Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 34 n° 349

Archive for 10 gennaio 2022

Spettacolo di danza contemporanea “Graces”

Posted by fidest press agency su lunedì, 10 gennaio 2022

Bomporto (Mo) 12 gennaio Inizio alle 21, biglietto intero 10 euro, ridotto 7 euro. E’ coreografato e interpretato da Silvia Gribaudi, al Cinema Teatro Comunale. E’ curato da ATER Fondazione in collaborazione con l’Amministrazione comunale. Sul palco con Silvia Gribaudi, i danzatori Siro Guglielmi, Matteo Marchesi e Andrea Rampazzo. La drammaturgia è della stessa Gribaudi con Matteo Maffesanti; disegno luci di Antonio Rinaldi, costumi di Elena Rossi. Una coproduzione Zebra/Santarcangelo Festival. Graces è un progetto di performance ispirato alla scultura e al concetto di bellezza e natura che Antonio Canova realizzò tra il 1812 e il 1817. L’ispirazione è mitologica. Le 3 figlie di Zeus -Aglaia, Eufrosine e Talia- erano creature divine che diffondevano splendore, gioia e prosperità. In scena tre corpi maschili, tre danzatori (Siro Guglielmi, Matteo Marchesi, Andrea Rampazzo) dentro ad un’opera scultorea che simboleggia la bellezza in un viaggio di abilità e tecnica che li porta in un luogo e in un tempo sospesi tra l’umano e l’astratto. Qui il maschile e il femminile si incontrano, lontano da stereotipi e ruoli, liberi, danzando il ritmo stesso della natura. In scena anche l’autrice Silvia Gribaudi che ama definirsi “autrice del corpo” perché la sua poetica trasforma in modo costruttivo le imperfezioni elevandole a forma d’arte con una comicità diretta, crudele ed empatica in cui non ci sono confini tra danza, teatro e performing arts. Negli ultimi 10 anni Silvia Gribaudi si è interrogata sugli stereotipi di genere, sull’identità del femminile e sul concetto di virtuosismo nella danza e nel vivere quotidiano, andando oltre la forma apparente, cercando la leggerezza, l’ironia e lo humour nelle trasformazioni fisiche, nell’invecchiamento e nell’ammorbidirsi dei corpi in dialogo col tempo. Graces si è realizzato grazie allo sguardo registico e visivo di Matteo Maffesanti (regista, formatore e videomaker) che ha seguito con Silvia Gribaudi tutto il processo artistico che si è sviluppato con tappe di lavoro che comprendevano laboratori con cittadini sui materiali coreografici. Vivaticket http://www.vivaticket.it

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Teatro: debutta in prima nazionale “Psycho”

Posted by fidest press agency su lunedì, 10 gennaio 2022

Roma Da venerdì 14 a domenica 16 gennaio 2022 OFF/OFF Theatre, in Via Giulia 19, 20, 21 debutta in prima nazionale “Psycho”, testo liberamente ispirato al cinema di Alfred Hitchcock e all’omonimo romanzo di Robert Bloch, da cui è tratto lo spettacolo scritto e diretto da Giovanni Franci, con protagonisti Giuseppe Claudio Insalaco e Alessandra Muccioli in una produzione di Fondamenta Teatro e Teatri e con le elaborazioni digitali di Nuvole Rapide Produzioni. “Psycho” è l’ultimo lavoro del drammaturgo Franci, che descrive in scena la cronaca di uno scontro feroce tra l’universo femminile e quello maschile, all’ombra di Hitchcock, rappresentato in un corto circuito tra linguaggio teatrale e linguaggio cinematografico.Costo Biglietti: Intero 25€; Ridotto Over 65 18€; Ridotto Under35 15€ – Dal Martedì al Sabato h.21,00 – Domenica h.17,00 SITO: http://off-offtheatre.com/

Posted in Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Teatro: Er Mostro de Roma

Posted by fidest press agency su lunedì, 10 gennaio 2022

Roma Dal 20 al 23 gennaio 2022 (Da giovedì a sabato ore 21, domenica ore 17:30 biglietto intero 12, ridotto 10 prevista tessera associativa) Teatro Trastevere Il Posto delle Idee via Jacopa de’ Settesoli 3. Approda al Teatro Trastevere a Roma lo Spettacolo Evento ER MOSTRO DE ROMA-la drammatica storia di Girolimoni- per la regia di Vanina Marini, da un testo di Simone Giacinti, in scena Massimo Genco e Simone Giacinti. Abbiamo deciso di raccontare questa storia perché è una storia di silenzio. Il silenzio che è calato su Roma dopo che un uomo è stato accusato ingiustamente di essere un serial Killer di bambine. Abbiamo deciso di raccontare questa storia perché è una storia di ingiustizia. L’ingiustizia del potere che mette a tacere la sua incompetenza servendosi di un capro espiatorio. Abbiamo deciso di raccontare questa storia per dare pace alle anime di bambine che non hanno mai avuto giustizia, per liberare Giuseppe Dosi dai sensi di colpa, per restituire a Gino Girolimoni la vita che gli è stata rubata. Per raccontare una storia di amicizia che nasce dal desiderio comune della ricerca della verità sul senso della vita. Per urlare che serve a poco essere innocenti quando ormai l’unico motivo per cui esisti è la tua colpevolezza. Ci piace pensare che dopo che avremo urlato nel cuore di Trastevere che le cose non sono come spesso ci fanno credere, allora da qualche parte nel mondo i bambini giocheranno di nuovo a campana per la strada, qualcuno porterà le scarpe a risuolare, qualcuno smetterà di credersi pazzo e qualcuno troverà un angolo di pace. Anche solo per un attimo.” http://www.teatrotrastevere.it

Posted in Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Golden Globe: “Drive my car” in volata per il miglior film straniero

Posted by fidest press agency su lunedì, 10 gennaio 2022

Golden Globe in volata per il miglior film in lingua straniera, dove “Drive my car” compie lo scatto forse decisivo su “È stata la mano di Dio”. Il film del giapponese Hamaguchi guadagna ancora terreno tra i bookmaker, con la quota per la vittoria che scende da 1,48 a 1,35 su Planewin365. Stabile, invece, l’opera di Paolo Sorrentino, ancora a quota 3,40. Rimangono lontani gli altri concorrenti: “Un eroe” dell’iraniano Farhadi è a 5, “Madres paralelas” di Almodovar vale 13, mentre il finlandese “Scompartimento n. 6” chiude a 19.Sfida a due anche per il miglior film drammatico: in questo caso è Belfast (a 1,90) a partire favorito su Stanleybet.it, seguito da “Il potere del cane” a 2,50 e da “Una famiglia vincente” a 5. Lontani invece “Dune” (16) e “CODA” (23). Tra i musical e le commedie vola “West side story” a 1,30, con “Licorice Pizza” a 3,00. Snobbato “Don’t look up”, solo a 16 alla pari con “Tick, Tick Boom”, “Cyrano” è ultimo a 26.Nette le scelte per i premi agli attori: tra i protagonisti maschili in film drammatici la strada è in discesa per Will Smith (“Una famiglia vincente”) a 1,47, mentre per i musical e commedie le preferenze vanno ad Andrew Garfield (“Tick, tick boom”) a 1,34. Kristen Stewart si prende la scena tra le attrici drammatiche, a 1,50 per “Spencer”, Rachel Zegler è invece la prima scelta per la categoria musical e commedie, a 1,65 con “West side story”.Unanime, infine, il giudizio per il miglior regista, con Jane Campion (“Il potere del cane”) che svetta tra 1,47 e 1,50, seguita da Kenneth Branagh (2,70, “Belfast”), Steven Spielberg (7,00, “West side story”), Denis Villeneuve (18 “Dune”) e Maggie Gyllenhaal (36, “The Lost Daughter”).

Posted in Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Scuola: In Sicilia rientro in classe rinviato a non prima del 13 gennaio

Posted by fidest press agency su lunedì, 10 gennaio 2022

In Sicilia si tornerà a fare lezione in classe non prima di giovedì prossimo: la decisione è stata presa oggi dalla task force composta da Regione, sindaci, presidi, rappresentanti degli studenti. La decisione di rinviare la riapertura delle scuole di tre giorni è stata presa dal governo regionale per consentire di verificare tutti gli aspetti organizzativi. E non è certo che il 13 gennaio si tornerà sui banchi di scuola: perché mercoledì la task force tornerà a riunirsi per verificare la situazione dei contagi presenti in Sicilia. Dal 10 al 12 gennaio non si ricorrerà però alla dad: il calendario scolastico prevede infatti almeno 200 giorni di scuola e in Sicilia, all’inizio, ne erano stati previsti 207. Quindi la decurtazione non incide sul computo totale minimo. “Ha avuto un primo importante riscontro la richiesta formulata da alcuni sindacati, tra cui Udir, e tanti presidi, con una petizione, di non tornare subito in classe dopo la fine delle vacanze natalizie – commenta Marcello Pacifico, presidente nazionale Udir -: lo dimostra la testimonianza dell’assessore Roberto Lagalla, che sempre stamane ha ricordato che da più parti sono arrivate alla Regione richieste di posticipare il rientro in presenza delle attività didattiche”.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Scuola: Formazione obbligatoria e reclutamento

Posted by fidest press agency su lunedì, 10 gennaio 2022

Anief apprezza la proposta del ministro Patrizio Bianchi di aprire a degli incontri tematici sulla formazione obbligatoria del personale e sul reclutamento, attraverso un calendario fitto di incontri: lo dice il leader del giovane sindacato, Marcello Pacifico, commentando le dichiarazioni del ministro dell’Istruzione durante l’incontro con i sindacati, ponendo però da subito delle condizioni: “Certamente – dichiara il presidente Anief ad Italia Stampa – la formazione deve essere un elemento fondante nella vita professionale di tutti i lavoratori della scuola, ma va anche necessariamente retribuita, come ci ha ricordato la Corte di Giustizia Europea. E deve essere svolta durante l’orario di servizio”. “Sul nuovo reclutamento del personale siamo convinti – ha aggiunto il sindacalista autonomo, fautore del doppio canale di assunzioni, quindi anche direttamente da graduatoria – che dobbiamo trovare una soluzione che finalmente fornisca una risposta concreta agli oltre 200mila precari in servizio nelle nostre scuole. Questo perché i piani realizzati dei governi degli ultimi cinque anni, con i concorsi straordinari e riservati, si sono dimostrati fallimentari: vogliamo discutere, abbiamo le nostre proposte per combattere la piaga della precarietà della scuola”.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Scuola, R.Iardino: “Dad costi troppo elevati per le famiglie”

Posted by fidest press agency su lunedì, 10 gennaio 2022

“La scuola ha un ruolo cruciale nella lotta a questo virus e alla ripresa del Paese, la didattica a distanza non è funzionale al perseguimento di questi obiettivi, per questo concordo con la scelta responsabile del Ministro Bianchi e del Presidente Draghi del rientro tra i banchi di scuola lunedì”. È quanto dichiara Rosaria Iardino, Presidente della Fondazione The Bridge, che in autunno ha pubblicato un’importante ricerca riferita all’impatto dell’influenza stagionale sulle famiglie “LA MEDICINA SCOLASTICA TRA PASSATO E FUTURO”, dalla quale è emerso che l’80% dei genitori intervistati ritiene che i costi sociali indiretti dell’influenza siano elevati per le famiglie italiane. Basti pensare che, quando un figlio si ammala d’influenza, il 49% degli intervistati afferma che almeno un genitore si assenta dal lavoro, mentre il 34,9% richiede l’aiuto di altri famigliari. Si tratta di uno sforzo organizzativo notevole, nonché di una perdita di giorni di lavoro e di produttività, considerato anche il fatto che solo nel 7,5% dei casi la situazione è gestita grazie all’aiuto di persone incaricate della cura dei figli (es. babysitter). “Questi dati- prosegue Iardino- rapportati alla pandemia (positività dei figli e/o DAD) assumerebbero numeri considerevoli e costi troppo alti a carico delle famiglie. L’Associazione nazionale presidi sostiene che lunedì il 10% dei dipendenti della scuola sarà assente, ma per questo non può pagare il 100% degli studenti e soprattutto delle famiglie italiane. La medicina scolastica deve tornare ad essere un tema centrale per rispondere alle esigenze dei nostri ragazzi e tutelarne la salute, anche quella mentale, spesso sottovalutata e trascurata, anche se messa a dura prova durante questa pandemia, per questo dispiace molto che il Bonus Salute Mentale non sia rientrato nella Legge di Bilancio. Una bocciatura che ha deluso molti”.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Prezzi in aumento. Quando l’intervento dello Stato crea danni

Posted by fidest press agency su lunedì, 10 gennaio 2022

In Italia e in tutto il mondo i prezzi stanno aumentando, con percentuali di inflazione che non si vedevano da diverso tempo. Nel contempo aumentano le richieste di un controllo statale sui prezzi. In Italia è dell’altro giorno una sorta di intervento statale sul prezzo massimo della mascherine FFP2, mentre ai rincari per eccellenza di questo periodo, l’energia, al momento lo Stato risponde con una scarica di bonus per renderli meno onerosi. In Francia il governo ha fissato prezzi massini per gas ed elettricità. In Germania, dove per i prezzi dell’energia il governo ha fatto presente che dovranno aumentare se si vuole proteggere l’ambiente, al primo aumento sono subito partite le richieste per bonus sul modello italiano. Insomma, i prezzi, più che risultato del mercato stanno andando verso decisioni della politica. E’ quello che vogliamo? Siamo sicuri che la Politica non debba solo dare indirizzi, ma gestire strettamente il nostro quotidiano? Cosa succede quando lo Stato invece di fare regole, esso stesso diventa regola unica, sostituendosi al mercato? Che scelte dei consumatori e imprenditoria vengono meno. Con ricaduta su qualità e prezzi.Ma con le bollette energetiche alle stelle, cosa si sarebbe dovuto fare? Il nostro Stato, per esempio, ha fatto molto non facendo pagare parti delle bollette che erano di sua competenza (oneri fiscali, etc), ma se si dovessero avere tariffe di Stato sarebbe un disastro. Stiamo andando verso la fine del mercato tutelato (oggi questo mercato convive con quello libero fino a fine 2022), e arrestare questo processo distruggerebbe completamente un mercato che vede già diversi attori impegnati, con conseguenze su imprenditori e consumatori. Mentre, per esempio, il prezzo controllato delle mascherine FFP2 a 0,75 è stato un intervento statale dannoso. Sopraggiunto in un mercato in cui quel prodotto già si trovava a meno di 0,75 ha favorito la crescita dei prezzi. Ed ha anche dato un colpo a chi già produceva con gamma più alta, minando anche le scelte dei consumatori. E tutto questo perché lo Stato non ha voluto fare un intervento in linea con il fatto che il SSN è gratuito (fornire gratis anche le mascherine) insediandosi su un terreno (il mercato) che non dovrebbe essere di sua competenza.In conclusione, con l’inflazione che sale è bene non chiedere l’intervento dello Stato sul mercato, ma solo lì dove sono le sue competenze, fisco e sanità come abbiamo evidenziato. ADUC http://www.aduc.it

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Latte: Cia a industriali, basta speculazioni si rispettino accordi presi

Posted by fidest press agency su lunedì, 10 gennaio 2022

L’accordo faticosamente raggiunto a novembre non è mai stato rispettato dagli industriali e i produttori sono allo stremo. Malgrado il lodevole impegno del ministro Patuanelli e dei dirigenti del Mipaaf, i numerosi tavoli che si sono susseguiti hanno portato al nulla di fatto e il protocollo d’intesa resta, dunque, inapplicato. A seguito dei rincari di materie prime, dei mangimi, oltre ai maggiori oneri per proteggere i lavoratori dal Covid, gli allevatori lavorano da mesi drammaticamente sotto i costi di produzione (oltre i 43 centesimi al litro). Cia-Agricoltori Italiani chiede ad Assolatte di assumersi ora le sue responsabilità, presentando al prossimo tavolo dell’11 gennaio una posizione finalmente ragionevole. Secondo Cia, è inaudito che il prezzo del latte spot si mantenga abbondantemente sopra i 45 centesimi al litro, mentre il latte alimentare sotto contratto non superi i 39 centesimi.Paradossale che non si voglia riconoscere l’aumento richiesto dal sistema allevatoriale in un momento in cui l’industria lattiero-casearia gode degli ottimi bilanci dell’export di formaggi (+27% negli Usa nel gennaio-novembre 2021 Vs. 2020) e registra un +5,6% di incremento dei prezzi all’origine per tutta la produzione (principalmente formaggi duri e burro). Non si può permettere che le risorse del Pnrr e dei Psr finanzino un’industria che specula sulla sua base produttiva. Una corretta attuazione del regolamento sulle pratiche sleali non può consentire che i progetti di filiera e le misure regionali per l’agroindustria vadano a beneficio di chi paga il prodotto sottocosto. Cia esorta, infine, anche la Gdo a fare sua parte e ricorda come il mercato dimostri ogni giorno che il latte si può pagare molto di più, senza ridurre, in alcun modo, il profitto degli industriali.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Roma: Tutela del turismo

Posted by fidest press agency su lunedì, 10 gennaio 2022

“La Lega e il ministro del Turismo Garavaglia sono da sempre in prima linea a tutela di Roma dimostrando massima disponibilità nei confronti della Capitale, a partire dall’impegno allo stanziamento di risorse proprio per la nostra città. Il ministro ha già dato la sua disponibilità ad un incontro sul tema. Ci sentiamo dunque di rassicurare l’assessore Onorato, il sindaco Gualtieri e tutti coloro che intendono far diventare l’assemblea capitolina un momento di confronto che però non deve diventare una pietosa vetrina che il giorno dopo dimentica i problemi degli operatori turistici e del settore intero ” lo dichiara in una nota Claudio Durigon, deputato e coordinatore regionale della Lega e Fabrizio Santori, consigliere della Lega in Assemblea Capitolina.”Serve dunque concretezza quella che ha dimostrato la Lega sul Turismo discostando il dicastero, dopo decenni di predominio dei Beni culturali, facendolo diventare un ministero a sé e con portafoglio. Solo questo ha reso il settore indipendente e più forte. Il settore sta patendo gravissimi contraccolpi legati alla pandemia, e la Lega è in prima linea nella tutela degli operatori di settore, dagli albergatori ai ristoratori fino alle agenzie. Nell’ultima manovra con l’istituzione del Fondo unico nazionale per il turismo da 160 milioni per il triennio 2022-2024 e con il Fondo nazionale per il turismo di conto capitale, con una dotazione pari a 250milioni di euro fino al 2025 si punta a dare un sostegno concreto agli operatori con iniziative finalizzate a garantire attrattività, promozione turistica, organizzazioni di eventi connotati da spiccato rilievo turistico.E questo impegno ha ricevuto anche il plauso del premier Draghi durante il G20 del turismo a Roma” concludono gli esponenti della Lega.

Posted in Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Un incontro di riflessione e di solidarieta’ per la liberazione di Leonard Peltier

Posted by fidest press agency su lunedì, 10 gennaio 2022

Martedi’ 11 gennaio 2022 a Milano, presso il circolo Arci “La Scighera” (in via Candiani 131, quartiere Bovisa), con inizio alle ore 21 si svolgera’ un incontro di riflessione e di solidarieta’ per la liberazione di Leonard Peltier. Leonard Peltier ha 77 anni e da quando ne aveva 32 è nelle carceri di massima sicurezza negli USA.È stato condannato a due ergastoli per l’omicidio di due agenti federali, a seguito di un processo nel quale la pubblica accusa ha nascosto prove a discarico, ne ha fabbricate a carico e ha spinto testimoni a fornire false testimonianze.Partecipano: – Andrea De Lotto, storico animatore del “Comitato di solidarieta’ con Leonard Peltier” di Milano; – Marco Sioli, docente di Storia e istituzioni delle Americhe all’Universita’ Statale di Milano. L’incontro sara’ anche l’occasione per presentare l’ultimo numero della rivista “Tepee”, con un articolo dedicato a Leonard Peltier. Per ulteriori informazioni sull’incontro: sito: http://www.lascighera.org

Posted in Diritti/Human rights | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

“I nostri dati sanitari vengono messi a disposizione dell’Agenzia delle Entrate”

Posted by fidest press agency su lunedì, 10 gennaio 2022

“Per imporre l’obbligo vaccinale: l’Italia sembra sempre più il regime della Germania orientale sotto la STASI descritto ne “Le vite degli altri”, il governo ormai basa le proprie politiche su quelle adottate da Xi nella Repubblica Popolare Cinese. Noi siamo per la sensibilizzazione, non per la coercizione – dichiara il capogruppo di FDI in commissione Cultura, deputato Federico Mollicone – come ha detto Giorgia Meloni, presenteremo un esposto al Garante della Privacy per tutelare i dati degli italiani. Già FDI denunciò la violazione dei dati personali sulla piattaforma del Ministero dell’Istruzione, a tutela della privacy dei docenti e del personale della scuola e ancora aspettiamo una risposta dal ministro Bianchi.”

Posted in Diritti/Human rights | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Teatro. Roberto Andò: Piazza degli eroi

Posted by fidest press agency su lunedì, 10 gennaio 2022

Roma 12 -23 gennaio 2022 Teatro Argentina Largo Argentina orari: prima e giovedì 13 gennaio ore 20, mercoledì e sabato 19.00, giovedì e domenica 17.00 | lunedì riposo durata 2h30’ più intervallo biglietti da € 40 a € 25 per accedere alle sale del Teatro di Roma è necessario il Green Pass rafforzato. Va in scena Piazza degli Eroi di Thomas Bernhard con la regia di Roberto Andò. Magistralmente interpretato da Renato Carpentieri, Imma Villa, Betti Pedrazzi, con Silvia Ajelli, Paolo Cresta, Francesca Cutolo, Stefano Jotti, Valeria Luchetti, Vincenzo Pasquariello, Enzo Salomone, Piazza degli Eroi (Heldenplatz) è l’ultimo testo teatrale di Bernhard e uno dei suoi indiscussi capolavori, qui nella traduzione in italiano di Roberto Menin.Le scene e le luci sono di Gianni Carluccio; i costumi di Daniela Cernigliaro; il suono di Hubert Westkemper. La produzione è del Teatro di Napoli – Teatro Nazionale, Teatro Stabile del Friuli Venezia Giulia, Fondazione Teatro della Toscana–Teatro Nazionale.«Il clamore suscitato a Vienna al debutto di Piazza degli Eroi – scrive il regista – confermò l’immagine di uno scrittore furiosamente critico nei confronti del permanere in Austria di strutture autoritarie e fasciste, e il giudizio feroce per la classe politica che vi si era impiantata dal dopoguerra, colpevole di non aver mai veramente tagliato col passato nazista». «Piazza degli Eroi – prosegue Andò – è dunque il testo più politico di Thomas Bernhard, beninteso nella cifra esistenziale e metafisica che alla politica ha sempre voluto attribuire questo autore. Pur essendo ritenuto una summa dei temi di questo autentico genio della letteratura e del teatro, ed essere stato sin dalla sua apparizione oggetto di importanti messinscene in Europa e nel mondo, Piazza degli Eroi non è mai stato rappresentato in Italia. Negli ultimi anni, ho pensato molte volte di farlo, e ora, ho pensato che fosse arrivato il momento giusto. Giusto e opportuno». «Nel disegnare il suo estremo congedo dalla vita e dal teatro – prosegue Roberto Andò – Bernhard sceglie di dare un nome e un tempo all’ottusità brutale che vede avanzare. Ma, come sempre accade in un’opera di fantasia, l’Austria di Bernhard è insieme un luogo concreto e una metafora. Così come lo è la piazza che dà nome al testo, la stessa in cui nel 1938 Hitler annunciò alla folla acclamante l’Anschluss, l’annessione dell’Austria al destino nazista della Germania». Dopo Roma lo spettacolo sarà in scena a Torino, 25-30 gennaio; Genova, 1-6 febbraio; Palermo, 8-13 febbraio; Brescia, 16-20 febbraio; Firenze, 22-27 febbraio; Salerno, 3-6 marzo.

Posted in Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Smart working, USB: da Brunetta nessuna apertura, la lotta si sposta nei luoghi di lavoro

Posted by fidest press agency su lunedì, 10 gennaio 2022

Nonostante i numeri attuali della diffusione dei contagi fossero stati ampiamente previsti, il governo, in un susseguirsi di decreti, provvedimenti e circolari quanto mai incomprensibili, tardivi, insufficienti, quando non dannosi, come nel caso della soppressione della quarantena in caso di contatto stretto, continua ad avere come unico orizzonte il mantenimento della produzione invece che la tutela della salute dei cittadini. Un atteggiamento al limite dell’autolesionismo, dato che la produzione rallenterà comunque, sia a causa della diffusione del virus che per l’aumento dei costi di gas ed energia, e a crescere saranno solo contagi e morti. Un governo in pieno stato confusionale che si affida alla sorte più che fidarsi della scienza, come nel caso dell’obbligo vaccinale per gli over 50.In questo quadro desolante spiccano il ministro Brunetta e la sua battaglia contro lo smart working che, allo stato attuale, risulterebbe una delle poche misure organizzative in grado di contrastare il diffondersi dell’epidemia all’interno della Pubblica Amministrazione, oltre ai benefici indiretti su trasporto pubblico e scuola.Pur di mantenere il punto, come un bambino capriccioso qualunque, e non smentire i suoi decreti e linee guida – da noi ampiamente contrastati, in solitudine, sui tavoli di confronto sindacale – affida con una circolare l’utilizzo flessibile e intelligente dello smart working alle 32mila amministrazioni pubbliche che, in tempi compatibili con il diffondersi della pandemia (si spera!), dovrebbero riorganizzare gli uffici, garantendo al tempo stesso la tutela della salute e della sicurezza delle lavoratrici e dei lavoratori e, aggiungiamo noi, degli utenti.L’artificio infantile consiste nello spalmare la programmazione dello smart working su più mesi purché alla fine la presenza in ufficio risulti prevalente sulle giornate di lavoro in remoto. Fino a giugno, poi si vedrà. Tutto ciò rivela l’assoluta mancanza di serietà e credibilità di un ministro che continua a condurre una crociata personale contro i dipendenti pubblici colpevoli, a prescindere, di essere “fannulloni” nonostante abbiano garantito servizi pubblici essenziali e welfare durante tutte le fasi della pandemia.Il confronto ora si sposta in un corpo a corpo con le amministrazioni dove, con determinazione, dovremo far valere le ragioni della tutela della salute e sicurezza delle lavoratrici e dei lavoratori ricontrattando le giornate di presenza negli uffici, pretendendo l’applicazione rigorosa dei protocolli sulla sicurezza, richiedendo smart working di default a seguito di contatto stretto, screening periodici e mascherine FFP2 per tutti i lavoratori per contrastare con ogni mezzo l’aumento dei contagi che si sta verificando nei nostri luoghi di lavoro. E, perché no, batterci per il superamento definitivo del 49% quale limite per l’utilizzo dello smart working. I dipendenti pubblici e i cittadini di questo Paese non meritano un ministro colpevolmente responsabile della mancanza di sicurezza dei servizi pubblici!

Posted in Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Covid e vaccino. Fotografia di un caos?

Posted by fidest press agency su lunedì, 10 gennaio 2022

La fotografia della situazione è questa (Firenze): Una persona 30/40 anni entra in ospedale per un’operazione ad un femore che se l’era rotto cascando per strada. Operazione riuscita e dovrebbe essere trasferito in riabilitazione ortopedica… ma in questi giorni di degenza ospedaliera il paziente ha preso il covid e, non essendoci strutture per pazienti covid, sarà trasferito appena possibile dove possibile. Chi cura ammala? Questo in un contesto di reparti pieni, pronto soccorso al limite della capienza, contagi del personale che ne riducono il numero in servizio. Omicron per fortuna non ha casi gravi; i gravi, che vanno in rianimazione, sono no vax e persone con diverse patologie. Le persone che potrebbero curarsi a casa non lo fanno perché ci sono problemi con la cosiddetta medicina del territorio, coi medici di famiglia messi proprio male per sovraccarico e pazienti spaventati dal covid. Normativamente è arrivato l’obbligo di vaccino per gli over 50, ma non è ancora legge e sembra che entrerà in vigore dal 15 febbraio… quindi nel frattempo non è detto che la norma non cambi. Come organizzarsi? E comunque, per chi non rispetta l’obbligo, la multa è di 100 euro una tantum (importo che forse chi non vuole vaccinarsi sta in questi mesi spendendo in tamponi…), e questo sembra che voglia dire che l’autorità che ci impone questo obbligo non stia tanto facendo sul serio e, quindi, si riuscirà a convincere quasi tutti dell’opportunità di vaccinarsi? E ora riaprono le scuole, e cosa succederà? Possibile che le autorità non siano in grado di fare prevenzione e aspettino gli accadimenti quando le aule e i mezzi di trasporto saranno pieni di studenti, nel pieno del picco di Omicron, con soluzioni che saranno sempre in ritardo e sempre più provvisorie? Ma perché siamo arrivati a questo dopo due anni di pandemia, che sembra ci abbiano insegnato poco? Questo accade anche perché il Governo non ha allestito un archivio informatizzato per conoscere sia l’andamento della pandemia sia la valenza dei farmaci e/o di vaccini e/o delle cure. Un archivio dove ogni addetto alla sanità pubblica e privata avrebbe dovuto inserire contagiati, vaccinati, sottoposti a tampone e/o test sierologico e/o altri accertamenti diagnostici, tipo di virus, tipi di cura erogati, risultati delle cure, decessi, dimessi e verifiche successive sugli stessi, effetti collaterali di vaccini e cure, eccetera. Insomma tutto quello che può servire ad avere un quadro preciso della situazione a livello nazionale come di quartiere, sì da meglio programmare e gestire gli interventi. Forse non è troppo tardi per provvedere in questo senso, anche perché, Omicron o non Omicron, nessun è in grado di scommettere (come qualche “burlone” ogni tanto declama) sulla prossima fine della pandemia. http://www.aduc.it

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »