Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 30 n° 61

La Fidest cambia pelle

Posted by fidest press agency su sabato, 24 febbraio 2018


I lanci d’agenzia della fidest (storico) sono visibili su:

https://fidest.wordpress.com 

La Fidest è un’agenzia stampa a diffusione gratuita.

Ho deciso di chiudere una porta ma avendo contestualmente l’accortezza di aprirne un’altra più diretta e personale. In questo ambito riscopro la mia anima di opinionista sui temi che più da vicino toccano la nostra natura e ci permettono di interagire con chi avrà la bontà di seguirmi condividendo o criticando la mia linea di pensiero sui grandi temi di attualità: politica, sociale, economia.

Posted in Fidest - interviste/by Fidest | Contrassegnato da tag: , , , | 1 Comment »

La campagna elettorale s’infiamma

Posted by fidest press agency su domenica, 25 febbraio 2018

logo fidest ookIn questi ultimi giorni sembra un crescendo inarrestabile la voglia di taluni di menar le mani per fare tanto male a quelli che ritengono i loro avversari politici, e di mezzo, inevitabilmente, ci finiscono le forze dell’ordine. Ma se da una parte dobbiamo prendere atto dell’esasperazione della gente per una politica governativa dissennata e partigiana dall’altra va detto che chi scende in piazza con le bombe di carta e quanto altro non è chi ne avrebbe una motivazione anche se non giustificabile, ma solo dei provocatori, dei teppisti, dei fanatici. In una democrazia la protesta può avere un solo sbocco: nel voto. Incominciamo a prendere realisticamente consapevolezza che i nostri mali dobbiamo incominciare a controllarli personalmente e a verificare che ne demandiamo il compito a persone di nostra fiducia. Ma come si fa, d’altra parte, ad averne la certezza dopo che è stata fatta una legge elettorale con il chiaro intento di far uscire vincitori solo i secondi e i terzi? Tutto questo non è una provocazione? Uno strappare con violenza il volere del popolo a chi dimostra di essere il primo partito mentre gli altri vincono solo perché hanno confidato sul supporto delle coalizioni? Ma che genere di accoppiata? Pensiamo ai programmi elettorali di Forza Italia e Lega. C’è qualcosa che li unisce se non la voglia di spartirsi le poltrone ministeriali? E ancora cosa ci azzecca Il Pd con la Lorenzin e la Bonino?
L’Italia dopo anni di promesse e di cocenti delusioni ha bisogno di certezze e soprattutto di una svolta reale e non surrettizia. Occorre chiudere un capitolo con una classe dirigente che ha fatto il suo tempo e aprirne un altro nuovo di zecca. Solo con uomini e donne nuovi, e in primo luogo non compromessi con il passato, possiamo sperare ad una riforma della giustizia, ad una seria lotta alla corruzione, alla ferma difesa del lavoro e dei lavoratori, a una scuola di valori e un vivere senza portarci dietro un pesante bagaglio di miserie umane con un’equa ridistribuzione delle risorse. E questo vuol dire fare delle scelte radicali in politica ed evitare di disperdere il voto ascoltando il canto delle sirene. (By Centro studi politici e sociali della Fidest)

Posted in Confronti/Your opinions | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Students Prepare for Future Lions 2018

Posted by fidest press agency su domenica, 25 febbraio 2018

Students are preparing for Future Lions 2018, AKQA’s global undergraduate competition that aims to discover a new generation of talent helping to positively change the way we view the world. Providing a platform to discover and inspire young artists, coders and writers, Future Lions entrants often solve a variety of problems with purpose-led thinking.Sweden’s Berghs School of Communication, Future Lions School of the Year for the fourth consecutive year, visited AKQA’s Berlin studio last week to learn about a continuously transforming commercial landscape and the evolving set of skills and methods required to create breakthrough work. As part of their prize, Future Lions School of the Year winners are invited to participate in career workshops with AKQA’s international teams.Twenty-two students pitched their final semester’s projects to the AKQA Creative team, independent of this year’s jury who evaluated each presentation, providing feedback and encouragement. An idea-mapping workshop also provided participants with a methodology to help organise their creativity in a practical and systematic way.Christopher Waldekrantz, Head of Marketing at Berghs School of Communication, said: “The opportunity to collaborate with the team at AKQA is one we value highly. At Berghs, we strive to educate the next generation of creatives who understand the challenges of today, but more importantly, the challenges of tomorrow. This preparatory session was incredibly useful for our students as it tested their existing thinking, and helped them prepare for life in the industry.”Now in its 13th year, and in collaboration with the Cannes Lions International Festival of Creativity, AKQA’s Future Lions competition challenges students to connect people to an idea in a way not possible three years ago. There are no rules as to media or technology, and no specifics around product, service or target audience. The five student teams entering the best ideas will win registration to the Festival, taking place between 18 and 22 June 2018. Their winning ideas will be showcased in front of a large global audience on stage, and recognised across additional media channels.Over the past decade, the competition has launched the careers of over 70 of the world’s most celebrated creatives. Of all Future Lions trophy winners, 99% are now employed by many of the most influential and respected creative agencies and organisations.The Future Lions 2018 call for entries will go live in March.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

“Unannounced Audits – Are You Prepared?”

Posted by fidest press agency su domenica, 25 febbraio 2018

Ahmedabad, Gujarat, India – March 8-9, 2018 – ResearchAndMarkets.com. The Indian Pharma industry has been under scrutiny over the last few years and has faced audits across the year leading to alarming warning letters being received and facing repetitive audits. This has not only impacted reputation of the companies, but it has become imperative for all pharma companies to bring 24/7 quality culture to become all time audit ready.This seminar will provide an overview and in-depth snapshot of the entire process for preparing for and managing and FDA inspection and external regulatory inspections. Employees who will benefit include all levels of management and departmental representatives from key functional areas and those who desire a better understanding or a “refresh” overview of the FDA inspection process from preparing for the inspections, during the inspections and post-inspection responsibilities.To ensure that companies successfully pass these inspections there is a need to create a culture of compliance throughout the firm that incorporates on – going preparations and frequent inspection readiness practice.
The workshop guarantees routine success in FDA inspections which would integrate company culture built on sustaining compliance, significant training and preparation, and flawless execution during the inspections.Almost each time, mere mention of the term AUDIT’ is enough to raise the level of Norepinephrine HORMONE in our blood and specifically if, Regulatory inspection is from EU or US FDA. The level of such stress is directly proportional to the number of days, we get to breath. Exploding situation is, when the auditor KNOCKS – UNANNOUNCED at the factory gate.
But why do we require to think about PREPARING. Why can’t we be EVER READY? Where do we fail? The answer is simple but has different dimensions. The session in the coming two days will address the ways, for every time preparedness for any such INSPECTION, by implementing & monitoring very simple practices.Though the scope of these regulatory inspections have not changed, but their patterns have certainly changed over the years focussing more on Data integrity, Quality Culture, complaint investigation and handling of Out of specification results .The concept now is Guilty until proven innocent. The advancements in the software industry have raised the platform to enhance the level of operations w.r.t. Data integrity and ensure enhanced levels of compliance.
We know that FDA has set up its offices in India & other countries to assure that the pharmaceutical organizations work within the frame work of cGMP and in line with what has been committed to the Agency through the Dossier. Facing an uninvited auditor and handling the audit successfully, is inevitable for the organizations eyeing for these markets.The changed scenario requires a simple & strong strategy. This workshop will focus on the areas of concern, which can keep the activities under control and keep us ever ready for any inspection.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Il MoVimento 5 Stelle non vuole tagliare gli stipendi delle Forze Armate

Posted by fidest press agency su domenica, 25 febbraio 2018

by MoVimento 5 Stelle. Vogliamo rassicurare i militari: il MoVimento 5 Stelle non ha nessuna intenzione di tagliare gli stipendi delle Forze Armate, di questa cosa nel nostro programma non c’è traccia. Si tratta di una fake news bella e buona.A testimonianza di questo, abbiamo il lavoro fatto in Parlamento in questi cinque anni, durante i quali abbiamo sempre messo in primo piano i diritti dei lavoratori di questo comparto ponendo la massima attenzione proprio al tema della retribuzione, della previdenza e della tutela della salute dei militari.L’unica spending review che il programma Difesa del MoVimento 5 Stelle intende portare avanti riguarda gli sprechi di risorse e la cattiva gestione delle spese militari.Spesso abbiamo denunciato che all’interno delle Forze Armate esistono forti squilibri che portano grandi privilegi a poche persone, come spesso è emerso anche da varie inchieste giudiziarie. E abbiamo sempre detto che le prime vittime di queste sacche di potere sono proprio i militari, che ogni giorno si dedicano con impegno ed energia in difesa del Paese e per la nostra sicurezza.Il nostro obiettivo è eliminare questa ingiustizia e razionalizzare la spesa anche attraverso strumenti come la contabilità analitica.
Questa è la posizione del MoVimento 5 Stelle, tutto il resto sono solo fake news da campagna elettorale.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Istruzione: Il rapporto Eurydice boccia la scuola italiana

Posted by fidest press agency su domenica, 25 febbraio 2018

Pubblicato lo studio “Teaching Careers in Europe: Access, Progression and Support”: la ricerca illustra le principali sfide nella domanda e offerta di docenti e i modi con cui i sistemi educativi le affrontano. Il nostro Paese si caratterizza per l’invecchiamento progressivo della popolazione docente. Inoltre, se in diversi Paesi europei si registra la “carenza di studenti iscritti nei percorsi di formazione iniziale per insegnanti e la tendenza ad abbandonare la professione”, nonché una distribuzione sbilanciata di insegnanti tra materie e/o aree geografiche, in Italia chi vuole insegnare continua a dovere mettere in conto l’alta possibilità di vivere tanti anni di precariato. Molti Paesi prevedono una pianificazione preventiva. Mentre in Italia decine e decine di migliaia di docenti delle graduatorie d’istituto continuano ad essere respinti. Nella metà dei sistemi educativi i docenti sono già “pienamente qualificati” al termine del percorso formativo: solo in sei Paesi, tra cui l’Italia, agli insegnanti viene richiesto di superare un concorso. Con il paradosso, sempre nel Belpaese, di una formazione triennale post-concorso, al termine della quale si può anche essere respinti. Inoltre, un terzo dei sistemi educativi d’Europa offre percorsi alternativi per abilitarsi, organizzati come programmi professionali brevi o basati sul lavoro. Mentre da noi, si continuano a respingere tutti coloro che si sono formati sul campo, hanno conseguito abilitazioni e specializzazioni, e hanno superato i 36 mesi di servizio richiesti della stessa UE per l’accesso automatico nei ruoli dello Stato. In Europa è poi normale adottare misure di sostegno ai docenti, attraverso professionisti specializzati e insegnanti qualificati. Figure di chi da noi non c’è nemmeno l’ombra.Per il sindacato, i risultati dello studio non fanno altro che alimentare il rimpianto per quanta strada l’Italia sta perdendo in fatto di istruzione rispetto all’area continentale di cui fa parte. Stride l’eccessivo innalzamento dell’età media dei docenti. E in Italia, guarda caso, ci ritroviamo ben al di sopra dei 50 anni, collocandoci come i più “vecchi” d’Europa. È un dato di fatto che cozza con l’esclusione, per volere del Miur, dei giovani laureati dall’ultimo concorso a cattedra, salvo tornare sui propri passi con il prossimo, figlio della Legge 107/2015. Ma che comunque porterà in cattedra i nuovi insegnanti solo dopo un lungo percorso ad ostacoli.
Marcello Pacifico (Anief-Cisal): Da noi non si ha sentore di cosa possa essere un “sostegno” personale alla professione, soprattutto laddove vi sono difficoltà oggettive con l’utenza e il territorio, con alti tassi di alunni stranieri e di abbandono scolastico. Inoltre, non si comprende il motivo per cui si debba intendere la selezione quasi come un canale punitivo e non un viatico organizzato di crescita verso chi è determinato a svolgere questa professione. La stessa formazione in itinere, con il bonus annuale dell’aggiornamento previsto dalla Buona Scuola, è stata fatta passare come una concessione, mentre in Europa è la norma, peraltro con incentivi e facilitazioni di ben altro spessore. E che dire dell’età avanzata dei nostri docenti? Purtroppo andrà sempre peggio, perché all’eccesso di anni di precariato, non ridotti dal nuovo reclutamento, si somma il mancato allargamento dei beneficiari dell’Ape Social: i nostri docenti di scuola primaria e secondaria, in pratica, andranno tutti in pensione a 70 anni o con almeno 43 anni di contributi, incrementando il record della vergogna, tutto italiano, dei docenti-nonni costretti a rimanere in cattedra loro malgrado.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Riforma della previdenza

Posted by fidest press agency su domenica, 25 febbraio 2018

Riteniamo non più rinviabile una riforma della previdenza che sia in grado di conciliare la sostenibilità finanziaria del sistema pensionistico con le esigenze professionali e personali dei lavoratori. Per un superamento reale della Legge Fornero occorre intervenire su due direttrici.
La prima riguarda il contrasto alla crescente evasione contributiva, che mette a rischio l’equilibrio dei conti previdenziali. A questo scopo, accanto ad una riforma che riduca il peso degli obblighi contributivi, introduca l’accertamento con adesione come nel campo tributario, semplifichi gli adempimenti per le imprese ed elimini il sistema delle micro-norme associate a super sanzioni che mette in ginocchio le piccole aziende, è necessario ipotizzare una sorta di pacificazione contributiva, che chiuda il contenzioso pregresso. In secondo luogo, occorre intervenire sulla struttura contabile dell’Inps, che continua a produrre bilanci in profondo rosso e ad erodere patrimonio che, di volta in volta, lo Stato è costretto a ricostituire con i soldi dei contribuenti. Considerato che il sistema previdenziale registra un sostanziale equilibrio tra entrate ed uscite (e il saldo sarà ancora più positivo se si interviene sul terreno occupazionale), mentre la spesa per le prestazioni assistenziali e praticamente fuori controllo, serve una scelta seria e coraggiosa: separare l’assistenza dalla previdenza.

Posted in Spazio aperto/open space, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Tariffe: Tar, sospesa restituzione soldi per compagnie telefoniche

Posted by fidest press agency su domenica, 25 febbraio 2018

Con due ordinanze il Tar del Lazio ha sospeso l’esecuzione dei provvedimenti con i quali l’Agcom a metà dicembre scorso aveva stabilito che le compagnie telefoniche dovessero stornare dalle bollette gli importi dovuti alla fatturazione a 28 giorni.”Il Tar continua a fare regali alle compagnie telefoniche, con ordinanze fotocopia che non appaiono particolarmente logiche. Se l’ammontare della somma è così elevato da incidere sugli equilibri finanziario-contabili delle aziende è solo perché queste sono andate avanti per mesi, imperterrite, a violare la delibera dell’Authority! Ora non possono ricevere pure un premio per questo!” afferma Massimiliano Dona, presidente dell’Unione Nazionale Consumatori.”Inoltre la somma non è affatto indeterminata, considerato che si tratta dell’8,6% della bolletta. Infine, rispetto alla presunta difficoltà per le società di riottenere dai clienti le somme eventualmente corrisposte, in caso di giudizio finale favorevole alle compagnie telefonifhce, siamo al ridicolo! Non dovrebbero fare altro che inserirlo nella bolletta successiva” conclude Dona.

Posted in Diritti/Human rights | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Maxi-sanzioni per assegni non trasferibili: un’ingiustizia che deve essere sanata

Posted by fidest press agency su domenica, 25 febbraio 2018

Da alcune settimane stiamo ricevendo numerose richieste di assistenza riguardo sanzioni comminate dal Nucleo antiriciclaggio della competente Ragioneria Territoriale del Ministero dell’Economia, per aver emesso e accettato in pagamento assegni bancari di importo superiore a 999,99 euro senza la clausola di non trasferibilità. Sanzioni comminate a chi emette l’assegno ed anche a chi lo incassa.Si tratta di dimenticanze che colpiscono chi firma assegni molto di rado e che ancora possiede libretti di assegni liberi rilasciati dalle banche oltre dieci anni fa. Il Decreto Legislativo 21 novembre 2007, n. 231 (Decreto Antiriciclaggio) ha infatti previsto che le banche possano rilasciare alla clientela assegni privi della clausola di non trasferibilità soltanto dietro esplicita richiesta e il pagamento del bollo pari a 1,5 euro per ciascun titolo. Da allora, gli assegni liberi sono divenuti merce rara anche perché nel tempo l’importo a partire da cui non era consentito emetterli è più volte calato: dagli originali 12.500 euro si è passati agli attuali 1.000 euro stabiliti dal cosiddetto ”Decreto salva-Italia”, ossia il Decreto Legge 6 dicembre 2011, n. 201 convertito con la Legge 22 dicembre 2011, n. 214.
Niente affatto rari, invece, sono gli assegni rilasciati dagli istituti di credito oramai da oltre dieci anni e ancora in possesso della clientela.
Cosa è accaduto: il Decreto Legislativo 25 maggio 2017 n. 90 ha introdotto, a partire dal 4 luglio dello scorso anno, delle sanzioni di importo tra 3.000 e 50.000 euro. Fino ad allora, invece, la sanzione spaziava tra l’1% e il 40% dell’importo dell’assegno.La modifica ha cambiato anche l’importo dell’oblazione, vale a dire la possibilità di definire il procedimento mediante il pagamento di un importo pari al doppio del minimo, facendolo passare dal 2% del valore dell’assegno a seimila euro! La banca presso cui si versa l’assegno ed anche la banca transata presso cui è aperto il conto dell’emittente non hanno alcun obbligo di verificare la forma del titolo sotto l’aspetto della normativa sui trasferimenti in contanti. Non vi è quindi modo di reclamare nei loro confronti se non magari appellandosi al principio di diligenza dell’accorto bancario. Strada non agevole.
Cosa fare se si riceve la sanzione: occorre inviare all’Ufficio emittente le proprie osservazioni in cui far notare che si è trattato esclusivamente di un errore, che l’assegno fa parte di un vecchio libretto di cui ancora si è in possesso, che un simile errore non era mai accaduto prima e che l’importo del titolo non è elevato.
L’Ufficio dovrebbe a quel punto applicare la sanzione minima pari a tremila euro che si può a quel punto pagare godendo di una riduzione di altri mille. L’importo di duemila euro è il minimo che si può raggiungere, quindi.Cosa occorre per risolvere la vicenda nel suo complesso: una modifica legislativa che faccia tornare le sanzioni al regime precedente. E’ assurdo dover sottostare ad una sanzione di duemila euro per il solo fatto di aver commesso una leggerezza derivante dalla scarsa dimestichezza con gli assegni e non dalla volontà di infrangere la legge.
Per finire, pubblichiamo il caso-limite, termine quanto mai azzeccato. Un assegno emesso per l’importo di 1.000 euro, vale a dire un centesimo sopra il massimo consentito, sanzionato con 6.000 euro di oblazione più 5 euro di spese. Sanzione che ha colpito entrambi: emittente e beneficiario! Con l’invio osservazioni, si otterrà la riduzione a 2.000 euro ciascuno, ma si tratta appunto di importi spropositati ed ingiustificati.( Anna D’Antuono, legale, consulente Aduc)

Posted in Diritti/Human rights | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Oggi in piazza la rabbia dei lavoratori pubblici

Posted by fidest press agency su sabato, 24 febbraio 2018

Roma. Il fermento che si vive tra i lavoratori del settore educativo complessivamente inteso oggi si è trasferito nelle piazze. Partecipato presidio al MIUR che, nonostante la pioggia, ha visto la presenza di moltissimi lavoratori della Scuola e dei servizi educativi dell’infanzia, per protestare contro il pessimo rinnovo contrattuale, contro la legge Iori e la legge 0-6, per la stabilizzazione di tutti i precari. Dopo una serie di interventi i manifestanti si sono mossi in corteo verso il Pantheon, nel quale sono confluiti, all’altezza di Ponte Garibaldi anche i lavoratori della Sanità in sciopero, che erano in presidio davanti al Ministero della Salute.
Una protesta generalizzata quella di oggi che non ha caso ha unificato le vertenze dei lavoratori pubblici di diversi settori. Nel settore educativo, complessivamente inteso, ad una massiccia precarietà e a condizioni di lavoro sempre più difficili a causa dei tagli al settore, si è aggiunto un contratto che umilia i lavoratori della Scuola e realizza un profondo arretramento sul piano dei diritti in cambio di una mancetta. Non molto diversa la situazione dei lavoratori della Sanità che scendono ogni giorno in trincea per cercare di garantire ai cittadini il diritto alla Salute nonostante ormai i finanziamenti alla sanità siano ridotti all’osso. Anche per la Sanità il CCNL in discussione all’ARAN promette solo peggioramenti sia per quanto riguarda i diritti che le condizioni di lavoro che si traducono in un peggioramento dei servizi per i cittadini.I rinnovi contrattuali hanno rappresentato la scintilla che ha fatto scattare la rabbia dei lavoratori pubblici, costantemente sotto attacco normativo. Una vera provocazione alla quale USB non ha esitato a rispondere con lo sciopero di oggi, che va considerato una tappa di un più generale percorso di lotta che coinvolge tutto il pubblico impiego. (Unione Sindacale di Base Pubblico Impiego)

Posted in Roma/about Rome, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Giovani senza futuro?

Posted by fidest press agency su sabato, 24 febbraio 2018

E’ drammatico il solo pensarlo ma qualche dubbio serpeggia in proposito. E’ quanto leggiamo sull’abbandono scolastico nelle scuole di ogni ordine e grado, ma in massima parte dalle superiori all’università. E’ quanto i media ci informano che vi sono giovani che rinunciano a cercare lavoro, che diventano asociali e preferiscono vivacchiare o scendere in strada solo per menar le mani. Sono, forse, una minoranza ma vi sono. Questo spaccato di una società che non riesce a scuotere i giovani, a difendere i suoi valori e a trasfonderli alle nuove generazioni è una comunità di perdenti. In tutto ciò il mondo degli adulti si carica di una pesante responsabilità. Tagliare i ponti con la speranza, concentrare le luci della ribalta solo sugli idoli dal guadagno facile, costi quel che costi, è senza dubbio un esempio degradante che non porta a nulla di buono. E’ che abbiamo troppo insistito sul valore della vita mettendo in secondo piano quello del diritto a vivere. Due diritti che non possono essere disgiunti. Coloro che vengono al mondo non possono essere imprigionati dalla logica di chi li giudica per il paese in cui sono nati, per l’essere figli di persone non abbienti, per una cultura che premia chi ha e non chi è. Non siamo riusciti a dimostrare che la società per essere amata deve presentarsi con esempi virtuosi, con impegni seri, con un rigoroso rispetto per i propri simili. Bisogna dare un senso ai contenuti: perché si studia, si lavora e si vive in comunità? Diciamolo e ditelo con un’istruzione che ripaga l’impegno, con un lavoro che conferisce dignità a chi lo esercita e che il vivere insieme significa anche porgere la mano al nostro vicino con un sorriso. (Riccardo Alfonso)

Posted in Confronti/Your opinions, Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

È sempre più forte il legame che unisce l’Università di Parma e l’estremo Oriente

Posted by fidest press agency su sabato, 24 febbraio 2018

Parma. Dal 26 febbraio al 6 marzo sarà infatti a Parma, ospite dell’Ateneo, una delegazione di 2 docenti e 11 studenti della giapponese Kwansei Gakuin University, che svolgeranno una “Spring School” all’Università. Il comitato organizzatore della Spring School è formato dai docenti giapponesi Satoshi Sugahara e Takeshi Fujisawa, e dai docenti dell’Università di Parma Andrea Cilloni e Guglielmo Wolleb, Delegato del Rettore a Progetti e programmi per titoli multipli e congiunti con Atenei Internazionali.I partecipanti seguiranno un percorso didattico che li introdurrà al contesto socio economico e culturale di Parma e dell’Emilia-Romagna.L’arrivo a Parma è previsto nella serata di lunedì 26 febbraio. Nella mattinata di martedì 27, alle 11 nella Sala del Senato della Sede centrale dell’Università di Parma (via Università 12), è invece in programma la “Welcome Ceremony”: gli ospiti saranno accolti da Guglielmo Wolleb su delega della Pro Rettrice per l’Internazionalizzazione Simonetta Valenti, da Andrea Cilloni, membro della Commissione Internazionalizzazione del Dipartimento di Scienze Economiche e Aziendali, e da Alessandro Bernazzoli, Responsabile della U.O. Internazionalizzazione dell’Ateneo.A seguire si svolgeranno incontri con gli studenti dell’Università di Parma in partenza per il Giappone e seminari di presentazione della realtà parmense ed emiliano-romagnola, nell’Aula M del Dipartimento di Scienze Economiche e Aziendali. Relatori dei seminari saranno l’Assessore ad Agricoltura, caccia e pesca della Regione Emilia-Romagna Simona Caselli, Patrick O’Sullivan, Professor della Grenoble Ecole de Management e dell’University of Warsaw e Visiting Professor all’Università di Parma, Franco Mosconi, professore associato di Economia applicata all’Università di Parma, Guglielmo Wolleb, professore ordinario di Economia politica all’Università di Parma, Giovanni Verga, già professore ordinario di Economia dei mercati finanziari all’Università di Parma, già Visiting Professor all’Università di Iasi, Romania, ed estensore dell’Osservatorio monetario dell’Associazione per gli Studi di Banche e Borsa, e Andrea Cilloni, professore associato di Economia aziendale all’Università di Parma e Affiliate Professor della Grenoble Ecole de Management.Nel corso dei 9 giorni di permanenza della delegazione sono previsti incontri con imprese ed enti di sviluppo economico emiliano-romagnoli e lombardi.
L’iniziativa si inserisce nell’ambito del processo di internazionalizzazione dell’Università di Parma in Asia, nello specifico in Giappone. In particolare consolida i rapporti didattici (scambi di studenti e docenti) e di ricerca che da alcuni anni legano l’Ateneo di Parma con diverse Università dell’estremo Oriente.

Posted in Cronaca/News, Università/University | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

PA: Con la Sanità si chiude il cerchio sui contratti del pubblico impiego

Posted by fidest press agency su sabato, 24 febbraio 2018

Secondo il giovane sindacato, il rinnovo di un contratto per dei dipendenti, ancora più perché fermo da quasi dieci anni, va accolto con favore. Tuttavia, ci sono molti aspetti che vanno approfonditi. Ad iniziare dall’esiguità delle risorse che, in assoluto, continuano a mancare per i lavoratori che operano per lo Stato. Ma fa riflettere, soprattutto, la mancata assegnazione dei fondi più cospicui a chi detiene gli stipendi minori: il settore scolastico, visto che a quasi parità di aumenti, i docenti e gli Ata percepiscono in media 10mila euro in meno del comparto sanitario. Sovvertendo anche gli accordi Aran-Sindacati, dell’autunno 2016, il comparto della Scuola è giunto a questa tornata di rinnovi buono ultimo tra tutti quelli della PA. Anche dietro alle Regioni e agli Enti Locali. Ora, di fronte a certi dati ufficiali, ci si sarebbe aspettati un incremento di finanziamenti per chi detiene buste paga vicine alla soglia di povertà. Invece, con il rinnovo contrattuale della scuola, sottoscritto all’Aran il 9 febbraio, si è deciso di corrispondere una manciatina di euro netti al mese, trovando un accordo che assicura a coloro che percepiscono gli stipendi più bassi della Scuola una “copertura” per raggiungere gli 85 euro medi mensili, ma solo fino al prossimo mese di dicembre. Marcello Pacifico (Anief-Cisal): Il personale docente e Ata rimane fortemente sottopagato rispetto al loro prezioso operato quotidiano: gli aumenti ridicoli corrisposti con il contratto del 9 febbraio rimangono due volte sotto l’inflazione, con gli arretrati dell’ultimo biennio che corrispondono ad una mancia e dopo aver dimenticato gli ultimi quattro mesi del 2015, come invece aveva detto il giudice: alla fine della fiera, il milione e 200 mila dipendenti del comparto Scuola si ritrova con 190 euro mensili in meno nel 2018, più altri quasi 3mila euro sottratti per il periodo che va dal 1° settembre 2015 al 28 febbraio 2018. Così, mentre Flc-Cgil, assieme agli altri sindacati Confederali, spende anche parole di soddisfazione per il risultato raggiunto e sottoscritto, il nostro giovane sindacato si rivolge a chi non vuole soccombere a queste ingiustizie, rimanendo impassabile alla sottrazione dei propri diritti: per costoro l’unica strada rimane quella del tribunale e dei ricorsi che continuiamo a patrocinare, a partire dallo sblocco dell’indennità di vacanza contrattuale che farebbe recuperare un bel po’ di soldi.

Posted in Cronaca/News, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Da Padre Pio a don Tonino Bello

Posted by fidest press agency su sabato, 24 febbraio 2018

SAN MARCO in LAMIS. Sabato 3 marzo 2018, a San Marco in Lamis (FG) presso il Teatro del “Giannone” (via Frassati 2), alle ore 17,30, si svolgerà il Convegno “Da Padre Pio a don Tonino Bello: l’uomo e il suo cammino di salvezza”. Il Convegno trae origine dalla visita che Papa Francesco farà: sulle orme di Padre Pio il 17 marzo a Pietrelcina e San Giovanni Rotondo; sulle orme di don Tonino Bello il 20 aprile a Alessano e Molfetta.Scrive Martin Buber: “L’universalità di Dio consiste nella molteplicità infinita dei cammini che conducono a lui, ciascuno dei quali è riservato a un uomo”.Da qui discende una verità inoppugnabile: ogni creatura umana, che viene al mondo, è un “unicum” ed è per questo che è preziosa per Dio, che le ha riservato un destino di salvezza.Ma questo dipende dalla persona, che deve avere la capacità di capire qual è il cammino giusto, anche servendosi di esempi e modelli straordinari come sono sia Padre Pio, sia don Tonino Bello.
È su questi riferimenti di altissimo significato che il Convegno è chiamato a far ragionare e riflettere, perché l’esistenza di Padre Pio e di don Tonino Bello è stata esemplare nella dimostrazione quotidiana che ogni gesto e ogni parola devono essere conformi all’insegnamento che ci viene dalle pagine del Vangelo, nelle quali è presente il Cristo che esorta ad essere degni del nostro Creatore.Il Convegno ha il patrocinio di: Convento di San Matteo, Città di San Marco in Lamis, IISS “Pietro Giannone” di San Marco in Lamis, Agesci San Marco in Lamis e Volontariato Protezione Civile SM 27 di San Marco in Lamis.Ai saluti istituzionali faranno seguito gli inteventi di: Raffaele Cera, Matteo Coco, Maria Lucia Ippolito, Francesca Pompa, Michele Illiceto, Francesco Lenoci.L’ingresso è libero.

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Festival giornalismo alimentare

Posted by fidest press agency su sabato, 24 febbraio 2018

Intervenendo al Festival del Giornalismo Alimentare, il prof. Pietro Paganini ha applaudito al voto della Commissione del Parlamento Europeo che chiede alla Commissione Europea di vietare le etichette “senza”, come anche a quelle che riportano la dicitura “senza ogm” e “senza olio di palma”. Nel corso del suo intervento Paganini ha spiegato che “le etichette “senza” sono uno strumento commerciale, di marketing, utile solo alla scopo di catturare più clienti in un mercato ormai stagnante da anni. “Il packaging, cioè la confezione – ha detto Paganini – è lo strumento attraverso cui le imprese si contendono i consumatori. Le etichette senza illudono solo il consumatore che un certo prodotto sia più salutare di un altro, e lo rassicurano. Ma non sempre il prodotto è migliore. Il caso dell’olio di palma è emblematico. Si discrimina l’olio di palma illudendo i consumatori che l’alimento sia migliore, ma in realtà non è così. E se anche ci fosse un miglioramento, per esempio nella riduzione dei grassi saturi, basterebbe affermare che ci sono meno grassi saturi”. “Purtroppo – conclude Paganini – diverse aziende alimentari, associazioni e catene della grande distribuzione hanno promosso, cavalcato e alimentato una campagna mediatica per demonizzare l’olio di palma e terrorizzare i consumatori, spingendoli a comprare prodotti ‘senza’. Un comportamento molto poco etico, soprattutto nell’era del CSR, che sembra essere diventato il nuovo mantra”.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Parlamento europeo: Settimana dal 26 febbraio al 4 marzo 2018

Posted by fidest press agency su sabato, 24 febbraio 2018

Plenaria
Vertice UE. I deputati discuteranno l’esito dell’incontro informale dei capi di Stato e di governo dell’UE del 23 febbraio. Gli argomenti trattati saranno, fra gli altri: il processo di selezione del prossimo presidente della Commissione europea attraverso il meccanismo dei cosiddetti Spitzenkandidaten (candidati di punta), la composizione del Parlamento europeo dopo le elezioni del 2019 e il bilancio a lungo termine dell’UE dopo il 2020. (Mercoledì).
Polonia / Articolo 7. La plenaria è pronta a sostenere l’appello della Commissione europea ai governi dell’UE per determinare se la Polonia sia o meno esposta a un chiaro rischio di violazione grave dei valori dell’UE. I deputati esprimeranno le loro preoccupazioni in merito allo stato di diritto in Polonia, alla separazione dei poteri, all’indipendenza della magistratura e ai diritti fondamentali. Una risoluzione sulla decisione della Commissione di attivare l’articolo 7, paragrafo 1, del trattato UE sarà messa ai voti (Giovedì).
Miele e api. Mercoledì i deputati discuteranno su come proteggere meglio la salute delle api, intensificare la lotta contro la contraffazione del miele, aumentare il sostegno agli apicoltori dell’UE e promuovere i benefici del consumo di miele (una risoluzione in tal senso sarà votata giovedì).
Evasione fiscale. Nel tentativo di reprimere la pianificazione fiscale transfrontaliera aggressiva che è emersa dai dossier Panama e Paradise Papers, il Parlamento discuterà e voterà una legge per la segnalazione automatica dei meccanismi transfrontalieri utilizzati da alcuni fornitori di servizi a individui e imprese per favorire l’elusione fiscale. (Giovedì)
Commissione fiscale speciale. A seguito delle rivelazioni emerse dai Paradise Papers e del lavoro della commissione PANA del Parlamento europeo, i deputati voteranno l’istituzione di un comitato speciale che esaminerà i crimini finanziari, l’evasione fiscale e l’elusione fiscale. (Giovedì)
Commissioni
Pacchetto rifiuti. L’accordo con il Consiglio dei ministri dell’Unione Europea su una legislazione che fissa obiettivi di riciclaggio più ambiziosi per i rifiuti urbani e per gli imballaggi e per tagliare la quantità di rifiuti che finisce in discarica sarà sottoposto a votazione in commissione per l’ambiente, la sanità pubblica e la sicurezza alimentare. I dossier fanno parte del cosiddetto pacchetto “economia circolare”. (Martedì)
Dialogo monetario con Mario Draghi. La commissione per i problemi economici e monetari discuterà gli ultimi sviluppi dell’economia europea con Mario Draghi, presidente della Banca centrale europea (Lunedì).
Voto sulla nomina di Luis de Guindos. La commissione per i problemi economici e monetari terrà uno scambio di opinioni con Luis de Guindos, candidato alla vicepresidenza della BCE lunedì pomeriggio. Il voto sulla sua nomina è previsto per martedì.
Agenda del Presidente: Mercoledì a mezzogiorno, il presidente Tajani firmerà le nuove norme sulla fine dei blocchi geografici con il ministro bulgaro Lilyana Pavlova (area stampa “Back drop press, PHS 9° piano). Alle 16.00 firmerà il memorandum d’intesa con l’EP-UNWTO (Organizzazione mondiale del turismo delle Nazioni Unite), insieme al segretario generale dell’UNTO, Zurab Pololikashvili, prima di parlare all’inaugurazione della Giornata parlamentare dell’Anno del turismo UE-CINA alle 16.40.

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Libia: cresce preoccupazione per le persone bloccate da lungo tempo a Tawergha

Posted by fidest press agency su sabato, 24 febbraio 2018

L’UNHCR, Agenzia ONU per i Rifugiati, esprime preoccupazione per le diverse centinaia di famiglie libiche che si trovano in serie difficoltà dopo essere state bloccate da gruppi armati mentre tentavano di fare ritorno verso le proprie case nella città di Tawaregha. Gli abitanti della comunità di Tawergha vivono nella condizione di sfollati in tutto il paese dal 2011, quando in 40.000 furono costretti a fuggire.Queste famiglie hanno provato a fare ritorno a Tawaregha, dopo che il decreto del Consiglio di Presidenza del 1 febbraio aveva dato loro il permesso di farlo. Circa 2.000 persone provenienti da varie località della Libia, quali Bani Walid, Tripoli e Bengasi, si sono dirette verso la città ma sono state fermate dai gruppi armati.Dopo essere stati respinti, molti si sono temporaneamente spostati verso due aree, a Qararat al-Qataf, a circa 40 km da Tawergha, e ad Harawa, a circa 60 km a est di Sirte. In queste località, versano in gravi condizioni più di 1.200 persone, perlopiù donne e bambini.Nelle ultime tre settimane, l’UNHCR e l’organizzazione partner LibAid hanno fornito l’assistenza necessaria distribuendo tende, coperte e vestiti pesanti dato che le temperature in quest’area sono molto basse. Estremamente necessari sono dei ripari, l’acqua potabile, il cibo, l’assistenza medica e il supporto specifico per neonati e bambini.In Libia, sono più di 180.000 al momento gli sfollati interni che necessitano assistenza e lo stesso vale per le circa 335.000 persone che hanno recentemente fatto ritorno alle loro case. L’UNHCR continua a fornire assistenza a queste persone in attesa di trovare soluzioni durevoli, quali il ritorno volontario in condizioni dignitose e in sicurezza.L’UNHCR negli ultimi mesi ha aumentato le proprie risorse e i propri sforzi del 300 percento per rispondere ai bisogni di oltre mezzo milione di persone sradicate dal conflitto.L’UNHCR sta sostenendo gli sfollati interni con assistenza umanitaria, inclusi piccoli progetti per le comunità, assistenza in denaro e protezione. L’anno scorso l’UNHCR ha distribuito beni di prima necessità a oltre 60.000 sfollati interni e fornito assistenza in denaro a 14.000 persone in tutta la Libia. Quest’anno sono oltre 200 i progetti a impatto rapido che verranno implementati in tutto il paese.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Elezioni politiche: i leader più insultati

Posted by fidest press agency su sabato, 24 febbraio 2018

La campagna elettorale è nel vivo, programmi e candidati sono stati pubblicati, ma come stanno rispondendo gli italiani?
D-Link, azienda leader nel settore della tecnologia wireless e del networking, prosegue la campagna #ConnettitiResponsabilmente, con la quale vuole promuovere un utilizzo responsabile della connettività e incentivare un comportamento positivo online. Dall’inizio dell’anno ad oggi sono stati analizzati quasi 2 milioni di contenuti (tweet e commenti) legati alle elezioni 2018. Si tratta di messaggi verso i candidati, i partiti o verso altri elettori e ciò che emerge è che il 38% di questi (circa 750.000) è connotato da negatività e ben 135.000 contengono volgarità o insulti espliciti. I messaggi che augurano la morte (o minacciano di uccidere) sono più di 15.000, quelli che contengono riferimenti alla violenza quasi 19.000. Solo l’11% dei contenuti è etichettabile come positivo. Prendendo come base solo i commenti con insulti e volgarità, scopriamo che l’elettore più “arrabbiato” è uomo (68% contro il 32% delle donne) e vive nel Lazio (che nonostante produca meno contenuti in termini assoluti, precede la Lombardia di ben 6 punti).
Facendo, invece, un rapporto su tutti i contenuti su base regionale, deduciamo che sono più scontenti gli abitanti del centro nord: l’Emilia Romagna conta il 29% di contenuti negativi rispetto a quelli prodotti, Toscana 28%, Lazio 26%, Lombardia 25% e Piemonte 25%.
Ma verso chi è indirizzato l’odio online? Il leader di partito più preso di mira è Silvio Berlusconi, che è destinatario del 23% degli insulti personali online, seguito da Salvini e Renzi entrambi al 21%. Ci si accanisce meno sulle persone di Di Maio e di Grasso (rispettivamente a quota 11% e 8% delle ingiurie).
La classifica cambia se analizziamo l’astio verso i partiti politici: da questa prospettiva l’accanimento è indirizzato al PD (39%) e al M5S (34%). A seguire Lega (12%), Casapound (5%) e, per ultima, Forza Italia 4%. I momenti più critici di questa campagna sono stati:
4 gennaio (sacchetti bio), 10 gennaio (Berlusconi supporta la candidatura di Fontana), 18 gennaio (cambio del simbolo M5S), 29 gennaio (presentazione delle liste), 3 febbraio (fatti di Macerata), 12 febbraio (Museo Egizio).“Questi dati sono drammatici perché evidenziano come si stia diffondendo una dialettica della violenza che viaggia soprattutto online. Ormai non è più possibile fare a meno di internet ma proprio per questo bisogna capire che non ci può più essere distinzione tra un comportamento online e offline, le conseguenze sono sempre reali” ha dichiarato Stefano Nordio, VP D-Link Europe. La campagna #ConnettitiResponsabilmente proseguirà nel 2018, affrontando anche altre tematiche legate alla responsabilità online, per promuovere una maggiore educazione digitale.
L’analisi è stata realizzata con il tool Crimson Exagon. Sono stati presi in esame tutti i contenuti pubblicati online (in Italia e in italiano) dal 1 gennaio 2018 al 12 febbraio 2018 su social media, blog, forum e piattaforme di condivisione contenuti.
Gli argomenti in esame sono quelli legati al tema delle elezioni politiche 2018, ai partiti politici e ai rispettivi leader. Grazie al tool è possibile analizzare, scremare e raggruppare contenuti a seconda di specifiche parole chiave, argomenti e sentiment delle conversazioni.
A seguire è stato fatto un processo di verifica qualitativa manuale. Per maggior informazioni: http://www.connettitiresponsabilmente.it

Posted in Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Sclerosi multipla e trapianto cellule staminali neurali

Posted by fidest press agency su sabato, 24 febbraio 2018

Individuato meccanismo molecolare che illustra uno specifico collegamento fra cellule staminali neurali e meccanismi di neuroinfiammazione cronica responsabili della progressione della malattia. Un passo avanti verso lo sviluppo di terapie personalizzate con cellule staminali per contrastare le forme progressive di sclerosi multipla (SM)
Oggi uno studio coordinato dal Dott. Stefano Pluchino del Wellcome Trust-MRC Stem Cell Institute dell’Università di Cambridge (UK) ha identificato un nuovo meccanismo molecolare che conferma l’azione di terapie con celule staminali neurali sui meccanismi di neuroinfiammazione cronica in parte responsabili della progressione della malattia. La ricerca, che ha coinvolto un team di ricercatori in parte italiani, è disponibile online sulla prestigiosa rivista Cell Stem Cell.
Nelle malattie con infiammazione cronica, fra cui la sclerosi multipla, diverse risposte immunitarie sono alterate. Alcuni di questi meccanismi di infiammazione sono regolati da uno stato di attivazione protratta e persistente di cellule immunitarie che convenzionalmente svolgono funzioni di spazzini tissutali. Nelle forme progressive di sclerosi multipla, queste funzioni pro-infiammatorie sono svolte nel sistema nervoso centrale dai macrofagi provenienti dalla circolazione periferica e dalla microglia. In corso di infiammazione, i macrofagi e la microglia producono e riutilizzano un prodotto del loro metabolismo cellulare chiamato succinato che è in grado di mantenerle in uno stato di attivazione persistente. Una produzione eccessiva di succinato, come osservato dopo ischemia cerebrale, può contribuire in maniera sostanziale al fenomeno di neuroinfiammazione cronica ed è nociva per il sistema nervoso centrale.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Elezioni 2018. Welfare: Italia come la Svezia?

Posted by fidest press agency su sabato, 24 febbraio 2018

Da non crederci. Eppure, se prendiamo i dati, e le considerazioni, de “Il bilancio del sistema previdenziale italiano”, riferito al 2016, dobbiamo prendere atto che spendiamo, per il cosiddetto welfare (pensioni, sanità e assistenza), il 54% dell’intera spesa pubblica. Infatti, su 830 miliardi di spesa pubblica totale, ben 454 sono attribuite al welfare. Se, poi, rapportiamo i 454 miliardi alle sole entrate (788,5 miliardi), la percentuale arriva al 57%, più alta di quella svedese! Ovviamente, è tutta da valutare quantità e qualità del welfare, ma i numeri sono quelli. Di sola assistenza (pensioni e assegni sociali, invalidità, accompagnamento, pensioni di guerra, maggiorazioni sociali, integrazioni al minimo, ecc.) spendiamo 100 miliardi, esenti da imposte, diversamente dalle pensioni vere e proprie che sono tassate. Da rilevare che gli assistiti non hanno pagato un euro di contributi, quindi sono a carico della fiscalità generale, cioè dei contribuenti. Il numero degli assistiti è di 8,2 milioni, la metà di tutti i pensionati (pensioni e assistenza) che sono 16 milioni. Questa è la situazione attuale.Il problema, dal punto di vista dei costi, non sono le pensioni ma l’assistenza, e le proposte che leggiamo gravano proprio sulla voce assistenza, definitiva o temporanea che sia. Da ricordare che abbiamo un debito pubblico di circa 2.330 miliardi. Dove prelevare i soldi?
Chi propone, a parziale soluzione, il taglio alle pensioni d’oro o ai vitalizi, probabilmente non ha fatto bene i conti: ricalcolare con il contributivo le une e gli altri costerebbe di più, perché alle pensioni d’oro è già stato applicato un coefficiente di decurtazione elevato e, per l’ammontare dei vitalizi, sono stati versati solo contributi personali, senza oneri per le casse pubbliche, che, invece, con il contributivo, dovrebbero intervenire per le quote di propria spettanza. Si sa, in campagna elettorale, si fanno promesse che si scontreranno con la realtà dei numeri. Molti raccontano favole con le quali accompagnano l’elettore a dormire. Il mattino del 5 marzo ci sarà la sveglia. (Primo Mastrantoni, segretario Aduc)

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »