Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 29 n° 151

Posted by fidest press agency su mercoledì, 19 aprile 2017


logo-fidest-jpgI lanci d’agenzia della fidest sono visibili su:

https://fidest.wordpress.com 

https://www.facebook.com/

https://twitter.com riccardo alfonso

http://www.linkedin.com/home?goback= 

La Fidest è un’agenzia stampa a diffusione gratuita.

Il direttore della Fidest pubblica i suoi libri su Amazon

http://www.amazon.it/Libri/s?ie=UTF8&field-author=Riccardo%20Alfonso&page=1&rh=n%3A411663031%2Cp_27%3ARiccardo%20Alfonso 

E i suoi editoriali e articoli di fondo

https://www.google.com/bookmarks/ 

Posted in Fidest - interviste/by Fidest | Contrassegnato da tag: , , , | 1 Comment »

Francia: Serracchiani, fermata onda Le Pen, ora convergere su Macron

Posted by fidest press agency su lunedì, 24 aprile 2017

marine le pen“L’onda della destra antieuropeista guidata da Marine Le Pen si è fermata davanti al realismo e a un radicato senso democratico dei francesi. Questo è ancora solo il primo turno, ma fa ben sperare per il 7 maggio”. Lo ha affermato la vicesegretaria del Pd Debora Serracchiani, commentando i risultati delle elezioni francesi, che vedono al primo turno in testa il centrista Emanuel Macron, seguita dalla leader del Fronte National Marine Le Pen. Per Serracchiani “ora l’auspicio e’ che la frammentazione dei partiti si ricomponga e, convergendo su Macron, assicuri stabilità alla Francia e nuova fiducia nell’Europa‎. E’ nell’interesse – ha concluso – di tutte le forze responsabili”.

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Catella: Senior housing and healthcare in focus for European investors

Posted by fidest press agency su lunedì, 24 aprile 2017

Thomas BeyerleThe new Catella Market Tracker, Senior Housing and Healthcare Property, shows that the market for social real estate still is in the start-up phase in Europe, compared to North America, Japan and South Africa. However, the differences across Europe are large, which creates exceptional opportunities in this relatively young asset class. The demographic shift towards a structurally ageing European society has become an increasing focus for politicians and capital markets in recent years. The altered picture of ageing sees the period after retirement as a new, active, productive and eventful time, in which correspondingly high demands are placed on properties, locations, infrastructure and equipment.“However, simply equating an ageing society with rising demand for healthcare property falls significantly short,” explains Dr. Thomas Beyerle, Head of Group Research at Catella. One particular segment that is proving extremely dynamic, not least thanks to a tangible statistical correlation with people reaching retirement age, is senior housing. For many people nowadays, retirement signals the start of a significantly more active phase of their lives, and this new target group also defines a structural change in social real estate. “It is easier to formulate a completely new senior housing market segment in Europe,” says Beyerle.Our researchers have examined the investment potential using the Catella Market Opportunities in Europe scoring model. Austria and Germany are leading the market growth, followed by Lithuania, the Netherlands and Sweden.The positive assessment for Austria and Germany is explained by their strong healthcare systems and their structurally older populations. Germany has the highest number of hospital beds in Europe, at 823 per 100,000 inhabitants, with Austria in second place at 759. Ireland has by far the smallest share of older people, at 9.9 percent, closely followed by Luxembourg at 10.2. Austria is the European leader for practicing doctors per 100,000 inhabitants (499), followed by Lithuania (428) and Sweden (412). The highest health expenditures, measured by GDP, are made by Switzerland and the Netherlands (11.1 percent each), followed by Germany and Sweden (11.0 percent).The complete Catella Market Tracker, Senior Housing and Healthcare Property, is available at catella.com/research.

Posted in Uncategorized | Leave a Comment »

Abortion ship sailed outside Mexican territorial waters for second time

Posted by fidest press agency su lunedì, 24 aprile 2017

Abortion shipWomen on Waves sailed out again with several women to international waters today from Zihuatanejo, Mexico. There was no interference from the authorities. The ship did not need any special permission for coastal sailing.
The last 2 days 70 women from all over Mexico called the safe abortion hotline. We received calls from Quintana Roo to Oaxaca with of women needing abortions because of a variety of reasons, including failure on their contraceptives, out the fact that they had been raped and are too afraid to reach out for legal local health services (abortion is legal in cases sexual violence in all states).The hotline also received many calls from Mexico City, where abortion is legal and free. Many women still did not know they could have safe abortions in this City. Every Mexican woman has the right to information. Even after the ship leaves Mexico the hotline will continue to provide women information with safe abortion options. Hundreds of Mexicans have expressed their support for the campaign. The success of this action shows that the Mexican society is ready to discuss abortion beyond each person’s individual beliefs, taking into account the human rights of women and the secular nature of the Mexican State. This campaign was an international collaboration between Women on Waves and more than 30 Mexican organizations and human rights defenders that are working tirelessly to protect and promote the human right to a safe abortion.

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Seminario di Fisica Matematica – Markus Lange

Posted by fidest press agency su lunedì, 24 aprile 2017

università roma treRoma. Lunedì 24 Aprile 2017, ore 11:30 Dipartimento di Matematica e Fisica, Aula 311 Largo San Leonardo Murialdo 1 Renormalization Analysis for Degenerate Eigenvalues Markus Lange (University of Jena) Abstract. We consider a quantum mechanical system, which is modeled by a Hamiltonian acting on a finite dimensional space with degenerate eigenvalues interacting with a field of relativistic bosons. Provided a mild infrared assumption holds, we prove existence of the ground state eigenvalues and ground state eigenvectors using operator theoretic renormalization. We show that the eigenvectors and eigenvalues are analytic functions of the coupling constant in a cone with apex at the origin.

Posted in Roma/about Rome, Università/University | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Politica e carismi nella loro forza attuativa

Posted by fidest press agency su lunedì, 24 aprile 2017

chiara lubichRoma, lunedì 24 aprile 2017 – ore 17.00 Villaggio per la terra (Galoppatoio di Villa Borghese) Politica e carismi nella loro forza attuativa. L’incontro è promosso da Earth Day Italia e dal Movimento dei Focolari. Beatrice Lorenzin, Livia Turco, Vittorio Pelligra si confrontano su Politica e carismi nella loro forza attuativa, a margine del libro di Jesús Morán “Fedeltà creativa” (Città Nuova, 2017). Sarà presente l’Autore. Modera Ignazio Ingrao, giornalista, TG1.
Due donne politiche di primissimo piano – Beatrice Lorenzin, parlamentare e Ministro della salute del Governo Renzi e nell’attuale governo, e Livia Turco, più volte parlamentare e Ministro, attualmente Presidente della “Fondazione Nilde Jotti” – e l’economista Vittorio Pelligra si interrogano sulla più singolare delle sfide: quella della attualizzazione di un carisma, letto con le possibili analogie con la politica.
Il testo di Morán, offerto alla lettura di due autorevoli personaggi politici e di un economista, sarà occasione per una stimolante riflessione sulle analogie tra un carisma spirituale e carismi che devono prendere corpo e attualizzarsi nella concretezza della vita individuale e sociale. Può un Movimento nato da un Carisma essere fedele nel tempo all’ispirazione iniziale senza che questa fedeltà risulti stanca ripetizione? Sono domande che nella storia di un Movimento nascono in modo particolare quando viene meno il suo fondatore; domande che fanno “da sfondo” alla riflessione di Jesus Moran – dal 2014 Co-Presidente del Movimento dei Focolari – sul Carisma del Movimento fondato da Chiara Lubich. Il testo nasce da un intreccio di circostanze: i numerosi incontri avuti negli ultimi due anni in diversi contesti geografici e culturali con persone esperte in diversi campi della vita culturale, sociale e spirituale del nostro tempo; i tanti mutamenti, incalzanti e di nonsempre semplice lettura, che la realtà mondiale ci manifesta ormai quasi giornalmente, soprattutto, lo straordinario vento di novità che in questi anni sta soffiando all’interno della Chiesa cattolica grazie al pontificato di papa Francesco, anni così pieni di JesusMoran-asorprese che inducono decisamente a una nuova speranza e fanno riemergere insospettate energie sopite da tempo con quel timbro di novità che solo il Vangelo promette e permette.
Jesús Morán è autore di Fedeltà creativa. La sfida dell’attualizzazione di un carisma pp. 96 – prezzo: € 10,00. Jesús Morán (1957) è dal 2014 Co-Presidente del Movimento dei Focolari. Ha conseguito la laurea in Filosofia presso l’Università Autonoma di Madrid e, in seguito, la laurea in Teologia e la specializzazione in Dogmatica presso la Pontificia Università Cattolica di Santiago del Cile. Dal 1996 al 2004 è stato delegato dei Focolari per il Cile e la Bolivia, dove, nel 2002, è stato ordinato sacerdote. Dal 2004 al 2008 è stato corresponsabile del Movimento in Messico e a Cuba. Nel 2009 inizia a far parte della “Scuola Abba”, centro interdisciplinare di studi dei Focolari, per la sua competenza in antropologia teologica e teologia morale. Ha pubblicato in Spagna, Cile, Messico e Italia.

Posted in Roma/about Rome, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Torna il premio Cascella: Il tema di quest’anno è “La menzogna”

Posted by fidest press agency su lunedì, 24 aprile 2017

Found NemoStreet Air RaceOrtona (CH) dal 25 aprile al 28 maggio 2017 Biblioteca Diocesana S. Domenico, Largo Ricciardi,torna il premio Cascella. Dal 1955 è uno dei Premi d’Arte tra i più prestigiosi d’Italia. In esposizione opere fotografiche e pittoriche di 30 talenti delle arti visive finalisti del Premio Cascella 2017.Il Premio esporrà nuovi talenti delle arti visive. Molti sono stati gli aiuti avuti da artisti affermati quali Marianna Santoni, Andrea Amaducci, Mr Wany, Franco Sumberaz e non ultimo Matteo Basilè, discendente dello stesso Basilio Cascella a cui il premio è intitolato. Quest’anno ospiti i primi due vincitori della sezione International: i fotografi Polo D e José María Ocaña Rizo. Il Premio ha lo scopo di offrire visibilità a chiunque sia impegnato in una seria ed onesta ricerca artistica, segnalarlo all’attenzione degli operatori dell’arte ed insieme offrire adeguati spazi espositivi e risonanza di critica e di pubblico a livello nazionale ed internazionale.
Autori: Polo D, Symbolon, AGA Agnieszka Bak, Riccardo Antonelli, Agostino Bergo, Giulio Calamandrei, Francesca Candito, Leonardo Cannistrà, Norma Carminati, Fabrizio Cordara, Wanda D’Onofrio, Davide Di Fonzo, Ornella Di Profio, Michele Dolci, Carola Eirale, Carmine Esposito, Pino Ferrucci, Diego Gammuto, Salvatore Grisafi, Veronica Liuzzi, Luigina Luzii, Teresa Mancini, Giorgio Nuzzo, José María Ocaña Rizo, Nicola Claudio Palermo, Francesco Palluzzi, Lorenzo Palombini, Alessandro Passerini, Elisa Pietrelli, Paolo Pozzi, Erika Riehle, Monica Seksich, Maria Barbara Tartari, Sara Vacchi, Luisa Valenzano, Valerio Villani, Serena Vittorini, Massimo Volponi. (foto: Found Nemo)

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Scuola: Ai nuovi docenti stipendi proletari

Posted by fidest press agency su lunedì, 24 aprile 2017

valeria-fedeliI vincitori del concorso prenderanno 300 euro al mese. È la cifra che verrà destinata per le prime 12 mensilità a tutti i nuovi insegnanti che tra un paio d’anni, dopo aver dimostrato di potersi mettere in cattedra per formare le nuove generazioni, verranno selezionati a seguito del rinnovato concorso per diventare insegnanti: lo stesso Ministro dell’Istruzione, Valeria Fedeli, annunciando i 600 euro lordi da assegnare ai neo assunti per il loro primo anno di lavoro, li ha definiti “poca roba”. Anief ricorda che non stiamo parlando solo di giovani ex studenti universitari, ma anche di precari storici, che a 40-50 anni avranno la forza di rimettersi in discussione. Come si fa a dire loro che per essere formati dovranno percepire 3.500 euro in un anno, ovvero lo stipendio che si assegna in poco più di un mese a un collega neo-assunto di un vero Paese moderno dove lo Stato non fa cassa sulla pelle dei precari?
Marcello Pacifico (Anief-Cisal): è un copione che si sta sempre più piegando verso il basso. A chi ha escogitato questa soluzione, vorremmo chiedere se ha pensato come faranno i docenti meritevoli a ‘campare’ con 70 euro a settimana, magari costretti a svolgere il loro primo anno di prova a mille chilometri da casa. Con il rischio, alla fine, di essere pure bocciati, al termine di un triennio svolto nel ruolo ibrido da docenti non più precari ma nemmeno di ruolo. Noi abbiamo compiuto tutto il percorso che era nelle nostre possibilità per contrastare il decreto legislativo 377: stiamo valutando se appellarci alle aule dei tribunali. Per stabilire se un modello di retribuzione iniziale di questo genere possa essere lecito oppure si tratti, come riteniamo noi, solo dell’ennesima soluzione adottata per salvaguardare i conti pubblici ledendo i diritti dei lavoratori.

Posted in Diritti/Human rights, scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

YTALIA Energia Pensiero Bellezza. Tutto è connesso

Posted by fidest press agency su lunedì, 24 aprile 2017

firenzeFirenze Forte di Belvedere, mercoledì 31 maggio ore 11.00 inaugurazione (dal 2 giungo al 1 ottobre – Ytalia, una imponente mostra collettiva sull’arte italiana contemporanea ideata e curata da Sergio Risaliti. Il progetto espositivo – promosso dal Comune di Firenze e organizzato da Mus.e – nasce in collaborazione con le Gallerie degli Uffizi, l’Opera di Santa Croce e il Museo Marino Marini).
L’Italia è una repubblica fondata sull’arte e la bellezza; si potrebbe perfino affermare che è una repubblica fondata e rifondata dagli artisti. In Assisi, in una delle volte della Basilica Superiore, Cimabue ha scritto Ytalia a margine di una rappresentazione di città, sicuramente Roma, nella quale si riconoscono alcuni edifici: Castel Santangelo, forse San Pietro o San Giovanni in Laterano, il Pantheon, il Palazzo Senatorio e la torre dei Conti. La città eterna, vista dall’alto e racchiusa entro la cerchia di mura, rappresenta per quell’artista una primissima affermazione dell’esistenza della civiltà italiana, a cui guardare, di cui sentirsi parte e farsi promotore. Con quella segnaletica, Cimabue sancisce che i confini nazionali -siamo tra il 1280 e il 1290- sono prima artistici che politici, e che l’identità nazionale è fatta di cultura classica e umanistica, di bellezza pagana e spiritualità cristiana. In fondo poco è cambiato nel corso dei secoli. L’Italia è ancora oggi il paese dell’arte e della bellezza. Così è stato dal Trecento al Seicento, secoli di massimo splendore, e fino al Novecento. In tal senso, all’interno della comunità artistica internazionale, l’arte italiana – da Giotto a Piero della Francesca, da Michelangelo a Caravaggio, e da questi fino ai Futuristi e oltre – ha fatto scuola, è stata di modello per il mondo intero, perché nei nostri manufatti artistici si è potuto apprezzare il perfetto equilibrio di classicità e anticlassicità, di eclettismo e purismo, d’invenzione e citazione, d’immanenza e trascendenza. Una mostra, che offra al pubblico nazionale e internazionale, l’opportunità di confrontarsi con le opere di alcuni tra i maggiori artisti italiani del nostro tempo è sempre un fatto importante, anche per le discussioni che suscita, oltre che per le emozioni e le riflessioni che rigenera. (foto: firenze)

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Tempo di Libri: l’editoria italiana è sempre più internazionale

Posted by fidest press agency su lunedì, 24 aprile 2017

Più libri più liberi 2010_Foto di Jacopo Pergameno_Courtesy AIE_Associazione Italiana Editori_PANORAMICA_L’editoria italiana è sempre più internazionale, soprattutto nel settore Bambini e Ragazzi e nella Narrativa che assieme sono i più esportati con il 71,3% delle vendite. E questo mentre nel 2016 si è ridotto il numero di titoli per cui sono stati acquistati i diritti da case editrici straniere.È quanto emerge dalla presentazione del Rapporto sull’import/export di diritti 2017, realizzata dall’Ufficio studi dell’Associazione Italiana Editori (AIE) in collaborazione con ICE – Agenzia per la promozione all’estero e l’internazionalizzazione delle imprese italiane e presentata oggi, sabato 22 aprile, nell’incontro La geografia dei diritti 2016. Da dove compriamo, a quali paesi vendiamo a Tempo di Libri, la Fiera dell’Editoria italiana in programma fino al 23 aprile a Fiera Milano Rho. La fotografia su come le case editrici italiane si muovono in ambito internazionale evidenzia che nel 2016 hanno venduto all’estero i diritti di 6.565 titoli (+11% sul 2015) mentre ne hanno acquistati 9.552 (-10,6% sul 2015).
Per dimostrare l’influenza dell’export basti pensare che i titoli venduti nel 2016 rappresentano il 10% delle novità pubblicate, mentre nel 2011 erano appena il 3,2%.
Quali sono i generi più venduti? L’export dei diritti italiani si basa soprattutto sui libri per Bambini (46,9%, +44% sul 2015) e sulla Narrativa (24,4%). Assieme fanno il 71,3% di tutto l’export di diritti della nostra editoria.
E quelli più acquistati? L’attenzione degli editori italiani si concentra sulla Narrativa che occupa il 35,9% (-1,3% sul 2015) degli acquisti dei diritti. La crescita maggiore è degli Illustrati che rappresentano il 5,7%, +76% rispetto al 2015.
Dove? L’Europa si conferma il mercato tradizionale delle vendite con il 63,2% (+35,7% sul 2015), a crescere maggiormente sono il Nord America (8,4%, +45,8% sul 2015) e il Medio Oriente (3,8%, +14,2% sul 2015), area verso cui sono state sviluppate negli ultimi anni missioni e partecipazioni dell’editoria italiana come Paese ospite d’onore in collaborazione con ICE-Agenzia.
E da dove? L’Europa continua a essere il principale paese da cui si acquistano i diritti: rappresenta il 62,2% dei titoli acquistati ed è in leggero calo rispetto all’anno precedente (-6% sul 2015).
libriIl secondo è il Nord America con il 33% di quota e una crescita del 3,4% sul 2015. Si nota anche un interesse verso il Pacifico: rappresentano appena il 4% ma con un +352,9% sul 2015.In generale l’indagine realizzata da AIE e ICE Agenzia conferma la capacità degli editori italiani di offrire autori, generi diversi ai loro colleghi stranieri e di esplorare letterature e mercati nuovi rispetto a quelli europei, più tradizionali.
E i piccoli? Comprano più diritti all’estero di quelli che vendono, anche per la naturale necessità in fase di avvio di crearsi un catalogo importante. E forse anche per rispondere alle curiosità di un lettore che vuole conoscere autori, letterature e culture di Paesi diversi. Cresce però (e più della media) la loro capacità di vendere all’estero (anche come probabile effetto traino che negli anni scorso hanno fatto alcuni marchi editoriali; anche se i numeri in termini assoluti rimangono piccoli). L’export dei diritti raggiunge il 12,5% (+31,9% sul 2015) mentre l’acquisto dei diritti è il 46,2% (+4,5% sul 2015).
Le coedizioni sono un altro tassello importante dei processi di internazionalizzazione dell’editoria italiana. Nel 2016 sono state 1.102 le coedizioni realizzate con gli editori stranieri. Due i generi che si impongono: quello dei Bambini e Ragazzi (57,7%) e quello degli gli Illustrati (18,5%). Due settori i cui costi di produzione possono essere abbattuti quando uno stesso titolo (o una collana) viene realizzato da più partner internazionali in modo da contenere i prezzi di copertina di prodotti in cui il «colore» e la qualità della carta incide in maniera significativa sui costi di produzione.
“I risultati – ha commentato Giovanni Peresson, responsabile dell’Ufficio studi AIE e curatore del programma professionale di Tempo di Libri – confermano le tendenze dell’editoria italiana: sempre più internazionale nell’affermate autori e titoli, capace di proporsi a paesi e mercati diversi, non solo quelli tradizionali. Per questo ICE-Agenzia ha sviluppatole iniziative all’estero che sostengono il ruolo protagonista dell’Italia”.“L’indagine sulla vendita dei diritti all’estero – ha commentato Marinella Loddo, Direttore dell’ufficio ICE Agenzia di Milano – è ormai diventato uno strumento non solo utile ma indispensabile, che aiuta l’ICE Agenzia e l’AIE ad elaborare le strategie vincenti per le case editrici italiane sui mercati internazionali”

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews, Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

XXI edizione dell’FVG International Music Meeting

Posted by fidest press agency su lunedì, 24 aprile 2017

CommellatoSacile (Pordenone) Domenica 30 aprile alle 18.00 a Palazzo Ragazzoni a Sacile, concerto d’eccezione della XXI edizione dell’FVG International Music Meeting. Protagonista in un recital solistico Alessandro Commellato, maestro indiscusso del pianoforte di fama internazionale, che proporrà, in un programma dal titolo “Fantasia e Romanticismo”, le 32 Variazioni in Do maggiore di Beethoven, l’Improvviso op.90 n.2 di Schubert, la Ballata n.1 op.23 di Chopin e la Kreisleriana op.16 di Schumann. L’ascolto offrirà dunque l’opportunità di indagare su quattro personalità di altissimo profilo della musica mitteleuropea, ma ancora di più di osservare come il romanticismo e le sue diverse forme si siano sviluppate in modo impressionante attraverso il talento, l’intuizione e la dottrina di quattro grandi compositori. In particolare la musica di Chopin, intrecciata di danza e di elegia, di lirismo soggettivo e di nostalgia della patria polacca, impreziosita da accenti di aristocratica mondanità e di pariginismo, rappresenta la più perfetta incarnazione dell’anima romantica nella dimensione del suono pianistico. D’altra parte, negli otto pezzi della Kreisleriana – ora febbrili ora distesi – grandi ondate emozionali si accavallano, si mescolano, si perdono nelle profondità di crisi misteriose, in un continuo ascendere verso le vette e precipitare verso gli abissi, in uno stato di perpetua esaltazione e agitazione.
Alessandro Commellato, vincitore di concorsi nazionali e internazionali (Premio Rendano di Roma, Città di Stresa, Cidad de Oporto, Schubert di Dortmund) si è esibito come solista con numerose orchestre italiane e internazionali (l’Orchestra del Teatro alla Scala di Milano, del Teatro la Fenice di Venezia, Filarmonica di Praga, Filarmonica Accademica di San Pietroburgo, Filarmonica di Omsk, Filarmonica di Odessa, Orchestra Nazionale Moldava, Orchestra della Radio di Zagabria, Filarmonica di Bacau, Premiere Orchestra di Krasnodar, “Solamente Naturali” di Bratislava, Orchestra Verdi di Milano, Orchestra Sinfonica Toscanini di Parma) effettuando tournée in Usa, Russia, Giappone e Australia. Con Divertimento Ensemble e Virtuosi Virtuali ha eseguito opere contemporanee di Nono, Kagel, De Pablo, Bussotti, Donatoni, Guarnieri, in sale prestigiose in Italia e all’estero. Si dedica anche alla musica da camera e all’interpretazione su strumenti storici. (foto: Commellato)

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

I Concerti a Palazzo

Posted by fidest press agency su lunedì, 24 aprile 2017

nicola di BendettoSacile (Pordenone) venerdì 28 aprile, ore 20.45, Palazzo Ragazzoni Sarà Nicola Di Benedetto, giovanissimo violinista, talento ormai riconosciuto a livello internazionale, protagonista venerdì 28 aprile alle 20.45 a Palazzo Ragazzoni di Sacile della quarta serata della IX Rassegna Internazionale “I Concerti a Palazzo”, organizzata da Ensemble Serenissima, presentando un programma in un crescendo virtuosistico con musiche di Vieuxtemps, Brahms, De Sarasate, Grieg, Kreisler. Fresco vincitore del Primo Premio al prestigioso concorso “International Music Competition London Grand Prize”, con debutto alla Royal Albert Hall di Londra, sarà accompagnato al pianoforte dall’affermata pianista Stefania Mormone. Nicola Di Benedetto, nato a Pordenone il 1° luglio 2001, ha intrapreso lo studio del violino all’età di sette anni, per poi proseguire gli studi sotto la guida diMichele Toffoli all’Accademia Musicale di Sacile. Ha partecipato a numerose Masterclass tenute dai maestri: Maria Caterina Carlini, Lucio Degani, Emmanuele Baldini, B.Schmitt, Massimo Quarta e Sergej Krylov. Attualmente iscritto al Conservatorio Verdi di Milano, dove studia sotto la guida di Gabriele Baffero (Allievo di Borciani), si sta perfezionando con Pavel Berman al Conservatorio della Svizzera Italiana. Si è distinto in numerosi concorsi nazionali e internazionali. Dei riconoscimenti ottenuti sono da annoverare: il Primo premio assoluto e Premio Speciale Lodovico Agostini alla Migliore Interpretazione con il punteggio di 100/100 al X Concorso internazionale Lodovico Agostini Città di Ferrara (2014); il Secondo Premio Assoluto e primo fra gli italiani alla X edizione dell’Ars Nova International Music Competition 2014 a Trieste;il Primo Premio Assoluto Giovani Promesse al Concorso Nazionale Silver-Leonardo da Vinci di Firenze; il Primo Premio Assoluto con il punteggio di 100/100 e Premio come miglior violinista, risultando anche vincitore assoluto di tutte le categorie, al XXI Concorso Arisi di Cremona. Inoltre, il primo premio al VIII Concorso Nazionale Piove di Sacco, il primo premio al VII Concorso Internazionale Salieri di Verona e il primo premio assoluto al II Concorso Internazionale Diapason D’Oro 2016. Ha partecipato a numerose rassegne importanti in veste di solista, come l’FVG International Music Meeting e Perle Musicali in Villa. Recentemente si è esibito come solista in occasione dell’Altolivenza festival “Giovani Talenti”. È stato ospite su RAI 2, dove si è esibito per la Rubrica “Saremo Famosi”. Ha collaborato con Nello Salza, Luca Giovannini, Laura Bortolotto, Alberto Manzo.
nicola di Bendetto1Stefania Mormone, nata a Napoli, ha cominciato gli studi musicali alla scuola di Alberto Colombo e si è perfezionata in seguito con Aldo Ciccolini e Nikita Magaloff. Ha effettuato numerose tournée in Europa e oltreoceano, suonando sia in recital solistici che con orchestre, e ha registrato per radio e televisioni internazionali. Tra le orchestre più importanti con cui si è esibita si annoverano i Solisti Veneti, l’Orchestra Filarmonica di Città del Messico, l’Orchestra della RTV di Lubiana, l’Orchestra da Camera di Santa Cecilia, l’Orchestra Filarmonica di Buenos Aires, la Südwestdeutsches Kammerorchester, la Nouvel Orchestre de Montreux, la American Soviet Symphony Orchestra, gli Archi della Scala, la Stuttgarter Kammerorchester. Il suo interesse per la musica da camera l’ha portata a collaborare con solisti di fama internazionale, fra i quali Pierre Amoyal, Uto Ughi, Natalia Prischepenko, Leonidas Kavakos, David Geringas, Enrico Dindo, Stefano Maffizzoni, Francesco Manara e Stanislav Bunin. Con quest’ultimo ha eseguito al Concerto di Capodanno, nella prestigiosa Symphony Hall di Osaka. Ha suonato in duo con il violinista Sergej Krylov, col quale ha ottenuto ovunque trionfali consensi: dal debutto al Teatro alla Scala, nel 1994, per poi seguire con i concerti al Musikverein di Vienna, a Parigi, all’auditorium di Radio France, a Berlino, nella prestigiosa sala dei Philharmoniker, al Teatro Colon di Buenos Aires, in Giappone e negli Stati Uniti d’America. Sempre con Krylov, ha eseguito al Megaron di Atene tre opere di altrettanti autori contemporanei appositamente concepite per il Duo. (foto: nicola di Benedetto)

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Valorizzare maggiormente il ruolo e le funzioni del pediatra di famiglia

Posted by fidest press agency su lunedì, 24 aprile 2017

sorrentoSorrento. “Per garantire a tutti i bambini e adolescenti italiani la migliore assistenza sanitaria è necessario valorizzare maggiormente il ruolo e le funzioni del pediatra di famiglia. Non c’è bisogno di una riorganizzazione della rete assistenziale, è sufficiente dare maggiore peso e certezza operativa al lavoro di migliaia di professionisti che sono presenti in modo capillare su tutto il territorio nazionale. Inoltre chiediamo alle Istituzioni più investimenti e risorse per la formazione degli specialisti”. E’ quanto afferma il dott. Giampietro Chiamenti Presidente della Federazione Italiana Medici Pediatri (FIMP) in occasione dell’apertura del 43° Congresso Nazionale della Federazione. L’evento vede riuniti a Sorrento fino a martedì delegati di tutte le province italiane. “Un altro aspetto sul quale possiamo contare di più è quello della prevenzione – prosegue il dott. Chiamenti -. Proprio a partire dall’infanzia, e dai primi anni dell’adolescenza, troppi italiani iniziano a seguire stili di vita non corretti. Un bambino su tre è obeso o in sovrappeso, il 16% invece è completamente sedentario e il 13% dei 15enni fuma regolarmente tutti i giorni. Esiste poi il sempre più delicato e controverso tema delle vaccinazioni. Per diverse gravi patologie infettive le percentuali di immunizzazione, in età pediatrica, sono scese sotto la soglia limite di sicurezza del 95%. Anche per questo, di recente, le autorità sanitarie federali statunitensi hanno inserito l’Italia nell’elenco dei Paesi “a rischio salute” per il morbillo. Grazie al rapporto di fiducia che abbiamo instaurato con i genitori italiani la figura del pediatria di famiglia può favorire una corretta cultura della salute e dare il suo contributo per contrastare la sempre crescente diffidenza verso i vaccini. Attualmente però solo in Toscana i pediatri possono eseguire direttamente l’intero calendario vaccinale presso i loro ambulatori”. La regionalizzazione dell’assistenza sanitaria ai giovanissimi è uno degli altri temi al centro del Congresso di Sorrento. “In un Paese che si sta sempre più impoverendo tutte le famiglie devono avere sempre a disposizione un professionista che possa dare assistenza qualificata a bambini e adolescenti – aggiunge il Presidente FIMP -. L’universalità del nostro sistema sanitario è per noi un valore imprescindibile e va difeso assicurando oggi pari opportunità di offerta assistenziale e di presa in carico di ogni bambino che dovrebbe diventare un adulto sano domani”. Al congresso di Sorrento partecipano alcuni esponenti delle istituzioni medico-sanitarie italiane, di altre sigle sindacali e rappresentati di associazioni di cittadini. Oggi pomeriggio sarà presentato un sodalizio che la FIMP ha avviato con ANTER, un’associazione di famiglie per la difesa dell’ambiente e della salute dei bambini residenti nel nostro Paese.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Asylum: MEPs demand urgent reform of the Dublin system and effective relocation of migrants

Posted by fidest press agency su lunedì, 24 aprile 2017

dublinThe current Dublin Regulation, which determines the member state responsible of dealing with each asylum claim, needs an urgent reform, according to MEPs of the Civil Liberties Committee in mission in Italy. MEPs also insisted that other EU countries must host some of the asylum-seekers now in Italy and Greece, as agreed in 2015.On Friday, at the end of a four days visit, Barbara Kudrycka (EPP, PL) and Juan Fernando López Aguilar (S&D, ES), heads of the delegation, said: “We came here to observe and listen to the way Italy manages the high number of arrivals of migrants and refugees at its sea borders. Italy is currently one of the biggest entry points of Europe, therefore the current migration situation is a European, not just an Italian issue. Observations and findings of the delegation are very relevant to the current work of the European Parliament for revising EU asylum legislation, in particular the Dublin Regulation.The delegation is impressed and pays tribute to the efforts of the Italian authorities, population, and all stakeholders, specifically in Sicily, to ensure that the fundamental rights of all migrants and refugees are respected and best processing practices, including for registering arriving migrants and ensuring the protection of external borders, are observed by all stakeholders. The delegation could also observe good cooperation between Italian authorities, NGOs, and EU agencies, and noted the valuable support of EASO, Frontex and Europol.The efforts made by Italy and the extraordinary example of the Sicilian people are not just commendable to Italy but they also safeguard the values of the EU as a whole. The efforts to save lives at sea through search and rescue while fighting against smuggling and trafficking of human beings are tremendous. This is all the more important given the increasing instability and worrying situation in neighbouring countries, notably Libya.The new legislation on unaccompanied minors, although it still needs to be put to the test of reality, seems to be a step in the right direction. It is very much needed, given the arrivals of ever-higher figures of minors of ever-lower age among which increasing numbers of trafficking victims.But of course there are still issues to be addressed:
– We realised that many authorities, including local authorities but also the judiciary, are facing important limitations as far as financial and human resources are concerned, recognising that Italy shoulders a greater relative burden in dealing with the migration situation.
– Visiting Italy gave us yet more evidence that the current Dublin regulation does not work, and given the current pitfalls there seems to be an urgent need for reform.
– Relocation of asylum seekers to other Member States needs to be implemented as agreed, to demonstrate solidarity in practice.
– The need for large scale search and rescue operations demonstrates that Europe must create safe and lawful routes for migration. Resettlement in particular needs to be reinforced.
What Italy is dealing with should be wake-up call to Europe for a more collective response and fairer sharing of responsibility.”

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Migrant child protection still a grave concern

Posted by fidest press agency su lunedì, 24 aprile 2017

migrantesThe treatment of asylum-seeking and migrant children continues to be worrying in many parts of Europe. This is one of the main concerns from the latest summary report of the EU Agency for Fundamental Rights (FRA) on migration-related fundamental rights in selected EU Member States which points to inadequate living conditions and support leading to ill-heath. The Agency’s latest summary identifies pressing fundamental rights issues that need addressing in various EU Member States. Some of the main findings include:
Asylum-seeking and migrant children continue to suffer in many countries. Unaccompanied children often receive little support and can be housed with adults they do not know. Their health and wellbeing can also deteriorate, resulting in suicide attempts, as they approach adulthood or face moving to other parts of the country or being returned following failed asylum claims. Methods for assessing age, where, for example the Swedish Migration Agency found 60% of all cases to be insufficiently investigated, pose problems for children in many cases. In addition, not enough guardians, staff lacking the skills or time to deal with migrant children, and too few places in adequate and secure facilities, all compound the difficulties children face.
The pattern of new arrivals is changing with numbers rising in Greece but particularly in Italy, and dropping significantly in Hungary, where a smart fence with speakers warns against irregular crossing in different languages. In Spain, the use of small boats to arrive grew by 62% in the first three months of 2017 compared to the same period in 2016.
Asylum patterns are also changing with applications rising in Italy and falling in Germany and Hungary. In Hungary, the transit zone policy has left some 8,000 people waiting in Serbia to enter and only 5 people per working day are being admitted to each of the two transit zones.
Overcrowding, poor facilities and the growing use of detention remain problematic, particularly in hotspot and reception facilities. Healthcare for people with mental health issues or suffering anxiety and depression, and privacy for women continue to be issues.
Hate speech, particularly online, continues to remain high. In the Netherlands over a fifth of all online hate speech was found to target asylum seekers and migrants.
In some countries the political response to the migration situation continues to become more restrictive. Legislative initiatives in several Member States aim at restricting appeals, increasing detention, and facilitating and accelerating returns. Society in many Member States is also becoming more polarised with demonstrations for and against migration and asylum.
The European Commission asked the Agency to collect data about the fundamental rights situation of people arriving in Member States particularly affected by large migration movements. The reports cover 14 Member States: Austria, Bulgaria, Denmark, Finland, France, Germany, Greece, Hungary, Italy, the Netherlands, Poland, Slovakia, Spain and Sweden.

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Merchants of Doubt or investigating Corruption

Posted by fidest press agency su lunedì, 24 aprile 2017

MerchantsStrasbourg from Monday 24 to Friday 28 April – members of the Parliamentary Assembly of the Council of Europe (PACE) will meet in Strasbourg and decide whether their institution has a future. The question is whether there is a majority of members in PACE prepared to act in the face of what German daily Der Tagesspiegel called “the biggest corruption scandal in the history of the Council of Europe” and launch an independent investigation.
The Sawicki proposal remains contested. For weeks now, those opposed to an independent investigation have tried to muddy the waters, divert attention and change the subject – merchants of doubt, trying to argue away the accumulating evidence of a major crisis. They ignore the most obvious argument for a serious investigation, as explained to the Guardian by former Swedish minister of justice Tobias Billstrom (EPP). According to the paper:
bureau“Billström said it would be inconceivable for the Council of Europe to turn down a request for an independent investigation when it faces ‘so many serious allegations… which concern the ability of the parliamentary assembly to function as it was intended, as a watchdog against corruption.’ He urged MPs in the assembly to endorse ‘very good’ proposals drawn up by its most senior official, Wojciech Sawicki, setting out the terms for an independent inquiry.”The first confrontation will take place in the Bureau of the Assembly – a body of 33 members – on early Monday morning in Strasbourg. The issue before the Bureau is not to declare whether the government of Azerbaijan or members of its delegation have indeed for many years tried to corrupt individual members of PACE, something that has become known as Caviar Diplomacy. The issue is whether there is a majority in PACE that is willing to find out and to investigate the allegations. (Photo: Merchants, bureau)

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Primo Festival di Danze dal Mondo

Posted by fidest press agency su lunedì, 24 aprile 2017

JubilatePinatDanceLegnano venerdì 28 aprile (inizio ore 21), al Teatro Città di Legnano “Talisio Tirinnanzi”, il primo Festival di Danze dal Mondo. L’evento, organizzato dall’Associazione Musicale Jubilate con il patrocinio del Comune di Legnano e di Regione Lombardia e il supporto della Bcc di Busto Garolfo e Buguggiate, è inserito nel calendario della stagione musicale del teatro “Tirinnanzi”. Protagonista assoluta della serata sarà la grande tradizione della danza di carattere che nei Paesi dell’Est trova la sua forma più espressiva. Saranno infatti rappresentati, attraverso la propria tipica danza di carattere, l’Armenia, la Bielorussia, la Romania, la Russia e l’Ucraina con lo scopo di far avvicinare le nuove generazioni a questa disciplina facendo conoscere le tradizioni e i costumi di ciascun Paese. Il Festival sarà anche l’occasione per presentare per la prima volta a Legnano il corpo di ballo della Scuola di Danza Jubilate Pinat Dance, progetto nato dall’Associazione legnanese grazie alla collaborazione con la coreografa russa Natalia Piskareva per proporre un nuovo ambito che potesse completare un percorso dedicato all’arte già ampiamente sviluppato attraverso i numerosi anni di attività della Scuola di Musica Jubilate. «La danza di carattere consiste nello studio delle danze folkloristico-popolari», spiega Natalia Piskareva, direttore artistico del Festival. «Questa disciplina rientra nella tradizione e nella storia della danza classica, e conserva il legame con le tradizioni e i folklori, espressi anche dall’abbigliamento della terra in cui è nata. La danza di carattere è fondamentale per migliorare l’espressività e l’interpretazione del danzatore ed inoltre è un valido aiuto per sviluppare la musicalità e il senso del ritmo».
Un progetto affascinante che ha coinvolto anche la Bcc di Busto Garolfo e Buguggiate. «Siamo onorati di essere al fianco dell’Associazione Jubilate in questa prima edizione del Festival, non solamente per la grande qualità della proposta, ma soprattutto perché è un’iniziativa che, partendo dal territorio, si apre al mondo», osserva il presidente della Bcc di Busto Garolfo e Buguggiate Roberto Scazzosi. «La danza è un’arte capace di trasmettere emozioni e raccontare storie. E noi ci mettiamo all’ascolto nella consapevolezza di aver sostenuto un’eccellenza». Per la prima edizione del Festival sono stati selezionati alcuni corpi di danza che sono tra le eccellenze in questa particolare disciplina. Si esibiranno sul palco del teatro Tirinnanzi l’Accademia Danza di Merate (LC) guidata dal direttore artistico Ekaterina Sizykh; l’Alba-Dansè di Alba (CN), direttore artistico Natasha Lomova; la Compagnia di Danza Jubilate Pinat Dance di Legnano – al suo debutto – direttore artistico Natalia Piskareva; il Gruppo Vatra di Torino, direttore artistico Iurie Raileanu e la Je Danse A.S.D. di Albano Sant’Alessandro (BG), direttore artistico Ghislaine Crovetto.
Il Festival, seppur a carattere non competitivo, assegnerà alcuni premi attraverso il giudizio di una giuria di esperti e rappresentanti delle istituzioni legnanesi. Per il miglior talento individuato durante le esibizioni, la Deha Ballet mette a disposizione una borsa di studio dal 21 al 31 luglio 2017 presso l’Università Statale della Cultura di San Pietroburgo (la borsa di studio è comprensiva di viaggio aereo A/R Milano/San Pietroburgo, vitto, alloggio, 3 lezioni al giorno). Due borse di studio, messe a disposizione dall’Associazione Jubilate, saranno assegnate a uno dei gruppi partecipanti. Le borse prevedono la partecipazione alla seconda edizione del Masterclass Internazionale della Danza di Carattere dal 27 al 29 giugno a Legnano e dal 30 giugno al 2 luglio a Torino.
La giuria è composta da: Umberto Silvestri, assessore alla Cultura Comune di Legnano; Tatiana Rykoun, direttore responsabile della rivista “Ozero Komo”; Elena Plyushkova, docente e coreografa della Danza di Carattere; Youlia Sofina, professoressa e coreografa della Danza di Carattere; Rossano Corti, responsabile eventi “Miss Lago Maggiore” e collaboratore delle “Iene” di Italia1; Monica Cagnani, direttore di Teatro Oscar Danza Teatro, Ente accreditato ai Servizi della Formazione alla Danza e al Teatro di Regione Lombardia. (foto: JubilatePinatDance)

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Concerto del festival: Un Organo per Roma

Posted by fidest press agency su lunedì, 24 aprile 2017

federico amendolaRoma venerdì 28 aprile alle 19.00 nella sala accademica del Conservatorio “Santa Cecilia (via dei Greci 18, ingresso gratuito fino ad esaurimento posti) concerto del festival Un Organo per Roma. Il grande Johann Sebastian ne è infatti il protagonista, in due modi diversi, prima come compositore poi come protagonista di una piccola opera contemporanea. Infatti prima Olga Di Ilio suonerà tre suoi capolavori organistici, il Corale “In dir ist Freude” BWV 615, il Corale “O Mensch, bewein’ dein’ Sünde grosse” BWV 622 e il Preludio e Fuga in la min. BWV 543, poi sarà eseguito l’intermezzo “Bach Haus”, un atto unico di Michele dall’Ongaro su libretto di Vincenzo De Vivo. Commissionata dall’Opera di Roma nel 2000 per i duecentocinquanta anni dalla morte di Bach, questa piccola opera ha avuto molte riprese, che certificano un’accoglienza molto favorevole, rara per un brano contemporaneo.
Il divertente libretto di De Vivo vuole rispondere a una domanda che ci si pone da quasi tre secoli: “Perché Bach non ha mai scritto un’opera?”. La risposta la troviamo nell’immaginario incontro tra Bach e un impresario italiano che gli propone di scrivere un’opera, facendogli però presenti tutti Olga Di Iliogli obblighi e le convenzioni cui dovrà sottostare, al che il saggio Johann Sebastian declina l’offerta, suggerendo di rivolgersi piuttosto a suo figlio, più giovane e più “moderno” di lui. Il soggetto è ironico e altrettanto frizzante è la musica di Michele dall’Ongaro, uno dei compositori italiani più rappresentati in Italia e all’estero, ben noto a Roma anche come presidente dell’Accademia di Santa Cecilia. Con garbo e ironia dall’Ongaro gioca con le citazioni e le parodie della musica di Bach, ma non solo di Bach, perché si riconoscono anche Puccini, Bernstein e altri ancora. “Il mio intento – ha detto il compositore – è anche comunicare il grande amore, prima di tutto fisico, per la musica”.Gli interpreti saranno il soprano Michela Guarrera, il tenore Antonio Sapio e il basso Gaetano Triscari. Il Complesso d’archi del Conservatorio sarà diretto da Federico Amendola, che il pubblico romano ha già avuto modo di ascoltare e apprezzare sul podio delle orchestre della Rai e dell’Opera e che ha diretto in altri importanti teatri, come il San Carlo di Napoli. (foto: federico amendola, Olga Di Ilio)

Posted in Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Roma/about Rome, Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Personale dell’artista Francesco Bancheri

Posted by fidest press agency su lunedì, 24 aprile 2017

francesco bancheriRoma giovedì 11 maggio 2017 ore 19,30 (11 maggio -14 luglio 2017) Via delle Fosse di Castello 2 (Castel Sant’Angelo-San Pietro) Galleria d’arte Triphè Personale dell’artista Francesco Bancheri. I lavori di Francesco Bancheri testimoniano la linea artistica privilegiata dalla Galleria Triphè: ‘’il figurativo concettuale’’. L’artista utilizza la tecnica del collage ‘’ poetica del frammento’’ che ha lasciato un segno importante ed evidente fin dal 900. Lo stesso Matisse , padre del cut out, utilizzava carta che faceva dipingere prima ai suoi collaboratori per poi applicarla,secondo il suo istinto, sulle tele. Nel caso di Francesco Bancheri, la carta proviene da fonti esterne, talvolta, da opere stesse dell’artista. Da qui si desume come con questa tecnica ad un processo di decostruzione segua un’azione di ricostruzione. L’aspetto della RINASCITA e della RIGENERAZIONE è presente totalmente nelle opere di questo artista, sia in termini di esecuzione tecnica che di contenuti ,soddisfacendo il concetto di eternità, da cui si deduce che francesco bancheri1opera è uguale infinito. La mostra dal titolo RI/CIRCO/LI propone due gruppi di opere idealmente connesse e riconducibili al tema del circo. Al primo gruppo appartengono animali protagonisti dell’arte circense, al secondo gruppo il Colosseo emblema del ‘’panem et circenses’’. Il tutto è reso con una forza coloristica che richiama accenti espressionisti filtrati da un linguaggio che ricorda la Pop Art. In Bancheri questo riferimento rimanda all’idea di un arte che vuole ritornare al territorio; l’utilizzo della carta non è solo quello di un ready made da sfruttare come simbolo di un’immagine consumistica ma, qualcosa di più: i suoi animali e le sue figure sono concrete e non illusionistiche, in quanto non vogliono distogliere l’osservatore dalla realtà, ma suggerire un diverso punto di osservazione nel guardare ciò che ci circonda. Alcune opere di questa serie, delineano nuove figure mentre nel contempo altre compongono immagini astratte. La sintesi nel frammento di carta ,raccoglie in sé , un mondo pieno di spunti e di elementi , sono tutti componenti di una storia che viene scomposta per poi essere ricomposta con un altro significato. La componente dell’imprevedibilità che nasce dal congiungersi dei frammenti cartacei, in Bancheri, inaspettatamente crea nuove forme di vita che si pongono dinnanzi all’osservatore in tutta la loro imponenza.orari: dal martedì al venerdì ( 10.00-13.00/ 16.00-19.00) il sabato (16,00-19,00) (foto: francesco bancheri)

Posted in Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Donald Trump ha il potere di rinnovare il consiglio della Fed

Posted by fidest press agency su lunedì, 24 aprile 2017

Federal ReserveGli investitori danno per certo che la Federal Reserve statunitense diventerà più intransigente con l’accelerazione della crescita USA – soprattutto se le politiche proposte dal Presidente Trump innescheranno un boom economico. Ma quello di cui non tengono conto è il potere del Presidente di modificare la composizione del consiglio della Fed in base ai suoi scopi politici. Una Fed a misura di Trump potrebbe adottare un approccio decisamente più morbido nei confronti dell’inflazione rispetto alla linea tenuta dalla banca centrale dagli anni ‘70.
Dopo le dimissioni di Daniel Tarullo, valide dal 5 aprile, Trump ha ora il compito di riempire tre delle sette poltrone del consiglio della Fed. Un numero che potrebbe salire a cinque entro metà 2018, quando scadranno i mandati del presidente e del suo vice. Trump non è mai stato un fan di Janet Yellen, che probabilmente lascerà la banca centrale insieme al suo fidato vice Stanley Fischer qualora i due non venissero riconfermati.
Non è cosa da poco. L’organo che stabilisce la linea della Fed, il Federal Open Market Committee (FOMC), è composto dai sette governatori del Federal Reserve Board, dal presidente della Fed di New York e da quattro degli 11 presidenti delle altre Federal Reserve Bank, a rotazione. Anche se un gruppetto scelto da Trump rappresenterebbe una minoranza all’interno del FOMC, non bisogna sottovalutare l’influenza che il presidente della Fed ha sempre avuto nel definire la politica della banca. Se già il dissenso di un membro della Fed rispetto al pensiero del presidente fa scalpore, è facile immaginare quale shock provocherebbe una decisione contraria al parere del numero uno.
Dunque, che tipo di Fed vorrebbe Trump? Il magnate ha già espresso il suo disappunto per le misure non ortodosse della banca centrale che hanno mantenuto i tassi di interesse prossimi allo zero per gran parte del gli ultimi 10 anni. E spesso viene associato a falchi come l’economista John Taylor, che ha più volte criticato il quantitative easing. Tuttavia è importante ricordare che in cima alla lista delle priorità di Trump c’è la crescita economica che vuole favorire fornendo un vantaggio competitivo alle aziende USA rispetto a quelle estere tramite la riduzione delle imposte societarie, il sostegno agli esportatori e l’incremento della spesa pubblica nelle infrastrutture. Di certo non vorrebbe scontrarsi con una politica monetaria avversa. Inoltre, la debolezza del dollaro, probabile conseguenza di una linea monetaria meno rigida, contribuirebbe a spostare la domanda interna dai prodotti importati a quelli locali anche senza la controversa “border tax”, la tassa che la nuova amministrazione USA vorrebbe imporre sulle importazioni.D’altro canto, il rialzo dell’inflazione non è assolutamente inammissibile per l’establishment economico. Di recente, gli economisti della Fed e i membri del Brookings Institution hanno dichiarato che l’autorità monetaria potrebbe ragionevolmente accettare un’inflazione superiore al target del 2%. Nello specifico, il Presidente della Fed di Minneapolis Neel Kashkari ha preso le distanze dall’inasprimento di marzo, sostenendo che alzare i tassi quando l’inflazione di fondo è al di sotto del target significa che la banca centrale “considera la soglia del 2% come un tetto piuttosto che un obiettivo… Non trovo giusto parlare di target e agire come se fosse un tetto.” Anziché alzare il target, la Fed potrebbe benissimo asserire di voler mantenere l’inflazione al 2%, ma per tutto il ciclo economico. Dopo anni di inflazione sottotono, un simile orientamento consentirebbe un lungo periodo di inflazione elevata. In alternativa, la Fed potrebbe abbracciare un nuovo regime di “obiettivo di inflazione flessibile”, in modo da riuscire ad ampliare il range di inflazione accettabile senza abbandonare l’impegno di raggiungere il target nel lungo periodo.
Ovviamente, ogni minima percezione di politicizzazione della Fed scatenerebbe ondate di sdegno. L’indipendenza dell’autorità monetaria è un principio macroeconomico irrinunciabile, ma non è garantito – e i membri della Fed lo sanno. Durante il Monetary Policy Forum di New York a inizio marzo, Stanley Fischer ha affermato che la Fed sarebbe rimasta indipendente “sino a che non prenderemo una decisione veramente sbagliata per l’economia.”Ma le nostre analisi suggeriscono che l’indipendenza della Fed è già in bilico. (Da Steve Donzé, Senior Macro Strategist di Pictet Asset Management)

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

“La ricezione di San Bonaventura nel pensiero del novecento”

Posted by fidest press agency su lunedì, 24 aprile 2017

Roma Ateneo Pontificio Regina Apostolorum il 26 e il 27 aprile 2017 (presso l’Aula Master) Via degli Aldobrandeschi 190 convegno “La ricezione di San Bonaventura nel pensiero del novecento”. ura nel pensieAteneo Pontificio Regina Apostolorumro del Novecento” per il 26 e il 27 aprile 2017 (presso l’Aula Master). Nel corso dell’evento diversi esperti approfondiranno come il pensiero di questo filosofo è stato recepito dal primo Novecento ad oggi in alcune aree linguistiche, come quella: tedesca, italiana e francese.
San Bonaventura, infatti, ha suggestioni “moderne” come hanno ben compreso Guardini, von Balthasar, Ratzinger, Moretti Costanzi, Gilson, Falque. Affascinati dalle indicazioni del Dottor Serafico, essi le interpretano comunque in maniera variegata. Il convegno vorrà vagliare anche tale complementarietà ermeneutica.
Mercoledì 26 aprile modereranno i lavori i Prof. Carmelo Pandolfi (APRA) e Alain Contat (APRA). Il convegno sarà preceduto dal saluto del Rettore Prof. P. Jesús Villagrasa LC e dalla introduzione a cura del Prof. P. Rafael Pascual LC, Direttore della Cattedra Marco Arosio dell’Ateneo Pontificio Regina Apostolorum. I relatori che daranno vita a questa giornata sono: Prof. P. Aleksander Horowski ofm cap Istituto Storico dei Cappuccini; Prof. P. Juan Gabriel Ascencio LC dell’Ateneo Pontificio Regina Apostolorum; Prof. Alessandro Ghisalberti dell’Università Cattolica di Milano; Prof.ssa Antonella Fani della Pontificia Università Gregoriana ed il Prof. don Alain Contat dell’Ateneo Pontificio Regina Apostolorum. Alle 17,00 si terrà la tavola rotonda dell’Associazione di Studi Medievistici e Metafisici.
Giovedì 27 aprile il Prof Pandolfi modererà la prima parte della giornata e relazioneranno: Prof. P. Amaury Begasse de Dhaem SJ della Pontificia Università Gregoriana; Prof. P. Pedro Barrajón LC dell’Ateneo Pontificio Regina Apostolorum. Alle 11,00 ci sarà la presentazione dei lavori e premiazione dell’edizione speciale 2017 del Premio Marco Arosio.

Posted in Cronaca/News, Università/University | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »