Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 33 n° 348

Posts Tagged ‘sistema integrato’

Incontro Mi e sindacati per la presentazione e il confronto sulle linee pedagogiche per il sistema integrato “Zerosei”

Posted by fidest press agency su lunedì, 17 Maggio 2021

L’incontro, tra il ministero dell’istruzione e le organizzazioni sindacali, è stato coordinato dal dott. Gianluca Lombardo, dirigente del ministero dell’istruzione; le Linee guida sono state presentate dalla dott.ssa Silvestro Mariarosa, dirigente tecnico MI. Anief ha partecipato all’incontro con la dirigente sindacale Lucia Aparo e il segretario generale Giuseppe Faraci. A inizio del proprio intervento Lucia Aparo ha voluto innanzitutto ringraziare i membri della commissione nazionale per il sistema integrato di educazione e di istruzione per il grande lavoro svolto, che vede il sistema integrato “Zerosei” come un autentico salto di qualità per tutto il sistema di istruzione italiano. Secondo Anief, si tratta di un documento chiaro e puntuale ma con alcuni nodi che, evidenziati nel corso dell’intervento, vanno affrontati nel proseguo dei lavori di definizione delle linee guida. Il sistema integrato “ZEROSEI”, nato per qualificare la rete di servizi già esistete, si propone di ampliare e arricchire di significato i servizi educativi e delle scuole dell’infanzia. Ciò richiede una forte capacità di governance a regia pubblica, con tutte le aperture del caso a un settore privato meglio conosciuto e integrato. Lo Stato, attraverso la sua competenza sovraordinata, deve riscoprire la sua vocazione di indirizzo, fornendo la cornice istituzionale e le relative risorse alle Regioni e agli Enti Locali che devono agire con maggiori sinergie; quelli più in difficoltà vanno sostenuti e accompagnati in questo ambizioso processo di realizzazione.Necessario l’anticipo dell’obbligo scolastico, a partire dai 3 anni, una delle richieste storiche dell’Anief che finalmente fa breccia tra i governanti del Paese: sono diversi anni che il giovane sindacato chiede infatti di anticipare la scuola almeno a 5 anni, con annualità ‘ponte’ da affidare a maestri della scuola dell’infanzia e primaria in contemporanea e poi allungare l’obbligo formativo sino alla maggiore età. In tal modo, si andrà a valorizzare finalmente l’esperienza educativa dei bambini più piccoli, collocandola in continuità con l’apprendimento del percorso di formazione successivo.“Noi siamo pienamente convinti – dichiara il presidente Anief Marcello Pacifico – che occorra implementare il tempo scuola e gli organici del personale, poiché le attività scolastiche sono l’antidoto principale per combattere la passività giovanile, prologo della dispersione (con il Centro-Sud ancora a pagare il conto più salato) e del fenomeno dei Neet, di cui l’Italia detiene il non invidiabile record europeo, con punte da far paura in diverse aree del Meridione, come pure confermato dal rapporto Svimez 2019 sull’economia e la società del Sud”.Sono tanti i fattori in gioco, al di là delle prospettive pedagogiche. Sappiamo bene che il comparto 0-3 ha una sua oggettiva debolezza e che il 3-6 potrebbe fare da traino all’intero settore. Pensiamo all’immaginario positivo dei “poli per l’infanzia”, luogo ove rendere praticabile un progetto di reale continuità “Zerosei”, di innovazione negli ambienti di apprendimento, di regia coerente del progetto educativo, di reale confronto tra educatori ed insegnanti, di forte coinvolgimento dei genitori (e degli amministratori), ma siamo ancora troppo indietro. Anche le sezioni primavera, dopo alcuni anni di stasi, hanno bisogno di riprendere il loro slancio sperimentale come luoghi dedicati alla continuità educativa, all’incontro di nuove professionalità, rispondendo a nuove domande dettate da una nuova e più esigente domanda educativa.Il testo delle Linee è assai corposo: si tratta di un disegno equilibrato, ove emerge una pedagogia dell’infanzia che mette al centro il bambino sempre meglio riconosciuto e rispettato. La commissione nazionale per il Sistema integrato di educazione e istruzione e il MI hanno predisposto uno strumento di raccolta di osservazioni e suggerimenti utili all’elaborazione del testo definitivo prima dell’adozione formale, tramite questionario strutturato che Anief compilerà, con l’obiettivo di inviare tutte le opportune osservazioni e suggerimenti ed al fine di dare il giusto contributo alla realizzazione di questo importante progetto educativo.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , , , | Leave a Comment »

La Regione Lazio approva il “Sistema integrato degli interventi e dei servizi sociali”

Posted by fidest press agency su domenica, 17 luglio 2016

regione-lazio«Finalmente anche la Regione Lazio ha una legge che regolamenta le politiche sociali, un provvedimento che pone al centro la Persona quale titolare di diritti fondamentali a prescindere dalla cittadinanza, dal motivo di presenza nel territorio, dall’età e dalla regolarità della residenza».
Il direttore della Caritas di Roma, monsignor Enrico Feroci, esprime così apprezzamento per il lavoro svolto dalla Giunta e dal Consiglio regionale con l’approvazione – la scorsa notte – della proposta di legge 88 sul “Sistema integrato degli interventi e dei servizi sociali”.Per il direttore della Caritas «si tratta di un ottimo passo avanti verso la definizione di una struttura normativa con la quale sarà possibile realizzare politiche integrate che eliminino la divisione dei beneficiari in categorie, ma che riconoscano come diritti per tutti l’assistenza sanitaria, l’alloggio, l’integrazione sociale e lavorativa, il diritto allo studio».
In particolare, monsignor Feroci ringrazia la Giunta e i consiglieri regionali per aver posto tra i beneficiari della “presa in carico” della rete integrata i soggetti più fragili «così come avviene naturalmente all’interno di ogni famiglia»: tra questi i minori, le vittime del gioco d’azzardo patologico e le persone con disagio psichico, in particolare quelle dimesse dagli ospedali psichiatrici giudiziari.

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Un nuovo approccio per la sanità

Posted by fidest press agency su domenica, 30 ottobre 2011

Villa d'Este, Cernobbio, Italy seen from Brunate

Image via Wikipedia

Cernobbio (Como) Lunedì, 7 novembre 2011 Ore 9.00 – 18.00 Villa d’Este Nell’attuale scenario economico-finanziario internazionale e nazionale, la Sanità rappresenta una voce di particolare importanza. L’ “Health Care” è, infatti, un settore interessato da cambiamenti significativi, guidati prevalentemente da logiche di razionalizzazione e contenimento delle risorse a fronte di un fabbisogno, in continua crescita, sia in termini quantitativi, che qualitativi. L’offerta sempre più evoluta, conseguente all’innovazione tecnologica, è però in grado non solo di migliorare i servizi e le prestazioni mediche, ma anche di far diventare il settore della salute una preziosa risorsa in termini industriali, sociali e di conoscenza. Alla luce di queste considerazioni, la VI^ edizione del Forum Meridiano Sanità organizzato da The European House – Ambrosetti sarà l’occasione per approfondire, insieme a rappresentanti del mondo politico, istituzionale, accademico, imprenditoriale e della comunità medico-scientifica, temi di grande attualità quali: il “reengineering” della sanità in Italia, il settore farmaceutico come volano di innovazione e di crescita per il Sistema Paese, le dinamiche regionali della sanità, il federalismo e i costi standard. Verrà presentato l’approccio dell’Health Pathway Design, che considera il rapporto costo-efficacia dell’intero percorso diagnostico-terapeutico, e non delle singole componenti, come strumento per riprogettare i processi e dotarli di metriche di valutazione e valorizzazione. A questo proposito nel corso del Forum viene presentata una interessante Case History dell’ASL di Alba di riconfigurazione di un percorso diagnostico terapeutico del diabete e le analisi economiche e di outcome di salute.
All’incontro interverranno, oltre al Ministro della Salute Ferruccio Fazio e al Ministro dei Rapporti con le Regioni Raffaele Fitto, Luciano Bresciani (Assessore alla Sanità, Regione Lombardia); Americo Cicchetti (Professore di Organizzazione Aziendale, Università del Sacro Cuore di Roma); Giovanni Chiodi (Presidente, Regione Abruzzo); Philippe Couillard (Strategic Advisor Healthcare, Secor; già Ministro della Salute, Quebec); Ugo Cosentino (Presidente IAPG – Italian American Pharmaceutical Group); Valerio De Molli (Managing Partner The European House-Ambrosetti); Lino Del Favero (Presidente, Federsanità ANCI; Direttore Generale, ASL Pieve Soligo);Mauro Ferrari (Presidente e CEO, Methodist Hospital Research Institute, Houston); Patrik Jonsson (Amministratore Delegato di Eli Lilly Italia); Enrico Letta, (Vice Segretario Partito Democratico); Ignazio Marino (Presidente Commissione d’inchiesta Parlamentare sul SSN);  Giacomo Milillo (Segretario Nazionale FIMMG); Fulvio Moirano (Direttore, Agenas); Giovanni Monchiero (Presidente FIASO e D.G. ASL di Alba); Andrea Paci (Professore di Economia e Gestione delle Imprese dell’Università degli Studi di Firenze); Gabriele Riccardi (Presidente Società Italiana di Diabetologia); Massimo Scaccabarozzi (Presidente, Farmindustria); Federico Spandonaro(Professore di Economia Sanitaria, Università Tor Vergata, Roma); Angelo Tanese (Direttore, Agenzia di Valutazione Civica, Cittadinanzattiva). (n.r. I Centri studi sociali e sanitari della fidest hanno messo a punto un progetto per un passaggio dal sistema assistenziale “generalista” a quello “preventivo” delineando i nuovi scenari che si profilano nella filiera medico-assistenziale a partire dal medico di famiglia e con un sistema integrato di applicazioni tecnologiche ed informatiche.)

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Roma: un sistema integrato dei servizi

Posted by fidest press agency su mercoledì, 23 febbraio 2011

“La strategia dell’amministrazione capitolina e’ quella di creare una sistema integrato di servizi e potenziare il network metropolitano e regionale per garantire una ripartizione modale futura pari al 50 per cento di spostamenti su trasporto pubblico”. E’ quanto dichiara l’assessore alle Politiche della Mobilita’ di Roma Capitale,Antonello Aurigemma. “Una trama di servizi che sarà integrata dal potenziamento dei nodi di scambio già esistenti e dalla realizzazione dei due nuovi nodi di Ponte Linari e con l’Autostrada A1. Questo il progetto di sviluppo integrato per ricucire la città e dare a Roma una rete ferroviaria con funzioni urbane e metropolitane e linee e prolungamenti su ferro di raccordo con le altre infrastrutture, sia pubbliche che private, riannodando gli spazi urbani”.

Posted in Roma/about Rome, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Lazio e Campania nel sistema integrato di Alta Formazione

Posted by fidest press agency su sabato, 9 Maggio 2009

Il sistema integrato regionale per l’Alta Formazione si è arricchito in questi giorni di due nuove importanti adesioni. Infatti la regione Lazio ha approvato lo scorso 24 aprile lo schema di protocollo di intesa con le altre dieci Regioni italiane, che permetterà l’entrata a regime del Catalogo interregionale di alta formazione, già sperimentato in sei regioni, tra cui il Lazio  stesso. Sempre di questi giorni è il provvedimento (Deliberazione n. 678 del 9 aprile 2009 – Progetto interregionale “Verso un sistema integrato di alta formazione” approvazione schema protocollo d’intesa) con il quale anche la regione Campania aderisce al sistema. Promosso dal ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche sociali, il sistema prevede la realizzazione di iniziative volte a sostenere e rafforzare la cooperazione interregionale e interistituzionale e ad incrementare la mobilità geografica e professionale e si rivolge a diplomati e laureati (vecchio e nuovo ordinamento), occupati, disoccupati o in mobilità. Le regioni aderenti ad oggi sono: Veneto (capofila), Lazio, Emilia Romagna, Valle d’Aosta, Friuli Venezia Giulia, Piemonte, Marche, Umbria, Campania, Basilicata, Sicilia e Sardegna. IL portale dell’iniziativa: http://www.altaformazioneinrete.it (fonte Smile Informazione)

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

In Veneto il primo pronto intervento ambientale d’Italia

Posted by fidest press agency su giovedì, 2 aprile 2009

Roma, 8 aprile p.v. alle ore 11.30.presso la Sede della Regione del Veneto (Via del Tritone, 46, IV piano) conferenza stampa su quanto è stato realizzato In Veneto, nell’area di Porto Marghera, Mestre e Venezia, una zona di oltre 2 mila ettari ad alta concentrazione di industrie chimiche e petrolchimiche, per un ecosistema lagunare e in una città che non hanno eguali. E’, infatti,  operativo da un anno un Sistema integrato di monitoraggio ambientale e gestione delle emergenze (Simage). Un progetto unico in Italia e in Europa. L’iniziativa realizzata da Arpa Veneto (L’Agenzia regionale per la prevenzione e la protezione dell’ambiente) in collaborazione con le imprese della zona industriale veneziana, è stata voluta dalla Regione che sta per attivare il primo pronto intervento ambientale denominato Sirgeca (Sistema integrato regionale per la gestione delle emergenze chimiche e ambientali), un modello che sarà d’esempio per altri sistemi a presidio di aree industriali in tutt’Italia e all’estero. Alla conferenza stampa interverranno il sottosegretario al Ministero dell’Ambiente Roberto MENIA, l’assessore alle Politiche del Territorio della Regione del Veneto Renzo MARANGON, il direttore generale dell’Arpav Andrea DRAGO, il presidente Ente Zona Industriale di Porto Marghera Lucio PISANI, il responsabile del servizio emergenze ambientali dell’Ispra (Istituto Superiore Protezione e Ricerca Ambientale) Leonardo ARRU.Il Sistema integrato per il monitoraggio ambientale e la gestione dell’emergenza, frutto della sinergia pubblico-privato (è finanziato al 50% dalla Regione, al 50% dall’Ente Zona Industriale), è in grado di gestire in tempo reale eventuali crisi, agendo su tutti i livelli della filiera produttiva, occupazionale e della protezione civile. La sala operativa del Simage, già attiva da tempo, h24, a Mestre, e dotata di modalità di allarme a più livelli, di un sistema di comunicazione alla popolazione tramite totem, pannelli a messaggio variabile, sms ed integrata con il comando provinciale dei Vigili del Fuoco, che governano il sistema comunale di allertamento con sirene distribuite sul territorio del comune di Venezia. La sala sarà potenziata entro un anno con un pronto intervento ambientale sull’intera Regione, dotato di un proprio numero telefonico verde.Quando diverrà operativo, il servizio di pronto intervento consentirà al personale presente in tutto il territorio regionale in pronta disponibilità, di disporre di palmari e di speciali zainetti-laboratorio, così da campionare matrici inquinanti e di fornire rilevazioni certe nel giro massimo di un’ora (rispetto alle 24/48 attuali), di valutare immediatamente il follow-up ambientale e di fornire il supporto agli interventi in maniera ultrarapida.  Gli operatori disporranno di mezzi rapidi di intervento (auto, moto, van ecc.), di speciali spettrometri e rilevatori e potranno attivare sistemi di campionamento, precedentemente posizionati in aree industriali, anche a distanza. Questo modello di pronto intervento ambientale è nella fase sperimentale: il Veneto è stato diviso in classi di rischio e sono già iniziati i corsi di aggiornamento professionale.

Posted in Cronaca/News, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »