Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 32 n° 250

Posts Tagged ‘terapie biologiche’

Tumore del colon-retto: una nuova arma in Europa

Posted by fidest press agency su giovedì, 28 aprile 2016

colon-retto tumoreSuresnes (Francia) La Commissione Europea ha rilasciato l’autorizzazione al commercio per il trattamento orale costituito dalla combinazione di trifluridina e tipiracil, noto come TAS-102, nei pazienti adulti con tumore del colon‐retto in stadio avanzato (metastatico) precedentemente trattati o non candidati ad altre terapie disponibili quali chemioterapia e terapie biologiche. La combinazione di trifluridina (FTD) e tipiracil (TPI) rappresenta un farmaco anticancro orale il cui duplice meccanismo d’azione è studiato per mantenerne l’attività clinica.“I dati dello studio RECOURSE forniscono evidenze che l’associazione di trifluridina e tipiracil può offrire ai pazienti con cancro del colon-retto metastatico refrattario ai trattamenti standard una maggiore sopravvivenza e una riduzione del rischio di morte rispetto al placebo”, ha affermato il Professor Eric Van Cutsem, Digestive Oncology, University Hospitals Leuven in Belgio. “La combinazione di trifluridina e tipiracil agisce attaccando direttamente il DNA delle cellule tumorali riducendo la loro crescita. Questo approccio combatte il cancro in modo diverso rispetto ai trattamenti somministrati in precedenza, permettendoci di rallentare la progressione della malattia senza trattare il paziente nuovamente con gli stessi farmaci”. “Con questa approvazione rendiamo disponibile un nuovo trattamento in Europa per i pazienti con cancro del colon retto metastatico in fase avanzata” ha sottolineato la Dott.ssa U. Marion Schrenk, Head of Global Medical Strategy, Oncology di Servier. “Siamo lieti per il raggiungimento di questa importante pietra miliare, che dimostra l’impegno di Servier nel migliorare la vita dei pazienti che vivono con il cancro. La combinazione di trifluridina e tipiracil ha inoltre mostrato di prolungare la sopravvivenza libera da progressione della malattia e di preservare il performance status, permettendo ai pazienti di trovare il tempo per i momenti che contano”. La decisione della Commissione europea segue l’opinione positiva del Comitato per i Medicinali per Uso Umano (CHMP) dell’Agenzia Europea dei Medicinali (EMA) che aveva raccomandato l’approvazione della combinazione di trifluridina e tipiracil nel febbraio 2016. Entrambe le decisioni sono basate sui dati di RECOURSE, uno studio internazionale di fase III in doppio cieco che ha esaminato l’efficacia e la sicurezza di trifluridina/tipiracil in associazione alle migliori terapie di supporto (BSC) rispetto a placebo associato a BSC in 800 pazienti precedentemente trattati per il tumore del colon-retto metastatico. Lo studio ha raggiunto l’endpoint primario con un miglioramento statisticamente significativo della sopravvivenza globale.
Continua ad esistere un grande bisogno insoddisfatto nel trattamento del tumore del colon-retto, che ha rappresentato la seconda causa di morte per cancro in Europa nel 2012, con 215 mila decessi.
Circa il 25% di questi pazienti presenta metastasi alla diagnosi iniziale e quasi il 50% le sviluppa in seguito. Da qui gli elevati tassi di mortalità per questa neoplasia: la sopravvivenza a cinque anni per i pazienti con tumore del colon-retto metastatico in stadio IV è di circa l’11%.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Medicina rigenerativa applicata allo sport: quando artroscopia e protesi non bastano

Posted by fidest press agency su mercoledì, 23 settembre 2015

Ginocchio-sano-e-artrosicoCarrara fiera. Dal 21 al 23 ottobre 2015, chirurghi ortopedici di tutta Italia riuniti per fare il punto sui più recenti approcci terapeutici per la risoluzione di traumi/usura subiti dalle articolazioni Dai più recenti approcci chirurgici alle nuove terapie biologiche per il trattamento e la risoluzione di lesioni articolari dovute a usura o traumi che caratterizzano soprattutto gli sportivi. Questi i temi principali che verranno trattati nell’ambito del XXII Congresso Nazionale della Società Italiana di Artroscopia (SIA).“Le procedure chirurgiche attuali per il trattamento delle lesioni articolari, ginocchio e spalla in primis, hanno raggiunto un alto grado di avanzamento tecnologico: se fino a qualche anno fa un certo tipo di lesione comportava la fine di una carriera per uno sportivo, oggi possiamo parlare di un ritorno all’attività nel 90% dei casi anche dopo un danno particolarmente grave.”- dichiara Giancarlo Coari, Presidente del Congresso e Past President SIA – “Progressi scientifici di rilievo clinico si stanno inoltre verificando in un nuova branca di studio, quella della ‘medicina rigenerativa’ che utilizza le terapie biologiche per ricostruire, riparare o promuovere la rigenerazione di tessuti malati o danneggiati”. Quest’area di studio nata di recente e che sta vivendo una fase di crescita rapida e costante, riveste particolare importanza nella chirurgia ortopedica applicata allo sport che oggi, più che in passato, deve tenere conto, ai fini della pratica clinica, delle potenzialità della biologia per la riparazione dei tessuti. Numerosi i campi di applicazione, come la riparazione dei difetti cartilaginei articolari dovuti a traumi o usura, la riparazione dei menischi, muscoli o tendini danneggiati, la patologia della cuffia dei rotatori nella spalla. Un’area importante comprende le articolazioni precocemente artrosiche, spesso a seguito di attività legate allo sport, pregressi traumi o interventi in pazienti ancora giovani o attivi. Per questa tipologia di pazienti, che presenta complesse problematiche da risolvere e trattare e nei quali una semplice artroscopia o una protesi non sono risolutive, si stanno sviluppando approcci terapeutici che passano attraverso i nuovi derivati del sangue.

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »