Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 301

Posts Tagged ‘tassare’

Sbagliato tassare i dottorati

Posted by fidest press agency su domenica, 15 aprile 2012

«Apprezziamo l’introduzione della esenzione da imposizione fiscale delle borse di studio entro l’importo di 11.500 euro, perché si tratta di un importante incentivo ai datori di lavoro privati e pubblici e un altrettanto importante sostegno a chi, quasi sempre giovane, ne è il destinatario. Tuttavia riteniamo iniquo ed irragionevole gravare di una ulteriore imposizione le borse di studio per i dottorati, i post-dottorati e i corsi di specializzazione, somme che garantiscono il minimo sostentamento per migliaia di giovanissimi ricercatori e specializzandi, quasi sempre fuori sede, che sempre più a fatica, in questo periodo di crisi, tentano di costruirsi una esistenza indipendente e dignitosa».
Così il Consiglio Direttivo del Forum Nazionale dei Giovani commenta uno degli emendamenti al testo della legge di conversione del cosiddetto “decreto fiscale” n.16 del 2 marzo 2012, approvato dal Senato e pertanto incluso nel testo ora passato alla Camera per l’approvazione definitiva.
Secondo tale disposizione (inserita all’art. 3 comma 16 ter, che introduce quella che è stata chiamata la “franchigia per le borse di studio”) tutti i contributi, erogati a soggetti non legati all’erogante da rapporto di lavoro subordinato, a titolo di borsa di studio o di specializzazione o addestramento professionale, non saranno più assimilati, ai fini della tassazione sui redditi delle persone fisiche, al reddito da lavoro subordinato, entro l’importo annuale lordo complessivo di 11.500 euro.
Questa disposizione, apprezzabile nella parte in cui intende escludere dalla tassazione come reddito da lavoro dipendente le borse di studio erogate da soggetti diversi dalle università e dalle regioni, attualmente sottoposte integralmente a tassazione, ha tuttavia l’effetto negativo di imporre il prelievo fiscale sulle borse di studio per la frequenza dei corsi di dottorato di ricerca, di perfezionamento e di specializzazione erogate dalle università, nonché gli assegni di studio erogati dalle regioni, tutti importi attualmente esentati a norma della legge 476 del 13 agosto 1984. «Chiediamo al Governo e a tutti i gruppi parlamentari – conclude la nota del Forum – di correggere adeguatamente tale disposizione in occasione del passaggio alla Camera dei Deputati, affinché un emendamento che può garantire effetti molto positivi non finisca per produrre contemporaneamente effetti ancora più iniqui».

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Liberismo berlusconiano e anarchia capitalista

Posted by fidest press agency su lunedì, 13 dicembre 2010

Rosario Amico Roxas in risposta ad un commento su Il Secolo d’Italia del  10.12.2010 si chiede: “Chi mi da una chiave liberale alle due scottanti affermazioni di Fini?? 1) Fini disse : “Chi crede che da qui alla fine della legislatura si potranno tagliare le imposte per le famiglie e per le imprese evidentemente crede a Babbo Natale”. Forse invece del Tea Party è stato al De Pretis Party. Poi ha parlato di tassare i risparmi: “La tassazione delle rendite finanziarie – ha detto il fondatore di Fli – non è né di destra né di sinistra”. Io aggiungerei, non è neanche liberale!!!” “Io non sono berlusconiano – precisa Rosario –  e non intendo difenderlo,voglio solo analizzare le frasi che ha detto Fini (Bocchino ha detto che si definiscono liberali). Bisogna riuscire a capire la profonda differenza esistente tra liberalismo ( da cui “liberale”) e l’attuale liberismo berlusconiano che sfocia nell’anarchia capitalista. In atto esiste un vero e proprio muro di gomma a difesa dei grandi patrimoni finanziari, proprio quelli che producono ricchezza finanziaria ma improduttiva e parassitaria, non generano nessun posto di lavoro, non promuovono il progresso e lo sviluppo, non sostengono la ricerca, non garantiscono la sicurezza nel posto di lavoro. Secondo le nuove teorie degli economisti il «neoliberismo» si distinguerebbe dal capitalismo «liberale» di ieri dal fatto che, mentre rivendica, oggi come ieri, l’utilizzo dello Stato come «capitalista collettivo» al servizio dell’economia nazionale, ripudia lo stato interventista nell’economia privata. Ciò ha come primo risultato lo smantellamento dello stato sociale e la svendita dei servizi pubblici alle imprese private con lo scopo di trasformare, quelli che erano considerati costi sociali, in occasione di sfruttamento e realizzazione di profitti. La privatizzazione neo-liberista non guarda in faccia nessuno: i servizi fondamentali, i trasporti, l’istruzione, la salute l’energia e le telecomunicazioni, tutto ciò che fino a poco tempo fa era considerato, pur se demagogicamente, bene collettivo, viene sottomesso alla logica del mercato. La proposta liberista 3montiana attualmente monopolizzatrice degli intendimenti di questo governo, ha origini remote, attuali quando nacquero ma oggi dichiarate obsolete dall’andamento economico delle nazioni occidentali. Il periodo liberista, iniziato dopo la crisi strutturale degli anni ‘70 e inizio degli ‘80 si caratterizza per la ritornata egemonia della proprietà del capitale sulla sua gestione. Il periodo precedente, entrato in crisi e chiamato “compromesso keynesiano”, è durato pochi decenni. La fase attuale del capitalismo, di ripresa della egemonia di quello che chiamano “finanza” (la finanziarizzazione), presuppone modifiche alla forma della proprietà sul capitale, con il suo trasferimento nelle grandi istituzioni finanziarie, gestite della professionisti specializzati. Con il liberismo 3montiano è in corso la grande operazione del capitalismo: esige la libertà del mercato e nel mercato; sostiene che il mercato si regolamenta da solo; impone le sue regole, le sue alleanza, impone i suoi cartelli per oscurare la concorrenza, provoca la svalutazione della moneta e la rivalutazione dei beni di consumo che vengono “spinti” da compiacenti campagne pubblicitarie, gode della depenalizzazione del falso in bilancio, evade il fisco senza nessun rischio di essere perseguito…..poi arriva la crisi che il capitalismo stesso ha generato…allora si rivolge allo Stato, alle sovvenzioni, agli aiuti e aiutini, finanziamenti, utilizzando il più turpe dei ricatti: i posti di lavoro. O ci date i quattrini oppure licenziamo. Potrebbe fare lo stesso anche la mafia: “interrompete la lotta alla mafia oppure licenziamo gli esattori del pizzo, i killer, i capibastone, i picciotti”. Il paragone è provocatorio ma non blasfemo. Se una azienda come la FIAT, che distribuisce dividenti e, nello stesso tempo, si rivolge alla Cassa integrazione, venisse “socializzata” (non nazionalizzata) e affidata per reparti a cooperative degli stessi operai e impiegati, consorziati fra di loro, con una programmazione produttiva elaborata da tecnici con stipendi “normali”, con partecipazione a parte di utili e incremento di posti di lavoro con il resto, si raggiungerebbero gli scopi qualitativi che l’interesse parassitario degli investitori azionari non hanno. Si tratterebbe di un “capitalismo sociale” incomprensibile in questa italietta, che marcia rapidamente verso l’argentinizzazione dell’economia: grandi capitali in mano a pochissime persone, Stato autoritario, limitazioni delle garanzie costituzionali, mediocrità al governo (così non creano problemi)”. (Rosario Amico Roxas)

Posted in Confronti/Your opinions | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Tassare le transazioni finanziarie

Posted by fidest press agency su mercoledì, 20 ottobre 2010

Roma 20 ottobre, ore 13.45 Sala stampa della Camera dei deputati  conferenza stampa di presentazione della proposta di legge bipartisan n. 3740: “Istituzione di un’imposta sulle transazioni finanziarie in favore di interventi di solidarietà nazionale ed internazionale”  Introduce il primo firmatario: On. Andrea Sarubbi  saranno presenti i promotori appartenenti a diversi gruppi parlamentari e  rappresentanti delle ONG impegnate sul tema  una proposta, tre opportunità”
“L’idea di un’imposta minimale sulle transazioni finanziarie è ormai matura nel dibattito internazionale. L’Italia non può restare indietro. La nostra proposta ha un obiettivo triplice: stabilizzare i mercati, aiutare le categorie maggiormente colpite dalla crisi, perseguire gli Obiettivi del Millennio”.

Posted in Cronaca/News, Economia/Economy/finance/business/technology, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »