Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 34 n° 151

Archive for the ‘Università/University’ Category

University

“Che fiore è questo?” Corso di botanica applicata

Posted by fidest press agency su giovedì, 26 Maggio 2022

Camerino. Nuova iniziativa del corso di laurea in “Ambiente e gestione sostenibile delle risorse naturali” di Unicam con la fondamentale collaborazione del personale dell’Erbario di Camerino, il dott. Federico Maria Tardella ed il dott. Riccardo Pennesi: parliamo di “Che fiore è questo?”, corso di botanica applicata di servizio per la cittadinanza e per il sempre più numeroso mondo degli amanti e fruitori della natura. Il tema del corso, infatti, articolato in tre incontri on line ed una uscita nella Riserva Naturale Montagna di Torricchio, guidata dal prof. Andrea Catorci, sarà l’utilizzo degli strumenti digitali open source, quindi disponibili per tutti, destinati al riconoscimento delle specie vegetali delle nostre montagne e che possono essere ammirate durante escursioni e passeggiate. Finalità sociale dell’attività è quella di contribuire ad un turismo consapevole dell’ambiente che ci circonda e che superi la semplice attività “outdoor” seguendo la filosofia del turismo lento, che costituisce una delle più importati possibilità di sviluppo economico della montagna appenninica.Questi sono d’altronde i temi che affronta il corso di laurea in “Ambiente e gestione sostenibile delle risorse naturali” di Unicam, che è strutturato in due curricula: il primo, “Gestione e Valorizzazione delle Risorse Naturali”, è maggiormente incentrato sulle classiche scienze naturali ed ha come obiettivo quello di fornire allo studente le conoscenze di base sui temi della botanica, zoologia ed ecologia abbinati ad una forte acquisizione di capacità pratiche (rilevamento in campo ed analisi dati) finalizzate alla gestione sostenibile degli ecosistemi e alla conservazione della biodiversità; il secondo, “Sostenibilità Ambientale delle Produzioni e Green Economy”, ha invece l’obiettivo di formare una figura professionale in grado di affrontare le nuove sfide ambientali e cogliere le opportunità di lavoro della “svolta green” dettata dalle principali economie mondiali e basata sui principi dell’economia circolare, sulla sostenibilità delle produzioni. http://www.unicam.info

Posted in Università/University | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Università Perugia: nuovi corsi di Alta cultura

Posted by fidest press agency su martedì, 24 Maggio 2022

Giovedì 26 maggio, alle ore 17:00, è in programma nell’Aula Magna di Palazzo Gallenga un evento di presentazione dei nuovi corsi di Alta cultura, iniziativa formativa d’eccellenza con cui l’Università per Stranieri di Perugia ha preso vita cent’anni or sono.Il modulo che verrà presentato, in programma dall’11 al 15 luglio prossimo, ha per tema: “La tradizione culturale italiana e l’altro fra passato e presente”. Nel solco della tradizione culturale dell’Ateneo questo ciclo di lezioni si propone di analizzare da diverse prospettive disciplinari (storiografica, filosofica, letteraria e linguistica) come la tradizione culturale italiana, fra ‘900 e nuovo millennio, abbia risentito della crisi del paradigma umanistico occidentale, chiamato prima a guardarsi nello specchio delle tragedie legate al razzismo e all’Olocausto e poi a relativizzarsi con l’avvento della cultura della differenza, della postcolonialità e del postumano. L’intento, dunque, sarà quello di dare risposta al quesito sulla possibilità o meno di coltivare e trasmettere ancora una tradizione culturale italiana e al senso da dare oggi all’l’idea di italianità aperta, che ispirò Aldo Capitini negli anni difficilissimi del suo rettorato all’Università per Stranieri di Perugia. Il Corso sarà articolato in cinque giornate, ognuna delle quali si aprirà con una lectio magistralis mattutina, cui farà seguito un seminario pomeridiano, ogni giorno condotti da un diverso docente. Chiamati ad approfondire il tema saranno studiosi di alto profilo scientifico, quali: Roberto Esposito, Alessandro Portelli, Mario Alberto Banti, Donatella di Cesare e Giulio Ferroni. Nel pomeriggio del 26 maggio prossimo, all’introduzione del rettore De Cesaris e dell’assessore comunale alla cultura, Leonardo Varasano, faranno seguito gli interventi dei docenti responsabili dell’organizzazione del corso. L’evento sarà corredato lettura di alcuni documenti dell’archivio storico dell’istituzione, dalla proiezione di un documentario sulla Perugia degli anni sessanta a suo tempo prodotto dalla Stranieri e, in conclusione, da alcuni passaggi musicali della tradizione nazionale.

Posted in Università/University | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

La Sapienza apre le porte a studiosi provenienti dai paesi coinvolti nel conflitto ucraino

Posted by fidest press agency su lunedì, 23 Maggio 2022

A giugno arriveranno i primi Visiting Professor provenienti dalle zone di guerra che saranno ospitati per quattro mesi nelle strutture dell’università e potranno così continuare a svolgere la loro attività accademica.La Sapienza accoglierà da giugno 25 visiting professor provenienti dai paesi coinvolti nel conflitto ucraino (21 docenti ucraini e 4 docenti dissidenti della Federazione russa). Si tratta di 17 donne e di 8 uomini che saranno ospitati, in base alle discipline di afferenza, presso le Facoltà di Lettere e filosofia, Scienze Matematiche fisiche e naturali, Medicina e odontoiatria, Farmacia e medicina, Medicina e psicologia, Ingegneria civile e industriale, Ingegneria dell’informazione, informatica e statistica e Giurisprudenza. Gli studiosi saranno ospitati grazie a uno stanziamento straordinario per un valore complessivo di € 300.000. L’iniziativa è stata avviata grazie a un bando deliberato dal Cda dell’Ateneo nel mese di marzo che prevedeva il finanziamento di visite per attività di ricerca e/o didattica da parte di docenti in condizione di rischio a causa di conflitti. Il fondo consentirà ai docenti di soggiornare nella capitale per un periodo di quattro mesi avvalendosi di una dotazione pro-capite pari a 12.000 euro. Con l’arrivo dei visiting professor si concretizza la politica di accoglienza e di sostegno della comunità universitaria nei confronti di studiosi provenienti dalle zone di guerra. “È un segnale importante di solidarietà e di impegno della Sapienza – afferma la rettrice Antonella Polimeni – abbiamo deliberato questa iniziativa all’indomani dello scoppio della guerra anche per rafforzare il nostro messaggio di pace, attraverso la ricerca e la conoscenza come strumento di crescita e di unione tra i popoli”.

Posted in Università/University | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Il Politecnico di Torino rivoluziona la laurea magistrale in ingegneria delle telecomunicazioni

Posted by fidest press agency su domenica, 22 Maggio 2022

La nuova laurea magistrale in Communications Engineering è stata presentata agli studenti e alle studentesse del Politecnico – ma anche al mondo delle imprese, che è sempre alla ricerca di laureati e laureate con le competenze e le motivazioni adeguate alle mutate esigenze del mercato – nell’incontro “The New Era of Communications Engineering: trends and opportunities in media, mobile networks and space”. L’evento è stato introdotto dal Professor Paolo Giaccone, coordinatore del corso, che ha presentato le novità contenute del percorso formativo, in particolare l’approccio didattico basato su project-based learning. Tale approccio è peculiare all’interno del panorama dell’offerta didattica del Politecnico, che conferma negli ultimi anni altissimi tassi di occupazione e retribuzioni superiori alle medie nazionali per i laureati e le laureate del settore. Per quanto riguarda il settore produttivo locale, sono intervenuti l’ingegner Gino Alberico, Direttore del Settore Ricerca e Sviluppo RAI, l’ingegner Gabriele Elia, Direttore della Divisione Tecnologie delle Comunicazioni e Standardizzazione di Tim, e l’ingegner Gianmarco Reverberi, Direttore dell’Unità di Software e Telecomunicazioni di ARGOTEC, che hanno dialogato con gli studenti e confermato l’importanza dell’iniziativa dalla prospettiva di aziende leader nel settore. Il professor Giaccone ha spiegato in apertura: “Con questa laurea il Politecnico vuole rispondere alla domanda sempre crescente di competenze nel settore delle telecomunicazioni, un settore che sarà centrale per il rilancio dell’economia dopo le recenti crisi e per affrontare le sfide globali, quali quelle relative ai cambiamenti climatici”.

Posted in Università/University | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Regime fiscale degli studenti Phd italiani negli Stati Uniti

Posted by fidest press agency su domenica, 22 Maggio 2022

L’on. Fucsia Fitzgerald Nissoli, deputata di Forza Italia eletta in Nord e Centro America ha dichiarato: Oggi, ho depositato una interrogazione al Ministro degli Esteri, Di Maio, per chiedere di risolvere i problemi fiscali degli studenti italiani che frequentano corsi di Phd negli Stati Uniti.Infatti, tali studenti che ricevono una borsa di studio come forma di sostentamento durante il periodo degli studi, in USA, in assenza di accordi bilaterali specifici con l’Italia, sono soggetti a pagare l’aliquota standard di imposta sui redditi, sia federale che statale o cittadina, mentre in Italia tale tipologia di borsa è esente da Irpef. Di conseguenza ho chiesto al Ministro Di Maio “quali iniziative intenda intraprendere al fine di giungere, con la controparte statunitense, alla stipula di una clausola aggiuntiva che modifichi l’articolo 21 della Convenzione tra il Governo della Repubblica italiana ed il Governo degli Stati Uniti d’America per evitare le doppie imposizioni in materia di imposte sul reddito al fine di adeguarne il contenuto a quello delle analoghe convezioni sottoscritte dagli Stati Uniti con i due maggiori Paesi europei”, cioè Francia e Germania.”

Posted in Estero/world news, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

“Adamo, dove sei? La questione antropologica oggi”

Posted by fidest press agency su mercoledì, 18 Maggio 2022

Roma Giovedì 19 maggio 2022, ore 9:00 Pontificia Università Gregoriana è il titolo del convegno internazionale e interdisciplinare che si terrà il prossimo 19 maggio organizzato dall’Istituto di Psicologia della Pontificia Università Gregoriana per celebrare il 50° anniversario dalla sua fondazione. Un anniversario che non vuole rivolgersi indietro, ma guardare al futuro e alle sue sfide riflettendo insieme a psicologi, filosofi e teologi. «Il mondo si sta trasformando in un modo mai visto prima e al cuore di questi cambiamenti sta la questione antropologica», osserva P. Stanislaw Morgalla SJ, preside dell’Istituto. «Papa Francesco, rivolgendosi lo scorso anno ai Membri del Corpo Diplomatico accreditato presso la Santa Sede, ha parlato addirittura di una “crisi antropologica, che riguarda la concezione stessa della persona umana e la sua dignità trascendente” (8 febbraio 2021). Globalizzazione, nuove tecnologie, crisi ecologica, post-umano e tante altre questioni ci sfidano oggi. La Chiesa sarà in grado di rispondere in modo creativo e in vista del futuro?». Durante il convegno queste sfide e le loro conseguenze per la Chiesa di oggi e del futuro saranno discusse e affrontate dal punto di vista psicologico, filosofico, teologico e sociologico.Il convegno sarà aperto dal saluto del rettore della Gregoriana, P. Nuno da Silva Gonçalves SJ. Nella sessione mattutina si confronteranno su crisi antropologica, vocazione cristiana e intuizioni profetiche dell’Istituto di Psicologia alcuni suoi professori emeriti, quali P. Franco Imoda SJ, cofondatore dell’Istituto, già Rettore della Gregoriana e primo presidente AVEPRO; il Card. Giuseppe Versaldi, oggi Prefetto della Congregazione per l’Educazione Cattolica e gran Cancelliere della Gregoriana; e Suor Brenda Dolphin, Superiora provinciale delle Sorelle della Misericordia (Irlanda, Provincia Centro-Meridionale). Un contributo su ruolo e metodo dell’accompagnamento spirituale in questo contesto verrà offerto da Mons. Tomáš Halík, professore di Sociologia presso l’Università Carolina di Praga. La sessione pomeridiana affronterà più specificatamente i temi del postumanesimo, del transumanesimo e del riduzionismo con gli interventi di P. Amedeo Cencini FDCC, consultore della Congregazione per gli Istituti di vita consacrata e le Società di vita apostolica; del Prof. Costantino Esposito, Professore di filosofia presso l’Università degli Studi di Bari; e di P. Giovanni Cucci SJ, professore di filosofia presso la Gregoriana e scrittore della rivista “La Civiltà Cattolica”. Nel corso della giornata verrà inoltre presentato il volume curato da Enrico Parolari e Maria Rosaura González Casas “Curare la leadership nella Chiesa” (Ancora 2022) che contiene contributi di vari ex-alunni dell’Istituto.Fondato nel 1971, l’Istituto di Psicologia ha lo scopo di preparare specialisti che integrano le dimensioni spirituale e psicologica nelle attività apostoliche ed educative che saranno loro affidate nei propri contesti, geografici e culturali. Oggi i suoi quasi 600 ex-alunni lavorano come formatori ed educatori e in altri ruoli di responsabilità in tutto il mondo. In questi cinquant’anni di attività, l’Istituto ha voluto rispondere all’invito del Concilio a servirsi delle scienze, «in primo luogo della psicologia e della sociologia», per purificare e maturare la vita di fede (GS 62). In questo modo, l’Istituto vuole offrire una visione della persona che, tenendo conto dei valori cristiani e dell’importanza delle motivazioni subconsce, si ponga come solido fondamento nel compito di aiutare gli altri a crescere nella propria vocazione. Programma completo: https://www.unigre.it/it/eventi-e-comunicazione/eventi/calendario-eventi/adamo-dove-sei/il-programma/ Per partecipare in presenza è richiesta la registrazione sul sito http://www.unigre.it

Posted in Università/University | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Lectio Magistralis of the Master of Digital Communication and Journalism

Posted by fidest press agency su mercoledì, 18 Maggio 2022

Rome. Luiss Guido Carli University, on 23 May at 10 a.m., at the Aula Magna of the campus, in Viale Pola 12 Lectio Magistralis of the Master of Digital Communication and Journalism under the direction of Gianni Riotta and professor Livia De Giovanni, and in collaboration with Luiss Data Lab and The Italian Digital Media Observatory to Emine Dzhaparova, First Deputy Minister for Foreign Affairs of Ukraine.

Posted in Università/University | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Les Roches lancia una specializzazione in Sviluppo Sostenibile all’interno dei suoi programmi di laurea

Posted by fidest press agency su martedì, 17 Maggio 2022

Crans-Montana, Switzerland – 11 maggio 2022: Les Roches Global Hospitality Education sta facendo della sostenibilità una specializzazione di laurea, dedicando al tema l’ultimo semestre del suo Bachelor of Business Administration (BBA) in Global Hospitality Management. La sostenibilità è ora una delle quattro specializzazioni che gli studenti del campus di Crans-Montana possono scegliere, insieme a Entrepreneurship, Digital Marketing Strategies and Financial Performance Management.Contribuendo al 10%1 del PIL mondiale, il settore dell’ospitalità e del turismo è proporzionalmente uno degli ecosistemi più interessati dalle questioni di sviluppo sostenibile, e gli strumenti di controllo come i criteri ambientali, sociali e di governance (ESG) hanno un impatto diretto sulla società e sull’ambiente. In risposta a ciò, è in corso la creazione di un’industria del turismo sostenibile che promuova iniziative significative e cicli efficienti dal punto di vista delle risorse. In linea con la sua filosofia accademica di promuovere uno spirito di innovazione e creatività, Les Roches mira quindi a rafforzare la capacità dei futuri leader di guidare la sostenibilità e il cambiamento.La nuova specializzazione del corso di laurea è progettata per fornire agli studenti le capacità e le conoscenze manageriali necessarie per trasformare l’ospitalità, il turismo e l’economia dell’esperienza in questo senso. I corsi coprono le mutevoli esigenze di clienti, stakeholder e comunità, ecoturismo, design, etica e questioni di corporate governance. Le altre specializzazioni offerte nell’ultimo semestre di studi BBA nei campus di Crans-Montana e Marbella sono: Entrepreneurship, Digital Marketing Strategies and Financial Performance Management. La specializzazione aggiuntiva del Campus di Les Roches a Marbella si concentra su Resort Development and Management ed è dedicata alla gestione dei resort di lusso.La specializzazione “Sustainable Developments and Practices” sarà offerta nel campus di Crans-Montana dal prossimo settembre, con corsi tenuti da esperti del settore come il Dr. Dimitrios Diamantis, Executive Academic Dean, nella cui tesi di dottorato ha già affrontato il tema Consumer Involvement and Ecotourism. Il programma includerà anche Masterclass tenute da esperti esterni sul campo. L’istituto offre anche un concorso internazionale legato all’innovazione e rivolto a studenti delle scuole superiori, nell’ambito del quale qualsiasi idea di eco-lusso nel campo dell’ospitalità può far ottenere ai vincitori una spedizione alle Isole Galapagos e borse di studio. Il concorso, condotto in collaborazione con Lindblad Expeditions, pioniere nei viaggi sostenibili, è aperto a chiunque sia idoneo a partecipare al programma di Bachelor in Global Hospitality Management nel 2022 o 2023.

Posted in Università/University | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

“L’Università per Stranieri di Perugia è l’ONU della cultura”

Posted by fidest press agency su lunedì, 16 Maggio 2022

Giunto presso l’Ambasciata britannica di Roma il giorno successivo allo scoppio del conflitto russo ucraino, Lord Edward Llewellyn (barone Llewellyn di Steep) ha incontrato giorni fa gli studenti dell’Università per Stranieri di Perugia. Studente del prestigioso college di Eton (da dove sono usciti ben venti primi ministri), Llewellyn è persona di grande spicco nel mondo diplomatico, con un precedente incarico di capo missione a Parigi e in passato ruoli quali quello di segretario privato di Margaret Thatcher e di capo gabinetto per David Cameron. Llewellyn ha portato ieri il suo saluto a tutti gli studenti dell’Ateneo ricordando Meredith Kercher, la studentessa britannica che trovò la morte a Perugia nel 2007, per poi centrare le sue riflessioni sull’attuale conflitto in Ucraina, sottolineando come esso stia rimodellando le dinamiche della sicurezza globale e i rapporti tra le nazioni; a questo riguardo l’ambasciatore si è soffermato in particolare sul ruolo del Regno Unito e sulla rete di alleanze internazionali che il governo di Londra può formare quale “membro agile e attivo” – ha sottolineato – di un network di relazioni che dovrebbe unire il mondo libero contro i regimi autoritari. Dopo essersi trattenuto a dialogare con i giovani presenti, Llewellyn si è congedato dai suoi ospiti dicendo che il suo a Perugia è solo un arrivederci, e che tornerà presto “in questa ONU della cultura”, come ha definito l’Università per Stranieri.

Posted in Università/University | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Università, il numero chiuso a medicina ha i giorni contati

Posted by fidest press agency su domenica, 15 Maggio 2022

Il numero chiuso a Medicina e Odontoiatria potrebbe avere i mesi contati negli orientamenti del Governo Draghi. Quantomeno, l’università potrebbe aprirsi agli aspiranti camici per 2-3 anni, totalmente, per poi accettare una selezione. Per la ministra dell’Università Maria Cristina Messa servirebbe quantomeno un suo “allentamento”. Per il sottosegretario alla Sanità Andrea Costa che, operando nel Ministero deputato a dettare i fabbisogni del servizio sanitario nazionale, è preposto a sorvegliare eventuali carenze od eccessi di neo-laureati, è addirittura superato. Una svolta, dunque. Che arriva dopo la riforma del test di medicina: dal 2023, come detta una mozione approvata all’unanimità alle camere e propedeutica ad un decreto del Ministero di Università e Ricerca, non ci sarà più il “concorsone” nazionale da oltre 60 mila candidati per accedere a Medicina e Odontoiatria, ma gli studenti inizieranno a prepararsi dal 4° anno delle superiori affrontando un percorso individuale per sottoporsi poi al ToLc (TestOnLine CISIA) già usato per l’accesso ad ingegneria. La misura in questione non abolisce tuttavia il numero chiuso che, previsto dalla legge 264 del 1999, va abolito per legge. Sul punto sono comunque in corso riflessioni nei ministeri.Partiamo proprio dal sottosegretario alla Salute Costa: incontrando gli studenti a margine di un’iniziativa dell’Università di Pisa ha spiegato che piuttosto di sigillare l’ingresso alle Facoltà di Medicina sarebbe necessario garantire maggiore meritocrazia nell’accesso alla formazione universitaria. E ha spiegato di non pensare che il quiz sia indice di meritocrazia, evocando piuttosto una riflessione condivisa con il ministro dell’Università. Un’alternativa? Costa ha evocato qualcosa di simile al modello francese, gli studenti entrerebbero tutti e subito -si è provato a sperimentarlo anche all’Università di Ferrara – e successivamente, dopo un anno od un biennio, dovrebbero passare attraverso verifiche di obiettivi di rendimento. Ma vediamo che ne pensa il Ministero dell’Università.La ministra Messa prende atto che “il numero programmato è molto aumentato negli ultimi anni – ha detto la ministra a Cagliari a margine dell’inaugurazione dell’anno accademico 2021-2022- dai 9 mila posti di qualche anno fa adesso siamo arrivati a 14 mila, il numero è quindi quasi raddoppiato rispetto al passato». Ma i medici mancano adesso, e Messa per l’appunto parla di un problema “contingente”. «Per i prossimi due e tre anni c’è una carenza dovuta a programmazioni passate: per il futuro stiamo rimediando per avere un numero adeguato rispetto al fabbisogno». Un fabbisogno che d’ora in poi deve trovare a monte una formazione commisurata, aderente, ma che al momento non può prescindere da atenei che riaprono le porte a tutti gli aspiranti medici e dentisti. Frasi in parte inattese: una riapertura dell’ateneo totale temporanea non è la stessa cosa dell’atteso decreto che selezionerebbe i futuri camici in modo del tutto diverso dall’attuale. (fonte Doctor33)

Posted in Università/University | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Con la crisi in Ucraina, +80% di richieste per integrare profughi ucraini in atenei italiani

Posted by fidest press agency su sabato, 14 Maggio 2022

Rappresentare gli oltre 300 professionisti che in Italia si occupano di valutare e riconoscere i titoli di studio esteri: questo il ruolo della neonata APICE, Associazione Professionale Italiana dei Credential Evaluator, il primo network nazionale ed europeo di esperti di valutazione e riconoscimento accademico delle qualificazioni, presentato in occasione dell’evento “Il riconoscimento dei titoli di studio: novità e prospettive a 25 anni dalla Convezione di Lisbona” promosso da CIMEA, Centro di Informazione sulla Mobilità e le Equivalenze Accademiche, presso l’Università Iuav di Venezia.L’attuale emergenza ucraina ha acceso un faro sull’importanza della figura del Credential Evaluator per l’integrazione di studenti, docenti e ricercatori provenienti dalle zone di conflitto nei nostri Atenei: solo nel periodo febbraio – maggio 2022 le richieste dal Paese sono aumentate dell’80% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno.Il Credential Evaluator è una figura cardine per aiutare non solo chi proviene da zone di conflitto, ma anche tutti coloro che, possessori di un titolo di studio estero, vogliano continuare il loro percorso di studi o avviare una carriera in Italia: nell’anno accademico 2020/21 erano 17.712 gli studenti internazionali provenienti da 185 Paesi diversi che si sono immatricolati presso le istituzioni della formazione superiore italiane, un numero cresciuto del 38,88% negli ultimi 10 anni. Dati che vengono confermati anche da CIMEA, centro nazionale italiano afferente alla rete ENIC-NARIC del Consiglio d’Europa e dell’UNESCO, che ogni anno registra un incremento del 30% di richieste di attestati di comparabilità – documentazione rilasciata in caso di esito positivo della valutazione di un titolo estero – e che negli ultimi 3 anni ha rilasciato oltre 20.000 attestati e fornito supporto rispondendo a oltre 170.000 quesiti.L’associazione, organizzata ai sensi della Legge 4/2023, mira a promuovere la figura professionale del Credential Evaluator, così come normata dalla Prassi di Riferimento UNI 120:2021, mettendone in luce il ruolo fondamentale nell’attuazione delle politiche nazionali e internazionali di riconoscimento delle qualificazioni.

Posted in Università/University | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

L’Università di Padova ha pubblicato 5 selezioni per l’assunzione di personale tecnico amministrativo

Posted by fidest press agency su sabato, 14 Maggio 2022

Si tratta di selezioni per contratti a tempo indeterminato per 46 laureati, nelle seguenti aree professionali: Amministrazione, finanza e controllo (9 posizioni); Gestione e sviluppo delle risorse umane (9 posizioni); Ricerca e terza missione (9 posizioni); Information Technology (10 posizioni); Real Estate & Facility management (9 posizioni).Tutte le selezioni prevedono anche due posizioni riservate al personale già dipendente dell’ateneo con un contratto a tempo determinato.Le cinque selezioni completano un precedente piano di reclutamento di posizioni dedicate al management della Didattica, i cui concorsi sono in corso di svolgimento.«Questa importante iniziativa conclude il piano di reclutamento del personale tecnico ed amministrativo del triennio 2019/2021 con una novità di metodo – spiega l’ing. Alberto Scuttari, Direttore Generale dell’Università di Padova -. Abbiamo deciso di aggregare questi concorsi in profili omogenei per aumentarne l’attrattività, per migliorare la qualità delle selezioni e per ridurre i tempi delle procedure. Rafforziamo così le risorse a supporto dei programmi di sviluppo dell’Ateneo e delle attività di didattica, ricerca e terza missione, con uno sguardo al futuro che è rivolto all’introduzione di nuove competenze mantenendo attenzione alla valorizzazione dell’esperienza maturata. Le selezioni valuteranno, oltre alle competenze tecniche previste da ciascun profilo, il possesso di adeguate capacità comunicative e relazionali, linguistiche, di analisi e problem solving e l’attitudine a lavorare in team; inoltre ogni selezione ha riservato due posizioni al personale dipendente dell’Ateneo a tempo determinato».Sempre guardando al futuro, il Consiglio di Amministrazione dell’Ateneo ha da poco approvato la prima fase del nuovo piano di reclutamento per il triennio 2022-2024, che utilizzerà le risorse straordinarie rese disponibili dalla legge di bilancio del 2022 con l’assunzione in ruolo di circa 300 persone fra tecnici ed amministrativi, pari al doppio del turn-over previsto. È di questi giorni la notizia che l’Università ha completato il secondo ciclo di progressioni economiche orizzontali del proprio personale, che ha prodotto un avanzamento stipendiale per 1849 persone, con un incremento di spesa annua di circa 1.900.000 euro.Info: https://www.unipd.it/concorsi-personale-tecnico-amministrativo.

Posted in Università/University, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Università: Progetto Opinion Leader 4 Future

Posted by fidest press agency su sabato, 14 Maggio 2022

Da sempre infatti il progetto Opinion Leader 4 Future, accanto all’attività di ricerca, porta avanti un percorso di valorizzazione di una nuova coscienza e consapevolezza sul panorama informativo. In quest’ottica è nata l’idea di creare una piattaforma di dialogo e dibattito continuativo e costante, sotto forma di newsletter con cadenza mensile. Di mese in mese si indagherà l’attualità informativa ma anche tematiche che incidono nelle scelte di vita quotidiana come salute, ambiente, società, educazione e finanza.Nello specifico, la prima uscita del mese di maggio apre con un approfondimento dedicato alla copertura informativa, in questo periodo di grande disorientamento, tra crisi internazionale e protrarsi dell’emergenza sanitaria. Il tema sarà inquadrato a partire dall’analisi di alcuni dati relativi al percepito di un campione di 450 soggetti, tra i 25 e i 75 anni, e sarà approfondito attraverso le considerazioni della Professoressa e Direttrice dell’Alta Scuola in Media, Comunicazione e Spettacolo (ALMED)-Università Cattolica, Mariagrazia Fanchi, e di Marco Lombardi, Direttore del Dipartimento di Sociologia dell’Università Cattolica. Più in dettaglio dalla ricerca emergono le principali priorità informative del campione intervistato: salute e prevenzione sono oggetto di attenzione per l’83% del campione, seguiti dalla cronaca (77%). Di sempre maggiore rilevanza è anche il tema della sostenibilità da intendersi non soltanto da un punto di vista ambientale ma anche sociale ed economico. Insieme al bisogno informativo cresce anche la paura per i meccanismi di disinformazione: per il 90% degli intervistati le fake news rappresentano un problema concreto e saliente, da fronteggiare con una sempre maggiore attenzione alle fonti ed ai canali di diffusione. In queste settimane l’argomento più destabilizzante risulta essere la comprensione delle evoluzioni della crisi internazionale. Oltre la metà del campione denuncia infatti un’informazione ridondante e talvolta influenzata da posizioni ideologiche.Nelle uscite successive della newsletter saranno approfonditi i nuovi ruoli affidati agli opinion leader che diventano non solo veri e propri broker informativi, ma anche attivisti, sensibilizzatori, coach e mentori.

Posted in Università/University | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Un ponte tra la scuola e l’università di Parma

Posted by fidest press agency su mercoledì, 11 Maggio 2022

Parma. Con l’intento di approfondire e diversificare le iniziative di orientamento ai corsi di studio universitari, l’Università di Parma, anche alla luce delle esperienze positive riscontrate nelle attività in cui si è verificato un affiancamento degli studenti universitari agli studenti della scuola secondaria superiore, ha dato vita al progetto “UNiprTutorPerTe”, rivolto alle studentesse e agli studenti che provengono da percorsi di formazione tecnica e professionale della provincia di Parma. Con questa iniziativa, l’Università di Parma individuerà proprie studentesse e propri studenti a cui affidare compiti di tutorato a favore di studentesse e di studenti delle superiori, preferibilmente che frequentino la quarta, per migliorare e rafforzare il loro percorso di apprendimento di specifiche discipline, anche in vista dell’accesso al mondo universitario.Le esperienze già svolte di peer tutoring hanno dimostrato, infatti, una positiva influenza non solo sul rendimento scolastico e sulle aspirazioni educative, ma anche sulle capacità relazionali e sul benessere socio-emozionale.Le scuole che fossero interessate devono segnalare le proprie esigenze – sia in termini di potenziali destinatari (anche una prima stima) sia in ordine alle discipline – entro il 10 maggio alla UO Orientamento e Placement.

Posted in Università/University | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Cresce l’interesse per lo studio dell’italiano

Posted by fidest press agency su martedì, 10 Maggio 2022

L’inglese è la lingua straniera più studiata al mondo (28%), principalmente per motivi di lavoro (49,4%) e formazione (29,7%). Anche lo spagnolo conquista terreno (10%), trainato dagli Stati Uniti: il 24,7% degli studenti americani studia spagnolo, contro un 16,7% che si rivolge all’inglese*. È quanto emerge dal Report Linguistico 2021 realizzato da Preply, la piattaforma globale di apprendimento delle lingue che mette in contatto oltre 20.000 insegnanti con decine di migliaia di studenti in tutto il mondo.Sul podio delle lingue più studiate al mondo sale anche il francese (7%): nel 25% dei casi si studia per lavoro, sottolineando l’importanza che questa lingua continua ad avere nell’economia mondiale. Gli studenti di francese su Preply sono particolarmente numerosi nei Paesi che hanno legami storici con la Francia, come Algeria, Marocco e Canada, ma anche in Nigeria (dove il 22% degli studenti studia francese) data la vicinanza con paesi di lingua francese come Benin, Niger, Chad e Camerun. Il tedesco è la quarta lingua in classifica, mentre l’Italiano conquista il quinto posto tra le lingue più popolari su Preply: viene studiata non solo per motivi d’affari, ma anche per conoscere più da vicino la cultura del Paese. A trainare l’interesse per l’apprendimento della lingua del sì, analizza Preply, è anche la vittoria italiana all’ultimo Eurovision: in vista della prossima edizione, che si svolgerà a Torino dal 10 al 14 maggio, negli ultimi mesi si è registrato un picco di utenti alla ricerca di lezioni di lingua italiana. Gli studenti di italiano su Preply vengono soprattutto dagli USA, dall’Italia stessa e poi da UK, Germania e Polonia. Accanto all’italiano spicca infine l’arabo, la lingua più diffusa in gran parte del Nord Africa e del Medio Oriente.Alla lingua da imparare si affianca la scelta dell’insegnante da cui farsi seguire: secondo il Report Linguistico 2021 di Preply, prezzo, esperienza, personalità sono i criteri più importanti.Secondo l’indagine, infatti, il 34-59% dei rispondenti è alla ricerca di un insegnante alla portata delle proprie tasche, mentre il 42% degli studenti si rivolge soprattutto ad insegnanti con esperienza. La personalità è un fattore decisivo per il 28-40% degli intervistati: gentilezza, pazienza e simpatia sono alcune delle qualità più ricercate.Grande attenzione poi alla provenienza dell’insegnante. Un quinto degli studenti lo preferisce madrelingua della lingua che intende studiare e per il 19% è interessante valutare anche la località del docente, che si rivela fondamentale per chi intende imparare una particolare variante linguistica: ad esempio, chi studia portoghese brasiliano preferisce trovare un insegnante a San Paolo, piuttosto che a Lisbona.Lo stile e il metodo di insegnamento sono da tenere in considerazione per l’11% degli intervistati, mentre nel 10% dei casi gli studenti cercano un insegnante che abbia seguito un particolare percorso di studi o ottenuto certificazioni specifiche. Particolarmente apprezzata dagli studenti Preply è inoltre la flessibilità, ovvero poter prenotare le lezioni in qualsiasi momento del giorno e della notte, accordandosi direttamente con gli insegnanti.

Posted in Università/University | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Luiss School of Law e Gardant: “Gli stati generali degli NPE: una nuova asset class”

Posted by fidest press agency su martedì, 10 Maggio 2022

Roma Giovedì 12 maggio, ore 11.00, online e presso Aula Giovanni Nocco, Campus Luiss (Via Parenzo 11)La tavola rotonda sarà l’occasione per approfondire lo stato dell’arte degli NPE in Italia attraverso il confronto di professionisti del settore, accademici e rappresentanti delle istituzioni.Apriranno i lavori Andrea Prencipe, Rettore dell’Università Luiss Guido Carli, e Flavio Valeri, Presidente del Gruppo Gardant. Interverranno: Antonio Nuzzo Direttore della Luiss School of Law Stefano Cappiello Dirigente Generale Ministero dell’Economia e delle Finanze Raffaello Ruggieri Chief Lending Officer del Gruppo Intesa Paolo Garonna Segretario Generale di Federazione Banche Assicurazioni e Finanza Antonio Matonti Direttore Affari Legislativi Confindustria Luigi Marattin Presidente della VI Commissione Finanze Vincenzo De Sensi Direttore del corso Gestione degli NPE: assetti normativi e regolamentari e approcci operative – Luiss School of Law Mirko Briozzo CEO Gruppo Gardant Guido Lombardo CEO Gardant Investor SGR Tiziana Togna Vice Direttore Generale Consob

Posted in Università/University | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Corso di Alta Formazione “Parole e Suoni”

Posted by fidest press agency su lunedì, 9 Maggio 2022

Perugia. C’è tempo sino al 13 maggio prossimo per presentare la domanda d’iscrizione al Corso di Alta Formazione “Parole e Suoni”, sulla dizione e lettura espressiva dell’italiano. L’iniziativa didattica nasce sulla scorta della forte istanza di formazione manifestata in questo ambito da docenti di italiano (italiano lingua materna, italiano come seconda lingua e come lingua straniera), lettori d’italiano all’estero, giornalisti, esperti di comunicazione, attori e figure dirigenziali di enti pubblici e privati, per i quali è necessario saper “usare” professionalmente la nostra lingua in contesti pubblici e di comunicazione. Docente del corso sarà Roberto Biselli, attore, regista e direttore artistico di molte produzioni teatrali, nonché titolare dell’insegnamento di storia del teatro italiano presso l’Ateneo. Il Corso, in programma dal 27 maggio al primo luglio, avrà una durata di 30 ore e sarà erogato in modalità mista, con svolgimento delle attività formative presso la sede di Palazzo Gallenga e la contemporanea possibilità, a scelta del corsista, di partecipare alle lezioni da remoto, attraverso la piattaforma Microsoft Teams. Al termine del ciclo di lezioni verrà rilasciato ai partecipanti un certificato di partecipazione e il riconoscimento di 3 Crediti Formativi Universitari (CFU). É peraltro possibile utilizzare il Bonus Docenti per il pagamento del costo d’iscrizione. Il programma didattico sarà così articolato: – Elementi di storia della lingua italiana; interpretazione; aree semantiche; onomatopea. – Voce: respirazione diaframmatica; irrobustimento delle corde vocali; rilassamento dell’apparato fonatorio. – Pronuncia: regole della pronuncia italiana; ortoepia; articolazione e pronuncia intellegibile delle parole; correzione dei difetti di pronuncia; consapevolezza dello spazio nell’eloquio. – Fonetica: studio dei suoni della pronuncia italiana; studio dei luoghi dell’articolazione; correzione dei suoni regionali. – Lettura espressiva: studio degli elementi espressivi; colore, tonalità, inciso, tempo, ritmo, chiusura; pulizia della lettura; lettura di “carattere”, lettura cantata, lettura enfatica; analisi logica e commento estetico; il gioco del teatro; l’arte della retorica. Francesca Malagnini, direttore scientifico del corso e docente di Linguistica italiana presso la Stranieri sottolinea come: <<l’acquisizione di una dizione corretta, depurata da inflessioni regionali e dialettali marcate, è elemento imprescindibile per tutti coloro che devono saper usare professionalmente la parola in contesti accademici, pubblici e di comunicazione. L’iniziativa, decisamente innovativa nel contesto accademico, rappresenta un’opportunità efficace di perfezionamento nell’impiego della lingua italiana, ambito in cui l’Università per Stranieri di Perugia vanta una indiscussa tradizione in Italia e all’estero”.

Posted in Università/University | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Le nubi nell’universo primordiale

Posted by fidest press agency su martedì, 3 Maggio 2022

Padova Oltre tredici miliardi di anni fa, cioè al tempo della grande esplosione (Big Bang) in cui si sarebbe generato l’Universo, le immense nubi di gas che permeavano l’Universo primordiale fecero accendere le prime stelle dando origine a primitivi agglomerati stellari. In quell’epoca nacquero concentrazioni sferiche composte da centinaia di migliaia di stelle, dette ammassi globulari (globular clusters), che sono sopravvissute fino ai giorni nostri.Sebbene l’origine dei globular clusters sia ancora ignota, è ormai assodato che le stelle appartenenti agli ammassi globulari siano nate appena poche centinaia di milioni di anni dopo il Big Bang. Comprendere la composizione chimica delle nubi primordiali è certamente uno degli obiettivi più ambiziosi e complessi dell’astrofisica moderna. La difficoltà nasce principalmente dal fatto che gli ammassi globulari che osserviamo oggi hanno perduto una parte considerevole della materia gassosa che li aveva generati. Inoltre le poche tracce di gas primordiale tuttora sopravvissute al loro interno sono state contaminate dal materiale espulso da decine di migliaia di stelle durante la loro evoluzione perdendo irrimediabilmente la memoria della loro composizione iniziale.Un gruppo di astronome e astronomi di Italia, Australia e Stati Uniti ha svelato l’oscura composizione chimica delle nubi primordiali da cui si sono formati i globulari. I risultati della ricerca sono stati pubblicati sulla rivista «Monthly Notices of the Royal Astronomical Society» nell’articolo dal titolo con il titolo “Constraining the original composition of the gas forming first-generation stars in globular clusters” e portano la firma di Maria Vittoria Legnardi, una giovane dottoranda del Dipartimento di Fisica e Astronomia dell’Università di Padova che a soli 24 anni ha rivestito il ruolo di leader del team internazionale.«Nella nostra ricerca abbiamo rilevato delle variazioni nel contenuto di metalli che caratterizza le stelle di prima generazione. Poiché la composizione chimica di queste stelle riflette direttamente la chimica delle nubi da cui si sono formate, questo implica che anche le nubi fossero chimicamente disomogenee, contrariamente a quello che ci si aspettasse. Grazie alle straordinarie immagini ottenute dal telescopio spaziale Hubble – spiega Maria Vittoria Legnardi – abbiamo ricostruito le cosiddette mappe cromosomiche di circa il 25% degli ammassi globulari conosciuti. Si tratta di mappe in cui i colori delle stelle vengono combinati tra loro in modo tale creare dei super-colori indicativi del contenuto di alcuni elementi chimici. In sintesi, le mappe cromosomiche sono costituite da combinazioni di colori estremamente sensibili alla composizione chimica delle stelle negli ammassi globulari. Sulle ascisse è indicato il contenuto di elio delle stelle mentre sulle ordinate si può leggere il contenuto di azoto. In questo modo è possibile separare facilmente le stelle di prima generazione, l’oggetto principale di questo studio, da quelle di seconda generazione che presentano invece una composizione chimica riscontrata esclusivamente negli ammassi globulari. Sebbene sia pressoché impossibile ottenere informazioni dirette sulla composizione chimica delle nubi primordiali studiando il gas residuo tuttora presente negli ammassi, in questa ricerca abbiamo sviluppato una tecnica innovativa per poter far luce sugli ambienti di formazione degli ammassi basata sulle stelle di prima generazione. Queste stelle – sottolinea Legnardi – si sono formate direttamente dal gas primordiale e dunque conservano memoria della composizione chimica delle nubi primordiali da cui si sono formati gli ammassi globulari agli albori dell’Universo. Le immagini di Hubble sono state fondamentali poiché hanno una risoluzione migliore e sono molto nitide. Grazie ad esse abbiamo potuto studiare in dettaglio le regioni centrali degli ammassi, dove la densità di stelle è estremamente elevata. Inoltre – rileva Maria Vittoria Legnardi – il telescopio Hubble permette di ottenere immagini attraverso diversi filtri che isolano la luce delle stelle dall’ultravioletto al vicino infrarosso passando per l’ottico. Combinando in modo opportuno le informazioni provenienti da diverse regioni dello spettro elettromagnetico è possibile sviluppare dei super-colori – ad esempio quelli delle mappe cromosomiche – che sono estremamente sensibili alla composizione chimica delle stelle negli ammassi».«Questa tecnica innovativa – dice Lucia Armillotta, ricercatrice dell’Università di Princeton – ci ha permesso di isolare non solo le stelle che sono nate per prime e che conservano quindi la composizione originale della nube madre, ma anche le stelle delle generazioni successive. Le mappe cromosomiche rivelano che le nubi erano per lo più costituite della stessa materia originatasi con il Big Bang, ma contenevano già tracce di altre specie chimiche come il carbonio, l’azoto, l’ossigeno e altri elementi su cui si basa la vita stessa».«Uno dei risultati più sorprendenti – aggiunge Giacomo Cordoni, un altro autore della ricerca e afferente al Dipartimento di Fisica e Astronomia dell’Università di Padova – è che, contrariamente a quello che ci si aspettava, le nubi che hanno originato le prime stelle non erano chimicamente omogenee. Il loro contenuto di metalli, infatti, varia da una regione all’altra dell’ammasso e queste fluttuazioni implicano che le nubi originarie occupavano vaste regioni dell’Universo primordiale ed erano poco dense. Al contrario, il gas da cui si sono formate le stelle più giovani, nate centinaia di milioni di anni dopo le stelle di prima generazione, si è scoperto essere più omogeneo. Questo significa che le seconde generazioni di stelle si formarono in regioni in cui la densità del gas raggiungeva valori estremi».«L’unicità di queste nubi spiegherebbe anche le strane proprietà di queste stelle, caratterizzate da abbondanze chimiche che non si osservano in nessun altro luogo della Galassia. Le stelle di seconda generazione presentano un contenuto di elio, sodio e azoto maggiore rispetto alle stelle che si trovano nella Galassia. Al contrario, presentano un contenuto ridotto di carbonio e ossigeno. Stelle con una simile composizione chimica sono state osservate esclusivamente all’interno degli ammassi globulari. È affascinante prendere atto – conclude la team leader Maria Vittoria Legnardi – dello straordinario potenziale di informazioni contenute negli ammassi globulari, questi dati sono stati capaci di tracciare un’immagine dell’Universo neonato. I colori delle stelle che osserviamo oggi al loro interno, infatti, ci permettono di intuire quali fossero i principali ingredienti che componevano le nubi primordiali che permeavano l’Universo poche centinaia di milioni di anni dopo il Big Bang».

Posted in Università/University | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Graduatoria CWUR, dove Parma resta stabilmente al 14° posto tra le Università italiane in classifica

Posted by fidest press agency su sabato, 30 aprile 2022

La graduatoria CWUR, guidata anche quest’anno da Harvard, prende in esame 20mila Università di tutto il mondo, utilizzando come parametri di valutazione principalmente la didattica, la ricerca, l’occupazione e i premi internazionali riferiti a ogni Ateneo. Quattro i parametri presi in esame dal Ranking CWUR: Education (punteggio calcolato sulla base del numero di ex-alunni che hanno vinto importanti riconoscimenti rispetto alla dimensione dell’università) Employability (punteggio calcolato sulla base del numero di ex studenti che hanno ricoperto posizioni apicali nelle più grandi aziende del mondo rispetto alle dimensioni dell’università) Faculty (punteggio calcolato sulla base del numero di accademici che hanno vinto importanti premi e medaglie internazionali) Research: a) Research output (punteggio calcolato sulla base del numero totale di articoli di ricerca) b) High-quality publications (punteggio calcolato sulla base del numero di articoli di ricerca pubblicati su riviste di alto livello) c) Influence (punteggio calcolato sulla base del numero di articoli di ricerca pubblicati su riviste altamente influenti) d) Citations (punteggio calcolato sulla base del numero di articoli di ricerca “higly-cited”) Nel ranking 2022-2023 l’Università di Parma riporta ottimi risultati in particolare alla voce Faculty, dove è al 93° posto nel mondo. Parma è nella top 300 anche alla voce Education, dove si piazza al 297° posto nel mondo.

Posted in Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Sapienza si conferma il 1° ateneo italiano nel ranking internazionale CWUR 2022-23

Posted by fidest press agency su giovedì, 28 aprile 2022

La classifica colloca Sapienza al 113° posto assoluto al mondo e al 37° posto a livello europeo, nella Top 0,6% delle circa 20mila università censite Sapienza è prima tra le università italiane nella classifica internazionale elaborata dal Center for World University Rankings (CWUR) resa pubblica oggi, confermando la 113esima posizione assoluta a livello mondiale e guadagnando la 37esima posizione a livello europeo (+1 rispetto allo scorso anno).“Il primato italiano di Sapienza è una conferma prestigiosa e significativa, ottenuta in un ranking elaborato sulla base di solidi criteri oggettivi – spiega la Rettrice Antonella Polimeni – Anche in questo ambito, come già in altre classifiche internazionali, sia generali sia specifiche per singole discipline, l’Ateneo migliora le valutazioni nei principali indicatori considerati: un riconoscimento dell’eccellenza e del lavoro tutta la nostra comunità”.La classifica, che elenca le prime 2.000 università internazionali su circa 20mila scrutinate, è basata su 4 indicatori nei quali Sapienza ottiene i seguenti punteggi: Quality of Faculty 99 (118 nel 2021); Quality of Education 419 (473 nel 2021); Alumni Employment 499 (501); Research Performance 100 (stabile).Il ranking 2022-2023 conferma le prime tre posizioni a livello mondiale, rispettivamente assegnate all’Università di Harvard, seguita Mit di Boston e dalla Stanford University. In Italia dopo Sapienza si collocano Padova (170° posizione), Milano (179° posizione) e Bologna (181° posizione).

Posted in Roma/about Rome, Università/University | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »