Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 33 n° 348

Posts Tagged ‘rilancio’

Patto di rilancio per l’agricoltura del Sud

Posted by fidest press agency su mercoledì, 10 novembre 2021

È positivo che i riflettori comincino ad accendersi sulla necessità di elaborare una strategia per le campagne del Mezzogiorno in vista dei fondi in arrivo con il Pnrr. Il momento di prendere le decisioni è adesso, introducendo misure ad hoc per l’imprenditoria agricola meridionale. Una burocrazia più snella è condizione necessaria, ma non sufficiente. Occorre elaborare politiche di lungo respiro che puntino sull’agroecologia come cardine della rinascita.Le campagne del nostro Sud racchiudono molte potenzialità inespresse – continua Tiso. Se le risorse del Pnrr saranno investite in modo efficace nel Meridione, sarà possibile cominciare a colmare il divario che ancora esiste con il nord del Paese e rendere il Mezzogiorno finalmente protagonista della ripartenza.A livello regionale, la gestione dei Psr può e deve essere migliorata con l’obiettivo di utilizzare nel modo migliore tutti i fondi disponibili e fornire un sostegno concreto alle aziende. Vanno inoltre recuperati i ritardi accumulati nel campo delle infrastrutture, dai trasporti alla logistica, dalle energie rinnovabili agli impianti idrici. La nostra Confederazione ha infine proposto la creazione di un polo per ricerca scientifica applicata in agricoltura in una città del Meridione. Un centro in cui si possano concentrare tutti i principali attori del rinnovamento tecnologico in agricoltura e valorizzare le eccellenze della nostra tradizione agricola.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Il rilancio dell’Italia visto dall’Anbi

Posted by fidest press agency su martedì, 5 ottobre 2021

“Come la stragrande maggioranza del Paese, i Consorzi di bonifica ed irrigazione stanno facendo la loro parte per il rilancio dell’Italia, non solo completando ed avviando lavori per circa un miliardo di euro nel rispetto dei tempi previsti, ma avendo presentato progettualità definitive, per oltre 4 miliardi e 300 milioni di euro, da inserire nel Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza, perché nelle condizioni di rispettare il cronoprogramma imposto dall’Unione Europea. Per questo, non ci piacciono certi distinguo, che cominciamo ad avvertire nel mondo della politica”: a dirlo è Francesco Vincenzi, Presidente dell’Associazione Nazionale dei Consorzi per la Gestione e la Tutela del Territorio e delle Acque Irrigue (ANBI), intervenuto all’inaugurazione della centrale idroelettrica Mulino San Giuseppe a Canneto sull’Oglio, nel mantovano, là dove Hermann Einstein, padre di Albert, produsse la prima energia a servizio della comunità locale. “L’idea – ricorda Paolo Magri, Direttore Tecnico del Consorzio di bonifica Garda Chiese, autore dell’intervento – fu di chi, a fine ‘800, sfruttò il salto del corso d’acqua. Il Consorzio ha installato una coclea idraulica, cioè la vite inventata da Archimede: pensata per sollevare i liquidi, qui la si usa per provocare un moto rotatorio, sfruttando la forza dell’acqua e, grazie ad una dinamo, produrre elettricità.” La piccola centrale, ricca però di significati, avrà una produzione media annua fino a 250.000 kilowattora in un anno; la potenza elettrica massima, che poteva essere prodotta con la turbina di Einstein, era di circa 16 Kilowatt, ora si arriva a 50!” Il Presidente dell’ente consortile, Gianluigi Zani, approfitta dell’occasione per lanciare un appello: “Stiamo portando avanti opere per oltre 40 milioni di euro. Ce l’abbiamo messa tutta e siamo riusciti a presentare progetti cantierabili per il P.N.R.R. in pochissimo tempo e ne siamo orgogliosi ma vogliamo che le Istituzioni tutte siano al nostro fianco.” E’ l’ennesima dimostrazione che oggi in Italia il primo problema non sono le risorse economiche, anche se sono 25 anni che non si investe nella prevenzione del dissesto idrogeologico – conclude il Presidente di ANBI – Il piano di resilienza è una straordinaria opportunità. Dobbiamo fare in modo che entro il 2026 tutte le risorse siano spese. E’ vero che ci sono tempistiche europee, cui non siamo abituati, ma accettiamo la sfida; prendiamo esempio dallo sport, perché se l’Italia fa l’Italia, ce la fa.”

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Rilancio agricoltura per il Meridione

Posted by fidest press agency su lunedì, 2 agosto 2021

Nella nuova fase dell’agricoltura italiana annunciata dal ministro Patuanelli, anche le campagne del nostro sud devono avere la possibilità di giocare un ruolo da protagoniste – dichiara Andrea Michele Tiso, presidente nazionale Confeuro. La costruzione del Piano strategico nazionale sta coinvolgendo sindacati, produttori, organizzazioni ambientaliste e istituzioni. Nella bozza che sta prendendo forma in queste settimane è necessario prevedere interventi specifici per il Meridione, che racchiude potenzialità inespresse, spesso frenate da una burocrazia che a causa di procedure troppo complicate finisce per diventare uno dei principali ostacoli.Ci sono ora le condizioni per promuovere un rinascimento agricolo che assicuri il diritto a un cibo sano e uno sviluppo rispettoso dell’ambiente e del paesaggio. Crediamo che in questa fase di passaggio il Mezzogiorno, che vanta eccellenze riconosciute in tutto il mondo e tradizioni agricole millenarie, possa offrire un contributo decisivo – continua Tiso. Per raggiungere questo obiettivo è necessario recuperare il ritardo accumulato nel campo delle infrastrutture, dai trasporti alla logistica, dalle energie rinnovabili agli impianti idrici. Sono in particolare auspicabili interventi a favore dell’alta velocità nel trasporto merci e per le autostrade del mare, che contano su snodi come Taranto e Gioia Tauro. Questi centri, avvicinando il sud all’Europa, possono sostenere lo sviluppo e la valorizzazione delle eccellenze agroalimentari meridionali. Ribadiamo infine la proposta di creare un polo per ricerca scientifica applicata in agricoltura nel Meridione, che potrebbe avere sede a Foggia, città che ospita una prestigiosa università di agraria ed è situata in posizione strategica nel Tavoliere delle Puglie.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

L’Ue crede nella nostra capacità di rilanciare il Paese

Posted by fidest press agency su venerdì, 25 giugno 2021

La presidente della commissione Ambiente, Alessia Rotta: “Attestazione di fiducia nella capacità dell’Italia di spendere i soldi, uscire dalla crisi e riformare il Paese, rendendolo più green” “La promozione arrivata dall’Europa non è solo un riconoscimento al lavoro fatto dal Governo con i progetti di investimento dei fondi del Recovery, ma è qualcosa che va oltre. E’ un’attestazione di fiducia nella capacità dell’Italia di spendere quei soldi, di uscire dalla crisi, di far ripartire l’economia, di riformare il Paese, rendendolo moderno e, soprattutto, più green”. Lo ha detto la presidente della commissione Ambiente della Camera, Alessia Rotta. “La seconda missione del Pnrr – ha ricorda la presidente Rotta – è denominata ‘Rivoluzione Verde e Transizione Ecologica’. Contiene un ampio ventaglio di interventi, come quelli che miglioreranno la gestione dei rifiuti e il ciclo dell’economia circolare, che rafforzeranno le infrastrutture per la raccolta differenziata e che renderanno più moderni gli impianti di trattamento dei rifiuti. Questo piano accompagnerà il Paese verso gli obiettivi internazionali di riduzione delle emissioni di gas serra del 55% nel 2030 e di impatto zero sul clima entro il 2050. Con il via libera di oggi, l’Ue ha dimostrato di credere nella capacità dell’Italia di riuscire a raggiungere questi obiettivi. Il nostro Paese non deluderà le attese”.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Social media al centro del rilancio dell’economia

Posted by fidest press agency su martedì, 8 giugno 2021

(AJ-Com.Net) – ROMA 05 GIU 2021 – Come affrontare la crisi economica post Coronavirus? Lo scenario non sarà facile, anche perché non siamo ancora nella fase «post» e lo sappiamo tutti. Cosa devono fare professionisti ed imprenditori? Investire ed investire soprattutto in comunicazione, proprio quando il gioco si fa più duro.Il Coronavirus sta cambiando completamente la vita quotidiana di persone e aziende. Semi-confinati in casa i consumatori cercano nel web le risposte alle loro necessità e vedono l’e-ecommerce come un mezzo per fare compere senza mettere a rischio la propria salute.Secondo i dati elaborati da AJ-Com.Net in italia, in queste settimane di semi-lockdown si è avuto un vero e proprio boom dell’e-commerce con un importo medio di spesa che è cresciuto del +30%.E se prima del Coronavirus la domanda dell’e-commerce era trainata prevalentemente dal settore del turismo, ora la bilancia si sposterà verso altri settori, a partire dal food e beverage (32,9 miliardi di euro stimati per il 2021), advertising, marketing e relazioni pubbliche (19,2 miliardi), abbigliamento (16,4 miliardi), arredamento (15 miliardi), informatica ed elettronica (13,7 miliardi), incontri e dating online (11 miliardi), farmaceutico, wellness e beauty (9,6 miliardi) ed editoria, dvd e multimediali (8,2 miliardi).Certo è che gli italiani si spostano sempre più sul canale digitale ed è così che le «dot com» cresceranno ad una velocità esponenziale rispetto alle aziende tradizionali, con enormi benefici economici e sociali derivanti sia in termini di opportunità di business che di impatto sull’occupazione.Il cuore del sistema è un database di oltre 48.000 giornalisti ed influencer che si possono raggiungere attraverso la piattaforma creata proprio affinché chiunque possa diffondere il proprio pensiero o la propria opera. «Vogliamo dare a tutti la possibilità di raccontare le loro storie, i loro successi, i loro eventi. Vogliamo che tutti possano facilmente aumentare la loro rassegna stampa collegandosi ad una vasta rete di giornalisti, blogger ed influencer che cercano quotidianamente notizie e contenuti di cui parlare» concludono i responsabili di AJ-Com.Net. Per i nuovi servizi Facebook, Instagram, Youtube, Spotify TikToK si parte da investimenti che partono da 100 euro, ad esempio per 500 likes reali italiani o per 5 mila nuovi follower internazionali su Instagram.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Rilancio scuole italiane all’estero

Posted by fidest press agency su domenica, 6 giugno 2021

Con uno specifico emendamento, Anief propone alle forze politiche di ripristinare le graduatorie d’istituto nelle scuole statali italiane all’estero, dalle quali attingere per conferire incarichi annuali sulle ore non costituenti cattedra e per l’abrogazione dei contratti locali sulle discipline dell’ordinamento scolastico italiano.Attualmente gli spezzoni di cattedra vengono affidati ai docenti italiani che operano nella scuola anche se non in possesso della specifica abilitazione nella classe di concorso e intere discipline dell’ordinamento italiano sono affidate a contratto locale a docenti reclutati localmente. Queste misure hanno abbassato di molto l’offerta formativa delle scuole italiane statali all’estero. Da quando è entrato in vigore il decreto legislativo 13 aprile 2017 numero 64, intere cattedre o spezzoni di cattedra sono rimaste vacanti per mesi o assegnate a personale senza nessuna conoscenza del sistema scolastico italiano, nel caso dei contratti locali, o a docenti italiani non abilitati nella classe di concorso dello spezzone. Con lo stesso emendamento propone delle modifiche al periodo di servizio da garantire all’estero in caso di nomina, riducendolo da sei a tre anni, restituendo il diritto a tutti di arrivare a svolgere 12 anni di servizio all’estero in due mandati.Infine Anief propone anche di portare da 674 a 700 il contingente del persole scolastico operante nelle scuole, nei corsi e nei lettorati italiani all’estero.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

C’è anche molta scuola nel decreto Rilancio

Posted by fidest press agency su sabato, 22 Maggio 2021

Per quanto riguarda gli emendamenti al ddl principale figurano la rimodulazione della didattica in presenza per il nuovo anno scolastico (sono 5 gli emendamenti che trattano di questo argomento: 3.7; 3.13; 3.14; 3.19; 3.21) e l’adeguamento dell’organico di fatto in organico di diritto (emendamento 3.012); per quanto riguarda gli emendamenti d’interesse all’articolo aggiuntivo vi sono le “Misure urgenti in materia di assunzione del personale docente dalle graduatorie provinciali per le supplenze” (emendamento 3.016); misure urgenti in materia di assegnazione provvisoria straordinaria per il personale scolastico 3.010); in materia di assunzione di personale precario del comparto istruzione e ricerca (emendamento 3.02); per l’assunzione di personale scolastico (emendamento 3.018); sul reclutamento del personale docente e sul contenzioso relativo all’assunzione con riserva da graduatorie (emendamento 3.020); per il reclutamento dei Dirigenti Scolastici: reinserimento graduatoria idonei concorso (emendamento 0.11.01.147); la necessità di fare in fretta per il reclutamento dei docenti: scorrimento idonei concorso straordinario (0.11.01.35). Inoltre ci sono due emendamenti a cui Anief guarda con grande interesse: mobilità straordinaria (emendamenti 3.07 e 3.014) e lavoro agile nella scuola (emendamenti 0.11.01.157). Infine, c’è un articolo di interesse del ddl: l’articolo 3, il quale disciplina le modalità per la ripresa delle attività scolastiche nelle istituzioni scolastiche e universitarie dell’intero territorio nazionale. Il comma 1 stabilisce che dal 26 aprile, fino alla conclusione dell’anno scolastico 2020-2021, riprendono in presenza le attività dei servizi educativi per l’infanzia, della scuola dell’infanzia, della scuola primaria e della scuola secondaria di primo grado nonché, almeno per il 50 per cento della popolazione studentesca, le attività scolastiche e didattiche della scuola secondaria di secondo grado. Si chiarisce che le predette disposizioni non possono essere derogate da provvedimenti dei Presidenti delle regioni e delle province autonome di Trento e di Bolzano e dei sindaci, salvi i casi di presenza di focolai o di rischio estremamente elevato di diffusione del virus SARS-CoV-2 o di sue varianti nella popolazione scolastica. In tal caso i provvedimenti di deroga sono motivatamente adottati, sentite le competenti autorità sanitarie, anche per porzioni di territorio.Al comma 2 si stabilisce che, per il periodo dal 26 aprile fino alla conclusione dell’anno scolastico 2020-2021, le istituzioni scolastiche secondarie di secondo grado adottano forme flessibili nell’organizzazione dell’attività didattica. A tal fine si prevede che per le zone rosse sia garantita l’attività didattica in presenza almeno al 50 per cento e fino al 75 per cento della popolazione studentesca e, per le zone gialle e arancioni, almeno al 70 per cento e fino al 100 per cento della popolazione studentesca.La didattica a distanza è utilizzata dagli altri studenti. Il comma 3 contiene una particolare disposizione che facoltizza le istituzioni scolastiche a operare in presenza per l’uso dei laboratori o per favorire l’inclusione scolastica degli alunni con disabilità e con bisogni educativi speciali, garantendo comunque il collegamento telematico con gli altri alunni della classe. I commi 4 e 5 disciplinano le attività didattiche della formazione superiore per il periodo dal 26 aprile 2021 fino al 31 luglio 2021. Il comma 4 prevede che nelle zone gialle e arancioni le attività didattiche e curriculari delle università siano svolte prioritariamente in presenza secondo appositi piani di organizzazione. Nelle zone rosse i predetti piani possono prevedere lo svolgimento in presenza degli insegnamenti relativi al primo anno dei corsi di studio ovvero delle attività formative rivolte a classi con ridotto numero di studenti. Per l’intero territorio nazionale, i citati piani di organizzazione prevedono che siano svolti in presenza gli esami, le prove e le sedute di laurea, le attività di orientamento e di tutorato e le attività dei laboratori, nonché l’apertura delle biblioteche, tenendo conto anche delle esigenze formative degli studenti con disabilità. Infine, il comma 5 estende l’applicazione delle disposizioni del comma 4, per quanto compatibili, anche alle istituzioni di alta formazione artistica musicale e coreutica, ai conservatori di musica, alle accademie e agli istituti superiori per le industrie artistiche nonché alle attività delle altre istituzioni di alta formazione collegate alle università.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Agricoltura: Rilancio aree rurali

Posted by fidest press agency su domenica, 16 Maggio 2021

“Il rilancio post-pandemia passa dal contrasto allo spopolamento delle zone marginali di pianura e periurbane, delle aree montane e collinari. Attraverso la rivalutazione della figura dell’agricoltore contadino, custode del proprio territorio e delle sue tradizioni, contrastiamo il cambiamento climatico e preserviamo la biodiversità”. Lo dichiara il deputato Dedalo Pignatone (M5S), relatore della proposta di legge “Disposizioni per la tutela e la valorizzazione dell’agricoltura contadina” oggetto di discussione generale oggi a Montecitorio. “Attraverso la promozione dell’agroecologia, come definita dalla FAO nella 163esima sessione – prosegue – puntiamo alla gestione sostenibile del suolo, a favorire la biodiversità animale e vegetale, la diversificazione e gli avvicendamenti colturali, tutelando il paesaggio e privilegiando la sostenibilità ambientale delle attività agricole. Culture, tradizioni e sensibilità che intendiamo celebrare con la Giornata nazionale dell’agricoltura contadina, momento di riflessione sul passato e proiettato al futuro del comparto primario” conclude.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Necessario rilancio sistema agroalimentare

Posted by fidest press agency su domenica, 16 Maggio 2021

La crisi economica dovuta per la pandemia ha mandato in fumo 24 miliardi di euro nel sistema agroalimentare italiano, ma i fondi previsti nel Pnrr rappresentano un “budget portentoso se si contano oltre ai 5,7 miliardi di euro destinati alle azioni squisitamente di settore anche i 23,78 miliardi dell’energia rinnovabile, i 15,22 dell’efficienza energetica e riqualificazione degli edifici e i 15 miliardi della tutela del territorio e della risorsa idrica, fondi che provvederanno alla salvaguardia dei territori deturpati dallo stato di abbandono e dalla cementificazione fuori legge”. A fornire una fotografia dello stato di salute dell’agricoltura del nostro Paese è il senatore Gianpaolo Vallardi, Presidente della Commissione agricoltura e produzione agroalimentare del Senato, in un’intervista al quotidiano online labparlamento.it.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Agricoltura sociale per il rilancio dell’economia

Posted by fidest press agency su sabato, 15 Maggio 2021

Il valore sociale dell’agricoltura è tangibile non solo in termini di occupazione e tutela del territorio, ma anche per i risultati positivi nel contrasto alle disuguaglianze – dichiara Andrea Michele Tiso, presidente nazionale Confeuro. Uno studio diffuso di recente da Aiccon e Ubi Banca ha misurato l’impatto in termini di occupazione e produzione delle imprese sociali, evidenziando come le aziende agricole abbiano spesso un ruolo da protagonista nel rispondere ai bisogni del territorio e delle persone svantaggiate.Dalla ricerca, effettuata su 1267 realtà con 14.196 dipendenti – per lo più meridionali – emerge la capacità del mondo agricolo di includere i soggetti più deboli e di promuovere la coesione sociale, riattivando le comunità e rimettendo in moto le economie locali – continua Tiso. In termini di dimensioni economiche, è il turismo sociale il settore che ha prodotto in media i migliori risultati, sia rispetto alla redditività dell’organizzazione (+82% di utile) che dell’occupazione (+78% di dipendenti). Le imprese attive nell’agricoltura sociale sono inoltre protagoniste nel campo dei contratti di rete (il 50% del totale), perché capaci di costruire partnership che generano nuove opportunità di occupazione e sviluppo sostenibile. Di fronte a uno scenario in cui le disuguaglianze continuano ad aumentare, anche a causa della crisi sanitaria, l’agricoltura sociale è una risorsa preziosa su cui è opportuno investire non solo per il rilancio dell’economia, ma anche per uno sviluppo inclusivo capace di offrire nuove prospettive di crescita e lavoro.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Ricerca e rilancio studi clinici in Italia

Posted by fidest press agency su domenica, 2 Maggio 2021

Martedì 4 maggio alle 11 è prevista una conferenza stampa virtuale con gli interventi di Carmine Pinto (Presidente FICOG), Dario Manfellotto (Presidente FADOI), Gualberto Gussoni (Coordinatore Scientifico Centro Studi Fondazione FADOI), Celeste Cagnazzo (Presidente GIDM), Marco Vignetti (Presidente Fondazione GIMEMA), Ruggero De Maria (Presidente ACC) e Paolo De Paoli (Direttore Generale di ACC). Nel 2019 in Italia sono stati autorizzati 679 studi clinici. Il nostro Paese è stato uno dei primi in Europa a promuovere la ricerca clinica cooperativa. Nella maggior parte dei trial internazionali, offriamo un contributo scientifico molto elevato, ma soffriamo l’assenza di organizzazione e di risorse. La pandemia causata dal Covid-19 ha imposto nuove regole per velocizzare le regole delle sperimentazioni e far fronte alla crisi sanitaria. Il rilancio della ricerca clinica in Italia è essenziale per garantire la qualità delle cure. E le direttive da seguire sono illustrate in un documento inviato alle Istituzioni da FICOG (Federation of Italian Cooperative Oncology Groups), FADOI (Federazione delle Associazioni dei Dirigenti Ospedalieri Internisti), Fondazione GIMEMA (per la promozione e lo sviluppo della ricerca scientifica sulle malattie ematologiche), GIDM (Gruppo Italiano Data Manager) e ACC (Alleanza Contro il Cancro).

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Il rilancio dell’agricoltura

Posted by fidest press agency su domenica, 28 febbraio 2021

Deve tradursi quanto prima in impegni precisi e misurabili per permettere a tutti i soggetti coinvolti di entrare nel merito, valutando le misure proposte – dichiara Andrea Michele Tiso, presidente nazionale Confeuro. Con le sue prime dichiarazioni, il neo ministro per le Politiche agricole Patuanelli ha fatto capire che intende proseguire sulla linea tracciata dal precedente Governo Conte, garantendo coerenza fra le politiche nazionali ed europee. E’ giunto ora il momento di entrare nel dettaglio e definire gli strumenti operativi, a partire dalla ripartizione delle risorse tra le varie voci di spesa.Occorre soprattutto sciogliere alcuni nodi fondamentali, come quello degli allevamenti intensivi, che richiedono strategie efficaci per la trasformazione di attività che non sono più sostenibili – continua Tiso. Gli operatori del settore e dell’indotto hanno bisogno di sapere come intende procedere il Governo Draghi anche riguardo alla promozione dell’agroecologia e al bando dei pesticidi più dannosi. La tutela per l’ambiente, inoltre, può e deve andare di pari passo con l’innovazione tecnologica, mettendo gli strumenti dell’agricoltura 4.0 a disposizione anche dei piccoli e medi agricoltori, che farebbero più fatica ad aggiornarsi se lasciati a loro stessi.Il programma per la transizione ecologica va riempito al più presto di contenuti per avviare un tavolo di confronto che consenta di renderlo il più vicino possibile alle esigenze dell’agricoltura. Chiediamo quindi a Patuanelli di compiere questo primo indispensabile passo, perché senza proposte concrete qualsiasi dibattito è destinato a rimanere sterile.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

“Il nuovo esecutivo lavori al rilancio del turismo residenziale”

Posted by fidest press agency su domenica, 14 febbraio 2021

“Dal nuovo governo ci aspettiamo un cambio di passo nei confronti del mondo del turismo residenziale, riconoscendo il suo ruolo e favorendo la sua ripresa: lo chiedono i gestori di oltre 500mila alloggi, e lo chiedono i 70mila lavoratori che operano in questo campo”. E’ quanto afferma Stefano Bettanin, presidente di Property Managers Italia, associazione nazionale di categoria del turismo residenziale.
“I governi precedenti – sostiene Bettanin – non hanno recepito appieno le sollecitazioni che venivano dal nostro settore, che alla vigilia della crisi determinata da pandemia e lockdown era arrivato a pesare due punti e mezzo di Pil, e che superata la fase più acuta dell’emergenza ha dimostrato di sapersi adattare meglio al nuovo scenario.” “Ci auguriamo – conclude Bettanin – che un nuovo governo di alto profilo, come quello che Mario Draghi sta formando, comprenda come il mercato del turismo sia profondamente cambiato, e come questo debba essere aiutato: da un lato con un sostegno economico per superare questa fase di crisi, e dall’altro con un riordino del quadro normativo che possa liberare le potenzialità del turismo residenziale”.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Il futuro della Nazione passa per il rilancio di Roma

Posted by fidest press agency su giovedì, 4 febbraio 2021

Le celebrazioni per il 150esimo anniversario della proclamazione di Roma Capitale d’Italia devono essere occasione per rifocalizzare l’attività parlamentare sull’attribuzione a Roma Capitale di poteri e fondi speciali, una posizione storica di Fratelli d’Italia, e su cui le forze politiche hanno trovato convergenza approvando un ordine del giorno presentato da Giorgia Meloni e Fabio Rampelli e sottoscritto anche da me e dalla collega Bellucci, insieme agli altri deputati e senatori componenti dell’Osservatorio Parlamentare per Roma. Le grandi metropoli globali sono normate come veri e propri “distretti”, come Berlino o Parigi. Roma merita più poteri e più fondi.”Così il deputato di Fratelli d’Italia Federico Mollicone, componente dell’Osservatorio Parlamentare per Roma Capitale, già presidente della commissione Cultura di Roma Capitale.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Crisi di governo e rilancio agricoltura

Posted by fidest press agency su giovedì, 14 gennaio 2021

Se le tensioni nella maggioranza sfoceranno in una crisi di Governo, sarà fondamentale evitare che quest’ultima pregiudichi il rilancio dell’agricoltura – dichiara Andrea Michele Tiso, presidente nazionale Confeuro. Abbiamo vissuto un anno molto difficile, in cui il settore primario ha mostrato di essere un pilastro centrale del sistema economico. Garantire continuità e certezze è un dovere dell’esecutivo verso i coltivatori, che non si sono fermati un solo giorno per assicurare le forniture alimentari a tutta la popolazione, permettendo al nostro Paese di attraversare i momenti più difficili.In questi mesi le istituzioni nazionali ed europee, insieme con le associazioni del mondo agricolo, hanno lavorato intensamente per ridisegnare il futuro dell’agricoltura – continua Tiso. Dalla riforma della Pac al Green Deal europeo, per arrivare al Recovery Plan e al Piano strategico nazionale, sono molte le questioni che richiedono decisioni rapide e una reale voglia di cambiamento. La nostra Confederazione ha più volte sollecitato la convocazione di un tavolo allargato per discutere del migliore utilizzo delle risorse europee destinate all’agricoltura. L’inevitabile rallentamento di questi processi, in caso di crisi di Governo, preoccupa il mondo agricolo che chiede da mesi di accelerare i tempi della transizione verde.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

L’agroalimentare alla sfida dell’export per il rilancio delle imprese

Posted by fidest press agency su domenica, 11 ottobre 2020

Un sistema integrato di promozione del made in Italy che potrà contare su Ambasciate, Istituti di Cultura e ICE (Istituto per il Commercio Estero) e tante linee di finanziamento in grado di supportare le imprese che vorranno esplorare i mercati internazionali. Questo è lo scenario delineato durante il convegno “Fatto in Italia, richiesto nel mondo: l’export che ci rende eccellenti” organizzato dall’associazione “Il Chiostro per la trasparenza e professionalità delle lobby” presso il Ministero delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali con la partecipazione del Sottosegretario agli Affari Esteri, Manlio Di Stefano, e del Sottosegretario alle Politiche agricole, Giuseppe L’Abbate. Uno scenario che il patrimonio agroalimentare nazionale dovrà essere in grado di sfruttare pienamente per continuare il trend positivo che non si è arrestato neppure durante il blocco forzato dovuto all’emergenza Covid-19. Nel primo semestre 2020, infatti, l’export agroalimentare made in Italy ha raggiunto 221,1 miliardi di euro, in progressione del 3,5% su base annua, pari all’11% dell’esportazione complessiva di beni e servizi. Risultati positivi che spingono il Governo a sostenere con ancor più decisione le politiche di supporto alle esportazioni. L’ultima Legge di Bilancio ha potenziato il contingente di esperti presso le sedi diplomatiche italiane nel mondo e, su suggerimento del MIPAAF, sono stati individuati anche 6 esperti agricoli che opereranno presso le Ambasciate italiane a Londra, New Delhi, Brasilia, Tokyo, Washington e Pechino, ovvero dove è emersa maggiore necessità da parte del comparto agroalimentare.“Un ulteriore strumento è poi quello del portale Export.gov.it che fornisce un quadro chiaro, attraverso step semplici e intuitivi, alle piccole e medie imprese permettendogli di venire a conoscenza sia dei fondi a disposizione sia dei possibili mercati di interesse rispetto al proprio settore commerciale e alle proprie produzioni” – ha proseguito il Sottosegretario Di Stefano.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Impegno per rilanciare offerta turistica

Posted by fidest press agency su giovedì, 1 ottobre 2020

Oggi rappresenta il 13% del Pil e il 15% dell’occupazione italiana, e mentre il settore sta affrontando, a livello mondiale, un periodo di grande difficoltà, la nostra consapevolezza sta diventando quella di tutti.In questi mesi siamo intervenuti con misure di sostegno, per lavoratori e imprese, adesso invece, con la nascita del “Fondo Nazionale per il Turismo”, lanciato da Cassa Depositi e Prestiti, interveniamo a tutela del patrimonio turistico e culturale nazionale, puntando sull’eccellenza della tradizione italiana dell’ospitalità.Quello presentato oggi, dal Ministro Franceschini e da CDP, è un fondo che potrà mobilitare fino a 2 miliardi di euro, per sostenere lo sviluppo dei territori e la competitività del sistema ricettivo italiano. Potrà investire in strutture storiche e iconiche del paese, spesso rappresentative di una destinazione, capaci di dare un contributo importante alla generazione di occupazione e indotto. Uno strumento importante per far ripartire l’economia reale.È un impegno molto serio quello che intendiamo portare avanti nel rilanciare la nostra offerta turistica, un impegno che va ad innestarsi con il piano dell’export, integrato con tutta la filiera, a cui lavora il Ministro degli Esteri, Luigi Di Maio, estremamente importante non solo per la promozione del Made in Italy, ma anche per intercettare flussi turistici che avevamo perso e oggi vogliamo riconquistare, offrendo quell’ospitalità e quell’accoglienza di cui siamo maestri.Stiamo ridisegnando il Paese, ed un tassello fondamentale del nostro “piano industriale” è rappresentato proprio da questo. Riqualificazione urbana, sviluppo infrastrutturale e una conversione green sono alla base, anche, di un nuovo modello di accoglienza, che dovrà abbinare alle grandi Città d’Arte, anche percorsi di scoperta dei piccoli borghi, garantendo così un turismo diffuso e sostenibile.Con l’impegno di tutti, ci rialzeremo molto presto”.Lo scrive, sui social, il Vice Ministro dell’Economia e delle Finanze, Laura Castelli.

Posted in Cronaca/News, Viaggia/travel | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

“La parola d’ordine per il rilancio è: competitività”

Posted by fidest press agency su domenica, 13 settembre 2020

Maggiore competitività anche grazie all’uso delle risorse del Recovery Fund, con investimenti in infrastrutture quali porti, aeroporti, ferrovie e strade. In questo ambito abbiamo già sbloccato investimenti per 110 miliardi. Non solo, anche un’importante decontribuzione per i lavoratori delle Regioni del Sud pari al 30% per dieci anni.Novità anche sul Piano Transizione 4.0, perché sia finalmente stabilizzato e nell’immediato lo sportello del Fondo per l’Economia Circolare. Un fondo rotativo per sviluppare modelli produttivi, con la riconversione di vecchi metodi e nuove sperimentazioni che possano aumentare la produttività”. Così il Vice Ministro dell’Economia e delle Finanze, Laura Castelli, durante l’incontro con gli imprenditori della Provincia di Foggia, cui ha partecipato assieme al Ministro degli Esteri, Luigi Di Maio.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Il rilancio dell’economia affidato ad aziende in debito o parassite?

Posted by fidest press agency su venerdì, 11 settembre 2020

Ricordiamo solo due settori in cui lo Stato si sta molto impegnando per il rilancio dell’economia, e anche con molti soldi: trasporto aereo e telecomunicazioni. Due settori molto strategici e su cui gravitano quasi tutte le altre economie.
Trasporto aereo. In crisi come in tutto il resto del mondo. Peculiarità, quindi, non generali ma specifiche, legate al trascorso e alla loro gestione. Al momento l’impegno dello Stato è tutto teso verso la rigenerazione di Alitalia, azienda sopravvissuta nell’ultimo mezzo secolo solo grazie ai soldi dello Stato. Quello Stato che sta prestando poca attenzione agli altri operatori che volano nei nostri cieli o usano i nostri hub, tant’è che, salvo casi marginali, sono tutte compagnie non-italiane. L’altra grande compagnie italiana che c’era – Alisarda, poi divenuta Meridiana e poi ancora Air Italy – proprio in questi giorni dopo un tentativo di rilancio, ha “definitivamente” chiuso.La vicenda Alitalia è nota e drammatica, soprattutto perché in queste settimane, dopo ulteriori e notevoli finanziamenti pubblici, non riesce ancora a “decollare”.Comunque, se si sentono i vari ministri, e soprattutto quello dei Trasporti, è su Alitalia che governo e maggioranza puntano per il rilancio dell’economia in questo settore.
Telecomunicazioni. Sembra che sia stato raggiunto l’accordo per la creazione della società che dovrebbe gestire la Rete Unica. Saranno due società ad essere l’asse portante: Tim e Open Fiber. Mentre Tim ha una partecipazione minoritaria dello Stato al proprio capitale, Open Fiber ha un partecipazione pubblica maggioritaria. Tim ha debiti finanziari di svariati miliardi mentre Open Fiber si “limita” a poco più di 100 milioni. Da ricordare che Tim è l’erede del monopolio (e alcune servizi continua a gestirli in regime di monopolio), mentre Open Fiber è la punta di diamante per eccellenza delle politiche di investimento dello Stato, poiché il suo capitale dominante è della Cassa Depositi e Prestiti (CdP), istituzione finanziaria del ministero dell’Economia.Entrambe società che hanno operato ed operano col privilegio, oltre che del portafoglio, anche della considerazione. E che, nonostante questo, sono “in rosso”. Questo per significare che la loro gestione, pur in un mercato in cui la domanda è incessante e travolgente, hanno risultati economici negativi.
Bene. Tra trasporti e telecomunicazioni. Il rilancio della nostra economia è affidato a queste società: Alitalia, Tim e Open Fiber. Certo, ognuna di queste società (in particolare quelle di Tlc) hanno intrecci economici e finanziari che per comprenderli e stargli dietro occorrerebbe uno stuolo di consulenti di alto livello finanziario… ma nonostante questa loro mastodonticità e introduzione economica, hanno problemi economici notevoli che non nascono dall’iperuranio ma dalla gestione che fanno del loro business. Vincenzo Donvito, presidente Aduc

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Scuola: Con il Decreto Rilancio si assumono mille assistenti tecnici informatici

Posted by fidest press agency su domenica, 6 settembre 2020

La Legge 17 luglio 2020, n. 77, che converte, con modificazioni, il decreto Rilancio, ha introdotto l’art. 230-bis, contenente disposizioni finalizzate al reclutamento di Assistenti Tecnici nelle istituzioni scolastiche dell’infanzia e del primo ciclo, cioè primarie e secondarie di primo grado, per quest’anno. Il provvedimento autorizza, nello specifico, le scuole ad assumere fino a 1.000 risorse nel ruolo di Assistente Tecnico, ovvero nel profilo AT dell’area AS del personale ATA: le assunzioni riguardano i mesi cha vanno da settembre a dicembre 2020. Il contingente di 1.000 unità verrà ripartito a livello regionale tenendo esclusivamente conto del numero degli alunni, tralasciando la complessità degli istituti e il numero di laboratori presenti all’interno delle varie istituzioni. Secondo Marcello Pacifico, leader dell’Anief, “i numeri sono davvero irrisori, considerando l’alto numero di sedi da coprire: per evitare che questa operazione si trasformi in uno spreco di risorse il ministero dell’Istruzione incrementi a 4.000 le unità in modo da avere un tecnico informatico ogni due Istituti Comprensivi”.Il Parlamento ha deciso, raccogliendo solo in parte le istanze del sindacato Anief che ne chiedeva la stabilizzazione e un numero maggiore, di confermare anche per il nuovo anno scolastico i 1.000 assistenti tecnici introdotti la scorsa primavera a seguito dell’emergenza Covid19. In questa occasione, il reclutamento verrà effettuato dalle scuole polo individuate su base Provinciale: tali istituti effettueranno le convocazioni attingendo dalla graduatoria di terza fascia dei Tecnici Informatici degli istituti viciniori.Si stima che i 1.000 assistenti tecnici che verranno assunti a seguito della creazione di una rete di Istituti Comprensivi viciniori, in media in numero di 5, offriranno circa un’ora e mezzo di consulenza a plesso. La criticità di quest’azione è quella di reclutare personale che non ha mai lavorato a scuola, inoltre il MI non garantisce alcuna formazione sul tipo di attività né tantomeno attrezzature per effettuare quello per cui vengono reclutati.
Della figura dell’assistente tecnico informatico nei comprensivi se ne parla da anni, poichè è una figura fondamentale per la gestione e manutenzione delle nuove tecnologie di cui si sono dotate queste scuole. Come sindacato Anief critichiamo il fatto di non essere stati coinvolti in queste scelte. Potevamo spiegare le criticità, che incontreranno questi tecnici informatici. E il fatto che lo sforzo compiuto, benché sempre apprezzato per il fatto che si tratta di risorse umane che si aggiungono all’organico ordnario, non servirà a molto, perché ridotto ai minimi termini.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »