Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 301

Posts Tagged ‘velocità’

Le mutazioni del nostro tempo stanno nel modo come lo abbiamo velocizzato

Posted by fidest press agency su mercoledì, 14 agosto 2019

La spiegazione va ricercata in una sola maniera. Essa è legata al modo come abbiamo inteso velocizzare il fattore tempo. Una circostanza che costituisce l’elemento più “esplosivo” dell’intera trama umana tessuta sin dalle sue origini. Abbiamo incominciato a “correre” e con un’accelerazione impressionante. Ancora oggi non riusciamo a fermarci o a dare al nostro incedere un moto meno frenetico. Sembra un’osservazione come tante altre, ma non è esatto. E’ diventata, a tutti gli effetti, la storia della nostra contemporaneità. Noi stiamo marciando a un ritmo inusuale. Il giornale ci porta le notizie del giorno prima, ma la televisione lo fa con una differenza di solo qualche ora. Gli stessi rapporti privati e pubblici assumono una dimensione diversa. Se si spedisce una lettera essa, di norma, per coprire una distanza, diciamo di 700/1000 Km., ci impiega tre o quattro giorni tra il momento in cui la impostiamo e quello della consegna tramite il portalettere. Eppure possiamo fare di meglio. Basta inviare una E-mail o un fax. Il messaggio arriva praticamente in tempo reale, ovvero al momento della trasmissione.
E’ questa la differenza che intendiamo rilevare quando diciamo che il mondo si velocizza e che proprio questa circostanza rappresenta la vera rivoluzione dei nostri tempi. Comprenderla, per viverci, fa la diversità, e ancor più il saperne essere conseguenti in ogni evenienza.Sono i grandi mutamenti che vivono intorno a noi e vi penetrano. E’ importante capire, a questo punto, il perché il nostro sistema non riesce a conformarsi in tempi altrettanto brevi.D’altra parte, come abbiamo avuto modo di rilevare, i segni sono evidenti. Li registriamo un po’ ovunque, nel lavoro e nei rapporti con i familiari, con gli amici o i conoscenti.Il tutto diventa una continua rincorsa. Una volta che crediamo di aver raggiunto una meta ci accorgiamo che i paletti, posti per segnare il punto d’arrivo, sono stati spostati più avanti.A questo punto come possiamo spiegare i tempi lungi imposti dalle leggi, dall’istruzione scolastica, dalla giustizia, dalle procedure amministrative?
E’ possibile capire, a questo punto, le regole che ancora c’impongono taluni sistemi paese? Pensiamo al pensionato. L’età che è posta, come limite estremo, per considerarlo attivo nel lavoro o non più idoneo sembra ignorare che nel giro degli ultimi 80/90 anni la vita media è raddoppiata. Ha senso tutto questo? Non solo. Sappiamo anche che esiste un’età biologica che non tiene conto di quell’anagrafica poiché si può diventare vecchi, a 50 anni, e restare “giovani” a 70. Tutte queste cose servono per farci capire che nulla è definitivo, che tutto è in movimento, che la società deve cambiare ritmo perché il procedere è mutato. In questo senso si presentano le due storie parallele del terzo tomo: Vulnus e la terra dei padri. Nell’una tocchiamo e superiamo il terzo millennio e nel secondo ci portiamo alle spalle il lento e cadenzato procedere delle stagioni.Vulnus ci fa voltare pagina, ci conduce per mano verso la nuova frontiera. Nella “Terra dei padri” resta il ricordo, vago e indistinto, forse un po’ nostalgico, del lento procedere dell’uomo, dalla sua creazione al suo divenire. E’ ora giunto al capolinea. Per raggiungere la nuova meta l’umanità deve cambiare mezzo. Il farlo non è più una questione di gusti, ma una necessità imposta dagli eventi. (Riccardo Alfonso)

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Le mutazioni del nostro tempo stanno nel modo come lo abbiamo velocizzato

Posted by fidest press agency su martedì, 28 agosto 2018

La spiegazione va ricercata in una sola maniera. Essa è legata al modo come abbiamo inteso velocizzare il fattore tempo. Una circostanza che costituisce l’elemento più “esplosivo” dell’intera trama umana tessuta sin dalle sue origini. Abbiamo incominciato a “correre” e con un’accelerazione impressionante. Ancora oggi non riusciamo a fermarci o a dare al nostro incedere un moto meno frenetico. Sembra un’osservazione come tante altre, ma non è esatto. E’ diventata, a tutti gli effetti, la storia della nostra contemporaneità. Noi stiamo marciando a un ritmo inusuale.
Il giornale ci porta le notizie del giorno prima, ma la televisione lo fa con una differenza di solo qualche ora. Gli stessi rapporti privati e pubblici assumono una dimensione diversa. Se si spedisce una lettera essa, di norma, per coprire una distanza, diciamo di 700/1000 Km., ci impiega tre o quattro giorni tra il momento in cui la impostiamo e quello della consegna tramite il portalettere. Eppure possiamo fare di meglio. Basta inviare una E-mail o un fax. Il messaggio arriva praticamente in tempo reale, ovvero al momento della trasmissione.
E’ questa la differenza che intendiamo rilevare quando diciamo che il mondo si velocizza e che proprio questa circostanza rappresenta la vera rivoluzione dei nostri tempi. Comprenderla, per viverci, fa la diversità, e ancor più il saperne essere conseguenti in ogni evenienza.
Sono i grandi mutamenti che vivono intorno a noi e vi penetrano. E’ importante capire, a questo punto, il perché il nostro sistema non riesce a conformarsi in tempi altrettanto brevi.
D’altra parte, come abbiamo avuto modo di rilevare, i segni sono evidenti. Li registriamo un po’ ovunque, nel lavoro e nei rapporti con i familiari, con gli amici o i conoscenti.
Il tutto diventa una continua rincorsa. Una volta che crediamo di aver raggiunto una meta ci accorgiamo che i paletti, posti per segnare il punto d’arrivo, sono stati spostati più avanti.
A questo punto come possiamo spiegare i tempi lungi imposti dalle leggi, dall’istruzione scolastica, dalla giustizia, dalle procedure amministrative?
E’ possibile capire, a questo punto, le regole che ancora c’impongono taluni sistemi paese? Pensiamo al pensionato. L’età che è posta, come limite estremo, per considerarlo attivo nel lavoro o non più idoneo sembra ignorare che nel giro degli ultimi 80/90 anni la vita media è raddoppiata. Ha senso tutto questo? Non solo. Sappiamo anche che esiste un’età biologica che non tiene conto di quell’anagrafica poiché si può diventare vecchi, a 50 anni, e restare “giovani” a 70. Tutte queste cose servono per farci capire che nulla è definitivo, che tutto è in movimento, che la società deve cambiare ritmo perché il procedere è mutato. In questo senso si presentano le due storie parallele del terzo tomo: Vulnus e la terra dei padri. Nell’una tocchiamo e superiamo il terzo millennio e nel secondo ci portiamo alle spalle il lento e cadenzato procedere delle stagioni.Vulnus ci fa voltare pagina, ci conduce per mano verso la nuova frontiera. Nella “Terra dei padri” resta il ricordo, vago e indistinto, forse un po’ nostalgico, del lento procedere dell’uomo, dalla sua creazione al suo divenire. E’ ora giunto al capolinea. Per raggiungere la nuova meta l’umanità deve cambiare mezzo. Il farlo non è più una questione di gusti, ma una necessità imposta dagli eventi. (Riccardo Alfonso)

Posted in Confronti/Your opinions | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Classifica Velocità Internet in Europa

Posted by fidest press agency su martedì, 9 agosto 2016

internetL’Italia è al 54esimo posto nella classifica mondiale relativa alla velocità media di connessione internet, che è di soli 8,2 Mbps e si posiziona solo al quart’ultimo posto nella classifica Europea davanti solo a Grecia, Croazia e Cipro. È quanto emerge dal rapporto relativo alle infrastrutture distribuito da Akamai, azienda statunitense di “distribuite computing”, che si occupa di CDN (Content Delivery Network). L’attività di Akamai consente di ottenere molte informazioni che, raccolte in report trimestrali, forniscono importanti indicazioni sull’evoluzione delle infrastrutture internet nel mondo: proprio a proposito dell’Italia, i dati emersi per il primo trimestre del 2016 nel documento “State of Internet” che confermano a pieno anche uno studio diffuso dala Bee Web Srl, società proprietaria di Komparatore.it, motore di comparazione di offerte ADSL, fibra e tariffe di telefonia mobile. Nonostante la crescita delle infrastrutture la situazione nel nostro paese rimane ancora precaria. L’aumento della velocità media del 9,8% rispetto al trimestre precedente e del 33% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno dimostra una situazione in netto miglioramento, percepita anche dai cittadini italiani che, in numero sempre maggiore, preferiscono la fibra ottica all’ADSL. In crescita sono anche le percentuali relative alla velocità media di picco, che in Italia è di 36,5 Mbps: questa velocità è infatti aumentata del 14% rispetto lo scorso trimestre e del 20% rispetto lo stesso periodo dell’anno scorso. Da un’ analisi effettuata dalla società rumena Bee Web, che possiede il motore di comparazione Komparatore.it, emerge inoltre una notevole differenza fra le richieste prevenute nell’ultimo trimestre del 2015 e nel primo trimestre 2016 nell’ambito delle offerte telefoniche: la fibra ottica ha registrato un aumento delle richieste del 15% a fronte di un calo del 10% di quelle relative al servizio ADSL. Queste percentuali dimostrano che gli utenti hanno recepito positivamente l’attenzione da parte del governo e degli operatori telefonici all’importanza di una connessione internet all’avanguardia, che possa non solo semplificare processi lavorativi ma migliorare anche la qualità della vita. E’ di inizio luglio la notizia dell’approvazione da parte dell’UE del piano per la banda larga in Italia, che prevede di fornire a tutti i cittadini una connessione internet veloce entro il 2020. L’aumento delle richieste per la fibra pervenute a Komparatore.it registra l’esigenza, da parte degli utenti, di avere una connessione internet veloce ed affidabile, nonostante i prezzi della fibra in Italia siano leggermente più alti di quelli relativi all’ADSL. Attivo dall’ottobre 2015 Komparatore.it consente il confronto tra le offerte proposte dagli operatori italiani con possibilità di attivare online il servizio selezionato o di richiedere una consulenza telefonica da parte di un operatore compilando il modulo di ricontatto. Forte dell’esperienza con Komparatore.it, la Bee Web ha deciso di lanciare il servizio di comparazione delle offerte telefoniche anche in casa propria, in Romania dove la situazione relativa alla connessione internet è decisamente migliore: stando proprio ai dati diffusi da Akamai relativi al primo trimestre del 2016, la Romania è, con 82,4 Mbps, al primo posto nella classifica dei paesi europei (al nono posto nella classifica mondiale) nell’ambito della velocità media di picco. Per quanto riguarda la velocità di connessione media la Romania si attesta al nono posto in Europa e al 14esimo a livello mondiale con un valore di 16.1 Mbps. Nonostante i valori registrati siano decisamente positivi, questi dimostrano anche una crescita delle infrastrutture nel paese: l’incremento della velocità media è stato infatti del 22% rispetto al trimestre precedente e del 31% rispetto allo scorso anno, mentre quello relativo alla velocità media di picco è stato rispettivamente del 12% e del 20%. La nascita di Komparatorul.ro si pone dunque in un contesto dove le connessioni internet ad alta velocità si sono già imposte e sono ampiamente affermate: qui, infatti, il percorso è stato differente rispetto a quello italiano, dal momento che non si sono affrontati i costi e le difficoltà di modernizzare i vecchi impianti con cavi in rame, ma si sono costruiti direttamente impianti di ultima generazione con la fibra. Le compagnie italiane hanno dovuto aspettare di recuperare i vecchi investimenti per modernizzare le infrastrutture, mentre nell’est Europa questo passaggio non c’è stato: l’adeguamento dei vecchi impianti alla banda ultra larga ha avuto in Italia un costo maggiore e tempistiche più lunghe della realizzazione, in Romania, di infrastrutture ex novo. Le tariffe telefoniche in Romania sono decisamente più economiche rispetto quelle italiane ed offrono una connessione internet qualitativamente migliore, grazie ad infrastrutture più moderne ed all’avanguardia: molte delle offerte degli operatori rumeni prevedono, inoltre, tariffe flat per le chiamate verso Italia e Spagna, le due nazioni con la maggior presenza di rumeni oltre confine (Italia 1.131.839, Spagna 798.104 fonte wikipedia).

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Buon inizio di campionato per Paolo Ruberti alla 6 Ore di Silverstone

Posted by fidest press agency su martedì, 19 aprile 2016

podioIl pilota veneto, in gara nella categoria LMGTE AM con la Chevrolet Corvette C7 numero n.50 della Larbre Competition, ha conquistato un meritato terzo posto e i primi importanti punti stagionali. Il fine settimana sul circuito inglese è stato molto difficile soprattutto per le condizioni meteo che hanno condizionato il venerdì e il sabato, con l’annullamento della terza sessione di libere per un’imprevista nevicata. Nei primi due turni corsi con pista umida Ruberti, Ragues (FRA) e Yamagishi (JAP) hanno però confermato le buone sensazioni della vigilia registrando tempi di rilievo, migliorati progressivamente.Nelle qualifiche la Corvette C7 si è dimostrata grande protagonista. Ruberti ha impressionato con un best lap di 2’14.044, quarto miglior crono fra le vetture GTE e nettamente il più veloce in categoria AM. La media con la miglior prestazione ottenuta dal debuttante gentleman Yamagishi gli è poi valsa un positivo terzo posto in griglia.La gara è scattata con il sole, pista asciutta, ma temperature ancora fredde. Ragues ha preso il via passando poi il volante a Yamagishi e quindi a Ruberti. Il pilota italiano ha mantenuto un passo gara notevole con tempi molto consistenti in linea con gli equipaggi PRO. L’ingresso della safety car in una fase cruciale della gara ha poi penalizzato l’equipaggio Larbre Competition che ha perso un giro rispetto agli avversari di categoria, scendendo al quinto posto. Decisivo l’ultimo stint, quanto al volante della Chevrolet Corvette C7 è tornato il pilota italiano. Con efficacia ed esperienza Ruberti ha inanellato giri veloci recuperando una posizione e grazie anche al problema tecnico che nel finale ha rallentato la Porsche 911 RSR numero n.88, ha conquistato il terzo gradino del podio. Il FIA WEC 2016 tornerà in pista per la 6 Ore di Spa Francorchamps dal 6 all’8 maggio.(foto: podio)

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Multe semafori laser

Posted by fidest press agency su domenica, 20 settembre 2015

semaforoIl ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, nel parere n. 3805/2015, ha sostenuto che i dispositivi count down “devono essere sottoposti a procedura di approvazione”, ma, non essendo ancora stato emesso il decreto ministeriale, “alla data odierna non sono ancora stati omologati”, pertanto, “nelle more di futuri procedimenti di omologazione, non è possibile installare i dispositivi”. Non solo, si comunica anche “che non è possibile installare dispositivi che variano il ciclo semaforico in relazione alla velocità di percorrenza dei veicoli, non essendo tali sistemi previsti dalle attuali norme” e che i dispositivi count down “non devono interferire con alcun dispositivo di controllo delle infrazioni al semaforo, né con il semaforo rosso”.
“Ora tutti gli automobilisti che sono stati multati con semafori attivati dal rilevamento della velocità dei veicoli in arrivo, possono far ricorso al Prefetto entro 60 giorni dal ricevimento della multa, allegando il parere del Ministero, chiedendo l’annullamento della sanzione. La nostra associazione è a disposizione per chiarimenti” ha dichiarato Massimiliano Dona, Segretario dell’Unione Nazionale Consumatori. L’associazione di consumatori, però, fa ulteriori richieste al ministero e ai prefetti:
1) i proventi delle multe già incassate indebitamente dai comuni vanno restituiti ai consumatori e, soprattutto, vanno restituiti i punti della patente.
2) i comuni devono annullare le multe con un provvedimento di autotutela, per non costringere i multati a presentare migliaia di ricorsi al Prefetto, intasando gli uffici. Per questo si chiede al Ministero di emanare un decreto ad hoc che li costringa a restituire il maltolto.
3) i Prefetti ed il Ministero devono far rimuovere tutti quei semafori che fanno scattare il rosso quando si supera una certa velocità e di cui ormai l’Italia è piena. “Una pratica che non solo, come chiarito con questo parere, è illegale, ma anche pericolosissima. E’ di tutta evidenza, infatti, che se un automobilista incosciente va troppo forte, facendo scattare apposta il rosso si corre il rischio che il veicolo non riesca a fermarsi in tempo, prima dell’incrocio, aumentando la possibilità di incidenti” ha concluso Dona.

Posted in Diritti/Human rights, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Autovelox: limiti

Posted by fidest press agency su mercoledì, 4 marzo 2015

AutoveloxAutovelox. Sulla strada extraurbana secondaria il limite è di 90 km/h se l’amministrazione accertatrice non prova un limite di velocità più basso. Lo dice il Giudice di Pace di Lecce sulle rilevazioni della provinciale Otranto – San Cataldo (Alimini).Sulle strade extraurbane secondarie, secondo il disposto dell’articolo 142 primo comma del Codice della Strada il limite di velocità è fissato a 90 km/h. E spetta al proprietario della strada dimostrare e documentare l’imposizione di un limite diverso. Se solo nel verbale è indicato un limite differente e nel giudizio di opposizione l’amministrazione accertatrice non fornisce alcuna prova di una velocità massima più bassa in quel tratto di strada, allora è da intendersi che il veicolo sanzionato viaggiasse entro il limite consentito dal Codice della Strada. E’ questo l’importante principio sancito dal Giudice di Pace di Lecce avvocato Anna Maria Cosi nella sentenza numero 4526/2014 pubblicata lo scorso 7 novembre 2014 e che Giovanni D’Agata presidente dello “Sportello dei Diritti”, porta all’attenzione della cittadinanza anche perchè si riferisce ad un verbale effettuato a mezzo del discusso autovelox posizionato nei pressi dei laghi Alimini sulla litoranea di competenza provinciale Maglie – San Cataldo.Com’è noto, infatti, quel tratto di strada è rimbalzato sulle cronache non solo salentine per l’elevatissimo numero di multe elevate a migliaia di cittadini, in particolare turisti, che transitavano in una zona caratterizzata da imponenti flussi turistici. Il posizionamento dei due famigerati autovelox nelle due direttrici della strada aveva fatto già una “strage” di malcapitati automobilisti per la riduzione repentina del limite previsto a 50 km/h, facendoli ritenere più una trappola per “far cassa” che uno strumento per contribuire alla sicurezza stradale. Anche questa significativa sentenza, quindi, dopo le decine che hanno visto accogliere le doglianze degli automobilisti, rende giustizia alle numerose perplessità relative alla legittimità dell’operato della Provincia di Lecce che indomita, nonostante la levata di scudi della cittadinanza e le centinaia di annullamenti dei verbali contestati, continua ad effettuare le rilevazioni della velocità con la modalità sopra descritta.

Posted in Cronaca/News, Diritti/Human rights | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Alta velocità e la velocità italiana

Posted by fidest press agency su venerdì, 30 dicembre 2011

Il 28 novembre del 2011 è stata inaugurata la nuova stazione AV di Roma Tiburtina, la prima dei cinque grandi progetti architettonici collegata al sistema ferroviario Alta velocità ad essere completata, un hub di livello internazionale. Siamo stati presenti, abbiamo fotografato e persino subite le prepotenze che per motivi di sicurezza, alquanto opinabili, hanno impedito ai giornalisti di muoversi rilegandoli in una sorta di recinto regolarmente transennato e controllato. A distanza di due mesi il nuovo insediamento non è ancora del tutto agibile e forse ci vorrà un altro Presidente della Repubblica per una inaugurazione finale.
Allora cogliemmo anche le rimostranze di chi non invitato intese far sentire una voce di dissenso con un volantinaggio nel quale si osservava, tra l’altro, che “dietro il taglio dei nastri e le strette di mano tra imprenditori e politici, in nome di un fantomatico progresso, si cela l’ennesima grande opera costosa e inutile”. E si osservava a buon intenditore: “Il tav è ovunque e non si tratta solo di un treno. Dal Nord al Sud Italia, ma anche nel resto dell’Europa, interi territori sono stati devastati dalle linee ferroviarie destinate all’alta velocità. Sulle vite delle persone si fanno pagare i veleni e le nocività che questo progetto porta con sé.” E gli estensori del volantino, ad un certo punto, si chiedono: “Quanto costa prendere un Tav? Quanti possono permetterselo? Quanti treni accessibili a tutti cancellati o soppressi? Ora senza voler fare della demagogia ci chiediamo se le ragioni dei critici possono trovare spazio con le ragioni del progresso secondo la logica di uno sviluppo possibile. In Italia quello che si avverte di più è la necessità di una rete intermodale in grado di sfruttare ma soprattutto d’essere efficiente in tutte le aree del nostro paese. Il Tav non sembra soddisfare queste aspettative se si pensa che ancora oggi diventa un’avventura la tratta Roma-Palermo e con treni che vanno a scartamento ridotto, con carrozze vecchie e sporche, in specie nel percorso tra Messina e Palermo e non è certo colpa della mancata costruzione del “famoso ponte sullo stretto”, ma più semplicemente della necessità di un raddoppio dei binari tra Messina e Palermo. Vi è poi il problema dei pendolari che a Parigi, ad esempio, con la Grand vitesse metropolitana, ha favorito la mobilità dei lavoratori e negli Stati Uniti l’abbonamento è regolarmente scaricabile sulla dichiarazione dei redditi. In altri termini progresso si ma omogeneo su tutto ilo territorio e con una particolare attenzione all’ambiente. Solo a queste condizioni lo sviluppo si giustifica e si approva perché è per tutti e non per pochi. (Riccardo Alfonso http://www.fidest.it)

Posted in Confronti/Your opinions | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Le “fantasie” dell’on.le Porfidia

Posted by fidest press agency su venerdì, 15 luglio 2011

“L’obiettivo principale del Governo del paese dev’essere l’annullamento del dislivello qualitativo e quantitativo esistente tra nord e sud” lo dichiara l’on. Americo Porfidia in riferimento alla manovra economica che a breve sarà discussa in Parlamento “Il 30 maggio scorso alla Camera dei Deputati è stato presentato l’ultimo rapporto SVIMEZ sulla situazione del paese, ed è emerso chiaramente come a 150 anni dall’Unità l’Italia è divisa in due sotto il profile economico. L’attuale situazione economica dell’intera area europea sta marcando queste differenze e le sofferenze nei terriotori meridionali si amplificano. Il mondo del lavoro è in ginocchio e servono spinte concrete e di ampio raggio per ridare slancio e prospettiva al settore. I giovani del sud vivono una stagione di grave crisi occupazionale e si fatica a guardare con fiducia nel prossimo futuro. Noi crediamo – continua Porfidia – che una delle ragioni principali della distanza esistente tra nord e sud del paese sia legato al gap infrastrutturale, rivelato anche dal rapporto SVIMEZ. Il nostro tempo è segnato sostanzialmente dalla velocità degli spostamenti e lo sviluppo industriale è praticamente impedito in mancanza di una rete infrastrutturale valida. Del resto le ultime delibere CIPE sono state segnate da un evidente sbilanciamento di assegnazione fondi per lavori nell’area centro-nord del paese ed un inevitabile annichilimento delle aspettative del Sud. Questa tendenza dev’essere invertita. Per questo – conclude il deputato di Noi Sud – chiediamo al Governo di inaugurare una stagione nuova di investimenti industriali ed infrastrutturali nelle regioni del Sud Italia, sostenendo altresì lo sviluppo e la diffusione delle fonti energetiche alternative e rinnovabili, e crediamo che la realizzazione del Piano per il sud sia l’unica via percorribile in tal senso” (On. Americo Porfidia)

Posted in Politica/Politics, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | 1 Comment »

Taxi a Roma

Posted by fidest press agency su giovedì, 2 giugno 2011

La Giunta capitolina, presieduta dal sindaco Gianni Alemanno, ha approvato oggi, su proposta dell’assessore alla Mobilità, Antonello Aurigemma, la delibera sul regolamento che disciplinal’esercizio del trasporto pubblico non di linea. Il documento passerà ora al vaglio del parere dei Municipi e poi sarà sottoposto al voto dell’Assemblea capitolina. Questi i punti principali della delibera:
1 Trasparenza: introduzione della ricevuta automatica che servirà a identificare il titolare licenza, il percorso e il costo della corsa.
2 Numero unico automatico, che andrà a individuare la postazione taxi più vicina al luogo di chiamata dell’utente.
3 Pubblicizzazione delle tariffe.
4 Aumento delle corsie preferenziali: viale Kant, via dei Monti Tiburtini, via Andrea Doria, via Portuense. Quasi 10 km in più di strade che aumenteranno la velocità commerciale dei taxi. Altre corsie preferenziali verranno progettate dall’Agenzia per la Mobilità con il VII Dipartimento in punti strategici della città.
5 Incentivi: l’Amministrazione capitolina ha stanziato oltre 6 milioni di euro per dare supporto adeguato agli operatori per quanto riguarda l’acquisto delle vetture e le spese fisse di manutenzione, che verranno concordate successivamente con gli stessi operatori.
6 Lotta all’abusivismo: l’accesso all’interno della città e della Ztl verrà regolamentato da apposita modulistica definita in una delibera di Giunta, con la quale il trasporto pubblico non di linea per poter accedere dovrà riportare non solo la copia del libretto della vettura e della licenza, ma anche l’iscrizione alla Camera di Commercio, al ruolo, la posizione contributiva e la posizione Inail. Elementi necessari per determinare il rispetto delle regole e soprattutto per evitare il perpetuarsi di lavori in nero che danneggiano tutti coloro che lavorano onestamente in un settore così delicato della vita della nostra città.

Posted in Roma/about Rome, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

A Palermo ritardano 100 treni su 100

Posted by fidest press agency su sabato, 26 febbraio 2011

“La situazione dei trasporti in Sicilia non è grave come appare, è peggio. Probabilmente il nostro Governo non ha piena conoscenza della geografia e, del resto, la Gelmini la considera materia irrilevante, per cui bisogna spiegare pazientemente che la Regione è estesa per chilometri e chilometri, che le distanze fra paesi e città di una qualche rilevanza sono ingenti e che difficilmente possono essere percorse da chi non fruisce di un elicottero privato”. Polemica e preoccupazione nelle parole di Lara Cardella, responsabile per la Sicilia dell’Italia dei Diritti, a commento degli allarmanti dati emersi circa la condizione del trasporto ferroviario nel palermitano e nella regione siciliana. La totalità dei treni, sia in arrivo da altre località sia interregionali, ritardano in media 30 minuti e a farne le spese sono gli utenti, disperati ma ormai quasi rassegnati ad un disservizio che influisce negativamente sulla loro vita quotidiana. “Sarebbe bene, inoltre, – analizza l’esponente del movimento presieduto da Antonello De Pierro – che i nostri governanti saggiassero la qualità delle strade per rendersi conto della fortuna che hanno a non essere denunciati dai cittadini per i danni inferti alle proprie  autovetture da dossi, crepe, frane improvvise, ristrutturazioni perennemente in corso che, si sa, qualche bene apportano a chi se ne fa carico senza naturalmente che ciò comporti una fine entro meno di un lustro”. Il poco invidiabile primato, stando ai rilevamenti effettuati dal 10 gennaio al 5 febbraio di quest’anno, va alla tratta Palermo – Messina con un ritardo medio di 25 minuti. Secondo posto per la Palermo – Agrigento. Altrettanto allarmante il numero di convogli ferroviari soppressi e tutte le conseguenze che ciò genera. “I treni sono in ritardo, gli autobus hanno orari disagevoli – dichiara la Cardella – e chi usa i propri mezzi lo fa con il rischio di trovarsi nel bel mezzo della strada a cercare aiuto da altri solidali automobilisti. In tutto ciò pare chiaro quanto possa interessare ai Siciliani di un ponte che li colleghi al continente. Forse sarebbe meno dispendioso per tutti , e più utile per i cittadini,  fornire ad ogni abitante un jet privato. O organizzare dei rally con in palio la vita dei partecipanti. Perché – chiosa – forse lor signori non sanno che, in queste strade, si muore. Senza bisogno di essere sotto effetto di droghe, alcool o alta velocità”.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Oblivion show, a tutto ritmo!

Posted by fidest press agency su venerdì, 14 gennaio 2011

Chiasso, 28 gennaio 2011, ore 20.30 Cinema Teatro  Prima di tutto il ritmo e il senso del tempo! Il cavallo di battaglia di Oblivion, quintetto di cantattori bolognesi d’adozione, è I promessi sposi in 10 minuti, con un milione di visualizzazioni su You Tube. Proprio dal senso del ritmo e del tempo sono partiti questi artisti per costruire, sotto la divertita ma rigorosa guida di Gioele Dix, lo spettacolo che travolgerà il pubblico di Chiasso, con la velocità delle gag, l’arguzia delle citazioni e dei riferimenti, la sensazionale tecnica vocale e la precisione scenica di una compagnia cresciuta a pane e musical. Se l’intelligenza è la capacità di creare connessioni e legami, gli Oblivion sono tra le compagnie più intelligenti degli ultimi anni….Utilizzano un secolo di materiale musicale italiano servendosi delle canzoni come di un alfabeto privato, per montare, intrecciare, deformare, riciclare in modo da costruire uno scintillante palinsesto canoro, in cui si raggiunge un miracoloso equilibrio tra citazione e creatività, tra umorismo e commozione. Il senso del tempo, non solo musicale, entra nella natura stessa di questo show, permettendo esilaranti connessioni musicali tra il Papa e Zucchero Fornaciari, Eros Ramazzotti e i Tenores di Bitti, Marco Masini e il Quartetto Cetra… Il tempo è anche quello della velocità richiesta da Internet, ed ecco, oltre al minimusical sui Promessi Sposi, le tragedie di Shakespeare riassunte in 8 minuti, in un surreale contesto da Porta a Porta… Il tempo è anche quello dell’orologio della Stazione di Bologna, “…sempre fermo sulle 10 e 25…”, a dimostrazione del fatto che il loro nome, Oblivion – il dimenticare – ha un significato quantomeno ironico… Il lavoro artistico degli Oblivion è  anche questo: insegnare a non dimenticare.

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Circolazione stradale e Cassazione

Posted by fidest press agency su sabato, 4 dicembre 2010

Secondo la sentenza 42498 depositata il 1 dicembre 2010, risponde di omicidio colposo chi lascia la macchina in doppia fila con lo sportello aperto e provoca un incidente mortale. La Suprema Corte ha confermato la condanna di un automobilista romano per omicidio colposo, reato però nel frattempo estinto per prescrizione.  Inutilmente l’imputato aveva tentato di difendersi smentendo il nesso causale tra l’aver lasciato la vettura in doppia fila e la morte del motociclista, che procedeva a forte velocità. I Giudici di Piazza Cavour hanno però respinto le doglianze dell’imputato ed hanno confermato la ratio della decisione del giudice del gravame sottolineando che tale la condotta di guida integra il reato di omicidio colposo. Secondo Giovanni D’AGATA, componente del Dipartimento Tematico “Tutela del Consumatore” di Italia dei Valori e fondatore dello “Sportello dei Diritti” la Suprema Corte si dimostra intransigente al punto che rischia una condanna per omicidio chi lascia l’auto in doppia fila provocando un incidente mortale.

Posted in Diritti/Human rights | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Odontoiatri a confronto per superare la crisi

Posted by fidest press agency su sabato, 20 marzo 2010

Cambia la figura del dentista in tempo di crisi economica. È questo il tema del terzo workshop di economia in odontoiatria promosso dall’Andi (Associazione nazionale dentisti italiani), in programma sabato a Cernobbio (Como). I lavori, introdotti dal presidente nazionale Roberto Callioni e dal presidente di Como-Lecco Paride Zappavigna, saranno aperti dal direttore del Cergas (Centro di ricerche sulla gestione dell’assistenza sanitaria e sociale dell’università Bocconi), Francesco Longo, che affronterà il tema: ‘Concentrazione dell’offerta e della domanda in odontoiatria: quale trend e con quale velocità’. «Lo scenario che si presenta in questo 2010 – affermano in una nota Callioni e il segretario sindacale Gianfranco Prada – è caratterizzato da una serie di importanti elementi innovativi in campo professionale: la profonda crisi economica e sociale, le nuove modalità di esercizio professionale, l’avvento dei fondi sanitari integrativi sono elementi che determinano turbamento tra i professionisti, legati al modello tradizionale dello studio singolo o associato, che tanto ha offerto in termini di qualità delle cure, di soddisfazione professionale, di fondamentali rapporti umani, di gratificazione economica». Per Callioni e Prada, «è solo con lo sforzo congiunto tra Istituzioni, professionisti e loro associazioni che si potrà concretizzare un qualche sviluppo equilibrato, orientato all’allargamento della domanda e alla soddisfazione di bisogni sinora rimasti esclusi. Inoltre – aggiungono – è sulle fasce deboli e sulle prestazioni essenziali che occorrerà concentrare le risorse attraverso iniziative comuni tra liberi professionisti, utenti e terzi paganti (fondi, casse, assicurazioni, eccetera). L’odontoiatria libero-professionale si è dimostrata capace di adattarsi al ciclo economico: si contrae quando le risorse si fanno carenti e si espande quando le medesime crescono. L’essere una libera professione – concludono Callioni e Prada – e operare in un contesto che, pur non essendo tale, somiglia al mercato, finisce col rappresentare un punto di forza». (fonte doctor news)

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Treni in ritardo

Posted by fidest press agency su martedì, 29 dicembre 2009

Non stupiscono i ritardi. I treni già malandati, con le rigide temperature, evidenziano tutti i loro acciacchi ed è sempre meglio un treno in ritardo o cancellato (ad alta velocità o tartaruga da pendolari), che un incidente causato da uno scambio ghiacciato. Ma il capo delle ferrovie italiane, Mauro Moretti, non deve prendersela se la sua cautela non è apprezzata dai viaggiatori, che al contrario tirano fuori l’animale che alberga in ognuno di noi. E’ la logica conseguenza al trattamento da bestie acerebrate che riceve chi entra in una stazione ferroviaria e sale su un treno. Il fatto è che Moretti ha concentrato i suoi sforzi nell’alta velocità e nella tenuta contabile. Due aspetti valutabili in modo differente a seconda dei punti di vista. Alta velocita’ rovina ambientale, costosa, inutile, ecc. oppure essenziale infrastruttura per lo sviluppo del Paese. Anche sui buoni conti presentati da Moretti (utile di 16 milioni di euro nel 2008) si potrebbe ridire: il bilancio di un’azienda deriva da dati oggettivi (ho incassato 100 euro dalla vendita di biglietti), e da stime su una serie di voci: accantonamenti a fondi rischi, ammortamenti, ecc.; queste ultime possono variare in base alle esigenze. Ferrovie dello Stato, poi, e’ un’azienda che agisce in monopolio e che riceve parte piu’ o meno rilevante delle risorse da Stato e Regioni. Un contesto dove i criteri di imputazione di costi e ricavi possono essere ancora piu’ discrezionali. In sostanza, rielaborando i dati con altri criteri, l’entusiasmo con cui Ferrovie dello Stato ha presentato il suo bilancio potrebbe essere smorzato vigorosamente.Ecco la prossima rivoluzione organizzativa di Mauro Moretti: il sistema informativa alla clientela. Ribaltandone la logica, mettendo al centro l’utente. Ma Moretti vorra’ e avra’ la capacita’ di incardinare questo ribaltone? (Domenico Murrone, responsabile editoriale Aduc)

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Greenpeace e la velocità sulle strade

Posted by fidest press agency su mercoledì, 9 dicembre 2009

“Consentire un aumento della velocità massima a 150 km/ora in alcuni tratti, oltre agli aspetti legati alla sicurezza implica anche un aumento delle emissioni di CO2, direttamente legate ai consumi”, spiega Andrea Lepore, responsabile campagna Trasporti e Clima di Greenpeace. A seconda dei modelli, questi aumenti delle emissioni di CO2 oscillano tra il 20 e il 30 per cento, e allo stesso modo aumentano le emissioni di altri inquinanti essendo legati al maggior consumo di carburante. Uno studio pubblicato proprio oggi da Transport and Environment (la Federazione Europea per il Trasporto e l’Ambiente), dimostra che una politica comunitaria di riduzione dei limiti di velocità rispetto agli attuali, sarebbe invece vantaggiosa per l’ambiente e per la sicurezza stradale.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Donne al volante

Posted by fidest press agency su lunedì, 9 novembre 2009

donna al volante1Il 65% delle infrazioni commesse dalle automobiliste italiane non viene sanzionato. Questo il primo dato emerso dall’indagine commissionata da Assicurazione.it, comparatore online di preventivi RC auto e moto, all’istituto di ricerca TNS Italia.  Parlare al cellulare mentre si guida è l’infrazione più comune, commessa dal 51% delle intervistate. Al secondo posto di questo podio particolare una sorpresa che infrange uno stereotipo importante: le donne al volante corrono, e parecchio. Ben il 49% delle automobiliste italiane ha infranto il limite di velocità nel corso degli ultimi 12 mesi e, se questo non bastasse, nel 30% sono passate col rosso e senza allacciare le cinture di sicurezza. A concludere questa cinquina di cui sarebbe meglio non vantarsi altre due violazioni del codice piuttosto gravi: il non mantenere le distanze di sicurezza (29%) e il parcheggiare in zone non consentite (19%).Nell’ultimo anno, secondo la ricerca condotto per conto di Assicurazione.it, il 59% delle patentate italiane è stato coinvolto in un incidente stradale. In questo caso cosa accade? Nel 74% delle circostanze si ricorre alla constatazione amichevole, ma ben oltre 600.000 italiane, magari per evitare le ire dei compagni, hanno preferito pagare di tasca propria l’altro conducente piuttosto che rivolgersi alla compagnia assicurativa. Avranno fatto bene? In media la loro spesa è stata di 200€, quasi il doppio di quanto sarebbe aumentato il loro premio cambiando classe di merito, se si fossero rivolte a un comparatore prezzi come Assicurazione.it ed avessero confrontato le offerte di diverse compagnie.  Sempre secondo l’indagine, le donne sono molto più inclini a risolvere la questione dell’incidente indennizzando l’altro conducente rispetto a quanto non lo siano gli uomini (41% rispetto a 26%)  Secondo il Prof. Gianluca Castelnuovo, docente di Psicologia all’Università Cattolica di Milano,.”  Di emozioni al volante, si sa, se ne vivono tante. La più intensa, forse, è la rabbia per un comportamento scorretto tenuto dagli altri. L’indagine condotta da TNS per Assicurazione.it ha messo in luce anche quali micce accendono l’ira delle donne al volante. L’80% delle automobiliste italiane si è trovata coinvolta in litigi con altri conducenti. Nel 54% dei casi si infuriano per l’esecuzione di manovre pericolose, nel 53% perché non gli viene data la precedenza e, nel 40% perché un altro mezzo ostruisce la carreggiata. Ai rumori, invece, sembra ci siano abituate e l’uso eccessivo del clacson occupa, assieme all’ostruzione del passo carrabile, l’ultimo posto nella classifica dei motivi d’ira delle automobiliste italiane (16%). E’ divertente notare, infine, come le donne siano molto meno tolleranti rispetto agli uomini per quanto concerne gli insulti ricevuti da altri automobilisti. Fanno perdere le staffe al 27% delle automobiliste, quasi 10 punti percentuali in più rispetto a quanto non accada agli uomini. (donna al volante)

Posted in Cronaca/News | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Storia di un primato

Posted by fidest press agency su domenica, 6 settembre 2009

Dalla Coppa Schneider all’impresa di Agello di Valfredo Fradeani Fin dalla sua nascita l’aviazione ha rappresentato un importante indicatore del progresso tecnologico raggiunto da una nazione. La Coppa Schneider, messa in palio nel 1912, era una gara di velocità riservata agli idrovolanti. La prima edizione fu organizzata nel 1913, venne sospesa durante la Grande Guerra, riprese nel 1919 e terminò nel 1931. La conquista della Coppa fu considerata talmente prestigiosa che i governi di Londra, Parigi, Roma e Washington impegnarono ingenti risorse finanziarie e tecniche. Negli anni Venti e Trenta, la Regia Aeronautica ebbe un ruolo di primo piano a livello internazionale e nel 1927 Mussolini decise di creare la Scuola Alta Velocità con sede a Desenzano del Garda, con un duplice obiettivo: realizzare, in collaborazione con le industrie nazionali, idrovolanti in grado di competere con gli altri Paesi per conquistare la Schneider, e battere il record mondiale di velocità nella categoria idro. Il 23 ottobre 1934, sul lago di Garda, il maresciallo Francesco Agello, a bordo dell’idrocorsa Macchi Castoldi MC.72, raggiunse i 709,202 chilometri, limite che rimase imbattuto per decenni. Pagine 192 Euro 17,00 EAN 978-88-425-4407-4

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Autovie venete: previsione traffico

Posted by fidest press agency su sabato, 25 luglio 2009

“In presenza di traffico intenso – è detto in un comunicato delle autovie – diventa ancora più importante rispettare i limiti di velocità, le distanze di sicurezza e quelle elementari norme di buon senso che sono l’unico strumento efficace per prevenire gli incidenti”.  Telefonando ai numeri 0432-925111 o 040-3189111 (al costo di uno scatto alla risposta) chi deve mettersi in viaggio può conoscere la situazione, aggiornata, della rete autostradale Attivi 24 ore su 24 forniscono agli utenti le informazioni sul traffico aggiornate ogni 15 secondi e suddivise per tratte, selezionabili localmente. Il sistema (20 linee disponibili) è in grado di reggere un carico di chiamate molto elevato e strutturato “gerarchicamente”. La prima e la seconda opzione, delle molte disponibili, infatti, riguardano proprio la situazione del traffico e la segnalazione delle emergenze. I due numeri telefonici si aggiungono a quello verde, per reclami e segnalazioni (800 99 60 99) e a quello a pagamento (89 24 89), con operatore, che fornisce informazioni sulla percorribilità della rete da Trieste fino a Brescia (entrambi gestiti da S.U.S. Viaggiando). Altrettanto utile il sito della Concessionaria (www.autovie.it), dotato di cartografia interattiva (con la visualizzazione immediata degli eventi in corso in autostrada), servizio meteo e  webcam. Per quanto riguarda le previsioni, le giornate di questo week end sono caratterizzate da bollino rosso. Autovie Venete, infatti, prevede traffico intenso lungo tutta l’autostrada A4 Venezia Trieste, sia sabato 25 sia domenica 26 luglio. I primi segnali dell’intenso flusso di veicoli sono cominciati già nella giornata di venerdì 24 e hanno interessato soprattutto la barriera di Trieste Lisert. Per sabato 25 luglio le previsioni indicano un intensificarsi del traffico su tutta la A4, fin dalle prime ore del mattino. Il flusso sarà molto sostenuto durante tutta la giornata soprattutto in uscita ai caselli di Latisana, San Stino di Livenza, Portogruaro, Trieste Lisert e San Donà di Piave. Possibili rallentamenti nel tratto compreso fra Latisana e il bivio con la A23 in direzione Trieste. Anche per domenica 26 luglio i transiti resteranno sostenuti con previste intensificazioni sempre ai caselli di di Latisana, San Stino di Livenza e la barriera di Trieste Lisert. Autovie Venete, ha sospeso da tempo tutti i cantieri non indispensabili e ha potenziato il personale in servizio e reperibilità (oltre cinquanta persone). Autovie Venete ha anche predisposto un servizio di assistenza agli utenti che prevede, se necessario, la distribuzione di bottiglie d’acqua.

Posted in Cronaca/News | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Investire nell’ICT

Posted by fidest press agency su martedì, 14 luglio 2009

Un libro di Paolo Zaza. Tutte le aziende operano oggi in un contesto nel quale la capacità competitiva è sempre più legata all’abilità nel gestire in modo efficace ed efficiente l’informazione, il flusso vitale che alimenta il patrimonio di conoscenze distintive dell’azienda. La convergenza delle tecnologie IT con quelle legate alle Telecomunicazioni e la velocità evolutiva di queste tecnologie rendono spesso difficile saper ottimizzare le scelte di spesa e d’investimento. Per il management, saper “governare” questi aspetti, che spesso rappresentano una parte significativa dei nuovi investimenti, non è più un’opzione, ma diventa un vero e proprio imperativo, al quale, soprattutto oggi, nessuno può permettersi di sottrarsi.  Quali sono le spinte che determinano la riduzione dei costi complessivi dei servizi e prodotti ICT all’interno delle aziende? Come poter far evolvere il ruolo degli acquisti per ottimizzare tali costi? Come può un’azienda diventare più competitiva grazie all’ICT?  A questi temi di estrema attualità  dal valore fortemente strategico, risponde il volume ‘ICT Sourcing Governance’  di Paolo Zaza, ingegnere meccanico al Politecnico di Milano ed MBA alla Bocconi e oggi alla testa dei servizi di supporto strategico agli approvvigionamenti di tecnologia ICT che fanno capo al marchio Sourcing Consulting. Zaza raccoglie in questo volume la sua corposa esperienza in primarie aziende lungo il ventennio che ha visto evolvere l’ICT  da terra di frontiera a fattore critico di successo trasversale in molti mercati. Un cambiamento epocale dove la tecnologia ha creato una nuova cultura d’impresa. http://www.sourcingconsulting.it.

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

XXIII Memorial Paolo Delogu

Posted by fidest press agency su lunedì, 6 luglio 2009

Nuoro 8 luglio 2009 al Campo Scuola di Piazza Veneto XXIII memorial Paolo Delogu di Atletica Leggera, organizzato dall’Atletica Delogu, con atleti di primissimo piano in campo internazionale. Fra i primi nomi già confermati dodici atleti vincitori di medaglie olimpiche e mondiali, atleti di 19 diversi paesi e 4 continenti. Il 2 luglio inaugurata la mostra fotografica che, in occasione del trentesimo anniversario della Società organizzatrice, ricorda mezzo secolo di atletica leggera in città.. Fra gli atleti che hanno già confermato la loro partecipazione sono presenti dodici vincitori di medaglie olimpiche e mondiali. Grande attesa per la velocità maschile, nei 100 metri saranno presenti l’argento di Pechino nella 4×100, il trinidegno Aaron Armstrong, quest’anno a 10”03 ed il brasiliano Vicente Lenilson De Lima, medaglia d’argento alle Olimpiadi di Sydney ed ai mondiali di Parigi. Fra gli altri partenti i giamaicani Barnes e Ashmeade sul podio ai mondiali juniores, il primatista mondiale juniores della 4×100 l’americano Trell Kimmons, l’altro statunitense Mark Jelks con un personale di 9”99. Di grande rilievo la gara del lungo con cinque atleti, l’australiano Watts, l’egiziano Mersal Hatem e i brasiliano Da Silva e Dos Santos regolari oltre gli 8 metri. La lista dei partecipanti si arricchisce di ora in ora di altri nomi prestigiosi, gli organizzatori stanno chiudendo le trattative con atleti e manager, molto dipenderà dall’esito dei trials americani, giamaicani e canadesi che si sono chiusi proprio in questi giorni. Il Memorial Paolo Delogu è reso possibile dall’importante contributo dell’ Assessorato allo Sport della Regione Sardegna, dell’Assessorato allo Sport della Provincia di Nuoro, dell’Assessorato allo Sport del Comune di Nuoro.

Posted in Cronaca/News | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »