks of abduction faced by senior multinational executives as they travel around the world.

Posted in Economia, Estero | Tagged: , , , | Leave a Comment »

Changes to planned European Passenger Name Record (PNR) system discussed by MEPs

Posted by fidest on Sunday, 1 March 2015

europeancouncilAn evaluation of the necessity and proportionality of the proposal in the face of current security threats, its scope (list of offences covered), retention periods, the inclusion or exclusion of intra-EU flights, the connection with the on-going data protection reform, as well as the consequences of the EU Court of Justice judgement annulling the 2006 data retention directive, were among the issues discussed by MEPs. The 2011 Commission proposal would require more systematic collection, use and retention of PNR data on passengers taking “international” flights (those entering the EU from, or leaving it for, a third country), and would therefore have an impact on the rights to privacy and data protection.
The changes proposed by Timothy Kirkhope in the revised draft report include: the scope of the proposal is narrowed to cover terror offences and serious “transnational” crime (the list of specific offences includes, for instance, trafficking in human beings, child pornography, trafficking in weapons, munitions and explosives);sensitive data to be permanently deleted no later than 30 days from the last receipt of PNR containing such data by competent authorities. Other data will continue to be masked after 30 days;the inclusion of intra-EU flights (not initially included by the Commission, but the Council of the European Union favours the inclusion of internal EU flights);100% coverage of flights (the Commission text proposed to reach 100% coverage of international flights in gradual steps);access to the PNR data continues to be allowed for five years for terrorism, but is reduced to four years for serious crime;each EU member state should appoint a data protection supervisory officer;persons who operate security controls, who access and analyse the PNR data, and operate the data logs, must be security cleared, and security trained;references are made in the text to the EU Court of Justice judgment on data retention and to the current EU data protection rules; the period for member states to transpose the directive is extended from two to three years (given the specific technological and structural demands of setting up an EU PNR system for each member state).

Posted in Estero, Viaggia | Tagged: , , , | Leave a Comment »

The Civil Liberties Committee will hold a meeting on

Posted by fidest on Sunday, 1 March 2015

BruxellesBruxelles. Thursday 5 March, 9.00 – 12.30 Room: József Antall (JAN) 6Q2 Joint debate on the visa package (9.00 – 10.00) EU Visa Code and establishment of a touring visa – discussion on working documents by Fernando López Aguilar (S&D, ES) and Brice Hortefeux (EPP, FR); A smarter visa policy for economic growth – report from the Commission to the European Parliament and the Council; Humanitarian visas: Option or Obligation? – presentation of a study by Ulla Iben Jensen, LLM., Independent Legal Researcher/Consultant
European Union Agency for Fundamental Rights (FRA) – presentation of the annual work programme for 2015, and follow-up to the evaluation conducted in 2013, by the Director, Morten Kjaerum, and the Chair of the Management Board, Maija Kaarina Sakslin; presentation of the conclusion of his term of office by Morten Kjaerum (10.45 – 11.30)

Posted in Uncategorized | Tagged: , , , | Leave a Comment »

Mobile Finance 2014: più di mezzo miliardo di SMS inviati in Italia

Posted by fidest on Sunday, 1 March 2015

UBIQUITYUbiquity, Operatore Telefonico OLO (Other Licenced Operator) che dal 1999 gestisce i servizi mobile professionali per conto di grandi aziende, ha pubblicato il Rapporto sui servizi SMS di “mobile finance” in Italia relativo all’anno 2014. Il Rapporto si basa sul monitoraggio dei volumi generati dai servizi di messaggistica SMS offerti dalle 20 più importanti banche Italiane, un punto di osservazione privilegiato per tracciare statisticamente i trend in atto nell’adozione dei servizi mobile legati a conti correnti, carte di pagamento e non solo, da parte della popolazione italiana.Secondo il Rapporto, abbiamo nuovamente assistito a un’importante crescita del mercato dei servizi Mobile Finance in Italia. Rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso l’utilizzo degli SMS legati ai servizi bancari, in particolare alle notifiche di transazioni su carte di plastica e movimenti di conti correnti, ma anche ai servizi informativi che facilitano la comunicazione tra la banca e il cliente finale, ha registrato una crescita del 35%. In totale controtendenza rispetto alla congiuntura negativa e alla contrazione dei consumi.Da gennaio a dicembre del 2014 il volume complessivo di SMS inviati dal campione di banche italiane monitorato[1], sia gratuiti che a pagamento per il consumatore (i cosiddetti servizi di messaggistica premium “etici”), è stato pari a 553 milioni di SMS, in crescita del 35% rispetto allo stesso periodo del 2013. Numeri davvero importanti che mostrano la vivacità e la produttività del canale SMS e la sua complementarietà con altri strumenti di comunicazione con l’utente finale. I dati registrati dall’Osservatorio Mobile Marketing & Service della School of Management del Politecnico di Milano riportano peraltro (tra il 2013 e 2014) una crescita dei volumi totali di SMS Bulk (tra imprese ed utenti) pari al 17% rispetto al 15% dei volumi registrati nel 2012-2013. Dario Calogero, CEO dell’azienda, commenta così la chiusura dell’anno: “Nel 2014 Ubiquity registra ancora una volta un andamento positivo dei volumi con un’importante crescita del servizio SMS che, grazie alla sua affidabilità, si conferma come strumento predominante di comunicazione tra le banche e il cliente finale. Prevediamo che questo trend positivo prosegua stabilmente negli anni a venire per i messaggi A2P (Application to Person). In particolare, nel 2015, assisteremo ad una crescita di utilizzo del servizio OTP (One Time Password) via SMS, valido strumento utilizzato dalle banche a ulteriore tutela della sicurezza dell’utente e sicuramente più pratico degli alternativi token hardware. Ci aspettiamo quindi che nei prossimi mesi questa tipologia di messaggistica aumenti in modo significativo”.

Posted in Economia, Spazio aperto | Tagged: , , , | 1 Comment »

La Rai cambia? Mah! Intanto difendiamoci

Posted by fidest on Sunday, 1 March 2015

Rai: sede di romaGrandi discussioni sulla Rai. Bloccata l’Opas di Fininvest su Raiway, e’ in atto un confronto sulla riforma organizzativa e di governance, intorno al quale si sente e si legge di tutto e di piu’… con le corporazioni in prima linea nel difendere le proprie posizioni di rendita.
Su Raiway, come avrebbe potuto essere altrimenti? Non e’ in discussione la privatizzazione, visto che a decidere l’amministratore delegato sara’ sempre il ministero del Tesoro, e la riorganizzazione dei telegiornali e’ comunque una questione interna aziendale. Certo, e’ un’azienda di capitale pubblico, ma non abbiamo dubbi che l’ottica di riorganizzazione sara’ piu’ attenta agli attuali equilibri e numeri politici/partitici piuttosto che al mercato; del resto, chi decide e’ convinto (e allo stato non potrebbe -tecnicamente- essere altrimenti) che i partiti siano ancora l’espressione politica dei cittadini, per cui o radicalizza la situazione o si comporta come sta facendo. Gli elementi per questa radicalizzazione ci sarebbero. Il corpo elettorale italiano, nel 1995 con un referendum, aveva indicato la propria preferenza per una gestione privata della cosiddetta informazione pubblica radiotelevisiva, ma forse e’ ancora troppo presto perche’ il legislatore faccia caso a quanto accaduto 20 anni fa. Del resto, non ci hanno messo 28 anni fa per dare attuazione al referendum sulla responsabilita’ civile dei magistrati, perche’ con l’informazione e intrattenimento di Stato dovrebbero metterci meno? Una battuta? Mica tanto! L’attuale discussione sul destino della Rai segue quella che, negli ultimi mesi del 2014, aveva avvampato gli animi e le fantasie sul cosiddetto canone o abbonamento (l’imposta che si paga per il possesso di un apparecchio tv). Anche li’ c’era di tutto e di piu’. Alla fine non e’ cambiato nulla. E a casa dei contribuenti continuano ad arrivare le richieste/minacce della Rai che pretende il pagamento dell’imposta perche’ presume l’esistenza di un apparecchio tv nella casa di ogni residente. Immaginiamo che tutto sia rimandato alla prossima indagine e al prossimo incarico al sottosegretario Antonello Giacomelli, attore politico/mediatico in quei mesi (e anche oggi) in cui sembrava che dovessero farci pagare questa imposta perche’ esalavamo un respiro.
Finira’ nel nulla anche la discussione di questi primi mesi del 2015? Chissa’! Di certo non sara’ abolita l’imposta/canone. Questo vuol dire che la Rai continuera’ a non essere sul mercato, ad agire in abuso di posizione dominante rispetto ai propri concorrenti che si devono accontentare solo della pubblicita’ oppure devono far pagare i loro abbonati (veri, perche’ pagano per aver scelto di voler vedere dei programmi, e non finti come quelli della Rai, che chiama tali i contribuenti fiscali).
Nel frattempo, per i cittadini/utenti, dispensiamo un consiglio gia’ dato in altre occasioni: visto che siamo in tanti ad avere Internet anche nelle tasche dei pantaloni e nelle borsette, se proprio vogliamo vedere dei programmi Rai, e’ bene ricordarsi che la visione di questi attraverso la Rete (dove vengono trasmessi in diretta) non comporta il pagamento dell’odiata imposta/canone. (Vincenzo Donvito, presidente Aduc)

Posted in Diritti, Spazio aperto | Tagged: , , , | Leave a Comment »

Acer: Abitazioni intelligenti

Posted by fidest on Sunday, 1 March 2015

acer reggio emiliaACER Reggio Emilia, l’Azienda Casa Emilia-Romagna della provincia emiliana e Schneider Electric hanno avviato una sperimentazione in linea con quanto definito dal decreto legislativo 102 circa l’obbligo della contabilizzazione e della termoregolazione negli edifici con riscaldamento centralizzato. Il progetto riguarda l’aggiornamento dell’impianto di termoregolazione all’interno di un condominio di edilizia popolare gestito da ACER, composto da 6 appartamenti singoli, in cui Schneider Electric ha provveduto ad installare un sistema wireless composto da valvole termostatiche digitali su ciascun radiatore, smart plug per il controllo e la misurazione di due carichi elettrici, e un pulsante all’ingresso dell’appartamento che consente la selezione di due scenari principali, “entro in casa” ed “esco di casa”, che definiscono un livello di comfort e uno di risparmio energetico. “Si tratta di un’installazione che supera quanto previsto dalla norma e che si pone l’obiettivo di massimizzare i risparmi energetici ottenibili con quanto previsto dal decreto legislativo in oggetto. Wiser, che utilizza una tecnologia senza fili, riduce significativamente il tempo di installazione a poco più di un’ora ad appartamento, evitando al tempo stesso qualsiasi opera invasiva,” precisa Maurizio Arena, responsabile dei sistemi di Home Automation di Schneider Electric. Raggiungibile anche dall’esterno, attraverso smartphone e tablet, o per chi non ha dimestichezza con questi dispositivi, più semplicemente da un “pulsante –scenari” opportunamente posizionato all’interno dell’unità abitativa, Wiser, consente di gestire la propria abitazione in modo semplice e intuitivo. In tal modo, ridurre la temperatura e disattivare i carichi elettrici non prioritari quando si esce di casa sarà un operazione automatica, che permetterà di ottenere all’utente finale il massimo risparmio economico. “La riduzione dei costi dell’abitare risponde alle necessità delle famiglie che oggi hanno difficoltà a sostenere in particolare i costi delle bollette energetiche. Dalla sperimentazione di queste nuove tecnologie attendiamo risparmi variabili tra il 10% e il 20% che rappresentano un sicuro vantaggio rapportato al costo di investimento iniziale. La gestione intelligente degli impianti passa attraverso la consapevolezza dei consumi energetici e il comportamento virtuoso degli abitanti, i quali potranno ottenere una notevole riduzione degli sprechi. Per questo la nostra Azienda è impegnata nella formazione all’uso consapevole delle risorse, in linea con la Direttiva comunitaria 27 del 2012 recepita dal nostro Paese col decreto 102”. Ha commentato Marco Corradi, Presidente di ACER e Coordinatore di tutte le Acer della regione Emilia Romagna. “Schneider Electric e ACER hanno intuito che dietro un’esigenza specifica era possibile costruire insieme un caso esemplare,” conclude Laura Bruni, Direttore Affari Istituzionali di Schneider Electric, “perché l’obbligo di contabilizzazione e termoregolazione per i condomini con riscaldamento centralizzato previsto dal decreto 102 non si riduce ad un vincolo normativo, ma diventa un’opportunità di sviluppo e un’occasione per tutti gli attori di avere accesso a un’economia sostenibile, in cui la tecnologia più evoluta entra nelle case popolari, portando comfort, risparmio energetico e valorizzazione del patrimonio. In un momento in cui il mondo pubblico ed il mondo privato stanno cercando soluzioni concrete per l’ efficientamento del patrimonio edilizio, dal residenziale, al terziario, mettere a disposizione delle istituzioni e del mercato casi virtuosi replicabili consente di guardare con fiducia al futuro.”

Posted in Cronaca, Economia | Tagged: , , , | Leave a Comment »

Unione Naz. Consumatori su ddl concorrenza

Posted by fidest on Sunday, 1 March 2015

camera deputati2L’Unione Nazionale Consumatori avanza delle proposte per rendere efficace il capitolo II, art. 16 e 17, del ddl concorrenza, che disciplina il recesso in materia di comunicazioni.
“Attualmente la norma del Governo è, nella migliore ipotesi, inutile. La reintroduzione dell’espressione penali, eliminate formalmente con la Bersani, per quanto rimaste nella sostanza sotto forma di spese giustificate, è simbolicamente indicativa dell’inutilità della proposta” ha dichiarato Massimiliano Dona, Segretario dell’Unione Nazionale Consumatori.
Per un’effettiva liberalizzazione, l’Unc propone al Parlamento le seguenti modifiche:
1) Azzeramento delle spese per il recesso da contratto telefonico, in modo da realizzare una vera portabilità, come avviene per i conti correnti.
2) Zero spese di chiusura anche in caso di offerte promozionali legate a sconti tariffari.
3) Nuovo tetto di durata alle offerte promozionali: da 24 a 12 mesi
4) In presenza di beni in offerta, tipo modem o smartphone in omaggio o scontati, in caso di recesso anticipato il consumatore dovrà versare una spesa commisurata al valore del bene al momento del recesso.
5) Eliminazione delle spese di spedizione delle bollette a carico degli utenti. Oggi, con la scusa che sono servizi a favore del consumatore, le compagnie telefoniche (ma anche quelle elettriche, del gas ecc ecc), fanno pagare al consumatore la spedizione della fattura, anche se, per l’art. 21 del D.P.R. n. 633/1972 sono a carico di chi le emette (“non possono formare oggetto di addebito a qualsiasi titolo”). La proposta era nella famosa terza lenzuolata Bersani, mai approvata.
Nel dettaglio ecco le modifiche tecniche proposte al ddl concorrenza:
1) E’ abrogato l’art. 1 comma 3 del decreto-legge 31 gennaio 2007, n. 7, convertito, con modificazioni, dalla legge 2 aprile 2007, n. 40, limitatamente alle parole “senza spese non giustificate da costi dell’operatore”.
2) Al comma 3 è aggiunto, in fine, il seguente periodo: non potranno essere addebitate spese o ogni altro onere comunque denominato in relazione al recesso o al trasferimento dell’utenza ad altro operatore, anche in caso di offerte promozionali legate a sconti tariffari.
3) e 4) L’art. 3, comma 3 ter. che il ddl concorrenza propone di aggiungere all’art. 1 della legge n. 40/2007 diventa: “Il contratto stipulato con operatori di telefonia e di reti televisive e di comunicazione elettronica ove comprensivi di offerte promozionali non può avere durata superiore a dodici mesi. Se, e solo se, nel contratto sono previsti beni offerti in promozione, ed in caso di recesso anticipato, le spese e ogni altro onere comunque denominato dovranno essere rese note al consumatore al momento della sottoscrizione del contratto, nonché comunicati, in via generale, all’Autorità per le garanzie delle comunicazioni, esplicitando analiticamente la composizione di ciascuna voce e la rispettiva giustificazione economica. In ogni caso la spesa e ogni altro onere per il recesso anticipato dovranno essere equi e proporzionati, oltre che inferiori al valore del bene offerto nel contratto, tenuto conto anche dei versamenti già effettuati dal consumatore e del valore del bene al momento del recesso”.
5) Al ddl va aggiunto un nuovo articolo: “E’ fatto divieto assoluto di addebitare spese di qualsiasi natura o contributi comunque denominati anche inerenti alla predisposizione o produzione oppure alla spedizione o riscossione della fattura o della bolletta”.

Posted in Economia, Spazio aperto | Tagged: , , , | Leave a Comment »

Rifarsi il seno all’estero

Posted by fidest on Sunday, 1 March 2015

bisturi tripLi chiamano “bisturi trip” e sono quei viaggi fatti con l’obiettivo di sottoporsi a operazioni di chirurgia estetica in Paesi in cui i costi degli interventi sono minori rispetto a quello d’origine. Dall’Italia in molti, soprattutto gli anni scorsi, hanno fatto le valigie per farsi un lifting o un aumento del seno in Croazia, Brasile, Marocco, Indonesia, Thailandia e Africa del Nord. «Operarsi in un altro Paese potrebbe sembrare una buona occasione per fare un lifting o regalarsi un nuovo décolleté, lontano da occhi indiscreti e senza dover dare troppe spiegazioni in ufficio. Tuttavia ci sono aspetti che conviene valutare con attenzione: è un problema che mi riguarda da vicino in quanto l’Isaps, l’associazione che raccoglie professionisti di 94 Paesi, lo ha spesso affrontato» afferma Gianluca Campiglio, segretario dell’International Society of Aesthetic Plastic Surgery (Isaps), la più grande associazione al mondo di chirurgia estetica, e autore del libro “Mi voglio così”, in cui parla di aspetti meno noti della chirurgia estetica che tutti i pazienti dovrebbero conoscere.
Ci sono alcune domande che chi decide di partire per un bisturi trip dovrebbe porsi. Ecco le principali. Anzitutto, sei sicuro che l’intervento a cui vuoi sottoporti sia il più adatto a te? «Può succedere che il paziente si presenti con l’idea di fare una liposuzione, mentre in realtà l’intervento giusto per il suo caso è un’addominoplastica. Solo il chirurgo estetico può stabilire quale è la procedura più adatta, ma deve anche verificare che le aspettative del paziente siano realistiche, spiegando quali miglioramenti possono dare gli interventi» spiega Campiglio. Definito l’intervento da fare, sono chiare le possibili complicazioni? «È necessario che il medico informi su tutte le conseguenze in termini di cicatrici, ricovero e rischi – spiega l’autore di “Mi voglio così” -. A questo punto è bene che il paziente rifletta con calma sulla sua decisione, senza la pressione di un volo di ritorno da prendere: la sicurezza del paziente è una priorità. Altro quesito determinante è: il chirurgo a cui mi sto rivolgendo è qualificato? Andare in Paesi del Terzo Mondo per sottoporsi a un intervento estetico significa, il più delle volte, affidarsi a un perfetto sconosciuto senza alcuna garanzia di professionalità. È necessario invece verificare che abbia fatto studi apposite e che abbia esperienza nell’intervento che stai considerando ».Ci sono poi gli aspetti pratici, a cominciare dalla comprensione reciproca: il chirurgo e il suo staff parlano in modo fluente una lingua che conosci? «Far capire quello che si vuole in chirurgia estetica non è facile, quindi è bene che la lingua non sia un ostacolo, altrimenti aspettatevi complicazioni». È bene poi assicurarsi che la clinica sia accreditata e che usi materiali di qualità. «Bisogna avere sufficienti garanzie sui materiali utilizzati e sulle strutture sanitarie in cui si è operati – dice -. Non sempre gli standard sono quelli garantiti dalle case di cura italiane. Altro punto da considerare: dove starai dopo l’intervento? Nel post-operatorio, viaggiare troppo presto aumenta il rischio di embolia polmonare e di trombosi. Non pensate neanche di operarvi e poi godervi il mare o visitare il posto: sono pochissimi i trattamenti di chirurgia estetica che hanno una convalescenza così breve da consentire di andare in spiaggia o per musei dopo appena 24-48 ore».Chiedetevi anche cosa succederebbe in caso di complicazioni nel post intervento? «Anche se la chirurgia è fatta bene, le complicazioni non sono mai da escludere, ma pensate a quale dottore vi assisterà in caso di complicazioni e a chi pagherà per un intervento secondario o una revisione. Per non parlare del caso in cui si andasse in Tribunale, con tutte le complicazioni di una causa internazionale» aggiunge il chirurgo plastico milanese. Last but not least: conviene davvero operarsi all’estero? «Considerate i costi totali, incluso il viaggio, il soggiorno e anche i possibili rischi e poi valutate il da farsi. Oggi i prezzi della chirurgia plastica in Italia sono diminuiti rispetto a qualche anno fa, le cliniche devono garantire standard altissimi e ci sono professionisti altamente qualificati a cui rivolgersi, sempre assicurandosi che si tratti di un vero specialista in chirurgia plastica. Non dimenticate che in gioco c’è il bene più importante, ossia la propria salute» conclude Campiglio.
Gianluca Campiglio. Medico chirurgo specialista in Chirurgia plastica e Microchirurgia a Milano, durante gli anni ’90 ha partecipato alla messa a punto della prima pelle artificiale in Italia a partire da cellule staminali adulte. È autore di oltre 100 pubblicazioni riguardanti la Chirurgia plastica ricostruttiva e la Chirurgia estetica su riviste mediche in lingua italiana e inglese. Dal 1990 al 2001 ha lavorato nella Divisione di Chirurgia plastica e Centro Ustioni dell’Ospedale Niguarda e successivamente come consulente in diversi ospedali pubblici e privati di Milano. Dal 2007 si occupa di chirurgia estetica dedicandosi con serietà e professionalità alla cura dei difetti estetici del viso e del corpo sia congeniti che conseguenti a invecchiamento, gravidanza, dimagrimento o aumento del peso corporeo.
(foto campiglio)

Posted in Medicina, Spazio aperto | Tagged: , , , | Leave a Comment »

Wuaki.tv è arrivato anche in Italia

Posted by fidest on Sunday, 1 March 2015

Wuaki.tv_logoWuaki.tv, il principale servizio europeo di video on demand e parte del colosso giapponese di e-commerce Rakuten, ha presentato ufficialmente la propria piattaforma al grande pubblico.
Wuaki.tv sarà poi il primo operatore a proporre nel nostro paese lo streaming di contenuti in formato 4K ultra definizione (UHD) con una selezione di titoli blockbuster della casa di produzione cinematografica Paramount.
Il catalogo presenta migliaia di titoli e gli utenti potranno godere dell’intrattenimento digitale di Wuaki.tv su varie tipologie di dispositivi, tra cui PC, laptop, console XBOX 360, XBOX ONE, tablet, iPhone, smartphone Android, Chromecast e Smart TV di LG, Samsung e Panasonic.
Wuaki.tv è leader di mercato in Spagna e opera già in paesi quali Regno Unito, Francia e Germania, contando più di 2 milioni di utenti registrati. Il piano di espansione non si ferma con il lancio del servizio in Italia, ma la società prevede il coinvolgimento di altri 15 Paesi entro la fine del 2015.

Posted in Cronaca, Economia | Tagged: , , , | Leave a Comment »

Francesca Dego e Domenico Nordio in concerto

Posted by fidest on Sunday, 1 March 2015

francescaRoma mercoledì 4 marzo alle 18.00 nell’Auditorium “Ennio Morricone” della Facoltà di Lettere e Filosofia (via Columbia 1) per la stagione di concerti dell’Università di Roma Tor Vergata, con l’organizzazione artistica di Roma Sinfonietta, il contributo del Mibact e il sostegno della Banca di Credito Cooperativo di Roma. In programma musiche di Prokofiev, Berio, Ysaÿe e Haendel. Francesca Dego e Domenico Nordio hanno dato vita a questo duo per riscoprire il ricco patrimonio di musiche per due violini, raramente eseguite proprio perché sono pochissime le formazioni strumentali di questo tipo. È dunque preziosa l’occasione offertaci da questi due eccellenti violinisti italiani.Francesca Dego, oggi venticinquenne, ha debuttato da solista a soli sette anni in California con un concerto di Bach. Ora si esibisce con le più importanti orchestre ed è regolarmente ospite di prestigiosi auditoirum in tutto il mondo, come Royal Albert Hall di Londra, Oriental Arts Center di Shanghai, NCPA di Pechino, Sala Ciajkovskij a Mosca. A seguito dell’immediato successo del suo disco di debutto per Deutsche Grammophon con i Capricci di Paganini, la prestigiosa casa discografica tedesca le ha offerto di incidere l’integrale delle sonate di Beethoven, di cui sono già usciti i primi cd, accolti in modo lusinghiero da pubblico e critica. Suona un prezioso violino Francesco Ruggeri del 1697 e il Giuseppe Guarneri del Gesù ex-Ricci del 1734.Domenico Nordio si è affermato in una significativa carriera internazionale a partire dal 1988, quando vinse il Gran Premio dell’Eurovisione, che gli diede immediata popolarità grazie alla finale trasmessa in diretta televisiva in tutta Europa. Si è esibito alla Carnegie Hall di New York, alla Salledomenico Pleyel di Parigi, al Teatro alla Scala di Milano, al Barbican Center di Londra e alla Suntory Hall di Tokyo. Ha suonato con le migliori orchestre, come la London Symphony, la National de France, l’Orchestra dell’Accademia di Santa Cecilia. Ha inciso per Decca e ora incide in esclusiva per Sony Classical.Il concerto si apre con la Sonata op. 56 del 1932 di Sergej Prokofiev, che qui alterna i modi “barbarici” del suo primo periodo e il suo nuovo stile più semplice e lirico. Seguono diciassette dei ventidue Duetti di Luciano Berio, ognuno di quali è dedicato a un artista da lui ammirato o ad un amico. Si continua con la Sonata per due violini del belga Eugène Ysaÿe, uno dei più grandi violinisti degli anni a cavallo tra Ottocento e Novecento ed eccellente compositore. In conclusione si fa un salto all’indietro di due secoli per ascoltare una delle composizioni più celebri di uno dei maggiori musicisti barocchi: è la Passacaglia di Georg Friedrich Haendel, trascritta dal norvegese Johan Halvorsen. Biglietti E. 10,00, Ridotti E. 8,00, Studenti E. 5,00 in vendita all’Auditorium Ennio Morricone prima del concerto. (Mauro Mariani) (foto: francesca,domenico)

Posted in Cronaca, Roma, Università | Tagged: , , , | Leave a Comment »

Rubbettino ripubblica “Zefira”, il romanzo profetico dell’autore di “Anime Nere”

Posted by fidest on Sunday, 1 March 2015

criacoSe Gioacchino Criaco, autore del best seller “Anime nere” (dal quale è stato tratto l’applaudissimo film omonimo), l’avesse scritto oggi, “Zefira” sarebbe apparso ai più come una cronaca romanzata degli ultimi anni di vita politica e civile calabrese di cui il “caso” Lanzetta rappresenta solo uno degli ultimi episodi.
Peccato che Criaco quel libro l’abbia scritto sei anni fa, subito dopo “Anime Nere”, e quella storia oggi appare una sorta di nera profezia. Nel libro corrotti e corruttori si confondono, mafia e antimafia camminano a braccetto, e i paladini dell’antimafia usano la lotta alla criminalità come strumento di autoaffermazione personale se non come grimaldello contro i propri avversari politici… Così a Zefira, luogo immaginario (ma non troppo) della Calabria ionica, il bene e il male finiscono per non essere distinti come ci piace credere. Se in “Anime nere” ci si sorprendeva a scoprire come quei ragazzi dell’Aspromonte fossero più simili a noi di quanto ci facesse comodo immaginare, qui in “Zefira” coloro che dovrebbero essere “i buoni” sono spesso peggiori dei “cattivi”, con l’aggravante di un pesante velo di ipocrisia che annebbia e confonde le cose, come lo zefiro, quel venticello che appare così innocuo eppure nasconde sempre delle insidie per i naviganti, tanto da essere guardato con sospetto dai Greci che vennero ad abitare in questo lembo di terra. E se il lettore dovesse individuare tra le pagine di questo libro personaggi e situazioni a lui note, non se ne stupisca, talvolta la verità trascende la fantasia.
Gioacchino Criaco è nato ad Africo, ai piedi dell’Aspromonte. È autore di Anime nere dal quale è stato tratto l’omonimo film diretto da Francesco Munzi e American Taste

Posted in Cronaca, Recensioni | Tagged: , , , | Leave a Comment »

45.000 aziende sono passate a Veeam Availability Suite

Posted by fidest on Sunday, 1 March 2015

datacenter1Veeam® Software, innovativo fornitore di soluzioni per l’alta disponibilità dei Data Center Moderni (Availability for the Modern Data Center™), annuncia che la fase iniziale dell’adozione da parte dei clienti di Veeam Availability SuiteTM v8 ha superato tutte le aspettative. Nel periodo precedente al lancio sul mercato, si è registrato l’interesse di 30.000 aziende per la soluzione, comprovando la crescente esigenza di disporre dell’Always-On Business™. Nei primi 90 giorni dalla release più del 36% degli attuali clienti Veeam (45.000) ha completato l’aggiornamento di Veeam Availability Suite v8. Per di più, il vasto interesse per la soluzione è stato elevatissimo, dato che clienti, prospect e partner hanno scaricato il file a un ritmo superiore a 1.200 download al giorno.
Le caratteristiche e i benefici considerati migliori sono risultati essere Veeam ExplorerTM per Microsoft Active Directory (21%), i miglioramenti apportati a Veeam Explorer per Microsoft Exchange (19%), Veeam Explorer per Microsoft SQL Server (18%) e gli aggiornamenti per la replica dei dati (17%). Secondo una nostra recente ricerca, l’82% dei CIO riconosce di non poter assecondare la necessità, dettata dal loro business, di un accesso istantaneo e always-on ai servizi IT. Questo gap di disponibilità ha delle conseguenze economiche immediate: l’arresto delle applicazioni costa alle aziende più di $2 milioni all’anno tra perdita di ricavi, produttività, opportunità e perdita irrimediabile di dati a causa del cattivo funzionamento dei sistemi di backup. Veeam Availability Suite v8 colma il gap di disponibilità fornendo ai clienti un nuovo modello di soluzione, una soluzione di disponibilità di dati, che garantisce tempi di rispristino e point objectives (RTPOTM) inferiori a 15 minuti per tutte le applicazioni e i dati.Con più di 200 nuove funzioni e aggiornamenti, Veeam Availability Suite v8 ottimizza le tecnologie del data center moderno: virtualizzazione, moderna archiviazione dei dati e cloud. La soluzione fornisce 5 funzionalità chiave che rendono possibile l’Always-On Business:
· Ripristino ad alta velocità: ripristino veloce di ciò che si vuole nella maniera prescelta dal cliente. Per esempio, l’utente può ripristinare con rapidità e facilità da Microsoft Exchange, Microsoft SharePoint, NetApp e HP le storage snapshots con Veeam Explorers™
· Eliminazione della possibilità della perdita dei dati: protezione dei dati quasi senza interruzioni e disaster recovery ottimizzato. Per esempio, gli utenti possono creare in pochissimo tempo dei backup da NetApp e HP storage snapshots con accelerazione WAN integrata per ottenere dei backup off site con una velocità fino a 50 volte superiore. Inoltre, si possono creare dei cloud backup veloci e sicuri con Veeam Cloud Connect come anche una crittografia end-to-end che protegge i dati durante il backup nei periodi di attività e inattività.
· Protezione certa: ripristino garantito per ogni file, applicazione o server virtuale, in ogni occasione.
· Ottimizzazione dei dati: utilizzo del backup dei dati per creare una copia esatta dell’ambiente di produzione.
· Completa visibilità: monitoraggio proattivo e segnalazione dei problemi prima che questi possano inficiare le attività.

Posted in Cronaca, Economia | Tagged: , , , | Leave a Comment »

Detrazioni fiscali sulla casa 2015: scheda pratica dell’Aduc

Posted by fidest on Sunday, 1 March 2015

tassePer il 2015 sono state confermate le detrazioni fiscali sugli interventi edilizi, sia quella del 65% sugli interventi di riqualificazione energetica sia quella del 50% sulle ristrutturazioni e il bonus arredi collegato.E’ stata la Legge di Stabilità 2015 a modificare le norme che invece prevedevano che per il 2015 ambedue subissero una riduzione, la prima dal 65 al 50% e la seconda dal 50 al 40%.Viene confermato che la detrazione del 65% rimarrà tale anche per gli interventi relativi a parti comuni condominiali. Inoltre, in aggiunta a quanto previsto per il 2014 la detrazione riguarderà:
– l’acquisto e la messa in opera di schermature solari effettuati nel 2015, per un massimo della detrazione di 60.000 euro. Nella categoria rientrano (si veda l’allegato M del D.lgs.311/2006) le tende esterne, le chiusure oscuranti, i dispositivi di protezione solare in combinazione con vetrate.
– l’acquisto e la posa in opera di impianti di climatizzazione invernale con impianti dotati di generatori di calore alimentati da biomasse combustibili, sostenute nel 2015 fino ad un valore massimo della detrazione di 30.000 euro.
Si ricorda anche che riguardo alla detrazione del 65% dal 13/12/2014 e’ abrogato l’obbligo, in caso di lavori pluriennali, della comunicazione all’Agenzia delle entrate.
Per quanto riguarda le ristrutturazioni edilizie e’ confermata per tutto il 2015 sia la detrazione del 50% sia quella più alta (del 65%) nel caso di lavori per l’adozione di misure antisismiche effettuati su immobili posti in zone ad alta’ pericolosità sismica adibiti ad abitazione principale o ad attività produttiva.Da citare anche, pur se ininfluente per chi fruisce delle detrazioni, l’innalzamento dal 4 all’8% della ritenuta che le banche (o la posta) trattengono sui bonifici a titolo di acconto sulle imposte dovute dalle imprese che svolgono i lavori.
In ambito diverso rappresenta una totale novità l’introduzione di una deduzione fiscale (dal reddito complessivo dichiarato) pari al 20% applicabile nel caso di acquisto di immobile residenziale avvenuto negli anni dal 2014 al 2017 con destinazione dello stesso in affitto entro sei mesi per un periodo minimo di otto anni. L’immobile deve avere determinate caratteristiche (tra cui la classe energetica A o B) così come il rapporto di affitto (il canone ha dei limiti e l’inquilino non può essere un parente di primo grado). Tutto dovrà essere specificato in un decreto ministeriale di prossima emissione.
Un’ultima precisazione sull’Iva applicabile alle ristrutturazioni edilizie: non e’ stata ripresa nella Legge di Stabilità 2015 la normativa precedentemente già stralciata che la portava dal 10% al 4% (Sblocca Italia, Dl 133/2014). L’iva quindi rimane al 10%.(Rita Sabelli, responsabile Aduc per l’aggiornamento normativo)

Posted in Cronaca, Economia | Tagged: , , , | Leave a Comment »

A Modica la prima tappa del Med Photo Fest 2015, la manifestazione internazionale dedicata all’arte fotografica

Posted by fidest on Sunday, 1 March 2015

modicaL’Associazione culturale Onlus Mediterraneum di Catania, con il patrocinio e il supporto di istituzioni pubbliche e private tra cui il Gruppo fotografico Luce Iblea di Scicli e la Fondazione Giovan Pietro Grimaldi di Modica, organizza la settima edizione del Med Photo Fest, una manifestazione culturale dedicata alla fotografia d’autore, che si svolgerà tra Catania, Modica, Scicli, Noto, Siracusa, dal 16 ottobre al 22 novembre 2015. Si tratta dell’unica manifestazione di valenza internazionale organizzata in Sicilia, nonché una delle pochissime nel meridione d’Italia.Tra i momenti clou del festival, vi sarà la cerimonia di consegna del Premio Mediterraneum per la Fotografia, che quest’anno sarà conferito a Mario Cresci, uno dei maestri internazionali del rinnovamento teorico e pratico dell’immagine attraverso un approccio multidisciplinare e basato su diversi linguaggi espressivi. Varie le tematiche delle sue opere: dagli slittamenti di senso, alle variazioni; dalle analogie al rapporto con il paesaggio e i luoghi dell’arte. Nelle passate edizioni il premio è stato assegnato a Ferdinando Scianna (2009), Gianni Berengo Gardin (2010), Franco Fontana (2011), Giuseppe Leone (2012), Nino Migliori (2013) e Piergiorgio Branzi (2014).La manifestazione prevede un fitto calendario di eventi, incontri, dibattiti, mostre e workshop nei vari comuni della Sicilia sud orientale e a Malta, che precederanno e prepareranno il festival vero e proprio, “spalmati” da marzo a ottobre. Il primo di questi eventi si svolgerà a Modica, sabato 7 marzo alle ore 17,30 nel Palazzo Grimaldi, con l’inaugurazione della mostra fotografica di Vittorio Graziano, direttore del Med Photo Fest, dal titolo “La Thonet delle Eumenidi” visitabile fino al 21 marzo.«Il Med Photo Fest – spiega Vittorio Graziano – è un evento culturale dedicato all’arte fotografica con specifico riferimento alla fotografia d’autore, che nel giro pochissimi anni si è imposto all’attenzione degli esperti del settore, ritagliandosi un suo spazio nel panorama nazionale dei festival e dei grandi eventi inerenti tale forma d’arte che, grazie anche alla facilità di accesso alle nuove tecnologie digitali, è seguita sempre più dal pubblico, soprattutto da giovani e in grande maggioranza donne».Da 16 ottobre al 22 novembre, inoltre, si svolgeranno mostre personali e collettive, dibattiti e seminari culturali e tecnici, con la partecipazione di noti esponenti della comunicazione visiva e fotografica, spazi dedicati all’editoria fotografica, workshop tenuti da professionisti del settore, presentazione e lettura dei portfolio degli autori emergenti (più info sulla pagina Facebook Med Photo Festival). Previsti anche week end dedicati allo shooting fotografico per realizzare reportage sulla Sicilia sud orientale con la guida di affermati professionisti.

Posted in Cronaca, Recensioni, Viaggia | Tagged: , , , | Leave a Comment »

Eutanasia negli ospedali?

Posted by fidest on Sunday, 1 March 2015

Paola ricci sindoni“A nome di chi parla l’anonimo caposala dell’ospedale Careggi di Firenze, secondo cui nei reparti del nosocomio toscano l’eutanasia sarebbe una prassi praticata diffusamente e silenziosamente? Non certo a nome delle migliaia di medici e infermieri italiani che ogni giorno, questi sì silenziosamente e senza rilasciare interviste anonime, si prodigano affinché i malati, i lungodegenti, i disabili gravissimi, possano essere assistiti e curati secondo i migliori standard sanitari”, commenta Paola Ricci Sindoni, Presidente nazionale dell’Associazione Scienza & Vita. “Assistiamo a un rinnovato e pretestuoso attacco dei media sulla legge relativa al fine vita, in cui si mira a confondere la legittima astensione dall’accanimento con pratiche eutanasiche non giustificabili. Un pressing in cui non ci si fa scrupolo di utilizzare dichiarazioni che non solo lasciano sconcertati i privati cittadini, che si chiedono in quali mani possano finire una volta ricoverati, ma che dovrebbero mettere in allerta la magistratura, stante l’evidenza della configurazione di reati”. “Ci chiediamo inoltre quale sia la posizione degli ordini professionali coinvolti: davvero accettano di essere appiattiti in un generico ‘così fan tutti’ che, poco onorevolmente, li etichetta come inqualificabili? Il Giuramento di Ippocrate e quello dell’Infermiere non sono facoltativi, ma elementi essenziali e distintivi di uomini e donne che si mettono al servizio di altri per aiutarli a vivere, non a morire”.

Posted in Cronaca, Medicina | Tagged: , , , | Leave a Comment »

 
Follow

Get every new post delivered to your Inbox.

Join 1,243 other followers