Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 29 n° 151

Archive for the ‘Politica/Politics’ Category

Politics

Francia: Serracchiani, fermata onda Le Pen, ora convergere su Macron

Posted by fidest press agency su lunedì, 24 aprile 2017

marine le pen“L’onda della destra antieuropeista guidata da Marine Le Pen si è fermata davanti al realismo e a un radicato senso democratico dei francesi. Questo è ancora solo il primo turno, ma fa ben sperare per il 7 maggio”. Lo ha affermato la vicesegretaria del Pd Debora Serracchiani, commentando i risultati delle elezioni francesi, che vedono al primo turno in testa il centrista Emanuel Macron, seguita dalla leader del Fronte National Marine Le Pen. Per Serracchiani “ora l’auspicio e’ che la frammentazione dei partiti si ricomponga e, convergendo su Macron, assicuri stabilità alla Francia e nuova fiducia nell’Europa‎. E’ nell’interesse – ha concluso – di tutte le forze responsabili”.

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Asylum: MEPs demand urgent reform of the Dublin system and effective relocation of migrants

Posted by fidest press agency su lunedì, 24 aprile 2017

dublinThe current Dublin Regulation, which determines the member state responsible of dealing with each asylum claim, needs an urgent reform, according to MEPs of the Civil Liberties Committee in mission in Italy. MEPs also insisted that other EU countries must host some of the asylum-seekers now in Italy and Greece, as agreed in 2015.On Friday, at the end of a four days visit, Barbara Kudrycka (EPP, PL) and Juan Fernando López Aguilar (S&D, ES), heads of the delegation, said: “We came here to observe and listen to the way Italy manages the high number of arrivals of migrants and refugees at its sea borders. Italy is currently one of the biggest entry points of Europe, therefore the current migration situation is a European, not just an Italian issue. Observations and findings of the delegation are very relevant to the current work of the European Parliament for revising EU asylum legislation, in particular the Dublin Regulation.The delegation is impressed and pays tribute to the efforts of the Italian authorities, population, and all stakeholders, specifically in Sicily, to ensure that the fundamental rights of all migrants and refugees are respected and best processing practices, including for registering arriving migrants and ensuring the protection of external borders, are observed by all stakeholders. The delegation could also observe good cooperation between Italian authorities, NGOs, and EU agencies, and noted the valuable support of EASO, Frontex and Europol.The efforts made by Italy and the extraordinary example of the Sicilian people are not just commendable to Italy but they also safeguard the values of the EU as a whole. The efforts to save lives at sea through search and rescue while fighting against smuggling and trafficking of human beings are tremendous. This is all the more important given the increasing instability and worrying situation in neighbouring countries, notably Libya.The new legislation on unaccompanied minors, although it still needs to be put to the test of reality, seems to be a step in the right direction. It is very much needed, given the arrivals of ever-higher figures of minors of ever-lower age among which increasing numbers of trafficking victims.But of course there are still issues to be addressed:
– We realised that many authorities, including local authorities but also the judiciary, are facing important limitations as far as financial and human resources are concerned, recognising that Italy shoulders a greater relative burden in dealing with the migration situation.
– Visiting Italy gave us yet more evidence that the current Dublin regulation does not work, and given the current pitfalls there seems to be an urgent need for reform.
– Relocation of asylum seekers to other Member States needs to be implemented as agreed, to demonstrate solidarity in practice.
– The need for large scale search and rescue operations demonstrates that Europe must create safe and lawful routes for migration. Resettlement in particular needs to be reinforced.
What Italy is dealing with should be wake-up call to Europe for a more collective response and fairer sharing of responsibility.”

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Migrant child protection still a grave concern

Posted by fidest press agency su lunedì, 24 aprile 2017

migrantesThe treatment of asylum-seeking and migrant children continues to be worrying in many parts of Europe. This is one of the main concerns from the latest summary report of the EU Agency for Fundamental Rights (FRA) on migration-related fundamental rights in selected EU Member States which points to inadequate living conditions and support leading to ill-heath. The Agency’s latest summary identifies pressing fundamental rights issues that need addressing in various EU Member States. Some of the main findings include:
Asylum-seeking and migrant children continue to suffer in many countries. Unaccompanied children often receive little support and can be housed with adults they do not know. Their health and wellbeing can also deteriorate, resulting in suicide attempts, as they approach adulthood or face moving to other parts of the country or being returned following failed asylum claims. Methods for assessing age, where, for example the Swedish Migration Agency found 60% of all cases to be insufficiently investigated, pose problems for children in many cases. In addition, not enough guardians, staff lacking the skills or time to deal with migrant children, and too few places in adequate and secure facilities, all compound the difficulties children face.
The pattern of new arrivals is changing with numbers rising in Greece but particularly in Italy, and dropping significantly in Hungary, where a smart fence with speakers warns against irregular crossing in different languages. In Spain, the use of small boats to arrive grew by 62% in the first three months of 2017 compared to the same period in 2016.
Asylum patterns are also changing with applications rising in Italy and falling in Germany and Hungary. In Hungary, the transit zone policy has left some 8,000 people waiting in Serbia to enter and only 5 people per working day are being admitted to each of the two transit zones.
Overcrowding, poor facilities and the growing use of detention remain problematic, particularly in hotspot and reception facilities. Healthcare for people with mental health issues or suffering anxiety and depression, and privacy for women continue to be issues.
Hate speech, particularly online, continues to remain high. In the Netherlands over a fifth of all online hate speech was found to target asylum seekers and migrants.
In some countries the political response to the migration situation continues to become more restrictive. Legislative initiatives in several Member States aim at restricting appeals, increasing detention, and facilitating and accelerating returns. Society in many Member States is also becoming more polarised with demonstrations for and against migration and asylum.
The European Commission asked the Agency to collect data about the fundamental rights situation of people arriving in Member States particularly affected by large migration movements. The reports cover 14 Member States: Austria, Bulgaria, Denmark, Finland, France, Germany, Greece, Hungary, Italy, the Netherlands, Poland, Slovakia, Spain and Sweden.

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Merchants of Doubt or investigating Corruption

Posted by fidest press agency su lunedì, 24 aprile 2017

MerchantsStrasbourg from Monday 24 to Friday 28 April – members of the Parliamentary Assembly of the Council of Europe (PACE) will meet in Strasbourg and decide whether their institution has a future. The question is whether there is a majority of members in PACE prepared to act in the face of what German daily Der Tagesspiegel called “the biggest corruption scandal in the history of the Council of Europe” and launch an independent investigation.
The Sawicki proposal remains contested. For weeks now, those opposed to an independent investigation have tried to muddy the waters, divert attention and change the subject – merchants of doubt, trying to argue away the accumulating evidence of a major crisis. They ignore the most obvious argument for a serious investigation, as explained to the Guardian by former Swedish minister of justice Tobias Billstrom (EPP). According to the paper:
bureau“Billström said it would be inconceivable for the Council of Europe to turn down a request for an independent investigation when it faces ‘so many serious allegations… which concern the ability of the parliamentary assembly to function as it was intended, as a watchdog against corruption.’ He urged MPs in the assembly to endorse ‘very good’ proposals drawn up by its most senior official, Wojciech Sawicki, setting out the terms for an independent inquiry.”The first confrontation will take place in the Bureau of the Assembly – a body of 33 members – on early Monday morning in Strasbourg. The issue before the Bureau is not to declare whether the government of Azerbaijan or members of its delegation have indeed for many years tried to corrupt individual members of PACE, something that has become known as Caviar Diplomacy. The issue is whether there is a majority in PACE that is willing to find out and to investigate the allegations. (Photo: Merchants, bureau)

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Theresa May seeks a snap election

Posted by fidest press agency su giovedì, 20 aprile 2017

Theresa MayIT IS less than two years since Britain’s last general election, ten months since the Brexit referendum and nine months since Theresa May entered 10 Downing Street, replacing David Cameron. Yet today the prime minister announced that the country would soon face more upheaval: a snap general election on June 8th. Polls suggest that her Conservative Party will win comfortably. But Britain’s negotiations with the European Union will make the election a more complicated contest than Britain has seen in many years.
Under the Fixed-term Parliaments Act of 2011, Mrs May needs the backing of two-thirds of the House of Commons to call an election. (Oddly, her own MPs will have to vote in favour of a motion of no confidence in the government in order to bring the election about.) But this will be a formality: the leaders of the main opposition parties have already said they are in favour.
They could hardly be seen to turn down a chance to eject the government. But the truth is that for many in the Labour Party, the official opposition, the election is uncomfortably timed. Labour trails the Tories in the polls by more than 20 percentage points (see chart below), thanks mainly to the unpopularity of its leader, Jeremy Corbyn, an uncharismatic far-leftist who was chosen with enthusiasm by the party’s members in 2015, and again in 2016, but who fails to appeal to voters more widely. Bookmakers are giving odds as long as ten to one of Labour winning more seats than the Conservatives.More likely is that Mrs May will be able to extend her working majority, currently just 17, which will give her a freer hand both in her EU negotiations and in setting an agenda at home, where she has so far proposed very little. She also has in mind her lack of a direct mandate: she has never won a general election, having succeeded Mr Cameron as prime minister only via a Tory party leadership contest.In her statement announcing her intention to seek an election she went further, implying that it was a chance to heal divisions over Brexit. “The country is coming together, but Westminster is not,” she said. In fact, something like the reverse is true: whereas polls and street marches show that a large minority remain bitterly against Brexit, in February MPs dutifully backed the legislation allowing her to trigger it by 492 votes to 122. Nonetheless, winning a general election would allow Mrs May to claim popular backing for her “hard” approach to Brexit—including taking Britain out of the EU’s single market—something that the referendum did not specify.Going to the country carries risks for the prime minister. One penalty for doing so is giving up nearly two months of the government’s time and energy, when it has just two years to negotiate its exit terms with the EU. That was already a narrow window; the government’s agenda now looks more hurried still. Mrs May might calculate that not much is going to happen until after the German elections in September, so there is little to lose.Another complicating factor is the unstable situation in Scotland and Northern Ireland. Only recently Mrs May turned down a request by Nicola Sturgeon, Scotland’s first minister, for an independence referendum in Scotland, on the basis that it would be irresponsible to hold such a vote when the terms of Brexit were not yet clear. It is hard to see why the same cannot be said of holding a general election now in Britain. In Northern Ireland, meanwhile, the power-sharing government is currently suspended, and there is the prospect of a fresh election to its devolved assembly.Perhaps the biggest complication at home, however, is that division over Brexit has unpredictable consequences for how people will cast their vote. The populist UK Independence Party was jubilant after achieving its defining ambition of Brexit last summer, and was billed by some as a future rival to Labour in many parts of England; but it has since flopped in by-elections. The leftish Liberal Democrats, meanwhile, have defined themselves as the opponents of Brexit, a strategy which has seen them picking up seats in council and parliamentary contests since the referendum. Some senior Tories worry that the Lib Dems will deprive them of victory in many parts of London and the south-west. These factors meant that the decision to go to the country was harder than it might have looked for a prime minister with a near-record lead in the polls. Last year Mrs May ruled out an election before 2020. In performing a U-turn she seems to have decided that the gamble is worth it. (font: The Economist) (photo: theresa may)

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Migration and asylum: Civil Liberties MEPs to visit Italy

Posted by fidest press agency su mercoledì, 19 aprile 2017

siciliaA Civil Liberties Committee delegation will travel to Rome and Sicily, from 18 to 21 April, to look into Italian authorities’ management of migrants and asylum seekers. MEPs will inter alia visit the reception centre Castelnuovo di Porto, the harbour in Augusta (landing site for a vast number of migrants in Italy) as well as the refugee “hotspot” in Pozzallo. The main purpose of the visit is to deepen the members’ understanding of the functioning of the “hotspots” and the interplay between EU and national actors in different aspects of dealing with the large numbers of arrivals of asylum seekers and migrants in Europe. MEPs will meet with different institutions and stakeholders, as well as conduct on-site visits, with the aim to gain better insight in the situation on the ground. Other topics for discussion with local representatives are to include further search and rescue operations, disembarkation procedures and relocation.Heads of the delegation: Barbara Kudrycka (EPP, PL) and Juan Fernando López Aguilar (S&D, ES).
Members: Branislav Škripek (ECR, SK), Jaromír Štetina (EPP, CZ), Miltiadis Kyrkos (S&D, EL) Anna Maria Corazza Bildt (EPP, SV), Morten Helveg Petersen (ALDE, DK), Alessandra Mussolini (EPP, IT), Cécile Kashetu Kyenge (S&D, IT) and Salvatore Domenico Pogliese (EPP, IT).

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

In Francia si avvicina il primo turno delle presidenziali

Posted by fidest press agency su mercoledì, 19 aprile 2017

le pen marineE i mercati stanno tornando nervosi, dal momento che i sondaggi mostrano una corsa a quattro con Le Pen data come vincitrice del primo round.Riteniamo che il mercato faccia bene a incorporare un premio di rischio, ma pensiamo che una presidenza francese fortemente euroscettica sia un rischio poco probabile. Le Pen non dovrebbe vincere il secondo turno, anche se forse con un margine più stretto rispetto a quanto dicono i sondaggi, considerato il largo numero di indecisi. Se anche dovesse vincere, è davvero poco probabile che l’Assemblea Nazionale le permetta di minacciare la permanenza della Francia nell’euro.Detto questo, i mercati potrebbero rimanere nervosi per i prossimi due mesi se Le Pen facesse bene al primo turno, soprattutto se il secondo vedrà un testa a testa tra estrema destra ed estrema sinistra.Per adesso, all’interno del nostro fondo Global Multi-Asset Income, abbiamo delle coperture dai rischi legati all’euroscetticismo, inclusa una posizione short sui bond governativi francesi rispetto ai loro corrispettivi tedeschi, e siamo short sull’euro rispetto alle valute di altri Paesi europei.La nostra maggiore preoccupazione è il rischio, seppur per noi poco probabile, che il partito euroscettico conquisti la maggioranza in Italia alle prossime elezioni, che si terranno probabilmente più in là quest’anno. (Commento a cura di John Stopford, Portfolio Manager del Global Multi Asset Income Fund di Investec Asset Management)

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Conti pubblici e la “manovrina” del governo

Posted by fidest press agency su domenica, 16 aprile 2017

palazzo-chigi“Il governo è stato costretto a fare la manovrina perché l’Europa ha detto: ‘attenzione, siete fuori con i numeri, rientrate’. Questo vuol dire che se si fa la manovrina i conti non vanno bene. E per riequilibrarli o si taglia la spesa, cioè minori benefici per i cittadini, o si aumentano le tasse, oppure tutti e due. In realtà il governo ha voluto fare la manovrina assieme al Def per fare confusione, per metterla in secondo piano rispetto al libro dei sogni che è il Def”. Lo ha detto a Zapping (Rai Radio1) Renato Brunetta, capogruppo di Forza Italia alla Camera dei deputati. “Il governo ha voluto nascondere la manovrina per nascondere che gli italiani, dal prossimo mese, dovranno sborsare 3,4 miliardi di euro. È un grande imbroglio”, ha concluso l’esponente azzurro.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

La “flessibilità” del governo Renzi

Posted by fidest press agency su domenica, 16 aprile 2017

“Il governo Renzi ha usato la flessibilità che l’Europa gli ha concesso malamente. Gli 80 euro sono costati 10 miliardi di euro e questa mancia non è servita a niente perché la gente aveva paura e non ha aumentato i consumi e il reddito non è cresciuto. Il Jobs Act è costato altri 20 miliardi di euro di sgravi per le assunzioni che non hanno portato una sola assunzione in più. Se questi 30 miliardi di euro, cioè la flessibilità che ci aveva dato l’Europa, fossero stati utilizzati non per fare consenso ma per incentivare gli investimenti pubblici e quelli privati molto probabilmente il reddito sarebbe cresciuto di più, sarebbe cresciuta la buona occupazione e anche i consumi”. Lo ha detto a Zapping (Rai Radio1) Renato Brunetta, capogruppo di Forza Italia alla Camera dei deputati. “La politica economica di Renzi e Gentiloni è stata totalmente sbagliata. I risultati sono sotto gli occhi di tutti: la gente ha paura, c’è disoccupazione, non vanno bene i consumi e l’Europa ci bacchetto. I 30 mld di flessibilità che l’Europa ci aveva dato sono stati buttati via”, ha concluso Brunetta.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Pompei: fondi UE per un fiore all’occhiello del patrimonio europeo

Posted by fidest press agency su sabato, 15 aprile 2017

pompei dove il tempo si è fermatoBruxelles. La Commissione investe quasi 50 milioni di euro del Fondo europeo di sviluppo regionale nel proseguimento dei lavori di conservazione e restauro di questo sito simbolo dell’archeologia italiana. Si prevede che dopo il completamento dei lavori di restauro cofinanziati dalla politica di coesione dell’UE l’antica città romana di Pompei, classificata come patrimonio mondiale dell’UNESCO, accoglierà quasi 200 000 turisti in più ogni anno.La Commissaria per la Politica regionale Corina Creţu, che ha visitato il progetto in febbraio, ha dichiarato: “A Pompei restauriamo e preserviamo le opere d’arte del passato, ma in realtà lo facciamo per il nostro futuro, perché i nostri nipoti possano godere di questo sito unico al mondo, parte della storia e dell’identità culturale che abbiamo in comune. In più, così facendo diamo il nostro contributo allo sviluppo economico della Campania, promuovendo il turismo e l’imprenditorialità”.
Il pacchetto di investimenti di 50 milioni di euro finanzia sia il consolidamento delle strutture e degli antichi edifici del sito archeologico per ripristinarne il carattere urbano sia la realizzazione di un sistema di canalizzazione e drenaggio delle acque e di altre opere di restauro e miglioramento, nonché la formazione del personale.
ContestoL’UE ha iniziato a sostenere opere di restauro a Pompei nel periodo finanziario 2000-2006, e ha adottato il “grande progetto Pompei”, finanziandolo complessivamente con 105 milioni di euro, nel periodo 2007-2013. La decisione odierna consentirà che il progetto venga completato con i fondi del periodo 2014-2020.I lavori di scavo del sito archeologico di Pompei, appartenente al patrimonio UNESCO, proseguono con varia intensità dal 1748. L’esposizione e tecniche di scavo inadeguate con il passare del tempo hanno deteriorato il sito. Questo progetto ha lo scopo di arrestare e invertire il processo di deterioramento, riunendo nel contempo i vari settori in una singola area scavata. Con il sostegno dei fondi UE, nel 2016 il sito è stato anche reso accessibile alle sedie a rotelle.

Posted in Estero/world news, Politica/Politics, Uncategorized | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Criminalità rumena in Italia: non è un’opinione ma dati oggettivi

Posted by fidest press agency su sabato, 15 aprile 2017

luigi di maiodi Marius Daniel Lupascu – M5S Pinerolo. Sono molto dispiaciuto per quanto sta accadendo in queste ore, per il fatto che il nostro Parlamentare Luigi Di Maio sia stato vittima dell’ennesimo attacco mediatico infondato e immotivato. Il suo post relativo alle statistiche che riguardano la criminalità rumena in Italia e le imprese italiane che spostano la produzione in Romania non sono una sua opinione, sono dei dati oggettivi, dei numeri, che nei giorni scorsi sono stati divulgati non da lui ma da un Sostituto Procuratore statistiche alla mano.Sono un consigliere del M5S a Pinerolo sono nato in Romania ma vivo in Italia da 16 anni e vi posso assicurare una cosa: se avessi mai percepito sentimenti di odio, razzismo o xenofobia nel Movimento non mi sarei mai e poi mai candidato! E questo vale sia a livello di programma nazionale che a livello umano tra i membri del Consiglio di cui faccio parte e tra i numerosi attivisti nel mio Comune.
Sono al mio primo mandato e devo dire che sono molto felice di avere fatto questa scelta. Quando ho conosciuto i primi attivisti del Movimento 5 stelle è stato per me come un colpo di fulmine. In un mondo politico in cui non credevo e nel quale non avevo alcuna fiducia, per la prima volta conoscevo persone che la pensavano come me su tante tematiche: l’onestà come requisito fondamentale della classe politica, l’abolizione dei privilegi, la sovranità popolare così bistrattata da un Europa partita bene ma dimostratasi fallimentare per le economie dei singoli Stati, e soprattutto la tutela dell’ambiente, la nostra ricchezza più grande. E infatti proprio di ciò mi occupo in Consiglio: faccio parte del tavolo ambiente e porto avanti dei progetti relativi alla tutela animale. Mi sono sentito da subito parte di un progetto, sono sempre stato rispettato per ciò che sono e apprezzato per la mia voglia di contribuire a cambiare le cose.Se molti criminali dalla Romania e dagli altri Paesi decidono di venire in Italia a delinquere è sicuramente grazie al fatto che è risaputo che la Giustizia da noi non funziona! Insomma, si è quasi liberi di delinquere, tanto si sa, in galera non ci va quasi nessuno! In Romania vi assicuro che i criminali non agiscono indisturbati come accade qui… Noi cittadini onesti non ci sentiamo tutelati da uno Stato che non è in grado di mandare in galera chi non rispetta la legge!Altro punto importante: le aziende italiane, così come le aziende rumene, sono state danneggiate pesantemente dalle politiche dell’Unione Europea. Ma in Italia si aggiunge un problema che in Romania non c’è: la tassazione elevatissima! Come fanno le aziende a sopravvivere con tasse che toccano il 70per cento? E’ pura utopia! Luigi Di Maio ha giustamente denunciato il sistema fiscale italiano, che costringe le aziende a migrare altrove lasciando i propri cittadini senza lavoro.Molti di voi avranno letto il Blog del Movimento 5 stelle del 12 aprile 2017, giorno in cui è uscito un bellissimo articolo di sostegno e appoggio al popolo rumeno che in quel periodo era sceso in piazza a protestare contro la corruzione. Quell’articolo esprimeva la più grande vicinanza a quella protesta così forte, e quando ho letto “la loro battaglia è un esempio per tutti noi”, beh, confesso di essermi emozionato, e mi sono sentito onorato di essere un po’ italiano anche io. Grazie al Movimento per quello che fa, e grazie per avermi dato la possibilità di essere un Consigliere Comunale e oggi di esprimere un mio pensiero. A riveder le stelle! (fonte: Blog di Beppe Grillo)

Posted in Cronaca/News, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

DL immigrazione: come prima, più di prima

Posted by fidest press agency su venerdì, 14 aprile 2017

immigrati«Dopo aver sentito il titolo altisonante per questo decreto legge gli scafisti di mezzo mondo si saranno allarmati e avranno detto: vuoi vedere che ora che agli Interni è arrivato Minniti e non c’è più Angelino Alfano, detto anche ‘Caronte’ il grande traghettatore di Africani in Italia, le cose sono cambiate? Ma lo sconcerto è durato solo il tempo di leggere il testo. Un po’ come quando si vede un minaccioso cartello con scritto “Attenti al cane”, ma poi dietro il cancello arriva correndo un chihuahua con un fiocco rosa. Il problema va affrontato a monte per impedire ai barconi di partire. Bisogna fare quello che è stato fatto ad esempio in Est Europa per il confine turco e avviare un accordo serio con i governi libici, aprire in Africa con una missione europea e i centri per l’identificazione e valutazione delle richieste d’asilo e da li distribuire chi ha diritto negli Stati europei. So che questo non può essere scritto su un decreto legge ma penso che questo debba essere l’obiettivo prioritario sul quale il governo italiano dovrebbe lavorare. Questo decreto non distingue il tema dei rifugiati da quello dell’immigrazione incontrollata, due fenomeni completamente diversi». È quanto ha detto in aula a Montecitorio il presidente di Fratelli d’Italia, Giorgia Meloni intervenendo in dichiarazione di voto sul decreto “Disposizioni urgenti in materia di protezione internazionale e di contrasto dell’immigrazione illegale”.«Nel testo non c’è nessun riferimento alle sedicenti ONG che, come denunciato perfino da Frontex, vanno a prendere i barconi degli scafisti a largo delle coste libiche con una puntualità particolare che lascerebbe intendere che ci sia un contatto nella peggiore delle ipotesi, tra loro e chi fa la tratta degli schiavi del terzo millennio. E nel testo non c’è nulla sugli interessi che si celano dietro la questione dell’immigrazione. Dire ad esempio che chi ruba sulla pelle della povera gente non è solidale ma fiancheggia un business sarebbe stato serio, ma quando Fratelli d’Italia ha presentato la proposta “taglia business” per chiedere che le cooperative che si occupano di migranti rendicontino come spendono i soldi che prendono dallo Stato i partiti che sostengono il vostro governo hanno votato contro. Poi si continua a far finta che non ci sia un problema terrorismo che si annida nel caos generato dai migranti, come dicono anche i servizi segreti di mezzo mondo. Minniti, di lei si dice che sta facendo un grandissimo lavoro. Lei però ha avuto la fortuna di essere il successore di Alfano e questo vuol dire che se fa anche solo un comunicato stampa già sembra che stia facendo qualcosa di ottimo, ma questo provvedimento qui è propaganda, non è un decreto legge fatto per affrontare il problema ma per fare campagna elettorale e sono due cose molto diverse», ha spiegato Meloni.

Posted in Politica/Politics, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

The Future Cohesion Policy Should Represent EU Solidarity in Action/La future politique de cohésion doit symboliser la solidarité européenne

Posted by fidest press agency su venerdì, 14 aprile 2017

europaOn 15th February 1987, the President Jacques Delors gave a famous speech entitled “Achieving the Single Act” in the European Parliament. He explained the fundamentals of the Cohesion Policy (CP) to be launched in June 1988. Thirty years after, it seems obvious that the contribution of the CP to public investment and to the EU 2020 Strategy is not enough to convince the national policy-makers and EU citizens to maintain funding for all of the regions. If we want to ensure the continuity of the CP, we need to substantially reform it in order to make evident that it helps EU citizens wherever they live to face new challenges, and that the CP is the best tool to create EU solidarity. According to Marjorie Jouen, adviser at the Jacques Delors Institute, PC reform should then simultaneously follow two directions: Revisit the convergence objective in the light of new challenges; Identify the “EU solidarity needs” which may be addressed by a placed-based, multi-annual, and partnership development policy. This Tribune was written for the Warsaw Conference entitled « The future of Cohesion Policy post- 2020 », co-organised by the European Committee of the Regions and the Region of Mazovia on the 3rd of March 2017.
Le 15 février 1987, le Président Jacques Delors prononçait un discours célèbre intitulé « Réussir l’Acte unique » devant le Parlement européen. Il expliquait les fondamentaux de la Politique de cohésion (PC) devant être lancée en juin 1988. 30 ans après, il devient évident que la contribution de la PC à l’investissement public et à la réalisation de la stratégie EU 2020 n’est pas suffisante pour convaincre les décideurs politiques nationaux et les citoyens européens de l’intérêt de maintenir des financements pour toutes les régions.
Si nous voulons assurer la continuité de la PC, nous devons substantiellement la réformer afin qu’il soit évident pour tous les citoyens européens qu’elle les aide à faire face aux nouveaux défis et qu’elle est le meilleur instrument d’exercice de la solidarité européenne. Selon Marjorie Jouen, conseillère à l’Institut Jacques Delors, cette réfome doit suivre simultanément deux directions:
revisiter l’objectif de convergence à la lumière des nouveaux défis; identifier les « besoins de solidarité européenne » auxquels une politique de développement territorialisée, multi-annuelle et partenariale peut répondre.
Cette Tribune a été écrite pour la conférence de Varsovie intitulée « L’avenir de la politique de cohésion après 2020 », co-organisée par le Comité européen des régions et la Région de Mazovie, le 3 mars 2017.

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Immigrazione: provvedimento di sola propaganda

Posted by fidest press agency su mercoledì, 12 aprile 2017

camera deputatiRoma camera deputati. Il governo ha apposto l’ottantatreesima questione di fiducia in questa legislatura. Il mio gruppo, naturalmente, ha votato contro questa ennesima fiducia. Per motivi politici, noi siamo saldamente all’opposizione, e per motivi di merito sul provvedimento in questione”. Lo ha detto Pietro Laffranco, deputato di Forza Italia, nel suo intervento in Aula a Montecitorio durante la discussione sul dl immigrazione. “Ci sono organizzazioni non governative che favoriscono l’arrivo di immigrati clandestini nel nostro Paese, e su questo specifico punto abbiamo già chiesto al Senato un’indagine conoscitiva per capire fino in fondo il modo di operare di queste Ong. Che si faccia quest’indagine, presto e bene. L’Italia, e questo provvedimento non migliorerà il quadro, non è in grado di gestire il fenomeno dell’immigrazione clandestina, non facciamo rispettare le leggi, e quindi poi non possiamo di conseguenza chiedere all’Europa di rispettare gli accordi presi in sede comunitaria. Il governo con la richiesta della fiducia evita in questo modo il dibattito in parlamento. Non capisco, francamente, l’obiettivo politico di questo atteggiamento, quando qui alla Camera la maggioranza può contare su numeri larghissimi. Le nostre proposte sono state semplicemente cestinate e non prese in alcuna considerazione. Eppure erano tutte idee di buon senso per migliorare sensibilmente il provvedimento. La risposta del governo è stata: fiducia. Non ci sono parole. Quello che abbiamo davanti è un decreto evanescente, di pura propaganda. Minniti e Orlando hanno scritto un provvedimento che non affronta i punti nodali fondamentali: chiacchiere tante, fatti nessuno. Gli sbarchi proseguono, e le risorse, invece, sono al palo. Il governo Gentiloni ha avuto un approccio e risultati fallimentari, non ha ottenuto niente in Europa, non riesce a gestire il fenomeno in Italia. Serve autorevolezza da parte del governo affinché vada in Europa per affrontare con decisione i temi della lotta al terrorismo e della difesa dei nostri confini: non vuol dire chiudersi, vuol dire regolamentare i flussi migratori”.

Posted in Politica/Politics, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

I fumogeni del governo per nascondere l’aumento delle tasse

Posted by fidest press agency su martedì, 11 aprile 2017

Palazzo chigi1“Il governo la butta in caciara. Non sa dove trovare i 3,4 miliardi della manovrina, non sa cosa dire nel Def, rinvia il Consiglio dei ministri per l’approvazione di queste due misure. Fa trapelare notizie di tagli, incentivi, sussidi, mescolati al Piano nazionale delle riforme – privatizzazioni, liberalizzazioni – per far confusione, per non far capire agli italiani che dalla prossima settimana aumenteranno le tasse”.Lo ha detto Renato Brunetta, capogruppo di Forza Italia alla Camera dei deputati, parlando con i giornalisti in sala stampa a Montecitorio.“Aumenteranno le accise, aumenteranno probabilmente le sigarette, gli alcolici, forse la Coca Cola. Robetta di questo tipo: aleatoria, superficiale, senza carattere strutturale. Il tutto per dimostrare a Bruxelles che sta raccattando qualche miliardo di euro, in realtà non sarà così.E il governo mescolerà tutto questo insieme a sgravi fiscali a questo o a quello, riduzione del cuneo fiscale, salvo non dire che queste sono idee, programmi per il futuro che poi non si realizzeranno, visto che questo governo è in fase non solo discendente, ma in fase finale, anzi terminale.E questo è l’imbroglio del governo. Mescola tutto in un unico calderone: manovrina che aumenterà le tasse, Def che traccia percorsi luminosi, Pnr rispetto al quale non c’è alcun accordo all’interno della maggioranza (pensiamo al catasto). Il governo mescola tutto insieme cercando così di indorare la pillola. La pillola invece è amara, e aumenteranno le tasse”.

Posted in Politica/Politics, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Agenda lavori parlamento europeo

Posted by fidest press agency su martedì, 11 aprile 2017

european parliamentBruxelles. Politica migratoria / di ritorno. La questione del ritorno dei migranti senza diritto di soggiorno nell’UE sarà oggetto di un dibattito tra la commissione Libertà Civili e la Commissione europea, che ha recentemente proposto alcune riforme delle norme esistenti. (Martedì)
Spreco di cibo. La commissione Ambiente proporrà misure per ridurre gli sprechi di cibo del 50% entro il 2030, ad esempio rendendo più semplice il processo di donazione dei generi alimentari. Le proposte contribuiranno alla discussione attualmente in atto al Parlamento europeo sul pacchetto legislativo sull’economia circolare e sulla gestione dei rifiuti. (Martedì)
Agenda del Presidente. Il presidente del Parlamento europeo Antonio Tajani terrà un discorso al European Solidarity Corps Stakeholders Forum mercoledì a Bruxelles.

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

“L’azione di governo delle sinistre, prima con Renzi e adesso con Gentiloni, è stata ed è totalmente fallimentare”

Posted by fidest press agency su sabato, 8 aprile 2017

palazzo chigiCosì Renato Brunetta, capogruppo di Forza Italia alla Camera dei deputati, in un’intervista a “Il Dubbio”.“La riforma costituzionale è stata nettamente bocciata; la loro legge elettorale, l’Italicum, è stata dichiarata incostituzionale dalla Consulta; con il Jobs Act si sono buttati a mare 20 miliardi senza creare alcun nuovo posto di lavoro; con gli 80 euro hanno speso 10 miliardi all’anno lasciando consumi e crescita al palo; la Buona Scuola ha creato solo caos tra docenti, studenti e famiglie; Pubblica amministrazione? ‘riforma’ affossata dal Consiglio di Stato e dalla Corte costituzionale, con parallela resa al sindacato; banche: dopo il fallimento di Banca Etruria, Banca Marche, CariChieti e CariFerrara, 150.000 truffati e 4 decreti, per salvare Mps e mettere in sicurezza il sistema sono serviti 20 miliardi; siamo assediati dall’immigrazione clandestina; abbiamo più tasse, più debito, più deficit e nessuna spending review: la pressione fiscale in Italia è aumentata e continuerà ad aumentare con la ‘manovrina’. Queste sono considerazioni da guerra civile. Hanno fatto deragliare un intero Paese.
L’esecutivo Gentiloni dovrà coprire, entro metà aprile, i 3,4 miliardi di ‘buffi’ lasciati da Renzi, pena una procedura d’infrazione da parte dell’Unione europea. E poi abbiamo la maxi-manovra autunnale: 20-30 miliardi per annullare le clausole di salvaguardia e per mettere pezze alle sciagurate politiche economiche di questi ultimi tre anni. Renzi, Padoan e Gentiloni hanno distrutto tutto, hanno devastato l’Italia. È il PdR (il Partito di Renzi) il problema del Paese, non la soluzione. Questo gli italiani lo sanno bene”.

Posted in Politica/Politics, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Nissoli: rilasciare la Carta di identità elettronica anche all’estero

Posted by fidest press agency su sabato, 8 aprile 2017

carta di identitàRoma. L’on. Nissoli ha partecipato ai lavori della Commissione parlamentare di inchiesta sul livello di digitalizzazione e innovazione delle pubbliche amministrazioni, duranti i quali è stato audito l’amministratore delegato dell’Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato, Paolo Aielli.Dopo la relazione del dott. Aielli, in cui ha parlato dello stato dell’arte circa l’implementazione della Carta di identità elettronica (CIE), l’on. Nissoli ha chiesto, in merito agli iscritti AIRE, “quando è prevista la possibilità per i consolati di rilasciare la CIE” e in che tempi. E ricordando che “la CIE è classificata a livello internazionale (ICAO) come un documento di viaggio al pari del passaporto elettronico”, ha chiesto di sapere “come sarà possibile rilasciare la CIE agli iscritti AIRE”.Nella risposta i rappresentanti della Zecca dello Stato hanno evidenziato che il rilascio, tramite consolati, della CIE agli iscritti AIRE, non è ancora possibile ed il Poligrafico attende istruzioni ancora non emesse dal Ministero dell’interno.
Una risposta che ha portato l’on. Nissoli a dichiarare che “sarebbe opportuno che il tema, visti i notevoli vantaggi che i residenti all’estero possono trarre dalla CIE, anche in termini di servizi, inizi ad essere affrontato con maggior solerzia dal Ministero. Infatti, essendo la CIE conforme agli standard ECC, european citizen card, sarà possibile consentire al cittadino, ovunque si trovi, di accedere ai servizi on line della PA con autenticazione sicura tramite la CIE direttamente dai propri device, PC, tablet e smartphone. Sostanzialmente si tratta di favorire la comodità del cittadino ed il risparmio da parte dell’Amministrazione”. (foto: carta di identità)

Posted in Cronaca/News, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Legittima difesa: Una legge non più rinviabile

Posted by fidest press agency su sabato, 8 aprile 2017

armi“La distanza del Pd sulla questione sicurezza dalle esigenze dei cittadini è talmente siderale che i suoi parlamentari preferiscono tacere. Troppo affaccendati nelle beghe interne delle poltrone perse, dei numeri congressuali, legge elettorale, sui quali viceversa dichiarano molto, i democrat mettono a rischio la tenuta della coesione sociale. Il centro-Italia al collasso per il terremoto sul quale s’intravede il quarto dl; il nord Italia abbandonato alle razzie di criminali che dovevano restare in carcere ma che hanno usufruito di sconti di pena e di indulti generalizzati; il sud d’Italia alla deriva con disoccupazione alle stelle, infrastrutture insufficienti e tratte aeroportuali in dismissione. Li richiamiamo a un senso di responsabilità politica e istituzionale: ogni tanto pensino agli italiani e approvino una nuova norma sulla legittima difesa che consenta a chi si difende di evitare un processo e trovarsi davanti alla magistratura con ingenti impegni di risorse economiche”. È quanto dichiara il capogruppo di Fratelli d’Italia-Alleanza nazionale Fabio Rampelli. (n.r. siamo convinti che questa legge è solo un aspetto di un problema di più vasta visione e che riguarda tutta la filiera giustizia dove è importante favorire i processi rapidi e senza prescrizioni per taluni reati gravi)

Posted in Diritti/Human rights, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »