Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 28 n° 329

Posted by fidest press agency su lunedì, 22 luglio 2013

logo fidest jpgI lanci d’agenzia della fidest sono visibili su: riccardo alfonso 

La Fidest è un’agenzia stampa a diffusione gratuita.

Il direttore della Fidest pubblica i suoi libri su Amazon 

E i suoi editoriali e articoli di fondo 

Posted in Fidest - interviste/by Fidest | Contrassegnato da tag: , , , | 1 Comment »

African economies

Posted by fidest press agency su giovedì, 27 ottobre 2016

african-economiesThe big divider is resources. As commodity prices have slumped, so too have the fortunes of big exporters. As a group, resource-rich countries will grow on average by 0.3% of GDP, says the IMF. Take oil-rich Angola, once the fastest-growing country on the continent: it will not grow at all this year, and is wrestling with inflation of 38%. Commodity-exporting countries saw the value of their exports to China almost halve in 2015. Public debt is rising sharply. Exchange rates are falling. Private consumption has collapsed.
Things look very different in countries which are less resource-dependent. They will grow at 5.5% this year. They have been helped, of course, by falling oil prices, which makes their imports cheaper. But they are stronger in other ways too. In east Africa, for example, a wave of public investment in infrastructure has boosted demand.Governments cannot set commodity prices. Nor can they stop drought, which has hit agriculture in countries such as Ethiopia and Malawi. But their decisions do make a difference. Nigeria’s disastrous attempt to prop up its exchange rate hurt far more than it helped. Investors in Mozambique were unimpressed when the country revealed hidden debts in April. Growth in South Africa has slowed to almost zero amid political wrangles and an energy crisis. Now is the time to get the policies right, urges the IMF.The numbers should be read with a pinch of salt: GDP figures are only ever a best guess, and Africa’s large informal economy makes the calculation even harder. Talk to traders in Uganda, for instance, and you will hear a story very different to the IMF’s forecast of 5% growth. The overall lesson, though, is clear. If you rely on commodities, diversify—or face the consequences. That is easier said than done. Look to east African countries, hailed for their innovations in mobile banking, who are suddenly now touting a fresh source of riches: oil and gas. (photo: african economies) (font: The economist)

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Persistent migration challenges needing urgent action

Posted by fidest press agency su giovedì, 27 ottobre 2016

rifugiatiThe report highlights these four priority areas after reviewing data collected over the past year. It signposts key areas that should be addressed to better safeguard the rights of asylum seekers and migrants. Some of the main findings include: Unaccompanied children – inadequate first child reception facilities often result in missing children. Qualified staff and clear guidance to identify children at risk are often lacking. Guardianship remains problematic with delays in appointment or the temporary use of reception staff hindering child protection and family reunification. In addition, children face legal and practical obstacles to access asylum procedures. They may also be detained to protect and prevent them from absconding.
Violence and hate speech against migrants – hate crime and hate speech continues to be a major concern and seems to be worsening and spreading in some Member States. It spans physical attacks and murder, damage to property including arson, threats to aid workers and service providers, and hostile demonstrations against refugees. Such incidents are often politically-motivated and in part being carried out by vigilantes. There also have been incidents of police violence.
Safety and protection at reception facilities – While they may have various protection and safety measures, incidents of abuse and sexual assault on women and children have been reported. This points to the need for specific measures to protect vulnerable people against violence that are often lacking.
Impact on local communities – The lack of information and contact between local and refugee communities is contributing to growing hostility in many local communities. However, shifting budgets to the local level to deal with the impact of arrivals and integrating migrant children into local schools seems to be improving. Numerous challenges still remain to safeguard asylum seekers and migrants. This report underlines persistent issues from the past year that the EU and its Member States need to urgently address. The European Commission asked the Agency to collect data about the fundamental rights situation of people arriving in Member States particularly affected by large migration movements. The countries covered are: Austria, Bulgaria, Germany, Greece, Hungary, Italy and Sweden. From next month, the Agency will extend reporting to Denmark, Finland, France, the Netherlands, Poland, Slovakia and Spain. Future reports will be shorter, including main findings for the Member States covered together with a thematic focus section. Specific findings for the Member States will include references to these for a better understanding of the challenges which affect several EU Member States or the EU as a whole. (photo: europe)

Posted in Estero/world news, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

The case of Pacific: a local multinational in Colombia in the process of restructuring

Posted by fidest press agency su giovedì, 27 ottobre 2016

colombiaNow that the referendum in Colombia has rejected the peace deal between the government and the FARC guerrilla group, Colombians mourn or celebrate, and supporters of the peace process search for alternative options to ensure that so many years of negotiations will not be in vain. All eyes are on the peace process and the FARC, but even with a peace deal some of Colombia’s conflicts will remain unsolved.
Today, SOMO and INDEPAZ are releasing a report on the oil company Pacific Exploration & Production, a company without a long-term strategy and driven by its appetite for oil. In only five years, Pacific became the second largest oil company in the country. The report shows how the company – in its period of rapid growth – contributed to land conflicts by allegedly accumulating land illegally. In a very short time, Pacific extracted the oil and polluted the environment. They came, they saw, they conquered… and then went bankrupt.
The Colombian government aims to boost economic activity in order to restore peace, but the research into Pacific Exploration & Production shows that companies in the minerals-energy sector are often linked to armed groups and contribute to militarization. Pacific also contributes to the unequal distribution of land, the root cause of Colombia’s internal conflict, by occupying vast territories. Furthermore, the report shows that Pacific failed to abide by the country’s laws and standards for business and human rights in various aspects. It failed to disclose its full corporate structure and has been sentenced for false transactions with fake suppliers. The company accumulated almost 55,000 hectares of land – much more than officially allowed – and many of these plots were acquired in irregular ways. Finally, indigenous leaders blame Pacific for having failed to respect their right to free, prior and informed consent (FPIC). They argue that the company has paid fake community leaders to approve their projects. In a country where land disputes are a key driver of the civil conflict and where territorial issues are highly contested, this can easily spark renewed conflict. Therefore, it is crucial that oil companies like Pacific operate with enhanced due diligence, strictly monitored by the state, so that they do not contribute to conflict but help to build peace. The end of the armed conflict and the building of a stable and lasting peace requires active commitment on the part of the state and civil society, and particularly multinational companies, in order to contribute to the achievement of an inclusive, equitable and sustainable development, in which the protection of and respect for human rights is strengthened.

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Mostra IN EXTREMIS (bodies with no regret)

Posted by fidest press agency su giovedì, 27 ottobre 2016

ciao-marcellola-vita-in-direttaTorino mercoledì 2 novembre alle ore 19.00 negli spazi dell’ex Teatro Paesana e sarà visitabile fino al 20 novembre (ingresso da Via Bligny n. 2 Mostra IN EXTREMIS (bodies with no regret). Prima retrospettiva italiana dedicata al poliedrico artista Sandro Giordano, in arte Remmidemmi, e ai suoi lavori fotografici.
Le mie foto sono racconti di un mondo in caduta – afferma Giordano – i cui personaggi “toccano il fondo” di un mondo dominato dall’apparenza e dalle immagini stereotipate, reso bulimico dal consumismo di oggetti che talvolta sembrano diventare più importanti delle loro stesse vite. Il progetto __IN EXTREMIS inizia un’estate di diversi anni fa, quando Sandro Giordano, romano, carriera di attore alle spalle, ha avuto un brutto incidente in bicicletta: nella caduta, l’istinto di salvare l’oggetto che teneva in mano ha prevalso su quello di parare il colpo, così ha salvato l’oggetto ma si è infortunato. Qualche settimana più tardi, un suo amico si è rotto una gamba tra gli scogli per evitare che l’iPhone cadesse in acqua. Due indizi non fanno una prova, ma la sensazione che nella nostra società qualcosa non stia forse andando per il verso giusto ha trovato in queste cadute una conferma. my-lovelyDall’esigenza artistica di “immortalare” il momento del proprio capitombolo, ha iniziato a prender forma l’idea delle serie __IN EXTREMIS, a cui il fotografo si dedica da anni, e che sta riscuotendo un notevole successo in rete e nel mondo dell’arte.
I protagonisti delle 30 opere fotografiche in mostra sono figure stremate che, travolte da incidenti tra i più classici del quotidiano o da altri immaginati da una sfrenata fantasia, si lasciano andare, si schiantano sul terreno, ma salvano gli oggetti che tengono in mano, scelti dall’autore con cura quasi maniacale per raccontarci nel dettaglio le storie e le identità dei malcapitati, rigorosamente faccia a terra. La chiave del progetto è dichiaratamente ironica e guarda al lato comico della “tragedia”, puntando sull’effetto liberatore e rivelatore della risata, e intonando, al contempo, un inno all’imperfezione e alle fragilità umane.
IN EXTREMIS è visitabile da mercoledì 2 novembre fino a domenica 20 novembre 2016, dalle ore 15.00 alle ore 20.00 (ultimo ingresso ore 19.15) e con apertura straordinaria fino alle ore 24 in data sabato 5 novembre 2016 in occasione della Notte delle Arti contemporanee. Ingresso libero (chiusura i lunedì). (foto: ciao marcello, la vita in diretta, my lovely)

Posted in Uncategorized | Leave a Comment »

“Attenti all’intolleranza al glutine non celiaca”

Posted by fidest press agency su giovedì, 27 ottobre 2016

I gastroenterologi della SIGE lanciano l’allarme ‘intolleranza al glutine’ o meglio ‘sensibilità al glutine non celiaca’ (NCGS). Molti di quelli che si auto-diagnosticano una NCGS sono in realtà dei veri celiaci e come tali vanno inquadrati e seguiti da carolina-ciacciuno specialista. La cosiddetta intolleranza al glutine o ‘sensibilità al glutine non celiaca’ (NCGS), condizione dai contorni assai sfumati e poco definiti, è finita da qualche tempo sotto la luce dei riflettori ma il suo significato evolve continuamente. Si allarga sempre più ad esempio la rosa delle potenziali proteine alimentari ‘colpevoli’ di quei disturbi simili a quelli della sindrome dell’intestino irritabile (pancia gonfia, dolori addominali, diarrea alternata a stipsi), molto frequenti tra la popolazione generale, in particolare tra le donne.
Sintomi ai quali si accompagna spesso anche stanchezza, malessere generale, cefalea, difficoltà di concentrazione, eczemi, dolori articolari. Se finora l’indice è stato puntato solo contro il glutine, più di recente sul banco degli imputati sono comparse anche altre proteine del grano. “In un mondo sempre più dominato da mitologie dietetiche fomentate da una informazione ad alto flusso, di facile accesso ma non controllata e non sempre attendibile – sottolinea il professor Antonio Craxì, presidente della SIGE – il ruolo di una società scientifica é quello di fornire al pubblico la visione più aggiornata, comprensibile e nel contempo bilanciata su quanto la ricerca scientifica ma anche le mode del momento pongono all’attenzione di tutti.In questo senso la SIGE, che raccoglie il maggior numero dei clinici e dei ricercatori italiani attivi nel campo delle malattie digestive, si pone come interlocutore attento e consapevole dei bisogni di salute, ma anche delle incertezze che derivano da una informazione spesso improntata a soddisfare esigenze commerciali più che a sostenere il benessere individuale”. Le ultime in ordine di tempo, protagoniste anche di uno studio presentato di recente a Vienna alla UEG Week 2016, sono gli inibitori dell’amilasi-tripsina o ATI, che rappresentano il 4% appena di tutte le proteine del frumento. Secondo gli autori di questo studio, le ATI sarebbero in grado di ‘accendere’ l’infiammazione a livello dell’intestino, da dove si diffonderebbe ad una serie di tessuti quali linfonodi, reni, milza e addirittura al cervello. “Si tratta di osservazioni preliminari – afferma la professoressa Carolina Ciacci, ordinario di Gastroenterologia dell’Università di Salerno – che andranno valutate e validate attraverso studi clinici nell’uomo.
Le ATI sono piccoli frammenti di proteine antigeniche, contenute nel frumento insieme al glutine, che inducono una risposta immunologica nella quale si producono soprattutto citochine (molecole infiammatorie) e questo segna l’inizio di una microinfiammazione che non siamo ancora in grado di misurare ma che induce malessere. Questi pazienti non sono celiaci ed hanno sintomi gastrointestinali o talora molto vaghi come cefalea, difficoltà di concentrazione, senso di testa vuota anche a distanza di minuti dopo aver consumato cibi contenenti frumento. Anche per questo ci si sta orientando in tutto il mondo a parlare non più o non solo di ‘intolleranza al glutine’, ma di ‘intolleranza al grano’, proprio perché responsabili dei disturbi attribuiti al glutine potrebbero in realtà essere indotti da altre proteine del grano come le ATI.Disturbi ‘di moda’o problemi reali? In principio era la celiachia, patologia ben caratterizzata per la verità solo intorno agli anni ’50 ma della quale si sa ormai veramente tutto. Le stime dicono che interessa almeno un italiano su 100 (come in tutto il mondo occidentale), anche se i soggetti geneticamente predisposti a questa condizione sono circa il 30% della popolazione, cioè quasi una persona su tre.“La celiachia – spiega la professoressa Ciacci – è un’intolleranza al glutine, un complesso di proteine presenti nel grano e in altri cereali (orzo, segale, ecc) che attiva una risposta immunologica in persone geneticamente predisposte”. La predisposizione genetica è conferita dalla presenza dei geni HLA-DQ2 e/o HLA DQ8. Negli individui portatori dei geni predisponenti, il glutine può scatenare una reazione immunitaria con conseguente produzione di auto-anticorpi e di molecole infiammatorie (citochine) che vanno a danneggiare la mucosa intestinale (atrofia dei villi, infiltrazione della mucosa con cellule infiammatorie), alterando la permeabilità dell’intestino. La diagnosi si basa proprio su queste caratteristiche: presenza nel sangue (il prelievo va fatto mentre il soggetto segue una dieta contenete glutine) di elevati livelli di anticorpi (anti-transglutaminasi IgA e anti-endomisio); appiattimento dei villi intestinali rilevato alla biopsia della seconda porzione del duodeno effettuata durante una gastroscopia.
antonio-craxi“Nel sospetto clinico di celiachia e mentre il soggetto sta facendo una dieta contenente glutine – spiega la professoressa Ciacci – va effettuata la ricerca di anticorpi anti-transglutaminasi IgA nel sangue e il dosaggio delle immunoglobuline IgA totali. Se il test risulta positivo si fa un secondo prelievo per gli anticorpi anti-endomisio IgA. Per avere un’ulteriore certezza si possono fare anche i test genetici. La positività di questi esami in un bambino sintomatico è sufficiente per fare diagnosi di celiachia. Nell’adulto invece si deve necessariamente fare la biopsia dei villi della seconda porzione del duodeno per fare diagnosi di celiachia. Il 40% delle persone colpite da celiachia – continua la professoressa Ciacci – presentano i classici sintomi gastro-intestinali (diarrea, gonfiore, malassorbimento, perdita di peso, proteine e calcio basso nel sangue, astenia, facile affaticabilità). Il restante presenta una forma subclinica perché la sintomatologia, come sintomo riferito è molto vaga, mentre sono presenti dei segni di laboratorio come l’anemia da carenza di ferro, presente nell’80% di questi soggetti. Infine c’è circa un 10 % di soggetti ‘celiaci silenti’, completamente asintomatici nonostante la positività degli anticorpi anti-transglutaminasi e anti-endomisio e il danno a carico della mucosa del duodeno; questi pazienti vengono scoperti quando si fanno gli screening familiari.Quando ad una persona viene diagnosticata la celiachia, il servizio sanitario nazionale garantisce la gratuità di alcuni esami per questa condizione ai familiari di primo grado (il 10% dei familiari di un paziente con celiachia è teoricamente affetto da questa condizione). ”Va infine ricordato che nel 20-25% dei soggetti con celiachia è presente anche una tiroidite autoimmune, in particolare tra le donne, che va dunque ricercata col dosaggio degli ormoni tiroidei e degli anticorpi anti-tiroide”. La terapia della celiachia consiste nel seguire per tutta la vita una dieta priva di glutine. Sono attualmente allo studio, come possibili terapie della celiachia, un vaccino e alcuni enzimi da assumere insieme ai cibi contenenti glutine, che lo predigeriscono prima che arrivi al duodeno.La diagnosi di ‘sensibilità al glutine non celiaca’ (NCGS). Mentre per la celiachia i criteri diagnostici sono chiari e non lasciano adito a dubbi, molto più controversa è la diagnosi di ‘sensibilità al glutine non celiaca’ (NCGS), ormai una moda fuori controllo in alcuni paesi, come gli Stati Uniti. glutine“Quando non ci sono gli elementi per far diagnosi di celiachia – afferma la professoressa Ciacci – ma la persona riferisce che i suoi sintomi sono alleviati o scompaiono a dieta senza glutine, questa persona si auto-definisce – perché questa non è una diagnosi medica – ‘intollerante’ al glutine o affetto da ‘sensibilità al glutine di tipo non celiaco’ (o gluten sensitivity)”.
La terapia. Per la celiachia al momento l’unica terapia realmente efficace è la dieta priva di glutine (gluten free diet, o GFD), che rappresenta l’unico modo certificato per portare ad una progressiva normalizzazione degli anticorpi e dei danni della mucosa intestinale. Naturalmente ci sono molte linee di ricerca che stanno cercando di valutare la fattibilità e l’efficacia di trattamenti alternativi, vista l’evidente difficoltà del seguire un regime alimentare del tutti privo di glutine vita natural durante. La stessa terapia, ovvero una dieta priva di glutine, si applica ai pazienti con intolleranza al grano, anche se nel loro caso le proteine implicate possono essere diverse, come visto, dal glutine. Sul fronte della NCGS, non esistendo una diagnosi di certezza non è possibile dare indicazioni specifiche neppure nel campo della terapia. Molti di questi soggetti finiscono con l’adottare spontaneamente una GFD, che in alcuni contesti, come gli Stati Uniti, dove la moda della NCGS impazza, è stata adottata spontaneamente da un americano su 4 portando letteralmente a far esplodere il mercato dei prodotti gluten-free che lo scorso anno ha battuto cassa per 11,6 miliardi di dollari e presenta un trend di crescita inarrestabile. (craxi e ciacci)

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science, Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Ponte di Ognissanti: Forte di Bard sempre aperto

Posted by fidest press agency su giovedì, 27 ottobre 2016

bard1bardIn occasione del Ponte di Ognissanti, il Forte di Bard (Valle d’Aosta) e i suoi spazi espositivi saranno sempre aperti al pubblico. Prevista per lunedì 31 ottobre l’apertura straordinaria dalle ore 10 alle 18.00. La giornata di martedì 1° novembre osserverà l’abituale orario dei giorni festivi, dalle ore 10.00 alle 19.00.
Il Forte si propone come meta ideale per una gita fuori porta. Ben cinque le mostre temporanee a disposizione del pubblico: gli oltre 260 capolavori della mostra Marc Chagall. La Vie, gli scatti unici della retrospettiva dedicata ad Elliott Erwitt, l’esposizione dedicata al dietro le quinte del film Avengers: Age of Ultron, la mostra dedicata alle opere premiate al 63° concorso dell’artigianato di tradizione della Valle d’Aosta e la personale dell’artista Marco Del Re – Madri italiane.
L’offerta permanente comprende il Museo delle Alpi, il percorso interattivo Le Alpi dei Ragazzi, il percorso delle Prigioni dedicato ai grandi personaggi del Forte e alla sua evoluzione architettonica. Da scoprire anche l’itinerario FdB Modern, che presenta oltre 40 opere di arte moderna e contemporanea lungo i camminamenti del Forte e in alcune sale dell’Opera Carlo Alberto.
E da non perdere una visita al Borgo medievale ai piedi della rocca, tra antiche dimore del Cinquecento, piazze e vicoli tutti da scoprire. (foto: bard)

Posted in Cronaca/News, Viaggia/travel | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Torino: Conferenza Metropolitana dei 315 Sindaci del territorio

Posted by fidest press agency su giovedì, 27 ottobre 2016

torinoTorino martedì 22 novembre alle ore 15 nell’Auditorium della sede di corso Inghilterra 7. All’ordine del giorno, l’espressione del parere dei sindaci sul Bilancio di previsione per il 2016 e sul Documento unico di programmazione per il 2017-2018.Quella del 22 novembre sarà la seconda seduta della Conferenza Metropolitana nel corso del 2016, la prima dall’insediamento della Sindaca Chiara Appendino.
Sono componenti della Conferenza Metropolitana i Sindaci dei 315 comuni della Città Metropolitana, i quali, in caso di assenza o impedimento, possono farsi sostituire esclusivamente dal loro Vice Sindaco.

Posted in Cronaca/News, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Aste immobiliari e telematiche

Posted by fidest press agency su giovedì, 27 ottobre 2016

cogliandro-dello-russo“La notevole partecipazione di professionisti al Convegno su Aste immobiliari e aste telematiche che si è svolto a Ravenna nei giorni scorsi ha avuto una immediata conseguenza pratica in favore dei cittadini con la decisione di pubblicare immediatamente gli atti che conterranno anche consigli operativi per chi intende acquistare tramite asta un immobile ovvero intende sfruttare il meccanismo dell’asta telematica tra privati per vendere il proprio bene decidendo il prezzo base e cercando di ottenere un miglior prezzo tramite l’asta”. Lo ha annunciato il notaio Andare Dello Russo, presidente di ASNES, Associazione Notai per le Esecuzioni Immobiliari e Mobiliari di Ravenna di cui Andrea Dello Russo e Vice Presidente dell’AINC -Associazione Italiana Notai Cattolici. Dal Convegno è emerso che le aste telematiche sono oggi possibili non per le procedure esecutive ma solo per le procedure concorsuali e per le aste tra privati. Per le procedure esecutive mancano le norme tecniche di attuazione che il Ministero della Giustizia dovrebbe varare entro il 31 dicembre 2016. E’ emerso inoltre che istituti come il patto marciano previsto dalla nuova normativa per alcune “sviste” del Legislatore, potrebbe finire nel dimenticatoio ancor prima di essere utilizzato.Comunque certamente le nuove norme e l’attivismo dei notai potranno favorire il sistema che già oggi consente ai cittadini di visitare il sito delle aste giudiziarie:, e chiedere gratuitamente di visitare l’immobile. Inoltre sino a dicembre 2016 c’è un notevole vantaggio: chiunque può acquistare un immobile con le agevolazioni prima casa pagando solo le imposte fisse di registro ipotecarie e catastali (600 euro) e anche le imprese possono pagare solo le sole imposte fisse (al posto del 9%) se si obbligano a rivendere l’immobile aggiudicato entro i successivi 2 anni. Una giornata, dunque, di confronto importante che ha visto cinquecento registrazioni e un parterre di interventi che ha visto tra gli altri protagonisti magistrati come Raffaele Rossi, il professore Fernando Bocchini, il presidente Ainc Roberto Dante Cogliandro, Renato Staiano per l’Abi, oltre al giudice Farolfi della fallimentare di Ravenna, il presidente degli Ordini dei notai, avvocati e dottori commercialisti di Ravenna, nonché i vertici istituzionali della città. (foto: cogliandro-dello russo)

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Apra: “Dialogare con la cultura”. Ciclo di conferenze al via dal 24 novembre

Posted by fidest press agency su giovedì, 27 ottobre 2016

Ateneo Pontificio Regina ApostolorumRoma. L’Ateneo Pontificio Regina Apostolorum (APRA), in Via degli Aldobrandeschi, 190, partendo dalla propria identità intende avviare un dialogo con la cultura attuale nelle sue varie espressioni e discipline quali: la scienza, la politica, l’economia, la psicologia, la sociologia, la medicina, il diritto e le scienze ambientali. Lo fa attraverso i suoi diversificati programmi di formazione e questo anno anche mediante un ciclo di conferenze “In dialogo con la cultura” che partiranno il 24 novembre per chiudersi il 18 maggio 2017. Si tratta di un percorso formativo che mira ad arricchire i partecipanti offrendo loro, non solo conoscenze e analisi di alcuni temi di attualità ma anche esperienze esistenziali costruttive di dialogo nella ricerca di risposte concrete alla crisi culturale che attraversa la società globalizzata. Infatti, per trovare risposte alle domande di una società complessa è necessario e urgente promuovere una cultura di dialogo che possa essere foriero di valori positivi, capaci di porre al centro degli interessi la persona umana nella sua piena dignità, nella sua capacità relazionale e nella sua apertura alla trascendenza.
Tutte le conferenze si terranno dalle ore 17 alle ore 18. La prima in calendario è prevista per il 24 novembre, “La cultura dello scarto” a cura di P. Prof. Michael Ryan. “L’ecologia alla luce dell’Enciclica Laudato sì” del Prof. Alberto García si terrà il 15 dicembre. Il 12 gennaio 2017 si svolgerà “La donna nella Chiesa” a cura della Dott.ssa Marta Rodríguez. Mentre il 23 febbraio 2017 “Il genere e la crisi della mascolinità e della femminilità” a cura di P. Prof. Alberto Carrara, L.C. “Le religioni e il relativismo” di P. Prof. Marcelo Bravo, L.C. il 16 marzo 2017. Ultimo in calendario a chiudere il ciclo “L’utero in affitto. La mercificazione delle donne” a cura della Prof.ssa Giorgia Brambilla che si terrà il 18 maggio 2017.

Posted in Roma/about Rome, Università/University | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Vogliono togliere l’Atac ai romani ma noi non lo permetteremo!

Posted by fidest press agency su giovedì, 27 ottobre 2016

atac-romadi Virginia Raggi. L’Atac non si tocca perché è dei cittadini che l’hanno profumatamente pagata con le loro tasse. Per anni. La strana alleanza Pd-Fi – sì, sono proprio quelli del Patto del Nazareno – ha votato una mozione in Senato per chiedere che l’azienda di trasporto pubblico romano venga commissariata. Questa mozione della vergogna, che è un insulto a tutti romani, è stata presentata proprio da quei partitucoli che dopo aver spolpato per anni la nostra azienda, dopo averla sovraindebitata, dopo averla abbandonata, senza manutenzioni, senza servizi degni di tale nome, adesso vogliono chiuderla regalandola ai privati.E lo fanno adesso perché vedono che i romani hanno dato fiducia ad un movimento che da quello scempio sta facendo rinascere un’azienda: 150 nuovi bus in arrivo, riordinare i conti, biglietti elettronici, corsie preferenziali e tanto altro per il rilancio. I loro giochi sono finiti e allora, per evitare che qualcuno possa scoprire tutto il marcio, vogliono riprendersela ancora una volta. E, soprattutto, mentre lo fanno scappano dalle loro responsabilità di governanti: avrebbero potuto dare un bel segnale con la riduzione degli stipendi e invece distolgono ancora una volta l’attenzione dalle loro responsabilità. Ma stavolta non glielo permetteremo: se vogliono la guerra, la guerra avranno. Il trasporto pubblico locale è un servizio essenziale, Atac è nostra. Vergognatevi.

Posted in Roma/about Rome, Spazio aperto/open space | Leave a Comment »

Quel meraviglioso e terribile autunno del ‘56

Posted by fidest press agency su giovedì, 27 ottobre 2016

la-rivoluzione-unghereseRoma venerdì 28 ottobre 2016, alle ore 20.30 presso l’Accademia d’Ungheria in Roma (Palazzo Falconieri- Via Giulia, 1) si terrà la serata letteraria e musicale Quel meraviglioso e terribile autunno del ’56. (La Rivoluzione ungherese del 1956 sulle onde della letteratura e della musica. ) Selezione, traduzione e presentazione dei testi e delle liriche a cura di Roberto Ruspanti. Al pianoforte: Annie Corrado.
Roberto Ruspanti, professore Ordinario di Lingua e letteratura Ungherese, autore di diversi volumi, saggi e articoli riguardanti la letteratura ungherese e i rapporti storico-letterari italo-magiari. Per la sua attività di studioso e di traduttore letterario ha ottenuto diversi riconoscimenti, fra cui il “Pro Cultura Hungarica”, il Diploma e la Medaglia d’oro “Ady Endre” del Magyar PEN Club, il primo premio per la traduzione del poema “Giovanni il Prode” di Sándor Petőfi. Ha pubblicato anche due romanzi, “Quel treno per Budapest” e “Viale della Vittoria”, presso l’editore Rubbettino. Attualmente è direttore del CISUECO (Centro Interuniversitario di Studi Ungheresi e sull’Europa Centro-Orientale.Annie Corrado, pianista, diplomata a Napoli nel 2005 sotto la guida del M. Mirella Vinciguerra, risulta vincitrice di numerosi concorsi nazionali e internazionali e di una borsa di studio per il “Festival Mozartbox” nel 2009. Didatta, concertista e collaboratrice pianistica di classi di canto e di strumento (“Arts Academy” di Roma e diversi Conservatori e Accademie Musicali italiani) si sta perfezionando in Musica da Camera presso la Scuola di Musica di Fiesole con il Trio di Parma, Andrea Lucchesini, Bruno Canino e Paul Vernikov. Laureata in Cultura e Amministrazione dei Beni Culturali all’Università Federico II di Napoli, si sta specializzando in Studi Storico – Artistici presso l’Università La Sapienza di Roma L’evento è stato realizzato in collaborazione con il patrocinio del CISUECO e con il sostegno del Comitato Commemorativo istituito in occasione del 60o anniversario della Rivoluzione e guerra d’indipendenza ungherese del 1956.

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Il Molise e il suo cappello in testa

Posted by fidest press agency su giovedì, 27 ottobre 2016

pasquale-di-lenaOnore e tanti applausi alla Risorta Locanda del Castello di Civita di Bojano e al suo animatore in cucina e in sala, il bravissimo Renato Testa, che, in quel luogo stupendo che domina la valle ombrosa dal quale parte il fiume tutto molisano, il Biferno, scioccamente abbandonato dalle istituzioni, riesce a far parlare del Molise sulla più titolata Guida, quella dell’Espresso, “i Ristoranti d’Italia 2017”. Un eroe, in mezzo a 502 insigniti di cappello (5 per i supercampioni e a scalare fino a 1 per quelli bravi come Renato) che, non si capisce perché, sono per la quasi totalità (118 su 502) sparsi nelle Regioni del Centro Nord di questo nostro stupendo Paese. Se penso che il Molise ha un solo rappresentante con un solo cappello e la Puglia tredici, devo pensare che il mio metro di giudizio di un piatto o di un locale è sbagliato o – ed è possibile – quelli che selezionano al sud sono più esigenti o, anche, che sono molto pochi i ristoranti del Centro Sud selezionati. Evidentemente per mancanza di selezionatori!
Torniamo all’eroe, Renato Testa, ed alla sua piccola ma ospitale Locanda che, all’inizio di quest’anno, ha vissuto , con l’organizzazione di serate piacevoli e interessanti, momenti conviviali intensi all’insegna di una carta degli oli, ben quattro che meritano di essere ricordati: la Riserva di Alessia di Alessandro Patuto di Larino, L’Olio di Michele Socci di Colletorto, il Licinius Platino della Cooperativa Colonia Julia venafrana e L’Olio di Flora de La Casa del Vento di Larino.Una Carta degli oli che, lo vogliamo credere, ha contribuito a mettere il cappello sulla testa (scusate il bisticcio di parole) di Renato Testa. (foto: pasquale di lena)

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

I deputati europei chiedono alla Commissione di presentare un piano UE contro le mafie

Posted by fidest press agency su giovedì, 27 ottobre 2016

parlamento europeoBruxelles. Nella risoluzione approvata martedì, i deputati invitano la Commissione a rivedere la legislazione europea contro la corruzione e la criminalità organizzata per meglio equipaggiare gli Stati membri nella lotta contro le organizzazioni criminali che operano nell’UE. I deputati chiedono inoltre norme a livello UE per la confisca dei beni delle organizzazioni criminali, e il loro riutilizzo a fini sociali, e per la protezione dei whistleblower.”L’Europa deve capire il complesso problema della criminalità organizzata e il pericolo derivante dall’infiltrazione di associazioni criminali nel tessuto sociale, economico e politico degli Stati membri”, ha affermato la relatrice Laura Ferrara (IT, EFDD). “I codici penali degli Stati membri devono essere in grado di affrontare la sfida. È per questo che chiedo un intervento normativo urgente e incisivo a livello europeo per fornire alle autorità di contrasto gli strumenti necessari per combattere adeguatamente i gruppi della criminalità organizzata in tutta Europa”.Nella risoluzione non legislativa approvata con 545 voti favorevoli, 91 voti contrarli e 61 astensioni, i deputati chiedono l’adozione di un Piano d’azione europeo per l’eliminazione della criminalità organizzata, della corruzione e del riciclaggio di denaro.
La Commissione UE è anche invitata a stilare “una lista nera di tutte le imprese che abbiano comprovati legami con la criminalità organizzata o siano coinvolte in pratiche corruttive” e a “escludere da ogni rapporto economico con la pubblica amministrazione e dal godimento dei fondi UE”.Inoltre, dovrebbe essere creata un’unità specializzata di Europol per il contrasto dei gruppi criminali organizzati “che operano contemporaneamente in diversi settori”. I deputati chiedono anche regole comuni, entro la fine del 2017, per proteggere gli informatori.
La Commissione dovrebbe stabilire norme vincolanti per vietare a soggetti che siano stati condannati o abbiano preso parte ad attività della criminalità organizzata o abbiano commesso altri reati gravi di candidarsi a elezioni o a lavorare nella pubblica amministrazione, incluse le istituzioni dell’UE. I deputati ritengono che l’utilizzo di un metodo comune per confiscare i beni delle organizzazioni criminali nell’UE rappresenterebbe un deterrente per i criminali. Invitano pertanto la Commissione a rafforzare le misure comunitarie per la “promozione della gestione di beni congelati e beni confiscati e del loro reimpiego per fini sociali e come indennizzo per le famiglie delle vittime e le imprese colpite da usura ed estorsioni”.

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Mostra: Guerre stellari

Posted by fidest press agency su giovedì, 27 ottobre 2016

guerre-stellari1guerre-stellariRoma Dal 28 ottobre 2016 al 29 gennaio 2017 Complesso del Vittoriano – Ala Brasini, Guerre Stellari – Play. La mostra sulla saga che ha sedotto tre generazioni. Oltre 1000 pezzi tra modellini, action figures e stampe d’epoca – alcune esposte per la prima volta in Italia – raccontano ai visitatori le scene e i personaggi più indimenticabili di un mondo che ancora oggi seduce e appassiona a livello globale.
guerre-stellari2Guerre Stellari – Play. La mostra sulla saga che ha sedotto tre generazioni si focalizza sull’aspetto ludico della leggendaria narrazione, utilizzando una selezione attinta dall’infinita produzione – partita nel 1977 – di merchandising a marchio Kenner (ora Hasbro) e che Fabrizio Modina, curatore della mostra e uno dei massimi collezionisti mondiali di toys fantascientifici, mette a disposizione del grande pubblico.Ai più classici toys sono affiancati rarissimi pezzi vintage da collezione quali costumi, accessori, caschi e armi che, in scala reale, ricostruiscono con accurata presenza scenica quell’universo di valori e stereotipi che sono andati oltre il cinema per divenire icone universali. Sotto l’egida dell’Istituto per la storia del Risorgimento italiano, la mostra Guerre Stellari – Play. La mostra sulla saga che ha sedotto tre generazioni è prodotta e organizzata da Arthemisia Group e Kornice, è curata da Fabrizio Modina e vede come special partner Mondadori Store e come partner tecnici iGuzzini, Guidi Go e Grafiche Gemma. Il catalogo è edito da Piazza Editore e Kornice.

Posted in Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Contatori del gas intelligenti: L’Europa supera il Nord America diventando il più grande mercato

Posted by fidest press agency su giovedì, 27 ottobre 2016

smart-gasIl via libera all’introduzione dei contatori elettrici intelligenti sta favorendo il lancio simultaneo dei contatori del gas intelligenti, ora che gli enti regolatori riconoscono i benefici economici di un’infrastruttura delle comunicazioni condivisa per i contatori elettrici e del gas. Il Lussemburgo sta già attuando un programma di implementazione del dual-fuel e si stanno pianificando progetti simili anche in Germania, Austria, Irlanda e Belgio dopo il successo dei programmi pilota.Grazie al procedere delle installazioni di contatori del gas intelligenti in Francia, Italia, Regno Unito e Paesi Bassi, la regione EMEA ora rappresenta il principale mercato regionale dei contatori del gas, davanti al Nord America, che sarà sorpassato anche dal mercato della regione Asia-Pacifico, esclusa la Cina, entro il 2018.L’analisi “Global Smart Gas Meters Market” fa parte del programma Power Generation Growth Partnership Service di Frost & Sullivan, che comprende approfondimenti sulle reti e i contatori intelligenti, i generatori, le micro-reti, l’energia rinnovabile, le turbine a gas e a vapore, i generatori industriali, la tecnologia GTL (gas-to-liquid) e GTL su piccola scala.“L’approvazione di una legislazione favorevole come il Terzo Pacchetto Energia dell’Unione Europea ha dato un notevole slancio alla crescita delle soluzioni avanzate per i contatori”, afferma Maximilian-Eckart Wernicke, consulente del gruppo Energia e Ambiente. “In assenza di mandati a livello nazionale, le utility del gas avrebbero trascurato il segmento residenziale e offerto i contatori del gas intelligenti soltanto ai clienti industriali e commerciali con consumi annuali superiori a 1.500.000 kWh.”Le diverse specifiche nazionali per i contatori intelligenti rendono difficile per molti produttori di contatori commercializzare i propri prodotti a livello globale. Soprattutto, i costi totali di possesso dei contatori del gas intelligenti sono, in molti casi, superiori al risparmio complessivo sui costi dell’energia. Di conseguenza, le installazioni residenziali sono spesso ridimensionate, posticipate o annullate.Anche se i produttori di contatori del gas intelligenti stanno traendo beneficio dalle installazioni programmate dei contatori intelligenti, la limitata innovazione tecnologica sta rapidamente orientando il mercato sulle commodity. Ciò pone un’enorme pressione sui produttori premium, specialmente poiché i produttori cinesi stanno puntando in modo aggressivo al mercato internazionale.“Come risultato, molti fornitori affermati stanno definendo sempre più la propria proposizione di valore come ottimizzazione dei processi di business delle utility”, osserva Wernicke. “Questo sviluppo segna una fase di transizione in cui i produttori di contatori si convertiranno da meri fornitori di componenti a fornitori di servizi completi che offrono soluzioni per la gestione dell’energia e che si occupano della lettura dei contatori per conto dei propri clienti.” Rispetto ai contatori di gas non intelligenti, la quota di contatori del gas intelligenti installata annualmente aumenterà dall’attuale 18,5% fino al 51% nel 2025. Anche la liberalizzazione del mercato e la crescita del numero di abitazioni nei paesi sviluppati espanderanno la base di clienti dei contatori del gas intelligenti e, in definitiva, aumenteranno le opportunità di profitto. (foto: smart gas)

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

La funivia a Roma

Posted by fidest press agency su giovedì, 27 ottobre 2016

virginia raggi trasparenzaRoma. La Sindaca di Roma Raggi ha rilanciato l’idea di una funivia tra Casalotti e Battistini, in un’ottica di mobilità alternativa. Per una migliore mobilità, sostiene l’Adoc, basterebbe che l’attuale servizio di trasporti fosse più efficiente e sicuro.
“A Roma non serve una funivia, a Roma serve un vero, efficiente e sicuro servizio di trasporto pubblico – dichiara Roberto Tascini, Presidente dell’Adoc – al momento l’unico intervento nel settore è stata la riduzione e soppressione di corse ma di reali miglioramenti non se ne vedono. Gli autobus e le metro continuano a passare a singhiozzo, spesso strapieni, con forti ritardi soprattutto nelle ore di punta. E dobbiamo segnalare anche un aumento delle condizioni di insicurezza, sia a bordo che in banchina, dei viaggiatori. Non solo i mezzi quotidianamente utilizzati dagli utenti si ritrovano in condizioni di scarsa o quasi nulla agibilità, con portiere e finestre malfunzionanti, parti mancanti con fili elettrici scoperti ma nei giorni di pioggia non è raro che piova dentro l’autobus o dentro il vagone della metro. Gli utenti inoltre, soprattutto in determinati orari, spesso si trovano in seria difficoltà a causa del comportamento pericoloso assunto da altri soggetti ma anche a causa delle strutture di attesa stesse, di sera poco illuminate e poco raccomandabili. Quest’estate avevamo richiesto un incontro con l’amministrazione capitolina per affrontare i problemi legati al trasporto ma al momento tutto tace. Per questo abbiamo scritto al Prefetto di Roma, rimarcando lo stato deficitario del servizio. Cambiano le amministrazioni ma i cittadini continuano a dover sopportare una città invivibile”. (n.r. E’ un problema complesso ma dovremmo pur cominciare da qualche parte. Già da tempo avevamo proposto un correttivo per allegerire il traffico cittadino come quello di “scoraggiare” i parcheggi in seconda fila che speso riducono la velocità di percorrenza dei bus che oggi è tra i più bassi. Ciò faciliterebbe un maggior rispetto degli orari e una presenza più costante con la possibilità di aumentare l’utenza. Deve aggiungersi anche la necessità d’imporre la consegna delle merci ai negozi e ai supermercati tra le 4 e le sette del mattino e tra le ventidue e la mezzanotte. Una storia a parte andrebbe scritta per i parcheggi potenziandoli nelle aree periferiche per favorire agli autobilisti l’uso dei mezzi pubblici.

Posted in Roma/about Rome, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Società Italiana di Neurologia porta in Italia il Global Burden of Disease

Posted by fidest press agency su giovedì, 27 ottobre 2016

sinapsi neuraliVenezia, In occasione del 47° Congresso Nazionale, la Società Italiana di Neurologia (SIN) pone le basi per l’introduzione anche in Italia del Global Burden of Disease (GBD), il più completo studio epidemiologico osservazionale mondiale. Il GBD è un progetto che ha come obiettivo primario quello di raccogliere dati per descrivere lo stato di salute, la mortalità e la disabilità della popolazione mondiale determinata da tutte le da malattie (gravi e non), da lesioni traumatiche e da fattori di rischio. La frequenza e le conseguenze sullo stato di salute sono nella survey, inquadrate geograficamente in 188 nazioni e quindi permettono una mappa della salute globale, nazionale e regionale. Il GBD consente, dunque, di interpretare le mutevoli sfide per la salute che le persone affrontano oggi in tutto il mondo. I suoi risultati sono periodicamente riportati primariamente sul Lancet annualmente (ultimo con edizione speciale nel luglio 2016) ma trovano spazio anche su altre su riviste mediche mondiali di assoluto prestigio, come NEJM, JAMA e BMJ.Da oggi, dunque, si gettano le basi perché anche l’Italia reciti un ruolo di primo piano in quello che, di fatto, rappresenta lo studio più costoso nella storia della biomedicina.Merito, anche, del Professor Giancarlo Logroscino, dell’Università di Bari, che è parte della task force neurologica del GBD. “Il grande risultato del Global Burden of Disease – spiega il Prof. Logroscino – è quello di misurare la salute in tutto il mondo con gli stessi parametri. Le valutazioni vengono realizzate utilizzando tutti i dati scientifici possibili e i dati del sistema delle strutture sanitarie, grazie ai quali è possibile monitorare e misurare l’andamento della mortalità, dell’aspettativa di vita, della distribuzione delle malattie e delle patologie croniche. Queste stime sono fondamentali per indirizzare i governi di tutto il mondo nella miglior pianificazione sanitaria possibile”.Impressionano i numeri forniti dalla relazione del neurologo italiano: se si osserva la mortalità globale, il 65% è costituita dalle malattie croniche, mentre si è ridotta in maniera drammatica la mortalità da malattie infettive, nonché materno-infantile e da malnutrizione (complessivamente 25%) mentre rimane costante con circa il 10% quella determinata da lesioni traumatiche (circa10%). Inoltre, entro i prossimi 20 anni (nel 2030) l’aspettativa di vita media a livello mondiale sarà di 85 anni per le donne e 79 per gli uomini avendo già nettamente superato i 70 anni già adesso. Il ritmo di miglioramento è incredibilmente di circa un terzo di anno per ogni anno a livello globale.”Se è vero che, da un lato, la vita delle persone si allungherà – sottolinea il Professor Logroscino – è altrettanto vero che, dall’altro, assisteremo ad un fenomeno per cui parte del guadagno in termini di aspettativa di vita sarà comunque caratterizzato dalla presenza di disabilità e da riduzione della qualità di vita. In questo scenario il maggiore driver della disabilità per le popolazioni mondiali, sarà costituito dalle demenze”.
E in Italia? “Nel nostro Paese – conclude Logroscino – oltre il 20% di persone è ormai over 65. Tra le persone anziane circa il 10% è affetto da una malattia neurodegenerativa, prevalentemente demenze, di cui circa il 50% dei casi è Malattia di Alzheimer. L’invecchiamento del paese Italia è globale con ritmi simili sia nel sud che nel nord.Fin dalla sua creazione, circa 20 anni fa, il Global Burden of Disease ha potuto contare sull’aiuto di grandi estimatori, che ne hanno permesso lo sviluppo e la crescita: i suoi finanziatori sono infatti la Banca Mondiale e la “Bill and Melissa Gates Foundation”. Dal punto di vista scientifico il GBD è diretto dal Global Health Institute di Seattle (nello stato di Washington, US) e ha estensioni in tutto il mondo con progetti specifici nazionali in paesi come diversi come Stati Uniti, Cina,Inghilterra, Messico e Norvegia.
Il gruppo di 15 scienziati italiani del GBD riunito a Venezia per la SIN ha convenuto di avviare il progetto GBD Italia per conoscere nell’immediato futuro lo stato di salute del nostro paese.

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Docu-film Spes contra spem – Liberi dentro

Posted by fidest press agency su giovedì, 27 ottobre 2016

Rrebibbiaoma 4 novembre, alle ore 16, Nessuno tocchi Caino presenta il docu-film Spes contra spem – Liberi dentro di Ambrogio Crespi nel Teatro del Carcere di Rebibbia, Via Raffaele Majetti 75. Saranno presenti il Sottosegretario alla Giustizia Gennaro Migliore, il Capo di Gabinetto del Ministero della Giustizia Giovanni Melillo, il Capo di Gabinetto del Ministero dei Beni Culturali Giampaolo D’Andrea e la Vice dello stesso Ministero Tiziana Coccoluto, il Capo del DAP Santi Consolo, il direttore del carcere Mauro Mariani, Rita Bernardini, Sergio D’Elia ed Elisabetta Zamparutti, rispettivamente Presidente d’Onore, Segretario e Tesoriere di Nessuno tocchi Caino, e il regista Ambrogio Crespi.
Il titolo del Docu-film è tratto dal motto “Spes contra spem” contenuto nel passaggio della Lettera di San Paolo ai Romani sull’incrollabile fede di Abramo che “ebbe fede sperando contro ogni speranza”.È il frutto del dialogo e della riflessione comune di detenuti e operatori penitenziari della Casa di Reclusione di Opera.Il docu-film si compone di immagini e interviste con detenuti condannati all’ergastolo, il direttore del carcere e agenti di polizia penitenziaria e il capo del DAP Santi Consolo.Dal documento emerge con chiarezza non solo un cambiamento interiore dei detenuti – nel loro modo di pensare, di sentire e di agire – ma anche la rottura esplicita con logiche e comportamenti del passato e una maggiore fiducia nelle istituzioni.Dalle testimonianze emerge anche che l’istituzione-carcere può rendere possibile il cambiamento e la ri-conversione di persone detenute in persone autenticamente libere.
Il Docu-film è prodotto da Nessuno tocchi Caino e Indexway. (foto: rebibbia)

Posted in Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Chi sono esattamente gli intrapreneur? Una nuova figura professionale

Posted by fidest press agency su giovedì, 27 ottobre 2016

carlos-soaveLa parola “intrapreneurship” potrebbe presto entrare nel gergo comune delle imprese di successo. Sembrano esserne convinti gli esperti Hays, società leader attiva nel recruitment di profili di top e middle management che, nell’ultimo numero dell’Hays Journal, evidenziano come le aziende che vogliono essere competitive sul mercato stiano puntando i fari della selezione verso gli intrapreneur, professionisti in grado di coniugare attività day by day con una spiccata iniziativa personale. Quasi dei “mini imprenditori” capaci di portare innovazione all’azienda, dal suo interno.
Ma chi sono esattamente gli intrapreneur? Le nuove figure, figlie di un gioco di parole tra Intra-corporate (interno all’azienda) e Entrepreneur (imprenditore), sono figure professionali che, se incoraggiate e nel giusto contesto lavorativo, riescono ad esplorare le proprie idee di business, arricchendo in parallelo le attività che quotidianamente sono chiamate a svolgere. Sono risorse in grado di sviluppare attività dal forte contenuto innovativo dall’interno di un’azienda.
Secondo i recruiter Hays, sta diventando sempre più importante per le aziende, infatti, riconoscere e assumere talenti “portatori di innovazione” capaci di coniugare una spiccata iniziativa personale al lavoro dipendente. Non a caso, negli ultimi tempi, tra i criteri di selezione adottati dalle risorse umane viene posta sempre maggiore attenzione sullo spirito imprenditoriale, inteso come la capacità di sviluppare nuove idee di business a partire dalle attività lavorative di tutti i giorni.“L’avvento di start-up sempre più innovative sta spingendo le aziende di tutte le dimensioni a ripensare i vecchi modelli di business, elaborandone di nuovi per restare al passo con le nuove sfide del mercato – dichiara Carlos Soave, Managing Director Hays Italia -. E si sta diffondendo la convinzione che queste novità non debbano essere calate dai piani alti, ma da quelle figure professionali che si confrontano quotidianamente con le esigenze della propria azienda. L’intrapreneurship offre al professionista notevoli vantaggi sia a livelli di assunzione, sia di mantenimento del posto di lavoro. Gli intrapreneur, infatti, hanno la libertà di sviluppare e realizzare le proprie idee senza dover lasciare l’azienda, ma al contrario diventando sempre più parte integrante di essa”.Come può un’azienda incoraggiare l’intrapreneurship? Secondo gli esperti di Hays, vi sono 3 approcci all’intrapreneurship:
• considerare l’attività dell’intrapreneur come parte integrante delle attività di valutazione delle performance dei dipendenti;
• utilizzare schemi di lavoro più flessibili che consentano agli aspiranti intrapreneur di trascorrere del tempo lontano dall’azienda per sviluppare nuove idee;
• mettere a punto una cultura informale che metta in discussione qualsiasi idea o metodo di lavoro in modo sicuro, senza ripercussioni sulle prestazioni. (foto: carlos soave)

Posted in Cronaca/News, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Donazione di sangue all’Università Europea di Roma

Posted by fidest press agency su giovedì, 27 ottobre 2016

università europea romaMercoledì 9 e giovedì 10 novembre 2016, dalle 8.00 alle 12.30, l’Università Europea di Roma organizza una raccolta di sangue aperta a tutti, nella sua sede, in via degli Aldobrandeschi 190, in collaborazione con l’Associazione Donatori Volontari di Sangue EMA-Roma.
All’attività parteciperanno gli studenti dello stesso ateneo. L’Università Europea di Roma, infatti, ha tra i suoi obiettivi principali la formazione della persona. Una formazione che consenta non solo l’acquisizione di competenze professionali, ma che orienti anche lo studente ad una crescita personale e sviluppi uno spirito di servizio per gli altri.
In questo solco si inserisce l’attività di donazione di sangue, che è tra le iniziative di responsabilità sociale dell’università. Gli studenti collaborano alle iniziative dell’Associazione EMA-Roma che si svolgono nel corso dell’anno, non solo durante le raccolte del sangue, ma anche con incontri di informazione e di sensibilizzazione alla donazione volontaria.
Martedì 8 novembre, all’Università Europea di Roma, si svolgerà una mattinata di informazione, con l’obiettivo di sviluppare la conoscenza del mondo della donazione del sangue e i principi che ne derivano. Saranno illustrate le pratiche operative che vengono utilizzate per poter realizzare, migliorare e sviluppare donazioni e gruppi di donatori, con lo scopo di raggiungere una donazione periodica e volontaria .L’Università Europea di Roma organizza la raccolta di sangue due volte all’anno: a novembre e ad aprile. Sono momenti di solidarietà che riuniscono l’intera comunità dell’ateneo: studenti, professori, familiari, dipendenti, amici, collaboratori.
Inoltre la raccolta è aperta a tutti. Tutti possono recarsi all’Università Europea di Roma il 9 e 10 novembre e donare il sangue.

Posted in Roma/about Rome, Università/University | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »