Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 32 n° 106

Posts Tagged ‘sostegno’

Scuola: Sostegno, a maggio 15 mila nuovi specializzati

Posted by fidest press agency su domenica, 5 aprile 2020

La ministra dell’Istruzione, Lucia Azzolina, ha assicurato che il quarto ciclo Tfa specializzante terminerà entro la metà di maggio e i docenti potranno anche partecipare alle operazioni di mobilità. È stata quindi accolta la richiesta dell’Anief. È ora però fondamentale che si proceda a specializzare altri 20 mila corsisti, anche procedendo con una sessione straordinaria destinata ai docenti che hanno svolto almeno 24 mesi di servizio su sostegno o detengano già l’ammissione ai corsi di didattica speciale. Sono ancora troppi i posti scoperti per pensare di fermarsi qui: la disabilità non può attendere.Marcello Pacifico, presidente nazionale Anief: “Ringraziamo la ministra Lucia Azzolina e il ministro Gaetano Manfredi per avere individuato delle modalità celeri di conclusione dei corsi, anche con modalità a distanza. Adesso, però, è bene che il Parlamento proceda con l’avvio di nuovi percorsi di TFA rivolti ai precari che da anni prestano servizio, considerando che continuiamo ad affidare una bella fetta dei 280 mila alunni con disabilità a personale precario. E il 70% dei contratti a termine è sottoscritto da personale non specializzato. Per questo, abbiamo presentato un emendamento al D.L. n. 18 del 17 marzo 2020, finalizzato ad avviare subito nuovi corsi”.
Il IV ciclo di Tfa sostegno si concluderà entro il prossimo 15 maggio. E i partecipanti potranno partecipare alla mobilità 2020. Lo ha detto la ministra Lucia Azzolina in diretta Facebook per fare il punto sulla situazione dell’emergenza sanitaria in campo scolastico e su come il ministero dell’Istruzione stia cercando di garantire il diritto allo studio in questi giorni di emergenza da Covid 19. Tra gli argomenti affrontati, scrive Orizzonte Scuola, c’è stato anche quello della mobilità per chi è iscritto al Tfa sostegno.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Decreto “Cura Italia”, emendamento per sospendere le tasse universitarie e detrarre al 100% le spese d’affitto dei fuori sede

Posted by fidest press agency su mercoledì, 1 aprile 2020

Sospendere nel corrente anno i pagamenti delle tasse universitarie per tutti gli studenti e prevedere delle detrazioni al 100% per gli affitti di quelli fuori sede: a chiederlo è l’Anief, con un emendamento proposto al Decreto Legge “Cura Italia”, il n. 18 del 17 marzo 2020. Per il sindacato, la modifica, all’articolo 62, si rende necessaria “in considerazione della difficile condizione economica in cui versano molte famiglie di lavoratori” e per “pianificare forme di sostegno che compensino gli effetti del diffuso stato di emergenza, anche lavorativa”.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Coronavirus: urgente un intervento del Governo a sostegno delle famiglie

Posted by fidest press agency su martedì, 31 marzo 2020

Sono dovute intervenire le Forze dell’Ordine per presidiare i supermercati a Palermo, dopo che alcuni clienti avevano tentato di uscire senza pagare, perché impossibilitati a causa delle condizioni economiche precarie causate dalla pandemia.
“Una situazione estremamente grave, che accende i riflettori sulle pesanti ripercussioni sul piano economico che l’attuale emergenza sta causando.” – afferma Emilio Viafora, Presidente della Federconsumatori.
Gli ammortizzatori sociali e le misure previste dal Decreto di Marzo si stanno mostrando insufficienti, come purtroppo questi episodi mettono in luce con grande evidenza. Sono necessari sostegni concreti e immediati per le famiglie in maggiore difficoltà, per i nuclei più fragili, quelli monoreddito, colpiti da perdita o mancanza di lavoro.
È questo il momento di agire con misure straordinarie di sostegno al reddito, anche attraverso un assegno di sussistenza per le famiglie che non percepiscono alcun reddito o che non hanno accesso al reddito di cittadinanza o altre forme di sussidio, in modo da permettere una sopravvivenza dignitosa anche a quei nuclei più duramente colpiti dall’attuale crisi.
Per questo richiediamo urgentemente al Governo di adottare misure efficaci, ma soprattutto rapide, immediate, che non prevedano lunghi passaggi burocratici, che sarebbero insostenibili per i cittadini in questo delicato frangente.
Non vorremmo, inoltre, che episodi come quello descritto siano strumentalizzati da organizzazioni illegali, per questo chiediamo al Governo massima attenzione e allerta nei confronti di vicende simili.
Condividiamo, infine, l’appello lanciato ieri dal Presidente della Repubblica affinché l’Europa sia unita in questo momento difficile, esortando ad un’azione comune, condivisa e solidale, in armonia con i valori di unità e cooperazione su cui si fonda l’Unione.

Posted in Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Scuola Sostegno: appello M5S al Ministro per attuare le specializzazione

Posted by fidest press agency su martedì, 31 marzo 2020

L’on. Vittoria Casa ha presentato un’interrogazione in commissione a Gaetano Manfredi, con la quale chiede di “valutare una modifica delle attuali disposizioni in modo da garantire la conclusione dei corsi attraverso forme di didattica online e per facilitare la trasmissione dei documenti”. Alla luce della situazione difficile di queste settimane, che obbliga le persone a evitare al massimo gli spostamenti, la modalità formativa straordinaria per via telematica chiesta dal sindacato – anche per l’avvio di un nuovo corso da 20 mila posti – è l’unica misura possibile per mettere a disposizione degli alunni personale docente abilitato e specializzato per esercitare la professione, così da avviarsi verso l’immissione in ruolo.Marcello Pacifico, presidente nazionale Anief: “In questi giorni, sulla necessità estrema di specializzare i docenti sul sostegno anche noi abbiamo scritto al ministro Gaetano Manfredi, in modo che possa individuare delle modalità di attuazione dei corsi. E siamo stati anche promotori, in V commissione al Senato, della richiesta attraverso un preciso emendamento al D.L. n. 18 del 17 marzo 2020: l’intenzione, attraverso una modifica al decreto “Cura Italia”, è infatti quella di avviare dei percorsi alternativi di TFA sostegno rivolti ai precari che da anni prestano servizio, considerando che proprio sul sostegno ai 280 mila alunni con disabilità che frequentano le nostre scuole il personale non specializzato precario supera addirittura il 70% dei contratti stipulati”.
L’emergenza legata al Covid19 si è abbattuta anche sui corsi di specializzazione di sostegno: si tratta di una necessità, quella di completare lezioni ed esami, che per la scuola è fondamentale, visto che mancano all’appello circa 50 mila insegnanti specializzati sulle oltre 60 mila cattedre vacanti complessive, tra organico di diritto e deroghe, da assegnare con l’avvio del prossimo anno scolastico. A preoccupare è prima di tutto la conclusione del IV ciclo di specializzazione per le attività di sostegno.“I corsi – scrive in una nota l’on. Vittoria Casa, deputata del MoVimento 5 Stelle in commissione Cultura – si sarebbero dovuti completare a marzo 2020 e, nonostante la proroga dei termini maggio prevista dal decreto dell’11 marzo, rischiano di dover essere ulteriormente rinviati per via dell’impossibilità di svolgere le attività laboratoriali e gli esami finali in modalità telematica. Ci sono, inoltre, difficoltà nella presentazione dei documenti di fine tirocinio da parte dei corsisti, che non possono trasmettere i documenti in originale alle segreterie delle università”.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

COVID-19: Il Parlamento europeo approva misure cruciali per il sostegno dell’UE

Posted by fidest press agency su martedì, 31 marzo 2020

Le misure urgenti per aiutare persone e imprese ad affrontare la crisi sono state votate in via definitiva in meno di due settimane, dalla presentazione delle proposte da parte della Commissione.Le proposte approvate sono:L’Iniziativa d’investimento in risposta al coronavirus. Questa iniziativa è destinata a canalizzare al più presto 37 miliardi di euro dai fondi UE per i cittadini, le regioni e i Paesi più colpiti dalla pandemia del coronavirus. I fondi saranno diretti ai sistemi sanitari, alle PMI, ai mercati del lavoro e alle altre parti vulnerabili delle economie degli Stati membri UE. La proposta è stata adottata con 683 voti favorevoli, 1 voto contrario e 4 astensioni.
L’estensione del Fondo di solidarietà dell’UE per le emergenze sanitarie pubbliche. Le misure renderanno disponibili fino a 800 milioni di euro per i Paesi europei nel 2020. Le operazioni ammissibili al Fondo saranno estese, per includere il sostegno in una grave emergenza sanitaria pubblica, e sostenere l’assistenza medica, oltre a misure per prevenire, monitorare o controllare la diffusione di malattie. La proposta è stata adottata con 671 voti favorevoli, 3 contrari e 14 astensioni.
La sospensione temporanea delle norme UE sulle bande orarie (slot) negli aeroporti. Ciò permetterà alle compagnie aeree di non effettuare voli a vuoto durante la pandemia. Con la sospensione temporanea, le compagnie non saranno obbligate a utilizzare gli slot di decollo e atterraggio previsti, così da poterli mantenere nella prossima stagione. La regola “use it or lose it” sarà quindi abolita per l’intera stagione estiva, dal 29 marzo al 24 ottobre 2020. La proposta è stata adottata con 686 voti favorevoli, 0 contrari e 2 astensioni.Il Consiglio dei Ministri deve approvare formalmente la posizione del Parlamento. Le misure adottate entreranno in vigore nei prossimi giorni, una volta pubblicate nella Gazzetta ufficiale dell’Unione europea.

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Misure finanziarie di sostegno per il settore librario, l’industria discografica

Posted by fidest press agency su domenica, 29 marzo 2020

“Il governo dia seguito alle osservazioni introdotte nei pareri delle commissioni in Senato e introduca già nel corso della conversione misure finanziarie di sostegno per il settore librario, l’industria discografica e l’estensione delle misure di sostegno alle imprese anche al settore culturale e dello spettacolo.Non possiamo permetterci una Nazione senza teatri e senza cinema, senza librerie, editori, promotori, distributori di libri, traduttori, parchi divertimento, senza spettacoli, senza concerti, senza produzioni cinematografiche, senza musei, senza gallerie d’arte.Vanno, quindi, garantiti nel decreto “marzo” l’estensione del fondo per le emergenze anche ai settori dell’industria libraria e fonografica, l’introduzione di un credito d’imposta per gli affitti di teatri, cinema e sale per spettacoli, l’estensione del reddito di ultima istanza anche ai lavoratori dello spettacolo, l’aumento dell’indennità già introdotta, un prolungamento della durata dei provvedimenti per le sospensioni contributive e tributarie, un credito d’imposta per l’editoria per l’acquisto della carta.Inoltre, la cultura aiuta a diminuire gli effetti psicologici dell’isolamento: chiediamo, quindi, che i prodotti culturali vengano inseriti fra i beni di prima necessità e garantita la loro reperibilità e vengano incentivate forme di lavoro agile anche per i lavoratori dello spettacolo, così da mitigare anche gli effetti economici dei provvedimenti.
Infine, siamo soddisfatti dell’introduzione nel parere dell’ottava commissione della necessità di adeguare i palinsesti Rai per l’aiuto alla didattica a distanza, in particolare all’esame di maturità.Chiederemo, con una risoluzione in commissione Istruzione assieme alle colleghe Frassinetti e Bucalo, che la Rai adegui i propri palinsesti con canali appositi e diversificazione per fasce orarie, così da coadiuvare il lavoro dei docenti.” Così il capogruppo di Fratelli d’Italia in commissione Cultura, responsabile Cultura del partito, deputato Federico Mollicone.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Popmove a sostegno dei medici dello Spallanzani

Posted by fidest press agency su martedì, 24 marzo 2020

Roma La start-up della mobilità innovativa Popmove e ALD, società specializzata nei servizi di noleggio a lungo termine e fleet management, dopo aver appreso della richiesta dell’Ordine dei medici di un servizio di car sharing per i lavoratori ospedalieri penalizzati dallo stop serale dei mezzi pubblici, hanno deciso di rispondere a un appello del Comune di Roma e di attivarsi mettendo a disposizione delle strutture più esposte una flotta di 20 auto, esclusivamente dedicate al personale medico e paramedico.
I veicoli, posizionati nei parcheggi degli ospedali Spallanzani e Columbus, potranno essere utilizzati dal personale a titolo completamente gratuito. Sulle auto comparirà la scritta “be pop move hero” per omaggiare medici, operatori sanitari e infermieri, ovvero coloro che con passione e senso del dovere offrono in queste ore difficili un esempio di abnegazione e serietà all’Italia intera.
“Questo servizio è un contributo importante a favore degli operatori sanitari impegnati in questi giorni in una battaglia senza precedenti per contrastare l’emergenza corona virus. E’ un gesto concreto di solidarietà, bellissimo. Voglio ringraziare ancora una volta chi continua tutti i giorni a offrire servizi per gli altri e a mettersi a disposizione della Comunità per il bene di Roma”, dichiara la Sindaca di Roma, Virginia Raggi.“Agevolare gli spostamenti del personale sanitario in questo momento è fondamentale, soprattutto in una città estesa come la nostra. Ringrazio quindi PopMove e ALD per aver messo a disposizione le autovetture, a titolo completamente gratuito”, aggiunge l’assessore alla Città in Movimento di Roma, Pietro Calabrese.“In un momento in cui siamo costretti a restare a casa per il bene nostro e per quello di tutti”, dichiara Crescenzo Ilardi, Head Of Market Sales & Customer Management di ALD Automotive Italia, “vogliamo almeno aiutare a ridurre le distanze che dividono gli operatori sanitari dalle loro famiglie e dai loro cari e partecipare alla catena di solidarietà che sta unendo l’Italia in questo passaggio così doloroso. La solidarietà oggi è una responsabilità etica e sociale che chiama in causa gli operatori economici come i semplici cittadini e a cui un grande gruppo come il nostro non può sottrarsi”.“Quella contro il Coronavirus è una sfida che va combattuta attraverso l’impegno di tutti e con un’assunzione di responsabilità condivisa” dichiara Alberto Cassone, amministratore delegato di Popmove. “Non potevamo restare indifferenti di fronte a una richiesta che arriva proprio da coloro che sono in prima linea per combattere l’emergenza e per garantire cure e assistenza a cittadini e pazienti. Come realtà della mobilità nata a Roma abbiamo sentito ancora di più il dovere di offrire il nostro contributo e di ringraziare con un piccolo gesto chi è costretto qui nella Capitale a lavorare con turni massacranti, in un contesto eccezionale ed emotivamente difficile”.

Posted in Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Fondo di 10 milioni di euro per il sostegno dei contratti di filiera del settore del latte ovino

Posted by fidest press agency su giovedì, 19 marzo 2020

Il decreto interministeriale 8 gennaio 2020, n. 62 firmato dalla Ministra delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali ne definisce criteri e modalità di ripartizione delle risorse. Oggi è giunto il via libera del CIPE (Comitato Interministeriale per la programmazione economica) alla obbligatoria integrazione del finanziamento in conto capitale con un finanziamento agevolato da 20 milioni di euro del Fondo rotativo per le imprese gestito da Cassa Depositi e Prestiti e un finanziamento bancario ordinario di pari importo.
“Si dà finalmente concreto avvio alle politiche di sostegno per il settore che ha dovuto fronteggiare una forte crisi a partire dai primi mesi del 2019 – dichiara il Sottosegretario alle Politiche Agricole, Giuseppe L’Abbate – Il fondo si pone l’obiettivo di favorire la qualità e la competitività del latte ovino attraverso il sostegno ai contratti di filiera e di distretto, strumenti utili a creare aggregazione per progetti che coinvolgano più soggetti possibili sul territorio. Si sostiene, inoltre, la promozione di interventi di regolazione dell’offerta di formaggi ovini a denominazione di origine protetta nonché la ricerca, il trasferimento tecnologico e gli interventi infrastrutturali nel settore ovino. Solo con un accordo di lungo periodo tra i produttori, i pastori, e i trasformatori riusciremo a garantire una stabilizzazione e un adeguamento di forniture e compensi. Con l’approvazione del CIPE – conclude il Sottosegretario L’Abbate – il Ministero delle Politiche Agricole potrà partire, non appena l’emergenza Coronavirus lo permetterà, con il relativo bando”.I progetti saranno valutati in funzione “della consistenza numerica dei capi di bestiame, delle specificità territoriali con particolare riguardo alle aree di montagna, e dell’esigenza di adottare iniziative volte a favorire l’imprenditoria giovanile nonché di promuovere la qualità dei prodotti made in Italy”, come specificato dalla legge 44/2019.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

UNHCR e partner chiedono 1,3 miliardi di dollari per sostenere i rifugiati del Sud Sudan

Posted by fidest press agency su domenica, 15 marzo 2020

L’UNHCR, l’Agenzia delle Nazioni Unite per i Rifugiati, e suoi partner lanciano un appello congiunto per raccogliere 1,3 miliardi di dollari in un anno, per far fronte alle numerose esigenze umanitarie dei rifugiati in fuga da sette anni di instabilità e conflitto nel Sud Sudan.L’Agenzia accoglie con favore la formazione del Governo transitorio di unità nazionale del Sud Sudan; tuttavia, numerose sono le criticità che continuano a ostacolare la ricerca di soluzioni a favore di milioni di cittadini sudsudanesi costretti alla fuga da anni di conflitto. Nel continente africano, è quella originaria del Sud Sudan la popolazione di rifugiati di dimensioni più vaste. Sono circa 2,2 milioni le persone che sono state costrette a fuggire e la stragrande maggioranza di queste, l’83 per cento, è composta da donne e bambini. Altri 2 milioni di persone sono sfollati internamente al Paese.L’esodo di rifugiati è continuato per tutto il 2019, facendo registrare l’afflusso di oltre 74.000 sudsudanesi in cerca di asilo in Uganda, Sudan, Kenya, Etiopia, Repubblica Democratica del Congo e Repubblica Centrafricana.È necessario raccogliere fondi con urgenza per garantire assistenza salvavita, tra cui cure per 65.000 minori separati o non accompagnati, accesso ad acqua potabile e contrasto alla violenza sessuale e di genere. Inoltre, continuano a esservi lacune nell’istruzione dei rifugiati ed è necessario realizzare attività che permettano loro di acquisire le competenze per sostentare se stessi e le proprie famiglie. È necessario rinnovare il sostegno destinato a tutti e cinque i Paesi che accolgono il numero maggiore di rifugiati, considerata la politica di apertura delle frontiere da essi adottata in materia di asilo. Etiopia, Kenya e Uganda hanno dimostrato di essere eccezionali Paesi di accoglienza e di saper includere gradualmente i rifugiati all’interno dei propri servizi sociali. Politiche progressiste a favore dei rifugiati che si trovano al di fuori dei campi di accoglienza stanno inoltre venendo implementate in maniera encomiabile dai governi di Sudan e Repubblica Democratica del Congo, i quali, pertanto, meritano un sostegno maggiore.Da novembre 2017, oltre 270.000 rifugiati hanno fatto ritorno in Sud Sudan di propria iniziativa, ma la maggior parte di coloro che ancora rimangono fuori dal Paese attende di capire se gli accordi di pace reggeranno.Il Piano regionale di risposta alla crisi di rifugiati riunisce 95 partner umanitari e per lo sviluppo per fornire una risposta coerente dalle agenzie, col sostegno dei governi dei cinque Paesi di accoglienza interessati, e va a completare il Piano di risposta umanitaria da 1,54 miliardi di dollari per il Sud Sudan lanciato a dicembre 2019.

Posted in Estero/world news, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Roche Italia schiera le sue forze e il suo network a sostegno del personale sanitario e delle istituzioni

Posted by fidest press agency su sabato, 14 marzo 2020

Lo fa per tutti coloro che sono in prima linea nel fronteggiare l’emergenza coronavirus, dei pazienti e dei giovani delle zone più colpite. Con una lettera inviata al Ministro della Salute e a tutti i Presidenti delle Regioni, l’azienda farmaceutica leader nella diagnostica, nel diabete e nelle biotecnologie, si è messa a disposizione del sistema in affanno.
“Come azienda che opera nelle scienze della vita, raggiungiamo ogni giorno milioni di italiani con farmaci e test diagnostici e in questa situazione di emergenza sentiamo ancora più forte la responsabilità del nostro ruolo sociale. Tempi straordinari richiedono sforzi altrettanto straordinari. Se vogliamo lasciare un’impronta, come Azienda e come persone, dobbiamo pensare in maniera diversa e mettere a disposizione del Paese le nostre competenze e le nostre risorse. Grazie all’ascolto di diversi interlocutori, abbiamo individuato quattro aree di bisogno alle quali vogliamo rispondere con interventi capillari su tutto il territorio”, sottolinea il Presidente e Amministratore delegato di Roche Farma Maurizio de Cicco che si fa portavoce anche dei colleghi di Roche Diabetes Care e Roche Diagnostics. Con l’operazione “Roche si fa in 4”, l’azienda ha deciso di rispondere innanzitutto al bisogno più urgente indotto dalla pandemia: la necessità di disporre di farmaci utili a contrastare l’aggravamento delle condizioni di salute dei pazienti positivi al virus SARS-CoV-2. Il gruppo si impegna a fornire gratuitamente per il periodo dell’emergenza, tocilizumab (RoActemra) a tutte le Regioni che ne facciano richiesta, fatte salve le scorte necessarie a consentire la continuità terapeutica ai pazienti affetti da patologie per cui il prodotto è autorizzato. Il farmaco, attualmente impiegato per il trattamento dell’artrite reumatoide, non è indicato per il trattamento della polmonite da Covid-19, ma la comunità scientifica sta dimostrando interesse al suo utilizzo dopo l’inserimento nelle linee guida cinesi. Oltre alla donazione del farmaco, l’Azienda ha dato la propria disponibilità ad AIFA per avviare uno studio clinico sull’efficacia e sicurezza di tocilizumab anche in questi pazienti.
Inoltre, fino alla risoluzione dell’emergenza, l’azienda mette a disposizione gratuitamente il servizio di telemedicina integrata per le persone con diabete che consente la comunicazione della cartella clinica Smart Digital Clinic e l’app mySugr.
Il secondo bisogno individuato riguarda l’onda d’urto che ha investito il personale sanitario, la Protezione Civile e le associazioni di volontariato che non hanno risorse sufficienti per arginare, gestire e indirizzare appropriatamente le crescenti richieste della cittadinanza. Roche vanta un personale altamente specializzato, circa 1.000 persone, il 50% delle quali opera capillarmente su tutto il territorio e possiede un titolo di laurea in materie scientifiche, un capitale umano che può essere, parzialmente e su base volontaria, messo a disposizione del sistema, per offrire supporto e consulenza telefonica collaborando con chi già svolge questo difficile compito. La terza emergenza cui Roche intende offrire un supporto concreto, riguarda le strutture sanitarie che operano con mezzi economici e dotazioni insufficienti rispetto all’entità del fenomeno. Roche, in collaborazione con Cittadinanzattiva e FIMMG, si impegna a erogare 1 milione di euro per l’acquisto dei dispositivi di sicurezza individuale, mascherine e occhiali protettivi, per i medici di medicina generale che in questo momento ne sono sprovvisti. Questa operazione include anche una precedente donazione di caschi per la ventilazione dei pazienti ricoverati in terapia intensiva.
L’isolamento sociale forzato è all’origine del quarto bisogno individuato, una condizione che richiede notevole dose di pazienza e resilienza emotivo-psicologica, soprattutto da parte delle giovani generazioni. Roche, in partnership con un importante editore, dà avvio alla campagna “Stai a casa, leggi un libro”, rivolta agli under 25 dei territori in cui opera: in collaborazione con gli Assessorati alla Cultura di Milano e Monza Brianza, regalerà un libro accompagnato da materiale informativo utile ad aumentare la consapevolezza delle giovani generazioni sul tema della centralità del senso civico individuale e collettivo in una fase di emergenza sanitaria.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

“L’editoria italiana chiede immediate misure di sostegno per l’intera filiera del libro”

Posted by fidest press agency su sabato, 14 marzo 2020

Solo in questo modo si può ripartire dopo lo stop per l’emergenza Coronavirus”: lo dichiara l’Associazione Italiana Editori (AIE) dopo il decreto del governo dell’11 marzo che impone la chiusura delle librerie fino al 25 marzo. “Affrontiamo l’emergenza, come tutti, con spirito di sacrificio e responsabilità – spiega il presidente di AIE, Ricardo Franco Levi –, ma è indispensabile e urgente che il governo e il parlamento facciano tutto ciò che serve per far sì che il mondo del libro, con tutte le sue imprese e i suoi lavoratori possa, al pari e insieme a tutta l’Italia e tutti gli italiani, reggere e superare questo difficilissimo momento. Tutto ciò che serve. Niente di meno”.“Già prima dei decreti che hanno limitato e quindi sospesa la libera circolazione dei cittadini in Lombardia e poi in tutta Italia – continua Levi – avevamo segnalato un calo di vendite del 25% con punte del 50%. La chiusura totale avrà conseguenze gravissime per noi editori e rischia di compromettere la rete delle librerie fisiche, già in forte difficoltà prima dell’emergenza Coronavirus, e dell’intero sistema”.“I danni che questa crisi potrebbe avere non sono solo economici: è in gioco la tenuta culturale del Paese” spiega Levi. AIE chiede in particolare il sostegno della domanda di libri: “Deduzione fiscale per gli acquisti di libri, ricostituzione della dotazione originaria della carta cultura per i giovani (la cosiddetta 18App), un rafforzamento del fondo destinato alle famiglie bisognose per l’acquisto dei testi scolastici fermo da vent’anni alla cifra di 103 milioni di euro”.AIE chiede inoltre, accanto alle altre associazioni confindustriali, strumenti per far fronte alla crisi di liquidità e ammortizzatori sociali in grado di preservare ogni professionalità interna al settore e scongiurare così perdite di posti di lavoro.La chiusura delle librerie non è il solo grave danno che sta subendo il settore, oggi alle prese con la cancellazione e la riprogrammazione delle Fiere e dei Saloni nazionali e internazionali. “Stiamo rischiando – spiega Levi – un circolo vizioso fatto di calo dei consumi, cui segue diminuzione delle prenotazioni, delle tirature, quindi del lancio delle novità. Questo si può tradurre in un calo della lettura i cui bassi indici già adesso segnalano che siamo in emergenza. L’Italia che uscirà dalla crisi Coronavirus non può permettersi di ripartire senza libri e lettori”.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Sostegno: Ancora un anno con docenti senza specializzazione

Posted by fidest press agency su sabato, 14 marzo 2020

Gli insegnanti che conseguiranno il titolo a maggio non bastano a coprire i vuoti di organico. Anief chiede l’avvio di un percorso straordinario, in modalità telematica e a costi ridotti, riservato al personale con 24 mesi di servizio su posti di sostegno per conseguire la specializzazione e garantire il diritto all’istruzione di tutti gli alunni. Scarica la lettera inviata dal presidente dell’Anief, Marcello Pacifico, al ministro Gaetano Manfredi.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Coronavirus: Tfa sostegno, le prove preselettive spostate a maggio: comunicazione ufficiale imminente

Posted by fidest press agency su venerdì, 13 marzo 2020

Sui corsi di specializzazione per il sostegno, è in arrivo un nuovo decreto del ministero dell’Università contenente novità temporali relative alla chiusura del IV ciclo e all’avvio del V ciclo: “è di imminente emanazione un Decreto Ministeriale che fornirà indicazioni circa i tempi di chiusura del IV ciclo (a.a. 2018/2019) e delle procedure di avvio del V ciclo (a.a. 2019/2020), in considerazione delle misure urgenti di contenimento del contagio da virus COVID-19”, ha scritto oggi l’Università Suor Orsola Benincasa, che in questo modo conferma la disponibilità del ministero dell’Università ad accogliere la richiesta dal sindacato Anief, il quale, rivolgendosi alle istituzioni di competenza, ha indicato la necessità di posticipare le prove uniche nazionali di accesso al Tfa sostegno, previste per l’inizio del mese di aprile, così come inizialmente indicato nel D.M. 95/2020.Trova accoglimento la tesi dell’Anief, che nei giorni passati aveva inviato una lettera al ministro dell’Università e della Ricerca, Gaetano Manfredi, proprio per chiedere di prorogare i termini delle scadenze per la presentazione delle domande di partecipazione ai Tfa sostegno in attivazione nei diversi atenei autorizzati. Oltre che per spiegare la necessità di avviare una sezione straordinaria aperta al personale con 24 mesi di servizio senza titolo.Le prove uniche nazionali di accesso al Tfa sostegno, previste per l’inizio del prossimo mese, come indicato nel D.M. 95/2020, vengono posticipate al mese di maggio: le proibizioni alla libera mobilità, indicate nel DPCM del 9 marzo 2020, recante misure urgenti in materia di contenimento e gestione dell’emergenza epidemiologica da COVID-19, riferite anche al precedente DPCM dell’8 marzo, non davano spazio a dubbi: le prove nazionali di accesso ai Tfa sostegno, per selezionare quasi 20 mila docenti aspiranti, non si potranno svolgere ad inizio aprile.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Liberi professionisti: Misure forti di sostegno

Posted by fidest press agency su giovedì, 12 marzo 2020

Sale la preoccupazione dei liberi professionisti dopo il discorso di ieri del Premier Conte che ha ufficialmente dichiarato il Paese “zona rossa” con restrizioni considerevoli per tutti i cittadini. Fondazione Inarcassa, che rappresenta 170mila architetti e ingegneri liberi professionisti, chiede alle istituzioni di dare al più presto una risposta concreta a tutti quei lavoratori che vedono rallentate, con il rischio di una sospensione totale, le quotidiane attività lavorative, senza alcuna distinzione tra professionisti dipendenti e liberi professionisti.
“Apprezziamo lo sforzo messo in campo dal Governo, come l’indennità mensile per i lavoratori autonomi prevista dall’art.16 del DL 2 marzo 2020 n. 9, ma adesso che l’emergenza si estende a tutto il territorio nazionale, occorre uno sforzo decisivo per far fronte a una crisi che purtroppo coinvolge tutta la categoria dei liberi professionisti”. Così il Presidente di Fondazione Inarcassa, Egidio Comodo, che poi aggiunge: “A causa della diffusione epidemica del virus e delle opportune misure di contenimento, tutti i professionisti, senza esclusione alcuna, risentono di questa situazione: si apre adesso un periodo incertezza lavorativa senza precedenti. Servono misure robuste che permettano una rapida transizione e il ripristino dei tempi delle regolari attività lavorative. Occorre, dunque, anche in questa fase, che auspichiamo finisca presto, garantire ai liberi professionisti la possibilità di svolgere, al meglio e in sicurezza, il proprio lavoro”.“Fondazione Inarcassa con l’obiettivo di tutelare gli interessi degli architetti e ingegneri liberi professionisti, sta avviando già in queste ore ampi confronti con i gruppi parlamentari per mettere in campo ulteriori misure di sostegno nell’interesse della professione. Chiediamo, quindi, a tutte le forze politiche di condividere e sostenere il nostro sforzo”. Ha concluso il Presidente Comodo.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Coronavirus, misure di sostegno ai cittadini

Posted by fidest press agency su mercoledì, 11 marzo 2020

Lo scorso 2 Marzo è entrato in vigore il Dl 9/2020 “Misure urgenti di sostegno per famiglie, lavoratori e imprese connesse all’emergenza epidemiologica da COVID-19” ribattezzato dal media “decreto COVID-19”. Le misure riguardano persone fisiche, famiglie e imprese. Nella nostra scheda pratica ci limitiamo a riportare quelle per i cittadini specificando se riguardano tutto il territorio nazionale o solo i residenti nella “zona rossa” così come individuata dal Dpcm 1/3/2020. Alcune misure ampliano quelle già prese con il DM Min.finanze del 24/2/2020 del quale a suo tempo demmo notizia e che rimane in vigore (1). Altre riguardano i soggetti contagiati, quelli in quarantena e coloro i cui spostamenti sono impediti da disposizioni sanitarie e non.In merito al Dpcm 1/3/2020 e alle zone rosse da questo individuate, c’e’ da sottolineare che ad oggi la situazione è cambiata e il Dpcm 1/3/2020 è stato sostituito dal Dpcm 8/3/2020 che ha allargato la zona rossa a tutta la regione Lombardia e alle province di Modena, Parma, Piacenza, Reggio nell’Emilia, Rimini, Pesaro e Urbino, Alessandria, Asti, Novara, Verbano-Cusio-Ossola, Vercelli, Padova, Treviso, Venezia.
E’ presumibile quindi che in sede di conversione in Legge il Dl 9/2020 venga modificato estendendone la platea dei beneficiari. Fino a tal momento le disposizioni del Dl rimangono comunque in vigore. (Rita Sabelli, responsabile Aduc aggiornamento normativo)

Posted in Diritti/Human rights | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Campidoglio, al via sostegno domiciliare per alunni con disabilità

Posted by fidest press agency su martedì, 10 marzo 2020

L’Amministrazione Capitolina ha deciso, vista la sospensione dell’attività didattica fino al 15 marzo, di convertire le ore di assistenza scolastica erogata dagli Operatori Educativi per l’Autonomia e la Comunicazione in interventi da effettuarsi a domicilio.La misura è stata comunicata dall’assessora alla Persona, Scuola e Comunità Solidale di Roma Capitale Veronica Mammì tramite una nota inviata a tutti i Municipi.I servizi potranno dunque essere organizzati dagli stessi Municipi, in condivisione con le famiglie dei bambini con disabilità, ed erogati dagli stessi soggetti attualmente affidatari del servizio scolastico. La prestazione sarà effettuata per il numero di ore già assegnate a ciascun utente, che potranno essere cumulate nell’arco della settimana.“È una misura fondamentale che abbiamo voluto garantire a sostegno dei bambini con disabilità e delle famiglie. Lavoriamo in questa fase delicata per dare la massima continuità possibile ai servizi e sostegno ai cittadini”, dichiara la Sindaca di Roma Virginia Raggi.“Una delle nostre priorità, appena ci è stata comunicata la sospensione dell’attività didattica, è stata poter garantire ai bambini con disabilità che si trovano a casa lo stesso sostegno di cui beneficiano ogni giorno nelle strutture scolastiche. Vogliamo così contribuire ad accompagnarli lungo l’attraversamento di questo periodo di cambiamento della loro quotidianità, dando continuità al rapporto con gli operatori, tutelando i lavoratori e sostenendo le famiglie”, dichiara l’assessora alla Persona, Scuola e Comunità Solidale di Roma Capitale Veronica Mammì.“Il diritto all’assistenza si deve sposare con il diritto allo studio anche a domicilio. Le famiglie con studenti con disabilità andavano assolutamente supportate in questa fase difficile. #RomAccessibile è anche questo”, dichiara il delegato della Sindaca all’Accessibilità Universale Andrea Venuto.

Posted in Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Sostegno disabili gravi e anziani

Posted by fidest press agency su lunedì, 9 marzo 2020

Il 30 marzo prossimo scadranno i termini per le richieste della misura B1, i genitori di ragazzi con disabilità sono molto preoccupati di non riuscire a presentare la domanda in tempo.Per accedere alla misura B1, è richiesta un autocertificazione della frequenza scolastica, purtroppo alcune ats chiedono un certificato scolastico, impossibile da ottenere a scuole chiuse.
Gregorio Mammì, consigliere regionale del M5S Lombardia, dichiara: “Chiedo all’Assessorato una proroga dei termini per la presentazione delle domande.Per accedere al sostegno è necessaria un autocertificazione della frequenza scolastica ma purtroppo la delibera è poco chiara e le ATS richiedono un certificato rilasciato dalle scuole. Le famiglie, a scuole chiuse, non hanno modo di ottenere risposte nel breve periodo. L’emergenza impone a queste famiglie un sacrificio extra. Chiedo che l’Assessorato e l’Assessore Bolognini vadano loro incontro, prorogando i termini e facendo una nota di chiarimento alle ATS, in modo che tutti coloro che ne hanno bisogno possano accedere alle misure di sostegno. Emergenza o no, nessuno deve rimanere indietro”.

Posted in Uncategorized, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Sostegno alle famiglie e alle imprese dopo la chiusura delle scuole

Posted by fidest press agency su mercoledì, 4 marzo 2020

Congedo parentale coperto dallo Stato al 70% o in alternativa un contributo di 500 euro al mese per coprire le spese di babysitting per tutte quelle famiglie che hanno in casa un minore di 14 anni e nelle quali, fatto salvo per i nonni e i disabili, tutti i maggiorenni lavorano; sospensione e ricalcolo del pagamento delle rette scolastiche nei confronti delle scuole sia pubbliche che private per il periodo corrispondente alla chiusura e conseguente ristoro alle strutture scolastiche da parte dello Stato; sostegno alle aziende: abolizione temporanea del decreto dignità per rendere facili le assunzioni in sostituzione, liberalizzando quegli strumenti a partire dai voucher che consentono di assumere personale per periodi brevi.Sono queste le principali proposte che il presidente di Fratelli d’Italia, Giorgia Meloni, ha inviato questa sera al Presidente del Consiglio Conte per aiutare le famiglie con figli ad affrontare la chiusura delle scuole decisa dal Governo.«Come detto in più occasioni – ha scritto il leader di FdI nella lettera inviata a Palazzo Chigi – Fratelli d’Italia ribadisce la propria disponibilità per collaborare per trovare risposte concrete per gli italiani, in questo momento particolarmente delicato per l’Italia».

Posted in scuola/school, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Scuola: Sostegno, i bandi di specializzazione diventano pubblici

Posted by fidest press agency su domenica, 1 marzo 2020

Peccato che siano meno della metà gli ammessi ai corsi di didattica speciale, rispetto alle migliaia di posti vacanti coperti da docenti senza specializzazione. Ancora una volta, l’accesso sarà regolato dall’offerta degli atenei e non dalle effettive esigenze del territorio, se i verbali dei comitati regionali di coordinamento confermeranno le evidenti disomogeneità rispetto ai bisogni effettivi, il sindacato impugnerà il decreto ministeriale sui corsi. Rivolgendosi al Tar Lazio, con il fine di aumentare il numero dei posti
Marcello Pacifico (Anief): “Rimaniamo convinti che per evitare il ripetersi dei problemi e le ingiustizie del 2019, la soluzione non poteva essere altra che l’accesso libero per tutti i docenti che sono stati chiamati anche nel corrente anno scolastico come supplenti senza specializzazione con una selezione in uscita. Invece, ci ritroviamo con Piemonte, Lombardia ed Emilia Romagna, tra le regioni con più cattedre disponibili, a cui sono stati assegnati pochissimi posti. L’assurdo è che i candidati sono in alto numero in servizio su quelle cattedre: dovranno lasciarle, in molti casi, per partecipare ai corsi, per poi tornare con il diploma conseguito, alimentando il già alto numero di docenti che cambiano sede anche più volte l’anno”. Si sta man mano completando la pubblicazione dei bandi di concorso emessi dalle Università per la presentazione della domanda di partecipazione alle prove selettive dei corsi di specializzazione di sostegno, previsti dal DM 95 del 12 febbraio scorso: complessivamente, sono 19.585 i posti a disposizione, da suddividere tra i docenti aspiranti, tutti necessariamente abilitati all’insegnamento, in base a prove preselettive che si svolgeranno in una data unica nazionale per ogni ordine di scuola. Negli stessi bandi, pubblicati nelle ultime ore anche da Roma Tre e Torino, “viene indicata la data ultima per la presentazione della domanda, la tassa da pagare per accedere alle selezioni e tasse da pagare per chi le supererà”, ricorda Orizzonte Scuola.
Il problema è che al ministero dell’Istruzione l’esperienza negativa dello scorso anno non è servita: sulla scia del D.M. n. 92 dell’08 febbraio 2019, anche il D.M. n. 95 del 12 febbraio 2020 prevede una ripartizione regionale dei posti di sostegno non rispettosa delle esigenze del territorio, delle certificazioni degli alunni con handicap, del numero dei posti vacanti assegnati in supplenza e della mancanza di insegnanti specializzati: i numeri dei partecipanti ai vari corsi, distinti per ogni ordine e grado scolastico, continuano ad essere in violazione della legge 104/92, oltre che al regolamento sulla “Definizione della disciplina dei requisiti e delle modalità della formazione iniziale degli insegnanti” (DM 249/2010).

Posted in Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Scuola: Specializzazione sostegno, sale a 20 mila il numero degli ammessi dopo le denunce di Anief

Posted by fidest press agency su martedì, 18 febbraio 2020

Ma sono meno della metà rispetto alle migliaia di posti vacanti coperti da docenti senza specializzazione. Ancora una volta, l’accesso sarà regolato dall’offerta degli Atenei e non dalle effettive esigenze del territorio come risulta dai numeri delle regioni: in Sicilia e Lazio il 40% dei 19.585 posti: per Piemonte, Friuli Venezia Giulia e Liguria soltanto l’1%. Il sindacato pronto a ricorrere in tribunale contro il D.M. 95/2020.
Ci risiamo: da Viale Trastevere, incuranti dell’errore commesso l’anno scorso, con il Dm n. 92 dell’08 febbraio 2019, si ripropone con il D.M. n. 95 del 12 febbraio 2020 una ripartizione regionale dei posti di sostegno non rispettosa delle esigenze del territorio, delle certificazioni degli alunni con handicap, del numero dei posti vacanti assegnati in supplenza e della mancanza di insegnanti specializzati, ma soltanto del potenziale formativo distinto per ogni ordine e grado fornito dagli Atenei, in palese violazione della legge 104/92 e del regolamento concernente la “Definizione della disciplina dei requisiti e delle modalità della formazione iniziale degli insegnanti” (DM 249/2010). Non prendendo in considerazione il forte squilibrio nell’assegnazione dei posti dell’ultimo ciclo di specializzazione nel sostegno, ancora sub iudice, dal nuovo ministero dell’Università e della Ricerca si continua sulla scia di quanto già deciso dall’ex ministro Marco Bussetti: in base alla tabella ‘A’ del DM 95 del 12 febbraio 2020, appena pubblicato, risultano delle regioni, come la Sicilia (4.675 posti) e il Lazio (ben oltre 3 mila), che fanno razzia di posti, aggiudicandosi il 40% dell’intero contingente (pari a 19.585 posti fra scuola dell’infanzia, primaria e secondaria di I e II grado); altre regioni, invece, come il Piemonte (205 posti), il Friuli Venezia Giulia (290) e la Liguria (340), si devono accontentare di una percentuale appena superiore all’1%. La stessa Lombardia, con il numero di scuole e alunni più grandi d’Italia, si ferma a circa mille posti totali.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »