Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 28 n° 340

Posted by fidest press agency su lunedì, 22 luglio 2013


logo-fidest-jpgI lanci d’agenzia della fidest sono visibili su:

https://fidest.wordpress.com 

https://www.facebook.com/

https://twitter.com riccardo alfonso

http://www.linkedin.com/home?goback= 

La Fidest è un’agenzia stampa a diffusione gratuita.

Il direttore della Fidest pubblica i suoi libri su Amazon

http://www.amazon.it/Libri/s?ie=UTF8&field-author=Riccardo%20Alfonso&page=1&rh=n%3A411663031%2Cp_27%3ARiccardo%20Alfonso 

E i suoi editoriali e articoli di fondo

https://www.google.com/bookmarks/ 

Posted in Fidest - interviste/by Fidest | Contrassegnato da tag: , , , | 1 Comment »

The Bass Gang, da Mozart a Mina, da Verdi a Elvis

Posted by fidest press agency su domenica, 4 dicembre 2016

bass-gangRoma mercoledì 7 dicembre 2016 alle 18.00 ai concerti di Roma Sinfonietta presso l’Università degli Studi di Roma “Tor Vergata” (Auditorium “Ennio Morricone” della Macroarea di Lettere e Filosofia in via Columbia 1) i quattro contrabbassi in libertà di The Bass Gang meeting. In questo concerto, intitolato “Contrabbassando dai classici dei classici ai classici del rock”, uno strumento apparentemente goffo e serioso come il contrabbasso dimostrerà la sua agilità e il suo spirito, passando dai grandi classici ai grandi del rock. Il repertorio di The Bass Gang va da Mozart e Beethoven a Verdi e Bizet, da Gershwin e Glen Miller a Teodorakis e Piazzolla, da Elvis Presley e Mina ai Procul Harum e ai Blues Brothers e ancora canzoni napoletane, musica tradizionale sudamericana e giapponese e ancora e ancora… E’ durante il concerto stesso che, a seconda della situazione, di volta in volta viene scelto il programma che verra’ suonato. I componenti di The Bass Gang, che con le sue tournée si è spinta fino in Cina e in Giappone, sono quattro dei migliori contrabbassisti italiani, uniti dall’amicizia e dalla voglia di divertirsi: Antonio Sciancalepore è primo contrabbasso solista dell’Orchestra dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia, Andrea Pighi fa parte anche lui di quella stessa orchestra, Alberto Bocini è stato per quindici anni primo contrabbasso dell’Orchestra del Maggio Musicale Fiorentino e ora si dedica all’attività di solista a livello internazionale e all’insegnamento, Amerigo Bernardi è primo contrabbasso sia dell’Orchestra del Maggio Musicale Fiorentino che della Mahler Chamber Orchestra.

Posted in Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Roma/about Rome, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Roberto Saviano incontra i lettori

Posted by fidest press agency su domenica, 4 dicembre 2016

savianoModena domenica 4 dicembre, alle 17.30 Saviano presenta il libro al BPER Forum Monzani di Modena (via Aristotele 33). Si è ispirato a fatti reali, alla storia della paranza dei bambini di Forcella, Roberto Saviano per dar voce a quei ragazzini in scooter che sfrecciano contromano alla conquista di Napoli nel suo nuovo romanzo “La paranza dei bambini”, pubblicato da Feltrinelli.
Dieci ragazzini in scooter sfrecciano contromano alla conquista di Napoli. Quindicenni dai soprannomi innocui – Maraja, Pesce Moscio, Dentino, Lollipop, Drone – scarpe firmate, famiglie normali e il nome delle ragazze tatuato sulla pelle. Adolescenti che non hanno domani e nemmeno ci credono. Non temono il carcere né la morte, perché sanno che l’unica possibilità è giocarsi tutto, subito. Sanno che “i soldi li ha chi se li prende”. E allora, via, sui motorini, per andare a prenderseli, i soldi, ma soprattutto il potere.
La paranza dei bambini narra la controversa ascesa di una paranza – un gruppo di fuoco legato alla Camorra – e del suo capo, il giovane Nicolas Fiorillo. Appollaiati sui tetti della città, imparano a sparare con pistole semiautomatiche e AK-47 mirando alle parabole e alle antenne, poi scendono per le strade a seminare il terrore in sella ai loro scooter. A poco a poco ottengono il controllo dei quartieri, sottraendoli alle paranze avversarie, stringendo alleanze con vecchi boss in declino. Roberto Saviano entra implacabile nella realtà che ha sempre indagato e immerge i lettori nell’autenticità di storie immaginate con uno straordinario romanzo di innocenza e sopraffazione. Crudo, violento, senza scampo. (foto: saviano)

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Mostra d’arte contemporanea a Spilimbergo

Posted by fidest press agency su domenica, 4 dicembre 2016

ventoso-paesaggioLa mostra sara’ aperta il 15 dicembre 2016 presso la “Quadreria T. Zancanaro” del Palazzo La Loggia, piazza Duomo a Spilimbergo. L’iniziativa è svolta a raccogliere fondi a favore delle attività di rieducazione delle persone disabili del progetto Spilimbergo e a sostegno di una qualificata offerta formativa della scuola Materna di Tauriano. Manifestazione curata tra gli altri dal presidente Cesare Serafino, Gruppo giovani pittori spilimberghesi. Artisti, operatori culturali, giornalisti, scrittori, critici d’arte, che hanno aderito all’iniziativa della mostra d’arte contemporanea “MANS TA LIS MAN”.
Tra questi è stato invitato anche il noto incisore Carlo Iacomucci nativo di Urbino ma di adozione maceratese. Impossibile elencare in poche righe le tante mostre, i tanti riconoscimenti ottenuti da Iacomucci a partire dai primi anni 70 ad oggi.
Le sue opere scandiscono il suo percorso artistico articolato in molteplici forme e tecniche espressive, ma sempre saldamente ancorato alla radice intima e profonda dell’incisione nata artisticamente all’Istituto Statale d’arte , meglio noto come Scuola del Libro di Urbino.Segnaliamo inoltre anche il suo impegno culturale come docente dal 1973 al 2008 di Discipline Pittoriche all’Accademia di Belle Arte di Lecce, al Liceo Artistico di Varese ed all’Istituto d’Arte di Macerata. (foto: Ventoso paesaggio)

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Vendite al dettaglio: si fermano i consumi

Posted by fidest press agency su domenica, 4 dicembre 2016

ConsumiNel terzo trimestre 2016, sulla base dell’indagine VenetoCongiuntura, le vendite al dettaglio hanno evidenziato una situazione di stabilità rispetto al corrispondente periodo del 2015. Rispetto al trimestre precedente l’indice destagionalizzato ha invece registrato una diminuzione del -1,4% (-1,6% il dato congiunturale grezzo). La rilevazione trimestrale è realizzata da Unioncamere del Veneto in collaborazione con Confcommercio Veneto condotta su un campione di 761 imprese con almeno 3 addetti (www.venetocongiuntura.it).«I dati ondivaghi che intercettavamo dalla precedente rilevazione si sono purtroppo rivelati negativi nell’ultima trimestrale sul commercio. I consumi si sono fermati e, a leggere i numeri, tengono solo i beni di primaria necessità come l’alimentare – commenta Giuseppe Fedalto, presidente di Unioncamere Veneto –. In questo contesto trova purtroppo conferma la difficoltà dei piccoli esercizi che soffrono il confronto con le grandi strutture commerciali, tra l’altro le uniche a mantenere positivo il saldo occupazionale. Alle porte del Natale si intravede una moderata fiducia da parte degli imprenditori, anche se tradizionalmente si tratta di iniezioni sporadiche che tendono ad esaurirsi con il cessare delle festività».La dinamica delle vendite è ascrivibile alla variazione negativa del fatturato del commercio al dettaglio non alimentare (-1,1%), bilanciata dall’andamento positivo dei supermercati, ipermercati e grandi magazzini (+0,7%) e del commercio al dettaglio alimentare (+0,6%). Sotto il profilo dimensionale, le vendite hanno mostrato performance negative per gli esercizi di piccola dimensione (-1,8%) mentre le strutture di medie e grandi dimensioni hanno registrato una tendenza positiva del +0,5%. «Come avevo dichiarato in merito ai dati dello scorso trimestre, i segnali di ripresa della domanda delle famiglie emersi ad agosto non sono stati confermati in questo terzo trimestre, che vede i consumi ancora fermi al palo – dice il presidente di Confcommercio Veneto Massimo Zanon -. In questi ultimi tre mesi si consolida, insomma, un atteggiamento molto prudente sia delle famiglie che delle imprese. Contro l’immobilismo, e per ritrovare competitività, è indispensabile che le imprese, di tutti i settori economici, agiscano insieme facendo sistema e collaborando tra loro».I prezzi di vendita hanno segnato un lieve aumento (+0,1%) invertendo la tendenza del trimestre precedente (-0,1%). Per quanto riguarda i gruppi merceologici, i prezzi sono risultati in aumento per il commercio al dettaglio non alimentare (+0,5%) e per quello alimentare (+0,2%). Variazione leggermente in calo per supermercati, iper e grandi magazzini (-0,1%). A livello dimensionale leggero aumento del +0,5% per gli esercizi di piccola superficie mentre medie e grandi aree commerciali hanno registrato indicatori stabili. Gli ordinativi, dopo il -0,3% del trimestre precedente, sono tornati a crescere del +0,6%. La principale variazione positiva è ascrivibile principalmente alla dinamica dei supermercati, iper e grandi magazzini (+2,1%), seguiti dal commercio al dettaglio alimentare (+0,2%), mentre il commercio non alimentare ha registrato un trend negativo del -1,4%. Indicatori in aumento per medie e grandi superfici (+1,5%), mentre le aree commerciali più piccole hanno registrato una flessione del -2,3%. L’occupazione ha registrato un aumento del +1,6% su base annua, confermando la dinamica positiva dello scorso trimestre (+0,7%). Sono principalmente i supermercati, iper e grandi magazzini a sostenere l’occupazione (+3,3%), a fronte del commercio al dettaglio non alimentare e alimentare dove si è registrato un calo rispettivamente del -0,5% e del -0,1%. Le aree di media e grande dimensione hanno registrato un aumento del +2,8% a fronte della dinamica delle strutture di piccola dimensione che hanno segnato una variazione negativa del -1%.
In lieve miglioramento il clima di fiducia degli imprenditori per i prossimi tre mesi. Il saldo tra chi prevede un aumento e chi una diminuzione del volume d’affari torna positivo con +1,6 punti percentuali (era -17,2 p.p. del trimestre precedente). Migliora anche il saldo degli ordini che, pur rimanendo negativo, risale a -4,7 p.p. (era -22 p.p. precedente). Peggiora invece il saldo dell’occupazione che si attesta a -5,4 p.p. contro il -3,7 p.p. precedente, mentre sul versante dei prezzi di vendita gli imprenditori si aspettano un aumento del +1,6 p.p. rispetto alle previsioni in ribasso dello scorso trimestre (-5 p.p.).

Posted in Cronaca/News | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

“Farmacisti esperti di infezioni in corsia, i risultati del progetto Antimicrobial Stewardship”

Posted by fidest press agency su domenica, 4 dicembre 2016

Interno farmacia

La presenza di farmacisti ospedalieri esperti di infezioni in corsia non solo porta vantaggi organizzativi ma anche economici. La prova arriva dal progetto “Antimicrobial stewardship” di SIFO, la Società italiana dei farmacisti ospedalieri e dei servizi farmaceutici delle Aziende sanitarie, che si è svolto nel corso dell’ultimo anno. Il progetto, lanciato lo scorso anno dal congresso di Catania, si è concretizzato nel 2016 e in queste ultime settimane sono arrivati i risultati. Oggi sono stati presentati al XXXVII Congresso nazionale SIFO in corso a Milano. Il progetto ha coinvolto 12 farmacisti (sei borsisti e sei tutor) che dall’autunno scorso hanno trascorso 12 mesi di lavoro in sei centri ospedalieri: a Torino, Milano, Alto Vicentino di Thiene (Vicenza), Ferrara, Sassari e Acquaviva delle Fonti (Bari). Dopo aver svolto un corso di formazione, questi professionisti hanno lavorato come farmacisti di reparto e, in collaborazione con i medici, hanno monitorato l’andamento dei casi di infezioni verificatisi durante i ricoveri in ospedale, occupandosi in particolare di gestire l’impiego dei farmaci antifungini e antimicrobici, controllando la preparazione, la scelta delle terapie, l’appropriatezza e anche le scorte. Il tutto facendo riferimento alle linee guida dei singoli ospedali.
I RISULTATI – Complessivamente, i farmacisti coinvolti nel progetto (tra i tutor c’erano esperti SIFO ma anche di altre enti e microbiologi di rilievo) hanno esaminato 3.294 cartelle cliniche. Il loro lavoro ha fatto registrare, negli ospedali in cui hanno operato, un aumento medio del 42% nello switch dalla terapia antibiotica iniettabile a quella orale; un miglioramento del 5% nella correzione della posologia, una riduzione del 34% delle scorte di farmaci nell’armadio di reparto; un aumento del 4% delle segnalazioni di allergie e un aumento del 275% nella rilevazione delle reazioni avverse ai farmaci, quindi un vero e proprio ‘boom’ di quella che viene definita farmacovigilanza attiva. Si è registrato, infine, un miglioramento anche nella preparazione dei farmaci e antibiotici in reparto.
Il progetto non lascia dubbi sui benefici che la presenza di un farmacista esperto di infezioni presente in reparto può portare, sia dal punto di vista organizzativo che economico. Del resto, il progetto “Antimicrobial stewardship” è nato proprio con l’obiettivo di portare un risparmio dato da una miglior gestione organizzativa, oltre che di dare un contributo al contrasto della diffusione delle farmaco-resistenze, spesso conseguenza dell’utilizzo non appropriato di un antibiotico per la cura di un’infezione. Il fenomeno, che si sta diffondendo sempre più in Italia, è molto preoccupante dal punto di vista sanitario, sia in termini clinici che economici, ed è ormai al centro dell’attenzione e del confronto tra esperti a livello nazionale e internazionale. SIFO, inoltre, si prefiggeva anche di migliorare l’assistenza per i pazienti, offrendo loro la terapia migliore e più appropriata.
ARRIVA IL MANUALE FORMATIVO – “L’ottimizzazione dell’uso degli antibiotici ha il triplice obiettivo di migliorare il percorso assistenziale nei confronti del paziente e quindi anche l’esito del trattamento, garantire una terapia che risponda ai criteri di costo-efficacia, e ridurre gli effetti avversi dei farmaci stessi, oltre che prevenire l’insorgenza di resistenze indesiderate alle terapie antibiotiche”, afferma Piera Polidori, vicepresidente SIFO e responsabile del progetto. “I programmi ospedalieri di gestione degli antimicrobici, proprio come quello che abbiamo sperimentato in questa esperienza ‘pilota’, sono pertanto elementi necessari per l’attuazione di una politica degli antibiotici nelle strutture assistenziali” Ora, dal progetto, verranno realizzate una serie di schede formative, che insieme ai risultati confluiranno in un manuale formativo sulla tematica delle infezioni, in uscita all’inizio del 2017. La SIFO sostiene fortemente progetti volti al miglioramento costo-efficacia della gestione del le terapie grazie all’intervento del farmacista clinico/di dipartimento.
Il progetto dedicato all’Antimicrobial stewardship di SIFO prendeva le mosse dal precedente progetto del ‘Farmacista di dipartimento’ in ambito oncologico, che cinque anni fa ha visto la Società dei farmacisti al lavoro, in collaborazione con il ministero della Salute, per promuovere la figura del farmacista di reparto esperto in oncologia.
La società scientifica SIFO, che conta oltre 3.000 iscritti, raccoglie la quasi totalità dei farmacisti pubblici dipendenti dal Servizio sanitario nazionale e quelli dipendenti dalle strutture ospedaliere private. Sono i farmacisti ospedalieri che, dopo un percorso universitario di base e un periodo di specializzazione che nell’insieme durano circa nove anni, si occupano di seguire il processo di acquisto, gestione e distribuzione di tutti i beni farmaceutici, per assicurare ai pazienti un’assistenza farmaceutica sicura, appropriata ma anche sostenibile per il Sistema sanitario nazionale. E dalle loro mani passa la stragrande maggioranza della spesa sanitaria nazionale.

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Scorporare dal Patto di Stabilità i fondi strutturali

Posted by fidest press agency su domenica, 4 dicembre 2016

movimento-5-stelleDa MoVimento 5 Stelle Europa. Movimento 5 Stelle batte austerity 1 – 0. È la prima volta che accade. Al diavolo Merkel, Katainen, Moscovici, Schäuble e tutti i sacerdoti dell’austerity. Il Parlamento europeo ha votato un paragrafo presentato dal gruppo Efdd – Movimento 5 Stelle con il quale si invita la Commissione europea a scorporare dal Patto di Stabilità i fondi strutturali per gli investimenti antisismici. Questo significa che la quota di cofinanziamento dei fondi strutturali, compresi quelli per la prevenzione dei terremoti, non verranno calcolati nei disavanzi pubblici nazionali nel quadro del patto di stabilità e crescita. Abbiamo picconato l’austerity! Mentre negli ultimi 5 anni i governi italiani (Monti-Letta-Renzi) hanno sprecato ben 1,3 miliardi di euro di fondi – stanziati a seguito dei terremoti a L’Aquila e in Emilia – per mettere in sicurezza gli edifici pubblici delle aree più a rischio, il Movimento 5 Stelle riesce in un’impresa che sembrava impossibile. Adesso ci aspettiamo che la Commissione europea dia seguito alle indicazioni del Parlamento europeo. Grazie a questo voto, Regioni, Comuni e privati avranno a disposizione una leva finanziaria importante per fare prevenzione e gestione dei rischi. Questo provvedimento riguarda il terremoto, ma non solo: sono inclusi anche gli investimenti relativi al dissesto idrogeolico, frane e smottamenti. Vogliamo mettere in sicurezza l’Italia!

Posted in Estero/world news, Politica/Politics, Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Il 5 e 6 dicembre arriva al cinema “STRIKE A POSE”, la vera storia dei ballerini di MADONNA

Posted by fidest press agency su domenica, 4 dicembre 2016

balleriniNella primavera del 1990 Madonna pubblicava Vogue, il primo singolo estratto dall’album I’m Breathless. Il successo fu planetario con più di 6 milioni di copie vendute in tutto il mondo e con lo storico ritornello della canzone, “Strike a Pose”, che cominciò a diffondersi a macchia d’olio, trasformandosi in un fenomeno di costume che avrebbe segnato un’epoca. Il “vogueing”, il ballo portato alla ribalta da Madonna, invitava infatti il pubblico a imitare le pose plastiche delle modelle e dei modelli di Vogue, mettendosi in posa, liberando la propria personalità, abbattendo barriere, preconcetti e conformismi. Per queste ragioni in quei mesi poter condividere il palcoscenico con Madonna si trasformò nel sogno proibito di molti artisti. Un sogno che divenne realtà per i sette giovani ballerini americani scritturati per accompagnare la pop star nel controverso ma ormai mitico Blond Ambition Tour del 1990, che fece scandalo con il suo mix di sesso e religione.
Strike a Pose di Ester Gould e Reijer Zwaan, distribuito da Nexo Digital, I Wonder Pictures e Fil Rouge Media, è la storia di quei sette ballerini e di come l’esperienza di quel tour cambiò la loro vita e quella di chi li amava. Questi sette ragazzi, semplicemente ballando, insegnarono al mondo intero la più importante delle lezioni: “non preoccuparti di essere giudicato, non preoccuparti di quel che pensano gli altri. Sii sempre te stesso”. Lezione che ora riprende vita al cinema solo per due giorni, il 5 e 6 dicembre (elenco delle sale su http://www.nexodigital.it). Presentato in anteprima mondiale all’ultimo ballerini1Festival di Berlino e quindi a Biografilm Festival | International Celebration of Lives di Bologna, il docu-film racconta così l’emozionante e incredibile esperienza di Luis Camacho, Oliver Crumes III, Salim Gauwloos, Jose Gutierrez, Kevin Stea, Carlton Wilborn e Sue Trupin che, 25 anni dopo, in una reunion voluta da tempo, raccontano come sono cambiate le loro vite e i retroscena di quel periodo epico.
La vera intenzione del film è infatti quella di scoprire come questi ballerini hanno reinventato le loro vite una volta che le luci del successo si sono spente. Truth or Dare, il documentario del 1991 con incassi record tratto dal Blond Ambition Tour, fu infatti un punto di svolta per la cultura gay, un film mainstream, un successo al box office che includeva una scena con un bacio tra due uomini. Madonna lo utilizzò per prendere posizione sui diritti degli omosessuali, sulla libertà di espressione e sulla lotta contro l’AIDS, facendo del suo corpo di ballo l’icona stessa della libertà sessuale e spronando i suoi fan in tutto il mondo ad essere quello che erano, in totale libertà. In seguito, però, tre dei suoi ballerini fecero causa alla cantante accusando il film di aver invaso la loro privacy. Questo fatto evidenzia il paradosso che Strike a pose cerca di svelare, tra libertà e diritto alla privacy, intimità e diritto alla libera espressione.
Strike a pose di Ester Gould e Reijer Zwaan è distribuito nei cinema italiani solo il 5 e 6 dicembre da Nexo Digital, I Wonder Pictures e Fil Rouge Media con i media partner Radio DEEJAY e MYmovies.it. (foto: ballerini)

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Riflessioni sul pensiero e l’attività di Umberto Veronesi

Posted by fidest press agency su domenica, 4 dicembre 2016

veronesiNapoli martedì 6 dicembre alle 10.30 nell’Aula Coviello di Giurisprudenza alla Federico II in via Porta di Massa 32 la Scuola di Medicina e Chirurgia, il CEINGE-Biotecnologie Avanzate e la Scuola Superiore Europea di Medicina Molecolare – SEMM presentano ‘Riflessioni sul pensiero e l’attività di Umberto Veronesi’. L’incontro sarà moderato da Alessandro Barbano, Direttore de “Il Mattino”, e introdotto da Francesco Salvatore, Emerito di Biochimica Umana dell’Università Federico II, Presidente e Coordinatore Scientifico del CEINGE – Biotecnologie Avanzate di Napoli.Interverranno Luigi Califano, Presidente Scuola di Medicina e Chirurgia della Federico II, Filiberto Cimino, Vice-Presidente SEMM Nazionale, Pier Giuseppe Pelicci, Direttore Scientifico SEMM Nazionale, e Andrea Ballabio, Direttore Scientifico SEMM Napoli, Direttore Istituto Telethon di Genetica e Medicina – TIGEM.Sarà proposto un video di Umberto Veronesi con un ultimo contributo. Concluderà Gaetano Manfredi, Rettore dell’Università Federico II.

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Fipe e Confguide portano guide turistiche a scuola di cucina

Posted by fidest press agency su domenica, 4 dicembre 2016

Dario FranceschiniRoma Lunedì 12 dicembre 2016 Ore 11.00 Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo (Mibact) – Salone del Ministro Via del Collegio Romano, 27. “D’ora in poi le visite guidate avranno tutto un altro sapore…” – Fipe e Confguide sono liete di invitarLa alla conferenza stampa di presentazione del progetto di formazione enogastronomica delle guide turistiche. L’iniziativa si ispira alle direttive contenute nel Piano Strategico del Turismo 2017-2022 voluto dal Ministro Dario Franceschini, ed è pensata per valorizzare la nostra offerta eno-gastronomica all’interno dei pacchetti turistici, in particolare nelle città d’arte. Avvicinare il mondo dei viaggi a quello dell’enogastronomia attraverso un corso rivolto agli operatori del settore ha l’obiettivo di rendere più attrattiva l’Italia nella competizione turistica mondiale.Interverranno:
– Dorina Bianchi – Sottosegretario al Ministero dei beni e delle attività culturali e del Turismo
– Francesco Palumbo – Direttore Generale Turismo
– Lino Enrico Stoppani – Presidente Fipe
– Maria Paola Migliosi – Presidente Confguide

Posted in Recensioni/Reviews, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Politique de concurrence et innovation à l’ère du numérique

Posted by fidest press agency su domenica, 4 dicembre 2016

Parigi torre-eiffel1Paris ventredi 9 DÉCEMBRE 2016 8h30 > 17h30 Conseil d’État, Salle d’assemblée générale, Place du Palais-Royal. L’Institut Jacques Delors vous convie à une journée de débats sur la politique de concurrence et d’innovation à l’ère du numérique organisée, en partenariat avec la Société de législation comparée et la Fondation pour le droit continental, au Conseil d’État. Programme:
8h30 > 9h – Accueil des participants
9h > 9h15 – Ouverture
Dominique HASCHER, président de la Société de législation comparée
Jean-Marc SAUVÉ, vice-président du Conseil d’État
9h15 > 12h00 – Table ronde : une politique ou des politiques de concurrence?
Hubert BAZIN, avocat au barreau de Paris, DS Avocats (Pékin)
Winston MAXWELL, avocat aux barreaux de New York et Paris, Cabinet Hogan Lovells (Paris) LLP
Paul C. SAUNDERS, ancien associé du cabinet Cravath Swaine & Moore LLP, professeur au Georgetown Law Center.
Bo VESTERDORF, ancien président du Tribunal de première instance de l’Union européenne
Guillaume LORIOT, directeur, Direction Générale de la concurrence (DG COMP) de la Commission européenne.
Débats présidés par Pascal LAMY, président d’honneur de l’Institut Jacques Delors14h > 17h – Table ronde : quelle politique pertinente à l’ère du numérique ?
Jean-Michel DARROIS, avocat au barreau de Paris, Darrois Villey Maillot Brochier, président de l’Observatoire international des régulations économiques
Frédéric MAZELLA, président-fondateur de BlaBlaCar
Anne PERROT, associée du Cabinet MAPP, professeur à Sciences Po Paris
Hal VARIAN, Chief Economist, Google ou Fabien Curto Millet, directeur des analyses économiques, Google débats présidés par Philippe AGHION, professeur au Collège de France
Conclusion Emmanuel MACRON, ancien ministre de l’Économie, de l’Industrie et du Numérique, à confirmer L’innovation dans le numérique bouleverse très large-ment les grands équilibres économiques mondiaux : celui qui innove dans ce domaine prend le marché mondial comme le montrent les exemples de Google, Amazon, Facebook, Apple, Booking, Airbnb ou encore Uber. Quelles sont les politiques de concurrence appliquées par les grandes puissances mondiales, États-Unis, Chine et Union européenne, dans ce secteur ? Comment certains États, notamment les États-Unis, ont-ils laissé se constituer des positions dominantes sur un grand marché pour ensuite se projeter sur le marché mon-dial ? Comment définir les rapports entre concurrence et innovation à l’ère du numérique?Quels sont les ressorts macro-économiques de cette révolution industrielle qui bouleverse tous les secteurs et toutes les rentes? Par quelles politiques d’innovation et de concurrence « The winner takes it all » ? Quelle est la nouvelle donne de cette nouvelle économie schum-péterienne ?
Enfin, quels sont les enjeux en termes de rapports de force entre les trois principales puissances mondiales organisées : États-Unis, Chine et Union européenne?

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

“Tradurre per un’Unione Europea multilingue”

Posted by fidest press agency su domenica, 4 dicembre 2016

parma universitàParma Lunedì 5 dicembre, alle ore 15, in Aula Magna (Palazzo Centrale dell’Ateneo, via Università, 12), si terrà la prolusione di Katia Castellani, Rappresentante in Italia della Commissione Europea, Antenna della Direzione generale della Traduzione, Rete di eccellenza dell’Italiano istituzionale, dal titolo “Tradurre per un’Unione Europea multilingue”.
La lezione della Castellani è in occasione della chiusura del corso di Linguistica generale, insegnamento del corso di Laurea Magistrale in Lettere classiche e moderne (Dipartimento di Antichistica, Lingue, Educazione, Filosofia – A.L.E.F.), dedicato quest’anno al tema “Quale/i lingua/e per l’Europa”. L’incontro, introdotto da Davide Astori, titolare dell’insegnamento, vedrà i saluti iniziali di: Francesca Zanella, Pro Rettrice per l’Area Affari generali e legali con delega al Coordinamento delle attività di internazionalizzazione; Gioia Angeletti, Delegata per la mobilità studentesca internazionale; Giuseppe Gilberto Biondi, Direttore del Dipartimento A.L.E.F., Maria Candida Ghidini, Presidente del corso di laurea triennale in Civiltà e Lingue straniere moderne, Simonetta Anna Valenti, referente della laurea magistrale interateneo in Lingue, Culture e Comunicazione e Rosangela De Simone, Collegio Europeo.

Posted in Uncategorized | Leave a Comment »

“Slow Surgery 2.0. Qualità e sostenibilità in chirurgia”

Posted by fidest press agency su domenica, 4 dicembre 2016

RomaRoma. La chirurgia equivale ad “alta tecnologia”, sempre più richiesta perché corrisponde a qualità e sicurezza, requisiti indispensabili per la tutela del paziente. La garanzia di accesso di questi ultimi alle migliori cure disponibili è, tuttavia, una sfida, in cui l’elemento cruciale è rappresentato dalla necessità di contenimento della spesa sanitaria. È, quindi, necessario che i soggetti coinvolti nei processi decisionali siano messi nella condizione di conoscere le potenzialità dell’innovazione nelle sale operatorie, per poterne valutare i benefici e stabilire il rapporto costo-efficacia. Per questo motivo, è sempre più importante poter orientare l’adozione delle innovazioni, sviluppando sistemi di valutazione dell’appropriatezza, che possano garantire scelte strategiche e operative appropriate per il futuro.
Al complesso e quanto mai attuale rapporto tra innovazione e sostenibilità e a quali saranno le leve strategiche per far coesistere questi due aspetti nel mondo sanitario e chirurgico in particolare, è dedicato l’incontro dal titolo “Slow Surgery 2.0. Qualità e sostenibilità in chirurgia”, promosso da Medtronic Italia, in corso a Roma, durante il quale si sono confrontati chirurghi, manager sanitari, rappresentanti istituzionali, associazioni pazienti ed economisti.“L’incremento della specializzazione e della complessità tecnica impone un’alta qualificazione da parte dei singoli professionisti e delle proprie equipe – ha dichiarato il Professor Diego Piazza, Presidente ACOI, Associazione Chirurghi Ospedalieri Italiani – Tuttavia, l’erogazione dei servizi per un bacino di popolazione ristretto, non sempre consente lo sviluppo delle capacità professionali, in quanto agli specialisti non viene assicurato un flusso di pazienti adeguato. Partendo da questa considerazione – continua Piazza – sarebbe opportuno, al fine di una razionalizzazione del sistema e di un miglioramento della qualità delle prestazioni, sostenere il cosiddetto modello hub e spoke, che parte dal presupposto che in determinate situazioni e complessità siano necessarie competenze che devono essere concentrate in Centri ad alta specializzazione presso i quali vengono inviati i pazienti dagli ospedali del territorio. Il modello prevede, pertanto, la concentrazione dell’assistenza di maggior complessità in centri d’eccellenza e l’organizzazione dell’invio a questi hub da parte dei centri periferici dei pazienti che superano la soglia di complessità degli interventi effettuabili a livello periferico”.Naturalmente per ognuno dei centri d’eccellenza sarà necessario individuare bacini di popolazione di riferimento, processi e percorsi assistenziali, caratteristiche funzionali, strutturali ed organizzative dei nodi della rete.
Un altro elemento da tenere in considerazione è quello che le nuove tecnologie debbano essere introdotte a seguito di un’accurata valutazione e misurazione della qualità che possono portare, producendo realmente un migliore outcome in sanità – afferma il Professor Marco Montorsi, Presidente SIC – Società Italiana di Chirurgia -. Alla luce di tutto questo assumono particolare valore gli strumenti di analisi come l’HTA – Health Technology Assessment, nato per fornire una risposta operativa al divario tra le risorse limitate del Sistema Sanitario, la crescente domanda di salute e l’innovazione tecnologica, prendendo in considerazione gli aspetti clinici, economici, organizzativi, etici, sociali relativi all’introduzione di una nuova tecnologia”.“L’HTA – continua Montorsi – deve essere basato su un approccio multidisciplinare e multidimensionale dell’innovazione stessa. Questo significa che debbano essere presi in considerazione tutti gli aspetti e coinvolti tutti gli attori: le istituzioni che governano la spesa, ma anche gli specialisti e le associazioni dei pazienti”.
“Quando si parla di qualità, in particolare in sanità e chirurgia, diventa fondamentale poterla misurare, pena l’inefficacia delle nostre azioni. A tal proposito, oltre a ciò che le singole aziende o cluster regionali stanno facendo al loro interno, – conclude Montorsi – un primo passo è stato compiuto dallo stesso Ministero della Salute, che ha deciso di iniziare a rilevare alcuni indicatori di performance di alcune Aziende ospedaliere del nostro Paese, attraverso un sistema denominato Piano Nazionale Esiti, gestito da AGENAS – Agenzia Nazionale per i Servizi Sanitari Regionali, che ha già portato alla pubblicazione di una serie di report”.Quello a cui si sta assistendo negli ultimi tempi, per quanto riguarda l’acquisto di beni e servizi nelle aziende sanitarie è una progressiva diffusione, ai fini del contenimento della spesa, di modelli di centralizzazione, mediante forme di aggregazione sia a livello nazionale che regionale.“Ma se ottenere economie di scala per la riduzione di costi unitari può essere relativamente semplice – aggiunge Piazza – individuare beni e servizi con il migliore rapporto costo/beneficio è più complesso, perché richiede un lungo lavoro di analisi e coinvolgimento fra tutti gli operatori che operano nel sistema, dove il ruolo del chirurgo, soprattutto per quanto riguarda l’acquisto di medical device, è determinante. Evidentemente – conclude Piazza – questo è molto più facile in un sistema centralizzato, dove dovrebbero esserci chirurghi ‘specializzati’ nella gestione di gare che abbiano competenze specifiche nella valutazione dei dispositivi inseriti nelle stesse.”

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Aliquote ridotte per la stampa digitale

Posted by fidest press agency su domenica, 4 dicembre 2016

sanità-digitale“La scelta della Commissione europea di presentare una proposta di direttiva volta a consentire ai singoli Stati membri di applicare le aliquote IVA ridotte previste per la stampa cartacea anche a quella digitale va nella direzione di sostenere e incentivare lo sviluppo del settore nell’ambiente digitale”: così il Presidente della FIEG, Maurizio Costa, ha commentato l’iniziativa assunta oggi dalla Commissione europea, accolta con apprezzamento da tutto il settore dell’editoria europea.La decisione è stata assunta a seguito di una consultazione pubblica conclusasi lo scorso settembre, a cui la FIEG ha partecipato direttamente, e riflette gli orientamenti espressi in seno alla Commissione UE dal Vice Presidente Andrus Ansip e dal Presidente Juncker, che da tempo riconoscevano la necessità di modernizzare il regime di imposizione fiscale, armonizzare le normative nazionali anche alla luce delle sentenze emesse dalla Corte di Giustizia UE nei confronti di Francia e Lussemburgo e concedere agli Stati Membri la possibilità di modificare la propria legislazione nazionale.
“In Italia, ove dal 1° gennaio 2016, anche grazie all’azione della FIEG, si applica l’aliquota IVA ridotta al 4% a quotidiani e periodici online – prosegue Costa – l’allineamento delle aliquote ha finora incrementato la produzione di contenuti digitali e permesso agli editori di fare investimenti, con conseguenze positive in termini di alfabetizzazione, sviluppo del pensiero critico, occupazione e sostenibilità del settore. Nel medio lungo periodo, a beneficiarne saranno soprattutto i consumatori: gli editori potranno, infatti, rispondere alla domanda di messa a disposizione di contenuti digitali, con un’offerta più competitiva.” Carlo Perrone, Presidente di ENPA (European Newspaper Publishers’ Association) aggiunge: “Questa proposta è essenziale per garantire agli editori di giornali un futuro sostenibile nell’ambiente digitale. Essa contribuisce ad affermare fondamentali valori democratici europei quali la promozione dell’accesso ai contenuti giornalistici professionali, l’istruzione e la media literacy, e molti cittadini europei fruiscono oggi di notizie e informazioni attraverso le piattaforme digitali.”

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Etiopia: indagine indipendente per il massacro degli Oromo

Posted by fidest press agency su domenica, 4 dicembre 2016

etiopiaA due mesi dalla terribile strage compiuta durante la festa di Irreechaa lo scorso 2 ottobre, l’Associazione per i Popoli Minacciati (APM) accusa il governo etiope di voler nascondere il vero numero delle vittime nonché lo svolgersi delle circostanze che hanno portato alla loro morte e chiede che venga finalmente autorizzata l’indagine indipendente chiesta anche dalle Nazioni Unite.Dopo aver analizzato le dichiarazioni dei numerosi testimoni, l’APM non solo nutre grossi dubbi sulla veridicità del rapporto ufficiale rispetto allo svolgimento dei fatti ma è anche convinta che il numero dei morti durante il raduno religioso sia notevolmente maggiore dei 56 morti dichiarati ufficialmente dalle autorità etiope. Secondo le stime avanzate dalle organizzazioni per i diritti umani locali e da rappresentanti del popolo degli Oromo, durante la festa di Irreechaa sono morte almeno 678 persone quando le forze di sicurezza hanno iniziato ad attaccare i due milioni di pellegrini presenti. Centinaia di famiglie sono ancora in attesa di avere notizie dei loro cari scomparsi durante il raduno religioso e vi sono parecchie testimonianze considerate affidabili che raccontano di oltre 100 cadaveri trovati lungo le rive del lago Hora a Bishoftu poco dopo la strage. E’ proprio verso il lago che la gente scappava in fuga dalla polizia quando in seguito all’intervento delle forze dell’ordine è scoppiato il panico tra la massa e molti sono evidentemente morti annegati nel lago.Finora le autorità si sono rifiutate di rispondere alle molte domande dei familiari delle vittime. La strage di Bishoftu rappresenta un pericoloso spartiacque nella politica del paese africano che ha ulteriormente scatenato l’ira degli Oromo, già pesantemente vittime della politica economica del paese sostenuta peraltro dalla cosiddetta cooperazione allo sviluppo europea, e che ora accusano il governo di essere il principale responsabile della morte di tante persone innocenti.Secondo le dichiarazioni dei testimoni oculari, la festa religiosa si è svolta per molto tempo in modo del tutto pacifico fin quando dei rappresentanti governativi sono saliti sul palco al posto dei responsabili Gadaa che per tradizione si occupano dell’organizzazione dell’evento. Di fronte ai cori dei presenti intonati per impedire ai rappresentanti governativi di tenere un comizio durante la festa religiosa, la polizia ha innescato una reazione di panico di massa lanciando gas lacrimogeni e sparando sulla folla.Per l’APM è del tutto fuorviante parlare di uno “spiacevole e tragico incidente” ma è evidente che la strage sia da imputare alla reazione spropositata e fuori luogo delle forze di sicurezza. Nella già difficile situazione etiope, questa strage insieme al rifiuto di un’indagine indipendente rischiano di inasprire ulteriormente le violenze nel paese. L’APM chiede quindi che il governo etiope acconsenta all’indagine indipendente chiesta anche dalle Nazioni Unite.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Olio: “Extravergine – La buona vita, il gusto per la salute e la bellezza”

Posted by fidest press agency su domenica, 4 dicembre 2016

extravergine-libroE’ il titolo di un bel libro, fresco di stampa, pubblicato da Codicermes Editore Bologna, a cura di Daniela Utili. Un libro dedicato a un personaggio del mondo dell’olivicoltura, Antonio Ricci, persona gentile, squisita; giornalista stimato e conosciuto, da poco scomparso, ritenuto uno dei promotori del libro, alla sua prima edizione, nonché coautore di uno degli otto capitoli che compongono il libro. Con lui altri sei autori: Barbara Alfei, l’anima della Rassegna Nazionale degli oli monovarietali e del grande concorso nazionale di potatura a vaso polifonico; Giovanni Larker, chimico, docente in varie facoltà di Agraria, da Udine a Bologna, Firenze; Giuseppe Caramia, medico e scienziato della nutrizione, presidente della società internazionale “Olio di oliva e salute”; Stefano Cerni, esperto di analisi sensoriale, enogastronomo, capo panel Coi; Lorenzo Cerretani, oleologo, ricercatore, autore di numerose pubblicazioni scientifiche riferite all’olio; Daniela Utili, naturopata, giornalista, esperta in nutrizione e ambiente. Un libro da leggere per le possibilità che dà di scoprire un mondo, quello dell’olivo e del suo olio, in un momento in cui c’è voglia di avere dalla cultura – espressa, nel corso dei millenni, da questa coltivazione – gli insegnamenti per capire il presente e programmare il futuro. Si pensi ai temi di grande attualità come l’ambiente; la sana e corretta alimentazione; la qualità legata all’origine, il territorio; la diversità degli oli e il valore della biodiversità, quella olivicola in particolare.In un momento in cui l’olivo, pur continuando a segnare quel mare di olio che è il Mediterraneo, si va, da qualche decennio diffondendo in ogni angolo del pianeta in quella parte ristretta tra il 30 e 45° parallelo a Nord e a Sud dell’equatore.Il libro raccoglie tutta la ricchezza di un patrimonio colturale e culturale e lo mette a disposizione del lettore. Dalla storia dell’olivo e dell’olio, e i suoi percorsi nel corso dei millenni, agli effetti positivi dell’olio evo sulla salute, in particolare la sua capacità di rallentare l’invecchiamento di chi ne fa un corretto uso all’insegna della continuità. Ben otto capitoli, sviluppati da soli e, anche, insieme, dagli esperti prima citati, con la capacità che essi hanno di entrare nel merito dei processi di cura dell’olivo, raccolta delle olive, estrazione e conservazione dell’olio, avendo ben presenti i requisiti che il prodotto deve avere per esprimere tutti i suoi caratteri di qualità, soprattutto quelli legati alla prevenzione e alla cura delle malattie. Caratteri che sono possibili da scoprire mediante l’analisi sensoriale, la classificazione e definizione delle tipologie, l’ampio spettro di utilizzo, non solo in cucina e a tavola, ma anche nella cura del corpo e della bellezza, senza trascurare i consigli utili per il consumatore e per chi, quale tramite tra produttore e consumatore, può dare un grosso contributo alla cultura dell’olio, fondamentale per una sua promozione e valorizzazione.Non manca l’angolo delle ricette, dell’importanza dell’olio evo per la frittura, il riferimento alla Dieta Mediterranea e al suo scopritore e primo divulgatore, Ancel Keys.
A chiusura del libro, un elenco di produttori di qualità con le loro aziende, a dimostrazione di un impegno di questi piccoli ma importanti produttori, che ha, nel rispetto del territorio e dei suoi elementi più distintivi, quali la storia, la cultura, l’ambiente, il paesaggio, la tradizione, il suo elemento propositivo.
Un libro di grande attualità, importante per le fortune dell’olio extravergine di cui il consumatore moderno avrà sempre più bisogno per orientarsi nelle scelte, riconoscere la qualità e la diversità, vivere un rapporto con l’origine, in particolare con gli olivicoltori, i principali protagonisti di un bene così prezioso, qual è l’olio. Olivicoltori che, per continuare e far vivere, a noi e al mondo, la straordinaria avventura dell’olivo e del suo olio nella sua espressione alta di coltura e di cultura, hanno bisogno non solo di politiche e programmi lungimiranti, ma anche di attenzione e solidarietà e, sempre più, di esprimere la cultura dell’olivo e del’olio.Extravergine – la buona vita, editore Codicermes Bologna, prezzo di copertina € 25 (By Pasquale Di Lena) (foto: extravergine-libro)

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

I deputati approvano l’accordo UE-USA sulla protezione dei dati per attività di contrasto alla criminalità

Posted by fidest press agency su domenica, 4 dicembre 2016

european parliamentBruxelles Parlamento europeo. L’accordo UE-USA per la protezione dei dati personali scambiati a fini di contrasto alla criminalità è stato approvato giovedì da un’ampia maggioranza dei deputati. L’accordo garantirà standard alti e vincolanti per la protezione dei dati personali scambiati dalle autorità giudiziarie e di polizia sulle due sponde dell’Atlantico.Tale accordo, detto “Umbrella Agreement” è applicabile al trasferimento di tutti i dati personali, quali nomi, indirizzi o precedenti penali, scambiati tra l’Unione europea e gli Stati Uniti a scopi di prevenzione, individuazione, indagine e perseguimento di reati, compreso il terrorismo.”Il cammino per la protezione dei dati transatlantici sta diventando chiaro”, ha dichiarato il relatore Jan Philipp Albrecht (Verdi, DE). “In futuro ci saranno finalmente norme vincolanti di qualità e diritti chiari per i cittadini di entrambe le sponde dell’Atlantico quando i dati saranno scambiati tra la polizia e le autorità preposte all’applicazione della legge. Dopo sei anni di negoziati, stiamo aumentando la protezione dei dati con gli Stati Uniti a un nuovo livello. I diritti fondamentali dei cittadini saranno meglio protetti rispetto al basso standard attuale di mero reciproco riconoscimento delle norme “. “L’accordo non rappresenta una base giuridica per il trasferimento dei dati, ma protegge i dati che sono già scambiati legalmente. Le autorità per la protezione dei dati possono verificare il rispetto in qualsiasi momento”, ha aggiunto.L’accordo farà in modo che i cittadini di entrambe le sponde dell’Atlantico avranno diritto a:
– essere informati in caso di violazioni della sicurezza dei dati,
– poter correggere le informazioni inesatte
– chiedere il risarcimento dei danni.
Stabilisce, inoltre, i limiti per trasferimenti di dati successivi e del periodo di conservazione degli stessi.Le proposte del gruppo ALDE e del gruppo GUE per chiedere il parere della Corte di giustizia sull’accordo in merito alla sua compatibilità con i trattati UE non sono state approvate.Con voti 481 voti in favore, 75 voti contrari e 88 astensioni, il Parlamento ha quindi dato il suo consenso e spianato la strada al Consiglio per approvare la decisione finale che conclude il percorso di approvazione dell’accordo.

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Campidoglio, sindaca Raggi firma ordinanze per divieto centurioni e risciò

Posted by fidest press agency su domenica, 4 dicembre 2016

raggiLa sindaca di Roma, Virginia Raggi, ha firmato oggi l’ordinanza che dispone il divieto di qualsiasi attività che preveda la disponibilità ad essere ritratto come soggetto in abbigliamento storico (ad esempio come centurioni) in fotografie o filmati, dietro corrispettivo in denaro. L’atto si impone ai fini della tutela della sicurezza urbana e del decoro del patrimonio artistico, storico e monumentale in tutto il territorio del centro storico ricadente nel perimetro del sito riconosciuto e tutelato dall’Unesco.
Per le stesse motivazioni, nonché per esigenze di tutela dell’incolumità pubblica, la sindaca ha firmato un’altra ordinanza che dispone il divieto di svolgere in alcuni ambiti territoriali di Roma Capitale (in particolare centro storico e luoghi di maggior attrazione turistica) qualunque attività assimilabile al trasporto pubblico collettivo o individuale di persone, con velocipedi a tre o più ruote, anche a pedalata assistita; dotati di un motore ausiliario elettrico.
In caso di violazione delle ordinanze, che hanno validità fino al 30 luglio 2017, si applica la sanzione amministrativa così come determinata da una delibera della giunta capitolina dello scorso 19 luglio 2016 (400 euro).
L’adozione di un provvedimento contingibile e urgente si rende necessaria nelle more dell’assunzione di regolamenti ai quali l’amministrazione sta lavorando per disciplinare l’attività dei cosiddetti centurioni e risciò.

Posted in Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Migranti, Campidoglio: trovata soluzione per transitanti area Tiburtina

Posted by fidest press agency su domenica, 4 dicembre 2016

Roma Campidoglio. L’Amministrazione capitolina ha trovato una soluzione più dignitosa anche per i migranti transitanti che in questi giorni hanno dormito nei pressi della stazione Tiburtina. Da oggi saranno accolti presso il Centro in via del Frantoio, sostenuto da Roma Capitale e gestito dalla Croce Rossa Italiana. Questa operazione è stata possibile attraverso il trasferimento di altri 92 migranti che hanno aderito alla relocation e che, grazie all’azione del Campidoglio in raccordo con la Prefettura, sono ora ospitati presso centri gestiti da quest’ultima. L’Amministrazione ha così potuto destinare i posti liberatisi in via del Frantoio all’accoglienza dei migranti transitanti.
La sindaca di Roma Virginia Raggi, insieme all’Assessora alla Persona, Scuola e Comunità Solidale Laura Baldassarre, in raccordo con le istituzioni competenti e valorizzando il contributo delle varie associazioni che operano per l’accoglienza dei migranti, hanno in questi mesi lavorato per aumentare il numero di posti per l’accoglienza dei migranti transitanti e per la creazione di un punto informativo che verrà attivato in via sperimentale nell’area della Stazione Tiburtina. “Il nostro fine è garantire un’accoglienza dignitosa per i migranti transitanti. Ognuno può e deve fare la propria parte. Questa Amministrazione punta ad un’azione concreta per togliere queste persone dalla strada e offrire loro una soluzione più stabile, un tetto, non una tenda”. Affermano la sindaca Raggi e l’assessora Baldassare.

Posted in Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Al via obbligo tracciabilità rifiuti cantieri edili

Posted by fidest press agency su domenica, 4 dicembre 2016

Roma Campidoglio. Garantire la corretta gestione dei rifiuti provenienti da tutti i cantieri edili di Roma Capitale, pubblici e privati. Con questo obiettivo la giunta capitolina ha approvato una delibera che introduce, per tutti i progetti, l’obbligo di produrre un piano di gestione per i materiali di scarto con annessa indicazione degli impianti autorizzati al conferimento. Una volta terminata l’attività il direttore del cantiere dovrà quindi attestare, sotto la sua piena responsabilità, l’avvenuto smaltimento dei rifiuti in conformità al piano di gestione. “Si tratta di una misura che pone Roma Capitale all’avanguardia rispetto ai temi della tutela ambientale – sottolinea l’assessore alla Sostenibilità Ambientale, Paola Muraro – I rifiuti dei cantieri, sino a oggi, venivano infatti smaltiti abusivamente in circa il 60% dei casi. Noi mettiamo invece in moto una netta inversione di tendenza, assicurandone piena tracciabilità. Allo stesso tempo garantiamo un notevole impatto economico, in quanto recuperiamo risorse grazie alla lotta all’abusivismo e arginiamo la concorrenza sleale tra imprese. Nessuna attività metterà più in campo azioni truffaldine per liberarsi dei rifiuti, scaricandoli nei ribassi d’asta. Legalità e trasparenza si confermano così coordinate di riferimento di questa amministrazione”.

Posted in Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Roma Metropolitane: Meleo, obiettivo non ricapitalizzare e trasferire funzione appaltante in altra società Comune

Posted by fidest press agency su domenica, 4 dicembre 2016

Assessora: “Nuova governance propedeutica. Compito nuovo au sarà gestire conti e traghettare partecipata in fase transitoria” “La nostra idea sul futuro di Roma Metropolitane è chiara: non la ricapitalizzeremo. Ci stiamo muovendo nella direzione annunciata in assemblea capitolina il 4 novembre scorso. E la nomina di una nuova governance è un passaggio fondamentale affinché abbia inizio il processo di cambiamento di Roma Metropolitane che terminerà nel trasferimento delle competenze di stazione appaltante in un’altra società di Roma Capitale”. Così in una nota l’Assessora alla Città in Movimento di Roma Capitale Linda Meleo. “Per la carica di amministratore unico – spiega – abbiamo scelto per le sue competenze l’ingegnere Pasquale Cialdini, ex direttore generale del Ministero dei Trasporti ed ex presidente di Sezione del Consiglio superiore dei Lavori Pubblici. La sua nomina avverrà in assemblea dei soci nei prossimi giorni”.
“Cialdini svolgerà il suo incarico a titolo gratuito e quindi non ci sarà nessun costo per l’amministrazione e per i cittadini romani. E questo, insieme al passaggio da un consiglio di amministrazione a tre ad un amministratore unico, è già un segnale di cambiamento che stiamo attuando nell’ottica di risparmio ed eliminazione degli sprechi. Il compito del nuovo amministratore unico sarà quello di gestire i conti e il bilancio aziendale ma soprattutto traghettare Roma Metropolitane durante questa fase transitoria” conclude Meleo.

Posted in Roma/about Rome, Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »