Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 33 n° 203

Posts Tagged ‘coronavirus’

Governo. Coronavirus. Vaccinazioni e vaccini: gli illustri pareri

Posted by fidest press agency su giovedì, 17 giugno 2021

Perché non documentate quello che affermate? Lo sollecitiamo agli esperti del settore che ogni giorno ci “allietano” con i loro illustri pareri su virus e vaccinazioni. Non vogliamo tappare la bocca a nessuno, ovviamente, ma vorremmo che questi “illustri pareri” non fossero solo tali, ma il risultato di ricerche, auspicabilmente, pubblicate su riviste scientifiche, adducendo prove, di quanto sostenuto. Dovrebbe, insomma, essere adottato il famoso metodo scientifico: si raccolgono dati, si elaborano ipotesi e si fanno verifiche, per arrivare alla conoscenza della realtà. Ai giornalisti, consigliamo, dopo aver raccolto “l’illustre parere”, di chiedere quali siano i dati a disposizione dell’esperto per confermare le affermazioni rilasciate.Vero è che, in un mondo che dialoga con messaggini, l’intervista sarebbe troppo lunga a scapito dell’ascolto e, quindi, della pubblicità che sostiene i media, però la soluzione potrebbe essere una pre-intervista, con una domanda finale: egregio professore, lei ha le prove di quanto sostiene? Si eviterebbero le passarelle giornaliere di questo o quell’esperto. Magari ci si potrebbe occupare di altro. Nel frattempo, ri-chiediamo al Governo di parlare con una voce sola: quella del responsabile della sanità pubblica, cioè, il Ministro della Salute, protempore, Roberto Speranza. Prenda atto il Ministro degli illustri pareri scientifici e organizzativi e assuma la responsabilità di decisioni chiare, nette e precise. Oneri e onori sono tutti suoi. Primo Mastrantoni, segretario Aduc

Posted in Diritti/Human rights, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

The Economist this week: A special edition on our coronavirus coverage

Posted by fidest press agency su mercoledì, 9 giugno 2021

Welcome to our weekly newsletter highlighting the best of The Economist’s coverage of the pandemic and its effects. At last Europe’s vaccination campaign has gathered pace, with supply bottlenecks starting to ease. Eastern Europe, however, still lags behind. In Britain, Boris Johnson has said he is “absolutely determined” that no school child should be held back because of the educational disruptions caused by covid-19. However, this week his “education-recovery commissioner” resigned because of a lack of ministerial determination. Sir Kevan Collins, a widely-respected former teacher, was trying to convince the government to support a package of measures costing around £15bn ($20bn) over three years. He stepped down hours after it was announced that the government’s proposed budget for school catch-up programmes would be around £3bn ($4.2bn). In the United States, new research suggests that Hispanic Americans are most vulnerable to covid-19. Researchers still do not understand why.In its latest Economic Outlook, the OECD argues that economies are likely to diverge, as some (America and China) recover from the pandemic faster than others (many poor countries). Covid-19 has also struck different sectors differently: tech and pharmaceutical firms prospered; transport and energy firms suffered. Our data journalists find that covid-19 deaths in Wuhan seem far higher than the official count. Partial data suggest that the city’s initial outbreak may have been two or three times worse than reported by Chinese officials.On “The Jab”, our podcast reporting from the sharp end of the vaccination race, we look at how scientists are trying to understand the best way to administer jabs. Can mixing vaccine types boost immunity to the coronavirus? What is the best interval between doses? And should children be jabbed? Airborne transmission is one of the main ways in which the SARS-CoV-2 virus spreads—so why has it taken so long to be officially recognised? We investigate on our science podcast, “Babbage”.In our sister magazine, 1843, Shreevatsa Nevatia writes that covid-19 has exposed the great fiction of middle-class life in India: domestic staff are part of the family. Now he sees that that was a lie. Zanny Minton Beddoes Editor-In-Chief The Economist

Posted in Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

The Economist: A special edition on our coronavirus coverage

Posted by fidest press agency su martedì, 25 maggio 2021

This week we look forward to the Olympics, due to start in Japan in July. As their country endures a wave of infections, 60% of Japanese tell pollsters that they would sooner not host the games at all. One of the worries is that athletes arriving from across the world could help spread dangerous new variants of SARS-CoV-2, the virus that causes covid-19. A cautionary tale is unfolding in Britain, which sequences the genes of circulating viruses more assiduously than any other country. B.1.1.7, the variant first identified in Kent, is being displaced by a variant from India, B.1.617.2, especially in Bolton—where a community with ties to the Indian subcontinent also happens to have taken up vaccines less readily than the national average.Levels of protection are also a worry in America, where the Centres for Disease Control and Prevention have issued advice that vaccinated Americans no longer need to wear a mask in most situations. Only 38% of Americans are fully vaccinated. Given that the threshold for herd immunity could be 70-80%, that leaves plenty of scope for further spread of the virus.New Zealand and Australia face an entirely different problem. Having successfully followed zero-covid strategies they have imposed semi-permanent restrictions on foreign visitors, who risk bringing the virus in with them. As the pandemic eases in some countries, economic activity is partly returning to something closer to normal. Our data team reports that shoppers are going gangbusters. But as recovery creates jobs in industries that have been locked down, there seems to be a severe shortage of workers to fill them. What has gone wrong? Our economics staff investigate this conundrum.On Economist Radio we have been expanding on our work to show the real death toll from covid-19—which we released last week. Officially a little over 3.4m people have died, but we have designed a statistical model that estimates how many people went uncounted—and reached a central estimate of 10m. Our weekly podcast on vaccination, “The Jab”, discusses what we found and its significance, and “The Intelligence”, our daily news podcast, contains a segment on how to vaccinate the world.Finally, getting oxygen into people with covid-19 has been a problem throughout the pandemic. Ventilators have been in short supply. And the intubation of patients has caused them harm. Our science section reports on an alternative—oxygen enemas. It sounds mad—and painful—but it really could work. Zanny Minton Beddoes Editor-In-Chief The Economist

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

The Economist: A special edition on our coronavirus coverage

Posted by fidest press agency su lunedì, 26 aprile 2021

Our cover in Asia tells the grim story of covid-19 in India, which is struggling with a catastrophic second wave. Until March, India was recording barely 13,000 new covid-19 cases a day, fewer than Germany or France and a drop in the ocean for a nation of 1.4bn. By late last month, however, it was rocketing. On April 21st India clocked 315,000 new positive tests, above even the biggest daily rise recorded in America, the only other country to report such highs. A return of the virus was inevitable, but the government’s distraction and complacency have amplified the surge. (We also cover the story in our daily podcast, “The Intelligence”).In the Netherlands, the state is funding pilot programmes to explore whether rapid testing of patrons for covid-19 can allow reopening of restaurants, museums, cultural events and the like. The budget is huge: €1.1bn ($1.3bn) through August, more than 0.1% of GDP. But critics say the experiments are so flawed that they may prove useless. In Africa, vaccination is off to a slow start. Just 6m doses have been administered in sub-Saharan Africa, fewer than in New Jersey. Just 1% of African adults have received a first jab, versus a global average of 13%. Scant supply is the biggest problem, but not the only one.Meanwhile, Latin American athletes are jumping the queue for vaccines: on April 13th Lionel Messi helped to score 50,000 vaccines for Conmebol, the South American football confederation, after sending three signed shirts to Sinovac, a Chinese pharmaceutical company. American export controls on raw materials and equipment threaten to hinder global vaccine production. Production lines in India, turning out at least 160m doses of covid vaccine a month, will soon grind to a halt unless America supplies 37 critical items.Our “Free exchange” columnist considers how to think about vaccines and patents during a pandemic—do public-health crises call for a departure from the rules? We explore the issue further in a pair of “By Invitation” articles, in which economists and business leaders make their arguments for and against suspending intellectual property rights on medical products related to covid-19.On “The Jab”, our podcast reporting from the sharp end of the vaccination race, we turn our attention to Europe. The continent is suffering a third wave of covid-19 after the European Commission’s vaccine roll-out stalled. France’s president, Emmanuel Macron, has said Europe “lacked ambition” in its vaccine efforts. How can European countries catch up?Zanny Minton Beddoes Editor-In-Chief The Economist

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Coronavirus, confermata la scoperta in Italia di una nuova variante

Posted by fidest press agency su domenica, 4 aprile 2021

È stato depositato oggi sui database internazionali il sequenziamento completo del genoma di una nuova variante del virus Coronavirus, scoperta nel laboratorio Cerba HealthCare di Milano dalla taskforce coordinata dal virologo Francesco Broccolo, dell’Università degli Studi Milano Bicocca. Da questo momento tutte le informazioni scientifiche sono disponibili al link: https://www.ncbi.nlm.nih.gov/nuccore/MW852494 Grazie a metodi di Advanced Molecular Diagnostic portati avanti nel laboratorio Cerba HealthCare di Milano, l’equipe di Francesco Broccolo aveva osservato all’inizio di marzo una combinazione di mutazioni mai riscontrate prima, che comprende caratteristiche delle varianti nigeriana e inglese. Il risultato del sequenziamento dell’intero genoma ha confermato che si tratta di una nuova variante. Al momento la nuova variante non sembra essere più contagiosa o più letale rispetto alle altre varianti del virus Sars-Cov-2 conosciute. Il dott. Broccolo e Cerba HealthCare sono a disposizione dei giornalisti per ulteriori informazioni e approfondimenti. Cerba HealthCare Italia – Nata nel 2018 in seguito all’acquisizione di Delta Medica (Rozzano – MI) e Fleming Research (Milano), Cerba HealthCare Italia è la sede italiana del gruppo internazionale Cerba HealthCare dedicato alla diagnostica ambulatoriale con laboratori analisi presenti in 16 nazioni con 750 laboratori operativi e 35 milioni di pazienti l’anno. Cerba HealthCare Italia è specializzata nei settori dei laboratori analisi, medicina dello sport, medicina del lavoro, radiologia, poliambulatori e Service di Laboratorio, intesa questa come l’attività di esecuzione di esami ultra specialistici di cui si avvalgono cliniche, ospedali pubblici e privati. Nel nostro Paese conta oggi 243 dipendenti, 14 centri medici, 3 piattaforme di laboratorio e 34 centri prelievo.www.cerbahealthcare.it

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

The Economist: Our coverage of the coronavirus

Posted by fidest press agency su lunedì, 15 marzo 2021

A year ago this week the World Health Organisation (WHO) declared the covid-19 outbreak to be a pandemic. Our data team has been closely following the course of the disease and its toll from the start, producing a range of trackers and interactive charts to keep us informed about how covid-19 has spread, how many people have died (and where) and how well vaccination programmes are faring worldwide. This week the team launched its latest and most ambitious project—the covid mortality risk estimator. Though covid-19 threatens everyone, its highest risks are concentrated among particular groups of people. For any group of unvaccinated people of a given age, sex and mix of other illnesses, the data team’s new tool can estimate the proportion that will be hospitalised or die within 30 days of a covid-19 diagnosis. You can interact with the data here.In the Asia section, we look at a conundrum in India: the country seems to have suffered surprisingly few deaths from covid-19. What explains its apparent success?It is well-established that, among rich nations, Europe is a laggard in its vaccination roll-out. A protracted swell of cases is highlighting the continent’s problems.In the Science and technology section, we look at the potential for vaccine passports to start getting life back on track in countries where jabs have become widespread. Though identity schemes such as vaccine passports do have a part to play in the return to life as normal, we argue it will be only modest.On the first anniversary of the WHO’s declaration of a pandemic, our “Babbage” podcast looks at the lessons the world has learned. And on “The Jab”, we discuss how clinical trials for vaccines work and give you a guide on how to interpret the numbers flowing out of them. Zanny Minton Beddoes Editor-In-Chief The Economist

Posted in Estero/world news, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Coronavirus, possibili sintomi a lungo termine nei bambini

Posted by fidest press agency su mercoledì, 10 marzo 2021

Secondo un articolo pubblicato su MedRxiv sotto forma di prestampa, ossia non ancora sottoposto a peer-review, i bambini possono soffrire di postumi da Covid-19 a lungo quanto gli adulti, con sintomi che durano mesi dopo l’evento iniziale. Allo studio, svolto dai ricercatori del Policlinico Gemelli di Roma in collaborazione con la Federazione italiana medici pediatri (Fimp), hanno preso parte 129 bambini e ragazzi tra 5 e 18 anni con diagnosi di Covid-19 valutati in pronto soccorso, in reparto oppure in regime ambulatoriale durante la prima e la seconda ondata della pandemia da Coronavirus. E dai risultati emerge che un terzo della coorte oggetto di studio ha riferito la persistenza a distanza di mesi di sintomi più o meno evidenti tra cui i più frequenti erano dolori muscolari o articolari, cefalea, disturbi del sonno, senso di costrizione o dolore toracico e palpitazioni.In particolare, il 51% di 68 bambini valutati a distanza di 120 giorni riportava almeno un sintomo persistente che in molti casi interferiva con le consuete attività quotidiane. E dopo una rivalutazione a 160 giorni, la percentuale di partecipanti che ancora riferiva almeno un sintomo era ancora significativa, sebbene fosse calata al 36%. «I sintomi attribuiti ai bambini sono stati riportati da genitori in interviste telefoniche, e nel campione esaminato sembrerebbe che la sintomatologia si verifichi addirittura con un tasso più elevato rispetto agli adulti. I dati sull’argomento, tuttavia, sono ancora scarsi e saranno oggetto di approfondimento in studi più ampi già in corso presso il nostro centro» commenta il primo autore Danilo Buonsenso, infettivologo pediatra presso il Dipartimento di scienze della salute della donna, del bambino al Policlinico Gemelli di Roma. E Teresa Rongai, segretaria della Fimp di Roma, conclude: «Ad avere sintomi a distanza di tempo sono spesso i bambini un po’ più grandi, dagli 8 anni in su. Questi casi non hanno nulla a che fare con la sindrome infiammatoria sistemica, ma piuttosto si tratta di una cronicizzazione dei sintomi, in genere non gravi, che permangono in modo simile a quanto accade negli adulti». (Fonte doctor33)

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Coronavirus. Vaccinazione unica o a due dosi?

Posted by fidest press agency su mercoledì, 3 marzo 2021

Si apre il dibattito sul numero delle vaccinazioni: una o due dosi? Informiamo che i tre vaccini, attualmente a disposizione, prevedono due dosi da somministrare a scadenza stabilita per avere il massimo di efficacia.Nel Regno Unito, il governo ha deciso di far somministrare una sola dose, per raggiungere il massimo numero di persone e rimandare la seconda dose. Nel resto della Ue e negli Stati Uniti si effettuano le somministrazioni di vaccino in due tempi, come previsto.Vediamo come è la situazione, prendendo a campione due Stati ritenuti efficienti: Regno Unito e Germania. I dati sono al 28.02.2021
Numero di morti per milione di abitanti per Covid
Regno Unito: 1803.
Germania: 841.
Numero di morti totali
Regno Unito: 122.849.
Germania: 70.625.
Totale dei casi di infezione
Regno Unito: 4.176.554
Germania: 2.446.063
Popolazione completamente vaccinata (due dosi), in percentuale
Regno Unito: 1,1%.
Germania: 2,4%.
Popolazione
Regno Unito: 68 milioni.
Germania: 84 milioni.
Dunque, la politica del governo del Regno Unito di somministrare una unica dose non sembra avere gli effetti desiderati, se consideriamo come linea di demarcazione i morti da Covid.Vaccinare con una unica dose e rimandare la seconda (in particolare per i vaccini a mRNA), significa esporsi alle varianti del virus, con difficoltà di efficacia di altri vaccini. Dopo quella “inglese” avremo la variante “italiana”? Primo Mastrantoni, segretario Aduc

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Coronavirus: Fp Cgil Medici, bene accordo vaccini dai Medici di Medicina Generale

Posted by fidest press agency su martedì, 23 febbraio 2021

“Siamo soddisfatti dell’accordo sottoscritto tra Ministero della Salute e organizzazioni sindacali della medicina generale sui vaccini. Un accordo che mette ordine nella giungla degli accordi regionali, che definisce linee guida e procedure organizzative necessarie ad uniformare il piano vaccini sul territorio nazionale e che qualifica la centralità del ruolo dei medici di medicina generale indispensabili per il contrasto alla pandemia”. Lo afferma la Fp Cgil Medici e Dirigenti Ssn. “Ora però è necessario dare ai professionisti un nuovo contratto – aggiunge -. Dopo aver già sottoscritto l’accordo economico nel 2019, ora non è più rinviabile la sottoscrizione della parte normativa necessaria per uniformare e rendere esigibili sul territorio nazionale tutele e diritti dei Medici. Le carenze dell’assistenza territoriale drammaticamente evidenziate dalla pandemia sono chiaramente riconducibili alla mancata integrazione dei servizi dovuta anche alla frammentazione dei rapporti di lavori in convenzione dei medici di medicina generale”. “In una prospettiva di riorganizzazione della medicina territoriale, anche attraverso un transito di tutti i medici convenzionati nel contratto collettivo nazionale della dipendenza, è intanto necessario garantire l’applicazione uniforme dell’attuale accordo collettivo. Chiediamo al Ministro Speranza di intervenire per sbloccare una trattativa paralizzata per motivi a noi incomprensibili”, conclude la Fp Cgil Medici.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Coronavirus. Vaccinazioni in Ue: siamo in ritardo?

Posted by fidest press agency su lunedì, 22 febbraio 2021

Cosa sarebbe successo se ogni Paese dell’Ue si fosse mosso autonomamente, invece di essere coordinati dall’Ue? Che alcuni Paesi avrebbero i vaccini e altri no.Facciamo un esempio: il vaccino Pfizer è anche Biontech, cioè di una società tedesca che ha avuto una sovvenzione statale di 370 milioni di euro per la ricerca. Così la Germania avrebbe avuto il “suo” vaccino, a discapito degli altri Paesi europei. Aver scelto la condivisione europea dei vaccini, è l’accusa rivolta alla cancelliere Angela Merkel da alcuni partiti tedeschi.Si paragona il numero di vaccinazioni in Ue con altri Paesi, per esempio, Israele e Usa. Facciamo notare che Israele ha una popolazione di 9 milioni di abitanti, una estensione analoga alla Toscana ed un unico governo; l’Ue ha 446 milioni di abitanti, una superficie di 4,5 milioni di kmq e 27 governi. Gli Usa hanno un presidente con pieni poteri, l’Ue ha un “governo”, cioè la Commissione, che promuove e coordina l’attività di 27 Paesi, il che comporta problemi, come si può facilmente capire.Si confronta, inoltre, il numero di vaccinazioni nel Regno Unito con quello dei Paesi comunitari. Vero che sono di più, ma si dimentica che il governo britannico ha deciso modalità di somministrazione del vaccino Pfizer e Moderna in contrasto con quanto indicato dalle stesse società farmaceutiche: rispettare la tempistica tra la prima e la seconda dose, per avere la copertura vaccinale prevista (95%). In sintesi, ci sono più cittadini britannici vaccinati, però meno protetti.
Confrontando i dati, rileviamo che il Regno Unito ha proporzionalmente più decessi del nostro Paese: 1753 morti per milione di abitanti, contro i 1571 dell’Italia.Insomma, l’Ue sconta le molteplicità nazionali: non siamo ancora gli Stati Uniti d’Europa e neanche abbiamo un sistema sanitario europeo. Si potrebbe iniziare da quest’ultimo, se questa tragica esperienza servirà a qualcosa.Primo Mastrantoni, segretario Aduc

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Coronavirus. L’origine è animale

Posted by fidest press agency su venerdì, 12 febbraio 2021

Si è conclusa la missione congiunta dell’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) e del gruppo di lavoro cinese sull’origine del Coronavirus (Sars-CoV-2).”Le ricerche effettuate sul Coronavirus, sin qui, suggeriscono che abbia un’origine animale”.”Pipistrelli e pangolini sono i più probabili candidati alla trasmissione”. Cosi la dichiarazione del capo delegazione cinese, il professor Lian Wannian. “La tesi della fuga del virus da laboratorio è scenario da film”, ha aggiunto il professor Peter Ben Embarek, capo della missione OMS sull’origine del Coronavirus.Insomma, si tratterebbe di una zonosi, cioè della trasmissione di un virus da un animale all’uomo.La maggior parte degli agenti patogeni che colpiscono l’uomo sono zoonotici, direttamente o indirettamente. Ne ricordiamo alcuni: la rabbia, la peste, la salmonellosi, l’Ebola, l’Hiv, l’Aviaria, la “mucca pazza”, ecc.All’inizio di questa pandemia avevamo avvertito che si sarebbero scatenate le ipotesi più inverosimili sull’origine del Coronavirus e, per mesi, abbiamo assistito, sui cosiddetti “social”, a interventi assurdi, privi di qualsiasi validità scientifica.Ora, speriamo di aver messo una pietra sopra alle chiacchiere da bar ma, si sa, i terrapiattisti trovano sempre nuove bufale da propagare al popolo. Primo Mastrantoni, segretario Aduc

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Coronavirus: gli anticorpi materni possono proteggere i neonati

Posted by fidest press agency su martedì, 9 febbraio 2021

Secondo uno studio pubblicato su Jama Pediatrics, gli anticorpi materni IgG diretti contro Sars-CoV-2 passano attraverso la placenta al figlio se la donna contrae l’infezione da nuovo coronavirus durante la gravidanza, sia in forma asintomatica che sintomatica. «Gli anticorpi di derivazione materna sono un elemento chiave dell’immunità neonatale. Comprendere le dinamiche delle risposte anticorpali materne a SARS-CoV-2 durante la gravidanza, e il successivo trasferimento transplacentare di anticorpi può aiutare a organizzare la gestione neonatale e le strategie di vaccinazione materna» afferma Dustin Flannery, del Children’s Hospital di Philadelphia e della University of Pennsylvania, a Philadelphia, primo autore dello studio. I ricercatori hanno valutato l’associazione tra concentrazioni di anticorpi specifici per Sars-CoV-2 nella madre e nel neonato. La coorte in studio era composta da 1.714 donne, con età mediana di 32 anni, di cui 450 identificate come nere/non ispaniche, 879 come bianche/non ispaniche, 203 come ispaniche, 126 come asiatiche e 56 come appartenenti ad altra razza/etnia. In particolare, sono stati analizzati i dati di 1.471 coppie madre/neonato per le quali erano disponibili il sangue materno e il cordone ombelicale per la ricerca di IgG e IgM. Tra queste coppie sono stati rilevati anticorpi IgG e/o IgM per Sars-CoV-2 in 83 donne al momento del parto e anticorpi IgG sono stati rilevati nel sangue del cordone ombelicale di 72 su 83 neonati. Le IgM non sono state rilevate in nessun campione di sangue del cordone ombelicale e gli anticorpi non sono stati rilevati in nessun bambino nato da madre sieronegativa. Undici bambini nati da madri sieropositive erano sieronegativi; di questi, cinque erano nati da madri con soli anticorpi IgM e sei da madri con concentrazioni di IgG significativamente inferiori rispetto a quelle riscontrate nelle madri di neonati sieropositivi. Le concentrazioni di IgG nel sangue del cordone ombelicale erano correlate positivamente con le concentrazioni di IgG materne, e rapporti di trasferimento placentare superiori a 1,0 sono stati osservati sia tra le donne con infezioni asintomatiche che tra quelle con Covid-19 lieve, moderato e grave. I rapporti di trasferimento sono aumentati con l’aumentare del tempo tra l’inizio dell’infezione materna e il parto. «I nostri risultati dimostrano che gli anticorpi specifici per Sars-CoV-2 di derivazione materna possono fornire protezione da Covid-19 ai neonati» concludono gli autori. (fonte: Doctor33)

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Commissione europea: Disinformazione sul coronavirus

Posted by fidest press agency su venerdì, 5 febbraio 2021

Le relazioni dimostrano che le piattaforme hanno migliorato la visibilità dei contenuti autorevoli, indirizzando milioni di utenti a fonti di informazioni dedicate. Hanno inoltre incluso nelle condizioni dei servizi programmi per eliminare la disinformazione sui vaccini, in particolare bloccando centinaia di migliaia di account, offerte e messaggi pubblicitari connessi al coronavirus e alla disinformazione sui vaccini, e hanno intensificato il lavoro con i verificatori dei fatti per dare maggiore rilievo ai contenuti verificati in materia di vaccinazione.
Questa serie di relazioni segna la fine del periodo di riferimento iniziale di 6 mesi. Data la rilevanza di tali relazioni nell’attuale contesto epidemiologico, il programma proseguirà per i prossimi 6 mesi. La Commissione ha inoltre chiesto alle piattaforme online di fornire maggiori dati sull’evoluzione della diffusione della disinformazione durante la crisi del coronavirus e sugli effetti dettagliati delle loro azioni a livello dei paesi dell’UE. Il programma di relazioni mensili è stato istituito nell’ambito della comunicazione congiunta del 10 giugno 2020 per garantire la responsabilità nei confronti del pubblico degli sforzi compiuti dalle piattaforme e dalle pertinenti associazioni di settore al fine di limitare la disinformazione online connessa al coronavirus. Le relazioni odierne riguardano le misure prese nel dicembre 2020 da Facebook, Google, Microsoft, Twitter e TikTok.

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

In uno studio dell’Ateneo, le conseguenze del coronavirus sulle interazioni sociali

Posted by fidest press agency su domenica, 31 gennaio 2021

Parma. La pandemia da COVID-19 ha inevitabilmente e profondamente cambiato la natura delle nostre interazioni quotidiane. Questo è vero non solo a causa del distanziamento sociale, ma anche dei dispositivi di protezione individuale che siamo tenuti ad indossare. Si tratta di misure necessarie e imprescindibili per contrastare la trasmissione del contagio, ma come influenzano il riconoscimento delle emozioni altrui? Se naso e bocca sono coperti da una mascherina o da una sciarpa riconosceremo ugualmente le emozioni delle persone vicine a noi? Il tipo di dispositivo di protezione modula il nostro desiderio di distanziarci fisicamente e socialmente dagli altri? Esistono differenze in queste risposte tra femmine e maschi? Lo studio, condotto in Italia nel maggio scorso da Marta Calbi, assegnista di ricerca dell’Università di Parma nel Laboratorio di Neuroscienze Cognitive Sociali del Dipartimento di Medicina e Chirurgia, e pubblicato su Nature Scientific Reports, si è posto l’obiettivo di rispondere a queste domande. I risultati mostrano che i partecipanti riconoscono le emozioni di felicità e rabbia anche quando i volti sono parzialmente coperti.In un contesto di pandemia, l’uso di un dispositivo di protezione appropriato ed efficace (mascherina) porta le persone a ridurre la distanza reciproca, promuovendo così la relazione interpersonale. Femmine e maschi, però, si comportano diversamente: mentre le prime scelgono quanta distanza tenere dall’altra persona sulla base dell’emozione vista, i secondi scelgono la distanza secondo il tipo di dispositivo indossato dall’altra persona, riducendola per il dispositivo più efficace. Lo studio ha inoltre mostrato una correlazione tra la paura del virus COVID-19 e tratti di personalità, mettendo in evidenza l’impatto del virus sul nostro benessere psicofisico.

Posted in Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

“Il coronavirus non può sospendere la democrazia”

Posted by fidest press agency su sabato, 16 gennaio 2021

Non è successo negli Stati Uniti, non accadrà in Portogallo, Francia, Germania non è accaduto neppure in Italia dove si sono celebrate le elezioni regionali pochi mesi fa e dove a giugno si voterà nelle principali città italiane: Roma, Milano, Torino, Bologna, Napoli… L’unica ragione per la quale non vogliono andare al voto è che il centrodestra è talmente cresciuto da non avere neppure bisogno di quel premio di maggioranza che Pd e M5S abrogarono prima del 2018 per avvelenare i pozzi e impedire ci fosse un governo in sintonia con il popolo. Gli italiani vogliono essere governati dal centrodestra che a oggi avrebbe una maggioranza bulgara sia alla Camera sia al Senato. In una fase storica drammatica l’Italia ha bisogno di un governo solido e autorevole, di una maggioranza coesa, di programmi comuni per gestire la crisi economica derivata dalla pandemia.
Il presidente del Consiglio Conte rassegni le dimissioni al presidente della Repubblica Sergio Mattarella e si avvii il percorso per restituire alla nostra comunità la libertà e la sovranità di un governo espressione della volontà popolare e non figlio di giochini di palazzo”. È quanto ha dichiarato il vicepresidente della Camera dei deputati Fabio Rampelli durante la diretta Facebook sugli aggiornamenti della crisi.

Posted in Politica/Politics, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

The Economist this week: Our coverage of the coronavirus

Posted by fidest press agency su lunedì, 4 gennaio 2021

Welcome to the newsletter highlighting The Economist’s best writing on the pandemic and its effects. We have two covers this week. In our UK and European editions, we ask what Britain’s place in the world should be now that it has completed its divorce from the European Union. In our Americas and Asian editions we report on China’s world-beating approach to e-commerce, which we think is set to become a global model. Our coverage of the pandemic focuses on two fast-spreading new variants of the coronavirus and their implications for public health: British approval for the AstraZeneca-Oxford vaccine could hardly have come at a more desperate time. We report on Argentina’s adoption of the Russian Sputnik V vaccine, which is bedevilled by politics, we review an early crop of books on covid-19 and we ask whether American jobs lost to the pandemic will return. Our tracker illustrates the spread of covid-19 around the world in the past year, as well as the latest estimates of deaths and cases in each continent and country.We are covering the pandemic in Economist Radio and Economist Films, too. On January 1st, “Checks and Balance”, our podcast on American politics, will be about the toll the coronavirus has taken on New York and on how the city can recover.It has been a punishing year. As we celebrate the start of 2021, let us hope that it will be when covid-19 is finally conquered. Zanny Minton Beddoes Editor-In-Chief The Economist

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Coronavirus. Vaccinazione: per obbligo o per convinzione?

Posted by fidest press agency su venerdì, 1 gennaio 2021

La seconda ipotesi è migliore, ma ci sono resistenze alla vaccinazione. Il problema si pone, in particolare, per il personale sanitario. Facciamo un esempio. Un cittadino si ricovera in ospedale per una patologia e il medico curante non vaccinato è portatore di virus. Si corre il rischio di infettare il paziente e provocarne la morte. Per converso, il cittadino potrebbe rifiutare le cure del medico ospedaliero non vaccinato. Chi curerà il paziente se il personale sanitario non è vaccinato? Altro esempio riguarda le residenze per anziani (RSA). Chi si prenderà cura degli anziani se il personale sanitario non vaccinato è portatore di virus? Sappiamo che è proprio l’anziano a essere maggiormente in pericolo di infezione e morte, stante l’età. Si pone il problema: dove finisce il diritto alla libertà di scelta di non vaccinarsi del personale sanitario e dove inizia il diritto alla salute e alla vita del cittadino, paziente o anziano che sia?Primo Mastrantoni, segretario Aduc

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Coronavirus e informazione. Tra bufale e irresponsabilità

Posted by fidest press agency su mercoledì, 30 dicembre 2020

L’ultima che abbiamo letto, sul vaccino della Pfizer è che contiene un microchip, collegato alla tecnologia 5G. I russi avrebbero isolato il chip e pubblicato il relativo schema elettrico.Il tutto finalizzato al controllo dei vaccinati.Per inciso, lo schema elettrico del chip, riportato su un “social”, non ha ovviamente nulla a che vedere con la realtà, infatti, rappresenta il circuito elettrico di un distorsore musicale, ma ai più ingenui, chiamamoli così, frequentatori di comunicazioni sociali, la notizia fa presa, magari inattesa del vaccino russo.Così come ha fatto presa la notizia sull’origine del virus che, nella fantasia di molti, era nato in un laboratorio, cinese, americano o russo che sia, messo a punto per indebolire l’avversario.Bufale a tutto tondo, ma tant’è!Più grave sono state le bufale concernenti il Coronavirus come virus poco più grave di quello influenzale, o clinicamente morto o che sarebbe scomparso con il caldo, nell’estate o della mascherina che provoca il cancro, o che il 95% dei positivi sono asintomatici. Sui vaccini abbiamo sentito evocare trasformazioni genetiche nelle persone vaccinate, come si diceva nel 1700 all’epoca di Jenner, quando alle persone vaccinate si diceva che spuntavano le corna.Vero è che la medicina non è una scienza esatta, occorre, quindi, applicare il metodo scientifico che porta alla conoscenza della realtà: si raccolgono dati, si elaborano ipotesi e si fanno verifiche. Nulla di tutto questo è stato applicato nelle dichiarazioni sopra riportate.Poi ci sono i morti per Coronavirus o con il Coronavirus, sempre sulla linea comunicativa che il Coronavirus è poco pericoloso. Elucubrazioni, smentite clamorosamente da indagini statistiche.In ultimo, la negazione di politici sulla pericolosità del Coronavirus, con l’ostentazione pubblica della omissione di indossare la mascherina. E qui siamo alla irresponsabilità per fini elettorali. Peggior comportamento non c’è. Ora, con l’approvazione del vaccino Pfizer, e di altri che verranno, l’attenzione graverà, con articoli e dichiarazioni, sulle reazioni avverse al vaccino che, per ora, rappresentano lo zero virgola qualcosa dei vaccinati e non ha provocato effetti letali, mentre i morti da Coronavirus sono 72 mila in Italia e quasi 1,8 milioni nel mondo.La risposta che dovremmo dare è: è stato applicato il metodo scientifico che porta alla conoscenza della realtà? Chè il tempo delle favole e della ingenuità, per molti di noi, è passato da tempo.Primo Mastrantoni, segretario Aduc

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Coronavirus, l’ambiente familiare è un importante luogo di trasmissione dell’infezione

Posted by fidest press agency su lunedì, 28 dicembre 2020

Fino a quando gli individui con infezioni da Coronavirus sospette o confermate verranno indirizzati all’isolamento domiciliare, le famiglie resteranno un luogo significativo per la trasmissione dell’infezione. Queste, almeno, sono le conclusioni di una metanalisi pubblicata su Jama Network Open, primo firmatario Zachary Madewell del Dipartimento di Biostatistica, Università della Florida, Gainesville. «Gli ambienti interni affollati, come quelli familiari, con contatti e conversazioni ravvicinate e prolungate, sono luoghi ad alto rischio di trasmissione della sindrome respiratoria acuta grave da Coronavirus, che si diffonde attraverso il contatto diretto o indiretto tramite goccioline respiratorie infette» scrivono gli autori, che hanno voluto stimare il tasso di trasmissibilità secondaria dell’infezione nelle famiglie.La metanalisi è stata condotta includendo gli articoli con dati originali sulla stima del tasso di trasmissibilità domestica ed escludendo i case report centrati su singole famiglie e gli studi su contatti stretti che non riportavano la trasmissibilità tra i membri del nucleo familiare. A conti fatti sono stati identificati 54 studi con 77.758 partecipanti che hanno segnalato una trasmissione secondaria domestica. «Il tasso stimato è stato del 16,6%, superiore a quello di Sars-CoV e Mers-CoV, stimati rispettivamente nel 7,5% e nel 4,7%» riprende l’autore, aggiungendo che la percentuale di trasmissibilità all’interno del nucleo familiare aumenta al 18% in presenza di casi indice sintomatici rispetto agli asintomatici (0,7%). Il tasso di trasmissione secondaria sale anche in caso di contatti con persone adulte (28,3%) rispetto a quelli con figli (16,8%). «Questi dati suggeriscono che le famiglie sono importanti luoghi di trasmissione. Servono ulteriori studi per verificare l’efficacia di strategie preventive quali l’uso sistematico delle mascherine a casa, una migliore ventilazione, l’isolamento volontario presso strutture esterne e la profilassi antivirale mirata» conclude Madewell.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

The Economist this week: Our coverage of the coronavirus

Posted by fidest press agency su lunedì, 28 dicembre 2020

The Economist’s best writing on the pandemic and its effects. The end of 2020 brings an opportunity to reflect on this once-in-a-century event, which will be remembered as a moment when everything changed. However, this is also a time to look forward and consider what to expect from year two of the pandemic. The basics may be the same, but vaccines and cheap, rapid tests should make a difference as the world continues to adapt to living with the virus. Certainly the next 12 months will see difficult political and public debates about who should be first to receive the vaccines and who can wait. We also invite you to read some of the stories that generated the most page views on our website and app during 2020. In our “By Invitation” series of articles Bill Gates predicted how future pandemics would be fought, while Nicholas Christakis explained why the latest coronavirus required a different response to previous ones. We described the anatomy of a killer virus in one of our first Briefings on covid-19, outlined how lockdowns would leave behind a “90% economy” and considered the real lessons from the approach to lockdowns in liberty-loving Sweden. If you have digital access as part of your subscription, do make sure you have activated it. This will enable you to read the digital version of the newspaper as well as all of our daily journalism, both now and throughout 2021. Zanny Minton Beddoes Editor-In-Chief

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »