Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 34 n° 151

Posts Tagged ‘claudio cricelli’

Dimissioni prof. Ricciardi

Posted by fidest press agency su giovedì, 20 dicembre 2018

“A nome della Società Italiana di Medicina Generale e mio personale, invio al Prof. Walter Ricciardi i più calorosi, collegiali, amichevoli e fraterni saluti a conclusione del suo incarico quale Presidente dell’Istituto Superiore di Sanità. Il Prof. Ricciardi ha adempiuto al suo compito con straordinario rigore, ha rilanciato la maggiore Istituzione Scientifico Sanitaria italiana, ha dato e darà prestigio e dignità al nostro Paese dovunque lo rappresenti”. Con queste parole il dott. Claudio Cricelli, presidente nazionale della Società Italiana di Medicina Generale e delle Cure Primarie (SIMG), commenta le dimissioni del Prof. Walter Ricciardi, Presidente dell’ISS. “Il Prof. Ricciardi, ha coinvolto attivamente la comunità scientifica del nostro Paese costruendo nell’Istituto la casa della Buona Pratica Clinica – spiega il dott. Cricelli -. Anche per questo, tutti noi, che di questa comunità facciamo parte, gli dobbiamo molto. L’ISS, anche grazie all’azione del prof Ricciardi, è diventato ancor di più, per gli operatori sanitari e per i cittadini, l’istituzione garante del rigore della scienza e delle sue evidenze e della Salute degli Italiani”.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Farmaci innovativi: perché non è possibile prescriverli?

Posted by fidest press agency su giovedì, 22 giugno 2017

farmaci“Sul tema della prescrizione dei farmaci innovativi l’onorevole Federico Gelli ha sollevato un problema che ormai provoca solo imbarazzo nel nostro servizio sanitario nazionale”. E’ quanto dichiarano Claudio Cricelli, presidente della Società Italiana di Medicina Generale e delle Cure Primarie (SIMG) e Silvestro Scotti segretario nazionale della Federazione italiana medici di medicina generale (FIMMG). “Da molti anni per una decisione cervellotica e priva di alcun senso logico, clinico ed economico, la prescrizione dei farmaci innovativi è stata inibita ai medici di medicina generale sulla base di considerazioni prive di sostanza clinica e sanitaria – proseguono Cricelli e Scotti -. Questa decisione perdura tuttora e ha portato danni incalcolabili alla salute dei cittadini, a cui è stato di fatto impedito l’accesso alle cure di patologie importanti come il diabete e le malattie cardiovascolari”. “Ha ragione Gelli quando afferma che questa situazione è solo italiana. Aggiungiamo – aggiungono Cricelli e Scotti – che a causa di questa assurdità i medici di medicina generale non hanno più accesso all’informazione scientifica e alla conoscenza sui nuovi farmaci cosiddetti innovativi, molti dei quali sono stagionati e già invecchiati. Addirittura si paventa oggi l’inibizione a prescrivere classi di farmaci per le patologie respiratorie croniche rispetto alle quali la medicina generale è l’unico comparto medico in grado di reggere l’impatto della cronicità crescente”. “Proviamo imbarazzo e vergogna nel confrontarci con i nostri colleghi di tutto il mondo – sottolineano i due dottori -. Siamo considerati i paria del SSN, ci viene richiesta la presa in carico di tutti i cittadini italiani, delegando però ai soli specialisti la prescrizione di farmaci per i quali siamo perfettamente in grado svolgere un adeguato percorso informativo e formativo, anche in collaborazione con altri professionisti coinvolti nel medesimo processo di cura. Una visione di povertà culturale dei medici di famiglia e di sudditanza ad altre aree della professione medica sta alla base delle norme vessatorie che impediscono la prescrizione di farmaci così importanti per la salute dei cittadini. Bisogna cambiare strada, e non solo per il diabete. La scarsa considerazione della medicina generale tuttavia non riguarda solo la prescrizione dei farmaci. È la conseguenza di una visione ottusa e retriva della medicina generale che ancora ostinatamente persiste in alcuni settori e in alcune Regioni di questo Paese, che utilizzano il pretesto della appropriatezza per impedire l’armonico e indispensabile sviluppo delle cure primarie, limitandone in ogni modo e con ogni mezzo le enormi capacità ancora inespresse per migliorare l’assistenza e la cura dei cittadini sul territorio – concludono Cricelli e Scotti -. Segnali incoraggianti ci vengono oggi inviati da Mario Melazzini, direttore generale dell’Agenzia del Farmaco, al quale riconosciamo il merito di aver compreso l’inutilità e la incongruenza di queste scelte regolatorie del passato, anacronistiche, oltre che dannose dannose nelle circostanze attuali”.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Medici di famiglia: non rinunceremo ai vaccini

Posted by fidest press agency su sabato, 15 aprile 2017

vaccinazione-antinfluenzale-2012-2013“I medici di famiglia si prendono cura della salute di tutti gli italiani ogni giorno e in ogni momento della loro vita senza clamori. La vaccinazione è una risorsa primaria della medicina e della sanità pubblica. Noi siamo un baluardo insormontabile contro le falsità, l’ignoranza e la falsificazione della scienza”. Il dott. Claudio Cricelli, presidente della Società Italiana di Medicina Generale e delle Cure Primarie (SIMG), ribadisce l’impegno dei medici di famiglia nella diffusione della cultura della vaccinazione e dell’informazione costante, continua e permanente dei 60 milioni di cittadini (#noivacciniamogliitalianiinsilenzio). Preoccupa l’organizzazione oggi presso la Sala Stampa della Camera dei Deputati della conferenza “Libertà di scelta per vaccinarsi in sicurezza”. “Possiamo benissimo fare a meno delle sparate propagandistiche di alcuni politici – sottolinea il dott. Cricelli-. Non faremo mai a meno dei vaccini”. La SIMG ha realizzato, in collaborazione con Cittadinanzattiva, l’instant book Domande e Risposte Sui Vaccini, disponibile on line e distribuito in tutti gli ambulatori dei medici di famiglia della Penisola. “Svolgiamo il ruolo di sentinelle della salute dei cittadini e siamo operativi su tutto il territorio nazionale – conclude il dott. Cricelli -. Nel nostro Paese il numero di persone vaccinate sta nettamente calando. Le percentuali, in età pediatrica, per molte gravi malattie infettive sono scese sotto la soglia limite di sicurezza del 95%. Non va lasciato alcuno spazio a teorie pseudoscientifiche che mettono a rischio la salute degli italiani”.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Claudio Cricelli è stato riconfermato Presidente della Società Italiana di Medicina Generale

Posted by fidest press agency su domenica, 27 settembre 2015

cricelliClaudio Cricelli è stato riconfermato Presidente della Società Italiana di Medicina Generale e delle Cure Primarie (SIMG) per il prossimo triennio. L’Assemblea Nazionale della SIMG, riunita a Sansepolcro, ha acclamato all’unanimità il nuovo Esecutivo Nazionale e ha rieletto Claudio Cricelli, Presidente Nazionale della società scientifica. Il Presidente ha presentato una lettera inviata alle Istituzioni Sanitarie Nazionale, proponendo soluzioni radicalmente differenti ed alternative alle proposte del Governo e delle Regioni sul cosiddetto Decreto Appropriatezza. “I medici della SIMG – ha affermato il Presidente Cricelli – hanno la capacità di utilizzare strumenti di valutazione professionale in grado di mostrare i livelli di competenza e di qualità professionale e di garantire una tempestiva valutazione della qualità delle prestazioni erogate. Non serve punire i medici ed è inutile e puerile. Basta chiedere loro di essere valutabili e i medici di medicina generale collaboreranno con piacere e tempestività. La sfida per la qualità rende superato e arcaico il dibattito attuale”. “Chi pensa di salvare il Servizio Sanitario Nazionale – ha concluso il dott. Cricelli – non è al corrente dell’esistenza di medici di gran lunga migliori di quanto l’esausto immaginario dei politici possa immaginare”.

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Osteoartrosi e controllo del dolore cronico

Posted by fidest press agency su martedì, 16 giugno 2015

doloreIl paracetamolo risulta sicuro per la gestione del dolore cronico nei pazienti con artrosi sia sul piano cardiovascolare che su quello gastrointestinale. “Anche nelle persone con un alto rischio di eventi cerebro e cardiovascolari o quando usato a lungo termine – sottolinea il dott. Claudio Cricelli, presidente SIMG (Società Italiana di Medicina Generale e delle Cure Primarie) – il paracetamolo non appare associato a un aumento del rischio di ictus e cardiopatia ischemica”. È quanto emerge dalla prima analisi effettuata nel nostro Paese sull’impatto effettivo di questa molecola in persone colpite dalla malattia al di fuori dei criteri di selezione tipici degli studi clinici, cioè appartenenti al cosiddetto mondo reale (real life). La ricerca è stata condotta dalla SIMG grazie al database di “Health Search” selezionando una coorte di circa 37 mila pazienti con osteoartrosi trattati per un decennio, fra il 2002 e il 2012. “Solo una medicina generale evoluta e dotata di una delle banche dati più grandi d’Europa – afferma il dott. Cricelli – è in grado di condurre studi retrospettivi fondati sul mondo reale. Queste conclusioni dovrebbero determinare un salto culturale fra i clinici. Infatti in Italia il paracetamolo rappresenta solo il 6% delle prescrizioni come terapia analgesica”. Il dolore cronico non oncologico costituisce uno dei più comuni motivi di consultazione medica: basti pensare che interessa nel nostro Paese oltre 15 milioni di persone (20% della popolazione), la maggior parte delle quali (75%) soffre proprio di artrosi. La ricerca ha analizzato i pazienti in relazione alla comparsa di eventi cardiovascolari acuti ed emorragie digestive superiori in corrispondenza del trattamento con paracetamolo. “Nello studio condotto con ‘Health Search’, l’uso di paracetamolo è stato definito corrente (da 0 a 90 giorni), recente (da 91 a 180 giorni) o passato (da 181 a 365 giorni) in relazione alla data dell’ultima prescrizione antecedente l’insorgenza di eventi cardiovascolari acuti e di emorragie del tratto gastrointestinale superiore – spiega il dott. Francesco Lapi, Direttore della Ricerca di ‘Health Search’ -. La presenza di due diversi eventi clinici ha richiesto di suddividere i pazienti in due coorti: la prima ha individuato 2.215 casi per gli eventi cardiovascolari acuti, la seconda 462 casi per le emorragie digestive superiori. L’analisi ha dimostrato che l’utilizzo corrente, recente o passato del farmaco non presenta alcuna associazione significativa con eventi cardiovascolari acuti. Anche sul fronte delle problematiche gastrointestinali, l’uso di paracetamolo è risultato di per sé sicuro: in questo contesto il rischio di emorragie superiori ha riguardato solo i pazienti esposti anche a antinfiammatori (FANS).” A conferma di ciò, è stato osservato che rispettando un intervallo di almeno 150 giorni tra interruzione dei FANS e avvio della terapia del paracetamolo, l’insorgenza di emorragie risultava sensibilmente ridotta. “Sappiamo che nel mondo ‘reale’ è necessario tenere conto dell’assunzione contemporanea di antinfiammatori, di analgesici da banco e dell’esposizione a FANS, che rappresentano un fattore di rischio certo per eventi cardiovascolari e gastrointestinali – afferma il dott. Pierangelo Lora Aprile, segretario scientifico SIMG e responsabile Area medicina del dolore e cure palliative -. La nostra analisi multivariata ha tenuto conto di fattori potenzialmente confondenti quali stili di vita, altre patologie e terapie farmacologiche concomitanti: ossia, di quanto avviene nella pratica clinica italiana, che vede tra l’altro la frequente assunzione di FANS. Proprio perché calata nella realtà del nostro Paese, l’indagine fornisce dati solidi e utili al medico e queste conclusioni dovrebbero determinare un importante salto culturale”.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Dopo 30 anni, cambia il nome dell’associazione, che riunisce più di 7000 camici bianchi

Posted by fidest press agency su lunedì, 13 ottobre 2014

medico“Da oltre trent’anni il senso dell’appartenenza e del rigore scientifico caratterizza la Società Italiana di Medicina Generale (SIMG). Siamo una comunità che si prende cura dei propri membri e della loro qualità professionale. E intendiamo garantire a tutti i cittadini l’accesso alla nuova organizzazione territoriale delle cure primarie, anche in collaborazione con altre Associazioni della medicina del territorio e della Sanità pubblica. Abbiamo proposte e idee precise sulle politiche sanitarie, sulla sostenibilità del sistema e sui nuovi modelli delle cure primarie. In particolare abbiamo una consolidata esperienza dei percorsi di formazione dei medici di medicina generale. Abbiamo quindi pensato che, anche nel nome, la nostra società scientifica debba riflettere l’evoluzione profonda della nostra professione: da Medici di Medicina Generale a Medici delle Cure Primarie. Da oggi, la nostra associazione avrà quindi il nome di ‘SIMG – Società Italiana di Medicina Generale e delle Cure Primarie’”. Il dott. Claudio Cricelli, presidente SIMG, spiega così i motivi del cambiamento del nome dell’associazione, discusso e approvato all’unanimità dall’Assemblea nazionale SIMG lo scorso settembre. “Promuoviamo ricerche da più di 10 anni e abbiamo pubblicato oltre 100 lavori su riviste indicizzate – continua il dott. Cricelli -. Abbiamo costituito nel 1998 il maggior database della medicina generale italiana, ‘Health Search’, per fornire dati epidemiologici, di prescrizione dei farmaci, di ricerca clinica ed economica. Nel 2007 abbiamo istituito la Fondazione SIMG per la ricerca, per disporre di uno strumento idoneo a produrre studi e lavori in questo ambito, in collaborazione con Istituzioni nazionali e internazionali. Forti di questa storia e di questa tradizione, rilanciamo il progetto ambizioso di portare i medici di medicina generale, grazie alla loro consolidata esperienza professionale, verso la nuova Sanità pubblica e le nuove cure primarie”.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Stili di vita degli italiani

Posted by fidest press agency su venerdì, 27 Maggio 2011

Roma 31 maggio alle 11.30 all’Auditorium del Ministero della Salute verranno presentati I risultati del sondaggio e il programma alla presenza del Ministro, prof. Ferruccio Fazio, del Sen. Antonio Tomassini, Presidente della Commissione “Igiene e Sanità” del Senato e Presidente dell’Associazione parlamentare per la tutela e la promozione del diritto alla prevenzione, del dr. Claudio Cricelli, di Emanuela Folliero, del Dr. Giuseppe Feyles, Direttore di Rete 4, del Prof. Sergio Pecorelli, Presidente dell’Agenzia Italiana del Farmaco (Aifa) e di Mauro Boldrini, Presidente di Intermedia, agenzia di comunicazione che co-produce il programma con Endemol. Gli italiani mantengono un atteggiamento “fatalista” nei confronti della propria salute: scarsa prevenzione, molta pigrizia, poca informazione. E per risolvere dubbi e quesiti 4 su 10 ricorrono alla tv, più consultata del medico di famiglia, interpellato solo dal 20,3% dei cittadini. Un sondaggio realizzato in questo mese di maggio dalla Società Italiana di Medicina Generale (SIMG) rivela che è necessario investire in maniera decisa sulla medicina dei sani. Per riuscirci diventa protagonista del primo programma tv dedicato alla salute con il bollino delle Società scientifiche e il coinvolgimento diretto delle Istituzioni, Ministero della Salute, Commissione Igiene e Sanità del Senato e Agenzia Italiana del Farmaco (Aifa).
“Benessere – Il ritratto della salute” in onda dal 13 giugno su Rete 4 in prima serata, è un format innovativo, condotto da Emanuela Folliero, con il Dottor Claudio Cricelli, presidente SIMG, per promuovere la prevenzione e mostrare il “dietro le quinte” del nostro Servizio sanitario nazionale, un patrimonio che tutti i cittadini dovrebbero imparare a conoscere ed a difendere. Dal 30 maggio alle 11.25 avrà inoltre uno spazio quotidiano di 5 minuti per rispondere alle prime curiosità.

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Caos pronto soccorso

Posted by fidest press agency su venerdì, 21 gennaio 2011

“Siamo pronti a rispondere alle esigenze della medicina del territorio. Vi sono tra i 5 e i 10mila medici di famiglia pronti a organizzarsi in maniera avanzata, in una rete, per fare da filtro ai codici bianchi e verdi e alleviare i problemi di sovraffollamento dei pronto soccorso del nostro Paese”. Claudio Cricelli, Presidente della Società Italiana di Medicina Generale (SIMG), respinge con forza l’accusa mossa dalla SIMEU (Società Italiana di Medicina d’Emergenza Urgenza). “Non si può affermare – spiega il dott. Cricelli – che una della cause delle attese infinite e dei boom di accessi nei reparti di emergenza dei nostri ospedali è rappresentata dalla scarsa voglia di lavorare dei medici di famiglia, che, secondo la SIMEU, dovrebbero assumersi maggiori responsabilità. L’organizzazione dell’ospedale non è assolutamente sovrapponibile a quella delle cure primarie. E per aprire un ambulatorio 7 giorni su 7 occorrono le risorse. La nostra categoria è quella che affronta i carichi di lavoro più pesanti dell’intera sanità italiana”. Come emerso dall’ultimo rapporto Health Search promosso dalla SIMG infatti ogni medico di medicina generale esegue in media 30 visite al giorno (da 6,6 contatti all’anno per paziente del 2003 si è passati a 7,1 del 2009). “Il problema – conclude il dott. Cricelli – è da ricercare nella arretrata organizzazione sanitaria del nostro Paese. Il Ministro della Salute, Ferruccio Fazio, si è mosso e si sta muovendo concretamente ed ha affrontato più volte i problemi della modellistica di H24 e continuità assistenziale nei piani sanitari degli anni passati allocando per la prima volta risorse concrete. Nel piano sanitario nazionale 2011-2013, inoltre, per la prima volta, è stata riconosciuta la centralità delle cure primarie. Noi mettiamo a disposizione le nostre capacità, a patto però che le risorse che il Ministro ha allocato alle Regioni siano poi utilizzate per finanziare queste iniziative”.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Piano sanitario nazionale

Posted by fidest press agency su sabato, 27 novembre 2010

“I medici di Medicina Generale costituiscono una risorsa da utilizzare: siamo i soli in grado di cogliere in tempo reale lo stato di salute del Paese. Per la prima volta un documento importante come il Piano Sanitario Nazionale 2011-2013 ci valorizza pienamente”. Claudio Cricelli, presidente della Società Italiana di Medicina Generale (SIMG) esprime tutta la soddisfazione. “I medici di famiglia sono in grado di offrire un contributo essenziale, perché dispongono degli strumenti per governare con consapevolezza, appropriatezza ed efficacia i percorsi clinico-assistenziali dei pazienti – spiega Ovidio Brignoli, vicepresidente della SIMG -. Abbiamo introdotto modelli organizzativi nuovi, da Health Search, al progetto SISSI, alla rete Mille GPG.  Strumenti che ci permettono di ricavare una fotografia sempre aggiornata dei nostri assistiti e di capire giorno per giorno i nuovi bisogni e le emergenze.
Una delle criticità evidenziate dal Piano Sanitario Nazionale è rappresentata dalla sostenibilità del sistema. La spesa sanitaria nel 2009 è pari a circa 105 miliardi di euro ed è destinata a crescere nei prossimi anni, raggiungendo percentuali pari all’8% del PIL. Dati allarmanti che impongono di adottare con urgenza contromisure. “Vi sono Regioni che presentano disavanzi eccessivi – continua il dott. Cricelli -. Perché il processo di governance si realizzi, è necessario valorizzare anche i nostri  strumenti di valutazione economica e di audit che permettono di indicare non il costo di una misura sanitaria, ma quale risultato si ottiene attraverso l’impiego di ogni singola unità monetaria. La sostenibilità infatti non può essere separata dalla valutazione dei risultati”. Altro punto evidenziato dal Piano, su cui la SIMG è impegnata da tempo, è quello delle azioni di controllo dei  “determinanti di salute”, cioè i fattori ambientali, sociali, legati agli stili di vita e all’alimentazione, che svolgono un ruolo fondamentale nella pratica della medicina, quali innovativi e poliedrici strumenti di prevenzione e promozione del benessere dei cittadini.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Salute, inglesi schiavi del web. L’Italia si salva

Posted by fidest press agency su lunedì, 6 settembre 2010

Tre pazienti su dieci in Gran Bretagna sono “cybercondriaci”, ossia schiavi di Google e delle parole chiave inserite di getto nella casella di ricerca. Una moda che in Italia non trova seguaci, perché «più che altro il web viene utilizzato per approfondire le informazioni ricevute in prima battuta dal medico». Parola di Claudio Cricelli, presidente della Società italiana di medicina generale (Simg). Secondo un’indagine portata avanti Oltremanica dalla società specializzata Engage Mutual, oltre sei adulti su 10 si rivolgono al web anziché al proprio medico quando avvertono un disturbo di salute. E la metà si convince poi di essere gravemente ammalato, a volte addirittura allo stadio terminale. Un esempio: se un inglese ha mal di pancia, nel 28% dei casi chiude la sua sessione online nella certezza di avere un’appendicite. «Un fenomeno che qui in Italia è molto meno comune», assicura Cricelli. «Fra i nostri pazienti – aggiunge – circa il 25% ha accesso regolare a internet e coloro che ne fanno uso sono i più giovani e le persone con un’istruzione medio-alta. Poi c’è chi fa ricerche online per conto di altri, magari dei nonni o dei genitori. Ma più che altro si tratta di un tentativo di approfondire la diagnosi ricevuta dal medico. Meno dell’1% di queste persone si può definire “cybercondriaco”». In Italia, dunque, il panorama è del tutto diverso: «i medicinali vengono comprati su internet in una percentuale ridottissima – assicura il presidente Simg – e più che altro si tratta di prodotti non “terapeutici”», ma più spesso di supplementi alimentari o per la palestra, «poiché il nostro Sistema sanitario assicura farmaci gratuitamente a tutti». Come dire, italiani “web-pacati”, almeno quando la salute è il tema delle loro ricerche virtuali. (fonte farmacista33)

Posted in Estero/world news, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Incentivi ai medici per medicinali meno cari

Posted by fidest press agency su giovedì, 13 Maggio 2010

Incentivare i medici perché prescrivano i farmaci meno cari non è la soluzione ai problemi economici della Sanità. Molto meglio invece cominciare a misurare le scelte dei prescrittori per obiettivi di cura fratto unità di costo. L’equazione è del presidente della Simg, Claudio Cricelli, che interviene nel dibattito aperto un paio di settimane fa dalla sentenza con cui la Corte di giustizia europea aveva giudicato legittimi gli incentivi ai medici che fanno risparmiare. Pronto il commento di Assogenerici, che aveva invitato governo e regioni a fare proprie le considerazioni dei giudici comunitari; poi qualche giorno dopo l’intervento dell’Ordine dei medici di Milano, secondo il quale i premi sono deontologicamente inaccettabili anche se provengono dalla sanità pubblica. Ora il presidente della Simg, che invita a puntare in tutt’altra direzione. «Se l’obiettivo è quello di investire le risorse nel modo migliore» spiega Cricelli «andrebbe costruito un sistema che valuti i medici in base ai risultati conseguiti per unità monetaria. Se spendo di meno ma non ottengo risultati, ho sprecato risorse esattamente come se avessi sperperato. Dovrebbero quindi essere altri i parametri di valutazione: per esempio, con un euro di spesa di quanti punti riesco ad abbassare la pressione arteriosa nei miei pazienti ipertesi?». Il ragionamento di Cricelli è propedeutico al progetto cui la Simg sta lavorando da alcuni mesi e che dovrebbe essere pronto per settembre: i costi standard della medicina generale. «L’obiettivo» ricorda il presidente della Simg «è quello di approntare un set di indicatori sui quali misurare l’incidenza delle cure primarie in base ai risultati clinici raggiunti per unità di spesa». (fonte doctornews)

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Cricelli riconfermato presidente Simg

Posted by fidest press agency su mercoledì, 14 ottobre 2009

Claudio Cricelli è stato riconfermato Presidente della Società Italiana di Medicina Generale (SIMG) per il prossimo triennio. “Nel prossimo mandato –  spiega il dott. Cricelli – verranno affrontati alcuni punti cruciali. L’importanza della nostra associazione è non solo nei numeri, 7500 soci, ma soprattutto nelle competenze che dimostriamo nella nostra attività quotidiana. Vogliamo innanzitutto garantire la ricerca scientifica nella medicina generale: è lo strumento più innovativo che abbiamo messo in atto negli ultimi anni, per dimostrare la straordinaria capacità di innovare, scoprire e adattare nuovi strumenti e terapie al contesto della medicina generale. Inoltre intendiamo assicurare un forte adeguamento delle attività della SIMG alla costante evoluzione della professione attraverso il perfezionamento dei mezzi di supporto alla ricerca scientifica e alla valutazione dell’efficacia all’interno delle cure primarie. Un passo ulteriore è la realizzazione degli strumenti che rendono sostenibile il sistema sanitario nazionale e che dimostrano che la medicina generale all’interno delle cure primarie è in grado di offrire prestazioni non solo di alto livello ma anche di costo adeguato e inferiore a quelle erogate da altri comparti. È una sfida decisiva nel futuro riequilibrio della medicina generale”. L’Assemblea nazionale elettiva della SIMG ha eletto per acclamazione il nuovo Consiglio di Presidenza, il Collegio dei Revisori dei Conti e dei Probiviri. Oltre a Cricelli, il Consiglio ha riconfermato per il prossimo triennio: Ovidio Brignoli (Vice Presidente/Presidente Fondazione SIMG), Raffaella Michieli (Segretario Nazionale), Luigi Galvano (Tesoriere), Pierangelo Lora Aprile (Responsabile Segretariato Scientifico), Gaetano Piccinocchi (Responsabile Segretariato Organizzativo) e Alessandro Rossi (Responsabile Ufficio di Presidenza). “Siamo disponibili – conclude il dott. Cricelli – a costituire un gruppo tra le società scientifiche della medicina generale.  Sono già ampiamente sviluppati anche rapporti con le Società specialistiche. Per quanto riguarda la possibilità di dar vita a una sorta di confederazione scientifica della medicina generale, riteniamo sia essenziale basarci sui  principi della democrazia condivisa: ciascuno all’interno del mondo scientifico deve essere rappresentato sulla base dei numeri, ma soprattutto delle competenze, della produzione scientifica e complessivamente della capacità di fare ricerca. Sono questi punti essenziali a partire dai quali siamo aperti a qualunque confronto con qualunque associazione”.

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »