Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 32 n° 250

Archive for 18 giugno 2015

Pope Francis plans for radical change in encyclical on caring for our common home

Posted by fidest press agency su giovedì, 18 giugno 2015

climate_change“What kind of world do we want to leave to those who come after us, to children who are now growing up?” asks Pope Francis in his first encyclical, as he offers a positive plan to tackle climate change, inequality, poverty and exclusion. “Never have we so hurt and mistreated our common home as we have in the last two hundred years,” writes Pope Francis in the encyclical Laudato Si’, on ‘Caring for our Common Home’. However, he writes, “All is not lost. Human beings, while capable of the worst, are also capable of rising above themselves, choosing again what is good, and making a new start”.Caritas Internationalis President Cardinal Luis Antonio Tagle of Manila in the Philippines said, “I visit communities where people are living on trash heaps. Children are born in trash, grow up and die there. Three generations know nothing but the rubbish tip. They feel like trash. This is not God’s creation, this is manmade.“Pope Francis is inviting everyone to reflect on this reality. He is calling on us to ‘aim for a new lifestyle’, to change the economic and social systems that have caused so much harm and regain our responsibility for others and the world. Laudato Si’ is above all a message of hope and of action.”The papal letter looks at “the intimate relationship between the poor and the fragility of the planet”. It touches on key aspects of Caritas’ work around the world such as the environment, labour exploitation, agriculture and social inequality. “The human environment and the natural environment deteriorate together; we cannot adequately combat environmental degradation unless we attend to causes related to human and social degradation,” writes the pope.On climate change, the pope says that it’s “one of the principal challenges facing humanity” where the “huge consumption on the part of some rich countries has repercussions on the poorest areas of the world”.“Recent World Summits on the environment have failed” writes the pope. With a key UN summit due to take place at the end of 2015 in Paris, he calls for “the establishment of a legal framework” to “ensure the protection of ecosystems”.Caritas says the Paris summit must agree on reducing emissions from now until 2020, with developed countries reducing by a range of 25–40 percent to give a 50-50 chance of global average temperatures staying below a 2°C temperature increase.The pope writes that climate change affects us all. “There are no frontiers or barriers, political or social, behind which we can hide, still less is there room for the globalisation of indifference.”The encyclical says climate change is a symptom of a wider sickness. “Every ecological approach needs to incorporate a social perspective which takes into account the fundamental rights of the poor and the underprivileged,” writes the pope. ““By itself the market cannot guarantee integral human development and social inclusion”.Individually, the pope writes, we have a responsibility to live more frugal lives where we end the cycle of wanting more as it means less for the poor and less for the planet. He is inviting everyone to play a role, highlighting that other faith are already leading the way. He says that Christians must realise that their “duty towards nature and the Creator, are an essential part of their faith’”.Caritas Internationalis chose “One Human Family, Caring for Creation” as its global vision as a result of Pope Francis’ calls for a “poor church, for the poor‘ and to end a “throwaway culture”.

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Why the Pope’s Encyclical on the environment should speed up the end of the fossil-fuel era

Posted by fidest press agency su giovedì, 18 giugno 2015

papa francesco“Greenpeace welcomes the valuable intervention of Pope Francis in humanity’s common struggle to prevent catastrophic climate change. This first encyclical on the environment brings the world a step closer to that tipping point where we abandon fossil fuels and fully embrace clean renewable energy for all, by the middle of the century.”Everyone, whether religious or secular, can and must respond to this clarion call for bold urgent action.”As the Encyclical states, the environment is a public good, the heritage of all humanity and the responsibility of us all. Greenpeace has always taken that view. That’s why, with the support of millions of people, we aim to stop Shell drilling for oil in the melting Arctic.”The wording that ‘technology based on fossil fuels, highly polluting – especially coal, but also oil and, to a lesser extent, gas – must be progressively replaced and without delay’ is a crystal-clear call on responsible investors, CEOs and political leaders to step up the pace of the clean energy revolution.”The criticism of ‘those who hold most of the resources and economic or political power seeming to be concerned mainly in masking the problems or hiding the symptoms … of climate change’ is a welcome rebuke to climate change deniers and the interests that seek to thwart progress. That dirty game must end now.
“Above all, Pope Francis reminds all of us, individuals through to world leaders, of the moral imperative to address social and climate injustice. It is the poor who are most affected by catastrophic climate change, yet they have contributed least to causing the problem.” Martin Kaiser, head of international climate politics at Greenpeace, said:We welcome the clarity and directness of the Encyclical about the weakness of the international political reaction to climate change, with too many special interests prevailing over the common good. The Pope’s words should jolt heads of government out of their complacency, and encourage them to bring in tough laws in their own countries to protect the climate, and to agree a strong climate protocol in Paris at the end of this year. The Encyclical rightly points out that deforestation is a big contributor to carbon emissions and the loss of species. We endorse Pope Francis’ call on world leaders to protect the forests and oceans, and listen to the demands of people and scientists worldwide.Finally, we hope that the Vatican Bank will join the growing movement which is divesting from coal, oil and dangerous nuclear power and support renewables, in keeping with the Pope’s words. And we look forward to the Church’s support for an energy revolution at local level as well.

Posted in Cronaca/News, Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Latvia: Speak up to guarantee safety of EuroPride rally

Posted by fidest press agency su giovedì, 18 giugno 2015

latvia_pol98The Latvian government should break its silence and give a firm commitment to do all within its power to ensure the safety and protection of those participating in this year’s EuroPride in Riga, said Amnesty International today.EuroPride, which celebrates the rights of lesbian, gay, bisexual, transgender and intersex (LGBTI) people in a different European city every year, will be held in the Latvian capital on Saturday 20 June, at the end of a week-long festival that began on 15 June.
While EuroPride organizers say law enforcement authorities have been very cooperative, the Latvian government has failed to welcome the event. When asked about it last December, Latvian President Andris Berzins stated that “homosexuality should not be advertised and imposed”.“It is disturbing to see the Latvian government’s evident discomfort at hosting EuroPride. Instead of welcoming an event meant to champion openness and tolerance, Latvia’s leaders seem to be turning their backs on it. As the country holding the presidency of the European Union, Latvia should be leading by example in the fight against homophobic discrimination,” said Lucy Freeman, Director of Amnesty International’s Gender, Sexual and Identity Programme.”The sad fact is the majority of Latvian society is against EuroPride and advancing LGBTI rights remains a struggle: same-sex couples are invisible for the government, homophobic hate crimes are not recognised and high-level politicians employ vicious homophobic rhetoric,” said Kaspars Zalitis, a board member of Mozaika, the Latvian group organizing EuroPride 2015.
This year’s EuroPride is the first held in a former Soviet country, a sign of how far LGBTI rights have come in Latvia. In 2005 a national pride march in Riga was marred by violence and hostility, as 70 activists marched for their rights in spite of more than a thousand counter-protesters who tried to block the march, used teargas and threw eggs at the pride marchers.Despite progress on LGBTI rights in the Baltic states and across Europe, the safety and security of pride marches and freedom of expression in general remains under threat in several other former Soviet countries, where homophobic attacks remain a constant threat. On 6 June, the Kyiv Pride was marred by homophobic violence which saw 10 protesters and 11 police officers injured. Amnesty International said the police did not adequately protect the march.Only five former Soviet states have passed legislation prohibiting discrimination on the grounds of sexual orientation in employment and only three of them – Georgia, Lithuania and Estonia – have laws on hate crime or incitement to hatred that explicitly include either sexual orientation or gender identity.
Worryingly, Lithuania and Russia have passed laws that restrict the right to freedom of expression of LGBTI activists, when disseminating information and advocating for issues such as equal marriage for same-sex couples. Uzbekistan and Turkmenistan retain laws criminalizing sex between adult men.Amnesty International activists from around the world will join Latvian LGBTI activists at EuroPride.“With homophobic violence a clear and present danger for activists in post-Soviet states, this week’s EuroPride will hopefully send a message that progress is possible and deep-seated discrimination can be uprooted and replaced with tolerance,” said Lucy Freeman.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Collaboration between Lloyd’s Register Energy and the Italian Association of Pressure Equipment achieves major step forward to support manufacturers in Italy

Posted by fidest press agency su giovedì, 18 giugno 2015

milanodavedereAnnounced, a new Pressure Vessel Manufacturers Forum (PVMF) will take place on July 3rd in Milan to help drive collaboration and knowledge share for Italian manufacturers.In a drive to unite the interests of Italy’s pressure equipment manufacturers, the goal of the new Pressure Vessel Manufacturer Forum (PVMF) is to bring manufacturers together to share information on manufacturing techniques and trends, and to encourage and generate discussion and debate.It is a new industry group sponsored and organized by Lloyd’s Register Energy and the Italian Association of Pressure Equipment (AIPE) – Associazione italiana Pressure Equipment.“We invite all manufacturers of pressure equipment in Italy to join the PVMF on 3rd July in Milan, which promises to create a positive atmosphere for networking, collaboration and the sharing of knowledge,” says Federico Zanette, Sales and Marketing Representative for Lloyd’s Register Energy in Italy.
Zanette reinforced that the needs of manufacturers across Italy are at the core of this initiative. Its focus on uniting manufacturers will demonstrate to the wider world the importance of how working collectively together for the combined interests of manufacturers, will positively impact Italy’s growing competitive manufacturing sector and its performance long term.Luca Tosto, President of AIPE, says: “We believe PVMF offers one of the most relevant events of the sector and we are very glad that it will be replicated in Italy with Lloyd’s Register Energy’s support.“We expect a high attendance and an active participation of many leading companies – collectively giving every attendee the opportunity to discuss business trends, explore potential markets and new collaborations.”Tosto expects the reaction from the market to be extremely positive and will illustrate Lloyd’s Register Energy’s and AIPE’s ability to provide industry-focused solutions tied to manufacturer’s business objectives.The Italian PVMF event follows a similar model that has been successful in the United Kingdom, also started by Lloyd’s Register Energy. That group has a growing attendance of 17 members and 3 affiliate members spanning Scotland, Wales and England.

Posted in Cronaca/News, Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Maggi Set to Lose Over US$ 200m in Brand Value Following Food Safety Ban

Posted by fidest press agency su giovedì, 18 giugno 2015

Packaged food with "Maggi" sign on it are displayed at a grocery store in Bangalore, India, Friday, June 5, 2015. India's Health Ministry announced Friday that Nestle's popular brand of instant noodles “Maggi” failed to pass safety tests and ordered its removal from stores across the country after several Indian states banned it for allegedly containing unsafe levels of lead. (AP Photo/Aijaz Rahi)

Packaged food with “Maggi” sign on it are displayed at a grocery store in Bangalore, India, Friday, June 5, 2015. India’s Health Ministry announced Friday that Nestle’s popular brand of instant noodles “Maggi” failed to pass safety tests and ordered its removal from stores across the country after several Indian states banned it for allegedly containing unsafe levels of lead. (AP Photo/Aijaz Rahi)

Maggi, a subsidiary of the Nestlé group, is set to lose over US$ 200 million in brand value following a ban imposed by the Food Safety and Standards Authority of India (FSSAI). Maggi will destroy US$ 50m worth of noodles which have been branded “unsafe and hazardous” after the FSSAI discovered “higher-than-allowed levels of lead” in some noodle packets.Maggi’s brand was valued at US$ 2.4bn prior to the food safety ban, which ranked the noodle manufacturer as the 23rd most valuable food brand in the world. However, Brand Finance analysts have calculated that the US$ 50m loss of goods combined with a damaged brand, results in a reduced brand value of US$ 2.2bn.Brand Finance CEO, David Haigh, comments “Any health concerns raised by a credible source such as the FSSAI will most certainly damage customer loyalty and consideration of a food brand. As Maggi’s parent company, Nestlé will have to turn around swiftly to ensure that the Maggi brand can retain its dominance in the Indian market. If not, the Nestlé brand itself could be at risk as the Nestlé logo prominently features on the back of Maggi noodles packaging, making it synonymous with the Maggi brand.”Nestlé has decided to challenge the high court whilst also raising “issues of interpretation” of India’s food safety laws.
Brand Finance specialises in the management of intellectual property. Its brand valuations help marketers to design their campaigns, boards to evaluate business strategy and investors to assess potential acquisitions thoroughly. It defines a brand as “a marketing-related intangible asset (including a combination of names, terms, logos and designs) intended to identify and create distinctive associations about a product, service or organisation.” Brand value is “the total future economic benefits attributable to a brand.” That is determined by estimating the likely future sales that are attributable to a brand and in turn what a company would have to a pay to use the brand if it did not control it, a process known as the ‘Royalty Relief’ method.

Posted in Cronaca/News, Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Startup Europe Comes to Silicon Valley

Posted by fidest press agency su giovedì, 18 giugno 2015

Silicon-ValleyDal 21 al 25 settembre una settimana ricca di eventi in Silicon Valley: una delegazione europea composta da policy maker, “Unicorni”, grandi aziende e investitori incontrerà gli stakeholder della Silicon Valley per capirne i segreti e preparare il terreno a nuove connessioni e collaborazioni tra le due sponde dell’Atlantico. Il Primo Ministro italiano Matteo Renzi invitato il 21 settembre per l’inaugurazione del SEC2SV European Innovation Day, una conferenza di un’intera giornata ospitata al Computer History Museum di Mountain View.Roadshow in Silicon Valley per le migliori scaleup europee (application già aperte)
Una delegazione europea di policy maker, startup, grandi aziende consolidate e investitori incontrerà stakeholder e rappresentanti del mondo imprenditoriale della Silicon Valley per stimolare l’avvio di collaborazioni e partnership tra le due sponde dell’Atlantico. Dal 21 al 25 settembre, infatti, il più florido ecosistema startup al mondo accoglierà l’iniziativa “SEC2SV – Startup Europe Comes to Silicon Valley”, patrocinata da Startup Europe e organizzata da Mind the Bridge Foundation, in partnership con Silicon Valley Comes to UK, Allied for Startups e con il supporto di diverse organizzazioni europee con base in Silicon Valley. Facendo proprio seguito alla visita in Silicon Valley dello scorso settembre, è stato inviato a inaugurare l’evento il Primo Ministro italiano Matteo Renzi. Sono attesi anche il Vice Presidente della Commissione Europea Andrus Ansip e il Commissario Günther Oettinger. Sulla scia del successo riscosso in passato da iniziative come Silicon Valley Comes to UK, l’evento mira a connettere Europa e Silicon Valley al fine di creare nuove opportunità di business e di collaborazione. Della delegazione faranno parte commissari e primi ministri, una selezione di alcune tra le migliori “scaleup” europee (ovvero startup mature che registrino una crescita di oltre il 20% nei ricavi o nel numero dei dipendenti negli ultimi 3 anni), i nuovi “Unicorni” europei (aziende innovative non ancora quotate valutate oltre 1 miliardo di dollari), grandi aziende e investitori.La settimana di incontri in Silicon Valley rappresenterà una opportunità unica per riunire sotto un’unica bandiera europea le attività dei rappresentanti degli stati membri del Vecchio Continente. L’Europa sta infatti dando vita a nuove startup che potrebbero avere un impatto dirompente in molte aree dell’economia globale. All’evento sono stati invitati, tra gli altri, Andrus Ansip, European Commission VP for the Digital Single Market; Günther Oettinger, European Commissioner; Megan Smith, Chief Technology Officer of the United States; così come senior executive provenienti da Google, Facebook, Airbnb, Uber, Apple, Telefonica, Orange, BBVA, Deutsche Bank e rappresentanti del mondo venture capital e delle comunità accademiche di entrambi i continenti (da Andreessen Horowitz, Greylock, Social Capital, Softech VC, USV, Y Combinator, RocketSpace e 500Startups a Stanford, Berkeley, Singularity University, European Investment Fund). La settimana prenderà avvio il 21 settembre con il “SEC2SV European Innovation Day”, una conferenza di un’intera giornata ospitata al Computer History Museum di Mountain View che prevede la presenza di circa 600-700 partecipanti, per discutere dei seguenti temi:
Digital Single Market
Cooperazione Europa/Stati Uniti
I trend della Silicon Valley
Startup: innovazione vs. regolamentazione
Investimenti e acquisizioni
L’evento intende mettere in piedi una delegazione di scaleup di altissima qualità e di provenienza geografica eterogenea.

Posted in Cronaca/News, Estero/world news, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Oggi è grande la ‘sete’ di notizie sulla salute

Posted by fidest press agency su giovedì, 18 giugno 2015

tumore metastatico2L’89% dei cittadini sente l’esigenza di un’informazione medico-scientifica corretta. Ma per il 40% i media (giornali, Tv, Internet) non sanno rispondere a questa richiesta quando affrontano l’argomento “tumore”. Prevenzione primaria, diagnosi precoce e stato della ricerca sono i temi su cui gli italiani vorrebbero più notizie in campo oncologico. E il termine “tumore” per il 63% fa meno paura rispetto a “cancro”. Questi risultati emersi da un’indagine FAVO (Federazione delle Associazioni di Volontariato in Oncologia) su più di 800 cittadini sottolineano l’esigenza di stabilire un nuovo rapporto fra clinici e media. “È compito di una moderna società scientifica anche diventare garante della buona informazione – spiega il prof. Carmine Pinto, presidente nazionale AIOM (Associazione Italiana di Oncologia Medica) -. Per questo promuoviamo il primo corso per giornalisti medico-scientifici e oncologi. I due mondi devono imparare a conoscere le reciproche esigenze per rispondere alla richiesta di buona informazione da parte dei cittadini. Il giornalista si aspetta dalla medicina risposte chiare e certezze, mentre la medicina spesso produce dubbi e domande alle quali tenta di rispondere. È possibile trovare una mediazione tra il rigore del linguaggio scientifico e il carattere necessariamente divulgativo di quello giornalistico. Vogliamo offrire ai clinici gli strumenti per comunicare con i media. Un medico non deve temere di essere considerato poco professionale se parla ai cittadini con un linguaggio semplice e chiaro, semplificando le informazioni perché siano comprese meglio dal pubblico. In medicina la parola ‘cancro’ non ha più il significato di spettro e il suo volto è cambiato. Oggi si può guarire, le terapie sono rispettose della qualità di vita. Ed è responsabilità dei media, non solo dei clinici, far conoscere ai cittadini ciò che la scienza ha ormai conquistato: da molti tumori oggi si guarisce”. Il corso si svolge oggi e domani all’Università di Parma con il patrocinio dell’Ateneo emiliano e dell’UNAMSI (Unione Nazionale Medico Scientifica di Informazione). “Ogni giornata prevede due sessioni – sottolinea la dott.ssa Stefania Gori, segretario nazionale AIOM -. Nella prima il ruolo di docenti sarà svolto dai clinici. Fra i temi principali che verranno approfonditi: come divulgare in modo corretto i successi (anche parziali) della lotta contro il cancro; scegliere le notizie e regolarne il flusso; leggere un lavoro clinico; seguire un congresso internazionale e capire le novità; le nuove frontiere della lotta al cancro e la ricerca traslazionale. Il modo di comunicare i temi medico-scientifici negli ultimi decenni è cambiato radicalmente. Questi argomenti, fino a una ventina di anni fa, erano per definizione di nicchia e confinati nelle riviste specialistiche. Oggi invece è grande la ‘sete’ di notizie sulla salute”.
Secondo una recente rilevazione, il 32% degli articoli pubblicati nei principali quotidiani toccano, in qualche modo, temi medico-scientifici. Una percentuale impensabile fino a un ventennio fa. E, come evidenziato da un’indagine Censis, la salute si colloca al primo posto tra gli argomenti più interessanti scelti dai lettori dei settimanali (con il 26,8% delle preferenze rispetto al 20% di 5 anni prima), seguita da “tematiche femminili” (22%) e dalla cucina/gastronomia (21%). “Il cancro rientra fra i temi di salute più importanti ma dovrebbe essere affrontato al meglio – conclude il prof. Pinto -. È indispensabile che le notizie non vengano distorte suscitando speranze infondate o allarmismi pericolosi. Talvolta scienziati serissimi, per l’ansia di comunicare i risultati positivi di una nuova ricerca che forse darà frutti solo nell’arco di alcuni anni, enfatizzano le loro scoperte. E spesso i giornalisti, presi dalla frenesia della notizia, dimenticano che ad esempio la parola ‘imminente’ in medicina può significare anche cinque o dieci anni. Il giornalista scientifico non può sconfinare in una comunicazione superficiale e ad effetto, perché si occupa della vita delle persone. Informazione e medicina sono due facce della stessa medaglia, con un obiettivo comune: l’interesse dei cittadini e dei pazienti”. Nella seconda sessione del Corso le parti si invertiranno e i giornalisti insegneranno ai camici bianchi, ad esempio, il modo in cui comunicare la notizia medico-scientifica al pubblico, le tipicità dei diversi mezzi d’informazione (tv, radio, internet, agenzie di stampa, quotidiani e settimanali), come funziona il quotidiano e come utilizzare al meglio i new media.

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Fondi flessibili, attenzione alle nuove proposte

Posted by fidest press agency su giovedì, 18 giugno 2015

investment opportunityNoi sconsigliamo in generale i fondi comuni d’investimento a gestione attiva poiché, nella stragrande maggioranza dei casi, distruggono valore a causa dei costi ingiustificati.Questo vale un po’ per tutto il settore del “risparmio gestito”. I fondi comuni non sono neppure i peggiori strumenti se pensiamo a molte polizze unit-linked, gestioni patrimoniali, prodotti strutturati, ecc.Recentemente ci è capitato di analizzare più proposte di “Fondi Flessibili” che stanno partendo adesso e si pongono un preciso orizzonte temporale. La favoletta con la quale piazzano questi prodotti (il più delle volte riuscendoci anche molto bene) è che si da la possibilità al gestore di gestire “dinamicamente” il rischio cogliendo le “opportunità d’investimento più interessanti”. Belle parole…In pratica si da carta bianca al gestore purché rimanga, senza alcuna garanzia, all’interno di un certo intervallo di rischio misurato con un indicatore statistico (assolutamente discutibile) che si chiama VaR.
Il presupposto di questo ragionamento è che più libertà si lascia al gestore e meglio esso può operare. Presupposto assolutamente indimostrato e considerato l’andamento passato dei fondi flessibili assai discutibile.Alcuni di questi fondi si danno degli obiettivi di rendimento, ma questi obiettivi non sono in alcun modo vincolanti ed in passato, nella grande maggioranza dei casi sono stati disattesi.Sono, sostanzialmente, solo degli specchietti per le allodole.Visti i bassissimi rendimenti, ai giorni d’oggi va molto di moda la parola “cedola” ed allora questi fondi flessibili promettono una “cedola” che altro non è se non una distribuzione di parte degli attivi del fondo, senza alcuna garanzia né dell’ammontare di questa distribuzione né del fatto che la distribuzione stessa vi sia, ma – sopratutto – nessuna garanzia circa il fatto che questa distribuzione non intacchi il capitale investito.Per fare due esempi di fondi di questo tipo, assolutamente sconsigliabili, possiamo citare il fondo “Anima Selezione Dinamica 2020” ed il fondo “Eurizon Soluzione Cedola Giugno 2020”. La sottoscrizione del primo termina il 25 Giugno prossimo, mentre la sottoscrizione del secondo termina il 23 Giugno (ma non affrettatevi!).Oltre alle commissioni di gestione, questi fondi hanno delle commissioni di sottoscrizione (nel caso del prodotto Anima ben il 4,25%!) che sono però “mascherate” nel senso che non si vedono direttamente ma sono a carico del fondo. Nel caso in cui un investitore decida di uscire prima del 2020 deve pagare una penale.Oltre all’aspetto dei costi (cosa comunque determinante e sufficiente a sconsigliarne la sottoscrizione) c’è anche da fare una considerazione più generale legata alla fase dei mercati. Non possiamo certo sapere quando i mercati finanziari inizieranno la loro fase discendete (se questa sia già iniziata, oppure se presto si riprenderanno e toccheranno nuovi massimi), ma quello che sappiamo per certo è che i rendimenti obbligazionari sono ridicoli (sebbene in queste settimane siano leggermente rialzati) ed i prezzi delle azioni sono, mediamente, cari. Investire su un fondo che parte adesso con un orizzonte temporale di 5 anni significa investire in una fase particolarmente difficile nella quale i rendimenti attesi a scadenza non coprono neppure le commissioni di gestione. E’ una cosa assolutamente insensata.State alla larga da questi fondi e da tutti i fondi, flessibili o meno, che partono in questa fase.Ancora di più se hanno una commissione d’ingresso e peggio ancora se tale commissione è “mascherata” a carico del fondo con penale di uscita. (Alessandro Pedone, responsabile Aduc Tutela del Risparmio)

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

RC Auto, continua il calo dei premi

Posted by fidest press agency su giovedì, 18 giugno 2015

Modellauto, Taschenrechner und Rotstift als Symbol für steigende Autokosten

Modellauto, Taschenrechner und Rotstift als Symbol für steigende Autokosten

Migliorano ancora le prospettive per gli italiani alle prese con l’assicurazione auto: gli ultimi dati dell’Osservatorio RC Auto di Facile.it (http://www.facile.it/assicurazioni.html) e Assicurazione.it rivelano come il costo di una polizza auto in Italia, a maggio 2015, sia calato del 16,5% in soli sei mesi. In numeri, la spesa media è stata pari a 524,26 euro, addirittura il 21,08% in meno rispetto ad un anno fa. L’indagine, consultabile integralmente al link http://www.facile.it/assicurazioni/osservatorio/rc-auto-italia.html, è stata realizzata monitorando tanto i prezzi praticati dalle compagnie assicurative italiane, quanto i preventivi degli utenti. «Prosegue da almeno sei mesi la forte riduzione del costo delle polizze RC auto – afferma Mauro Giacobbe, Amministratore Delegato di http://www.facile.it – perché è costante, in un periodo di conclamata difficoltà economica delle famiglie italiane, il tentativo delle compagnie di studiare prodotti validi per gli assicurati e al contempo competitivi dal punto di vista dei prezzi. La comparazione, vista da questa prospettiva, appare come fondamentale, dato che il confronto delle offerte ha permesso, nello scorso trimestre, di risparmiare fino al 71% sulla polizza auto».
Tra le garanzie accessorie, che coprono i danni non inclusi nell’RC auto, la più richiesta resta sempre l’assistenza stradale, che cresce ulteriormente rispetto all’ultima rilevazione: questa opzione è stata inserita dal 31,62% degli italiani che hanno richiesto un preventivo (era il 28,46% a febbraio 2015). Segue la garanzia in caso di infortunio al conducente, presente nel 25,98% dei preventivi. La tutela legale è la terza per numero di preferenze, con il 19,7%. Cala leggermente l’interesse degli italiani per la polizza di furto e incendio, scelta dal 10,9% di chi ha richiesto un preventivo.
Le variazioni regionali I cali generalizzati su tutto il territorio nazionale riducono finalmente il divario tra il Nord e il Sud. La Campania è sempre la regione dove per assicurare l’auto si deve pagare di più, 838,37 euro, ma la discesa dei prezzi registrata nella precedente rilevazione è confermata anche a maggio 2015: il calo è pari al 32,91% rispetto a sei mesi fa e quasi al 40% rispetto a un anno fa. A seguire troviamo la Puglia (646,35 euro) e la Calabria (626,80 euro). Le regioni più convenienti per chi deve assicurare un’auto sono il Trentino Alto Adige (369,06 euro), il Friuli Venezia Giulia (470,40 euro) e la Valle d’Aosta che, con un premio medio di 371,54 euro, è stata la regione con il calo annuale più contenuto (-7,47%). (foto: osservatorio)

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Palamon investe nella società Il Bisonte

Posted by fidest press agency su giovedì, 18 giugno 2015

bisonte– Palamon Capital Partners, uno dei principali “growth investors” pan-europei, annuncia l’investimento nella società Il Bisonte, storico marchio toscano di accessori in pelle. I termini della transazione non sono stati resi noti. Fondato nel 1970 a Firenze da Wanny di Filippo, Il Bisonte resta uno dei pochi brand italiani indipendenti nel settore della pelletteria e degli accessori artigianali di alta qualità, un esempio di Made in Italy conosciuto in tutto il mondo per le sue lussuose creazioni in pelle naturale a concia vegetale realizzate a Sante Croce sull’Arno.Gli articoli di pelletteria de Il Bisonte, unici nel loro stile, vantano una distribuzione a livello mondiale, con oltre 50 punti vendita in Europa, Stati Uniti e Asia, presenti sia nei negozi mono-marca dei grandi centri commerciali sia nelle boutique a gestione diretta. La presenza della società è particolarmente forte in Asia, soprattutto in Giappone, dove la rete di vendita, in rapida espansione, è già costituita da oltre 30 negozi in partnership con Look Incorporated, azienda nipponica di abbigliamento quotata in Borsa.La decisione di Palamon d’investire nella nota azienda toscana è parte integrante dell’attività di ricerca condotta nel segmento specialty retail che ha consentito d’individuare alcuni marchi europei già ben posizionati sul mercato e la cui crescita potrebbe rapidamente accelerare in un contesto globale. Palamon è fermamente convinta che Il Bisonte, brand con un numero di consumatori sempre più ampio, presenti un’opportunità di crescita particolarmente interessante, tramite la continua espansione geografica sia sui mercati emergenti che sviluppati, rafforzando le capacità di distribuzione attraverso i canali retail, wholesale e online. In precedenza, gli investimenti di Palamon nel segmento dello specialty retail hanno incluso tra gli altri: Dress-for-Less, famoso outlet tedesco di moda online, e feelunique.com, uno dei più importanti portali inglesi per la vendita di prodotti cosmetici via web.Wanny di Filippo resterà Presidente, nonché membro del Consiglio e responsabile del design delle future collezioni. Giuseppe Bonfiglio, nuovo arrivato, assumerà la carica di Amministratore Delegato. Bonfiglio ha già maturato una solida esperienza alla guida di diversi marchi internazionali della moda e del lusso, prima in Bottega Veneta e più di recente nel ruolo di Ceo presso Harry’s of London, l’esclusiva maison britannica che confeziona calzature di pregio.Commentando l’investimento, Fabio Massimo Giuseppetti, partner di Palamon, ha dichiarato: “Siamo felici d’iniziare questa promettente collaborazione con Wanny di Filippo, in una società che poggia su antiche tradizioni, solide competenze artigianali e un marchio riconosciuto a livello internazionale”.Wanny di Filippo ha aggiunto: “Sono soddisfatto di avere trovato in Palamon un partner non solo finanziario ma anche strategico, con cui condividere la mia visione sul futuro del marchio. La comprensione dei punti di forza dell’attività, oltre alla capacità di estendere i nostri prodotti a un più ampio ventaglio di consumatori internazionali, pur rimanendo fedeli alle radici toscane della lavorazione artigianale della pelle, mi hanno convinto che Palamon potrà contribuire in misura determinante al nostro continuo successo”. Il Bisonte è il 35° investimento di Palamon dalla sua costituzione nel 1999. Fino a oggi la società ha investito quasi 1,1 miliardi di euro in società mid-market in 10 paesi europei, con focus sulla crescita quale driver principale di creazione del valore.

Posted in Cronaca/News, Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Il Marat/Sade di Nanni Garella, con Laura Marinoni e gli attori di Arte e Salute, protagonista a Pechino, dal 20 al 22 giugno, del prestigioso Beijing Nanluoguxiang Performing Arts Festival

Posted by fidest press agency su giovedì, 18 giugno 2015

pechinoPechino. il Marat/Sade di Nanni Garella, con Laura Marinoni e gli attori di Arte e Salute, sarà protagonista a Pechino, dal 20 al 22 giugno, del prestigioso Beijing Nanluoguxiang Performing Arts Festival. La sesta edizione di questo festival internazionale di teatro, organizzato dal Teatro Penghao e sostenuto dal Comitato Culturale del Distretto di Dongcheng, si svolge dal 27 maggio al 2 agosto e vede la partecipazione di 13 formazioni provenienti da 10 diversi paesi, realizzando un confronto tra tradizione e avanguardia, sperimentazione drammaturgica e teatro visivo e forme non convenzionali di relazioni tra scena e spettatori.
Per Emilia Romagna Teatro Fondazione, che ha portato al Festival anche Enrico V e Barboni di Pippo Delbono, la presenza a Pechino anticipa il debutto, il prossimo ottobre, del Faust di Anna Peschke, importante progetto di coproduzione che vede ERT impegnato insieme alla China National Peking Opera Company.La persecuzione e l’assassinio di Jean-Paul Marat rappresentati dagli internati dell’ospedale di Charenton sotto la guida del Marchese di Sade è una produzione di Emilia Romagna Teatro Fondazione con Arte e Salute onlus, Associazione nata quindici anni fa all’interno dell’Arena del Sole, con lo scopo di coniugare lavoro artistico e attività terapeutiche nel campo della salute mentale, attraverso un progetto realizzato in collaborazione con la Regione Emilia-Romagna e il Dipartimento di Salute Mentale dell’Azienda USL di Bologna. Lo spettacolo si avvale anche del sostegno della Cooperativa Sociale Ambra.
Lo spettacolo di Nanni Garella, che ha debuttato lo scorso autunno, riprende il classico dell’avanguardia teatrale del secondo Novecento firmato da Peter Weiss, comunemente abbreviato in Marat/Sade, reso celebre dalla storica messinscena di Peter Brook nel 1967. Sul palco, assieme agli attori di Arte e Salute, lo stesso Garella e una delle più sensibili attrici italiane, Laura Marinoni. Nella pièce, Vita e morte di Marat sono messi in scena, tredici anni dopo la fatale coltellata di Charlotte Corday, dagli internati del manicomio di Charenton, nei pressi di Parigi, dove Sade venne realmente rinchiuso tra il 1801 e il 1814 e che qui lo vede regista della pièce stessa.
Azienda USL di Bologna. Il suo territorio comprende 46 comuni su un’area di 3.000 chilometri quadrati circa, per una popolazione di oltre 870.000 abitanti (i residenti in Emilia Romagna sono più di 4.400.000). Il bilancio annuale supera i 1.700 milioni di euro (quasi il 22% dei circa 7.800 milioni della sanità della Regione Emilia-Romagna). Al suo interno sono impegnati più di 8.200 professionisti, di questi oltre 1.300 sono medici e 4.200 operatori assistenziali.
L’Istituto delle Scienze Neurologiche di Bologna è uno dei quattro IRCCS della Regione. Unico in Italia all’interno di un’Azienda sanitaria, integra assistenza e ricerca. Vi lavorano 463 professionisti, 65 dei quali dipendenti dell’Università di Bologna. Dispone di 113 posti letto, e 20 laboratori di ricerca. L’Istituto riceve annualmente circa 2.500.000 euro, dalla Regione e dal Ministero della Salute, per le attività di ricerca.

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Salute, mutue e fondi

Posted by fidest press agency su giovedì, 18 giugno 2015

Campus biomedical TrigoriaDovrebbe essere il secondo pilastro della sanità. Quello chiamato ad assicurare la popolazione dal rischio di dover affrontare spese insostenibili per i nuovi e super costosi farmaci, la chirurgia d’avanguardia sempre più robotizzata o, più semplicemente, cure e assistenza a lungo termine per affrontare le poli-cronicità. Un doppio effetto, quello dei costi dell’innovazione sanitaria e dell’invecchiamento della popolazione, che rende sempre meno sostenibile il nostro sistema di welfare sanitario, più che mai bisognoso di una seconda gamba d’appoggio. Oggi ancora esile, ma in rapida crescita. A fornire la prima vera fotografia della sanità integrativa italiana sono i primi dati dell’Osservatorio su Mutue e Fondi sanitari, istituito lo scorso anno da Valore srl. Risultati presentati oggi, nel corso di un incontro sul tema promosso dall’Università Campus Bio-Medico di Roma, con il supporto di Valore srl, società specializzata in servizi a Casse e strutture sanitarie.Al 2014 risultano essere operanti 290 Fondi sanitari integrativi, due terzi dei quali di natura contrattuale, anche se con una copertura sempre più estesa ai familiari dei lavoratori. Un settore ancora molto concentrato, visto che solo 30 Fondi danno copertura a circa la metà degli assistiti.Complessivamente lo scorso anno erano 7 milioni gli italiani iscritti a una Cassa o a un Fondo integrativo. Ma da un punto di vista economico e patrimoniale il secondo pilastro della nostra sanità è ancora tutto da sviluppare. I contributi raccolti sono infatti pari a 2,2 miliardi, a fronte dei circa 110 di spesa sanitaria pubblica e dei 34 sostenuti privatamente dai cittadini. Anche l’importo delle prestazioni erogare è modesto, con poco più di 2 miliardi che coprono appena l’8% della spesa out of pocket, ossia privata. Anche se a questi numeri andrebbero aggiunti i circa 2 miliardi raccolti dalle compagnie assicurative, per forme di copertura del rischio sanitario spesso meno estese di quelle garantite da Casse e Fondi.
“Ma la buona notizia – spiega il Direttore di Valore, Stefano Ronchi – è che la sanità integrativa sta crescendo al ritmo di percentuali a doppia cifra, visto che nel 2014 sono circa una trentina i nuovi Fondi entrati ad operare nel mercato”. “Numeri destinati a crescere ancor più nei prossimi anni, che secondo le nostre previsioni registreranno un vero boom della sanità integrativa”.“Lo sviluppo del secondo pilastro in sanità non è più procrastinabile, se non vorremo trovarci presto di fronte a scelte eticamente insostenibili, come quelle del servizio sanitario britannico che ha recentemente negato la rimborsabilità a un nuovo farmaco antitumorale che garantisce una maggiore sopravvivenza alla malattia, ma è ritenuto troppo costoso”, sostiene il Direttore Generale del Policlinico Universitario Campus Bio-Medico, Gianluca Oricchio. “Per garantire sostenibilità finanziaria al sistema occorrerà anche incentivare ancor più Fondi e Casse, nella consapevolezza che l’attuale deducibilità di 3.615 euro potrebbe non bastare più a fronte di un aumento della contribuzione, invitabile se la copertura assistenziale dovrà essere in futuro più estesa”, ha aggiunto. “Tanto per il primo che per il secondo pilastro – conclude Oricchio – è indispensabile garantire qualità e controllo del rischio clinico, come quelli certificati dalla Joint Commission International che ha recentemente insignito del suo ‘sigillo d’oro’ il Policlinico Universitario Campus Bio-Medico”.Che la qualità delle strutture sanitarie sia ‘fondamentale’ nella scelta su dove curarsi lo dicono del resto il 68% degli assistiti e il 50% dei Fondi, interpellati da un sondaggio di Promo Inside, che indica in “apparecchiature mediche d’avanguardia”, “cortesia e professionalità del personale” (qui più per gli assistiti che per i Fondi) e nei tempi d’attesa contenuti le discriminanti che fanno “di qualità” una struttura. E, a sorpresa, a fare la differenza sono più la qualità della struttura (per il 49% degli assistiti e il 38% dei Fondi) e la strumentazione all’avanguardia (per il 59% degli assistiti e il 44% dei Fondi), che non la fama del medico quando ci si ricovera (36% degli assistiti, ma 53% dei Fondi) o ci si sottopone a una visita specialistica (per il 38% sia dei Fondi che degli assistiti). Riscontri confermati dalle parole di Joaquin Navarro-Valls, medico e presidente dell’Advisory Board dell’Università Campus Bio-Medico di Roma, che intervenendo nel corso dell’evento ha sottolineato la necessità “di una medicina non tanto centrata sul ‘paziente’, ma piuttosto sulla ‘persona’. Ciò si traduce nel fornire risposte alle specifiche esigenze di ciascun malato. Ecco perché il cuore della medicina di oggi è racchiuso nei concetti di qualità e sicurezza: il paziente deve potersi sentire in ospedale un po’ come a casa propria e, nel contempo, il ’sistema-salute’ deve lavorare per anticipare i suoi bisogni, piuttosto che reagire ad essi, magari in contesti di emergenza. La cura si fa tenendo conto di ciò che il paziente dice, investendo tutto il tempo necessario per l’ascolto delle sue necessità. Più ancora che il denaro, dunque, oggi è il fattore tempo la risorsa numero uno, quella che fa la differenza”.Per gli utenti della sanità, poi, la prevenzione, da sempre ‘cenerentola’ quando si tratta di ripartire le risorse, è invece basilare, con un 91% che giudica importante farla o che la fa regolarmente e un 41% disposto anche a spendere oltre 500 euro. Una prevenzione che larga parte di Fondi e Casse (il 43%) costruisce con percorsi legati all’età e al sesso dell’assistito, mentre il 35% l’articola per percorsi diagnostici. Per il 36% dei Fondi il livello di copertura sanitaria soddisfa “sicuramente” i propri assistiti, per il 61% “abbastanza”. E su questa soddisfazione relativa ci sarà ancora probabilmente da lavorare per contribuire alla crescita del secondo pilastro.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Ospedale amico dei bambini

Posted by fidest press agency su giovedì, 18 giugno 2015

OMSL’Ospedale S. M. Annunziata di Ponte a Niccheri è stato confermato da OMS e UNICEF “Ospedale amico dei bambini”. La cerimonia per la consegna della pergamena con la riconferma si è svolta oggi alla presenza di Francesca Ciraolo, direttrice sanitaria dell’ospedale, Marco Pezzati, direttore del Dipartimento materno-infantile, Arianna Maggiali, direttrice dell’ostetricia aziendale, Maristella Mencucci, direttore dell’assistenza infermieristica Sud Est, Elena Nerozzi, responsabile assistenza infermieristica di Ponte a Niccheri, Giacomo Guerrera, presidente del Comitato italiano per l’UNICEF, Rosella Di Bella, Presidente del Comitato UNICEF di Firenze, e Elise Chapin, responsabile del programma Insieme per l’allattamento del Comitato italiano per l’UNICEF.
A descrivere il percorso di formazione e crescita dell’ospedale fiorentino sono intervenuti durante la cerimonia Alfio Frizzi, direttore di ostetricia–ginecologia, Isabella Mugelli, ostetrica coordinatrice, Gherardo Rapisardi, direttore pediatria e neonatologia e Martina Mastropietro, infermiera coordinatrice.
L’iniziativa internazionale “Baby Friendly Hospital – Ospedale Amico dei Bambini” è stata lanciata nel 1991 dall’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) e dal Fondo delle Nazioni Unite per l’Infanzia (UNICEF) per assicurare che tutti gli ospedali accolgano nel miglior modo possibile i bambini neonati e che divengano centri di sostegno per l’allattamento materno. Un Ospedale Amico compie una trasformazione dell’assistenza a mamme e bambini nel proprio punto nascita, applicando i “Dieci passi per la promozione, la protezione ed il sostegno dell’allattamento materno”. Questo significa migliorare le pratiche assistenziali rendendo protagonisti i genitori e sostenendoli nelle scelte per l’alimentazione e le cure dei propri bambini.
È infatti dal marzo 2008 che l’OSMA ha ricevuto il titolo di Baby Friendly Hospital, uno dei 7 ospedali BFH in Toscana, regione all’avanguardia in Italia in questo campo. L’Azienda sanitaria di Firenze ne ha 2 riconosciuti: l’ospedale dell’Annunziata e quello del Mugello, mentre il S. Giovanni di Dio ha superato la prima delle 3 fasi previste del percorso.
Dal lancio dell’iniziativa ad oggi, l’UNICEF stima che gli ospedali riconosciuti nel mondo siano più di ventitremila sparsi in oltre 150 paesi. In Italia sono attualmente riconosciuti 22 ospedali che, con le 5 Comunità Amiche dei Bambini e al Corso di Laurea Amico dell’Allattamento, formano il programma UNICEF: Insieme per l’Allattamento.
Promuovere, proteggere e sostenere l’allattamento materno è un obiettivo di salute che deve impegnare le strutture e gli operatori sanitari, ma sempre di più coinvolgere l’intero tessuto sociale, famiglie, gruppi di volontariato, il mondo dell’istruzione e dell’informazione, i soggetti politici e l’intera comunità.

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

“Globalization and new socio-political trends”

Posted by fidest press agency su giovedì, 18 giugno 2015

Domus-SessorianaRoma 19 e il 20 giugno alla Domus Sessoriana piazza S. Croce in Gerusalemme 10, ingresso solo su invito, aperto ai giornalisti. All’evento – organizzato da Link Campus in collaborazione con l’International Sociological Association – Research Committee Sociotechnics and Sociological practice e con l’Associazione Italiana di Sociologia – Sezione di Sociologia Politica – partecipano esponenti politici e studiosi di fama internazionale. Quattro le sessioni previste dalla due giorni, oltre alla tavola rotonda “Politics in Times of Crisis: globalization and new socio-political trends” (10:30 -13:00, interventi in lingua italiana), che aprirà i lavori con Arianna Montanari (Università La Sapienza di Roma, presidente Associazione Italiana di Sociologia – Sezione di Sociologia Politica); Flaminia Saccà (presidente International Sociological Association – Research Committee Sociotechnics and Sociological practice); Matteo Orfini, deputato e presidente del Partito Democratico; Marcello Pittella, presidente della Regione Basilicata; Deborah Bergamini, deputata e responsabile comunicazione di Forza Italia; Alessandro Cattaneo, responsabile formazione di Forza Italia; Angelo Tofalo, deputato M5S.
Il 19 giugno le sessioni si aprono con un focus sulla politica e la società che cambia (ore 15.00) per approfondire poi il tema delle nuove sfide per una governance democratica (ore 17:30) mentre sabato 20 giugno si parlerà di “società civile, nuovi movimenti e nuove forme di partecipazione” (ore 9:00) per chiudere la giornata con “legalità, corruzione e rinnovamento politico” (ore 11:15). Tra gli interventi previsti nelle quattro sessioni: Gloria Pirzio (Professore Emerito, Link Campus University); Antonio Costabile (Università della Calabria); Roberto Segatori (Università di Perugia); Raffaele De Mucci (Università Luiss Guido Carli); Carlo Ruzza (Università di Trento); George Tsobanoglou (Aegean University, Grecia); Nikita Pokrovsky (presidente della Professional Sociologist Association, Russia); Nataliya Velikaya (Russian State University for the Humaties); Judith Tanur (Distinguished Professor Emerita, State University of New York).L’evento – in lingua inglese (ad eccezione della tavola rotonda, in lingua italiana) – si inserisce nell’ambito della scuola internazionale di politica “Socio-political crisis and new governance challenges”, organizzata da Link Campus University e diretta dalla professoressa Flaminia Saccà (presidente International Sociological Association – Research Committee Sociotechnics and Sociological practice), per discutere dei cambiamenti economici e sociali apportati dalla globalizzazione ma anche delle loro ricadute sui partiti politici e sull’operato delle istituzioni democratiche. Per info: http://www.unilink.it
La Link Campus University di Roma è un’università dall’impronta internazionale, fortemente orientata all’innovazione, basata su un modello didattico che favorisce il lavoro e il placement: l’85% dei suoi studenti trova occupazione in Italia e all’estero nei primi 6 mesi dopo il conseguimento del titolo di studio. Obiettivo della Link Campus University è offrire competenze trasversali per preparare professionisti in grado di rispondere alle richieste di un mercato del lavoro globale e in continua evoluzione. Formazione internazionale (in lingua e in collegamento con Università straniere, per favorire il conseguimento del doppio titolo accademico), integrata (fra Università e aziende, con stage, semestri di studio, esperienze lavorative anche all’estero) e su misura (con classi di 25-30 persone) sono i punti di forza dell’Università, la cui offerta formativa spazia dalla Laurea in Comunicazione digitale al DAMS, da Scienze della Politica e dei Rapporti Internazionali a Economia aziendale e Giurisprudenza, all’offerta postgraduate.

Posted in Cronaca/News, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Sanità digitale

Posted by fidest press agency su giovedì, 18 giugno 2015

sanità-digitaleIncertezze sulle modalità e sui livelli di rimborso delle prestazioni in telemedicina, dubbi sul fronte regolatorio e ancora una pletora di perplessità di carattere etico, molte delle quali sottolineate la scorsa settimana anche dal Comitato Nazionale di Bioetica. Sono gli ostacoli che ancora impediscono alla sanità digitale di spiccare il volo, nonostante le tecnologie siano sempre più precise e sofisticate, e benché la maggioranza degli Opinion Leader di settore ravvisi nella mobile health un’opportunità imperdibile per il mondo della salute: a vantaggio dei pazienti, ma anche per la sostenibilità del Servizio sanitario.È la fotografia della sanità digitale emersa ieri dall’Italian Digital Health Summit di AboutPharma, che si è svolto a Milano con la collaborazione di Iab Italia e il patrocinio del Ministero della Salute.Nello scenario della Digital Health, che anche quest’anno si è fermata per un giorno a riflettere su se stessa, spicca ancora una volta il divario fra un trend in crescita esponenziale – che riguarda soprattutto il numero di servizi e di utenti della mobile health – e lo stallo del quadro normativo, organizzativo e regolatorio. Si stima infatti che entro il 2018 avremo in tutto il mondo 1,7 miliardi di utenti di app per la salute, ma la strutturazione organica di questa “sanità parallela” sembra ancora un obiettivo lontano.Le questioni relative alla sicurezza di applicazioni che assomigliano sempre di più a veri e propri dispositivi medici, al consenso informato, alla privacy e al trattamento aggregato di dati sensibili, ma anche i dubbi sulla vulnerabilità dei sistemi di sicurezza delle nuove tecnologie e sull’opportunità di favorire una maggiore auto-gestione della salute, smaterializzando il rapporto medico-paziente, rimangono problemi urgenti e tuttora irrisolti. Sottendono interrogativi di natura etica e giuridica, che si sommano al grande tema dell’organizzazione e del meccanismo di finanziamento della sanità digitale: in tal senso – è emerso chiaramente nel corso del Digital Summit – il sistema dei DRG regionali non sembra poter dare risposte soddisfacenti.“La sanità digitale si sta rivelando una grande forza di trasformazione ‘dal basso’ – ha commentato Stefania Ambra, CEO di HPS-AboutPharma –. L’ampia offerta degli sviluppatori di tecnologie e l’enorme gradimento che sta incontrando, da parte dei consumatori e dei pazienti, rappresentano per i decision maker in Sanità, e per il sistema nel suo complesso, un’opportunità imperdibile. Occasione che tuttavia, come spesso accade in questi casi, si manifesta in un primo momento come spinta creativa destrutturata, da comprendere a fondo, regolamentare e incanalare nella giusta direzione. Per questo siamo orgogliosi, come casa editrice e come autentica ‘agorà’ della sanità italiana, di aver promosso dall’inizio, attraverso il nostro Italian Digital Health Summit, questo processo di confronto e di riflessione comune. Con gli AboutPharma Digital Awards 2015, puntiamo a suggerire spunti ulteriori e un approccio critico olistico al già ricco dibattito sulla sanità digitale”.
Come da tradizione, infatti, gli AboutPharma Digital Awards 2015 sono stati presentati nel corso del Digital Summit di ieri: tutte le novità dell’edizione di quest’anno mirano proprio a far sì che le promesse della sanità digitale si realizzino rapidamente all’interno del sistema sanitario.Per prendere il largo e per superare gli ostacoli che ancora la rallentano, la salute digitale non può limitarsi ad attendere imprimatur e agevolazioni dall’alto: deve essere in grado di incidere concretamente sulla qualità di vita dei pazienti, sull’attività quotidiana dei clinici e sulle decisioni strategiche dei responsabili della programmazione sanitaria. Per questo gli AboutPharma Digital Awards 2015 lanciano una nuova sfida a tutti partecipanti: Time to impact! Un imperativo, ma anche un incoraggiamento, che costituiscono anche il nuovo pay-off del Premio. I giurati saranno infatti chiamati a valutare i progetti in gara in base all’effettiva capacità di impattare su: Quality of life dei pazienti, Effectiveness dell’azione dei clinici ed Efficiency del sistema sanitario nel suo complesso. Ma poiché un’idea geniale da sola non basta per provare a cambiare la realtà – e anche la perizia tecnica è indispensabile per la creazione di progetti digitali davvero efficaci – gli AboutPharma Digital Awards 2015 prevedono la presenza di una giuria aggiuntiva di 5 esperti, che valuteranno tutte le iniziative digitali in gara sulla base dei parametri dell’usabilità e del livello d’innovazione tecnologica.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Delega fiscale in materia di giochi

Posted by fidest press agency su giovedì, 18 giugno 2015

scommessesullosportAUMENTO PRELIEVO SUI GIOCHI – «A decorrere dal 1° luglio 2015, i giochi saranno sottoposti a imposta mediante un prelievo erariale unico» sulla base imponibile, costituita «dalla differenza tra le somme giocate e le vincite corrisposte»: in particolare la misura massima del prelievo sarà pari al 60% per le slot machine, al 50% per le VLT, al 20% per le scommesse e i giochi a distanza e al 42% per il bingo.
PRELIEVO SUL LOTTO E TASSA SULLA FORTUNA – La bozza del decreto specifica anche che «sull’importo delle vincite fino a euro 500 conseguite dai giochi del lotto è dovuta una imposta sostitutiva di qualsiasi altro prelievo, anche tributario, nella misura del 6%». Confermato l’innalzamento della “Win tax” all’8 per cento per Videolotteries, Lotto, SuperEnalotto e Gratta e Vinci.
GAMING HALL – L’offerta di gioco tramite slot, VLT, scommesse e bingo è consentita solo nelle gaming hall, «esercizi che operano sotto responsabilità del concessionario, limitati ai maggiorenni, con una superficie non inferiore a 50 metri quadri. L’installazione delle slot machine «è consentita in misura pari a un apparecchio ogni sette metri, se l’esercizio dispone di uno spazio appositamente separato e limitato ai maggiorenni.
CAMPAGNE INFORMATIVE – I concessionari dei giochi pubblici – si legge nella bozza – impiegheranno annualmente «una somma pari all’0,5% (non più lo 0,1% come stabilito in precedenza, ndr) della raccolta per campagne informative, ovvero per iniziative di comunicazione responsabile».
APERTURA DEL PALINSESTO – A partire dal 1 gennaio 2016 – si legge nel testo – saranno individuate «le tipologie di eventi sui quali in Italia non è consentito scommettere ed introdotte disposizioni per consentire direttamente da parte di concessionari per la raccolta di scommesse a quota fissa, previo nulla osta da parte dell’Agenzia, la formazione e gestione del palinsesto degli eventi sui quali gli stessi accettano le scommesse, nonché, direttamente da parte dei concessionari, la determinazione delle quote di scommessa e la certificazione dei risultati degli eventi che determinano le vincite».
SCOMPARE L’AUTORIZZAZIONE DI POLIZIA – Una delle novità contenute nell’ultima bozza del decreto è la soppressione dell’articolo 88 del Testo Unico di Pubblica Sicurezza, che prevedeva il rilascio dell’autorizzazione di polizia da parte della Questure soltanto per chi aveva la concessione ministeriale. «L’esercizio dell’attività di offerta dei giochi pubblici – si legge nel testo – presuppone il conseguimento della concessione rilasciata dall’Agenzia, nonché di una apposita autorizzazione rilasciata dalla stessa Agenzia agli operatori autorizzati». Questa nuova autorizzazione non potrà essere rilasciata ai soggetti che non siano in possesso dei requisiti soggettivi previsti dagli articoli 11, 12, 92 e 131 del Tulps (condanne superiori a tre anni, ammonizioni sicurezza, condanne per reati contro moralità, gioco azzardo, alcolismo) e dalla normativa antimafia e per il rilascio di tale autorizzazione «l’Agenzia chiede al questore competente per territorio un nulla-osta attestante la sussistenza dei requisiti» e «l’adeguatezza dei locali utilizzati sotto l’esclusivo profilo della sicurezza pubblica». In questo modo l’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli diventa, così, uno «sportello unico» e trasmette «la richiesta del nulla osta» alla questura competente «con modalità informatiche». Il questore rilascia il nulla osta trasmettendolo alla Agenzia «con modalità informatiche nel termine di sessanta giorni e, in caso di diniego, ne dà comunicazione anche all’interessato». «Qualora accerti il venir meno di taluno dei requisiti soggettivi richiesti per il rilascio del nulla osta», il questore può revocare i «provvedimenti di sua competenza, dandone comunicazione all’Agenzia, che dispone la revoca della propria autorizzazione».
OSSERVATORIO – «Al fine del monitoraggio della dipendenza dal gioco e dell’efficacia delle azioni di cura e di prevenzione intraprese», l’osservatorio istituito dal decreto Balduzzi «è trasferito al Ministero della salute». Inoltre un decreto interministeriale del Ministro della salute e del Ministro dell’economia e delle finanze rideterminerà «la composizione dell’osservatorio, assicurando la presenza di esperti in materia, di rappresentanti delle regioni e degli enti locali, nonché delle associazioni operanti nel settore, nell’ambito delle risorse umane, strumentali e finanziarie disponibili a legislazione vigente e, comunque, senza nuovi o maggiori oneri per la finanza pubblica».
VINCITE ALL’ESTERO – La bozza del decreto giochi della delega conferma la sentenza della Corte di Giustizia Europea sulle vincite corrisposte da case da gioco autorizzate negli Stati membri dell’Unione europea che «non concorrono a formare il reddito per l’intero ammontare percepito nel periodo di imposta». Via libera quindi ai giocatori professionisti di poker, che possono partecipare a tornei internazionali senza il timore di azioni fiscali dell’Agenzia delle Entrate.
RAPPORTO STATO ED ENTI LOCALI – La bozza del decreto specifica che, «nell’esercizio delle loro potestà normative ed amministrative, le Regioni e i Comuni conformano i rispettivi ordinamenti alle disposizioni del presente decreto che costituiscono disposizioni di coordinamento nazionale in materia di gioco, in particolare per i profili dell’ordine pubblico e della sicurezza, astenendosi dall’introdurre misure o assumere azioni idonee a vanificare l’unitarietà del quadro regolatorio nazionale di fonte primaria in materia di giochi pubblici».
PUBBLICITA’ – Il decreto vieta «la pubblicità di marchi e prodotti di giochi con vincite in denaro riferibili a soggetti non concessionari». La comunicazione commerciale dei giochi non deve, in particolare, «incoraggiare il gioco eccessivo o incontrollato, negare che il gioco possa comportare dei rischi, presentare o suggerire che il gioco sia un modo per risolvere problemi finanziari o personali, rivolgersi o fare riferimento, anche indiretto, ai minori, indurre a confondere la facilità del gioco con la facilità della vincita». La pubblicità del gioco, infine, rimane comunque vietata sui canali televisivi dedicati ai ragazzi e durante i programmi destinati ai minori, e nella fascia oraria tra le 16 e le 19, fatta eccezione per le trasmissioni sportive o di eventi sportivi a rilevanza nazionale o internazionale.
CRISI DEL CONCESSIONARIO – In caso di interruzione anticipata delle concessioni di gioco per le slot, la società può continuare ad operare per 90 giorni, mentre per lo stesso periodo di tempo le altre società concessionarie possono esercitare opzione di subentro.
TRACCIABILITA’ DEI FLUSSI – Al fine di assicurare la tracciabilità dei flussi finanziari, finalizzata a prevenire infiltrazioni criminali e il riciclaggio di denaro di provenienza illecita, i concessionari «sono obbligati a tracciare tutti i riversamenti derivanti dalla raccolta dalle giocate e ai compensi spettanti ai soggetti operanti nella propria rete di raccolta. Tale obbligo non comprende i pagamenti delle vincite o dei rimborsi né i riversamenti a favore dello Stato o dell’Agenzia per pagamenti di imposte, tasse o utili erariali».
CONTRASTO ALLA LUDOPATIA – La bozza del decreto prevede l’istituzione della “Consulta permanente” dei rappresentanti governativi, regionali e degli enti locali, dei rappresentanti degli organismi organizzati del settore del gioco, nonché dei rappresentanti delle associazioni rappresentative delle famiglie e dei giovani per la individuazione e il costante aggiornamento di misure e interventi, comunitariamente compatibili, volti al contrasto del gioco online su siti “.com”.
RESTYLING SUPERENALOTTO E SCOMMESSE IPPICHE – Per «preservare lo svolgimento dei giochi e di salvaguardare i valori delle relative concessioni, oltre che garantire una equilibrata concorrenza fra i concessionari», la bozza del decreto prevede «l’adozione di ogni misura utile di sostegno dell’offerta di gioco» per quei giochi che hanno subìto «una perdita di raccolta e di gettito erariale, nell’arco dell’ultimo triennio, non inferiore al 15 per cento all’anno». Nello specifico i giochi chiamati in causa sono Superenalotto e scommesse ippiche che, negli ultimi tre anni hanno registrato perdite a due cifre.
LEGA IPPICA – La bozza del decreto prevede, infine, l’istituzione della Lega Ippica e i requisiti necessari per l’iscrizione per allevatori, proprietari e società di gestione degli ippodromi, oltre ai principi fondamentali dello statuto. La Lega Ippica dovrebbe provvedere alla definizione del calendario degli avvenimenti ippici, alla gestione del fondo annuale di dotazione per lo sviluppo e la promozione del settore ippico, alla erogazione agli aventi diritto dei premi delle corse, alla gestione delle banche dati relative ai cavalli, alla regolarità delle corse, ai rapporti con i concessionari e con gli organismi ippici internazionali. (Fonte Agipronews)

Posted in Diritti/Human rights, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Ail centro di eccellenza ematologica

Posted by fidest press agency su giovedì, 18 giugno 2015

ailIl 21 giugno 2015 si celebra la Giornata Nazionale contro Leucemie, Linfomi e Mieloma. Per l’intera giornata di venerdì 19 giugno sarà attivo uno Speciale Numero Verde AIL – Problemi Ematologici 800.22.65.24, al quale sette illustri ematologi risponderanno per offrire a tutti coloro che chiameranno consigli sulla malattia e sui centri di terapia di tutto il territorio nazionale. Appuntamento centrale della Giornata sarà, anche quest’anno, “…Sognando Itaca”, un lungo viaggio solidale in barca a vela nel Mar Adriatico e nel Mar Tirreno in programma dal 23 maggio al 20 giugno. L’iniziativa ha lo scopo di promuovere la vela come metodo terapeutico volto alla riabilitazione psicologica e al miglioramento della qualità della vita dei pazienti.
L’AIL, costituita a Roma l’8/04/1969 e riconosciuta con Decreto del Presidente della Repubblica n. 481 del 19/09/1975 opera sul territorio nazionale grazie all’attività di 81 Sezioni provinciali che collaborano in stretto rapporto con i Centri di Ematologia. Il ruolo fondamentale dell’AIL è l’attività svolta in collaborazione con le strutture pubbliche, sia universitarie che ospedaliere, a favore dei malati. L’organizzazione si basa sull’autonomia delle singole sedi provinciali e sul principio che i fondi siano spesi, nel più limpido dei modi, là dove sono raccolti e per gli obiettivi che di volta in volta vengono proposti: ricerca scientifica, assistenza sanitaria, formazione del personale. L’AIL infatti: Finanzia ricerche sulle leucemie, i linfomi, il mieloma e le altre malattie del sangue. Finanzia il GIMEMA (Gruppo Italiano Malattie EMatologiche dell’Adulto), un gruppo cooperativo no-profit composto da oltre 150 Centri di Ematologia presenti su tutto il territorio nazionale, che opera con l’obiettivo di identificare e divulgare i migliori standard diagnostici e terapeutici. Ha organizzato, presso molti Centri di Ematologia, il Servizio di Assistenza Domiciliare che consente di evitare il ricovero in ospedale a tutti i pazienti che possono essere curati presso la propria abitazione. Attualmente sono 53 le Sezioni che offrono questo servizio. Assiste i pazienti e i loro familiari.
Collabora al sostentamento e al funzionamento dei Centri di Ematologia e di Trapianto di cellule staminali e alla realizzazione e ristrutturazione di Laboratori di ricerca e di Unità assistenziali attraverso l’acquisto di apparecchiature ad alta tecnologia e di farmaci non disponibili.
Realizza “Case Alloggio” (Case AIL), situate nei pressi dei Centri ematologici italiani, per permettere ai pazienti che vivono lontano di affrontare i lunghi periodi di cura assistiti dai familiari. Attualmente, grazie all’impegno dell’AIL, sono 33 le provincie italiane che ospitano questo servizio.
Promuove la formazione e l’aggiornamento professionale di medici, biologi, infermieri e tecnici di laboratorio. Negli ultimi anni, i progressi straordinari della ricerca scientifica e terapie sempre più efficaci – compreso il trapianto di cellule staminali – hanno reso leucemie, linfomi e mieloma sempre più curabili. Ma questo risultato non è sufficiente: il nostro obiettivo è curare al meglio tutti i pazienti aumentando non solo la durata, ma anche la qualità della vita e la percentuale di guarigioni.

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Alberto Cerqui determinato a dare una svolta alla stagione al Paul Ricard

Posted by fidest press agency su giovedì, 18 giugno 2015

cerquiIl round francese potrebbe rappresentare per Alberto Cerqui la possibilità di esprimere finalmente il suo reale potenziale dopo un avvio di campionato in parte travagliato, che lo ha visto andare a punti sia a Monza che a Silverstone, senza però riuscire a salire sul podio. Nelle ultime settimane il pilota bresciano e gli uomini del team Imperiale racing hanno lavorato a fondo sulla Lamborghini Huracan numero 6, preparandola al meglio per i lunghi rettifili e i tratti veloci di Le Castellet. Alberto Cerqui: “La scorsa settimana sono stato impegnato in due giorni di test a Vallelunga che si sono rivelati decisamente produttivi. Nel primo ho lavorato per la prima volta sulla Huracan GT3 nell’ambito del Lamborghini GT3 junior program: è una macchina incredibile, con una cerqui1percorrenza di curva impressionante che consente di staccare veramente avanti. Nel secondo giorno mi sono invece concentrato sulla Super Trofeo insieme al mio compagno di equipaggio Giacomo Barri: Sono fiducioso di aver trovato un buon setup per il Paul Ricard, una pista che piace ad entrambi e dove possiamo provare a dare una svolta alla stagione. Avevamo programmato anche di andare alla ricerca del tempo con gomma nuova nel tardo pomeriggio, ma un curioso problema al motore ha modificato i nostri piani. Nulla di grave, meglio sia emerso in un test piuttosto che in gara.” Il programma dell’evento prevede due turni di prove libere venerdì, seguiti sabato mattina dalle prove ufficiali (09.15). Gara uno seguirà nel pomeriggio alle 14.30, mentre la seconda corsa prenderà il via domenica alle 10.50. In Italia le due gare saranno trasmesse in diretta da Nuvolari. (foto cerqui)

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »