Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 34 n° 316

Archive for 23 gennaio 2022

Meeting Art inaugura il nuovo anno con l’asta di opere dell’arte moderna e contemporanea

Posted by fidest press agency su domenica, 23 gennaio 2022

Vercelli Corso Adda, 7-11. Come la maison di Vercelli ci ha ormai abituato, anche in quest’occasione saranno quattro le sessioni necessarie per esaurire il lungo catalogo. Sino a domenica 30 gennaio 2022. Non sarà facile ripetere l’anno appena concluso, che con un fatturato di €33.000.000 è stato il migliore di sempre per la casa d’aste. Ma d’altra parte Meeting Art si è organizzata per mantenere elevati livelli qualitativi: aggiornando la proposta (al lancio le aste on demand) e puntando su importanti collezioni. Ottimi presupposti, dunque, soprattutto perché il 2022 parte con il fiore all’occhiello della maison: l’arte moderna, dipartimento che nel ha fatto come sempre la parte del leone, rappresentando circa la metà del fatturato complessivo.

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

I Siciliani del Nord America ricordano l’Ambasciatore Francesco Paolo Fulci

Posted by fidest press agency su domenica, 23 gennaio 2022

“La Confederazione Siciliani Nord America (CSNA), appresa la triste notizia dell’improvvisa scomparsa dell’ Ambasciatore Francesco Paolo Fulci, ha voluto esprimere un messaggio di profondo cordoglio alla Famiglia del compianto di origine Messinese. “Tra coloro che hanno avuto modo di conoscerlo personalmente vi è Franco Mendolia il quale lo ricorda con grandissima stima, ed in particolare nell’approccio così semplice ed umile che l’Amb. Fulci aveva nei confronti della comunità italiana. Mendolia ricorda quando l’Ambasciatore prese l’iniziativa di incoraggiare I corregionali residenti in Canada, a costituire l’ Associazione dei Messinesi di Montreal di cui oggi si onora di essere il Presidente. “ Sembra ieri, quando L’ambasciatore Fulci con la sua consorte parteciparono al ventesimo anniversario dell’Associazione, un momento indimenticabile”. “Mentre Vincenzo Arcobelli Rappresentante al Consiglio Generale degli Italiani all’estero, “evidenzia la vicinanza e la sensibilità che l’Ambasciatore Fulci dimostrava nei riguardi dei Connazionali. “ È stato certamente un Diplomatico di esempio e punto di riferimento per i colleghi, rigoroso nell’adempimento del proprio dovere, al servizio della Nazione, già Ambasciatore presso l’ONU, tra i maggiori propulsori del sistema italia nel mondo”.

Posted in Cronaca/News | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

66° Eurovision Song Contest

Posted by fidest press agency su domenica, 23 gennaio 2022

Torino Palazzo Madama in piazza Castello, martedì 25 gennaio alle ore 12.avverrà il primo passo ufficiale verso il 66° Eurovision Song Contest che si terrà il 10, 12 e 14 maggiop.v. Vi sarà il passaggio di testimone tra il sindaco di Rotterdam, Ahmed Aboutaleb, e il sindaco del capoluogo piemontese, Stefano Lo Russo. A Palazzo Madama, tramite un’estrazione a sorte (Allocation Draw), si deciderà anche la composizione del cartellone delle prime due serate che vedranno 36 Paesi competere in due semifinali. A essi si aggiungeranno anche i cosiddetti Big Five: Italia, Francia, Germania, Spagna e Regno Unito, il cui accesso alla finale è diretto. La cerimonia sarà condotta da Carolina Di Domenico e Gabriele Corsi e visibile anche in streaming su http://www.raiplay.it.

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Storia della Sacra corona unita

Posted by fidest press agency su domenica, 23 gennaio 2022

È allarme nel Foggiano stremato e spaventato dagli attentati degli ultimi giorni. Ma cosa sta succedendo? Una sorta di revanscismo della Sacra Corona Unita? Come dovrebbe reagire lo Stato per fermare questa escalation di violenza prima che sia troppo tardi? Abbiamo chiesto un parere ad Andrea Apollonio, magistrato e autore pre Rubbettino del volume “Storia della Sacra Corona Unita” APOLLONIO: «Nel foggiano, e in particolare a San Severo, la criminalità mafiosa ormai dilaga e fa numeri da primi anni Novanta: nove bombe in nove giorni. Colpiti soprattutto gli esercizi commerciali, a dimostrazione di come il racket delle estorsioni sia ancora la principale fonte d’arricchimento della mafia foggiana. A dimostrazione anche di quanto la mafia foggiana, nata da una costola della Sacra corona unita alla metà degli anni Ottanta e poi sviluppatasi in autonomia, ma in eterna competizione con i cugini sacristi del Salento, sia diventata la mafia più violenta, pericolosa e brutale. Molto più della Scu (oggi quasi del tutto scomparsa grazie ad un contrasto giudiziario serrato ed efficace, grazie alle tante risorse spese nei palazzi di giustizia di quel territorio), e forse anche della ‘Ndrangheta, che da tempo ha scelto la via dell’inabissamento e dell’arricchimento silenzioso. I numeri della mafia foggiana stridono, piuttosto, con le dichiarazioni quotidiane e i programmi d’intenti di buona parte della politica italiana, dalla cui agenda è pressoché scomparsa – tra le priorità, ma anche tra i temi più “ordinari” – la lotta alla mafia, lasciando il posto, in materia di giustizia, a proclami su riforme legislative che rischiano di indebolire e delegittimare la magistratura, in particolare quella inquirente: dimenticando che proprio i pubblici ministeri, spesso di frontiera, giovani, molto esposti e molto coraggiosi, rappresentano con il loro lavoro il principale argine al dilagare dei fenomeni mafiosi. A trent’anni esatti dall’eccidio di Falcone e Borsellino, il “caso Foggia” dimostra che la politica italiana, a fronte ad una infiltrazione mafiosa del Paese fattasi più pressante a seguito della pandemia, ha scelto di accantonare i loro insegnamenti, secondo cui solo una magistratura forte, pienamente legittimata, con le risorse necessarie e gli strumenti normativi adeguati, può, assieme agli altri corpi sociali, arginare e debellare i fenomeni mafiosi, anche i più violenti e brutali».

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Claire McFall: Ferryman: Oltre i confini

Posted by fidest press agency su domenica, 23 gennaio 2022

Traduzione di Donatella Rizzati / LAINYA / pp. 300 ca. / Euro 16,00 / In libreria il 24 febbraio Dopo Ferryman. Amore eterno, il secondo capitolo della trilogia bestseller di Claire McFall, «la J.K. Rowling dell’Estremo Oriente». Continua l’epica storia di Dylan e Tristan, una moderna riscrittura del mito di Caronte, che supera il limite della morte attraversando i confini dell’aldilà. Una storia d’amore come nessun’altra, raccontata meravigliosamente, ricca di immaginazione, piena di suspense e azione quanto di emozione. Tristan e Dylan, sfidando le regole del destino, sono fuggiti dall’aldilà e sono tornati nel mondo reale, dove vivono insieme a casa di Dylan. Per quanto siano felici, le difficoltà non mancano. Ora, vivendo in corpi che non hanno il diritto di abitare, scoprono di essere legati da qualcosa di molto più forte dell’amore: non possono uscire dal reciproco campo visivo. Se si separano, moriranno. Inoltre, la loro fuga dalla terra perduta ha provocato uno squarcio nella barriera fra i due mondi dando accesso nel mondo reale alle creature demoniache dell’altro mondo e ad altri traghettatori stanchi dell’esistenza durissima che conducono. Ma l’amore sembra essere la soluzione a ogni problema… Può il vero amore trascendere il destino?

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Claudio Damiani: Prima di nascere

Posted by fidest press agency su domenica, 23 gennaio 2022

Le strade / pp. 250 ca. / Euro 18,00 / In libreria il 3 febbraio Se Cieli celesti si appuntava sullo spazio, Prima di nascere, la nuova raccolta poetica di Claudio Damiani, si concentra sul tempo, sul “prima” (e di conseguenza anche sul “dopo”) della nostra vita, come se questa fosse solo il tratto visibile di una linea invisibile, o meglio di una catena, o forse, ancora meglio, di una rete di anelli collegati. E, come un suono copre un altro suono, questa rete meravigliosa quasi copre la nostra angoscia infinita, la nostra ignoranza di bestie («Non sappiamo niente / solo ipotesi»), forse ostie sacrificali. La nuova raccolta di versi di uno dei più grandi poeti italiani contemporanei. Così si esprime l’autore in merito a questo libro: «Parto da un chiodo fisso che avevo da bambino, quattro-cinque anni, e su quello, nel libro, ritorno continuamente: mi chiedevo dove fossi potuto stare prima di nascere, sospeso nel cielo, dove avessi potuto poggiare i piedi; e mi sembrava impossibile sia essere stato, che non essere stato. E parlo di questo nostro tempo attuale dove, come dice il grande Emanuele Severino, siamo come l’acrobata che ha lasciato un trapezio e ancora non si è agganciato all’altro, e sta sospeso sull’abisso. Il primo trapezio erano le verità religiose, filosofiche; l’altro, lo faccio intravedere alla fine del libro, potrebbe essere una parola scritta dentro la natura, come un messaggio dentro la bottiglia, che la nostra osservazione scientifica ancora non ha raggiunto, ma potrebbe essere sul punto di raggiungere».

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Ultimatum dei 456mila infermieri: “Basta parole, è ora di passare ai fatti”

Posted by fidest press agency su domenica, 23 gennaio 2022

E’ finito il tempo delle parole, si passi ai fatti e si dia vera dignità a una professione che finora ha dato tutto mettendo da parte la sua “normale straordinarietà” al fianco del cittadino per lavorare in costante emergenza, ammalarsi più e peggio di ogni altra categoria, rinunciare a ferie, permessi, progetti di carriera e di vita.Con una lettera aperta a Governo, Parlamento, istituzioni e Regioni la Federazione nazionale degli ordini delle professioni infermieristiche (FNOPI) parla chiaro: coagulerà una risposta unitaria, indipendente da appartenenze sindacali e partitiche, da ruoli e posizioni ed è pronta a far sì che “gli oltre 450mila infermieri chiedano conto di tutto ciò che non è stato fatto. Con l’etica che da sempre ci contraddistingue, ma con l’esasperazione che ormai ci investe”.“Il mondo intero – scrive la FNOPI – ha riconosciuto gli infermieri come il motore, la spina dorsale, il futuro di ogni moderno sistema sanitario e sociale che voglia definirsi tale: l’Italia lo ha fatto solo a parole”.“Stiamo perdendo l’ultima cosa che ci era rimasta: la speranza – si legge nella lettera -. La speranza di una Sanità e di una politica in grado di riconoscere percorsi di valorizzazione della professione infermieristica, con un adeguato ritorno economico e un sistema realmente meritocratico. Dalla bozza del nuovo contratto alla Legge di Bilancio; dalle riforme professionali ai percorsi accademici e universitari, niente sembra volersi concretizzare nella direzione delle richieste avanzate con forza e decisione dalla nostra Federazione Nazionale che, quale Ente sussidiario dello Stato, ha pur sempre mantenuto un dialogo serio e pacato per dovere istituzionale”.“Gli Infermieri d’Italia – si legge ancora – da sempre attraversano a testa alta la paura e la morte, ma oggi una miope visione della politica ci fa impattare nella sfiducia e nella delusione. Ed è molto, molto peggio”.La FNOPI non ha dubbi e lancia l’altolà: “Così muore una professione. Così si impedisce il ritorno degli infermieri formati in Italia e valorizzati all’estero. Così si ignorano il dolore e l’impegno di centinaia di migliaia di vite. Così si tradisce la fiducia dei cittadini italiani”.“È ancora possibile scrivere una storia che restituisca dignità agli infermieri” sottolinea la Federazione, ma non c’è più tempo da perdere: Governo e politica sono avvisati, parole e promesse non bastano più.Ora a queste devono seguire i fatti: “Se questo Paese, se i suoi decisori politici vogliono invertire questa rotta, lo facciano adesso: la FNOPI non può ancora continuare a lungo a cercare una mediazione che non esiste”.

Posted in Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Cara Wall: Amatissimi

Posted by fidest press agency su domenica, 23 gennaio 2022

Traduzione di Silvia Castoldi / Le strade / pp. 380 ca. / Euro 18,50 / In libreria il 24 febbraio Un’esordiente americana che lascia il segno: un romanzo con il respiro di un classico, in cui prosa e atmosfere ricordano da vicino Elizabeth Strout. La storia di due coppie che attraversano insieme decenni di amore e amicizia, gelosia e comprensione, perdono e impegno. Una commovente riflessione sulla fede e la ragione, il matrimonio e l’essere genitori; i modi in cui troviamo significato nelle nostre vite. Un romanzo che ha incantato critica e lettori. Charles e Lily, James e Nan. Si incontrano nel Greenwich Village nel 1963, quando Charles e James vengono assunti per amministrare insieme la storica Terza Chiesa Presbiteriana, che sta affrontando tempi turbolenti. Le loro differenze personali, tuttavia, minacciano di dividerli. Charles è destinato a succedere al padre come stimato professore di Storia ad Harvard, fino a quando una conferenza non ortodossa sulla fede lo porta al ministero. Come può allora innamorarsi di Lily – fieramente intellettuale, elegantemente severa – dopo che lei gli dice con certezza che non crederà mai in Dio? James, il figlio più giovane di una difficile famiglia di Chicago, ha trascorso gran parte della sua giovinezza arrabbiato con il padre alcolista. La sua fuga lo condurrà da Nan, cresciuta nel Mississippi, figlia amata e devota di un ministro di culto. Cara Wall. Nata a New York, si è laureata a Stanford e ha studiato Scrittura creativa alla Iowa University. Ha iniziato a scrivere mentre insegnava Inglese e Storia in California e i suoi racconti sono stati pubblicati da varie riviste. Amatissimi è il suo primo romanzo. Ora vive nuovamente a New York insieme alla sua famiglia.

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Paolo Pintacuda: JACU

Posted by fidest press agency su domenica, 23 gennaio 2022

Le strade /pp. 152 ca./Euro 16,00/ In libreria il 17 febbraio Una narrazione del tutto originale che mescola ricostruzione storica e romanzo. Una storia potente e visionaria che segue il destino rocambolesco del protagonista, trascinato nel buio della Grande Guerra. Pagina dopo pagina, in Jacu emergono gli scorci di una Sicilia arcaica e perduta. Una comunità appartata, quella dell’immaginaria Scurovalle, con una manciata di anime in cui si ritrovano tutte le sfumature dell’indole umana: la superstizione, l’invidia, il rancore, ma anche la generosità e la speranza. Una prosa densa, raffinata, dall’aria antica, conferisce a Jacu il sapore di un classico. Negli ultimi giorni del 1899, la misera quiete di Scurovalle, grumo di case su di un anonimo monte siciliano, è turbata da un incredibile evento: Vittoria, ventidue anni e già vedova, partorisce l’ultimo settimino del secolo, un bambino che, secondo le credenze popolari, avrà poteri curativi e magici e sarà in grado di assistere qualsiasi sventurato. Sebbene Vittoria tenti di assicurare a suo figlio un’infanzia normale, sin dalla tenera età il piccolo Jacu dimostra di possedere un dono prodigioso, diventando un punto di riferimento per tutti i compaesani. Anni dopo, però, gli effetti della guerra raggiungono perfino la sperduta comunità di Scurovalle, riempiendo i cuori di paura, diffidenza e rancore. Jacu, che per un errore dell’anagrafe non viene spedito al fronte insieme ai suoi coetanei, vede il proprio paese natale voltargli le spalle. Inizia così un periodo di profonda solitudine e di crudeli angherie, a cui Jacu decide di mettere fine arruolandosi volontario. Ma la guerra non risparmi.

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Juan Gómez-Jurado: Lupa nera

Posted by fidest press agency su domenica, 23 gennaio 2022

Traduzione di Elisa Tramontin / Darkside / pp. 450 / Euro 18,50 / In libreria il 10 febbraio. Antonia Scott e Jon Gutiérrez sono ancora alla ricerca di Sandra Fajardo, quando Mentor li convoca per un altro caso al momento più pressante. Si tratta della scomparsa di Lola Moreno, moglie di Yuri Voronin, tesoriere di un clan mafioso che opera nella zona di Malaga. Lola Moreno è svanita nel nulla da quando, in un centro commerciale, qualcuno ha cercato di ucciderla. Nel frattempo, il marito Yuri veniva brutalmente trucidato nella villa della coppia. Ma Jon e Antonia non sono i soli a cercare Lola Moreno. È a questo punto che entra in scena la Lupa Nera, enigmatica donna russa, pericolosa sicaria al soldo dei mafiosi. Antonia Scott, sempre alle prese con i suoi demoni, dovrà far fronte a una temibile nemica. E il signor White e Sandra Fajardo non si sono certo dimenticati di lei… Juan Gómez-Jurado (Madrid, 1977) è un giornalista e autore di diversi romanzi di grande successo, tradotti in 40 lingue. Regina Rossa, Lupa Nera e Re Bianco sono diventati un grande fenomeno di vendite, con oltre un milione di copie vendute, e hanno consacrato il loro autore come uno dei massimi esponenti del genere a livello internazionale. Attualmente collabora con vari media ed è co-creatore dei podcast Todopoderosos e Aquí hay dragones. Fazi Editore ha pubblicato Regina Rossa nel 2021.

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Garante Privacy: multa da 26,5 mln di euro a Enel Energia

Posted by fidest press agency su domenica, 23 gennaio 2022

Il Garante per la protezione dei dati personali ha sanzionato Enel Energia per 26,5 milioni di euro per aver trattato in modo illecito i dati personali degli utenti a fini di telemarketing.”Bene, ottima notizia! Fioccano finalmente sanzioni significative per le attività illecite di telemarketing e di teleselling, anche se ne servirebbero molte ma molte di più” afferma Massimiliano Dona, presidente dell’Unione Nazionale Consumatori.”E’ vergognoso, comunque, che il problema del marketing selvaggio sia ancora irrisolto e che dopo 4 anni esatti dall’entrata in vigore della legge che avrebbe dovuto salvarci dalle telefonate moleste nulla sia nella sostanza cambiato. Per non parlare del fatto che ancora non c’è il nuovo Registro delle Opposizioni” conclude Dona.

Posted in Diritti/Human rights, Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Biennale Gherdëina Persones Personen

Posted by fidest press agency su domenica, 23 gennaio 2022

Urtijëi/Ortisei e Gherdëina/Val Gardena 20.05 – 25.09.2022. nella cornice unica del Patrimonio Mondiale Unesco delle Dolomiti, a Urtijëi/Ortisei e nel paesaggio circostante della Gherdëina/Val Gardena si svolgerà Persones Persons, l’ottava Biennale Gherdëina con la curatela di Lucia Pietroiusti e Filipa Ramos.Dedicata in gran parte alla commissione e all’esposizione di nuove opere d’arte, Biennale Gherdëina presenterà una serie di nuove installazioni, sculture, brani sonori, performance, opere tessili ed esperienze partecipative accanto a opere esistenti e storiche, in dialogo con il paesaggio unico della Val Gardena e delle Dolomiti.”Persones Persons si muoverà lungo due linee. – Spiegano le curatrici Lucia Pietroiusti e Filipa Ramos – La prima prende in considerazione le forme di personalità, giuridiche e non, della natura e del paesaggio, chiedendosi in che modo le espressioni artistiche possano contribuire al riconoscimento dei diritti della Terra e alla riduzione delle barriere. L’altra si occupa delle memorie antiche e future dei percorsi delle persone, degli animali, delle piante e dei materiali attraverso sistemi di migrazione, spostamento stagionale e transumanza nella regione e nei suoi paesaggi. A come si formano e si costituiscono reciprocamente in un processo continuo di influenza e sintonia.”Le artiste e gli artisti selezionati per l’ottava edizione della Biennale Gherdëina sono: Etel Adnan, Chiara Camoni, Alex Cecchetti, Gabriele Chaile, Revital Cohen e Tuur van Balen, Jimmie Durham, Simone Fattal, Barbara Gamper, Kyriaki Goni, Ignota Books, Karrabing Film Collective, Britta Marakatt-Labba, Lina Lapelytė, Eduardo Navarro, Angelo Plessas, Tabita Rezaire, Sergio Rojas, Giles Round, Thaddäus Salcher, Martina Steckholzer, Himali Singh Soin e David Soin Tappeser, Ana Vaz e Nuno da Luz, Bruno Walpoth, Zadie Xa e Benito Mayor Vallejo.La Biennale collabora anche con Museion – Museo di arte moderna e contemporanea di Bolzano, attraverso la presentazione di una mostra di opere della collezione del museo che riecheggiano i temi e le linee di ricerca del festival. Parallelamente, Sarah Solderer e Mara Vöcking cureranno una mostra al Centro Culturale di Tublà da Nives a Selva di Val Gardena, che guarda all’intreccio tra ecologia, turismo e occupazione del paesaggio, mappando la pratica di un’intera generazione di giovani artisti/e della regione. http://www.biennalegherdeina.it

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »