Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 33 n° 335

Posts Tagged ‘arte’

XVII Festival Internazionale delle Arti dal Vivo

Posted by fidest press agency su giovedì, 29 luglio 2021

Forlì Aprono il Festival, mercoledì 15 settembre,negli spazi di EXATR e dell’Arena Forlivese, due appuntamenti delle sezioni Musica e Arte: GAZING A MUSIC, gli ascolti che accompagneranno tutto il festival, e il primo incontro del progetto Verso Sera con Emanuele Becheri. Collocate entrambe in prima serata e nel giardino della suggestiva Arena Forlivese, le due programmazioni sono in stretta sinergia. Chiudono la prima giornata i concerti di Marco Frattini e Drovag, con due soli di batteria nel teatro tenda di EXATR.Giovedì 16 settembre la sezione Teatro-Danza apre con Andrea Costanzo Martini e due suoi spettacoli-icona, Scarabeo e Occhio di Bue, sul ruolo dell’arte e sulla relazione artista e committenza. Proseguono gli ascolti e Verso sera vede protagonista Giovanni Ozzola.Nelle due giornate successive Cristina Kristal Rizzo e Salvo Lombardo propongono due percorsi incentrati sul tema della danza come pratica artistica e del ballo come pratica sociale: torna in scena il 17 settembre appositamente per Ipercorpo il celebre BoleroEffect e arriva l’ultima creazione di Lombardo, Outdoor Dance Floor (18 settembre) che termina con una danza collettiva aperta anche al pubblico. Per l’arte contemporanea in Arena Forlivese presentano i loro lavori Corinna Gosmaro e Sissi, rispettivamente il 17 e il 18 settembre. L’ultima giornata di festival, domenica 19 settembre, si apre alle famiglie con il circo contemporaneo dell’artista internazionale Ilona Jäntti e dedica uno spazio alla giovane creatività con la performance di giovani under 25 curata da Monica Francia e con tre performance di danza dei neo diplomati della Civica Scuola di Teatro Paolo Grassi di Milano.L’incontro con gli artisti del festival si sviluppa anche attraverso alcuni preziosi eventi collaterali: due workshop di danza rispettivamente a cura di Cristina Kristal Rizzo e Salvo Lombardo, e un master di progettazione e management a cura della promoter Iva Horvat, prima tappa del progetto BeInternational vincitore del bando ministeriale Boarding Pass Plus, di cui Ipercorpo è partner insieme ad altre prestigiose realtà nazionali e internazionali.Non mancheranno, come di consueto, interessanti percorsi di carattere installativo: dal video progetto Family Affair a cura di ZimmerFrei, che torna in EXATR dopo un suo ulteriore sviluppo produttivo, alla danza in video con il contest La Danza in 1 minuto, passando per la mostra fotografica La mia pelle è teatro. Sarà possibile inoltre visitare il centro visite del Museo Diffuso dell’Abbandono, lungimirante progetto di Spazi Indecisi.

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Arte patrimonio dell’Umanità o dei pochi? Un caso fiorentino e non solo

Posted by fidest press agency su sabato, 24 luglio 2021

Domanda che ci sorge in dispregio delle leggi italiane che prevedono, per qualunque uso, l’autorizzazione del museo in cui un’opera d’arte (senza copyright) è custodita.Si sono verificai due casi recenti a Firenze. Qualche settimana fa una campagna pubblicitaria del Comune (tramite Alia/Rifiuti) con l’uso delle immagini delle opere d’arte che rendono secolare la città (David, Venere, Medusa). Oggi l’uso dell’idea dell’immagine della Venere di Botticelli per una iniziativa di un sito porno).In entrambi i casi c’è la denuncia dei gestori del Museo degli Uffizi, che hanno sottolineato come l’uso (specialmente nel caso odierno della Venere) sia a fini commerciali. Ma sarebbe lo stesso se non a fini di lucro, visto che hanno denunciato anche l’azienda fiorentina dei rifiuti per una campagna a fini sociali. Insomma: l’opera d’arte è mia e sono io che ne decido l’uso! Siamo parlando di opere di secoli fa in cui il tradizionale copyright non esiste più, ma che sostanzialmente viene utilizzato da musei come qualunque impresa commerciale.Torniamo alla domanda iniziale. Arte patrimonio dell’Umanità o dei pochi? Quello che ci è stato regalato dalla storia sembra quindi non appartenere a tutti, ma ad alcuni pochi a cui vengono concessi diritti per il solo fatto di essere stati designati dallo Stato custodi di un’opera per la quale noi contribuenti già paghiamo (gli Uffizi, nella fattispecie, non sono un museo privato) in imposte e – come consumatori – in biglietti per le visite. E’ bene ricordare che l’Umanità è composta da tutti, che agiscano per lucro o meno. Umanità di cui, oltre i tempi delle leggi sul copyright, tutti dovremmo usufruirne. Certo, per usufruirne, come per i diritti, sono necessarie le leggi… ma siamo sicuri che alcuni pochi debbano decidere sull’uso di un’idea di un’opera d’arte? Cos’è l’arte se non ossigeno di desideri e di estetica? Forse paghiamo per respirare? Vincenzo Donvito, presidente Aduc

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

BCE: l’arte del compromesso e l’opportunità mancata

Posted by fidest press agency su martedì, 13 luglio 2021

A cura di Pasquale Diana, Senior Macro Economist di AcomeA SGR. La BCE ha annunciato i risultati della Strategy Review. La review ha avuto inizio nel 2020 e ha subito forti ritardi a causa della pandemia. Il processo ha visto coinvolti ben 13 gruppi di lavoro, i cui risultati saranno presentati in working papers che la BCE pubblicherà nelle prossime settimane.Ci sono quattro cambiamenti principali: primo, il nuovo target sarà 2%, non più “poco al di sotto del 2%”; secondo, negli anni a venire includerà i costi delle attività immobiliari (housing) nell’indice di inflazione, come fanno già altre banche centrali; terzo, il “pilastro monetario” sarà rimpiazzato da un pilastro “monetario e finanziario”, presumibilmente per includere analisi regolari sulle condizioni finanziarie spesso menzionate dalla Lagarde; quarto, fattori legati ai cambiamenti climatici saranno inclusi nelle sue analisi, nei programmi di acquisti e nel framework monetario.L’inclusione delle attività immobiliari nell’inflazione era probabilmente nelle attese e dovrebbe alzare l’inflazione misurata al margine di 10-20 punti base. La revisione formale del target a un 2% simmetrico era senz’altro anch’essa attesa dal mercato. In generale, portare l’obiettivo d’inflazione da “poco sotto il 2%” a un 2% simmetrico equivale ad alzare il target e quindi – ceteris paribus – va al margine nella direzione di una politica monetaria più espansiva. Il contesto in cui vengono prese queste decisioni è importante. L’inflazione in eurozona negli ultimi dieci anni è stata in media 1.2%, poco più della metà del target. Ci si attendeva forse qualcosa di più concreto dalla BCE su come riportare l’inflazione al target. Invece la BCE si è limitata a menzionare gli strumenti esistenti (tassi d’interesse, forward guidance, QE, LTRO) e a dire in maniera generica che ne avrebbe introdotti di nuovi ove fosse necessario. E che dire dell’inflazione? La BCE avrebbe potuto annunciare ad esempio che avrebbe cercato di portare l’inflazione oltre il 2% per un periodo, al fine di compensare in parte la bassa inflazione degli ultimi anni. Questa è l’essenza dell’Average Inflation Targeting (AIT) annunciato dalla Fed a Jackson Hole nel 2020. Oppure la BCE avrebbe potuto fornire delle indicazioni su come avrebbe cercato di mantenere la sua politica di acquisti flessibile anche dopo la fine del PEPP, prevista per marzo 2022. Invece, nulla di tutto questo. Quando – come adesso – i tassi sono prossimi al cosiddetto effective lower bound (cioè il limite oltre il quale non è prudente tagliarli), la BCE sostiene che si creano delle condizioni particolari. Non potendo tagliare i tassi, la banca centrale deve prendere delle misure forti per evitare che le aspettative d’inflazione si deteriorino. Fare questo può condurre a un periodo temporaneo d’inflazione sopra il target, secondo la BCE. Può sembrare un passo verso AIT, e in effetti lo è, ma è davvero molto timido. Inoltre, la stessa Lagarde ha detto che non ci saranno conseguenze materiali sulla politica monetaria. Sarebbe sbagliato – e ingeneroso – dire che non è cambiato niente. La BCE ha contribuito a chiarire il suo obiettivo d’inflazione e renderlo trasparente. I working papers che saranno pubblicati nelle prossime settimane forniranno senz’altro materiale di studio interessante. Ciò detto, va ricordato che la BCE prevede l’inflazione solo all’1.4% tra due anni, nonostante lo stimolo monetario già messo in atto. Il problema di un’inflazione ben sotto il target è reale e richiede misure forti. La chiara sensazione è che la BCE avrebbe potuto fare di più e che la necessità di trovare un compromesso tra i vari membri abbia impedito una soluzione più ambiziosa. Molti dei nodi irrisolti verranno inevitabilmente al pettine nei prossimi mesi. Per adesso, la Strategy Review è indubbiamente un passo avanti, ma anche un’opportunità mancata.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Mostra d’arte contemporanea: Non abbiate paura

Posted by fidest press agency su domenica, 30 Maggio 2021

Roma Palazzo Falconieri – Via Giulia, 1 La mostra è stata organizzata in collaborazione con l’Accademia Ungherese dell’Arte e programmata fino al 10 settembre 2021 presso l’Accademia d’Ungheria in Roma, viene preso in prestito da Papa Giovanni Paolo II, che a sua volta si è avvalso delle parole di Gesù. La mostra intende aprire le porte al pubblico italiano interessato al Congresso Eucaristico Internazionale programmato dal 5 al 12 settembre 2021 a Budapest (programma dettagliato e registrazione al congresso sul sito https://www.iec2020.hu/it/registrazione).Nell’ambito dell’esposizione – che comprende una cinquantina di lavori tra quadri, statue, poster – il pubblico italiano potrà prendere visione delle opere degli artisti Gergő Ámmer, József Árendás, István Bakos, Ferenc Baráth, József Gaál, Sándor Gajzágó, Beáta Hauser, László Hefter, Tamás Kárpáti, Krisztina Kókay, Péter Kovács, István Kulinyi, Éva Kun, Mihály Melcher, András M. Novák, Ferenc Olasz, Sándor Oláh, Ernő Sára, Balázs Sipos, Ágnes Smetana, Péter Stevanovits, Miklós Szőcs Tui.Secondo la curatrice, Beáta Hauser, Non abbiate paura! oggi è un messaggio più che attuale. La situazione creatasi nel mondo e l’epidemia esigono una sorta di aiuto e allo stesso tempo richiamano anche l’attenzione sull’importanza delle religioni. “La gente vuole avere un aiuto fisico e mentale, incontri, conversazioni, strette di mano, pensieri edificanti e un amore disinteressato”.I ventidue artisti ungheresi d’arte figurativa e applicata tramite le loro opere intendono fornire una risposta alle domande poste loro, ovvero quale è il ruolo della religione nella loro arte, nel loro Paese, nel mondo. “Le opere d’arte fungono spesso da specchio dell’epoca in cui vengono create, e mi auguro che anche il presente materiale espositivo faccia lo stesso.” – conclude la curatrice.

Posted in Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Christian e l’arte dell’infinito su Radio Onda UER

Posted by fidest press agency su domenica, 2 Maggio 2021

Continua la serie di trasmissioni dedicate al cantautore Christian Cappelluti su Radio Onda UER, la web radio di Formazione Integrale dell’Università Europea di Roma.La seconda puntata sarà oggi, alle 15.00, e sarà sul tema dell’infinito.L’arte di Christian, con la sua forte dimensione spirituale, sarà lo spunto per parlare della musica come linguaggio universale, che ci unisce oltre ogni confine e può favorire il dialogo tra diverse anime e culture.La trasmissione, condotta da Carlo Climati, ospiterà un intervento di Andrea Monda, Direttore dell’Osservatore Romano.Sulla pagina web di Radio Onda UER si può già ascoltare e scaricare il podcast della prima puntata della serie su Christian Cappelluti, in arte Chris Cappell, dedicata al tema della speranza e dell’incontro.La vita di Christian, infatti, ha ispirato gli incontri di tante persone che hanno collaborato ad attività sociali, soprattutto a sostegno dell’educazione e dell’istruzione dei giovani. La Fondazione dedicata a Christian, fondata dai genitori Adriana e Franco, è un esempio di questo impegno, che ha contribuito ad alimentare una cultura di speranza.La prima trasmissione ha ospitato un ricordo di Padre Antonio Spadaro SJ, Direttore de “La Civiltà cattolica”, che ha conosciuto Christian nel periodo in cui frequentava il liceo, a Roma.Tutti i podcast si possono ascoltare e scaricare sulla pagina web di Radio Onda UER: https://www.universitaeuropeadiroma.it/formazioneintegrale/radio-onda-uer/

Posted in Roma/about Rome, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Mostra Le Signore dell’Arte

Posted by fidest press agency su lunedì, 26 aprile 2021

Milano da martedì 27 aprile è finalmente possibile poter ammirare le oltre 130 opere protagoniste della mostra Le Signore dell’Arte. Storie di donne tra ‘500 e ‘600 a Palazzo Reale di Milano, che resterà aperta fino al 25 luglio 2021. Dal 2 marzo ad oggi la mostra è stata visitata soltanto online, con le visite guidate in diretta organizzate da Arthemisia, da circa 3.000 persone. La novità delle visite guidate online ha riscosso un grande successo di pubblico e di critica, ma oggi finalmente è arrivato il momento di ammirare le opere dal vivo.La mostra è dedicata alle più grandi artiste vissute tra ‘500 e ‘600: 34 artiste vengono riscoperte attraverso le loro opere a testimonianza di un’intensa vitalità creativa tutta al femminile, in un singolare racconto di appassionanti storie di donne già “moderne”.Artemisia Gentileschi, Sofonisba Anguissola, Lavinia Fontana, Elisabetta Sirani, Fede Galizia, Giovanna Garzoni e non solo. Tra questi grandi nomi più conosciuti dal grande pubblico anche nuove scoperte, come la nobile romana Claudia del Bufalo, che entra a far parte di questa storia dell’arte al femminile; ma anche opere esposte per la prima volta come la Pala della Madonna dell’Itria di Sofonisba Anguissola, realizzata in Sicilia, a Paternò, nel 1578 e mai uscita prima d’ora dall’isola; così come lascia per la prima volta Palermo la pala di Rosalia Novelli Madonna Immacolata e san Francesco Borgia,unica opera certa dell’artista, del 1663, della Chiesa del Gesù di Casa Professa; o la tela Matrimonio mistico di Santa Caterina di Lucrezia Quistelli del 1576, della parrocchiale di Silvano Pietra pressoPavia.La mostra, curata da Anna Maria Bava, Gioia Mori e Alain Tapié, è promossa dal Comune di Milano- Cultura e realizzata da Palazzo Reale e Arthemisia, con il sostegno di Fondazione Bracco, e aderisce al palinsesto I talenti delle donne, promosso dall’Assessorato alla Cultura del Comune di Milano e dedicato all’universo delle donne, focalizzando l’attenzione, per tutto il 2020 e fino ad aprile 2021, sulle loro opere, le loro priorità e le loro capacità. Per garantire l’accesso alla mostra nel rispetto di tutti gli standard di sicurezza è fortemente consigliata la prenotazione e sono aperte le prevendite sul sito http://www.ticket.it. Da martedì 27 aprile la mostra sarà aperta da martedì a domenica dalle 10.00 alle 19:30 | ultimo ingresso un’ora prima della chiusura | lunedì chiuso. Da martedì a venerdì la prenotazione è consigliata. Sabato, domenica e festivi la prenotazione è obbligatoria e non può essere effettuata lo stesso giorno della visita.

Posted in Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Festival di film della Villa: Cinema e arte contemporanea

Posted by fidest press agency su mercoledì, 21 aprile 2021

L’Accademia di Francia a Roma – Villa Medici e il suo direttore Sam Stourdzé danno avvio al Festival di Film della Villa, nuovo festival di cinema dedicato agli artisti e ai cineasti che esplorano le pratiche contemporanee dell’immagine in movimento. La prima edizione si terrà a Roma, a Villa Medici, da mercoledì 15 a domenica 19 settembre 2021.Da oltre un decennio, i contatti tra cinema e arte contemporanea non cessano di intensificarsi e di stimolare nuove scritture cinematografiche. Il ruolo di Villa Medici è di fare dialogare le arti e di esplorare questi nuovi territori della creatività. Il festival metterà in mostra film che inventano una propria forma e che incarnano una libertà di pensiero, di ricerca e di condivisione come tanti sguardi personali sul mondo. Saranno presentati in competizione internazionale circa quindici film, di ogni formato e genere (documentario, fiction, saggio), realizzati nel 2020 o nel 2021. Saranno assegnati due premi da una giuria nominata annualmente: il Premio Villa Medici del miglior film e il Premio della Giuria per un film particolare che ha attirato l’attenzione della giuria. Questi premi, in denaro, offriranno inoltre l’opportunità ai due autori o autrici di svolgere una residenza di scrittura cinematografica a Villa Medici.Per cinque giorni questo nuovo festival presenterà inoltre proiezioni serali all’aperto nei giardini della Villa, performances e installazioni, focus su cineasti o artisti affermati, cartes blanches alle istituzioni che difendono la creazione contemporanea, incontri sui film proiettati, ma anche su tematiche relative alla produzione e alla diffusione, riunendo programmatori, curatori, galleristi e collezionisti.Il festival si svolgerà negli spazi di Villa Medici con due sale interne, un cinema all’aperto, delle installazioni e dei luoghi di incontro, per fare di questo sito straordinario di Roma una vetrina dedicata al cinema. Il suo coinvolgimento all’interno del territorio culturale italiano si concretizzerà, in uno spirito di collaborazione, in partenariati con le principali istituzioni come il Romaeuropa Festival, la Festa del Cinema di Roma e il MAXXI.La pandemia ha immerso nel buio gli schermi di tutto il mondo per molti mesi; il prossimo settembre, a Villa Medici, ripartiremo alla ricerca di nuove narrazioni, quelle che favoriscono ancora e sempre la poetica delle immagini.

Posted in Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

“L’arte dei sassi” del maestro Carlo Iacomucci

Posted by fidest press agency su martedì, 20 aprile 2021

Di Patrizia Minnozzi. L’estro e l’ispirazione del Maestro Carlo Iacomucci continua a lasciare i suoi segni colorati creando dei piccoli capolavori con la forza della sua fantasia. Questa volta l’abilità dell’artista urbinate si è simpaticamente espressa su…sassi! Dovendo rimanere per un lungo periodo fuori dalla sua residenza abituale, a causa del distanziamento sociale e dell’isolamento forzato, Iacomucci si è voluto cimentare in questa esperienza molto particolare, anche se non del tutto nuova per lui, perché verso la fine degli anni 70, quando risiedeva a Varese, ha dipinto parecchi sassi provenienti dal fiume Ticino. Anche nel dipingere questi frammenti di roccia modellati dalla natura, Carlo Iacomucci mostra il suo inconfondibile stile, attraverso l’utilizzo di colori vivaci e segni, per rappresentare figure, gocce, tracce e oggetti immersi in vortici ventosi. Sono presenti anche personaggi e oggetti, come l’onnipresente aquilone, che danno dinamismo e, allo stesso tempo, esprimono un significato simbolico e realistico della natura da difendere. L’idea del Maestro, originale e bellissima, di creare queste piccole opere d’arte, in un periodo difficile come quello che stiamo attraversando, rappresenta un messaggio di allegria, perché i suoi sassi costituiscono dei piccoli capolavori, pieni di colore e fantasia e raccontano anche la voglia di stupire e regalare gioia, con la semplicità di un sasso colorato. Alcuni sassi saranno donati alla biblioteca di Pace di Monsano che penserà di metterli a disposizione dei cittadini e dietro la sua sapiente guida sono stati dipinti altri sassi da adulti e bambini. (fonte: Da ArteAl.Pa.Ca.) dott. Patrizia Minnozzi- critico d’arte.

Posted in Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Da Rimini, l’arte riparte!

Posted by fidest press agency su mercoledì, 14 aprile 2021

Rimini 16 aprile Teatro Leo Amici In scena la soprano Giulia della Peruta, che aveva partecipato alla rappresentazione del Rigoletto inaugurando il 2020 al Teatro Amintore Galli di Rimini, eppoi gli interventi di Lucia Vasini, Pippo Franco, Claudia Koll, Liliana Cosi, con anche il sostegno di Gessica Notaro e Ekaterina Shelohova partecipante a Italia’s Got Talent. A costoro si affiancano oltre 20 giovani performers che nelle ultime settimane si sono alternati sul palcoscenico del Teatro Leo Amici per registrare la propria esibizione che andrà a completare l’8^ edizione del “Festival della canzone per Leo” che ogni Per seguire il festival, basterà accedere al sito del Teatro Leo Amici dove sarà disponibile il link per la diretta del 16 aprile alle ore 16.00 nella sezione #Teatroacasa. Lo scorso anno, mentre si stavano approntando gli ultimi ritocchi alla preparazione della manifestazione, il Covid ha bloccato tutto. Il lockdown totale aveva impedito ogni realizzazione, così l’edizione saltò. Vennero meno la tournée in Sicilia della Compagnia RDL di stanza al Teatro Leo Amici e depennati tutti gli spettacoli. Chiusero i teatri e gli artisti rimasero senza lavoro, ma soprattutto senza il loro amato pubblico. Nel 2021, nonostante la pandemia e adottando tutte le misure previste dai protocolli anti Covid, il Teatro Leo Amici ha lavorato alacremente per regalare ai suoi affezionati spettatori uno spettacolo davvero degno di nota: un festival di grande impatto con grandi artisti e nuove promesse! Come sempre avviene, e nello spirito del festival che vuole offrire, sin dalla sua prima edizione, un palcoscenico ai giovani talenti, saranno ragazzi e ragazze provenienti da tutta Italia ed estero ad esibirsi. Danzatori, musicisti, cantanti, attori offriranno il meglio di sé in una manifestazione dove non c’è un vincitore, ma l’opportunità per tutti di mettersi in gioco con uno staff di professionisti a disposizione: dalle musiche alle luci, dal direttore di scena al regista, ovvero Carlo Tedeschi che ne è anche direttore artistico. Teatroacasa è nato durante il lockdown del 2020 per volontà dello staff del Teatro Leo Amici che ha lavorato continuamente per garantire a tutti gli appassionati di teatro spettacoli visibili gratuitamente a casa. #Teatroacasa tuttora offre in libera visione musical di successo come “Chiara di Dio”, “Accadde ad Allumiere”, “Sicuramente Amici”, “L’Analfabeta colta”, “Dio che meraviglia”, “L’Uomo dal Trubante rosso”, “Accadde per strada”, “Show di Natale” e “Notte di Natale 1223”. Per le tematiche che trattano, tutti gli spettacoli sono adatti anche ad un pubblico di giovani e giovanissimi. Visibilli tutti gratuitamente su: http://www.teatroleoamici.it FB: @teatroleoamici Twitter: teatroleoamici Instagram: teatroleoamici.

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

A Radio Onda UER una serie di trasmissioni sull’arte di Chris Cappell

Posted by fidest press agency su domenica, 11 aprile 2021

Il 5 febbraio scorso sono iniziate le trasmissioni on line di Radio Onda UER, la web radio di Formazione Integrale dell’Università Europea di Roma.Tra i temi culturali dei suoi programmi, Radio Onda UER ha scelto di parlare di arte, poesia e musica attraverso percorsi di analisi e di approfondimento. Una serie di trasmissioni sarà dedicata a Christian Cappelluti, in arte Chris Cappell, musicista di grande talento, scomparso nel 1998 a soli 22 anni. L’idea è quella di ripercorrere i vari aspetti dell’arte di Christian: dalla musica che ha composto all’originalità poetica espressa attraverso i testi delle sue canzoni.Si parlerà anche dei tanti frutti che sono nati grazie a Christian. I suoi genitori, Adriana e Franco, hanno dato vita ad una Fondazione che porta il suo nome e che ha contribuito a realizzare opere a supporto dell’istruzione e della formazione dei giovani. Fra le iniziative c’è il Chris Cappell College di Anzio, inaugurato nel 2002. Un liceo dotato, fra l’altro, di una biblioteca multimediale e di laboratori per musica, lingue straniere, informatica e fisica.A Chris sono stati dedicati anche i libri “Storia di Christian. Ogni vita è per sempre” (Edizioni San Paolo) di Luciano Regolo e “Lasciami correre via” (Edizioni Messaggero di Padova), un’antologia di canzoni commentate da Padre Antonio Spadaro SJ.Le trasmissioni sull’arte di Chris Cappell saranno on line ogni due settimane, la domenica, alle 15.00, a partire dal 18 aprile 2021, sulla pagina di Radio Onda UER: https://www.universitaeuropeadiroma.it/formazioneintegrale/radio-onda-uer/

Posted in Recensioni/Reviews, Università/University | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Riparte l’arte al Palazzo delle Esposizioni di Lucca

Posted by fidest press agency su giovedì, 8 aprile 2021

Lo fa con la mostra antologica “Frédéric Bruly Bouabrè. Arte Alfabeto Universale” dedicata all’artista ivoriano scomparso nel 2014, uno degli autori internazionali più significativi del panorama culturale del Secondo Dopoguerra.Curata da Alessandro Romanini, l’esposizione pone l’attenzione sull’importanza del dialogo fra i popoli e sulla possibilità di una coesione culturale fondata sul linguaggio universale dell’arte.La mostra è organizzata dalla Fondazione Banca del Monte di Lucca e dalla Fondazione Lucca Sviluppo, con il patrocinio della Regione Toscana e dell’Ambasciata della Costa d’Avorio in Italia e la collaborazione della Fondazione Alighiero e Boetti.Venerdì 9 aprile, data in cui era previsto il vernissage, l’esposizione sarà comunque presentata alla stampa, alla presenza del curatore e dei rappresentanti degli enti promotori, tra i quali SE l’Ambasciatore della Costa d’Avorio in Italia, Samuel Ouattara. Per tutto il mese di aprile la mostra sarà fruibile virtualmente da parte del pubblico attraverso visite guidate online, virtual tour, pillole video e attività digitali che saranno tempestivamente comunicate sul sito http://www.fondazionebmluccaeventi.it e sui canali social della Fondazione Banca del Monte di Lucca e del Palazzo delle Esposizioni (www.facebook.com/FondazioneBML – http://www.facebook.com/palazzoesposizioniluccahttp://www.instagram.com/palazzoesposizionilucca). In considerazione degli ultimi provvedimenti emergenziali che non permettono l’apertura dei Musei per tutto il mese di aprile, la durata dell’esposizione è stata prorogata fino al 13 giugno 2021. Il percorso della mostra presenta oltre 350 opere provenienti da collezioni private e dalla famiglia dell’artista, mettendo in evidenza le varie fasi della sua ultra cinquantennale carriera ed illustrandone i vari aspetti tematici, poetici e biografici grazie ad un ricco corredo di documenti e testimonianze storiche.Frédéric Bruly Bouabrè ha esposto in prestigiosi spazi pubblici e privati internazionali, a partire dalla celebre mostra “Magiciens de la terre”, allestita nel 1989 al Centre George Pompidou di Parigi, che ha portato alla luce per la prima volta l’arte africana contemporanea, e la successiva “Africa Remix”, passando per il Guggenheim Museum di Bilbao, la Tate Modern di Londra e il Portikus di Francoforte. È stato inoltre protagonista di importanti manifestazioni come la Biennale di Venezia, Documenta di Kassel e la Biennale di San Paolo.L’esposizione vede la collaborazione della Fondazione Alighiero e Boetti, che presta importanti documenti d’archivio e opere, testimonianza del legame elettivo fra i due artisti. Boaubrè infatti ha intrattenuto con Boetti un rapporto di amicizia e di scambio, approfondito in mostra attraverso una sezione apposita, con dipinti che i due artisti si sono reciprocamente dedicati, foto e testi.Le opere in esposizione, cartoni di piccole dimensioni, su cui l’artista annotava le accurate osservazioni sull’esistente, nascoste sotto la superficie, documentano le varie fasi tematiche dell’artista, da quella dedicata all’alfabeto visuale Bété a quella de “La gioia della nascita” e “L’umanità”, che celebra la parentela, passando per quella de “L’albero della vita” e “La leggenda Zakolo” e le “Pietre di Bekora”, fino ad arrivare a “L’Africa presenta la sua cultura”, “Visione del sole” e quella celebre de “La conoscenza del mondo”. In mostra sono presenti anche alcune opere inedite, tra cui un rarissimo dipinto a olio su tela dell’artista ivoriano.Nutrita la mole di documenti autografi e delle foto storiche, moltissime delle quali inedite e prestate per la prima volta dalla famiglia. Tra i documenti in mostra, numerosi testi poetici e saggi scritti dall’artista, epistole e curiosità, come il bozzetto originale dell’orologio progettato da Bouabrè per Swatch.

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Tutto pronto per “I corsi del sabato” della Scuola di Arte Sacra di Firenze

Posted by fidest press agency su venerdì, 2 aprile 2021

Firenze Dal 10 aprile al 29 maggio prende il via il calendario di lezioni pensato per tutti coloro che amano l’arte e desiderano apprendere e affinare le tecniche che caratterizzano il disegno, la pittura, la scultura, lo studio dell’anatomia e l’oreficeria.Grazie a programmi “su misura”, adattabili alle esigenze di ciascun studente, il corso è aperto sia a chi si avvicina per la prima volta a queste discipline sia a chi ha già maturato qualche esperienza nel settore artistico.Si potrà praticare il “disegno” imparando prima le regole della rappresentazione visiva come lo studio delle proporzioni e la descrizione del volume per poi passare a lavorare sul disegno di figura, con la presenza di un modello.Nel corso di “pittura” per approcciarsi alla tecnica, ai materiali e allenare l’occhio, gli studenti avranno l’opportunità di dipingere dal vero, esercitandosi attraverso lo studio di nature morte e drappeggi. Nella seconda parte del corso si affronterà un piccolo dipinto a tema sacro.Chi vorrà potrà invece cimentarsi con la “scultura” con un programma che aiuterà i partecipanti ad osservare i modelli dal vero, i calchi e drappeggi per educare l’occhio a sviluppare la capacità di interpretare la figura umana e a realizzare una composizione, oppure approfondire lo studio dell’anatomia artistica applicata tridimensionalmente che a partire da un’armatura in metallo, porterà gli studenti a prendere confidenza con le nozioni anatomiche e comprendere le funzioni dei principali gruppi muscolari così da poterne riconoscere le componenti fondamentali nello studio del modello dal vivo.Non mancherà poi il corso in “oreficeria” che offrirà l’opportunità di apprendere le basi del mestiere, con particolare attenzione alle tecniche manuali di lavorazione del metallo, sbalzo e cesello.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Arte diffusa e partecipata: Il futuro è ibrido

Posted by fidest press agency su domenica, 28 marzo 2021

Una delle immagini più significative per descrivere i luoghi della cultura in epoca Covid-19, è quella di Palazzo Strozzi, sulla cui facciata l’artista francese JR, protagonista internazionale della Street Art, ha realizzato l’opera “La ferita”. Uno squarcio sul Palazzo rinascimentale per stimolare una riflessione sull’accessibilità di tutte le istituzioni culturali costrette a fare i conti con chiusure e spazi contingentati. Una ferita simbolica, che rappresenta in modo forte e potente la capacità di reagire della cultura e con la cultura, riconoscendole un ruolo irrinunciabile nelle nostre comunità. Non è un caso che il progetto sviluppato per la candidatura di Procida al titolo di Capitale italiana della cultura per il 2022, ruoti attorno al concetto ‘La cultura non isola’, scelto prima dell’emergenza sanitaria, ma oggi ancora più significativo. “Da un punto di vista comunicativo il digitale facilita e accelera alcuni processi”, ha raccontato Agostino Riitano, Direttore di Procida 2022, intervenendo al webinar ‘Cultura e Digitale’. Cambiamenti e prospettive nella fruizione dei contenuti culturali’, tenutosi il 24 marzo scorso per iniziativa delle Delegazioni Ferpi di Campania, Lazio e Triveneto, cui hanno preso parte operatori culturali provenienti da quattro aree Paese. “Stiamo lavorando ad un processo di co-creazione affinché si superi la dimensione del produttore e del consumatore – ha detto Riitano –. Abbiamo bisogno di ricostruire quei legami mancanti, perché è sulla relazione viva tra attore e spettatore che si realizza l’orizzonte della cittadinanza”. Indubbiamente l’industria culturale, tra le più penalizzate dall’emergenza sanitaria, ha dato prova di resistenza, innovazione e capacità di adattamento, offrendo al proprio pubblico nuovi spazi e nuove forme di fruizione. In alcuni casi sperimentando diversi format, in altri aprendosi ad una molteplicità di canali, in altri ancora uscendo da liturgie consolidate per esplorare nuovi percorsi. Tuttavia, non va dimenticato che quello artistico oggi resta un comparto che ha chiuso i suoi spazi fisici, lasciando a casa e senza lavoro maestranze e tanti artisti. Il leitmotiv che ha accomunato le diverse esperienze confluite nel webinar è stato quindi il digitale, in assenza forzata di fisicità unico abilitatore per la scrittura di quel “Manifesto per la rinascita dell’Arte” tratteggiato nel percorso del Peggy Guggenheim di Venezia: “200 giorni di chiusura su 365. In quei giorni abbiamo ridisegnato la geografia del nostro pubblico – ha raccontato Alexia Boro, Direttrice Comunicazione e Relazioni Esterne della Collezione – ponendo le basi di un futuro che ruota su tre parole: ispirazione, sostenibilità e presente, dove la tecnologia diventa sinonimo di accessibilità ed inclusione. E senza dimenticare che l’arte è prima di tutto emozione, un’emozione che a dispetto delle chiusure può, deve, essere restituita attraverso le potenzialità del digitale”.Quell’inclusione che ha fatto raggiungere numeri da capogiro ad un’istituzione storica come il Teatro San Carlo “primo in Italia ad organizzare una produzione live in streaming con la Cavalleria Rusticana, che ha venduto 35000 biglietti e ha registrato una copertura di 2 milioni di persone in tutto il mondo di cui il 23% under 35”, come ha commentato Antonio Parlati, Presidente Sezione Industria Culturale e Creativa, Unione Industriale Napoli.Altra parola chiave emersa dal confronto è “ibridazione”. Se uno spazio digitale si è aperto nell’offerta culturale, è stato presto occupato da nuove generazioni di visitatori ed anche da artisti pronti a cimentarsi con i linguaggi ibridi imposti da quel binomio tecnologia-cultura cui Civita ha già dedicato 5 rapporti. “La pandemia è stata un catalizzatore di tendenze già in atto – ha raccontato Simonetta Giordani, Segretario Generale dell’Associazione –. Il digitale rappresenta un’opportunità per restituire centralità alle strutture culturali, consentendo loro di svolgere una funzione più contemporanea, facendo crescere al contempo economia, imprese e occupazione”. E imprese e istituzioni culturali devono collaborare, lavorare insieme.Una visione di futuro all’interno della quale necessario trovare un punto di equilibrio, rafforzando la relazione con le filiere fisiche e garantendo una maggiore accessibilità al ricchissimo patrimonio artistico-culturale del nostro Paese. Va in questa direzione il progetto Catanzaro 4.0 promosso dal Comune calabrese e aggiudicatario di un bando Mise per le tecnologie emergenti cui Vodafone sta lavorando. “Il 5G può abilitare nuove esperienze di fruizione per il turismo e la cultura – ha affermato Cinzia Campanella, responsabile soluzioni 5G Vodafone Business -. A Catanzaro saranno realizzati veri e propri laboratori a cielo aperto, mixando sia utenti in presenza che a distanza, con particolare attenzione alle persone con disabilità che potranno fruire di contenuti grazie ad esperienze tattili e multisensoriali”. Come si vede, mondi diversi, ma interconnessi, con al centro la Cultura e l’Arte, e la loro ininterrotta fruizione, per la rinascita delle nostre comunità. (By Diana Daneluz)

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

L’arte del Sacro: Monte di Varese celebra la Pasqua

Posted by fidest press agency su domenica, 14 marzo 2021

Giovedì 18 e giovedì 25 marzo, alle 20.45, gli interni della cappelle si apriranno in tutta la loro ricchezza in occasione della festività più importante del calendario cristiano. Archeologistics, realtà varesina impegnata nella valorizzazione dei beni culturali, propone un doppio appuntamento online per andare alla scoperta di statue, affreschi, colori, espressività e mistero custoditi lungo la via sacra patrimonio Unesco. Gli interni delle cappelle relative ai misteri dolorosi e a quelli gloriosi prenderanno vita nelle immagini del virtual tour realizzato dall’ente Parco Regionale Campo dei Fiori. A guidare in questo particolare viaggio sospeso tra arte e fede, Marina Albeni, archeologa, guida turistica, operatrice didattica e ricercatrice di Archeologistics. Le cappelle del Sacro Monte di Varese permettono di essere nel bel mezzo di una rappresentazione teatrale che, attraverso i misteri del rosario, portano al santuario della risurrezione. Architettura, affreschi e statue a tutto tondo di uomini, donne, animali e oggetti quotidiani concorrono a comporre scene teatrali e drammatiche, dando la possibilità di celebrare il mistero, ma anche di apprezzare l’opera dei grandi artisti del Seicento lombardo.
Giovedì 18 marzo, con il primo appuntamento, saranno affrontati “le statue e gli affreschi del dolore”: l’incontro infatti è dedicato ai Misteri dolorosi e alle scene della passione di Cristo. Con un tour virtuale guidato, sarà possibile entrare nella decima cappella dedicata alla Crocifissione di Cristo. Con le sue 52 statue in terracotta, opera di Dionigi Bussola, e con gli affreschi di Antonio Busca è in assoluto la cappella più scenografica del viale, dove scultura e pittura dialogano in un racconto unico.
Si passa alle “statue e affreschi della gloria” nel secondo appuntamento in programma giovedì 25 marzo. Ripercorrendo i misteri gloriosi, l’incontro sarà dedicato all’undicesima cappella, con la sua splendida volta dipinta con la gloria degli angeli a celebrare la resurrezione di Cristo. Sarà poi possibile vedere da vicino anche le sculture e gli affreschi della tredicesima cappella, dedicata alla Discesa dello Spirito Santo e da poco restaurata. Gli incontri si svolgono online sulla piattaforma Zoom. Per partecipare è obbligatoria la prenotazione ed è richiesto un contributo di 7 euro per ciascun appuntamento (https://bit.ly/3kOYM9G). I percorsi sono disponibili su prenotazione anche per gruppi di catechesi di ragazzi e adulti.

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Riapre al pubblico la Quadriennale d’arte 2020 Fuori

Posted by fidest press agency su mercoledì, 3 febbraio 2021

Roma Palazzo delle Esposizioni giovedì 4 febbraio 2021 a cura di Sarah Cosulich e Stefano Collicelli Cagol. “La nostra ostinazione a volere mantenere l’impegno di produrre l’evento affidato alla Quadriennale è stata premiata dallo straordinario accoglimento che la mostra ha avuto nei soli cinque giorni di apertura”, dichiara Umberto Croppi, presidente della Fondazione La Quadriennale di Roma che prosegue: “Ora, finalmente, potremo recuperare il lungo periodo di sospensione restituendo al pubblico la possibilità di fruire di questo evento, frutto dell’impegno corale degli artisti, dei partner, delle istituzioni organizzatrici e dei loro staff. Si apre così una nuova stagione per l’arte contemporanea nella Capitale”.Chiusa al pubblico a seguito del DPCM del 3 novembre scorso, ma rimasta viva e pulsante attraverso la programmazione sui canali digitali e l’installazione di Norma Jeane visibile all’esterno di Palazzo delle Esposizioni, la Quadriennale d’arte 2020 torna visitabile fino alla prossima primavera.FUORI è una mostra transgenerazionale e multidisciplinare. 43 gli artisti in mostra, presentati negli oltre 4.000 metri quadri di Palazzo delle Esposizioni, suddiviso in 35 sale; più di 300 le opere esposte attraverso sale monografiche e nuovi lavori, che tracciano un percorso alternativo nella lettura dell’arte italiana dagli anni Sessanta a oggi.La ricchezza delle linee di ricerca seguite da moltissime figure artistiche degli ultimi sessant’anni ha indotto i curatori a riconoscere tre ambiti tematici su cui costruire la mostra: il Palazzo, come metafora della relazione tra arte e potere; il Desiderio, per la necessità di sedurre che da sempre accompagna l’arte; l’Incommensurabile, ciò che porta gli artisti ad abbracciare fino in fondo le proprie ossessioni, evitando di cadere in uno stile ripetitivo. L’ingresso alla mostra è gratuito anche se gli accessi sono consentiti solo previa prenotazione al sito quadriennale2020.com/visit. Qui i visitatori della Quadriennale d’arte 2020 possono prenotare anche una visita alla sala che ospitava l’ingresso al Bal Tic-Tac, il locale futurista decorato da Giacomo Balla e inaugurato nel 1921 in via Milano, proprio accanto al Palazzo delle Esposizioni. Nella sala è visibile il dipinto murale di Balla, scoperto nel 2017 e restaurato con la supervisione della Soprintendenza Speciale di Roma. Questa straordinaria opportunità è resa possibile grazie alla collaborazione con Banca d’Italia.

Posted in Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

La verità è come l’arte: è nell’occhio di chi guarda

Posted by fidest press agency su domenica, 10 gennaio 2021

Davanti a un dipinto, o seduto in terza fila per seguire un’esecuzione di musica sinfonica o mentre attendo pazientemente il mio turno nella sala d’attesa affollatissima dello studio medico il mio pensiero ad un tratto sembra andare oltre la mia presenza fisica e migrare altrove. È che forse incoscientemente cerco la ragione del mio essere in quel posto, in quella determinata ora e confuso tra gente che non conosco, lì in piedi o seduto, a guardare o ad essere osservato sfuggevolmente tra chi ti sta accanto, ti sfiora il braccio o tu ti scosti per evitare che questo indesiderato contatto fisico ti turbi ulteriormente. Ma cosa penso? Verso chi o cosa è diretto il mio pensiero? Non certo al particolare di un dipinto o all’archetto del violinista  che va su e giù toccando con grazia le corde del suo strumento o alla donna o all’uomo che con me cercano nella sala d’attesa dello studio medico di mitigare l’attesa sfogliando una rivista o cercando d’attaccare bottone con un vicino. Ma cosa mai potranno dirsi due sconosciuti se non parlando del tempo? Io cerco di capire un qualcosa che ha assillato la vita di una moltitudine di persone in tutte le epoche e in tutti i momenti della propria esistenza: perché sono qui? Perché esisto? Chi sono in realtà? E cerco di guardare oltre il visibile per cercare di dare una risposta logica al mio assillo esistenziale. Io inseguo una verità che non si nasconde sotto il tappeto, che non si cela dietro una nota musicale, che non riesco a carpire dall’espressione di chi estasiato ammira il dipinto di un celeberrimo artista. Forse perché non riesco ad avere la vista acuta come vorrei per fendere l’aria come una saetta, per entrare nel mondo dell’ignoto che mi circonda e mi compenetra e perdermi in esso. Io mi sento reale e al tempo stesso figlio di una verità che sfugge alla mia fisicità forse perché non riesco a guardare come dovrei con gli occhi del saggio, del pensatore, del sognatore, del profeta. Oggi appartengo a quel popolo di sette miliardi di viventi, sono confuso tra loro, sono preso dall’ansietà di barcamenarmi nella vita, dall’affrontare i mali che lacerano le mie carni e fanno scempio dei miei progetti per un futuro migliore. E sono così compreso dal contingente che diventa sommamente ardua concentrarmi alla ricerca della verità ultima prima che essa si possa disvelare al termine della mia esistenza. È così che il mio occhio si distrae e si lascia sfuggire la verità che cerco. (Riccardo Alfonso)

 

Posted in Confronti/Your and my opinions | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Saranno i giovani a salvare l’arte

Posted by fidest press agency su domenica, 10 gennaio 2021

Le nuove generazioni possono battere paure, vuoti e deficit generati dalla pandemia. Anche nel settore culturale. Parola di Eike Schmidt. Il direttore della Galleria degli Uffizi si confida con Famiglia Cristiana che pubblica l’intervista sul numero in edicola. Chiuso per lockdown, il principale sistema museale italiano (uno tra i più importanti al mondo per la statuaria antica greco-romana e per la pittura rinascimentale) non è stato con le mani in mano. «Ci siamo impegnati a fondo in attività di manutenzione, abbiamo ristrutturato alcune sale, abbiamo restaurato certe opere», ha spiegato Eike Schimdt, «ma soprattutto abbiamo curato il rapporto non solo con il pubblico abituale, ma anche con quello potenziale. Siamo presenti su tutti i canali social, Facebook e Instagram sono i più seguiti. E siamo attivi pure su Tik Tok per cercare di agganciare i giovani». Una scommessa che ha già prodotto risultati. «Siamo partiti da aprile con una comunicazione rivolta alle nuove generazioni, utilizzando un linguaggio specifico, anche ironico», spiega il direttore degli Uffizi. «Facciamo parecchie iniziative destinate a loro, a partire dalla visita al museo di Chiara Ferragni. E l’obiettivo è stato raggiunto, tanto che quest’estate, quando il museo era aperto, non ci siamo limitati alla consueta percentuale del 18% di visitatori giovani, ma abbiamo toccato anche punte del 50% a luglio e agosto. È importante portare la conoscenza e l’amore per questi tesori pure tra chi s’affaccia alla vita. Le forme dell’arte sono varie, e ognuno troverà qualcosa che risuona in lui. Arte non è solo quadri». Un’altra cosa sta a cuore a Eike Schmidt, in epoca di distanziamento sociale. «Abbiamo sviluppato un programma di museo diffuso, prendendo contatti con tanti Comuni toscani – e alcuni romagnoli – per un’iniziativa che prenderà forma nel corso del 2021, in modo che i visitatori possano avere una fruizione sana e sostenibile del patrimonio artistico, non riversandosi solo nelle grandi città. E questo ci permetterà anche una crescita notevole per sfruttare tutto il territorio. Abbiamo visto un depauperamento del territorio, con opere d’arte che durante la Seconda guerra mondiale sono state tolte da palazzi e chiese, messe nei depositi di grandi città e lì dimenticate. Quando i turisti vengono in Toscana per il paesaggio o l’enogastronomia possono godere anche delle opere d’arte distribuite per esempio nelle chiese. Ho visto io stesso che, in questo periodo in cui i musei sono chiusi, la gente assetata di arte riscopre i capolavori delle chiese di Firenze. Il mio auspicio è quello di vedere meno, ma più intensamente, e non limitarsi a vedere le opere più famose per il gusto di fotografarsi davanti a un quadro. E riscoprire anche il patrimonio del luogo in cui si vive».

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

“Viaggio in Campania: arte, storie, luoghi”

Posted by fidest press agency su domenica, 3 gennaio 2021

Prosegue con grande successo fino al 5 Gennaio, “Viaggio in Campania, arte, storie, luoghi”, il format di visite online offerto da Scabec e Campania>Artecard che porterà il visitatore alla scoperta delle meraviglie della Campania: da Caravaggio agli Etruschi, dalle Regge Borboniche ai Musei di Via Duomo, dal Vesuvio ai Castelli della nostra regione.Anche per queste feste la Scabec si adatta ai tempi della pandemia e propone fino al 5 gennaio visite virtuali online interattive, in diretta sulla piattaforma Zoom. Già sold out i primi tre appuntamenti, si prosegue il 4 e il 5 gennaio con due nuovi percorsi: lunedì 4 gennaio alle ore 21 in visita “Via Duomo, la strada dei Musei – San Gennaro”, un racconto del legame che Napoli e i napoletani hanno con San Gennaro, il suo Tesoro custodito nel Duomo di Napoli che raccoglie reliquie e oggetti preziosi, diventati oracoli di fede. A dare valore aggiunto alla visita ci sarà una guida d’eccezione, Paolo Jorio direttore del Museo. Martedì 5 gennaio ore 21 e’ ancora via Duomo la protagonista. Lungo i suoi 1200 metri, via Duomo rappresenta una delle strade a più alta densità di musei del mondo, che spaziano dall’Archeologia, all’Arte Sacra, dal Barocco al Contemporaneo. Accompagnati da una guida esperta si svelerà un percorso lungo il quale si incontrano il Filangieri Museo, la chiesa San Severo al Pendino, il Pio Monte della Misericordia, il Madre · museo d’arte contemporanea Donnaregina, il Cartastorie|museo dell’Archivio Storico del Banco di Napoli, il Complesso Monumentale Donnaregina – Museo Diocesano, il Complesso monumentale dei Girolamini e il Museo del Tesoro di San Gennaro. La partecipazione ai tour guidati è gratuita con posti limitati, per info e prenotazioni http://www.scabec.it

Posted in Viaggia/travel | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Raffaello guest star: tra i migliori libri d’arte del 2020

Posted by fidest press agency su lunedì, 7 dicembre 2020

Roberta Smith, Holland Cotter, Giasone Farago critici d’arte del NYT incoronano ‘RAFFAELLO 1520-1483’ tra i migliori libri d’arte del 2020. Il volume, a cura di Marzia Faietti e Matteo Lafranconi edito da Skira celebra la più grande retrospettiva di Raffaello ospitata alle Scuderie del Quirinale fino ad agosto 2020 ed organizzata in collaborazione con le Gallerie degli Uffizi di Firenze. Come indica il titolo, sia la mostra sia il catalogo procedono in ordine cronologico inverso. Dalla processione funebre dopo la morte di Raffaello nel giorno del suo 37esimo compleanno, si riavvolge il nastro attraverso i suoi ritratti indelebili del papa mediceo Leone X e del cortigiano Baldassarre Castiglione, oltre ai suoi primi studi a Urbino. Questa saga a ritroso ci regala un Raffaello inedito soprattutto rivissuto nel 2020 in un contesto storico mondiale caratterizzato da una pandemia che ha offerto anche pause di riflessione critica da poter dedicare allo studio dei grandi del passato, come Raffaello. L’accesso limitato ai musei e alle grandi mostre ha creato una sorta di inedito “privilegio” tale da predisporre e indurre, ancor di più rispetto al passato, alla lettura dei testi che hanno accompagnato e supportato le grandi mostre in particolare quelle veramente eccezionali come quella dedicata a Raffaello alle Scuderie del Quirinale a Roma.

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Another World. Arte in città per immaginare il futuro

Posted by fidest press agency su venerdì, 27 novembre 2020

Roma. Un progetto di rigenerazione urbana nel quartiere Vigne Nuove a Roma”, lancia una campagna di raccolta fondi sulla piattaforma Produzioni dal Basso per realizzare una serie di interventi artistici presso il TSMREE – Servizio Tutela Salute Mentale e Riabilitazione Età Evolutiva della ASL Roma 1. Another World è un complesso progetto di rigenerazione urbana che prevede l’intervento di artisti ed artigiani nell’area di Via Dina Galli, 8 dove si trova la sede della ASL che accoglie minori (0-18 anni) con difficoltà o disturbi di carattere neurologico, psichiatrico, neuropsicologico e/o qualsiasi difficoltà del neurosviluppo. Il titolo stesso ha in nuce l’idea della possibilità di cambiare prospettiva di vedere e vivere il mondo e lo spazio con occhi nuovi. L’intero progetto prevede la realizzazione in step successivi di tre diverse fasi riguardanti rispettivamente l’area antistante l’ingresso – la facciata – l’area esterna adiacente.Vigne Nuove con le sue case torri è un quartiere nato negli anni ‘70, si trova nella periferia Nord della Capitale, nell’attuale III Municipio, a ridosso delle borgate storiche Tufello e Val Melaina. Oggi è lo skyline grigio a prevalere, i negozi e i servizi sono pochi, le luci si sono spente o sono state rotte, i ponti sono sconnessi, le aree porticate sono buie, sporche, vandalizzate da centinaia di graffiti. L’idea di rigenerare attraverso l’arte un’area di frontiera a partire proprio da un presidio sanitario che ha il compito di tutelare il benessere psico-fisico dei più giovani, nasce dal basso, dal desiderio di medici, operatori e famiglie che operano all’interno del servizio, di poter dare loro qualche cosa di più.Saranno invitati a lavorare, artisti, mosaicisti e giovani artisti; racconteranno, in un ideale e terapeutico percorso interiore, l’idea di crescita, di trasformazione nella differenza; la possibilità di riportare la natura in un paesaggio urbano in cui la nota dominante è il grigio del cemento; la possibilità di entrare in contatto con i propri eroi, con le proprie speranze; di riconoscere le proprie emozioni e infine, attraverso le immagini ispirate alle favole millenarie e sempre attuali di Esopo, ci riveleranno come sia possibile volgere in positivo ciò che apparentemente appare uno svantaggio così da poter superare i propri timori.Il tema, in linea con l’identità stessa e la funzione del luogo, sarà dunque la trasformazione possibile solo a partire da un rinnovato contatto con l’elemento naturale, vegetale e animale in cui immergersi in pieno, per poi compiersi nell’essere umano grazie a suggestive immagini provenienti dal mondo della fantasia e del fumetto che aiuteranno a riconoscere difficoltà, sentimenti e paure, a identificarci e a riflettere.Le attività artistiche saranno affiancate da attività laboratoriali rivolte ai giovani utenti della ASL e appena possibile anche alla cittadinanza.Il primo intervento dell’artista Gola Hundun, per la prima volta a Roma, che inizierà in questi giorni, sarà dedicato proprio al tema della natura. L’accesso alla ASL dovrà sorprendere i visitatori grandi e piccoli introducendoli in un mondo meraviglioso, in uno spazio magico ed immersivo in cui ritrovare il contatto con una natura primigenia.Il progetto, patrocinato dalla ASL Roma 1 in collaborazione con Ater Roma proprietario dell’immobile, che sta provvedendo alla pulitura preliminare delle pareti, è promosso e realizzato da Eco dell’arte e curato da Elena Paloscia.Sostengono il progetto ANSVI Accademia di Neurologia dello sviluppo, Laboratorio apprendimento e collaborano le Associazioni A.I.F.A. Lazio – odv – AIFA Lazio odv – Associazione Italiana Famiglie Adhd, CSV Centro di servizi per il Volontariato.www.ecodellarte.it

Posted in Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »