Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 34 n° 276

Archive for 1 gennaio 2022

Emergenza energia come il covid. On.Salvini, passi dalle parole ai fatti

Posted by fidest press agency su sabato, 1 gennaio 2022

Se si vuole evitare il peggio, sarebbe opportuno che il governo prenda in considerazione l’emergenza energia non solo come una delle tante questioni di cui occuparsi e, nello specifico, stornare poco più di una decina di miliardi per far fronte al rincaro delle bollette. Dall’energia dipende tutta l’economia domestica e produttiva e le riduzioni che si riescono ad avere sulle bollette non potranno frenare i prezzi di qualunque prodotto e servizio. Per questo abbiamo invitato il governo a prendere le decisioni del caso, al pari dell’emergenza covid.Fino ad oggi, però, anche da parte di autorevoli responsabili del governo, arrivano risposte basate solo per l’ampliamento dei provvedimenti tampone. Un segnale diverso è giunto dal leader della Lega, partito della maggioranza di governo, Matteo Salvini: “Chiediamo formalmente un tavolo nazionale…. sul tema caro-bollette luce e gas, una mazzata da 1.000 euro a famiglia e da 30 miliardi per negozi, artigiani e imprese. Insieme all’emergenza Covid, questa e’ la vera urgenza dei prossimi mesi. Ognuno deve portare idee e prendersi le proprie responsabilita’, i troppi no ideologici degli ultimi anni hanno bloccato e impoverito l’Italia. Chiedo al Presidente Draghi di convocare anche imprese e segretari di partito, famiglie e attivita’ produttive non aspettano”. Auspichiamo che non si tratti di una dichiarazione di fine anno, da mescolare e confondere con resoconti e auspici per il 2022. E’ strano che fino ad ora una così precisa richiesta non abbia ancora trovato risposta. Speriamo che l’on. Salvini non si limiti a dichiarare ma operi, anche e soprattutto attraverso la sua rappresentanza nel governo e in Parlamento, a tradurre la dichiarazione in atto concreto. Siamo già in ritardo, con le tariffe energetiche già aumentate e i primi riflessi su tutto il mercato. Non c’è tempo da perdere. By http://www.aduc.it

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

2022 – Immigrati: che sia l’anno della nostra primavera demografica!

Posted by fidest press agency su sabato, 1 gennaio 2022

“Ed ecco sul tronco si rompono gemme: un verde più nuovo dell’erba che il cuore riposa: il tronco pareva già morto, piegato sul botro. E tutto mi sa di miracolo; e sono quell’acqua di nube che oggi rispecchia nei fossi più azzurro il suo pezzo di cielo, quel verde che spacca la scorza che pure stanotte non c’era”. “I primi due versi di questa poesia di Salvatore Quasimodo (Specchio, 1930) – scrive Annapaola Laldi – mi sono balzati nella mente non appena ho sentito parlare alla radio, qualche giorno fa, di un inverno demografico in Italia, una tragedia per la nostra patria. Per me, la situazione difficile di oggi non è una tragedia, ma ci offre, invece, una grande opportunità che, oltre tutto, può dare linfa nuova al nostro Paese senza aumentare la popolazione mondiale che, ricordiamocelo, nel 2020 toccava già i 7,9 miliardi di persone (concentrate nelle zone più povere del pianeta), con un incremento di quasi un miliardo di persone dal 2011, mentre per il 2030 si fanno stime che parlano di circa 8 miliardi e mezzo! E dunque, qui, all’ingresso del 2022, mi piace fare un solenne augurio all’Italia, a noi stessi, a tutti coloro che stanno in Italia, siano nati da famiglie italiche da decine di generazioni o da immigrati. Che il 2022 sia l’anno della primavera demografica del nostro Paese! “Possiamo farlo subito – soggiunge Annapaola Laldi, consulente Aduc – con quel milione di minori stranieri figli di immigrati nati in Italia riconoscendoli cittadini italiani”. E precisa “Se l’Italia, per le due realtà effettive che sono l’invecchiamento della popolazione e il calo delle nascite, appare come “il tronco [che] pareva già morto,/piegato sul botro” della poesia sopra citata, ecco che l’immissione di tutta questa infanzia e gioventù lo rivitalizza all’istante. Che il 2022 sia l’anno della nostra primavera demografica. Che vede un milione fra bambini/e, ragazzi/e, giovanetti/e, che immettono subito linfa nuova nella nostra società – persone giovani e giovanissime che già si sentono italiane e che non vedono l’ora che questo loro sentire sia riconosciuto e confermato da un documento ufficiale della Repubblica Italiana! E, dunque, suvvia, facciamolo cambiamento di rotta!” (fonte: http://www.aduc.it

Posted in Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Omicron: micro variabile, maxi impatto?

Posted by fidest press agency su sabato, 1 gennaio 2022

A cura di Richard Flax, Chief Investment Officer di Moneyfarm. Gli investitori finanziari non sono virologi, ma sfortunatamente hanno le loro opinioni, esplicite o meno. Per riutilizzare un vecchio esempio, nell’aprile 2020, con i mercati sull’altalena, le decisioni degli investitori rispecchiavano di fatto il sentiment rispetto all’andamento del Covid, almeno in termini economici. Quando acquistavano attività rischiose, credevano che l’impatto economico sarebbe stato in qualche modo gestito. Se vendevano voleva dire che erano pessimisti riguardo all’evoluzione dell’epidemia. Un investitore potrebbe ragionevolmente sostenere che, senza un’idea chiara sull’evoluzione della pandemia, la cosa giusta da fare sia vendere. Ma relativamente pochi investitori hanno la possibilità di liquidare tutti i propri asset e la Storia insegna che intercettare il momento giusto per rientrare sui mercati è tutt’altro che facile. Quindi, che piaccia o no, la maggior parte degli investitori dovrà esprimere un’opinione sulla variante Omicron.Cosa dobbiamo pensare, dunque, pur non essendo virologi? La prima certezza è che i dati sono ancora molto prematuri. La variante è troppo nuova, i dati sono insufficienti. Ma, smarcata questa precisazione non secondaria, ci sono alcuni punti che vale la pena toccare. Innanzitutto, il consenso sembra abbastanza chiaro sul fatto che la trasmissibilità sia superiore rispetto alle varianti precedenti. In secondo luogo, la letalità della variante è meno chiara, anche a causa degli interventi sanitari (vaccinazioni o richiami) e della prevalenza dei casi tra i giovani che rendono complesso valutare l’effettiva rischiosità della malattia sulle fasce più a rischio. In terzo luogo, una combinazione di alta trasmissibilità e bassa gravità può ancora causare danni economici e sociali significativi, almeno a breve termine, poiché vari servizi possono faticare a causa della scarsità di risorse. Si pensi che nei Paesi dove il contagio di Omicron è più avanzato gli ospedali stanno andando sotto pressione non tanto per il numero di pazienti troppo elevato, quanto per le numerose defezioni per malattia del personale medico e sanitario. È presto per esprimere un verdetto, ma ci sono alcuni segnali di cauto ottimismo. I mercati si concentreranno non tanto sul dato dei nuovi casi, quanto sulla capacità degli ospedali, e questa è la metrica su cui bisogna concentrarsi. Per ora riteniamo che l’impatto sui mercati finanziari della stessa Omicron sarà di durata relativamente breve e quindi non abbiamo sentito la necessità di apportare modifiche al posizionamento dei nostri portafogli. Continueremo a monitorare i dati nelle prossime settimane.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Azioni europee: il segreto è una selezione dei titoli guidata da una ricerca meticolosa

Posted by fidest press agency su sabato, 1 gennaio 2022

A cura di Ann Steele, Gestore di portafoglio di Columbia Threadneedle Investments. Il virus però ha un effetto deflazionistico e la nuova variante ha spinto in secondo piano i timori di inflazione del 2021.Le banche centrali tentenneranno più a lungo prima di alzare i tassi, i rendimenti obbligazionari sono destinati ad arretrare e il Treasury USA decennale finirà per oscillare tra 130 e 170 pb. L’andamento dei mercati finanziari statunitensi è molto importante per quelli europei.Ci aspetta un inverno difficile, caratterizzato da un’economia a singhiozzo con qualche shock ai ricavi aziendali. Se gli Stati Uniti daranno prova di resilienza, si materializzeranno abbondanti opportunità. Per questi motivi, il segreto è una selezione dei titoli guidata da una ricerca meticolosa. La reazione dei consumatori sarà determinante. È troppo presto per essere ottimisti sulle società di viaggi e tempo libero, mentre alcuni titoli ipervenduti dei beni di prima necessità potrebbero offrire valore, poiché una crescita sicura è una proposizione vincente. In Europa, i titoli del lusso appaiono interessanti. Quelli in cima alla piramide del settore, come Hermes e LVMH, sanno destreggiarsi molto abilmente in questo clima di incertezza, ad esempio posticipando l’uscita dei prodotti e rendendoli più desiderabili, il che spinge i clienti a mettersi di buon grado in lista d’attesa. E non parliamo solo di borse; anche i loro articoli per la tavola sono molto richiesti. Nell’eventualità di un forte calo della domanda, basta attingere alle liste d’attesa. La leadership politica europea è interessata da importanti cambiamenti. L’addio di Angela Merkel dopo 16 anni al timone del governo tedesco potrebbe comportare un aumento della spesa per le infrastrutture, di cui il paese ha disperatamente bisogno. L’esito delle elezioni presidenziali francesi del 2022, cruciale per il Regno Unito ma anche per l’Europa continentale, appare in bilico. Il 2022 si prospetta come un anno a singhiozzo. Una ricerca dettagliata, che favorisca una migliore comprensione delle imprese e dei modelli di business, sarà premiante. Le aziende avvedute che hanno fatto i loro compiti avranno l’occasione di effettuare acquisizioni opportunistiche. Inoltre, non mancheranno le opportunità per una selezione dei titoli intelligente. http://www.columbiathreadneedle.it

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

L’Unione europea è l’area più vaccinata al Mondo

Posted by fidest press agency su sabato, 1 gennaio 2022

I numeri sono lì a dimostrare che l’Unione europea è l’area che fa più vaccinazioni al Mondo. Infatti, il 69% della popolazione comunitaria è stata vaccinata con due dosi, mentre la media mondiale è del 48%, inoltre, la UE esporta vaccini in tutto il mondo, in particolare in quelli a basso e medio reddito.E’ il risultato del lavoro della Commissione europea che, nonostante le ingiustificate critiche iniziali, ha continuato a coordinare l’acquisto dei vaccini anti Covid 19, distribuendoli ai Paesi membri.E’ in corso, dal maggio scorso, il terzo programma di acquisto di dosi di vaccini che prevede, tra l’altro, l’acquisto di 1,8 miliardi di dosi di vaccino Pfizer, oltre a contratti con altre case farmaceutiche. In considerazione delle attuali e delle nuove varianti del virus SARS-CoV-2, la Commissione e gli Stati membri stanno negoziando nuovi accordi con le imprese già incluse nel portafoglio di vaccini dell’UE, che consentirebbe di acquistare rapidamente vaccini adattati in quantità sufficienti a rafforzare e prolungare l’immunità.L’obiettivo è immunizzare l’intera popolazione comunitaria, sempre che gli Stati membri attivino rapidamente le procedure di vaccinazione.Primo Mastrantoni, Aduc

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

In libreria “L’enigma del giovane Papa” di Gerri Frate

Posted by fidest press agency su sabato, 1 gennaio 2022

È in libreria “L’Enigma del giovane Papa” (edizioni “Una vita di stelle”, Bologna, 2021), romanzo fantasy opera prima dell’esordiente perugino Gerri Frate. Frate immagina la storia di Giorgio, giovane debole e dalla vita carica di contraddizioni, la cui esistenza corre sulla falsariga di avvenimenti non eccezionali: la scuola, il primo lavoro, l’innamoramento, i progetti di vita.Ma nella vita di Giorgio si fanno strada via via avvenimenti sempre più incredibili; il giovane è anche vittima di una congiura che, da giovane candidato quasi vincente, alla vigilia delle elezioni lo trasforma in un accusato di gravi reati che lo condanneranno in carcere. Una vicenda surreale che Giorgio vive quasi come in un sogno e che si rivelerà effettivamente tale.Ma Giorgio è destinato ad un ruolo impensato: quello di diventare un giovane Papa. Ad appena 23 anni, diventa Papa Gabriele. Un segno del destino, un miracolo, immagini e fenomeni che si muovono dalla Cappella Sistina a Casa Santa Marta, dal suo paese natale fino alla chiesa dei Gesuiti a Roma, dal Vaticano fino alla sede della chiesa ortodossa.Una storia sospesa tra il sogno e la realtà, tra le visioni ed il ritorno alla normalità dell’esistenza, in cui il giovane fatica a muoversi. Miracoli, magie, stregonerie, viaggi nell’oltretomba, complotti immaginifici e bizzarri, scene crude di dolore e di violenza, ma anche allegorie che fanno dipanare la storia lungo sentieri carichi di suspense e di trepidazione: il protagonista ed alcuni suoi collaboratori saranno impegnati in una lotta senza quartiere contro la forza delle tenebre, rappresentata dall’organizzazione segreta Typan e dal “maestro del male”.La narrazione scorre lungo binari sempre diversi e con continui capovolgimenti di fronte, con un linguaggio essenziale ed avvolgente. Avventure, sorprese, momenti di lucida follia, morte e distruzione, ma anche la forza travolgente del Bene che riesce a trionfare sul Male, la forza della fede in Dio che sconfigge la potenza di Satana. Più volte Gabriele sarà ad un passo dalla morte e la morte aleggia e si materializza più volte, assumendo anche i contorni più truci, ma senza mai interrompere i fili di una narrazione che si presenta come un vero e proprio thriller nutrito da una fantasia senza confine.È stato definito “un’allegoria bizzarra e innovativa dei tempi moderni, allegoria di Dio e del Diavolo, delle forze del bene in contrasto perenne ed emblematico con le forze del male, simbolica battaglia per la salvezza del mondo o almeno di qualche anima”. La storia di Giorgio Angelini, “un ragazzo qualunque che da giovane di strada evolve a candidato politico e a giovane Papa, Papa Gabriele. Una paradossale vicenda a dimostrazione che forze magnifiche regolino e comandino i nostri destini”.

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Jones Day nella prima cartolarizzazione Cqs di Dynamica Retail con il ruolo di master servicer

Posted by fidest press agency su sabato, 1 gennaio 2022

Jones Day ha assistito Intesa Sanpaolo, come arranger e (attraverso la propria piattaforma conduit) anche quale investitore senior, nella nuova cartolarizzazione di crediti derivanti da prestiti personali assistiti da cessione/delegazione del quinto dello stipendio/della pensione (c.d. “cqs”) erogati da Dynamica Retail, per un importo complessivo di poco meno di 57 milioni di euro. Jones Day ha assistito Intesa Sanpaolo, con un team guidato dal socio Vinicio Trombetti, affiancato da Giuseppina Pagano. Carla Calcagnile (Of Counsel) ha prestato assistenza per la parte fiscale. La cartolarizzazione è stata implementata con l’emissione di tre classi di titoli da parte della società per la cartolarizzazione dei crediti “Rainbow SPV S.r.l.”, ai sensi della legge 130/1999. I titoli hanno una struttura “partly paid”.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Scuola: Rientro dalle vacanze e la pandemia

Posted by fidest press agency su sabato, 1 gennaio 2022

Si riscontrano oggettive criticità nella gestione dei tracciamenti dei contatti stretti e della complessità delle procedure di comunicazione alle Usca di riferimento. Nella Nota tecnica sono state date indicazioni alle scuole per l’individuazione e la gestione dei contatti di casi di infezione da SARS-CoV-2 in ambito scolastico che hanno suscitato tanto clamore tra gli operatori della scuola e, in particolare, tra i referenti scolastici covid19 a tal punto da indurre il Presidente dell’Ancodis Rosolino Cicero a chiedersi se le scuole fossero diventate delle dépendance dei Dipartimenti di prevenzione.Infatti, si legge che “Nel caso in cui le autorità sanitarie siano impossibilitate ad intervenire tempestivamente o comunque secondo la organizzazione di regione/P.A. o ASL….” e purtroppo, come avevamo previsto – anche sulla base dell’esperienza dello scorso anno scolastico – si sono scaricati sui referenti scolastici covid19 i già ben noti oneri e nuove procedure richieste dai dipartimenti di prevenzione locali che hanno complicato e reso oggettivamente insostenibile il carico di lavoro e le incombenze comunicative “imposte” nell’espletamento nell’incarico tutti i giorni della settimana e anche fuori dall’orario di servizio. Viene richiesto al referente covid di dare la tempestiva comunicazione alle famiglie per l’esecuzione del test T0 e di acquisire dalle stesse famiglie l’esito del T0, di trasmettere i dati anagrafici, i contatti telefonici e gli indirizzi mail di tutti i contatti stretti integrata degli esiti del test T0 e di provvedere tempestivamente a inoltrare i referti dei tamponi eseguiti presso altre strutture convenzionate. Viene, infine, richiesto al referente covid – al fine di assicurare una precisa valutazione globale del gruppo classe – di segnalare con sollecitudine eventuali notizie di nuove positività. Non possiamo non rilevare che la previsione “Nel caso in cui le autorità sanitarie siano impossibilitate ad intervenire tempestivamente o comunque secondo la organizzazione di regione/P.A. o ASL….” ha portato di fatto ad assegnare ulteriori carichi di lavoro per il Referente scolastico covid! Un carico di lavoro snervante che impone un quotidiano monitoraggio, una reperibilità per l’intero giorno e una responsabilità nella trasmissione di dati sensibili!Nell’ultimo rapporto ISS si rileva che la diffusione della variante Omicron tra i casi totali diagnosticati per il 26% interessa gli under 20. Questo dato induce i referenti scolastici covid a una seria preoccupazione poiché, al rientro dalle vacanze di Natale, avremo una assoluta incertezza sui numeri dei casi che ci attenderanno.“Per questa ragione – afferma Cicero – i referenti scolastici covid iscritti ad Ancodis ritengono la loro condizione di lavoro non più sostenibile; chiedono l’attenzione al Ministro e alle organizzazioni sindacali con l’esplicita denuncia sulle condizioni di lavoro alle quali sono stati e saranno impegnati per l’espletamento dell’incarico. Rivendicano il diritto a un’indennità di reperibilità oltre l’orario di servizio, ad uno specifico riconoscimento contrattuale e una tutela giuridica fino al perdurare dello stato di emergenza e annunciano alla ripresa delle attività didattiche di gennaio – in caso di indifferenza istituzionale – l’intenzione di svolgere l’incarico esclusivamente nei giorni feriali e limitatamente al servizio scolastico in orario antimeridiano”. Ancodis chiede il RISPETTO del lavoro di migliaia di donne e uomini in “trincea” nel contenimento della diffusione del covid dentro le scuole.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Trend di consegna per il 2022

Posted by fidest press agency su sabato, 1 gennaio 2022

Con la pandemia, ordinare online è diventato parte della nostra routine; nel 2020, il numero dei pacchi inviati in tutto il mondo è infatti cresciuto di uno straordinario 27%. Dopo un anno del genere era difficile immaginare che quest’anno potesse essere ancora più proficuo per il settore e-commerce, ma il 2021 ha battuto record su record, soprattutto nel primo trimestre.Dovendo gestire volumi di pacchi senza precedenti, corrieri e rivenditori si sono ingegnati e sono ricorsi a soluzioni creative. A partire da queste premesse, Rob van den Heuvel (CEO di Sendcloud) condivide i trend di consegna che cambieranno il sistema di delivery nel 2022. 1. La rivoluzione dell’ultimo miglio: nuove modalità di consegna e robotizzazione. Nel prossimo futuro vedremo quindi scomparire l’uomo dal processo di consegna a favore di un sistema automatizzato con protagonisti robot e veicoli elettrici. 2. I consumatori stanno diventando sempre più esigenti e vogliono scegliere loro dove, quando e come ricevere il proprio pacco. Non a caso, per il 81% dei consumatori la flessibilità è un elemento importante nelle opzioni di consegna, mentre un altro 67% richiede la possibilità di cambiare la fascia oraria di consegna anche quando il pacco è già in viaggio. 3. Con il crescente volume di pacchi, le mancate consegne stanno diventando un problema sempre più frequente. Questo causa frustrazione tra i consumatori e rappresenta anche un costo significativo per i rivenditori. I big data possono aiutare a rendere l’ultimo miglio di consegna più efficiente e ad aumentare le possibilità di successo della consegna.Per bilanciare il cost-to-serve e ottimizzare il processo di consegna, l’Address intelligence può aiutare a identificare reti e opzioni di consegna (e resi) alternative per aree specifiche. Nel futuro, quindi, rivenditori e corrieri si affideranno sempre di più all’Address intelligence per adattare le loro catene di fornitura alle nuove esigenze di mercato e diventare così più efficienti. 4. Con la firma del Green Deal europeo nel luglio 2021, la ricerca di metodi di consegna sostenibili è più urgente che mai. Molti corrieri stanno per questo cercando di rendere le loro operazioni più sostenibili. 5. Il 2021 è stato sicuramente l’anno del fattorino flash. Gruppi come Zapp, Getir, Flink e Gorillas hanno spopolato tra le città europee con la promessa di consegnare la spesa in soli dieci minuti. Proprio per questo, i consumatori stanno diventando generalmente più pazienti quando si tratta dei tempi di consegna degli ordini online. Mentre nel 2020 i consumatori si aspettavano di ricevere i loro ordini entro un massimo di 4 giorni, ora sono disposti ad aspettare fino a 5 giorni. I tempi di consegna più richiesti e desiderabili sono quindi in evoluzione e dipenderanno da fattori e standard di sostenibilità sempre più complessi.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

See beneath the Greenland ice sheet through the noise of the Earth

Posted by fidest press agency su sabato, 1 gennaio 2022

Produced high-resolution images of the rocks beneath the Greenland ice sheet through seismic waves.Using the ‘noise’ generated by ocean storms to create a detailed model of the geological conditions underlying the Greenland ice sheet. This is the goal that an international team of researchers from Swansea University and University College London set themselves in collaboration with the Italian Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (INGV), in the study “Uppermost crustal structure regulates the flow of the Greenland Ice Sheet” published in the journal Nature Communications.”The Greenland ice sheet”, explains Andrea Morelli, researcher at INGV and co-author of the study, “is the second largest freshwater reservoir on Earth. However, the rate of ice mass loss has increased sixfold since 1991, which represents about 10% of the recent global sea level rise”.The geological conditions of the ground under an ice sheet or glacier play a key role in determining the movements of the ice and identifying which areas are the most susceptible.”The main factors to consider”, continues Morelli, “include the geological composition of the rock layers, the temperature of the underlying earth’s crust and the amount of water present in liquid form between the rock and ice, since it acts as a lubricant accelerating the flow towards the ocean with the consequent rise in sea level”.The problem, however, is how to assess what is happening deep underground, as the rock is covered in a layer of ice about 2.5 kilometers thick.”By measuring the shape and speed of the seismic waves – called ‘Rayleigh’ – extracted from the earth’s noise”, adds the researcher, “we were able to map what is happening down to 5 kilometers below the Greenland ice sheet. These waves travel along the Earth’s surface and are sensitive to changes in the properties of the Earth”.The researchers, therefore, by analyzing the seismic waves were able to elaborate high resolution images which, as Andrea Morelli says, “showed that the low velocities in the upper crust tend to be associated with the main outlet glaciers along the edge of the ice cap and to the high flow of geothermal heat produced, over the course of geological history, by the same deep structure now responsible for volcanism in Iceland. Basal ice may affect the increase in ice flow velocity at the Petermann glacier and in the Northeastern Greenland Ice Stream”.“The research”, he concludes, “highlights the importance of the interaction between solid earth and the dynamics of the ice cap. These interactions control past, present and future flow dynamics and must be adequately explored and implemented in models of the ice sheet”. (font: Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia – INGV)

Posted in Cronaca/News, Università/University | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Vedere al di sotto della calotta glaciale della Groenlandia attraverso il rumore della Terra

Posted by fidest press agency su sabato, 1 gennaio 2022

Avvalersi del ‘rumore’ generato dalle tempeste oceaniche per creare un modello dettagliato delle condizioni geologiche sottostanti la calotta glaciale della Groenlandia. È l’obiettivo che si è posto un team internazionale di ricercatori della Swansea University e University College London in collaborazione con l’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (INGV), nello studio “Uppermost crustal structure regulates the flow of the Greenland Ice Sheet“ pubblicato sulla rivista Nature Communications. Le condizioni geologiche del terreno sotto una calotta glaciale o un ghiacciaio giocano un ruolo chiave nel determinare i movimenti dei ghiacci e identificare quali aree sono le più suscettibili. Il problema, tuttavia, è come valutare ciò che sta accadendo in profondità nel sottosuolo, in quanto la roccia è ricoperta da uno strato di ghiaccio spesso circa 2,5 chilometri. “Misurando la forma e la velocità delle onde sismiche – chiamate ‘di Rayleigh’ – estratte dal rumore terrestre”, aggiunge il ricercatore, “siamo stati in grado di mappare ciò che sta accadendo fino a 5 chilometri al di sotto della calotta glaciale della Groenlandia. Queste onde, viaggiano lungo la superficie terrestre e sono sensibili alle variazioni delle proprietà della Terra”.I ricercatori, quindi, analizzando le onde sismiche sono riusciti ad elaborare immagini ad alta risoluzione che, nelle parole di Andrea Morelli, “hanno mostrato che le basse velocità nella crosta superiore tendono ad essere associate ai principali ghiacciai di sbocco lungo il margine della calotta glaciale e all’elevato flusso di calore geotermico prodotto, nel corso della storia geologica, dalla stessa struttura profonda ora responsabile del vulcanismo in Islanda. I ghiacciai meno spessi sono particolarmente suscettibili allo scorrimento sui sedimenti subglaciali deformabili, mentre il riscaldamento geotermico e il conseguente ammorbidimento del ghiaccio basale possono influenzare l’aumento di velocità del flusso di ghiaccio al ghiacciaio Petermann e nella corrente di ghiaccio della Groenlandia nordorientale”. “La ricerca”, conclude Andrea Morelli, “evidenzia l’importanza dell’interazione tra la terra solida e la dinamica della calotta glaciale. Queste interazioni ne controllano le dinamiche di scorrimento passate, presenti e future e devono essere adeguatamente esplorate e implementate nei modelli della calotta glaciale”. The flow of the Greenland Ice Sheet is controlled by subglacial processes and conditions that depend on the geological provenance and temperature of the crust beneath it, neither of which are adequately known. Here we present a seismic velocity model of the uppermost 5 km of the Greenlandic crust. We show that slow velocities in the upper crust tend to be associated with major outlet glaciers along the ice-sheet margin, and elevated geothermal heat flux along the Iceland hotspot track inland. Outlet glaciers particularly susceptible to basal slip over deformable subglacial sediments include Jakobshavn, Helheim and Kangerdlussuaq, while geothermal warming and softening of basal ice may affect the onset of faster ice flow at Petermann Glacier and the Northeast Greenland Ice Stream. Interactions with the solid earth therefore control the past, present and future dynamics of the Greenland Ice Sheet and must be adequately explored and implemented in ice sheet models. (fonte: Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia – INGV)

Posted in Cronaca/News, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Un anno da Draghi di Marco Cecchini

Posted by fidest press agency su sabato, 1 gennaio 2022

La metamorfosi di un banchiere Collana Le terre. Racconta come, nel ruolo di presidente del Consiglio, Draghi abbia archiviato con sorprendente disinvoltura il Draghi banchiere e tecnocrate. Con la premiership Draghi ha chiuso una carriera straordinaria all’ombra dei poteri finanziari mondiali, iniziata come direttore del Tesoro e proseguita come governatore della Banca d’Italia, capo della BCE e “salvatore” dell’euro. Oggi sembra essere in pole position nella corsa al Quirinale.

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Sonata d’inverno di Dorothy Edwards

Posted by fidest press agency su sabato, 1 gennaio 2022

Collana Le strade Per tutti gli amanti dei classici, arriva, per la prima volta in Italia, l’unico romanzo di Dorothy Edwards, la ragazza gallese accolta nel Bloomsbury Group da Virginia Woolf. Un romanzo quieto, intimo, nel quale il silenzio e la solitudine della condizione umana sono i grandi protagonisti e gli stati d’animo dei personaggi si rivelano attraverso gli sguardi e il rapporto con il paesaggio.Fazi Editore

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Cuori in trappola di Jennifer Hillier

Posted by fidest press agency su sabato, 1 gennaio 2022

In libreria dal 13 gennaio. Collana Darkside. Un avvincente thriller psicologico in cui protagonista è il fascino torbido delle doppie vite degli adolescenti di provincia. Candore e perversione, ossessione e gelosia: le atmosfere di Twin Peaks. Questa è la storia di tre amici: una è stata assassinata, una è finita in prigione e il terzo ha cercato di scoprire la verità nel corso degli anni. Con più di 100.000 copie vendute negli USA, Cuori in trappola è in corso di traduzione in 13 paesi e già ne sono stati venduti i diritti cinematografici. Fazi Editore

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Guerra di infanzia e di Spagna

Posted by fidest press agency su sabato, 1 gennaio 2022

Fabrizia Ramondino Collana Le strade Con la prefazione di Nadia Terranova. Torna in libreria, con Guerra di infanzia e di Spagna, una delle autrici più importanti del Novecento italiano, amata da scrittrici come Elsa Morante, Anna Maria Ortese e Natalia Ginzburg. Fabrizia Ramondino è stata in grado di mescolare in maniera ipnotica storia, finzione e autobiografia, scavando nell’intimità e nei conflitti interiori delle sue protagoniste. Fazi Editore

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Enni Cavalli: Amore manifesto

Posted by fidest press agency su sabato, 1 gennaio 2022

Collana i Venti, pp. 160, 20 euro con le note di Dacia Maraini e Pupi Avati. In queste pagine trovano spazio personaggi fiabeschi, della letteratura classica e della mitologia, o “l’amore dai cento coltelli”, indagato con ironia e passione in tutte le sue zone d’ombra, dal disincanto al disamore.Le poesie di questa raccolta si rivolgono prevalentemente a figure femminili senza nome. Un indefinito tu connette idealmente versi e raffigurazioni a una sensibilità neostilnovistica, del tutto inedita, in cui l’amata non è necessariamente reale, talvolta nemmeno conosciuta, secondo un caleidoscopio di esperienze che nelle parole di Pupi Avati sono “d’amore, di affetto, di riconoscenza, di nostalgia e speranza”. La lingua di Ennio Cavalli, raffinata e diretta, ricca di riferimenti “rubati” al quotidiano e di incursioni prosastiche, colloca queste poesie su un piano umano e contemporaneo di notevole consistenza e risonanza. Un Amore manifesto che è anche Manifesto d’amore, progetto stilistico e visione d’insieme abitati, secondo Dacia Maraini, da uno “sguardo filosofico” volto a scandagliare le diverse declinazioni di ciò che resta oggi dell’amore.

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Drago Jancar: E l’amore anche ha bisogno di riposo

Posted by fidest press agency su sabato, 1 gennaio 2022

Collana Oceani, pp. 400, 20 euro. Il più importante scrittore sloveno vivente torna con il suo capolavoro. “Uno scrittore che riprende e rinnova, con assoluta originalità, la grande tradizione del romanzo mitteleuropeo.” Claudio Magris. Dopo l’occupazione della Jugoslavia da parte delle forze tedesche nel 1941, la città slovena di Maribor, storicamente una città di lingua tedesca con una grande minoranza germanica, viene annessa al Terzo Reich. Nella città ribattezzata Marburg an der Drau, coloro che fino al giorno prima erano vicini e amici vengono separati, e sulle colline circostanti viene organizzato un movimento di resistenza. I tre personaggi al centro del romanzo sono Valentin, un combattente della resistenza partigiana, la sua ragazza Sonja e l’ufficiale delle SS Ludwig, un tempo chiamato Ludek. Valentin viene arrestato dalla SS, accusato di cospirazione. Sonja sa di esercitare un certo fascino su Ludwig e lo usa per ottenere la liberazione di Valentin. Valentin sospetta che Sonja, per salvarlo, si sia concessa a Ludwig e parte per le montagne, per unirsi alla Resistenza. Qui, dopo alcuni mesi, rincontrerà la sua Sonja. Ma la rivalità con Ludwig è appena iniziata. Un romanzo avvincente, romantico, pieno di passioni, del più importante scrittore sloveno contemporaneo.

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Kamel Daoud: Il pittore che divora le donne

Posted by fidest press agency su sabato, 1 gennaio 2022

Collana le Onde, pp. 208, 15 euro. Uno dei più grandi scrittori arabi, vincitore del Premio Goncourt e del Prix Méditerranée, rivisita il tema dei nudi, del desiderio e della femminilità. Una passeggiata notturna all’interno del Museo Picasso diventa il pretesto per una riflessione, per parlare di eros, di corpi, di cannibalismo, di erotismo, corpi nudi. Immerso in un’atmosfera onirica, in un luogo senza tempo popolato dai personaggi dei quadri di Picasso, Daoud si immedesima in un novello Robinson Crusoe di provenienza arabo-musulmana, di nome Abdellah, e riflette sul differente impatto che la nudità femminile ha nella cultura araba e sul concetto stesso di museo. Un libro divertente e coraggioso, ancora una volta una grande testimonianza di libertà, da parte di un autore su cui pesa la condanna a morte da parte dei fondamentalisti musulmani. In libreria dal 27 gennaio

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Edith Bruck: lettera alla madre

Posted by fidest press agency su sabato, 1 gennaio 2022

Collana Oceani, pp. 128, 16 euro Nuova introduzione dell’autrice In occasione del Giorno della Memoria, il libro più intimo e doloroso di una eccezionale testimone del nostro tempo, sopravvissuta al Male del Novecento. Scritto all’indomani della morte di Primo Levi, Lettera alla madre è un “dialogo in forma di soliloquio” in cui, accanto a temi cruciali per l’opera di Edith Bruck, quali il racconto del trauma vissuto in prima persona nei campi di concentramento dell’Europa Centrale, la propria diaspora famigliare e il dramma storico della Shoah, l’autrice affronta, attraverso una prospettiva intima, la contrapposizione tra fede religiosa e laicità e propone una profonda riflessione su cosa significhi per un superstite dell’Olocausto avere la responsabilità di esserne testimone. Il confronto serrato e a tratti impietoso con la figura della madre, ebrea ungherese saldamente ancorata alle tradizioni, diventa il luogo per la rievocazione di un’infanzia sospesa tra ricordi e fantasmi, per un’analisi delle proprie scelte, improntate a un radicale laicismo, e per una interrogazione di sé e del proprio valore testimoniale.

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Fabrizio Gatti Bilal: Il mio viaggio da infiltrato verso l’Europa

Posted by fidest press agency su sabato, 1 gennaio 2022

Collana i Grandi Delfini, pp. 496, 17 euro, con un prologo inedito dell’autore. Torna in una nuova edizione un best seller tradotto in Francia, Germania, Norvegia e Svezia. Un capolavoro della narrazione d’inchiesta premiato in tutta Europa, vincitore tra gli altri del Premio letterario internazionale Tiziano Terzani 2008, dello Human Rights Award 2014 e del Premio Ryszard Kapuściński 2021. Questo libro è il racconto di un viaggio straordinario e insieme un’inchiesta unica al mondo. Per quattro anni Fabrizio Gatti ha cambiato il suo nome in Bilal per trasformarsi in un migrante clandestino e raccontare, in prima persona, il dramma di chi si mette in marcia per conquistare una vita migliore al di qua del Mediterraneo. Con pochi soldi in tasca, un borsone di vestiti leggeri, la colla sulle dita per nascondere le impronte e non essere identificato, Gatti è salito sui camion che attraversano il deserto del Sahara e portano migliaia di migranti sulle coste del Nordafrica. Ha incontrato terroristi di Al-Qaida e scafisti senza scrupoli. Si è infiltrato tra i trafficanti come autista di un boss. È stato recuperato in mare, è sbarcato a Lampedusa. Lo hanno arrestato e ha lavorato nelle campagne del Sud tra i braccianti in condizioni disumane. Durante questo viaggio Fabrizio Gatti ha scoperto le voci dei protagonisti, i nomi dei criminali, le complicità dei governi, gli interessi economici e politici di chi guadagna dal traffico dei nuovi schiavi. E ha raccontato in questo libro la cronaca – drammatica, appassionante e tutta reale – della più grande avventura umana del terzo millennio. In libreria dal 20 gennaio

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »