Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 32 n° 250

Archive for 1 giugno 2015

Vanderbilt ufficializza l’acquisizione di Siemens Security Products

Posted by fidest press agency su lunedì, 1 giugno 2015

vanderbilt industriesVanderbilt Industries, leader globale nella fornitura di sistemi di sicurezza all’avanguardia, ha annunciato di aver completato l’acquisizione di Siemens Security Products, come preannunciato nell’ottobre 2014. L’acquisto rientra nei piani di espansione strategici di Vanderbilt, e la nuova organizzazione avrà sede centrale a Wiesbaden, in Germania, con Joseph Grillo nel ruolo di Managing Director.’L’acquisizione di Siemens Security Products poggia sulle solide basi e sullo storico di successo della Vanderbilt costruito in quasi trent’anni nel settore sicurezza,’ ha commentato Grillo. Sono lieto di aver finalizzato questa acquisizione nei tempi previsti. Ritengo che rafforzerà significativamente la nostra posizione nel mercato Europeo offrendo una gamma di prodotti e soluzioni più ampia e completa ai nostri channel partner.Le gamme di prodotti di Siemens – che comprendono soluzioni di controllo accessi, allarmi intrusioni e videosorveglianza sono state identificate come ideali per le attività in corso di Vanderbilt. Vanderbilt riconosce inoltre che i marchi Siemens, come Aliro, SPC e Vectis, sono ampiamente riconosciuti, fanno affidamento su di una clientela fidelizzata e non intende quindi cambiarli nel prossimo futuro. L’acquisizione non si limiterà ad ampliare considerevolmente la presenza dell’azienda nel settore della sicurezza, ma anche a migliorare la propria posizione competitiva in un mercato estremamente frammentato, con grande potenziale di crescita. Mentre vanta un’ottima copertura nei mercati maturi dell’Europa e Nord America, Vanderbilt si avvia verso un’espansione in altre aree, compresi il Sud America e l’Asia Pacifica. Le risorse avanzate a disposizione dell’azienda e la sua capacità di fornire una quantità di soluzioni sempre maggiore hanno già generato molto interesse in queste regioni.’Siamo l’unica azienda indipendente dotata di capacità comprovate che opera a questo livello nel settore e manteniamo la capacità di fornire un livello di servizio agile, flessibile e in grado di soddisfare le esigenze del cliente,’ ha concluso Joseph Grillo. ‘Comprendiamo le esigenze dei mercati locali, a cui rispondiamo offrendo una serie ineguagliata di omologazioni nazionali e opzioni multilingue. Tuttavia, offriamo anche i vantaggi tipici di un’organizzazione più grande, come prodotti facili da installare e manutenere, una disponibilità attraverso canali di distribuzione consolidati e un impegno a reinvestire almeno il 10 per cento del nostro fatturato annuo in nuova programmi di ricerca e sviluppo. Porteremo una nuova ed elettrizzante prospettiva in un settore in rapida evoluzione e in continua crescita.’

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Thousands of people in over 30 countries across the globe take action against fossil fuels

Posted by fidest press agency su lunedì, 1 giugno 2015

berlinoBerlin. Ahead of the G7 summit in Elmau, Germany, thousands of people in over 30 countries and over 100 cities peacefully protested over the weekend tokick off a first Global Day of Action [1]. They demanded that the world’s business and political leaders immediately enact policies that phase out fossil and nuclear energies while strengthening the protection of the planet’s precious biodiversity and embracing renewable energies like wind and solar.Greenpeace Head of International Climate Politics, Martin Kaiser, said:“This first Global Day of Action represents a unified acknowledgment by sensible people everywhere that we are either moments away from the healthy planet we deserve or catastrophic climate change brought about by pure greed. We are demanding that our leaders lead us to 100 per cent clean renewable energy for all, and follow the innovators and thinkers who are taking us there by 2050 – ‘join the movement now’ is the call for them.”The “Global Day of Action” – the first of three this year leading to the Climate Conference in Paris – represents a partnership amongst leading environmental movements and organisations including 350.org, Avaaz, Friends of the Earth, WWF, Coalition Climat 21, CAN, and many others. Greenpeace’s #GetupAnd movement represents the solidarity of millions across the globe who are courageously standing against unsustainable energies and threatened ecosystems, while celebrating the easy, available and immediate solution: renewable energy. Events across the globe included:
· On Wednesday, Greenpeace activists in Norway displayed a banner in front of the Parliament in Oslo that said: “GetUpAnd Divest Norway”. Later on that day, the Norwegian Parliament decided to ban investments by the Norwegian Oil Fund to the coal industry.
· Activists from Greenpeace Japan pushed an online petition directed at the Japanese government that called for solar energy uptake and against nuclear energy.
· In France, Greenpeace activists rallied in 15 cities to raise awareness about renewable energy and against nuclear energy.
· In Germany, Greenpeace volunteers rallied in 60 cities asking German chancellor Merkel to quit coal.
· In Spain, Greenpeace volunteers took part in flash mobs in 15 cities to shine a spotlight on renewable energy.
· In Italy, Greenpeace volunteers rallied in over seven cities demanding an end to fossil fuels.
· In Indonesia, Greenpeace Southeast Asia protested with banners asking President Joko Widodo to stop dirty energy.
· In eight cities across Brazil, Greenpeace volunteers set up “green information points” to invite people to get active against deforestation and inform them about solar energy.
Next Sunday to Monday the world’s seven biggest industrial countries, the G7, will meet in Germany. Currently the G7 countries are responsible for 60% of the nuclear and 30% of coal-generated power worldwide. Germany’s chancellor Angela Merkel, the current G7 president, has declared climate change as one of the key issues of the summit. It is an important step on the way to a new climate treaty to be signed at the COP 21 in Paris at the end of the year.According to the Intergovernmental Panel on Climate Change, the turnaround in the energy market is faster than expected by reasonable costs: ”In just a few years, renewable energy technologies have demonstrated substantial performance improvements and cost reductions…” “The G7 are both financial powerhouses while being the largest emitters of CO2 emissions. Because of this, they have a moral duty to all of us to make ‘the big switch’ from dirty energy sycophancy to a new energy system, based on 100 percent clean, renewable energy. As Bob Hunter, one of the founders of Greenpeace, said: ‘Big change looks impossible when you start, and inevitable when you finish,’” said Kaiser.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Remi Eriksen appointed new Group CEO at DNV GL

Posted by fidest press agency su lunedì, 1 giugno 2015

DNV 2Since October 2014, the Board of Directors has undertaken an extensive executive search and selection process to find and appoint the new DNV GL Group President & CEO, due to the planned retirement of the current Group President & CEO Henrik O. Madsen. Candidates from many countries, both inside and outside of the organization, and both men and women, have been reviewed.Leif-Arne Langøy, Chairman of the Board of DNV GL Group says; “On behalf of the Board, I am very pleased to announce that Remi Eriksen has accepted the position as DNV GL’s new Group President & CEO. Eriksen has a solid track-record in leading positions within the company for two decades. He has gained extensive international experience in the oil & gas, maritime, and renewable energy industries, and has led our operations in Asia, Europe and the Americas. His success in these positions led him to his current role as DNV GL Group Chief Operating Officer. In addition to his strong performance in managing the integration of DNV and GL, Eriksen has deep knowledge of our core markets and key industry technologies. Not least, he has displayed an acknowledged ability to foresee industry challenges and drive responsive solutions.”“I am also glad that after a thorough executive search and selection process, the best candidate is found among our own people. This will ensure the continuity of the company’s values, culture and strategic direction. I really look forward to working with Remi Eriksen in the next phase of DNV GL’s development,” says Langøy.Remi Eriksen says, “I am very humble and thankful for the opportunity to lead this company I have worked for the past 22 years.” “We now see challenging market developments in both the maritime and oil & gas industries. DNV GL will not remain unaffected, but I have strong confidence in our ability to constantly improve and develop our services. Even in tough markets, there will be a need for expert advice and services that can help improve efficiency, qualify new cost-effective technologies, and that can help drive standardization of specifications and work processes – just to mention a few examples. In the energy sector and the business assurance market, I expect positive development in the next few years,” says Eriksen.“I believe the future will be characterized by a very complex and fast-changing world and a period of slower global growth. However, the world economy is still on track to more than double in size over the next 40 years. I see a future where trusted independent parties are increasingly needed to enable safe and responsible business performance and sustainable value chains. In this context, DNV GL’s innovation capabilities, as well as our role as a standard setter and driver of joint industry collaborations, will be an increasingly relevant strength. It will be important for me that we continue our investments in people, R&D and innovation to develop new thinking, insights and solutions to the benefit of our customers and society,” Eriksen explains.“As Henrik O. Madsen is retiring after more than 30 years of service with us, the last 9 years as Group President & CEO, I want to sincerely thank him for his commitment and extraordinary achievements in heading the company towards the world-leading positions we are in today,” says Chairman Langøy.
Driven by our purpose of safeguarding life, property and the environment, DNV GL enables organizations to advance the safety and sustainability of their business. We provide classification and technical assurance along with software and independent expert advisory services to the maritime, oil and gas, and energy industries. We also provide certification services to customers across a wide range of industries.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

KU Leuven awards honorary doctorate to Chilean President Michelle Bachelet

Posted by fidest press agency su lunedì, 1 giugno 2015

leuvenOn 10 June KU Leuven will award an honorary doctorate to the Chilean president. The university wishes to honour her as an advocate of human rights and gender equality. Michelle Bachelet was supposed to receive her honorary doctorate on 2 February 2015 on the occasion of KU Leuven Patron Saint’s Day. However, as she was unable to attend the celebrations, she will be receiving her honorary doctorate on 10 June instead. Michelle Bachelet is a physician and politician. In 2006, she was elected president of Chile, the first woman to hold that office. After leaving the presidency, she was appointed executive director of the United Nations Entity for Gender Equality and the Empowerment of Women (UN Women). She was re-elected to a new four-year term as Chile’s president in 2013.Bachelet studied medicine and military strategy in Chile and Germany. She entered socialist politics early in her youth and held various posts in Santiago’s municipal government, eventually netting a post in the national administration as Minister of Health in 2000. In that role, she implemented an extensive programme of healthcare reform. As Minister of National Defence (2002-2004), she furthered the reconciliation of her country while also condemning human rights violations with a clear nunca más – never again. In 2006, she formed and led a government with ten male and ten female ministers. As president, she implemented a new pension system and prioritised women’s rights, passing a new law for equal pay.

Posted in Cronaca/News, Estero/world news, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Giornata di Studio AICT Tutela della privacy 2.0:cooperazione tra tecnologia e diritto

Posted by fidest press agency su lunedì, 1 giugno 2015

tutela della privacyMilano. 11 giugno 2015 Aula Magna Politecnico di Milano – Piazza Leonardo da Vinci 32 Recenti sviluppi delle Tecnologie dell’Informazione e delle Comunicazioni (ICT) applicate all’internet hanno resa inadeguata la regolamentazione vigente per quanto riguarda la tutela della privacy. Pur essendo il tema largamente dibattuto e oggetto di attività regolatoria, esso non sembra avere lo stesso livello di priorità (in particolare da parte dei nativi digitali) rispetto ad altre tematiche poste dalla rete, come il diritto all’accesso. Social Media, Motori di Ricerca e Servizi Cloud emergono fra i maggiori responsabili tecnologici del gap regolatorio in tema di privacy. Essi pongono il Diritto di fronte a nuove sfide dettate da nuove esigenze. Quella di garantire la tutela della privacy nel corretto equilibrio con i diritti di accesso all’informazione e di comunicazione volontaria d’informazioni proprie. Quella di adeguarsi alla natura globale della rete e all’ubiquità dell’informazione, superando i confini nazionali con una normativa multinazionale. Infine quella di predisporsi ai prevedibili ulteriori sviluppi tecnologici.
La ricerca tecnologica a sua volta ha davanti a sé la sfida di fornire nuovi strumenti utili a tutelare la privacy, consentendo allo stesso tempo il corretto equilibrio citato, e a facilitare contestualmente sia la regolamentazione, sia lo sviluppo di nuove aree di business legate al trattamento dei dati personali. Sicurezza informatica, autenticazione, oblio dei dati, trasmissione sicura, tracciabilità, storage, sono aree nelle quali l’innovazione tecnologica è attesa fornire nuove efficaci soluzioni di supporto ai diritti.Lo stesso Mercato Unico Digitale dell’UE non può prescindere dall’adeguamento delle normative in quest’area. Il trattamento dei dati personali e la revisione della direttiva e-privacy sono oggetto di una delle 16 azioni chiave della strategia per il DSM, recentemente annunciata dal Presidente Juncker e all’ordine del giorno della prossima riunione del Consiglio Europeo.
Andrea Penza, Presidente di AICT, ritiene che “la pubblicazione della strategia comunitaria sul Digital Single Market, avvenuta lo scorso 6 Maggio, abbia dato un contributo altamente significativo e creato condizioni favorevoli per incentivare lo sviluppo dei nuovi mercati digitali. Si parla di 415 miliardi di Euro l’anno e centinaia di nuovi posti di lavoro, certamente ossigeno per l’economia europea, ancora sofferente e fortemente legata a “format di business” non del tutto rispondenti ai nuovi paradigmi innovativi.
In particolare ci si aspetta a breve una maggiore consapevolezza sulla necessità di accedere a beni e servizi digitali in tutta Europa, sia da parte di aziende che dei cittadini in modo che la potenzialità di crescita dell’economia digitale possa svilupparsi pienamente.
Evidentemente è assolutamente necessario che Istituzioni, Autorità, aziende ed Associazioni di categoria facciano la loro parte per facilitare la creazione di un contesto favorevole e parità di condizioni per un corretto sviluppo delle reti digitali e dei servizi innovativi”.La Giornata di Studio si propone di evidenziare questi temi, di mettere a confronto su di essi Diritto e Tecnologia e di prospettare una collaborazione fra i due ambiti per individuare soluzioni condivise. Si articolerà in interventi di operatori nei due ambiti, che presenteranno i rispettivi punti di vista, le più recenti iniziative intraprese per far fronte alle problematiche di competenza, i prevedibili sviluppi sia normativi (il nuovo regolamento UE fra questi), che tecnologici, che di servizi e di business. Si concluderà con una tavola rotonda, che offrirà ai relatori e al pubblico un’occasione di confronto e di dibattito,nonché auspicabilmente di una sintesi condivisa sul da farsi.(foto: tutela della privacy)

Posted in Diritti/Human rights | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Trattare il melanoma con una terapia di combinazione

Posted by fidest press agency su lunedì, 1 giugno 2015

Oggi è possibile trattare il melanoma con una terapia di combinazione, come è stato fatto con l’HIV, per rendere questo v_grains-melanometumore della pelle una malattia cronica, con cui il paziente può convivere per tutta la vita. Una sfida difficile, soprattutto per una patologia che, nella fase metastatica, fa registrare alti tassi di mortalità, ma possibile grazie ai nuovi trattamenti immuno-oncologici. L’efficacia della combinazione di due farmaci, ipilimumab e nivolumab, è dimostrata dallo studio Checkmate -067, presentato oggi al 51° Congresso dell’American Society of Clinical Oncology (ASCO) in corso a Chicago fino al 2 giugno. “Con l’associazione di queste due armi si raggiunge fino al 55% di risposta obiettiva, rispetto ad esempio al 40% ottenuto con la monoterapia con nivolumab – spiega il prof. Paolo Ascierto, direttore dell’Unità di Oncologia Melanoma, Immunoterapia Oncologica e Terapie Innovative dell’Istituto Nazionale Tumori Fondazione “G. Pascale” di Napoli, presidente della Fondazione Melanoma e coordinatore delle Linee Guida sul melanoma dell’Associazione Italiana di Oncologia Medica (AIOM) -. La risposta obiettiva rappresenta un importante indicatore dell’efficacia del trattamento, strettamente legato all’esito favorevole a lungo termine, cioè alla sopravvivenza. L’impatto di questi dati è decisivo, infatti sono presentati oggi in sessione plenaria all’ASCO e sono oggetto dell’abstract numero 1 al congresso”. Nel 2014 sono stati stimati quasi 11.000 nuovi casi di melanoma in Italia. L’incidenza della malattia è da anni in costante ascesa sia negli uomini (+3,6%/anno) che nelle donne (+3,7%/anno). I più recenti dati ISTAT (2011) indicano in 1.807 i decessi nel nostro Paese (1054 fra gli uomini e 753 fra le donne). “Questi dati ottenuti con il regime di combinazione nivolumab e ipilimumab nel melanoma avanzato sono senza precedenti e mostrano risultati di efficacia mai osservati prima con farmaci immuno-oncologici – continua il prof. Ascierto -. Con l’associazione abbiamo registrato tassi di risposta molto più alti e duraturi nel tempo, oltre a una significativa riduzione del volume tumorale, rispetto sia alla monoterapia con ipilimumab che a quella con nivolumab. Le risposte osservate nello studio CheckMate -067 dimostrano il potenziale di questo regime nei pazienti con melanoma metastatico”. “Questi risultati – conclude il prof. Ascierto – rafforzano le nostre convinzioni che le future terapie consisteranno nella combinazione di più farmaci immuno-oncologici, in grado di modulare il sistema immunitario per offrire ai pazienti con tumore opzioni di maggiore efficacia, più di quanto si possa ottenere con le attuali terapie. E questo approccio potrà essere applicato non solo nel melanoma ma anche in diversi tipi di tumore”. I dati dello studio CheckMate -067 confermano i risultati dei primi test su pazienti con melanoma nel Regno Unito, USA, Israele e Francia, pubblicati recentemente sul New England Journal of Medicine. Gli scienziati hanno studiato 142 pazienti: 72 sono stati trattati con la combinazione nivolumab e ipilimumab, mentre agli altri sono stati somministrati altri farmaci e placebo. Nel 61% di quelli trattati con il regime di associazione il tumore è regredito nei successivi 12 mesi.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Tumore del seno

Posted by fidest press agency su lunedì, 1 giugno 2015

tumore al senoOggi è possibile aumentare la concentrazione del farmaco antitumorale per colpire selettivamente le cellule malate. Grazie alla nanotecnologia particelle di dimensioni nanometriche trasportano il farmaco chemioterapico in dosi maggiori rispetto alla formulazione tradizionale (+33%), aumentandone l’efficacia con meno effetti collaterali. Nab-paclitaxel ha dimostrato di essere efficace anche in una forma di tumore del seno particolarmente aggressiva, quella metastatica “triplo-negativa”. E al 51° Congresso dell’American Society of Clinical Oncology (ASCO), il più importante appuntamento mondiale di oncologia in corso a Chicago fino al 2 giugno, viene presentato lo studio internazionale “tnAcity”, con l’Italia secondo Paese al mondo per numero di pazienti reclutate dopo gli USA. “In questa forma di tumore a oggi è disponibile solo la chemioterapia – afferma il prof. Pierfranco Conte, direttore dell’Oncologia Medica dell’Istituto Oncologico Veneto (IOV) di Padova e principal investigator dello studio -. Quindi è essenziale trovare il miglior regime chemioterapico per queste pazienti. Nab-paclitaxel, cioè paclitaxel legato all’albumina in nanoparticelle, è un farmaco innovativo che coniuga un principio attivo di efficacia antitumorale comprovata, paclitaxel, con la tecnologia d’avanguardia basata sulle nanoparticelle”. Nel nostro Paese vivono più di 522mila donne con tumore del seno. Le percentuali di guarigione sono in costante crescita, oggi infatti l’87% è vivo a cinque anni dalla diagnosi. Nel 2014 si sono registrate 48mila nuove diagnosi. “All’ASCO – continua il prof. Conte – vengono presentati anche studi che dimostrano come regimi con nab-paclitaxel, somministrato prima dell’intervento chirurgico, siano in grado di indurre una maggior percentuale di risposte patologiche complete. Si tratta di un parametro molto importante perché consiste nell’assenza di tumore invasivo sia nel seno che nei linfonodi ed è strettamente legato all’esito favorevole a lungo termine, cioè alla sopravvivenza”. “Infine – conclude il prof. Conte – altri dati interessanti presentati a Chicago riguardano l’efficacia e la tollerabilità di nab-paclitaxel in donne anziane colpite da tumore del seno. Vi è una carenza di dati di studi clinici nelle pazienti over 65. Ed è importante dimostrare che anche queste malate, qualora necessitino di chemioterapia, possano essere trattate in maniera efficace senza compromettere la loro qualità di vita”. Il cancro della mammella rappresenta il tumore più frequentemente diagnosticato tra le under 50 (41% ), nella classe d’età compresa fra 50 e 69 anni (35%) e nelle over 70 (21%).

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Prezzo farmaci anti-cancro

Posted by fidest press agency su lunedì, 1 giugno 2015

chicagoIn dieci anni il prezzo dei farmaci anti-cancro è duplicato, passando da 4.500 dollari a più di 10mila al mese. L’Italia finora è riuscita a reggere l’impatto di questa crescita esponenziale, grazie ai sistemi di rimborso concordati con l’AIFA (Agenzia Italiana del Farmaco). Infatti nel nostro Paese il prezzo medio dei trattamenti antitumorali è fra i più bassi d’Europa. E l’aumento della sopravvivenza garantito dalle nuove armi, come l’immunoterapia, garantisce un circolo virtuoso. Che però rischia di spezzarsi, se non si crea quanto prima un Fondo Nazionale per l’oncologia, che oggi manca. La richiesta alle Istituzioni viene dall’Associazione Associazione Italiana di Oncologia Medica (AIOM) al 51° Congresso dell’American Society of Clinical Oncology (ASCO) in corso a Chicago fino al 2 giugno. “Chiediamo di dare vita a questa fonte specifica di risorse da destinare a un settore delicato che richiede particolari attenzioni – afferma il prof. Carmine Pinto, presidente nazionale AIOM, in un incontro con i giornalisti a Chicago -. Il tetto della spesa farmaceutica territoriale è stato ridotto e portato all’11,35% del Fondo Sanitario Nazionale, il tetto di quella ospedaliera è al 3,5%. La maggior parte dei farmaci anti-cancro rientra fra quelli ospedalieri e nel 2014 quest’ultima percentuale è stata superata attestandosi intorno al 4,5%. La copertura economica si sta stringendo in maniera consistente. È necessario istituire una sorta di fondo farmaceutico nazionale staccato, solo così potremo disporre di un maggior numero di risorse per garantire a tutti i pazienti le cure migliori. Serve anche una rivisitazione dei costi dei farmaci sulla base dell’efficacia”. Proprio al Congresso ASCO si è aperta la discussione su quale sia il vantaggio minimo in termini di sopravvivenza che un nuova terapia dovrebbe portare. “In oncologia – continua il prof. Pinto – spesso i passi in avanti sono apparentemente irrilevanti, perché solo la somma dei progressi nel corso degli anni può condurre nel tempo a risultati importanti. Dovrebbero essere stabilite tre fasce di costo in rapporto al valore. Nella prima andrebbero inclusi i farmaci che garantiscano un prolungamento di oltre un terzo dell’aspettativa di vita. A seguire la fascia intermedia e nell’ultima rientrerebbero quelle terapie che offrono un prolungamento inferiore al 15% dell’aspettativa di vita”. Nel 2014 sono stati registrati in Italia 365.500 nuovi casi di tumore (circa 1000 al giorno), di cui 196.100 (54%) negli uomini e 169.400 (46%) nelle donne. Alla fine degli anni Settanta solo poco più del 30% delle persone colpite dal cancro sconfiggeva la malattia. Negli anni Novanta quasi il 47%, oggi circa il 60% (in particolare il 57% degli uomini e il 63% delle donne). In quarant’anni le guarigioni sono raddoppiate e si calcola che nel 2015 siano circa 3 milioni (3.036.741) le persone vive dopo una diagnosi oncologica (4,9% degli italiani) con un incremento, rispetto al 2010, del 17%. “In Europa i nuovi farmaci oncologici – spiega la dott.ssa Stefania Gori, segretario nazionale AIOM – sono approvati dalla European Medicines Agency (EMA) con criteri di validità scientifica degli studi, ma senza alcuna valutazione farmacoeconomica, che viene delegata alle singole nazioni. Ogni Stato membro è obbligato a commercializzare le terapie con prezzi al pubblico che spesso risentono di contrattazioni già eseguite nei Paesi europei più rapidi a registrare. In Italia l’AIFA è riuscita a garantire l’erogabilità a carico del Servizio Sanitario Nazionale di molti farmaci ad alto costo con accorgimenti organizzativi (distribuzione diretta con gli sconti dovuti alle strutture pubbliche) e finanziari (cost-sharing, risk-sharing, payment by result) ”. In particolare nel cost-sharing è previsto uno sconto fisso sul prezzo dei primi cicli di trattamento per tutti i pazienti entrati in terapia (indipendentemente dagli esiti). Nel risk-sharing, rispetto al cost-sharing, lo sconto fisso (fino al 50%) nei primi cicli si applica esclusivamente ai pazienti che non rispondono al trattamento. Nel payment by result si estende il principio del risk-sharing con una copertura totale del prezzo del farmaco utilizzato (100%) in caso di fallimento terapeutico. Attualmente il 33% delle procedure negoziali risponde ai criteri del cost-sharing, il 32% al payment by result e solo il 3% al risk-sharing. “La scelta di utilizzare alcune terapie target – conclude il prof. Pinto – dipende dall’esito di test genetici, svolti per verificare che il paziente sia idoneo a ricevere il trattamento. Un indiscutibile vantaggio, anche in termini economici. Il sistema italiano di rimborsabilità funziona, ma ora è necessario introdurre alcune modifiche nella valutazione del prezzo dei farmaci, che si riferiscano anche all’efficacia. Innovazione, sostenibilità e appropriatezza vanno correlate alla organizzazione del sistema sanitario e del percorso assistenziale. In fase di disegno di uno studio clinico e di interpretazione dei risultati da parte delle autorità regolatorie deve cioè essere considerata anche la rilevanza clinica dei dati statisticamente significativi. I vantaggi dell’introduzione di un farmaco vanno cioè considerati nell’ambito dell’intero processo diagnostico-terapeutico”

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »