Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 32 n° 255

Archive for the ‘Lettere al direttore/Letters to the publisher’ Category

Letters to the publisher

Financial Times: L’Aquila e la ricostruzione sul quotidiano finanziario del Regno Unito

Posted by fidest press agency su giovedì, 30 luglio 2020

Scrive il sindaco dell’Aquila, Pierluigi Biondi in risposta ad un servizio giornalistico pubblicato sul Financial Times di Londra: Per il Financial Times, L’Aquila è l’emblema dell’Italia che, sostenuta nell’emergenza e nella ricostruzione con fondi pubblici, non sa come spenderli. Da aquilano e sindaco degli aquilani, e con alle spalle 11 anni di esperienza alla guida di un piccolo comune duramente colpito dal sisma 2009, mi sento in dovere di chiarire alcune cose.La ricostruzione dell’Aquila non è stata sostenuta dall’Europa, se non per una quota di circa 500 milioni su un totale, a oggi, di oltre 18 miliardi degli italiani: 11,2 stanziati dal governo Berlusconi, 1,8 dal governo Letta e 5,1 dal governo Renzi. Per la ricostruzione dell’Aquila servono ancora 4 miliardi e ci stiamo battendo come leoni, in tutte le sedi, per ottenerli e consegnare al Paese un esempio di bellezza, sicurezza, innovazione e – con un po’ di romanticismo – coraggio. La ricostruzione privata dell’Aquila è al 76% del totale e i suoi abitanti sono rimasti 70mila e sono tutt’altro che fantasmi.L’Aquila è una delle poche città in Italia in cui l’attività artistica è ripresa, in cui non sono stati annullati eventi. Chiedete alle nostre imprese culturali e ai tantissimi attori o musicisti di fama nazionale e internazionale che si alternano ogni sera sui nostri palchi.All’Aquila esiste un’Università ambita, due premi Nobel (Carlo Rubbia e Barry Barish) sono attivi nel Gran Sasso Science Institute, i laboratori nazionali di fisica nucleare sono sede di esperimenti di caratura mondiale.Ai detrattori, vorrei dire che mentre un popolo fiero e operoso, ricostruisce il suo territorio e la sua identità, c’è una parte della politica e dell’apparato burocratico che, a tutti i livelli, invece di sostenere questa velocità, ha solo ed esclusivamente messo le catene ai nostri piedi, con leggi e leggine, adeguamenti e revisioni, che ci hanno condannato – nel nome di un deformato principio legalitario – a una lentezza elefantiaca nella ricostruzione pubblica. Quella sì, fa male all’Italia. E soprattutto all’Europa. Che alle aziende aquilane, oggi, chiede la restituzione delle tasse sospese subito dopo l’emergenza sisma.

Posted in Estero/world news, Lettere al direttore/Letters to the publisher, Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Messaggio di Diego Della Valle ai lettori di America Oggi e agli italiani che vivono negli Stati Uniti

Posted by fidest press agency su domenica, 14 giugno 2020

“L’orgoglio con cui mi rivolgo a voi è quello di un italiano che, da sempre, ha sostenuto il nostro Paese nel mondo e che sa di trovare in voi interlocutori sensibili e fieri delle proprie radici. Perché è di questo che si parla quando si parla di italianità: non solo una provenienza o una nazionalità ma una appartenenza a una cultura che affonda le proprie radici in quella storia che tutto il mondo ci riconosce. Stiamo dimostrando quanto noi italiani possiamo affrontare le emergenze, con determinazione e, ancora più importante, con grande senso di solidarietà. Il nostro tessuto economico è forte di una rete di piccole e medie realtà che si integrano e sono sinergiche con il territorio che le ospita. Gli imprenditori sono parte delle aziende e ne conoscono le caratteristiche e le potenzialità. Una vicinanza al territorio che permette di pianificare, oggi, azioni che avranno un impatto nell’immediato futuro e, spero, sull’intero sistema produttivo che verrà.La collaborazione con le associazioni e i centri territoriali dovrà essere parte integrante delle strategie aziendali. Solamente in una società solidale potranno prosperare le aziende e il supporto al territorio deve diventare una voce importante del conto economico.Pensando alla storia degli italiani in America, questo concetto diventa sempre più evidente. La costruzione della comunità italiana in USA ha basato la sua solidità sui principi di reciprocità e di supporto tra connazionali che, anche e soprattutto a livello imprenditoriale, hanno saputo creare una rete che comprendesse anche chi non aveva immediato accesso al tessuto produttivo. Dal piccolo salone del barbiere alla grande catena di ristorazione, ai grandi player dell’import/export, fino alle più alte cariche rappresentative, gli italiani e i loro discendenti si sono distinti per la loro capacità di declinare sul territorio quelle che sono sempre state le nostre caratteristiche più riconosciute: creatività, voglia di fare, entusiasmo e velocità nell’apprendere.Io, personalmente, ho un legame inscindibile con gli Stati Uniti perché se è vero che i primi segni del successo delle mie aziende sono arrivati dall’Italia, sono stati gli Stati Uniti a consacrarne l’internazionalità. Sono stato a New York per la prima volta a 16 anni e mi ha subito molto colpito l’approccio completamente diverso al lavoro da quello che avevamo noi. Dopo più di 30 anni posso dire che rimane uno dei posti più affascinanti al mondo. Oggi ho un figlio e tre nipoti che vivono a NY, ho casa a NY e Miami, è un Paese che, quando posso, frequento sempre molto volentieri, dove spero di poter tornare presto”.

Posted in Estero/world news, Lettere al direttore/Letters to the publisher, Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

A unique chance to steer the economy away from carbon

Posted by fidest press agency su lunedì, 25 maggio 2020

The Economist this week calls for a global effort to tackle climate change. Covid-19 creates a unique chance to steer the economy away from carbon at a much lower financial, social and political cost than before. Rock-bottom energy prices make it easier to cut subsidies for fossil fuels and to introduce a tax on carbon. The revenues from that tax can help repair battered government finances. The businesses at the heart of the fossil-fuel economy—oil and gas firms, steel producers, carmakers—are already going through the agony of shrinking their long-term capacity and employment. Getting economies back on their feet calls for investment in climate-friendly infrastructure that boosts growth and creates new jobs. Low interest rates make the bill smaller than ever. The world should seize the moment. (by Zanny Minton Beddoes, Editor-In-Chief – font: The Economist)

Posted in Estero/world news, Lettere al direttore/Letters to the publisher | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Replica della Siae alle dichiarazioni dell’Onorevole Federico Mollicone sulle tariffazioni Siae per gli spettacoli online

Posted by fidest press agency su lunedì, 20 aprile 2020

“In riferimento al lancio della Fidest dal titolo https://fidest.wordpress.com/2020/04/19/piu-soldi-per-i-lavoratori-dello-spettacolo/ pubblicato il 19 aprile vengono riportate le dichiarazioni dell’Onorevole Federico Mollicone relativamente alle nuove tariffe SIAE per gli spettacoli online, l’Ufficio Stampa SIAE, Società Italiana degli Autori ed Editori, ha ritenuto doveroso fare talune precisazioni: “Innanzitutto va sottolineato che, contrariamente a quanto affermato dall’On. Mollicone il diritto d’autore non è una tassa, ma costituisce la remunerazione del lavoro degli autori che risentono, come e forse più di tutti gli altri operatori del settore, della crisi causata dall’emergenza sanitaria che stiamo fronteggiando. Proprio per facilitare una tipologia nuova di utilizzo del repertorio teatrale e lirico, nata nel periodo particolare che stiamo vivendo, SIAE ha varato tariffe sperimentali sensibilmente più basse di quelle oggi previste per le rappresentazioni dal vivo usate come parametro di partenza, e modulate in modo da tenere conto della diversa tipologia di utilizzazione e anche della gratuità della messa a disposizione. Per queste ultime utilizzazioni, cioè per quelle gratuite, SIAE non si è limitata a ciò, ma ha messo a disposizione con risorse proprie (e ben prima che fosse richiesto dall’On. Mollicone) uno specifico fondo proprio per supportarle e per massimizzare iniziative gratuite e di diffusione del repertorio per il pubblico a casa. Il sostegno è stato avviato oramai un mese fa e abbiamo ricevuto già moltissimi ringraziamenti da parte di teatri e biblioteche (a solo titolo di esempio il Teatro La Pergola, il circuito delle Biblioteche di Roma Capitale e la manifestazione Maggio dei libri).Dispiace molto che l’On. Mollicone, che pure è persona che stimiamo e riveste un delicato ruolo istituzionale, non sia informato e così denigri non tanto SIAE quanto i suoi 90.000 associati autori ed editori.Spiace anche che non sia informato che SIAE ha speso un milione di euro a supporto della campagna del governo #IORESTOACASA con abbonamenti gratuiti di musica e cinema riservati ai giovani tra i 18 e 30 anni e che per i propri iscritti, sempre tra i 18 e 30 anni, abbia messo a disposizione un numero di kit tecnologici audio e video. Tra le altre iniziative si ricorda il sostegno per 100.000 euro al portale gratuito di Enciclopedia Treccani per Scuole e Università. Ricordiamo ancora all’On. Mollicone che abbiamo già istituito, nell’immediato e a breve, fondi di sostegno straordinari per oltre 120 milioni di euro (senza aver attinto nemmeno un centesimo di euro dallo Stato Italiano): dai pacchi alimentari che stiamo mandando a casa degli associati in maggiore difficoltà, ai contributi straordinari (5 mila euro) ad associati che usufruivano del contributo di solidarietà. In ultimo ma non meno importante abbiamo promosso la petizione #festadeicamicibianchi, per ricordare anche in futuro il lavoro e i sacrifici di tutti quelli che lavorano nelle strutture sanitarie. Siamo certi che si è trattato di un “incidente” e confermiamo i sensi della nostra stima all’On. Mollicone”.

Posted in Lettere al direttore/Letters to the publisher | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Anthony Fauci, visionary scientist and civil servant, a precious resource for the international community

Posted by fidest press agency su mercoledì, 15 aprile 2020

Letter to President of the Italian Republic Sergio Mattarella by Scientific Director Giuseppe Ippolito Spallanzani Hospital in Rome.
I writing to you in my position of Scientific Director of the National Institute for Infectious Diseases (INMI) Lazzaro Spallanzani in Rome According to latest news reports, Anthony Fauci, director of the National Institute of Allergy and
Infectious Diseases (NIAID), could be fired from the task force that coordinates the U.S. government’s response to the COVID-19 pandemic. This, if confirmed, would be disastrous news not only for the United States, but for the whole international community, facing today the most important health emergency for over a century now. Anthony Fauci is not only an exceptionally capable and loyal officer, who has served his country as director of NIAID for over thirty five years and under six presidents leadership; Anthony Fauci is one of the most important scientists in the world in the field of infectious diseases, who with his leadership, his work and his exceptional ethical drive has been a guide and a world reference point in all health emergencies of the last three decades and more. Anthony Fauci’s research has been pivotal to understand the mechanism by which HIV destroys the immune system, and has played a fundamental role in the development of treatments that make it possible for people with AIDS to live long lives and carry out an active life with fulfilling emotional and social relationships. His work was crucial in transforming AIDS from an inexorable and incurable disease, a deadly mark and source of social and moral stigma, into a controllable disease; thanks to its empathic and compassionate approach, scientific research has approached the
needs of the sick, and a new doctor-patient paradigm has emerged. Anthony Fauci was the main architect of the PEPFAR program, which since 2003 has made AIDS treatment available in developing countries, saving millions of lives, especially in sub-Saharian Africa. He has been at the forefront of all the world health emergencies of the past decades, from Ebola in 2014 and 2018, and Zika in 2016. Anthony Fauci’s work has saved the lives of millions of women, men and children in the United States and all over the world. Hundreds of scientists, doctors and researchers have trained at Anthony Fauci’s school, contributing to the fight against infectious diseases worldwide. In Italy, the Spallanzani Institute is grateful to him for his generous and selfless help to our Institute’s research projects and activities. A generosity that we like to associate to his Italian heritage, always remembered with pride. Anthony Fauci has also dealt extensively with SARS, avian flu, swine flu: all experiences that today are an invaluable background in the global response to a new coronavirus that threatens all of us, and which requires unity and solidarity to be fought. We hope that President Trump will confirm the position of an exceptional scientist and human being such as Anthony Fauci, who dedicated his whole professional life serving public health in his country and around the world.
We need Anthony Fauci’s leadership, in the US or elsewhere, to tackle the challenges this pandemic pose to our health systems. Our Institute would be honored to have Anthony as advisor and we hope that also The Italian Government and the Lazio Region could benefit of his great vision and expertise. Scientific Director Giuseppe Ippolito.

Posted in Lettere al direttore/Letters to the publisher | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Appello per Anthony Fauci: la voce della scienza per superare l’emergenza pandemica mondiale

Posted by fidest press agency su mercoledì, 15 aprile 2020

Il Direttore Scientifico Giuseppe Ippolito dello Spallanzani di Roma ci ha trasmesso, per conoscenza, una lettera indirizzata al Presidente della Repubblica Mattarella riguardo il caso del prof. Anthony Fauci: “Signor Presidente, Le scrivo nella mia posizione di Direttore Scientifico dell’Istituto Nazionale per le Malattie Infettive Lazzaro Spallanzani di Roma, struttura nazionale di riferimento nazionale per le emergenze biologiche. Le notizie delle ultime ore sembrano indicare che Anthony Fauci, direttore del National Institute of Allergy and Infectious Diseases (NIAID), potrebbe essere estromesso dalla task force che coordina la risposta del governo USA alla pandemia COVID-19. Questa, se confermata, sarebbe una notizia disastrosa non soltanto per gli Stati Uniti, ma per tutta la comunità internazionale, che si trova oggi a dover fronteggiare la più importante emergenza sanitaria da oltre un secolo a questa parte. Anthony Fauci infatti non è soltanto un funzionario di eccezionale capacità e lealtà, che ha servito il suo Paese come direttore del NIAID per oltre trentacinque anni e con sei presidenti; Anthony Fauci è uno dei più importanti scienziati al mondo nel campo delle malattie infettive, che con la sua leadership, la sua capacità di lavoro e la sua eccezionale spinta etica è stato una guida e un punto di riferimento mondiale in tutte le emergenze sanitarie degli ultimi tre decenni e più. Le ricerche condotte da Anthony Fauci sono state centrali nella comprensione del meccanismo attraverso il quale l’HIV distrugge il sistema immunitario, ed hanno giocato un ruolo decisivo nello sviluppo di trattamenti che rendono oggi possibile alle persone affette da AIDS di vivere a lungo e di svolgere una vita attiva con relazioni affettive e sociali appaganti. È anche grazie al suo lavoro che l’AIDS, da malattia inesorabile e incurabile, marchio mortale e fonte di stigma sociale e morale, è diventata una malattia controllabile; grazie al suo approccio empatico e compassionevole la ricerca scientifica si è avvicinata alle necessità dei malati, e si è affermato un nuovo paradigma nel rapporto tra medico e paziente. Anthony Fauci è stato il principale architetto del programma PEPFAR, che a partire dal 2003 ha reso disponibili le cure per l’AIDS nei paesi in via di sviluppo, salvando dalla morte milioni di persone soprattutto nell’Africa subsahariana. È stato in prima linea in tutte le emergenze sanitarie mondiali degli ultimi decenni, da ultime Ebola nel 2014 e nel 2018, e Zika nel 2016. Il lavoro di Anthony Fauci ha salvato le vite di milioni di donne, uomini e bambini, negli Stati Uniti ed in tutto il mondo. Alla scuola di Anthony Fauci si sono formati centinaia di scienziati, medici e ricercatori, che hanno contribuito alla lotta alle malattie infettive in tutto il mondo. In Italia l’Istituto Spallanzani gli è riconoscente per il supporto e l’aiuto sempre attento e disinteressato con il quale ha contribuito a portare avanti i progetti e le attività di ricerca dell’Istituto. Una generosità che non possiamo che attribuire alle sue origini italiane, sempre ricordate con orgoglio. Anthony Fauci si è occupato diffusamente anche di SARS, influenza aviaria, influenza suina: tutte esperienze che oggi sono preziose nella risposta globale ad un nuovo coronavirus che minaccia l’umanità, e che richiede unità e solidarietà per essere combattuto. Ci auguriamo quindi che le notizie che stanno emergendo non siano vere, e che il Presidente Trump non voglia privarsi dell’apporto di un uomo integro e di uno scienziato di eccezionale valore come Anthony Fauci, che ha dedicato la propria vita professionale al servizio della sanità pubblica del suo Paese e di tutto il mondo. Abbiamo bisogno della leadership di Anthony Fauci, negli USA o altrove, per far fronte alle sfide che ci pone questa pandemia. Il nostro Istituto sarebbe onorato di poter collaborare con Anthony Fauci, e speriamo che anche il Governo Italiano e la Regione Lazio potranno beneficiare della sua visione e delle sue capacità.”

Posted in Lettere al direttore/Letters to the publisher | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Lettera del Priore del presidio di Erba

Posted by fidest press agency su mercoledì, 15 aprile 2020

Per ringraziare le oltre 6000 persone che hanno voluto stare vicino ai Fatebenefratelli. Raccolti 825mila euro, ma l’emergenza non è ancora finita. «Ogni giorno pregherò e chiederò a tutti di pregare il Signore per i benefattori. Non ci sono molte parole per esprimere il più vivo ringraziamento a tutti coloro che hanno preso a cuore l’Ospedale. La comunità di Erba-Brianza ci ha sorpreso e commosso». Fra Giampietro Luzzatto, priore dell’ospedale Sacra Famiglia Fatebenefratelli di Erba (Como), lascia parlare il cuore nella lettera aperta con cui ringrazia tutti coloro che che hanno voluto donare per l’emergenza Covid 19, supporto economico e dispositivi di protezione, ma anche tantissimo pensieri colmi di affetto giunti attraverso i canali di comunicazione del gruppo. Ma il cuore batte ancora all’impazzata per quei momenti in cui tutto sembrava perso e il religioso non lo tace: «Sono stati momenti terribili, la carenza di farmaci e di ausili come mascherine, camici, occhiali, mi ha portato più volte a chiedermi alla sera prima di dormire “cosa succederà domani? E se dovessi prendere la decisione di chiudere l’ospedale?”. Certo non era una decisione che dovevo prendere da solo, ma cos’avrei potuto fare di diverso, se non si poteva garantire la necessaria sicurezza agli operatori e le cure ai malati?» In questa lettera del priore sono racchiusi la paura e la determinazione con cui i Fatebenefratelli – religiosi, collaboratori laici, e quindi medici, infermieri, oss e tutte le professionalità del nosocomio – stanno affrontando la sfida del Coronavirus. Per l’aiuto economico, Fra Giampietro ringrazia, tra gli altri, in particolare la Fondazione Provinciale Comasca e l’Ospedale Fatebenefratelli dell’Isola Tiberina, i Fatebenefratelli Austriaci e a Delegazione della Repubblica Ceca dell’Ordine Ospedaliero San Giovanni di Dio. L’emergenza non è certo terminata :«Oggi l’Ospedale ci vede uniti e coesi, facendo i sacrifici necessari, riorganizzando il lavoro e i servizi, implementando nuove attività per fornire la migliore cura ai malati di questa pandemia e non solo. Devo ringraziare tutti i nostri collaboratori per la disponibilità e i sacrifici che stanno compiendo». (leggi il testo integrale) Oggi nell’ospedale erbese sono ricoverati 73 pazienti affetti da Covid 19, 7 in terapia intensiva (dove i posti letto sono esauriti) e 10 per altre patologie.

Posted in Lettere al direttore/Letters to the publisher | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Coronavirus e informazione di Stato. Cara Rai, per favore, evitiamo…..

Posted by fidest press agency su lunedì, 30 marzo 2020

Riceviamo e pubblichiamo la lettera aperta alla Rai: “Siamo invasi e, nello stesso tempo, affamati di informazione. L’emergenza è tale che le cose cambiano da un’ora all’altra. Mediamente ci si affida solo a fonti istituzionali e/o chi si ritiene affidabile e autorevole. Tra queste fonti, ovviamente, non può non esserci la Rai che, è bene ricordarlo, è pagata da tutti noi contribuenti con la tassa di possesso (canone…) sull’apparecchio tv che abbiamo in casa e/o ufficio. Ieri domenica, tutti a casa e dove forse le abitudini tradizionali sono un po’ scombussolate, per cui il gradevole pranzo domenicale, visto che si mangia tutti i giorni a colazione, a pranzo e a cena a casa… è diventato un po’ meno tradizionale… capita di volersi aggiornare tramite il canale “ammiraglio” della Rai, col TgUno dell’ora di pranzo. Ci si collega alle 13,30 (grossomodo) e ci si deve – letteralmente – sorbire un cinque minuti abbondanti di pubblicità velocissime (e quindi più sgradevoli della media), intasate di messaggi diversi uno dall’altro, e che, quando stai tirando un sospiro di sollievo che sembrano finite e senti in anticipo nella testa la musichina della sigla del tg… ce ne sono ancora altre e sempre più turbinose. Superato questo fastidio ecco finalmente il TgUno.Ti informi, ascolti, vedi, generico ma importante per darti idea della situazione. Ad un certo punto, servizio su hotel che ospita malati. La giornalista inviata speciale: “pensate, questo hotel ospitava calciatori di serie A….” e poi informa sui pregi della vicenda. Cara Rai, per favore, evitiamo (il “noi” è d’obbligo visto che lo fai coi soldi di tutti noi) di propinarci questa roba. Sì, lo sappiamo, non è facile sapere cosa dirà il giornalista pinco o il giornalista pallo, agitato e in stato d’apprensione mandato al “fronte”…. Ma si potrebbe evitare. Anche perché, altrimenti, oltre a beccarsi gli improperi di chi ascolta (che in tanti crediamo non abbiano al centro dei loro modelli di vita i calciatori di serie A), la prossima volta le informazioni uno se le va a cercare altrove, ché forse hanno più credibilità. Grazie. Vincenzo Donvito, presidente Aduc

Posted in Lettere al direttore/Letters to the publisher, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Militari: Silenzio tombale delle istituzioni sui diritti sindacali

Posted by fidest press agency su domenica, 27 ottobre 2019

Lettera aperta al Ministro della Difesa ed ai presidenti delle Commissioni Difesa di Camera e Senato. “Sono passati 48 giorni dal giuramento del Ministro della Difesa, Lorenzo Guerini, e 43 giorni dalla Fiducia all’attuale Esecutivo. Eppure non una sola parola si è levata in tema di Diritti Sindacali, sia dallo stesso Ministro che dai membri della Commissione Difesa.Improvvisamente il problema sembra non esistere più. Evidentemente pare giunto a destinazione il messaggio degli ex Capi di Stato Maggiore, che intimava un profilo particolarmente basso e soprattutto silenzioso, al capo del dicastero Difesa, nonché una posizione più prudente ed attendista in materia di Sindacati Militari. Parimenti le amministrazioni si sono fatte più superbe e meno inclini al dialogo con le neonate associazioni sindacali.Non a caso, anche il Movimento 5 Stelle sembra essersi arreso ai nuovi equilibri politici, dopo essersi ripetutamente proclamati “paladini della sindacalizzazione”. Allineandosi, così, alla linea di contrasto ai sindacati dei nuovi alleati del PD, che poi è la medesima della Lega, Forza Italia e Fratelli d’Italia.Eppure una sentenza della Corte Costituzionale non è un qualcosa che può essere pacificamente ignorato. Rinviare ulteriormente la ripresa del dibattito parlamentare, costringerà di fatto i Sindacati Militari a cercare nuovi percorsi per veder riconosciuti i diritti dei lavoratori con le stellette. Infatti è bene chiarire che, allo stato attuale di vuoto normativo, in quanto soggetti esterni all’amministrazione, i Sindacati Militari non sono regolamentati dalle circolari del Ministro, che invece sono dirette esclusivamente all’organizzazione interna della struttura militare, ma dalle regole dettate nell’ambito civilistico, in primis la legge 300 del 1970, meglio nota come Statuto dei Lavoratori o nella peggiore delle ipotesi, per analogia, dalla normativa prevista per le Forze di polizia ad ordinamento civile.Il perdurare di questo stato di cose è il presupposto inevitabile all’avvio di una serie di azioni legali, volte a scardinare i veti ingiustificati da parte dell’Amministrazione ed a garantire l’operatività delle Organizzazioni Sindacali e la piena tutela del personale militare.Di fronte al silenzio del Ministro della Difesa che non avoca al Governo la soluzione di questo problema, chiediamo a lui un incontro urgente per chiarire quali sono le sue posizioni in materia sindacale.Sebbene siamo pienamente consapevoli che, a fronte dell’assenza di uno specifico indirizzo del Governo, sono le forze politiche parlamentari a doversi fare carico della questione, assumendosi in toto la responsabilità di riconoscere i Diritti Sindacali ai militari. A meno che non preferiscano che la nuova legge sia scritta al posto loro dalle sentenze dei tribunali.” (fonte: SIAM Sindacato Aeronautica Militare)

Posted in Lettere al direttore/Letters to the publisher, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Quake Global Inc. Acquires Skynet Healthcare Technologies

Posted by fidest press agency su venerdì, 4 ottobre 2019

Quake Global, Inc., the market leader in IoT automation and process optimization, has expanded its market reach through the acquisition of Skynet Healthcare Technologies Inc., a technology company that provides RTLS solutions to the senior care market.The combination of Quake Global’s RFID solution with Skynet’s multi-directional BLE solution creates a powerful set of tools for institutions to manage complete process optimization and automation with real-time data intelligence for any aspect of every business. Our united technologies enable Quake to extend the reach of location beyond traditional walls and to expend the use of technology into surrounding areas.Polina Braunstein, President and CEO of Quake Global, stated “The acquisition of Skynet Healthcare is an important step in the Quake market expansion from hospitals into the adjacent senior living market. Skynet’s technology will extend the capabilities of Quake’s IoT solutions. Our vision is to provide actionable visibility and data intelligence to transform multiple industries that include healthcare, long-term care, security, IT and automation. This step is one of many that Quake has taken to continue our dominant position in the IoT market”.“We founded Skynet Healthcare Technologies to bring much-needed technology innovation to the Senior Living space. From day one, we’ve pioneered RTLS technology solutions in senior living to simplify operations, reduce risk, and increase safety across the senior care continuum. Our goal is to create technology that cares and ensures compliance with the life safety and operational initiatives that are critical to caregivers, residents and their families. Our product provides a myriad of customizable solutions including location services, fall detection, emergency call, wander management, and real-time analytics. Our customers consistently rank our service and support as best of breed amongst their vendors and enthusiastically share feedback that allows us to continuously improve our platform and services,” said Martin Rokicki, President, Skynet Healthcare Technologies.

Posted in Estero/world news, Lettere al direttore/Letters to the publisher | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Tre capolavori entreranno presto a far parte delle collezioni delle Gallerie degli Uffizi

Posted by fidest press agency su giovedì, 3 ottobre 2019

Firenze si tratta di due dipinti, la Madonna col Bambino, San Giovannino e Santa Barbara dell’allievo di Michelangelo Daniele da Volterra, del Ritratto dello scultore Antoine Denis Chaudet realizzato dalla moglie, la celebre pittrice francese Jeanne-Elisabeth Chaudet, e di un busto marmoreo, il Virgilio di Carlo Albacini. Le opere sono state selezionate nell’ambito dell’edizione 2019 della Biennale dell’Antiquariato di Firenze: già avviate le procedure di acquisto (con Benappi di Torino per quanto riguarda il Daniele da Volterra, Orsini Arte Libri di Milano per il Chaudet e Carlo Virgilio di Roma e Londra per il busto di Virgilio), che verranno completate nei prossimi mesi. La Madonna col Bambino, San Giovannino e Santa Barbara: Daniele da Volterra, considerato da molti amico strettissimo e allievo tra i più talentuosi del Buonarroti, la dipinse intorno al 1548. L’opera è proprietà della nobile famiglia senese Pannocchieschi d’Elci, come lo era un altro capolavoro dell’artista toscano, l’ Elia nel deserto. Gli Uffizi hanno acquistato quest’ultimo quadro proprio lo scorso anno: i due dipinti saranno dunque presto riuniti nella medesima collezione pubblica. Si trattava delle ultime due opere di Daniele da Volterra in mani private – prima dell’acquisizione da parte degli Uffizi – e questa loro rarità è un enorme valore aggiunto. Il Ritratto dello scultore Antoine Denis Chaudet: Antoine-Denis Chaudet (Parigi 1763-1810) fu, probabilmente lo scultore più conosciuto nella Francia napoleonica. Qui lo si vede ritratto dalla moglie, la pittrice Jeanne-Elisabeth Chaudet, all’epoca famosa per i ritratti di animali, bambini, e personaggi, tra i quali anche quello di suo marito, realizzato nel 1802. Una vera e propria rarità nella storia dell’arte: il ritratto di un’artista dipinto dalla sua stessa consorte.
Il busto di Virgilio: questa scultura è una copia del busto romano – il cosiddetto “Virgilio” – esposto nella Sala dei Filosofi ai Musei Capitolini a Roma: questo era a sua volta copia romana del secondo secolo d.C. da un perduto originale greco del quarto secolo a.C. Carlo Albacini, scultore e restauratore d’antichità di grande successo nella Roma della seconda metà del ‘700, scolpì il busto ora acquisito dalle Gallerie degli Uffizi nel 1790.

Posted in Cronaca/News, Lettere al direttore/Letters to the publisher, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Amianto: gestione del sistema e tutela della salute

Posted by fidest press agency su venerdì, 27 settembre 2019

“In Italia sono 96.000 i siti contaminati da amianto censiti e presenti nel database del Ministero dell’Ambiente. Per affrontare il problema in modo strutturale è necessaria un’azione coordinata che integri tra loro tutti gli enti statali e le amministrazioni territoriali a vario titolo coinvolte, al fine di integrare le azioni sugli aspetti sanitari, previdenziali e ambientali”. Queste le parole di Alessandro Miani, Presidente della Società Italiana di Medicina Ambientale (SIMA) in occasione del Convegno Nazionale “Amianto: gestione del sistema e tutela della salute” che si è svolto oggi a Roma, presso la sede del Centro Nazionale delle Ricerche. “L’esposizione ad amianto, infatti, causa tumore polmonare (mesotelioma pleurico), laringeo e ovarico, oltre a condizioni di fibrosi polmonare. In Italia ogni anno circa 6.000 decessi sono da ricondursi a questa fibra killer, mentre nel mondo, secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità, sono 125 milioni le persone esposte a rischio amianto e l’impatto dei soli costi diretti (ritiro dal lavoro, cure e morte) nei 28 Paesi dell’Unione Europea (UK inclusa) è pari allo 0.7 per cento del PIL dell’Unione europea (410miliardi/anno)”, prosegue Miani.
Quello dell’amianto è un problema che tocca da vicino, oltre all’aspetto sanitario, anche quello geologico. La conoscenza geologica può essere, infatti, fondamentale per consentire l’identificazione e la mappatura dei siti caratterizzati dalla presenza di rocce amiantifere che costituiscono un pericolo per la diffusione delle fibre, in modo da contribuire alla bonifica e alla messa in sicurezza di tali aree.“L’amianto nel nostro Paese costituisce ancora oggi un problema irrisolto” – commenta Vincenzo Giovine, Vice Presidente del Consiglio Nazionale dei Geologi – “nonostante la normativa italiana in tema di amianto sia tra le più avanzate in Europa e a distanza di quasi trent’anni dall’emanazione della legge 27 marzo 1992, n. 257, che stabilisce la cessazione dell’impiego di questa fibra (divieto di estrazione, importazione, esportazione, commercializzazione, produzione di amianto e di prodotti che lo contengono)”. “Il pericolo amianto continua a essere un rischio per la nostra salute nella vita quotidiana. Nonostante sia stato messo al bando da 27 anni, secondo i dati del Codacons, sono ancora circa 2.400 le scuole italiane a rischio, mettendo in pericolo 350.000 alunni e 50.000 docenti”, aggiunge il Presidente di Codacons, Avvocato Gianluca Di Ascenzo.

Posted in Lettere al direttore/Letters to the publisher, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

PIL: l’Istat taglia le stime al +0,8%

Posted by fidest press agency su venerdì, 27 settembre 2019

L’Istat taglia ulteriormente le stime relative alla crescita, che si attestano al +0,8%, in calo di 0,1 punti rispetto al dato di Aprile.Peggiora il rapporto deficit-Pil relativo al 2018, che passa al 2,2% dal 2,1% delle precedenti stime.Unico segnale incoraggiante è quello relativo alla pressione fiscale, che si attesta al 41,8% dal precedente 42,1%.Dato che, però, rischia di essere annullato dalle ipotesi di aumento della tassazione in esame al Governo, per evitare l’aumento dell’IVA.Tale quadro richiama l’attenzione sulla situazione ancora altamente instabile della nostra economia, che richiede interventi urgenti in direzione della crescita.Il primo passo in questa direzione è lo stanziamento di investimenti per la ricerca, lo sviluppo tecnologico e la modernizzazione delle infrastrutture, nonché il taglio del cuneo fiscale, per dare uno slancio decisivo in direzione della ripresa.Inoltre è fondamentale, da un lato scongiurare l’aumento dell’IVA, che avrebbe conseguenze drammatiche per le famiglie, dall’altro una revisione sistematica e complessiva della tassazione, rimodulando le accise sui carburanti e tagliando alcune voci anacronistiche dagli oneri di sistema in bolletta, solo per citare alcune delle voci più urgenti.La Federconsumatori presenterà una proposta dettagliata in tal senso al Ministero dell’Economia e delle Finanze, nonché al Ministero dello Sviluppo Economico, che ci auguriamo vorranno accogliere il punto di vista di chi, come noi, ogni giorno è impegnato nella tutela degli interessi dei cittadini, stanchi di pagare tasse obsolete o spropositate.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Lettere al direttore/Letters to the publisher | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

European Society for Medical Oncology 2019 Congress

Posted by fidest press agency su venerdì, 27 settembre 2019

Basel, Roche (SIX: RO, ROG; OTCQX: RHHBY) announced that results from a number of studies across its comprehensive oncology portfolio, covering a broad range of cancers including bladder, lung and breast will be presented at the European Society for Medical Oncology (ESMO) 2019 Congress, taking place from 27 September – 1 October in Barcelona, Spain. A total of 100 abstracts and 15 late-breaking abstracts that include a Roche medicine will be presented at this year’s congress.”We are excited to present a number of key datasets across a broad range of diseases at ESMO this year, including results from our Tecentriq combination study in people with previously untreated advanced bladder cancer, the first positive Phase III cancer immunotherapy trial in this setting. In addition, we will present data from our Phase III Tecentriq monotherapy study in previously untreated advanced lung cancer,” said Sandra Horning, MD, Roche’s Chief Medical Officer and Head of Global Product Development. “We will also share data from a study using Foundation Medicine’s liquid (blood) biopsy, a more patient-friendly approach to diagnosing and treating cancer. The results of the first cohort of this study involving ALK+ non-small cell lung cancer patients who received Alecensa will be presented at the congress.”

Posted in Estero/world news, Lettere al direttore/Letters to the publisher | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Eutanasia, Pro Vita & Famiglia:”Pericoloso precedente in sintonia con strategia dei radicali”

Posted by fidest press agency su giovedì, 26 settembre 2019

La decisione presa dalla Corte Costituzionale sul caso Dj Fabo “e’ la fine della tutela del diritto alla vita, fino ad oggi costituzionalmente garantito e protetto. La Corte ha accettato il principio che non va combattuto il dolore, ma eliminato il sofferente che a questo punto si sentira’ un peso per tutti: per lo Stato, per la famiglia, per gli amici” e’ il commento di Pro Vita & Famiglia, onlus che da settembre ha promosso una campagna con manifesti choc e camion vela sul tema del fine vita, dopo che la Consulta ha deciso sul caso Dj Fabo in tema di suicidio assistito assolvendo Marco Cappato dal reato di aiuto al suicidio.”La Consulta formalmente ha chiesto al parlamento di intervenire con una legge, ma di fatto ha legiferato, creando un drammatico precedente: il caso per caso. Il tutto in perfetta sintonia con la strategia dei radicali, cioe’ di trasformare la cronaca in regola ideologica. Infatti, il testo e’ chiaro: non tutti i casi sono punibili e nella fattispecie, l’aiuto al suicidio a Dj Fabo e’ stato addirittura legittimato. Non a caso Cappato canta vittoria, la vittoria della morte sulla vita” hanno proseguito Toni Brandi e Jacopo Coghe, presidente e vice presidente di Pro Vita e Famiglia e gia’ organizzatori del Congresso Mondiale delle Famiglie di Verona. “Noi continueremo ad opporre i dati empirici allo storytelling di Cappato & Co. L’eutanasia e il suicidio assistito rimangono una vergognosa pratica incivile e da adesso in poi sara’ piu’ facile risparmiare o agevolare la morte del pensionato che pesa sullo Stato e sulla sanita’” hanno concluso Brandi e Coghe.

Posted in Cronaca/News, Fidest - interviste/by Fidest, Lettere al direttore/Letters to the publisher, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Deutsche Bank annuncia l’ingresso nel capitale sociale delle fintech Deposit Solutions

Posted by fidest press agency su giovedì, 26 settembre 2019

L’uso in banca delle “open architecture” ha da tempo aperto a terze parti alcuni segmenti di prodotto come fondi di investimento, mutui, prodotti strutturati e, da qualche anno, anche i depositi a risparmio, il cui mercato si attesta a quota 50.000 miliardi di dollari.
Il colosso tedesco Deutsche Bank oggi annuncia l’ingresso nel capitale sociale di Deposit Solutions (5%), la cui innovativa piattaforma Open Banking consente a banche partner di offrire ai propri risparmiatori prodotti di deposito di banche terze anch’esse partner, tramite un unico conto bancario.Il nuovo round di investimento comporta una valutazione di Deposit Solutions a quota 1 miliardo di euro, secondo l’annuncio pubblicato da Finlab, azionista di Deposit Solutions.Tim Sievers, CEO e fondatore di Deposit Solutions: “Con la nostra piattaforma open banking, stiamo costruendo l’infrastruttura per il business dei depositi del futuro. Il coinvolgimento di Deutsche Bank rappresenta una pietra miliare: da un lato, assicura l’espansione ad altre divisioni di Deutsche Bank in Germania e all’estero accelerando ulteriormente la nostra crescita; dall’altro, per la prima volta ci apriamo alla partecipazione dei nostri clienti come azionisti all’infrastruttura che utilizzano”.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Estero/world news, Lettere al direttore/Letters to the publisher | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

To Treat Patients Suffering From Spinal Conditions

Posted by fidest press agency su sabato, 21 settembre 2019

Chicago, September 25-28 the North American Spine Society’s annual meeting where a full display of the lateral surgical systems, including Oro, will be featured. CoreLink, LLC, a leading designer and manufacturer of spinal implant systems, today announced the introduction of the Oro™ Lateral Plate System designed for optimum versatility to treat patients suffering from degenerative disk disease, spondylolisthesis, trauma, or spinal deformities. The CoreLink Oro Lateral Plate System has received first of its kind FDA clearance as the only lateral plating system on the market with the flexibility to be used as supplemental fixation in multiple scenarios to allow optional permanent connection to a CoreLink lateral interbody or for use with an alternative lateral interbody. The Oro Lateral Plate System, or Oro, is a lumbar supplemental fixation device designed to provide temporary stability until fusion is achieved. This low-profile plate can attach to CoreLink’s CL5 PEEK or F3D lateral interbodies at one or two contiguous levels without the need for additional lumbar fixation, such as pedicle screws. F3D implants leverage the company’s proprietary Mimetic Metal™ technology, a state-of-the-art titanium alloy 3D printing process that emulates key characteristics of natural bone. With a trabecular structure of interconnected pores and a directional lattice perimeter for anisotropic load sharing, Mimetic Metal provides an optimal balance between biomechanical performance and imaging characteristics.

Posted in Estero/world news, Lettere al direttore/Letters to the publisher | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Primo festival italiano dedicato al Service Design

Posted by fidest press agency su giovedì, 19 settembre 2019

Milano Sabato 5 Ottobre 2019 – h. 15.00 – 18.30 Brera Design Days Fondazione Giangiacomo Feltrinelli Viale Pasubio 5. “The new green (city) deal. Regenerative urban development” è il titolo di questo nuovo appuntamento. Relatori e professionisti provenienti da tutto il mondo discuteranno del capitale naturale, inteso come leva strategica per generare nuove prospettive nel campo dei servizi per le città ecosostenibili aprendo nuove visioni rispetto alla costruzione di centri urbani e metropoli sempre più green e attenti all’impatto ambientale.
Come comunicare e promuovere iniziative concrete per far fronte alla sfida urgente che il cambiamento climatico impone? Come policy maker, manager, designer, cittadini possono contribuire a ri-progettare processi, prodotti e servizi per le metropoli? La creazione di un nuovo modello di città sostenibile in risposta al cambiamento climatico sarà il filo conduttore del dibattito per immaginare una città che sia resiliente e rigenerativa. E saranno proprio resilienza ed economia circolare i temi al centro della discussione da cui emergeranno visioni, approcci e case study in grado di delineare le nuove traiettorie progettuali sul tema.

Posted in Cronaca/News, Lettere al direttore/Letters to the publisher | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

The Royal House of Savoy

Posted by fidest press agency su giovedì, 19 settembre 2019

London – The Royal House of Savoy will be offered for auction on 15 October, the latest chapter in Christie’s long held tradition of hosting Royal collection sales. This follows the highly successful auctions from The Collection of S.A.R. La Principessa Reale Maria Beatrice di Savoia in 2005 and S.A.R. La Principessa Reale Maria Gabriella di Savoia in 2007; Christie’s also offered the collections of H.R.H. The Princess Margaret in 2006 and the Kings of Greece in 2007. Comprising approximately 150 lots, this eclectic Royal collection presents a wealth of opportunities for collectors spanning some twenty-four centuries of artistic achievement: from Daunian pottery, circa 4th-6th century B.C., 16th century family portraits and rare manuscripts, to Chinese porcelain, cars and post-war works by artists such as Lichtenstein and Pomodoro, which were set against the striking architectural form and interior of a 1970s lake-side house. The Royal House of Savoy is expected to realise in excess of £1 million. Adrian Hume-Sayer, Director, Head of Sale, Private Collections, Christie’s London: “It is a great honour to have been entrusted with this fascinating Royal collection, The Royal House of Savoy. The breadth of this collection is astonishing. Ancient Daunian pottery sits alongside family paintings boldly juxtaposed with Lichtenstein prints and Pomodoro sculpture. This sale gives a unique glimpse of Royal collecting in our own time.”

Posted in Estero/world news, Lettere al direttore/Letters to the publisher, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Diversity & Governance: strategie e policy aziendali

Posted by fidest press agency su mercoledì, 18 settembre 2019

Milano Giovedì 19 settembre 2019 – Piazza Borromeo 12, 17:00 – 19:00 Seminario. Il seminario si propone di approfondire il tema della diversity data analysis: come raccogliere i dati organizzativi, aggregarli e interpretarli per individuare criticità e opportunità di miglioramento in tema gender, LGBT, disabilità, età e multiculturalità.Sarà esaminato il contesto normativo e le prassi di riferimento, con focus specifico su recruiting, gestione del rapporto di lavoro e casistica in materia di discriminazione.Verranno inoltre delineate le best practice per la costruzione della diversity policy governance aziendale e analizzati i rating finanziari di riferimento.Interverranno:
Mariella Bruno, Founder – Diversity Opportunity
Andrea Gangemi, Socio – Portolano Cavallo, Responsabile area Labor & Employment
Federico Neri, Harman Tech Lead – Harman International
Patrizia Tomasicchio, HR Director Southern Europe – Pandora

Posted in Cronaca/News, Economia/Economy/finance/business/technology, Lettere al direttore/Letters to the publisher | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »