Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 321

Archive for Mag 2015

Nuove importanti informazioni sulla struttura molecolare delle piante

Posted by fidest press agency su domenica, 31 Mag 2015

MelbourneGli scienziati di IBM Research e delle università di Melbourne e del Queensland hanno compiuto un passo avanti nell’identificazione della nanostruttura della cellulosa, la componente strutturale di base delle pareti cellulari delle piante. Sfruttando la potenza del supercomputing di IBM, i ricercatori sono riusciti a modellare la struttura e la dinamica della cellulosa a livello molecolare. Le informazioni derivate potrebbero aprire la strada a varietà di colture più resistenti alle malattie e aumentare la sostenibilità dell’industria della polpa, della carta e fibra – uno dei principali impieghi della cellulosa. Il lavoro, descritto in un recente articolo scientifico pubblicato su Plant Physiology, rappresenta un passo avanti significativo nella comprensione della biosintesi della cellulosa e delle modalità di assemblaggio e funzionamento delle pareti cellulari delle piante. La ricerca fa parte di un programma a più lungo termine, nell’ambito della Victorian Life Sciences Computation Initiative (VLSCI), finalizzato allo sviluppo di un modello in 3D simulato al computer dell’intera parete cellulare delle piante.
La cellulosa rappresenta uno dei composti organici più abbondanti sulla terra, con una quantità prodotta dalle piante ogni anno stimata in 180 miliardi di tonnellate. Una pianta produce cellulosa legando tra loro semplici unità di glucosio per formare catene, che vengono poi raggruppate per formare delle fibre. Queste fibre si avvolgono quindi intorno alla cellula come principale componente della parete cellulare della pianta, conferendo rigidità, flessibilità e protezione dalle sollecitazioni interne ed esterne. Finora la descrizione dettagliata della struttura delle pareti cellulari delle piante aveva rappresentato una sfida per gli scienziati, a causa della complessità del lavoro e della natura invasiva delle metodiche fisiche tradizionali, che spesso danneggiano le cellule vegetali.“Si tratta di un progetto pionieristico, con il quale mettiamo a frutto la competenza di IBM Research nella biologia computazionale, nei big data e nella smarter agriculture in un progetto scientifico australiano su grande scala, in collaborazione con alcune delle menti più brillanti in questo campo. Siamo entusiasti sostenitori della Victorian Life Sciences Computation Initiative e siamo molto felici di vedere l’impatto scientifico che questo lavoro sta avendo”, commenta il Dr. John Wagner, Manager of Computational Sciences, IBM Research Australia.Utilizzando il supercomputer IBM Blue Gene/Q alla VLSCI, nota come Avoca, gli scienziati sono riusciti a eseguire i quadrilioni di calcoli necessari per modellare i movimenti degli atomi di cellulosa. La ricerca dimostra che, nella struttura della cellulosa, sono presenti tra 18 e 24 catene all’interno di una microfibrilla elementare, molte meno delle 36 catene che si ipotizzavano in precedenza.
“La cellulosa è una parte vitale della struttura della pianta, ma non se ne conosce ancora pienamente la sintesi”, spiega la Dr. Monika Doblin, Research Fellow & Deputy Node Leader presso la School of BioSciences dell’Università di Melbourne. “È molto difficile lavorare sulla sintesi della cellulosa in vitro, perché una volta aperte le cellule vegetali la maggior parte dell’attività enzimatica va perduta; dovevamo quindi trovare altri approcci per studiarne la composizione. Grazie alla competenza di IBM nella modellazione molecolare e alla potenza computazionale della VLSCI, siamo riusciti a creare modelli della parete cellulare della pianta a livello molecolare, che consentiranno di approfondire enormemente la conoscenza sulla formazione della cellulosa”.“Le pareti cellulari delle piante rappresentano la prima barriera ai patogeni responsabili delle malattie. Anche se non comprendiamo appieno la via molecolare dell’infezione da patogeni e la risposta della pianta, stiamo esplorando i modi per manipolare la composizione della parete al fine di renderla più resistente alle malattie”, spiega il Dr. Daniel Oehme di IBM Research.Il lavoro è stato svolto dai biologi del Centre of Excellence in Plant Cell Walls del consiglio delle ricerche australiano (Australian Research Council, ARC) all’interno delle Università di Melbourne e del Queensland, in partnership con IBM Research Collaboratory for Life Sciences. Ospitato presso la Victorian Life Sciences Computation Initiative dell’Università di Melbourne, il Collaboratory permette ai ricercatori di IBM e dell’ateneo di lavorare fianco a fianco sulla ricerca nei campi della medicina e della biologia computazionale.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Tumore del polmone

Posted by fidest press agency su domenica, 31 Mag 2015

tumore polmoneSeconda conferma in pochi mesi dell’efficacia di nivolumab nel trattamento del tumore del polmone. Il farmaco, inibitore del checkpoint immunitario PD-1, ha evidenziato nello studio di fase III CheckMate-057 una sopravvivenza globale superiore rispetto allo standard di cura rappresentato da docetaxel. I risultati sono stati presentati al 51° Congresso dell’American Society of Clinical Oncology (ASCO) in corso a Chicago. Lo studio ha coinvolto pazienti affetti da tumore polmonare non a piccole cellule (NSCLC) ad istotipo non squamoso, in fase avanzata precedentemente trattati. La comunità scientifica italiana si è distinta per il ruolo svolto in questa ricerca.
Lo scorso marzo i risultati dello studio di fase III CheckMate -017 avevano già mostrato un vantaggio così rilevante in termini di sopravvivenza globale da indurre la Food and Drug Administration (FDA), l’autorità regolatoria americana, ad approvare in soli tre giorni nivolumab nel trattamento dei pazienti con tumore al polmone non a piccole cellule di tipo squamoso in fase avanzata. Nel CheckMate -057 i pazienti trattati con nivolumab e con espressione della proteina PD-L1 hanno evidenziato una sopravvivenza globale mediana doppia (fra 17 e 19 mesi) rispetto allo standard di cura (fra 8 e 9 mesi), con una riduzione del rischio di progressione o di morte del 27%. “I risultati di CheckMate -057 rappresentano una svolta nello sviluppo di nuove opzioni terapeutiche nel tumore del polmone. Nivolumab è il primo inibitore del checkpoint immunitario PD-1 a evidenziare un significativo aumento della sopravvivenza globale in uno studio di fase III nel tumore non a piccole cellule non squamoso rispetto allo standard di cura costituito da docetaxel”, ha detto il dott. Luis Paz-Ares dell’Hospital Universitario Doce de Octubre di Madrid. “Il nostro obiettivo nella ricerca clinica è cercare nuovi opzioni che possano migliorare e in alcuni casi sostituire lo standard di cura. I risultati di CheckMate -057 rappresentano un passo in avanti nel definire un nuovo standard di cura che possa sostituire docetaxel nei casi di espressione di PD-L1”. Il tumore del polmone è la principale causa di morte per cancro al mondo e secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità è responsabile di più di 1,5 milioni di decessi ogni anno. Provoca più morti della somma dei tumori del colon-retto, seno e prostata. Il NSCLC è il tumore del polmone più frequente rappresentando circa l’85% dei casi di tale patologia. La sopravvivenza varia a seconda dello stadio e del tipo di tumore al momento della diagnosi.
“I dati relativi alla sopravvivenza in questo studio di fase III, così come in CheckMate -017 nei pazienti con NSCLC di tipo squamoso, confermano la nostra strategia di sviluppare nivolumab per migliorare le aspettative di sopravvivenza nei pazienti colpiti da carcinoma polmonare”, ha affermato Michael Giordano, senior vice president, Head of Development, Oncology, Bristol-Myers Squibb. “I risultati di CheckMate -057 hanno definito il ruolo dell’espressione di PD-L1, basato sull’endpoint di sopravvivenza globale. I pazienti che esprimono questa proteina, a livelli pari o superiori all’1%, raggiungono percentuali doppie di sopravvivenza globale. È un significativo progresso nel trattamento del tumore del polmone non a piccole cellule”.
Bristol-Myers Squibb è un’azienda biopharma globale, la cui mission è scoprire, sviluppare e rendere disponibili farmaci innovativi che aiutino i pazienti a combattere gravi malattie.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Prestigioso riconoscimento internazionale per il prof. Silvio Monfardini

Posted by fidest press agency su domenica, 31 Mag 2015

silvio monfardiniE’ stato conferito al prof. Silvio Monfardini, direttore del Programma di Oncologia Geriatrica dell’Istituto “Palazzolo-Fondazione Don Gnocchi” di Milano. Al ricercatore italiano è stato conferito oggi il B.J. Kennedy Award and Lecture for Scientific Excellence in Geriatric Oncology al 51° Congresso dell’American Society of Clinical Oncology (ASCO) in corso a Chicago fino al 2 giugno. Il premio, attribuito per la prima volta a un oncologo italiano, riconosce il contributo decisivo nella ricerca, diagnosi e trattamento del cancro negli anziani. Il professor Monfardini è un autentico esperto di livello internazionale e autore di più di 340 pubblicazioni scientifiche, di cui oltre 95 nel settore dell’oncologia geriatrica. Nel 2014 in Italia sono stati diagnosticati 365.500 nuovi casi di tumore. Il 60% del totale delle neoplasie colpisce gli anziani oltre i 65 anni ed oltre il 70% delle morti per tumore si verifica in questa fascia di età. “Nel nostro Paese – spiega il prof. Silvio Monfardini – finora non è stata riservata sufficiente attenzione a questa popolazione di pazienti, a differenza di quanto avviene ad esempio negli Stati Uniti, in Francia, in Olanda e in Belgio. Serve un cambio di passo e iniziative concrete che coinvolgano questi pazienti. L’accesso alle cure diventa più difficile con l’avanzare degli anni. E gli anziani sono esclusi dalle sperimentazioni cliniche dei farmaci innovativi. Per questo molto spesso non sappiamo come rispenderanno ai nuovi trattamenti”. “Alcune aree specifiche devono essere migliorate – continua il prof. Monfardini -. Ad esempio, è fondamentale diminuire in questi pazienti il rischio operatorio con una valutazione geriatrica prima dell’intervento. Un aiuto potrebbe essere offerto in casi selezionati per alcune neoplasie dalla cosiddetta Radiologia Intervenzionale, meno invasiva, ma sono troppo pochi gli studi per i pazienti anziani in questo ambito. Un altro settore che merita particolare attenzione, finora sottovalutato, è quello costituito dagli anziani lungosopravviventi, per cui i controlli di follow up dovrebbero anche considerare gli aspetti legati ad altre malattie associate e i difetti funzionali non solo quindi quelli oncologici. Infatti il 39% degli italiani che convivono con una precedente diagnosi di tumore (quasi 900.000 persone) ha un’età compresa tra 60 e 74 anni, il 34% è over 75 (oltre 750.000 persone). In quest’ultima fascia di età, la percentuale di cittadini con diagnosi di neoplasia è particolarmente elevata (il 19% degli uomini e il 13% delle donne). E mancano sperimentazioni sui pazienti fragili, non autonomi, che rappresentano almeno il 25% degli over 70”. “La vera chiave di volta – conclude il prof. Monfardini –, come ho sottolineato nella lettura magistrale al Congresso ASCO, è rappresentata dalla collaborazione fra geriatri e oncologi. Finora è mancato il dialogo fra queste due categorie di professionisti. Uno scambio che dovrebbe includere anche le altre figure coinvolte, i chirurghi e i radioterapisti. La geriatria dovrebbe entrare nel mondo dell’oncologia medica e viceversa. A Treviso dall’8 all’11 luglio organizzeremo il corso SIOG ASCO Treviso Geriatric Oncology Advanced Course, proprio per costruire una relazione fra le due categorie che parta da una effettiva conoscenza delle rispettive competenze”. Il prof. Monfardini è stato presidente della Società Europea di Oncologia Medica (1984-1987), dell’Associazione Italiana di Oncologia Medica (1986-1988) e della Società Internazionale di Oncologia Geriatrica (2003-2004). Ha diretto l’Oncologia Medica dell’Istituto Oncologico Veneto di Padova ed è stato direttore scientifico dell’Istituto Nazionale per lo Studio e la Cura dei Tumori di Napoli e del Centro di Riferimento Oncologico di Aviano.

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Emicrania e cefalea a grappolo

Posted by fidest press agency su domenica, 31 Mag 2015

stresaNell’ultima giornata del congresso di Stresa il Professor Alan Rapoport della UCLA University, Presidente dell’IHS, l’International Headache Society, praticamente l’OMS delle cefalee, ha sottolineato come l’era della neuro-elettroceutica delle cefalee potrebbe presto superare quella dei trattamenti a base di farmaci. Ha infatti rivelato che anche la rigida FDA, l’ente americano di controllo dei farmaci, in forza dei risultati conseguiti oltreconfine, ha anticipato di un anno l’approvazione della stimolazione vagale esterna nVNS tramite gammacore, lo strumento che si usa come un rasoio da strisciare sul collo, già disponibile in Europa, Gran Bretagna e Canada nel trattamento di emicrania e cefalea a grappolo.
DEPOLARIZZAZIONE ELETTRICA Uno dei principali effetti di questo device è emerso meno di un mese fa al 17° Congresso dell’International Headache Society
 di Valenzia grazie ai ricercatori del Massachusetts General Hospital e dell’Harvard Medical School: i microstimoli elettrici che emette si oppongono all’onda di depolarizzazione della spreading depression, l’onda lenta di depolarizzazione diffusa che attraversa il cervello da dietro in avanti quando arriva l’attacco emicranico.
Produce squilibrio ionico, aumentato metabolismo cellulare e alterazioni locali del flusso sanguigno, nonchè diffusione extraneuronale di citokine proinfiammatorie e aminoacidi eccitatori, primo fra tutti il glutammato, il neurotrasmettitore eccitatorio più potente del sistema nervoso che scatena l’ipereccitabilità neuronale da cui deriva l’attacco emicranico.
Rapoport ha sottolineato che gli studi condotti nella cefalea a grappolo con 2 stimoli di 90 secondi 3 volte al giorno per 2 mesi si sono dimostrati efficaci e privi di effetti collaterali con una riduzione degli attacchi da 7,6 a settimana a 2 soltanto, riducendo anche la necessità di ricorrere a quelli che finora erano i trattamenti di scelta per questa grave forma di mal di testa: sumatriptan e inalazione di ossigeno.
L’esperienza italiana con gammacore, altrettanto positiva, è stata riportata da Licia Grazzi del Besta di Milano che, insieme a Piero Barbanti del San Raffaele di Roma, è stata la prima a utilizzarlo nel nostro Paese: “A due ore dalla stimolazione anche in oltre metà (55,4%) dei nostri pazienti, che erano emicranici cronici, il ricorso ai loro soliti farmaci si è ridotto –conferma la Grazzi- Comunque in poco meno della metà (39,2%) il dolore si risolveva completamente entro mezz’ora e non c’è più bisogno di alcun farmaco di supporto”

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , , | Leave a Comment »

Miami Properties Featured at Beijing Luxury Property Show

Posted by fidest press agency su sabato, 30 Mag 2015

The MIAMI Association of REALTORS® (MIAMI), the nation’s largest local Realtor association with 35,000 members, promoted South Florida real estate to Asian luxury buyers at China’s leading property showcase last month. MIAMI participated in the ninth annual Luxury Property Show Beijing show from April 24-26 at the prestigious Legendale Hotel Beijing.Teresa King Kinney, chief executive officer of MIAMI, presented information on the Miami and South Florida real estate market to event attendees.More than 5,200 affluent real estate buyers and investors from Beijing and Northern China attended the invitation-only event. The 2015 LPS Beijing show featured an impressive collection of some of the world’s most exclusive and coveted luxury properties around the globe, with more than 35 participating countries.
Miami was one of 220 global cities showcased at the show. China is one of the fastest growing segments of South Florida foreign buyers, and the Asian country’s interest should only increase due to Miami’s world-famous lifestyle, leading education institutions, expansive designer shopping, strong economy, great weather, clean air, walkable districts, and secure investments.
“The presence of Chinese buyers in South Florida is definitely growing,” said 2015 MIAMI Residential President Christopher Zoller, who participated in the showcase. “South Florida has long led the nation in international real estate sales, and we feel very strongly that China, the world’s most populated country, will only increase Miami real estate sales to foreign buyers.”In addition to Christopher Zoller, EWM Realty International, the following MIAMI members participated with the MIAMI Association in LPS Beijing 2015: Indra and Haimnath Ragbir, The Keyes Company; Oscar Teran of Avanti Way; Edward Cruz & Keoloha of The Agency Luxe, Inc.; Jesse Pan of Coldwell Banker; and John Milakovic.MIAMI has facilitated several events to help its members better advertise their properties in China. In 2013, MIAMI made a market-presentation in San Francisco to a group of 100 top Chinese brokers with SouFun, which operates one of the leading real estate Internet portals in China. MIAMI also hosted a dinner last fall in Miami for the Chairman of the Chinese Real Estate Association and their delegates.‎ MIAMI members also have special pricing for their properties on SouFun, now Fang.com.
China is one of the fastest growing segments of South Florida international buyers, according to a recent survey conducted by the National Association of Realtors (NAR) for MIAMI. Chinese buyers represented 2 percent of all international closed sales in Miami-Dade and Broward Counties in 2014. That’s a 50 percent increase from 2012 and 2011 when China comprised 1 percent of transactions.About 81 percent of foreign clients paid all cash for South Florida properties, compared to 60 percent of international buyers purchasing homes elsewhere in the U.S., the MIAMI survey showed. MIAMI’s international clients spend a mean purchase price of $444,000 on properties, which is significantly higher than the mean purchase price $245,500 nationally.
miamiMiami is in position to increase its Chinese international investments. PortMiami, the top-ranked container cargo port in Florida with 900,000 TEUs handled each year, is in the process of deepening its channel from its current 42-foot depth to 50-52. When the $2 billion deep dredge project is completed in 2015, PortMiami will be the only U.S. port south of Norfolk, Va. that can accommodate the new, mega cargo vessels that will pass through the expanded Panama Canal. PortMiami hopes to become a transshipment hub for manufactured goods coming from East Asia.
An affiliate of China Communications Construction Company U.S. International made headlines in December when it bought a 2.4-acre Brickell site for $74.7 million. It marked the Chinese firm’s first major Miami purchase. American Da Tang Group Co. Ltd. in New York is working with CCCC as the Chinese firm’s U.S. representative on the project.While CCCC hasn’t announced plans for the Brickell site, it sits near a development being built by Swire Properties Inc., the U.S. real estate arm of the Hong Kong-based firm Swire Properties Ltd. Swire U.S. is currently building Brickell City Centre, a $1.05 billion mixed-use development.Other planned Miami projects are also recruiting Chinese investors. SkyRise Miami tower developer Jeffrey Berkowitz is looking to raise money for his project from foreign investors seeking permanent residency in the U.S. through the EB-5 visa program. SkyRise Miami is a proposed 1,000-foot high steel and glass structure that Berkowitz has called Miami’s version of the Eiffel Tower. Once completed, SkyRise Miami will be the largest observation tower in the U.S.Passed by Congress in 1990 to encourage foreign investments in the U.S., the EB-5 program grants permanent U.S. residency to investors (as well as their immediate family members) who create at least 10 domestic jobs and contribute at least $500,000 to $1 million in a U.S. business venture. About 8,000 people from China received EB-5 visas in 2014. No other country had more than 200 applicants.
The MIAMI Association of REALTORS was chartered by the National Association of Realtors in 1920 and is celebrating 95 years of service to Realtors, the buying and selling public, and the communities in South Florida.

Posted in Estero/world news, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Contraccezione: Necessaria una corretta informazione

Posted by fidest press agency su sabato, 30 Mag 2015

Contraccezione“Drospirenone, desogestrel, gestodene o ciproterone non sono progestinici di nuova generazione: ormai esistono contraccettivi ormonali orali “naturali, a base di estradiolo, che secondo studi in vitro, abbatterebbero considerevolmente il rischio di Tromboembolismo Venoso Profondo (Tev).”. Commenta così il professor Annibale Volpe, past president della Società Italiana della Contraccezione (SIC), la notizia di uno studio clinico pubblicato sul British Medical Journal (BMJ) – rimbalzata su quotidiani e web in questi giorni – che ha per focus la correlazione negativa tra aumento di rischio di Tev e assunzione di contraccettivi ormonali di terza generazione. “Si tratta di dati che riprendono studi clinici effettuati qualche anno fa” prosegue lo specialista “e non a caso sia l’Agenzia Europea per i Medicinali (EMA), sia l’Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA) hanno già da tempo inviato ai medici un documento in cui è ben evidenziato il rischio di Tev per ciascuno dei diversi progestinici in commercio”.“Occorre inoltre sottolineare” continua il professor Volpe “che le complicanze sono dovute principalmente non tanto alla cosiddetta pillola, ma ad una prescrizione non personalizzata”. E specifica: “Il mercato offre attualmente una grande varietà di scelta e per ogni donna esiste il prodotto adatto da scegliere in concerto con il proprio specialista di fiducia”.“In fase di valutazione del rischio legato alla contraccezione ormonale” conclude il past president della SIC “devono inoltre essere presi in considerazione anche i benefici: un’informazione sensazionalistica non aiuta ad allinearci con gli altri Paesi europei e mantiene l’Italia tra i fanalini di coda con una percentuale di utilizzo simile a quella del Botswana, della Tunisia e dell’Iraq”. Conclude: “La contraccezione ormonale ha effetti molto positivi sulla salute della donna, oltre a evitare gravidanze indesiderate anche tra le giovanissime. Ma troppo spesso finiscono in secondo piano, e ci si dimentica che secondo recenti studi la pillola sarebbe in grado di evitare 45 tumori ogni 10mila donne e che apporterebbe molti altri benefici, tra cui, uno su tutti, la protezione da gravidanze indesiderate”.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

“Certification Day”

Posted by fidest press agency su sabato, 30 Mag 2015

bariBari il 4 giugno, a partire dalle 11, la camera di Commercio di Bari ospiterà il Certification Day, in webconference con le camere di commercio di Arezzo, Avellino, Ferrara, Genova, Monza-Brianza, Ragusa e Salerno. L’ente barese è difatti fra i soggetti sperimentatori di un nuovo servizio del sistema camerale nazionale, molto utile per imprese e lavoratori.
L’iniziativa è finalizzata ad illustrarne i profili applicativi, che porteranno nell’immediato futuro al rilascio presso gli sportelli delle camere di commercio della certificazione dei contratti di lavoro emessa dalla Commissione di Universitas Mercatorum, organo abilitato alla certificazione.”E’ un compito che rientra nella logica delle funzioni di regolazione di mercato degli enti camerali. Non faremo altro che valorizzare e implementare le esperienze già maturate in materia di legalità e mediazione, nel cui ambito di attività si inserisce il tema della certificazione. Ancora una volta mettiamo a disposizione professionalità e know how già in possesso dei nostri enti, in un tema importante quale quello del lavoro”, commenta il presidente della Camera di Commercio di Bari, Alessandro Ambrosi.Il Certitification Day del 4 giugno si presenta quindi come interessante momento di informazione per tutte le associazioni di categoria e sindacali, oltre che per gli ordini professionali, per conoscere questa novità in materia di mercato del lavoro.La certificazione dei contratti di lavoro è l’istituto giuridico introdotto dalla Riforma Biagi, con l’obiettivo di munire il contratto di lavoro certificato di una sorta di presunzione di legittimità e/o di conformità ai modelli legali suscettibile di prova contraria in sede giudiziale. Nel Libro Bianco sul mercato del lavoro essa viene definita quale procedura di validazione anticipata.

Posted in Cronaca/News, Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

3 giugno: premiazione della finale regionale dei Giochi della Chimica 2015

Posted by fidest press agency su sabato, 30 Mag 2015

bakuParma Mercoledì 3 giugno, alle ore 16, nell’Aula Magna del Dipartimento di Chimica (Campus Universitario di via Langhirano), si svolgerà la premiazione della fase regionale dei Giochi della Chimica, organizzati dalla Società Chimica Italiana, manifestazione nazionale patrocinata dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca (MIUR) e valida per la selezione della rappresentativa italiana alla XLVI Olimpiade Internazionale della Chimica (Baku, Azerbaijan, 20-29 luglio 2015). Verranno premiati i primi tre classificati delle rispettive categorie:
Categoria A: studenti del primo biennio
Categoria B: studenti del secondo triennio degli istituti “non specializzati in chimica”
Categoria C: studenti del secondo triennio degli istituti ad indirizzo chimico.
I premiati provengono dalle scuole secondarie superiori delle province di Forlì-Cesena, Piacenza, Parma e Reggio Emilia. Alla manifestazione presenzieranno il presidente della sezione Emilia-Romagna della Società Chimica Italiana, prof. Claudio Mucchino, e il direttore del Dipartimento di Chimica, prof.ssa Maria Careri. I premi, offerti dalla Società Chimica Italiana, consisteranno in coppe e medaglie oltre a un tablet per i primi classificati di ogni categoria, cuffie WiFi per i secondi classificati e un Hard disk portatile per i terzi classificati.

Posted in Cronaca/News, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Un ponte per Teheran

Posted by fidest press agency su sabato, 30 Mag 2015

teheranFORANO (Rieti) – Piazza Mazzini snc A circa 50km da Roma, Terni e Viterbo dal 4 giugno 2015. Il Centro di Ricerca e Sperimentazione Metaculturale, ente accreditato alla Regione Lazio per la formazione e l’orientamento professionali, presenta un corso gratuito per le aziende agricole della Regione Lazio, al fine di coadiuvare la creazione di rapporti commerciali con l’Iran. Il corso è infatti suddiviso in due moduli, uno sulla lingua persiana (farsi) e il secondo più incentrato sulla cultura commerciale iraniana in tempo di sanzioni internazionali.
Perchè l’Iran? L’Iran è uno dei principali partner economici dell’Italia, secondo solo ad alcuni paesi europei. Secondo i dati ripostati sul sito del Ministero dell’Interno, infatti l’Iran è il 17° paese da cui l’Italia importa l’1,3% dei prodotti totali. Inoltre, secondo l’Istituto Nazionale per il Commercio Estero Italian Embassy – Trade and Promotion Section l’Italia è il secondo partner europeo dell’Iran, dopo la Germania.
Un ulteriore segnale dell’importanza degli scambi commerciali tra l’Italia e l’Iran è la presenza nel nostro paese di C.I.C.E. (Centro Italo Iraniano di Cooperazione Culturale e Economica) e di CCII (Camera di Commercio e Industria Italo Iraniana) che rappresentano un punto di incontro tra gli interessi dei mercati dei due paesi.
Conoscendo la difficoltà ed il timore di avvicinarsi ad una cultura apparentemente così diversa, questi due corsi vogliono abbattere, per quanto possibile, le barriere che molte aziende italiane hanno a causa della differenza linguistica e culturale. In questo modo, le singole aziende saranno in grado di avere al proprio interno un facilitatore che possa fungere da ponte linguistico e culturale per le aziende stesse.
Il primo modulo del corso sarà concentrato nell’apprendimento base della lingua persiana (farsi) con particolare attenzione all’area tematica del commercio e del marketing. Al termine del corso i corsisti saranno in grado di presentare la propria azienda ed i propri prodotti in lingua persiana.Il corso avrà una capacità di 10-15 corsisti ed una durata di 80 h, divise in 3 ore ad incontro per tre giorni a settimana dal 4 giugno 2015 al 17 luglio 2015.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Telefonate commerciali aggressive

Posted by fidest press agency su sabato, 30 Mag 2015

telefoni-fissiAdiconsum chiede a Governo e MISE nuove regole per una vera tutela per i consumatori La normativa sul telemarketing che istituisce il Registro delle Opposizioni in regime di OPT-OUT non funziona.I consumatori continuano ad essere bersaglio di telefonate e la disciplina del 2010, già all’epoca criticata in quanto varata senza neanche una consultazione con le Associazioni Consumatori, di fatto favorisce il telemarketing a danno dei consumatori. Il regime di OPT-OUT di fatto comporta il diritto delle aziende di chiamare al telefono qualsiasi numero. Spetta ai cittadini che non vogliono essere chiamati attivarsi, comunicando il diniego e iscrivendosi nel registro. I dati parlano chiaro – afferma Pietro Giordano, Presidente nazionale di Adiconsum – Dopo 5 anni, solo i 1.379.730 numerazioni sono presenti nel Registro. Questo grazie alla poca informazione ma, soprattutto, grazie ad un sistema complesso che pone oneri a carico del consumatore. Da subito abbiamo denunciato le insufficienze dell’impianto legislativo, ma più volte abbiamo chiesto di attuare correttivi ad un sistema che, di fatto, assicura un’attenzione verso le aziende superiore a quella verso i consumatori.Il numero delle segnalazioni e delle lamentele dei consumatori che arrivano alle nostre sedi elevatissime – continua Giordano – Si tratta di segnalazioni che arrivano da consumatori tanto stressati quanto impotenti di fronte alle continue e sempre più numerose chiamate che, giornalmente ed a tutte le ore, ricevono.Il sistema OPT-OUT inoltre – prosegue Giordano – non tutela neanche i consumatori i cui numeri non compaiono negli elenchi telefonici pubblici e che non dovrebbero in teoria neanche essere chiamati, mentre nella realtà lo sono. Anche il Codice di autoregolamentazione voluto dalle aziende (ASSTEL) è inutile. Le telefonate, ad esempio, arrivano anche nei festivi o dopo le 21.30 e sempre più spesso le aziende affidano il proprio telemarketing a call center situati fuori dal territorio nazionale o dall’Europa per evitare più possibili vincoli imposti dalla legislazione.
È necessario prevedere una modifica complessiva del sistema. Adiconsum chiede che il Governo e il Ministro dello Sviluppo Economico rivedano con urgenza la legge assieme alle Associazioni dei Consumatori e con il coinvolgimento di Agcom e del Garante Privacy, prevedendo:
· tutele più forti per i consumatori
· sistemi di autoregolamentazioni verificabili e soggetti a controlli attraverso un monitoraggio attento che coinvolga le Associazioni dei Consumatori interventi condivisi con il garante Privacy per porre fine alle continue chiamate e disciplinare i profili relativi al codice privacy.La nuova disciplina dovrà essere improntata al regime di OPT-IN, a salvaguardia di un reale diritto di scelta del consumatore, in un sistema trasparente che tuteli anche la concorrenza e valorizzi le aziende corrette.Così facendo, infatti, tutte le aziende sono sullo stesso piano, potendo chiamare solo le numerazioni dei consumatori che ne fanno richiesta e che risultano inseriti in un apposito Registro.Basta concorrenza senza regole in danno dei consumatori – conclude Giordano – È necessario operare insieme, imprese-Associazioni dei Consumatori, per proporre al Governo modifiche del DPR 178/2010 capaci di assicurare una crescita sana dell’economia.

Posted in Diritti/Human rights | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Intelligence services: Civil Liberties Committee Chair Claude Moraes calls for stronger oversight to improve effectiveness and improved cooperation at EU level

Posted by fidest press agency su venerdì, 29 Mag 2015

The increase in the exchange of information and cooperation between intelligence services at EU and international level calls for improved cooperation between EU oversight bodies and a stronger democratic oversight of intelligence activities which is still only conducted at national level, said Civil Liberties Committee Chair and rapporteur on the European Parliament’s Inquiry on the Eeuropean parliamentlectronic Mass Surveillance of EU Citizens, Claude Moraes, at the closing of the two-day conference on the Democratic oversight of Intelligence services in the European Union.The first Conference on the Democratic Oversight of Intelligence Services in the European Union took place in the European Parliament, co-hosted with German, Italian and Belgian National Parliamentary supervisory bodies, on 28 and 29 May.The Conference highlighted the strategic importance of intelligence and security services for the security of the democratic constitutional state, and the need for parliamentary oversight of such services to ensure respect of fundamental rights and liberties and efficiency of the intelligence and security services.After the meeting between MEPs and national MPs, Civil Liberties Committee Chair and rapporteur on the European Parliament’s Inquiry on the Electronic Mass Surveillance of EU Citizens, Claude Moraes (S&D, UK), said:”Member states should improve the evaluation and oversight practises of their intelligence services – not to create more bureaucracy for intelligence services but because all the evidence shows that better oversight will create more effective intelligence services which do their jobs better and are more accountable in a difficult and ever changing security environment.One of the main conclusions of the European Parliament’s Inquiry into mass surveillance following the Edward Snowden revelations was that there has been a systematic failure of intelligence services oversight not only in the US but in our own Member States. We called for all Member States to evaluate and revise their oversight practices to ensure that intelligence services are subject to improved parliamentary and judicial oversight.This conference is unprecedented in that it is the first time that the European Parliament has co-hosted with three national Parliaments, Germany, Italy and Belgium, on the sensitive subject of intelligence oversight. The European Parliament, led by the Civil Liberties, Justice and Home Affairs Committee, is committed to developing a regular dialogue for national Member States oversight bodies to discuss best practices and minimum standards of intelligence oversight to ensure that our intelligence services are operating within the rule of law. We value our intelligence agencies for the unparalleled responsibility of protecting our citizens in the most difficult circumstances. We are aware that ongoing threats and challenges such as so called “foreign fighters”, radicalisation and related security threats are challenging most EU countries. Such challenges require more not less cooperation between Member States and EU agencies such as Europol.As a result of the success of this debate, there has been agreement from national Parliaments that this should not just be a one off event and we should continue to develop cooperation on a concrete basis and convene a follow-up conference at the latest two years’ time”.

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Isabelle PARTHONNAUD has joined Korian as Group Human Resources Director

Posted by fidest press agency su venerdì, 29 Mag 2015

isabelleAs part of Korian’s executive management team, Isabelle PARTHONNAUD will be responsible for defining the Group’s global HR strategy and ensuring its roll out in the different countries where the group is based.
Her role will also consist in coordinating and developing HR cross-borders programs. Therefore, she will work in coordination with the Human Resources Director of each country.
She will be a member of the Group’s Executive Committee.
With a postgraduate degree in Human Resources Management from IGS (Institute for Social Management), Isabelle PARTHONNAUD

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Sponsors Could Lose Up to $100 billion in Brand Value from FIFA Scandals

Posted by fidest press agency su venerdì, 29 Mag 2015

World-CupVISA, McDonalds, Coca-Cola, Hyundai, Budweiser and Adidas are among the major companies that have set out to build their brands through association with international football, the World Cup and the now embattled organisation that oversees it, FIFA.For a fee now in the region of $24-$44 million a year, the sponsors have guaranteed exposure to a global audience well in excess of a billion consumers and association with the world’s most loved sporting event.There has no doubt been a significantly positive effect on their brands over the years. Brand values for the top sponsors currently total nearly $100 billion (Coca-Cola: $35.8 billion, McDonlads: $22 billion, Hyundai motors: $8.6 billion, Kia: $5.2 billion, VISA: $8.5 billion, Gazprom: $7 billion, Adidas: $6.8 billion, Budweiser: $4.3 billion).These billion dollar valuations refer specifically to the value of brand rather than the business entity, so theoretically all of this value could be lost as it is intangible and contingent upon reputation and continuing consumer goodwill. That goodwill is ebbing away and only a comprehensive overhaul of the governance of the organisation is likely to reverse it.Accusations of endemic corruption within FIFA are becoming not just widespread but impossible to ignore. The sands are rapidly shifting, making any kind of association with FIFA increasingly risky for a brand’s reputation. Negative headlines now surround not just FIFA itself but the sponsors too. With FIFA apparently deaf to calls for change, activists and social media users are turning their fire on the top tier sponsors, accelerating the reputational risk.FIFA’s own brand is in the most imminent danger of all, being heavily contingent upon the support of its partners and sponsors. It is down to $2.8 billion, having lost $400 million in the last few days alone as the result of the arrests and subsequent negative attention. Even broadcast revenues could be under threat as the possibility of relocation of World Cups in Russia and Qatar creates significant uncertainty. A boycott of FIFA by national football authorities has even been mooted, which would lead to the collapse of FIFA’s $12 billion franchise.Brand Finance CEO David Haigh comments, “Sponsors have partnered with FIFA in order to build their brands, not have their reputations tarnished. The kind of activities that are alleged to have been going on could destroy billions of dollars of brand value. A lot depends on what happens in the next few days but without knowing how quickly FIFA are going to clean out the Augean stables, my recommendation to the major sponsors would be to move towards the exit. As for FIFA, if Blatter were to stand down with immediate effect, that go a long way to securing its future and we estimate it would add over half a billion to FIFA’s brand value.”

Posted in Cronaca/News, Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Brevetto europeo: Come funzionano male le lingue della Comunità

Posted by fidest press agency su venerdì, 29 Mag 2015

brevetti_t1Sembra che l’Italia abbia intenzione di aderire al Brevetto europeo. Dopo che ne era rimasta fuori, con Spagna, perche’ si prevede che le lingue ufficiali siano tre: inglese, francese e tedesco. Sponsor di questo trilinguismo sono Francia e Germania, che hanno ottenuto il consenso di molti Paesi le cui lingue sono state escluse, facendo introdurre fondi per compensare i costi di produzione. Sembra che, per molti, i fondi siano piu’ interessanti che non la propria lingua.
Una scelta economica, si’ da superare il tipico ed oneroso gap comunitario della babele linguistica? In parte si’ e in parte no. Sarebbe stato economicamente logico scegliere una sola lingua, l’inglese ovviamente, che, indipendentemente dall’innegabile vantaggio di Gran Bretagna e Irlanda, e’ comunque la piu’ importante e diffusa lingua veicolare comunitaria e mondiale. Ma questo significava piu’ costi per i due grandi protagonisti comunitari, Francia e Germania. Quindi, invece di far pagare i costi ad ogni singolo Stato, Hollande e Merkel hanno pensato fosse meglio farli pagare a tutti gli altri Stati per loro. E cosi’ si sono fatti belli verso le proprie nazioni tutelando le loro lingue nazionali e fornendo un vantaggio competitivo ai rispettivi Paesi. Volenti o nolenti, europeisti o non-europeisti, e’ questa l’ennesima realta’ della nostra Ue: una entita’ economica dove governano i piu’ forti degli Stati nazionali.
Noi, che non abbiamo interessi economici e di potere specifici in merito, ma siamo sudditi anche di questa Unione, abbiamo maturato un’altra idea in merito. Scartata la possibilita’ della sola lingua inglese -anche un po’ riduttiva considerato il pianeta- proiettando la Comunita’ anche al di fuori del proprio territorio, avremmo scelto: inglese, francese e spagnolo (sicuramente tra le tre lingue piu’ diffuse nel mondo, e comunque facendo pagare un po’ di piu’ per le altrui traduzioni i Paesi avvantaggiati); non solo, ma se fosse consentito anche l’uso di lingue non comunitarie, ci avremmo aggiunto anche l’arabo e il cinese.
Ma questi sono -sembra e al momento- i sogni naufragati al largo dell’isola di Ventotene….
(Vincenzo Donvito, presidente Aduc)

Posted in Cronaca/News, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Diversity Improvement as a Viable Enrichment Resource for the Society and the Economy

Posted by fidest press agency su venerdì, 29 Mag 2015

universita-cattolicaMilano 1 giugno 2015, in Università Cattolica (Aula PioXI) si svolgerà, l’International Final Conference del Progetto Diverse.DIVERSE ha l’obiettivo di “svecchiare” il modello europeo di integrazione, ancora prigioniero della figura del “lavoratore ospite”, trasformando la diversità da problema da gestire in risorsa strategica per lo sviluppo economico e sociale delle società europee. Il progetto Diverse – Diversity Improvement as a Viable Enrichment Resource for Society and Economy”, co-finanziato dal Fondo Europeo d’Integrazione e coordinato dal centro di ricerca WWELL dell’Università Cattolica di Milano (con la direzione scientifica della prof.ssa Laura Zanfrini, Ordinario di Sociologia delle migrazioni e della convivenza interetnica alla Facoltà di Scienze politiche e sociali) è stato realizzato in collaborazione con 14 partners in 10 paesi europei: Estonia, Finlandia, Germania, Italia, Paesi Bassi, Polonia, Portogallo, Spagna, Svezia e Ungheria.Le presentazioni saranno in lingua italiana e inglese, con traduzione simultanea.

Posted in Cronaca/News, Economia/Economy/finance/business/technology, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Assemblea soci pedemontana

Posted by fidest press agency su venerdì, 29 Mag 2015

EPSON DSC picture

EPSON DSC picture

L’Assemblea dei Soci di Autostrada Pedemontana Lombarda S.p.A. ha approvato il bilancio 2014 della Società ed ha nominato il nuovo Consiglio di Amministrazione, con durata di un anno, così composto:
· Ing. Massimo Sarmi, Presidente;
· Ing. Galliano Di Marco e dott.ssa Ester Sala, Consiglieri
Nel corso della seduta sono stati nominati i componenti del nuovo Collegio Sindacale della Società: dott. Alessandro Fiore, Presidente, dott. Felice Morisco, dott.ssa Giulia Pusterla.
L’Assemblea dei Soci ha ringraziato il Consiglio di Amministrazione e il Collegio Sindacale uscenti.

Posted in Cronaca/News, Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Il laser al triborato di litio per l’ipertrofia prostatica benigna

Posted by fidest press agency su venerdì, 29 Mag 2015

taorminaTaormina dal 28 al 30 maggio 2015 a Taormina la Sicilia in prima linea con Greenlight, il laser al triborato di litio, l’unico che per la prima volta guarisce, in anestesia spinale e con dimissione in 24 ore, l’ipertrofia prostatica benigna, un disturbo che colpisce l’80% degli italiani over-50, proteggendone il cuore e l’amore.”L’innovativa metodica”, spiega il professor Giuseppe Morgia, Direttore della Clinica Urologica dell’Università di Catania, Presidio Ospedaliero Policlinico Vittorio Emanuele, “già in uso nel nostro Centro a totale carico del Servizio Sanitario Nazionale vanta una casistica di oltre 3 mila interventi effettuati con successo e in tutta sicurezza anche in pazienti affetti da malattie cardiovascolari, della coagulazione del sangue e i portatori di stent endocoronarici in terapia con farmaci anticoagulanti e/o antiaggreganti, che non sono più costretti a sospenderli, come avviene con la chirurgia tradizionale. In futuro l’intervento laser si potrà effettuare in ambulatorio e per ora ha già abbattuto le liste di attesa”.
Con il laser al triborato di litio o laser verde, l’Unità urologica del policlinico di Catania , già nota per l’impiego di avanzate tecniche di chirurgia mininvasiva, è tra i centri di riferimento in Sicilia per la cura dell’ipertrofia prostatica benigna (IPB), un problema sociosanitario destinato a crescere con l’incremento della popolazione maschile in età a rischio. Dice Morgia : “Sono sovente i malati stessi che chiedono il laser perché hanno ascoltato l’esperienza di pazienti già operati con piena soddisfazione. “.
LA MALATTIA PIÙ DIFFUSA TRA GLI UOMINI “L’ipertrofia prostatica benigna, IPB, è l’ingrossamento della prostata”, spiega il professor Morgia, “è la malattia urologica più diffusa negli uomini destinata ad aumentare sempre di più a causa dell’invecchiamento della popolazione, tanto che in Italia si pone ai primi posti per diagnosi effettuate ogni anno, seconda solo all’ipertensione arteriosa. L’IPB incide pesantemente sulla qualità di vita, con sintomi che vanno dalla difficoltà a urinare, all’insopprimibile urgenza con frequenza minzionale anche notturna, così da disturbare pesantemente il sonno di chi ne è vittima. Infine, nei casi più seri, porta alla completa ritenzione urinaria e richiede l’urgente ricorso al catetere per lo svuotamento della vescica. L’IPB determina anche disfunzioni sessuali, impotenza e problemi di eiaculazione”. Quando la prostata si ingrossa, ostacolando e ostruendo il passaggio dell’urina e i farmaci non sono più sufficienti è allora necessario asportare chirurgicamente il tessuto in eccesso.
UNA LUCE AL POSTO DEL BISTURI E L’IPERTROFIA EVAPORA – “La nuova metodica Greenlight, messa a punto negli Stati Uniti, sfrutta l’azione di un potente laser al tribolato di litio ad alta energia (180 W) con una lunghezza d’onda di 532 nm, che vaporizza con precisione millimetrica solo l’eccesso di tessuto prostatico, trasformandolo in vapore. L’intervento mininvasivo si effettua per via endoscopica in anestesia spinale. La fibra laser, introdotta dal pene nell’uretra attraverso un sottile cistoscopio, vaporizza con estrema precisione l’area interessata senza provocare sanguinamento. La maggior parte dei pazienti torna a casa dopo una notte di ricovero e riprende le normali attività nel giro di pochi giorni. Il laser verde non causa emorragie in quanto determina una coagulazione immediata dei tessuti, non causa incontinenza urinaria, impotenza ed evita le recidive”.
PROBLEMA RISOLTO IN UN GIORNO Greenlight è l’unica metodica che per la prima volta risolve il disturbo in un solo giorno con dimissioni in 24 ore. La maggior parte dei pazienti torna a casa dopo una notte di ricovero e riprendere le normali attività nel giro di una settimana. Il decorso post-operatorio è migliore rispetto alla Turp, la resezione endoscopica della prostata, l’intervento più eseguito finora ma che può causare complicanze. Greenlight grazie all’assenza di perdite ematiche riduce dal 26% al 3% il ricorso a trasfusioni. Si ha immediata risoluzione dei sintomi, la ripresa immediata della minzione, il ricorso al catetere per meno di 12 ore – contro le 72 della Turp -, degenza di una sola notte (con evidente risparmio di posti letto e quindi di costi per il Servizio Sanitario) e ripresa della normale attività nel giro di pochi giorni. Secondo recenti dati del Ministero della Salute, la degenza media con tecniche standard va da 4,9 a 7,4 giorni mentre con il laser va da 2,1 a 3,3 giorni. La maggior parte degli uomini operati con laser riprende la vita normale in breve tempo tornando anche prima al lavoro con un risparmio del 50% delle giornate lavorative perse per interventi alla prostata.
L’UNICO LASER CHE PRESERVA IL CUORE Precisa il professor Morgia “Rispetto alla Turp, l’intervento chirurgico più impiegato negli ultimi 50 anni, che può causare emorragie e richiedere trasfusioni, Greenlight, grazie all’istantanea coagulazione dei vasi che evita sanguinamento, è l’unico laser che ci consente di operare in assoluta sicurezza anche pazienti ad alto rischio come quelli con malattie cardiovascolari, della coagulazione e i portatori di stent endocoronarici che non sono più costretti a sospendere la terapia anticoagulante e/o antiaggregante (come invece avviene per gli interventi chirurgici tradizionali, Turp compresa e gli altri laser ). Il laser verde è anche indicato nei pazienti con pacemaker, perché evita il ricorso all’elettrobisturi, generatore di quelle onde elettriche che possono interferire con la stimolazione dei pacemaker cardiaci”.
IL SESSO E’ SALVO “Nessun paziente sessualmente attivo ha sviluppato impotenza dopo l’intervento con Greenlight: il laser infatti non causa danni ai nervi dell’erezione, quelli che si trovano a ridosso della prostata, non causa incontinenza ed evita recidive, a conferma che la metodica offre reale e definitiva soluzione per l’IPB”. Il nuovo laser che rimuove il tessuto vaporizzandolo evita il ricorso alla frantumazione delle aree trattate, al fine di poterne estrarre i frammenti attraverso il canale uretrale, con possibili rischi correlati.

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Neuro-oncologia: cure di supporto

Posted by fidest press agency su venerdì, 29 Mag 2015

cure supportoSiglato l’accordo per il Progetto pilota tra l’Istituto Nazionale Tumori Regina Elena e la ASL RM C. Ha l’obiettivo di integrare e offrire, alle persone affette da neoplasia cerebrale residenti nel bacino di utenza della ASL RM C e alle loro famiglie, un percorso per il miglioramento della qualità delle cure di supporto e palliative, la riduzione dei ricoveri ospedalieri e degli accessi al Pronto Soccorso inappropriati e la facilitazione della permanenza al proprio domicilio anche in situazioni di alta intensità assistenziale.Marta Branca, Commissario Straordinario IFO e Carlo Saitto, Direttore Generale della ASL RMC hanno firmato l’accordo in occasione del convegno in corso all’Istituto Regina Elena, dal titolo “Continuità assistenziale in Neuro-Oncologia e Onco-Ematologia: Esperienze nella regione Lazio”.
L’iniziativa è promossa da Andrea Pace, Responsabile della Neurologia IRE.
Hanno aperto i lavori, Ruggero De Maria, Direttore Scientifico IRE e Monsignor Lorenzo Leuzzi, Direttore della Pastorale Universitaria e Sanitaria. L’incontro si colloca tra le iniziative per la Giornata del Sollievo promosse dalla Fondazione “G. Ghirotti”.Il Regina Elena con il supporto della Regione Lazio ha messo a punto un modello assistenziale con un progetto attivo dal 2000 che ha consentito di seguire circa 1000 pazienti.I tumori cerebrali rappresentano una patologia di particolare gravità sia per la breve aspettativa di vita che per l’elevata intensità assistenziale. Il modello promuove la continuità delle cure ospedale/territorio attraverso l’integrazione dei diversi ambiti assistenziali e la sinergia con i Distretti Sanitari delle ASL, per fornire tempestive risposte coordinate e organizzate ai bisogni complessi dei malati affetti da tumore cerebrale e dei loro familiari.La ASL RM C ha un bacino di utenza di 566.172 residenti e si può stimare che l’incidenza di neoplasie cerebrali primitive (8/100.000 abitanti) sia di 44 nuovi casi/anno e i casi da seguire tra nuovi e non, sia di 160 casi/anno.
“Le cure domiciliari – specifica Andrea Pace – rappresentano la sfida della medicina dei prossimi decenni, perché anche fuori dagli ospedali i malati possano ricevere le cure migliori, nel luogo più razionale, a loro più gradito, oltre che al costo più appropriato.”
Durante l’incontro sono state riportate le maggiori esperienze di cure domiciliari nella regione Lazio e discussi i principalicure supporto1 aspetti assistenziali e organizzativi di modelli sanitari innovativi.Marta Branca ha voluto sottolineare : “Consapevole dell’importanza della sinergia tra i nostri centri di ricerca ed il territorio per rispondere al meglio a patologie gravi, sono lieta che questa iniziativa di presa in carico sia in sintonia con il tema del prossimo Giubileo, la Misericordia”.
Monsignor Lorenzo Leuzzi, direttore della pastorale universitaria e sanitaria ha ringraziato gli Istituti per tutto quello che fanno verso le persone sofferenti ed ha esortato a lavorare perché “la misericordia assistenziale diventi sempre più fermamente misericordia progettuale in modo che la grandezza dell’uomo e la sua dignità non siano mai sminuite dalla sofferenza.”
“L’integrazione tra i livelli di assistenza sanitaria e tra dimensione sanitaria e sociale – conclude Carlo Saitto, Direttore Generale dell’ASL Roma C – non è semplicemente il fine di un progetto, ma lo sviluppo di un nuovo modello di gestione per il servizio sanitario che coniughi centralità della persona, qualità delle cure e uso ottimale delle risorse.”
L’Istituto Regina Elena mette a disposizione del progetto:
Equipe Neuro-oncologica di assistenza domiciliare costituita da varie figure specialistiche:
Una centrale di ascolto telefonico dedicato ai pazienti;
Servizio di reperibilità nelle ore notturne e nei giorni festivi.
Servizio di Teleconsulenza neuro-oncologica attraverso un portale web (www.portaleneuroncologia.it)
Collaborazione alla formazione delle diverse figure professionali coinvolte nell’assistenza domiciliare (MMG, specialisti e personale infermieristico del distretto, terapisti della riabilitazione) sui temi dell’assistenza domiciliare e delle cure palliative neuro-oncologiche attraverso incontri e seminari periodici.
L’Azienda Sanitaria Locale Roma C mette a disposizione del progetto:
1) Infermieri, terapisti della riabilitazione, medici specialisti afferenti ai distretti in misura proporzionale alle esigenze richieste dai Piani Assistenziali Individuali concordati con la equipe neuro-oncologica IRE.
2) Fornitura, mediante percorsi assistenziali dedicati, di prestazioni specialistiche e diagnostiche non altrimenti grarantite dalla equipe neuro-oncologica IRE.
3) Fornitura delle protesi e degli ausili necessari alla domiciliazione del paziente in relazione ai bisogni rilevati e secondo le disposizioni di legge
4) Attivazione e fornitura nei casi necessari di Nutrizione Artificiale a Domicilio (sia enterale che parenterale)
5) Pronta attivazione delle cure palliative in Hospice nel caso di pazienti in cui la fase terminale non sia gestibile a domicilio. (foto: cure supporto)

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Asia’s Crowdfunding Scene Surges Forward with Three-Party Alliance

Posted by fidest press agency su giovedì, 28 Mag 2015

Today marks a significant chapter in Singapore’s fast-growing crowdfunding industry, as crowdfunding platforms CoAssets, FundedByMe, and New Union announce an alliance that sees the three platforms combining forces to develop the local and regional crowdfunding industry. singapore-marinaKey Points:
+ Three-way alliance of international platforms
+ Over S$200 million worth of deal flow to date
+ Combined projects and events expected in the future
All three platforms – CoAssets, FundedByMe, and New Union – today have international reach of investors and campaigns. Together the alliance recorded over S$200 million dollars raised through crowdfunding campaigns in 2014, with growth expected to accelerate over 2015. Said Getty Goh, founder and CEO of CoAssets, “As an individual company, there is only so much we can do. Hence, I am excited and honored to be a part of this three-way alliance. However, this is just a first step and we hope that more stakeholders will join this alliance so that it can eventually pave the way for Fintech trade association. As Fintech is a burgeoning sector, the best way forward is to come together and engage the authorities collectively. Akin to the Singapore Venture Capitalist and Private Equity Association (SVCA) or Real Estate Developers Association of Singapore (REDAS), having a Fintech association is not only a good way to promote self-governance, it can also bring greater awareness to what this industry is all about.”“We are excited about this development with likeminded partners in the industry. There’s so much more we can do together, once we focus on developing the market here and globally in 2015. Crowdfunding is definitely on an uptrend –– we experienced over 600% growth in 2014 year-on-year –– and expect that the next wave of growth will exponential especially considering this alliance, coupled with surging Asian demand,” said Daniel Daboczy, founder and CEO of FundedByMe.“Technology and the world-wide-web have become irreplaceable to our daily life, and every day business — and today, this alliance represents the emerging wave of financial services that meet crucial needs in the business community. Our commitment is to work closely with government agencies and financial institutions to spearhead a progressive and trustworthy crowdfunding environment,” Jeremiah Lee, Founder and Managing Director of New Union.The three platforms plan to launch their first combined crowdfunding project in Q3 of this year, as well as joint conferences over the months following their alliance announcement.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Tel Aviv Smart City to be featured at Expo Milano

Posted by fidest press agency su giovedì, 28 Mag 2015

expo-2015-milanoA special Smart City conference will be hosted by the “Nonstop City” at the Israel Pavilion at the World Expo, on June 4th, featuring world-leading experts from Tel Aviv and Italy.
Tel Aviv – the Smart City – will soon land in Milan on June 4th and 5th at the Milano Expo. The City of Tel Aviv and Israel Ministry of Foreign Affairs will be proudly hosting the Smart City Conference, set to include an impressive lineup of guest speakers on the topic of innovation, including the Mayor of Tel Aviv-Yafo, Mr. Ron Huldai, revealing the secret to Tel Aviv’s unique and thriving startup ecosystem. Tel Aviv recently won the ‘Smartest City’ in the World Award at the Barcelona Smart City world expo. A recent ranking by Savills placed Tel Aviv as one of the three best cities in the world for tech companies, alongside San Francisco and Austin. Hila Oren, CEO of Tel Aviv Global: “Tel Aviv is proud to be featured at the Israel Pavilion during the World Expo. In recent years Tel Aviv has managed to become one of the world’s leading smart cities, thanks to innovation, resident engagement and “out of the box” thinking. We are now opening our Smart City to the world – assisting other cities and mentoring them in the field of ‘Smart City’ “.

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »