Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 34 n° 316

Posts Tagged ‘legge’

Concorrenza, in vigore la nuova legge

Posted by fidest press agency su giovedì, 8 settembre 2022

Nuove regole per i grossisti del farmaco, nuove tempistiche sulla rimborsabilità dei farmaci equivalenti, modifiche alle norme sulla determinazione del prezzo di farmaci sono alcuni ambiti in cui la nuova legge annuale per il mercato e la concorrenza 2021, pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale n. 188 del 12 agosto 2022, ha apportato alcune novità. Una circolare della Fofi propone una disamina degli Articoli con le misure di interesse in vigore dal 27 agosto. Distribuzione farmaci. L’Articolo 18, relativo alla distribuzione dei farmaci all’ingrosso, modifica l’art. 105 del decreto legislativo n. 219/2006, e “impone al titolare dell’autorizzazione alla distribuzione all’ingrosso di detenere almeno un assortimento dei medicinali in possesso di un’AIC, inclusi i medicinali omeopatici (…) e i medicinali generici, che sia tale da rispondere alle esigenze del territorio geograficamente determinato cui è riferita l’autorizzazione alla distribuzione all’ingrosso”. L’obbligo non si applica “ai medicinali non ammessi a rimborso da parte del SSN, fatta salva la possibilità del rivenditore al dettaglio di rifornirsi presso altro grossista (finora l’obbligo imponeva la detenzione del 90% dei medicinali in possesso di un’AIC, inclusi i medicinali omeopatici autorizzati).” Rimborsabilità dei farmaci equivalenti. L’Articolo 17 abroga il comma 1-bis dell’articolo 11 del decreto-legge n. 158/2012, secondo sui nel “periodico aggiornamento del prontuario farmaceutico nazionale, i medicinali equivalenti non possono essere classificati come farmaci a carico del SSN con decorrenza anteriore alla data di scadenza del brevetto o del certificato di protezione complementare, pubblicata dal Ministero dello sviluppo economico ai sensi delle vigenti disposizioni di legge”. Farmaci in attesa di determinazione del prezzo. L’Articolo 18 modifica l’articolo 12 del decreto legge n. 158 del 2012, in particolare “elimina la possibilità di non presentare la domanda, da parte dell’azienda interessata, ai fini di una diversa classificazione dei medicinali, una volta che quelli per i quali è rilasciata un’autorizzazione all’immissione in commercio comunitaria, o un’autorizzazione all’immissione in commercio ai sensi del decreto legislativo n. 219/2006 vengono automaticamente collocati in apposita sezione, dedicata ai farmaci non ancora valutati ai fini della rimborsabilità, della classe di cui all’articolo 8, comma 10, lettera c), della legge n. 537 del 1993 (lettera a))”. Revisione del sistema di produzione dei medicinali emoderivati da plasma italiano. L’Articolo 19, ai fini dell’autosufficienza nella produzione di medicinali emoderivati, “autorizza la spesa di 6 milioni di euro annui a decorrere dal 2022 per interventi di miglioramento organizzativo delle strutture dedicate alla raccolta, alla qualificazione e alla conservazione del plasma nazionale destinato alla produzione di medicinali emoderivati”.Selezione della dirigenza sanitaria. L’Articolo 20 conferma che le Regioni possono disciplinare “i criteri e le procedure per il conferimento degli incarichi di direzione di struttura complessa”.Procedure relative alla formazione manageriale in materia di sanità pubblica. L’Articolo 21 prevede che il possesso del diploma di master universitario di II livello in materia di organizzazione e gestione sanitaria abbia, al verificarsi di determinate condizioni, valore analogo all’attestato di formazione manageriale che è richiesto per poter ricoprire ruoli dirigenziali negli enti e aziende del SSN. (abstract: fonte Farmacista33)

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Scuola – ITS: la riforma è legge

Posted by fidest press agency su lunedì, 18 luglio 2022

Passa la riforma degli Its: si trasforma in Istituti Tecnologici Superiori e raddoppieranno gli iscritti. Tra gli scopi della riforma, la prima del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza, è stata approvata in via definitiva anche dalla Camera dei Deputati, con in arrivo nuove aree tecnologiche di interesse, finanziamenti stabili e potenziamento dell’offerta formativa. Il nuovo sistema ITS Academy amplierà le partnership con le imprese del territorio, assumendo un ruolo sempre più centrale nei percorsi di studio post-diploma.Il sindacato Anief, con la Confederazione Cisal, apprezza l’approvazione della riforma degli Istituti Tecnici Superiori e ricorda che gli altri Paesi europei detengono tassi di partecipazione ai percorsi d’istruzione terziaria breve di gran lunga superiori al nostro: nel 2017 la Spagna contava ben 392.000 iscritti su un totale di 2.010.000 studenti immatricolati nell’istruzione terziaria in generale, la Francia 501.000 su 2.532.000, il Regno Unito 287.000 su 2.431.000, la Germania 192.00049 su 3.091.000. In Italia solo 11.000 su 1.837.000. “In Italia il numero degli ITS – ricorda Marcello Pacifico, segretario confederale Cisal e presidente Anief – era troppo ridotto rispetto a quelli degli altri paesi Ue: grazie ai finanziamenti del Pnrr è stato fatto un passo importante. Peccato che quei fondi sarebbero dovuti servire anche ad altro: come l’annullamento della supplentite e dei precari storici, l’incremento degli organici del personale scolastico sulla base dei bisogni e degli abbandoni, in grande quantità concentrati in determinate aree italiane, soprattutto al Sud e nelle grandi Isole; come si sarebbe dovuto cancellare lo scellerato dimensionamento che ha tolto tanto tempo scuola, concentrato troppi alunni nella stessa classe, cancellato troppe compresenze dei docenti, come pure gli insegnanti specializzati nell’insegnamento dell’inglese alla primaria”.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Avaaz e la legge europea sui servizi digitali

Posted by fidest press agency su venerdì, 20 Maggio 2022

(Digital Services Act) La vicepresidente della Commissione europea Margrethe Vestager ha sostenuto la richiesta Avaaz per un “Accordo di Parigi per Internet”. E’ rimasta tanto convinta che il commissario europeo Thierry Breton, il giorno dopo l’incontro con gli esponenti di Avaaz, è andato a parlarne in televisione! Per oltre quattro anni, Avaaz – insieme a una grandissima coalizione di società civile – è stato in prima linea in questa lotta per proteggere i cittadini e la democrazia. Tutto è iniziato giusto 4 anni fa, nel 2018: la disinformazione stava già facendo gravi danni alle democrazie e i contenuti d’odio venivano usati come un’arma in tutto il mondo. Ad aprile di quell’anno, abbiamo lanciato un primo appello globale per “aggiustare Facebook” e regolamentare le grandi aziende tecnologiche. Oltre 1 milione di persone si sono unite a quell’appello, ed è stato invaso Washington e Bruxelles con oltre cento sagome di cartone raffiguranti il proprietario di Facebook, Mark Zuckerberg. L’immagine è arrivata sui media di tutto il mondo, a partire dalla prima pagina del New York Times. Avaaz è andata nella Silicon Valley per incontrare i massimi dirigenti di Facebook, Twitter e Google, cercando di convincerli a fare qualcosa. Ma ci hanno addirittura banditi da alcuni dei loro uffici e abbiamo dovuto fare le riunioni nel parcheggio! Era chiaro che le aziende non avevano intenzione di affrontare seriamente il problema. Bisognava cambiare le leggi che le regolavano. Nel 2019, molti politici dell’UE non avevano ancora capito davvero il problema. L’idea che l’enorme viralità della disinformazione stesse producendo un grave danno alle democrazie era contestata. E senza prove, le istituzioni non avrebbero agito. Così, gli avaaziani ispirati da un progetto in Lituania, hanno assunto dei ricercatori che sono diventati gli “elfi” per indagare sui “troll” di Internet e dimostrare l’entità del problema della disinformazione, e in particolare l’impatto che stava avendo in Europa. I 30 “elfi”, lavorando in una sala operativa a Bruxelles, scoprì ciò che 30mila dipendenti di Facebook e il loro team di esperti sembrava essersi perso: reti enormi che usavano di account falsi e pagine non autentiche, per diffondere disinformazione e odio in tutta Europa prima delle elezioni. A seguito di tale indagine, Facebook ha eliminato reti che potevano raggiungere circa 3 MILIARDI (!!!!) di visualizzazioni in un solo anno!! Avvicinandosi le elezioni, i principali politici, giornalisti ed esperti di sicurezza dell’UE si recavano, quasi ogni giorno, nella sala operativa di Avaaz per raccogliere informazioni e resoconti. Il nostro lavoro ha fatto notizia in tutto il mondo, allertando milioni di europei della minaccia della disinformazione proprio prima delle elezioni. Addirittura Facebook ci ha ringraziato pubblicamente! Quindi, lavorando con esperti di social media, professori universitari e legislatori, sono state sviluppate proposte basate sulla ricerca, per ripulire i social media proteggendo al contempo la libertà di parola: Disintossicare l’algoritmo. Impedire alle piattaforme di rendere costantemente virale la disinformazione e i contenuti dannosi solo per tenerci attaccati allo schermo Introdurre la rettifica social. Informare ogni utente esposto a disinformazione, mostrando rettifiche controllate da fact-checker indipendenti direttamente quando accedono ai loro profili social. La rivista TIME l’ha definita una “nuova proposta radicale che potrebbe frenare le fake news sui social media” Ma con il diffondersi di un nuovo virus emerso a Wuhan e le elezioni americane alle porte, non era stato ancora visto il peggior effetto della disinformazione. E allora gli avaaziani non si sono fermati. Con un’altra indagine hanno mostrato come l’algoritmo stesso di Facebook fosse diventato una minaccia globale per la salute pubblica. Hanno reso noto tali scoperte su tutti i media e le abbiamo presentate direttamente alle autorità dell’UE e degli Stati Uniti. Ecco cosa farà la legge quando entrerà in vigore: Disintossicare l’algoritmo → piattaforme online, come Facebook, dovranno assumersi la responsabilità dei danni che causano alle nostre società, ad esempio del modo in cui i loro sistemi facilitano la diffusione di disinformazione, messaggi d’odio e contenuti tossici su Internet. Aprire la scatola nera → consentirà a revisori indipendenti, ricercatori e società civile di mettere sotto la lente di ingrandimento le loro azioni e scoprire gli illeciti. Forti sanzioni → le piattaforme saranno soggette a multe fino al 6% del loro profitto globale se non rispettano le regole (avete capito bene, parliamo di miliardi di euro!) Un passo avanti verso l’eliminazione delle pubblicità traccianti → sarà proibito l’utilizzo di dati sulle nostre convinzioni politiche o il nostro orientamento sessuale per indirizzarci con annunci pubblicitari e sarà totalmente vietato l’uso di dati per mostrare pubblicità ai bambini. Questo è un enorme passo avanti per il futuro di Internet e della democrazia.

Posted in Diritti/Human rights | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Legge sui servizi digitali: accordo su uno spazio online sicuro e trasparente

Posted by fidest press agency su giovedì, 28 aprile 2022

Bruxelles. l negoziatori di Parlamento e del Consiglio UE hanno raggiunto un accordo politico provvisorio in merito alla legge sui servizi digitali (Data Services Act – DSA). Insieme alla legge sui mercati digitali (Digital Marktes Act – DMA).Il DSA stabilirà gli standard per uno spazio online più sicuro e aperto per gli utenti e condizioni di parità per le aziende negli anni a venire. Con le nuove regole, i servizi di intermediari, cioè le piattaforme digitali – come i social media e i mercati online – dovranno adottare delle misure per proteggere gli utenti da contenuti, beni e servizi illegali. – Responsabilità algoritmica: la Commissione europea e i Paesi UE avranno accesso agli algoritmi delle grandi piattaforme digitali; – Rimozione rapida dei contenuti illegali online, compresi prodotti e servizi: procedura di “notifica e azione” più chiara, grazie alla quale gli utenti potranno – segnalare i contenuti illegali e le piattaforme digitali dovranno agire rapidamente; – Protezione dei diritti fondamentali online: garanzie più forti per assicurare che tali notifiche siano utilizzate in modo non arbitrario e non discriminatorio e nel rispetto dei diritti fondamentali, tra cui la libertà di espressione e la protezione dei dati; – Mercati online più responsabili che dovranno assicurare agli utenti l’acquisto di prodotti o servizi sicuri, rafforzando i controlli sull’affidabilità delle informazioni fornite dai commercianti (secondo il principio “Know Your Business Customer”) ed evitando che contenuti illegali appaiano sulle proprie piattaforme, anche attraverso controlli casuali; – Maggiore protezione per le vittime di violenza informatica, soprattutto per quanto riguarda la condivisione non consensuale (revenge porn) soggetta a rimozione immediata; – Sanzioni: le piattaforme digitali e i motori di ricerca potranno essere multati fino al 6% del loro fatturato mondiale. Nel caso di piattaforme digitali di grandi dimensioni (con più di 45 milioni di utenti), la Commissione europea avrà il potere esclusivo di chiedere l’osservanza delle norme; – Meno oneri e più tempo per adattarsi per le PMI: un periodo più esteso per familiarizzare con le nuove regole e promuovere l’innovazione nell’economia digitale. La Commissione seguirà da vicino i potenziali effetti economici dei nuovi obblighi sulle piccole imprese. – I nuovi obblighi di trasparenza per le piattaforme permetteranno agli utenti di essere meglio informati su come vengono raccomandati i contenuti (sistemi di raccomandazione) e di poter scegliere almeno un’opzione non basata sulla profilazione; – Pubblicità online: gli utenti avranno un controllo migliore su come vengono utilizzati i dati personali. La pubblicità mirata sarà vietata quando si tratta di dati sensibili (ad esempio l’orientamento sessuale, la religione, l’etnia); – Protezione dei minori: le piattaforme accessibili ai minori dovranno adottare misure specifiche per proteggerli, anche vietando completamente la pubblicità mirata; – Vietata la manipolazione delle scelte degli utenti attraverso i “dark patterns”: le piattaforme digitali e i mercati online non dovranno indurre le persone a utilizzare i loro servizi – ad esempio, dando maggior risalto a una particolare scelta o sollecitando l’utente a cambiare la propria selezione attraverso pop-up. Inoltre, cancellare l’abbonamento a un servizio dovrà essere facile come sottoscriverlo; – Risarcimenti: gli utenti avranno il diritto di chiedere un risarcimento per qualsiasi danno o perdita subita a causa di violazioni delle norme da parte delle piattaforme.Le piattaforme digitali di grandi dimensioni dovranno rispettare obblighi più severi ai sensi del DSA, proporzionati ai significativi rischi sociali che comportano quando diffondono contenuti illegali e dannosi, compresa la disinformazione. – Le piattaforme digitali di grandi dimensioni dovranno valutare e mitigare i rischi sistemici e sottoporsi a verifiche indipendenti ogni anno. Inoltre, quelle che usano i cosiddetti “sistemi di raccomandazione” (algoritmi che determinano cosa vedono gli utenti) dovranno fornire almeno un’opzione che non sia basata sulla profilazione; – Misure speciali in tempi di crisi: qualora si verificasse una crisi, come una minaccia alla sicurezza pubblica o alla salute, la Commissione potrà richiedere alle piattaforme digitali di grandi dimensioni di limitare qualsiasi rischio imminente nel proprio spazio. Queste azioni specifiche saranno limitate a tre mesi. Il testo dovrà essere finalizzato a livello tecnico e verificato da giuristi-linguisti, prima che il Parlamento e il Consiglio possano dare la loro approvazione formale. Una volta completato la procedura, il Regolamento entrerà in vigore 20 giorni dopo la sua pubblicazione nella Gazzetta ufficiale dell’UE e le regole cominceranno ad essere applicate 15 mesi dopo. Dal 23 al 27 maggio, una delegazione della commissione per il mercato interno del PE visiterà diversi quartieri generali di aziende (Meta, Google, Apple e altri) nella Silicon Valley per discutere del pacchetto Digital Services Act, e altre leggi digitali in cantiere, e sentire la posizione di aziende americane, start-up, università e funzionari governativi.

Posted in Diritti/Human rights, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

La legge sul biologico è finalmente una realtà

Posted by fidest press agency su giovedì, 3 marzo 2022

Il Senato ha approvato oggi in via definitiva il DDL n. 988 “Disposizioni per la tutela, lo sviluppo e la competitività della produzione agricola, agroalimentare e dell’acquacoltura con metodo biologico”. AIAB, AssoBio, Associazione Biodinamica, AssocertBio e FederBio esprimono un plauso per il lavoro di tutti i parlamentari che ha portato alla conclusione in tempi estremamente rapidi – meno di un mese dall’ultima votazione alla Camera dei Deputati del 9 febbraio – una norma chiave per supportare la transizione ecologica dei sistemi agricoli e per l’intero comparto agroalimentare italiano. L’approvazione del disegno di legge n.988 giunge in un momento strategico e consente anche all’Italia di allinearsi alle politiche Ue che, con il Green Deal, la strategia Farm to Fork e il Piano d’azione Europeo per il biologico, puntano a una crescita consistente del settore. Grazie alla legge sarà possibile utilizzare le risorse economiche per il sostegno all’agricoltura, la promozione dei prodotti alimentari e la ricerca che l’Unione europea ha espressamente vincolato all’agricoltura biologica e biodinamica. Il nostro Paese ha un primato nel biologico conquistato grazie all’impegno di tanti agricoltori, spesso giovani, e di operatori della filiera che hanno creduto nella scommessa di conciliare il legittimo interesse d’impresa con il bene pubblico della difesa del suolo, della biodiversità e della salute dei cittadini. Oggi questo impegno viene finalmente riconosciuto con l’approvazione della legge sul bio. La norma contiene elementi particolarmente significativi come la possibilità di registrare il marchio biologico “Made in Italy”, istituire distretti biologici che consentono di sviluppare l’agricoltura e l’economia dei territori rurali e adottare un Piano d’Azione nazionale per favorire lo sviluppo del biologico italiano come metodo avanzato dell’approccio agroecologico. Il biologico rappresenta un’occasione concreta per creare opportunità di occupazione per i giovani e per lo sviluppo economico e sociale dei territori rurali, inoltre ha un ruolo centrale per il clima, per la tutela della biodiversità e per offrire soluzioni innovative per il resto dell’agricoltura.

Posted in Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Fauna selvatica e riforma della legge

Posted by fidest press agency su giovedì, 17 febbraio 2022

A trent’anni dalla Legge 157/92 sulla fauna selvatica, il Paese è invaso da quasi 2 milioni di cinghiali e, ora, anche in allerta per il diffondersi della peste suina africana, dopo i casi in Liguria e Piemonte, tema tra l’altro, oggi, all’odg del Consiglio dei Ministri. Una riforma radicale della norma è quanto più urgente, ripartendo con il Mipaaf dal suo stato di attuazione, fermo al 2007. Così Cia-Agricoltori Italiani intervenendo, a Firenze, nell’ambito dell’evento Arci Caccia in occasione dell’anniversario e per stringere il cerchio sui luci, ombre e prospettive di un’emergenza ingombrante. “Si torni in Parlamento per fare il punto sulla Legge 157/92, insufficiente a regolare un fenomeno ormai fuori controllo -ha detto all’incontro il vicepresidente nazionale di Cia-Agricoltori Italiani, Mauro Di Zio-. Istituzioni, politica, organizzazioni di categoria e attori sociali, tornino seriamente a confrontarsi per modificare e aggiornare un testo ormai estremamente superato e che mai ha avuto piena attuazione”.Cia-Agricoltori Italiani, infatti, è da tempo che chiede di rivedere le regole di gestione della fauna selvatica e con il progetto “Il Paese che Vogliamo” del 2019 è arrivata anche a presentare al Governo la sua proposta di revisione della legge. Tra i punti chiave, come ricordato nei giorni scorsi per via dell’allerta PSA, l’attivazione di una campagna di controllo e riduzione del numero dei cinghiali, principali vettori, con figure qualificate e strumenti innovativi. Quello che Cia sostiene e che il vicepresidente Di Zio ha ribadito alla platea di Arci Caccia, è la necessità di agire in modo razionale nella gestione della biodiversità, con un riequilibrio del rapporto fra uomini e ungulati. Ridurre la densità dei cinghiali con un prelievo selettivo, affidato a figure come il coadiutore e con l’utilizzo, per esempio, di visori notturni.A rischio, nel caso specifico della peste suina, interi allevamenti di suini, eccellenza del Made in Italy, e più in generale, con l’aumento del numero dei cinghiali in circolazione, la tenuta di migliaia di imprese agricole. Senza dimenticare il tema della sicurezza pubblica con oltre 10 mila incidenti l’anno, provocati da cinghiali e animali selvatici.“L’impegno deve essere nazionale, oltre che regionale -ha aggiunto Di Zio-. Tanti sforzi sono stati fatti, in questi anni, dalle amministrazioni territoriali per arginare il problema, per adeguare le misure di controllo, ma non può bastare. Serve una cabina di regia unica ed efficace, interventi più incisivi. Un approccio finalmente pragmatico che, adesso più che mai -ha concluso Di Zio- deve essere in grado di rispondere anche agli obiettivi di sostenibilità ambientale, economica e sociale”.

Posted in Diritti/Human rights, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

La legge sul biologico approda in aula a Montecitorio

Posted by fidest press agency su martedì, 8 febbraio 2022

“La proposta di legge per sostenere e incentivare le produzioni biologiche in agricoltura approderà finalmente in Aula a Montecitorio. È previsto per martedì prossimo, infatti, l’avvio dell’esame in assemblea, con la discussione generale sul testo, già approvato in commissione Agricoltura lo scorso agosto. Come avevamo auspicato a più riprese, il 2022 può aprirsi con l’approvazione definitiva di questa norma fondamentale per uno dei settori più in crescita del comparto primario. Gli imprenditori agricoli che hanno investito, e continuano a farlo in maniera consistente, in questa tipologia di pratica agricola sostenibile, attendono da troppi anni un quadro normativo chiaro e innovativo, che possa supportare e promuovere i loro sforzi e che, dunque, confidiamo sarà presto realtà”. Lo dichiara il deputato Pasquale Maglione, esponente M5S in commissione Agricoltura e relatore della proposta di legge ‘Disposizioni per lo sviluppo e la competitività della produzione agricola e agroalimentare con metodo biologico’.“Con il 15 per cento della superficie agricola utilizzata dedicata a colture biologiche e circa 82mila operatori – aggiunge -, l’Italia è un Paese leader in Europa. Proprio per sviluppare il comparto e poter così raggiungere i target previsti dalle strategie comunitarie, nel fondo correlato al Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza, abbiamo stanziato 300 milioni di euro esclusivamente dedicati alla creazione di contratti di filiera e di distretto biologici”.”Dopo la firma del decreto da parte del ministro Stefano Patuanelli, a fine dicembre, siamo in attesa dell’emanazione del relativo bando del Ministero delle Politiche agricole. Invito, pertanto, le imprese che vogliano investire in questo settore a tenersi pronte per cogliere questa grande e strategica opportunità di crescita e sviluppo” conclude.

Posted in Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Le novità pensionistiche della Legge di Bilancio 2022

Posted by fidest press agency su giovedì, 6 gennaio 2022

Molte modifiche, nessuna riforma organica alla materia pensionistica che, in questo modo, mantiene l’impianto della riforma Fornero. Potrebbero riassumersi così gli innesti della Legge di Bilancio per il 2022 alla normativa che regola le pensioni, analizzati dalla circolare della Fondazione Studi 4 gennaio 2022 n. 1. Il documento, con la prefazione a cura di Rosario De Luca, Presidente Fondazione Studi Consulenti del Lavoro, indaga nel dettaglio la proroga dell’Ape Sociale per un nuovo anno, con l’ampliamento della platea dei beneficiari e una nuova categorizzazione dei lavoratori addetti a mansioni gravose, ma anche l’estensione della data ultima di maturazione dei requisiti anagrafici e contributivi per Opzione Donna apportata dalla legge n. 234/2021. Quota 100, poi, pur se non prorogata ulteriormente, per il solo 2022 viene affiancata dalla Quota 102, che prevede un requisito anagrafico più severo di 64 anni di età. La circolare di Fondazione Studi prende in esame due ulteriori novità: – la proroga di un biennio, fino al 2024, della sperimentazione del contratto di espansione, con un ulteriore abbassamento del requisito dell’organico dei datori di lavoro ammessi al suo utilizzo (ora pari ad almeno 50 unità lavorative, anche considerando l’organico complessivo di eventuali gruppi di imprese); – la previsione di cui ai commi 89 e seguenti, articolo 1, della Manovra, con la quale si dovrebbe istituire un Fondo per il prepensionamento dei lavoratori nelle piccole e medie imprese per cui è necessario attendere il decreto attuativo.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Legge di bilancio: Per la Scuola nessuna novità dell’ultima ora

Posted by fidest press agency su venerdì, 24 dicembre 2021

La Legge di Stabilità è giunta all’atto finale: è di poche ore fa il via libera della Commissione Bilancio del Senato sul testo modificato, rappresentato da un maxi emendamento. In attesa di prendere visione del testo definitivo, dalle informazioni che trapelano sembra che per la Scuola non siano state accolte le numerose richieste di modifica presentate anche da diversi rappresentanti della maggioranza parlamentare. Le novità, in pratica, sono quelle già note, alle quali si aggiungono alcune proposte formulate dal Governo. Per gli Ata Covid da confermare fino a giugno sembra che ci si fermi ai 100 milioni aggiuntivi e quindi oltre 14mila perderanno il posto tra poco più di una settimana. Arrivano solo 4 euro a dipendente per la valorizzazione, che fanno 16 in totale. Ci sono poi fondi per le retribuzioni dei dirigenti scolastici, arriva l’educazione motoria alla primaria ma solo nelle classi terminali. Ci sono 120 milioni per estendere anche per i prossimi due anni scolastici l’assegnazione di presidi e Dsga a scuole con almeno 500 studenti, 300 per quelle ubicati in piccole isole e comuni montane. Via libera per l’indennità solo di chi insegna in sede “disagiata”. Passa la stabilizzazione degli ex Lsu e il supporto psicologico a scuola. Ci sono soldi aggiuntivi per le paritarie e la lotta al cyberbullismo.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Legge sui mercati digitali: approvata la posizione del PE

Posted by fidest press agency su lunedì, 20 dicembre 2021

Via libera dal Parlamento per l’avvio dei negoziati con i governi UE sulle norme che stabiliscono ciò che le grandi piattaforme online potranno fare e non fare nell’UE.Alcuni punti chiave nel testo approvato dal Parlamento europeo: · aumenta le soglie quantitative, per cui una società rientrerebbe nell’ambito di applicazione del DMA se: ha fino a 8 miliardi di euro di fatturato annuo nello Spazio economico europeo (SEE) e una capitalizzazione di mercato di 80 miliardi di euro; se fornisce un servizio di piattaforma di base in almeno tre paesi dell’UE e con almeno 45 milioni di utenti finali al mese e oltre 10000 utenti commerciali; · include requisiti supplementari sull’uso dei dati per la pubblicità mirata o micromirata e sull’interoperabilità dei servizi, ad esempio servizi di comunicazione interpersonale indipendenti dal numero e servizi di social network; · offre agli utenti la possibilità di disinstallare le applicazioni software preinstallate da un servizio della piattaforma principale, come le app, in qualsiasi momento · prevede restrizioni alle “acquisizioni killer”. In caso di inosservanza sistematica, la Commissione potrebbe limitare la possibilità dei gatekeeper di effettuare acquisizioni in settori relativi alla DMA al fine di porre rimedio o prevenire ulteriori danni al mercato interno. I gatekeeper dovranno anche informare la Commissione di qualsiasi prevista concentrazione; · chiarisce il ruolo delle autorità nazionali garanti della concorrenza, pur mantenendo l’applicazione del DMA nelle mani della Commissione; · afferma che il DMA dovrebbe assicurare che gli informatori (whistleblower) possano segnalare alle autorità competenti violazioni effettive o potenziali, e garantire loro protezione da ritorsioni; · stabilisce che, se un gatekeeper non rispetta le norme, la Commissione può infliggere ammende “non inferiori al 4% e non superiori al 20%” del suo fatturato mondiale totale dell’esercizio precedente.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Approvare la legge sul biologico

Posted by fidest press agency su lunedì, 6 dicembre 2021

E’ un dovere nei confronti degli imprenditori agricoli che hanno investito, e continuano a farlo in maniera consistente, in questa tipologia di pratica agricola sostenibile. Perciò prendo atto, con forte rammarico, della mancata calendarizzazione della norma nel mese di dicembre come emerso dall’esito della capigruppo di Montecitorio. Chiaramente il mio auspicio, come relatore del provvedimento, è che la legge approdi in Aula a inizio 2022 e chiedo, dunque, ai primi firmatari della norma stessa di farsi promotori della sua calendarizzazione nel prossimo trimestre. La proposta attende solo il voto definitivo della Camera, dopo aver incassato l’approvazione a larghissima maggioranza in commissione Agricoltura ad agosto e, prima ancora, dei due rami del Parlamento”. Lo dichiara il deputato Pasquale Maglione, esponente M5S in commissione Agricoltura e relatore della proposta di legge ‘Disposizioni per lo sviluppo e la competitività della produzione agricola e agroalimentare con metodo biologico’.“L’Italia è leader in Europa – prosegue – con il 15 per cento della superficie agricola utilizzata dedicata a colture biologiche ma, per raggiungere i target che le strategie comunitarie come il Green Deal ci pongono, dobbiamo raggiungere il 25 per cento. È nostro dovere, pertanto, fornire ai circa 82mila operatori biologici italiani una norma moderna che possa sostenere gli investimenti nel settore”.”Inoltre, abbiamo già previsto, nel fondo correlato al Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza, una dotazione di 300 milioni di euro esclusivamente dedicata alla creazione di contratti di filiera e di distretto biologici” conclude Maglione.

Posted in Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Agricoltura: Legge sul biologico

Posted by fidest press agency su venerdì, 3 dicembre 2021

“Per raggiungere gli obiettivi che l’Europa ha posto all’Italia nell’ambito del Green Deal è importante che il Parlamento doti il comparto biologico di una norma di settore. L’occasione potrà presto arrivare in Aula a Montecitorio dove il testo è atteso per l’approvazione definitiva entro fine anno. A ricordarne l’importanza è stato lo stesso presidente di Legambiente, Stefano Ciafani, che ringrazio. Se da un lato l’Unione europea ci chiede di ampliare la superficie dedicata al biologico per una transizione ecologica che coinvolga il comparto primario, dall’altro i cittadini chiedono sempre più cibo rispettoso dell’ambiente”. Lo dichiara il deputato Pasquale Maglione, esponente M5S in commissione Agricoltura e relatore della proposta di legge ‘Disposizioni per lo sviluppo e la competitività della produzione agricola e agroalimentare con metodo biologico’.“La norma ci permetterà – aggiunge – di armonizzare tutte le misure e le azioni volte alla salvaguardia e allo sviluppo delle produzioni biologiche che, nel nostro Paese, coinvolgono già circa 82mila operatori per oltre 2mila ettari coltivati e ci vede tra i leader europei con Francia e Spagna. Come emerge dai dati dell’Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale (Ispra), in Italia l’agricoltura è responsabile di appena il 7 per cento delle emissioni nazionali e, aumentando le produzioni biologiche, così come ci chiede l’Europa, potremo porre un ulteriore tassello per migliorare questo dato”.“Un ulteriore impulso giungerà dal Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza – continua Maglione – dove sono dedicati esclusivamente al biologico 300 milioni di euro del Fondo per la creazione di contratti di filiera e distretto”.”L’auspicio è quello di poter festeggiare il 23 settembre 2022 la prima Giornata europea dell’Agricoltura Biologica, istituita dal Commissario Ue Janusz Wojciechowski, con una legge di settore moderna affinché aumentino produzione e consumo nonché la sostenibilità ambientale del comparto primario nazionale, in linea con le strategie comunitarie ‘Farm to Fork’ e ‘Biodiversità’” conclude.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Legge di bilancio per programmare il futuro

Posted by fidest press agency su domenica, 31 ottobre 2021

“In Parlamento, tra pochi giorni, arriverà una Legge di Bilancio che parla molto di futuro. Con misure che riguardano, ad esempio, l’istruzione, l’imprenditorialità giovanile, la garanzia dello Stato per l’acquisto della prima casa o l’Assegno unico per i figli. Stiamo chiudendo, proprio in queste ore, dopo l’approvazione del Documento programmatico, l’articolato di una manovra che va vista in modo complementare al Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza, con una logica reale di programmazione pluriennale. Un piano industriale per l’Italia. Un lavoro a ritmi serrati, per programmare e guardare al futuro. Con investimenti in ricerca, come la creazione di un Fondo italiano per la ricerca tecnologica o il rendere strutturali 12.000 borse di studio, o ancora la creazione di strutture di finanziamento della ricerca su basi competitive, come il Fondo italiano per la scienza la ricerca di base ed il Piano Nazionale di Transizione 4.0 che stimola le imprese, rendendo strutturale per 10 anni il credito d’imposta su ricerca e sviluppo. Ma anche una visione più sostenibile dell’intero Sistema Paese. Con il focus, presente in Manovra e nel PNRR, sulla transizione ecologica. Rifinanziare il Superbonus vuol dire, non solo aver rimesso in moto un settore come quello dell’edilizia, ma soprattutto trasformare un Paese per lasciare ai giovani un “mondo” diverso, migliore. L’Italia avrà successo se riusciremo a consentire alle nostre ragazze e ragazzi di studiare, lavorare e sviluppare la loro vita qui, perché l’andare all’estero deve tornare ad essere un’opportunità per maturare esperienze e non una costrizione per mancanza di occasioni. Questo richiede maggiori investimenti pubblici e privati, oltre a quelle riforme, a partire da quella fiscale, che affrontino quei nodi strutturali che hanno frenato la crescita. È questo l’impegno quotidiano su cui, come MoVimento 5 Stelle, siamo concentrati”. Così, sui social, il Vice Ministro dell’Economia e delle Finanze, Laura Castelli.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Urge una nuova legge d’immigrazione

Posted by fidest press agency su venerdì, 29 ottobre 2021

Amsi,UMEM ,Co-mai e Movimento Uniti per Unire; Urge intensificare la collaborazione tra Europa ed i paesi di origine dei migranti in modo continuo, costruttivo e trasparente e non in modo sporadico e lasciarli da soli compreso l’Italia.I numeri sono indispensabili per inquadrare qualsiasi problema anche quello dell’immigrazione: fino al 22 ottobre in Italia sono sbarcati 51.568 migranti rispetto ai 26.683 dell’anno scorso a conferma che la rotta del Mediterraneo centrale è quella più percorsa dai trafficanti di esseri umani. Oltre 14.000 sono i tunisini, 6.000 i bengalesi e più di 5.000 gli egiziani .E poi, per l’Afghanistan che ormai è passata tra i conflitti dimenticati; ai confini tra Europa e Asia ci sono 3,5 milioni di profughi afghani in Iran dopo la presa del potere dei talebani , circa 2 milioni sarebbero pronti a muoversi e 2.000 afghani ogni giorno cercano di entrare in Turchia dove nel territorio turco ci sono già 300.000 afghani. Inoltre, ultimi dati fino allo scorso settembre indicano che nel Mediterraneo centrale l’aumento rispetto all’anno scorso è stato dell’87 per cento e lungo la rotta dei Balcani occidentali del 148 per cento. Proprio perché la pressione migratoria aumenta, la riunione del Consiglio europeo è stata tesa e spigolosa su diversi temi come i movimenti secondari, il comportamento della Bielorussia contro le frontiere dell’Unione europea e l’equilibrio tra solidarietà e responsabilità, che comporta anche una migliore (nelle intenzioni italiane) suddivisione dei soldi. È quest’ultimo punto, introdotto nel documento finale, che il presidente del Consiglio ha sottolineato alla fine del vertice: Mario Draghi si è detto molto soddisfatto perché inizialmente nel testo erano citati solo i movimenti secondari e, soprattutto, perché si “è aperto uno spiraglio sulla discussione sul Patto sulla migrazione e l’asilo, ferma da un anno”.”Per tutti i dati e le dichiarazioni illustrati ci appelliamo al Presidente Draghi per intensificare l’impegno affinché l’Italia possa ottenere un accordo per una nuova legge d’immigrazione europea che viene aggiornata ad oggi prendendo in considerazioni tutti i cambiamenti geopolitici ,effetto pandemia ,carenza di professionisti della sanità in Italia e nel mondo ,Salute Globale ,responsabilizzare di più i paesi di origine dei migranti e dei rifugiati a combattere il mercato degli esseri umani e della corruzione nel mercato dell’immigrazione irregolare nei punti di partenza e non solo d’arrivo. Cosi Dichiara Foad Aodi, Presidente Associazione medici di origine straniera in Italia(Amsi) e Unione medica euro mediterranea (Umem) e membro Commissione Salute Globale Fnomceo Ufficio Stampa Amsi http://www.amsimed.org

Posted in Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Scuola: Legge di bilancio 2022, pubblicato il documento programmatico

Posted by fidest press agency su giovedì, 28 ottobre 2021

Si va verso la definizione della Legge di bilancio 2022: 23 miliardi di euro le risorse a disposizione. Infatti, come riporta la stampa specializzata, “dopo il via libera sul Decreto Fiscale collegato lo scorso 15 ottobre, il Governo ha approvato il Documento Programmatico di Bilancio da inviare alla Commissione Europea per la valutazione nel Consiglio dei Ministri del 19 ottobre 2021. Nel testo ufficiale prende forma uno schema di tutte le novità in arrivo con la prossima Manovra, che avrà un valore pari a circa 23 miliardi di euro”.Per quanto riguarda le novità, si va “dalla proroga del Superbonus e degli altri bonus casa, escluso quello per le facciate, fino alla strategia sulle pensioni per il dopo Quota 100”.Il documento è uno schema sintetico del progetto che sarà messo nero su bianco nella prossima Manovra e contiene tutte le possibili misure in forma embrionale. Solitamente deve essere inviato alla Commissione Europea entro il 15 ottobre di ogni anno: con quattro giorni di ritardo il Consiglio dei Ministri ha approvato il testo da inviare a Bruxelles costruito sui dati positivi emersi dalla Nota di Aggiornamento al Documento di Economia e Finanze.Per quanto riguarda istruzione e ricerca, il documento prevede un aumento della dotazione del Fondo di Finanziamento ordinario per l’Università e del Fondo Italiano per la Scienza e viene creato un nuovo fondo per la ricerca applicata. Le borse di studio per gli specializzandi in medicina vengono portate in via permanente a 12.000 l’anno. Viene disposta la proroga fino a giugno dei contratti a tempo determinato stipulati dagli insegnanti durante l’emergenza Covid-19.Marcello Pacifico, presidente nazionale del sindacato Anief, afferma che per l’istruzione gli investimenti dovrebbero essere aumentati e la spesa incentivata in quanto investimento per il futuro della nuova generazione. “I dati ci parlano di una Italia ultima in Europa per fondi all’istruzione. Nel 2009, l’Italia aveva infatti speso in istruzione pubblica poco più di 72 miliardi di euro, circa 6 miliardi di euro in più rispetto a dodici anni dopo. La nostra nazione spende in istruzione meno degli altri grandi Paesi Ue, sia in rapporto al Pil che alla spesa pubblica totale e il calo dal 2009 in poi in questo settore di spesa sta avvenendo più velocemente rispetto alla media europea”.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Lazio: Approvata la legge sull’invecchiamento attivo

Posted by fidest press agency su mercoledì, 27 ottobre 2021

“Con questa legge, sottoscritta da tutte le forze politiche e di cui sono prima firmataria, il Lazio si pone tra le regioni che per prime si sono occupate del tema in Italia, nel quadro di riferimento delineato in materia dall’Oms e dall’Ue per la promozione di politiche di prevenzione per un invecchiamento attivo e in buona salute. La legge, sentita e plurale, nasce da un percorso iniziato fuori dal Consiglio regionale con una corposa raccolta firme promossa dalle categorie dei pensionati dei sindacati Cgil, Cisl e Uil, e si è resa urgente dopo la lezione del Covid-19, che proprio tra le persone anziane ha mietuto più vittime, accrescendone il senso di isolamento e abbandono”. Lo dichiara in una nota la capogruppo della Lista Civica Zingaretti al Consiglio regionale del Lazio Marta Bonafoni. “La norma, che si avvale di un investimento di risorse pari a 1 milione e 350mila euro nel triennio 2021-2023, ha l’obiettivo di valorizzare e promuovere il ruolo della persona anziana nella comunità e favorire la costruzione di percorsi di autonomia e benessere nei vari contesti della vita quotidiana, superando la logica assistenzialistica schiacciata sui servizi ancora prevalente- aggiunge Bonafoni- Molteplici gli strumenti previsti nei 14 articoli che compongono la legge, per realizzare un cambio di passo culturale, prima ancora che sociale. Oltre alla programmazione di interventi coordinati e integrati negli ambiti della promozione sociale, della salute, della formazione permanente, del volontariato, dello sport e del tempo libero- spiega Bonafoni- la legge dispone la promozione di protocolli con scuole, università, musei e associazioni di categoria, per garantire quello scambio intergenerazionale che può garantire ai nostri anziani l’integrazione e l’arricchimento delle comunità. Non solo. Grazie alla norma, sarà favorita la partecipazione ad attività culturali, di turismo sociale e socialmente utili, oltre alla diffusione di corretti stili di vita, corretta alimentazione e attività motoria, nell’ambito di protocolli operativi tra enti locali, Asl, Terzo settore e centri anziani. Infine, viene istituita la Giornata regionale dell’invecchiamento attivo, che sarà celebrata ogni anno il 22 aprile in occasione della ricorrenza della nascita del Premio Nobel Rita Levi Montalcini. Questo immenso e prezioso lavoro corale- conclude Bonafoni- è dedicato alle nostre anziane e ai nostri anziani, che potranno guardare con speranza al futuro, e rappresenta un primo risarcimento istituzionale e politico per chi in questi due anni di pandemia non ce l’ha fatta. Un primo passo che permetterà alla lezione del Covid di camminare nelle nostre scelte e nelle nostre politiche”.

Posted in Roma/about Rome, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Nuova legge per il libro dell’Emilia Romagna

Posted by fidest press agency su martedì, 19 ottobre 2021

“Salutiamo con grande favore e compiacimento l’approvazione della nuova legge per il libro dell’Emilia Romagna, strumento fondamentale per il rafforzamento dell’industria editoriale regionale – ha dichiarato il presidente dell’Associazione Italiana Editori (AIE) Ricardo Franco Levi –. Come associazione degli editori abbiamo contribuito fornendo il nostro parere nella fase di stesura del testo e siamo disponibili fin da subito a collaborare nei vari ambiti previsti dalla normativa per individuare i fabbisogni delle aziende e identificare le misure più adatte per soddisfarli”.La legge regionale per il libro dell’Emilia Romagna, approvata ieri, è pensata per dare un concreto sostegno alle imprese editoriali favorendo con incentivi l’innovazione di prodotto e di processo lungo tutto la filiera distributiva e l’internazionalizzazione attraverso contributi per le traduzioni e la partecipazione a eventi internazionali. La legge sostiene inoltre la formazione e quindi la crescita delle competenze degli addetti al settore e l’integrazione di filiera e di rete.“L’Emilia Romagna vanta già oggi – ha concluso Levi – un vivace comparto editoriale molto aperto all’internazionalizzazione. Questa legge permette di dare ancora maggiore slancio a un settore che, al di là del suo grandissimo valore culturale, ha un peso rilevante nell’economia regionale e nazionale”.

Posted in Diritti/Human rights | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

La legge sul biologico approderà nell’Aula di Montecitorio il prossimo novembre

Posted by fidest press agency su martedì, 5 ottobre 2021

L’auspicio è che, come già avvenuto in commissione Agricoltura ad agosto e al Senato in precedenza, le richieste del mondo produttivo agricolo italiano trovino piena e concreta sponda in Parlamento con l’approvazione definitiva di una norma che il Paese attende da oltre dieci anni”. Lo dichiara il deputato Pasquale Maglione, esponente M5S in commissione Agricoltura e relatore della proposta di legge ‘Disposizioni per lo sviluppo e la competitività della produzione agricola e agroalimentare con metodo biologico’. “La norma ci permetterà – aggiunge – di armonizzare tutte le misure e le azioni volte alla salvaguardia e allo sviluppo delle produzioni biologiche che, nel nostro Paese, coinvolgono già circa 82mila operatori per oltre 2mila ettari coltivati e ci vede tra i leader europei con Francia e Spagna. Potremo così festeggiare il 23 settembre 2022 la prima Giornata europea dell’Agricoltura Biologica, appena istituita dal Commissario Ue Janusz Wojciechowski, con una legge di settore moderna affinché aumentino produzione e consumo nonché la sostenibilità ambientale del comparto primario nazionale, in linea con le strategie comunitarie ‘Farm to Fork’ e ‘Biodiversità’”. “Ulteriore impulso, infine – conclude Maglione – giungerà dal Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza dove sono dedicati esclusivamente al bio 300 milioni di euro del Fondo per la creazione di contratti di filiera e distretto”.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Una legge sulla Giustizia fatta dalla politica e non dalla magistratura

Posted by fidest press agency su mercoledì, 4 agosto 2021

“Chi disprezza compra”. E come se comprerebbero, Travaglio e tutti gli assatanati dalle manette e dalle chiavi buttate dopo avere chiuso i cancelli delle celle. Ci starebbero ad avere segnato un punto come quello di Draghi e della ministra Cartabia, che loro chiamano “riformetta” quando devono fare bella figura. Oppure “schiforma” quando sono fuori controllo e parlano come mangiano. Per capire che cosa sono riusciti a portare a casa il presidente banchiere e la Guardasigilli presidente emerita della Corte Costituzionale, basti pensare che per la prima volta, su un provvedimento di questa natura, la classe politica ha deciso indipendentemente dalla Magistratura organizzata. Addirittura, nonostante la sua manifesta contrarietà. Non succedeva da trenta anni. Se in altre circostanze ci fosse stato lo stesso coraggio, la storia italiana sarebbe stata diversa. La pratica democratica non sarebbe caduta così in basso e nemmeno il prestigio della classe politica.L’attenzione dei giornali e dei partiti si è concentrata a torto tutta sulla questione della prescrizione. E’ più facile, così, tirare la coperta tutta dalla propria parte: per dimostrare, se si è giustizialisti, che la legge Cartabia lascia praterie libere all’impunità di corrotti e mafiosi; oppure, al contrario, che continueranno i processi infiniti come spada di Damocle eternamente sospesa sul capo degli imputati. In realtà la improcedibilità viene graduata, in Appello e in Cassazione a seconda della gravità dei reati e la complessità delle indagini e, addirittura escludendo i reati più gravi, quelli imprescrittibili e sanzionati con l’ergastolo.Inoltre (ed è la parte più importante della legge, anche se quasi ignorata dal dibattito fra le parti interessate a scatenare una guerra incivile) la legge si preoccupa di vari altri aspetti assai rilevanti per la velocità dei processi e per le persone coinvolte. Ci sarà un regime transitorio per consentire agli uffici giudiziari di organizzarsi, con l’assunzione di 20mila assistenti e addetti amministrativi. Deposito degli atti e notifiche potranno arrivare per via telematica. E, sempre allo scopo di snellire i processi, sono previsti il contenimento dei tempi delle indagini, si potrà chiedere il rinvio a giudizio solo se gli elementi acquisiti consentano una «ragionevole previsione di condanna», altrimenti scatterà il non luogo a procedere. E la durata massima delle indagini sarà in proporzione alla gravità del reato. E ancora: il diritto all’oblio per gli indagati prosciolti, l’incremento delle pene alternative alle affollatissime carceri.Certo, non è la panacea. Ma nemmeno acqua fresca. E che ciò sia stato possibile, significa che il clima è cambiato. Qualcuno ha avuto il coraggio di dimostrare che non è obbligatorio restare nelle mani dei mozzaorecchi e dei loro trombettieri mediatici, nemmeno se si legifera in tema di giustizia. Sembra certo che il Parlamento non modificherà il testo del governo, peraltro definito dopo ampie consultazioni con le forze politiche. Del resto quasi a ciascuno è toccato il suo, per fare bella figura con i propri elettori: a Salvini il modo di interpretare il ruolo abituale di Capitan Fracassa; alla Meloni di dire, come sempre, il suo no a prescindere; a Berlusconi di ribadire il suo garantismo; ai 5 Stelle di promettere sfracelli senza poi mantenere la promessa; e al PD di apparire, ancora una volta una sorta di spalla del trio Conte-Grillo-Di Maio. Contenti loro! Nicola Cariglia, direttore Pensalibero, consulente Aduc

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »