Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 259

Posts Tagged ‘rilancio’

Impegno per rilancio imprenditoria italiana in Ue

Posted by fidest press agency su martedì, 16 aprile 2019

C’è anche il mondo produttivo e delle imprese schierato con Fratelli d’Italia per le prossime elezioni europee che dal palco del Lingotto di Torino, nel corso della Conferenza programmatica di FdI, ha lanciato la sua sfida per ‘Cambiare l’Europa, per cambiare tutto’. Tra questi spiccano alcuni noti esponenti del mondo dell’imprenditoria.
È il caso di Fabio Pietrella, presidente di Confartigianato Moda l’associazione più importante a livello mondiale per le piccole e medie imprese artigiane: “Il 98% delle imprese in Italia – ha dichiarato – ha meno di 50 dipendenti. Per decenni sono state fatte politiche solo per le grandi aziende: è ora di cambiare questo modo di vedere le cose. Ci sono commercianti e imprenditori che vogliono identificarsi sotto una bandiera italiana che li tuteli davvero. Per questo ho accettato la candidatura di Fratelli d’Italia”.
“Grazie a Fdi e a Giorgia Meloni per l’incredibile opportunità di fare qualcosa per il mio Paese”: ha spiegato Pietro Fiocchi, presidente del ramo USA della storica azienda di munizioni Fiocchi e prossimo candidato per Fratelli d’Italia alle Europee nel collegio nord-ovest. “Il nostro settore rappresenta lo 0,5 per cento del Pil italiano, costituendo un esempio virtuoso per l’Italia: tutte le nostre aziende, infatti, internazionalizzano e non delocalizzano all’estero i posti di lavoro, rimanendo nella nostra Nazione con la nostra passione e i nostri marchi”.
Infine, Michela Sciurpa imprenditrice umbra rivendica la sua scelta perché “Giorgia Meloni si batte con forza per difendere le nostre imprese e la loro parte fondamentale ovvero le donne lavoratrici, difendendo il loro diritto alla maternità senza dover sacrificare il posto di lavoro”.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Il rilancio dell’edilizia nel tessuto urbano

Posted by fidest press agency su sabato, 16 marzo 2019

«Il rilancio dell’edilizia, uno dei settori più pesantemente colpiti della crisi decennale che ha investito l’Italia, non può che passare per una vasta e profonda campagna di rigenerazione urbana estesa a tutto il territorio nazionale. Sarebbe un modo per ridare ossigeno a un comparto fondamentale per la vita economica del Paese e, al contempo, riqualificare intere porzioni della Penisola che sono state deturpate da una cementificazione sregolata e selvaggia oppure versano in stato di incuria o abbandono, magari in seguito a fenomeni di spopolamento o per la dismissione di aree industriali e produttive».Lo dichiara l’ing. Sandro Simoncini, urbanista e direttore scientifico del Centro Studi Sogeea.«Nella sola Roma il potenziale indotto degli interventi sul patrimonio edilizio esistente ammonta a 15,6 miliardi di euro, ma anche i numeri degli altri principali capoluoghi italiani sono impressionanti: il nostro Centro Studi li ha stimati in 7,3 miliardi di euro per Milano, 5,3 per Napoli, 4,8 per Torino, 3,7 per Palermo, 3,2 per Genova, 2,1 per Bologna e per Firenze. Ovviamente i calcoli sono stati fatti solo su quelle operazioni in grado di soddisfare scopi e obiettivi della rigenerazione urbana: su tutti il contenimento del consumo di suolo, il recupero e la riqualificazione di aree dismesse, di edifici abbandonati o inutilizzati, l’efficace riutilizzo dei vuoti urbani.
Alla base di tutto, però, deve esserci la volontà da parte della Pubblica Amministrazione e delle imprese private di collaborare fattivamente su basi comuni. La componente governativa e degli enti locali deve manifestare una chiara volontà di agire non solo a parole ma con precisi interventi normativi, sia semplificando le procedure burocratiche per chi avvia dei percorsi virtuosi sul proprio territorio sia smettendo di rincorrere il consenso elettorale in materia urbanistica. I costruttori, da parte loro, devono rinnegare qualsiasi logica speculatoria che tanti sfregi ha inflitto al nostro Paese nei passati decenni e dimostrarsi pronti a imboccare con decisione la strada dell’innovazione e della sostenibilità. In gioco c’è il futuro di tutti».

Posted in Roma/about Rome, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Un piano di rilancio per gli agricoltori italiani

Posted by fidest press agency su sabato, 26 gennaio 2019

E’ giunto il momento di dar vita ad una strategia nazionale che, tenendo conto della Pac e del quadro europeo nel quale si muove il comparto agroalimentare, si dia il compito di rilanciare l’agricoltura italiana partendo proprio dalle esigenze degli operatori del settore. Tra gli interventi urgenti – dichiara in una nota il presidente nazionale Confeuro, Andrea Mchele Tiso – vi è senza dubbio quello di ridurre i costi di produzione a carico degli agricoltori (cresciuti del 5,4% nel 2018 – dati ISTAT), ma anche l’elaborazione di quelli utili a sostenere il loro reddito. Come Confeuro rimaniamo convinti della necessità di un piano di rilancio che abbia al centro proprio chi lavora quotidianamente la terra; ed è per questo che insistiamo nel chiedere l’adozione di misure ad hoc e il coinvolgimento dei principali attori del primario nelle scelte politiche. L’agricoltura – conclude Tiso – è stato il comparto che più di tutti ha fatto grande l’Italia, ed è su di essa che bisogna puntare per riportare il Paese lì dov’era un tempo.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Palermo un convegno per rilanciare l’attualità del popolarismo

Posted by fidest press agency su lunedì, 14 gennaio 2019

Palermo 17, 18 e 19 gennaio 2019 (ore 15) nella sede della Facoltà, in via Vittorio Emanuele II n. 463 convegno per rilanciare l’attualità del popolarismo e vedrà protagonisti gli studiosi più eminenti del popolarismo in Italia insieme a diversi vescovi siciliani. Un grande cantiere di pensiero che si aprirà nel pomeriggio di giovedì prossimo alla presenza delle autorità civili e militari e dell’arcivescovo Corrado Lorefice.”Nel centenario dell’Appello ai liberi e forti e della nascita del Partito Popolare Italiano – spiega il preside della Facoltà teologica Francesco Lomanto – la Pontificia Facoltà Teologica di Sicilia intende celebrare l’evento per approfondire il pensiero e l’azione dei fratelli Luigi e Mario Sturzo, fulgidi esempi di sacerdoti siciliani, che contribuirono a dare una svolta in senso cristiano alla politica e alla cultura dei loro diffìcili tempi, e che, ancora oggi, offrono valide, attuali e attuabili soluzioni per il superamento della crisi morale e per la lotta alla diffusa corruzione della nostra epoca. La Pontifìcia Facoltà Teologica di Sicilia – aggiunge il preside – si fa promotrice di un’iniziativa allo scopo di mettere ulteriormente in luce la missione sacerdotale, l’impegno civico e culturale, le virtù e il ‘martirio’ di Mario e Luigi Sturzo: i due fratelli sono candidati all’onore degli altari e i rispettivi processi di canonizzazione sono in corso di pieno svolgimento”. Il convegno si concluderà nel pomeriggio di sabato con l’intervento di Gaspare Sturzo.

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Rilancio edilizia pubblica

Posted by fidest press agency su venerdì, 21 settembre 2018

C’è una grande opera pubblica di cui nessun governo ha più voluto occuparsi da decenni, ed è il rilancio dell’edilizia pubblica e popolare per garantire la casa a tutti quelli che non hanno le risorse economiche per reperire un alloggio sul mercato. Più sono aumentati i poveri e si è allargata la forbice della disuguaglianza e meno attenzione è stata posta alla fame crescente di un tetto, con il patrimonio residenziale pubblico ormai ridotto all’osso, appena il 3% dell’intero patrimonio immobiliare del paese. Le grandi opere progettate nel paese spesso sono entrate in conflitto con la salvaguardia del territorio e le stesse esigenze delle popolazioni locali. Rilanciare l’edilizia pubblica, puntando al riuso e al cambio di destinazione di tanto patrimonio abbandonato e/o degradato, incontrerebbe invece il sostegno di tutti quelli che non possono permettersi affitti o mutui incompatibili con il proprio salario, spesso precario e intermittente. Ed avrebbe anche l’effetto di rimettere in moto una parte importante della nostra economia, pensando per una volta alle condizioni di chi è rimasto indietro piuttosto che semplicemente al profitto dei costruttori. Al contrario, quello che hanno fatto finora i governi di centrodestra e di centrosinistra è stato reprimere movimenti e cittadini che hanno occupato per necessità, continuando a tenere bloccata ogni politica della casa. Con il governo Renzi ed il decreto Lupi si è approvato un ulteriore ridimensionamento del patrimonio residenziale pubblico e con i decreti Minniti si è rafforzata la criminalizzazione della gente povera in grave difficoltà, mentre sono aumentati vertiginosamente gli sfratti per morosità. Ora, con il “governo del cambiamento”, la situazione potrebbe addirittura peggiorare. Mentre nel contratto di governo non c’è traccia di una politica della casa se non nei termini odiosi della repressione delle occupazioni, con la circolare Salvini è partita una nuova fase della guerra contro i poveri. Eppure la casa nel nostro paese resta ancora un diritto, scritto nella Costituzione e confermato da diversi trattati internazionali sottoscritti dall’Italia. Per aggirare la mancanza degli alloggi popolari a fronte di una grande domanda inevasa, la strategia adottata in diverse regioni con apposite nuove leggi regionali è stata finora quella di alzare i criteri per accedervi, provando così a restringere la platea degli aventi diritto. Si introduce il concetto vago ed arbitrario di fragilità, per sottintendere che la casa può essere assicurata soltanto ad individui in condizioni di miseria assoluta. E si continua a favorire l’iniziativa privata, permettendo altro consumo di suolo, nuove costruzioni e cementificazioni, rifiutandosi di affrontare la questione del diritto ad una vita dignitosa per chi non ha i mezzi per accedere ad un alloggio vivibile e decente. Già nel mese di giugno ASIA-USB indirizzò una lettera al Ministro alle Infrastrutture Toninelli per sollecitare un incontro ed una inversione di tendenza. Finora non abbiamo ricevuto alcuna risposta.Giovedì 4 ottobre presidi in tutte le città sotto le Prefetture e a Roma sotto il Ministero delle Infrastrutture per il diritto alla casa e contro la guerra ai poveriSabato 20 ottobre tutti a Roma alla manifestazione “Nazionalizzazioni qui ed ora” per il rilancio dell’edilizia pubblica e popolareAsia USB e Federazione del Sociale.

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Il rilancio del fotovoltaico italiano

Posted by fidest press agency su venerdì, 8 giugno 2018

Roma, 13 giugno 2018 – ore 9.15 Auditorium GSE – Viale Maresciallo Pilsudski, 92 Nella transizione energetica verso la decarbonizzazione il fotovoltaico ha un ruolo chiave per raggiungere gli obiettivi al 2030 del nuovo Pacchetto europeo Clima-Energia e della Strategia Energetica Nazionale. Secondo la SEN, la produzione fotovoltaica, infatti, dovrebbe più che triplicare rispetto all’attuale. Per raggiungere questi ambiziosi obiettivi bisogna sia mantenere in efficienza il parco impianti esistente che sviluppare nuove installazioni. Entrambe le vie dovranno essere percorse seguendo principi di uso ottimale delle risorse naturali e di compatibilità sociale ed economica. È questo il tema al centro dell’appuntamento del 13 giugno al GSE.Dopo l’introduzione del Presidente del GSE Francesco Sperandini, Alessandro Marangoni, ceo di Althesys, presenterà lo studio “Il rilancio del fotovoltaico in Italia”. Queste le principali evidenze:il parco fotovoltaico italiano, che ha un’età compresa tra gli 8-10 anni e sta perdendo producibilità, presenta ampi margini miglioramento delle prestazioni;
senza interventi, la potenza aggiuntiva annua media installata si limiterebbe a sostituire quella «persa», che al 2030 ammonterebbe a 5.000 MW, pari al 25% della potenza esistente a fine 2017;
sono necessarie specifiche politiche per il revamping e il repowering degli impianti esistenti, anche attraverso semplificazioni autorizzative, oltre a una spinta decisa ai nuovi investimenti, partendo innanzitutto dall’atteso decreto per il periodo 2018-2020.La presentazione sarà seguita da un intervento di Attilio Punzo, Gse, e quindi da tre tavole rotonde.“Il fotovoltaico: il futuro è oggi”. Interverranno: Carlo Pignoloni, Enel Green Power; Michele Scandellari, EnerRay; Giuseppe Tammaro, GSF; Ingmar Wilhelm, RTR.“Il sistema elettrico e il fotovoltaico”. Interverranno: Alberto Pinori, ANIE Rinnovabili; Pietro Pacchione, Elettricità Futura; Paolo Rocco Viscontini, Italia Solare; Stefano Conti, Terna.“Quali politiche per il fotovoltaico in Italia?”. Interverranno: Stefano Piras, Conferenza Stato-Regioni;Paolo Arrigoni, Lega; Gianni Girotto, M5S; Luciano Barra MISE; Gianluca Benamati, PD.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

USB: nessuno tocchi Alitalia, proseguire con risanamento e rilancio

Posted by fidest press agency su giovedì, 12 aprile 2018

Alla scadenza del termine di presentazione delle offerte per il bando di vendita Alitalia, sarebbero tre i candidati interessati all’acquisto, tutti però con la esplicita condizione di rilevare una compagnia già “ristrutturata”: Lufthansa; Easyjet capofila di una cordata che raccoglie Air France-Klm, il fondo Cerberus e Delta; Wizz Air, vettore low cost con base in Ungheria. Non varrebbe neppure la pena ricordare che i commissari non hanno mandati politici per assumere decisioni su Alitalia, data la rilevanza del dossier, ma vista la confusione postelettorale e l’assenza di un governo nei pieni poteri, sottolineiamo che è una “conditio sine qua non”. Lo sa anche il ministro uscente Graziano Delrio, che ipotizza uno slittamento di tutto il pacchetto all’autunno o a fine anno.In queste condizioni, l’Unione Sindacale di Base ribadisce che nessun tipo di offerta, da qualsiasi parte venga, può essere negoziata in presenza della richiesta di ristrutturare, a maggior ragione se il management proclama ricavi in crescita. Va da sé che non è ammissibile neppure un esubero. Le forze politiche esprimano immediatamente, come da USB richiesto più volte, la propria posizione rispetto alla nostra richiesta di proseguire sulla strada di un’azienda finanziata per essere risanata e amministrata da mani pubbliche.

Posted in Spazio aperto/open space, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Confcommercio Roma: rilancio settore

Posted by fidest press agency su domenica, 6 agosto 2017

adriano meloniRoma.  Si è svolto, in Campidoglio, un incontro tra la sindaca di Roma Virginia Raggi e il commissario di Confcommercio Roma Renato Borghi. Durante la riunione era presente anche l’assessore capitolino al Commercio Adriano Meloni. E’ quanto comunicano in una nota Roma Capitale e Confcommercio Roma. Sul tema del contrasto all’abusivismo commerciale e turistico Borghi ha espresso il proprio apprezzamento per le iniziative dell’amministrazione Raggi nelle attività di repressione. Soddisfazione è stata espressa anche per le attività di tutela del decoro cittadino, in particolare a seguito della sentenza del TAR che ha dato ragione al Campidoglio nelle azioni di contrasto al fenomeno dei cosiddetti “centurioni”.
La sindaca ha ribadito l’intenzione di proseguire il percorso di pedonalizzazione di alcune vie e piazze, allo scopo di creare nuovi luoghi di aggregazione e di socialità dal centro alle periferie. In tal senso è stata posta attenzione ad un progetto pilota nel VII municipio, verso il quale il Commissario ha dato disponibilità per un lavoro congiunto.
E’ stato inoltre valutato l’avvio di una collaborazione in vista dell’organizzazione di grandi eventi e sull’impegno da mettere in campo per la tutela del patrimonio culturale ed identitario delle botteghe storiche anche in tema di locazioni commerciali. Infine Confcommercio si è fatta promotrice di due iniziative: una per il miglioramento della filiera della raccolta e del riciclaggio dei rifiuti dell’attività edilizia e un’altra per l’allestimento del “Villaggio della salute” dove verrà fornita un’attività gratuita di prevenzione, educazione alimentare e di medicina predittiva.

Posted in Roma/about Rome, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Ostia Antica: rilancio del borgo

Posted by fidest press agency su mercoledì, 5 luglio 2017

ostia anticaOstia “Mai come in questa occasione Ostia Antica ha bisogno di un rilancio, con una programmazione forte alle spalle. Si pensi ad esempio al ruolo che può giocare il Castello di Giulio II, vero e proprio catalizzatore per il rilancio economico e culturale di uno dei Borghi più affascinanti e ricchi di storia d’Italia. Nostra ferma intenzione è ricucire lo strappo tuttora – ahinoi – esistente tra gli scavi dell’area archeologica e il borghetto. Senza contare i meravigliosi 70mq dell’adiacente Parco dei Ravennati che vedranno un percorso di positiva rivisitazione nell’ottica di una migliore valorizzazione del luogo, fino a raggiungere gli antichi Lavatoi. Per non parlare di via Gesualdo, una graziosa arteria di stampo rinascimentale che corre verso la stazione di Ostia Antica: qui potrebbe essere collocato un punto di informazione turistica ristrutturato in chiave moderna. Diciamolo a chiare lettere: il nostro più grande desiderio è che Ostia Antica diventi patrimonio dell’Unesco, al fine anche di incrementare il flusso turistico verso la vicina Ostia Lido. Abbiamo inoltre pensato a un bikesharing che potrebbe tornare molto utile per il turista che ami addentrarsi nei meandri del borghetto, conducendolo magari alla (ri)scoperta delle locali aziende agricole e delle botteghe artigiane. Metteremo infine a sistema Polo museale ed Ecomuseo, vera e propria eccellenza della specifica identità culturale del territorio, e organizzare lì una serie di eventi fruibili al target turistico e alla cittadinanza lidense e capitolina”. Lo dichiarano in una nota congiunta la Presidente della Commissione Turismo, Moda e Relazioni Internazionali Carola Penna e la Delegata della Sindaca per il X Municipio Giuliana Di Pillo (M5S).

Posted in Roma/about Rome, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Rilanciare l’economia nella città di Roma

Posted by fidest press agency su lunedì, 5 giugno 2017

RomaRoma. La notizia di un protocollo di intesa sottoscritto dalla sindaca di Roma con Cgil, Cisl e Uil per rilanciare l’economia nella città di Roma non può lasciarci indifferenti. I temi all’ordine del giorno del protocollo centrano in pieno le reali criticità della Capitale; temi sui quali l’Unione Sindacale di Base a cento giorni dall’insediamento della Sindaca già ne chiedeva conto con un vademecum di 10 domande. Gli stessi temi che hanno visto Usb portare in piazza centinaia di lavoratori e cittadini nelle manifestazioni di…. al grido “Roma non si vende”.Alla luce del patto con i sindacati confederali, le domande che ci sentiamo di rivolgere ora alla Raggi sono molte di più: “Quale fabbrica vuoi costruire sulle macerie causate da Cgil, Cisl e Uil?
Stiamo parlando delle stesse Organizzazioni Sindacali che il paese ha rinnegato, dopo aver appoggiato la riforma costituzionale? Quelle che sottoscrivono leggi nazionali che introducono il jobs act, i voucher, il lavoro gratuito, la riforma pensionistica che hanno portato gli italiani alla povertà?Quelle che firmano contratti nazionali senza alcuna tutela dei diritti di lavoro, senza aumenti salariali ma che gonfiano le loro tasche con gli enti privati complementari che essi stessi gestiscono? Gli stessi che sono stati sonoramente bocciati dai lavoratori nelle vertenze che hanno prodotto il licenziamento di migliaia di lavoratori come per Almaviva, Alitalia, Sky e Mediaset? Quei sindacati che il M5s voleva eliminare per riconsegnare ai lavoratori una rappresentanza dal basso? Come la prenderanno quegli stessi lavoratori che li hanno votati sperando in un reale cambiamento e che non si sentono affatto rappresentati da sindacati che assomigliano sempre di più ai padroni? Di certo questo partito che concorre al governo del Paese ha dimostrato di non aver fatto bene i conti con la città di Roma, ma per questo ci saremo noi d’ora in avanti a ricordarglielo ogni giorno.

Posted in Roma/about Rome, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Rilancio di EUROPASS

Posted by fidest press agency su mercoledì, 10 maggio 2017

sicurezza alimentareParma giovedì 11 maggio, alle ore 10.30, nella Sala del Consiglio del Palazzo Centrale dell’Ateneo (Via Università 12) conferenza di presentazione dell’intesa tra Regione Emilia-Romagna e Università di Parma, nell’ambito del raccordo istituzionale con EFSA, per il rilancio di EUROPASS. Alla conferenza stampa interverranno il Rettore dell’Ateneo Loris Borghi, l’Assessore Regionale a coordinamento delle politiche europee allo sviluppo, scuola, formazione professionale, università, ricerca e lavoro Patrizio Bianchi, il Direttore esecutivo di EFSA Bernhard Url e l’Assessore alle Attività Produttive del Comune di Parma Cristiano Casa. A seguire, a partire dalle ore 11, si terrà nell’Aula Magna dell’Università di Parma il convegno “Unione Europea tra sicurezza alimentare e sfide globali”.
Dopo i saluti del Rettore dell’Ateneo Loris Borghi, la presentazione del progetto EUROPASS da parte di Lorenza Badiello, Responsabile della Delegazione dell’Emilia-Romagna presso l’Unione Europea, e l’introduzione ai lavori di Laura Pineschi, Presidente del CSEIA – Centro Studi in Affari Europei e Internazionali dell’Ateneo, interverranno il Sottosegretario di Stato Sandro Gozi, l’Assessore regionale Patrizio Bianchi e il Direttore esecutivo di EFSA Bernhard Url. Modera l’incontro Chiara Dall’Asta, Delegata del Rettore ai rapporti con EFSA e Regione Emilia-Romagna per EUROPASS.L’attenzione si concentrerà in particolare sul “Libro Bianco sul futuro dell’Europa: riflessioni e scenari in materia di sicurezza a 60 anni dalla firma dei Trattati di Roma”, un contributo della Commissione Europea alla celebrazione di tale anniversario, che contiene, tra l’altro, riflessioni in materia di sicurezza alimentare.

Posted in Cronaca/News, Università/University | Contrassegnato da tag: , , | 1 Comment »

Convegno “Europa Atto Secondo” Proposta Eurorazionalista

Posted by fidest press agency su martedì, 21 marzo 2017

europaRoma. Martedì 9 maggio ore 16,30 Camera dei Deputati – Palazzo Montecitorio. Acquisiti i risultati elettorali in Olanda e Francia, Società Libera intende soffermarsi sul futuro dell’Unione europea, ritenendo che, nell’immediato futuro, opportunità ed ostacoli, rilancio e declino potrebbero prospettarsi con equivalenti possibilità.
Il progetto europeo necessita di capacità d’analisi e visione strategica, scevre da deterministici retorici convincimenti e da affettive visioni geopolitiche, in sintesi non si tratta di auspicarla e di invocarla, ma di riprogettarla l’Europa, tale che la sua ragion d’essere, la sua vocazione, la sua anima sperimentale e liberale abbiano significato e riconoscimento per le genti d’Europa.
A tal fine riteniamo indispensabile una svolta federalista, in cui un ridotto numero di stati componenti si possa costituire in un soggetto federale e diventare, in tale veste, un nuovo stato membro capace di porsi come riferimento essenziale dell’Unione europea.
Società Libera auspica, quindi, la nascita di un movimento di opinione continentale in cui, al di là di scarni funzionalismi, si affermino visioni e progettualità eurorazionaliste.

Posted in Roma/about Rome, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

L’Umbria si rimette in Moto

Posted by fidest press agency su giovedì, 9 febbraio 2017

assisi1Assisi 25-26 marzo: il primo grande evento per il rilancio del Turismo in Umbria In sella per “rimettere in moto l’Umbria”, per invertire la tendenza negativa delle presenze turistiche che la regione sta registrando negli ultimi mesi. Una tendenza provocata spesso da una forviante comunicazione che ha trasmesso la percezione di una Regione interamente colpita dal sisma quando invece soltanto il 5% del territorio ne è stato interessato. L’Umbria si rimette in Moto vuole essere un’azione concreta facilmente realizzabile, è quella di creare un grande evento di inizio primavera coinvolgendo i mototuristi che tanto apprezzano il territorio umbro, a partire dalla Valnerina, e che dimostrano una spiccata attitudine a condividere la propria passione e a utilizzare le piattaforme social per comunicare e per raccontare le proprie esperienze di viaggio. Il fine settimana individuato è quello del 25 e 26 Marzo, il primo week end di Primavera.
L’Umbria si rimette in Moto è un progetto che parte dall’Assessorato al Turismo del Comune di Assisi e che ha già raccolto la condivisione da parte della Consulta Turismo dell’Anci Umbria, della Confcommercio Umbria e dell’associazione I Borghi più belli d’Italia.
Il progetto è indirizzato a una categoria specifica di turisti, i bikers, appunto, che dimostrano, ogni anno, di apprezzare particolarmente le destinazioni umbre. Per questo il progetto ha voluto fin dall’inizio coinvolgere i Moto Club della regione e la Federazione Motociclistica italiana – Comitato Umbro, oltre ai Comuni che potranno integrare l’evento con proposte e iniziative ad hoc, mirate alla promozione delle proprie eccellenze culturali ed enogastronomiche, coinvolgendo tutti gli attori locali interessati a rilanciare la filiera del turismo. Per aderire, basterà inviare una e-mail all’indirizzo turismo@comune.assisi.pg.it.
Il Comune di Assisi, promotore dell’iniziativa, mette a disposizione di chi aderirà, una piattaforma web e social che sarà, il contenitore di tutte le informazioni raccolte dai vari territori, nonché di tutte le immagini e video che i mototuristi invieranno durante la loro presenza in Umbria, per un racconto “in diretta” delle eccellenze dell’Umbria, seguendo l’hashtag #Umbriainmoto.
Per la promozione del progetto sono anche previsti testimonial di eccezione, provenienti dal mondo dello sport, della musica, della cultura, nonché l’apporto dei principali “comunicatori” dell’Umbria che saranno resi protagonisti del progetto.

Posted in Spazio aperto/open space, Viaggia/travel | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

“Il centrodestra in Italia non si rilancia con invenzioni estemporanee”

Posted by fidest press agency su mercoledì, 17 agosto 2016

salvini“ma con la consapevolezza che il centrodestra negli ultimi 20 anni ne ha governati insieme dieci, che il centrodestra unito grazie a Berlusconi ha una storia, una cultura, una classe dirigente, un palmares di successi straordinari, costituito da oltre 40 riforme fatte insieme”. Lo dice Renato Brunetta, presidente dei deputati di Forza Italia.
“E da questa storia, dalla cultura vissuta in questi anni – continua – che viene il no al referendum del centrodestra unito, la volontà di mandare a casa Renzi. E questione elemento unificante è condito non solo di no, di opposizione forte al disastro, ma è carico di tanti sì. Sì alla legge elettorale da farsi subito, sì alla grande riforma costituzionale con un Parlamento costituente dopo le elezioni, sì a un’Europa non sotto il tallone tedesco, sì alla Flat tax, alle privatizzazioni, sì all’attacco al debito e ai tagli della cattiva spesa pubblica, sì, con le risorse rinvenienti, all’abbassamento della pressione fiscale. Sì al contrasto attivo agli scafisti e ai mercanti di morte. Sì a una nuova Pratica di mare”.
“Io penso che – sottolinea Brunetta – da subito il centrodestra unito, con il ritrovato protagonismo di Berlusconi, debba dare vita a un programma di governo fatto di risposte immediate alla situazione di crisi. E bisogna perciò dare seguito subito al cantiere iniziato da Salvini a Parma così che possa prendere la forma degli Stati generali del centrodestra di governo. Un cantiere allargato a tutte le forze di centro disponibili, da Rotondi a Cesa, da Fitto a Mario Mauro, a Quagliariello e Gargani, e a chi volesse abbandonare la nave dell’Ncd che affonda. Radunare gli uomini e le donne di buona volontà. Poi – conclude Brunetta – si decideranno insieme la natura del nuovo soggetto politico federato e le relative regole interne e quelle per la leadership”.

Posted in Politica/Politics, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Rilancio dell’Europa

Posted by fidest press agency su mercoledì, 16 marzo 2016

europa comunitariaMontesilvano (Pescara) i giorni 17 e 18 marzo prossimi la XV Assemblea Congressuale Nazionale AICCRE. “L’Unione Europea si trova in una situazione di notevole criticità”. Recita il documento politico preparatorio al Congresso: “l’ondata migratoria, proveniente in particolare dall’area mediterranea dell’Africa e dal Medio Oriente, sta evidenziando la crisi dell’Unione Europea che ha le sue radici nel mancato completamento dell’assetto istituzionale avviato con il Trattato di Maastricht (7 febbraio 1992)”. L’AICCRE opererà perché i rapporti con i Paesi mediterranei dell’Africa e con quelli medio orientali siano impostati e sviluppati dall’Unione Europea sulla base di strategie autenticamente sopranazionali e di politiche mediterranee volte al perseguimento di una integrazione euro-araba-africana che superi la concezione coloniale che ha caratterizzato detti rapporti nell’ottocento e nel novecento. Al tal fine, l’AICCRE opererà affinché “i poteri regionali e locali rivendichino nei riguardi dei soggetti governativi europei e nazionali l’assunzione di precise responsabilità per andare oltre l’attuale Unione Europea intergovernativa”. Il Governo sopranazionale della Unione Europea “deve rispondere ad un Parlamento eletto a suffragio universale e diretto e a un Senato degli Stati nel quale siano rappresentati i poteri regionali e locali”. Necessita, pertanto, “una Costituzione per l’Unione Europea federale, per la quale il Parlamento Europeo che sarà eletto nel 2019 dovrebbe avere un mandato costituente, attraverso al quale, tra l’altro, dovranno essere stabiliti i principi e i valori della tradizione culturale dell’occidente, a partire dal rispetto della persona umana”.All’interno dei lavori dell’Assemblea, si svolgeranno due sessioni plenarie internazionali “Nord-sud dialogo sulle migrazioni. Buone pratiche ed esperienze degli Enti locali”, organizzate con il supporto della Commissione europea e Platforma.
Il 18 marzo l’Assemblea eleggerà le nuove cariche dell’AICCRE.
Parteciperanno, tra gli altri: Luciano D’Alfonso, Presidente della Regione Abruzzo; Giuseppe Di Pangrazio, Presidente del Consiglio Regionale dell’Abruzzo, Michele Picciano, Presidente AICCRE; Carla Rey, Segretario Generale AICCRE; Emilio Verrengia, Segretario Generale Aggiunto AICCRE; Stefano Bonaccini, Vice Presidente CCRE e Presidente Regione Emilia-Romagna; Santo Caruso, Sindaco Comune Aci Sant’Antonio (CT) e Portavoce CCRE sulle Migrazioni; Michele Bordo, Presidente Commissione Politiche dell’Unione europea, Camera dei Deputati; Michela Giuffrida, Parlamentare Europeo; Georges Fahd, Vice Presidente della Municipalità di Achkout (Monte Libano); George Patoulis, Presidente Sezione greca CCRE; Janette Uhlmann, Centro Integrazione Mediterranea, Banca Mondiale; Frédéric Vallier, Segretario Generale Consiglio dei Comuni e delle Regioni d’Europa (CCRE); Vincenzo Amendola, Sottosegretario di Stato Ministero Affari Esteri e Cooperazione internazionale; Federica Chiavaroli, Sottosegretario di Stato Ministero Giustizia; Paolo Guerrieri, Commissione Politiche dell’Unione, Senato della Repubblica; Patrizia Toia, Parlamentare Europeo; Agnese Papadia, DG Migrazioni e Affari interni, Commissione europea; Giampiero Gramaglia, Giornalista, Consigliere Istituto Affari Internazionali.
L’Aiccre è la Sezione italiana del Consiglio dei Comuni e delle Regioni d’Europa (Ccre), Associazione che raggruppa gli amministratori di oltre 100.000 enti territoriali in 28 paesi dell’Unione europea, dell’Europa centrale e orientale e di Israele. Il Ccre si è costituito a Ginevra nel gennaio 1951 ed è dal 5 maggio 2004 la Sezione europea della CGLU (Città e governi locali uniti)

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

FI adesso è più forte!

Posted by fidest press agency su lunedì, 27 luglio 2015

silvio-berlusconiE’ questa l’affermazione disperata di un Berlusconi seduto sul greto di un fiume essiccato, dove non scorre più un litro di acqua. Tecnicamente abbandonato anche da Verdini, nell’attuale pantomima che cerca un impossibile rilancio, Berlusconi vorrebbe convincere la sparuta pattuglia che, ancora, gli ruota intorno, dal prossimo settembre, quando riprenderà a frequentare le TV di sua proprietà, i consensi riservati al suo partito decolleranno per raggiungere i vertici che furono. Nella medesima occasione della consueta telefonata ad una delle tante riunioni nelle quali, al posto di giocare a tresette col morto, i partecipanti giocano ai “sogni proibiti”, quando l’illusione di facili promesse adescava una fascia di elettori fiduciosi e speranzosi; poi la magistratura ci ha messo le mani, anzi le sentenze e i sogni si infransero contro gli scogli della realtà. Per incoraggiare i fiduciosi rimasti, ecco l’affermazione salvifica: “Adesso FI è più forte !”, in una inconsapevole affermazione che stravolge la matematica dei numeri.
Il 10% dei consensi sarebbe un segnale di forza che si contrappone ai precedenti risultati che andavano dal 25 al 30%… contento lui…!
· Con la fuoruscita di Fini, FI sarebbe più forte!
· Con la fuoruscita di Alfano, FI sarebbe più forte!
· Con la fuoruscita di Fitto, FI sarebbe più forte!
· Con la transumanza di Verdini, FI sarebbe più forte!
· Con l’abbandono di Bonaiuti, Bondi & compagna, FI sarebbe più forte!
· Con la nuova gestione affidata a Francesca Pascale e Mariarosaria Rossi, FI sarebbe più forte!
Per trasformare tali sogni in nitide realtà la formula dichiarata dovrebbe essere rappresentata dal ritorno di Mr. Ex-tutto a Porta a Porta, con Bruno Vespa che gli organizza un ennesimo contratto con coloro che ancora pendono dalle labbra dei redivivo vate. Dall’alto delle sue TV, predicherà alla folla di telespettatori che non attendono altro che la sua salvifica predicazione. Esordirà con le sue personali beatitudini:
· Beati i senzatetto, perché possono ammirare l’universo.
· Beati gli affamati, perché non avranno bisogno di diete.
· Beati i carcerati, perché potranno godere della mia compagnia.
· Beati i trombati, perché avranno incarichi milionari.
· Beati i perseguitati, perché potranno profittare della riduzione dei termini di prescrizione. (Rosario Amico Roxas)

Posted in Confronti/Your opinions | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

2014: rilancio dei consumi?

Posted by fidest press agency su mercoledì, 1 gennaio 2014

Tasty Food Abundance in Healthy Europe

Tasty Food Abundance in Healthy Europe (Photo credit: epSos.de)

I problemi che nel corso degli anni hanno indebolito il settore agroalimentare sono diversi e complessi, molti dei quali strutturali. Ma uno in particolare, quello dell’abbassamento del livello dei consumi dei prodotti agroalimentari, – dichiara il presidente nazionale Confeuro, Rocco Tiso – richiede interventi immediati che consentano al 2014 di essere finalmente l’anno della svolta.
Nonostante a Natale il primario abbia retto meglio di altri settori alla crisi economica – continua Tiso –, non si può più consentire che sia “l’eccezionalità” a divenire l’unico strumento di speranza per un comparto che di fatto ha rappresentato e rappresenta la storia italiana. Il nostro auspicio – conclude Tiso – è che, comprendendo la difficile situazione del settore e i rischi futuri a cui va incontro, il governo decida di inaugurare il nuovo anno con delle politiche agricole che sappiano finalmente incidere.

Posted in Cronaca/News, Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Non c’è rilancio dell’economia senza l’agricoltura e il turismo

Posted by fidest press agency su giovedì, 22 marzo 2012

San Pietro Avellana (IS), 2009, Cammina Molise...

San Pietro Avellana (IS), 2009, Cammina Molise edizione 2009, II tappa. (Photo credit: Fiore S. Barbato)

È questo il messaggio lanciato dall’Agriturist nel corso di una conferenza stampa che c’è stata l’altro ieri a Roma presso la sede della Confagricoltura. Un messaggio che vale ancor più per il nostro Molise e che ben volentieri ci premuriamo di diffondere dando eco all’iniziativa dell’Associazione presieduta da Vittoria Brancaccio, imprenditrice in quella terra incantevole che apre ai due golfi di Napoli e di Salerno. I dati ISTAT del gennaio 2012 danno un agriturismo in crescita nel 2010 di fronte all’anno precedente di 954 unità operative in Italia, pari al 5%. Il Mezzogiorno e il Nord (5,5%) superano nettamente il Centro Italia fermo al 4,1%.
La Puglia (+26,6%), con 75 unità in più di fronte al dato del 2009, è la Regione che registra la migliore performance, seguita dalla Calabria (+21,6%), Lazio (+18,2%.). Resta ferma la Campania alle sue 849 strutture, l’Abruzzo ne perde 27 (-4,1%), due la Valle d’Aosta (-3,8%), con le restanti regioni in positivo. Il numero maggiore di attività si registra in Trentino-Alto Adige (+147 di cui ben 127 nella sola provincia di Bolzano che con 3.339 unità è seconda solo alla Toscana dove gli agriturismi superano le quattro mila unità), a seguire, al terzo posto, la Lombardia (1327), poi il Veneto (1305), l’Umbria (1153), l’Emilia – Romagna (1008), il Piemonte (1005) con tutte le altre al disotto delle mille unità.Il Molise con 94 unità (+5% di fronte al 2009) rappresenta meno dello 0,05% delle 19.973 agriturismi aperti nel nostro Paese e, nel quadro complessivo, è davanti solo alla Valle d’Aosta che registra solo 51 agriturismi aperti al 2010. Poca cosa di fronte alla terzultima, la Basilicata, che ne ha 228 e della quartultima, la Puglia, che con 357 unità supera di poco la Provincia di Trento (349).Poca cosa, dicevamo, per una regione censita come i più agricoli e quei coni più alto tasso di ruralità che è la ragione prima di chi sceglie l’agriturismo. Se è vero, come ha detto ieri il presidente dell’Agriturist, Vittoria Brancaccio, alla presentazione della “Guida 2012” di quest’ Associazione emerita di Confagricoltura, che l’Agriturismo è una risorsa importante per il rilancio del turismo in Italia, questo discorso vale tanto più per il Molise e per le altre regioni del Centro e del Mezzogiorno. Certo l’accanimento fiscale del Governo Monti con l’IMU sui fabbricati rurali non aiuta questo processo che rischia così di essere bloccato se non il governo non procede per un ridimensionamento di questa imposta. “Il rischio è – come sottolineava ieri Vittoria Brancaccio – che con un aumento anche di quattro volte e con il facile abbattimento delle case fatiscenti che saranno gravate della imposta vengono meno le prospettive di recupero di questo prezioso patrimonio paesaggistico, con il turismo che perderà irreversibilmente concrete opportunità di sviluppo”. “Senza parlare poi – ha continuato il presidente dell’Agriturist – delle imprese che rischiano la chiusura lasciando campo aperto alle speculazioni, con conseguenze dirompenti per l’agricoltura e il territorio”.Un ragionamento che non fa una piega, anzi pesa ancor più nel momento in cui si registra un risultato positivo dell’agriturismo nel 2011 nonostante la stagnazione del turismo in generale, con gli italiani che restano a casa (-16) e gli stranieri che arrivano (+5,3%) spendendo più del passato. La verità è quella che noi predichiamo da qualche tempo, che non c’è alcuna possibilità di rilancio dell’economia o di pensare, come si divertono a fare in tanti, alla crescita ed allo sviluppo senza l’agricoltura ed il turismo, in un paese che ha il primato in Europa e nel mondo delle eccellenze dop e igp, del biologico e della biodiversità e dei beni culturali. (pasquale di lena)

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | 1 Comment »

Roma capitale: manovra di bilancio 2012

Posted by fidest press agency su lunedì, 19 marzo 2012

La Giunta di Roma Capitale presieduta dal sindaco, Gianni Alemanno, ha approvato, su proposta dell’assessore al Bilancio e allo Sviluppo economico, Carmine Lamanda, la manovra di bilancio 2012 e le relative deliberazioni propedeutiche che delineano, tra l’altro, il percorso di riorganizzazione del Gruppo Roma Capitale. I numeri della manovra di parte corrente: le maggiori esigenze da coprire Le ultime manovre varate dal Governo hanno determinato pesanti effetti sul bilancio di Roma Capitale. Complessivamente è emersa la necessità di reperire 730 milioni di euro per compensare sia i minori trasferimenti da parte dello Stato e della Regione per un importo complessivo di 478 milioni di euro sia la correzione degli utili per l’anticipo di dividendi già affluiti nello scorso esercizio dalle società partecipate (30 milioni di euro). Incidono negativamente anche le minori valorizzazioni delle contravvenzioni (70 milioni), maggiori spese per oneri finanziari per opere pubbliche (37,3 milioni), minori entrate di varia natura (14,7 milioni) e ulteriori maggiori esigenze della spesa corrente (107 milioni). Tra queste ultime sono compresi 7 milioni per le agevolazioni Tia, 27 milioni di risorse compensative al sociale, 15 milioni per il sostegno dell’occupazione e l’imprenditorialità giovanile, 10 milioni per la manutenzione del verde. Il meccanismo di copertura: determinazione dell’aliquota IMU e nessun incremento addizionale Irpef Considerato che l’IMU ad aliquota base determina maggiori introiti e minori trasferimenti solo a vantaggio dello Stato, le maggiori esigenze sopra indicate sono state affrontate nel modo seguente. L’aliquota IMU è stata fissata al 5 per mille per quanto riguarda le prime case e al 10,6 per mille sulle seconde case e gli altri tipi di fabbricati; complessivamente il gettito dell’addizionale IMU per Roma Capitale sarà pari a 656 milioni di euro. Si è privilegiato l’IMU come leva del riequilibrio dei conti proprio per i contenuti di maggiore equità connessi con il carattere patrimoniale dell’imposta, evitando ogni ulteriore aumento dell’addizionale comunale Irpef. Hanno concorso all’equilibrio di bilancio altre risorse e, in particolare, i tagli ai contratti di servizio ed ad altre spese (39,2 milioni di euro), i risparmi fiscali derivanti dalla costituzione della holding (20 milioni di euro) e ulteriori maggiori entrate per 14,7 milioni di euro. Gli obiettivi del bilancio 2012: rigore, equità, sviluppo e modernizzazione
In questo scenario il bilancio 2012 persegue una molteplicità di obiettivi: assicurare meccanismi di equità fiscale a favore delle categorie più deboli (famiglie, disoccupati, pensionati ecc.); garantire l’attuale livello di agevolazioni previste senza ulteriori incrementi tariffari (asili nido e Tia); avviare il processo di riorganizzazione del Gruppo Roma anche alla luce degli indirizzi normativi sui servizi pubblici locali. Priorità viene attribuita agli interventi per la riduzione della spesa attraverso il potenziamento della Centrale Unica per gli acquisti, il taglio della spesa dei Dipartimenti (con esclusione delle spese per il sociale) e la riduzione dei cosiddetti “costi della politica” (ulteriori interventi sulle auto blu, il freno alle missioni di servizio). Queste iniziative di contenimento vengono estese alle Partecipate su cui si interviene anche con limiti più stringenti ai compensi dei dirigenti e degli amministratori.
Equità: quoziente familiare, blocco delle tariffe e conferma della spesa sociale
Vengono mantenute le agevolazioni per le famiglie e le categorie deboli, viene disposto il blocco degli incrementi tariffari, introdotto il Quoziente Roma nella tariffa comunale dei rifiuti modificando l’ISEE in chiave di quoziente familiare e portando le agevolazioni a 27 milioni.
Rafforzati, anche attraverso la costituzione di una task force, gli strumenti di lotta all’evasione fiscale i cui proventi verranno destinati all’abbattimento dell’IMU e ad interventi per il sociale e l’occupazione. La spesa sociale non è stata ridotta, anzi è stata incrementata nel bilancio previsionale dai 202,5 milioni del 2011 a 211,4 milioni del 2012. Tuttavia, per giungere ai livelli finali del 2011 (la spesa sociale nel bilancio di assestamento era stata di 231 milioni di euro) è necessario un recupero di 18 milioni di mancati trasferimenti della Regione Lazio (a causa dei tagli operati dal Governo) che saranno individuati nell’assestamento di bilancio regionale e comunale.
Sviluppo: interventi per l’occupazione
Viene prevista la costituzione di un Fondo Giovani per favorirne l’auto-imprenditorialità e l’auto-impiego (5 milioni di euro) e la costituzione di un Fondo di sostegno per l’occupazione (10 milioni di euro).
Modernizzazione: creazione della Holding Gruppo Roma Capitale
La costituzione di una Holding in cui confluiranno tutte le società partecipate da Roma Capitale, esclusa Acea che è una società quotata in Borsa, produrrà vantaggi industriali rafforzando il controllo sulla gestione delle società e realizzando economie di costi e importanti sinergie. Ad essa sono associati rilevanti vantaggi sotto il profilo fiscale derivanti dal consolidamento e dalla gestione dell’IVA di gruppo per un importo quantificabile in circa 20 milioni di euro.
Rispetto ai profili di governance si è innovato inserendo per le nomine degli organi di amministrazione e controllo il rispetto del principio dell’equilibrio di genere. Nella holding è inoltre prevista la presenza di un Comitato Consultivo composto da cinque membri designati da Roma Capitale, quattro dei quali indicati dalle rappresentanze sindacali. Un membro del Consiglio di Amministrazione sarà eletto dai lavoratori delle società controllate e un membro del collegio sindacale sarà indicato dal Comitato Consultivo.
Cessione del 21% di Acea Dall’operazione Acea che ottempera a precise indicazioni normative sono stimati incassi pari a 200 milioni di euro. L’operazione che sarà sottoposta al vaglio dell’assemblea capitolina aumenta lo spazio per investimenti sia rispetto ai vincoli del patto di stabilità sia rispetto alle esigenze di liquidità e sarà conforme ai seguenti principi:-prevedere strumenti di Governance e altre disposizioni finalizzate a garantire un adeguato livello di controllo di Roma Capitale sulla società;
-privilegiare il trasferimento di quote a partner strategici (investitori istituzionali di natura pubblica), impedendo inoltre la cessione di quote a chi è già in possesso di più del 2% del capitale della società;
– realizzare l’operazione in modo coerente con i risultati del referendum sul settore idrico.
Un Piano di Investimenti di oltre 3 miliardi, pagamenti possibili per 350 milioni, metropolitane escluse Il finanziamento degli investimenti fa riferimento a risorse pubbliche per 1,3 miliardi circa mentre gli interventi restanti dovranno essere realizzati con il concorso del capitale privato. La destinazione privilegiata dei fondi resterà ovviamente il settore del trasporto pubblico (metropolitane) con circa 750 milioni di risorse comunali investite. Seguono in ordine di impegno gli interventi sul territorio e l’ambiente (269 milioni), la viabilità e mobilità (188 milioni) nonché gli interventi sul patrimonio comunale (61 milioni).
Il Patto di stabilità per Roma Capitale, tutt’ora in fase di negoziazione con il Governo e la Regione Lazio, ha l’obiettivo finale di pagare almeno 350 milioni per gli investimenti oltre quelli delle metropolitane. Sono immediatamente disponibili ulteriori 45 milioni per nuovi interventi di manutenzione di strade e scuole.
Municipi: + 7 milioni di euro per la spesa corrente, + 13 milioni per opere pubbliche
Le risorse di parte corrente per i Municipi vengono complessivamente incrementate di 7 milioni di euro rispetto all’importo definitivo del 2011, tenendo conto anche delle risorse necessarie per la refezione scolastica in appalto, collocate presso i capitoli di bilancio della Centrale Unica per gli Acquisti. Tra le risorse per gli investimenti, sono previsti anche 13 milioni di euro in più ai municipi per opere pubbliche.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | 1 Comment »

Rilancio Mezzogiorno e lotta criminalità

Posted by fidest press agency su giovedì, 10 novembre 2011

“Il rilancio del Mezzogiorno deve necessariamente partire da una lotta senza quartiere al crimine organizzato” lo dichiara in una nota l’on. Americo Porfidia della neoformazione del gruppo misto alla Camera “Noi per il partito del Sud”. “Ogni discorso che interessi il Sud Italia – prosegue il deputato campano – deve prendere in considerazione la necessità di una lotta dura e decisa contro le organizzazioni criminali. Una guerra da battersi su diversi piani, da quello culturale a quello economico e sociale. Del resto il raggio d’azione dei moderni clan è così ampio che riguarda l’intera penisola con diramazioni a livello globale. Certo il sud Italia risente in modo particolare della presenza di questo buco nero dell’economia, ed ogni giorno milioni di euro scompaiono nell’indotto criminale andando ad arricchire la malavita. Proprio in questi giorni gli uomini dell’Arma stanno conducendo con successo una complessa e articolata operazione contro il clan dei Casalesi. La lotta alle associazioni criminali di stampo mafioso è uno dei punti della politica che “Noi per il partito del Sud” vuole portare avanti per il bene dell’Italia e dei territori meridionali in particolare. Ringraziando l’Arma per il prezioso lavoro chiediamo al Governo di continuare il lavoro e sostenere il più possibile le operazioni di tale natura”

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »