Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 33 n° 335

Posts Tagged ‘bando’

Bando Ministero Istruzione: diffida di Stampa Romana

Posted by fidest press agency su domenica, 8 agosto 2021

“Il Ministero per la Pubblica Istruzione ha preannunciato un bando nazionale al cui interno sono previste 7 posizioni da funzionario per la comunicazione e l’informazione, incurante della legge del giugno 2000 che obbliga le pubbliche amministrazioni a rivolgersi a iscritti all’albo dei giornalisti (professionisti o pubblicisti). Per questo motivo l’Associazione Stampa Romana ha ritenuto illegittimo l’avviso di bando e ne ha chiesto l’immediato ritiro diffidando il Ministero ad adempiere a formalizzazioni e operazioni di selezione per quanto riguarda il personale che dovrebbe occuparsi di comunicazione e informazione, ritenendo indispensabile un nuovo bando corretto. Che lo Stato ignori le leggi o le dimentichi in un momento così pesante per l’occupazione è un fatto molto grave”.

Posted in Diritti/Human rights, scuola/school | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Il nuovo bando per specializzare 22mila docenti non rispetta le necessità

Posted by fidest press agency su giovedì, 15 luglio 2021

Le regole e le prove del VI ciclo Tfa Sostegno, da svolgersi nel mese di settembre, sono già fissate: nei prossimi giorni saranno anche pubblicati i bandi con la scadenza per la presentazione delle domande. “Si è deciso senza nemmeno rendersi conto che in passato – ha continuato il sindacalista – il tribunale ha dato ragione all’Anief quando ha impugnato i decreti del ministro Marco Bussetti che non rispettavano quanto previsto dalla legge: per realizzare un bando di concorso per avere i docenti specializzati bisogna trovare prima di tutto il numero dei posti disponibili sulla base del numero di insegnanti precari, della quantità di alunni certificati con disabilità, quindi sulla base delle esigenze effettive del territorio”. Il riferimento del sindacalista è al Consiglio di Stato, che con la sentenza n. 3655/2021 ha dato ragione all’Anief, sostenendo che c’è stata una grave sperequazione nella distribuzione dei posti per conseguire la specializzazione di sostegno e quindi le Università devono rispettare il fabbisogno territoriale di docenti di sostegno nella determinazione dei posti da attivare. La sentenza era giunta dopo che in alcune Regioni, come il Piemonte e l’Emilia Romagna, in questi anni sono state attivati corsi di specializzazione solo per poche centinaia di docenti, a fronte di migliaia di posti su sostegno da coprire. “Quindi – chiosa il leader dell’Anief – i posti messi a bando vanno decisi non solo in base all’offerta degli atenei. Per questi motivi impugneremo questo bando e vinceremo ancora una volta nei tribunali”, conclude Pacifico.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Germania mette al bando associazione islamica che finanziava terrorismo

Posted by fidest press agency su martedì, 11 Maggio 2021

“Se si vuole combattere il terrorismo, bisogna prosciugare le sue fonti di finanziamento”. È stato lapidario il ministro dell’Interno tedesco Horst Seehofer, che ha così commentato la sua decisione di mettere al bando Ansaar International, associazione islamica accusata di raccogliere fondi per i gruppi terroristici islamici, spacciandosi per un’organizzazione umanitaria.Secondo l’accusa, Ansaar International raccoglieva denaro per foraggiare i gruppi terroristici di Hamas, Hay’at Tahrir al-Sham e Al-Shabaab.Il ministero dell’Interno tedesco ha fatto sapere che Ansaar e i suoi affiliati diffondevano:“Una visione del mondo salafita e finanziano il terrore in tutto il mondo sotto la maschera dell’aiuto umanitario (…) Il sostegno finanziario, anche per quelle che a prima vista sembrano attività caritatevoli, assicura il potere e il dominio dei gruppi terroristici nella rispettiva regione, facilita il reclutamento di attivisti e fa risparmiare al gruppo terroristico denaro, che a sua volta può essere usato per compiere i crimini che pianifica”.Il dicastero tedesco non ha usato la parola “affiliati” a caso, perché, oltre a Ansaar International, Berlino ha vietato anche le attività della “Änis Ben-Hatira Foundation”, il “Comitato somalo per l’informazione e la consulenza”, l’associazione per i diritti delle donne ANS; “Ummashop”, “Better World Appeal” e “Helpstore Secondhand UG”.Quanto deciso dal governo tedesco è arrivato mentre era in svolgimento una maxi operazione antiterrorismo che ha portato alla perquisizione di 70 proprietà in Renania-Palatinato, Baden-Württemberg, Baviera, Berlino, Brandeburgo, Amburgo, Renania settentrionale-Vestfalia, Bassa Sassonia, Schleswig-Holstein e Assia.Ansaar International è stata fondata nel 2012, che ha il suo quartier generale a Düsseldorf, città da dove i vertici dell’associazione coordinano le attività che si svolgono in più di 50 paesi nel mondo. Ansaar si è sempre definita: “Un’associazione umanitaria composta da circa 800 membri in Germania e circa 2500 all’estero che pianificano e realizzano progetti volontari (fissabillah) per sostenere le persone bisognose in patria e all’estero”.La Germania non è stata dello stesso avviso. Per Berlino Ansaar finanziava diversi gruppi terroristici. Berlino che sta dimostrando che la lotta al terrorismo è una battaglia che si può vincere. Basta solo volerlo, uno dei metodi è, per l’appunto, seguire i soldi…

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Intersos e UNHCR lanciano il bando di PartecipAzione 2021

Posted by fidest press agency su venerdì, 26 febbraio 2021

E’ il programma di empowerment e capacity-building per associazioni di rifugiati in Italia, giunto alla sua quarta edizione.Il programma si rivolge alle associazioni di rifugiati e a quelle organizzazioni locali che, lavorando insieme a persone rifugiate, promuovono i diritti dei rifugiati, l’integrazione e la coesione sociale con la comunità di accoglienza.In tre anni PartecipAzione ha sostenuto lo sviluppo di una rete di 33 associazioni in 11 regioni, offrendo loro formazione, collaborazione nella realizzazione dei progetti, percorsi di consolidamento, di sostenibilità e di crescita. In questo tempo, diverse associazioni della rete sono state riconosciute come esempi di leadership nella protezione e nell’integrazione dei rifugiati in Italia e in Europa. Soltanto nel 2020, due organizzazioni hanno ricevuto importanti riconoscimenti europei: UNIRE, Unione Nazionale Italiana per i Rifugiati ed Esuli, e’ diventata parte dal gruppo di esperti in integrazione della Commissione Europea e Generazione Ponte ha ricevuto il premio Altiero Spinelli della Commissione Europea.In linea con l’esperienza maturata a partire dal 2018, anche quest’anno UNHCR e Intersos attraverso PartecipAzione vogliono individuare su tutto il territorio nazionale nuove associazioni da coinvolgere nelle attività di rafforzamento delle competenze a cui si affianca anche un percorso di coaching e networking rivolto a tutta rete.Il nuovo bando per partecipare al programma è aperto fino al 14 marzo, le linee guida e i documenti sono disponibili qui. Entro la data indicata possono essere presentati tutti i progetti che rispondono almeno a una delle tre linee strategiche del programma: protezione dei diritti di richiedenti asilo e rifugiati; promozione di attività che favoriscono l’integrazione; promozione della coesione sociale con le comunità di accoglienza.Quest’anno fino ad un massimo di 8 associazioni potranno beneficiare di un percorso di formazione articolato in 4 moduli, da giugno a settembre 2021 su: scrittura e gestione di progetti, fundraising, comunicazione e public speaking, protezione dei rifugiati. Saranno erogati fino ad un massimo di 8 micro finanziamenti, il cui importo può variare da 5.000 e 8.000 euro a seconda della proposta progettuale e delle capacità dell’associazione proponente. Infine, il programma promuove opportunità di networking, per scambiare pratiche e stimolare collaborazioni con le altre associazioni che hanno partecipato alle diverse edizioni del programma.
Venerdì 26 febbraio si terrà un evento online di presentazione del programma e del bando che sarà visibile sulla pagina facebook di Intersos e sul sito ufficiale.

Posted in Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Bando Ricerca clinica

Posted by fidest press agency su venerdì, 18 dicembre 2020

Il 2020 si è rivelato un anno senza precedenti sotto molti aspetti, un anno in cui la tecnologia ha confermato di avere un ruolo sempre più cruciale nella vita personale e professionale di ognuno di noi. Anche a livello scientifico la digitalizzazione sta assumendo un’importanza crescente, infatti l’innovazione si sta dimostrando fondamentale per garantire continuità e valore alla ricerca clinica condotta nel nostro Paese e renderla competitiva a livello internazionale. A tal proposito, il presente Bando ha voluto sostenere e promuovere l’inserimento di figure professionali esperte e qualificate che, anche in risposta alla regolamentazione europea nell’ambito della ricerca, sono sempre più richieste: i coordinatori di ricerca, chiamati anche Data Manager, che sono il punto di riferimento per il coordinamento delle diverse attività e risorse coinvolte all’interno dei trial clinici. Il Bando “Roche per la ricerca clinica” che per la prima edizione si è focalizzato sulle figure di Data Manager, ha premiato 16 candidati tutti under 40, che grazie al finanziamento ricevuto potranno operare per 12 mesi presso gli enti pubblici o privati di riferimento supportando la ricerca e consolidando le proprie competenze per gestire al meglio gli studi clinici, portando così non solo ad un miglioramento della qualità della ricerca stessa ma anche della sicurezza dei pazienti che vi partecipano. L’essenzialità della figura di coordinatore di ricerca, che pur esistendo da tempo ha iniziato ad essere riconosciuta solo di recente, è ormai evidente a livello nazionale non solo per l’ordinaria gestione del dato, ma soprattutto per il coordinamento delle procedure e di tutto il personale coinvolto nei trial clinici. Gli Enti vincitori, infatti, provengono da diverse regioni d’Italia: dall’Ospedale Maggiore (AUO) di Novara all’Istituto Mediterraneo per i Trapianti e Terapie ad Alta Specializzazione (ISMETT) di Palermo, dallo Spedali Civili di Brescia al Gruppo Oncologico Italiano di Ricerca (GOIRC) di Parma, proseguendo con la Fondazione Italiana Linfomi (FIL ONLUS) e l’Azienda Ospedaliera Antonio e Biagio Arrigo di Alessandria, l’Azienda Sanitaria Regionale Unica (ASUR Marche3), l’Ospedale di Monza, il Pascale di Napoli, l’Ospedale Sant’Anna di Ferrara, la Fondazione GONO (Gruppo Oncologico del Nord Ovest), l’Ospedale San Martino e Galliera di Genova. Con l’occasione, Roche ha lanciato la nuova edizione del Bando che si apre anche agli Infermieri di ricerca, figura determinante che contribuisce in prima persona alla buona riuscita degli studi clinici attraverso la gestione dei trattamenti, l’educazione terapeutica al paziente e alla famiglia, in modo da aumentarne l’aderenza e il conseguente mantenimento all’interno dello studio. Il nuovo Bando, che parte oggi e si chiuderà il 15 aprile 2021, sosterrà 10 candidati per un finanziamento complessivo di euro 300.000 – euro 30.000 per ciascuna candidatura. I candidati, selezionati e valutati sempre da Fondazione Gimbe, svolgeranno per 12 mesi attività di ricerca clinica non sponsorizzata da aziende farmaceutiche o biomedicali nelle aree terapeutiche oncologia, ematologia oncologica, neuroscienze, malattie respiratorie, reumatologia e coagulopatie ereditarie.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Secondo bando per finanziare micro imprese e startup della periferia romana

Posted by fidest press agency su giovedì, 27 agosto 2020

Roma. E’ online il nuovo bando dedicato alle piccole imprese e alle startup con sede nelle periferie e nelle zone disagiate della Capitale: i fondi disponibili ammontano a 682.721,00 euro.Si tratta del secondo stanziamento in favore delle aziende con sede nelle 64 aree cittadine a rischio svantaggio socio-economico, che fa seguito all’avviso pubblicato a novembre scorso, con il quale sono già stati assegnati 137.279 euro.Potranno accedere alle risorse disponibili, ad esempio, le realtà produttive di San Basilio e Centocelle, Torre Angela e Torre Spaccata, Serpentara, Lunghezza.“Rilanciamo le periferie di Roma puntando su sviluppo e lavoro: a partire da novembre scorso, con due diversi bandi, abbiamo destinato in totale 820.000 euro a piccole imprese e startup. Supportare l’occupazione nelle aree più a rischio della città significa riqualificarle attraverso una prospettiva socio-economica migliore”, dichiara la Sindaca Virginia Raggi.Il provvedimento mette a disposizione – attraverso l’utilizzo di fondi residuali concessi dalla legge n. 266/1997, ex art. 14 – uno stanziamento di 400.000 euro per i progetti presentati da imprese da costituire, e di 282.721,00 euro per quelli di realtà già esistenti.Destinatarie, le aziende che presentino progetti per la produzione di beni, oppure orientati a favorire ricerca, sviluppo tecnologico, innovazione, prevenzione e gestione del rischio ambientale, artigianato digitale, manifattura sostenibile, nonché servizi finalizzati ad attività sociali per la crescita dell’occupazione, dell’integrazione e della cultura. Corsia preferenziale, inoltre, per le imprese composte a carattere maggioritario da persone in condizioni di svantaggio sociale e lavorativo.Le coperture ammesse riguardano l’acquisto di beni materiali e immateriali a utilità pluriennale, gli studi di fattibilità, le progettazioni esecutive, l’acquisto di brevetti, la registrazione di marchi e la realizzazione di siti web aziendali, sistemi e certificazioni di qualità e ambientali, ricerca e sviluppo. Ma anche le spese per ristrutturazione e ammodernamento dei locali, sistemi informativi integrati per l’automazione, impianti automatizzati o robotizzati, software e misure per la messa in sicurezza. Tra questi ultimi, in particolare, saranno finanziati investimenti specifici volti allo smaltimento e riciclaggio dei rifiuti e alla riduzione dei consumi idrici-energetici.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Campidoglio, pubblicato il nuovo bando di concorso per dipendenti e dirigenti di Roma Capitale

Posted by fidest press agency su giovedì, 20 agosto 2020

Pubblicato il nuovo bando di Roma Capitale con le nuove procedure concorsuali per un totale di 1.470 posti che copriranno diversi profili professionali del personale non dirigente e 42 posti per dirigenti. Il profilo organizzativo verrà garantito tramite un’apposita convenzione siglata con il Formez. L’impianto concorsuale è incentrato sulla forte volontà di modernizzare la Pubblica Amministrazione capitolina. Per questo viene creata la figura, del tutto nuova, di ‘Istruttore dei servizi informatici e telematici’. Le prove per questo profilo verteranno infatti su materie come sistemi virtualizzati, reti, cybersecurity, crittografia, sicurezza nelle reti. Si crea così un profilo che sino ad oggi era del tutto assente e che consentirà di accelerare nell’opera di digitalizzazione degli uffici.PROFILI PROFESSIONALI PERSONALE NON DIRIGENTE
– Funzionario Avvocato (D1) 20
– Funzionario Amministrativo (D1) 100
– Funzionario Servizi Educativi (D1) 80
– Funzionario Servizi Tecnici (D1) 80
– Funzionario Assistente Sociale (D1) 140
– Istruttore Amministrativo (C1) 250
– Istruttore Servizi Informatici e Telematici (C1) 100
– Istruttore Tecnico Costruzioni, Ambiente e Territorio (C1) 200
– Istruttore Polizia Locale (C1) 500

Posted in Roma/about Rome, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Parlamento europeo: Aperto il bando 2020 per i media

Posted by fidest press agency su giovedì, 18 giugno 2020

Obiettivo dell’iniziativa del Parlamento europeo è la selezione e il co-finanziamento di progetti informativi sui valori e le politiche dell’UE, con una particolare attenzione al ruolo chiave del Parlamento europeo e alle iniziative intraprese per contrastare gli effetti della pandemia da COVID-19. L’obiettivo principale è contribuire a sensibilizzare i cittadini sui valori democratici dell’UE e sul ruolo chiave del Parlamento europeo, in quanto voce ed espressione degli stessi cittadini. I progetti selezionati forniranno al pubblico informazioni corrette che dimostrino l’impatto dell’azione comunitaria sulla vita quotidiana delle persone. I beneficiari selezionati sono chiamati a produrre e quindi trasmettere o pubblicare contenuti giornalistici affidabili e pluralistici che si concentrino sulle priorità di comunicazione del Parlamento europeo (come il contributo dell’UE alla lotta contro COVID-19 e le sue conseguenze economiche e sociali, la Conferenza sul futuro dell’Europa, il Green Deal europeo, l’Economia digitale europea).Nella selezione dei progetti verrà data una particolare importanza (30 punti su 100 per ognuna delle 3 voci) tanto alla rilevanza ed alla qualità della proposta quanto alla capacità di disseminazione e al conseguente impatto informativo sui cittadini, cioè al pubblico raggiungibile dal media sulla base della propria audience. Visto il momento particolarmente difficile attraversato dal settore, la percentuale di co-finanziamento a carico del Parlamento europeo potrà arrivare fino all’80% dei costi ammissibili del progetto, contro l’abituale 60%. La scadenza per la presentazione dei progetti, che dovranno essere redatti in inglese e inviati a dgcomm-egrants@ep.europa.eu, è fissata alla mezzanotte (CET) del 31 luglio 2020. I risultati della selezione verranno annunciati, indicativamente, a settembre.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

È uscito il nuovo bando per il servizio civile

Posted by fidest press agency su martedì, 10 settembre 2019

Scadenza il 10 Ottobre. Con la Comunità Papa Giovanni 62 posti all’estero e 164 in Italia. È stato pubblicato oggi il bando del servizio civile universale per selezionare ragazze e ragazzi che intendono svolgere attività di solidarietà e cooperazione: tutela dei diritti sociali, servizi alla persona, salvaguardia e tutela del patrimonio ambientale e culturale. Anche all’estero. C’è tempo fino alle ore 14 di giovedì 10 ottobre per candidarsi.Possono presentare domanda giovani italiani e stranieri con regolare permesso di soggiorno, di età compresa tra 18 e 28 anni, senza precedenti penali. Il servizio civile con la Comunità Papa Giovanni XXIII dura 12 mesi e impegna 25 ore settimanali. I giovani ricevono un contributo spese di 439,50 euro mensili. Nei progetti all’estero viene aggiunta una diaria giornaliera che va dai 13 ai 15 euro a seconda del Paese di destinazione.Tra le varie realtà dove è possibile svolgere il servizio c’è la Comunità Papa Giovanni XXIII che ha storicamente contribuito all’approvazione delle leggi per il servizio civile in Italia e all’estero. Quest’anno sono 164 in Italia e 62 all’estero i posti disponibili presso la Comunità diffusa in tutta Italia ed in 42 Paesi del mondo. Superare la malnutrizione in Zambia, offrire un tetto e un pasto a chi vive in strada in Kenya e Bolivia così come in Albania, integrare i disabili in Bangladesh e Sri Lanka, contribuire alla rimozione delle cause che creano ingiustizia a Ginevra presso le Nazioni Unite. Si tratta di vere esperienze di vita in case di accoglienza, centri diurni, case famiglia.Un’importante novità di quest’anno è la modalità di presentazione delle candidature: la domanda sarà indirizzata direttamente all’ente che realizza il progetto prescelto esclusivamente attraverso la piattaforma DOL raggiungibile tramite PC, tablet e smartphone. Per accedere ai servizi occorre possedere lo SPID, il Sistema Pubblico di Identità Digitale. Sul sito dell’Agenzia per l’Italia Digitale sono disponibili tutte le informazioni su cosa è SPID, quali servizi offre e come si richiede.

Posted in Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Scuola: Concorso ordinario primaria, in settimana esce il bando per 16.959 nuovi posti

Posted by fidest press agency su martedì, 23 luglio 2019

Sulla procedura selettiva in arrivo, il cui decreto è giunto in Gazzetta Ufficiale da pochi giorni, Anief contesta l’esclusione degli educatori, la mancata valutazione del servizio tra i titoli, il calcolo errato degli ammessi agli scritti dopo l’eventuale preselettiva e il limite del 10% degli idonei già impugnato negli altri bandi. Rimane l’amarezza di constatare che tra i posti messi a concorso ci sono quei 7 mila già dati in ruolo con riserva ai maestri con diploma magistrale che saranno licenziati pur avendo superato l’anno di prova. Le domande saranno presentate soltanto al Nord, in metà Paese, perché nell’altra metà ci sono ancora le graduatorie piene degli idonei.È in uscita il bando del concorso ordinario della scuola d’infanzia e primaria, per quasi 17 mila posti. Appena sarà pubblicato in Gazzetta Ufficiale, sarà impugnato dal sindacato Anief: tra le varie ragioni, oltre che l’esiguità dei posti, vi è la mancata presenza degli educatori, esclusi sebbene siano maestri di scuola primaria a tutti gli effetti, la mancata valutazione del servizio tra i titoli, il calcolo errato degli ammessi agli scritti dopo l’eventuale preselettiva e il limite del 10% degli idonei già impugnato negli altri bandi di concorso. Inoltre, c’è da valutare la posizione di coloro che sono posti nella condizione di riserva perché hanno ottenuto i titoli all’estero. Inoltre, i 17 mila posti scarsi messi in palio, dei quali oltre 6mila per il 2020/21, sono molti meno di quelli che servivano. All’appello mancano, inoltre, tantissimi posti di sostegno, perché considerati illegittimamente in deroga. Come non è prevista la stabilizzazione delle sezioni Primavera che da due anni fanno parte a tutti gli effetti del sistema ordinamentale dello Stato. Anief, pertanto, intende impugnare il bando, appena sarà pubblicato in Gazzetta Ufficiale. L’ammissione sarà riservata a chi è in possesso della laurea in Scienze della formazione primaria oppure del diploma magistrale con valore di abilitazione e diploma sperimentale a indirizzo linguistico, conseguiti presso gli istituti magistrali, o analogo titolo di abilitazione conseguito all’estero e riconosciuto in Italia. Il concorso si svilupperà su tre prove, una pre-selettiva (da svolgere però solo qualora il numero dei candidati superi di quattro volte i posti disponibili), una scritta e un orale, con valutazione titoli per coloro che saranno reputati idonei. I motivi del continuo rimandare dell’uscita del bando, annunciato assieme a un altro ordinario e uno riservato per la secondaria, secondo la rivista specializzata Tuttoscuola, vanno addebitati al Mef: “il ministro dell’Economia e Finanze, Giovanni Tria, in questi giorni ha ben altro a cui pensare e, per uscire dal capestro dell’Unione Europea, è sicuramente alla ricerca di risparmi e di tagli, anziché di nuovi impegni di spesa”. Quindi, “potrebbe essere questa la ragione vera del ritardo di pubblicazione del bando che trascinerebbe nelle spese altri 17 mila posti per il parallelo reclutamento (50%) degli iscritti alle graduatorie ad esaurimento”. La verità è che “i concorsi costano e di questi tempi di problematiche finanziarie quel costo potrebbe diventare un lusso per le esauste casse statali”.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Sistema cultura: Il 20 febbraio scorso è stato pubblicato il Bando SIAE 2018

Posted by fidest press agency su lunedì, 11 marzo 2019

Giunto alla sua terza edizione il bando è subito diventato uno dei più attesi dagli operatori italiani che si occupano di cultura, inclusi quelli dello spettacolo dal vivo.
Sei sono gli ambiti di riferimento: arti visive, cinema, danza, letteratura, musica e teatro con uno stanziamento complessivo di 12.440.000,00 euro “per chi Crea” – come recita il nome del bando, che ha sostituito le due precedenti edizioni di “Sillumina”.
12.440.000,00 euro, ovvero il 10% dei compensi per “copia privata”, che la Legge di stabilità 2016 ha destinato al supporto della creatività e della promozione culturale nazionale e internazionale dei giovani under 35.
12.440.000,00 euro così ripartiti tra le 4 tipologie di bando: 20% per le Nuove opere (ovvero per la realizzazione di spettacoli con una maggioranza di artisti e tecnici che abbiano meno di 35 anni), 15% per le Residenze artistiche, 15% per Live nazionali o internazionali, 50% per Formazione.
L’interesse degli operatori per il Bando è assolutamente legittimo, considerato che esso ha rappresentato negli anni passati una risposta importante all’ingessamento del sistema più volte sottolineato dal comparto, permettendo la realizzazione di progetti innovativi e originali. Abbiamo così provato ad analizzare il bando le cui linee guida sono state redatte dalla DG Biblioteche del MIBAC.La buona notizia è che l’investimento supera del 25% quello dello scorso anno e arriva quasi a raddoppiare quello della prima edizione.
La notizia che ci incuriosisce è che – mentre gli altri anni le ripartizioni percentuali tra bandi apparivano più equilibrate – quest’anno il 50% del finanziamento è destinato alla formazione. A lasciarci invece perplessi è la scoperta che a fare domanda per il bando formazione possono essere esclusivamente gli istituti scolastici di ogni ordine e grado, che devono partecipare obbligatoriamente in forma singola, avvalendosi all’interno del progetto di esperti esterni, che non possono però essere partner del progetto, ovvero sostenerne i costi co-gestendo direttamente il finanziamento. Proviamo a riordinare le informazioni e troviamo che il 50% di un fondo destinato alla creatività giovanile – che concrete ed eccellenti opportunità di formazione professionale aveva dato, nel biennio precedente, ai giovani artisti – è stato destinato direttamente alle Scuole, non dal MIUR, bensì dal MIBAC, nello specifico dalla Direzione Biblioteche, che è solo parzialmente interessata alla tipologia dei bandi messi in campo, e che, quindi, ha competenze specifiche solo su una parte di esse. Questo accade tra l’altro in un momento in cui, grazie alla “mancata Legge” sullo Spettacolo dal vivo (L.175/2017), i riflettori sul rapporto spettacolo dal vivo – formazione si sono riaccesi su più fronti, scandagliando a fondo una relazione che appare imprescindibile per la crescita – prima che di giovani artisti – di cittadini consapevoli. Accade così che, in un momento storico in cui le singole compagnie, le reti nazionali e internazionali, le principali sigle del settore si stanno confrontando con l’intento di individuare criteri e parametri atti a definire la qualità professionale dei formatori”, al fine di arginare il pressappochismo dilagante nel nostro Paese, un Ministero – non deputato ai rapporti con le scuole – elargisca fondi direttamente a istituti scolastici che non hanno, costitutivamente, la struttura necessaria per accoglierli. Il bando prevede infatti, oltre ad una tempistica di presentazione relativamente breve – la scadenza è il 5 aprile – anche l’anticipazione del 50% del finanziamento, che verrà saldato solo a fronte di rendicontazione completa. Le scuole fungeranno da semplici firmatarie, affidandosi alla progettazione degli operatori esterni che, non potendo essere titolari di progetto saranno vincolati a tempi di anticipazione e soprattutto a tempistiche di rendicontazione a cui gli istituti scolastici non sono assolutamente abituati. Mentre ci chiediamo il motivo di queste scelte ci torna alla mente “la questione 3% del FUS” che, in base alla Legge 175/2017, il MIBAC destinava al MIUR senza specifiche direttive di indirizzo. Quando le abbiamo richieste ci è stato risposto che sarebbero arrivate dopo, con i decreti attuativi. Peccato che per quei decreti, che avrebbero cercato di rendere trasparenti anche le azioni legate alla formazione, non ci sia stato il tempo.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Scuola: al via la terza edizione del bando che premia l’eccellenza

Posted by fidest press agency su domenica, 10 marzo 2019

Promuovere i talenti e le eccellenze presenti nelle scuola pubblica italiana, puntando sugli alunni più giovani e sui primi cicli di istruzione: la scuola primaria e quella secondaria di primo grado. È questo l’obiettivo del progetto Facile.it per la scuola, giunto alla terza edizione, che quest’anno chiamerà a raccolta gli istituti pubblici del Paese puntando l’attenzione su tre temi di grande attualità: l’innovazione, l’ecosostenibilità e l’inclusione scolastica.Entro il 31 marzo, gli istituti scolastici potranno partecipare al bando iscrivendo un proprio progetto ad una delle tre categorie e illustrando come la scuola intende impiegare la donazione e la tecnologia messa a disposizione da Facile.it per la didattica e la crescita degli studenti.Una commissione di esperti sceglierà, per ogni categoria, i due progetti più creativi, innovativi e originali, che verranno premiati con una donazione (di 4.000 euro per il primo classificato e 1.000 euro per il secondo) cui si sommerà la dotazione tecnologica proveniente da Facile.it.La passata edizione del progetto Facile.it per la scuola (a.a. 2017-2018) ha visto trionfare l’I.C 2 Panzini di Castellammare di Stabia (NA) con il progetto “Chi ha ucciso il fiume Sarno?”. Al secondo posto si è classificato l’I.C. Senigallia Sud-Belardi (AN) e al terzo l’I.C. di Ponte, piccolo comune in provincia di Benevento. Ad essere premiata nella prima edizione, invece, era stata la scuola elementare Armando Diaz di Milano.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Bando Overworld a.a. 2019-2020 “Overseas Student Exchange”

Posted by fidest press agency su domenica, 3 febbraio 2019

Parma È stato pubblicato sul sito dell’Università di Parma il bando Overworld a.a. 2019-2020 “Overseas Student Exchange”, iniziativa di Ateneo finalizzata all’ampliamento delle opportunità di studio e di mobilità verso gli Atenei non europei che hanno un protocollo di collaborazione culturale e scientifica con l’Università di Parma.L’Università mette a disposizione dei propri iscritti 373 borse di studio fruibili grazie agli accordi bilaterali siglati con le università straniere di 28 Paesi non Europei (tra i quali Argentina, Brasile, Stati Uniti, Senegal, India, Cina, Giappone e Australia), per trascorrere un periodo formativo all’estero.Potranno presentare domanda di candidatura gli iscritti a uno dei corsi di studio di I, II e III livello presenti nell’offerta formativa dell’Ateneo di Parma (a esclusione dei master universitari di I e II livello e degli iscritti ai Corsi di Dottorato). Possono presentare domanda anche gli studenti iscritti ai corsi interateneo, a condizione che la loro carriera risulti gestita dall’Università di Parma.Tutte le attività di mobilità dovranno svolgersi nel periodo compreso tra il 1° agosto 2019 e il 30 settembre 2020.Il bando, la guida e tutte le informazioni necessarie per poter partecipare alla selezione sono disponibili sul sito web dell’Università di Parma, al link https://www.unipr.it/overworld20192020

Posted in Cronaca/News, Università/University | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Un bando di concorso per l’assegnazione del premio “Tesi di Laurea MdM Award”

Posted by fidest press agency su lunedì, 14 gennaio 2019

NAPOLI. Un bando di concorso per premiare le due migliori tesi di laurea che hanno hanno come oggetto il tema della Cogenitorialità. L’iniziativa è stata lanciata da MdM – Mantinimento Diretto, Movimento per l’Uguaglianza Genitoriale, sigla impegnata su tutto il territorio nazionale nella promozione e sviluppo della cultura della bigenitorialità. «Lo spirito dell’iniziativa – spiega il professor Amedeo Paulucci, presidente e fondatore del Movimento – è quello di promuovere gli studi sulla cogenitorialità e sull’uguaglianza genitoriale, in un momento storico in cui si sente la necessità di rivedere gli assetti delle famiglie separate alla luce soprattutto delle mutate sensibilità sociali».
«Le separazioni, in Italia come in tutto l’Occidente, sono in continuo aumento – aggiunge Paulucci – Come si sa a pagare le maggiori spese sono i figli, che, stante l’attuale cultura e inclinazione degli operatori del settore (giudici, ctu, assistenti sociali) il giorno dopo la separazione vedono la scomparsa nella loro vita di un genitore che diventa improvvisamente un visitatore. Il concetto oggi dominante vede, dopo la separazione, l’eliminazione di uno dei due genitori dal nucleo familiare. Uno uscirà di casa, uno non potrà più dare cure ed affetto ai propri figli se non in modo sporadico e saltuario, con grave ed oggettivo danno per la crescita dei bambini». «In questi ultimi mesi – dichiara il presidente di Mdm – molto si discute sul disegno di legge che vuole riformare la normativa vigente in tema di affidamento condiviso.
La nostra sigla è attiva nel supportare tale progetto di legge, ma ritiene che sia indispensabile un cambio di cultura, una maturazione di tutta la società, sul tema della cogenitorialità dopo la separazione. Garantire ai figli di coppie separate la necessaria stabilità affettiva, molto più importante di quelle logistica»

Posted in Recensioni/Reviews, Università/University | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

È online il bando relativo alla quarta edizione del premio “Turismi Accessibili”

Posted by fidest press agency su domenica, 16 dicembre 2018

Roma. Fino al 14 maggio 2019, si può partecipare gratuitamente al concorso ideato da Simona Petaccia (Giornalista e Presidente Diritti Diretti) per far conoscere le buone pratiche sull’accessibilità raccontate da giornalisti, pubblicitari e comunicatori attraverso articoli, servizi radio-televisivi, spot pubblicitari, video e campagne di comunicazione su chi ha prodotto sviluppo socio-economico unendo l’accessibilità ai concetti di appeal, innovazione, bellezza e/o sostenibilità.Poi, come per le edizioni precedenti, l’invito alla partecipazione è indirizzato anche alle realtà pubbliche e private (enti, aziende, istituzioni culturali, associazioni ecc.) che hanno affidato iniziative d’informazione e di comunicazione sull’accessibilità a tali professionisti.Da quest’anno, però, il premio offre una novità perché apre le sue porte anche a chi risiede fuori dei confini italiani. Pur restando concentrato sul turismo accessibile in Italia, infatti, possono partecipare professionisti, aziende ed enti italiani e no. Le opere in concorso devono, comunque, essere realizzate in lingua italiana.«Il nostro premio – ha dichiarato Simona Petaccia – riconosce la bravura di chi ha già realizzato l’accessibilità nelle varie tipologie di turismo: culturale, enogastronomico, sportivo, congressuale, balneare, montano, termale, scolastico, religioso ecc.».«Per questo – ha continuato la Presidente – è un piacere constatare che il pubblico aumenta di anno in anno (721 voti nel 2016, 1.347 voti nel 2017 e 1.775 nel 2018) mostrando ai nostri referenti (imprenditori del turismo, cittadini, turisti, media e amministratori pubblici) come la progettazione inclusiva non sia un’operazione costosa e aumenti il numero di visitatori favorendo sviluppo economico, turistico, culturale e sociale».
«TURISMI ACCESSIBILI – conclude Petaccia – è un premio autofinanziato da Diritti Diretti, ma è stato una soddisfazione il riscontrare come siamo riusciti a far appassionare le persone al tema dell’accessibilità universale e a ricevere una buona risposta da parte delle istituzioni. L’edizione precedente ha, infatti, ottenuto il patrocinio di: Parlamento europeo, Commissione europea – Rappresentanza in Italia, MiBAC – Ministero dei beni e delle attività culturali e Regione Abruzzo. In più, quale suo premio di rappresentanza, il Presidente della Repubblica Italiana ha voluto destinare una medaglia alla relativa cerimonia di consegna dei riconoscimenti. Quest’anno cercheremo di risvegliare lo stesso interesse e, magari, superarlo».
Sono previsti due riconoscimenti: PREMIO DEL PUBBLICO – L’opera più votata riceve Euro 1.000,00 (Mille); PREMIO DEGLI ESPERTI – L’opera scelta dalla onlus Diritti Diretti riceve una targa.SITO WEB: http://www.turismipertutti.it.

Posted in Viaggia/travel | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Il Parlamento europeo chiede la messa al bando dei gruppi neofascisti e neonazisti nell’UE

Posted by fidest press agency su lunedì, 29 ottobre 2018

Bruxelles Il Parlamento è preoccupato per la crescente normalizzazione di fascismo, razzismo e xenofobia e chiede ai Paesi dell’UE di interdire i gruppi neofascisti e neonazisti.In una risoluzione non legislativa approvata con 355 voti favorevoli, 90 e 39 astensioni, i deputati denunciano che la mancanza di azioni efficaci contro tali gruppi ha permesso l’attuale ondata xenofoba in Europa.Il testo menziona l’attacco che ha ucciso 77 persone in Norvegia nel 2011, l’assassinio della deputata britannica Jo Cox nel 2016 e il recente attacco di squadre fasciste di CasaPound contro la deputata europea Eleonora Forenza e il suo assistente lo scorso settembre a Bari.
La risoluzione ricorda anche che un “cittadino italiano è stato condannato a 12 anni di carcere per avere sparato a sei migranti africani, ferendoli, in un attacco a sfondo razziale nella città di Macerata, nell’Italia centrale” e altri episodi di violenza fascista in Polonia, Francia, Spagna, Germania, Grecia e i paesi scandinavi.Si sostiene che l’impunità di cui godono le organizzazioni di estrema destra in alcuni Stati membri è una delle ragioni che spiega l’aumento delle azioni violente, che colpiscono la società nel suo complesso e si rivolgono a particolari minoranze come gli europei e le persone di origine africana, gli ebrei, i musulmani, i rom, i cittadini di paesi terzi, le persone LGBTI e le persone con disabilità.Porre fine alla collusione con i neofascisti e vietare tutte le organizzazioni che glorificano il fascismo. In reazione alle notizie stampa su possibili collusioni tra leader politici, partiti e forze dell’ordine con neofascisti e neonazisti in alcuni Stati membri, la Plenaria invita i Paesi UE a condannare e sanzionare i crimini motivati dall’odio e i discorsi di odio da parte di politici e funzionari pubblici, in quanto normalizzano e rafforzano direttamente l’odio e la violenza.Sono inoltre necessarie misure per contrastare la diffusione del razzismo, del fascismo e della xenofobia su Internet, in collaborazione con le aziende di social media.I deputati propongono di istituire unità anti-odio nelle forze di polizia per garantire che questi crimini siano investigati e perseguiti. Esortano inoltre le autorità nazionali a vietare la formazione di gruppi neofascisti e neonazisti e qualsiasi altra associazione che glorifica il nazismo e il fascismo.La risoluzione chiede agli Stati membri e alle federazioni sportive nazionali, in particolare alle società calcistiche, di contrastare il flagello del razzismo, del fascismo e della xenofobia negli stadi e nella cultura sportiva punendo i responsabili e promuovendo attività educative positive rivolte ai giovani tifosi, in collaborazione con le scuole e le organizzazioni della società civile.I paesi dell’UE dovrebbero infine istituire “programmi di uscita” per aiutare i singoli individui a lasciare i gruppi neofascisti e neonazisti. I deputati sottolineano l’importanza dell’istruzione, per sensibilizzare i giovani alla Storia e sottolineano che la verità sull’Olocausto non deve essere banalizzata.

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Nuovo bando per la cooperazione decentrata

Posted by fidest press agency su sabato, 20 ottobre 2018

Torino lunedì 22 ottobre alle 12, conferenza stampa che si terrà nella sala stampa del Palazzo della Regione, in piazza Castello.Sarà l’occasione per parlare del nuovo bando “Piemonte&Africa subsahariana: partenariati territoriali per un futuro sostenibile?, finanziato con risorse regionali e con il contributo della Compagnia, e per illustrare i progetti realizzati finora. Per l’occasione interverranno l’assessora Cerutti, la componente del Comitato di Gestione della Compagnia, Anna Maria Poggi, e alcuni sindaci dei comuni coinvolti nella cooperazione in Africa.

Posted in Cronaca/News | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Nuovo bando per il Servizio civile

Posted by fidest press agency su domenica, 26 agosto 2018

Scadrà il 20 settembre 2018 il bando per partecipare al Servizio civile (nazionale e universale) che prevede, tra gli altri, il finanziamento di 32 progetti presentati dalla Città metropolitana di Torino e dagli enti in accordo di partenariato per un totale di 128 posti.I settori di interesse dei progetti sul territorio metropolitano sono ambiente; assistenza; educazione e promozione culturale; patrimonio artistico e culturale; protezione civile.
124 volontari saranno impiegati per 12 mesi in 31 progetti di Servizio civile nazionale, mentre per 4 volontari ci sarà la possibilità di partecipare, per 10 mesi, a un progetto sperimentale di Servizio civile universale. Requisiti obbligatori:
aver compiuto 18 anni e non aver superato i 28 (28 anni e 364 giorni) alla data di presentazione della domanda
cittadini italiani;
cittadini degli altri Paesi dell’Unione europea;
cittadini non comunitari regolarmente soggiornanti;
non aver riportato condanna anche non definitiva alla pena della reclusione superiore ad un anno per delitto non colposo ovvero ad una pena della reclusione anche di entità inferiore per un delitto contro la persona o concernente detenzione, uso, porto, trasporto, importazione o esportazione illecita di armi o materie esplodenti, ovvero per delitti riguardanti l’appartenenza o il favoreggiamento a gruppi eversivi, terroristici o di criminalità organizzata. Si può presentare una sola domanda di partecipazione al bando e per un solo progetto. Le domande di partecipazione vanno indirizzate direttamente all’ente che realizza il progetto prescelto e devono giungere entro le 23.59 del 28 settembre 2018 (entro le ore 18 per la consegna a mano).

Posted in Cronaca/News, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Bando da 175 mila euro per le aziende, per consulenze o formazione sulle tecnologie “Impresa 4.0”

Posted by fidest press agency su domenica, 18 marzo 2018

Udine Impresa 4.0: ecco i voucher digitali per le pmi della provincia. Li ha approvati recentemente la giunta della Camera di Commercio di Udine tramite un bando un plafond di 175 mila euro, contributi che potranno essere utili alle aziende per abbattere le spese sostenute per l’acquisizione di servizi di consulenza o di percorsi di formazione da almeno 40 ore finalizzati all’adozione delle tecnologie previste dal Bando, che mira sostanzialmente a promuovere l’utilizzo, da parte delle pmi, di servizi o soluzioni mirati sulle nuove competenze digitali della strategia del Piano Nazionale Impresa 4.0. La misura mira anche a stimolare la domanda da parte delle imprese di servizi per il trasferimento di soluzioni tecnologiche o per realizzare innovazioni tecnologiche e implementare modelli di business derivanti dall’applicazione di tecnologie di Impresa 4.0.Nello specifico il bando parla di soluzioni per la manifattura avanzata, manifattura additiva, realtà aumentata e virtual reality, simulazione, integrazione verticale e orizzontale, Industrial Internet e IoT, cloud, cybersicurezza e business continuità, Big data e analytics. Per i servizi di consulenza si da riferimento anche all’utilizzo di altre tecnologie digitali propedeutiche o complementari alle precedenti, come sistemi di e-commerce, di pagamento mobile o via Internet, sistemi EDI, electronic data interchange, geolocalizzazione, sistemi informativi e gestionali, tecnologie per l’in-store customer experience, RFID, barcode, sistemi di tracking, system integration applicata all’automazione dei processi.
I fondi saranno contributi a fondo perduto in conto capitale nella percentuale massima del 70%, attraverso un Voucher A dell’importo di euro 5 mila euro a fronte di una spesa minima di 7.142.86 euro e Voucher B da 10 mila euro a fronte di una spesa minima di 14.285,72.
Le imprese interessate possono presentare domanda entro il prossimo 6 aprile tramite Pec Tutte le info su http://www.ud.camcom.it.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Al via Bando Regione Lazio Internazionalizzazione PMI 2018

Posted by fidest press agency su lunedì, 19 febbraio 2018

A sostegno delle PMI, dei liberi professionisti e delle imprese, per rilanciare il Made in Italy nel mondo e aprire nuove connessioni con il mercato internazionale, Lazio Innova presenta il bando Regione Lazio Internazionalizzazione PMI 2018: 2,2 milioni per le piccole e medie imprese che vogliono rafforzare la competitività sui mercati esteri. Il nuovo bando è un contributo a fondo perduto per le singole PMI, i liberi professionisti e le aggregazioni d’impresa, con almeno una sede operativa nel Lazio, che intendono realizzare progetti imprenditoriali di internazionalizzazione. La dotazione complessiva è di 2,2 milioni di euro e offre alle imprese laziali il sostegno nella promozione dell’export, con l’obiettivo di avviare e/o consolidare le attività e i prodotti sui mercati esteri. Tra i diversi investimenti ammissibili, sono riconosciuti i costi per la partecipazione alle manifestazioni fieristiche, ai saloni internazionali e agli eventi commerciali di rilievo presso showroom e centri espositivi all’estero. Così come le spese per le attività connesse alla realizzazione della prima vendita in un paese estero e per l’acquisizione di altri servizi specialistici come i piani di penetrazione commerciale, il Temporary Export Manager e altre consulenze. Il bando sostiene inoltre tutte quelle attività rivolte al miglioramento della qualità della struttura aziendale o del sistema produttivo che abbiano per obiettivo l’esportazione o di stabilire accordi con clienti e partner esteri. Ma anche i costi d’acquisto delle certificazioni degli standard tecnici, di qualità, di tipicità dei prodotti e dei sistemi ambientali e per proteggere, nei paesi target, i marchi e gli altri diritti industriali.
Partecipare è semplice, basta accedere già da subito alla piattaforma telematica di Lazio Innova GeCoWEB e compilare il relativo formulario on-line. La domanda di partecipazione dovrà essere poi perfezionata e inviata a Lazio Innova tramite PEC a partire dalle ore 12.00 del 1 marzo e fino alle ore 12.00 del 24 maggio 2018. Per le PMI in forma singola il costo complessivo di ciascun progetto presentato non dovrà essere inferiore a 5 mila euro, mentre le spese ammissibili a contributo non potranno comunque superare i 30 mila euro. Per le aggregazioni temporanee invece gli stessi costi sono rispettivamente di 20 mila e 100 mila euro.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »